EDILIZIA PROVINCIALE GROSSETANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDILIZIA PROVINCIALE GROSSETANA"

Transcript

1 EDILIZIA PROVINCIALE GROSSETANA s.p.a. SEDE LEGALE: Via Arno n GROSSETO - CAPITALE SOCIALE ,00 INTERAMENTE VERSATO Codice Fiscale e Numero d iscrizione del REGISTRO delle IMPRESE di GROSSETO: REGOLAMENTO DEL PERSONALE Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 1/10 del 22 dicembre

2 TITOLO I ARTICOLAZIONE ORARIO LAVORO ASSENZE E FERIE - Articolo n 1 Orario uffici 1 L orario di servizio è di norma articolato come segue: Turno antimeridiano di 6 ore su 5 giorni settimanali dal Lunedì al Venerdì Turno pomeridiano di 3 ore su 2 giorni settimanali (Lunedì e mercoledì). 2 L orario di apertura al pubblico è di norma articolato come segue: Orario antimeridiano sui 5 giorni settimanali Orario pomeridiano sui 2 giorni settimanali. 3 L orario di lavoro: L orario di servizio e di apertura di cui ai precedenti punti 1 e 2 viene assicurato secondo il modulo orario di lavoro di cui all Art. 2. Articolo n 2 Modulo orario flessibile 1 Il modulo orario flessibile è regolato come segue: 1.2 Turno antimeridiano: a) Flessibilità in entrata: b) Presenza obbligatoria: c) Flessibilità in uscita: d) Sabato non lavorativo. E ammesso l ingresso dalle ore 8.30 alle ore 9 e l uscita dalle ore 13 alle ore solo se riveste un carattere di saltuarietà 1.3 Turno pomeridiano obbligatorio per completamento orario: a) Flessibilità in entrata: entro le ore b) Presenza obbligatoria: c) Flessibilità in uscita: d) Il limite massimo di orario giornaliero non può superare, di norma, le 10 ore e) Interruzione obbligatoria di almeno 30 minuti fra uscita dal turno antimeridiano e rientro pomeridiano. f) nei mesi di luglio e agosto viene sospeso il turno pomeridiano (fatta salva la possibilità della Società di rivedere la sospensione del turno entro il mese di gennaio di ciascun anno) E consentito l accesso ai locali dalle ore 7,15 e la permanenza fino alle o fino alle ore 18,45 (nei giorni di rientro o di recupero) ; Il tempo di permanenza prima delle ore 7.30 e successivamente alle o alle non sarà a nessun fine conteggiato, salvo autorizzazione del dirigente o del personale dell area Quadri; 2

3 2 Recupero flessibilità e brevi permessi: a) Il monte orario settimanale obbligatorio è di 36 ore, come media annuale. b) Eventuali debiti orari possono essere recuperati: - Nell ambito della flessibilità fermo restando il limite orario giornaliero di 10 ore. - Nei pomeriggi di Giovedi fermo restando il limite orario giornaliero di 10 ore, con interruzione di almeno 30 minuti fra uscita dal turno antimeridiano e rientro pomeridiano e con permanenza minima obbligatoria di 1 ora. Nei mesi di luglio ed agosto le carenze orarie conseguenti alla sospensione del turno di lavoro pomeridiano dovranno essere parzialmente coperte mediante l utilizzo dei 3 giorni di permesso retribuito fruibili ad ore previsti dall art. 30 del ccnl , salvo che il dipendente al 30 giugno abbia accumulato eccedenze orarie per almeno 20 ore. Le carenze orarie residue saranno recuperate con le modalità di cui al punto 2 lett. b) durante il resto dell anno o potranno essere recuperate in modo anticipato 3 Al 31 dicembre il dipendente dovrà riportare la propria situazione oraria nei limiti massimi di 24 ore di eccedenze o 18 di carenze. Le ore in eccedenza o di carenza oltre i limiti devono essere regolarizzate nel mese successivo, salvo impossibilità dovuta a particolari motivi indipendenti dalla volontà dell interessato (es. malattia, infortunio). Per regolarizzate si intende che laddove il dipendente non sia rientrato nel mese successivo nei limiti previsti: - saranno annullate le eccedenze oltre le 24 ore, salvo se accumulate a seguito di particolari esigenze d ufficio per le quali potrà essere dilazionato il recupero; - sarà effettuata la trattenuta sullo stipendio per la carenze orarie oltre 18 ore con possibilità per il dipendente di sanare con le ferie; 4 Presenza Obbligatoria: al dipendente è fatto obbligo di presenza giornaliera in servizio nella fascia oraria e, nei pomeriggi di rientro obbligatorio, I dipendenti che si assentano a qualunque titolo dal proprio posto di lavoro, nella fascia oraria di presenza obbligatoria, sono tenuti a chiederne autorizzazione al Responsabile del Servizio o al Direttore. 6 Nella fascia oraria di presenza obbligatoria il dipendente può assentarsi nei seguenti casi: a) Uscite per motivo di servizio - secondo le modalità di cui al successivo art.11. b) Comando in missione - secondo le modalità di cui al successivo art.9; c) Permessi personali - secondo le modalità di cui al successivo art. 5; d) Malattia - secondo le modalità di cui al successivo art. 10; e) Permessi sindacali o altri motivi - secondo le disposizioni che regolano la materia. 7 E fatto obbligo al dipendente di registrare, tramite il dispositivo di rilevazione presenze, ogni entrata e/o uscita riferita alle fattispecie di cui alle lettere a, b, c, d ed e del presente articolo. 8 Il personale è autorizzato, senza necessità di recupero nel limite di mezzora, all uscita per la riscossione dello stipendio con digitazione della relativa causale nel sistema di rilevazione presenze. Il tempo eccedente sarà considerato come permesso da recuperare. 3

4 9 I dipendenti in particolari e documentate situazioni familiari o personali potranno essere autorizzati; su richiesta del dipendente, ad osservare un orario di lavoro articolato su 5 giorni settimanali con una prestazione lavorativa quotidiana, anche ininterrotta di 7 ore e 12 minuti, oppure altro tipo di orario, tenendo conto delle esigenze del servizio. Le autorizzazioni rilasciate a tale titolo rivestiranno carattere di eccezionalità ed avranno in ogni caso durata limitata al permanere delle condizioni che hanno determinato l'autorizzazione stessa. Le categorie dei dipendenti in situazione di svantaggio personale o familiare autorizzate a fruire di tale regime orario potranno essere le seguenti: a) Dipendenti aventi compiti di assistenza a familiari disabili, non autosufficienti o gravemente ammalati, risultanti da certificazioni; b) Dipendenti portatori di handicap, in situazione di gravità accertata ai sensi dell'art.4 della L. 104/92, qualora gli stessi non usufruiscano dei permessi di cui all'art.33 della medesima Legge; c) Dipendenti che si trovino in documentate situazioni connesse all'assistenza e cura di figli minori, fino all 8 anno di eta del bambino, in conformita con le disposizioni in materia di tutela della maternita e paternita di cui al D. Leg.vo n 151/ Eventuali deficit orari, compresi brevi permessi per motivi personali, potranno essere recuperati nell'ambito della flessibilità giornaliera o in quella pomeridiana dei giorni di lunedi e mercoledì e nei giorni destinati al recupero orario di cui al comma 2 lett. b, con una interruzione di almeno 30 minuti tra il turno di uscita antimeridiana e rientro del turno pomeridiano. Articolo n 3 Gestione dell orario flessibile - straordinario 1 Orario convenzionale giornaliero: ogni giorno di congedo ordinario, di permesso e di aspettativa dovrà valutarsi, ai fini del monte orario mensile d obbligo, nel loro intero esplicarsi anche se vengono a verificarsi in giorno della settimana stabilito per il rientro pomeridiano. 2 La causa di ogni assenza oraria verificatasi nella fascia rigida deve essere comunicata, avvalendosi delle codifiche previste dal sistema di rilevazione automatizzato. 3 I rientri pomeridiani dovuti ai recuperi orari conseguenti alla flessibilità, a recupero brevi permessi, a prestazioni di lavoro straordinario ( in questo ultimo caso solo se preventivamente autorizzati) possono essere effettuati nei giorni previsti alle condizioni di cui al precedente art.2 comma 2 lettera b). 4 Il recupero dei brevi permessi, può essere ricondotto nell ambito del recupero flessibilità senza necessità di specifica qualificazione. Permessi non recuperati potranno essere sanati con il congedo ordinario. 5 Non sono considerati utili e quindi non sono computabili le prestazioni lavorative effettuate in difformità dai criteri e dei limiti di cui all art. 2 comma 1 e 2, salvo preventiva autorizzazione del Direttore o del Personale con qualifica Quadro 4

5 6 Nel caso di assenza durante l ultima settimana di gennaio e, per malattia, infortunio o altra causa indipendente dalla volontà dell interessato il debito orario di cui all art.2, c.3, potrà essere ripianato entro il mese in cui ha ripreso servizio. 7 Ogni prestazione straordinaria deve essere autorizzata dal Direttore e/o del personale con qualifica Quadro. La prestazione lavorativa straordinaria deve comunque protrarsi per almeno 1 ora. Articolo n 4 Articolazioni orarie eccezionali 1 Per il personale dipendente che svolge mansioni particolari quali: a) Autisti di rappresentanza b) Portineria e Servizi ausiliari può non essere applicato l orario di servizio con le modalità di cui ai precedenti articoli, stante le particolari esigenze connesse al servizio svolto. 2 Per il personale addetto a tali mansioni si precisa quanto segue: a) L orario di lavoro potrà essere svincolato da qualsiasi limite orario giornaliero minimo e massimo a condizione che venga rispettato il monte orario settimanale d obbligo; b) Tra il turno antimeridiano e quello pomeridiano deve essere obbligatoriamente osservata una interruzione di almeno 30 minuti. Qualora per situazioni eccezionali il dipendente non abbia potuto usufruire dei 30 minuti obbligatori di pausa-pranzo il Direttore potrà autorizzare, su richiesta del dipendente, il riconoscimento come orario di lavoro della pausa non effettuata. La presente disposizione è applicabile anche al resto del personale. 3 Il personale con qualifica dirigenziale e il personale appartenente all'area quadri, dovendo assicurare presenza e tempo di lavoro, correlandoli in modo autonomo e flessibile alle esigenze del servizio, articoleranno l'orario in funzione delle proprie esigenze e responsabilità, fermo restando la presenza nella fascia oraria obbligatoria. Articolo n 5 Permessi brevi e riposi compensativi 1 Il dipendente che per motivi personali deve assentarsi dal lavoro nella fascia oraria d obbligo deve farne specifica richiesta al responsabile del servizio il quale, salvo particolari esigenze d ufficio, lo autorizza. Il debito orario conseguente a tali assenze non può eccedere, di norma, la metà dell orario per ciascuna giornata lavorativa. 2 Il debito orario, conseguente all utilizzo dei brevi permessi, sarà automaticamente compensato, con le eccedenze orarie a qualsiasi titolo registrate, 5

6 senza necessità di specifica qualificazione. 3 Laddove l eccedenza oraria accumulata, per motivi di servizio, risulti consistente potranno essere autorizzati dal Direttore riposi compensativi orari o giornalieri per un massimo di due giorni per ogni mese. Per gli straordinari non liquidati è comunque consentito il riposo compensativo per l intera giornata lavorativa Articolo n 6 Permessi retribuiti 1 Sono riconosciuti 3 gg di permessi retribuiti ai sensi dell art. 27 c.3 del CCNL Federcasa per particolari motivi personali o familiari debitamente documentati Articolo n 7 Congedi parentali 1 Al termine del periodo transitorio previsto dall art. 78 del ccnl Federcasa, nel caso di astensione facoltativa dal lavoro previsto per le lavoratrici madri o in alternativa per i lavoratori padri di cui all art. 32 del d.leg.vo n 151, i primi 30 giorni di congedo sono da considerarsi come permesso retribuito a tutti gli effetti. 2 Successivamente al periodo di astensione obbligatoria per maternità, nei casi previsti dall art. 47, c.1, del D. Leg.vo n 151, alle lavoratrici madri ed ai lavoratori padri sono riconosciuti trenta giorni per ciascun anno, computati complessivamente per entrambi i genitori, di permesso retribuito Articolo n 8 Diritto allo studio 1 Ad integrazione di quanto disposto dall art. 28 del vigente CCNL Federcasa , le parti concordano nel specificare che per quanto riguarda i permessi fruiti per la frequenza di corsi di studio universitari: - il beneficio viene concesso per un numero massimo di anni pari alla durata del corso aumentata del 50%; - per gli anni di corso successivi al primo, la domanda deve essere corredata dalla certificazione del superamento di almeno un esame inerente l anno di corso precedente rispetto al quale la frequenza si riferisce. 6

7 Articolo n 9 Missioni 1 Le assenze per missioni dovranno essere preventivamente annotate sul registro di reperibilità (v. successivo articolo 11). In occasione di missioni che rendano impossibile la registrazione dell ora di ingresso e di uscita, il dipendente stesso, sotto la propria responsabilità, provvederà ad avvisare tempestivamente la struttura di appartenenza avendo cura altresì di comunicare per scritto, il giorno successivo, l ora di inizio e di fine attività relativa al giorno precedente. 2 In occasione di missioni che abbiano inizio dopo l'entrata in servizio, dovrà essere effettuata la prevista registrazione tramite il dispositivo di rilevazione presenze per l'uscita in missione tramite apposita codifica, fatta salva la preventiva autorizzazione da richiedere al Responsabile del servizio. Nel caso la missione abbia termine in orario compreso entro la fascia oraria obbligatoria, si dovrà fare rientro in sede effettuando la registrazione relativa al rientro. 3 In ogni caso si dovrà tenere presente che: a) Le ore di servizio prestate in missione nella fascia oraria antimeridiana, la quale convenzionalmente ha termine alle ore 14.30, verranno computate nel monte orario settimanale per la loro effettiva durata. b) Le ore di servizio prestate in missione nel pomeriggio, con esclusione di almeno 30 minuti per il pasto, si sommano a quelle prestate nella fascia antimeridiana, ai fini del recupero della flessibilità o di permessi o del computo del lavoro straordinario sempre, in questo ultimo caso, nel rispetto di quanto disposto al precedente art.3 punto 7. Per il personale non conducente l autoveicolo il tempo del viaggio non viene computato come lavoro straordinario Articolo n 10 Malattia 1 Il dipendente che, per motivi di salute, deve anticipare l orario di uscita registrando una assenza nella fascia rigida, dovrà annotarlo sul registro di reperibilità e provvedere alla timbratura nel sistema di rilevazione presenze. 2 Nel caso che la predetta assenza non sia seguita da certificato medico o da periodo di malattia, senza soluzione di continuità, debitamente certificato, il relativo difetto orario sarà computato come permesso personale con obbligo di recupero. 3 Non verrà computato come breve permesso con obbligo di recupero il difetto orario dovuto ad analisi mediche, visite mediche e terapie urgenti e/o indifferibili ad orario extra ufficio. Il relativo periodo temporale dovrà essere debitamente certificato o auto certificato e l assenza viene pertanto ricondotta nella fattispecie di cui all art. 31 del CCNL Federcasa Dovrà, inoltre, essere presentata opportuna certificazione medica attestante l avvenuta prestazione sanitaria. 4 Il personale è tenuto, salvo casi di effettiva necessità, ad effettuare le prestazioni sanitarie nella fascia oraria flessibile o in orario extraufficio. 7

8 Articolo n 11 Registro reperibilità 1 I dipendenti che si assentano temporaneamente durante il turno ordinario dal proprio posto di lavoro sono tenuti a darne notizia, per ovvi motivi di reperibilità, al responsabile del servizio oltre alla relativa annotazione su apposito Registro Giornaliero per la Reperibilità per le assenze superiori a 30 minuti. 2 Il dipendente che si assenta per esigenze di servizio durante l orario di lavoro dovrà indicare con chiarezza il motivo dell assenza. Nel caso di riunioni esterne al luogo di lavoro che inizino prima delle ore 8,30 e si protraggano oltre il termine dell orario, il dipendente, fermo restando l obbligo di avvisare tempestivamente il responsabile del servizio, dovrà entro il giorno successivo comunicare per scritto l ora di inizio e termine del servizio prestato. Articolo n 12 Buoni pasto 1 Al personale dipendente è concesso l utilizzo del buono pasto nella misura stabilita con apposito atto; 2 L utilizzo del buono pasto è autorizzato alle seguenti condizioni: a) Nelle giornate di lavoro ordinario con rientro pomeridiano (si considera decorrente dalle ore 14) di almeno 2 ore; b) Nel caso di durata del lavoro pomeridiano inferiore alle 2 ore quando il dipendente usufruisca di permessi previsti da leggi o dai CCNL (compreso permessi sindacali e malattia), ad eccezione del permesso per motivi personali. E comunque richiesta la presenza in servizio nelle ore pomeridiane ( dalle ore 14) di almeno 30 minuti. c) Nei casi di rientro pomeridiano di almeno 2 ore richiesto dalla Società al dipendente, anche se considerato a recupero di carenze orarie, ad eccezione degli addetti al servizio custodia della sede, i quali hanno diritto al buono anche se il rientro è inferiore, e salvo casi particolari che saranno autorizzati. Il buono non è comunque concesso quando il tempo che intercorre tra la fine del servizio e l inizio del lavoro straordinario pomeridiano sia superiore alle 2 ore. d) In caso di servizio fuori sede quando non si ha diritto o non si usufruisce del rimborso del pasto secondo la normativa delle trasferte potrà essere utilizzato il buono pasto. Se ne presume l utilizzo nel caso in cui nella nota delle trasferte sia indicata la pausa pranzo e non venga allegata la ricevuta di rimborso delle spese per il pasto o non sia indicato che il pasto era a carico di altro ente o salvo diversa indicazione effettuata dal dipendente. Per il servizio fuori sede, che non rientra nella disciplina delle trasferte, l indicazione della pausa pranzo dovrà essere effettuata nella comunicazione dell orario prestato fuori sede Il lavoro pomeridiano successivo alla pausa pranzo deve protrarsi almeno fino alle ore Per i dipendenti tecnici o altri dipendenti addetti a particolari attività la pausa potrà essere effettuata secondo le esigenze di lavoro (cantiere, riunioni, convegni) 8

9 e l attività lavorativa successiva alla pausa pranzo dovrà protrarsi fino alle ore Il buono pasto non è cumulabile, nè cedibile, nè commerciabile, né convertibile in denaro e può essere utilizzato solo per usufruire del servizio sostitutivo di mensa aziendale. Articolo n 13 Ferie 1 La Società potrà determinare, concertato con le OO.SS., la chiusura programmata degli uffici per un massimo di 10 giorni lavorativi indicativamente nei seguenti periodi: nel periodo comprendente il 10 e 15 agosto; nel periodo delle festività antecedente e/o successivo al 31 dicembre. 2 Le giornate di semifestività previste dall art. 30, c.10, del CCNL Federcasa (14 agosto, 24 dicembre, 31 dicembre) sono a tutti gli effetti considerate festività e avranno il trattamento previsto dai commi 5 e 6 del suddetto art Le ferie, oltre il limite minimo di 4 settimane, potranno essere utilizzate ad ore in caso in cui il dipendente ne faccia richiesta per coprire carenze orarie non recuperate. Articolo n 14 Disposizioni finali sull orario di lavoro 1 Ai fini della valutazione del rispetto dei vari limiti orari indicati nei precedenti articoli si considera l arrotondamento in eccesso all ora e alla mezz ora degli orari superiori a 55 e 25 minuti. TITOLO II Norme sul part-time - Articolo. n 15 1 Per la disciplina del part-time viene fatto rinvio all art. 20 del CCNL Federcasa

10 TITOLO III NORME INTEGRATIVE SUL TRATTAMENTO ECONOMICO - Articolo n 16 Trattamento delle missioni 1 Le presenti disposizioni si applicano a decorrere dal ai dipendenti comandati a prestare la propria attività lavorativa in località diversa dalla dimora abituale e distante più di 10 KM dalla ordinaria sede di servizio. Nel caso in cui il dipendente venga inviato in trasferta in luogo compreso tra la località sede di servizio e quella di dimora abituale, la distanza si computa dalla località più vicina a quella della trasferta. Ove la località della trasferta si trovi oltre la località di dimora abituale le distanze si computano da quest'ultima località. 2 Al personale di cui al comma 1, oltre alla normale retribuzione, compete: a) una indennità di trasferta, avente natura non retributiva, pari a: 24 per ogni periodo di 24 ore di trasferta; 1 per ogni ora di trasferta, in caso di trasferte di durata inferiore alle 24 ore o per le ore eccedenti le 24 ore, in caso di trasferte di durata superiore alle 24 ore; b) il rimborso delle spese effettivamente sostenute per i viaggi in ferrovia, aereo, nave ed altri mezzi di trasporto extraurbani, nel limite del costo del biglietto e per la classe stabilita per tutte le categorie di personale come segue: 1 classe - cuccetta 1 classe per i viaggi in ferrovia classe economica per i viaggi in aereo; c) il rimborso delle spese strettamente necessarie all attività lavorativa per i taxi e per i mezzi di trasporto urbani; d) il compenso per lavoro straordinario, nel caso che l'attività lavorativa nella sede della trasferta si protragga per un tempo superiore al normale orario di lavoro previsto per la giornata. Le ore di viaggio non coincidenti con l orario di lavoro saranno conteggiate come eccedenze orarie oppure su richiesta saranno compensate con una indennità commisurata alle retribuzioni orarie non maggiorate 3 Ai soli fini del comma 2, lettera a), nel computo delle ore di trasferta si considera anche il tempo occorrente per il viaggio. 4 Il dipendente può essere eccezionalmente autorizzato ad utilizzare il proprio mezzo di trasporto, sempre ché la trasferta riguardi località distante più di 10 Km dalla ordinaria sede di servizio e diversa dalla dimora abituale, qualora l'uso di tale mezzo risulti più conveniente dei normali servizi di linea. In tal caso al dipendente spetta l'indennità di cui al comma 2, lettera a), e il rimborso delle spese autostradali, di parcheggio e dell'eventuale custodia del mezzo. Per l impiego del mezzo di 10

11 trasporto proprio si assumeranno a riferimento le tariffe ACI relative ad una percorrenza annua di Km. Tali tariffe saranno reperite all atto della liquidazione sul sito Web wwwaci.it. 5 La Società potrà stipulare apposita polizza assicurativa in favore dei dipendenti autorizzati a servirsi, in occasione di trasferte o per adempimenti di servizio fuori dall'ufficio, del proprio mezzo di trasporto, limitatamente al tempo strettamente necessario per l'esecuzione delle prestazioni di servizio. La polizza di cui al comma 2 è rivolta alla copertura dei rischi, non compresi nell'assicurazione obbligatoria di terzi, di danneggiamento del mezzo di trasporto di proprietà del dipendente e dei beni trasportati, nonché di lesioni o decesso del dipendente medesimo e delle persone di cui sia stato autorizzato il trasporto. 6 Per le trasferte di durata superiore a 12 ore, al dipendente spetta il rimborso della spesa sostenuta per il pernottamento in un albergo fino a quattro stelle e della spesa per uno o due pasti giornalieri, nel limite di 30 per il primo pasto e di complessive. 60 per i due pasti. Per le trasferte di durata non inferiore a 8 ore, compete solo il rimborso per il primo pasto. Per le trasferte di durata non inferiore alle 4 ore verrà riconosciuto, qualora la trasferta avvenga in orario coincidente con quello di effettuazione dei pasti, il rimborso per un pasto nel limite del valore del buono pasto normalmente riconosciuto. Per le trasferte di durata non inferiore alle 10 ore verrà riconosciuto, qualora la trasferta avvenga in orario coincidente con quello di effettuazione dei due pasti, il rimborso per il primo pasto nel limite di 30 e per i due pasti nel limite di 30 più il valore del buono pasto normalmente riconosciuto. 7 Nei casi di missione continuativa nella medesima località di durata non inferiore a trenta giorni è consentito il rimborso della spesa per il pernottamento in residenza turistico alberghiera di categoria corrispondente a quella ammessa per l'albergo, sempreché risulti economicamente più conveniente rispetto al costo medio della categoria consentita nella medesima località. 8 Al personale delle diverse categorie inviato in trasferta al seguito e per collaborare con i componenti del Consiglio di Amministrazione spettano i rimborsi e le agevolazioni previste per gli Amministratori. 9 L'indennità di trasferta non viene corrisposta in caso di trasferte di durata inferiore alle 4 ore o svolte come normale servizio d'azienda del personale, nell'ambito della circoscrizione di competenza della Società 10 L'indennità di trasferta cessa di essere corrisposta dopo i primi 240 giorni di trasferta continuativa nella medesima località. 11 Il dipendente inviato in trasferta ai sensi del presente articolo ha diritto ad una anticipazione non inferiore al 75% del trattamento complessivo presumibilmente spettante per la trasferta. Tale anticipo non spetta qualora la trasferta sia di breve durata e implichi la sola consumazione di un pasto 11

12 12 Le trasferte all'estero sono disciplinate dalle disposizioni del presente articolo con le seguenti modifiche: - l'indennità di trasferta di cui al comma 1, lettera a) è aumentata del 50% ; - i rimborsi dei pasti di cui al comma 5 sono incrementati del 30%. 13 Ai fini del rimborso del pasto o del pernottamento la spesa dovrà essere documentata mediante fattura, ricevuta o scontrino fiscale Possono essere ammesse al rimborso fatture comprensive della spesa per più pasti, oltre a quelle eventualmente sostenute per il pernottamento, nel caso in cui il gestore del servizio di ristorazione ed alberghiero indichi analiticamente per ogni giornata il numero dei pasti fruiti ed i rispettivi costi, diversamente detto documento deve essere accompagnato dalle singole ricevute fiscali che i ristoratori sono tenuti di volta in volta a rilasciare, secondo le vigenti norme in materia; Eventuali rettifiche sulle fatture (o ricevute fiscali) debbono essere convalidate da parte dell esercente che le ha emesse, con timbro e firma, in caso contrario on potrà essere ammessa a rimborso la spesa sostenuta. 14 I pasti debbono essere consumati nel luogo dove viene svolta la missione o in località situate lungo il percorso normalmente seguito per raggiungere la sede di missione. Nel caso di missioni svolte in località isolate prive di posti di ristoro è ammesso lo spostamento per la consumazione dei pasti in località vicine. 15 Per quanto attiene alla spesa per il pernottamento in albergo il rimborso deve essere riferito all uso di una camera singola. Nel caso di utilizzo di una camera doppia, dovuto ad indisponibilità di camere singole, è possibile procedere al rimborso sino alla concorrenza dell importo corrispondente al costo di una camera singola, evidenziato dall albergatore sul documento giustificativo della spesa. 16 Le missioni devono essere ordinate dal Direttore o dal Responsabile del servizio. L ordine di missione dovrà essere allegato alla nota di trasferta. 17 Ai fini della valutazione dei limiti previsti nel presente articolo si considera l arrotondamento in eccesso all ora degli orari superiori a 55 minuti. Ai fini della liquidazione dell indennità di trasferta le frazioni di ora inferiori a 30 minuti sono trascurate, le altre sono arrotondate ad ora intera Articolo n 17 Indennità per maneggio denaro 1 L indennità per il maneggio di denaro è fissata nella misura del 3% della retribuzione individuale 12

13 Articolo n 18 Incentivo previsto dalla Legge 109/1994 e successive modificazioni 1 Ai dipendenti che svolgono mansioni previste dalla legge 109/1994 viene riconosciuto l incentivo previsto dall art. 18 della legge 109/1994 nella misura massima del 2%, ripartito con le modalità e i criteri stabiliti nell allegato A del presente regolamento. Articolo n 19 Anticipo sul TFR 1 Ad integrazione di quanto stabilito dall art. 73 del vigente CCNL Federcasa e sulla base del precedente accordo si stabilisce che il personale che richiedesse per la prima volta l anticipazione avrà la precedenza sull altro personale; 2 Qualora tale richiesta fosse dovuta per le ragioni di cui al punto a) del comma 7 dell art. 73 (motivi di salute) tali richiedenti avranno comunque la precedenza anche qualora si tratti di richieste successive alla prima. 3 Al fine inoltre di favorire una più razionale utilizzazione di tale anticipazione e di venire incontro ad esigenze manifestatasi durante l anno si conviene di suddividere il numero di domande accoglibili in due contingenti al 30/6 e al 31/12 Articolo n 20 13^ mensilità 1 La tredicesima mensilità sarà corrisposta ai dipendenti entro il 20 di dicembre. 13

14 TITOLO IV ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DISCIPLINA DEI QUADRI - Articolo n 21 Istituzione area quadri 1 Viene istituita l area dei quadri che sarà costituita da: n 1 unità di livello Q1 nell area amministrativa, con incarico di sostituzione del Direttore, in caso di assenza o impedimento, in tutte le funzioni ad esso attribuite n 1 unità di livello Q1 nell area di attività tecnica di Progettazione e Direzione Lavori n 1 unità di livello Q2 nell area di attività tecnica di Manutenzione e Patrimonio. Articolo n 22 Disciplina dei quadri 1 I quadri non sono assoggettati alla rigida normativa dell orario di lavoro e alla conseguente disciplina del lavoro straordinario. A fronte di ciò viene loro riconosciuto un importo determinato in misura percentuale per ciascun quadro entro il limite massimo del 16% della retribuzione individuale annua ai sensi dell art. 62 del CCNL Federcasa Sarà riconosciuta una prima tranche dell indennità del 8% al raggiungimento di lavoro straordinario non retribuito di almeno 50 ore alla data del 31 agosto ( da liquidare nel mese di settembre) le ulteriori tranche saranno riconosciute nella misura del 12% al raggiungimento delle 75 ore e del 16% al raggiungimento delle 100 ore, da valutare alla fine dell anno (da liquidare nel mese di gennaio) 3 In caso di raggiungimento delle 50 ore al 31 agosto, che non risultino confermate al 31 dicembre, le ore mancati saranno considerate in diminuzione di quelle effettuate nell anno successivo. 4 Le ore effettuate oltre le tranche liquidate, saranno rinviate all anno successivo. 5 In caso di frazioni di anno i limiti e gli importi previsti saranno proporzionati all effettiva durata del periodo 14

15 TITOLO V GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA E MODALITA DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI Articolo n 23 Profili professionali 1 I profili professionali sono rappresentativi di caratterizzazioni professionali di massima afferenti alle principali aree di attività interessanti la funzionalità della società. 2 I medesimi sono approvati dal C.d.A., su proposta del Direttore, previa consultazione sindacale. 3 Il profilo professionale è attribuito al personale dipendente con atto del Direttore, che può procedere alla variazione dello stesso nel rispetto del principio dell'equivalenza professionale e con il consenso del dipendente interessato. 4 Le singole specializzazioni funzionali possono essere individuate, oltre che mediante il possesso di particolari titoli culturali, abilitativi, di esperienza acquisita, di specializzazione e di qualificazione, anche attraverso idonei processi di formazione e/o di selezione, sviluppati anche nell'ambito dei procedimenti di reclutamento. Articolo. n 24 Ruolo Aziendale 1 II ruolo aziendale costituisce l'insieme di attribuzioni, responsabilità, risultati, obiettivi e relazioni che caratterizza ciascun profilo professionale negli ambiti produttivo, funzionale ed organizzativo della Società. 2 La determinazione dei contenuti generali afferenti a ciascun ruolo aziendale è operata con atto del C.d.A., su proposta del Direttore, integrativo dell 'atto di cui al precedente articolo, comma 2, nel rispetto del vigente assetto di relazioni sindacali contrattualmente definito. 3 E' soppressa ogni eventuale disciplina del mansionario, o equivalente, derivante da precedenti regolamenti adottati durante la gestione A.t.e.r. Articolo n 25 La gestione della dotazione organica 1 La dotazione organica della Società è rideterminata annualmente, con specifico riferimento al personale in servizio, a quello da assumere a tempo 15

16 determinato, ai posti da coprire con selezioni esterne, nonché alle posizioni da acquisire con le procedure per la progressione verticale ed interna. 2 Con atto del C.d.A. sono determinate le specifiche professionalità da reperire ed i relativi servizi di destinazione, nonché le modalità di acquisizione delle stesse. Articolo n 26 Modalità selettive 1 Nell'ambito della programmazione annuale la Società provvede alla copertura dei posti disponibili tramite le seguenti modalità: 1.1 procedure selettive esterne cioè rivolte alla generalità degli interessati, 1 2. procedure selettive finalizzale al reperimento di specifiche elevate professionalità e/o di supporto al Presidente 1.3. procedure selettive interne, finalizzate al passaggio dei dipendenti della Società alla categoria immediatamente superiore rispetto a quella di inquadramento, nel limite dei posti vacanti della dotazione organica di tale categoria che non siano stati destinati all'accesso dall'esterno 1.4. procedure di mobilità orizzontale fra aree e profili professionali diversi ricompresi nella medesima categoria. Articolo n 27 Procedure selettive esterne 1 Le procedure selettive esterne sono definite con apposito avviso di selezione che dovrà contenere: a. il numero, il livello e il profilo professionale dei posti da ricoprire; b. il tipo di selezione e la forma contrattuale del rapporto di servizio; e. il numero dei posti eventualmente riservati a determinate categorie di cittadini; d. il trattamento economico; e. i requisiti soggettivi generali e specifici richiesti per l'ammissione alla selezione ed all'impiego; f. l'eventuale previsione di forme di preselezione; g. le materie e/o i contenuti ed eventualmente le modalità di svolgimento delle prove d'esame; h. gli eventuali titoli valutabili; i. il termine e le modalità di presentazione della domanda di partecipazione; 16

17 j. il richiamo a specifiche norme in vigore a tutela di diritti giuridicamente riconosciuti (L.125/91,L. 104/92, ecc.) (c.d. "pari opportunità" e "tutela handicap"); k. l'informativa di cui all'ari. 10, comma 1, L. 675/96 (c.d. "Privacy"); 2 L' avviso definisce e regola tutti gli aspetti della procedura non disciplinati dal presente Regolamento e contiene tutte le informazioni necessarie per la partecipazione e contiene, infine, in allegato, lo schema della domanda di partecipazione. 3 La valutazione sarà effettuata da apposita commissione, presieduta dal presidente o suo delegato e da due o più componenti esperti nominati dal Consiglio di Amministrazione 4 Nell'ambito delle prove possono essere verificate non solo le conoscenze del candidato ma anche le sue attitudini a ricoprire la posizione di lavoro messa a selezione integrando o sostituendo il colloquio individuale con un colloquio di gruppo per la copertura di quelle figure professionali per le quali si ritiene rilevante la valutazione della capacità di interrelazione, di coordinamento delle risorse, di risoluzione di problemi, di leadership, di orientamento al risultato, o da altre modalità di colloquio idonee a verificare le singole attitudini dei candidati a coprire il posto. 5. La verifica delle attitudini può essere effettuata da parte di un consulente professionale esperto in selezione del personale, di uno psicologo del lavoro, di una persona con professionalità idonea o da parte di società specializzate, direttamente o quali membri effettivi o aggregati alla Commissione in una o più fasi della procedura selettiva. 6 La Commissione di valutazione a conclusione della selezione formulerà un giudizio complessivo sulle competenze e attitudini dei candidati indicando il vincitore della selezione. 7 La Commissione potrà formulare anche una graduatoria dei candidati, qualora la Società Io richieda, ai fini della successiva utilizzazione della stessa per ulteriori assunzioni anche a tempo determinato dello stesso profilo professionale. Articolo n 28 Procedure selettive per il reperimento di specifiche elevate professionalità 1 Il reperimento di specifiche elevate professionalità e/o di supporto al Presidente della Società può essere effettuato nel limite del 10%, della dotazione organica con modalità semplificate. 2 L'individuazione del contraente può essere effettuata, sia dal Presidente intuitu personae, cioè con modalità di scelta di natura fiduciaria connessa alla 17

18 professionalità richiesta, ovvero previo avviso pubblico, di competenza del CdA, nel quale vengono stabiliti i termini, i requisiti dei candidati e le modalità di selezione. 3 Il Presidente, o suo delegato, provvede, anche mediante il supporto di esperti in materia di selezione del personale, all'individuazione della parte contraente tra i diversi candidati che hanno prodotto domanda di partecipazione al procedimento selettivo, sulla base delle modalità selettive previste ai sensi del comma precedente e di criteri di adeguatezza professionale e di attitudine a ricoprire l'incarico posto a selezione. 4 La valutazione operata a conclusione del procedimento selettivo non da luogo a valutazione comparativa. Articolo. n 29 Procedure selettive interne 1 Le procedure selettive per la progressione verticale interna sono attivate per il passaggio dei dipendenti al livello immediatamente superiore rispetto a quella di inquadramento nell'ambito del ruolo aziendale, nel limite dei posti vacanti della dotazione organica di tale livello 2. Alle procedure selettive di cui sono ammessi i dipendenti ascritti al livello professionale immediatamente inferiore a quella di destinazione in possesso di un'anzianità di servizio, maturata in posizioni riconducibili al livello professionale immediatamente inferiore di almeno tre anni. 3. Non si potrà derogare dal possesso del titolo di studio, ordinariamente richiesto per l'accesso dall'esterno, nelle ipotesi in cui il possesso del titolo di studio risulti di rilevante opportunità, determinante o assolutamente necessario per l'esercizio delle attribuzioni afferenti alla posizione da ricoprire. Articolo n 30 Modalità di svolgimento delle procedure interne 1 Le operazioni selettive sono effettuate dal Direttore, sulla base di specifiche direttive del Consiglio di Amministrazione, eventualmente supportato da uno o più esperti. 2 Il Direttore, previo esame del curriculum professionale del candidato e tenendo conto della complessiva valutazione ottenuta dallo stesso nel triennio precedente, potrà attribuire i seguenti punteggi : 18

19 a. fino a 10 punti per la valutazione complessiva del curriculum professionale; b. fino ad 10 punti per la valutazione complessiva dei risultati conseguiti, delle prestazioni rese, delle capacità dimostrate nella gestione del ruolo, delle abilità gestionali ed organizzative, delle competenze professionali ed operative, delle attitudini alla corretta interpretazione delle finalità assegnate, della propensione all'intrattenimento dei sistemi relazionali, del potenziale professionale esposto. Tale valutazione potrà essere accertata anche attraverso apposito colloquio finalizzato. Articolo n 31 Mobilità orizzontale fra aree professionali 1 Per "mobilità orizzontale" s'intende il processo di trasformazione professionale del personale dipendente operato tra aree professionali diverse o tra diversi profili professionali, ancorché nell'ambito della medesima categoria contrattuale di inquadramento. 2 Competente ad assumere atti di mobilità orizzontale interessanti il personale dipendente è il Direttore, con provvedimento motivato nel caso di più dipendenti interessati, che acquisirà l'assenso del dipendente individuato. 3 Il percorso di mobilità orizzontale è generalmente accompagnato o preceduto da apposito momento formativo, inteso a consentire, al personale interessato, l'apprendimento delle cognizioni e delle tecniche necessarie per la gestione del nuovo ruolo di destinazione del personale stesso. 4 Il processo di cui al presente articolo può essere attivato anche dal singolo dipendente interessato,con richiesta motivata da trasmettere al Direttore. 5 Sono fatti salvi eventuali diversi procedimenti derivanti da riorganizzazioni di uffici o settori aziendali, per i quali si applicano le vigenti normative contrattuali e di legge. Articolo n 32 Pubblicazione e diffusione 1 La pubblicità degli avvisi di selezione, di cui al presente regolamento, è effettuata, con le modalità previste dal presente articolo e, di norma, per la durata di: a 30 giorni per le selezioni pubbliche b 15 giorni per le selezioni interne. 2 Sono fatte salve procedure abbreviate derivanti da motivi d'urgenza. 19

20 3 Nelle procedure selettive pubbliche la pubblicità dell'avviso è effettuata, anche in momenti diversi, mediante: a. la pubblicazione dell'avviso integrale nell'albo e nel sito Internet della Società; b. la trasmissione dell'avviso integrale alla sede di tutti i Comuni della provincia di Grosseto, ai Centri per l'impiego della Provincia di Grosseto e di quelli provinciali della Regione Toscana ed, eventualmente, alla sede di Enti o Associazioni preposte alla tutela delle categorie di cui alla L. 68/99 c la pubblicazione di un estratto dell'avviso su almeno 2 quotidiani con cronaca locale e l'eventuale diffusione tramite emittenti radio televisive locali; d. Copia del bando sarà, altresì, nonché alle Organizzazioni Sindacali territoriali ed aziendali. 4 Ulteriori forme di pubblicità potranno essere disposte dal Direttore in relazione alle esigenze di ampliare la partecipazione. 5 Nelle procedure selettive interne la pubblicità dell'avviso è effettuata mediante: a. la trasmissione dell'avviso integrale alle Organizzazioni Sindacali territoriali ed aziendali. b. la pubblicazione dell'avviso integrale nell'albo 20

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno REGOLAMENTO RELATIVO ALL ORARIO DI LAVORO ED ALLA SUA ARTICOLAZIONE ART. 1 Orario di servizio e orario di lavoro ordinario 1 L orario di servizio dell Autorità di Bacino del Fiume Arno si svolge su 5 giorni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina del trattamento di trasferta e dei rimborsi

Dettagli

ATENEO BERGAMO S.P.A. UNIPERSONALE

ATENEO BERGAMO S.P.A. UNIPERSONALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE, SELEZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE INDICE: TITOLO I - Principi generali 2 Art. 1 - Oggetto del regolamento 2 Art. 2 - Criteri di organizzazione 2 Art. 3 - Valutazione del

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI 1 OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI QUESITO (posto in data 31 agosto 2013 ) Il medico incardinato in un ospedale ma chiamato a svolgere la propria opera professionale in un altro

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI (Anibito 3) 60044 FABRIAN() (AN) (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA D1SCIPLIN DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO E PER LA EROGAZIONE ED UTILIZZO DEI BUONI PASTO

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per il rimborso ai dipendenti delle spese sostenute in occasione di missioni fuori dal territorio comunale * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

(Concertato con la delegazione sindacale di Area il 22/12/2008) (Delibera Giunta Comunale 211 del 30/12/2008)_)

(Concertato con la delegazione sindacale di Area il 22/12/2008) (Delibera Giunta Comunale 211 del 30/12/2008)_) AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. 1 PREMESSA Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA Circolare Missioni Personale Civile. 2010 M_D GCIV prot. data 0070234 20/09/2010 Div.11 PARTENZA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE IV Reparto 11^ Divisione 2^ Sezione Dr.

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ Approvato c îon delibera di G.M. n. 74 del 15/11/2013 Modificato

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie 17792 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631 Disciplina per il trattamento di trasferta co. 6, art. 11, della Legge regionale 4 gennaio

Dettagli

MARANELLO PATRIMONIO SRL

MARANELLO PATRIMONIO SRL MARANELLO PATRIMONIO SRL REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO approvato con determina dell Amministratore Unico nr. 15 del 13/12/2012 e modificato con determina dell Amministratore Unico nr.4 del 10/02/2014

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO Art. 1 Definizione di trasferta, attività di servizio e di rimborso spese 1. Per trasferta si intende l'attività

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE

SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO PERSONALE DI COMPARTO Art. 1- PERMESSI RETRIBUITI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

COMUNE DI MORTEGLIANO Provincia di Udine

COMUNE DI MORTEGLIANO Provincia di Udine COMUNE DI MORTEGLIANO Provincia di Udine C.A.P. 33050 Piazza G.Verdi, 10 FAX 0432/761778 TEL.0432/826811 C.F. 80006650305 P.I. 00677260309 Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI 1.

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L.

Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. Lettera delle Aziende concessionarie di autostrade alle O.S.L. In relazione alle convergenti valutazioni espresse in occasione del rinnovo del c.c.n.l., Vi confermiamo che, per la vigenza del contratto

Dettagli

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO DEI BUONI PASTO

COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO DEI BUONI PASTO COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO DEI BUONI PASTO Approvato con Deliberazione G.C. n. 152 del 07.10.2014 Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

DISCIPLINA PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTE E RIMBORSI DI CONSIGLIERI D AMMINISTRAZIONE, DIPENDENTI, COLLABORATORI E CONSULENTI DELLA FONDAZIONE

DISCIPLINA PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTE E RIMBORSI DI CONSIGLIERI D AMMINISTRAZIONE, DIPENDENTI, COLLABORATORI E CONSULENTI DELLA FONDAZIONE DISCIPLINA PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTE E RIMBORSI DI CONSIGLIERI D AMMINISTRAZIONE, DIPENDENTI, COLLABORATORI E CONSULENTI DELLA FONDAZIONE APULIA FILM COMMISSION APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Regolamento sulla disciplina delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti gli organi camerali e dei soggetti autorizzati

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Settore Risorse umane, salute e sicurezza TUTELA E SOSTEGNO DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Riferimenti normativi: Legge 53/2000; D.Lgs. 151/2001 Ccnl 14.9.2000 Dpr 1026/76 - D.Lgs. 119/11 D.Lgs. 5/2012

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO QUESITO (posto in data 1 marzo 2011) Siamo due medici dipendenti di una Azienda Sanitaria Locale; con sede di lavoro in uno dei distretti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE REGOLAMENTO DEL PERSONALE CONSORTILE Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 15 del 28 marzo 2011 1 Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento, in attuazione dello Statuto

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali ORARIO DI LAVORO Articolo 1 Norme generali 1. L orario di apertura delle strutture dell Università di Parma è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 20.00, sabato secondo un orario

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Allegato A) alla D.D.G. n. 521 del 28/12/2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Art.

Dettagli

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina)

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue:

Considerato il Regolamento del personale di NetSpring e il Protocollo d Intesa siglato con le OO. SS. in data 16/01/2014 si dispone quanto segue: Grosseto, lì 25/11/2014 Circolare modalità gestione cartellino presenze, documentazione predisposizione buste paga, orario aziendale, spostamenti in ambito cittadino, missioni, traferte e rimborsi, utilizzo

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni)

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: Dovuto è il complesso teorico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI-

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- GENTE/DIPENDENTE DEL COMUNE DI FERRARA Approvato dalla Giunta Comunale

Dettagli

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso

Diventerò genitore. Istruzioni per l uso Diventerò genitore Istruzioni per l uso 1 Diventare genitore Tutela della salute della donna e del bambino è un grande evento, e ti esprimiamo tutte le nostre più vive congratulazioni. La tutela riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

SEGRETERIA CENTRALE FABI

SEGRETERIA CENTRALE FABI SEGRETERIA CENTRALE FABI Gennaio 2008 BNL 1 IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO NELSETTOREDELCREDITO Il D. Leg.vo n. 276 del 10/09/2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolamentando la

Dettagli

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00.

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00. A far data da marzo 2011 entrerà in funzione il nuovo sistema di gestione presenze che snellirà tutte le procedure ad esso connesse con particolare riguardo alla rilevazione delle timbrature e dei giustificativi.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO (emanato con D.R. n.882, prot. n. 14936-I/3 del 22.07.2010)

Dettagli

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità:

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità: Articolo 1 Sistema automatico di controllo delle presenze Il rispetto dell'orario viene accertato mediante sistemi automatizzati di rilevazione. All'uopo l'amministrazione fornisce a ciascun dipendente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali Approvato con delibera di G.C. n. 187 del 26/10/2005 SOMMARIO Articolo 1 - Definizioni Principi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella

Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella Le ferie del personale docente con contratto a tempo indeterminato e determinato (artt. 13, 19 e 105 del CCNL 29.11.2007) di Libero Tassella A) Le ferie dei docenti con contratti a tempo indeterminato

Dettagli