Rilevazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rilevazione 2005-2006"

Transcript

1 Rilevazione I consumi delle famiglie milanesi Rapporto d indagine a cura di Questlab srl luglio 2006 Scaricato da

2

3 I consumi delle famiglie milanesi Rapporto d indagine a cura di Questlab srl1 luglio Indice 1. RISULTATI DELL INDAGINE 1.1 Introduzione: definizione e ruolo dei consumi delle famiglie 1.2 Caratteristiche delle famiglie milanesi 1.3 I consumi milanesi: alimentari e non alimentari 1.4 Tipologie dei consumi e caratteristiche familiari 1.5 I luoghi del consumo 2. ASPETTI METODOLOGICI 2.1 Piano di campionamento 2.2 Strumenti e modalità di rilevazione 2.3 Controlli di qualità e trattamento degli outliers 2.4 Definizione del piano di incroci 2.5 Sistema di ponderazione utilizzato 2.6 Significatività delle stime 2.7 Diffusione dei risultati 3. APPENDICE STATISTICA A) Spesa media mensile familiare per gruppo e categoria di spesa e per caratteristiche delle famiglie B) Frequenza della spesa per tipologia di negozio e caratteristiche delle famiglie C) Caratteristiche del campione 1 La redazione del testo è a cura di: Nicola Ianuale (paragrafi 1.1, 1.3, 1.4, 1.5), Fabio Occari (paragrafi 1.2, 2.1, 2.2, 2.3, 2.4, 2.5, 2.6) e Giuseppe Castiello (paragrafo 2.7). Alla stesura dei paragrafi 2.4 e 2.6 ha partecipato Luca Salmasi. Le elaborazioni statistiche sono state realizzate da Fabio Occari, Paolo Ortolan e Luca Salmasi. Il sito è stato realizzato da Giuseppe Castiello e Silvia Mattarello.

4

5 1 Risultati dell indagine 1.1 Introduzione: definizione e ruolo dei consumi delle famiglie I l consumo delle famiglie è l aggregato economico di maggior peso nel conto economico nazionale degli impieghi, infatti contribuisce per il 59,1% del Pil ai prezzi costanti nel La sua crescita, o la sua contrazione, sono quindi in grado di condizionare le performance economiche di un territorio: la cronaca della congiuntura degli ultimi anni scorsi imputa al basso livello dei consumi la principale causa dell esigua crescita economica in Italia. Lo studio e la misura dei consumi diventano un passaggio fondamentale per l analisi strutturale e congiunturale di un territorio, al fine di fornire indicazioni esiziali per orientare i comportamenti e le decisioni dei soggetti pubblici e privati. La conoscenza e l analisi dei consumi consentono di: studiare il comportamento dei consumatori in relazione ai prezzi, al reddito ed all imposizione fiscale; discriminare i consumi al variare del contesto e dalle caratteristiche familiari; misurare il livello di vita delle famiglie. Inoltre, estendendo la definizione di consumo delle famiglie a quella di consumo allargato 2, che è dato dai consumi delle famiglie acquistati sul mercato e dai consumi collettivi divisibili erogati dalla Pubblica Amministrazione e dalle Istituzioni, è possibile analizzare, per le due componenti, gli effetti di reciproca integrazione e completa sostituzione al fine di soddisfare direttamente i bisogni delle famiglie. Misurare le interrelazioni tra i soggetti produttori di beni e servizi (famiglie, imprese e pubblica amministrazione) e i beneficiari finali (famiglie e collettività nel suo insieme) consente di conoscere lo stato del net local welfare al fine di valutare e programmare gli interventi che regolano la vita sociale. 2 Biggeri L. (1983). 1

6 Misura dei consumi L obiettivo dell indagine sui consumi della popolazione residente a Milano è rivolto esclusivamente alla stima delle spese reali, cioè gli acquisti di generi alimentari, beni durevoli e non, servizi, esclusi i fabbricati. Per rendere meno onerosa la compilazione dei questionari da parte delle famiglie, con una minima perdita d informazioni utili, si è evitato di chiedere le seguenti spese figurative: i prodotti autoconsumati dalle famiglie agricole e dai proprietari di orti; i fitti figurativi; le corresponsioni in natura rese dai datori di lavoro; il vitto e il vestiario dei militari; le prestazioni sociali in natura erogate dalle amministrazioni pubbliche e dalle istituzioni sociali private nell ambito della previdenza e dell assistenza sociale; i servizi domestici prodotti dalle famiglie per uso proprio. I consumi delle famiglie sono stati rilevati con il metodo della spesa attraverso la somministrazione assistita di due questionari 3 ad un campione di famiglie che consente di cogliere la gran parte, se non la totalità, dei consumi allargati riguardanti le transazioni in valore di beni e servizi dal mercato alle famiglie. Ciò non toglie che i consumi totali registrati per le famiglie contengono implicitamente anche gli effetti dei bisogni soddisfatti tramite la fruizione di consumi collettivi. Questi sono misurabili tramite l elasticità della domanda, dai beni e i servizi collettivi erogati dalla pubblica amministrazione e finanziati con le risorse pubbliche che, in ultima istanza, si ottengono con la partecipazione delle famiglie tramite i contributi sociali e tributi vari. La tecnica di rilevazione e i questionari utilizzati sono molto simili alla collaudata metodologia adottata dall Istat per l indagine sui bilanci delle famiglie, con alcune differenze che non consentono un confronto immediato tra i risultati delle due fonti. Lo scopo delle modifiche è stato quello di facilitare la compilazione e migliorare i tassi di partecipazione tramite alcune accortezze quali: la riduzione della quantità di informazioni richieste; la possibilità da parte delle famiglie di avvalersi degli scontrini (per le spese effettuate nelle strutture della distribuzione organizzata) invece di compilare manualmente i questionari; la semplificazione nelle procedure di somministrazione dei questionari stessi da parte dei rilevatori. Le voci di spesa richieste di beni e servizi sono state aggregate secondo una classificazione funzionale, cioè per usi affini e bisogni simili soddisfatti, e comprendono 12 gruppi suddivisi a loro volta in 176 categorie. L unità di rilevazione è la famiglia, intesa in senso anagrafico come insieme di persone che coabitano nello stesso alloggio, all interno della quale si individua una persona di riferimento per 3 Il Diario delle spese, relativo alle spese alimentari agli acquisti e alle spese ricorrenti effettuate dalla famiglia nell arco di una prestabilita settimana, ed il Riepilogo delle spese, che interessa tutte le spese sostenute per abitazione, telefono, luce, gas, abbigliamento, mezzi di trasporto, tempo libero, salute, ecc., cioè tutte quelle spese che normalmente la famiglia sostiene in maniera non ricorrente nell arco dell anno (cfr. paragrafo 2.2). 2

7 la registrazione delle spese nei questionari relative a tutti i componenti della famiglia stessa. Le variabili strutturali per distinguere i nuclei familiari e i conseguenti differenti comportamenti d acquisto sono le seguenti: la numerosità del nucleo familiare, l età, la professione ed il titolo di studio del capofamiglia (cioè l intestatario della scheda anagrafica o persona di riferimento del nucleo familiare), il numero di percettori di reddito e la classe di reddito complessivo del nucleo familiare. Per concludere, prima dell analisi dei risultati finali medi di seguito illustrati sono necessarie alcune avvertenze per una loro adeguata interpretazione. Essi presentano problemi di sottostima tipici delle più importanti indagini sui consumi 4, quali: una generalizzata dichiarazione di minori spese dovuta a possibili atteggiamenti reticenti o a dimenticanze involontarie; errori non campionari attribuibili alla rete di rilevatori; errori campionari che incidono particolarmente sui beni ad acquisto meno frequenti. Al fine di porre rimedio a questi problemi, sono stati introdotti vari controlli di qualità nella fase d inserimento dei dati e sono state adottate procedure di stima dei dati mancanti e dei valori anomali. Entrambi questi accorgimenti saranno presentati in dettaglio nella sezione dedicata agli aspetti metodologici. 1.2 Caratteristiche delle famiglie milanesi Come sopra precisato, l obiettivo dell indagine è quello di rilevare i livelli dei consumi delle famiglie residenti nel comune di Milano. In via preliminare all analisi dei risultati, è opportuno fornire una rapida descrizione delle caratteristiche dell universo delle famiglie milanesi, che saranno in seguito utili nell interpretazione dei risultati relativi ai consumi per le diverse tipologie familiari. Questo soprattutto quando, per ragioni di opportunità oltre che di rappresentatività 4 Autori vari, Acquisizione e trattamento dei dati nella nuova indagine sui consumi, n. 21, 1999, Documenti Istat. 3

8 campionaria e significatività delle stime, non è stato possibile spingere i livelli degli incroci oltre un certo dettaglio. Per questa analisi delle caratteristiche dell universo ci riferiamo alle variabili anagrafiche (numero di componenti del nucleo familiare, età della persona di riferimento, numero di figli,...) ed a quelle economiche (condizione professionale, numero di percettori di reddito, ecc.) rilevate direttamente tramite i questionari sottoposti al campione di famiglie intervistate. Per ulteriori dettagli riguardo alla struttura del campione e degli strumenti di indagine utilizzati si rinvia al capitolo 2 del presente rapporto. Altre informazioni quantitative e qualitative sull universo delle famiglie milanesi sono disponibili a partire dai dati di fonte censuaria (Istat) e dalle altre indagini ad hoc effettuate sulla popolazione del comune di Milano. Per questi ultimi lavori, si rinvia al sito del Comune di Milano, all indirizzo ed a quello della Camera di Commercio di Milano, Iniziamo l analisi delle caratteristiche delle famiglie milanesi prendendo in considerazione un elemento assai importante e di indubbia rilevanza con riferimento alle abitudini dei consumi, vale a dire il numero dei componenti del nucleo familiare. Precisiamo che questa variabile è stata individuata a priori, insieme all anello territoriale, come Graf. 1 - Distribuzione del numero di famiglie per numero di componenti del nucleo familiare 3 componenti 18% 5 o più componenti 2% 4 componenti 11% 2 componenti 32% 1 componente 37% variabile di segmentazione del campione e successiva poststratificazione mediante i pesi (cfr. paragrafi 2.1 e 2.5) e pertanto i risultati campionari risultano assai prossimi, con minimi livelli di scarto, alla reale struttura dell universo. La distribuzione di frequenza delle famiglie milanesi classificate rispetto al numero dei componenti viene di seguito riportata nel grafico 1. Possiamo vedere come la quota più rilevante di famiglie è costituita da nuclei con un solo componente (pari al 37% del totale), seguita da nuclei con due componenti (32%). Complessivamente i nuclei familiari di dimensioni maggiori (tre o più componenti) pesano circa un terzo del totale: rispettivamente troviamo il 18% di nuclei 4

9 con tre componenti, l 11% di nuclei con quattro componenti e appena il 2% di nuclei con cinque o più componenti. Graf. 2 - Distribuzione del numero di famiglie per classe di età della persona di riferimento 65+ anni 42% fino 34 anni 6% anni 52% Per quanto riguarda l età della persona di riferimento del nucleo familiare 5 (graf. 2) vediamo come sia relativamente limitato il peso della fascia di età più giovane (fino a 34 anni), a cui corrisponde solo il 6% del numero totale dei nuclei familiari, mentre la classe intermedia (35-64 anni) pesa per il 52% dei casi e quella più anziana (65 e più) pesa per il 42%. Per quanto riguarda i giovani, naturalmente questo non significa che il loro peso all interno della popolazione milanese sia così ridotto, ma semplicemente che essi non ricoprono il ruolo di intestatari dei nuclei familiari, a causa del fatto che tendono a ritardare l uscita dalle famiglie di origine. Secondo il Censimento Istat infatti la popolazione residente nel comune di Milano con meno di 35 anni è il 26,4% del totale della popolazione; se consideriamo solo le persone di maggiore età, il peso di questa fascia Graf. 3 - Distribuzione del numero di famiglie per numero di figli conviventi 1 figlio 20% 2 figli 13% 3 figli o più 3% nessuno 64% di popolazione scende al 13,6% del totale. Un altra importante caratteristica che determina in misura significativa le quantità e varietà dei consumi familiari è rappresentata dal numero di figli conviventi nel nucleo familiare. Dal grafico 3 vediamo come ben il 64% dei nuclei familiari non hanno figli conviventi 6, il 20% dei nuclei familiari hanno un solo figlio, il 13% hanno due figli e solo il 3% hanno tre o più figli. Questa distribuzione conferma i risultati sopra evidenziati 5 E l intestatario della scheda dello stato di famiglia e corrisponde da vicino, in una notazione più moderna che risente delle modifiche nelle normative del diritto di famiglia, alla classica figura del capofamiglia. 6 Fra queste famiglie ce ne saranno numerose - soprattutto quelle costituite dalle persone più anziane - che hanno comunque figli, anche se non più conviventi nel nucleo familiare originario e pertanto con effetti scarsi o nulli sui livelli dei consumi delle famiglie intervistate. 5

10 riguardo la numerosità complessiva del nucleo familiare e la preponderante presenza dei nuclei composti solamente da una o due persone. Graf. 4 - Distribuzione del numero di famiglie per tipologlia del nucleo familiare Coppia o convivenza con figli 25% Monogenitore 11% Incrociando le informazioni relative al numero di componenti con quelle relative alla presenza di figli abbiamo ottenuto una nuova variabile descrittiva della tipologia del nucleo familiare (graf. 4), che aggiunge in forma sintetica alcune ulteriori informazioni relativamente alle dimensioni anagrafiche sin qui esposte, e sarà di una certa utilità nell analisi dei comportamenti di consumo. In base a questa classificazione vediamo che, al di là del peso delle famiglie unipersonali che resta confinato al 37% dei casi, è invece pari al 7 27% la percentuale di coppie o altre convivenze senza figli, è del 25% la percentuale di coppie o altre convivenze con figli e dell 11% la percentuale di nuclei familiari monogenitoriali, cioè di famiglie in cui si registra la presenza di figli e di un solo genitore. Quest ultima condizione verosimilmente è riconducibile - almeno nella maggior parte dei casi - a situazioni di famiglie separate o divorziate. Coppia o convivenza senza figli 27% 8 Persona sola 37% Prima di passare all esposizione delle caratteristiche economiche delle famiglie milanesi, è utile concludere questa rapida rassegna sui caratteri anagrafici fornendo anche qualche annotazione riguardo ad alcuni incroci rilevati fra queste stesse variabili anagrafiche, in modo da potere cogliere qualche elemento aggiuntivo riguardo le caratteristiche strutturali della popolazione oggetto di studio. 9 Per quanto riguarda la numerosità del nucleo familiare e la classe di età della persona di riferimento del nucleo stesso, rileviamo come nella maggior parte dei casi le famiglie con un solo 7 Con i termini coppie o altre convivenze indichiamo una convivenza fra due o più persone non necessariamente legate da vincoli matrimoniali o altri patti di convivenza. Si tratta cioè di convivenze di fatto, che possono anche essere temporanee, ma che comunque hanno effetto durante il periodo di riferimento della rilevazione campionaria. 8 Questo risultato sull incidenza delle famiglie monogenitoriali è confermata anche dai dati del Censimento Istat 2001 disponibili, rispetto a questa informazione, disaggregati solo fino al livello provinciale: per l intera provincia di Milano il peso dei nuclei familiari costituiti da un solo genitore sul totale delle famiglie è pari all 8,9%. 9 Le tavole statistiche relative agli incroci a cui faremo riferimento sono riportate in maniera analitica nella sezione C dell Appendice statistica. 6

11 componente sono costituite da persone in fascia di età anni oppure da anziani (over 64 anni): il peso delle famiglie con un solo componente in età anni è infatti pari al 46% mentre gli anziani rappresentano il 45%. Per converso è relativamente ridotto il peso delle famiglie composte da single in età giovane (fino a 34 anni), che rappresentano il 9% del totale. Per quanto riguarda le famiglie composte da due componenti, nella maggior parte dei casi (58%) sono composte da persone anziane, mentre il peso della classe di età intermedia (35-64 anni) scende al 37% e quello della classe di età più giovane scende al 5%. Al crescere del numero dei componenti familiari aumenta anche il peso della fascia di età centrale, con un incidenza del 67% dei casi per le famiglie con tre componenti e dell 86% per quelle con cinque o più componenti. L incrocio fra la tipologia del nucleo familiare 10 rispetto all età della persona di riferimento del nucleo familiare mostra come le coppie o convivenze senza figli corrispondano prevalentemente (64% dei casi) a nuclei familiari in cui la persona di riferimento è anziana, mentre per converso i nuclei familiari con figli (incluse le coppie monogenitore) corrispondono in prevalenza (oltre il 72%) a nuclei in cui la persona di riferimento è in età intermedia. Il peso dei nuclei familiari con figli e persona di riferimento in età giovane (fino a 34 anni) è relativamente basso: sono infatti il 4% del numero totale di coppie o convivenze figli (ed il 3% delle coppie monogenitoriali). Per converso, fra le coppie o convivenze senza figli è del 32% la quota dei nuclei con persona di riferimento in età intermedia (35-64 anni). Per concludere questa prima rassegna di incroci fra le variabili anagrafiche rilevate tramite il questionario, osserviamo la distribuzione della tipologia del nucleo familiare rispetto al numero di figli. Questo incrocio è utile solo per valutare le differenze fra le coppie o convivenze (con figli) e i nuclei costituiti da monogenitore, dato che le altre possibili combinazioni sono vuote. Per quanto riguarda i nuclei con uno o due figli non si notano particolari differenze fra queste due tipologie di famiglie (cioè le coppie o convivenze ed i monogenitori), mentre per quanto riguarda le coppie con tre o più figli si rileva una significativa presenza di monogenitori: il peso di questi ultimi sul totale delle famiglie che hanno tre o più figli è infatti del 15%, mentre questo livello è del 7% per le altre coppie o convivenze. 10 Che, ricordiamo, rappresenta anch essa un incrocio fra altre variabili rilevate, assumendo le seguenti modalità: persona sola, coppia o convivenza senza figli, coppia o convivenza con figli, monogenitore. 7

12 Passiamo ora in rassegna gli altri indicatori sui caratteri economici rilevati presso le famiglie, a cominciare dalla condizione professionale 11 della persona di riferimento del nucleo familiare (graf. Graf. 5 - Distribuzione del numero di famiglie per condizione professionale della persona di riferimento Ritirati dal lavoro 40% Altra condizione non professionale 9% Imprenditori e liberi professionisti 13,3% Operai 12,2% Lavoratori in proprio 3,5% Impiegati e dirigenti 22,2% Graf. 6 - Distribuzione del numero di famiglie per numero di percettori di reddito del nucleo familiare 2 percettori 40% 3 o più percettori 5% 1 percettore 55% 5). Per quasi la metà dei casi registriamo la presenza di condizioni non professionali: per l esattezza il 40% dei casi corrisponono a pensionati e il 9% ad altre condizioni non professionali. Fra la popolazione attiva, il peso maggiore spetta agli impiegati e dirigenti che complessivamente rappresentano il 22% del totale. Gli operai rappresentano invece il 12,2% del totale; gli imprenditori e liberi professionisti il 13% ed i lavoratori in proprio il 3,5%. Nonostante il peso relativamente basso della popolazione attiva (appunto, di poco superiore al 50% del totale), vediamo come i lavoratori dipendenti (operai, impiegati e dirigenti) pesano per quasi due terzi sulla popolazione attiva, mentre il lavoro autonomo ed imprenditoriale pesa per il restante terzo. Sottolineiamo come le distribuzioni relative alla condizione professionale riguardano le persone di riferimento dei nuclei familiari milanesi e non l intera popolazione residente nel comune e può essere quindi rischioso estendere le percentuali rilevate all intero universo, dato che non si tiene conto delle caratteristiche delle eventuali ulteriori posizioni lavorative presenti all interno del nucleo familiare. Come si vede dal grafico 6, relativo numero di percettori di reddito nel nucleo 11 Con il termine condizione professionale intendiamo sintetizzare l informazione relativa alla posizione nella professione per quanto riguarda la popolazione attiva (imprenditore o libero professionista, lavoratore in proprio, dirigente o impiegato, operaio) e quella relativa alla condizione non professionale, per quanto riguarda la popolazione non attiva (distinta in ritirati dal lavoro, cioè pensionati, e altra condizione non professionale, quest ultima costituita da casalinghe, inabili al lavoro, altre condizioni). 8

13 familiare, nella maggior parte dei casi (55%) abbiamo un unico percettore di reddito. Nel 40% dei casi troviamo però due percettori di reddito e in una percentuale più ridotta, ma comunque non trascurabile (5%), si registrano tre o più percettori di reddito. L ultima caratteristica economica rilevata tramite il questionario riguarda il reddito complessivo del nucleo familiare (totale annuo). Si tratta di una variabile assai importante, correlata con i corrispondenti livelli di consumo. Pur tuttavia, si sottolinea come nelle indagini demoscopiche Graf. 7 - Distribuzione del numero di famiglie per reddito complessivo del nucleo familiare % abitualmente si incontri una certa diffidenza da parte dei soggetti intervistati a fornire informazioni relative ai propri redditi, e pertanto invitiamo a leggere questi dati con una certa prudenza, e li presentiamo quindi senza la pretesa di ufficialità e completezza. Fatta questa premessa, possiamo vedere quale è la distribuzione dei redditi fra le famiglie intervistate: nella maggior parte dei casi (54%) viene segnalato un reddito annuo inferiore a euro, e la percentuale di famiglie con redditi inferiori ai euro annui è pari al 28%. Nel 17% dei casi le famiglie dichiarano redditi compresi fra e euro, nel 24% dei casi fra e euro. Sono pari al 5% le famiglie con redditi superiori ai euro annui (ed all 1% quelle con oltre euro) % oltre % % fino % % Incrociando queste ultime variabili relative alle caratteristiche economiche delle famiglie milanesi (condizione professionale, numero di percettori e classi di reddito) e anche rispetto agli indicatori anagrafici (numero componenti, età, figli,...) sopra descritti emergono le seguenti considerazioni di sintesi. Dal punto di vista della numerosità dei componenti del nucleo familiare, osserviamo come fra i ritirati dal lavoro prevalgono le famiglie di uno o due componenti (che complessivamente pesano quasi per l 85%), mentre fra la popolazione attiva si registra una maggior presenza di nuclei familiari più numerosi. Questo in particolare per le famiglie di operai e di lavoratori in proprio, che sono composte da 3 o più componenti in oltre il 50% dei casi; fra gli 9

14 impiegati/dirigenti e i professionisti invece la percentuale di famiglie con 3 o più componenti è un po più ridotta, oscillando attorno al 40% dei casi. Una certa correlazione è rilevabile anche fra i livelli di reddito complessivo del nucleo familiare e la numerosità del nucleo stesso: questo evidentemente è dovuto sia al fatto che all aumentare del numero di componenti del nucleo cresce anche il numero delle persone nella famiglia disponibili a lavorare sia al fatto che all aumentare del numero dei componenti crescono anche le esigenze che, appunto, devono essere soddisfatte attraverso un reddito adeguato. Per quanto riguarda i dati rilevati dal questionario, osserviamo come le famiglie con reddito complessivo fino a euro sono composte solo da uno o due componenti per oltre l 80% dei casi; questa percentuale si conferma anche se si considera la successiva classe di reddito ( euro), dove comunque aumenta la numerosità complessiva dei nuclei familiari dato che si registra una maggior presenza di coppie rispetto alla precedente classe di reddito (46,2% dei casi contro il 20%). A partire dalla successiva classe di reddito ( euro) in su, la percentuale di famiglie con tre o più componenti diviene via via più importante e si attesta al 53% dei casi. Un ultimo incrocio di un certo interesse riguarda l età e la condizione professionale della persona di riferimento del nucleo familiare. Se da un lato si conferma il ruolo rilevante degli anziani fra i pensionati (l 85% di essi hanno più di 65 anni, mentre è del 15% la quota di pensionati con meno 65 anni), dall altro vediamo come le varie figure professionali attive si distribuiscano in maniera abbastanza indipendente rispetto all età, con la sola eccezione (non troppo rilevante dal lato del peso numerico) dei lavoratori in proprio, fra i quali il peso dei giovani (fino a 34 anni) è significativamente più basso (2,4%) rispetto al peso rilevabile in corrispondenza alle altre figure professionali (9-10%). 1.3 I consumi milanesi: alimentari e non alimentari Il consumo medio mensile totale delle famiglie di Milano è di 2.152,47 euro, di cui 344,15 euro interessa i beni alimentari, pari al 16% del totale consumi. All interno dei beni alimentari, più della metà dei consumi della categoria è costituito dai seguenti beni: patate, frutta e ortaggi, carne e pane e cereali, che rispettivamente interessano il 21,3%, il 20,1% e il 15,4% del totale dei consumi 10

15 alimentari (vedi graf. 8). La spesa complessiva dei beni non alimentari è pari a 1.808,32 euro, di cui quasi il 70% interessa le seguenti categorie: Abitazione, Altri beni e servizi, Trasporti e Mobili, elettrodomestici e servizi della casa (vedi graf. 9). Graf. 8 Distribuzione dei beni alimentari per categoria di spesa Bevande 11,2% Pane e cereali 15,4% Zucchero, caffè e drogheria 10,3% Carne 20,1% Patate, frutta e ortaggi 21,3% Oli e grassi 2,3% Latte, formaggi e uova 11,7% Pesce 7,7% Graf. 9 Distribuzione dei beni non alimentari per gruppo di spesa Altri beni e servizi 15,5% Tabacchi 0,8% Abbigliamento e calzature 5,0% Tempo libero, cultura e giochi 5,6% Istruzione 1,3% Comunicazioni 3,7% Abitazione 21,8% Trasporti 11,8% Sanità 6,5% Mobili, elettrodomestici e servizi per la casa 8,4% Combustibili ed energia 3,6% 11

16 Segue un approfondimento che si rivolge alle più importanti componenti della spesa che sono presentate in ordine di entità della spesa media mensile registrata; l intera distribuzione in categorie di tutti i gruppi di beni e servizi è riportata nella tabella A1. L Abitazione è la voce di spesa più elevata in assoluto con 469,31 euro medi mensili, pari al 26% delle spese non alimentari e quasi il 22% del totale consumi. Più dell 85% della categoria è costituto da spese che interessano le seguenti voci in ordine d importanza: Condominio (riscaldamento, acqua, luce, ascensore, etc.), Affitto canone mensile 12 e Mutuo rata mensile e ICI. Gli Altri beni e servizi registrano una spesa mensile media di 333,58 euro, di cui le principali componenti sono: i beni riguardanti vacanze e tempo libero (alberghi, pensioni, viaggi organizzati e pasti, consumazioni fuori casa) con una quota del 48,1%; i beni legati alla cura della persona (prodotti e apparecchi per la cura della persona e barbiere, parrucchiera e istituti di bellezza) che interessano il 16,2%; infine l assicurazione della vita e malattie assorbe il 13,8% della categoria. Nella categoria trasporti, con una spesa media mensile familiare del 255,01 euro, emerge la preponderanza delle spese imputabili alla gestione e uso dei mezzi propri (assicurazioni mezzi di trasporto, spese bollo e patente; carburanti per veicoli e manutenzione e riparazioni mezzi di trasporto) che interessano una quota del 60,3%, rispetto all uso di altri mezzi di trasporto alternativi (tram, autobus e taxi e altri trasporti) che interessano 17,3% del totale della categoria. Per la categoria mobili, elettrodomestici e servizi per la casa la spesa media mensile è di 188,59 euro, dove le principali voci sono costituite da servizi domestici, mobili e elettrodomestici, che detengono rispettivamente il 25,3%, il 24,3% e il 9,5% del totale. Le spese per la sanità ammontano a 139,69 euro mensili e si concentrano per una quota superiore del 70% nell acquisto di medicinali e visite generiche e specialistiche (incluso il dentista). Per quanto concerne Abbigliamento e calzatura la spesa media mensile è di 107,02 euro di cui il 77% riguarda la sottocategoria Vestiario. Infine nella categoria Tempo libero, cultura e giochi le spese ci concentrano per il 40% circa nelle seguenti attività ludiche: la pratica dello sport (Spese per lo sport e articoli sportivi) e la lettura in genere (giornali, riviste e libri non scolastici). 12 Non è presente il fitto figurativo, cioè l ammontare del canone mensile ottenibile in caso di affitto ipotetico della casa di proprietà. 12

17 1.4 Tipologie dei consumi e caratteristiche familiari Negli studi delle relazioni tra caratteristiche della famiglia e consumi si sono ottenuti in passato alcuni risultati d intensità e segno contrastanti o di non chiara interpretazione, a seconda che si operasse a livello macro o microeconomico. A livello macroeconomico, l effetto delle caratteristiche demografiche viene oscurato dall influente presenza di altri fattori come: i redditi, i prezzi e gli stili di vita. 13 Si è rilevata più proficua, invece, l analisi a livello microeconomico, poiché emerge la dipendenza della struttura dei bilanci familiari non solo dai prezzi e dal reddito, ma anche dalla tipologia che caratterizza le singole unità di consumo. E pur vero che si constata da tempo l insorgere di cambiamenti di modelli di spesa, che tendono ad essere influenzati da valori e da atteggiamenti tipicamente individuali, con un indebolimento della funzione della famiglia come modello decisionale. Tra i fattori che hanno determinato tali modifiche si evidenziano: l invecchiamento della popolazione, l incremento di reddito reale, che si lega al diffuso doppio o triplo reddito familiare o del reddito aggiuntivo oltre la pensione, l aumento dei singles e dei mingles 14. Questi elementi favoriscono il diffondersi di beni e servizi altamente personalizzati nella logica di un consumatore con bisogni e desideri molto differenziati su base fortemente psicologica 15. La diffusione di domanda di beni e servizi, variamente legati alla evoluzione degli stili di vita e alle scelte di consumo tese ad affermare le centralità dei bisogni espressi dal singolo individuo, sta assumendo una non trascurabile rilevanza nell ambito dei consumi delle famiglie, ciò non toglie che permane l influenza della famiglia nei processi decisionali di consumo dei singoli componenti. Come emerge dalle indagini sui bilanci delle famiglie la corretta, ma non esaustiva, lettura e interpretazione dei risultati delle diverse composizioni dei panieri di beni e servizi consumati sono in parte spiegabili al variare delle caratteristiche dei nuclei familiari residenti, quali, ad esempio, il territorio di residenza, il numero dei componenti delle famiglie e l età della persona della famiglia (vedi graf. 10). La dimensione territoriale è stata considerata con un campionamento che tiene conto di tre livelli di aree residenziali del comune, al fine di identificare con approssimazione: il centro, il semicentro e la periferia (cfr. fig. 1). I risultati ottenuti sull ammontare medio dei consumi totali fanno emergere con evidenza delle differenze marcate, infatti si va da un valore massimo di consumo totale medio mensile pari a 2.946,16 euro delle famiglie residenti in centro, ai 2.203,51 13 Ascolani A. (1998). 14 Adulti conviventi. 15 Varaldo R., Legrenzi P. (1992). 13

18 del semicentro fino a 2.027,55 euro delle famiglie residenti in periferia. La differenza più evidente tra i consumi medi delle famiglie del centro rispetto alle famiglie che vivono nelle altre aree sono imputabili alla presenza nel centro di famiglie a più elevato reddito e quindi alla loro maggior propensione al consumo, infatti più del 25% degli intervistati del centro dichiara di percepire un reddito familiare di oltre euro, contro il 6,4% del semicentro e il 2,5% della periferia. La conferma che nel centro siamo in presenza di famiglie a più elevato reddito si evince anche dalla quota di consumi di beni alimentari sul totale, che risulta sensibilmente inferiore nel centro rispetto alla periferia (vedi tab. A2 e C7). La numerosità del nucleo familiare è la variabile demografica con effetto immediato sul valore totale e sulla composizione dei panieri di spesa. La logica microeconomica impone di registrare un aumento della spesa con il crescere della numerosità della famiglia anche se l incremento della spesa avviene in modo meno che proporzionale, perché s instaurano dell economie di scala all interno della famiglia. Infatti si va dal valore più basso dei consumi totali di 1491,4 euro delle famiglie con un solo componente ad un incremento dei consumi meno che proporzionale all aumentare del numero dei componenti per raggiungere i 2.934,70 euro dei quattro componenti. La spesa media mensile dei cinque componenti e più è di 3.965,94 euro 16. Un altra variabile demografica utilizzata per discriminare i consumi è l età della persona di riferimento della famiglia, che è stata aggregata in tre classi d età: meno di 35 anni, da 35 a 64 e oltre i 65 anni. L andamento dei consumi registrato secondo questa classificazione per età segue il ciclo d entrate, permanenza e uscita dal mercato del lavoro, che coincide in gran parte anche con l evoluzione del ciclo di vita della famiglia: i consumi totali medi mensili sono pari a 2.037,06 euro per le famiglie con persona di riferimento in età inferiore a 35 anni, la classe intermedia (in età lavorativa) registra i consumi più elevati, pari a 2.459,65 euro mensili, e infine la classe delle famiglie dove la persona di riferimento ha 65 anni o più registra i consumi totali medi meno elevati in assoluto. Sulla composizione del paniere si registrano delle differenziazioni evidenti per le due classi estreme, infatti le famiglie con persona più anziane (persona di riferimento con oltre 65 anni) hanno quote di beni e servizi consumati più elevate per i consumi definibili necessari come alimentari e sanità, invece per le famiglie più giovani (persona di riferimento con meno di 35 anni) le quote di consumi più elevati sono per i beni e i servizi legati all investimento su se stessi e sull immagine quali: il vestiario, la comunicazione e l istruzione (vedi tab. A4). I consumi disaggregati per composizione del nucleo familiare (persona sola, coppia senza figli, coppia con figli e monogenitore con figli) fanno emergere le coppie con figli a cui corrispondono i livelli di consumo più elevati rispetto alle altre tipologie di famiglie (consumo medio mensile pari 16 Per le famiglie appartenenti a questa classe dimensionale non viene rispettata la teoria delle economie di scala al crescere della dimensione, in quanto si tratta di una classe aperta; vedi tab. A3. 14

19 a 3.180,80 euro). La presenza dei figli caratterizza la composizione del paniere a favore di certi beni come l istruzione, sostanzialmente superiore alle quote fatte registrare per le altre tipologie di famiglie (vedi tab. A5). Un altra evidenza è l elevata incidenza delle quote di spesa per abitazione e servizi di comunicazione per le famiglie di un solo componente. Graf Spesa media mensile familiare in euro e caratteristiche della famiglia: luogo di residenza, numero componenti, età della persona di riferimento e composizione familiare Totale Centro Semicentro Periferia 1 componente 2 componenti 3 componenti 4 componenti fino 34 anni anni 65+ anni Persona sola Monogenitore Coppia o altra convivenza senza figli Coppia o altra convivenza con figli Infine, i consumi secondo la condizione professionale (imprenditori e liberi professionisti, lavoratori in proprio, impiegati e dirigenti, operai e assimilati, ritirati dal lavoro, altra condizione non professionale) che è una proxy del reddito, divide gli strati considerati in due gruppi ben distinti, le professioni a più alto reddito e con consumi decisamente superiori alle altre condizioni professionali e non professionali (vedi tab. A8 e graf. 11). Inoltre, la composizione dei consumi delle prime tre professioni presenta caratteristiche comuni comparate con le rimanenti condizioni professionali, dovute alla condizione di consumatori agiati le quote di spesa mediamente più elevate si registrano per: l istruzione; mobili, elettrodomestici e servizi per la casa; la sanità. Infine, come logica vuole, per le famiglie con persona di riferimento appartenenti alle prime tre condizioni professionali, si registra una quota più bassa di spese in beni alimentari. 15

20 Graf Spesa media mensile familiare in euro e caratteristiche della famiglia: condizione professionale della persona di riferimento e classe di reddito Totale Imprendito ri e liberi pro fessio nisti Lavoratori in proprio Impiegati e dirigenti Operai e assimilati Ritirati dal lavoro Altra condizione non professionale fino a euro euro euro euro euro oltre euro I luoghi del consumo Nel questionario è prevista una domanda sulla tipologia di struttura distributiva scelta per gli acquisti e sulla frequenza di utilizzo. Dai risultati emerge in modo inequivocabile il primato del supermercato come luogo prediletto per gli acquisti, con una percentuale superiore al 78% di casi che dichiarano di utilizzarlo almeno una volta alla settimana, di cui ben 33,1% lo frequenta più di due volte a settimana (graf. 12). L altra struttura del commercio utilizzata con una frequenza degna di nota è il negozio del dettaglio tradizionale, infatti il 42,8% degli intervistati dichiara di utilizzarlo almeno una volta alla settimana; a differenza del dato sui supermercati per i negozi al dettaglio tradizionali è presente anche una 16

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università

Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Università degli Studi di Milano - Bicocca Nucleo di Valutazione Addio agli studi. L impatto dei fattori sociali e delle motivazioni individuali sulla scelta di abbandonare l università Alessandra Caserini

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli