PROGETTO DI INTERVENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DI INTERVENTO"

Transcript

1 PROGETTO DI INTERVENTO manutenere quarto

2 L ANALISI DEL BISOGNO Disabili fisici e psichici Si parte dalla necessità di porre molta attenzione all analisi dei bisogni del proprio territorio di riferimento. Alcuni dati e alcune rilevazioni, permettono di quantificare le dimensioni del bisogno legato alla disabilità. Il fenomeno della disabilità, in generale, sfugge ad una precisa quantificazione dal momento che non esistono rilevazioni generali e sistematiche sul numero, sulle cause e la distribuzione territoriale; quello che si può trovare è una vasta documentazione descrittiva sui disabili segmentati in una molteplicità di gruppi distinti, oppure informazioni inerenti l offerta di prestazioni economiche (assistenziali e previdenziali) connesse all appartenenza degli assistiti a una delle numerose categorie giuridiche in cui si frammenta il mondo dell invalidità tutelata. Riguardo al Comune di Milano, il numero stimato di disabili presenti è intorno alle persone, mentre le famiglie con disabili sono circa Mediamente, il Sistema Anffas serve a Milano circa 800 disabili intellettivi all anno, sostenendo parallelamente le loro famiglie: Anffas, pertanto, attraverso i servizi oggi gestiti dalle cooperative socie del Consorzio S.IR, copre annualmente circa il 6% del fabbisogno relativo alla disabilità in generale. Il problema dell inserimento lavorativo dei disabili al lavoro è stato recentemente preso in considerazione dal legislatore con l entrata in vigore della Legge 68/99, riformando così la Legge 482/68 giudicata ormai inadeguata. La legge 68/99 deve essere ancora compiutamente applicata e circa 2000 disabili risultano ancora iscritti nelle liste del collocamento. Grazie ad anni di ricerca ed analisi del problema, siamo oggi convinti che le difficoltà occupazionali dei lavoratori con problematiche di natura fisica o psichica, vadano ricondotte essenzialmente all interagire di due fenomeni: da un alto, la carenza di informazioni sulle reali abilità di questi lavoratori, sulla loro effettiva produttività e sulle condizioni necessarie affinché essi possano divenire pienamente produttivi, dall altro, la presenza di vincoli 2

3 istituzionali e sociali che fanno sì che i benefici dell inserimento lavorativo ricadano soprattutto sui soggetti svantaggiati e sulla società in generale, mentre i costi e i rischi restino in prevalenza a carico delle imprese. E di fronte a una tale situazione che ci si deve collocare per realizzare una una politica di risposta al bisogno che vede: a) la produzione delle risorse per sostenere i costi dell attività produttiva attraverso la vendita dei servizi di pulizia, tinteggiatura, trasloco, ecc; b) la formazione al lavoro e sul lavoro dei lavoratori svantaggiati. Quest ultima diviene tanto più costosa, quanto più i lavoratori provengono da situazioni di emarginazione (e quindi sono meno produttivi e più bisognosi di formazione) e tanto più elevato è il turn-over. Poiché il prodotto formazione sul lavoro non ha un prezzo di mercato, è evidente che è assai difficile realizzare un equilibrio stabile tra costi e ricavi, a meno che non si possa contare su elevati margini sul primo tipo di prodotto (utilizzabile per finanziare il secondo) o su flussi di risorse gratuite (volontariato, donazioni). E in questo contesto che si collocano tanto il Centro di Formazione Professionale Anffas, quanto l Agenzia Mediazione al Lavoro Anffas, in grado di supportare da una parte il rafforzamento delle competenze professionali specifiche sia degli operatori che dei soggetti in inserimento (attraverso la formazione dei tutor, dei responsabili sociali, degli svantaggiati), tanto di rafforzare l autonomia operativa delle cooperative in riferimento alle fasi del rapporto con le persone svantaggiate, fasi di entrata, permanenza e uscita (attraverso interventi di indirizzo e sostegno). Stranieri Nel corso degli anni novanta la Città di Milano è stata il punto di arrivo di consistenti flussi migratori che l hanno portata ad assumere, all interno della Lombardia e più in generale in Italia, un ruolo di primaria importanza per l entità della popolazione straniera residente e per i processi socioeconomici attualmente in corso. Oggi la Lombardia risulta essere la regione italiana con la maggiore presenza di stranieri. Rispetto a questa situazione, i problemi principali evidenziati rimangono la ricerca di un abitazione, l integrazione socio-culturale e lavorativa. 3

4 Oggi, questa nuova proposta progettuale, vuole creare le basi per aprire anche ad altre categorie di soggetti deboli del mercato del lavoro come possono essere gli immigrati o gli adulti disoccupati, arricchendo così le cooperative di nuove esperienze e rinnovate energie. IL TERRITORIO D INTERVENTO Le attività e le azioni messe in campo condividono una precisa idea di sviluppo che si basa sull incremento del valore prodotto. Ciò significa che la finalità sociale va oltre la produzione del servizio e si spinge fino nell area dove la domanda di queste attività prende forma, ovvero i territori e le comunità che li abitano. Riconosciamo quindi nella comunità milanese (in particolare l area metropolitana) il suo principale stakeholder che ne ispira strategie e attività e rappresenta il punto di riferimento principale per valutarne gli esiti e gli impatti. La sua missione imprenditoriale non si basa esclusivamente sull erogazione di servizi orientati ad implementare le possibilità e la capacità di praticare un buon inserimento lavorativo, ma richiede di maturare una propria autonoma capacità di sviluppare pensiero politico e strategico. Questa esigenza è peraltro rafforzata anche dai recenti mutamenti avvenuti nell ambiente rilevante delle cooperative sociali, dai quali deriva che la capacità di programmazione attraverso il confronto fra soggetti diversi sarà alla base del nuovo sistema di welfare, così come delineato da recenti normative e dai tavoli di zona. Lo stesso progetto attuativo è pensato e realizzato in questi termini. La rete di appartenenza dei partner collabora attivamente al presente progetto, sosterrà lo sviluppo locale secondo le seguenti linee direttrici: una maggiore conoscenza del territorio rispetto al quale raccogliere le esigenze e i bisogni, ma anche le risorse economiche, umane, di legittimazione - necessarie per lo sviluppo e il consolidamento delle cooperative sociali un rafforzamento della cooperazione sociale come soggetto in grado di formulare e implementare politiche di sviluppo nei settori di competenza una aumentata visibilità dei benefici generati dalle cooperative sociali per lo sviluppo delle comunità, oltre che per il benessere delle persone che usufruiscono direttamente dei loro servizi 4

5 Le azioni imprenditoriali di sistema, messe in campo attraverso il progetto e necessarie per realizzare questi obiettivi sono le seguenti. Interpretare la crescita dimensionale del sistema rete non come fine a se stessa, ma come funzionale al sostegno di azioni innovative. Concretamente ciò significa che alcune attività ad alto valore aggiunto possono essere utilizzate per sostenere progetti strategici che per una serie di condizioni di contesto, scelte politiche o per la loro fase di sviluppo non riescono a generare la necessaria redditività. Promuovere un orientamento multi-stakeholder delle cooperative non solo presso i portatori di interesse tradizionali (ad esempio i volontari), ma anche presso istituzioni locali, ad iniziare da quelle di terzo settore, in modo da rafforzare ulteriormente il legame col territorio. Promuovere azioni di sviluppo locale attraverso lo strumento delle cooperative sociali, piegando quest ultimo rispetto alle specifiche esigenze del territorio ove si andrà ad intervenire. Un ulteriore modalità di rilevazione riguarda la soddisfazione degli utenti dei territori rispetto all operato delle cooperative da realizzare attraverso interventi di rilevazione in contesti territoriali ristretti o presso testimoni privilegiati della società milanese. Il territorio oggetto del progetto Urban Il territorio oggetto del progetto Urban è situato nella estrema periferia Nord Ovest del capoluogo. Ha una superficie di 12,05 Km2 (pari al 6,9% dell'intera superficie di Milano) ed una popolazione residente di oltre abitanti (pari al 4% di tutta la popolazione della città). Negli ultimi tre anni, è stato possibile misurare con occhio l aumento dell immigrazione a Quarto Oggiaro. Nonostante ci sia una maggioranza di stranieri di origine albanese, marocchina, egiziana e altro; è più facile notare l aumento dei cinesi nel quartiere, perché con il loro arrivo corrisponde spesso l apertura di una nuova attività lavorativa. Infatti, la concentrazione più alta d imprese cinesi a Milano è proprio in Zona 8 (Quarto Oggiaro, Accursio, Gallaratese, Villapizzone) col 38% del totale. Fino a cinque anni fa, non c era in pratica nessun tipo di esercizio commerciale cinese a Quarto Oggiaro. Due anni dopo 5

6 comparivano già i primi negozi in Via Trilussa e in Via De Roberto; fino ad arrivare a oggi, dove se ne possono contare oltre dieci Profilo socio-economico del territorio Fino alla metà del 900 l'area Urban ha potuto godere della presenza di una ricca industria tessile, chimica e meccanica, facilitata dalla collocazione in prossimità dei principali canali di comunicazione con i mercati europei e dalla presenza di una fitta rete di corsi d'acqua (Garbogera, Nirone ecc.). Successivamente l'area Urban è stata oggetto di un pesante processo di deindustrializzazione che ha portato ad avere una superficie di m2 di aree dismesse, di cui il 71% da bonificare. In altre aree di Milano la crisi delle grandi industrie di fine 800 e inizio 900 ha dapprima coinvolto le piccole e medie imprese subfornitrici ma successivamente, in condizioni favorevoli, ne ha anche stimolato la riconversione e il riposizionamento sul mercato internazionale. La presenza diffusa di piccole e piccolissime imprese sull'intero territorio metropolitano ha dato così vita a distretti virtuali, supportati dallo sviluppo dei servizi avanzati della new economy. Tale processo non ha invece attecchito laddove, come nella zona Urban, ha trovato il "terreno" di difficile accesso, occupato e contaminato, in vaste porzioni, da impianti dismessi obsoleti ed inutilizzabili se non con costi d'investimento esorbitanti. Così la diversificazione funzionale degli edifici residenziali, adatti ad ospitare piccole e piccolissime società di servizi innovativi alle imprese e la diffusione di forme di telelavoro, in atto nel sistema metropolitano, è a sua volta ritardata, nell'area Urban, dalla "povertà" del tessuto di piccole e medie imprese utilizzatrici. A questo si accompagna anche un'emergenza di tipo sociale. In conseguenza del processo di dismissione di vaste aree industriali, ampie aree verdi sono rimaste abbandonate ed esposte agli insediamenti abusivi e alla microcriminalità. 6

7 L'area di intervento del progetto Urban II Milano è ricca di aree dismesse, da recuperare con progetti specifici che siano in grado di trasformarle e di valorizzarle: Via varesina area ex stabilimento La Forgiatura Via Stephenson area ex Sittam Via Stephenson area ex Intonaci terranova Via Stephanson area ex Fonderie e Smalterie Genovesi Via Palazzi area Ex officine Meccaniche Girala caldaie Via Negretto Edificio Agricolo Via Maggianico area ex Scuola Media Via Drago Nuovo centro permanente sicurezza urbana Via Lambruschini Nuova sede triennale Milano Via Lambruschini Area ex saponificio Sirio Via La masa nuova sede Istituto Mario negri Via Gallarate - area ex Fornace dell acqua Via Gallarate area ex Fonderia Pracchi Via Don G. Andreoli area ex Cerretti Tanfani Via Colico Cernobbio area ex Flexa e Tenax Via Candiani area ex Montedison Via Brivio area ex asilo Sul territorio sono presenti 7

