C O M U N E D I C A R D I T O

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I C A R D I T O"

Transcript

1 C O M U N E D I C A R D I T O P R O V I N C I A D I N A P O L I Servizio Tributi Piazza G. Garibaldi n Cardito (NA) Fax Piano Generale degli Impianti Pubblicitari Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 58 del Relazione

2 INDICE 1. Fonti normative e finalità pag Situazione attuale pag Obiettivi operativi pag Contenuto del Piano pag Documenti da elaborare pag. 6

3 1. Fonti normative e finalità Fonti normative La necessità di elaborare un Piano generale degli impianti pubblicitari nasce dall indicazione normativa contenuta nel D. Lgs. n. 507/93 (artt. 3 e 36). Il Piano deve essere redatto nel rispetto di altre previsioni normative: - di sicurezza della circolazione stradale; - di tutela dei beni culturali ed ambientali; - urbanistiche. Finalità Il Piano disciplina la distribuzione dei mezzi pubblicitari, degli impianti di pubblicità e propaganda e degli impianti per le affissioni all interno del territorio comunale, individuando i parametri distributivi e la superficie massima ammissibile di quelli consentiti, al fine di razionalizzarne il posizionamento, nel rispetto della normativa in materia. La localizzazione degli impianti può essere definita a diversi livelli, distinguendo in particolare: - mezzi pubblicitari e impianti di pubblicità e propaganda, la cui quantità e distribuzione nel territorio comunale è determinata dalle richieste avanzate dagli interessati, nonché dalla distribuzione territoriale degli esercizi, delle licenze e delle attività economiche in genere e tenendo conto di quelli esistenti che risulteranno conformi alla normativa in materia e regolarmente autorizzati; - impianti per le affissioni, per i quali viene stabilita una superficie complessiva di mq (compreso gli impianti comunali attualmente disponibili e quelli privati su suolo pubblico per affissioni dirette che risulteranno conformi alla normativa in materia e regolarmente autorizzati ) e dovrà essere determinata l esatta localizzazione di ciascuno, nel rispetto della disciplina sopradetta. 2. Situazione attuale Mezzi pubblicitari e impianti di pubblicità e propaganda Relativamente ai mezzi pubblicitari e agli impianti di pubblicità e propaganda, attualmente non si dispone di dati completi e attendibili, trattandosi di mezzi ed impianti esistenti di cui andrà verificata la corrispondenza con la subentrata normativa tecnica, procedendo alla convalida di eventuali autorizzazioni, al rilascio di autorizzazioni in sanatoria o alla loro rimozione, se non conformi né adeguabili. 1

4 Impianti per le affissioni Questa categoria comprende messaggi pubblicitari esposti per finalità istituzionali / sociali o commerciali, nonché annunci funebri. Si tratta di manifesti cartacei affissi, per un tempo limitato, su appositi impianti di proprietà comunale. La superficie attualmente disponibile degli impianti per le affissioni è pari a circa 170 mq ed è inferiore a quella minima prevista dal D. Lgs. n. 507/93 (art. 18, comma 3). Per le tre tipologie di messaggio vengono utilizzati gli impianti disponibili, garantendo - come previsto nel vigente Regolamento comunale - una quota del 25% alle affissioni di natura istituzionale / sociale e comunque prive di rilevanza economica e una quota del 5% agli annunci funebri. La quota restante è destinata alle affissioni di natura commerciale. Alle tre tipologie anzidette ne va aggiunta una quarta, rappresentata dalle affissioni dirette effettuate da soggetti privati. Attualmente non esistono impianti comunali destinati a tali affissioni. Relativamente agli impianti privati su suolo pubblico, utilizzati per le affissioni dirette, non si dispone attualmente di dati completi e attendibili, trattandosi di impianti esistenti di cui andrà verificata la corrispondenza con la subentrata normativa tecnica, procedendo alla convalida di eventuali autorizzazioni, al rilascio di autorizzazioni in sanatoria o alla loro rimozione, se non conformi né adeguabili. Il Regolamento prevede la seguente ripartizione della superficie complessiva degli impianti per le affissioni: 25% destinata alle affissioni di natura istituzionale, sociale e comunque prive di rilevanza economica; 40% destinata alle affissioni di natura commerciale; 30% destinata a soggetti privati* per affissioni dirette. Non rientrano in tale superficie gli impianti privati posti in area privata. Vi rientrano invece gli impianti privati su suolo pubblico. Attualmente non esistono impianti comunali destinati a tali affissioni. 5% destinata alle affissioni di annunci funebri, consentite esclusivamente sugli impianti appositamente predisposti per supportare tali comunicazioni. 3. Obiettivi operativi Le finalità generali del Piano si possono tradurre nei seguenti obiettivi operativi. Per i mezzi pubblicitari e gli impianti di pubblicità e propaganda: Individuare la quantità e la distribuzione sul territorio comunale di nuovi mezzi pubblicitari e di nuovi impianti di pubblicità e propaganda, tenendo conto di quelli esistenti che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati. * comunque diversi dal concessionario del pubblico servizio (v. art. 41 Regolamento). 2

5 Per gli impianti per le affissioni: Individuare l esatta localizzazione sul territorio comunale dei nuovi impianti per le affissioni, tenendo conto di quelli attualmente disponibili e di quelli utilizzati dai privati per affissioni dirette (impianti privati su suolo pubblico) che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati. La superficie relativa a queste due ultime voci andrà sottratta dai mq stabiliti dal Piano, ottenendo in tal modo la superficie complessiva dei nuovi impianti da realizzare. Per i procedimenti autorizzatori: Promuovere e favorire la collaborazione e cooperazione tra vari servizi comunali, secondo opportune forme e modalità, allo scopo di semplificare l impegno per l utente, garantendo la conformità ai vincoli normativi. Si tratta infatti di una materia articolata e complessa che coinvolge, oltre ai Regolamenti vigenti, molteplici discipline di cui occorre garantire il rispetto delle previsioni normative. In particolare, alla luce dell art. 5, comma 1 del vigente Regolamento COSAP, la competenza per le autorizzazioni ad installare sul territorio impianti pubblicitari o altri manufatti stabilmente affissi su suolo pubblico, spetta alla Ripartizione Tecnica Comunale, previo parere favorevole del Comando Vigili Urbani. Il relativo procedimento investe quindi il Servizio Edilizia Pubblica e Privata, il Servizio Lavori Pubblici, il Servizio Polizia Municipale e il Servizio Programmazione Urbanistica Sviluppo e Controllo del Territorio, ciascuno per la propria competenza. Inoltre il Servizio Commercio e Attività Produttive interviene per gli aspetti connessi alla distribuzione territoriale degli esercizi, delle licenze e delle attività economiche in genere. Il Servizio Tributi si occupa infine degli aspetti tributari relativi alla gestione dell Imposta sulla pubblicità e/o del Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. 4. Contenuti del Piano Il Piano prevede alcune opzioni specifiche, ritenute particolarmente rilevanti per gli effetti sulla città: a. Conferma della suddivisione del territorio comunale, ai fini della disciplina degli impianti di pubblicità o propaganda e degli altri mezzi pubblicitari lungo o in vista di strade o di aree pubbliche, in due zone, così come previsto dal Regolamento, ossia: - Centro Storico, nel quale sono esplicitamente escluse alcune tipologie pubblicitarie o vengono impartite specifiche prescrizioni; - Altre zone, rispetto alle quali vengono impartite, in linea di massima, prescrizioni meno restrittive; 3

6 b. Quantitativo massimo autorizzabile e distribuzione dei mezzi pubblicitari e degli impianti di pubblicità e propaganda Poiché occorre tener conto dei mezzi e degli impianti esistenti che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati, è prevista una procedura, ad istanza dell interessato, volta alla verifica di tale conformità e finalizzata alla convalida di eventuali autorizzazioni, al rilascio di autorizzazioni in sanatoria o alla rimozione dei mezzi e degli impianti non conformi né adeguabili. Per quanto concerne i possibili siti di installazione si potrà eventualmente fare riferimento a quanto indicato per gli impianti per le affissioni. c. Progetto di localizzazione di nuovi impianti per le affissioni Vengono individuati dei possibili siti di installazione dei nuovi impianti da realizzare per le affissioni, al fine di incrementare l offerta del servizio comunale. Per ogni tipologia di affissione (istituzionali / sociali, commerciali o funebri) viene proposta una ripartizione orientativa della rispettiva superficie da realizzare, in categorie dimensionali, ottenendo il numero di impianti da realizzare per ogni categoria dimensionale (ciò tiene conto della superficie attualmente disponibile degli impianti per le affissioni, pari a circa 170 mq). d. Affissioni dirette Per la tipologia delle affissioni dirette destinate a soggetti privati, la superficie da realizzare dovrà tener conto degli impianti privati su suolo pubblico utilizzati per tale tipo di affissione che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati (non esistono attualmente impianti comunali destinati a tali affissioni). A tale scopo è prevista una procedura, ad istanza dell interessato, volta alla verifica di tale conformità e finalizzata alla convalida di eventuali autorizzazioni, al rilascio di autorizzazioni in sanatoria o alla rimozione degli impianti non conformi né adeguabili. La superficie degli impianti privati su suolo pubblico per affissioni dirette che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati, andrà sottratta dalla superficie stabilita dal Piano relativamente alle affissioni dirette destinate a soggetti privati (pari a 600 mq), ottenendo in tal modo la superficie dei nuovi impianti da realizzare e destinare a soggetti privati per affissioni dirette. Per quanto concerne i possibili siti di installazione e la ripartizione in categorie dimensionali, si potrà eventualmente fare riferimento a quanto indicato per le altre tipologie di affissione. Nel rispetto di tutto quanto sopra e dalla normativa in materia, la Giunta Comunale può concedere a privati, mediante apposita gara, la possibilità di collocare su aree comunali 4

7 impianti pubblicitari per l affissione diretta di manifesti e similari (art. 40, comma 1 del Regolamento). La concessione dovrà essere disciplinata da apposita convenzione, secondo quanto stabilito dall art. 40, comma 2 del Regolamento. E altresì ammessa la possibilità di concedere spazi per affissioni dirette non aventi contenuto commerciale ad Enti o Associazioni non aventi finalità di lucro. In tali spazi possono essere affissi manifesti di contenuto riguardanti esclusivamente iniziative poste in essere dagli Enti o Associazioni medesime (art. 40, comma 3 del Regolamento). e. Regolarizzazione Viene concesso un termine di 90 giorni (decorrenti dalla data di entrata in vigore del Piano) ai titolari di mezzi e impianti pubblicitari o per le affissioni, sempre che gli stessi siano conformi o adeguabili alla subentrata normativa tecnica, per richiedere la convalida di eventuali autorizzazioni o il rilascio di autorizzazioni in sanatoria ed evitare così la rimozione. Per tutti i mezzi e impianti pubblicitari o per le affissioni non muniti di regolare autorizzazione entro i termini stabiliti, si configurerà lo stato di abusivismo delle installazioni. Il Comune effettuerà adeguati controlli in merito, con applicazione delle sanzioni previste dalla legge. Di seguito viene riportato un prospetto riepilogativo relativo agli impianti per le affissioni: TIPO DI AFFISSIONE affissioni di natura istituzionale, sociale e comunque prive di rilevanza economica affissioni di natura commerciale, effettuate dal servizio comunale affissione di annunci QUOTA PREVISTA DAL REGOLAMENTO % SUPERFICIE STABILITA DAL PIANO (Totale mq) SUPERFICIE IMPIANTI DISPONIBILI MQ SUPERFICIE IMPIANTI DA REALIZZARE MQ 25% 500 mq 32 mq 468 mq 40% 800 mq 98 mq 702 mq funebri 5% 100 mq 40 mq 60 mq affissioni dirette, DA effettuate da soggetti 30% 600 mq DA DEFINIRE QUANTIFICARE privati TOTALE 100% mq 170 mq* mq** * va aggiunta la superficie degli impianti privati su suolo pubblico per affissioni dirette effettuate da soggetti privati, che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati. ** va aggiunta la superficie dei nuovi impianti da realizzare per affissioni dirette destinate a soggetti privati. 5

8 5. Documenti da elaborare Per i mezzi pubblicitari e gli impianti di pubblicità e propaganda Preliminarmente occorrerà individuare la quantità e la distribuzione sul territorio comunale di nuovi mezzi pubblicitari e di nuovi impianti di pubblicità e propaganda, tenendo conto di quelli esistenti che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati. Per gli impianti per le affissioni Preliminarmente occorrerà individuare: - l esatta localizzazione sul territorio comunale dei nuovi impianti per le affissioni istituzionali / sociali, commerciali e funebri, la cui ripartizione orientativa in categorie dimensionali e numero di impianti, tenuto conto di quelli attualmente disponibili, è contenuta nel Piano; - la superficie degli impianti privati per affissioni dirette (impianti privati su suolo pubblico) che risulteranno in regola con la subentrata normativa tecnica e regolarmente autorizzati, la loro ripartizione in categorie dimensionali e il loro numero; la superficie così quantificata andrà sottratta da quella destinata dal Piano ai privati per le affissioni dirette (pari a 600 mq), ottenendo in tal modo la superficie dei nuovi impianti da realizzare e destinare a soggetti privati per le affissioni dirette, di cui andrà specificata la ripartizione in categorie dimensionali e il loro numero; Relativamente ai mezzi e agli impianti pubblicitari e a quelli per le affissioni occorrerà poi procedere all elaborazione dei seguenti documenti: - Planimetria del territorio comunale, con indicazione della categoria, della tipologia, del tipo e della durata di utilizzo, delle dimensioni, del punto di installazione e della collocazione di ogni mezzo e impianto all interno del centro abitato, definendone il posizionamento per categoria di strada e per area. Tali elementi vanno riportati in una dettagliata relazione descrittiva da allegare alla planimetria. - Per ogni mezzo e impianto, una scheda specifica che ne definisca gli elementi di cui sopra, nonché le caratteristiche generali, strutturali e quelle puntuali di collocamento, oltre ad una breve descrizione del mezzo o dell impianto cui la scheda si riferisce. La planimetria, la relazione descrittiva e le schede specifiche per ogni singolo mezzo e impianto costituiscono parte integrante e sostanziale del Piano e saranno approvate con successivo provvedimento della Giunta Comunale. Tutte le attività preliminari e l elaborazione dei documenti di cui sopra dovranno avvenire a cura dei servizi competenti al rilascio delle autorizzazioni, che dovranno sottoporli alla Giunta Comunale per l approvazione, entro 240 giorni dalla data di entrata in vigore del Piano. Sono a carico degli stessi servizi tutte le procedure e le attività relative alla realizzazione ed all installazione degli impianti per le affissioni. 6

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI NORMATIVA... 2 CRITERI INFORMATORI DEL PIANO... 2 SCOPI DEL PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI... 2 INDIRIZZI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Comune di Giovinazzo

Comune di Giovinazzo Comune di Giovinazzo Assessorato al Bilancio Assessorato all Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DI PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato 2: RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Comune di Monterotondo

Comune di Monterotondo Comune di Monterotondo firma Assessore. Proposta n. 42 del 20/04/2017 Deliberazione n. del ASSESSORATO Sindaco SERVIZIO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA E PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE Proposta di deliberazione

Dettagli

COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI RENDE PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Relazione Illustrativa Norme in deroga all art. 23 del nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D. Lgs.

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO COMUNALE Diritti sulle Pubbliche Affissioni Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 29.03.2007 1 ART. 1 - SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

4. PIANO DEGLI IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE

4. PIANO DEGLI IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE Comune di Faenza Settore Territorio 4. PIANO DEGLI IMPIANTI A MESSAGGIO VARIABILE Sindaco Claudio Casadio Assessore alle Politiche del Territorio Donatella Callegari Assessore alle Politiche Finanziarie

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n... del... INDICE CAPO I CRITERI GENERALI PARTE I - PUBBLICITA ESTERNA

Dettagli

PIANO COMUNALE DELLE CESSIONI A FINI SOLIDARISTICI

PIANO COMUNALE DELLE CESSIONI A FINI SOLIDARISTICI PIANO COMUNALE DELLE CESSIONI A FINI SOLIDARISTICI (ai sensi dell articolo 29 bis e 29 ter, della l.r. 6/2010 e della delibera di Giunta Regionale n. X/5061 del 18 aprile 2016 e l allegato A Linee guida

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLE BACHECHE COMUNALI. Approvato con delibera C.C. n. 242 del

CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLE BACHECHE COMUNALI. Approvato con delibera C.C. n. 242 del CITTÀ DI IMOLA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DELLE BACHECHE COMUNALI Approvato con delibera C.C. n. 242 del 13.12.2007, esecutiva 1 INDICE Art. n. 1 pag. n. 3 Art. n. 2 pag. n. 3 Art. n. 3 pag.

Dettagli

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PRATOVECCHIO STIA PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione C.C. n. 29 del 09/08/2014 1 INDICE CAPO I NORME

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER IMPIANTI PUBBLICITARI CAPO 1

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER IMPIANTI PUBBLICITARI CAPO 1 ALLEGATO 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE PER IMPIANTI PUBBLICITARI CAPO 1 Art. 1 Impianti previsti dal piano impianti pubblicitari collocabili su proprietà privata La collocazione

Dettagli

3) Verificare la ricaduta in termini di impatto in zone a carattere ambientaleturistico.

3) Verificare la ricaduta in termini di impatto in zone a carattere ambientaleturistico. RELAZIONE TECNICA Il linguaggio pubblicitario e commerciale legato alla cartellonistica, se da una parte è da considerare come necessario e indiscusso veicolo di crescita aziendale e di promozione commerciale,

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI

Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI COMUNALI PER LE AUTORIZZAZIONI DELLE RIVENDITE NON ESCLUSIVE DI QUOTIDIANI E PERIODICI Sommario PARTE I - DEFINIZIONI... 3 Art. 1 - Richiami normativi

Dettagli

COMUNE DI MANTA. REGOLAMENTO PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del codice della strada Art. 46 del relativo regolamento di esecuzione)

COMUNE DI MANTA. REGOLAMENTO PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del codice della strada Art. 46 del relativo regolamento di esecuzione) COMUNE DI MANTA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del codice della strada Art. 46 del relativo regolamento di esecuzione) Art. 1 DEFINIZIONE DI PASSO CARRABILE Sono considerati

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con delibera CC. N 57 del 30/06/94 (CRC del 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

CITTA DI BONDENO Provincia di Ferrara Settore Finanziario Ufficio Tributi

CITTA DI BONDENO Provincia di Ferrara Settore Finanziario Ufficio Tributi CITTA DI BONDENO Provincia di Ferrara Settore Finanziario Ufficio Tributi Bollo AL COMUNE DI BONDENO UFFICIO TRIBUTI RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI PUBBLICITA, SU TENDE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Modifiche al Piano Generale degli Impianti Pubblicitari: inserimento musei ed Istituzioni culturali tra i luoghi di interesse pubblico; deroghe al Piano per dimensioni impianto; rinnovo tacito autorizzazioni

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DI INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE ATTIVITA COMMERCIALI E ARTIGIANALI UBICATE IN ZONE PRECLUSE AL TRAFFICO PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE. IL CONSIGLIO COMUNALE - Visto

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

Comune di MILANO. OGGETTO: Linee di indirizzo per l esposizione di fiori e piante e libri e stampe all esterno dei negozi.

Comune di MILANO. OGGETTO: Linee di indirizzo per l esposizione di fiori e piante e libri e stampe all esterno dei negozi. 32/49 Comune di MILANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. _1363_ DEL 04/08/2017 SETT. AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E COMMERCIO Numero proposta: 2384 OGGETTO: Linee di indirizzo per l esposizione di fiori

Dettagli

Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. 56/ Provvedimenti tariffari per l anno LA GIUNTA COMUNALE

Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. 56/ Provvedimenti tariffari per l anno LA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: nr/data Canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. 56/13.07.2015 Provvedimenti tariffari per l anno 2015. LA GIUNTA COMUNALE DATO ATTO che con deliberazione consiliare n 13 del 29/04/2015

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1002 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 97 DEL 09/09/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 1002 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 97 DEL 09/09/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 1002 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 97 DEL 09/09/2015 OGGETTO: CONCESSIONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 54 di data 22 settembre 2015.

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 54 di data 22 settembre 2015. Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 54 di data 22 settembre 2015. IL SINDACO IL SEGRETARIO COMUNALE F.to - Angelo Dalpez - F.to - dott.ssa Silvia Farina - Provincia di Trento COMUNE DI

Dettagli

REGOLAMENTO PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO PASSI CARRABILI REGOLAMENTO PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del codice della strada Art.46 del relativo regolamento di esecuzione) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE 21 APRILE 1997, N 15 Art. 1 Art.

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza della Giunta Comunale N. 185 DEL 15 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

Proposta di Deliberazione per la Giunta Municipale

Proposta di Deliberazione per la Giunta Municipale Proposta di Deliberazione per la Giunta Municipale OGGETTO: Deroghe alle distanze minime previste dall art. 51 del D.P.R. n. 495/1992 ( Regolam. di esecuzione ed att. Del CdS ) e dall art. 20 u.c. del

Dettagli

Comune di Torre del Greco REGOLAMENTO INSTALLAZIONE CHIOSCHI PER LA RIVENDITA DI GIORNALI E RIVISTE

Comune di Torre del Greco REGOLAMENTO INSTALLAZIONE CHIOSCHI PER LA RIVENDITA DI GIORNALI E RIVISTE Comune di Torre del Greco REGOLAMENTO INSTALLAZIONE CHIOSCHI PER LA RIVENDITA DI GIORNALI E RIVISTE Approvato con deliberazione del Commissario Prefettizio n.2272 del 4.10.1995. Art.1 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

COMUNE DI SOMMATINO CITTA DELLE ZOLFARE (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI SOMMATINO CITTA DELLE ZOLFARE (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI SOMMATINO CITTA DELLE ZOLFARE (Provincia di Caltanissetta) REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI ALLEGATO A ALL ATTO DI C.C. N 55 DEL 23/12/2013 Indice Articolo 1 Scopo

Dettagli

- Consiglio comunale n. 98 dell'08/09/1994 (C.R.C. n. 35645 del 26/09/1994)

- Consiglio comunale n. 98 dell'08/09/1994 (C.R.C. n. 35645 del 26/09/1994) COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA R E G O L A M E N T O C O M U N A L E PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato

Dettagli

Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati

Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati COMUNE DI NONE Provincia di Torino Regolamento d uso e mantenimento degli spazi privati di uso pubblico e dei portici e porticati Luglio 2013 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del

Dettagli

ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 296 / 2016 IL DIRIGENTE DELLA II AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO

ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 296 / 2016 IL DIRIGENTE DELLA II AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO SETTORE GIURIDICO AMM. E SEGR. DELLA 2 AREA - SERVIZIO SUAP PROPOSTA N. 1318 ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 296 / 2016 OGGETTO: RIMOZIONE CARTELLO PUBBLICITARIO IN VIA PAOLO POGGI IL DIRIGENTE DELLA II AREA

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N 125 DEL 15/10/2014 OGGETTO: ADOZIONE SCHEMA DI PIANO TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2015/2017 ED ELENCO

Dettagli

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI ORTONA. Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Repertorio generale n. 2251 COMUNE DI ORTONA Medaglia d Oro al Valore Civile PROVINCIA DI CHIETI Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 2 settembre 2014 n. 166 OGGETTO: APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONZA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI ABACO DELLE DISTANZE

COMUNE DI MONZA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI ABACO DELLE DISTANZE COMUNE DI MONZA PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Norme in deroga all'art. 23 del Nuovo Codice della Strada, D. Lgs. 30 aprile 1992 n. 285, testo aggiornato con il D.Lgs. 10 settembre 1993 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE INDICE CAPO I - FINALITÀ E CAMPO APPLICATIVO ART. 1 - Finalità ART. 2 - Ambito di applicazione CAPO II - PIANIFICAZIONE

Dettagli

DOMANDA di AUTORIZZAZIONE per L ESPOSIZIONE di MEZZI PUBBLICITARI

DOMANDA di AUTORIZZAZIONE per L ESPOSIZIONE di MEZZI PUBBLICITARI DOMANDA di AUTORIZZAZIONE per L ESPOSIZIONE di MEZZI PUBBLICITARI BOLLO insegna commerciale quadro o cartello targa su palo Spettabile COMUNE DI ALBESE CON CASSANO Sportello Unico Attività Produttive altro

Dettagli

REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio. Art. 1 Individuazione

REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio. Art. 1 Individuazione REGOLAMENTO per l utilizzo delle aree private, soggette a servitù di uso pubblico ed adibite a parcheggio Art. 1 Individuazione 1. Il presente regolamento disciplina l utilizzo di aree private con servitù

Dettagli

COMUNE DI BRUNATE Provincia di Como

COMUNE DI BRUNATE Provincia di Como COMUNE DI BRUNATE Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DEI CHIOSCHI PER ATTIVITA SOCIO-CULTURALI E PER LA VENDITA DI PRODOTTI ARTIGIANALI Allegato alla Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

DIREZIONE POLITICHE DELLE ENTRATE E TRIBUTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2011-127.0.0.-71

DIREZIONE POLITICHE DELLE ENTRATE E TRIBUTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2011-127.0.0.-71 DIREZIONE POLITICHE DELLE ENTRATE E TRIBUTI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2011-127.0.0.-71 L'anno 2011 il giorno 27 del mese di Settembre la sottoscritta Castagnacci Piera in qualita' di dirigente di

Dettagli

! " # # $ " % & ' ( ) * " + * & * *! + & +, $ - * % '. ), C - 2

!  # # $  % & ' ( ) *  + * & * *! + & +, $ - * % '. ), C - 2 COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO REGOLAMENTO D USO DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICITA O PROPAGANDA E DEGLI ALTRI MEZZI PUBBLICITARI SULLE STRADE E SULLE AREE PUBBLICHE O DI USO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DELL

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DELIBERAZIONE 20 aprile 2010. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA ModiÞ che al Regolamento recante l individuazione dei tipi di dati sensibili e giudiziari

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 351

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 351 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 351 OGGETTO: Autorizzazione di occupazione suolo pubblico per insegne di esercizio e Totem permanente in via

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO AGRICOLTURA SVILUPPO RURALE E AMBIENTALE 23 settembre

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO AGRICOLTURA SVILUPPO RURALE E AMBIENTALE 23 settembre 47182 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 111 del 29-9-2016 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO AGRICOLTURA SVILUPPO RURALE E AMBIENTALE 23 settembre 2016, n. 309 DD n. 494 del 14/10/2016

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI COMUNE di BUTTIGLIERA ALTA REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI Artt. 22, 26 e 27 D.Lgs. 30 aprile 1992, n, 285 (Codice della Strada) Art. 46 D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 (Regolamento di esecuzione)

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Amalfi G.C. Numero 110 del 03-12-2015 ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Appalto per l'affidamento in concessione della gestione del servizio per l'accertamento

Dettagli

SCHEMA ACCORDO DI VALORIZZAZIONE. ex Art. 112, comma 4, del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42. In data, presso,

SCHEMA ACCORDO DI VALORIZZAZIONE. ex Art. 112, comma 4, del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42. In data, presso, ALLEGATO D SCHEMA ACCORDO DI VALORIZZAZIONE ex Art. 112, comma 4, del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 In data, presso, il Ministero per i beni e le attività culturali, Direzione regionale per i beni culturali

Dettagli

INSEGNE DI ESERCIZIO (ART. 82/V)

INSEGNE DI ESERCIZIO (ART. 82/V) INSEGNE DI ESERCIZIO (ART. 82/V) NORMA GENERALE Si definisce insegna di esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore II Responsabile: Dessi Mauro DETERMINAZIONE N. 1362 in data 16/12/2015 OGGETTO: LIQUIDAZIONE CONTRIBUTO STRAORDINARIO AL CIRCOLO TENNIS DI DECIMOMANNU C O P I A

Dettagli

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 63 del In vigore dal

Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 63 del In vigore dal Regolamento per l attuazione di interventi a sostegno delle attività commerciali e artigianali ubicate in zone precluse al traffico per la realizzazione di opere pubbliche Approvato con deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO BACHECHE ESPOSTE SU TERRITORIO DEL COMUNE DI RADICONDOLI.

REGOLAMENTO BACHECHE ESPOSTE SU TERRITORIO DEL COMUNE DI RADICONDOLI. REGOLAMENTO BACHECHE ESPOSTE SU TERRITORIO DEL COMUNE DI RADICONDOLI. TITOLO I FONDAMENTO NORMATIVO ART. 1 1. Il presente Regolamento Comunale disciplina in maniera specifica e dettagliata l affissione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DELLA LICENZA DI PASSO CARRAIO

REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DELLA LICENZA DI PASSO CARRAIO REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DELLA LICENZA DI PASSO CARRAIO Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 54 del 10 maggio 1991 TITOLO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 23/02/2016 n. 24. Oggetto: Iniziative promozionali Festa della cioccolata edizione 2016

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 23/02/2016 n. 24. Oggetto: Iniziative promozionali Festa della cioccolata edizione 2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 23/02/2016 n. 24 Oggetto: Iniziative promozionali Festa della cioccolata edizione 2016 COPIA L'anno duemilasedici (2016), Il giorno 23/2/2016 alle ore 15:00

Dettagli

Per RICHIEDERE. Per COMUNICARE

Per RICHIEDERE. Per COMUNICARE A che cosa serve Il modulo EA40 serve per richiedere il rilascio di concessione di occupazione di suolo pubblico per motivi diversi dai cantieri stradali e precisamente: Per RICHIEDERE - UN NUOVO PLATEATICO

Dettagli

AVENTE DIMENSIONI (ML x ML ) dal giorno : al (per giorni )

AVENTE DIMENSIONI (ML x ML ) dal giorno : al (per giorni ) COPIA ATTI DA NOTIFICARE MARCA DA BOLLO DA 16,00 1 SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO PROT. N DEL Al Comune di Selargius Area 5 Servizio Edilizia Privata Piazza Istria, 1-09047 Selargius (CA) OGGETTO: OCCUPAZIONE

Dettagli

COMUNE DI POMEZIA Città metropolitana di Roma Capitale

COMUNE DI POMEZIA Città metropolitana di Roma Capitale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 34 DEL 16/02/2017 Responsabile del Procedimento: Testi Patrizia Dirigente competente: Carla Mariani OGGETTO: CONCESSIONE PATROCINIO NON ONEROSO PER LA MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 38 Data 26/10/2015 OGGETTO: Approvazione Piano Generale degli Impianti Pubblicitari. L anno 2015 il giorno 26 del

Dettagli

Prvicia di Padva OGGETTO: ESPOSIZIONI PERMANENTI PUBBLICITARIE. Il sottoscritto: Cognome(1). Nome.. nato a prov.. il

Prvicia di Padva OGGETTO: ESPOSIZIONI PERMANENTI PUBBLICITARIE. Il sottoscritto: Cognome(1). Nome.. nato a prov.. il CUE DI B V E T A Prvicia di Padva URBAISTICA EDIIIA PRIVATA urbaistica@cuebvetapdit Marca da bollo 16,00 al Responsabile dell Area Edilizia Privata-Urbanistica Via Mazzini 17 35024 BOVOLENTA OGGETTO: ESPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CARDITO PIAZZA GARIBALDI CARDITO (NA) C.F P.IVA BILANCIO DI PREVISIONE Parte Prima ENTRATE Esercizio 2011

COMUNE DI CARDITO PIAZZA GARIBALDI CARDITO (NA) C.F P.IVA BILANCIO DI PREVISIONE Parte Prima ENTRATE Esercizio 2011 COMUNE DI CARDITO PIAZZA GARIBALDI 80024 CARDITO (NA) C.F. 80103860633 P.IVA 03128441213 BILANCIO DI PREVISIONE Parte Prima ENTRATE Esercizio 2011 COMUNE DI CARDITO BILANCIO DI PREVISIONE ESERCIZIO 2011

Dettagli

CITTA DI MARIANO COMENSE Provincia di Como RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MATERIALE PUBBLICITARIO

CITTA DI MARIANO COMENSE Provincia di Como RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MATERIALE PUBBLICITARIO CITTA DI MARIANO COMENSE Provincia di Como N AL SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER INSTALLAZIONE DI MATERIALE PUBBLICITARIO _l_ sottoscritt_.., in qualità di legale rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA, TRASFERIMENTO ED AMPLIAMENTO DELLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE. che l istituzione del mercatino ha avuto formale riconoscimento dalla Regione Veneto con decreto G.R. n. 86 del

LA GIUNTA MUNICIPALE. che l istituzione del mercatino ha avuto formale riconoscimento dalla Regione Veneto con decreto G.R. n. 86 del Delibera di G.M. n. 9 del 26/01/2006 avente ad oggetto: Affidamento mediante convenzione della gestione del mercatino dell antiquariato e del collezionismo alla Pro Loco di Occhiobello-S.M.Maddalena per

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Punto n. 3 Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE - gli articoli 170 e 171 del citato D.Lgs. prescrivono che gli enti locali devono predisporre il Bilancio annuale di previsione, la Relazione previsionale

Dettagli

A U T O R I Z Z A Z I O N E O C C U P A Z I O N E T E M P O R A N E A S U O L O P U B B L I C O N 3 4 D E L 1 2 A P R I L E

A U T O R I Z Z A Z I O N E O C C U P A Z I O N E T E M P O R A N E A S U O L O P U B B L I C O N 3 4 D E L 1 2 A P R I L E MARCA ASSOLTA N. 01152152261174 DEL 14.02.2017. 16,00 UNIONE DEI COMUNI ELIMO ERICINI (Comuni di: Buseto Palizzolo, Custonaci, Città di Erice, Paceco, San Vito lo Capo, Valderice) S. U. A. P. ***********

Dettagli

COMUNE DI BERRA Provincia Di Ferrara

COMUNE DI BERRA Provincia Di Ferrara COPIA COMUNE DI BERRA Provincia Di Ferrara DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Delibera N. 58 del 19-07-2013 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FISSI PER PER TELEFONIA MOBILE SU AREE PUBBLICHE. CONVENZIONE

Dettagli

GENERALITA RICHIEDENTE PROVINCIA C.A.P. INDIRIZZO N. TELEFONO FAX CODICE FISCALE P.IVA. della DITTA N. TELEFONO FAX E MAIL

GENERALITA RICHIEDENTE PROVINCIA C.A.P. INDIRIZZO N. TELEFONO FAX CODICE FISCALE P.IVA. della DITTA N. TELEFONO FAX E MAIL Comune di San Giuseppe Vesuviano Provincia di Napoli C.A.P. 80047 Piazza Elena d Aosta, 1 Codice Fiscale 84002990632 P.IVA 01549271219 Marca da bollo 14,62 Al Responsabile del Servizio Gestione del territorio,

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA DETERMINAZIONE N 565 DEL 02/09/2015 IL DIRIGENTE Premesso che la Provincia di Vicenza è proprietaria di un relitto stradale della lunghezza di circa 90 ml per una superficie di circa 400mq sito in fregio

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE. DETERMINAZIONE POL / 45 Del 24/04/2017

POLIZIA MUNICIPALE. DETERMINAZIONE POL / 45 Del 24/04/2017 POLIZIA MUNICIPALE DETERMINAZIONE POL / 45 Del 24/04/2017 OGGETTO: GARA PER L'APPROVVIGIONAMENTO DELLA MASSA VESTIARIO PER IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE. DETERMINA A CONTRARRE. Documento prodotto in originale

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 11

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 11 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 11 OGGETTO: Trasformazione di dehors temporaneo in permanente in Via del Porto, 83. Richiedente Sig. PALAZZOTTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO

REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO COMUNE di VERGIATE (Provincia di Varese) - Servizio attività economico-produttive e comunicazione esterna - REGOLAMENTO COMUNALE FESTA DI SAN MARTINO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Domanda di Autorizzazione per l installazione di Mezzo/i Pubblicitario/i

Domanda di Autorizzazione per l installazione di Mezzo/i Pubblicitario/i SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Comune di Lomazzo SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO P.zza A. Volta, 2 22074 - LOMAZZO (CO) Domanda di Autorizzazione per l installazione di Mezzo/i Pubblicitario/i

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BOCCI, GINOBLE, GRASSI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 602 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BOCCI, GINOBLE, GRASSI Disposizioni per la riqualificazione e la rivitalizzazione dei centri

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE DI PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Premessa La partecipazione della cittadinanza alle scelte di pianificazione urbanistica rappresenta un elemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Comune di Modena Settore Promozione dello sviluppo e innovazione economica REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 11/2/1985 e modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi

COMUNE DI ARBA. Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi COMUNE DI ARBA Regolamento comunale per l apertura e la gestione di sale giochi Adottato con deliberazione consiliare n. 9 del 28.04.2010 1 Articolo 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù /065 Servizio Arti Visive, Cinema, Teatro GP 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù /065 Servizio Arti Visive, Cinema, Teatro GP 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2016 04922/065 Servizio Arti Visive, Cinema, Teatro GP 3 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 3 novembre 2016 Convocata la Giunta presieduta dalla

Dettagli

Comune di Cingoli. Balcone delle Marche. tel fax

Comune di Cingoli. Balcone delle Marche. tel fax REGOLAMENTO PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PUBBLICHE ART. 1 DENOMINAZIONE DEI MERCATI E DELLE FIERE Nell'ambito delle classificazioni del commercio su aree pubbliche operate dall'articolo 20 della

Dettagli

COMUNE DI VAIANO REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI PROVINCIA DI PRATO

COMUNE DI VAIANO REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI PROVINCIA DI PRATO COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO REGOLAMENTO COMUNALE PASSI CARRABILI Approvato con D.C.C. n.39 del 29/09/2006 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo carrabile. Art.

Dettagli

VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.)

VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) DIVISIONE URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA DIREZIONE URBANISTICA SETTORE TRASFORMAZIONI URBANE VIA MEUCCI N 4 VARIANTE PARZIALE N. 216 AL P.R.G. (AI SENSI DELL'ART. 17, COMMA 7 DELLA L.U.R.) TESTO COORDINATO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; Visto l articolo 4 della legge 7 agosto 2015, n. 124; Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n.

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore Sviluppo del Territorio Attivita Produttive, Suap e Agricoltura

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore Sviluppo del Territorio Attivita Produttive, Suap e Agricoltura Comuni de Aristanis Piazza Eleonora d Arborea n 44, 09170 www.comune.oristano.it DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Settore Sviluppo del Territorio Attivita Produttive, Suap e Agricoltura COPIA REGISTRO GENERALE

Dettagli

Copia di deliberazione della Giunta Comunale

Copia di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAN FELICE CIRCEO PROVINCIA DI LATINA Copia di deliberazione della Giunta Comunale N. 39 Del 16-03-2015 OGGETTO: DESTINAZIONE PROVENTI CONCESSIONI EDILIZIE E SANZIONI DI CUI AL DPR 380/2001 ANNO

Dettagli

COMUNE DI CAMISANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI CAMISANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI CAMISANO VICENTINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI STRUTTURE TEMPORANEE A SERVIZIO DI ATTIVITA PRODUTTIVE O AGRICOLE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

ALLEGATO 2.C. Modulo per la richiesta di Manomissione suolo pubblico per interventi superiori ai 10 mq (nuova posa, rinnovo, proroga, variante).

ALLEGATO 2.C. Modulo per la richiesta di Manomissione suolo pubblico per interventi superiori ai 10 mq (nuova posa, rinnovo, proroga, variante). ALLEGATO 2.C. Modulo per la richiesta di Manomissione suolo pubblico per interventi superiori ai 10 mq (nuova posa, rinnovo, proroga, variante). AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI MILANO DIREZIONE CENTRALE

Dettagli

OGGETTO: Canone per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche. Determinazione tariffe. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: Canone per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche. Determinazione tariffe. LA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Canone per l Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche. Determinazione tariffe. LA GIUNTA COMUNALE VISTO: - il D.Lgs. 507/1993, Capo II, contenente la disciplina della Tassa sull Occupazione di Spazi

Dettagli

Prefettura di Forli -Cesena

Prefettura di Forli -Cesena PROT. 46/07/AREA III VISTO il decreto prefettizio prot. n. 46/07/AREA III adottato in data 11/10/2007 con il quale sono stati individuati, ai sensi dell art. 4 del Decreto Legge 20 giugno 2002 n. 121 coordinato

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013

REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 Codice DB2016 D.D. 23 settembre 2013, n. 730 Definizione delle modalita' per la presentazione delle istanze di autorizzazione ex art. 8 ter d.lgs. 502/92 e s.m.i. da parte

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA COMUNE DI PISA apple apple Allo Sportello unico dell Edilizia Allo Sportello unico delle Attività Produttive AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA ai sensi dell art. 152 della LRT 10 Novembre 2014 n 65 Dati relativi

Dettagli

Comune di Budrio Bologna

Comune di Budrio Bologna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 36 del 19/04/2017 OGGETTO: ISTITUZIONE IN VIA SPERIMENTALE DI N. 1 POSTEGGIO ISOLATO PER IL COMMERCIO E LA SOMMINISTRAZIONE SU AREE PUBBLICHE NELLA

Dettagli

PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA

PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA CITTA DI ASTI PROPOSTA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 in data 31/10/2016 PROSPETTO DELLE PRESENZE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA Nome e cognome Carica Presente Fabrizio BRIGNOLO SINDACO SI Davide ARRI ASSESSORE

Dettagli

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TRANI PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI E DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ELABORATO RELAZIONE ILLUSTRATIVA progettista: Arch. GIUSEPPE AGOSTINI GST GPP 52C18 H413F RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

SETTORE PATRIMONIO CULTURALE, SITI UNESCO, ARTE CONTEMPORANEA, MEMORIA PIANEA ELENA

SETTORE PATRIMONIO CULTURALE, SITI UNESCO, ARTE CONTEMPORANEA, MEMORIA PIANEA ELENA REGIONE TOSCANA DIREZIONE CULTURA E RICERCA SETTORE PATRIMONIO CULTURALE, SITI UNESCO, ARTE CONTEMPORANEA, MEMORIA Il Dirigente Responsabile: PIANEA ELENA Decreto soggetto a controllo di regolarità amministrativa

Dettagli

Determinazione Dirigenziale

Determinazione Dirigenziale DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO ATTIVITA' PRODUTTIVE E AGRICOLTURA U.O. Programmazione e coordinamento iniziative di promozione economico-territoriale - Promozione settore moda UFFICIO GIURIDICO AMMINISTRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE RICOGNITORIO SUI PASSI CARRABILI, ACCESSI E DIRAMAZIONI STRADALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE RICOGNITORIO SUI PASSI CARRABILI, ACCESSI E DIRAMAZIONI STRADALI COMUNE DI REANA DEL ROJALE P R O V I N C I A D I U D I N E C/C postale n 11336336 Part. IVA n 00466880309 www.comune.reanadelrojale.ud.it REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE RICOGNITORIO SUI PASSI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del n. 72. Rinnovo concessione suolo pubblico per somministrazione Schiavone Elisa

VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del n. 72. Rinnovo concessione suolo pubblico per somministrazione Schiavone Elisa VERBALE DI DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE del 03-05-2011 n. 72 COPIA Oggetto: Rinnovo concessione suolo pubblico per somministrazione Schiavone Elisa L anno Duemilaundici (2011), il giorno Tre (3) del mese

Dettagli

IL DIRIGENTE AVVISA. i criteri per la formazione della graduatoria saranno i seguenti:

IL DIRIGENTE AVVISA. i criteri per la formazione della graduatoria saranno i seguenti: SETTORE 4 Attività Economiche ed Edilizia U.O. 4. 1Attività Economiche AVVISO PUBBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI ESTERNI DEL FORO BOARIO AL FINE DI GESTIRE E ORGANIZZARE I MERCATINI PER LA VENDITA NON

Dettagli

C O M U N E DI LIMANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BACHECHE DI PROPRIETA COMUNALE

C O M U N E DI LIMANA REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BACHECHE DI PROPRIETA COMUNALE C O M U N E DI LIMANA Allegato sub. 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLE BACHECHE DI PROPRIETA COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 20/06//2016 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

Cognome e nome codice fiscale Comune o stato estero di nascita Data di nascita cittadinanza sesso

Cognome e nome codice fiscale Comune o stato estero di nascita Data di nascita cittadinanza sesso Marca da bollo 16,00 Al SETTORE PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO Servizio Demanio e Occupazione suolo pubblico COMUNE DI PESCARA DOMANDA RELATIVA ALL AUTORIZZAZIONE / PROROGA DI OCCUPAZIONE TEMPORANEA DI

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 550 DEL 14/04/2017 I Settore - AAGG, Controlli, Programmazione Economico-Finanziaria Personale e Contenzioso (Provincia BAT) N. 168 Reg.

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV

COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV DECRETO LEGISLATIVO 15 NOVEMBRE 1993, n. 507 INDICE SISTEMATICO Titolo I DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA E DELLE AFFISSIONI Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli