LO STUDIO DEI SOCIAL NETWORK PER RILEVARE LA REPUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI CULTURALI. Fabio Venuda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STUDIO DEI SOCIAL NETWORK PER RILEVARE LA REPUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI CULTURALI. Fabio Venuda"

Transcript

1 LO STUDIO DEI SOCIAL NETWORK PER RILEVARE LA REPUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI CULTURALI Fabio Venuda I contenuti La natura partecipativa del web 2.0 e le caratteristiche delle applicazioni che su questo si basano come i social media, ad esempio i blog, Facebook, Twitter, Flickr e così via, permettono alle persone di generare contenuti, di creare, condividere e scambiare liberamente in Rete informazioni di qualsiasi tipo ed esprimere opinioni su qualsiasi argomento. Benché tutti noi utilizziamo ogni giorno queste applicazioni per motivi di lavoro oppure per svago o semplicemente per tenere i contatti con amici e colleghi, forse non abbiamo una precisa o reale percezione dell entità di questo fenomeno e di quanto negli ultimi tempi sia cresciuto e continui a svilupparsi, costantemente. Alcuni dati possono essere d aiuto permettendoci di avere un idea più precisa della quantità di dati prodotti in Rete e dell uso che le persone fanno dei social network, o almeno di quelli più diffusi. Secondo un indagine condotta dalla Domo Inc., azienda statunitense che si occupa di finanza, marketing e business intelligence, (Domo, 2012) ogni minuto viene creata una massa inimmaginabile di dati, ad esempio: in Facebook vengono effettuate oltre condivisioni di contenuti e cliccati più di Likes sulle pagine di Aziende e Organizzazioni, gli utenti di Twitter inviano oltre tweet, in WordPress gli utenti dei vari blog pubblicano 347 nuovi post, mentre sono quelli pubblicati in Tumblr dai proprietari di oltre 96 milioni di blog in YouTube vengono caricate oltre 48 ore di video per non parlare delle oltre foto aggiunte e condivise dagli utenti sia di Flickr che di Instagram e degli oltre Check-in effettuati dagli utenti di FourSquare. Una massa incontrollabile di dati e contenuti generata dalla popolazione di Internet, che sempre secondo l indagine della Domo, nel 2011 era attestata attorno ai 2.1 miliardi di persone connesse e che nel 2013, secondo l ultimo rapporto dell International Telecommunication Union (ITU), agenzia dell ONU per la promozione e lo sviluppo dell ICT, è arrivata a 2.7 miliardi di persone, rappresentando quasi il 40% della popolazione mondiale (ITU, 2013, p. 2). Nella stessa infografica infatti la Domo propone soluzioni che aiutino le aziende e i professionisti a superare l information overload, ottenendo, organizzando mettendo assieme in unica intuitiva interfaccia le informazioni di cui hanno bisogno, suggerendo di utilizzare questo nuovo strumento per riuscire a comprendere e dipanare questa massa di dati e trasformare il loro modo di fare business. Ma se guardiamo in particolare i numeri delle applicazioni che ci interessano più da vicino, ovvero quelle che consentono la creazione di contenuti da parte degli utenti, i dati diventano ancora più interessanti. Infatti secondo le stime effettuate da emarketer, azienda che si occupa di digital marketing, media and commerce, nel miliardo e 430 milioni di persone hanno utilizzato dei siti di social media almeno una volta al mese, con una crescita di circa il 19.2 % rispetto al 2011(eMarketer, 2012). Entrando più nel dettaglio il Social Media Report 2012 di NMIncite. Know the customer (azienda del gruppo Nielsen, una holding che, in sintesi, studia per conto delle aziende i comportamenti dei consumatori su scala mondiale), con una survey condotta per esplorare l impatto dei social media sulle abitudini di oltre consumatori in area statunitense, rileva che l accesso alla Rete si sta spostando fortemente verso un utilizzo in mobilità; infatti gli utilizzatori della rete che usano il PC sono rimasti pressoché invariati, mentre quelli che vi accedono via mobile web e via 1

2 mobile app sono quasi raddoppiati, registrando una crescita di oltre l 80% rispetto al 2011(Nmincite, 2012, p. 3). La crescita dell accesso alla rete in mobilità coincide e in parte giustifica anche l aumento degli utilizzatori dei social media. Lo stesso report indica a questo proposito che anche il tempo trascorso nei social network risente di questa tendenza e che l utilizzo in mobilità di social app registra un aumento del 76% di connessioni rispetto al 2011, mentre il tempo speso da postazioni su PC risente di un incremento solo del 24%.(Nmincite, 2012, p. 5) Le aziende L aspetto interessante per le aziende è che, fra le altre attività per cui vengono utilizzati, i social network stanno diventando un sempre più importante canale di comunicazione per i loro Servizi clienti, e sono utilizzati (per lo più Facebook) da quasi la metà (47%) degli utenti social per raggiungere direttamente e rapidamente l azienda, per esprimere soddisfazione o inoltrare reclami, trasformando il servizio in una sorta di social customer care (Nmincite, 2012, p. 15). Secondo lo stesso principio, i consumatori utilizzano i social media per condividere opinioni e cercare informazioni su prodotti, servizi ed eventi, generando una sorta di passaparola globale, superando così il tradizionale limite che finora lo aveva confinato alle persone conosciute o con cui ci si relaziona ogni giorno. Anche l atteggiamento nei confronti della pubblicità nei social media sta cambiando, mentre 1/3 degli utenti social la trova irritante, 1/4 vi presta invece attenzione, soprattutto se proviene da un post o dalla condivisione di un amico e dopo averla vista, il 15% degli utenti la condivide, il 26% clicca mi piace, mentre il 14% effettua l acquisto del prodotto (Nmincite, 2012, p ). Interessanti a questo proposito sono anche i risultati di una ricerca sul ruolo che le mamme attive nei social media stanno assumendo rispetto alla scelta e all acquisto di prodotti, condotta dal Centro Studi di Etnografia Digitale (2012), un organizzazione no-profit che si occupa di studiare e comprendere le nuove forme di vita culturali emergenti nella Rete e nella società. La ricerca ha considerato le mamme attive nel web 2.0 che «scambiandosi costantemente opinioni relative a Brand e prodotti sui social media contribuiscono alla creazione di valore degli stessi anzitutto in termini di visibilità» e che con i loro «commenti positivi e/o negativi danno luogo a dei meccanismi di passaparola sia online che offline che si rivelano una componente piuttosto rilevante per il marketing delle aziende», evidenziando nei risultati che le fonti online sono il punto di riferimento da loro utilizzato per informarsi circa i prodotti che intendono acquistare e che il passaparola digitale tra mamme sia un fattore determinante nelle scelte di acquisto. Infatti l indagine ha registrato che ben il 20% delle intervistate sceglie marche o prodotti «spesso» come conseguenza di un «passaparola digitale positivo», mentre il 57% solo qualche volta (Bernasconi, 2012). Nel web 2.0 ciascun utente può quindi creare contenuti, generare e condividere opinioni, che possono poi essere ripresi dai contatti social del creatore della notizia, e dai contatti dei contatti, innescando una viralità che può assumere anche dimensioni importanti, con centinaia o migliaia di condivisioni e influenzare, o comunque orientare le opinioni delle persone che riprendono la notizia o di quelle che solo la leggono. A queste condizioni ogni utente può potenzialmente e con relativa facilità diventare ciò che viene definito un influencer, od opinion leader, e generare movimenti di opinione rispetto a prodotti, servizi, brand ed eventi. Questo scenario costituisce a tutti gli effetti una zona ad alto rischio per le aziende che possono vedere il proprio marchio e la propria reputazione crescere o crollare a seconda del movimento di opinione che viene innescato (Murtland & Ricou-Bellan, 2010, p. 14). I dirigenti del marketing e della comunicazione delle aziende che per anni hanno controllato i tradizionali canali unidirezionali di pubblicazione, diffusione e propagazione dei messaggi di marketing, si trovano in difficoltà nel controllare i nuovi canali. Le aziende stanno pian piano riconoscendo e cercando di governare questo fenomeno, scoprendo e cogliendo le opportunità o reagendo alle minacce che via via si vengono a creare in Rete. Per questo le aziende utilizzano sistemi, o si rivolgono a professionisti, che con sofisticate tecnologie ascoltano e analizzano la Rete, in particolare i siti social, per scoprire chi sta parlando e 2

3 soprattutto cosa si sta dicendo, valutando se queste conversazioni possano riguardare le loro aziende e danneggiare o meno la loro reputazione. Nell ambito del marketing aziendale queste procedure di analisi, che non hanno ancora un posto ben definito nelle strategie e nell organigramma delle compagnie, sono definite in modo diverso. Vengono ad esempio indicate come Social Media ROI, dove ROI sta per Return of Investiments, indicando la necessità per l azienda di comprendere se gli investimenti fatti nella pubblicità, nei servizi e nella presenza stessa in Rete e nei social media abbiano generato un ritorno, non solo di immagine ma anche di fatturato (Blanchard, 2012, p. 224), con la speranza e la presunzione di trasformare ogni liker o follower in clienti (Cosenza, 2012, p. 3). In realtà altri suggeriscono che il termine ROI potrebbe meglio indicare, attraverso il calcolo di metriche ottenute dall analisi dei contenuti pubblicati nei social media, la Realization of Influence, ossia una serie di valori atti a dimostrare e documentare i progressi verso degli obiettivi di business ottenuti con l attività svolta orientando e controllando le attività nei social media (Solis, 2012). O ancora, secondo Martin Murtland, vice direttore della DowJones Co., ROI va inteso come Return of Intelligence, andando a indicare il complesso delle attività di monitoraggio, ascolto e interpretazione delle conversazioni in rete, l individuazione e il coinvolgimento sia degli influencers che degli stakeholders, per controllare gli eventuali momenti di criticità, cogliere le opportunità o promuovere le attività e i prodotti dell azienda (Murtland & Ricou-Bellan, 2010, p. 16). In sostanza il monitoraggio dei social media viene utilizzato dalle aziende per molte diverse finalità, ad esempio può permettere di capire come il proprio marchio sia considerato dalle persone, valutare l apprezzamento e l efficacia di una campagna pubblicitaria, comprendere in tempo e sedare eventuali crisi, dovute ad esempio ad una diffusione altamente virale di un commento negativo che potrebbe generare un movimento di opinione sfavorevole all azienda o ai suoi prodotti, conoscere i punti di forza e di debolezza di un azienda concorrente nelle opinioni dei suoi stessi clienti capire le esigenze e le opinioni delle persone su servizi e oggetti, per orientare, sia prima che dopo, il lancio di un prodotto Una ricerca sulle pratiche aziendali nel monitoraggio della reputazione delle società in Internet, condotta dalla ditta Primary Research Group su un campione composto da 100 aziende di diverse dimensioni in area angloamericana, che comprende gli USA, il Canada, il Regno Unito e l Australia, ci offre un istantanea di quanto le aziende percepiscano il problema, evidenziando che ben il 75% delle aziende tengono sotto costante monitoraggio ciò che le persone dicono della loro compagnia e dei loro prodotti nei social media. Di queste aziende, il 37% si rivolgono per il monitoraggio a servizi o consulenti esterni, mentre solo il 10% delle aziende, quelle di maggiori dimensioni, ha acquistato un qualche software commerciale specifico. Il 75% del campione dichiara di utilizzare anche Google e gli altri motori di ricerca per cercare i riferimenti alle aziende generati in Rete, o per integrare il monitoraggio fatto con gli altri sistemi. La media del budget destinato ai servizi esterni per le attività di monitoraggio è relativamente bassa, circa USD, anche se una specificazione del report indica che la maggior parte delle aziende del campione non spende nulla mentre altre arrivano a spendere fino a USD. Anche sul versante delle risorse umane dedicate la media su base annua è piuttosto bassa, con solo circa 570 ore di lavoro uomo dedicate, anche se il range ancora una volta è significativo andando da 0 a ore di lavoro destinate al monitoraggio delle conversazioni in Rete (Primary Research Group, 2012). 3

4 I sistemi I sistemi che vengono utilizzati per questo tipo di indagini dalle aziende che si occupano di analisi dei social media sono dei sistemi molto complessi, con una diversa, in alcuni casi forte, componente statistica, e schematicamente possono essere rappresentati in questo modo: un sistema di raccolta dei contenuti creati giornalmente dagli utenti nelle fonti, ossia nei social media, di solito selezionate dopo una mappatura che individua i luoghi della rete in cui avvengono le conversazioni, costituito da uno o più spider, spesso proprietari che setacciano blog, forum e siti, e da connettori che utilizzano le API messe a disposizione dalle piattaforme più diffuse (Facebook, Twitter, Youtube, Google+); delle procedure di analisi che hanno lo scopo di interpretare i testi, distinguere i post pertinenti, immagazzinandoli in un database, per poi selezionarli e valutarli in funzione dell indagine avviata; dei software che raggruppano, misurano e visualizzano le informazioni sintetizzandole in un formato significativo e comprensibile per il committente. Ogni azienda sviluppa i propri sistemi sia informatici sia statistici per individuare le fonti e raccogliere, selezionare e valutare i testi, in sostanza però questi sistemi di ascolto della rete possono essere sinteticamente fatti risalire a due scuole di pensiero sulla base delle tecniche utilizzate per effettuare la fase di analisi: 1) la prima considera sistemi completamente automatici nei quali l analisi è basata su dizionari ontologici che hanno la funzione di comprendere il significato dei testi raccolti determinandone la pertinenza e assegnandoli a delle categorie in base alle quali vengono definiti il tono, ossia il sentiment che l utente social vuole esprimere con quel commento, e calcolate le varie metriche interessanti per il committente, (vedi Fig. 1). Un esempio non sofisticato di questo tipo di sistemi, liberamente disponibile in Rete è SocialMention (SocialMention, 2012). Figura 1: Sistemi completamente automatici 4

5 2) La seconda è costituita invece da sistemi nei quali la fase di analisi è assistita o interamente effettuata da persone con la funzione di redattori analisti. Questa seconda metodologia a sua volta può essere declinata in almeno due varianti, in base al tipo di intervento richiesto ai redattori umani : a) In alcuni sistemi i redattori hanno il compito di addestrare il software di analisi statistica predisponendo un set di casi conosciuti. Lo staff è chiamato ad operare su un campione, un test set, di circa 1000 post recuperati dai siti social che vengono analizzati singolarmente, classificati e assegnati a delle categorie che possono rappresentare i valori del sentiment (positivo, negativo, neutro o non pertinente), oppure possono rappresentare le possibili risposte ad una o più domande, ad esempio quali sono i vantaggi del libro cartaceo e dell ebook? È tangibile per il primo, è più efficiente per il secondo. Una volta assegnati i post del test set alle categorie, il team di redattori, sulla base del metodo definito da due studiosi dell università di Harvard, Daniel J. Hopkins e Gary King per l analisi dei testi (Hopkins & King, 2010), individua nei post le parole chiave, la cui presenza, successione e frequenza permette di esprimere l opinione riconducibile alla categoria a cui è stato assegnato il post. Addestrato in questo modo il sistema, la formula viene applicata a tutto il set di post raccolto, da cui si ottiene il risultato complessivo, relativo anche a milioni di post, (vedi Fig. 2). Un esempio di questo sistema è VoicesFromTheBlogs, uno spin-off dell Università degli studi di Milano (Voices from the Blogs, 2012c). Figura 2: Sistemi con redattori umani - variante a) 5

6 b) La seconda variante riguarda sistemi nei quali il ruolo dei redattori è più incisivo e determinante per l analisi dei post sia nella fase di addestramento del software di analisi, sia nella fase di analisi finale, condotta valutando singolarmente tutti i post risultati pertinenti e rilevanti dai software. Dopo che uno o più spider hanno prelevato in modo continuo e personalizzato in base alla ricerca, i post da migliaia di fonti selezionate dallo staff, un software di indicizzazione effettua la deduplicazione dei post selezionando solo quelli che hanno subito delle variazioni significative rispetto alle copie catturate nei precedenti passaggi, verifica la presenza delle parole chiave su cui viene condotta la ricerca e li salva nel database assegnandoli alle rassegne, ossia alle diverse indagini, che l azienda sta conducendo per i diversi clienti. Successivamente un software di analisi statistica, addestrato dallo staff di redattori con metodologia e algoritmi simili a quelli utilizzati nei sistemi descritti al precedente punto a), effettua la classificazione dei post secondo un certo numero di categorie predefinite e prepara gli articoli della rassegna per la fase finale dell analisi, nella quale intervengono ancora una volta i redattori. I componenti dello staff di redattori, per mezzo di una interfaccia dedicata, considerano ogni singolo post valutandone la pertinenza, il tono e l importanza rispetto ad esempio ad una crisi in corso. I redattori possono intervenire modificando le scelte effettuate dai software di indicizzazione e classificazione; selezionano i post più importanti e rappresentativi, approvandoli e preparandoli per l invio dei report al cliente secondo i tempi stabiliti, realizzando una vera e propria rassegna della Rete. Il cliente potrà poi accedere ai post selezionati e ai grafici anche attraverso una interfaccia dedicata, (vedi Fig. 3). Un esempio di questo sistema è il servizio realizzato e offerto dalla Image Builiding Digital (2012) di Milano. Figura 3: Sistemi con "redattori umani" - variante b) 6

7 L importanza del fattore umano La differenza quindi tra le due scuole di pensiero risiede proprio nel fatto che per la lettura, la comprensione, la classificazione e l attribuzione del sentiment alle notizie, ai post e alle opinioni espresse dagli utenti dei forum, i primi sistemi svolgono queste operazioni in modo completamente automatico avvalendosi di dizionari ontologici, mentre i secondi, parzialmente automatici o quasi artigianali, ritagliati sulle precise esigenze e caratteristiche del cliente, le stesse operazioni sono svolte del tutto o in parte da redattori in carne e ossa. La presenza dei redattori nella fase dell analisi consente, di comprendere e interpretare in modo corretto le sfumature del pensiero umano, come ad esempio l ironia, il sarcasmo, plauso, dialettismi frequenti nella lingua italiana, (Sarti, 2012), l utilizzo di lingue diverse e di abbreviazioni tipiche del linguaggio giovanile e geek (ad esempio LOL per Lots of Laugh) per non parlare delle emoticon utilizzate per sottolineare o cambiare il senso del messaggio, tutti aspetti interpretabili con difficoltà dai sistemi che utilizzano per queste attività dei dizionari ontologici. Senza considerare che le opinioni non sono espresse in rete secondo una scala di gradimento ordinata, come mi piace, non mi piace ecc., ma utilizzando il linguaggio naturale, i prodotti di tale azienda sono buoni, ma trovarli è un terno al lotto (Voices from the Blogs, 2012b) Un tipo di post abbastanza frequente, che potrebbe trarre in inganno un sistema automatico di comprensione semantica, è rappresentato dall utilizzo di termini positivi associati a termini o espressioni negative, come ad esempio ma che bella fregatura (Curini, Iacus, & Porro, 2012) dove il termine bella è positivo mentre fregatura ha una connotazione negativa, oppure bravi! bravi! bravi! La SEA mi ha restituito le valigie fradice! o ancora Complimenti AdR! a commento di un disservizio. 1 La massa di dati non strutturati che viene, come abbiamo visto, creata e diffusa quotidianamente in Rete, costituisce un sovraccarico informativo nel quale trovare informazioni significative tra le molte spesso irrilevanti è difficile per chiunque e richiede molto tempo. A questo proposito un analista della Dow Jones Co., Jonathan Spira sostiene che per avviare e condurre correttamente una ricerca, è necessario lavorare con un insieme di informazioni che siano state valutate e validate da redattori, bibliotecari e altri professionisti dal punto di vista della qualità. Professionisti preparati sono in grado di pre-separare il grano dalla pula rendendo più probabile la buona riuscita della ricerca (Murtland & Ricou-Bellan, 2010, p. 16). Non è un caso quindi che in aziende nelle quali queste ricerche sono condotte con una cura e un attenzione quasi artigianale, pur supportata dalla tecnologia, come la Image Building Digital di Milano, lo staff sia costituto per la maggior parte da laureati in discipline umanistiche, dei quali in questo caso ben tre sono laureati in Archivistica e Biblioteconomia. La Social Media analysis per le istituzioni culturali Le istituzioni culturali in generale, in particolare musei e biblioteche che per loro natura sono maggiormente rivolti ad un pubblico di visitatori e lettori e all interazione con essi tramite strumenti, servizi e iniziative sociali, potrebbero trarre da queste modalità di monitoraggio e rilevazione delle conversazioni che si creano nei social media, informazioni molto interessanti e utili. Ad esempio, le istituzioni potrebbero rilevare la reputazione di cui godono presso il pubblico, da presentare alle proprie amministrazioni per giustificare le attività e i finanziamenti, ma soprattutto conoscere le opinioni sul funzionamento dei servizi, sul gradimento delle iniziative culturali, sull adeguatezza delle collezioni e in generale per rilevare i bisogni del pubblico a cui si rivolgono. 1 Si tratta di commenti a disavventure patite nell ambito dei viaggi aerei, la SEA è la Società Esercizi Aeroportuali che gestisce gli aeroporti di Milano, mentre la AdR è la società Aeroporti di Roma. 7

8 Come alternativa a un sondaggio condotto tramite un questionario su una serie di tematiche limitate da un numero non eccessivo di domande a cui viene chiesto di rispondere ad un numero ristretto di persone rappresentate dal campione, in un periodo di tempo determinato, il monitoraggio delle conversazioni nei social media ad esempio consentirebbe: di avere le opinioni nel momento in cui vengono veramente espresse, invece di conoscere quelle di un mese fa, di ascoltare ciò che le persone dicono, non quello che si vuole sentire, raccogliere le opinioni dell intera popolazione che utilizza i social media, non solo di un campione ristretto. In sostanza mentre un sondaggio rappresenta una visione statica della realtà fissata ad un dato momento, come può essere un istantanea, il monitoraggio dei social media può essere paragonato ad un film in streaming (Voices from the Blogs, 2012a), che permetterebbe alle istituzioni di avere una visione continua delle opinioni del pubblico nei social media. Di contro, questo tipo di indagine riguarderebbe solo gli utilizzatori dei social media e porterebbe ad escludere dalla raccolta di opinioni quelle fasce di popolazione soggette al digital divide, per che per età (anziani e giovanissimi) oppure per ragioni sociali, culturali o economiche non hanno accesso alla tecnologia o non utilizzano gli spazi sociali del web. Restano a questo punto da verificare le condizioni perché questo tipo di indagine possa venire attuata nell ambito delle Istituzioni culturali, identificare gli strumenti e valutare le reali possibilità di realizzazione. Con una rapida ricerca, condotta sia con i mezzi messi a disposizione da una delle aziende che si occupano di social media analysis, la Image Building Digital, sia utilizzando uno dei software liberamente accessibili in Rete, come SocialMention, abbiamo cercato di effettuare una sorta di carotaggio negli spazi sociali della Rete per verificare l effettiva possibilità di utilizzo e l utilità di questi metodi di indagine nell ambito delle Istituzioni culturali. In sostanza nella prima fase sono state individuate alcune Istituzioni culturali o degli eventi che disponessero di un nome riconoscibile, per intenderci sistema bibliotecario urbano del comune di Milano è un brand difficilmente utilizzato negli spazi social, rintracciabile e isolabile nella massa di dati e informazioni che abbiamo visto circolare in Rete, a differenza ad esempio di nomi come British Library, oppure Salaborsa, che risultano di più facile identificazione da parte dei sistemi di indicizzazione e riconoscimento della pertinenza. Le istituzioni e gli eventi selezionati per effettuare i test di ricerca e analisi sono stati quindi: British Library, Salaborsa, Ripartire dalla cultura, Braidense, Sormani, Marciana, Museo della scienza e della tecnologia, Europeana, Idea Store e Bibliostoria. Nella tabella seguente sono elencati il numero di contenuti, post, articoli, video ecc. rilevati dai due sistemi in tutte le fonti programmate e disponibili. È da segnalare un comportamento non costante di SocialMention nel numero di post recuperati, numero che poteva variare effettuando la stessa ricerca a distanza di pochi minuti, probabilmente a seconda della disponibilità delle fonti in cui eseguire la ricerca. Istituzioni ed eventi SocialMention / one shot anytime Image Building Digital / 3 giorni di monitoraggio British Library Salaborsa Ripartire dalla cultura Braidense

9 Biblioteca Braidense (solo SM) Sormani Biblioteca Sormani (solo SM) Marciana Biblioteca Marciana (solo SM) Museo della scienza e della tecnologia Europeana N/R Idea Store N/R Bibliostoria 2 N/R Numero dei post rilevati nel corso dell'indagine condotta da IBDigital e con il sw SocialMention Risulta subito evidente l esiguità del numero di post rilevato dai due sistemi, soprattutto se rapportata con l intensità di utilizzo dei social media, in costante crescita. Le aziende che si occupano di monitoraggio, hanno infatti indicato che la massa critica di post, tweet e articoli necessari per avviare un servizio che dia qualche risultato significativo, deve arrivare e magari superare le unità. Ne consegue che l esiguità numerica riscontrata nel corso di questo carotaggio nei social media, rappresenta la mancanza di una massa critica di dati necessaria a rendere significativa l operazione e non giustifica la spesa per commissionare un monitoraggio sistematico degli spazi sociali, visto che, anche in una ipotetica versione educational, tale spesa potrebbe ammontare a diverse migliaia di euro all anno. Potrebbe risultare invece utile per le istituzioni culturali utilizzare dei software di libero accesso, come ad esempio può essere SocialMention (http://www.socialmention.com), per effettuare periodicamente una rassegna che raccolga ciò che dell Istituzione si dice e si pensa in rete. Tale attività potrebbe configurarsi come mera raccolta di post e conversazioni che andrebbero poi censite e valutate dal personale dell istituzione. Le aziende di social media analysis con cui abbiamo collaborato, nel corso della loro attività hanno rilevato che circa il 70% dei contatti effettuati sui siti web aziendali, e una buona parte dell attività in Rete relativa alle aziende per cui hanno effettuato ricerche, proviene da Facebook. Per favorire le conversazioni fra gli utenti dei social media, questa rilevazione, unitamente alla relativa numerosità dei post ottenuta per la British Library nel corso di questa ricerca, istituzione che governa una pagina Facebook molto attiva e propositiva, porta a indicare come accorgimento utile per le istituzioni culturali attivare una presenza costante nei social media, che andrebbero utilizzati in modo proattivo e non solo come bacheca su cui appendere gli avvisi degli eventi in calendario e gli orari di apertura, ma creando un canale di comunicazione con gli utenti costantemente presidiato, così come le aziende hanno spostato negli spazi sociali i servizi clienti. 9

10 Riferimenti Bibliografici Tutte le risorse disponibili in Rete sono state verificate l ultima volta il 14 giugno Bernasconi, Gaia. (2012). Mamme 2.0 al lavoro sui social media: co-creazione di valore tra consapevolezza e sfruttamento. [online]. Centro studi di etnografia digitale. <http://bit.ly/w7b4a9>. Blanchard, Olivier. (2012). Social Media ROI. Sfruttare le tecnologie Social e Viral per fare profitto in azienda. Milano: Hoepli. Centro studi di etnografia digitale. (2012). Chi siamo. [online]. <http://www.etnografiadigitale.it/chi-siamo/>. Cosenza, Vincenzo. (2012). Social media ROI. Milano: Apogeo. Curini, Luigi, Stefano Iacus, e Giuseppe Porro. (2012). Voices from the Blogs. Presentation, [pdf, slides, online]. <http://bit.ly/yc1rkx>. Domo, Inc. (2012). Business Intelligence Resources. Data never sleeps. [online]. <http://www.domo.com/learn/7/236#videos-and-infographics>. emarketer. (2012). Facebook Helps Get One in Fie People Worldwide Socializing on Online Networks. [online]. <http://www.webcitation.org/6hdwsvivu>. Hopkins, Daniel J., e Gary King. (2010). A method of automated non parametric content analysis for Social Science. American Journal of Political Science, 54(1), Image Building Digital. (2012). IBD. Image Building Digital. Strategie di comunicazione e marketing. [online]. <http://www.imagebuildingdigital.it/>. ITU. (2013). The World in 2013: ICT Facts and Figures [pdf, online]. International Telecommunication Unit. Geneva. <http://www.webcitation.org/6hawoxism>. Murtland, Martin, e Brigitte Ricou-Bellan. (2010). Successful Paths to Knowledge ROI. Information Outlook, 14(8), Nmincite. (2012). The social media report. State of the media. [pdf, online]. Nielsen. <http://blog.nielsen.com/nielsenwire/social/>. Primary Research Group. (2012). The survey of corporate practices in monitoring the company reputation on the Internet. New York: Primary Research Group Inc. Sarti, Samanta. (2012). Discorso sulla metodologia umana a monte e a valle della programmazione di un software di ricerca delle fonti. [unpublished work]. Image Building Digital. Milano. SocialMention. (2012). Real Time social media search and analysis. [online]. <http://www.socialmention.com/>. Solis, Brian. (2012). Prefazione. In V. Cosenza, Social media ROI. Milano: Apogeo. 10

11 Voices from the Blogs. (2012a). About. Voices from the Blogs. [online]. <http://bit.ly/wdof3n>. Voices from the Blogs. (2012b). FAQ. Voices from the Blogs. [online]. <http://bit.ly/xh6yfe>. Voices from the Blogs. (2012c). Libro o ebook? Che fine farà l odore dei libri? [online]. <http://voicesfromtheblogs.com/2012/03/30/book-o-ebook/>. Riferimenti per le immagini utilizzate nelle Figure Ho Yeow Hui. (2013) desktop-computer-with-statistic-charts-in-a-web-browser.jpg. [immagine, online]. 123RF. <http://bit.ly/13cfdug>. Moseley-Labordus, Veronique. (2007). The analyst.jpg. [immagine, online]. Flickr. <http://www.flickr.com/photos/ozpic/ />. Snell, Steven. (2008). frombloggertoinfluencer.jpg. [immagine online]. Extending Your Reach from Blogger to Influencer: 12 Practical Tips. <http://bit.ly/16f45mw>. Voices from the Blogs. (2012). Spoletta-tras.jpg. [immagine, online]. Chi siamo. <http://voicesfromtheblogs.com/chi-siamo/>. 11

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet

Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Promuovere con successo un attività utilizzando Internet Il piano operativo Quando si opera su Web non ci si deve lanciare in operazioni disorganizzate valutando solamente i costi. È fondamentale studiare

Dettagli

PicoWeb è un sistema di monitoraggio Web e Social, in tempo reale, basato su tecnologia proprietaria che aiuta l'utente finale a fare ordine nella

PicoWeb è un sistema di monitoraggio Web e Social, in tempo reale, basato su tecnologia proprietaria che aiuta l'utente finale a fare ordine nella PicoWeb è un sistema di monitoraggio Web e Social, in tempo reale, basato su tecnologia proprietaria che aiuta l'utente finale a fare ordine nella gran mole di dati disomogenei provenienti dalla rete.

Dettagli

Social Media Marketing per hotel

Social Media Marketing per hotel Social Media Marketing per hotel Agenda Il Social Media Marketing per hotel Pianificare una strategia social Facebook per strutture ricettive: consigli e suggerimenti Come promuovere un hotel su Google

Dettagli

La ricerca estensiva Perché?

La ricerca estensiva Perché? RICERCA ESTENSIVA La ricerca estensiva Perché? Per misurare e validare in termini estensivi la percezione e decodifica da parte dei soggetti destinatari; ma anche per segmentarli in modo appropriato Per

Dettagli

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it Web & Social Big Data Monitoring and Analysis www.web-live.it 1 Ascolto e analisi del web e dei social Le 7 buone ragioni 1. Valutare e misurare l efficacia della propria comunicazione 2. Scoprire le tendenze

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

Corso Social Media Marketing

Corso Social Media Marketing Corso Social Media Marketing Imparare a fare Business con i Social Network PRESENTAZIONE DEL CORSO IL CORSO IN SOCIAL MEDIA MARKETING DI ALTA FORMAZIONE PRATICA BY SWEB TI DA L OPPORTUNITA DI IMPARARE

Dettagli

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012

Netnografia e PA. Social PA:come se la cava la PA sui social network. Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Social PA:come se la cava la PA sui social network Netnografia e PA Forum PA Roma, 28 Maggio 2012 Netnografia, business intelligence & insight discover è un servizio di Viralbeat realizzato in esclusiva

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Analizzare il listening per monitorare il sentiment e pianificare correttamente l attività di Social Media e Digital Pr Agenda Ci presentiamo! MM One Group

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Misurare i SOCIAL MEDIA

Misurare i SOCIAL MEDIA www.blogmeter.it Misurare i SOCIAL MEDIA Vincenzo Cosenza @vincos 1 Agenda Il panorama dei social media nel mondo e in Italia Il ROI dei Social Media Un framework per la misurazione e le tecniche di misurazione.

Dettagli

2012 Extreme srl riproduzione riservata

2012 Extreme srl riproduzione riservata Web & Social Media: il BIG DATA* Le aziende devono gestire il BIG DATA perché è attraverso di esso che sviluppano relazioni con i clienti, riscontrano e gestiscono la customer satisfaction, studiano e

Dettagli

Blog. Per un blog di successo: Sfrutta i Motori di Ricerca (MdR) e le Directory per ottenere visibilità e monitorare la blogosfera.

Blog. Per un blog di successo: Sfrutta i Motori di Ricerca (MdR) e le Directory per ottenere visibilità e monitorare la blogosfera. BLOG, Motori di Ricerca e Motori Motori Motori Motori Motori Motori Motori di di di di di di di Ricerca Ricerca Ricerca Ricerca Ricerca Ricerca Ricerca e e e e e e e www.qualitascuola.com/bdc www.qualitascuola.com/bdc

Dettagli

Rilancia il tuo business con il web 2.0

Rilancia il tuo business con il web 2.0 Rilancia il tuo business con il web 2.0 Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Qualche anno fa. Media di ieri e di oggi Oggi: fruizione di contenuti senza vincoli 2 Gli old media Generalisti Occasionali

Dettagli

[ PIANO DI SOCIAL MEDIA MONITORING ]

[ PIANO DI SOCIAL MEDIA MONITORING ] 2011 Titolo del documento: Piano di Social Media Monitoring Periodo di riferimento: Da Agosto 2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 30/08/2011 [ PIANO DI SOCIAL MEDIA MONITORING

Dettagli

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network

FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network + FACEBOOK IN TOURISM Destinazioni turistiche e Social Network A cura di Roberta Garibaldi e Roberto Peretta Ed. FrancoAngeli 2011 I contenuti generati dagli utenti hanno oggi una riconosciuta importanza

Dettagli

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te

Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Chi, Cosa, Come, Quando e Dove parlano di te Analizzare il listening per monitorare il sentiment e pianificare correttamente l attività di Social Media e Digital Pr Mauro Cunial, Amministratore Delegato

Dettagli

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali OmnicomExpo, Roma 14 maggio 2009 Viralbeat Viral Beat è un centro media 2.0, specializzato nell attivazione di campagne di seeding strategico.

Dettagli

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini

Linkedin IN PILLOLE. rimani aggiornato dal tuo network. Leonardo Bellini Linkedin IN PILLOLE rimani aggiornato dal tuo network Leonardo Bellini Sommario Benvenuto Personalizzare la diffusione delle attività Alla scoperta di Pulse Influencer e autori su LinkedIn I vantaggi di

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING

INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING INTRODUZIONE SOCIAL MEDIA MARKETING FIRENZE, 13 APRILE 2013 Nicola Carmignani @nicocarmigna www.nicolacarmignani.it PRESENTAZIONI Nicola Carmignani @nicocarmigna Blog: Uno Spreco di Bit! www.nicolacarmignani.it

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

PRESS, WEB, SOCIAL: l'ascolto multicanale per una comunicazione integrata

PRESS, WEB, SOCIAL: l'ascolto multicanale per una comunicazione integrata Gianfranco Bozzetto Business Development Mimesi Viviana Venneri Responsabile Marketing Blogmeter PRESS, WEB, SOCIAL: l'ascolto multicanale per una comunicazione integrata Un habitat complesso per le aziende

Dettagli

1 gennaio 25 ottobre 2015. @blogmeter

1 gennaio 25 ottobre 2015. @blogmeter 1 gennaio 25 ottobre 2015 @blogmeter Blogmeter: chi siamo Dal 2007 leader in Italia nella social media intelligence (SMI) 150+ report realizzati nel 2014 110+ clienti nel 2014 3 sedi: Milano, Roma e Torino

Dettagli

SOCIAL MEDIA E TURISMO

SOCIAL MEDIA E TURISMO SOCIAL MEDIA E TURISMO L EVOLUZIONE DEL MERCATO: LA RIVOLUZIONE DIGITALE Lo scenario attuale è in costante cambiamento, i social media stanno modificando il nostro modo di guardare il mondo invadendo quasi

Dettagli

Indagine ABI Banche e Social media

Indagine ABI Banche e Social media Indagine ABI Banche e Social media ABI e KPMG Advisory ABI, con la collaborazione di KPMG Advisory, ha recentemente realizzato un indagine presso il settore per conoscere la diffusione e le prospettive

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

La comunicazione sul web. Tommaso Armati

La comunicazione sul web. Tommaso Armati La comunicazione sul web Tommaso Armati Che lavoro faccio? Per gli esperti del settore Content Manager, Web Editor, Social Media Manager, Digital Strategist Per gli amici Consulente per i contenuti sul

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

PROGETTO EDITORI DIGITALI

PROGETTO EDITORI DIGITALI PROGETTO EDITORI DIGITALI SPUNTI DI RIFLESSIONE PER L EDITORIA SPECIALIZZATA CHE LAVORA SUL WEB MagNews, soluzioni per l email marketing MagNews è la business unit di Diennea specializzata in email marketing

Dettagli

VENDERE CON I CONTENUTI

VENDERE CON I CONTENUTI VENDERE CON I CONTENUTI Nuove strategie digital per le Aziende Milano > Giugno 2015 SPIN-OFF DI web_idea_mktg PREMESSA 2008 Crisi finaziaria 2004 Nasce il WEB 2.0 2 date cruciali PREMESSA 2008 É innegabile!

Dettagli

Strategia PERSONAL BRANDING. Relatore: Giovanni Dalla Bona

Strategia PERSONAL BRANDING. Relatore: Giovanni Dalla Bona Strategia PERSONAL BRANDING Relatore: Giovanni Dalla Bona TODAY, IN THE AGE OF THE INDIVIDUAL, YOU HAVE TO BE YOUR OWN BRAND. HERE'S WHAT IT TAKES TO BE THE CEO OF ME INC. Tom Peters (1997) YOUR BRAND

Dettagli

MONITORARE I SOCIAL MEDIA. Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica

MONITORARE I SOCIAL MEDIA. Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica MONITORARE I SOCIAL MEDIA Davide Bennato Università di Catania dbennato@unict.it @tecnoetica Marco Mengoni e i social media La social television La classifica dei vincitori di Sanremo ricalca quella delle

Dettagli

Marketing 2.0 Web & social media marketing

Marketing 2.0 Web & social media marketing 1 Marketing 2.0 Web & social media marketing Progetto per lo sviluppo di traffico UTILE sul proprio dominio. Walter Garzena Introduzione 2 Il Web-Marketing 2.0 è caratterizzato da un elevata dinamicità

Dettagli

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato

Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale. 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Strumenti per i Social Media a supporto del Marketing Digitale 23 Novembre 2015 Antonio Parlato Contesto Social Convivenza Utenti e Brand Nuovi canali, nuove figure professionali (spesso incomprensibili)

Dettagli

Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI

Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI Fare business sul web: 5 regole fondamentali per le PMI Impresa 2.0 Bologna, 8 giugno 2011 Chi sono Mi occupo di marketing online dal 2000 Digital Marketing Manager freelance da aprile 2011 Blogger dal

Dettagli

Cosa contraddistingue Mimesi

Cosa contraddistingue Mimesi Cosa contraddistingue Mimesi Mimesi ha tra i suoi azionisti Digital Magics, uno dei più grandi incubatori di start-up nel mercato italiano Mimesi fa parte del gruppo DBInformaton, leader nei servizi di

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Anna Maria Tononi Forum PA 2012 WEB 2.0: USER GENERATED CONTENT Chiunque può creare e distribuire contenuti o "viralizzare quelli di altri Cambia il paradigma

Dettagli

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag.

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag. 1 L obiettivo di questo e-book è quello di creare uno strumento semplice ma molto utile per comprendere quali sono le opportunità per raggiungere e premiare i propri consumatori attraverso i concorsi a

Dettagli

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media

Roma. 10 11 Luglio. Docenti RUDY BANDIERA. Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI. Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Roma 10 11 Luglio 16h di Corso Intensivo Docenti RUDY BANDIERA Web Marketing Manager e Giornalista RICCARDO SCANDELLARI Esperto in Strategie di Marketing nei nuovi media Powered by Il web è conversazione.

Dettagli

Copyright 2015 all rights reserved

Copyright 2015 all rights reserved Agenda Ci presentiamo! MM One Group s.r.l. Web Marketing di difesa e di conquista Listening e Sentiment: uno strumento di conquista Dall ascolto della rete alle conversioni Quel tassello dell ecosistema

Dettagli

Firenze, Aprile 2014 Tecnologia & Comunicazione «l Outfit» e il «Look» per un Fashion vincente

Firenze, Aprile 2014 Tecnologia & Comunicazione «l Outfit» e il «Look» per un Fashion vincente GRUPPO TELECOM ITALIA Firenze, Aprile 2014 Tecnologia & Comunicazione «l Outfit» e il «Look» per un Fashion vincente UN PO DI CONTESTO.. Il Fashion online in Italia 9 MLN Gli efashionshopper in Italia

Dettagli

BRANDS & SOCIAL MEDIA

BRANDS & SOCIAL MEDIA BRANDS & SOCIAL MEDIA Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia a cura di OssCom Centro di Ricerca sui Media e la Comunicazione dell Università Cattolica per Digital PR

Dettagli

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB BUSINESS 2.0 LAB Laboratorio operativo sui nuovi strumenti di Business, Marketing & Reputationper aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende SCENARIO Oggi il percorso di acquisto e informazione

Dettagli

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line

Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Social Media: Nuovi modelli di Marketing e Vendita on-line Enrico Bertoldo Marketing Director Stefano Marongiu Customer Segment Manager Andrej Crnjaric Social Media Specialist 2009 Amadeus IT Group SA

Dettagli

Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE

Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE La rete è dinamica E GOVERNMENT BIGDATA PHOTO SHARING HEALTHCARE MOBILE STARTUP SOCIAL TV E INTERNET INTERNET OF THINGS GAMES GEOREFERENCE

Dettagli

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK www.mycityweb.info IDEA INNOVATIVO SERVIZIO WEB/APP PER LA RICERCA DINEGOZI, RISTORANTI, PRODOTTI/SERVIZI ALL INTERNO DELL ECOSISTEMA CITTADINO. AVVICINARE LE PERSONE AI

Dettagli

UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE

UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE UVB COMMUNICATION DALLA CARTA ALLA RETE Gabriele Pasetti, Ufficio Comunicazione Unione Veneta Bonifiche CONFERENZA ORGANIZZATIVA A.N.B.I. 2013 ALGHERO, 8-10 MAGGIO 2013 L informazione in rete èimmediata,

Dettagli

Processi. Social Media Web Blog Siti di news Forum. KPI Benchmark Dinamiche di rete (SNA) Alert Sentiment analysis Influencers detractor Social CRM

Processi. Social Media Web Blog Siti di news Forum. KPI Benchmark Dinamiche di rete (SNA) Alert Sentiment analysis Influencers detractor Social CRM Premessa Il mondo della comunicazione negli ultimi anni si è arricchito di numerosi strumenti che vengono utilizzati da un numero crescente di soggetti che si parlano, discutono, giudicano ed influiscono

Dettagli

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione

Focus. Prima dell avvento del web: marketing dell interruzione Da dove si comincia? Come orientarsi nella grande quantità di risorse, distinguere le informazioni rilevanti da quelle non rilevanti, quelle aggiornate da quelle scadute, verificarne l attendibilità. Avere

Dettagli

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con

STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS. in collaborazione con STRATEGIE DIGITALI PER IL BUSINESS in collaborazione con FACEBOOK PER IL BUSINESS MODULO BASE A giugno 2014 Facebook festeggia 30 milioni di piccole imprese attive con una pagina aziendale sui propri canali.

Dettagli

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE

L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE PRESENTAZIONE N #2 L ERA DIGITALE E LE NUOVE TENDENZE DELLA COMUNICAZIONE 30 novembre 2015 SOMMARIO #1. LO SCENARIO NELL ERA DIGITALE #2. DALLA RECLAME ALLA WEB REPUTATION #3. DALL OUTBOUND MARKETING ALL

Dettagli

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing

Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Promuovi la tua attività gratuitamente su INTERNET: il Social Media Marketing Nethics siti internet e SMM C.so Stati Uniti 72 - Susa (TO) manutenzione@nethics.it - Tel.: 0122/881266 Programma del corso

Dettagli

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 10 CONTATTI 01 ABOUT Il Network di GruppoFacile GruppoFacile

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

persone notizie sedi diventa partner certificazioni

persone notizie sedi diventa partner certificazioni persone notizie sedi diventa partner certificazioni Il più grande mercato del mondo Ready for the social business? L unione fa il Business! The time for mobile is now Il business prima di tutto Materialize

Dettagli

Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata

Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata CLASSIFICA GENERALE La classifica è stata redatta ponderando i parametri quantitativi estrapolati nel mese di analisi (maggio 2014): in particolare

Dettagli

SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA

SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA 2 INDICE 1. BRAND E SOCIAL NETWORK 2. L AVVENTO DEI BIG DATA 3. LA SENTIMENT ANALYSIS 4. METODOLOGIE 1 BRAND E SOCIAL

Dettagli

ONLINE BRAND REPUTATION SETTORE RISTORAZIONE

ONLINE BRAND REPUTATION SETTORE RISTORAZIONE ONLINE BRAND REPUTATION SETTORE RISTORAZIONE SOMMARIO 1. ANALISI PRELIMINARE PANEL DI OSSERVAZIONE, FONTI, PRIME EVIDENZE... 3 2. ANALISI QUALITATIVA... 4 3. FOCUS ROADHOUSE GRILL... 6 3.1 Roadhouse Grill

Dettagli

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche

Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche Fondazione Minoprio - corso ITS Tecnico Superiore per la filiera delle nuove produzioni vegetali e florovivaistiche I social media Facebook La maggior parte dei proprietari di piccole aziende hanno dichiarato

Dettagli

VIRAL MARKETING PRESENTAZIONE

VIRAL MARKETING PRESENTAZIONE VIRAL MARKETING PRESENTAZIONE 2015 CHI SIAMO 1 BloggerItalia è un aggregatore di Blogger, una piattaforma capace di mettere in contatto le Aziende che intendono far conoscere e promuovere brand, iniziative,

Dettagli

Web Listening Ascolto della rete

Web Listening Ascolto della rete Web Listening Ascolto della rete Social Media Analysis & Research. L evoluzione della ricerca applicata ai mercati conversazionali. Come individuare le opportunità di un ascolto strategico della Rete.

Dettagli

Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0. Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net

Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0. Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net Re-impararea comunicare grazie alle nuove opportunità offerte dal Web 2.0 Nicola Mandich - Excogita s.r.l. www.excogita.net Il Computer più nuovo al mondo non può che peggiorare, grazie alla sua velocità,

Dettagli

Comunicazione Social per il Non Profit

Comunicazione Social per il Non Profit WEB 2.0 Comunicazione Social per il Non Profit Federica Vangelisti Marzo - Giugno 2014 Cos e` il Web 2.0? E` l insieme delle applicazioni online che permettono un elevato livello di interazione tra l utente,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK Chiara Corberi Fabio Magnano sommario 1. profilo privato vs profilo pubblico 2. il profilo privato 2.1. ottimizzare il tuo profilo privato 2.2. personalizza il tuo

Dettagli

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS Sia che vogliate un nuovo sito completo e aggiornato secondo i nuovi criteri

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 2: PIANO DI COMUNICAZIONE ONLINE Tina Fasulo CRISI DEL MODELLO 1 A MOLTI La moltiplicazione dei contenuti digitali e distribuzione dell attenzione su molteplici canali

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING:

SOCIAL MEDIA MARKETING: SOCIAL MEDIA MARKETING: Il valore della relazione Giovanna Montera Comunic/Azione. Comunicare oggi fra Narrazioni e Nuove Tecnologie 24 Gennaio 2013 é una social media company specializzata nell analizzare

Dettagli

RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo

RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo Analisi delle linee di sviluppo della radiofonia in Internet RadioTv Forum 2012 di Aeranti-Corallo 1 Sommario 1) Recall intervento RadioTv Forum 2011 2) Elementi di contesto 3) Social radio: come? 4) Proposta

Dettagli

Web e lavoro: il futuro è social?

Web e lavoro: il futuro è social? Web e lavoro: il futuro è social? Come sfruttare i nuovi canali di comunicazione nella ricerca attiva del lavoro A cura di Paolo Vallicelli 28 Maggio 2014 Le possibilità lavorative offerte dai canali NON

Dettagli

Caratteristiche Offerta

Caratteristiche Offerta Introduzione Caratteristiche Offerta No contratto Il servizio è a canone mensile, senza nessun obbligo di rinnovo (disdetta 30gg). E prevista l assistenza e piccole modifiche, 8 ore/5 giorni a settimana.

Dettagli

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013 Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 INDAGINE Introduzione: obiettivi

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

Social Media Contest per il brand?

Social Media Contest per il brand? Social Media Contest per il brand? Come far conoscere il tuo marchio ad un target interessato con una strategia basata sull interazione. Tempo di lettura: 8 minuti Livello: introduttivo Per essere sempre

Dettagli

Social tools Renzo Tondo 2013. @kornfeind

Social tools Renzo Tondo 2013. @kornfeind Social tools Renzo Tondo 2013 @kornfeind Premessa: 1. I Social Network si confermano strumento di marketing non convenzionale e di mediazione tra contenuti e utenti online. Il ruolo fino ad oggi ricoperto

Dettagli

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale A13 Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065

Dettagli

ONLINE BRAND REPUTATION MSC CROCIERE

ONLINE BRAND REPUTATION MSC CROCIERE ONLINE BRAND REPUTATION MSC CROCIERE SOMMARIO 1. ANALISI PRELIMINARE FONTI E OUTLOOK GENERALE... 3 2. ANALISI QUANTITATIVA... 5 2.1 DEFINIZIONE DEI CLUSTER... 5 2.2 DISTRIBUZIONE DEI CLUSTER PER BRAND...

Dettagli

Definizioni e Differenze

Definizioni e Differenze Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore:Andrea Baioni abaioni@andreabaioni.it Definizioni e Differenze 2 Marketing tradizionale Il marketing è buon senso applicato sistematicamente (A.Galgano)

Dettagli

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano.

#ridieassapori è in linea con i nuovi bisogni e tendenze delle persone mosse dalla necessità di avere le informazioni sempre a portata di mano. In futuro non andremo più in ricerca di notizie, saranno le notizie a trovare noi, oppure saremo noi stesse a crearle. E quel futuro è già iniziato (Socialnomics) #ridieassapori racchiude l obiettivo principale

Dettagli

Il Social Media Marketing: introduzione all uso dei social media nella comunicazione d impresa

Il Social Media Marketing: introduzione all uso dei social media nella comunicazione d impresa Il Social Media Marketing: introduzione all uso dei social media nella comunicazione d impresa CODICE CORSO: CMISM Conoscere le caratteristiche dei principali social networks e imparare a utilizzare i

Dettagli

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di:

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: DAVVERO GRANDI. INDICE google ADWORDS 4 facebook & TWITTER 8 Il meglio del Web Marketing... GOOGLE AdWOrds

Dettagli

DIGITAL MARKETING PER IL B2B Social Media Marketing parte 2

DIGITAL MARKETING PER IL B2B Social Media Marketing parte 2 DIGITAL MARKETING PER IL B2B Social Media Marketing parte 2 Ing. Maria Elena Milani maryinprogress@gmail.com +39 3404920480 1 Indice generale YOUTUBE...3 I vantaggi di un canale aziendale YouTube...5 Cosa

Dettagli

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni

Facebook in numeri. mobile. utenti. applicazioni. interazioni Facebook in numeri mobile Più di 350 MILIONI DI UTENTI accedono a Facebook attraverso device mobili. utenti Più di 800 MILIONI DI UTENTI ATTIVI. Il 50% di loro si logga ogni giorno e ha una media di 130

Dettagli

La politica di diffusione dell Istituto nazionale di statistica

La politica di diffusione dell Istituto nazionale di statistica La politica di diffusione dell Istituto nazionale di statistica La strategia di diffusione è parte del programma di modernizzazione dell Istat Stat2015 Le azioni chiave: profilare gli utenti per offrire

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Futuro e Innovazione: PR tradizionali e Influencer Marketing

Futuro e Innovazione: PR tradizionali e Influencer Marketing IAB Forum 14 Futuro e Innovazione: #AugureInfluencer Blog. augure.com/it/blog : @augureitalia Irene Cau Country Manager Italia Tutto Cambia, tutto si Evolve Anche la Comunicazione & le PR 2 In passato,

Dettagli

Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it

Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it Lo scenario mondiale Fonte: We are social Lo scenario italiano Fonte: We are social La gestione dei contenuti Il mito da sfatare: dei Social

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

Indice. Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1

Indice. Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1 Premessa Prefazioni... xi... xiii Parte I L e-voluzione del marketing: il nuovo approccio al mondo digitale... 1 Capitolo 1 La trasformazione digitale e la sfida per le organizzazioni... 3 1.1 Premessa...

Dettagli

INDEX 1. HAGAKURE 2. CLIENTI 3. MANAGEMENT 4. SERVIZI

INDEX 1. HAGAKURE 2. CLIENTI 3. MANAGEMENT 4. SERVIZI INDEX 1. HAGAKURE 2. CLIENTI 3. MANAGEMENT 4. SERVIZI 5. CASE HISTORY 5.1. FIAT. Quelli che Bravo 5.2. Casa Vinicola Zonin 5.3. Babelgum 5.4. Terre des Hommes e le blog-stars 5.5. La Fiat 500 e i blogger

Dettagli

L'uso dei Social Media tra i giuristi d'impresa. I risultati del primo studio del settore e le implicazioni nel campo del Legal Marketing

L'uso dei Social Media tra i giuristi d'impresa. I risultati del primo studio del settore e le implicazioni nel campo del Legal Marketing L'uso dei Social Media tra i giuristi d'impresa I risultati del primo studio del settore e le implicazioni nel campo del Legal Marketing segretaria24.it L utilizzo dei Social Media tra i professionisti

Dettagli

BENVENUTI! Corso di Web Marketing

BENVENUTI! Corso di Web Marketing BENVENUTI! Corso di Web Marketing PRESENTIAMOCI Chi siamo? I DOCENTI : Barbara Gorlini - Marketing, Communication & Digital PR Fabio Dell Orto - Web Marketing, SEO&SEM E TU? raccontaci. Le tue aspettative

Dettagli