A ognuno il suo: l attrezzatura digitale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A ognuno il suo: l attrezzatura digitale"

Transcript

1 A ognuno il suo: l attrezzatura digitale Senti, mi devo comprare una macchina fotografica, visto che sei un fotografo, cosa mi consigli? Credi che mi basteranno 10 megapixel? Quello della scelta dell attrezzatura è un problema che il digitale ha in comune con l analogico, con l aggravante che anche chi si era fatto un idea sull analogico deve rivedere alcuni importanti aspetti passando al digitale. Non pretendo di affrontare, nel poco spazio a nostra disposizione, il problema della scelta dell attrezzatura. Vorrei però provare a mettere qualche punto fermo su due elementi: il sensore e gli obiettivi. Cercheremo di vedere come questi componenti interagiscano tra loro e come il digitale possa influire sul comportamento di un obiettivo. Il sensore Il sensore è senz altro l elemento più considerato nella scelta di una macchina fotografica, se non altro perché è sulla sua risoluzione che le case puntano maggiormente per pubblicizzare una nuova fotocamera. Prima di parlare di questo importante elemento vorrei però fare alcune considerazioni: spesso il sensore viene considerato la forma moderna della pellicola; in fondo è l elemento posto dietro l obiettivo sul quale viene ad incidere la luce. In realtà la cosa è un poco più complessa; il sensore, come vedremo, si limita a trasformare la luce in segnale elettrico. Cosa questa molto importante, certo, ma non sufficiente. Dopo il sensore questo segnale deve essere trattato da un processore mediante uno specifico software. Ogni casa, anzi quasi ogni modello, ha uno specifico software. E questo che provvede a elaborare il segnale elettrico definendo morbidezza, contrasto e le altre caratteristiche di quella che sarà la nostra immagine. Se proviamo una stessa pellicola su due apparecchi analogici differenti che montano lo stesso obiettivo i risultati saranno molto simili, viceversa se noi potessimo impiantare un sensore di una macchina fotografica su di un altra, l immagine risultante potrebbe essere molto differente. Fatta questa premessa occupiamoci del sensore. Un sensore è un tipo di trasduttore, Figura 1 I sensori ad uso fotografico possono essere realizzati con tecnologie differenti che ne fanno variare caratteristiche e prezzi. Nella figura a sinistra un sensore CCD, a destra un sensore MOS. ossia è un dispositivo che trasforma la luce in un segnale elettrico.

2 Il sensore fotografico si può considerare formato da una serie di celle affiancate, Figura 2 Un sensore fotografico può essere considerato una scacchiera formata da sensori; mediante l utilizzo di filtri ogni punto produce un pixel il cui colore corrisponde al colore della luce che lo colpisce. ognuna delle quali è sensibile ad uno dei colori necessari per formare un immagine (rosso, verde e blu). Questa sensibilità selettiva è ottenuta sovrapponendo ad ogni cella un filtro di colore opportuno. Le caratteristiche principali di un sensore, o quantomeno le più note, sono la risoluzione e la dimensione. Entrambe queste caratteristiche possono variare molto in funzione dell uso e del costo del sensore stesso e, quindi, dell apparecchio al quale è destinato. In realtà avremo modo di vedere che ci sono altre caratteristiche da considerare, ma occupiamoci per il momento di queste due. Ormai anche i fotografi più distratti hanno sentito parlare della risoluzione; come abbiamo detto il sensore è costituito da una griglia di sensori disposti su un'area rettangolare. La scena fotografata viene scomposta in un insieme di punti rettangolari chiamati pixel. Se consideriamo un sensore costituito da una griglia 25x20, l'immagine prodotta sarebbe larga 25 pixel e alta 20, quindi avrebbe un totale di 25x20=500 pixel. La stessa scena, fotografata con un sensore da 250x200 punti, sarebbe costituita da pixel. Il numero di pixel è la risoluzione del sensore e viene misurata in Megapixel (ossia milioni di pixel). Più elevato è il numero di punti del sensore, più alta è la risoluzione dell'immagine prodotta, maggiore l informazione contenuta nell'immagine e maggiore lo spazio necessario per salvarla. Attenzione però alla pubblicità ingannevole: alcune macchine fotografiche di marche sconosciute dichiarano di avere 4 Mpixel. Leggendo con attenzione le caratteristiche tecniche si scopre però che il sensore è da 1 o 2 Mpixel, e che i 4 Mpixel sono interpolati. L'interpolazione è un procedimento che aumenta il numero di pixel generando i pixel mancanti in base a particolari algoritmi. L aumento di risoluzione ottenuto in questo modo non aumenta la quantità di informazioni presenti nell immagine. Per quanto riguarda la dimensione del sensore ci sono molte possibilità, che dipendono

3 dal costo e dall uso che intendiamo fare del sensore: un conto è una reflex, un altro un telefonino. Figura 3 Dimensioni più comuni di sensori fotografici. Partendo dalle dimensioni della pellicola 35mm., dimensioni ormai raggiunte anche da diversi sensori, si può notare come i loro formati principali siano sensibilmente inferiori. Questo fatto ha conseguenze sulla focale effettiva degli obiettivi e sulla qualità dell immagine finale. Sensori di dimensione pari o minore di 2/3 sono usati principalmente nei telefonini dotati di fotocamera. La grandezza del sensore ha un peso notevole sulle prestazioni della fotocamera influendo su lunghezza focale, luminosità e profondità di campo. Vediamo come. Diminuendo la dimensione del sensore, a parità di obiettivo, la porzione di immagine che riusciamo a riprendere è minore; Figura 4 Porzione di immagine visibile a parità di obiettivo per sensori di dimensioni differenti. In giallo sensore con fattore moltiplicativo 1,3 (utilizzato ad esempio nella Canon 1D), in rosso sensore con fattore 1,5 (usato ad esempio in alcune serie della Nikon) e in verde fattore moltiplicativo 1,6 (Canon 350D). Alcune fotocamera della Canon (serie 5D e 1Ds) hanno sensori di dimensioni pari al 35mm., in questo caso l immagine ripresa coincide con quella della pellicola. Utilizzando il fattore moltiplicativo è possibile calcolare con una semplice operazione la lunghezza focale equivalente. Ad esempio un obiettivo da 50mm usato con un sensore con fattore moltiplicativo 1,6 corrisponde ad un 80mm. (1,6 x 50 = 80).

4 questo fenomeno, dà luogo al fattore di crop o di moltiplicazione: la lunghezza focale di un obiettivo utilizzato con una camera digitale non ha gli stessi effetti di quelli che avrebbe nell analogico. Per ottenere la lunghezza equivalente occorre moltiplicare la lunghezza focale dell obiettivo per il fattore di conversione (generalmente 1.6). Ho parlato intenzionalmente di effetto sulla lunghezza focale: un obiettivo, infatti, non cambia la sua lunghezza focale solo perché cambia la dimensione del sensore, semplicemente gli effetti a parità di lunghezza focale differiscono in base alle dimensioni del sensore. Questo comportamento, pur se da un lato comporta la perdita di una parte dell immagine, ha anche un vantaggio: quasi tutti gli obiettivi hanno nitidezza maggiore nella zona centrale, mentre la qualità tende a degradare man mano che si raggiunge il bordo. Il sensore taglia la parte più esterna dell immagine ossia la parte di qualità inferiore. Figura 5 Porzione dell obiettivo utilizzata dal sensore (in nero). Si noti come sensori più piccoli taglino la parte esterna dell obiettivo, quella più vicina ai bordi. Questo taglio rende impossibile usare obiettivi nati per il digitale sulle fotocamere tradizionali, in quanto questi obiettivi coprirebbero solo la parte centrale del sensore. Obiettivi di qualità inferiore hanno quindi una resa maggiore se utilizzati su apparecchi digitali. Nella pratica questo vantaggio è reso meno evidente dal fatto che con sensori più piccoli si ha la necessità di utilizzare obiettivi con lunghezza focale minore (proprio a causa del fattore di conversione), e questi hanno generalmente resa ottica minore di quelli a focale maggiore. Anche la luminosità di un obiettivo è influenzata dalla dimensione del sensore: sensori più piccoli richiedono obiettivi più luminosi (a parità di altre condizioni). La quantità di luce che possono catturare è infatti minore rispetto a quella ottenuta con sensori di maggiori dimensioni che generalmente hanno pixel di dimensioni maggiori. (vedi il box di approfondimento) Per quanto riguarda la profondità di campo, questa decresce con il crescere delle dimensioni del sensore. Ciò in realtà non è una caratteristica fisica, ma è dovuto al fatto che per ottenere la stessa copertura dell immagine, a causa del fattore moltiplicativo, sono costretto ad utilizzare lunghezze focali maggiori che hanno profondità di campo minore. Per ottenere quindi la stessa profondità di campo devo utilizzare diaframmi più chiusi. Ad

5 esempio per ottenere la stessa profondità di campo che avrei utilizzando un obiettivo da 10mm a f/11, con una fotocamera con fattore moltiplicativo 1,6 dovrei usare un obiettivo da 16mm e un apertura f/18. Ciò che abbiamo visto non esaurisce l argomento sensori, ma ci permette di comprendere meglio come questo importante elemento influisca sulle nostre immagini. Gli obiettivi Vediamo ora le principali caratteristiche di un obiettivo e come queste influenzino e siano influenzate dal sensore. Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra la superficie dell'obiettivo e il punto nel quale converge la luce. Gli obiettivi in cui la lunghezza focale non può cambiare si chiamano obiettivi a focale fissa; dove può variare l'obiettivo prende il nome di focale variabile o zoom. La lunghezza focale è espressa in millimetri (es. 135mm per focale fissa o mm per focale variabile). Aumentando la lunghezza focale l immagine risulta ingrandita e ha un angolo di campo più piccolo. Parlando di lunghezza focale non posso almeno accennare ad una novità specifica del digitale: lo zoom digitale. Di fatto lo zoom digitale non è altro che un ritaglio ingrandito di una parte dell immagine presa alla massima risoluzione. Questo comporta che mostrerà dettagli poco definiti e che si può ottenere lo stesso risultato ritagliando l immagine con computer usando un normale programma di fotoritocco e poi ingrandendolo con l'aggiunta di pixel calcolati matematicamente (interpolazione). Il principale utilizzo dello zoom digitale è quello di rendere più precisa la messa a fuoco manuale. Apertura o luminosità Rappresenta il principale sforzo nella ricerca tecnologica in cui sono impegnate le case produttrici di ottiche fotografiche. I teleobiettivi per essere molto luminosi necessitano di un sovradimensionamento delle lenti che determina l incremento di alcune aberrazioni ottiche e l aumento del peso (e del costo). Il problema consiste nella scelta tra obiettivi meno luminosi ma leggeri e più economici, oppure luminosi ma pesanti e costosi; come al solito la scelta deve essere fatta sulla base dell utilizzo che si fa dell obiettivo. L'apertura massima di un obiettivo è uguale alla lunghezza focale diviso il diametro interno dell'obiettivo. Maggiore è l'apertura massima, più luminoso sarà l'obiettivo, ossia maggiore è la luce che passa. La quantità di luce che attraversa le lenti è regolata da un dispositivo chiamato diaframma, situato di solito all'interno dell'obiettivo. La sua dimensione determina la profondità di campo e di conseguenza quella di fuoco. Il valore di diaframma indicato sull'obiettivo è la massima apertura ottenibile. Angolo di campo L'immagine formata dall'obiettivo sulla superficie posta in corrispondenza del piano focale è di forma circolare. All'interno di questo cerchio è posto il sensore. L'angolo di campo è quello misurato al vertice di un triangolo isoscele con base sulla diagonale del sensore; varia quindi in funzione del formato del sensore e della lunghezza focale: è più ampio quando questa è corta e viceversa.

6 Figura 6 Angolo di campo. L'obiettivo rifrange i raggi luminosi e li focalizza a una distanza equivalente alla sua lunghezza focale. Il diametro del cerchio immagine che così si viene a formare è la base del triangolo isoscele di raggi rifratti dall'obiettivo, triangolo che ha per altezza la lunghezza focale dell'obiettivo. L'angolo (α) al vertice del triangolo ABC è l'angolo di campo dell'obiettivo. Profondità campo Per ogni regolazione dell'obiettivo, c'è una sola distanza alla quale gli oggetti appaiono perfettamente a fuoco, allontanandosi da questa distanza in avanti o indietro la nitidezza diminuisce gradualmente. L intervallo di spazio davanti e dietro il soggetto in cui la sfocatura è impercettibile è la profondità di campo. Occorre tenere presente che a causa dell'angolo di incidenza dei raggi luminosi il campo nitido è sempre maggiore dietro al soggetto a fuoco che davanti; più precisamente un terzo della profondità di campo si trova davanti al soggetto e due terzi dietro.

7 Figura 7 - Profondità di campo. Variare la profondità di campo ci permette di ottenere effetti diversi sull immagine. Nel ritratto, ad esempio, lo sfondo sfocato permette di evidenziare il volto del soggetto. Nelle due immagini la stessa inquadratura con stessa focale con apertura di diaframma differente. (5 per l immagine a sinistra e 32 per quella a destra) Sono molti i fattori che incidono sulla profondità di campo. I più importanti sono la lunghezza focale, la distanza del soggetto, e l'impostazione del diaframma della fotocamera. Obiettivi con lunghezza focale maggiore hanno una minore profondità di campo. Questa nota asserzione richiede una precisazione: in effetti questo rapporto fra profondità di campo e focale dipende più dall'uso che si fa delle focali di diversa lunghezza che non da proprietà fisiche delle lenti. E sufficiente allontanarsi o avvicinarsi al soggetto per avere la stessa profondità di campo tra due obiettivi di focale diversa. A parità di condizioni, la profondità di campo risulta tanto maggiore quanto più il soggetto è distante. La distanza alla quale la profondità di campo è maggiore si chiama distanza iperfocale. Per quanto riguarda il rapporto con l apertura del diaframma, a maggiori aperture del diaframma corrisponde una minore profondità di campo, e viceversa. Una piccola curiosità: l occhio può essere considerato un obiettivo con una lunghezza focale di 17 mm e il cui sensore ha una superficie di oltre 1500 millimetri quadrati (quasi il doppio di una pellicola 35 mm). Esposizione: diaframma, otturatore e sensibilità. In fotografia, il concetto di esposizione è di fondamentale importanza. Non abbiamo qui lo spazio per affrontare questo tema, ci limiteremo quindi a definirlo brevemente e a vedere in quale misura il digitale influenza questa grandezza. Vorrei inoltre sottolineare come su questo tema, più ancora che su altri nella fotografia, è fondamentale l esperienza; solo questa permette di considerare le innumerevoli condizioni che intervengono nella scelta dell esposizione e di tenere conto di come ogni singola scelta (diaframma, tempi e sensibilità) influisca sul risultato finale. L esposizione è uguale all intensità luminosa per il tempo. Possiamo dire che dipende da tre fattori: apertura del diaframma, tempo di esposizione e sensibilità della pellicola. Il rapporto che intercorre tra questi tre elementi è tale che parità di condizioni di luce, si ottiene la stessa esposizione se aumentando un fattore se ne diminuisce un altro nello stesso rapporto. Ad esempio, portando il tempo da 1/125 a 1/250, quindi dimezzando l'esposizione alla luce, si può scegliere se raddoppiare il diaframma oppure la sensibilità della pellicola: in entrambi i casi la quantità di luce che colpisce il sensore è la stessa.

8 Come sempre a complicare la vita del fotografo ci sono molti fattori che intervengono in questo rapporto: controluce, capacità di riflettere la luce del soggetto ecc. Allo stato attuale il diaframma e l otturatore sono i componenti della fotocamera che meno hanno risentito dell enorme progresso tecnologico fatto dalla fotografia. A mio avviso però la ricerca porterà, anche se occorreranno ancora diversi anni, grandi novità anche per questi elementi, si pensi ai superconduttori e ai nuovi materiali. Il diaframma è il meccanismo in grado di regolare il diametro del fascio di luce che, passando attraverso un obiettivo, raggiunge la superficie sensibile. L otturatore è invece il meccanismo che consente di regolare la durata dell'esposizione del materiale sensibile negli apparecchi fotografici. Possono essere di due tipi: centrale a lamelle e a tendina Figura 8 - Otturatori. Gli otturatori fotografici possono essere di due tipi: centrale a lamelle (a sinistra nell immagine) e a tendina (a destra nell immagine). Abbiamo detto che la regolazione di questi due elementi ci permette di variare l esposizione e che la stessa esposizione si ottiene indifferentemente variando l uno o l altro. Occorre però specificare che, pur con la stessa esposizione, non avremo la stessa immagine. Va tenuto conto del fatto che tempi troppo lunghi fanno aumentare il rischio del mosso e richiedono l uso di un cavalletto per ottenere un immagine nitida. Ma non sempre il mosso è considerabile un errore; talvolta è un effetto voluto per evidenziare il movimento o per ottenere effetti particolari. Per mettere in evidenza il movimento può utilizzare l effetto panning: in pratica si tratta di mantenere quanto più a fuoco il soggetto sfuocando lo sfondo. Per ottenere questo risultato durante lo scatto è necessario seguire con la fotocamera il movimento del soggetto. In pratica non esistono regole fisse sui tempi da utilizzare, consiglio di fare più prove partendo da 1/30 di secondo e aumentando i tempi. Come per molte cose il digitale ci aiuta anche in questo caso permettendoci di creare l effetto panning in post-produzione con il computer. Partendo da un immagine a fuoco isoliamo il soggetto con la bacchetta magica e con il lazo, poi dal menu selezione scegliamo inversa per selezionare lo sfondo. Per ottenere l effetto movimento utilizzeremo il filtro sfocatura -> effetto movimento. Effetti gradevoli si ottengono con una distanza pixel a partire da 50 (ma come al solito consiglio di provare diversi valori fino ad ottenere il risultato voluto). Per ottenere un effetto più realistico nel caso di soggetti su mezzi meccanici come bici, moto o auto, si può agire sulle ruote per dare l idea del movimento. Anche in questo caso selezioniamo le ruote con il lazo poi applichiamo il filtro Stilizzazione -> effetto vento. Interessante è anche l effetto che si ottiene sull acqua che scorre mediante l utilizzo di tempi lunghi.

9 Figura 9a/b - Utilizzo di tempi lunghi. Non sempre l esposizione tecnicamente perfetta è la migliore, spesso il fotografo sente la necessità di manovrare tempi e apertura del diaframma per ottenere effetti particolari. Nelle immagini vediamo l uso di tempi lunghi di esposizione (2 sec. nell immagine di sinistra e 4 sec. in quella di destra) che ci permettono di accentuare l impressione di movimento dell acqua che scorre. Naturalmente è necessario l uso del cavalletto. Conclusioni Come anticipato in apertura, mi sono limitato a parlare di due soli componenti l attrezzatura fotografica. Non ho neanche risposto alle ipotetiche domande poste all inizio. La scelta approfondita dell attrezzatura richiede soprattutto esperienza. Insomma il mio intento non è quello di dare delle soluzioni ma solo fornire alcuni mezzi per permettervi di raggiungere la migliore delle decisioni: quella fatta in base alla vostra esperienza. Massimo Isotti Box approfondimento - Sensori e dimensione dei pixel La dimensione del sensore non influisce solo sul numero di pixel e quindi sulla risoluzione, ma anche sulla dimensione del singolo pixel. In genere sensori più grandi hanno pixel più larghi. La dimensione del singolo pixel influenza a sua volta l immagine finale in diversi aspetti. I due aspetti senza dubbio più interessanti sono l aumentare della gamma dinamica e l aumento del rapporto segnale-rumore. La gamma dinamica rappresenta l intervallo di toni che un sensore è in grado di catturare tra il bianco e il nero. Dato che pixel più grandi hanno un maggior volume, riescono a immagazzinare un numero maggiore di fotoni (le particelle elementari della luce), ciò comporta un aumento della gamma dinamica. Il rapporto segnale-rumore è dato dalla divisione del segnale per il rumore. Per comprendere bene il fenomeno conviene fare un esempio: supponiamo di trovarci ad una festa con molti invitati e di cercare di conversare con un amico. In questo contesto il rumore è, evidentemente, quel sottofondo acustico dovuto agli altri invitati, mentre il segnale è formato dalla nostra conversazione. Perchè la conversazione sia intelligibile è necessario che il segnale sia maggiore del rumore; maggiore è il rapporto tra il segnale e il rumore, migliore è la qualità della mia conversazione. Nella fotografia il segnale è l immagine che voglio riprendere, il rumore è un disturbo che il sensore introduce quando trasforma la luce in segnale elettrico. La maggiore dimensione del pixel rende maggiore il flusso di fotoni che viene assorbito nel tempo di esposizione scelto, ciò rende più forte il segnale. Dato quindi che il rumore di fondo è costante il rapporto tra il segnale utile e il rumore (rapporto segnale/rumore) aumenta dando un immagine più uniforme.

10 Figura 10 - Rumore di fondo. A sinistra un immagine pulita : il rumore di fondo è praticamente inesistente. A destra un immagine con un rumore di fondo marcato, si noti come il rumore di fondo influisca sulla qualità delle immagini in modo particolare nelle zone di colore uniforme (ad esempio il cielo). Con pixel di dimensioni maggiori è possibile diminuire l effetto che il rumore ha sull immagine aumentando la quantità di segnale luminoso che raggiunge il sensore. La dimensione dei pixel non è l unico elemento ad influire sul rapporto segnale/rumore, oltre ad aumentare il segnale è infatti necessario diminuire il rumore. Il rumore non può essere completamente eliminato, può però essere contenuto attraverso il processo industriale di realizzazione dei sensori e aumentando l efficienza con la quale la fotocamera estrae le informazioni tonali da ogni pixel. Perché allora i costruttori continuano a realizzare sensori piccoli? Il motivo, come al solito, è di ordine economico: il costo di un sensore cresce sensibilmente con l aumento delle dimensioni, raddoppiare l area di un sensore ne aumenta il costo di circa quattro volte. Questo è dovuto al fatto che i sensori sono realizzati con fette di silicio. Figura 11 Rapporto costi/dimensione sensori. Vediamo nelle figure perché il costo del sensore non segue un rapporto lineare con la sua dimensione. Le due figure rappresentano due fette di silicio con le linee di taglio necessarie per realizzare sensori di dimensione (superficie) una quadrupla dell altra. Due sono le problematiche di cui dobbiamo tenere conto. La prima considerazione da fare è il numero di sensori che possiamo ricavare da ogni fetta: considerando solo i quadrati completi vediamo che nel primo caso ricaviamo 45 sensori, nel secondo caso ne otteniamo 8; considerando che i primi sensori hanno una dimensione quadrupla ne avremmo dovuti ottenere 11(45/4=11,25) abbiamo quindi sprecato il 27% del nostro materiale. La seconda considerazione riguarda le imperfezioni: anche il miglior materiale ha alcune imperfezioni che lo rendono inutilizzabile, abbiamo rappresentato queste imperfezioni con puntini bianchi. Si noti che nel caso di sensori piccoli la quantità di materiale inutilizzabile è quattro volte minore di quella che abbiamo con sensori più grandi. Considerando entrambi questi elementi risulta chiaro perché un sensore quattro volte più grande costi intorno alle otto volte di più.

11 Queste fette non sono esenti da difetti: riuscire a ritagliare da una fetta una porzione grande che abbia un numero molto basso di imperfezioni genera un grande scarto di silicio, e il silicio ha un costo elevato.

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it

Traduzioni & Corsi di Lingue Udine. Via Cussignacco 27/4. P. IVA: 02159420302 tel/fax: 0432-229621 scuola@jmi.it APPUNTI PRIMO INCONTRO Sono passati quasi duecento anni dall invenzione dei primi strumenti in grado di registrare immagini ma si può dire che la fotocamera è costituita dagli stessi elementi basilari

Dettagli

www.andreatorinesi.it

www.andreatorinesi.it La lunghezza focale Lunghezza focale Si definisce lunghezza focale la distanza tra il centro ottico dell'obiettivo (a infinito ) e il piano su cui si forma l'immagine (nel caso del digitale, il sensore).

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi

LA FOTOGRAFIA. Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. Guido Borghi LA FOTOGRAFIA 1 Le nozioni fondamentali: Cenni storici, l esposizione, le macchine fotografiche, gli obiettivi. UN PO DI STORIA... La camera oscura viene inventata nell antichità, viene anche utilizzata

Dettagli

Il concetto di stop in fotografia

Il concetto di stop in fotografia Il concetto di stop in fotografia Stop. Non vi è conversazione tra fotografi in cui questa parola non sia pronunciata diverse volte. Coloro che non conoscono il gergo fotografico restano piuttosto perplessi

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Corso base di fotografia Programma: -1 lezione: macchina fotografica www.rifredimmagine.it La macchina fotografica REFLEX Perchè scegliere la Reflex Possibilità Possibilitàdidiaccedere

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA

2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA 2011-2012 CORSO DI FOTOGRAFIA www.rifredimmagine.it ESPOSIZIONE : TEMPI E DIAFRAMMI Marco Fantechi Tempi e diaframmi L esposizione è la quantità di luce necessaria a registrare un immagine sulla pellicola

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale

Agenda. Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale OBIETTIVI Agenda Lunghezza focale Diaframma Circolo di confusione Iperfocale Lunghezza focale In una lente convergente i raggi provenienti da un soggetto molto lontano convergono in un punto. La distanza

Dettagli

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE!

CORSO FOTOGRAFICO DI BASE! CORSO FOTOGRAFICO DI BASE La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione Corso Fotografico di Base - La macchina fotografica, gli obiettivi e l esposizione" 1 CORSO FOTOGRAFICO DI BASE Premessa

Dettagli

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili.

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili. O.Welles usa in "Quarto potere" in modo magistrale la Profondità di Campo, in questo modo evita gli stacchi e un oggetto inquadrato riesce a mettere a ''fuoco'' anche ciò che c'è dietro - stesso uso magistrale

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo?

SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Cos'è la profondità di campo? SCUOLA DI FOTOGRAFIA La profondità di campo Negli scorsi articoli abbiamo parlato a lungo della composizione come arbitrio creativo del fotografo e come parte fondamentale del messaggio artistico dello

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO).

L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). L esposizione di una foto dipende essenzialmente da tre fattori: tempo di esposizione apertura di diaframma sensibilita del sensore (ISO). Quando premiamo il pulsante di scatto sulla nostra macchina fotografica,

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

Procedendo con ordine si distinguono:

Procedendo con ordine si distinguono: L'OBIETTIVO L'obiettivo è, sicuramente, la parte più importante della macchina fotografica in quanto solo con una buona ottica si ottengono buoni risultati, per questo motivo l'argomento verra trattato

Dettagli

Corso Base di Fotografia

Corso Base di Fotografia 01 OBIETTIVO e LUCE L elemento più importante di una macchina fotografica è rappresentato dall OBIETTIVO definito l occhio di ogni macchina fotografica : - è l obiettivo a permettere di vedere il soggetto

Dettagli

Corso base di fotografia

Corso base di fotografia Corso base di fotografia Tecnica fotografica Elementi di base per l'utilizzo della macchina fotografica, Come si impugna una reflex Impugnatura verticale Impugnatura con teleobbiettivo Reflex e Bridge:

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT Formazione in area grafica e Motion Graphics Fotografia digitale / Fotoritocco con Adobe Photoshop/ Tecniche per il Video digitale / Video-editing con Adobe Premiere / Creare DVD in casa con Adobe Encore

Dettagli

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica

Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Corso di fotografia digitale e cultura dell'immagine artistica Un iniziativa: Fotosmart e Formazionefotografica Docenti: Angelo Moretti (prima parte e cultura dell'immagine artistica) Andrea Michelsanti

Dettagli

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce

per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce CORSO BASE DI FOTOGRAFIA Tempi / Diaframma la fotografia è luce per ottenere la fotografia, bisogna esporre alla luce per un certo tempo una pellicola o un sensore elettronico sensibile alla luce I valori

Dettagli

Fotografia Digitale: Glossario

Fotografia Digitale: Glossario GLOSSARIO BATTESIMI di BONIN GIOVANNI Fotografia Digitale: Glossario Sono numerose le sigle e i termini che si posso trovare nella fotografia digitale: ecco la spiegazione di alcuni tra i più importanti.

Dettagli

Tempi, diaframmi, sensibilità

Tempi, diaframmi, sensibilità Nicola Focci Settembre 2011 Questo articolo illustra i tre parametri fondamentali per utilizzare una macchina fotografica (tempi, diaframmi, sensibilità) e li «cala» nell operatività concreta (profondità

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

Una raccolta di foto di esempio SB-900

Una raccolta di foto di esempio SB-900 Una raccolta di foto di esempio SB-900 Questo opuscolo presenta tecniche, foto di esempio e una panoramica delle funzioni di ripresa flash possibili quando si utilizza un SB-900. It Scelta dello schema

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE Seconda parte la: PRODUZIONE Nel precedente articolo abbiamo pianificato la panoramica, scegliendo luogo

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO.

Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Tecnica fotografica: Sensibilità ISO. Nel mondo della fotografia tradizionale la sensibilità ISO (in passato ASA) rappresenta la velocità del negativo fotografico. Poiché le camere digitali non usano il

Dettagli

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST

LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST LA VIDEOCAMERA DIGITALE DI QUALITA BROADCAST Canon XL1s: nata per soddisfare gli utenti più esigenti Canon è alla continua ricerca di sistemi in grado di offrire una qualità d immagine superiore. Da questa

Dettagli

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni

La fotografia del Cielo. Strumentazione e tecniche per catturare emozioni La fotografia del Cielo Strumentazione e tecniche per catturare emozioni Gli strumenti di ripresa digitali webcam CCD Alcuni concetti base Il cielo notturno e gli oggetti che lo popolano hanno solitamente

Dettagli

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto

Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Esposizione Con Una Reflex Digitale In Situazioni Di Alto Contrasto Autore: Vitali Shkaruba Traduzione in italiano: Enrico De Santis Nota: prima di affrontare questo articolo sarebbe opportuno conoscere

Dettagli

Cenni di Macrofotografia

Cenni di Macrofotografia Cenni di Macrofotografia Definiamo il termine MACROFOTOGRAFIA Per comprendere il termine «Macrofotografia», bisogna necessariamente introdurre il concetto di «rapporto di riproduzione» o semplicemente

Dettagli

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi 1 Introduzione Spesso sentiamo parlare delle dimensioni di una foto oppure ne leggiamo le misure entrando nelle proprietà di

Dettagli

COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO

COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO 2 1 COME SCEGLIERE IL PROPRIO APPARECCHIO FOTOGRAFICO Uno dei momenti più difficili per chi si avvicina alla fotografia è quello della scelta della propria

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

Indice degli argomenti

Indice degli argomenti Indice degli argomenti Gli argomenti affrontati in questo seminario sono i seguenti: concetti di base la macchina fotografica l'esposizione l'obiettivo lo scatto la composizione il flash (o lampeggiatore)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato

COMUNICATO STAMPA. Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Nuova Nikon D3100: la guida ideale per fotografie entusiasmanti e filmati in full HD mozzafiato Torino, 19 agosto 2010 Nital S.p.A. è lieta di presentare la Nikon D3100, la prima reflex digitale della

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò

CORSO BASE DI FOTOGRAFIA. A cura del prof. Gioacchino Giacò CORSO BASE DI FOTOGRAFIA A cura del prof. Gioacchino Giacò Per ottenere buone fotografie è necessario saper controllare due parametri fondamentali: apertura del diaframma e tempo di esposizione. Il diaframma

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale

Corso Fotografia digitale 2008 Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Seconda lezione: tecnica e caratteri della ripresa analogica e digitale Luigi Bernardi Pavia, 17 maggio 2008 1 Schema lezione 2 1. La luce e il soggetto 2. Automatico, scene, controllo manuale di diaframma

Dettagli

Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS

Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS Fotografia professionale alla portata di tutti con PowerShot A650 IS e A720 IS Canon amplia la sua linea PowerShot serie A con due nuovi modelli ricchi di funzioni che offrono all amatore evoluto e all

Dettagli

Corso fotografia naturalistica

Corso fotografia naturalistica Corso fotografia naturalistica Corso fotografia naturalistica PRIMA PARTE / GLI STRUMENTI Tipi di macchine fotografiche Compatte Reflex Full frame Altri formati I pixel e non solo Le schede di memoria

Dettagli

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione

Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Foto IR Descrizione di elaborazione file nef in post-produzione Questo che vado a farvi vedere e un breve riassunto su come vado a realizzare le mie foto IR, chi si avvicina o pratica già da tempo questo

Dettagli

Introduzione alla fotografia digitale

Introduzione alla fotografia digitale Introduzione alla fotografia digitale 1 La fotografia è forse la forma di espressione artistica più alla portata di tutti. Chiunque può infatti procurarsi una fotocamera, non necessariamente costosa, e

Dettagli

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni

Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Piccola Guida alla Fotografia parte 6a Gli errori più comuni Dopo aver visto negli altri capitoli le linee principali per fotografare correttamente i nostri modelli, cercherò di mostrare ora cosa non si

Dettagli

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html

RADIOSITY TUTORIAL. versione originale su: http://www.mvpny.com/radtutmv/radiositytut1mv.html RADIOSITY TUTORIAL La "Profondità Diffusione" che si imposta nella finesta Settaggi Radiosity (render- >parametri rendering->radiosity) stabilisce quante volte una fonte di illuminazione andrà a riflettersi

Dettagli

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800

Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 Comunicazioni alla stampa you can Scattare fotografie mozzafiato è semplice come inquadrare e scattare con la nuova Canon PowerShot A800 PowerShot A800, una compatta digitale conveniente e facile da usare,

Dettagli

Il ritratto, come fotografare un volto

Il ritratto, come fotografare un volto Il ritratto, come fotografare un volto Amo fotografare le persone, e sono convinto che dietro ogni fotografia di un volto si possa nascondere una storia un infinità di sfumature e di colori che si leggono

Dettagli

Illuminazione avanzata

Illuminazione avanzata Informatica Grafica per le arti Illuminazione avanzata E' possibile applicare una bitmap ad una luce. Una luce a cui e' applicata una bitmap proietta l'immagine associata nello spazio. Marco Gribaudo marcog@di.unito.it

Dettagli

La riduzione dei dati da CCD

La riduzione dei dati da CCD Hands on Universe, Europe Pesiamo una galassia La riduzione dei dati da CCD Alessandra Zanazzi e Marilena Spavone Città della Scienza Scpa Onlus e Fondazione IDIS - Città della Scienza Logo disegnato da

Dettagli

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200

! ISO/ASA 25 50 100 200 400 800 1600 3200 Rolleiflex T (Type 1)" Capire l esposizione Una breve guida di Massimiliano Marradi mmarradi.it Prima di tutto occorre scegliere il modo in cui valutare l esposizione. Se valutativa, quindi a vista, useremo

Dettagli

Ottica fotografica. Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica

Ottica fotografica. Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica Ottica fotografica Lezioni per il corso di Fisica per gli studenti del diploma di Ottica Alessandro Farini alessandro.farini@inoa.it Istituto Nazionale di Ottica Applicata-CNR 2 luglio 2009 Alessandro

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

Corso base fotografia digitale

Corso base fotografia digitale Corso base fotografia digitale Lezione numero 1: La macchina fotografica: evoluzione del congegno fotografico dal foro stenopeico alla macchina digitale. I formati delle pellicole e dei sensori: cenni

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora:

9. Polveri e mosaici. Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: 9. Polveri e mosaici Maria ci pensò sopra, poi chiese ancora: Perché è così bianco? Anche l uomo pensò un poco, come se la domanda gli sembrasse difficile, e poi disse con voce profonda: Perché è titanio.

Dettagli

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica

Corso di fotografia di base 2012. Lezione 1 Attrezzatura fotografica Corso di fotografia di base 2012 Lezione 1 Attrezzatura fotografica Fotocamere Tutte le fotocamere funzionano sostanzialmente alla stessa maniera. Il funzionamento richiede una scatola (oscura) con un

Dettagli

Tutorial: Come fotografare la via lattea

Tutorial: Come fotografare la via lattea Tutorial: Come fotografare la via lattea Chi mi segue da tempo saprà certamente che durante i miei viaggi e le mie escursioni ho dedicato molto tempo nella fotografia di paesaggio e sempre più spesso dedico

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

Corso di fotografia di base 2012

Corso di fotografia di base 2012 Corso di fotografia di base 2012 Lezione 3 - Controllo nitidezza, bilanciamento cromatico 1 Controllo della nitidezza Una delle prime cose che si notano nella fotografia è la ricchezza di dettagli ben

Dettagli

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato

FOTOGRAFANDO. Corso di fotografia livello avanzato FOTOGRAFANDO Corso di fotografia livello avanzato Fotografando di Levenfeld Alvaro Mauricio Info@fotografando-ivrea.it Tel +39 0125 62 70 42 Cell +39 349 460 7 460 Cell +39 348 009 15 15 www.fotografando-ivrea.it

Dettagli

LA FOTOGRAFIA DIGITALE

LA FOTOGRAFIA DIGITALE LA FOTOGRAFIA DIGITALE le macchine i concetti base lo scatto il ritocco la stampa creare slide show pubblicare on line Giorgio Belletti per UNITRE Casale Monferrato Giorgio Belletti per UNITRE Università

Dettagli

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi

Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Corso di Fotografia Centro Iniziative Sociali Roberto Borgheresi Conoscere i tipi di fotocamere Uno dei tanti libri di fotografia che avevo letto iniziava con un detto: Povero è il falegname che accusa

Dettagli

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più

Una immagine Vale più Di mille parole. Crowdknitting Store. Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più Una immagine Vale più Di mille parole Crowdknitting Store Come ottenere foto di grande impatto E vendere di più migliora le tue foto. Aumenta le vendite. Immagini chiare, nitide e fedeli al prodotto aiutano

Dettagli

Riduzione del rumore con Photoshop Cs5. Immagini scattate con ISO elevati

Riduzione del rumore con Photoshop Cs5. Immagini scattate con ISO elevati Riduzione del rumore con Photoshop Cs5 Immagini scattate con ISO elevati Precedentemente abbiamo visto come ridurre il rumore elettronico con Photoshop Cs4, si svolgeva in due fasi, la prima leggera sul

Dettagli

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo

Panorama Maker 3. di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 di Gerardo Bonomo Panorama Maker 3 Pagina 1 PREMESSA Un sogno fotografico difficilmente realizzabile con la pellicola è quello della fotografia panoramica. Usando la pellicola è necessario

Dettagli

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE

raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE raffaele de marinis FOTO PANORAMICHE PIANIFICAZIONE, PRODUZIONE, POSTPRODUZIONE E PRESENTAZIONE LA POSTPRODUZIONE Dopo la Pianificazione e la Produzione degli scatti siamo ora arrivati alla PostProduzione:

Dettagli

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE

PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE ACCESSORI PRO E CONTRO IL MOLTIPLICATORE DI FOCALE Il moltiplicatore di focale costituisce una soluzione molto economica per espandere le potenzialità del proprio sistema fotografico: esaminiamone vantaggi

Dettagli

Documento tecnico. Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo

Documento tecnico. Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo Documento tecnico Sotto la luce migliore Le difficoltà dell illuminazione ridotta al minimo Sommario 1. Introduzione 3 2. Il puzzle della sensibilità alla luce 3 3. Non fatevi ingannare! 5 4. La scelta

Dettagli

Lezione 2 Esposizione

Lezione 2 Esposizione Corso di fotografia di base 011 Lezione Esposizione Esposizione L esposizione, sia nei sistemi digitali che a pellicola, consiste nell eccitare i pixel del sensore o gli elementi fotosensibili di una pellicola

Dettagli

Prezzo e qualità: Sigma 24-70mm f/2,8 e Nikkor 35mm f/1,8

Prezzo e qualità: Sigma 24-70mm f/2,8 e Nikkor 35mm f/1,8 Test MTF Prezzo e qualità: Sigma -mm f/, e Nikkor mm f/, Con il nuovo mm f/. Nikon rinnova in chiave digitale una focale ormai storica, mentre il -mm f/, di Sigma va a competere con i concorrenti originali

Dettagli

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE

STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE STILL LIFE LIGHT PAINTING DIPINGERE CON LA LUCE 1 LIGHT PAINTING dipingere con la luce Il LIGHT PAINTING è una tecnica fotografica che permette di realizzare scatti ricercati e suggestivi attraverso l

Dettagli

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti

IN BIANCO E NERO con Capture NX. a cura di Mauro Minetti UNA SEMPLICE CONVERSIONE IN BIANCO E NERO con Capture NX a cura di Mauro Minetti GIUGNO 2007 INDICE PREMESSA IMPOSTAZIONI SOFTWARE EFFETTI FOTO LUMINOSITA CONTRASTO - alte luci (bianco) CONTRASTO - basse

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali

Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Fare foto eccezionali è facilissimo! Obiettivi Image Stabilizer (stabilizzatore d'immagine) per risultati ottimali Troppe foto mosse? La soluzione è a portata di mano: obiettivi stabilizzati Canon IS*!

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

Jumbo MBS nella fotografia di architettura. a c u r a d i S a v e r i o L o m b a r d i V a l l a u r i. www.nital.it

Jumbo MBS nella fotografia di architettura. a c u r a d i S a v e r i o L o m b a r d i V a l l a u r i. www.nital.it Jumbo MBS nella fotografia di architettura a c u r a d i S a v e r i o L o m b a r d i V a l l a u r i www.nital.it La staffa Jumbo MultiBigShoot I decentramenti dell ottica e del corpo Formati immagine

Dettagli

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità

Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla portabilità Milano, 19. Febbraio 2008 Comunicato stampa Fotocamera digitale Novità: RICOH R50 Questa fotocamera digitale compatta, con CCD da 10 megapixel e zoom ottico 5x, attribuisce una notevole importanza alla

Dettagli

Consigli per l acquisto del primo strumento

Consigli per l acquisto del primo strumento Consigli per l acquisto del primo strumento 1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è un potente mezzo di osservazione, che

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

Mauro Minetti. Maggio 2007

Mauro Minetti. Maggio 2007 L ESPOSIZIONE NELLA FOTOGRAFIA DIGITALE Mauro Minetti Maggio 2007 INDICE PREMESSA LETTURA ESPOSIMETRICA PULSANTI DEDICATI AL CONTROLLO DELL ESPOSIZIONE LA COPPIA TEMPO/DIAFRAMMA PROFONDITA' DI CAMPO -

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Polarizzatore, un filtro utile e creativo

Polarizzatore, un filtro utile e creativo ACCESSORI filtri per il digitale Polarizzatore, un filtro utile e creativo Il filtro polarizzatore è molto utile anche in epoca digitale: nessun software di fotoritocco consente l eliminazione dei riflessi

Dettagli

DIAFRAMMI ED OTTURATORI

DIAFRAMMI ED OTTURATORI DIAFRAMMI ED OTTURATORI Sommario Diaframma... 2 Scala standard dei diaframmi... 10 Vignettatura... 12 Otturatore fotografico... 18 Otturatore centrale... 19 Sincronizzazione flash dell otturatore centrale...

Dettagli

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione

Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione Sistema di ripresa con fotocamera digitale fissa Calibrazione TUTORIAL CALIBRAZIONE FOTOCAMERA Sommario 1. Interfacciamento PC... 3 2. Collocamento fotocamera... 4 3. Distanza di ripresa... 5 4. Interfacciamento

Dettagli

LA COLLIMAZIONE DEI TELESCOPI RIFLETTORI NEWTONIANI

LA COLLIMAZIONE DEI TELESCOPI RIFLETTORI NEWTONIANI LA COLLIMAZIONE DEI TELESCOPI RIFLETTORI NEWTONIANI di Giuseppe BONGIORNI Prima di procedere nel presentare una breve guida sull'argomento della collimazione dei telescopi Newtoniani, che non intende essere

Dettagli

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE

IMMAGINI CON DOMINANTI VARIABILI: RITOCCO CON E SENZA MASCHERE PHOTOSHOP ON LINE Massimo Picardello Progetto Campus One Redazione di Massimo Picardello, fotografia di Gianfranco Valle; strategia di ritocco con maschere elaborata da Gianfranco Valle IMMAGINI CON DOMINANTI

Dettagli