Relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2007"

Transcript

1 Relazione semestrale consolidata al 30 giugno 2007

2 Il 1 aprile 2007 è divenuta efficace la fusione per incorporazione di Banca Lombarda e Piemontese Spa in Banche Popolari Unite Scpa che ha dato origine al nuovo Gruppo Bancario UBI Banca. La presente Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2007 costituisce pertanto la prima informativa contabile obbligatoria prodotta.

3 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2007 Società cooperativa per azioni Sede Legale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Sedi Operative: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8; Brescia, Via Cefalonia 74 Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia Codice Fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro delle Imprese di Bergamo n ABI Albo delle Banche n Albo dei Gruppi Bancari n Capogruppo del Gruppo Bancario Unione di Banche Italiane Capitale sociale al 30 giugno 2007: Euro ,00 i.v.

4

5 Indice Cariche Sociali, Direzione Generale e Società di Revisione...pag. 3 Il rating...pag. 4 LINEE STRATEGICHE DI SVILUPPO Il processo di aggregazione...pag. 8 La configurazione organizzativa di UBI Banca...pag. 9 Il Piano Industriale di Integrazione pag. 11 NOTE INFORMATIVE E COMMENTI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE CONSOLIDATA NEL PRIMO SEMESTRE 2007 Gruppo UBI Banca: principali partecipazioni al 30 giugno pag. 22 L area di consolidamento...pag. 24 Prospetti consolidati riclassificati e prospetti di raccordo...pag Note esplicative alla redazione dei prospetti...pag Stato patrimoniale consolidato riclassificato...pag Conto economico consolidato riclassificato...pag Evoluzione trimestrale del conto economico consolidato riclassificato...pag Conto economico consolidato riclassificato al netto delle più significative componenti non ricorrenti...pag Prospetti di raccordo...pag. 37 Principali dati e indicatori...pag. 39 Lo scenario di riferimento...pag. 40 Articolazione territoriale del Gruppo Unione di Banche Italiane...pag. 43 La struttura distributiva...pag. 44 Le risorse umane del Gruppo...pag. 51 Il sistema dei controlli interni...pag. 58 Informazioni sui rischi e sulle politiche di copertura...pag. 59 L intermediazione con la clientela...pag La raccolta diretta...pag La raccolta indiretta e il risparmio gestito...pag Gli impieghi...pag. 74 L attività sul mercato interbancario...pag. 78 L attività finanziaria...pag. 80 Le attività materiali e immateriali...pag. 87 Le attività/passività non correnti in via di dismissione...pag. 89 I fondi per rischi ed oneri...pag. 90 Il conto economico...pag. 91 Il patrimonio netto e l adeguatezza patrimoniale...pag. 99 Informazioni relative al capitale, al titolo azionario, ai dividendi pagati e all utile per azione...pag. 104 Dati riferibili alle principali Società del Gruppo...pag. 108 Risultati consolidati per settori di attività...pag. 112 L andamento delle principali Banche consolidate...pag Banca Popolare di Bergamo Spa...pag Banco di Brescia Spa...pag Banca Popolare Commercio e Industria Spa...pag Banca Regionale Europea Spa...pag Banca Popolare di Ancona Spa...pag Banca Carime Spa...pag

6 - Centrobanca Spa...pag Spa...pag IW Bank Spa...pag. 131 Operatività con parti correlate...pag. 133 Altre informazioni...pag. 140 Fatti di rilievo successivi al 30 giugno pag. 144 Prevedibile evoluzione della gestione consolidata...pag. 145 SCHEMI DEL BILANCIO CONSOLIDATO INTERMEDIO AL 30 GIUGNO 2007 E RELATIVE NOTE DI COMMENTO Criteri di redazione...pag. 148 Schemi del bilancio consolidato intermedio al 30 giugno pag Stato patrimoniale consolidato...pag Conto economico consolidato...pag Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato al 30 giugno pag Prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato al 30 giugno pag Rendiconto finanziario consolidato...pag Tabelle esplicative...pag. 163 RELAZIONE DELLA SOCIETA DI REVISIONE...pag. 169 DICHIARAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI...pag. 173 INFORMATIVA SULL ANDAMENTO DELLA CAPOGRUPPO UBI BANCA SCPA NEL PRIMO SEMESTRE 2007 Prospetti riclassificati...pag. 176 L andamento nel periodo...pag. 179 Schemi del bilancio intermedio dell impresa al 30 giugno pag Stato patrimoniale...pag Conto economico...pag Prospetto delle variazioni del patrimonio netto al 30 giugno pag Prospetto delle variazioni del patrimonio netto al 30 giugno pag Rendiconto finanziario...pag. 187 Prospetto delle partecipazioni rilevanti in società non quotate al 30 giugno pag. 189 Poteri degli organi societari e deleghe loro attribuite...pag. 193 CALENDARIO DEGLI EVENTI SOCIETARI DEL pag. 198 CONTATTI...pag. 198 GLOSSARIO...pag. 199 ARTICOLAZIONE TERRITORIALE Legenda Nelle tavole sono utilizzati i seguenti segni convenzionali: - linea (-): quando il fenomeno non esiste; - non significativo (n.s.): quando i dati non raggiungono la cifra rappresentativa dell ordine minimo considerato ovvero risultano comunque non significativi; - non disponibile (n.d.): quando il dato non è disponibile. Gli importi, ove non diversamente indicato, sono espressi in migliaia di euro. 2

7 Unione di Banche Italiane Scpa UBI Banca Cariche Sociali, Direzione Generale e Società di Revisione Presidente Onorario Consiglio di Sorveglianza Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Vice Presidente Giuseppe Vigorelli Gino Trombi Giuseppe Calvi Alberto Folonari Mario Mazzoleni Giovanni Bazoli Luigi Bellini Mario Cattaneo Paolo Ferro-Luzzi Virginio Fidanza Enio Fontana Carlo Garavaglia Pietro Gussalli Beretta Giuseppe Lucchini Italo Lucchini Federico Manzoni Andrea Moltrasio Toti S. Musumeci Sergio Orlandi Alessandro Pedersoli Giorgio Perolari Sergio Pivato Roberto Sestini Romain Zaleski Consiglio di Gestione Presidente Vice Presidente Consigliere Delegato Emilio Zanetti Corrado Faissola Giampiero Auletta Armenise Piero Bertolotto Mario Boselli Giuseppe Camadini Mario Cera Giorgio Frigeri Alfredo Gusmini Flavio Pizzini Direzione Generale Direttore Generale Condirettore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Vice Direttore Generale Victor Massiah Graziano Caldiani Francesco Iorio Rossella Leidi Ettore Medda Renzo Parisotto Pierangelo Rigamonti Elvio Sonnino Gian Cesare Toffetti Dirigente preposto ex art. 154 bis T.U.F. Società di Revisione Elisabetta Stegher KPMG Spa 3 Gruppo UBI Banca

8 Il rating Una volta divenuta efficace, il 1 aprile 2007, la fusione per incorporazione di Banca Lombarda in BPU Banca, con conseguente assunzione, da parte di quest ultima della nuova denominazione Unione di Banche Italiane Scpa UBI Banca, a partire dal 2 aprile le società di rating STANDARD & POOR S, MOODY S e FITCH RATINGS hanno ufficializzato la cancellazione dei rating assegnati a Banca Lombarda e il trasferimento in capo a UBI Banca dei rating precedentemente in essere per BPU Banca 1. Contestualmente a ciò Fitch Ratings in considerazione dell accresciuta importanza relativa del nuovo Gruppo all interno del sistema bancario italiano ha operato un parziale upgrading, innalzando il Support Rating da 3 a 2, il Support Rating Floor 2 da BB+ a BBB e portando l Outlook relativo all Issuer Default Rating da Stabile a Positivo. Quest ultimo, secondo l Agenzia, riflette le favorevoli prospettive per UBI Banca di un ulteriore rafforzamento delle performance nonché di mantenimento della solidità patrimoniale e della buona qualità degli attivi. Il 13 aprile 2007 Moody s ha pubblicato i nuovi rating per le banche italiane derivanti dall affinamento della Joint Default Analysis (JDA) e dall aggiornamento delle metodologie di valutazione del Bank Financial Strength Rating (BFSR). In particolare, quest ultimo considera ora la solidità finanziaria intrinseca di una banca, senza tenere conto dell eventuale probabilità di interventi esterni di supporto, che concorrono invece alla determinazione del rating sui debiti e depositi a lungo termine. Conseguentemente il rating sui debiti e depositi a lungo termine di UBI Banca è migliorato da A2 ad A1 mentre l Outlook relativo è diventato positivo (in precedenza Stabile). Il rating sulla solidità finanziaria intrinseca della Banca è passato da C+ a C con Outlook Stabile. I rating assegnati a UBI Banca sono riepilogati nelle tabelle che seguono. STANDARD & POOR S Short-term Counterparty Credit Rating (i) A-1 Long-term Counterparty Credit Rating (ii) A Outlook Positive GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured debt A Short-term debt A-1 Subordinated debt A- Preference shares BBB+ Tier III subordinated debt BBB+ (i) (ii) Capacità di ripagare il debito con durata inferiore ad 1 anno (A-1: miglior rating D: peggior rating) Con riferimento a debiti di durata superiore ad 1 anno, indica la capacità di pagamento degli interessi e del capitale, unitamente ad una eventuale sensibilità agli effetti sfavorevoli di cambiamento di circostanze o al mutamento delle condizioni economiche (AAA: miglior rating D: peggior rating) 1 Si ricorda che il 5 marzo 2007, a margine delle Assemblee Straordinarie di BPU Banca e di Banca Lombarda che avevano approvato l operazione di aggregazione, Standard & Poor s aveva innalzato i rating di lungo periodo da A- ad A e di breve periodo da A-2 ad A-1, mantenendo l Outlook Positivo. Secondo l Agenzia, l intervento ha trovato giustificazione nel rafforzamento della redditività e della base patrimoniale avvenuti nel corso dell ultimo biennio, in presenza di una qualità del credito elevata; ha inoltre tenuto conto dei benefici derivanti dalla creazione del nuovo Gruppo UBI Banca, riconosciuto importante player nel mercato domestico, con quote di mercato significative in Lombardia ed un profilo finanziario di partenza caratterizzato da una buona redditività operativa e da un costo del rischio contenuto. 2 Si ricorda che il 16 marzo 2007 Fitch Ratings aveva reso noti i Support Rating Floor per tutte le istituzioni finanziarie che sono oggetto di valutazione da parte della Società. Trattasi di un elemento informativo accessorio, strettamente correlato al Support Rating, che aumenta il livello di trasparenza nella metodologia di assegnazione dei rating in quanto identifica, per ogni livello del Support Rating, il livello minimo che, in caso di eventi negativi, potrebbe raggiungere l Issuer Default Rating. Per BPU Banca il Support Rating Floor identificato era pari a BB+. 4 Gruppo UBI Banca

9 MOODY'S Long-term debt and deposit rating (I) A1 Short-term debt and deposit rating (II) Prime-1 Bank Financial Strength Rating (III) C Outlook (deposit ratings) Positive Outlook (Bank Financial Strength Rating) Stable GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior unsecured LT A1 Senior unsecured ST P-1 Upper/Lower Tier II subordinated A2 Tier III subordinated A2 Preference shares (ex BPB-CV e Banca Lombarda) A3 (I) (II) (III) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a lungo termine (scadenza pari o superiore a 1 anno). Attraverso la metodologia JDA (Joint Default Analysis) questo rating associa alla solidità finanziaria intrinseca (Bank Financial Strength Rating) la valutazione circa le probabilità di intervento, in caso di necessità, da parte di un supporto esterno (azionisti, gruppo di appartenenza o istituzioni ufficiali) (Aaa: prima qualità Baa3 qualità media) Capacità di rimborso del debito in valuta locale a breve termine (scadenza inferiore a 1 anno) (Prime -1: massima qualità Not Prime: grado speculativo) Questo rating non si riferisce alla capacità di rimborso del debito, ma prende in considerazione la solidità finanziaria intrinseca della banca (attraverso l analisi di fattori quali l articolazione territoriale, la diversificazione dell attività, i fondamentali finanziari), in assenza di supporti esterni (A: miglior rating E: peggior rating) FITCH RATINGS International Short-term Credit Rating (1) F1 Issuer Default Rating (2) A Bank Individual Rating (3) B/C Support Rating (4) 2 Support Rating Floor (5) BBB Outlook on Issuer Default Rating Positive GIUDIZI SULLE EMISSIONI Senior debt A Upper/Lower Tier II subordinated A- Preference shares (ex BPCI) A- Tier III subordinated debt BBB+ (1) Capacità di rimborso del debito nel breve termine (durata inferiore ai 13 mesi) (F1: miglior rating D: peggior rating) (2) Capacità di fronteggiare puntualmente gli impegni finanziari nel lungo termine indipendentemente dalla scadenza delle singole obbligazioni. Questo rating è un indicatore della probabilità di default dell emittente (AAA: miglior rating D: peggior rating) (3) Valutazione della solidità intrinseca della banca (redditività, equilibrio di bilancio, capacità del management, contesto operativo, rete commerciale), vista nell ipotesi in cui la stessa non possa fare affidamento su forme di sostegno esterno (eventuale intervento di un prestatore di ultima istanza, supporto degli azionisti, ecc.) (A: miglior rating - E: peggior rating) (4) Giudizio sull eventuale probabilità, adeguatezza e tempestività di un intervento esterno (da parte dello Stato o di azionisti istituzionali di riferimento) nel caso la banca si trovasse in difficoltà (1: miglior rating 5: peggior rating) (5) Questo rating costituisce un elemento informativo accessorio, strettamente correlato al Support Rating, in quanto identifica, per ogni livello del Support Rating, il livello minimo che, in caso di eventi negativi, potrebbe raggiungere l Issuer Default Rating. 5 Gruppo UBI Banca

10 6 Gruppo UBI Banca

11 LINEE STRATEGICHE DI SVILUPPO

12 Il processo di aggregazione fra il Gruppo BPU Banca e il Gruppo Banca Lombarda e Piemontese Come già illustrato nell informativa di bilancio e nella Relazione Trimestrale al 1 marzo 2007 alle quali si rimanda nella prima parte dell anno si sono concretizzate tutte le principali tappe che hanno portato alla nascita, il 1 aprile 2007, del nuovo Gruppo UBI Banca, qui di seguito sintetizzate: a) sulla base dell autorizzazione rilasciata da Banca d Italia in data 26 gennaio, il 3 marzo 2007 le Assemblee Straordinarie delle due Capogruppo hanno approvato a larghissima maggioranza il progetto di fusione. L Assemblea dei Soci di BPU Banca, tra l altro, ha deliberato in sede straordinaria l aumento di capitale al servizio del concambio, la nuova denominazione di Unione di Banche Italiane Scpa e il nuovo testo di Statuto con l adozione di un sistema di amministrazione e controllo di tipo dualistico, mentre in sede ordinaria ha nominato il primo Consiglio di Sorveglianza di UBI Banca per il triennio , determinandone il relativo compenso, ed ha designato Gino Trombi alla carica di Presidente e Giuseppe Calvi quale Vice Presidente Vicario; b) il 28 marzo è stato stipulato l atto di fusione per incorporazione di Banca Lombarda e Piemontese Spa in Banche Popolari Unite Scpa, depositato presso i Registri delle Imprese di Bergamo e Brescia il successivo 29 marzo, con iscrizione in pari data e decorrenza degli effetti giuridici dal 1 aprile; c) il 2 aprile si è riunito per la prima volta il Consiglio di Sorveglianza eletto dall Assemblea del 3 marzo che ha proceduto alla costituzione, al proprio interno, dei Comitati previsti dallo Statuto, alla nomina dei Vice Presidenti, alla determinazione dei compensi per i componenti cui siano attribuite cariche, poteri o funzioni, alla nomina dei componenti del Consiglio di Gestione e delle relative cariche di Presidente e Vice Presidente, rispettivamente assegnate ad Emilio Zanetti e a Corrado Faissola, proponendo Giampiero Auletta Armenise quale Consigliere Delegato. Nella medesima giornata si è riunito per la prima volta anche il Consiglio di Gestione, designato dal Consiglio di Sorveglianza, che ha ufficializzato le nomine del Consigliere Delegato, del Direttore Generale e del Condirettore Generale identificando ed assegnando ai Vice Direttori Generali le principali macroaree di responsabilità; d) il 13 aprile l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, a chiusura del procedimento avviato il 6 febbraio, ha comunicato la propria autorizzazione condizionata alla fusione per incorporazione di Banca Lombarda e Piemontese in BPU Banca, accettando e rendendo vincolanti gli impegni assunti dalle parti. In particolare al nuovo Gruppo UBI Banca è stata imposta la cessione, nelle province di Brescia e Bergamo, di un numero di sportelli sufficiente a riportare la quota di mercato locale entro la soglia del 35 per cento, con obbligo di stipula dei contratti di cessione con soggetti terzi indipendenti e non azionisti e vendita entro 10 mesi dalla data del provvedimento dell Antitrust. L Autorità ha inoltre posto a UBI Banca divieti finalizzati ad evitare che i legami strutturali di UBI Banca con il Gruppo Intesa Sanpaolo determinino un reale e concreto rischio di affievolimento della tensione competitiva tra i due Gruppi bancari; e) il 5 maggio si sono svolte, in seconda convocazione, le Assemblee ordinarie di UBI Banca per: - l approvazione dei bilanci d esercizio al 31 dicembre 2006 di BPU Banca Scpa e di Banca Lombarda e Piemontese Spa; - l approvazione del dividendo unitario di 0,80 euro per ciascuna delle azioni UBI Banca in circolazione, ivi comprese quelle emesse a servizio della fusione; - il rinnovo al Consiglio di Gestione del mandato ad operare in azioni proprie; - la proroga al triennio dell incarico di revisione contabile dei bilanci e di revisione contabile limitata delle Relazioni semestrali; 8 Gruppo UBI Banca

13 - la nomina di Giovanni Bazoli e di Alberto Folonari a Consiglieri di Sorveglianza, in sostituzione dei dimissionari Franco Polotti e Pierfrancesco Rampinelli Rota; f) il 22 maggio è avvenuta la comunicazione dell integrale sottoscrizione del diritto di opzione relativo alle n. 29 azioni UBI Banca per le quali era stato esercitato il diritto di recesso da parte di un azionista di Banca Lombarda e Piemontese Spa (per un totale di 35 azioni ex Banca Lombarda); g) il 15 giugno 2007 il Consiglio di Sorveglianza ha approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione , così come proposto, pure all unanimità, dal Consiglio di Gestione. La configurazione organizzativa di UBI Banca Il Gruppo UBI Banca ha mantenuto un modello organizzativo federale, polifunzionale e integrato, realizzando così un disegno imprenditoriale unitario che salvaguarda le identità dei marchi e le autonomie locali, coniugandole con i vantaggi di una dimensione multiregionale complessivamente più coerente con l evoluzione del mercato globale. In esso le Banche Rete federate, focalizzate per mercato geografico dove possono vantare un forte radicamento sul territorio e responsabili della gestione della relazione con la clientela, operano coadiuvate e supportate da Fabbriche Prodotto specializzate, in grado di fornire prodotti/servizi altamente competitivi, e da una Capogruppo con compiti: di indirizzo e controllo strategico, di coordinamento commerciale (attraverso il presidio sia dei mercati sia dei segmenti di clientela), di monitoraggio dei rischi, nonché di fornitura, direttamente o attraverso società controllate, di servizi comuni accentrati. Di seguito si riporta la struttura organizzativa adottata da UBI Banca: 9 Gruppo UBI Banca

14 Essa risulta articolata in: - Macroaree con il compito di sovrintendere e presidiare le Aree e i Servizi, assicurandone il coordinamento; - Aree con il compito di governare e controllare le unità organizzative sottostanti al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi in termini di efficacia ed efficienza economica; - Servizi, dipendenti dalle Aree, con il compito di curare le attività di propria competenza; - Staff con il compito di supportare il Consigliere Delegato, il Direttore Generale e/o il Condirettore Generale, i Responsabili delle Macroaree o delle Aree nella gestione di specifici settori di attività. A diretto riporto del Consigliere Delegato si colloca l Unità Organizzativa di Staff Assistenza fiscale al Gruppo e progetti speciali, la cui responsabilità è attribuita al Vice Direttore Generale Renzo Parisotto, con il compito di supportare il Consigliere Delegato nella gestione delle tematiche di natura fiscale e/o dei progetti collegati ad operazioni straordinarie. Per quanto concerne le strutture afferenti i sistemi e servizi, è stato avviato uno specifico progetto finalizzato a conseguire l integrazione societaria delle unità di UBI Banca in UBI Sistemi e Servizi Spa. Il progetto è posto sotto la responsabilità di Ennio Sonnino e Pierangelo Rigamonti che mantengono il ruolo di Vice Direttori Generali di UBI Banca. È stato inoltre attribuito l incarico di sovrintendere le funzionalità del Sistema di Controllo Interno, ai sensi dell articolo 43 bis dello Statuto, al Consigliere di Gestione Alfredo Gusmini ed il ruolo di Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, ai sensi dell art. 154 bis del D. Lgs. 58/1998 (testo Unico della Finanza), ad Elisabetta Stegher. 10 Gruppo UBI Banca

15 Il Piano Industriale di Integrazione Il Piano Industriale di Integrazione , approvato all unanimità dal Consiglio di Gestione e dal Consiglio di Sorveglianza il 15 giugno 2007, rappresenta la seconda fase dell integrazione del Gruppo UBI Banca. La prima fase, avviata con l annuncio della fusione tra BPU e Banca Lombarda nel novembre 2006, aveva visto la progressiva realizzazione di tutti gli interventi di natura legale, societaria, commerciale, comunicazionale ed operativa propedeutici alla realizzazione dell operazione. Tale fase si è conclusa il 1º aprile 2007, data di efficacia della fusione, con la creazione della nuova Capogruppo, motore dell integrazione. Gli obiettivi strategici del nuovo Gruppo sono stati definiti sulla base di un approccio analitico bottom-up e con il coinvolgimento, in 17 cantieri operativi e 35 progetti guidati dal top management, di circa 600 risorse. Il nuovo Gruppo, riconoscendo la valenza strategica del legame con il territorio e della responsabilità sociale d impresa, intende porre al centro della propria azione la promozione di una crescita sostenibile delle aree servite dalla quale ci si attende un adeguata creazione di valore sia per gli azionisti che per tutti gli altri stakeholder. In tale contesto assume particolare importanza la valorizzazione delle risorse umane alle quali verrà dedicata tutta l attenzione necessaria, garantendo condizioni di lavoro in grado di coniugare motivazione, senso di appartenenza e rigore professionale, al fine di sviluppare rapporti fruttuosi e duraturi con tutti i clienti (famiglie, imprese e comunità locali), che potranno contare su prodotti e livelli di servizio di qualità. Di seguito vengono sinteticamente indicati gli obiettivi fondamentali che il Gruppo UBI Banca si è prefissato, rimandando per maggiori dettagli soprattutto numerici al documento Piano Industriale pubblicato nel sito internet di UBI Banca. Gli obiettivi Il Piano Industriale si pone l obiettivo di raggiungere al termine del periodo di riferimento un utile netto di oltre milioni di euro (rispetto ai 951 milioni pro-forma del 2006), con un tasso di crescita annuo composto dell utile per azione del 10,5%, da 1,49 a oltre 2,20 euro. Nel contempo è attesa una creazione di valore in termini di EVA (Economic Value Added) più che triplicata nel corso del quadriennio, grazie al contributo positivo di tutti i segmenti di mercato. Tale evoluzione dovrebbe consentire la progressiva crescita del dividendo per azione dagli attuali 0,80 euro a 1,15 euro nel 2009 e 1,30 euro nel Il ROE al netto delle differenze di fusione potrebbe superare il 16% già dal 2009, dal 13,4% del I suddetti risultati non comprendono né l effetto di potenziali patnership nel settore della bancassurance danni, del consumer finance e del corporate banking che rappresentano una forte riserva di valore né gli effetti dell allocazione del disavanzo di fusione, che avrà un impatto negativo, stimato ad oggi, nell ordine di milioni su base annua al netto dell effetto fiscale e della quota dei terzi. Con riferimento alla riforma della previdenza complementare, di cui al D.Lgs. 252/2005, si ricorda che il Piano Industriale di Integrazione ha incorporato la stima di un impatto 1 Il Piano incorpora uno scenario economico prudente che prevede una crescita media dell economia italiana in un range compreso fra l 1,5% ed il 2%, un tasso di inflazione annuo fra l 1,7% ed il 2% ed un ipotesi di crescita dei tassi del Gruppo UBI Banca conservativa rispetto al mercato (Euribor 1-mese al 3,5% nel 2007 e al 4% negli anni successivi). 11 Gruppo UBI Banca

16 economico positivo complessivamente derivante dall introduzione della riforma in parola pari a 130 milioni per il Tale calcolo preliminare, fornito dall attuario della Banca, si basava sull ipotesi che, a seguito delle modifiche introdotte con la riforma previdenziale, il debito per TFR al 31 dicembre 2006 dovesse essere abbattuto anche della quota parte degli incrementi retributivi futuri già iscritti nel predetto debito. Nel mese di agosto 2007 ABI ha pubblicato un documento interpretativo sulle modalità di contabilizzazione del TFR nel quale ha specificato che la componente retributiva iscritta nel fondo TFR al 31 dicembre 2006 deve essere considerata interamente maturata e da non rilasciare. Impostazione peraltro coerente con quella espressa in via definitiva dall Ordine degli attuari. L applicazione del modello valutativo rivisto nel senso descritto ha dato luogo ad un impatto economico positivo, in termini di riduzione complessiva del debito per TFR iscritto in bilancio al 31 dicembre 2006, di 49,4 milioni anziché 130 milioni. Di riflesso gli anni successivi al 2007 potranno beneficiare di minori oneri rispetto a quanto previsto in sede di Piano. Gli obiettivi sopra indicati potranno essere raggiunti attraverso lo sviluppo dei ricavi, in virtù del potenziale di creazione di valore insito nel Gruppo, pur tenuto conto dell accentuata concorrenzialità del settore bancario e dei prevedibili impatti correlati alle recenti modifiche alla normativa sui servizi bancari. In particolare, nonostante il Piano incorpori un ipotesi di crescita dei tassi più conservativa rispetto al mercato, per il margine di interesse è prevista una positiva evoluzione pari al 7,2% annuo, mentre la crescita annuale delle commissioni è stimata al 6,3%. La forte focalizzazione sul contenimento delle spese, abbinata alle sinergie conseguibili dalla fusione, dovrebbe consentire una sostanziale stabilità dei costi operativi, quale risultato di una diminuzione dello 0,4% della voce altre spese amministrative/ammortamenti a fronte di una modesta crescita delle spese per il personale (+0,5% annuo). Il cost/income dovrebbe conseguentemente scendere al 44% nel Includendo anche le rettifiche su crediti l incidenza delle quali è stata prevista in prudenziale crescita allo 0,38% (dallo 0,29% del 2006) il cost/income dovrebbe portarsi al 48%, dal 59,5% del Per quanto attiene all evoluzione dei volumi intermediati, che rispecchia le particolarità del Gruppo in termini di radicamento territoriale e di sviluppo delle fabbriche prodotto, sono attesi i seguenti andamenti: crediti verso la clientela +10,8% annuo a 125 miliardi a fine 2010; raccolta diretta al netto di EMTN e covered bond +4,6% annuo a 88 miliardi; raccolta indiretta +5,1% annuo a 116 miliardi, di cui circa 56 miliardi gestita (+6,6% annuo) e 17 miliardi di raccolta assicurativa (+8,2% annuo). In termini di coefficienti patrimoniali, il Piano assume un Core Tier I al 2010, calcolato in base a Basilea 2 standardizzato, pari al 6,5%. Il progressivo passaggio all IRB (Internal Rating Based) Avanzato, previsto per il 2009 subordinatamente alla validazione da parte dell Autorità competente, si stima consentirà di mantenere un core Tier I target al 2010 del 7%, con una liberazione di capitale pari a circa 1 miliardo di euro 2 che potrà essere utilizzata a progressivo aumento della remunerazione degli azionisti. Gli aspetti qualificanti del Piano L unificazione dei sistemi informativi Il sistema informativo prescelto, adottato anche sulla scorta delle indicazioni di advisor esterni, è di tipo integrato, ossia costituito centralmente dal sistema mainframe dell ex Gruppo Banca Lombarda più consolidato e più affidabile ai fini del superamento della delicata fase di migrazione integrato con gli elementi più qualificanti della piattaforma dell ex Gruppo BPU (in particolare il CRM, considerato fra i migliori sul mercato) al fine di rendere possibile una rapida accelerazione della spinta commerciale di tutte le Banche Rete del Gruppo. L utilizzo e la valorizzazione della lunga e qualificata esperienza del team BPU nel campo delle piattaforme tecnologiche open e alcuni elementi architetturali già oggi presenti nel sistema ex 2 Tale importo rappresenta i due terzi del risparmio minimo di capitale atteso dal passaggio all IRB Advanced. 12 Gruppo UBI Banca

17 BL consentiranno inoltre al Gruppo di perseguire una strategia informatica di maggior bilanciamento fra componenti open in espansione e componenti mainframe, con un potenziale effetto positivo in termini di economicità. I motivi che hanno portato a tale scelta sono essenzialmente legati alla migliore funzionalità del sistema ex BL, le cui applicazioni sono molto recenti, essendo state totalmente sostituite a partire dagli inizi degli anni 2000, tenuto altresì conto che la relativa maggiore onerosità di un sistema mainframe tende a diminuire al crescere delle dimensioni aziendali. I processi per le migrazioni sono iniziati nel giugno scorso e si ritiene possano completarsi entro il terzo trimestre del Il Piano incorpora un ipotesi di rallentamento commerciale delle Banche Rete interessate dalle migrazioni della durata di quattro mesi con un impatto economico negativo che, considerando anche l effetto trascinamento, è stato quantificato in circa 24 milioni di euro per ciascuno degli anni di riferimento. Tutte le attività informatiche e di back office confluiranno nella società UBI Sistemi e Servizi Spa (vedasi punto seguente). La concentrazione, mediante conferimento in UBI Sistemi e Servizi, di funzioni e attività a supporto e servizio di tutto il Gruppo Il Piano di Integrazione prevede l accentramento dei servizi operativi, informatici e logistici per tutto il Gruppo nella società UBI Sistemi e Servizi Spa che rimarrà interamente controllata dalla capogruppo UBI Banca al fine di conseguire evidenti economie di scala e di specializzazione tramite focalizzazione sulla gestione di servizi caratteristici, oltre a garantire una maggiore accountability e trasparenza sui servizi offerti, costi e performance operativa. La concentrazione delle attività in UBI Sistemi e Servizi Spa verrà attuata mediante: - conferimento del ramo d azienda di UBI Banca composto da: ICT, Servizi amministrativi (Back Office), Logistica operativa, Valorizzazione Patrimonio Immobiliare, Acquisti, Organizzazione Applicativa e Pianificazione Staff; - accentramento in UBI Sistemi e Servizi delle attività di perfezionamento crediti a medio/lungo termine erogati dalle Banche Rete, dell ICT di CBI Factor Spa e delle attività di servizio e supporto in essere presso SILF Spa e SBS Leasing Spa; - fusione per incorporazione di UBI Centrosystem Spa in UBI Sistemi e Servizi Spa. L azione commerciale Il modello adottato dal Gruppo conferma la scelta di un assetto specializzato al tempo stesso per zona geografica e per segmenti 3, basato sul modello divisionale (Retail, Corporate e Private), sulla focalizzazione dell azione commerciale mediante la creazione di portafogli omogenei di clientela (Mass, Affluent, POE - piccoli operatori economici, Small business, Corporate e Private) assegnati a gestori commerciali dedicati allo sviluppo della relazione, su strumenti evoluti di CRM e su una gamma prodotti completa e differenziata. Il Gruppo conta circa 4 milioni di clienti, di cui circa 3,3 milioni mass+affluent, small business, corporate e private. Una recente analisi ha confermato l elevato grado di fidelizzazione dei clienti retail del Gruppo, che risulta per il 55% intrattenere rapporti con le Banche del Gruppo da più di 10 anni (oltre il 75% con più di 6 anni di anzianità di rapporto). 3 Segmentazione commerciale Mass Market: patrimonio <50 mila euro; Affluent: patrimonio compreso fra i 50 e i 500 mila euro; Private: patrimonio >500 mila euro; Small business: fatturato <5 milioni di euro; Corporate Core: fatturato compreso fra i 5 e i 150 milioni di euro; Large Corporate: fatturato >150 milioni di euro. 13 Gruppo UBI Banca

18 Il Piano Industriale prevede azioni commerciali mirate e ben definite, sviluppate per ogni segmento di mercato. MERCATO RETAIL La strategia di sviluppo commerciale del Mercato retail differenzia l offerta di prodotti e di servizi per i privati suddivisi in sotto-segmenti di clientela identificati in base ai bisogni potenziali (6 sotto-segmenti cluster privati) e per le piccole imprese. Per quanto riguarda i privati, la suddivisione in cluster consente la semplificazione dell offerta commerciale grazie allo sviluppo di panieri di prodotti specifici per ogni cluster. A fronte di un evoluzione della raccolta in linea con il mercato, è atteso uno sviluppo deciso dei volumi di consumer lending, con pricing competitivo (crescita annua del 10% per i mutui e del 34% per i prestiti personali e i finanziamenti mediante cessione del quinto dello stipendio, questi ultimi dovrebbero raggiungere uno stock di 400 milioni di euro nel 2010). È stato inoltre individuato un significativo potenziale per prodotti ad alto valore, quali ad esempio polizze CPI (credit protection insurance) e assicurazioni danni, mentre per quanto riguarda il risparmio gestito (+5,4% annuo), l integrazione fra i due Gruppi lascia intravedere positive dinamiche di espansione per i prodotti a più elevato contenuto finanziario (azionari, bilanciati e flessibili), con un miglioramento della redditività di circa 6 punti base. Nei riguardi delle piccole imprese, sono stati identificati settori merceologici specifici sui quali focalizzare azione ed offerta commerciale; verranno inoltre progressivamente attivati modelli di servizio differenziati tra Piccoli Operatori Economici e Piccole e Medie Imprese. L estensione a tutto il Gruppo UBI della positiva esperienza maturata dall ex Gruppo BPU dovrebbe portare ad un significativo incremento nella penetrazione dei conti correnti a pacchetto (dal 26% al 44%), favorita dalla forma modulare del prodotto, che rappresenterà, assieme allo sviluppo dei volumi intermediati (incassi, pagamenti e finanziamenti), un fattore di crescita delle commissioni. È atteso un proseguimento della crescita sostenuta degli impieghi (+12% annuo), sia nel comparto a breve termine (+8% annuo), sia in quello a medio/lungo (+15% circa annuo). L evoluzione del margine di interesse sarà tuttavia attenuata dalla prevista tendenziale riduzione della commissione di massimo scoperto. MERCATO CORPORATE La strategia di sviluppo commerciale del Mercato Corporate si basa sulla focalizzazione delle Banche nei segmenti core, vale a dire nelle relazioni con le imprese da 5 a 150 milioni di fatturato. La crescita dei relativi impieghi è stimata ad un tasso del 6,7% annuo per il breve termine e del 12,4% annuo per il medio/lungo termine, inclusi gli impieghi riferiti a Centrobanca. Per il comparto Large Corporate il cui peso relativo tenderà conseguentemente a diminuire è previsto un modello di servizio specifico che, attraverso il coordinamento della Capogruppo, anche al fine di monitorare il rischio di concentrazione, si indirizzerà verso i primi 100 gruppi economici. Il Piano prevede altresì, grazie alla presenza delle Fabbriche Prodotto, lo sviluppo della componente parabancaria (leasing e factoring) con un apporto ai ricavi delle Banche Rete in crescita nell arco temporale considerato. MERCATO PRIVATE Il Gruppo UBI Banca è il terzo player in Italia nel settore del private banking, con asset totali della clientela di oltre 32 miliardi di euro. La crescita del comparto avverrà sinergicamente con il mercato Retail e Corporate, attraverso lo sviluppo dell offerta di consulenza specializzata (Active Wealth Advisory) ed il miglioramento e completamento dell offerta di prodotto. I principali obiettivi del comparto concernono la crescita del risparmio gestito e del bancassurance vita, stimate superiori a quella del mercato (+8,5% annuo) mentre, grazie anche al completamento dell offerta, è atteso un ribilanciamento del mix di prodotto che dovrebbe portare ad un miglioramento della redditività delle masse (+2 punti base). 14 Gruppo UBI Banca

19 È inoltre previsto il miglioramento della produttività commerciale del Private Banker, con flussi di Net New Money (flussi di raccolta gestita, amministrata, polizze e incremento dei saldi medi liquidi di impieghi e raccolta diretta) in crescita del 25% annuo. Il Piano sportelli Il piano sportelli di Gruppo che verrà attuato nel corso del periodo di riferimento del Piano Industriale si articola lungo due direttrici. 1) La cessione di filiali in adempimento delle disposizioni Antitrust: è stato effettuato un primo censimento delle filiali da cedere al fine di rispettare l impegno assunto con l Autorità Garante del Mercato e della Concorrenza di allineare al 35% le quote di mercato del Gruppo nelle province di Bergamo e Brescia. Trattasi di 61 filiali, prevalentemente di piccole dimensioni, delle quali 24 ubicate nella provincia bergamasca e 37 in quella bresciana, con raccolta a breve termine complessivamente pari a circa 430 milioni di euro. 2) Nuove aperture in aree contigue a quelle di forte di radicamento: è stata prevista l apertura di circa 140 sportelli, che porteranno la struttura delle filiali domestiche delle Banche Rete a superare le unità. Le principali aree geografiche interessate saranno il Nord-Est, l Emilia Romagna e l area di Roma. Gli effetti di tali aperture, per le quali il raggiungimento del break-even è atteso nell arco di 2-3 anni, sono già inclusi nelle proiezioni del Piano Industriale. L integrazione delle Società prodotto È prevista una rapida integrazione delle Società prodotto presenti all interno del Gruppo, allo scopo di garantire un presidio solido e specialistico dei settori a maggior potenziale di crescita ed una rapida estensione delle rispettive offerte a tutto il Gruppo. Questi gli interventi pianificati: credito al consumo: integrazione di 24-7 Spa e SILF Spa con - accentramento in 24-7 delle attività di fabbrica ed estensione dell offerta di 24-7 (prestiti personali, carte di credito e cessione del quinto) a tutte le reti bancarie del Gruppo; - affiancamento di SILF alle reti distributive esistenti (Prestitalia e By You) e focalizzazione sulle attività distributive rivolte al mercato extra captive, con mantenimento della struttura societaria e brand distinto; asset management: integrazione di Capitalgest Spa in UBI Pramerica Spa, estensione della partenership con Prudential a tutto il Gruppo e razionalizzazione/semplificazione della gamma di fondi offerti; bancassurance vita: prosecuzione delle attuali partnership strategiche con Aviva sul perimetro ex Gruppo BPU e con Cattolica Assicurazioni sul perimetro ex Gruppo Banca Lombarda, con allineamento dell offerta commerciale a livello di Gruppo (prodotti e pricing); bancassurance danni: estensione dell offerta di UBI Assicurazioni Spa (ex BPU Assicurazioni) a tutte le Banche Rete del Gruppo in parallelo con un evoluzione della gamma prodotti; la massima focalizzazione sul canale bancario porterà ad un progressivo abbandono dei canali distributivi non core ; corporate e investment banking: estensione dell offerta e del ruolo di Centrobanca Spa a tutto il Gruppo; leasing: integrazione fra SBS Leasing Spa e BPU Esaleasing Spa con valorizzazione delle best practice operative e commerciali delle due fabbriche originarie; factoring: estensione del perimetro di offerta di CBI Factor Spa a tutte le Banche Rete del Gruppo. 15 Gruppo UBI Banca

20 Oltre agli interventi sopra descritti, anche al fine di una piena valorizzazione delle Fabbriche Prodotto, nei settori del credito al consumo, della bancassurance danni e del corporate banking si procederà alla valutazione di potenziali partnership con operatori specializzati per internalizzare competenze ed accelerare il percorso di sviluppo. L eventuale impatto economico, patrimoniale e sinergico di tali iniziative non è stato incluso nelle proiezioni del Piano. La ridefinizione degli assetti organizzativi delle Banche Rete La struttura organizzativa delle Banche Rete sarà focalizzata sullo sviluppo e il coordinamento del business commerciale e creditizio e di relazione con la clientela, con un elevato accentramento delle funzioni di servizio e di supporto presso la Capogruppo e il mantenimento presso la Direzione della Banca Rete di funzioni dedicate al presidio delle attività commerciali e creditizie. Il Piano di integrazione prevede l ottimizzazione dei livelli di efficienza mediante tre macro-aree di interventi: - l allineamento delle Strutture Centrali delle Banche Rete al nuovo perimetro delle strutture organizzative di UBI Banca, con interventi di decentramento e accentramento di attività da/verso la Capogruppo conseguenti alla valorizzazione delle best practice dei due Gruppi di origine; - l aggiornamento del modello distributivo attraverso: una maggiore omogeneità fra le strutture di area commerciale Capogruppo e Banche Rete, volta a favorire la linearità dei processi di relazione fra le stesse, l istituzione di Aree Territoriali Retail, per agevolare la trasmissione centro-rete, la costituzione di organi deliberanti periferici dipendenti dalla struttura crediti; - l ottimizzazione dei processi operativi e commerciali di sportello al fine di liberare risorse da destinare all attività di gestione della relazione con la clientela, facendo leva sulla revisione delle attività, l utilizzo di nuove tecnologie e la migrazione dell operatività della clientela verso canali complementari. La valorizzazione e la razionalizzazione delle risorse umane La razionalizzazione delle funzioni duplicate e l ottimizzazione dei processi operativi consentirà di liberare risorse da destinare al rafforzamento dell Area Commerciale delle Banche Rete, con una forza vendita che passerà dalle attuali risorse alle risorse previste nel 2010 (con un incidenza delle risorse commerciali del 62% al 2010 rispetto al 58% del 2006), e di realizzare un piano di esodi su basi volontarie di persone (400 a completamento dei piani ex Gruppo BPU ed ex Gruppo BL e relative al nuovo Gruppo UBI). Al 31 dicembre 2010 si prevede che la forza lavoro complessiva del Gruppo (inclusi gli interinali) si attesti a circa unità, dalle attuali A queste si aggiungeranno circa 300 persone per soddisfare le esigenze del Piano Sportelli. Per il quadriennio è stato varato un rilevante programma di formazione delle risorse (complessivamente giornate di cui di riqualificazione professionale) volto a consolidare e sviluppare le qualità professionali presenti nel Gruppo, a valorizzare le risorse umane e a sostenerne la qualificazione professionale. Il presidio dei rischi e l ottimizzazione del rapporto rischio/rendimento Il Piano prevede un forte presidio e una gestione integrata dei rischi che, in particolare, si realizza attraverso: - una reportistica di Gruppo relativamente ai rischi di credito, di mercato, operativi e ALM già a regime da marzo 2007; - l adozione di policy di Gruppo e limiti operativi; 16 Gruppo UBI Banca

COMUNICATO STAMPA. Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010:

COMUNICATO STAMPA. Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010: COMUNICATO STAMPA Approvato all unanimità il Piano Industriale d Integrazione per il periodo 2007-2010 con i seguenti target al 2010: Utile netto superiore a 1,4 miliardi al netto di componenti non ricorrenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO Unione fra due Gruppi bancari forti con una grande tradizione di creazione di valore I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la fusione di Banca Lombarda in BPU

Dettagli

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca

Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca Evoluzione Normativa: esperienze e orientamenti del Gruppo UBI Banca ABI HR 2008: Banche e Risorse Umane Competenze e merito per crescere nella banca che cambia Andrea Ghidoni Roma, 8 Maggio 2008 Gruppo

Dettagli

IL NUOVO GRUPPO BANCARIO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

IL NUOVO GRUPPO BANCARIO UNIONE DI BANCHE ITALIANE IL NUOVO GRUPPO BANCARIO UNIONE DI BANCHE ITALIANE Unione di Banche Italiane Scpa UBI Banca Cariche Sociali, Direzione Generale e Società di Revisione Presidente Onorario Consiglio di Sorveglianza Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI RAPPORTO SU FUSIONI E AGGREGAZIONI TRA GLI INTERMEDIARI FINANZIARI Case Study: Banca Lombarda e Piemontese Milano, 18 luglio 2003 Agenda Agenda (31/12/1999) Il Modello Organizzativo Il Modello Distributivo

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO. I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO I Consigli di Amministrazione approvano all unanimità la creazione del 7 gruppo bancario italiano Circa 1.200 sportelli (500 nella sola Lombardia), 2,5 milioni di clienti, 60

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Sociale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER

COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER COMUNICATO STAMPA APPROVATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2017 DEL GRUPPO BPER BECOMING BPER 5 S : Solidità - Semplicità Specializzazione Selettività Stakeholders Linee Guida del Piano 1. Rafforzamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015

PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 COMUNICATO STAMPA PIANO INDUSTRIALE 2011-2013/2015 Qualità coniugata a redditività alla base del nuovo Piano Industriale di UBI UBI si pone come obiettivo un utile netto (escluso l effetto della PPA) pari

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014

APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 Risultati annuali APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE E IL BILANCIO CONSOLIDATO RELATIVI ALL ESERCIZIO 2014 - Confermati i risultati preliminari consolidati già approvati lo scorso 11 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

Banche Popolari Unite: Creazione di un nuovo Gruppo Bancario

Banche Popolari Unite: Creazione di un nuovo Gruppo Bancario Banche Popolari Unite: Creazione di un nuovo Gruppo Bancario Presentazione del V rapporto Finmonitor su Fusioni e Aggregazioni tra gli Intermediari Finanziari Milano, 9 giugno 25 - Università L. Bocconi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE

Comunicato stampa CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Comunicato stampa GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA: I RISULTATI DI BILANCIO 2008 CONTINUA LA CRESCITA SOSTENIBILE E LA CREAZIONE DI VALORE Dati economici consolidati riclassificati Proventi Operativi Netti

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A.

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. I Consigli di Amministrazione di Banco di Desio e della Brianza e di Banca Popolare di Spoleto hanno approvato

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006)

Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2007 (schemi riclassificati confronto con il 31 marzo 2006) UBI BANCA pro-forma (non inclusivi dell effetto dell appostazione della differenza di fusione)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio Generale nella seduta del 9 giugno 2014 e modificato dal Consiglio Generale nelle sedute del 13 luglio e del 28 settembre 2015 Regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 Gli iscritti Al gli iscritti a Telemaco sono pari a 63.308 con una riduzione di -1.051 unità (-1,6%) rispetto ai 64.359 iscritti della fine del 2010. Nell anno le nuove adesioni

Dettagli

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

Iccrea Banca S.p.A. II SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Iccrea Banca S.p.A. Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n. di Iscrizione al Registro delle Imprese di Roma n. 04774801007 soggetta al controllo e coordinamento

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA

COMUNICATO STAMPA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA AL VIA LA PARTNERSHIP BANCARIO-ASSICURATIVA TRA IL GRUPPO CATTOLICA E IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI VICENZA Siglato in data odierna un protocollo d intesa per una partnership industriale di lungo periodo

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017.

PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. PIANO INDUSTRIALE 2015-2017. LINEE GUIDA DEL PIANO 1. Incremento dei ricavi attraverso una maggiore spinta sui mercati e una migliore gestione del portafoglio clienti con focus sui proventi commissionali

Dettagli

Basilea 2, misurazione del rischio e crescita dimensionale attraverso strategie di M&A: il caso del gruppo BPU

Basilea 2, misurazione del rischio e crescita dimensionale attraverso strategie di M&A: il caso del gruppo BPU Basilea 2, misurazione del rischio e crescita dimensionale attraverso strategie di M&A: il caso del gruppo BPU Marco Giaccone Responsabile Funzione Capital Management, Area Bergamo, Il Gruppo BPU ed il

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv)

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) Il presente Supplemento forma parte integrante e necessaria dei Fascicoli informativi QUALITY

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE UBI Banca Private Investment Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Brescia, Via Cefalonia, 74 Codice Fiscale ed Iscrizione al Registro delle Imprese di Brescia n. 00485260459,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol

COMUNICATO STAMPA. Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol COMUNICATO STAMPA Esaminati dal Consiglio di Amministrazione i risultati consolidati al 30 settembre 2004 del Gruppo Unipol I premi consolidati raggiungono 6.782 milioni di euro (in crescita del 22% rispetto

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A

SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A Comunicato stampa SANPAOLO IMI ACQUISISCE IL 100% DI BN HOLDING A seguito della scissione parziale di INA lancia l OPA totalitaria sulle azioni ordinarie di Banco di Napoli Torino, 13 giugno 2000 - Il

Dettagli

V E R B A L E D I A C C O R D O

V E R B A L E D I A C C O R D O V E R B A L E D I A C C O R D O Fusione per incorporazione di Banca Toscana Spa in Banca Monte dei Paschi di Siena Spa Procedura sindacale ai sensi di legge e di contratto (Art. 47 L. 428/90 e art. 19

Dettagli

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006

Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Progettando2006 Approcci e metodologie di Project Management Giovanni Pietrobelli Verona, 20 ottobre 2006 Agenda Il Gruppo BPVN SGS - BPVN Un esempio: Il progetto di integrazione tra BPV e BPN Conclusioni

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo REGOLAMENTO DEI FONDI INTERNI BAPfondi Gold Art. 1 Aspetti generali Denominazione dei Fondi La Compagnia ha istituito e gestisce, secondo le modalità di cui al presente Regolamento, un portafoglio di strumenti

Dettagli

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno

Il contributo si focalizza sugli aspetti organizzativi/ funzionali connessi allo sviluppo/ implementazione dei sistemi di rating interno IL CONTRIBUTO DI UNICREDITO ITALIANO AL PROGETTO DI RICERCA Rating interni e controllo del rischio di credito Esperienze, problemi, Soluzioni Milano - 31 marzo 2004 NEWFIN Centro Studi sull innovazione

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Approvato dal Collegio di Indirizzo In data 21 dicembre 2015 AMBITO DI APPLICAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Nota 14 Patrimonio netto

Nota 14 Patrimonio netto Nota 14 Patrimonio netto E così composto: (migliaia di euro) 31.12.2008 31.12.2007 Capitale emesso 10.673.804 10.673.793 meno Azioni proprie (14.450) (700) Capitale 10.659.354 10.673.093 Riserva da sovrapprezzo

Dettagli

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di

Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di Recesso a seguito dell approvazione di modifiche dello statuto ai sensi dell art. 2437, comma 1, lettera g) cod. civ.. Determinazione del valore di liquidazione delle azioni ai sensi dell art. 2437-ter

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti CARTELLA STAMPA Ottobre 2013 IR Top Consulting Media Relations & Financial Communication Via C. Cantù, 1 Milano Domenico Gentile, Antonio Buozzi Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 d.gentile@irtop.com ufficiostampa@irtop.com

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE E NOTA DI SINTESI

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE E NOTA DI SINTESI Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5559 ABI n. 5026 Capogruppo del "Gruppo BPU" iscritto all Albo dei Gruppi Bancari al n. 5026.0

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno

Caleffi S.p.A. Assemblea ordinaria degli Azionisti 30 aprile 2015. Relazione sui punti 1,2,3 dell Ordine del Giorno Caleffi S.p.A. Via Belfiore, 24-46019 Viadana (MN) Capitale Sociale Euro 6.500.000 interamente versato Registro Imprese Mantova n. 00154130207 C.F. e P.IVA IT 00154130207 Sito internet www.caleffionline.it

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti

Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti Deliberazione del 10 febbraio 1999 Disposizioni in materia di trasparenza dei fondi pensione nei rapporti con gli iscritti LA COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Visto il decreto legislativo 21

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998

FONDO PENSIONE APERTO ZED OMNIFUND Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 FONDO PENSIONE APERTO "ZED OMNIFUND" Sede in Milano - Piazza Carlo Erba 6 Iscrizione Albo Fondi Pensione n 39 del 09/12/1998 STATO PATRIMONIALE AL 31.12.2006 - LINEA GARANTITA ESERCIZIO IN CORSO 31.12.2006

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 4, punto 10, dello statuto della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, di seguito indicata come

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli