Progetto R.E.S.A. Recupero Eccedenze Scadenze Alimentari

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto R.E.S.A. Recupero Eccedenze Scadenze Alimentari"

Transcript

1 Progetto R.E.S.A. Recupero Eccedenze Scadenze Alimentari Contrastare gli sprechi rafforzando la solidarietà con un patto di collaborazione per Casa dell Ospitalità 1. Introduzione 1

2 Novotel Venezia Mestre Castellana, l Associazione Amici della Laguna e del Porto e l Associazione Corte del Forner in collaborazione con la Fondazione di Partecipazione Casa dell Ospitalità di Mestre, nell ottica di promuovere un programma di recupero delle eccedenze alimentari non servite, si impegnano a dar vita al progetto R.E.S.A. Il suddetto progetto prevede che gli alimenti preparati durante il servizio di ristorazione dell albergo e non distribuiti, vengano destinati, previa comunicazione con giusto preavviso da parte dello stesso, alla veicolazione da parte degli operatori di Fondazione Casa dell Ospitalità e consumati da persone assistite dalla stessa o, in base alle richieste monitorate dall Associazione Corte del Forner, distribuite, sempre dalla stessa, ad altre strutture caritative. Fondazione Casa dell Ospitalità Questo alla luce della nuova legge 166/2016 che prevede la facoltà per ogni esercente di cedere a titolo gratuito le relative eccedenze alimentari idonee al consumo umano; con possibilità di donare a soggetti pubblici o privati senza finalità lucrative (Enti, Onlus, Associazioni). In questo senso l art. 4 specifica che le donazioni a titolo gratuito sono consentite anche oltre il termine minimo di conservazione indicato nel prodotto, purché siano garantiti integrità dell imballaggio e idoneità di conservazione. I prodotti da forno che non richiedono refrigerazione e restano invenduti entro le 24 ore successive alla produzione sono considerati eccedenze alimentari e non idonei alla rivendita nei negozi e nei supermercati: possono quindi essere donati a soggetti cessionari. L art. 5 in merito alla responsabilità, stabilisce che gli operatori che effettuano le cessioni sono responsabili del mantenimento dei requisiti igienico-sanitari dei prodotti fino al momento della cessione, a partire dal quale si applicano le disposizioni di cui alla 155/2003. Infine, il soggetto che procede a distribuzioni gratuite di prodotti alimentari è equiparato al consumatore finale ai fini degli obblighi inerenti al corretto stato di conservazione, trasporto, deposito e utilizzo degli alimenti (art. 13). 2. Attrezzature e mezzi di trasporto Descrizione delle attrezzature Per la veicolazione degli alimenti recuperati verranno impiegate le attrezzature di seguito descritte. Contenitori termici in polipropilene o materiale similare, all interno dei quali sono allocati contenitori gastronorm in acciaio inox con coperchio a tenuta ermetica in grado di assicurare il mantenimento della temperatura. I contenitori termici devono essere conformi al DPR 327/80 ed utilizzati esclusivamente per il trasporto di alimenti. Ceste in Plastica ad uso alimentare per il trasporto di pane, frutta e alimenti non deperibili e confezionati, utilizzate esclusivamente per il trasporto di alimenti. In particolare, il pane deve essere preventivamente confezionato in sacchetti di carta ad uso alimentare e riposto nelle ceste pulite. Descrizione dei mezzi di trasporto Per la veicolazione degli alimenti verranno impiegati mezzi di trasporto igienicamente idonei, tali da assicurare agli alimenti stessi un adeguata protezione dagli agenti atmosferici o da altri fattori ambientali. 2

3 Lo stato dei mezzi di trasporto utilizzati deve essere mantenuto tale da evitare ogni insudiciamento o contaminazione, in conformità con quanto previsto dall art. 47 del DPR 327/ Modalità di esecuzione del ritiro Modalità di approvvigionamento degli alimenti Gli alimenti preparati durante il servizio di ristorazione dell albergo e non distribuiti, vengano destinati, previa comunicazione con giusto preavviso da parte dello stesso, alla veicolazione da parte degli operatori di Fondazione Casa dell Ospitalità e consumati da persone assistite dalla stessa o, in base alle richieste monitorate dall Associazione Corte del Forner, distribuite, sempre dalla stessa, ad altre strutture caritative. Resta inteso che: gli operatori del servizio di ristorazione dell albergo sono responsabili e garanti dell integrità ed idoneità igienico - merceologica dei prodotti alimentari fino al momento della consegna, mentre il personale volontario, adibito al servizio di raccolta e veicolazione di tali alimenti, è responsabile del controllo all atto del ricevimento e del corretto mantenimento dei pasti durante le fasi di trasporto. In fase di ricevimento avviene il controllo dei pasti da parte del personale adibito al servizio di raccolta, con particolare attenzione: Alle condizioni igieniche dei prodotti Alle condizioni igieniche e all integrità delle confezioni e dei contenitori Alle condizioni igieniche dei contenitori e dei gastronorm utilizzati per la veicolazione Nel caso di alimenti deperibili, alle temperature di mantenimento Gli eventuali prodotti non conformi vengono separati dai restanti e immediatamente restituiti agli operatori dei servizi della ristorazione dell albergo per la loro eliminazione. Dal momento della presa in carico degli alimenti, gli operatori incaricati della Fondazione Casa dell Ospitalità diverranno responsabili della giacenza e del trattamento degli alimenti nelle condizioni adeguate. Operazioni di raccolta e veicolazione La prima fase dell attività consiste nella raccolta degli alimenti. Il personale incaricato di Fondazione Casa dell Ospitalità, su segnalazione dell albergo, si recherà presso il punto di recupero sopra citati (paragrafo 3.1) e, dopo aver effettuato tutti i controlli previsti, effettuerà le operazioni di trasferimento/travaso: nei gastronorm e successivamente nei contenitori termici in caso di alimenti deperibili, nelle ceste di plastica in caso di alimenti non deperibili Lo stesso personale provvederà quindi al trasporto dei contenitori termici e/o delle ceste per mezzo di appositi automezzi, presso la sede di Fondazione Casa dell Ospitalità, dove verranno distribuiti. Ultima fase dell attività è l operazione di lavaggio dei gastronorm, dei contenitori termici e delle ceste di plastica e di pulizia degli automezzi utilizzati. 4. Piano di recupero Descrizione dei prodotti 3

4 Il prodotto da veicolare presso Fondazione Casa dell Ospitalità sarà costituito da alimenti non serviti e raccolti presso il ristorante dell albergo: In particolare si definiscono le seguenti tipologie di prodotto: Alimenti non deperibili confezionati e sfusi Alimenti deperibili confezionati e sfusi e pasti pronti in legame di freddo Pasti pronti in legame di caldo In base alle tipologie di prodotto individuate viene effettuata un analisi dei rischi basata sulle modalità di veicolazione degli alimenti. Valutazione dei rischi Considerando la tipologia di attività i fattori di rischio da tenere sotto controllo sono soprattutto di natura biologica, chimica e fisica. Nell analisi dei pericoli sono state prese in considerazione le misure preventive in grado di ridurre i rischi, valutando nell insieme le fasi di raccolta, mantenimento e veicolazione degli alimenti. La temperatura diviene necessariamente un punto sottoposto a monitoraggio, dato che mediante tale controllo è realisticamente possibile minimizzare i pericoli purché gli alimenti rimangano negli intervalli di temperatura meno favorevoli alla crescita microbica (sotto i 10 C e sopra i 65 C). Diagramma di flusso Riportiamo di seguito i diagrammi di flusso riguardanti Raccolta e veicolazione alimenti deperibili confezionati e sfusi e pasti pronti in legame freddo Raccolta e veicolazione alimenti deperibili confezionati e sfusi e pasti pronti in legame di freddo Raccolta e veicolazione pasti pronti in legame di caldo Attraverso i diagrammi di flusso sono stati determinati i punti critici, la fissazione dei limiti, il monitoraggio e le eventuali azioni correttive. DIAGRAMMI DI FLUSSO NOVOTEL FONDAZIONE CASA DELL OSPITALITÀ Preparazione alimenti non deperibili confezionati e sfusi 4

5 Preparazione alimenti deperibili NOVOTEL confezionati e sfusi e pasti pronti FONDAZIONE CASA in legame freddo DELL OSPITALITÀ NOVOTEL Preparazione alimenti pasti pronti in legame caldo FONDAZIONE CASA DELL OSPITALITÀ 5

6 Temperature di riferimento Tabella Indice delle temperature da rispettare TEMPERATURE AL RICEVIMENTO ALIMENTI Alimenti da consumarsi caldi (essenzialmente primi, secondi piatti e condimenti, urea di patate) > + 65 C Latte pastorizzato in confezioni, ricotta, panna o crema di latte pastorizzata in confezioni < + 9 C Burro, yogurt e formaggi freschi, prosciutto cotto, prodotti dolciari < + 14 C Formaggi e salumi stagionati, frutta cotta senza altri ingredienti < + 10 C Contorni di verdure senza condimenti o con aggiunta di solo olio o burro < + 10 C Altri alimenti per i quali il parametro temperature non è significativo (pane, prodotti da forno, prodotti ortofrutticoli crudi) TEMPERATURA AMBIENTE Il monitoraggio delle temperature non viene effettuato per i prodotti per i quali è ammessa la consegna a temperatura ambiente. 6

7 COMUNE DI VENEZIA NOVOTEL VENEZIA MESTRE ASSOCIAZIONE AMICI DELLA LAGUNA E DEL PORTO ASSOCIAZIONE CORTE DEL FORNER 7

8 FONDAZIONE CASA DELL OSPITALITÀ 8

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA PROTOCOLLO PER IL RECUPERO, CONSERVAZIONE, CONFEZIONAMENTO E TRASPORTO DI ALIMENTI NON DISTRIBUITI IN SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA 1 Introduzione Il protocollo definisce, sulla base dell esperienza

Dettagli

TIPOLOGIE ALIMENTARI E LORO SPECIFICITA NEL PROCESSO DI RACCOLTA E DONAZIONE

TIPOLOGIE ALIMENTARI E LORO SPECIFICITA NEL PROCESSO DI RACCOLTA E DONAZIONE TIPOLOGIE ALIMENTARI E LORO SPECIFICITA NEL PROCESSO DI RACCOLTA E DONAZIONE Quali sono le accortezze da seguire nello specifico dei generi alimentari raccolti quali eccedenze destinabili al dono con fini

Dettagli

ORGANIZZAZIONI ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA. 1. Formare i volontari. 2. Predisporre spazi di stoccaggio

ORGANIZZAZIONI ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA. 1. Formare i volontari. 2. Predisporre spazi di stoccaggio ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA 1. Formare i volontari Impegnarsi a informare e formare il proprio personale, volontario e non, impegnato nelle varie fasi del recupero e della distribuzione degli alimenti,

Dettagli

IL MERCATO CONVIVIALE: come mangiare in modo sicuro tra gusto e salute. Griglio Bartolomeo

IL MERCATO CONVIVIALE: come mangiare in modo sicuro tra gusto e salute. Griglio Bartolomeo IL MERCATO CONVIVIALE: come mangiare in modo sicuro tra gusto e salute Griglio Bartolomeo Alcuni ricercatori hanno stimato che nei Paesi industrializzati un cittadino su tre vada incontro ogni anno problemi

Dettagli

ORGANIZZAZIONI ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA. 1. Formare i volontari. 2. Predisporre spazi di stoccaggio

ORGANIZZAZIONI ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA. 1. Formare i volontari. 2. Predisporre spazi di stoccaggio ATTREZZARSI PER LA RACCOLTA 1. Formare i volontari Impegnarsi a informare e formare il proprio personale, volontario e non, impegnato nelle varie fasi del recupero e distribuzione degli alimenti, circa

Dettagli

PERMESSO CHE. Ai fini della realizzazione del progetto i soggetti partecipanti assumono i seguenti impegni:

PERMESSO CHE. Ai fini della realizzazione del progetto i soggetti partecipanti assumono i seguenti impegni: PROTOCOLLO DI INTESA per l attivazione del progetto denominato SALVIAMO IL CIBO diretto al recupero e alla ridistribuzione delle eccedenze dei pasti delle mense scolastiche, a fini di solidarietà (anno

Dettagli

L ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA NORMATIVA

L ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA NORMATIVA L ENTRATA IN VIGORE DELLA NUOVA NORMATIVA Torino, 16 novembre 2016 Avv. Giorgia Andreis Torino Milano 1 Finalità di ridurre gli sprechi per ciascuna delle fasi di produzione, trasformazione, distribuzione

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE CORRETTE PRASSI IGIENICHE NELLE MENSE NEI CAMPI TENDA

LISTA DI RISCONTRO PER LE CORRETTE PRASSI IGIENICHE NELLE MENSE NEI CAMPI TENDA Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per la Tutela della Salute ed il Coordinamento del Sistema Sanitario Regionale U.O.D. Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria EMERGENZE NON EPIDEMICHE

Dettagli

INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE. Emanuela Ammoni - DG Welfare

INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE. Emanuela Ammoni - DG Welfare INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE Emanuela Ammoni - DG Welfare Milano, 1 Giugno 2017 In Regione Lombardia Dgr X/3908 del 24/07/2015 «Progetto

Dettagli

ALIMENTARISTA Livello 1 (12 ore)

ALIMENTARISTA Livello 1 (12 ore) PROGRAMMA DEL CORSO ALIMENTARISTA Rischio Livello 1 Titolo del corso Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità ALIMENTARISTA Livello 1 (12 ore)

Dettagli

INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE. Emanuela Ammoni - DG Welfare - UO Prevenzione

INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE. Emanuela Ammoni - DG Welfare - UO Prevenzione INDICAZIONI IGIENICO- SANITARIE REGIONALI PER IL RECUPERO DEL CIBO AL FINE DI SOLIDARIETA SOCIALE Emanuela Ammoni - DG Welfare - UO Prevenzione Milano, 30 Novembre 2016 In Regione Lombardia Dgr X/3908

Dettagli

LA GUIDA FACILE ALL HACCP. Guida all analisi e controllo dei rischi nel trattamento degli alimenti

LA GUIDA FACILE ALL HACCP. Guida all analisi e controllo dei rischi nel trattamento degli alimenti LA GUIDA FACILE ALL HACCP Guida all analisi e controllo dei rischi nel trattamento degli alimenti INTRODUZIONE In qualsiasi tipo di attività ogni singolo passo che parte dalla preparazione dei cibi e

Dettagli

ELENCO PLESSI SCOLASTICI DEL COMUNE DI VILLA MINOZZO

ELENCO PLESSI SCOLASTICI DEL COMUNE DI VILLA MINOZZO Allegato B Pag. 1 MODALITÀ DI EROGAZIONE DI SERVIZI ACCESSORI ALLA RISTORAZIONE SCOLASTICA FINALIZZATI AL TRASPORTO DEI PASTI CONFEZIONATI PRESSO I VARI PLESSI SCOLASTICI DEL COMUNE DI VILLA MINOZZO E

Dettagli

CITTA' DI GRUGLIASCO Provincia di Torino

CITTA' DI GRUGLIASCO Provincia di Torino CITTA' DI GRUGLIASCO Provincia di Torino ALLEGATO B. 1 SOMMINISTRAZIONE E DISTRIBUZIONE PASTI CONTRATTO DI SERVIZIO PER L AFFIDAMENTO ALLA SOCIETÀ BIORISTORO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE COLLETTIVA

Dettagli

Vendita e somministrazione prodotti sfusi

Vendita e somministrazione prodotti sfusi Vendita e somministrazione prodotti sfusi Dr. Gianluca ROSATI Camposampiero, 16 23 giugno 2015 Vendita prodotti sfusi Art. 44 Reg. UE 1169/11 - Disposizioni nazionali per gli alimenti non preimballati

Dettagli

Io non spreco il recupero comincia a scuola. Gabriella Iacono Tecnologa alimentare Amministratore Unico Milano Ristorazione Spa

Io non spreco il recupero comincia a scuola. Gabriella Iacono Tecnologa alimentare Amministratore Unico Milano Ristorazione Spa Io non spreco il recupero comincia a scuola Gabriella Iacono Tecnologa alimentare Amministratore Unico Milano Ristorazione Spa 2016 I numeri di Milano Ristorazione 2 Categoria di utenza N pasti serviti

Dettagli

ALLEGATO 4. Limiti di Contaminazione Microbica

ALLEGATO 4. Limiti di Contaminazione Microbica ALLEGATO 4 Limiti di Contaminazione Microbica I valori limite microbiologici consigliati riportati nelle tabelle seguenti non devono essere superati affinché il prodotto sia conforme da punto di vista

Dettagli

ATTIVITA, RESPONSABILITA E CONTRATTO

ATTIVITA, RESPONSABILITA E CONTRATTO OPERATORE GENERICO Cuoco Gestore Attività produttive di supporto alla cucina ( aiuto alla cottura della pasta ed ai contorni caldi ) Preparazione delle merende quando richiesto Lavaggio e preparazione

Dettagli

Enrico Nada Responsabile attività sociali Politiche sociali e relazioni esterne

Enrico Nada Responsabile attività sociali Politiche sociali e relazioni esterne Enrico Nada Responsabile attività sociali Politiche sociali e relazioni esterne Il ruolo di Coop Come impresa leader in Italia nella distribuzione organizzata ben conosciamo gli sprechi del sistema (e

Dettagli

COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA COMUNE DI CAMIGLIANO Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 19 del 30.11.2015 Indice Articolo

Dettagli

SIAN ULSS 12 VENEZIANA COME EFFETTUARE I CONTROLLI

SIAN ULSS 12 VENEZIANA COME EFFETTUARE I CONTROLLI SIAN ULSS 12 VENEZIANA COME EFFETTUARE I CONTROLLI Attività nutrizionale Igienico Sanitaria Valutazione dei menù scolastici Valutazione diete speciali Menù integrativo serale Ispezioni igienico sanitarie

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA

PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA Assessorato Economia Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Siciliana Servizio 6 Centrale Unica di Committenza PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI SERVIZIO

Dettagli

OBBLIGHI DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Gli operatori del settore alimentare devono garantire che tutte le fasi della produzione, della trasfo

OBBLIGHI DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Gli operatori del settore alimentare devono garantire che tutte le fasi della produzione, della trasfo Corso per alimentaristi VII PARTE OBBLIGHI DEGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Gli operatori del settore alimentare devono garantire che tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE. Recuperare gli alimenti nella ristorazione collettiva

INDICAZIONI OPERATIVE. Recuperare gli alimenti nella ristorazione collettiva INDICAZIONI OPERATIVE Recuperare gli alimenti nella ristorazione collettiva Questo documento nasce nell ambito della collaborazione in atto tra le Aziende Sanitarie Locali Milano1 e Milano2 e Città metropolitana

Dettagli

ERUCON - ERUditio et CONsultum IGIENE ALIMENTI

ERUCON - ERUditio et CONsultum IGIENE ALIMENTI IGIENE ALIMENTI QUALIFICA FORNITORI Devono essere accettate esclusivamente materie prime che: Siano fornite da Aziende registrate e/o riconosciute che attuino un adeguato sistema di autocontrollo Siano

Dettagli

GLOSSARIO. L azione da attuare ogni qualvolta si verifichino delle non conformità o deviazioni rispetto ai limiti critici individuati.

GLOSSARIO. L azione da attuare ogni qualvolta si verifichino delle non conformità o deviazioni rispetto ai limiti critici individuati. GLOSSARIO ANALISI DEL PERICOLO Il processo di raccolta e valutazione delle informazioni riguardanti i pericoli e le condizioni che ne provocano la presenza, per decidere quali necessitano di essere considerati.

Dettagli

ALLEGATO 1 PROCEDURE OPERATIVE

ALLEGATO 1 PROCEDURE OPERATIVE Gara europea a procedura aperta per l affidamento, per anni quattro, del servizio di ristorazione destinato ai degenti, ai dipendenti e/o aventi diritto CIG 3520352E5B ALLEGATO 1 PROCEDURE OPERATIVE Personale

Dettagli

SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA. SI NO NA non conformità/varie DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE

SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA. SI NO NA non conformità/varie DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE SEZIONE 2 - LISTA DI RISCONTRO - CONTROLLO UFFICIALE SVOLTO IN FASE OPERATIVA DOCUMENTAZIONE DISPONIBLE SI NO NA non conformità/varie Autorizzazioni sanitarie (PROVVEDIMENTO DI RICONOSCIMENTO) PLANIMENTRIA

Dettagli

Gli acquisti verdi nelle mense: rischi e opportunità

Gli acquisti verdi nelle mense: rischi e opportunità Il green public procurement è la strategia con cui i Paesi Europei intendono orientare le proprie economie verso uno sviluppo attento alle ragioni dell ambiente e delle sue risorse. Il Piano di Azione

Dettagli

L'educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare

L'educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare L'educazione ambientale nelle scuole lombarde per la lotta allo spreco alimentare Marisa Mondani medico dietologo U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medico Pavia 20 gennaio 2016

Dettagli

DONAZIONI DELLE ECCEDENZE

DONAZIONI DELLE ECCEDENZE DONAZIONI DELLE ECCEDENZE Paolo Moretto Direttore Ipermercato Casalecchio di Reno 1 OBIETTIVI: Riduzione degli sprechi e prevenzione della formazione dei rifiuti Data un quantità fisiologica di invenduto,

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE Elenco centri cottura e i punti satelliti di ristorazione scolastica delle Scuole

SPECIFICHE TECNICHE Elenco centri cottura e i punti satelliti di ristorazione scolastica delle Scuole Città di Potenza UNITÁ DI DIREZIONE ISTRUZIONE ALLEGATI TECNICI AL CAPITOLATO Allegato 6 SPECIFICHE TECNICHE Elenco centri cottura e i punti satelliti di ristorazione scolastica delle Scuole Centri cottura

Dettagli

OGGETTO: Relazione sull attività svolta da Bioleader srl in Vs. favore nell anno scolastico in corso

OGGETTO: Relazione sull attività svolta da Bioleader srl in Vs. favore nell anno scolastico in corso Torino, 18/11/2015 OGGETTO: Relazione sull attività svolta da in Vs. favore nell anno scolastico in corso La società, fondatrice di Retebiolab srl, è incaricata dal Comune di Nichelino di eseguire i controlli

Dettagli

D.M. 9 luglio 1987, n Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici

D.M. 9 luglio 1987, n Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici D.M. 9 luglio 1987, n. 328 Criteri di massima in ordine all'idoneità dei locali e delle attrezzature delle officine di produzione dei cosmetici pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 4 agosto 1987, n. 180.

Dettagli

HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure

HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure HACCP per Addetti Alimentari di Attività Complesse e Responsabili delle Procedure Durata: 8 ore Destinatari: Il corso è rivolto a: responsabili delle procedure di autocontrollo alimentare (operatore del

Dettagli

PROGRAMMA DI MONITORAGGIO CUCINA AUTONOMA SCUOLA MATERNA CUCINA AUTONOMA ASILO NIDO VICENZA Telefono TABELLA REGISTRAZIONE DATI

PROGRAMMA DI MONITORAGGIO CUCINA AUTONOMA SCUOLA MATERNA CUCINA AUTONOMA ASILO NIDO VICENZA Telefono TABELLA REGISTRAZIONE DATI COMUNE DI VICENZA ASSESSORATO ALLA FORMAZIONE GESTIONE SCUOLE MATERNE ED ASILI NIDO Via C. Goldoni, 41-36100 Vicenza TEL. 0444 924752-0444 924753 - FAX 0444 927451 PROGRAMMA DI MONITORAGGIO CUCINA AUTONOMA

Dettagli

ALLEGATO N.6 AL CAPITOLATO SPECIALE. Specifica tecnica relativa alle procedure operative. per l esecuzione del serv izio

ALLEGATO N.6 AL CAPITOLATO SPECIALE. Specifica tecnica relativa alle procedure operative. per l esecuzione del serv izio PROCEDURA APERTA PER LA FORN ITURA DEL SERVIZIO DI RISTORAZION E A RIDOTTO IMPATTO AMBIEN TALE PRESSO LE SEDI DELLE AZIEN DE SAN ITARIE DELLA REGION E CAMPAN IA ALLEGATO N.6 AL CAPITOLATO SPECIALE Specifica

Dettagli

I 7 PRINCIPI DEL CODEX ALIMENTARIUS

I 7 PRINCIPI DEL CODEX ALIMENTARIUS I 7 PRINCIPI DEL CODEX ALIMENTARIUS 1 I 7 PRINCIPI DEL CODEX ALIMENTARIUS Il Metodo HACCP prevede l attuazione dei seguenti 7 principi: Principio 1: Indicazione dei pericoli connessi alle diverse fasi

Dettagli

Temperature di conservazione durante il trasporto. Normativa di riferimento

Temperature di conservazione durante il trasporto. Normativa di riferimento Temperature di conservazione durante il trasporto (salvo diverse indicazioni riportate dal produttore in etichetta per alcuni prodotti) Rif. Bassoli et al. AIVEMP newsletter n.1 gennaio 2011 Prodotto massima

Dettagli

INDICE. ALLEGATO 2 Schede tecniche detergenti/disinfettanti e piano di sanificazione

INDICE. ALLEGATO 2 Schede tecniche detergenti/disinfettanti e piano di sanificazione Revione A.02 Del 30/11/15 INDICE ALLEGATO 1 - Parametri operativi di riferimento e modulistica ALLEGATO 2 Schede tecniche detergenti/dinfettanti e pia di sanificazione ALLEGATO 3 Elenco attrezzatura ALLEGATO

Dettagli

Articolo 1 Oggetto e caratteristiche della fornitura

Articolo 1 Oggetto e caratteristiche della fornitura AREA SERVIZI FORMATIVI POLITICHE EDUCATIVE FOGLIO CONDIZIONI Somministrazione pasti per asilo nido estivo Articolo 1 Oggetto e caratteristiche della fornitura Oggetto del presente foglio condizioni è la

Dettagli

Donazione di prodotti alimentari, farmaceutici e altri prodotti a fini di solidarietà sociale Novità della Legge n. 166

Donazione di prodotti alimentari, farmaceutici e altri prodotti a fini di solidarietà sociale Novità della Legge n. 166 Ai gentili clienti Loro sedi Donazione di prodotti alimentari, farmaceutici e altri prodotti a fini di solidarietà sociale Novità della Legge 19.8.2016 n. 166 La L. 19.8.2016 n. 166, pubblicata sulla G.U.

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 23/2016

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 23/2016 Como, 30.9.2016 INFORMATIVA N. 23/2016 DONAZIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI, FARMACEUTICI E ALTRI PRODOTTI A FINI DI SOLIDARIETA SOCIALE NOVITA DELLA L. 19.8.2016 N. 166 INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Aspetti

Dettagli

Spreco e recupero di beni alimentari invenduti ESPERIENZE FORMATIVE E MODELLI DI GESTIONE

Spreco e recupero di beni alimentari invenduti ESPERIENZE FORMATIVE E MODELLI DI GESTIONE In partenariato con Spreco e recupero di beni alimentari invenduti ESPERIENZE FORMATIVE E MODELLI DI GESTIONE Linee preliminari sul sistema di gestione degli scarti alimentari Mauro Genovese Responsabile

Dettagli

SPRECO E SICUREZZA ALIMENTARE. Dr. Nicoletta Castelli Direttore SIAN

SPRECO E SICUREZZA ALIMENTARE. Dr. Nicoletta Castelli Direttore SIAN SPRECO E SICUREZZA ALIMENTARE Dr. Nicoletta Castelli Direttore SIAN L educazione ambientale nella Scuola Lombarda per la lotta allo spreco alimentare Monza 21 Ottobre 2015 SPRECO E SICUREZZA ALIMENTARE

Dettagli

GLI ASPETTI SANZIONATORI NEL SETTORE DEI MOCA TIZIANO VECILE SIAN ASL CN 1

GLI ASPETTI SANZIONATORI NEL SETTORE DEI MOCA TIZIANO VECILE SIAN ASL CN 1 GLI ASPETTI SANZIONATORI NEL SETTORE DEI MOCA TIZIANO VECILE SIAN ASL CN 1 L ASPETTO SANZIONATORIO RELATIVO ALLE VIOLAZIONI IN TEMA DI MOCA REGOLAMENTI COMUNITARI NON PREVEDONO SANZIONI PREVEDONO PERO

Dettagli

COMUNE DI PISA 14 dicembre 2011 Dr.ssa Nadia Lo Conte Dietista

COMUNE DI PISA 14 dicembre 2011 Dr.ssa Nadia Lo Conte Dietista LINEE DI INDIRIZZO REGIONALE PER LA RISTORAZIONE SCOLASTICA (Allegato A Delibera 1127 del 28\12\10) 10) COMUNE DI PISA 14 dicembre 2011 Dr.ssa Nadia Lo Conte Dietista RISTORAZIONE SCOLASTICA STRUMENTO

Dettagli

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2.1 Descrizione del processo produttivo Per descrivere con accuratezza il processo produttivo dalla fase primaria a quella di trasformazione occorre individuare

Dettagli

FAC-SIMILE di SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELLE PARTITE IN ARRIVO

FAC-SIMILE di SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELLE PARTITE IN ARRIVO SCHEDA A FAC-SIMILE di SCHEDA DI REGISTRAZIONE DELLE PARTITE Data IN ARRIVO OSSERVAZIONI Orario arrivo Ditta fornitrice Tipo prodotto Condizioni di pulizia dell automezzo conforme non conforme Temperatura

Dettagli

N. ELEMENTI DELL OFFERTA STANDARD RICHIESTI DAL CAPITOLATO STANDARD OFFERTI N. 0..

N. ELEMENTI DELL OFFERTA STANDARD RICHIESTI DAL CAPITOLATO STANDARD OFFERTI N. 0.. SCHEDA TECNICA PIANO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO (in caso di ATI, costituita o costituenda, la dichiarazione dovrà essere sottoscritta, su ogni pagina, dal Legale Rappresentante di ciascuna delle Imprese)

Dettagli

Circolare N. 142 del 18 Ottobre 2016

Circolare N. 142 del 18 Ottobre 2016 Circolare N. 142 del 18 Ottobre 2016 Donazione di prodotti alimentari, farmaceutici e altri prodotti a fini di solidarietà sociale Novità della Legge 19.8.2016 n. 166 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Ridurre gli sprechi alimentari domestici: impariamo a fare la spesa. Meno spreco alimentare più solidarietà

Ridurre gli sprechi alimentari domestici: impariamo a fare la spesa. Meno spreco alimentare più solidarietà Meno spreco alimentare più solidarietà Ridurre gli sprechi alimentari domestici: impariamo a fare la spesa Progetto LIFE - Food Waste Stand Up, per la prevenzione e riduzione dello spreco alimentare e

Dettagli

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011

Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011 Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Varese DIREZIONE SANITARIA Controlli ufficiali per la sicurezza alimentare Attività anno 2010 Obiettivi anno 2011 Sicurezza Alimentare www.asl.varese.it Varese,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG61A

STUDIO DI SETTORE WG61A STUDIO DI SETTORE WG61A ATTIVITÀ 46.17.01 AGENTI E RAPPRESENTANTI DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI, CONGELATI E SURGELATI ATTIVITÀ 46.17.02 AGENTI E RAPPRESENTANTI DI CARNI FRESCHE, CONGELATE, SURGELATE,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE MENSA COMUNE DI CASTELNUOVO BOCCA D'ADDA c.a.p. 26843 - Provincia di Lodi Tel. 0377 / 700.015 - Fax 0377 / 60.602 Codice Fiscale n. 82501210155 E-mail: info.comune@comune.castelnuovoboccadadda.lo.it REGOLAMENTO

Dettagli

SALA BIAGI, PALAZZO LOMBARDIA MILANO 1 giugno 2017 RIDURRE LO SPRECO, ALIMENTARE IL FUTURO

SALA BIAGI, PALAZZO LOMBARDIA MILANO 1 giugno 2017 RIDURRE LO SPRECO, ALIMENTARE IL FUTURO SALA BIAGI, PALAZZO LOMBARDIA MILANO 1 giugno 2017 RIDURRE LO SPRECO, ALIMENTARE IL FUTURO Il Programma Regionale di Gestione dei Rifiuti (PRGR) Approvato con d.g.r. n. 1990 del 20/06/2014 Il Programma

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile COMUNE DI CISTERNA DI LATINA PROVINCIA DI LATINA Medaglia D argento al Valor Civile REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CONSUMO SUL POSTO PRODOTTI DI GASTRONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Venerdì 26 maggio 2017

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n Venerdì 26 maggio 2017 Bollettino Ufficiale 11 D.g.r. 19 maggio 2017 - n. X/6616 Approvazione della «Linea guida igienico-sanitaria regionale per il recupero del cibo al fine di solidarietà sociale» LA GIUNTA REGIONALE Visti:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Direttore Dott. Giuseppe Cosenza IL TRASPORTO DI ALIMENTI: ADEMPIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Direttore Dott. Giuseppe Cosenza IL TRASPORTO DI ALIMENTI: ADEMPIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Direttore Dott. Giuseppe Cosenza IL TRASPORTO DI ALIMENTI: ADEMPIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA ALIMENTARE Protocollo Tecnico per la Categorizzazione del rischio

Dettagli

Aspetti sanitari. Chioschi dell acqua: tecnologie e regole 8 ottobre 2013. Enrico Veschetti

Aspetti sanitari. Chioschi dell acqua: tecnologie e regole 8 ottobre 2013. Enrico Veschetti Chioschi dell acqua: tecnologie e regole 8 ottobre 2013 Aspetti sanitari Enrico Veschetti Istituto Superiore di Sanità Dipartimento Ambiente e connessa Prevenzione Primaria Caratteristiche di qualità essenziali

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il e residente a. Via n. Codice fiscale. in qualità di e per conto di CHIEDE

Il sottoscritto. nato a il e residente a. Via n. Codice fiscale. in qualità di e per conto di CHIEDE Pagina 1 di 7 Bollo sull originale Al Sindaco del Comune di MALALBERGO OGGETTO: domanda tendente ad ottenere l autorizzazione sanitaria per la preparazione e/o somministrazione di alimenti e bevande in

Dettagli

Una sintesi sull entità dello Spreco

Una sintesi sull entità dello Spreco BANCO ALIMENTARE DEL PIEMONTE ONLUS Relazione Attività 2016 Una sintesi sull entità dello Spreco 5,5 milioni di t/anno pari a: 16% dei consumi annui alimentari, 92,5% dell eccedenza, 12,3 miliardi di GENERATO

Dettagli

Regolamento CE 852/2004, requisiti generali in materia di igiene nel settore alimentare

Regolamento CE 852/2004, requisiti generali in materia di igiene nel settore alimentare 2 Giornata 11.12.09 Regolamento CE 852/2004, requisiti generali in materia di igiene nel settore alimentare Dott. Ciro Russo PACCHETTO IGIENE «I NUOVI REGOLAMENTI» Reg.852/04 Reg.853/04 Reg.854/04 Reg.882/04

Dettagli

Legge n. 166 del 19 agosto 2016 LEGGE ANTISPRECO. Dott.ssa Maria Carla Midena Regione del Veneto Direzione Servizi Sociali

Legge n. 166 del 19 agosto 2016 LEGGE ANTISPRECO. Dott.ssa Maria Carla Midena Regione del Veneto Direzione Servizi Sociali Legge n. 166 del 19 agosto 2016 LEGGE ANTISPRECO Dott.ssa Maria Carla Midena Regione del Veneto Direzione Servizi Sociali Finalità ridurre gli sprechi per ciascuna delle fasi di produzione, trasformazione,

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELLE MATERIE PRIME VEGETALI

TRASFORMAZIONE DELLE MATERIE PRIME VEGETALI FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.Via

Dettagli

NORME TECNICHE PER IL METODO DI PRODUZIONE BIOLOGICO

NORME TECNICHE PER IL METODO DI PRODUZIONE BIOLOGICO D020 NORME TECNICHE DI PRODUZIONE Rev.07 Pagina 1 BIOS s.r.l. CONTROLLO E CERTIFICAZIONE PRODUZIONI BIOLOGICHE via Monte Grappa, 37C 36063 MAROSTICA (VI) telefono 0424/471125 fax 0424/476947 NORME TECNICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO Agrimercato di Legnaro. ART. 1 Caratteristiche dei mercati

REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI PRODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO Agrimercato di Legnaro. ART. 1 Caratteristiche dei mercati REGOLAMENTO DEL MERCATO DEI RODUTTORI AGRICOLI DENOMINATO Agrimercato di Legnaro ART. 1 Caratteristiche dei mercati Luogo di svolgimento: IAZZA COSTITUZIONE; Dimensioni: n. 20 posteggi 5X3 mt come da planimetria

Dettagli

Ridare dignità al cibo e alla persona

Ridare dignità al cibo e alla persona Ridare dignità al cibo e alla persona Possiamo fare qualcosa, di fronte all emergenza della fame, qualcosa di umile, e che ha anche la forza di un miracolo. (Papa Francesco) Le radici dell impegno del

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMITATO MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO COMITATO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 07/11/2013 INDICE ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONI ART. 3 COSTITUZIONE E COMPOSIZIONE DEL COMITATO MENSA

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO INERENTE IL CONSUMO SUL POSTO DI PRODOTTI DI GASTRONOMIA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO INERENTE IL CONSUMO SUL POSTO DI PRODOTTI DI GASTRONOMIA COMUNE DI RAVENNA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO COMMERCIO ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI REGOLAMENTO INERENTE IL CONSUMO SUL POSTO DI PRODOTTI DI GASTRONOMIA Approvato con deliberazione

Dettagli

IGIENE DELLA PRODUZIONE

IGIENE DELLA PRODUZIONE IGIENE DELLA PRODUZIONE A. PRODUZIONE E PREPARAZIONE DEI PASTI 1) Nell organizzazione di tutte le attività di produzione dei pasti, il gestore dovrà implementare: a) un efficace sistema di tracciabilità

Dettagli

L acquisto e la conservazione degli alimenti in ambito domestico

L acquisto e la conservazione degli alimenti in ambito domestico L acquisto e la conservazione degli alimenti in ambito domestico www.ats-milano.it Benessere e salute di ciascuno di noi dipendono non solo da una alimentazione equilibrata e da sane abitudini alimentari,

Dettagli

L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE

L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE Dott. Olindo Mazzotti Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Unità Operativa CLR Latte Tigullio GENOVA PALAZZO DUCALE, 5 NOVEMBRE 2014 IL LATTE

Dettagli

REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) Il/La sottoscritto/a (indicare Cognome e Nome) nato a il residente a in via/p.

REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) Il/La sottoscritto/a (indicare Cognome e Nome) nato a il residente a in via/p. REGISTRAZIONE DELLE IMPRESE ALIMENTARI (Regolamento CE 852/2004) S.C.I.A. IMPRESE ALIMENTARI (EX DIA DIFFERITA) All Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Distretto: Il/La sottoscritto/a (indicare

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiop asdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx LINEE GUIDA REQUISITI RISTORAZIONE COLLETTIVA cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbn

Dettagli

I 7 principi dell HACCP

I 7 principi dell HACCP I 7 principi dell HACCP 1. Identificare i rischi e valutarne la gravità 2. Definire i punti (sistemi) di prevenzione critici 3. Fissare i limiti dei parametri critici da tenere sotto controllo 4.Attuare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004)

RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004) RELAZIONE TECNICA (Allegato a NOTIFICA ai sensi dell art. 6 del Reg. CE n. 852/2004) Denominazione della Ditta Sede legale Indirizzo dell attività Descrizione dettagliata dell attività svolta: Numero addetti:

Dettagli

Le attività dell ASL della Provincia di Varese nella lotta allo spreco alimentare

Le attività dell ASL della Provincia di Varese nella lotta allo spreco alimentare Le attività dell ASL della Provincia di Varese nella lotta allo spreco alimentare Varese, 05/11/2015 Dott. Massimiliano Cernuschi Dott.ssa Valentina Romano UOC Sicurezza Alimentare e Nutrizione Dipartimento

Dettagli

Ogni giorno recuperiamo alimenti. Ogni giorno puoi aiutarci

Ogni giorno recuperiamo alimenti. Ogni giorno puoi aiutarci Ogni giorno recuperiamo alimenti Ogni giorno puoi aiutarci La Emilia Romagna ritira le eccedenze alimentari. I volontari preparano presso i nostri magazzini i prodotti da consegnare. Le strutture caritative

Dettagli

PROGETTO PRONTO FRESCO

PROGETTO PRONTO FRESCO PROGETTO PRONTO FRESCO Breve descrizione del progetto: Il progetto Pronto Fresco prevede il ritiro sistematico delle eccedenze alimentari (di prodotti freschi) dalle aziende commerciali e industriali ed

Dettagli

Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici.

Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici. Fabriano, 26 Ottobre 2011 ERMENEUTICA DEL REGOLAMENTO 2073 H.A.C.C.P.: criteri di individuazione e gestione dei punti critici Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell

Dettagli

6.5.2 ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO

6.5.2 ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO 6.5.2 ALLERGIA ALLE PROTEINE DEL LATTE VACCINO Lâ allergia alle proteine del latte vaccino (APLV) Ã unâ allergia piuttosto diffusa, che puã² manifestarsi in reazioni anche gravi, sebbene generalmente le

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA Art. 1 Finalità La Commissione mensa è un organismo consultivo che si propone di : 1. migliorare la qualità della refezione scolastica;

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE SEMPLIFICATO ********

PIANO DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE SEMPLIFICATO ******** Mod. IS_1 PIANO DI AUTOCONTROLLO AZIENDALE SEMPLIFICATO (DECRETO A.R.I.S. N 24 DEL 18/07/2000) ******** RIFERIMENTI NORMATIVI: DECRETO LEGISLATIVO 26/05/91 n 155 DECRETO LEGGE 26/12/99 n 526 DECRETO GIUNTA

Dettagli

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA

GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA GUIDA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA per macellerie e laboratori annessi / pescherie e laboratori annessi / depositi all'ingrosso di carni e prodotti della pesca da allegare in caso di notifica

Dettagli

SCHEDA CORSO ON LINE. Titolo corso: HACCP per Personale Alimentare di Attività Semplici (ove non si effettuano manipolazioni dirette degli alimenti)

SCHEDA CORSO ON LINE. Titolo corso: HACCP per Personale Alimentare di Attività Semplici (ove non si effettuano manipolazioni dirette degli alimenti) SCHEDA CORSO ON LINE Titolo corso: HACCP per Personale Alimentare di Attività Semplici (ove non si effettuano manipolazioni dirette degli alimenti) Tecnologia di sviluppo: HTML5 Area Tematica: NORMATIVA

Dettagli

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto:

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto: Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare per l eccellenza l prestazionale, ambientale e di mercato Obiettivi del progetto: Innovazione di prodotto per packaging Innovazione di

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI LA SICUREZZA DELLE DERRATE ALIMENTARI, OGGETTI D'USO E GIOCATTOLI NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ

DIRETTIVE CONCERNENTI LA SICUREZZA DELLE DERRATE ALIMENTARI, OGGETTI D'USO E GIOCATTOLI NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ DIRETTIVE CONCERNENTI LA SICUREZZA DELLE DERRATE ALIMENTARI, OGGETTI D'USO E GIOCATTOLI NELL AMBITO DELLE ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE AI SENSI DELL ART. 7 DELLA LEGGE PER LE FAMIGLIE Il presente documento

Dettagli

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 8

23/05/ :56:05 Pagina 1 di 8 Denominazione Figura / Profilo / Obiettivo Indirizzi Addetto banconiere 1 - Macelleria 2 - Gastronomia Professioni NUP/ISTAT correlate 5.1.2.1.0 - Commessi delle vendite all'ingrosso 5.1.2.2.0 - Commessi

Dettagli

C O M U N E D I C H I O N S P R O V I N C I A D I P O R D E N O N E

C O M U N E D I C H I O N S P R O V I N C I A D I P O R D E N O N E C O M U N E D I C H I O N S P R O V I N C I A D I P O R D E N O N E CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CAPITOLATO TECNICO A FAVORE DI ALUNNI ED INSEGNANTI DELLE SCUOLE

Dettagli

REQUISITI IGIENICO EDILIZI RELATIVI AD ALCUNE TIPOLOGIE DI ATTIVITA IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ASUR MARCHE AREA VASTA N.

REQUISITI IGIENICO EDILIZI RELATIVI AD ALCUNE TIPOLOGIE DI ATTIVITA IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ASUR MARCHE AREA VASTA N. REQUISITI IGIENICO EDILIZI RELATIVI AD ALCUNE TIPOLOGIE DI ATTIVITA IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ASUR MARCHE AREA VASTA N.4 DI FERMO Camera di Commercio di Fermo Fermo 15 luglio 2013 Scopo Stabilire

Dettagli

Autocontrollo H.A.C.C.P. manuali. Corso SAB-Dott.ssa Stefania Marzona

Autocontrollo H.A.C.C.P. manuali. Corso SAB-Dott.ssa Stefania Marzona Autocontrollo H.A.C.C.P. manuali 1 2 Autocontrollo e sistema HACCP non sono sinonimi. Il concetto di autocontrollo ha una valenza più ampia che discende dalla responsabilizzazione dell Operatore del settore

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ARDISS

PROCEDURA APERTA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE MENSE UNIVERSITARIE DELL ARDISS PROCEDURA APERTA PER L ALLESTIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE DELLE LOTTO 1 CIG 66651618D9 LOTTO 2 CIG 6665202AAE LOTTO 3 CIG 66652133C4 MENSE UNIVERSITARIE DELL ARDISS ALLEGATO N 4 LIMITI

Dettagli

ASL ROMA 4, Civitavecchia, 19 settembre Il Regolamento n. 1169/2011 dall etichettatura all informazione. Monica Minelli

ASL ROMA 4, Civitavecchia, 19 settembre Il Regolamento n. 1169/2011 dall etichettatura all informazione. Monica Minelli ASL ROMA 4, Civitavecchia, 19 settembre 2017 Il Regolamento n. 1169/2011 dall etichettatura all informazione Monica Minelli 1 Quali novità rispetto alle precedenti direttive? Regolamento (UE) n. 1169/2011

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO GELATO ARTIGIANALE

LISTA DI RISCONTRO GELATO ARTIGIANALE Lo DATA N DEL VERBALE: Azienda (n progressivo) Riportare il nominativo OBIETTIVI DELLA VERIFICA Riportare lo scopo della Verifica FIGURE COINVOLTE NELLA VERIFICA PERSONA FUNZIONE FIRMA GLOSSARIO Conforme:

Dettagli

Siamo quello che mangiamo: Si mangiava meglio una volta? Dott. Francesco Morbiato

Siamo quello che mangiamo: Si mangiava meglio una volta? Dott. Francesco Morbiato Siamo quello che mangiamo: Si mangiava meglio una volta? Dott. Francesco Morbiato La carenza di cibo: l Ottocento Alimentazione della popolazione contadina pane, focacce e polenta ottenuti con cereali

Dettagli

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.)

Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Il Controllo Ufficiale nell ambito della Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) Intervento a cura di dott.ssa Daniela F. Pozzi Milano, 21 maggio 2015 Quadro normativo Regolamento CE 852/04

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MATERIALI PRODOTTI E COMMERCIALIZZATI. Fabbricato con materiale di riciclo. PET (polietilene tereftalato) - 12 my

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MATERIALI PRODOTTI E COMMERCIALIZZATI. Fabbricato con materiale di riciclo. PET (polietilene tereftalato) - 12 my CA 1.1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA MATERIALI PRODOTTI E COMMERCIALIZZATI Con la presente si dichiara che il seguente prodotto: PIATTO ALA CAPPATO Articolo prodotto dalla CARVAL CARTIERA DI VALLETROMPIA

Dettagli

DISCIPLINARE DELL AGRITURISMO DI CAMPAGNA AMICA

DISCIPLINARE DELL AGRITURISMO DI CAMPAGNA AMICA DISCIPLINARE DELL AGRITURISMO DI CAMPAGNA AMICA ART. 1 DEFINIZIONE Viene definito Agriturismo di Campagna Amica ogni azienda agrituristica, socia di Coldiretti e che appartenga alle categorie meglio identificate

Dettagli

Banco Alimentare della Lombardia «Danilo Fossati» Onlus «Il Contrasto alla Povertà in Lombardia»

Banco Alimentare della Lombardia «Danilo Fossati» Onlus «Il Contrasto alla Povertà in Lombardia» Banco Alimentare della Lombardia «Danilo Fossati» Onlus «Il Contrasto alla Povertà in Lombardia» Milano, 04/12/2017 Il piano di comunicazione La Mission La Rete Banco Alimentare recupera le eccedenze dalla

Dettagli