BUONA PASQUA. A tutti: Buona Pasqua! don Giovanni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BUONA PASQUA. A tutti: Buona Pasqua! don Giovanni"

Transcript

1 1 Tra i tanti auguri che possiamo scambiarci quello di BUONA PASQUA è certamente il più bello e il più cristiano. La festa di Pasqua è quella che dà origine a tutte le feste cristiane. Fare Pasqua è celebrare e rivivere il mistero del passaggio di Cristo dalla morte alla resurrezione, mistero che ha cambiato e cambia continuamente la storia degli uomini. Pasqua è la vittoria della grazia sul peccato, dell amore sull odio, della condivisione sull individualismo, della misericordia sulla presunzione e l arroganza. Cristo Risorto da morte ci dice che solo l amore è vita vera, pienezza e riuscita dell uomo. Perdere la vita per amore di Dio e dei nostri fratelli, uscendo da noi stessi per donare noi stessi, è l unica strada che ci qualifica come veri figli di Dio da lui conosciuti e amati. Ogni BUONA PASQUA gesto di culto, anche il più grande, come partecipare alla S. Messa, o porta all uscita da noi stessi o rischia d essere solo un gesto formale che non ci cambia il cuore, non ci cambia la vita. Dal Battesimo, che ha segnato per noi il primo passaggio dal peccato alla vita di figli di Dio, ogni giorno è un continuo esodo, cioè un continuo uscire da noi stessi, perché in noi abitino sempre di più Dio e i nostri fratelli. Tutto questo non è facile perché l aria che respiriamo ogni giorno ci porta a fare esattamente il contrario. E lo Spirito Santo, dono che Cristo ci ha fatto dalla croce, che rende possibile ciò che ci sembra umanamente impossibile. A tutti: Buona Pasqua! don Giovanni

2 2 SERVONO LE REGOLE?! 1. Nessun ritardo sarà tollerato; 2. Bandito il servizio in camera; 3. I telefonini si possono usare solo nelle stanze (proibito usarli a tavola o negli spogliatoi); 4. I giocatori mangiano tutti insieme e nessuno può lasciare la sala da pranzo prima di Capello; 5. In sala da pranzo i giocatori dovranno vestire in maniera elegante (proibiti infradito e calzoncini corti) e dovranno indossare la divisa della Nazionale negli incontri pubblici e prima delle partite; 6. Cena alle 8 di sera e coprifuoco tassativo alle 10; 7. Nessuna visita di mogli, parenti o procuratori durante i giorni di ritiro; 8. Concessi 45 minuti di svago dopo cena, ma non si può uscire dall hotel; 9. Niente playstation; 10. Tutti i giocatori saranno chiamati per cognome. Queste sono le regole che il CT della nazionale inglese Fabio Capello ha dato ai suoi giocatori. Qualcuno potrebbe dire che non ci interessa molto e ha sicuramente ragione, ma ho pensato di riproporle quando un giorno una mamma mi ha detto che seguendo un servizio al TG quando ne ha sentito parlare ha pensato al don che normalmente qualche regola di questo tipo la dà (ad esempio, non si porta il telefonino in vacanza). Con questo la deduzione non è quella che io possa fare il CT dell Inghilterra, ma piuttosto che qualsiasi sia l ambito in cui ci troviamo, qualsiasi siano le persone, gli interessi, gli obiettivi probabilmente una cosa è certa che qualche regola ci vuole. Certo la regola non può essere fine a se stessa, ma se non ci sono le regole, se non ci sono indicazioni, se non ci sono dei sì e dei no credo dobbiamo chiederci se stiamo educando. Educare significa condurre. Se non mettiamo delle regole, dei paletti, se non diamo delle indicazioni, non stiamo conducendo, ma stiamo lasciando andare Se non creiamo le condizioni perché le regole possano essere rispettate non stiamo educando, ma stiamo dando delle indicazioni a vuoto come se dicessimo di seguire nel bosco i cartelli gialli e poi li abbiamo messi tutti verdi e rossi. Non so se Capello la pensa così e non so se è questo il motivo per cui ha voluto dare delle regole, ma forse il motivo è un po questo: per fare una squadra ci vogliono delle regole. E anche per fare un uomo, una donna, un cristiano. (Quest ultimo non è un pensiero di Capello)

3 3 La regola è rispetto dell altro, di un ambiente, delle sue finalità. La regola aiuta a formare uno stile di vita, a distinguere le cose utili da quelle inutili. La regola è garanzia di un servizio che ricevo (orari del treno). La regola aiuta anche a distinguere i ruoli. (il genitore e il figlio) La regola esprime i valori in cui credo. (se entro in un ambiente con un certo stile ne rispetto le finalità). La regola aiuta a formare la personalità, a capire i limiti (a volte alcune cose bisogna iniziare ad accettarle per quello che sono anche se si fa fatica a capirle) E per questo che in oratorio (ma non solo) ci sono delle regole e si richiede un certo stile, nel proporre delle iniziative, nella gestione degli spazi e dei tempi, nel vestito, nel linguaggio, nel comportamento... E credo che la responsabilità di tutti sia quella di condividerle tenendo presente che sono per tutti e che hanno senso se si creano le condizioni per poterle osservare. Ora non credo sia opportuno insistere più di tanto sulle regole perché da sole non portano a niente anzi, come dice san Paolo, rendono schiavi. Le regole devono essere accompagnate dall amore che è rispetto della libertà dell altro, una libertà che va anch essa accompagnata ed educata. Ma a questo punto lascio la parola al Papa che nella lettera indirizzata ai fedeli di Roma sul tema dell educare scrive Arriviamo così, cari amici di Roma, al punto forse più delicato dell'opera educativa: trovare un giusto equilibrio tra la libertà e la disciplina. Senza regole di comportamento e di vita, fatte valere giorno per giorno anche nelle piccole cose, non si forma il carattere e non si viene preparati ad affrontare le prove che non mancheranno in futuro. Il rapporto educativo è però anzitutto l'incontro di due libertà e l'educazione ben riuscita è formazione al retto uso della libertà. Man mano che il bambino cresce, diventa un adolescente e poi un giovane; dobbiamo dunque accettare il rischio della libertà, rimanendo sempre attenti ad aiutarlo a correggere idee e scelte sbagliate. Quello che invece non dobbiamo mai fare è assecondarlo negli errori, fingere di non vederli, o peggio condividerli, come se fossero le nuove frontiere del progresso umano. La prospettiva del Papa è sicuramente più ampia e con diversi obiettivi rispetto al decalogo di Capello, ma ancora una volta ci invita e incoraggia, sempre nel rispetto delle persone, a prendere anche in campo educativo la direzione della chiarezza e della determinazione. Scrive ancora il papa: L'educazione non può dunque fare a meno di quell'autorevolezza che rende credibile l'esercizio dell'autorità. Essa è frutto di esperienza e competenza, ma si acquista soprattutto con la coerenza della propria vita e con il coinvolgimento personale, espressione dell'amore vero. L'educatore è quindi un testimone della verità e del bene: certo, anch'egli è fragile e può mancare, ma cercherà sempre di nuovo di mettersi in sintonia con la sua missione. E un messaggio che si apre quindi alla fiducia e alla speranza la stessa che deve accompagnare chi si lancia nell avventura dell educare. don Angelo

4 4 VACANZE DI CARNEVALE: GITA SULLA NEVE Sabato 1 Marzo presso l oratorio di Brenna i volontari, che hanno offerto il proprio tempo libero e non per la causa tendone durante la fiera del santuario, si sono ritrovati allegramente a condividere una cena a base di polenta e cazzuola. Si coglie l occasione per ringraziare tutti coloro che sono intervenuti con simpatia, circa una sessantina, con la voglia di condividere un allegra serata, ma anche quelli che pur non potendo esserci, per svariati motivi, hanno offerto il loro contributo per la buona riuscita dell ormai consolidato TENDONE. Alla prossima.

5 5

6 6 Alcuni spunti dal CONSIGLIO Dall inizio del 2008 il Consiglio Pastorale Parrocchiale si è riunito due volte - il 15 gennaio e il 12 marzo - continuando a porre al centro della riflessione il Percorso Pastorale Diocesano che nella seconda tappa che stiamo percorrendo ci esorta: Famiglia, comunica la tua fede! Don Giovanni ci guida nella lettura del sussidio utilizzato; in particolare, ha sottolineato come, proprio a cominciare dalla famiglia, siamo chiamati a trasmettere la fiaccola della fede alle future generazioni. La famiglia è chiamata ad ascoltare e annunciare la parola di Dio, a celebrarla nell Eucaristia e nella preghiera e a testimoniarla nelle scelte e nelle azioni dell esistenza quotidiana. - Dobbiamo continuamente ridestare la coscienza del dono che Dio ha elargito e in continuità rinnova agli sposi e ai genitori per il loro compito educativo dice il nostro cardinale e questa consapevolezza deve guidare e dare coraggio nella responsabilità della trasmissione della fede. La riflessione guidata da don Giovanni avviene all inizio di ogni riunione, subito dopo la preghiera iniziale, ed è essenziale prima di iniziare a confrontarsi sui temi posti all ordine del giorno e di dare spazio alle relazioni dei rappresentanti di tutte le commissioni parrocchiali (Caritas, Terza età, Lavoro, Famiglia, Catechesi, Liturgica, Cultura, Consiglio d oratorio, Azione Cattolica, Gruppo Missionario, Affari Economici). Fra i tanti argomenti trattati, si evidenzia la necessità di accompagnare le famiglie già a partire dai primi anni di vita dei figli attraverso percorso di catechesi che inizi in occasione del Battesimo. Saranno fondamentali il supporto dei catechisti (che seguiranno un percorso formativo a livello diocesano) e la condivisione di alcuni momenti comunitari, pensati tenendo conto delle problematiche legate alla presenza di bambini piccoli. Anche i gruppi di spiritualità familiare, in quanto luogo di confronto, condivisione e crescita nella fede, rivestono una notevole importanza per la coppia e la famiglia. Proprio recentemente si è costituito un nuovo gruppo famigliare : è composto da giovani coppie che hanno partecipato di recente al corso per i fidanzati in preparazione al Matrimonio tenuto in parrocchia e, con entusiasmo, hanno deciso di intraprendere questo cammino. La prossima riunione avrà luogo martedì 15 aprile. La segretaria I membri del Consiglio Pastorale augurano a tutta la comunità una Santa Pasqua di Risurrezione con l augurio che il Cristo Risorto illumini sempre le scelte quotidiane della nostra vita

7 7

8 8 IL CANTICO DELLA FAMIGLIA La famiglia come laboratorio della pace nel mondo. Leggendo il Messaggio di Benedetto XVI per la Giornata della Pace, così denso anche di immagini poetiche, viene spontaneo pensare al Cantico dei Cantici. Con accenti di tenerezza e amore per la famiglia naturale, definita come intima comunione di vita e d'amore, fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, il Papa scioglie un vero e proprio inno alla famiglia: culla della vita e dell'amore, luogo primario dell'umanizzazione della persona e della società, primaria e insostituibile educatrice alla pace, principale agenzia di pace. A sottolineare che la famiglia ha una sua speciale dignità giuridica» ed è titolare di specifici diritti, il Papa fa contestuale riferimento alla Carta dei diritti della famiglia (1983, Pontificio Consiglio per la Famiglia) e all'articolo 16 della Dichiarazione Universale del 1948, che proclama: La famiglia è il nucleo naturale e fondamentale della società e ha il diritto a essere protetta dalla società e dallo Stato. Lo stesso concetto, con la doppia aggettivazione naturale e fondamentale, è riprodotto nei pertinenti articoli del Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali, della Carta africana dei diritti dell'uomo e dei popoli, della Convenzione interamericana sui diritti dell'uomo e le libertà fondamentali, della Carta Araba dei diritti umani del II Papa collega la famiglia naturale alla più ampia famiglia umana, sottolineando che ambedue hanno bisogno di una casa, che per la famiglia umana questa casa è la terra e che occorre sentire la terra come nostra casa comune. Concretamente, si tratta di salvaguardare l'ambiente naturale, distribuire equamente le risorse, smantellare le armi nucleari esistenti, far funzionare le istituzioni internazionali per l'efficace gestione delle risorse energetiche del pianeta, assoggettarsi a una norma comune. Per l'efficacia di questa, sottolinea il Papa, bisogna risalire alla norma morale naturale. Orbene, l'articolo I della Dichiarazione Universale contiene un manifesto di morale naturale: Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. Il vigente Diritto internazionale dei diritti umani si fa pertanto traghettatore di etica universale in tutti i campi dell'umana convivenza, comprese la politica e l'economia. Occorre oggi far fruttare questo provvidenziale talento della storia con una più intensa e capillare mobilitazione educativa. Nel 60 anniversario della Dichiarazione Universale, che il Papa considera un'acquisizione di civiltà giuridica di valore veramente Universale, occorre con la massima determinazione difendere il nucleo morale su cui si basa il nuovo Diritto internazionale, dalle insidiose derive relativistiche che attentano alla legge naturale della vita e della famiglia. Mariapaola

9 9

10 10 DUE PAROLE SUL GRUPPO ANIMATORI È facile esprimere un parere sul gruppo animatori, è facile giudicarlo, accusarlo oppure lodarlo o ringraziarlo ma non è quello che voglio fare anche perché non ho l esperienza per poterlo giudicare. Due parole, però, vorrei spenderle lo stesso; ormai è da circa un paio di anni che faccio parte degli animatori ed in questo periodo ho potuto constatare che animare la vita oratoriana non è facile ma, se fatto con convinzione ed impegno, può essere molto gratificante. Infatti è bello, mentre si è in oratorio e fuori, essere salutati dai bambini perché ti riconoscono e ti ricordano per la bella esperienza dell oratorio feriale e ti sorridono con simpatia. Il ruolo dell animatore può essere inteso come un quello di capo o di vice-don ma ciò non è assolutamente vero: infatti l animatore è si una figura importante per l oratorio, ma è soprattutto una guida, un punto di riferimento trascinante per i bambini ed i ragazzi che trascorrono parte del tempo libero in oratorio. Durante l oratorio feriale questo ruolo è accentuato ancora di più perché gli animatori coordinano l organizzazione delle giornate, aiutano il don nel preparare i giochi, lo sostengono nei vari momenti della giornata che a volte risultano essere un po faticosi poiché i bambini presenti sono veramente tanti. Mi sono accorto in questi anni che il rischio che un po tutti corriamo è però quello di trovarci a fare gli animatori solo perché siamo in prima superiore, non sappiamo cosa fare d estate, si sta un po in compagnia E così possiamo ritrovarci, quasi senza accorgerci, a svolgere un compito importante ma senza entusiasmo, senza voglia di fare, di mettersi in gioco e al servizio degli altri Proprio per questo spesso mi sono chiesto se davvero vado bene a fare l animatore e credo dobbiamo chiedercelo un po tutti. A questo riguardo a volte mi sembra che il gruppo del nostro oratorio, potrebbe dare di più, molto di più; ha le potenzialità per farlo, infatti, è molto affiatato e la collaborazione di certo non manca (basta pensare alla festa di carnevale o alla giubiana). Inoltre, da un anno a questa parte, si è molto rafforzata la collaborazione, l amicizia e la coesione tra gli oratori dell area omogenea di Anzano del Parco, Orsenigo e Fabbrica Durini e questo è molto positivo. Per concludere spero vivamente che il gruppo animatori continui su questa strada cercando anzi di migliorarsi sempre di più per rendere il nostro Oratorio sempre più vivo, allegro, coinvolgente avendo sempre presente il Vangelo e l insegnamento di Gesù. Da ultimo, vorrei ringraziare il nostro Don Angelo perché è l anima del nostro Oratorio per i continui suggerimenti e per le dritte che prontamente ci fornisce nei momenti di difficoltà. Davide (un animatore)

11 11 GIORNATA MONDIALE GIOVENTÚ GIORNATA INTERPARROCCHIALE GIOVENTÚ Anche quest anno, nella domenica delle palme, noi adolescenti e giovani (circa una trentina) delle parrocchie di Alzate, Anzano, Fabbrica e Orsenigo ci siamo trovati per festeggiare la nostra giornata della gioventù. La giornata si è aperta con un ricco e simpatico pranzo di condivisione, che ci ha reso più forti per affrontare il lungo pomeriggio insieme. Questo momento di ritrovo è stata l occasione anche per riflettere sul messaggio del Santo Padre: «Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni» (At 1,8) Nel discorso dedicato ai giovani Benedetto XVI scrive: IMPORTANTE!!! Per rendere più accessibile la quota di partecipazione, i ragazzi che parteciperanno alla GMG di Sidney 2008 danno la disponibilità per fare qualche lavoretto a pagamento per chi ne avesse bisogno. (Es. traslochi, giardinaggio, lavori manuali vari ) Per ulteriori informazioni telefonare direttamente a don Angelo. Grazie. Non dimenticate mai che la Chiesa, anzi l'umanità stessa, quella che vi sta attorno e che vi aspetta nel vostro futuro, attende molto da voi giovani perché avete in voi il dono supremo del Padre, lo Spirito di Gesù. Dalle parole alla pratica Alcuni degli adolescenti che andranno a Sidney il prossimo luglio per la GMG (Giornata Mondiale della Gioventù) hanno partecipato in Duomo alla Veglia in Traditione Symboli con la presenza del Cardinale. Inoltre, due tra questi giovani avranno l onore di partecipare al rito della lavanda dei piedi durante la S. Messa in Coena Domini celebrata sempre in Duomo.

12 12 Quante volte abbiamo sentito dire: l oratorio, perché non viene completato? Cosa ne facciamo di un edificio architettonicamente ineccepibile, ma dai contenuti interni non ancora identificati? Tralasciando tutte le vicissitudini che hanno caratterizzato gli ultimi 15 anni, possiamo finalmente atterrare che l ora della ripartenza è arrivata. Agli occhi di tutti sono ben chiari e visibili i cambiamenti avvenuti nella società che hanno consigliato di modificare o addirittura stravolgere le iniziali destinazioni dell ala sinistra della struttura. L oratorio our mantenendo come fini primario l aggregazione, la formazione cristiana e sociale, i divertimento, la crescita culturale di ragazzi ei giovani, negli anni è diventato anche centro di incontro per anziani, famiglie, persone di diversa estrazione sociale, culturale e religiosa. Dopo attenti studi che hanno coinvolto un po tutti (religiosi, educatori, animatori, tecnici, amministratori) si sono individuate alcune soluzioni che dovrebbero soddisfare non solo le esigenze attuali della nostra parrocchia, ma anche quelle di comunità limitrofe (area omogenea) Riassumendo in breve queste necessità si possono identificare in: Ambiente coperto per poter giocare i ragazzi in caso di cattivo tempo bar e sala bar alcune aule in più per il catechismo cappellina da ubicare in un posto con accessibilità migliore rispetto al attuale cucina e sala da pranzo locale segreteria da posizionare in modo da avere la visione globale di tutta l area dell oratorio sala polifunzionale per teatro, assemblee e riunioni aperta anche ad esterni (sempre nel IL NUOVO ORATORIO rispetto dei principi e regole che il luogo impone) Per rendere più visibile ed accessibile a tutti quanto individuato, i nostri tecnici hanno messo a disposizione gli elaborati che potranno essere visionati durante le prossime festività pasquali all ingresso della chiesa parrocchiale. Dopo un doveroso ringraziamento a coloro che hanno messo a disposizione GRATUITAMENTE tempo, fatica, idee, perplessità, suggerimenti utili per poter completare al meglio quanto i nostri predecessori, con altrettanti sacrifici, ci hanno lasciato, un INVITO a ciascuno di voi per una particolare sensibilità nel DONARE al fine di onorare in tempi relativamente brevi gli impegni che andremo ad assumere e quindi consegnare ai nostri ragazzi ciò che più sta a cuore alla nostra comunità Come chiarimento economico indichiamo alcune cifre che non dovrebbero discostarsi dal reale: Spesa per sistemazione oratorio (comprensiva di opere edilizie-impiantistica e IVA): arredi vari (comprensivi del locale cucina, sicuramente l esborso più considerevole): totale: Tenendo presente che sono a disposizione (vendita immobili piazza San Pietro) e (avanzi gestione anni precedenti) vi sono in totale Mancherebbero circa , somma certamente considerevole, ma che non ci deve assolutamente scoraggiare. Il consiglio per gli affari economici

13 13 Foto A: Veduta 3D esterna di come apparirà l oratorio al termine dei lavori. Si può notare la vetrata che verrà realizzata per dare luce naturale ai locali che verranno ricavati all interno (salone polifunzionale al piano seminterrato, bar al piano terra e sala polifunzionale/sala conferenze al piano primo) e le passerelle e le tettoie esterne. Foto B: Visone prospettica in dettaglio delle passerelle e delle tettoie che verranno realizzate. Esse serviranno per permettere l accesso al bar, alla cappellina e alla seconda palazzina, inoltre serviranno come uscita di sicurezza per il salone polifunzionale del primo piano e come collegamento tra le due palazzine in modo da poter sfruttare la rampa per i disabili e l ascensore già esistenti.

14 14 IL GRUPPO BUONA STAMPA Faccio parte del gruppo Buona Stampa praticamente da prima ancora che nascesse il bollettino parrocchiale, quando, ancora adolescente, distribuivo Famiglia Cristiana nelle vie Cesare Battisti e Borghetto, dove abitavo, fino a quando mi sono sposata, a 20 anni, e mi sono trasferita in via Trento Trieste, all epoca (1973) via Diaz. Qui ebbi il compito di sostituire la sig.ra Antonia Galimberti (moglie del sacrestano Aldo) e mi occupai di piazza Roma, via Trento Trieste, piazza san Pietro e della nuova via don Guanella. Nel 1986 circa, prima che la malattia prendesse il sopravvento, il prevosto don Livio mi fece la proposta di occuparmi della conduzione amministrativa e pratica del gruppo Buona Stampa. Accettai con entusiasmo e cominciò così un lungo periodo di collaborazione con la sig.na Gemma, sorella di don Livio, che si premurò di farmi conoscere tutto il metodo di conduzione e diffusione PERIODICI SAN PAOLO NUMERO ABBONAMENTI FAMIGLIA CRISTIANA 38 G BABY 2 JESUS 3 COMUNITÀ IN DIALOGO NUMERO ABBONAMENTI COPIE DIFFUSE 404 DI CUI: ABBONAMENTI 358 SPEDITE, OMAGGIO E USO ARCHIVIO 46 TIPO ABBONAMENTI: NUMERO ORDINARIO 13 = = 2 15 = = 1 SOSTENITORE 20 = = 3 della stampa cattolica fino a quando rimase ad Alzate. In quel periodo, le copie di Famiglia Cristiana diffuse erano 150, c era poi Avvenire, con circa 50 copie, Madre, e il Bollettino Parrocchiale veniva diffuso in circa 700 copie; il tutto veniva consegnato a domicilio dalle incaricate che facevano parte del gruppo Buona Stampa, con ENTUSIASMO, PRECISIONE, GRATUITÀ (sentimenti che animano tutti coloro che, a qualsiasi titolo e con qualsiasi mansione, collaborano all ideazione e alla distribuzione del Bollettino), anche nei periodi in cui il tempo era inclemente. Alcune di loro, dopo vent anni, sono ancora attive, sostenute dai figli e dai mariti, che vengono automaticamente coinvolti in questo impegno costante, quando, a volte, la salute le costringe in casa per qualche tempo. Un doveroso ringraziamento va rivolto a Emilia, Severina, Giuseppina, Mariacarla, che, recentemente, per raggiunti limiti di età o per motivi di salute, sono costrette, loro malgrado, a cedere il testimone a Maria, Paola, Rita, Lucia, alle quali diamo un caloroso benvenuto nel nostro gruppo. Un ricordo e una preghiera particolare va a chi, in questi ultimi anni, ci ha lasciati prematuramente, Lorenza, Mirella, Mariuccia, che, insieme a chi ci ha preceduto e a san Francesco di Sales, patrono della Stampa Cattolica, veglieranno e pregheranno per noi e con noi. Diamo ora alcuni numeri sulla situazione attuale circa la diffusione della Stampa Cattolica nella nostra Parrocchia (vedi tabella). Gli abbonati ordinari, i sostenitori e quelli che danno cifre diverse sono distribuiti in vario modo nelle singole vie. In alcune zone sono tutti abbonati ordinari, in altre ci sono parecchi sostenitori. Un grazie a tutti (a prescindere dalla cifra versata) per la fedeltà passata, presente e futura, e un benvenuto ai 10 nuovi abbonati, che hanno preso il posto dei 9 che non hanno rinnovato per motivi personali vari, ma non certo per mancanza d affetto verso il nostro periodico. Per il Gruppo Buona Stampa, la Responsabile, Ciceri Mariangela Magistri

15 15 SEMINARE Chi semina chiodi non vada in giro scalzo Riportiamo un brano tratto da Educare! di Pino Pellegrino che offre spunti di riflessione e dialogo per i genitori e per tutti gli educatori Seminare è uno dei verbi più indovinati quando si parla i educazione. Educare, infatti, è una lunga pazienza: oggi si getta un seme...domani si raccoglierà. Hanno trovato, in Egitto, chicchi di grano risalenti ai tempi dei faraoni; qualcuno li ha seminati: dopo pochi mesi,ondeggiavano spighe ripiene di ottimo frumento. Potenza del seme! Per questo l educatore crede nel seme. Poco, tanto.., non importa: lui semina. Un genitore semina fin dai primi giorni della vita del figlio. Semina l amore, perché senza amore non si vive. Semina il coraggio, perché la vita è sempre in salita. Semina la speranza, perché la speranza è la spinta per continuare. Semina l ottimismo, perché l ottimismo è il motorino d avviamento di tutto. Semina un buon ricordo, perché un buon ricordo può diventare la maniglia a cui aggrapparsi nei momenti di sbandamento. Semina Dio, perché Dio è il basamento di ogni cosa. L educatore semina! Semina perché il seme è molto più di una speranza: è una garanzia. Lo diceva bene il poeta libanese Kahlil Gibran: La tempesta è capace di disperdere i fiori, ma non è in grado di sradicare i semi. Al poeta libanese fa eco il grande scrittore russo Feodor Dostoevskij: Occorre solo un piccolo seme, un minuscolo seme che gettiamo nell animo di un uomo semplice ed esso non morirà, ma vivrà nella sua anima per tutta la vita; resterà nascosto in lui tra le tenebre, tra il lezzo dei suoi peccati, come un puntino luminoso, come un sublime ammonimento. D accordo al cento per cento! Insomma, il bravo educatore è un buon seminatore. Seminare è il suo primo dovere. San Bonaventura diceva: Il merito non sta nel raccogliere molto, ma nel seminare bene. Seminare è la sua prima responsabilità. Il proverbio recita: Chi semina chiodi non vada in giro scalzo. I cinesi hanno questa bella immagine: il bambino è come un foglio bianco, tutti quelli che gli passano vicino gli lasciano un segno, gli gettano un seme. Dio voglia, sempre un seme di grano buono, mai di zizzania! Seminare: arte da imparare Chi semina ansia, prepara l uomo pauroso. Chi semina tristezza, prepara l uomo pessimista. Chi semina indulgenza plenaria, prepara l uomo senza grinta. Chi semina ironia, prepara il timido. Chi semina urla, prepara l aggressivo. Chi semina incoraggiamento, prepara il fiducioso. Chi semina lealtà, prepara il sincero. Chi semina il rispetto, prepara l uomo che non calpesta l uomo. Chi semina gioia, prepara l uomo che ringrazia d esser nato. Chi semina amore, prepara l uomo che abbraccia il mondo. Il figlio diventa ciò che gli seminiamo nella mente e nel cuore. (Pino Pellegrino - Educare! )

16 16 TU RISPONDERAI A TUO FIGLIO Domenica 17 febbraio, a Triuggio, abbiamo partecipato al ritiro spirituale di Quaresima, dal tema: TU RISPONDERAI A TUO FIGLIO, spunti di riflessione e di preghiera, alla luce dell'itinerario Pastorale: Famiglia comunica la tua fede! È stata una giornata vissuta intensamente: appena arrivati, abbiamo incontrato il nostro Cardinale Dionigi Tettamanzi, che con la consueta cordialità si è trattenuto con ciascuno di noi, poi, abbiamo conosciuto il nuovo assistente del settore Adulti, don Luciano Andriolo. Tutti siamo stati concordi nel considerare don Luciano un Prete meraviglioso, e per questo dono, ringraziamo il Signore!!!!!!! Per motivi di spazio, sintetizzo il contenuto dell'intervento di don Luciano e ne propongo qualche passaggio: questi ragazzi!. Domanda: è vero che trasmettere oggi la fede è difficile, ma quale fede è in grado di diventare un'esperienza significativa? Almeno, un pochino affascinante? In quale misura la mia fede è capace di trasmettere una STORIA, FATTA DI MOMENTI E DI INCONTRI? Invece di ripetere continuamente ai ragazzi di andare a Messa, (non diciamolo più...), SFRUTTIAMO TUTTI I MOMENTI PROPIZI PER RACCONTARE LORO IL MIO INCONTRO CON IL SIGNORE CHE HA CAMBIATO LA MIA VITA. La fede è innanzitutto una risposta ad un incontro. È una risposta libera a Dio che ci è venuto incontro, che è entrato in questa storia. Io ho incontrato il Signore : è una forza incredibile! «L Arcivescovo chiede alle famiglie, in quale modo sono capaci di comunicare la fede. Sentiamo un grande desiderio di comunicare il grande tesoro che è la fede, ma a volte ci sentiamo inadeguati. Come comunicare la fede ai nostri ragazzi soffocati da tanti messaggi? Questa è una reale sofferenza che i genitori, gli educatori, la Chiesa vive... È una sofferenza da trasformare in Preghiera. La spina che ho nel cuore, la sofferenza... Signore, io te la offro...! A guidare i nostri cuori, le persone, ad un'apertura verso Dio, c'è lo Spirito di Dio! La sofferenza interiore, se trasformata in Preghiera, apre la strada allo Spirito. È necessario trasformare il senso di inadeguatezza in un grido di preghiera: Signore, solo Tu puoi aprire il cuore di I ragazzi percepiscono che quella che mi ha raccontato mia madre, mio padre, è una storia di un certo spessore, rispetto a certe storie che sento. Poi, ANDARE A MESSA... QUELLI SONO I TEMPI DI DIO! Non pretendiamo che l'altro cambi, questo lo lasciamo alla Grazia del Signore. Chiediamo al Signore che la nostra storia non sia insignificante, ma sia il crocevia nel quale i nostri ragazzi, i nostri giovani possano incontrarsi con Lui». A tutti l augurio di scoprire la forza incredibile che nasce dall incontro personale con il Signore, per testimoniarla ai nostri ragazzi! Mariangela

17 17 L ANZIANO PER L ANZIANO L evangelizzazione e la promozione umana della vita dell anziano, che costituiscono la ragione d essere del Movimento Terza Età, sono più che mai attuali. Certamente rimane l esigenza di aggiornare, con intelligenza e fantasia, le modalità attraverso le quali le iniziative del Movimento di devono esprimere nel tempo attuale. L anziano per l anziano non è uno slogan pubblicitario, ma il verificarsi di una personale interiore disponibilità, attenzione e interessamento all altro. Questi atteggiamenti superano e si pongono in alternativa alla cultura dominante, spesso caratterizzata dall egoismo e da una concezione della vita che non accoglie i valori dello spirito. Certo esistono le situazioni di malattia, di precarietà, di perdita dell autonomia, che possono anche rendere problematica la presenza dell anziano nel proprio ambiente. Queste situazioni, spesso dolorose, al loro insorgere interpellano la solidarietà di tutti e, in particolare, di ciascuno di noi. Un animatrice. Proseguiamo nel nostro cammino con serenità ed entusiasmo, sapendo che il Signore non ci chiede cose straordinarie, ma di vivere in modo straordinario la nostra quotidianità. ASPETTANDO LA PASQUA: IL CRISTO Guardavo quel Cristo, sulla croce pendente: l avevo già intravisto nella povera gente. Tristezza nel volto, con speranza nel guardo, soffriva, sì, molto, ma non aveva riguardo ad esprimere in sé tutto ciò che pativa e parea lui tesser, da come appariva, il suo piano pur santo d amor, di donarci non un pochino soltanto la sua prova d amarci. Egli, uno di noi, tu lo vedi riflesso, anche se tu non vuoi, nel volto dimesso di chi soffre e patisce. Lo riscopri lo stesso e tu non capisci di averlo appresso. Non il Dio del fiore, delle stelle, del tuono, ma un Dio che muore: è la croce il suo trono.

18 18 DALL ASO CALCIO Come ormai consuetudine la società A.S.O. ALZATE ALTA BRIANZA indice e organizza durante i mesi di Maggio e Giugno un gruppo di tornei dedicati al calcio giovanile (per alcune categorie si è giunti alla quinta edizione): le partite animeranno praticamente ogni sera il nostro oratorio e saranno occasione di incontro per centinaia di ragazzi provenienti da tutta la provincia (e non solo). Queste le categorie coinvolte: PULCINI 99 / PULCINI 98 / ESORDIENTI GIOVANISSIMI / ALLIEVI Per la categoria giovanissimi parteciperanno le seguenti squadre: A.S.O ALZATE ALTA BRIANZA / COLICO / LUCIANO MANARA / CASATI ARCORE / CANTU / GALBIATESE / BRIOSCHESE / ARCELLASCO / PONTELAMBRESE/ CATELLO VIGHIZZOLO / VILLA ROMANO / VIS NOVA GIUSSANO Per la categoria allievi: A.S.O ALZATE ALTA BRIANZA / COLICO / LUCIANO MANARA / CANTU S.PAOLO / CITTADELLA / GALBIATESE / S.G. BOSCO CEREDO / BULGARO Ricordiamo che durante lo svolgimento dei tornei il bar dell oratorio sarà aperto: si cercano pertanto volontari che possano aiutare per la copertura dei turni al bar e per garantire altri servizi (es. sparecchiare quando è aperto il servizio cucina/ristoro). Chi potesse dare una mano può comunicarlo direttamente in oratorio. DALL ASO VOLLEY Anche quest anno l ASO Volley si è iscritta al CSI di Como per frequentare il campionato di pallavolo misto, questo a maggior ragione dopo aver conquistato l anno scorso un posto nella massima serie. Terminato il girone di andata a metà classifica, ora a tre partite dalla conclusione del campionato, stiamo cercando di conquistare la salvezza, e magari un posto per i play off, degno risultato di un avvincente stagione positiva, non solo in termini di risultati e prestazioni sportive ma anche di fatiche fisiche e di armonia di gruppo. Un grazie di cuore in primis a tutta la dirigenza ASO, non solo per la collaborazione che ci fornisce, ma anche per la stima e la costante presenza. Come poi non citare i nostri tifosi che, seppur pochi, ci accompagnano sempre con il loro affetto, più che altro per il post-partita... Grazie! Per chi volesse venirci a vedere nelle prossime gare interne, presso la palestra delle scuole medie, gli appuntamenti saranno: - ASO VOLLEY EUPILIO venerdì 28 marzo - ASO VOLLEY ORATORIO BRECCIA venerdì 11 aprile. Orario d inizio ore circa. A presto.

19 19 LO SCAFFALE a cura di S. Pleuteri SIMONETTA GREGGIO Passo dell Angelo Titolo originale: Col de l Ange 2008, Corbaccio pagg. 117, euro 12,00 Simonetta Greggio, nata a Padova nel 1961, francese d adozione, giornalista, ha appena pubblicato anche in Italia il suo secondo romanzo dal titolo Passo dell Angelo, una storia d amore sensuale e inquietante ambientata in un remoto paese di montagna. L eroina del romanzo si chiama Blue ed è una bellissima ragazza, che per sfuggire alle violenze del padre lascia il paesino natale tra le montagne insieme a Nunzio, un amico d infanzia, e con lui approda a Parigi, dove fa carriera come fotomodella. La voce narrante è quella di Nunzio, architetto afffermato e morto da alcuni giorni in circostanze note a lui solo; Blue, folle di dolore per la scomparsa dell amico, spera di riuscire a trovarlo tra le loro montagne e torna dopo trent anni al Passo dell Angelo per fare indagini. Ma il viaggio si rivela un tranello: un altra persona, Marco, il fratello di lui, la sta aspettando al suo paese, e non desidera lasciarla ripartire; a questo punto Blue dovrà decidere della sua vita, e sarà lo stesso Nunzio, suo angelo invisibile, a farle varcare il passo. Questo breve e intenso romanzo, pur essendo leggero, ha il pregio di trattare molto bene la complessità psicologica dei personaggi unendovi una suspense da romanzo giallo, che inchioda il lettore alla poltrona; la scrittura è netta e precisa, coincisa; le frasi corte, tagliate di netto, danno un ritmo particolare alla lettura. La Greggio non ha paura di scavare nella sua stessa infanzia per donarla al lettore in tutta la sua crudeltà e violenza, ma gli fa capire che, nonostante tutte le cose brutte che accadono nella vita, l uomo ha il dovere di trovare quella felicità a cui è stato destinato sin dalla nascita.

20 20 Da INCROCINews La Traditio Symboli è ormai da considerare appuntamento consueto del sabato che precede la Settimana Santa (15 marzo quest anno) e che vede protagonisti migliaia di giovani che dedicano una sera per andare a pregare in Duomo a Milano con il Cardinale. La Veglia in Traditione Symboli ripropone un rito antico della tradizione cristiana, quando il battesimo veniva conferito in età adulta. Dopo un serio cammino di preparazione, al catecumeno veniva consegnato il Credo: da qui il termine latino traditio Symboli, che significa 'consegna del Credo'. I catecumeni, ricevuto il Simbolo, si impegnavano ad impararlo a memoria; questo gesto assumeva un profondo valore educativo, poiché tenere a mente il Credo voleva dire renderlo concretamente presente nella propria vita: le parole più che su un pezzo di carta dovevano essere impresse nel cuore. Si tratta di evento di grande richiamo che per IncrociNews diventa occasione per riflettere sul rapporto tra i giovani e la fede. Quest anno è stato scelto Saulo come figura guida della riflessione: in particolare, l incontro prodigioso con il risorto sconvolge tutte le certezze e cambia radicalmente la vita del persecutore che si farà testimone e che la tradizione cristiana ricorderà come San Paolo. Un giovane che oggi riceve la consegna della fede si impegna a lasciarsi condurre per mano da relazioni autentiche e da guide spirituali affidabili. Scopre così la via per entrare nella città, che è ormai il mondo. La fede autentica crea relazioni nuove non solo nel rapporto con Dio, ma soprattutto incide su tutte le sfere dell esistenza: quella del lavoro, dello studio, dell impegno civile, con una serenità e una speranza del tutto nuove. Certamente non è facile, tutt altro. Come facile, certamente, non fu per Saulo: diretto a Damasco con un progetto preciso contro i seguaci di Gesù vide spezzare i programmi che si era costruito e che gli davano sicurezza, si lasciò prendere per mano e si fece condurre da Dio che gli chiedeva di fargli spazio dentro la sua vita. Ma la Traditio Simboli è anche un occasione di incontro per tanti giovani della Diocesi con il Cardinale. In particolare, colpisce il successo dei grandi raduni dedicati alla preghiera, alla riflessione e all incontro con le grandi personalità cristiane del nostro tempo (il Papa, i Vescovi, ma anche sacerdoti particolarmente carismatici): si tratta di un fenomeno rilevante, tanto da suggerire un approfondimento con Mauro Magatti, preside della facoltà di Sociologia dell Università Cattolica di Milano. Può essere interessante riportare qualche passo dell intervista rilasciata da Magatti a Pino Nardi per il settimanale online della Diocesi (Anno 4 n. 10/2008). È significativo che migliaia di giovani vadano a pregare con il Cardinale un sabato sera... Sì, è significativo di questa disponibilità, del fatto che un ragazzo una domanda sul senso della vita, su quello che sta facendo, se la pone. La partecipazione alla funzione è un atto, non ci dice tutto su queste persone, ma l aggancio c è, è importante. Il Cardinale saprà sicuramente valorizzarlo. Salvo le attività legate ai consumi, come i concerti o le partite, solo la Chiesa è in grado di mobilitare in maniera così forte il mondo giovanile. Non esiste nient altro. E questo deve far pensare.

21 21 Proprio il paragone con eventi legati allo spettacolo o allo sport conduce necessariamente alla seconda domanda, centrale dal punto di vista sociologico e determinante per valutare di che tipo di successo si tratta: quanto questi grandi raduni incidono sull esperienza di fede e quanto si rischia di limitarsi all emozione del momento? Queste sono esperienze che in se stesse sono capaci di lasciare un segno, perché utilizzano modalità intense, generano un senso di fusione, di appartenenza, di andare al di là delle fatiche quotidiane. Però questo effetto svanisce rapidamente. Sono utili se si tiene in considerazione che sono occasioni, ma non sono in grado di sostituire percorsi più fondati, più quotidiani. In questo tempo non se ne può fare a meno, sono condizione necessaria, ma non sufficiente. Emerge con chiarezza che il fattore decisivo non è tanto la partecipazione in sé, ma la capacità di recuperare poi nel quotidiano delle parrocchie gli effetti dell onda emotiva che solo il grande evento può generare, ma che solo un lavoro costante e basato sulla continuità di percorso può mantenere vivi. Don Severino Pagani, vicario episcopale per la Pastorale giovanile e universitaria della diocesi di Milano, conosce bene il rischio di legare in modo eccessivo la dinamica di fede all emotività e al sentimento del momento. Evitando ogni tipo di generalizzazione, quanto mai pericolosa trattando dei temi legati alle nuove generazioni, Pagani individua in modo chiaro i rischi legati all emotività. «Il linguaggio fondamentale con cui i giovani si avvicinano alla fede è quello affettivo. Non sentono il bisogno di un indagine storica, piuttosto di trovare nel rapporto con Dio qualcosa che dia pienezza ai tanti vuoti della vita. E continua la sua riflessione: «Dentro il linguaggio affettivo si giocano molto. Tante volte avvertono un senso di colpa e di incoerenza, il distacco tra una religione affettiva e un impegno etico. Abbiamo tanti ragazzi che desiderano pregare, vorrebbero costruire bene una dinamica di amore. Ma poi prevalgono la voglia, la stanchezza, le sensazioni, le provocazioni culturali. E così si sentono profondamente divisi». Su ciò che rimane di questi momenti pubblici, Pagani è chiaro: «Come diocesi non poniamo mai in alternativa i due aspetti. Non è vero che gli eventi non servono a niente, perché un giovane ha bisogno di rispecchiarsi in iniziative pubbliche. D altra parte però è molto debole se dopo nella vita non trova interlocutori che ne curano la formazione. Non metterei mai in alternativa i due momenti». Cristian Fusi

22 22 Leggiamo nel Catechismo della Chiesa Cattolica: 2473 Il martirio è la suprema testimonianza resa alla verità della fede; il martire è un testimone che arriva fino alla morte. Egli rende testimonianza a Cristo, morto e risorto, al quale è unito dalla carità. Rende testimonianza alla verità della fede e della dottrina cristiana. Affronta la morte con un atto di fortezza. «Lasciate che diventi pasto delle belve. Solo così mi sarà concesso di raggiungere Dio» Con la più grande cura la Chiesa ha raccolto i ricordi di coloro che, per testimoniare la fede, sono giunti sino alla fine. Si tratta degli Atti dei Martiri. Costituiscono gli archivi della Verità scritti a lettere di sangue. La Chiesa onorò sin dall inizio quanti testimoniarono la propria fede con il proprio sangue, riunendosi sul luogo del martirio e costruendovi edifici sacri. Derivata dal greco col significato di testimone, martire è una parola d origine giuridica, che indicava il garante di un giuramento o di un contratto o di un fatto contestato in giudizio. Sono chiamati martiri coloro che rendono testimonianza della loro fede in Cristo fino a versare il proprio sangue (Mt 10,18; At 22,20; Ap 2,13; 6,9). Confessore della fede è, invece, il titolo che, in liturgia, si dà a tutti i santi non martiri. Nei primi secoli del cristianesimo i termini di confessore e di martire erano usati indistintamente; si cominciò a I MARTIRI diversificare il significato dal IV secolo in poi. La fortezza eroica dei martiri fu una virtù esercitata in modo eccezionale, se si considerano i tormenti ai quali i persecutori ricorsero, tormenti fisici e morali, come dice Tacito negli Annali: la croce, il ferro, il fuoco, le bestie feroci. A tali atroci tormenti vennero sottoposti anche bambini e infermi. I cristiani furono privati delle loro cariche e dignità e dei loro beni, dovettero affrontare il dolore dei loro congiunti, la separazione dai genitori, come Perpetua, avverandosi così la predizione di Gesù: «Sono venuto a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre... il fratello consegnerà il fratello perché sia messo a morte, e il padre il figlio, e i figli insorgeranno contro i loro genitori e li faranno morire [ ]» (Mt 10, ). La fortezza dei martiri non è disgiunta dalle altre virtù, la fede, la carità, la speranza. I martiri non andarono al supplizio spinti dall'audacia, ma affrontarono con gioia i tormenti, come il martire Vincenzo che, messo sul cavalletto e poi arso vivo, rimproverava ai carnefici la loro lentezza, quindi elevava al cielo l'ultima preghiera. Fortezza e prudenza allo stesso tempo, secondo l'ammonimento di Gesù (Mt 10,17-18). Papa Benedetto XIV fissa le condizioni richieste dalla Chiesa per affermare l eroicità delle virtù dei martiri: 1. «La materia su cui la virtù si esercita, cioè il suo oggetto,

23 23 dev essere difficile, superiore alle forze comuni degli uomini. 2. I suoi atti devono essere compiuti prontamente; 3. con una certa gioia, quella del sacrificio; 4. non una volta sola o raramente, ma spesso, quando se ne presenta l occasione.» Nel martirologio è contenuto l elenco dei santi e dei martiri, oltre alle notizie più importanti sulla loro vita, che la Chiesa celebra ogni giorno. Ufficialmente, come libro liturgico, appare dopo il Concilio di Trento (Martirologium Romanum, 1584), ma ha il suo predecessore nel calendario, cioè nell elenco delle feste e dei santi che hanno una celebrazione in un determinato luogo. Il più antico calendario liturgico romano è costituito dalla Depositio Martyrum, inserita nel Cronografo dal 354. In origine, il martirologio riportava solo il nome dei martiri, poi furono aggiunti i vescovi, i confessori, le dedicazioni e tutte le altre ricorrenze liturgiche. Il termine calendario deriva invece dal latino kalendae, primo giorno del mese. È la tabella dei mesi, settimane, giorni che formano un anno. Il più antico calendario cristiano è quello di papa Milziade (morto nel 314), perduto e solo parzialmente conservato nel Cronografo fìlocaliano. Papa Gregorio XIII attuò la grande riforma del calendario nel 1582 aggiungendo i dieci giorni di ritardo accumulati dal Calendario Giuliano (stilato da Giulio Cesare), passando, per rimediare ad un inconveniente temporale, subito dal 4 al 15 ottobre Così alcuni martiri pregavano prima di andare davanti ai carnefici: «Nulla mi gioverebbe tutto il mondo e tutti i regni di quaggiù; per me è meglio morire per [unirmi a] Gesù Cristo, che essere re sino ai confini della terra. Io cerco colui che morì per noi; io voglio colui che per noi risuscitò. Il momento in cui sarò partorito è imminente...» «Ti benedico per avermi giudicato degno di questo giorno e di quest'ora, degno di essere annoverato tra i tuoi martiri... Tu hai mantenuto la tua promessa, o Dio della fedeltà e della verità. Per questa grazia e per tutte le cose ti lodo, ti benedico, ti rendo gloria per mezzo di Gesù Cristo, sacerdote eterno e onnipotente, Figlio tuo diletto. Per lui, che vive e regna con te e con lo Spirito, sia gloria a te, ora e nei secoli dei secoli. Amen.» «Volgi la tua misericordia, o Signore, su tutti coloro mi vogliono male e mi hanno fatto del male. Concedi che le loro colpe, insieme con le mie colpe, possano trovare ravvedimento e rimedio con l aiuto di tutti quei mezzi, così lievi, pietosi, amorevoli, che sa trovare la tua infinita sapienza. Fa che le nostre anime siano insieme salve in paradiso e amino e vivano in eterno, con te e con i tuoi santi, o gloriosa Trinità, per l amara passione del nostro dolce Salvatore Gesù Cristo. Amen. (san Tommaso Moro).» Nel prossimo numero parleremo dei bambini santi e beati, in varie epoche.

24 24 SAN GUIDO PATRONO DEI SACRESTANI Guido di Anderlecht visse due secoli prima di san Francesco d Assisi, probabilmente fra il 950 e il Il suo primo biografo, che scrive nel 1112, al tempo dell esumazione delle sue reliquie, lo dice figlio di contadini della regione belga del Brabante. Mite e generoso, Guido mostrò fin da giovane il suo distacco dai beni terreni, donando quanto possedeva ai poveri. Desideroso di condurre vita ascetica, lasciò anche la casa paterna e a Laken, presso Bruxelles, scelse di fare il sacrestano al parroco, per rendersi utile al prossimo e dedicarsi alla preghiera e alla devozione cristiana: per questo è invocato come patrono dai sacrestani e dai campanari. Ad un certo punto della sua vita, non per desiderio di guadagno, ma per costituire un fondo a favore dei poveri, si mise nel commercio; da subito non fu una scelta felice, poiché la prima nave che riuscì ad armare affondò nella Senna con tutto il carico. Questo fu per lui un avvertimento del Cielo, non perché il commercio sia contrario alle leggi del Signore, ma perché egli aveva preferito la via più comune a quella più ardua nel cammino verso la perfezione. Guido indossò allora l'abito del pellegrino e per sette anni percorse le lunghe e insicure strade dell'europa per visitare i più grandi santuari della cristianità. Fu a Roma e proseguì per la Terrasanta, e, tornato dal lungo pellegrinaggio, stanco e malato, fu ospitato da un sacerdote di Anderlecht, una cittadina presso Bruxelles, dalla quale prese l'appellativo e dove poco dopo morì, di dissenteria; perciò è anche invocato da quanti sono afflitti da questo male. Non lasciò un ricordo particolare, e la sua tomba fu per molto tempo trascurata, finché alcuni prodigi fecero rifiorire la memoria del santo, al quale fu dedicata una grande chiesa che ne accolse le reliquie. Francesco Magistri

25 25 GLI ANIMALI NELLA SCRITTURA: Questo piccolo volatile da cortile viene citato nella Bibbia pochissime volte, e precisamente nell Antico Testamento troviamo due brevissime citazioni, una nel libro di Giobbe (cap. 38, v. 36) e l altra nel libro dei Proverbi (cap. 30, v. 31). Nel libro di Giobbe si descrive il dialogo tra Giobbe e il Signore, ed è proprio nella risposta del Signore al cap. 38 ne il discorso del Signore: la divina sapienza nella creazione, dove al versetto 36 si dice: «Chi ha concesso all ibis la sapienza e chi ha dato al gallo l intelligenza?». Qui si introducono l ibis e il gallo, due volatili le cui funzioni meteorologiche erano note nell antichità: l ibis segnalava in Egitto le piene del Nilo, mentre il gallo era considerato una specie di barometro vivente (ancora oggi, su alcuni campanili, il galletto di metallo, girando, indica la direzione dei venti). L autore biblico usa queste metafore per esprimere una visione religiosa opposta a quella del mito, molto in uso all epoca presso i Semiti; il Signore è, infatti, l unico dominatore dell universo, creatore di tutte le cose. Nel libro dei Proverbi, poi, troviamo i detti di Agur, uno straniero, definito dalla tradizione ebraica un grande raccoglitore di sapienza ; dice, al cap. 31, versetti 29-31: «tre esseri hanno un portamento maestoso, anzi quattro sono eleganti nel camminare: [ ] il gallo, che domina in mezzo alle galline [ ]». Questo volatile viene citato in un contesto suggestivo, dove si raccolgono lezioni impartite da vari animaletti, sul loro modo di vivere, e, nello IL GALLO. specifico, il gallo per il suo portamento maestoso come il leone e l ariete. Nel Nuovo Testamento, Marco ne fa menzione al cap. 13 v. 35, quando nel discorso sugli ultimi tempi Gesù invita i suoi discepoli ad essere pronti alla vigilanza e dice: «Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all improvviso, trovandovi addormentati». Però, il gallo viene ricordato in modo particolare per evidenziare un fatto significativo che giunge al culmine della Storia della Salvezza. È Gesù stesso che ne parla, rivolgendosi a Pietro, ed è proprio all inizio della Sua Passione che sentiamo il canto del gallo. Questo fatto è narrato da tutti i quattro Evangelisti, e viene proclamato al termine della Quaresima, durante il Triduo Pasquale, il Venerdì Santo (Lc 22, 33-34; 54-62). Il canto del gallo è per l apostolo una memoria viva del monito di Gesù e l inizio del suo pentimento. È segno della fine della notte, che per Pietro è culminata col rinnegamento, ma appena ode il canto del gallo lo sguardo di Gesù si volge verso di lui e in questo sguardo traspare tutto il dolore e l amore di Cristo: qui finisce la notte di Pietro. Le tenebre lasciano il posto alla luce e il canto del gallo ne è da sempre Testimone. Il pentimento e le lacrime di Pietro sono l inizio della sua vera conversione. Mariangela Ciceri

26 26 Nel 2000, in occasione del Giubileo, chi è andato in pellegrinaggio a Roma ha avuto l opportunità di vedere la Porta Santa che viene aperta e varcata dal Papa e poi dai pellegrini proprio in questa occasione. Su di essa sono riprodotti 14 episodi biblici, opera dello scultore Vico consorti e donata a Pio XII nell anno santo del La nona formella rappresenta il pentimento di Pietro. Curiosità e modi di dire Il passaggio attraverso la Porta Santa evoca il passaggio che ogni cristiano è chiamato a compiere dal peccato (tenebre) alla grazia (luce). Il detto prima che canti il gallo significa l attesa di un imminente presa di coscienza, con riferimento al gallo che cantò subito dopo che Pietro ebbe negato di conoscere Gesù (Lc 22,60). Mariangela Ciceri

27 27

28 28 IL LIBRO DELLA VITA Entrati nel mondo 2008 Tornati al Padre Molteni Alessandro 6 Cotta Pierino di anni 66 4 Speroni Ivan 7 Nicolosi Vito di anni 83 8 Meroni Carolina di anni 94

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

E il Signore ci dice:

E il Signore ci dice: E il Signore ci dice: mettetevi sulla strada buona (Paolo VI) Itinerario quaresimale con i Papi del Concilio Vaticano II: Giovanni XXIII e Paolo VI A cura di Mons. Battista Rinaldi Consulenza redazionale

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli