Risultati indagine Il mondo corporate: sfide, tendenze, linguaggi, aspettative nella gestione degli eventi e dei congressi?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risultati indagine Il mondo corporate: sfide, tendenze, linguaggi, aspettative nella gestione degli eventi e dei congressi?"

Transcript

1 Risultati indagine Il mondo corporate: sfide, tendenze, linguaggi, aspettative nella gestione degli eventi e dei congressi? Novembre 2013

2 Cisalpina Research Il campione di riferimento è rappresentato esclusivamente da aziende italiane. L intento è quello di fotografare, in modo certo e puntuale, il nostro mercato di riferimento senza gli inquinamenti generati dall adozione di dati sovranazionali. L indagine Eventi e Congressi: nuove sfide, linguaggi e tendenze Cisalpina Research, il centro studi di Cisalpina Tours, ha condotto un indagine in collaborazione con MPI Italia Chapter nel periodo di settembre-ottobre L obiettivo è stato quello di esplorare le tendenze nel mondo degli eventi in Italia e comprendere come le aziende si stanno muovendo in questa fase di rinnovamento. Il target di riferimento sono stati i Corporate Event Manager, Cisalpina Tours è la Travel Management Company (TMC) italiana leader nel settore Business Travel. Presenti sul mercato da oltre 40 anni, siamo una delle più importanti realtà del settore per dimensioni, fatturato, copertura territoriale e servizi offerti. L impegno nei confronti dei nostri Clienti è quello di implementare e migliorare nel continuo le strategie atte a ridurre la spesa relativa ai viaggi di lavoro, assicurando al contempo la sicurezza e la qualità dei viaggi stessi, in un ottica di gestione globale della materia che s estende alla corporate social responsibility e al concetto di mobilità integrata. La nostra volontà si concentra sull individuazione di trend e situazioni, tipiche e reali, con cui le aziende italiane si confrontano operativamente e gestionalmente. Marketing Manager e chi all interno della propria organizzazione si occupa della gestione degli eventi aziendali. La ricerca si è svolta su base web attraverso domande a risposta multipla e hanno partecipato Event Report e Secretary.it in qualità di media partner. Benvenuti in Cisalpina Research Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari. Le indagini di Cisalpina Research hanno come primo elemento di unicità quello di fotografare esclusivamente il mercato italiano, in maniera obiettiva e puntuale e con un campione molto ampio costituito dalle aziende del customer database di Cisalpina Tours. Ogni survey dà, quindi, voce e possibilità di confronto sui temi di maggiore attualità ai travel e event manager, responsabili acquisti e risorse umane di aziende italiane di ogni settore e dimensione, che rappresentano una fetta significativa dell articolato tessuto economico nazionale.

3 I risultati della ricerca La ricerca Il mondo corporate: sfide, tendenze, linguaggi, aspettative nella gestione degli eventi e dei congressi è stata condotta da Cisalpina Research, in collaborazione con MPI Italia Chapter, via web con domande a risposta multipla nel mese di settembre - ottobre 2013 su un campione di oltre 500 aziende italiane di medie e grandi dimensioni coinvolgendone in particolare tutti i soggetti che al loro interno si occupano di eventi aziendali (Corporate Event Manager, Marketing Manager, Assistenti di direzione ecc..). L obiettivo della ricerca è quello di esplorare le tendenze nel mondo degli eventi in Italia e comprendere come le aziende si stanno muovendo in questa fase di cambiamento. La continua mutazione dei mercati, infatti, fa emergere nuove tendenze e pone di conseguenza nuove sfide anche nel settore MICE: meeting, incentive, convention ed eventi risultano aver subito diversi cambiamenti negli ultimi anni. Ma in che direzione stanno andando questi cambiamenti? Esistono nuovi approcci alla gestione degli eventi corporate? Quali sono gli aspetti strategici che le aziende stanno tenendo in considerazione per il prossimo futuro? Attraverso questa ricerca abbiamo voluto dare risposta a questi interrogativi e, in ultima istanza, comprendere la valenza strategica degli eventi all interno delle organizzazioni e quali esigenze prioritarie essi abbiano nella vita aziendale; infine per la prima volta sul mercato, indagare le aspettative nei confronti di planner e supplier. In un mercato tanto complesso e articolato come quello del MICE, in cui le parole chiave dovrebbero essere ordine e precisione, il primo dato a stupire è la confusione di ruoli e competenze nell organizzazione degli eventi aziendali; sono davvero tante le figure professionali e le funzioni aziendali coinvolte: dal Responsabile Vendite e Marketing alla segreteria di Direzione, dal Responsabile Comunicazione all Ufficio Acquisti, dalle Risorse Umane al CEO. Non sembrano esserci delle figure predominanti né, tanto meno, persone con una formazione professionale specifica e settoriale. Manca, o comunque risulta essere molto scarsa, infatti, la diffusione della figura del Meeting Planner - Event Manager aziendale. Solo l 11% delle aziende intervistate ha infatti dichiarato di affidare Confusione di ruoli e competenze nell organizzazione degli eventi aziendali; una miriade le figure professionali e le funzioni aziendali coinvolte. Solo l 11% delle aziende intervistate ha dichiarato di affidare l organizzazione dell evento al Corporate Event Manager

4 l organizzazione dell evento a questa figura professionale che dovrebbe essere, a rigore di logica, l attore principale del processo completamente e attivamente impegnato nella progettazione e nel coordinamento puntuale di tutti i fattori in gioco e in grado, così, di generare il massimo valore da e per l evento. Come se già non bastasse la pluralità dei soggetti coinvolti, a complicare la situazione si aggiunge, poi, il fatto che a prendere le decisioni finali sia in ultima istanza una terza parte; di solito le decisioni finali sono affidate al Top Management come ad esempio Presidente, Amministratore Delegato e Direttore Generale. Figure di tutto rispetto, professionalità e competenza certo ma che, non avendo partecipato concretamente e fisicamente alle varie fasi del processo, non sono pienamente a conoscenza di tutte le dinamiche ed esigenze relative all evento, essenziali per prendere decisioni ponderate ed efficaci, cadendo così talvolta nel rischio di fare delle scelte solo sulla base di percezioni personali. In sintesi, linguaggi diversi o obiettivi non pienamente concordati, non consentono di realizzare il pieno successo di un evento. Tutto ciò genera situazioni interne problematiche, quali ad esempio confusione di ruoli e mansioni, gestione frammentata e improduttiva, processi decisionali lunghi e faticosi. Questi ultimi si sono rilevati una spia di un altro aspetto molto interessante: una cultura del mondo MICE profondamente radicata nella tradizione, conservatrice e poco incline a deviazioni di rotta significative. Data la natura di filiera, cioè intersettoriale, del MICE, si è indotti a temere che fenomeni simili si ripetano anche nei reparti core delle aziende. Per cui è verosimile che l affannosa ricerca del risparmio-sempre-e-comunque intacchi, potenzialmente spesso, la caratura tecnica delle decisioni, ingenerando un pericolosissimo circolo vizioso impattante con violenza a livello macroeconomico. gestione frammentata e improduttiva, processi decisionali lunghi e faticosi

5 Questa situazione si inserisce, infatti, in una fase di congiuntura economica che certamente non agevola e non alleggerisce i processi, anzi Non a caso, tra le difficoltà principali da fronteggiare nella realizzazione degli eventi, emerge con una percentuale superiore al 40% l esiguità dei budget messi a disposizione che risultano inappropriati, richiedendo alle agenzie di eventi di trovare sempre più frequentemente soluzioni originali e creative a basso impatto economico. A tale proposito va sottolineato il 41% che invoca la necessità di combinare qualità coi budget ridotti. Il concetto, in apparenza scontato, paga un forte pegno all assoluta indeterminatezza del termine qualità, che è eminentemente soggettivo e dietro il quale potrebbe celarsi l alibi con cui, in fondo, la si dà sempre vinta alla bottom line punto e basta. Un sospetto, questo, che parrebbe avallato dall ambiguità delle risposte sui criteri di selezione dei vendor. Il 33% si richiama alla professionalità, il 18% all innovazione e alla creatività delle idee, il 23% all affidabilità. Ma questi termini non sono forse l uno sinonimo degli altri? Che differenza passa tra professionalità e affidabilità? E si può essere al contempo creativi, innovativi e non professionali? Ovviamente no. E allora? Altrettanto numerose risultano essere le difficoltà esterne: su tutte spicca la scarsa conoscenza, in Italia, degli standard internazionali che disciplinano e istituzionalizzano il settore del MICE. Questa è una lacuna davvero pesante perché, in un mercato che diventa sempre più complesso e articolato, l esistenza di linee guida e standard che specifichino ruoli, competenze, skills, ma anche modalità e regole, non solo è importante ma risulterebbe addirittura fondamentale e irrinunciabile per garantirsi la buona riuscita dell evento. Esse, infatti, affrontano e chiarificano ogni aspetto di ciascuna fase di cui si compone un evento, fornendo la garanzia di non lasciare nulla al caso. Non solo, la profonda conoscenza delle stesse potrebbe, forse, essere l unica garanzia di qualità del processo e del servizio in quanto garantiti dal Convention Industry Council (CIC). Tra le difficoltà principali da fronteggiare nella realizzazione degli eventi emerge con una percentuale superiore al 40% l esiguità dei budget messi a disposizione che risultano inappropriati.

6 Particolarmente difficile è risultato essere, inoltre, il rapporto con i fornitori finali; a venir meno, secondo gli intervistati, sarebbe l approccio tailor made. Molto probabilmente, tale aspetto è venuto un po a mancare in conseguenza di un accorciamento dei tempi di programmazione degli eventi insieme con l aumento delle richieste di preventivo da più agenzie per singolo evento. Disorientati da questi vincoli i fornitori hanno utilizzato come escamotage quello di fornire risposte standardizzate e format, magari anche evoluti, ma che non risultano in linea con le richieste e gli obiettivi espressi dall azienda committente. Sentendosi poco comprese le aziende stesse, al loro interno, cercano di trovare le soluzioni più adeguate e sicure per garantire il buon esito dell evento: tra queste, di primaria rilevanza pare essere un buon brief completo e dettagliato. Ben il 31% ha dichiarato che solo da brief chiari, semplici, ma completi e dettagliati in tutti i possibili particolari si potranno ottenere risultati soddisfacenti e in linea con le proprie effettive richieste. Altro aspetto su cui le aziende si concentrano per raggiungere i massimi livelli è il Meeting design, ossia la pura progettazione del meeting: la sua ideazione e organizzazione realizzata passo dopo passo con l intento di creare il giusto mix di forma e contenuto opportuni ed efficaci per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Da un buon Meeting design deriveranno il miglioramento di tutta una serie di attività collaterali ma quanto mai importanti quali, ad esempio, chiarezza nel raggiungimento degli obiettivi, integrazione nelle attività di comunicazione, maggiore interazione tra i partecipanti e, soprattutto, un significativo e sicuro ritorno sull investimento. Proprio quest ultimo risulta difficile se non addirittura impossibile da misurare in maniera puntuale spesso a causa di scarsa chiarezza nel raggiungimento degli obiettivi, di mancanza del giusto dialogo tra coloro i quali partecipano all organizzazione dell evento, in sintesi a causa del venir meno di tutto quel lavoro di Meeting design. Scarsa conoscenza, qui in Italia, degli standard internazionali (33%) che disciplinano e istituzionalizzano il settore del MICE. Particolarmente difficile è risultato essere, anche, il rapporto con i fornitori finali; a venir meno secondo i nostri rispondenti sarebbe l approccio tailor made.

7 Complicato, quindi, capire se le energie investite per la realizzazione dell evento sono state ben incanalate o potevano esserci margini di miglioramento. Non a caso la misurazione dell impatto generato dall evento e la ricerca continua dell ottimizzazione è stato segnalato come uno dei punti su cui le aziende pongono maggior peso strategico. Chiaramente non è l unico: i punti di focalizzazione strategica da parte delle aziende sono diversi (raggiungimento degli obiettivi, riduzione dei costi, coinvolgimento dei partecipanti, focus e rafforzamento della comunicazione). Relativamente all aspetto del focus e del rafforzamento della comunicazione, dalla ricerca è emersa una considerazione molto interessante, ossia, il fatto che venga percepito come fattore strategico non solo ad oggi ma anche per il futuro. Ben il 52% ritiene essenziale il rafforzamento degli strumenti di comunicazione e informativi. Comunicare per farsi conoscere, comunicare per instaurare il contatto e, infine, comunicare per entrare nei cuori. D altronde ogni evento cos altro è, o potrebbe essere, se non relazione. A confermare questa tesi due elementi: da una parte le aziende vedono il ruolo delle agenzie di pianificazione e organizzazione di eventi nel futuro più coinvolte nella comunicazione, dall altra hanno una idea precisa del ruolo giocato e la frequenza dell utilizzo di tecnologie e di processi automatizzati nell organizzazione di un evento. Nonostante ci sia piena consapevolezza del fatto che la tecnologia stia avanzando stabilmente, tutti sono fermamente convinti che questa non potrà mai sostituire gli eventi live e l incontro reale fra le persone. Eventi virtuali e ibridi, webseminar, trasmissioni in streaming aiutano certamente ad ampliare la portata del messaggio, a distribuirlo più capillarmente, a velocizzare e semplificare processi. Tuttavia non sostituisce la straordinaria valenza di comunicazione, di costruzione di relazioni, di apprendimento e di business che comporta la partecipazione a un evento reale. Non a caso le tecnologie più utilizzate sono comunque quelle che facilitano l interazione. Le aziende italiane si concentrano sempre più sul Meeting Design per raggiungere gli obiettivi prefissati. La misurazione dell impatto generato dall evento e la ricerca continua di un suo miglioramento è stato segnalato come uno dei punti su cui le aziende pongono maggior peso strategico.

8 Infine, per guardare al prossimo futuro e cominciare a immaginare i possibili scenari che si prospettano nel mondo del MICE italiano, abbiamo cercato di indagare le nuove tendenze e le strade che verranno intraprese e perseguite. Dalla ricerca emerge che ci sarà sicuramente un nuovo approccio e un nuovo modo di intendere la logistica. Si ha sempre più la percezione, infatti, che la logistica sia qualcosa di molto più complesso che la semplice scelta del luogo appropriato, piuttosto che del giusto catering, e che sia sicuramente un processo che dev essere gestito non singolarmente ma, al contrario, in modo assolutamente corale. Insomma, logistica come il processo di tutte quelle attività di pianificazione (strategia), implementazione, gestione e controllo dei contenuti, dei servizi, delle risorse umane (dallo staff ai partecipanti, agli stakeholders) e della comunicazione relativi all evento. Infine, ci si aspetta che in futuro gli eventi saranno sempre più caratterizzati da un anima verde. Il tema della sostenibilità, nonostante una buona parte degli intervistati abbia dichiarato di non averne conoscenza approfondita, risulta, infatti, essere un elemento di crescente attenzione nella realizzazione degli eventi. In ogni caso ciò che è emerso è che tale attenzione è per lo più indirizzata alla scelta di materiali eco-compatibili, mentre risultano ancora scarsamente valutati aspetti parimenti importanti quali, ad esempio, la capacità di calcolare la CO2 complessivamente generata per la realizzazione di un evento e, conseguentemente, la possibilità di attivare azioni di compensazione adeguate. Questo indurrebbe a far pensare che la sostenibilità venga concepita ancora come un trend da seguire senza la giusta consapevolezza del perché e dei risvolti, piuttosto che come strategia integrata nel Meeting design dell evento che potrebbe portare risparmi e incidere efficacemente sul budget. In futuro le aziende vedono il ruolo delle agenzie di pianificazione e organizzazione di eventi più coinvolte nella comunicazione (34%) piuttosto che nella semplice logistica (9%). Gli eventi saranno sempre più caratterizzati da un anima verde (35%) e si sente l esigenza del ritorno ai meeting face to face (26%).

9 Dettaglio risultati Quali eventi vengono più frequentemente organizzati dalla sua azienda? La prima domanda ha avuto l obiettivo di indagare quale tipologia di eventi è più frequentemente organizzata dalle imprese. I dati raccolti evidenziano che gli eventi Corporate, quali Meeting interni, celebrazioni, ricorrenze ecc.. rappresentano oltre il 40% della tipologia di eventi. A seguire gli eventi B2B che rappresentano circa il 30% ( di cui i viaggi incentive con un 10% e i congressi, convegni e convention con il 22%) Tra gli eventi B2C i viaggi Incentive e Road Show sono equiparati con un 10% circa, mentre i lanci di prodotto e gli eventi sociali sono più ridotti.

10 Quanti eventi realizza la sua azienda mediamente in un anno? Sulla frequenza indagata le aziende che realizzano da 1 a 5 eventi all anno rappresentano la maggioranza con un valore registrato del 43%. La restante parte ha dichiarato di realizzare più di 5 eventi all anno e tra queste il 30% più di 10.

11 Quali sono le figure in azienda coinvolte ed impegnate nella pianificazione, gestione e organizzazione di un evento? Responsabili Marketing (20%) e Assistenti di direzione (19%) sembra si contengano il primato della gestione e organizzazione dell evento. Analizzando però il dettaglio sulla frequenza degli eventi, rileviamo che le assistenti di direzione sono impegnate nelle aziende che realizzano meno di 5 eventi all anno. Mentre il Responsabile Marketing è la figura maggiormente coinvolta in azienda quando il numero di eventi è superiore a 10, arrivando quindi ad una percentuale superiore al 25% In generale i Responsabili della Comunicazione sono coinvolti nel 18% dei casi. Mentre più limitata la figura del Meeting Planner aziendale (probabilmente perché figura esclusiva meno frequente nelle organizzazioni). gestione dell evento. Questi ultimi su una frequenza di eventi superiore a 10 all anno passano dal 10% al 15%. Più limitato il ruolo degli uffici acquisti e delle direzioni generali (8%). I Anche i Responsabili delle risorse umane sono impegnati nella

12 Chi avalla il loro lavoro? La tendenza per quanto riguarda la decisione finale della realizzazione di un evento sembra essere riservata alle figure Top aziendali quali Presidente, Amministratore delegato e Direttore Generale. Anche nel ruolo decisionale le direzioni acquisti sembrano avere un ruolo più limitato alla pari delle direzioni marketing dove essi non superano il 4%. Un dato interessante emerso dall analisi della tipologia di evento fa emergere che il Top Management ( Amministratore Delegato, Presidente e Direttore Generale) è principalmente coinvolto per gli eventi Corporate ( 70%) mentre la figura del direttore Marketing entra in gioco quando l evento è di carattere B2B ( oltre il 40%).

13 Quali sono le problematiche interne con cui si confronta quotidianamente e che maggiormente influiscono sulla qualità del suo lavoro? La necessità di combinare qualità con budget ridotti è la motivazione più frequente tra le problematiche interne registrate (40%) vincoli relativi a travel policy blindate così come fornitori prefissati che in qualche modo possono limitare la capacità di scelta e validazione interna. Un elemento di interesse riguarda la carenza di organizzazione interna sulla gestione degli eventi. Infatti il 13% degli intervistati ha imputato come problematica interna la sovrapposizione di ruoli e delle diverse funzioni aziendali nell organizzazione delle attività. Carenza di organizzazione o semplicemente di comprensione (10%) dei ruoli ha messo in risalto anche processi decisionali interni molto lunghi (10%), affiancati da una generale incertezza del mercato e dell andamento delle aziende. Infine dato emerso per lo più per le aziende che realizzano più di 10 eventi all anno- limitanti risultano i

14 Quali sono le problematiche esterne con cui si confronta quotidianamente e che maggiormente influiscono sulla qualità del suo lavoro? Il MICE in Italia lamenta nel 33% dei casi una forte carenza delle conoscenze degli standard internazionali. Interessante invece come le aziende vedono il rapporto con i fornitori. Il 24% lamenta risposte tardive, mentre il 15% considera i fornitori poco flessibili o non capaci di ascoltare i clienti (12%) Nelle opzioni di risposta libera è frequentemente emersa la scarsa capacità propositiva e creativa dei fornitori, che si limitano spesso ad un rapporto basato solo sul prezzo/costo di quanto offerto. Le aziende lamentano quindi una generale insoddisfazione delle relazioni con i fornitori finale del servizio, considerandoli nel 6% dei casi addirittura inadeguati.

15 Quali delle seguenti strategie utilizzate nella vostra organizzazione per assicurare il buon esito dell'evento? La stesura di un brief dettagliato è per le aziende italiane uno degli elementi irrinunciabili per assicurarsi il buon esito dell evento. Anche il tema della condivisione interna (17%), così come il maggiore coinvolgimento del management (19%) nelle definizioni degli obiettivi risultano essere tra gli obiettivi principali. La parte di analisi e reporting quali l esperienza sugli eventi passati o attraverso il monitoraggio periodico con frequenti audit rappresentano complessivamente il 30% circa.

16 Negli ultimi due anni quale è stata la principale sfida affrontata nella gestione degli eventi? Sicuramente il momento contingente e la crisi economica hanno giocato un ruolo fondamentale negli eventi. Infatti oltre il 43% degli intervistati ha dichiarato che si è dovuto confrontare con budget sempre più ridotti. Un elemento di attenzione registrato riguarda invece la percezione da parte degli intervistati sulla cultura aziendale: il 26% ha dichiarato che quest ultima è particolarmente conservativa e che ha quindi influito sulla capacità di innovazione e cambiamento anche come sola reazione alla crisi.

17 Scelga tra le seguenti opzioni quelle su cui la sua azienda pone un maggior peso strategico per la gestione di un evento Tre risultano gli aspetti fondamentali su cui le aziende pongono un maggior peso strategico: raggiungimento degli obiettivi prefissati (26%), Riduzione dei costi (19%) e Coinvolgimento dei partecipanti (17%). Pari importanza sembrano avere altri aspetti secondari quali ad esempio la logista dell evento e l aumento del ROI.

18 In Azienda quali sono attualmente le due esigenze prioritarie nella pianificazione e organizzazione di un evento? Quasi in parallelo camminano la necessità di fissare obiettivi SMART (24%) e il bisogno di trovare contenuti e format più innovativi. La ricerca evidenza quindi che un buon Meeting Design favorisce di conseguenza tutti gli aspetti correlati quali le attività di comunicazione, l aspetto relazionale creando così un significativo ritorno dell investimento.

19 Secondo quali criteri vengono selezionate le agenzie a cui affidare l'evento? Professionalità è la parola d ordine per la scelta della agenzia. Il 33% degli intervistati l ha infatti indicata come il criterio base per la sezione di una agenzia di eventi. Alla professionalità si affianca la capacità di realizzazione. Con un 23% le aziende confermano la necessità di avere un buon partner in grado di saper tradurre nel concreto tutte le esigenze. Solidità e concretezza ma anche creatività. Quest ultima infatti si va ad aggiungere tra gli elementi di maggiore attenzione con un 18%.

20 Quanto sono state utilizzate in percentuale - sul totale degli eventi dello scorso anno - le Video Conference, Streaming, App, Social Network per la gestione del Pre - Durante e Post Evento In Italia Video Conference e Social network sono ancora poco utilizzate. Infatti il 57% degli intervistati ha dichiarato che nel corso dell ultimo anno ne ha usufruito meno del 20%. E interessante notare che tra i rispondenti che hanno dichiarato di utilizzarle sempre, figurino solo aziende che realizzano più di 10 eventi all anno.

21 Su quale elemento vi concentrerete nel prossimo futuro per coinvolgere i partecipanti? Qui sembra non esserci nessun dubbio: la comunicazione e gli strumenti correlati la fanno da padrona con oltre il 50%. Rispetto al passato le aziende sembrano voler fare più utilizzo dei social media e sistemi tecnologici ( 22%). Anche tutta la parte di analisi post evento rappresenta complessivamente il 13%, mentre il restante 13% vuole focalizzarsi sulle esigenze e bisogni dei partecipanti per essere certi di realizzare un evento di sicuro appeal per i propri partecipanti.

22 Come immagina il ruolo delle agenzie di pianificazione e organizzazione di eventi nei prossimi anni? Meno logistica (9%) e più comunicazione (34%) determineranno il futuro delle agenzie di eventi nei prossimi anni. Competenza, professionalità e specializzazione sono inoltre gli aspetti che le aziende continueranno a ricercare (31%). Gli intervistati sembrano dare sempre più importanza anche al ruolo della consulenza. Il 25% ha dichiarato di volersi affidare in futuro a chi sarà in grado di supportarli nella definizione e valutazione dei criteri di misurazione di un evento.

23 Nella sua azienda quali sono gli aspetti già automatizzati nella gestione degli eventi? Sebbene sia opinione comune che le aziende possano migliorare e semplificare i processi organizzativi e gestionali di un evento, oltre che offrire ai partecipanti un esperienza più interattiva, risultano ancora pochi gli aspetti già automatizzati nella gestione degli eventi. software di registrazione: in questo modo, i partecipanti potrebbero ricevere informazioni o materiali personalizzati in linea con le loro preferenze. Solo il 34% è legato al Calendario degli eventi, mentre il 22% al Budget Management. Reporting ed integrazione con i sistemi aziendali non sono ancora automatizzati e questo potrebbe tradursi nella difficoltà di monitorare in modo puntale le spese legate all organizzazione degli eventi. Inoltre le aziende italiane sembrano ancora distanti dalla possibilità di avere strumenti che collegano i dati del CRM con i

24 I nuovi trend internazionali sembrano essere i seguenti. Qual è per lei il più strategico? Nel mondo MICE gli eventi sostenibili rappresentano un elemento di particolare attenzione nella gestione degli eventi. Al ritorno dell esigenza dei meeting face to face (26%) si affianca la necessita dell utilizzo di tecnologia interattiva in grado appunto di favorire la percezione di contatto e vicinanza tra i partecipanti all evento.

25 L'opinione pubblica è sempre più consapevole e attenta alle pratiche di sostenibilità. In quale modo gli eventi della sua azienda rispondono a questa esigenza? Se il tema della sostenibilità è diventato oggi per il mondo MICE un aspetto di attenzione, è anche vero però che sembra essere ricercato principalmente nell utilizzo di materiali eco compatibili (33%). Sottovalutando invece altri aspetti parimenti importanti come la capacità di analizzare un evento anche sotto il profilo del calcolo della CO2 complessivamente generata che consente poi di strutturare le forme di compensazione più adeguate. Tra le risposte aperte oltre il 17% degli intervistati è consapevole di non avere le adeguate conoscenze sul tema e preferisce pertanto appoggiarsi ad organizzazioni specializzate sui temi della sostenibilità

26 Riferimenti Cisalpina Research Rosemarie Caglia Responsabile Marketing Business Travel Cisalpina Tours S.p.A. C.so Moncenisio 41 (S.S. 25) Rosta (TO) Ricerche disponibili: Un nuovo modo di viaggiare in treno Le aziende e la mobilità sostenibile Travel Management of Tomorrow ricerca internazionale Hotel Dinamici

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

L importanza del meeting planner

L importanza del meeting planner L importanza del meeting planner Per molti manager l ecosostenibilità è un tema strategico, ma sono pochi quelli che si attivano per il calcolo e la relativa compensazione delle emissioni di CO 2 generate

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

MICE MeetingIncentiveConventionEvents

MICE MeetingIncentiveConventionEvents MICE MeetingIncentiveConventionEvents 1 La nostra storia, Con i suoi oltre 40 anni di attività Cisalpina Tours è una delle agenzie protagoniste della storia dell industria degli eventi italiani, che ha

Dettagli

Green Events and d M e M e e t e i t n i gs

Green Events and d M e M e e t e i t n i gs Green Events and Meetings Cisalpina Research Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours nel 2011 per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi e degli eventi

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi INTRODUZIONE I risultati che riportiamo nelle pagine seguenti

Dettagli

KNOW HOW E PROFESSIONALITA PER MEETING ED EVENTI NEL SETTORE HEALTHCARE

KNOW HOW E PROFESSIONALITA PER MEETING ED EVENTI NEL SETTORE HEALTHCARE KNOW HOW E PROFESSIONALITA PER MEETING ED EVENTI NEL SETTORE HEALTHCARE Specializzati in ambito Healthcare, per vocazione e per scelta Da anni, CWT Meetings & Events opera da leader a supporto dei maggiori

Dettagli

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel Master in Management degli Eventi Turismo Congressuale e Incentive Travel Il Master patrocinato da Federcongressi&Eventi e MPI è il più importante in Italia per la formazione di giovani professionisti

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

Corso di formazione in Business Travel & Mobility Management

Corso di formazione in Business Travel & Mobility Management Corso di formazione in Business Travel & Mobility Management Travel for business Business Travel & Mobility Management: gestire le politiche di viaggio per contribuire al successo delle aziende. In un

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel

Master in. Management degli Eventi. Turismo Congressuale e Incentive Travel Master in Management degli Eventi Turismo Congressuale e Incentive Travel Il Master è stato progettato e strutturato sullo standard dei requisiti professionali approvati da Federcongressi & Eventi e MPI

Dettagli

IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011

IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011 IL MERCATO DEGLI EVENTI 2011 Investimenti e comportamenti di acquisto delle aziende italiane ed europee Realizzato da: Patrocinato da: & Media partner: Le Aziende principali protagoniste del mondo degli

Dettagli

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5

Che cosa è la semplificazione? 3. Come è possibile semplificare? 4. Quali sono le proposte della Commissione? 5 Commissione europea Semplificare la politica di coesione per gli anni 2014-2020 Indice Introduzione 2 Che cosa è la semplificazione? 3 Come è possibile semplificare? 4 Quali sono le proposte della Commissione?

Dettagli

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner 1 L Azienda Profilo Aziendale Un orologio, che con i suoi meccanismi interni permette di unire le energie di più elementi per raggiungere

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. SINERGIE nasce nel 2000 ed é un azienda leader sul mercato italiano MICE (Meeting, Incentive, Congressi, Eventi).

PROFILO AZIENDALE. SINERGIE nasce nel 2000 ed é un azienda leader sul mercato italiano MICE (Meeting, Incentive, Congressi, Eventi). PROFILO AZIENDALE SINERGIE nasce nel 2000 ed é un azienda leader sul mercato italiano MICE (Meeting, Incentive, Congressi, Eventi). Nel 2013 ha gestito oltre 100 eventi, meeting e movimentato oltre 22.000

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

Progetto Formativo. Travel for business. Execellence in Travel Management

Progetto Formativo. Travel for business. Execellence in Travel Management Progetto Formativo Travel for business Execellence in Travel Management Business Travel Management: gestire le politiche di viaggio per contribuire al successo delle aziende. In un mercato sempre più globale

Dettagli

IL FASHION AUTOMATICO

IL FASHION AUTOMATICO IL FASHION AUTOMATICO LE VARIABILI CHE CONCORRONO A RENDERE LE SCELTE DEI MANAGER DEL FASHION EFFICACI SONO INNUMEREVOLI E NONOSTANTE LA MODA SEMBRI ESPRIMERSI SOLO ATTRAVERSO CREATIVITÀ E SREGOLATEZZA,

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

Chi siamo 3. Che cosa facciamo 3. Dove siamo 4. La nostra storia 5. Cisalpina Tours S.p.A. - Sintesi societaria 6. Settori presidiati 6

Chi siamo 3. Che cosa facciamo 3. Dove siamo 4. La nostra storia 5. Cisalpina Tours S.p.A. - Sintesi societaria 6. Settori presidiati 6 Cartella Stampa 2015 Chi siamo 3 Che cosa facciamo 3 Dove siamo 4 La nostra storia 5 Cisalpina Tours S.p.A. - Sintesi societaria 6 Settori presidiati 6 La nostra forza 7 Sistema di gestione della qualità

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Chi siamo Marketing Multimedia nasce nel 1993, dall idea e dall entusiasmo di Roberto Silva Coronel. Roberto Silva Coronel, classe 1969, ha fatto

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC

COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC COLLEGIO SINDACALE E ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDALE NUOVI SPUNTI DI LAVORO DAL CNDCEC 1. Linee guida operative Il documento promulgato nel maggio del 2015 a cura della commissione Collegio Sindacale dell

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct per eccellenza Email Marketing Check up Workshop 26 Novembre 2014 26 Novembre 2014, Iab Forum, Milano Agenda Workshop Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct

Dettagli

LA FORMAZIONE VINCENTE

LA FORMAZIONE VINCENTE CFMT E MANAGER LA FORMAZIONE VINCENTE Gli ultimi dati del nostro Centro di formazione del terziario confermano che i dirigenti non rinunciano a percorsi formativi. Ma cosa si chiede oggi alla formazione?

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

comunicazione L idea e la consulented arredo

comunicazione L idea e la consulented arredo consulented arredo L idea e la comunicazione Luca Naldi via mentana, 4 42025 cavriago reggio emilia Tel. mobile 335 6123328 Tel/fax 0522 370948 info@lucanaldi.it www.lucanaldi.it consulented arredo Consulente

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

SOLUTIONS POSITIV MENTE COMMUNICATION

SOLUTIONS POSITIV MENTE COMMUNICATION SOLUTIONS POSITIV @ MENTE M A R K E T I N G COMMUNICATION SIAMO un gruppo della modernità professionale del Marketing, della Comunicazione e della Tecnologia che fonda le sue radici nella cooperazione

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU PROFILO AGENZIA Maste Eventi è un agenzia di servizi dinamica ed innovativa che si propone come partner ideale nella realizzazione di soluzioni personalizzate per tutte

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire Il Bilancio delle Competenze: Essere artefici del proprio sviluppo professionale Il Bilancio di Competenze per i Dirigenti Industriali Il rinnovo del CCNL Dirigenti Industria, sottoscritto il 25/11/2009

Dettagli

Corso per. Hotel Congress Manager -

Corso per. Hotel Congress Manager - Corso per Hotel Congress Manager - MICE (Meeting, Incentive, Congress, Manager) In collaborazione con: Il Corso per Hotel Congress Manager MICE (Meeting, Incentive, Congress, Event) si pone come obiettivo

Dettagli

Corso per Tecnico in. organizzazione eventi e. congressi

Corso per Tecnico in. organizzazione eventi e. congressi Corso per Tecnico in organizzazione eventi e congressi Il Corso, altamente operativo, ha l obiettivo di formare giovani professionisti interessati ad operare nel contesto dell organizzazione Eventi e Congressi

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management

Incentive & La soluzione per informatizzare e gestire il processo di. Performance Management Incentive & Performance Management La soluzione per informatizzare e gestire il processo di Performance Management Il contesto di riferimento La performance, e di conseguenza la sua gestione, sono elementi

Dettagli

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager

I promotori Master Team consulenza e formazione professionalità sempre più distintive nuove leve di futuri manager GRANDE MILANO, AUTUNNO 2012 PRIMAVERA 2013 PREPARATI ALL EXPO! La 26ma Edizione Speciale del Master in Hospitality Management nasce dalla necessità di progettare e realizzare un continuum virtuoso che

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it

IL GIUSTO PARTNER. www.licon.it IL GIUSTO PARTNER www.licon.it Affidatevi ad un consulente globale LICON si propone alle aziende come un consulente globale per lo sviluppo di soluzioni gestionali personalizzate ad alto valore aggiunto,

Dettagli

Il franchising in Italia Andamento e Aspettative

Il franchising in Italia Andamento e Aspettative Il franchising in Italia Andamento e Aspettative Prefazione a cura di: Associazione Italiana Franchising Il Centro Studi Infofranchising è un unità di ricerca statistica sostenuta e finanziata dal Gruppo

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale

Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale ARTICOLI ORIGINALI Applicazione del modello del Case Management all interno di un servizio psichiatrico territoriale A cura di Donatella Brusa* 37 Questo elaborato si colloca all interno di un cambiamento

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Possono le aziende evitare di investire in viaggi d affari?

Possono le aziende evitare di investire in viaggi d affari? Move your Business 2 3 Possono le aziende evitare di investire in viaggi d affari? Convenzionalmente si usa dire che i meeting face to face sono un elemento essenziale per sviluppare e creare relazioni

Dettagli

Chi può partecipare alla proposta?

Chi può partecipare alla proposta? Irecoop Veneto presenta l opportunità per le cooperative aderenti al fondo interprofessionale FONCOOP di utilizzare le risorse a Valere sull Avviso 21 per coltivare la crescita della propria organizzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE REPORT INDAGINE Roma, 16 maggio 2102 Comune di Cosenza RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO Ufficio Relazioni con il Pubblico Strumento n 9: modello report

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014

Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea. Novembre 2013 Aprile 2014 Indagine sul grado di conoscenza dei nuovi cittadini italiani dei diritti di cittadinanza europea Novembre 2013 Aprile 2014 Indice Report e analisi dei dati... 3 La rilevazione presso gli Uffici Cittadinanza

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Azienda,prodotti e servizi

Azienda,prodotti e servizi Azienda,prodotti e servizi 2013 AZIENDA:MISSION E OBIETTIVI Conoscenza è : potere e libertà. FormaWorld ha interpretato queste parole definendo la propria mission: Fornire strumenti e tecnologie per la

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Vantaggi di un sistema ERP... 2. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Vantaggi di un sistema ERP... 2 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e

Dettagli

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL

CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015. Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CONVEGNO UIL-SGK Bolzano, 27-02-2015 Valutazione e gestione del rischio da stress lavoro correlato: la metodologia INAIL CASI DI MALATTIA DA STRESS LAVORO CORRELATO 4000 denunce all INAIL negli ultimi

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli