Inesigibilità dell indennità di mancato preavviso e contratto di appalto ceduto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Inesigibilità dell indennità di mancato preavviso e contratto di appalto ceduto"

Transcript

1 Inesigibilità dell indennità di mancato preavviso e contratto di appalto ceduto Autore: Sangiorgi Giuliana In: Diritto del lavoro, Note a sentenza Sintesi : L'indennità di mancato preavviso del licenziamento non era esigibile nei confronti dell'impresa committente dal momento che il contratto d'appalto era già cessato prima del licenziamento del lavoratore, per cui il credito in questione non deriva dalla prestazione lavorativa resa nell'esecuzione del contratto d'appalto IL CASO Il lavoratore depositava ricorso al Tribunale, chiedendo di accertarsi e dichiarasi il suo diritto al riconoscimento della qualificadirigenziale a far tempo dal gennaio 1997 ovvero da altra data, e di accertare l invalidità, inefficacia o illegittimità del licenziamento intimatagli dalla società resistente conconseguente condanna della stessa al pagamento delle maggiori retribuzioni dovute per tale superiore inquadramento, della indennità di mancato di preavviso, della indennità supplementare di cui all'articolo 19 del c.c.n.l. dei dirigenti di aziende industriali nella misura massima di 22 mensilità, nonchè della somma di euro ,92, asseritamentedovuta a titolo di incidenza sul t.f.r. delle predette differenze retributive, della indennità sostitutiva di preavviso e della indennità supplementare.chiedeva in subordine che venisse accertata la riconducibilità delle mansioni svolte a quelle di quadro ex articolo 23 del c.c.n.l. per i dipendenti delle industrie alimentari, conconseguente condanna della convenuta al pagamento delle somme a titolo di differenze retributive; ed instava, infine, per il riconoscimento della illegittimità del licenziamento concondanna della societa' alla reintegrazione nel posto di lavoro ed al risarcimento del danno nella misura minima di cinque mensilita' e/o al pagamento delle retribuzioni dalla datadel licenziamento sino allo effettivo reintegro con i relativi contributi previdenziali. Il Tribunale ha accolto 1 di 5

2 parzialmente la richiesta del ricorrente,dichiarando l'inefficacia del licenziamentoimpugnato e per l'effetto condannava la società alla reintegra del ricorrente nel posto di lavoro nonchè al pagamento in suo favore delle retribuzioni dalla data del licenziamentosino alla effettiva reintegrazione oltre rivalutazione monetaria ed interessi. Accertava inoltre il diritto del ricorrente alla inquadramento nella qualifica di quadro a partire dal 1 gennaio 1997, con la conseguente condanna al pagamento delle differenze tra le retribuzioni corrisposte e quelle spettanti in virtù dell'inquadramento riconosciuto nel periodo dal27 dicembre 2000 sino al 1 aprile 2002 da quantificarsi tenuto conto della prescrizione quinquennale. Avverso tale sentenza la società proponeva appello principale, deducendo la erroneità del riconoscimento del diritto del lavoratore alla retrodatazione del suo inquadramentoquale quadro e della dichiarazione della illegittimità del licenziamento, ed a sua volta il lavoratore spiegava appello incidentale al fine di ottenere il riconoscimento del suo dirittoallo inquadramento quale dirigente. La Corte d'appello di Roma respingeva l'appello principale limitatamente ai motivi riguardanti l'impugnazione del licenziamento,e respingeva il gravame incidentale. Avverso tale sentenza la società propone ricorso per cassazione ed il lavoratore propone ricorso incidentale. La Corte di Cassazione riunisce i ricorsi e li rigetta. IL COMMENTO 2 di 5

3 L art. 29 del D.Lgs. 276 del 2003 ha introdotto nel nostro ordinamento il principio della responsabilità solidale fra committente e appaltatore in favore dei lavoratori. In particolare, il 2 comma della norma, sancisce chein caso di appalto di opere o di servizi il committente imprenditore o datore di lavoro è obbligato in solido con l appaltatore. La norma, attualmente, stabilisce che: «Salvo diversa disposizione dei contratti collettivi nazionali sottoscritti da associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente piu' rappresentative del settore che possono individuare metodi e procedure di controllo e di verifica della regolarita' complessiva degli appalti, in caso di appalto di opere o di servizi, il committente imprenditore o datore di lavoro e' obbligato in solido con l'appaltatore, nonche' con ciascuno degli eventuali subappaltatori entro il limite di due anni dalla cessazione dell'appalto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, comprese le quote di trattamento di fine rapporto, nonche' i contributi previdenziali e i premi assicurativi dovuti in relazione al periodo di esecuzione del contratto di appalto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni civili di cui risponde solo il responsabile dell'inadempimento. Il committente imprenditore o datore di lavoro e' convenuto in giudizio per il pagamento unitamente all'appaltatore e con gli eventuali ulteriori subappaltatori. Il committente imprenditore o datore di lavoro puo' eccepire, nella prima difesa, il beneficio della preventiva escussione del patrimonio dell'appaltatore medesimo e degli eventuali subappaltatori. In tal caso il giudice accerta la responsabilita' solidale di tutti gli obbligati, ma l'azione esecutiva puo' essere intentata nei confronti del committente imprenditore o datore di lavoro solo dopo l'infruttuosa escussione del patrimonio dell'appaltatore e degli eventuali subappaltatori. Il committente che ha eseguito il pagamento puo' esercitare l'azione di regresso nei confronti del coobbligato secondo le regole generali» La norma - definita dalla dottrina anche come una «moltiplicazione dei centri di imputazione» della responsabilità patrimoniale solidale, per cui il lavoratore impiegato nell'ambito di un subappalto può rivolgere le proprie pretese creditorie nei confronti - oltre che del proprio datore di lavoro subappaltatore - anche del committente, nonché dell'appaltatore e di tutti gli eventuali subappaltatori collocati «a monte» del subappalto per il quale egli ha prestato la sua opera (Diritto delle Relazioni Industriali, fasc.1, 2009, pag. 91,Umberto Carabelli)-configura un obbligazione solidaleche coinvolge committente e appaltatore ha 3 di 5

4 ad oggetto anche il pagamento dei trattamenti retributivi e dei contributi previdenziali dovuti dall appaltatore (nonché dagli eventuali subappaltatori) ai lavoratori. Presupposto dell applicabilità di tale norma, è, evidentemente, la sussistenza del contratto di appalto. La giurisprudenza di merito ha precisato che la responsabilità solidale del committente ex art. 29, comma 2, d.lg. 10 settembre 2003 n. 276, sussiste per 2 anni dalla cessazione dell'appalto e che il fatto generatore della responsabilità solidale del committente è l'esistenza del contratto di appalto e la prestazione lavorativa dei dipendenti nell'ambito del medesimo (Trib. Milano, 22 dicembre 2008). La pronuncia in commento contribuisce a chiarire quali siano i limiti del vincolo di solidarietà esistente tra appaltatore e committente nei confronti dei lavoratori per i crediti di lavoro vantati da questi ultimi nei confronti del primo. La Corte di Cassazione ha, infatti, stabilito che non è configurabile la responsabilità solidale del committente per il credito del dipendente dell'appaltatore per indennità di mancato preavviso per il licenziamento comunicato successivamente alla cessazione dell'appalto, in quanto il credito non è relativo a prestazione resa in esecuzione del medesimo contratto di appalto, ma conseguente ad una autonoma scelta del datore di lavoro di interrompere il rapporto. Muovendo dall assunto che il contratto d appalto era cessato ancor prima che il rapporto di lavoro venisse autonomamente risolto dal datore di lavoro per ragioni affatto connesse all esecuzione dell appalto intercorso fra lo stesso datore di lavoro e la società committente, viene negata la configurabilità della responsabilità solidale tra committente ed appaltatore. Anche perché, osservano i giudici di legittimità, nella motivazione del licenziamento non è emerso alcun collegamento causale tra il licenziamento stesso e la cessazione dell appalto. 4 di 5

5 Pertanto, qualora il licenziamento sia del tutto indipendente dai rapporti intercorrenti fra committente ed appaltatore non è configurabile la responsabilitàsolidale del committente per il credito del dipendente dell'appaltatore per indennità di mancato preavviso per il licenziamento comunicato successivamente alla cessazione dell'appalto, in quanto il credito non è relativo a prestazione resa in esecuzione del medesimo contratto di appalto, ma conseguente a una autonoma scelta del datore di lavoro di interrompere il rapporto. V è da osservare, tuttavia, che la decisione sembra imperniata sulla mancanza della prova di un nesso causale tra il recesso e l appalto la cui esistenza avrebbe invece potuto consentire l applicabilità delle disposizioni di cui all art. 29 Dlgs 276/2003. https://www.diritto.it/inesigibilita-dell-indennita-di-mancato-preavviso-e-contratto-di-appalto-ceduto/ 5 di 5

APPALTO E SOMMINISTRAZIONE

APPALTO E SOMMINISTRAZIONE 11 dicembre 2012 APPALTO E SOMMINISTRAZIONE A cura dell Avv. Mauro Nebiolo Vietti Studio Associato Nebiolo Vietti Negrini e Associati Torino via Brofferio 1 www.studionvn.it 1 ELEMENTI DISTINTIVI DELL

Dettagli

RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI

RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI 1. L articolo 29, comma 2, del decreto legislativo n.276/2003: disciplina vigente ed evoluzione normativa 1.1 La disciplina vigente Il contratto di appalto e servizi

Dettagli

APPALTI. Regimi di solidarietà

APPALTI. Regimi di solidarietà APPALTI Regimi di solidarietà Viste le recenti e numerose modifiche che regolano la solidarietà negli appalti, di seguito forniamo un riepilogo delle normative che regolano tale responsabilità del committente

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 13 del IL REGIME DI SOLIDARIETA NEGLI APPALTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N. 13 del IL REGIME DI SOLIDARIETA NEGLI APPALTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N. 13 del 16.10.2013 IL REGIME DI SOLIDARIETA NEGLI APPALTI PREMESSA Il regime di solidarietà negli appalti è stato interessato negli ultimi mesi

Dettagli

RESPONSABILITA IN SOLIDO DELL APPALTATORE A CURA U.O. LAVORO E PREVIDENZA - GIUGNO 2008

RESPONSABILITA IN SOLIDO DELL APPALTATORE A CURA U.O. LAVORO E PREVIDENZA - GIUGNO 2008 RESPONSABILITA IN SOLIDO DELL APPALTATORE A CURA U.O. LAVORO E PREVIDENZA - GIUGNO 2008 LE NORME L'appaltatore risponde in solido con il subappaltatore della effettuazione e del versamento delle ritenute

Dettagli

A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi. Reggio Emilia, lì 17 dicembre 2014 CIRCOLARE N. 51/2014

A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi. Reggio Emilia, lì 17 dicembre 2014 CIRCOLARE N. 51/2014 Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Dott.ssa Monica Pazzini Reggio Emilia, lì 17 dicembre 2014

Dettagli

Anno 2013 N. RF233. La Nuova Redazione Fiscale RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I DEBITI RETRIBUTIVI E CONTRIBUTIVI

Anno 2013 N. RF233. La Nuova Redazione Fiscale RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I DEBITI RETRIBUTIVI E CONTRIBUTIVI Anno 2013 N. RF233 www.redazionefiscale.it ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale Pag. 1 / 5 OGGETTO RESPONSABILITÀ SOLIDALE PER I DEBITI RETRIBUTIVI E CONTRIBUTIVI RIFERIMENTI DL 76/2013 CONV. IN L. 99/2013;

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO PIROLI

STUDIO ASSOCIATO PIROLI STUDIO ASSOCIATO PIROLI Commercialisti - Avvocato Mediatori - Revisori Contabili P.za Caduti di Via Fani, 31 03100 FROSINONE Tel. e Fax +39 0775/855781--0775/859337-0775/210264 e-mail info@piroli Partita

Dettagli

Appalto, debiti tributari e responsabili solidale

Appalto, debiti tributari e responsabili solidale RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 35 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, come modificato dall articolo 13-ter del D.L. 22 giugno 2012, n. 83 (convertito con L. 7 agosto 2012, n. 134) Comma 28 e 28-ter, art. 35, D.L.

Dettagli

RESPONSABILITA E CORRESPONSABILITA TRA COMMITTENTI ED IMPRESE NEGLI APPALTI DI LAVORI CASSA EDILE PISA - AREA DURC ON LINE E APPALTI

RESPONSABILITA E CORRESPONSABILITA TRA COMMITTENTI ED IMPRESE NEGLI APPALTI DI LAVORI CASSA EDILE PISA - AREA DURC ON LINE E APPALTI RESPONSABILITA E CORRESPONSABILITA TRA COMMITTENTI ED IMPRESE NEGLI APPALTI DI LAVORI La responsabilità solidale negli appalti Per responsabilità solidale negli appalti, di natura contributiva e retributiva,

Dettagli

Periodico informativo n. 95/2013. Responsabilità solidale negli appalti: ambito applicativo

Periodico informativo n. 95/2013. Responsabilità solidale negli appalti: ambito applicativo Periodico informativo n. 95/2013 Responsabilità solidale negli appalti: ambito applicativo Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto

Dettagli

La Responsabilità Solidale negli Appalti

La Responsabilità Solidale negli Appalti La Responsabilità Solidale negli Appalti Direzione relazioni industriali Udine, 30 ottobre 2013 Ambito di applicazione» la responsabilità solidale si applica ai contratti di appalto ex art. 1655 c.c. sia

Dettagli

Responsabilità solidale dell appaltatore: le modifiche del DL n. 83/2012 (art. 13 ter DL n. 83/2012, Legge n. 134/2012)

Responsabilità solidale dell appaltatore: le modifiche del DL n. 83/2012 (art. 13 ter DL n. 83/2012, Legge n. 134/2012) Responsabilità solidale dell appaltatore: le modifiche del DL n. 83/2012 (art. 13 ter DL n. 83/2012, Legge n. 134/2012) Con il DL n. 83/2012, convertito con legge n. 134/2012 il legislatore ha introdotto

Dettagli

Al datore di lavoro il legislatore imputa una serie di obblighi tra i quali:

Al datore di lavoro il legislatore imputa una serie di obblighi tra i quali: L art. 2094 individua l imprenditore come colui alle dipendenze del quale il prestatore di lavoro svolge la sua attività intellettuale e manuale e collabora nell impresa. L imprenditore datore di lavoro

Dettagli

Giornata di Approfondimento per i Lavori in Edilizia. Pisa, 26 maggio 2016

Giornata di Approfondimento per i Lavori in Edilizia. Pisa, 26 maggio 2016 Giornata di Approfondimento per i Lavori in Edilizia Pisa, 26 maggio 2016 L Intervento Sostitutivo Giornata di Approfondimento per i Lavori in Edilizia Pisa, 26 maggio 2016 L Intervento Sostitutivo Il

Dettagli

e, per conoscenza, Solidarietà contributiva in materia di appalti. Ricognizione normativa - Indicazioni operative

e, per conoscenza, Solidarietà contributiva in materia di appalti. Ricognizione normativa - Indicazioni operative Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Vigilanza Prevenzione e Contrasto all'economia Sommersa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Coordinamento Generale Legale Roma, 10/08/2012

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI RESPONSABILITA SOLIDALE TRA APPALTANTE, APPALTATORE E SUBAPPALTATORE. 01/07/2008 www.studiolaplaca.it

NOVITA IN MATERIA DI RESPONSABILITA SOLIDALE TRA APPALTANTE, APPALTATORE E SUBAPPALTATORE. 01/07/2008 www.studiolaplaca.it NOVITA IN MATERIA DI RESPONSABILITA SOLIDALE TRA APPALTANTE, APPALTATORE E SUBAPPALTATORE A.1 Solidarietà passiva dei debitori attiva dei creditori A.2 Solidarietà passiva debitori soggetti plurimi medesima

Dettagli

Speciale Referendum CGIL Sentenza Corte Costituzionale, 11 gennaio 2017

Speciale Referendum CGIL Sentenza Corte Costituzionale, 11 gennaio 2017 Newsletter Wikilabour.it Il grande dizionario dei diritti dei lavoratori annotato con la giurisprudenza Speciale Referendum CGIL Sentenza Corte Costituzionale, 11 gennaio 2017 Il referendum sulla responsabilità

Dettagli

RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE (O APPALTANTE) E DELL APPALTATORE

RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE (O APPALTANTE) E DELL APPALTATORE RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE (O APPALTANTE) E DELL APPALTATORE A cura dell U. O. Lavoro e Previdenza Settembre 2006 PRIMA PARTE L APPALTO L APPALTO è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione

Dettagli

APPALTI: LIMITATA LE RESPONSABILITÀ SOLIDALE TRA APPALTATORE E SUBAPPALTATORE

APPALTI: LIMITATA LE RESPONSABILITÀ SOLIDALE TRA APPALTATORE E SUBAPPALTATORE APPALTI: LIMITATA LE RESPONSABILITÀ SOLIDALE TRA APPALTATORE E SUBAPPALTATORE a cura Federico Gavioli Il decreto legge 3 giugno 2008, n. 97, convertito dalla legge 2 agosto 2008, n. 129, modifica nuovamente

Dettagli

Circolare n. 37 dell 8 ottobre 2013 INDICE

Circolare n. 37 dell 8 ottobre 2013 INDICE Circolare n. 37 dell 8 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti.

Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti. Bologna, 05/03/2013 Circolare n. 4/2013 Oggetto: Responsabilità solidale negli appalti. A seguito della circolare n. 2/E dell 1 marzo 2013 dell Agenzia delle Entrate, che ha precisato e risposto ad alcune

Dettagli

Responsabilità solidale IVA nei contratti di appalto ulteriori note

Responsabilità solidale IVA nei contratti di appalto ulteriori note ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 23 12 OTTOBRE 2013 Responsabilità solidale IVA nei contratti di appalto ulteriori note Copyright

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2017

SENTENZA N. 27 ANNO 2017 Sentenza 27/2017 Giudizio Presidente GROSSI - Redattore MORELLI Camera di Consiglio del 11/01/2017 Decisione del 11/01/2017 Deposito del 27/01/2017 Pubblicazione in G. U. Norme impugnate: Ammissibilità

Dettagli

Reintegra del lavoratore ammissibile anche se l azienda è fallita

Reintegra del lavoratore ammissibile anche se l azienda è fallita Reintegra del lavoratore ammissibile anche se l azienda è fallita Cassazione Civile, sez. lavoro, sentenza 03/02/2017 n 2975 Una nota di Giuseppina Mattiello in caso di fallimento dell impresa datrice

Dettagli

Sulla indennità di mobilità e di mancato preavviso (Cass. n /2012)

Sulla indennità di mobilità e di mancato preavviso (Cass. n /2012) Sulla indennità di mobilità e di mancato preavviso (Cass. n. 24159/2012) Autore: Rinaldi Manuela In: Diritto del lavoro, Note a sentenza Massima L articolo 7, comma 12 della legge n. 223/1991, rinvia alla

Dettagli

Soppressione posto di lavoro e licenziamento individuale

Soppressione posto di lavoro e licenziamento individuale Soppressione posto di lavoro e licenziamento individuale Autore: Staiano Rocchina In: Diritto del lavoro, Note a sentenza Massima: Ai fini della legittimità del licenziamento per giustificato motivo oggettivo,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO AULA '13' REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Oggetto:.k-Ayektubfrt iniaaig/ ijo 4 twotzoomvc I R.G.N.

Dettagli

La Responsabilità Solidale negli Appalti. Direzione relazioni industriali

La Responsabilità Solidale negli Appalti. Direzione relazioni industriali La Responsabilità Solidale negli Appalti Direzione relazioni industriali Reggio Emilia, 30 aprile 2015 Ambito di applicazione» la responsabilità solidale si applica ai contratti di appalto ex art. 1655

Dettagli

AREA TEMATICA: Osservatorio Giurisprudenziale Giurisprudenza di Merito Centro Studi

AREA TEMATICA: Osservatorio Giurisprudenziale Giurisprudenza di Merito Centro Studi AREA TEMATICA: Osservatorio Giurisprudenziale Giurisprudenza di Merito Centro Studi INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI NELL AREA TEMATICA 1. Segnalazione del 21.11.2010 avv.loredana Rondelli Studio Legale avv.

Dettagli

MEMORANDUM n. 14/2016 RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI DI MANO D OPERA

MEMORANDUM n. 14/2016 RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI DI MANO D OPERA MEMORANDUM n. 14/2016 RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI DI MANO D OPERA Roma, dicembre 2016 A cura del Gruppo di Lavoro: Previdenza Obbligatoria e Complementare - Area Commercialista del Lavoro CONSIGLIERE

Dettagli

Lavoro accessorio e responsabilità solidale appalti: le abrogazioni in Gazzetta

Lavoro accessorio e responsabilità solidale appalti: le abrogazioni in Gazzetta CIRCOLARE A.F. N. 41 del 21 Marzo 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Lavoro accessorio e responsabilità solidale appalti: le abrogazioni in Gazzetta Gentile cliente, la informiamo che con il DL n. 25 del

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione) 1. Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro

Art. 1 (Campo di applicazione) 1. Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro Art. 1 (Campo di applicazione) 1. Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dalla data di

Dettagli

INPS. Istruzioni per la fruizione da parte delle aziende agricole dell incentivo in caso di assunzione di lavoratori beneficiari dell indennità ASpI

INPS. Istruzioni per la fruizione da parte delle aziende agricole dell incentivo in caso di assunzione di lavoratori beneficiari dell indennità ASpI INFORMATIVA N. 241 07 LUGLIO 2014 27 INPS Istruzioni per la fruizione da parte delle aziende agricole dell incentivo in caso di assunzione di lavoratori beneficiari dell indennità ASpI Circolare n. 81

Dettagli

Art. 3 Licenziamento per giustificato motivo e giusta causa. indice Art. 4 Vizi formali e procedurali. indice

Art. 3 Licenziamento per giustificato motivo e giusta causa. indice Art. 4 Vizi formali e procedurali. indice Schema di decreto legislativo in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183 Recante disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti INDICE Art. 1 Campo di applicazione

Dettagli

Omissione contributiva: per la prescrizione decennale è sufficiente una denuncia generica all INPS

Omissione contributiva: per la prescrizione decennale è sufficiente una denuncia generica all INPS Omissione contributiva: per la prescrizione decennale è sufficiente una denuncia generica all INPS Con riguardo alla disciplina introdotta dalla legge n. 335 del 1995, che riduce a cinque anni, a decorrere

Dettagli

Tutele crescenti L articolazione degli indennizzi progressivi. (a cura di Renzo La Costa)

Tutele crescenti L articolazione degli indennizzi progressivi. (a cura di Renzo La Costa) Tutele crescenti L articolazione degli indennizzi progressivi (a cura di Renzo La Costa) Oltre all ordine del giudice al reintegro del lavoratore, l indennizzo dovuto per il licenziamento illegittimo in

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE. ha pronunciato la seguente SENTENZA

SENTENZA N. 27 ANNO 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE. ha pronunciato la seguente SENTENZA SENTENZA N. 27 ANNO 2017 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente: Paolo GROSSI; Giudici : Giorgio LATTANZI, Aldo CAROSI, Marta CARTABIA,

Dettagli

Riforma del Lavoro: come cambia la disciplina dei licenziamenti

Riforma del Lavoro: come cambia la disciplina dei licenziamenti CIRCOLARE A.F. N. 108 del 17 Luglio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del Lavoro: come cambia la disciplina dei licenziamenti Premessa In data 03.07.2012 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DEL LAVORO DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DEL LAVORO DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DEL LAVORO DEL TRIBUNALE ORDINARIO DI TRENTO terminata la discussione orale, pronunzia, mediante lettura in udienza pubblica, la presente S E

Dettagli

Licenziamenti individuali e collettivi: il nuovo sistema sanzionatorio. LavoroFisco.it

Licenziamenti individuali e collettivi: il nuovo sistema sanzionatorio. LavoroFisco.it LavoroFisco.it Il D.Lgs. n. 23/2015 sul contratto a tutele crescenti, attuativo del Jobs Act, in vigore dal 7 marzo 2015 riscrive il sistema sanzionatorio per i licenziamenti individuali e collettivi di

Dettagli

STATO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AL 24 GIUGNO 2008 IN MATERIA DI RESPONSABILITA TRA GLI OPERATORI ECONOMICI

STATO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AL 24 GIUGNO 2008 IN MATERIA DI RESPONSABILITA TRA GLI OPERATORI ECONOMICI STATO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AL 24 GIUGNO 2008 IN MATERIA DI RESPONSABILITA TRA GLI OPERATORI ECONOMICI IMPIEGATI NELL ESECUZIONE DI CONTRATTI DI APPALTO E/O SUB APPALTO DI LAVORI PUBBLICI E PRIVATI

Dettagli

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015

RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI. Milano 29 ottobre 2015 RESPONSABILITA DEI LAVORATORI DEL SETTORE DEL CREDITO E DELLE ASSICURAZIONI Milano 29 ottobre 2015 DECRETO LEGISLATIVO N.23/2015, ATTUATIVO DELLA LEGGE N. 183/2014 (JOBS ACT) NUOVE NORME SUI LICENZIAMENTI:

Dettagli

Licenziamento individuale

Licenziamento individuale Licenziamento individuale La regola generale affermata dalla legge 604/66 (come modificata dalla legge 108/90) è quella della necessaria sussistenza di una giusta causa o di un giustificato motivo per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (GENTILONI SILVERI)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (GENTILONI SILVERI) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 4373 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (GENTILONI

Dettagli

Il lavoratore che avanza somme dal proprio datore di lavoro per stipendi,

Il lavoratore che avanza somme dal proprio datore di lavoro per stipendi, di ANTONIO BUSTO Il lavoratore che avanza somme dal proprio datore di lavoro per stipendi, TFR o per ogni altra causa deve stare attento a non cadere in prescrizione ; in tal caso, infatti, perde il diritto

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LA NORMATIVA IN TEMA DI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

CAPITOLO PRIMO LA NORMATIVA IN TEMA DI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI Indice PARTE PRIMA I LICENZIAMENTI INDIVIDUALI CAPITOLO PRIMO LA NORMATIVA IN TEMA DI LICENZIAMENTI INDIVIDUALI 1. L evoluzione della disciplina 2. La legge di riforma 11 maggio 1990, n.108 3. Il campo

Dettagli

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale

Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Mancato versamento di ritenute dei dipendenti: come evitare la condanna penale Se paga le ritenute previdenziali dei lavoratori, il datore è libero dalla condanna. Il versamento deve avvenire entro 3 mesi

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO Proposta n. 2016-0000139 del 22/03/2016 OGGETTO OGGETTO: AREA 1 - RISORSE UMANE Contenzioso. Tribunale Civile di Teramo, Sezione Lavoro. L.I. contro

Dettagli

Reg. Imprese di TARANTO n REA n sito web:

Reg. Imprese di TARANTO n REA n sito web: Circolare 8/2012 Sava lì 25 Ottobre 2012 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi OGGETTO: RESPONSABILITA SOLIDALE CONTRATTI APPALTO/SUBAPPALTO ART.13-TER DEL D.L. 83/2012 Egregio Cliente, L art.13-ter

Dettagli

Fiscal News N. 22. Appalti: abrogata la responsabilità solidale. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 22. Appalti: abrogata la responsabilità solidale. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 22 23.01.2015 Appalti: abrogata la responsabilità solidale Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Con l articolo 28, commi da 1 a 3 del Decreto

Dettagli

Le pillole di APPALTO E SOMMINISTRAZIONE. Area Lavoro. Notizie, commenti, istruzioni ed altro Numero Direttore responsabile: Edi Sommariva

Le pillole di APPALTO E SOMMINISTRAZIONE. Area Lavoro. Notizie, commenti, istruzioni ed altro Numero Direttore responsabile: Edi Sommariva Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Numero 4-2008 Direttore responsabile: Edi Sommariva APPALTO E SOMMINISTRAZIONE Area Lavoro a cura di Silvio Moretti e Federico Salis L appalto e la

Dettagli

Oggetto: Lavoro Responsabilità negli appalti D.M , n. 74, su G.U. n. 90 del

Oggetto: Lavoro Responsabilità negli appalti D.M , n. 74, su G.U. n. 90 del Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 - tel. 06/8559151 - fax 06/8415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 22 aprile 2008

Dettagli

Anno 2012 N.RF183. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2012 N.RF183. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2012 N.RF183 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI - NOVITA' RIFERIMENTI ART. 13-TER DL 83/2012 - ART. 4 C. 31 L.

Dettagli

CIRCOLARE DELLO STUDIO

CIRCOLARE DELLO STUDIO Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

SLIDES 27 novembre 2013 Gianluca Spolverato Maurizio Pesenti

SLIDES 27 novembre 2013 Gianluca Spolverato Maurizio Pesenti SLIDES 27 novembre 2013 Gianluca Spolverato Maurizio Pesenti LA GESTIONE DEI FORNITORI DI LAVORO PER RISOLVERE I PROBLEMI DELLA TERZIARIZZAZIONE DI COSA PARLIAMO 1. LA SOLIDARIETA PER IL PAGAMENTO DELL

Dettagli

Accordo in sede sindacale: non valido se il sindacato non informa il lavoratore (Cass. n /2013)

Accordo in sede sindacale: non valido se il sindacato non informa il lavoratore (Cass. n /2013) Accordo in sede sindacale: non valido se il sindacato non informa il lavoratore (Cass. n. 24024/2013) Autore: Rinaldi Manuela In: Diritto del lavoro, Note a sentenza Massima L accordo tra il dipendente

Dettagli

(Avv.ti A. GUARISO, L. NERI e M. LAVANNA) CONTRO LAVORIN SOC. COOP. (Avv. BONI ANDREA)

(Avv.ti A. GUARISO, L. NERI e M. LAVANNA) CONTRO LAVORIN SOC. COOP. (Avv. BONI ANDREA) N.R.G. 1890/2016 TRIBUNALE DI BERGAMO Sez. monocratica del lavoro VERBALE EX ART. 429 C.P.C. In composizione monocratica, nella persona della dott.ssa Monica Bertoncini, a scioglimento della riserva assunta

Dettagli

Anno CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 23 dicembre 1986, n Superminimo - Assorbimento

Anno CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 23 dicembre 1986, n Superminimo - Assorbimento Anno 1986 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 23 dicembre 1986, n. 7868 Superminimo - Assorbimento CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 22 dicembre 1986, n. 7859 Cassa integrazione guadagni a zero ore - Effetti 1

Dettagli

JOBS ACT E L. 92/2012 DISCIPLINE A CONFRONTO

JOBS ACT E L. 92/2012 DISCIPLINE A CONFRONTO JOBS ACT E L. 92/2012 DISCIPLINE A CONFRONTO Via Porta Est 35-30020 Marcon (Ve)Tel e fax: 0413096433 Mail: federica.russo@alice.it; Pec: federica.russo@venezia.pecavvocati.it; Legge Fornero vs Jobs Act

Dettagli

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2009, n. 135/E

RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2009, n. 135/E RISOLUZIONE - AGENZIA ENTRATE - 28 maggio 2009, n. 135/E OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Cessione ramo d azienda - Somme liquidate al dipendente per effetto

Dettagli

L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti. 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini

L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti. 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini L incidenza degli elementi accessori sugli istituti indiretti 25 settembre 2014 Relatore: avv. Alessia Bellini 1 Gli elementi accessori Le indennità (ad esempio, estero, disagiata sede, sostitutiva delle

Dettagli

Il nuovo contratto a termine

Il nuovo contratto a termine Il nuovo contratto a termine Di Paolo Pizzuti Il contratto a termine come eccezione L articolo 1, comma 1 del decreto legislativo 368/2001 (come modificato dall articolo 1, comma 39, della legge 247/2007)

Dettagli

RESPONSABILITA SOLIDALE DELL APPALTATORE

RESPONSABILITA SOLIDALE DELL APPALTATORE RESPONSABILITA SOLIDALE DELL APPALTATORE AGENZIA DELLE ENTRATE Circolare n. 2/E del 1 marzo 2013 Art. 13 ter del D.L. 83/2012 convertito in L. 134/2012 (c.d. Decreto crescita) La complessa materia della

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise. (Sezione Prima) SENTENZA N. 00569/2011 REG.PROV.COLL. N. 00606/2000 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Molise (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Il revirement (capovolgimento) della Cassazione sulla indennità sostitutiva della RELAZIONE

Il revirement (capovolgimento) della Cassazione sulla indennità sostitutiva della RELAZIONE Avvocato Marco De Bellis Venerdì 21 marzo 2014 (ore 11-30 13,00) IX Congresso Giuridico Forense (Santo Spirito in Saxia Roma) Il revirement (capovolgimento) della Cassazione sulla indennità sostitutiva

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Decreto del Ministero dell economia e delle finanze 25 febbraio 2008, n. 74 Regolamento concernente l'art. 35, commi da 28 a 34, del D.L. 04/07/2006, n 223, convertito, con modificazioni, dalla Legge 04/08/2006,

Dettagli

La tutela dei crediti da lavoro. Dott.ssa Sabrina Cherubini

La tutela dei crediti da lavoro. Dott.ssa Sabrina Cherubini La tutela dei crediti da lavoro Dott.ssa Sabrina Cherubini Quale retribuzione spetta al lavoratore? Quella indicata dal CCNL applicato in azienda e richiamato nel contratto individuale di lavoro. Il CCNL

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TERAMO Proposta n. 2017-0000095 del 06/04/2017 OGGETTO AREA 1 - RISORSE UMANE - Contenzioso. Tribunale Civile di Teramo, Sezione Lavoro. G.R. contro Provincia

Dettagli

Il regime sanzionatorio del licenziamento invalido. Diritto d'impresa: politiche e gestione del rapporto di lavoro

Il regime sanzionatorio del licenziamento invalido. Diritto d'impresa: politiche e gestione del rapporto di lavoro Il regime sanzionatorio del licenziamento invalido Le tutele Le tutele Fatta salva l area del recesso ad nutum, per il licenziamento privo di giusta causa o di giustificato motivo erano previsti regimi

Dettagli

I contratti di lavoro dipendente dopo l approvazione della riforma Fornero

I contratti di lavoro dipendente dopo l approvazione della riforma Fornero I contratti di lavoro dipendente dopo l approvazione della riforma Fornero Oggi 18 luglio 2012 entra in vigore la legge 92 del 28 giugno 2012 Disposizioni in materia di riforme del mercato del lavoro in

Dettagli

SECONDA SEZIONE GIURISDIZIONALE CENTRALE D APPELLO

SECONDA SEZIONE GIURISDIZIONALE CENTRALE D APPELLO Corte Conti, Sez. II Giur. Centr. Appello, 16.01.2015 n. 10; Materia: indennità integrativa speciale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SECONDA SEZIONE GIURISDIZIONALE CENTRALE

Dettagli

MANSIONI E IUS VARIANDI

MANSIONI E IUS VARIANDI MANSIONI E IUS VARIANDI Inquadramento dei lavoratori Categorie legali: Art. 2095 c.c. Categorie dei prestatori di lavoro. I prestatori di lavoro subordinato si distinguono in dirigenti, quadri, impiegati

Dettagli

Fallimento del datore di lavoro e competenza del giudice Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza n (Manuela Rinaldi)

Fallimento del datore di lavoro e competenza del giudice Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza n (Manuela Rinaldi) Fallimento del datore di lavoro e competenza del giudice Cassazione civile, sez. lavoro, sentenza 02.02.2010 n. 2411 (Manuela Rinaldi) Dopo il fallimento il riconoscimento del credito è dinanzi al giudice

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 20722 Anno 2015 Presidente: ROSELLI FEDERICO Relatore: VENUTI PIETRO Data pubblicazione: 14/10/2015 SENTENZA sul ricorso 19913-2011 proposto da: SESA S.P.A. SOCIO UNICO (già SESA

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 2/2012 del 10 luglio 2012 LA C.D. LEGGE FORNERO : LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Il prossimo 18 luglio entrerà in vigore la Legge n. 92 del 28.6.2012 Disposizioni in materia di riforma

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Disciplinato dal D.Lgs. n. 81/2015, vigente dal 25 giugno 2015. Il testo va ad abrogare gli articoli sul contratto di lavoro intermittente, in particolare gli artt. Da

Dettagli

Decorso del termine di prescrizione dei crediti di lavoro

Decorso del termine di prescrizione dei crediti di lavoro Decorso del termine di prescrizione dei crediti di lavoro Il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 3460 del 16 Dicembre 2015, ha affermato che, dopo le novità introdotte dalla legge n. 92/2012 ( e, a

Dettagli

L utilizzo delle nuove tecnologie nel lavoro ed i modelli cooperativi tra imprese

L utilizzo delle nuove tecnologie nel lavoro ed i modelli cooperativi tra imprese L utilizzo delle nuove tecnologie nel lavoro ed i modelli cooperativi tra imprese Avv. Gabriele Bubola Il diritto del lavoro alla sfida di Industria 4.0, 19 maggio 2017 L integrazione uomo-macchina: la

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE, sezione lavoro, ordinanza n del [competenza del giudice falliment

CASSAZIONE CIVILE, sezione lavoro, ordinanza n del [competenza del giudice falliment CASSAZIONE CIVILE, sezione lavoro, ordinanza n. 2411 del 02.02.2010 [competenza del giudice falliment Nota a sentenza dell' Avv. Francesco Saverio Del Buono Tale ordinanza, emessa dalla sezione lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI. JOBS ACT L. 10 dicembre 2014, n. 183

CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI. JOBS ACT L. 10 dicembre 2014, n. 183 CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI JOBS ACT L. 10 dicembre 2014, n. 183 1 Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 15 dicembre 2014, n. 290 IN VIGORE DAL 16 DICEMBRE 2014 2 LE CINQUE

Dettagli

PART-TIME, LAVORO A CHIAMATA E RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI

PART-TIME, LAVORO A CHIAMATA E RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI Modena, 12 luglio 2012 TIPOLOGIE CONTRATTUALI ED ESTERNALIZZAZIONI: COSA CAMBIA CON LA RIFORMA DEL LAVORO? LEGGE N. 92/2012 PART-TIME, LAVORO A CHIAMATA E RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI Davide Venturi

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo

La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo La riforma del mercato del lavoro: alcuni punti critici per il settore turismo Prato, 3 aprile 2013 Andrea Serra servizio sindacale FEDERALBERGHI mercato del lavoro turistico (fonte: INPS e Ministero del

Dettagli

RUOLO DELLE CAUSE. Corte costituzionale CAMERA DI CONSIGLIO. nn. 1-3: Ammissibilità referendum. Mercoledì 11 gennaio 2017 ore 9,30

RUOLO DELLE CAUSE. Corte costituzionale CAMERA DI CONSIGLIO. nn. 1-3: Ammissibilità referendum. Mercoledì 11 gennaio 2017 ore 9,30 Corte costituzionale RUOLO DELLE CAUSE CAMERA DI CONSIGLIO nn. 1-3: Ammissibilità referendum Mercoledì 11 gennaio 2017 ore 9,30 Stampato il 5 gennaio 2017 1 ref. 170 Ammissibilità del referendum abrogativo

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico Gaetano Martino di Messina Deliberazione del Direttore Generale n 1346 del 24.11.2015 A seguito di Proposta N 1140 del 24.11.2015 U.O.C. SETTORE AFFARI GENERALI

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo COMUNE DI MOENA PROVINCIA DI TRENTO CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO Rep. n. /a.p. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al 2002-2005

Dettagli

1. Discriminatorio: reintegrazione

1. Discriminatorio: reintegrazione Riforma del mercato del lavoro, Legge 28 giugno 2012 n. 92 (G.U. n. 153 del 3 luglio 2012), in vigore dal 18 luglio 2012: nuove regole in tema di invalidità del licenziamento Nota bene: non muta il principio

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NELL APPALTO E NEL SUBAPPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NELL APPALTO E NEL SUBAPPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NELL APPALTO E NEL SUBAPPALTO A CURA U.O. CONTRATTUALISTICA E FISCALITA 9 GIUGNO 2008 NOZIONE DI RESPONSABILITA SOLIDALE Con la responsabilità solidale: più soggetti sono ugualmente

Dettagli

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA

COMUNE DI MOSCUFO. Provincia di Pescara DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA COMUNE DI MOSCUFO Provincia di Pescara ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO URBANISTICA ATTO N. 168 del 17/12/2015 Reg. Gen 523 Oggetto: OGGETTO: Impegno e liquidazione debito fuori bilancio

Dettagli

INDICE DELLE FORMULE

INDICE DELLE FORMULE INDICE DELLE FORMULE Parte P rima Il giudizio di primo grado Capitolo I Il tentativo obbligatorio di conciliazione e il procedimento arbitrale 1. Richiesta di espletamento del tentativo di conciliazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente DECISIONE Sul ricorso numero di registro generale 7034 del 2004,

Dettagli

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Legali Avvocati

STUDIO DE ALEXANDRIS Commercialisti Revisori Legali Avvocati Circolare Studio Prot. N 32/12 del 06/11/12 MD/gc Monza,lì 06/11/2012 A Tutti i C l i e n t i LORO SEDI Oggetto : RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI Riferimenti: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI ATTIVO DELEGATI CGIL 25 LUGLIO 2012 MERCATO DEL LAVORO E AMMORTIZZATORI SOCIALI Nadia Carniato Filcams Cgil Treviso LEGGE N. 92 DEL 28 GIUGNO 2012 APPROVATA DEFINITIVAMENTE LEGGE SULLA RIFORMA DEL MERCATO

Dettagli

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga I contratti di solidarietà in busta paga Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Massimo Mutti - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Il D.Lgs. n. 148/2015, di riforma degli ammortizzatori sociali

Dettagli

Fonte: Legge per Tutti

Fonte: Legge per Tutti Fonte: Legge per Tutti Per gli assunti da oggi nessuna tutela dell art. 18 Statuto dei lavoratori Da oggi, per gli assunti a tempo indeterminato con qualifica di operaio, impiegato e quadro, non opererà

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E BILANCIO D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: EX DIPENDENTE MATRICOLA N.04280. LIQUIDAZIONE

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 60 del 07/03/2013 Proposta n. 60 Oggetto: DD.II. CIETTO STEFANO E TOTARO ROBERTO. OPPOSIZIONE E NOMINA DEL LEGALE DELL AC NELLA PERSONA DELL AVV. ANTONIO CICCIA E IMPEGNO DI

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al

CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al COMUNE DI MOENA PROVINCIA DI TRENTO CONTRATTO DI LAVORO INDIVIDUALE A TEMPO DETERMINATO Moena, Rep. n. /a.p. Premesso che in data 20 ottobre 2003 è stato sottoscritto il Contratto collettivo relativo al

Dettagli

Firmato l accordo agricoltura - impiegati. (Accordo di rinnovo )

Firmato l accordo agricoltura - impiegati. (Accordo di rinnovo ) N. 81 del 16.03.2017 La Memory A cura di Riccardo Malvestiti Firmato l accordo agricoltura - impiegati (Accordo di rinnovo 23.02.2017) In data 23.02.2017 è stato firmato il verbale d accordo per il rinnovo

Dettagli

CIRCOLARE N OTTOBRE 2012: NUOVA RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO

CIRCOLARE N OTTOBRE 2012: NUOVA RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO CIRCOLARE N. 10 - OTTOBRE 2012: NUOVA RESPONSABILITA SOLIDALE NEGLI APPALTI IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO NUOVA RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI PUBBLICI E PRIVATI Con l art.13-ter del D.L. n.83/12

Dettagli