8 - 4 imprese edili: Unacoop Cooperativa edilizia; Sercom Spa; Ecograffiti Srl; Bertani Ivano impresa edile; - 2 imprese di manutenzione: Euro Service group LBM Manutenzioni e ristrutturazioni - 2 imprese di tinteggiatura FRZ Società a Responsabilità Limitata Spaggiari Ugo impresa individuale Inoltre nell area operano le seguenti associazioni: Associazione culturale Under Spazio Baluardo (centro aggregazione giovanile) Quarto Oggiaro Vivibile (associazione sportiva, centro aggregazione, altro) Asso.Ge. 20 (Associazione Genitori ex Zona 20) ARCI Itaca (centro aggregazione) Cooperativa Filo di Arianna(Coopearativa sociale Onlus) ACLI Santa Lucia 8

9 Informazione e marketing 9

10 FORME DI COMUNICAZIONE E DI DIFFUSIONE Nella nostra società l informazione ha assunto un importanza sempre maggiore per il volume crescente di scambi di beni immateriali, le informazioni appunto, che acquistano valore di bene economico e strumento strategico di sviluppo. La diffusione delle nuove tecnologie dell informazione sta cambiando i modelli dell economia e del lavoro creando nuove opportunità ma anche nuovi rischi. L accesso alle informazioni ha assunto oggi per i cittadini e le organizzazioni un importanza fondamentale, tale da far nascere il concetto "Società dell Infomazione". In quest ottica, il progetto necessita di una puntuale attività di comunicazione e di diffusione, non solo dell iniziativa in sé, ma anche dei risultati monitorati e valutati in itinere. Siamo consapevoli dell importanza del mercato elettronico: il notevole sviluppo delle reti d'informazione, in particolare di Internet, che gestisce una quota cospicua del flusso di informazione, ci ha spinti a inserirci in questo mercato attraverso la costruzione di un sito dedicato alle cooperative e che realizzeremo grazie al progetto. Grazie a tale evoluzione la comunicazione non solo diventa un'attività commerciale, ma sostiene anche l'interconnessione delle attività economiche. Se in una fase iniziale del progetto, attraverso vari incontri e la distribuzione di materiale informativo, abbiamo provveduto a realizzare operazioni di conoscenza e adesione da parte di tutti i soggetti ad ogni titolo coinvolti nella sua realizzazione, in corso di attuazione prevediamo momenti formali di discussione e autovalutazione delle azioni poste in essere attraverso il progetto. Il semplice incrocio di dati non può portare ad esiti positivi, se non approfondito ed affiancato da un serio programma di intervento, corredato da un serio e costante coordinamento tra cooperative di tipo A e di tipo B, tavoli di discussione e di approfondimento con le ASL, gli Enti locali, le Amministrazioni pubbliche, i Servizi Sociali, ecc. favorito anche dalla costruzione del sito prevista tramite l azione 2. Al termine del progetto, poi, sono previste forme di diffusione dei risultati attraverso la produzione e la stampa di apposito materiale informativo, l organizzazione di un tavolo di confronto con il coinvolgimento delle parti che hanno contribuito alla realizzazione 10

11 del progetto (amministrazioni pubbliche, cooperative, soggetti svantaggiati, finanziatori, associazioni, servizi sociali, imprese del territorio, ecc ). si ritiene, pertanto, che lo sviluppo della Società dell'informazione rappresenti un'opportunità per tutti i cittadini, per tutte le comunità senza tener conto della razza, della posizione sociale, del credo religioso, del sesso e dell'età. In particolare riteniamo che: la costruzione del sito sia fondamentale, non solo per lo sviluppo delle cooperative in termini di marketing e promozione e quindi di un'economia digitale, ma anche per le conseguenze in termini di creazione di posti di lavoro e in generale di miglioramento della qualità di vita e delle condizioni di lavoro dei disabili che esso comporta sia importante usufruire e partecipare alla grande sfida di cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie informatiche un serio e costante coordinamento tra gli attori sociali, la produzione e la stampa di apposito materiale informativo che permetta la diffusione dell informazione sia fondamentale per migliorare la fruizione, la creazione, l'accesso e il consumo di informazioni e servizi sia necessario operare in termini di sensibilizzazione per migliorare il flusso di informazioni, per incoraggiare lo sviluppo, l'implementazione, la collaborazione, l'apprendimento comune; lo scambio di esperienze, programmi, iniziative, progetti ed azioni la previsione al termine del progetto di un tavolo di confronto con il coinvolgimento delle parti che hanno contribuito alla realizzazione del progetto sia fondamentale per migliorare l'efficienza nei rapporti con l'amministrazione pubblica e le imprese sia in termini di qualità che di costo le forme di diffusione dei risultati siano fondamentali per rafforzare la trasparenza, la responsabilità, la partecipazione democratica da parte della società civile e di tutti i cittadini 11

12 L AZIONE I 12

13 MODALITA DI REALIZZAZIONE L Azione 1 si concretizza nella realizzazione dei percorsi di inserimento lavorativo per 4 nuovi soggetti svantaggiati, che si concluderanno, entro il 31/12/2008 con un contratto di assunzione a tempo indeterminato (part-time o a tempo pieno a seconda delle caratteristiche specifiche dei nuovi inserimenti) e la loro ammissione a soci lavoratori delle cooperative. Queste nuove assunzioni sono rese possibili dall esistenza di una serie di contatti già intrapresi nell ambito del settore traslochi e sgomberi di appartamenti che richiedono ora, attraverso una adeguata dotazione strumentale e una apposita formazione dei nuovi assunti, la loro formalizzazione in contratti veri e propri e l avvio dei lavori. Il settore traslochi ha incrementato notevolmente il proprio fatturato soprattutto nell ultimo anno di operatività. Ad oggi, i servizi sono stati resi noleggiando dall esterno gli automezzi necessari, con notevoli costi di gestione e bassissimi margini operativi. In particolare, i contatti intrapresi e lo sviluppo del settore, rendono oggi necessario dotare al struttura di un furgone e di costituire una vera e propria squadra di lavoro formata dai 4 nuovi soggetti svantaggiati, affiancati da un tutor e dal responsabile sociale degli inserimenti, dal caposquadra e dagli operatori cosiddetti normodotati. Particolare attenzione verrà posta alle varie fasi del percorso di inserimento lavorativo, ben dettagliate nei paragrafi successivi. STUDIO DELLA POLITICA DI INSERIMENTO LAVORATIVO DA ADOTTARE NLLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO Grazie a decenni di esperienza sul campo, siamo convinti che il reinserimento sociale delle persone svantaggiate non può che avvenire, alla fine dei singoli percorsi di recupero, attraverso la creazione di un ponte di passaggio tra la fase terapeutica e riabilitativa e una attività lavorativa. La rete di appartenenza delle cooperative, inquadrabile, come sopra evidenziato, nel circuito Anffas, nell Agenzia Mediazione al Lavoro specializzata nell accompagnamento al lavoro di soggetti disabili, nella rete consortile del Consorzio S.IR, nelle cooperative di tipo A impegnate nella fase di recupero dei soggetti disabili, nei collegamenti e nelle collaborazioni stabili con altre organizzazioni del pubblico e del privato 13

14 impegnate nel sociale, sono garanzia e testimonianza concreta della effettiva esistenza di questo ponte di passaggio tra la fase terapeutica e riabilitativa e l attività lavorativa. Siamo pure convinti che l inserimento lavorativo degli svantaggiati non sia il fine, ma il mezzo di produzione della qualità della vita. Infatti, non realizziamo l inserimento lavorativo per far lavorare le persone svantaggiate, ma perché lavorando, molto probabilmente, vivranno meglio, e perché oggi, nella nostra cultura, chi ha un lavoro potenzia le probabilità di avere una buona qualità della vita, che si riducono di molto per coloro che un lavoro non l hanno mai avuto o l hanno perso. Ottenerlo significa realizzare un azione forte ed incisiva che potenzi le probabilità che questa persona raggiunga una buona qualità della vita, una propria indipendenza, ecc. E per far ciò è necessario il più delle volte, intervenire nel delicato momento del reinserimento socioprofessionale, attraverso una rete di sostegno che riduca fortemente il rischio di esclusione sociale e promuova la piena integrazione sociale e lavorativa. L obiettivo dell azione 1, rimane sì quello di favorire l occupazione di un numero sempre maggiore di soggetti svantaggiati, coerentemente con la mission originaria e con le finalità generali della cooperazione sociale, ma percorrendo la strada della promozione dell autonomia, più che quella dell assistenza: dobbiamo dare ove possibile la canna da pesca al posto dei pesci. Questa filosofia di intervento ha accompagnato nel tempo l agire delle cooperative che, nella sua lenta ma costante evoluzione, cerca di coniugare la naturale esigenza di sviluppo con una politica di prudenza e consolidamento; di coniugare la natura imprenditoriale, che presenta connotati di volontarietà, autonomia, rischio e propensione all innovazione, con l obiettivo di offrire possibilità di formazione sul lavoro e occupazione stabile e remunerata a persone svantaggiate. Inoltre, dobbiamo affiancare all obiettivo dell integrazione stabile dei soggetti svantaggiati dentro l impresa con quello dell inserimento temporaneo destinato ad accrescere l occupabilità di questi lavoratori, per favorirne un successivo inserimento in imprese tradizionali. 14

15 Questa visione porta ad un elaborato teorico che trova la sua origine nel quadro della salvaguardia e tutela della persona con disabilità di fronte all esercizio di un diritto, quale è quello del lavoro, cercando di favorire la piena inclusione sociale operando su più livelli: il primo livello interessa la rimozione di tutti gli ostacoli, oggettivi e soggettivi, che limitano la fase di orientamento e formazione professionale delle persone con disabilità. In questa direzione la cooperativa è luogo di accoglienza e sperimentazione di percorsi di tirocinio formativo su segnalazione dei servizi territoriali pubblici e privati. La cooperativa è quindi il luogo dove, attorno al tema lavoro, si concentrano una pluralità di valori: reddito, socialità, dignità, consolidamento dell autostima il secondo livello è relativo alla fase di inserimento vero e proprio all interno dell organico delle cooperative. E la fase del lavoro, sotto le azioni di accompagnamento di un responsabile dell inserimento lavorativo e del responsabile di squadra. Suo il compito di monitorare la fase produttiva nel rispetto delle reali capacità e dimensionando i compiti in modo adeguato e stimolante. Non da meno, il responsabile dell inserimento lavorativo, cura gli aspetti relazionali, facilitando la comunicazione tra tutti i lavoratori impegnati in cooperativa, cura i rapporti con i servizi invianti, con la famiglia o, in sua assenza, con eventuali curatori e/o tutor, con gli enti di formazione per eventuali necessità di aggiornamento e riqualificazione un terzo livello consiste nella fase delicata di accompagnamento verso altre occasioni di lavoro esterne per tutti i lavoratori svantaggiati dotati di maggiori capacità e quindi pronti per un inserimento nel mercato ordinario del lavoro. Questa fase di inserimento evidenzia un livello di maturità delle cooperative che, facilitando un inserimento mirato e mediato, riesce a favorire il processo di inclusione della persona con disabilità nella vita civile e, contemporaneamente, libera occasioni di lavoro maggiormente protette da offrire a soggetti più deboli o ancora in fase di completamento del percorso formativo. IL MODELLO METODOLOGICO DI INTERVENTO A determinare qualità ed efficacia degli interventi di inserimento lavorativo che realizzeremo nel corso di quest anno, sono la progettualità e la valutazione, ossia il poter 15

16 prevedere norme, procedure, prassi e metodologia di riferimento per poi agire i feed-back necessari per permettere i processi di autocorrezione e di autovalidazione. Per perseguire tale scopo dobbiamo mantenere un rapporto costante e produttivo con tutti gli interlocutori del mercato del lavoro. Naturalmente il progetto di inserimento ha senso se individualizzato, differente da persona a persona, poiché la distanza tra universo della disabilità e sistema produttivo è estremamente soggettiva, e non solo in termini quantitativi, ma soprattutto in termini qualitativi (le caratteristiche soggettive e la loro interazione con un determinato mercato del lavoro). Tale distanza non è sempre percorribile e, in questi casi, l integrazione lavorativa può essere non auspicabile per la persona disabile. Si tratta quindi di formulare un percorso individualizzato, finalizzato a rendere il più possibile compatibile la soggettività della persona disabile con l oggettività del sistema produttivo, all interno di un progetto di vita complessivo. Attività preliminari alla stesura del progetto risultano dunque quella di orientamento, di valutazione e di presa in carico del soggetto nonché l eventuale passaggio di documentazione e informazioni da parte del servizio inviante. Si rende poi auspicabile, per la durata di tutto il percorso, la messa in campo di azioni di supporto al lavoro, tutoring e un eventuale periodo formazione in situazione. L utilizzo degli strumenti della mediazione (tirocini formativi, lavorativi, corsi di supporto al lavoro, formazione in situazione) permette un aumento del valore di mercato economico, professionale e sociale del soggetto da inserire, la possibilità di lavorare all interno di spazi condivisi di sperimentazione, un impatto mediato, progressivo e tranquillizzante con il sistema produttivo, dando la possibilità di adattarsi e attrezzarsi gradualmente dinanzi a questa nuova situazione. Il modello operativo utilizzato, si compone di diverse task o pacchetti che hanno la funzione di realizzare parti compiute di intervento. In tutte le fasi di realizzazione del progetto sono previste attività di sensibilizzazione e informazione nei confronti dei soggetti coinvolti. Gli interventi che le cooperative attivano negli diversi ambiti seguono una metodologia che procede per fasi distinte, ciascuna supportata da strumenti e materiali specifici. In tal modo è possibile rilevare e verificare in itinere efficacia e qualità dell intervento, predisponendo un costante monitoraggio su ogni singolo passaggio del 16

17 processo. Un inserimento lavorativo positivo ed efficace si realizza facendo riferimento ad alcuni principi base: l inserimento lavorativo rappresenta la fase conclusiva di un piano di formazione e di orientamento predisposto per ogni soggetto disabile l inserimento lavorativo non si definisce sulla base di criteri esclusivamente economici, ma fa riferimento a valori e benefici indiretti (psicologici e sociali), a risorse lavorative altrimenti inutilizzate l inserimento lavorativo presuppone una fase di conoscenza reciproca tra il soggetto disabile e la cooperativa in modo da favorire l obiettivo qualitativo di una buona occupazione obiettivo dell intervento di inserimento lavorativo è quello di trovare il posto giusto alla persona giusta; si tratta dunque di predisporre interventi centrati sulle abilità e sulle effettive capacità del soggetto in rapporto ad una concreta situazione di lavoro INSERIMENTO LAVORATIVO E INTEGRAZIONE SOCIALE NEL PROGETTO Parlare di inserimento lavorativo disabili significa parlare di due realtà molto diverse e distanti tra loro: l universo soggettivo della persona disabile in inserimento che richiede aiuto e protezione e, contestualmente, il sistema produttivo delle cooperative quale universo altamente oggettivo che richiede efficacia ed efficienza. Gli aspetti critici dei 4 inserimenti che andremo a realizzare, sottendono alla problematica dell inserimento lavorativo e sono in parte connessi all andamento attuale del sistema produttivo; il mercato del lavoro si muove verso nuove tecnologie e professioni e le occasioni di lavoro a basso profilo tendono a scomparire per riapparire come nuove aree di 17

18 sfruttamento, inoltre i cambiamenti organizzativi sono così veloci da essere spesso impercettibili. Un altro tipo di problematiche riguarda direttamente la situazione di disabilità di 3 dei 4 soggetti in inserimento e le difficoltà che in genere l accompagnano (autonomia, relazioni sociali, apprendimento, ecc.). Il processo di relazione tra la persona disabile e il mondo produttivo è un fenomeno complesso, che richiede da parte nostra metodo e rigore, oltre che un approccio teorico che permetta di risolvere questa antinomia. Tramite il progetto ci siamo posti il problema di costruire strumenti e modalità di comunicazione nuovi attraverso l intervento dei servizi preposti. Per questi servizi l avvalersi di un sistema metodologico diventa una condizione fondamentale al fine di realizzare inserimenti positivi per entrambi gli interlocutori (individuo da inserire e azienda ospitante). Nel progettare una metodologia che faciliti e sostenga il soggetto disabile nel suo percorso verso il lavoro, abbiamo tenuto e terremo presente che i problemi di adattamento alle regole organizzative sono spesso accompagnati e potenziati da due elementi: i disabili appartengono a categorie ; le categorie sono dei contenitori all interno dei quali le persone sono forzatamente inserite. Il ruolo sociale di quella persona viene così predeterminato, non dalle sue effettive caratteristiche personali e da come queste interagiscono con il mondo, ma dalla sua appartenenza ad una categoria piuttosto che ad un altra. il valore dei disabili sul mercato del lavoro è basso: per i disabili c è poca spendibilità sul mercato del lavoro in quanto coincidente con bassi contenuti di scolarità e formazione professionale. All interno di questo scenario risulta fondamentale l intervento delle cooperative sociali per accogliere, analizzare e fornire risposte rispetto ai bisogni del disabile e alla sua integrazione sociale. Per quanto riguarda il soggetto disabile, l inserimento nel mercato del lavoro, quando coronato da successo, rappresenta una forte occasione di crescita relazionale e professionale nonché uno straordinario contenitore dell identità; il riconoscimento in un 18

19 ruolo lavorativo implica infatti il riconoscimento di sé come parte attiva e cooperante, e dunque positiva, all interno della comunità. La persona disabile spesso convive con l idea diffusa che la cosiddetta normalità si è costruita su di essa, in virtù di una serie infinita di barriere, soprattutto psicologiche. La stessa idea che porta a pensare che il disabile debba condurre la propria esistenza unicamente nel circuito socio-assistenziale, sotto tutela economica e sociale. Il lavoro è l elemento che più di ogni altro riscatta la condizione della persona disabile in termini di autonomia, di indipendenza economica, di consapevolezza del proprio valore. 19

20 IL PERCORSO DI INSERIMENTO LAVORATIVO: elementi di innovatività La componente svantaggiata della cooperativa Arca di Noè è costituita da persone portatrici di handicap fisico e mentale. La componente svantaggiata della cooperativa Romano Drom è costituita da rom e sinti. La scelta dei settori produttivi è caduta su quello delle pulizie, tinteggiature, traslochi, piccole manutenzioni, portierato e custodia, in quanto non richiedono particolari competenze concettuali ma solo una certa manualità che i lavoratori delle cooperative siano in grado di sviluppare nel corso del tempo grazie alla formazione fornita dagli altri soci, da Anffas, nell ambito delle cooperative di tipo A. La cooperativa di fatto ha impegnato tutta la compagine sociale in una intensa attività di formazione ed integrazione lavorativa di tutti i soci; ciò ha determinato un deliberato approccio prudente con i mercati di riferimento in termini di acquisizione delle commesse. Operativamente il percorso di inserimento lavorativo proposto nel progetto, si sviluppa attraverso i seguenti passaggi: Il Soggetto Disabile: presa in carico: raccolta di informazioni e documentazione tramite un lavoro di rete con i servizi territoriali, conoscenza del soggetto tramite colloquio decisione circa l inserimento ed eventuale azione orientativa progettazione dell intervento formativo/lavorativo eventuale accompagnamento rispetto alle procedure e alla documentazione per l avviamento al lavoro e la certificazione di invalidità attivazione del percorso e affiancamento di un tutor per tutta la durata del percorso di inserimento costante collaborazione con le famiglie, fornendo indicazioni e sostegno in caso di eventuali problematiche e interventi nell ambito della residenzialità, della riabilitazione, del supporto psicologico alla persona (attraverso la rete delle cooperative aderenti al consorzio S.IR e i servizi legati alla rete Anffas) costante collaborazione con le reti di sostegno e i servizi di riferimento eventuale realizzazione di tirocini socializzanti costante tutoring e follow-up (monitoraggio costante dei percorsi di tirocinio, postassunzione, verifica in itinere, risoluzione di eventuali problemi) 20

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli