BILANCIO 2012 PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO SOCIETA PARTECIPATE ED ENTI COLLEGATI AREA STRATEGICA SERVIZI ECONOMICO-FINANZIARI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO 2012 PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO SOCIETA PARTECIPATE ED ENTI COLLEGATI AREA STRATEGICA SERVIZI ECONOMICO-FINANZIARI."

Transcript

1 PROVINCIA DI NAPOLI AREA STRATEGICA SERVIZI ECONOMICO-FINANZIARI BILANCIO 2012 ALLEGATO SOCIETA PARTECIPATE ED ENTI COLLEGATI Pagina 1 di 126

2 INDICE CONTI CONSUNTIVI ALLEGATI... 4 CLASSIFICAZIONE DEGLI ENTI... 5 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI... 6 FONDAZIONI/ASSOCIAZIONI... 7 SOCIETA... 8 PARTECIPATE PER AREE FUNZIONALI AL 31/12/ SCHEDE SINTETICHE ADVANCED SERVICES UTILITY BUILDING S.p.A. (A.S.U.B.) SOCIAL INNOVATION SERVICES SpA S.A.P.NA. Sistema Ambiente Provincia di Napoli S.p.A COMPAGNIA TRASPORTI PUBBLICI SpA (CTP) Agenzia di Sviluppo dell Area Metropolitana di Napoli S.p.A GESTIONE SERVIZI AEROPORTUALI DI NAPOLI G.E.SA.C SpA AUTOSTRADE MERIDIONALI SpA CEINGE BIOTECNOLOGIE AVANZATE S.C.A.R.L MOSTRA D OLTREMARE SpA CENTRO AGROALIMENTARE NAPOLI CAAN S.C.P.A ACN S.R.L IG STUDENT CAMPANIA SRL in liquidazione TRIANON SpA BAGNOLI FUTURA SpA CITTA DEL FARE S.C.P.A Agenzia Locale di Sviluppo dei Comuni dell Area Nolana S.c.p.A PATTO TERRITORIALE NAPOLI ORIENTALE S.C.P.A in liquidazione TESS SpA PUBLIC DIGITAL FACTORY SPA in liquidazione ENTE D AMBITO SARNESE-VESUVIANO ENTE D AMBITO NAPOLI - VOLTURNO AUTORITA PORTUALE DI NAPOLI CONSORZIO SOLE CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI NAPOLI CONSORZIO ANEA AGENZIA NAPOLETANA PER L ENERGIA E PER L AMBIENTE CONSORZIO Antico Borgo Orefici Pagina 2 di 126

3 Patto Territoriale Penisola Sorrentina S.C.p.A Agenzia di promozione della risorsa mare S.C.P.A STOA S.C.P.A FONDAZIONE ENTE LIRICO TEATRO SAN CARLO FONDAZIONE IDIS FONDAZIONE LA COLOMBAIA DI LUCHINO VISCONTI FONDAZIONE PREMIO NAPOLI FONDAZIONE PREMIO CIMITILE FONDAZIONE ANNALI DELL ARCHITETTURA E DELLE CITTA FONDAZIONE C.I.V.E.S. - ONLUS FONDAZIONE CASTELCAPUANO TEATRO STABILE CITTA DI NAPOLI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA Pagina 3 di 126

4 CONTI CONSUNTIVI ALLEGATI Ai sensi dell art. 172, comma 1 lett.b) del D.Lgs. 18 agosto, 2000, n.267, al bilancio di previsione sono allegati (..) i rendiconti o conti consolidati delle unioni di comuni, aziende speciali, consorzi, istituzioni, società di capitali costituite per l esercizio di servizi pubblici, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce. Pertanto, si allegano al Bilancio di Previsione 2012 i rendiconti pervenuti, relativi all esercizio 2010 degli enti partecipati esercenti servizi pubblici, contenenti la sintesi dei dati dei conti consuntivi 2008/2009/2010 e relativa analisi. Pagina 4 di 126

5 CLASSIFICAZIONE DEGLI ENTI ENTI PUBBLICI ENTI NAZIONALI - Autorità Portuale di Napoli ENTI REGIONALI - Ambito Territoriale di Caccia Pagina 5 di 126

6 CLASSIFICAZIONE DEI CONSORZI CONSORZI OBBLIGATORI - Ente d Ambito per le risorse idriche Napoli-Volturno ; - Ente d Ambito per le risorse idriche Sarnese-Vesuviano ; ALTRI CONSORZI - Consorzio antico Borgo Orefici; - Consorzio ASI della Provincia di Napoli; - Consorzio ANEA. Pagina 6 di 126

7 FONDAZIONI/ASSOCIAZIONI - Fondazione Ente Lirico Teatro San Carlo - Fondazione IDIS Città della Scienza Onlus - Fondazione Premio Napoli - Fondazione La Colombaia - Fondazione Premio Cimitile - Fondazione CIVES - Fondazione Annali dell architettura e delle Città - Fondazione CASTELCAPUANO - Teatro Stabile Città di Napoli Pagina 7 di 126

8 SOCIETA - Advanced Service Utilità Building S.p.A.; - Social Innovation Services S.p.A.; - Sistema Ambiente Provincia di Napoli S.p.A.; - Compagnia Trasporti Pubblici S.p.A.; - Agenzia Sviluppo Area Metropolitana di Napoli S.p.A.; - Gestione Servizi Aeroportuali di Napoli - GE.S.A.C. S.p.A.; - Autostrade Meridionali S.p.A.; - Ceinge Biotecnologie Avanzate S.c.a.r.l.; - Mostra d Oltremare S.p.A.; - Centro Agro Alimentare Napoli C.A.A.N. S.p.A.; - Campania e Napoli per l America s Cup S.r.l.; - IG Student Campania S.r.l. in liquidazione; - Trianon (Teatro Viviani) S.p.A.; - Bagnoli Futura S.p.A.; - Città del Fare Sc.p.a.; - Agenzia di Sviluppo dell Area Nolana S.c.p.a.; - Patto Territoriale Napoli Orientale S.c.p.a.; - Patto Territoriale Penisola SorrentinaS.c.p.a.; - TESS S.p.A.; - Public Digital Factory S.p.A.; - Agenzia Promozione della risorsa mare S.c.p.a. (ex Patto Pesca e Acquocoltura); - STOA S.c.p.a.. Pagina 8 di 126

9 PARTECIPATE PER AREE FUNZIONALI AL 31/12/2011 ASUB SpA 100% PROVINCIA DI NAPOLI - PARTECIPATE PER AREE FUNZIONALI SIS SpA 100% Fondazione IDIS Città della Scienza Fondazione Castel Capuano GESAC SpA 12,50% Fondazione Teatro San Carlo Fondazione La Colombaia di Visconti - recesso dal 1/1/2013 CTP SpA 100% Ass. Teatro Stabile Città di Napoli Fondazione C.I.V.E.S. Autostrade meridionali 5% Fondazione Annali Architettura e Città Trianon Viviani SpA - 40,43% S.A.P.NA SpA 100% Fondazione Premio Napoli Fondazione Premio Cimitile Servizi pubblici locali / Servizi strumentali Cultura Sviluppo territoriale Altri servizi al territorio Partecipazioni di diritto Bagnolifutura SpA 2,50% Agenzia di Sviluppo dell Area Metropolitana di Napoli SpA 100% Ceinge biotecnologie avanzate Scarl 18,57% Consorzio Antico Borgo Orefici Autorità Portuale di Napoli Napoli Orientale ScpA 9,8% in liquidazione Città del fare ScpA 15,22% (effettuato recesso) Centro Agro Alimentare Napoli ScpA 5,84% Public Digital Factory Spa in liq. 40% ATO Napoli Volturno 2,5% TESS Costa del Vesuvio SpA 9,15% Agenzia promozione risorsa mare ScpA 78,75% Mostra d'oltremare SpA 4,41% Consorzio S.O.L.E. 100% ATO Sarnese Vesuviano 5% Agenzia Locale di Sviluppo dei Comuni dell'area Nolana S.c.p.A. 7,84% Patto territoriale penisola Sorrentina S.c.p.A. 9,57% STOA' Scpa 2,71% Agenzia napoletana energia e ambiente Consorzio Aree Sviluppo Industriale Napoli ACN Srl 30,.00% IG Students Campania Srl in liquidazione A cura di : Direzione Pianificazione Strategica ed Enti Partecipati Aggiornato al 31/01/2012 Pagina 9 di 126

10 SCHEDE SINTETICHE ADVANCED SERVICES UTILITY BUILDING S.p.A. (A.S.U.B.) SOCIAL INNOVATION SERVICES SpA S.A.P.NA. Sistema Ambiente Provincia di Napoli S.p.A COMPAGNIA TRASPORTI PUBBLICI SpA (CTP) Agenzia di Sviluppo dell Area Metropolitana di Napoli S.p.A GESTIONE SERVIZI AEROPORTUALI DI NAPOLI G.E.SA.C SpA AUTOSTRADE MERIDIONALI SpA CEINGE BIOTECNOLOGIE AVANZATE S.C.A.R.L MOSTRA D OLTREMARE SpA CENTRO AGROALIMENTARE NAPOLI CAAN S.C.P.A ACN S.R.L IG STUDENT CAMPANIA SRL in liquidazione TRIANON SpA BAGNOLI FUTURA SpA CITTA DEL FARE S.C.P.A Agenzia Locale di Sviluppo dei Comuni dell Area Nolana S.c.p.A PATTO TERRITORIALE NAPOLI ORIENTALE S.C.P.A in liquidazione TESS SpA PUBLIC DIGITAL FACTORY SPA in liquidazione ENTE D AMBITO SARNESE-VESUVIANO ENTE D AMBITO NAPOLI - VOLTURNO AUTORITA PORTUALE DI NAPOLI CONSORZIO SOLE CONSORZIO PER L AREA DI SVILUPPO INDUSTRIALE DI NAPOLI CONSORZIO ANEA AGENZIA NAPOLETANA PER L ENERGIA E PER L AMBIENTE CONSORZIO Antico Borgo Orefici Patto Territoriale Penisola Sorrentina S.C.p.A Agenzia di promozione della risorsa mare S.C.P.A STOA S.C.P.A FONDAZIONE ENTE LIRICO TEATRO SAN CARLO FONDAZIONE IDIS FONDAZIONE LA COLOMBAIA DI LUCHINO VISCONTI FONDAZIONE PREMIO NAPOLI Pagina 10 di 126

11 FONDAZIONE PREMIO CIMITILE FONDAZIONE ANNALI DELL ARCHITETTURA E DELLE CITTA FONDAZIONE C.I.V.E.S. - ONLUS FONDAZIONE CASTELCAPUANO TEATRO STABILE CITTA DI NAPOLI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA Pagina 11 di 126

12 ADVANCED SERVICES UTILITY BUILDING S.p.A. (A.S.U.B.) Advanced Services Utility Building S.p.A. Capitale sociale: ,00 Euro Partecipazione 100% Sede legale: Via Emanuele Granturco, 31/C- Napoli Direzione competente: Servizi affidati: Direzione Pianificazione Strategica Partecipate attività di monitoraggio-controllo e manutenzione immobili scolastici, manutenzione ed igiene ambientale immobili dell Ente, global service delle sedi dei Servizi per l Impiego Provinciali, tutela Acque Pubbliche, controllo impianti termici e gestione catasto impianti termici, realizzazione impianti fotovoltaici, controllo afflussi utenza scolastica, custodia e portierato sedi della Provincia, vigilanza Bosco Reggia di Portici, videosorveglianza, job center. Dati e notizie Sorta sull iniziativa della PdN e di Italia Lavoro SpA mediante la partecipazione al capitale sociale con una quota rispettivamente del 51 e 49%, la società trae origine dalla crescente esigenza d innovazione gestionale della P.A., orientata sempre più alla terziarizzazione e all'esternalizzazione dei servizi pubblici. Nell'esercizio della sua missione l'azienda ha dato il suo contributo alla lotta alla disoccupazione avvalendosi dei lavoratori socialmente utili (LSU) ai sensi della L.95/95. Per effetto della menzionata disposizione di legge la SpA ha beneficiato di un sistema protetto che le ha consentito di operare per vari anni con affidamenti diretti da parte della PdN e di godere per il passato di sgravi sui contributi dei lavoratori dipendenti. Negli ultimi anni l ASUB acquisendo, sempre di più, il ruolo di multi-utility della PdN, ha portato quest ultima ad acquisire, nel corso del 2006, la quota detenuta dalla società Italia Lavoro SpA, sancendo così nei fatti il nuovo stato di società in house-providing. Nel corso del 2009 le ulteriori modifiche apportate allo statuto societario hanno consentito all ASUB di diventare ente strumentale vero dell Amministrazione Provinciale di Napoli. Il core-business della SpA a seguito soprattutto della possibilità di ricevere affidamenti senza gara è abbastanza eterogeneo. L attività della società spazia dai tradizionali settori delle acque, alle verifiche degli impianti termici, alle ricerche ambientali, alla manutenzione ordinaria e pulizia degli edifici della Provincia, alla manutenzione degli impianti di video-sorveglianza, alla realizzazioneprogettazione del fotovoltaico, alla manutenzione degli impianti solari per la produzione di acqua calda sanitaria. Infine, l attività di call center. Elenco affidamenti esercizi futuri Esercizio Sevizio affidato Area/Direzione di competenza 2012/2013/2014 Verifica impianti termici Tutela della qualità dell aria e dell energia 2012/2013/2014 Tutela attività della Acque Pubbliche Tutela delle acque e delle coste Importo Previsto per esercizio , ,00 Importo definitivo 2012/2013/2014 Manutenzione edifici scolastici Edilizia Scolastica ,00 Pagina 12 di 126

13 Esercizio Sevizio affidato Area/Direzione di competenza Importo Previsto per esercizio Importo definitivo 2012/2013/2014 Manutenzione e igiene ambientale immobile Reggia di Portici 2012/2013/2014 Global service delle sedi dei Servizi per l impiego della PdN 2012/2013/2014 Servizi vari: custodia e portierato, video-sorveglianza, sicurezza Patrimonio ,86 Patrimonio ,00 Politiche del lavoro , /2013/2014 Impianti fotovoltaici Tutela della qualità dell aria e dell energia ,11 Composizione capitale sociale Il capitale sociale dopo la sensibile riduzione subita nel corso del 2010 ammonta ad ,00 ed è composto da n azioni, dal valore nominale di 1,00 cadauna, tutte detenute dalla Provincia di Napoli. Sistema di amministrazione prescelto: tradizionale. La società è amministrata da un Consiglio di Amministrazione mentre l organo di controllo è il Collegio Sindacale che esercita anche il controllo contabile. Norme di funzionamento e finanziamento L acquisizione della quota Italia Lavoro e la variazioni effettuate allo statuto della partecipata, necessarie ad effettuare il controllo analogo, consentono all ASUB di ottenere il riconoscimento di società in-house e di conseguenza usufruire del vantaggio determinato dall affidamento diretto del servizio dell ente locale che non deve, quindi, ricorrere a gara pubblica per la concessione di servizi inseriti all interno dell oggetto sociale. Società soggetta al controllo analogo di cui alle Modalità operative per l esercizio del controllo analogo sulle società partecipate approvate con Deliberazione di Giunta Provinciale 480/2011. Impatto sul bilancio della Provincia come partecipata negli ultimi anni: Esercizio Descrizione della spesa Importo/imp. Importo/liq. Permutazione patrimoniale 1999 Versamento 3/10 del capitale sociale , , Versamento residui 7/ , , Acquisto quota Italia Lavoro SpA , , Ricostituzione del capitale mediante conferimento in natura , Ricapitalizzazione per completa erosione del capitale per perdite: prima sottoscrizione aumento scindibile del c.s , ,00 Analisi di bilancio Situazione economico-reddituale Il bilancio 2010 evidenzia a differenza di quello del 2008 e del 2009 un risultato seppur esiguo ma positivo. Un risultato però che: 1. non rispetta la previsione di quella che doveva essere l evoluzione prevedibile della gestione al 31/12/2010; 2. non produce elementi di tranquillità per la società. Pagina 13 di 126

14 Infatti, in merito al primo punto il management proprio in occasione della delibera assembleare del 27/05/2010, con la quale si disponeva la riduzione del capitale sociale per il ripianamento delle perdite conseguite, prospettava un evoluzione della gestione 2010 con un risultato positivo di , maggiore di quello conseguito, pari ad In effetti si è verificato che la perdita esercizio precedente, riportata nel passivo tra le poste del P.N. del bilancio al 31/12/2010, corrisponde esattamente all utile (di ,00), di periodo della Situazione Economico-Patrimoniale al 31/03/2010 1, utilizzato per la rideterminazione del capitale sociale di ,00. L analisi di alcune poste che compongono il conto economico 2010 mostra un miglioramento rispetto agli esercizi , in special modo per quanto riguarda gli aggregati economici della gestione operativa. All incremento del valore della produzione (passato da del 2009 a nel 2010), c è stato un riscontro positivo con il miglioramento sia del MOL che del risultato operativo, passati da una situazione negativa ad una situazione di avanzo. Tuttavia, emerge che il miglioramento di cui sopra è il risultato dei benefici derivanti dall esecuzione di commesse straordinarie (episodiche), molto lucrative per la società (lavori di edilizia scolastica a misura) che peraltro risentono a differenza delle altre commesse una bassa incidenza del costo del lavoro. Infatti, analizzando il dato relativo al personale emerge un incremento dello stesso rispetto all esercizio precedente nonostante ci sia stata una riduzione dell organico passato da 374 a 354 unità lavorative. Le ragioni di ciò, come noto, sono riconducibili essenzialmente ad una bassa produttività individuale (presenza di personale non abile alle specifiche mansioni), ad un elevata età e all aggravarsi delle condizioni di salute di alcuni lavoratori: tutti elementi che non facilitano una politica di risanamento aziendale. Il costo del personale è nettamente superiore a quello di settore (CCNL metalmeccanici) del 40% circa. Anche se in calo rispetto al 2009, il costo del lavoro cresce in valore assoluto nonostante ci sia stata una riduzione della forza lavoro (da 374 a 354 unità lavorative) con un incidenza di oltre il 60% sul valore della produzione della società. In tale contesto, emerge che la gestione operativa soffre della rigidità della spesa del personale e della spesa per prestazioni servizi2 a cui l azienda è costretta, ancora a far ricorso per assicurare il corretto adempimento degli impegni contrattuali assunti, contraddicendo il suo ruolo di gestione diretta e contravvenendo alla normativa europea laddove l importo complessivo delle esternalizzazioni venisse considerato unitariamente3. Si soprassiede, proprio per l incidenza sul fatturato di ricavi relativi a commesse straordinarie, sia scarsamente indicativo od addirittura fuorviante, per una corretta comprensione dello stato di salute della SpA, dal prendere in considerazione indicatori economici come il ROI ed il ROS. Gestione Finanziaria La gestione finanziaria evidenzia la presenza di oneri finanziari che però sono rimasti nei limiti dei valori canonici: l incidenza degli interessi passivi sul fatturato è pari a 1,05. Situazione economica-extra-caratteristica (accessoria). La società ha concluso la gestione extra-caratteristica con un risultato negativo di euro a cui hanno contribuito sopravvenienze passive per euro e sopravvenienze attive per E regola, nonché buona prassi metodologica, utilizzare per la copertura delle perdite d esercizio, utili certi e non in corso di formazione. L assemblea è sovrana, ma soltanto previa approvazione del bilancio d esercizio, di destinare interamente o parte dell utile conseguito alla copertura di perdite. 2 Di cui non si dispone la composizione. 3 Cfr pag. 2 della Relazione del Collegio Sindacale esercente attività di controllo contabile al bilancio 31/12/2009. Pagina 14 di 126

15 La situazione finanziaria La situazione finanziaria di breve periodo, in calo rispetto a quella del 2009, versa in una condizione di quasi equilibrio. Infatti, la collocazione dell indice di disponibilità e dell indice di liquidità su valori prossimi all unità è segnale che nel breve periodo l azienda a stento riesce a far fronte agli impegni di natura corrente. La situazione finanziaria, tuttavia, come nel 2009, risente dell appesantimento della gestione del circolante, sostenuto in parte dalle anticipazioni bancarie (il cui ricorso, passando da da ad , è aumentato rispetto all esercizio precedente). Inoltre, il maggior fabbisogno di capitale circolante netto è dovuto ad un peggioramento del ciclo commerciale con una riduzione della dilazione media clienti/fornitori (si veda la forbice rappresentata dalla rotazione media dei pagamenti rispetto alla media degli incassi). L indice/grado d indebitamento (dato dal rapporto tra le passività correnti + le passività consolidate ed il capitale netto), pari a 7,78, segnala una dipendenza della situazione finanziaria da medio periodo dell azienda dai finanziatori esterni. La situazione patrimoniale Emerge chiaramente un peggioramento della situazione patrimoniale. Infatti, la ripresa della perdita a nuovo, di cui già si è detto sopra, dopo la riduzione del capitale effettuata nel corso del 2010, contribuisce a consolidare un processo di erosione in atto del patrimonio netto, confermando l immagine di un azienda che è sempre sostenuta dal socio con interventi sul capitale e con la concessione di continue commesse. Il comparto delle immobilizzazioni materiali non ha fatto registrare particolari variazioni degne di nota. L immobile conferito dalla PdN poiché versa in uno stato ancora fatiscente la società ha ritenuto opportuno non procedere anche per questo esercizio all ammortamento. Il comparto delle immobilizzazioni immateriali ha fatto registrare al lordo degli ammortamenti esigui incrementi dovuti a lavori manutenzione straordinaria dei locali in locazione siti in via E.Gianturco 23,23/b e 31/c e all acquisto di un software. Per quello delle immobilizzazioni finanziarie e precisamente per quello relativo alla partecipazione nella Smartway SpA, dopo la messa in liquidazione della società, nel 2006 la società è stata dichiarata fallita dal tribunale, si continua a riportare l importo di (valore nominale della quota di partecipazione) sia tra le voci dell attivo immobilizzato, che nel passivo come accantonamento al f/do rischi. Per quanto concerne, invece, le poste contabili più importanti si citano: - la voce "crediti v/controllanti" di , crediti vantati nei confronti della PdN, di cui con scadenza oltre i 12m; - la voce crediti verso clienti di fa riferimento essenzialmente a crediti nei confronti di clienti terzi (vari comuni); - la voce debiti v/fornitori per euro inerisce a debiti verso fornitori (cfr l importo delle spese per prestazioni servizio) a cui la società è costretta a far ricorso per assicurare lo svolgimento delle attività affidatele. Fatti intervenuti dopo l approvazione del bilancio al 31/12/2010 La società nel 2011 (31/10/2011) è incorsa nella fattispecie disciplinata dall art.2447 del codice civile (patrimonio netto negativo). Pertanto, la Proprietà con delibera del C.P. N. 141 del 29/12/11, nel prendere atto del piano industriale presentato dal management societario ed approvato con atto di Giunta 1160/2011, valutata la prevalenza dell interesse a garantire la regolare esecuzione delle commesse affidate all ASUB SpA, ha autorizzato la ricapitalizzazione scindibile della partecipata Pagina 15 di 126

16 per ,00. Ciò ha comportato per la PdN, quale socio unico della SpA, l adesione alle operazioni, adottate con delibera di assemblea straordinaria, di azzeramento del capitale per perdite e contestuale aumento dello stesso, scisso in due momenti, per ,00 entro il 31/12/2011 ed ,00 successivamente alla presentazione del bilancio trimestrale al 31/03/2012 ed alla verifica del rispetto dei risultati previsti dal piano. Teatro San Carlo Conto economico Valore della produzione Costi di produzione Margine operativo Gestione finanziaria Gestione straordinaria Imposte Risultato netto Stato del patrimonio Attivo Immobilizzazioni Rimanenze Attività Liquide Ratei e risconti attivi Totale Passivo Patrimonio netto Debiti a m.l.t Debiti a b.t Ratei e risconti passivi Totale Indici di bilancio Reddituali ROI 2,45% 1,10% 0,01% ROE 0,13% 0,12% 0,08% Redditività Vendite 64,60% 43,27% 0,34% Rotazione capitale investito 0,44 0,31 0,25 Patrimoniali Margine di struttura Rapporto di solvibilità 0,06 0,05 0,04 Grado di indebitamento 15,91 21,25 26,54 Finanziari Current ratio 0,27 0,16 0,28 Acid test 0,27 0,16 0,28 CCN O.F.Netti/Fatturato 47,66% 31,30% 11,24% Margine autofinanziamento Pagina 16 di 126

17 SOCIAL INNOVATION SERVICES SpA S.I.S. SpA in house-providing Capitale sociale: ,00 Partecipazione: 100% Direzione competente: Servizi affidati: Direzione Pianificazione Strategica Partecipate Guardiania plessi scolastici ed altri siti di proprietà della Provincia di Napoli. Dati e notizie Costituita in data 19 dicembre 2005 per atto del notaio Sabatino Santangelo a seguito di delibera di Consiglio Provinciale n.205 del 29 novembre 2005, a totale partecipazione della Provincia di Napoli, secondo il modello che regola le società in house providing per svolgere i seguenti servizi di rilevanza sociale: attività e servizi ausiliari di vigilanza e sicurezza per le strutture scolastiche; indagine ricognitiva per la mobilità dei diversamente abili ai sensi della legge 104/92; servizio di trasporto e realizzazione di un sistema di mobilità destinato ai soggetti appartenenti a categorie svantaggiate ed ai soggetti diversamente abili; servizio di call-center di sicurezza stradale e le emergenze della viabilità delle strade provinciali. Elenco affidamenti esercizi futuri Esercizio Sevizio affidato Area/Direzione di competenza Importo Previsto per esercizio Importo definitivo / /2013/ Guardiania scolastica Custodia Siti Guardiania Reggia di Portici Patrimonio , ,93 Patrimonio , , /2013/2014 Verifica plessi scolastici, Presidio antincendio Edilizia Scolastica Composizione capitale sociale Il capitale sociale al 31/12/2010 ammonta a ed è composto da n azioni dal valore nominale di 1,00 cadauna. La Provincia di Napoli è unico socio con una quota del 100% del capitale sociale. Sistema di amministrazione prescelto: tradizionale. La società è amministrata da un Amministratore Unico mentre l organo di controllo è rappresentato dal Collegio Sindacale che esercita anche il controllo contabile. Norme di funzionamento e finanziamento Le società in house-providing rappresentano una forma ulteriore di società di capitali introdotta recentemente nella legislazione comunitarie e nella legislazione nazionale. Le società in house differiscono dalle normali società di capitali per alcuni vincoli imposti dal legislatore. - Capitale totalmente pubblico; - Controllo dell ente/i proprietario/i analogo a quello esercitato dal medesimo/i sui propri servizi; Pagina 17 di 126

18 - Realizzazione della parte più importante (prevalente) dell attività a favore dell ente/i proprietario/i. - Società soggetta al controllo analogo di cui alle Modalità operative per l esercizio del controllo analogo sulle società partecipate approvate con Deliberazione di Giunta Provinciale 480/2011. Impatto sul bilancio della Provincia: Esercizio Descrizione spesa di gestione Descrizione spese d investimento Importo/imp. Importo/liq Versamento del capitale sociale , , Trasferimento straordinario per copertura perdite al 30/09/ Ricapitalizzazione per completa erosione del capitale sociale per perdite 2011 Trasferimento corrente per esodo incentivato dipendenti , , , , ,00 Analisi di bilancio Situazione economico-reddituale L esercizio chiusosi al 31/12/2010 riporta un risultato negativo pari ad euro originato essenzialmente da una gestione caratteristica deficitaria. Infatti, da un analisi delle poste reddituali più significative, così come dimostrano i grafici sotto riportati, emerge un ulteriore incremento dei costi di produzione rispetto ad un curva dei ricavi di produzione, in miglioramento rispetto al dato 2009 ma non sufficiente a coprire l aumento più che proporzionale dei costi. Il fatturato, rappresentato da servizi commissionati dalla PdN, è passato da del 2009 a del Tab.1 Andando a disaggregare le varie voci che compongono i costi di produzione è possibile notare (cfr tab.2), un andamento delle curve complessivamente in calo, nel triennio , tranne per la curva relativa alle spese del personale che per il triennio in esame ha evidenziato un continuo aumento. La collocazione delle spese del personale su valori alti (incidenti per circa il 99,40% sul valore della produzione), dovuta essenzialmente all ampliamento dell organico passato da 164 unità lavorative a tempo indeterminato nel 2008 (170 unità nel 2009) a 174 nel 2010 ed ai miglioramenti per passaggi di categoria e di merito dei dipendenti, denota una situazione di perdita strutturale. Pagina 18 di 126

19 Tab.2 Di conseguenza l aumento complessivo dei ,00 costi non contrastato da un adeguato aumento dei ricavi ha precluso alla SpA ogni pos ,00 sibilità di concludere l esercizio con un risultato positivo. Infatti, al risultato già nega , ,00 tivo conseguito dalla gestione caratteristica del 2009 si è aggiunto quello relativo ,00 all ultimo esercizio conclusosi con un ulteriore peggioramento (R.O. 2009: ; ,00 R.O. 2010: ). La consistenza della ,00 perdita patita dalla gestione operativa è stata tale da non consentire agli utili conseguiti ,00 dalla gestione finanziaria ed extracaratteristica un ribaltamento del risultato finale del conto economico. L esercizio Consumi m.p con l iscrizione di oneri tributari per Servizi si è chiuso con una perdita complessiva di Pertanto, tutti gli indi- Beni di terzi Personale ci di redditività maggiormente significativi (ROI e ROS), son rimasti collocati come nel 2009 su valori negativi (ROI-25,62%; ROS-12,00%). La situazione finanziaria Tuttavia, la situazione finanziaria è da considerarsi ancora buona. Gli indici finanziari maggiormente significativi current ratio ed acid test, collocati su valori al di sopra dell unità, evidenziano un miglioramento rispetto al 2009 (da 1,83 a 2,13). Soddisfacente si presenta il valore assunto dal capitale circolante netto in relazione all ammontare dei debiti correnti. Infine, ancora accettabile si evidenzia l indice d indebitamento, pari a 1,05. La situazione patrimoniale La situazione patrimoniale evidenzia un incremento in termini relativi del patrimonio netto al 31/12/2010, rispetto a quello al 31/12/2009, dovuto non ad una migliore gestione e/o conduzione aziendale bensì ad un conferimento di denaro, di , effettuato nel corso del 2010 da parte della proprietà, a copertura delle perdite conseguite dalla società sino al 30/09/2010 nei modi in appresso meglio specificati: - perdita a nuovo: ; - perdita 01/01/ /09/2010: ; - utilizzo parziale degli utili esercizi precedenti di per 2.316; - imputazione degli utili residui esercizi precedenti ( 9.691) al F/Riserva con incremento di quest ultimo da 140 ad Il trasferimento a copertura delle perdite sopra menzionato è servito esclusivamente ad evitare alla società il pericolo di incorrere nella fattispecie di cui dall art. 2446, comma 1 del codice civile (diminuzione del capitale di oltre un terzo in conseguenza di perdite). Pericolo scampato temporaneamente e non definitivamente. Pagina 19 di 126

20 Per quanto concerne, infine, le poste che compongono lo stato patrimoniale non si riferiscono problemi sulla loro chiarezza ed intelligibilità. Si segnalano soltanto alcune variazioni più significative: le variazioni evidenziate dalle immobilizzazioni immateriali comprendono incrementi per ed ammortamenti per ; le variazioni evidenziate dalle immobilizzazioni materiali comprendono incrementi per ed ammortamenti per ; la voce crediti v/controllanti rappresenta il debito della PdN verso la società per servizi ricevuti e fatturati ma pagati nei primi mesi del 2011; la voce ratei passivi inerisce, così come nel 2009, ai ratei della 13 e 14 mensilità dei lavoratori dipendenti in carico al 31/12/2010; il TFR invece, presenta un valore al netto di aumenti per euro pari all accantonamento del TFR relativo all esercizio 2010 e di diminuzioni per euro quali anticipi a dipendenti e trasferimenti alla previdenza complementare così come previsto dalla normativa vigente in materia. Fatti intervenuti dopo l approvazione del bilancio al 31/12/2010 La società nel 2011 (30/11/2011) è incorsa nella fattispecie disciplinata dall art.2447 del codice civile (patrimonio netto negativo). Pertanto, la Proprietà con delibera del C.P. N. 140 del 29/12/11, nel prendere atto del piano industriale presentato dal management societario ed approvato con atto di Giunta 1159/2011, valutata la prevalenza dell interesse a garantire la regolare esecuzione delle commesse affidate alla SIS SpA, ha autorizzato la ricapitalizzazione della partecipata per ,00. Ciò ha comportato per la PdN, quale socio unico della SpA, l adesione alle operazioni di azzeramento del capitale per perdite e contestuale ricostituzione dello stesso per un importo massimo pari a quello previsto per il minimo legale ( ,00), adottate con delibera di assemblea straordinaria dei soci del 30/12/2011. Pagina 20 di 126

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli