APRILE - GIUGNO Dichiarazioni del Ministro su Università e Ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APRILE - GIUGNO 2013. Dichiarazioni del Ministro su Università e Ricerca"

Transcript

1 A CURA DELL UNIONE SINDACALE PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI - ANNO XXXIII - N. 2 2 APRILE - GIUGNO 2013 SPEDIZIONE ABBONAMENTO POSTALE - ART. 2 - COMMA 20/C LEGGE 662/96 - FILIALE DI FIRENZE CMP Dichiarazioni del Ministro su Università e Ricerca Proposte di innovazione nei sistemi di valutazione delle pubblicazioni nei concorsi universitari Sentenza n. 116/2013 della Corte Costituzionale

2 Procedura da seguire da parte dei Colleghi per mantenere la posizione di socio, o per iscriversi all U.S.P.U.R., in occasione del pensionamento. A. Se sei già socio U.S.P.U.R. e, in occasione del tuo pensionamento, vuoi mantenere la tua posizione, puoi seguire uno dei due percorsi di seguito indicati. 1. Compilare la Delega per la riscossione della quota sindacale, riportata sia in terza di copertina sia sul nostro sito internet (www.uspur.it). La delega deve essere inviata sia alla sede I.N.P.D.A.P. della tua città, o direttamente, o per il tramite dell ufficio professori della tua università, sia alla Segreteria nazionale U.S.P.U.R., via degli Alfani 56/b, Firenze, che la utilizzerà anche per la spedizione della rivista Università Notizie. 2. Se trovi difficoltà nell accettazione della medesima da parte dell I.N.P.D.A.P., puoi inviarla direttamente alla Segreteria nazionale U.S.P.U.R., via degli Alfani 56/b, Firenze, assieme alla quota associativa, pari a 8,00/mese. Riteniamo che sia più facile per te fare un unico versamento e, in tal caso, dovrai versare l ammontare relativo alla quota annuale pari a 96,00 entro il 1 trimestre dell anno di riferimento. Il versamento va fatto sul c.c. bancario 290, acceso presso la Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A., Via dei Della Robbia 24/26, Firenze, IBAN IT 15 V B. Se non sei già socio, e vuoi iscriverti all U.S.P.U.R., devi compilare la delega di cui sopra ed inviarla alla Segreteria nazionale U.S.P.U.R., via degli Alfani 56/b, Firenze. Per il versamento della quota puoi seguire le indicazioni sopra riportate. L U.S.P.U.R. segue i soci in pensione e sta dietro all aggiornamento della loro pensione e alle nuove disposizioni di legge che li riguardano. Se hai bisogno di contattarci, o di avere notizie dalla Segreteria nazionale, puoi inviarci una lettera via e mail o a mezzo Fax ( ). Se credi, potrai inviarci articoli che volentieri pubblicheremo sulla rivista Università Notizie e che certamente ci aiuteranno nella formulazione delle proposte che l U.S.P.U.R. è chiamata ad esprimere durante la discussione, a livello di Parlamento, di nuove leggi per l Università e per noi docenti, sia in attività di servizio che in pensione. Il Segretario Nazionale U.S.P.U.R. Antonino Liberatore

3 A CURA DELL UNIONE SINDACALE PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI Via degli Alfani, 56/b Firenze Tel Fax SITO USPUR: Associata alla INTERNATIONAL ASSOCIATION OF UNIVERSITY PROFESSORS AND LECTURERS Direttore responsabile ANTONINO LIBERATORE 2 ANNO XXXIII NUMERO APRILE - GIUGNO 2013 SOMMARIO - Dichiarazioni del Ministro sull Università di Antonino Liberatore 3 Opinioni e commenti - Le linee programmatiche del Ministro sulla ricerca di Pier Paolo Civalleri 9 - Proposte di innovazione nei sistemi di valutazione delle pubblicazioni nei concorsi universitari di Aldo Bardusco 11 L Uspur per i colleghi - Convegno di Perugia e di Genova 12 - Tutela della Privacy di Aldo Bardusco 19 - Corrispondenza a cura di Antonino Liberatore 20 Rassegna stampa a cura di Paolo Stefano Marcato 27 Direttore responsabile Antonino Liberatore Comitato di redazione Aldo Bardusco Pier Paolo Civalleri Vincenzo Lo Cascio Paolo Stefano Marcato Rosario Nicoletti Segreteria e redazione Giovanni D Oro Via degli Alfani, 56/b Firenze Tel. (055) Fax (055) Autorizzazione Tribunale di Firenze n del 12 dicembre 1983 SPEDIZIONE ABBONAMENTO POSTALE - ART. 2 - COMMA 20/C LEGGE 662/96 - FILIALE DI FIRENZE CMP A CURA DELL UNIONE SINDACALE PROFESSORI E RICERCATORI UNIVERSITARI - ANNO XXXIII - N. 2 2 APRILE - GIUGNO 2013 Dichiarazioni del Ministro su Università e Ricerca Proposte di innovazione nei sistemi di valutazione delle pubblicazioni nei concorsi universitari Sentenza n. 116/2013 della Corte Costituzionale Ogni articolo firmato esprime esclusivamente il pensiero di chi lo firma e pertanto ne impegna la responsabilità. Ufficio pubblicità: Emmeci Digital Media S.r.l. Via Arno, Sesto Fiorentino (FI) Telefono Impaginazione, composizione e stampa: Emmeci Digital Media S.r.l. Via Arno, Sesto Fiorentino (FI) Telefono Distribuzione solo per abbonamento

4 Per associarsi all U.S.P.U.R. I docenti in attività di servizio, per associarsi all U.S.P.U.R., oltre a chiedere l iscrizione, devono autorizzare l ufficio stipendi dell Università di appartenenza a trattenere mensilmente sullo stipendio la quota associativa, pari a Euro 10,00/mese. Per effettuare entrambe le operazioni è sufficiente compilare il Modulo di iscrizione di seguito riprodotto (il modulo può essere anche prelevato dal sito USPUR cliccando le parole Modulo di iscrizione ), in tutte e due le parti e inviarne: a) la prima alla Segreteria Nazionale 2 U.S.P.U.R. Segreteria Nazionale - Via degli Alfani, 56/b Firenze Tel , Fax , b) la seconda all Amministrazione dell Università, del proprio Ateneo, Ufficio stipendi. Modulo di iscrizione All U.S.P.U.R. Unione Sindacale Professori e Ricercatori Universitari Da inviare alla Segreteria Nazionale, via degli Alfani, 56/b, Firenze, a cura del nuovo socio Il sottoscritto, professore/ricercatore (*) Qualifica (**) in servizio presso l Università di Dipartimento/Facoltà chiede di iscriversi all U.S.P.U.R., sezione di Cognome Indirizzo Nome CAP Città Data Firma Da inviare all Amministrazione dell Università di (Ufficio Stipendi) a cura del nuovo socio. Oggetto: Delega per la ritenuta ed il versamento della quota sindacale Il sottoscritto professore/ricercatore (*) (**) presso l Università di essendo iscritto all U.S.P.U.R. (Unione Sindacale Professori e Ricercatori Universitari), Sezione di delega codesta Amministrazione a trattenere dalle proprie spettanze la somma di 10,00 quale quota mensile di iscrizione, ed a versarla contestualmente alla Segreteria Nazionale della stessa, sul c.c. bancario 290, acceso presso la Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A., Via dei Della Robbia 24/26, Firenze, coordinate bancarie: IBAN IT 15 V Data Firma (*) di ruolo / fuori ruolo; (**) ordinario / associato Privacy Informativa ai sensi della Legge n. 675/96 I dati richiesti sono necessari per la formazione e la gestione della lista di distribuzione delle informazioni U.S.P.U.R. ed a tal fine saranno raccolti, registrati e trattati anche in maniera automatizzata con le modalità strettamente necessarie a questo scopo. I dati non saranno diffusi né comunicati a terzi. Per verificarne l utilizzo, per correggerli, aggiornarli, cancellarli od opporsi al loro trattamento ai sensi dell art. 13 della citata legge ci si può rivolgere alla Segreteria Nazionale U.S.P.U.R., Firenze, via degli Alfani, 56/b Firenze Tel. 055 / , Fax 055 / , e mail: sito Internet: Esprimo il mio consenso al trattamento dei suddetti dati per le finalità istituzionali dell U.S.P.U.R. Data Firma

5 EDITORIALE 3 Dichiarazioni del Ministro sull Università. Il Ministro ha incontrato le Commissioni riunite di Camera e Senato nei primi giorni del mese di Giugno corrente. Riteniamo utile e necessario fare i nostri commenti in proposito, nella speranza che il Ministro voglia ascoltarci per cercare di stabilire un azione comune e ridare così vigore a tutto il sistema universitario. Il documento inizia con considerazioni di carattere generale che attengono: al legame stretto tra tasso di crescita economica e livello di formazione del Paese. L istruzione e la ricerca scientifica sono fattori determinanti per lo sviluppo economico; alla necessità di una programmazione pluriennale dei finanziamenti; alla definizione e all adozione di parametri di riferimento (benchmark); alla valutazione e al monitoraggio ex post; alla necessità di una legge da approvare il più presto possibile per snellire la giungla normativa esistente ricorrendo allo strumento della codificazione con testi unici. Seguono, poi, le iniziative che il Ministro intende adottare specificatamente per l Istruzione, l Università e la Ricerca. Nel seguito mi limiterò a trattare solamente le iniziative relative all università, che riporterò e, se necessario, commenterò in maniera sintetica e, mi auguro, chiara. 1) Monitoraggio legge 240/ ) Finanziamento università con un piano pluriennale. Iniziare con il ripristino dei 300 milioni di euro a valere sul FFO 2013, da distribuire alle università come quota premiale e, in piccola misura, su base storica. Dovrebbero essere impiegati per migliorare la vita e la mobilità degli studenti (strutture e biblioteche). 3) Stimolare le università ad autofinanziarsi, aprendosi a collaborazioni con istituzioni pubbliche e private per sostenere la formazione continua, la formazione degli insegnanti e degli adulti. 4) Sviluppare l internazionalizzazione dell università con un attività che si integra con quella del sistema di istruzione superiore europea. Il tutto dipenderà dalla leggibilità e dalla portabilità delle nostre regole in atre lingue e culture. Da tutto ciò deriva la necessità di ulteriori investimenti da parte del Governo. 5) Le università devono avare un autonomia responsabile. Vanno pertanto eliminate le assunzioni rigide introdotte dalla spending review 2012, prevedendo un reclutamento graduato in relazione alla situazione economica della singola università e superando, così, il blocco del turn over con l introduzione di un vincolo di bilancio ovvero con l assegnazione di un budget finalizzato al raggiungimento di obiettivi, lasciando a ciascuna università la decisione di come gestire le risorse, sapendo che dovrà poi rendere conto delle proprie azioni. Si perviene, così, al rafforzamento di una cultura del render conto con una valutazione secondo standard internazionali. L Anvur andrà ripensata: dovrà proporre metodi di valutativi che prevedano la valutazione ex post sia delle capacità di lavoro delle sedi sia della loro autonomia responsabile. 6) Dovrà essere previsto da subito: a) Un piano straordinario nazionale di reclutamento dei ricercatori (ex art. 24, comma 3, lettera b) della legge 240/2010) con una previsione di spesa annua di

6 EDITORIALE 4 euro (costo annuo di ricercatore stimato in euro , posizioni da attivare 1000). Al termine del terzo anno tali contratti consentono l assunzione del soggetto come professore associato ex art. 24, comma 5 della legge 240/2010, purché in al possesso dell abilitazione scientifica nazionale. b) Finanziamento della seconda parte del piano straordinario per il reclutamento dei professori associati (ex art. 29, comma 9, legge 240/2010) della durata di sei anni, ad oggi finanziato solo per i primi tre anni. Si porterebbe così a termine il percorso di promozione ad associato dei più meritevoli degli attuali ricercatori a tempo indeterminato, e si darebbe concretezza alle procedure di abilitazione in corso. Ciascuna annualità ha un costo stimabile in euro L insieme di queste due manovre dovrebbe portare all emersione di disponibilità proprie di ciascuno Ateneo da utilizzare per il reclutamento di professori ordinari, di tecnici e di amministrativi. In sostanza, così operando, tutto il sistema universitario si rimetterebbe in moto in maniera coordinata ed efficiente, con la consapevolezza responsabile che i megaruoli di personale sono fuori della realtà e vanno assolutamente evitati. Siamo anche d accordo che l offerta formativa universitaria vada resa meno specialistica e più interdisciplinare e trasversale, con la nascita di percorsi misti che, accanto alle competenze specifiche comprendano l insegnamento di discipline con aspetti professionalizzanti e orientati alla conoscenza pratica, sia parlata, sia scritta, almeno di una lingua straniera: l insegnamento su base studio delle regole di grammatica e sintassi, studio della letteratura connessa, senza che si sappia, poi, ascoltare e stabilire una conversazione di carattere generale e scrivere una lettera di vario argomento, senza l uso del vocabolario, deve essere assolutamente evitato. Occorrerà, ovviamente, rivedere i percorsi degli studi universitari dei futuri potenziali insegnanti delle lingue straniere e stabilire prove adeguate da superare per l accesso all insegnamento delle lingue. Se vogliamo, poi, ridurre il percorso effettivo degli studi e rispettare la durata ufficiale prevista per ciascun corso di laurea, il Ministro dovrà disporre in merito per quanto attiene: al programma d insegnamento di ciascuna disciplina; alla verifica dei programmi effettivamente svolti; alla presenza di un libro di testo e di un eventuale Manuale di riferimento, al cui uso lo studente deve essere addestrato sia per le prove scritte sia per la pratica professionale; all eliminazione di ogni sovrapposizione tra i programma dei vari insegnamenti impartiti. Per quanto riguarda il diritto allo studio esprimiamo piena adesione a quanto rappresentato dal Ministro: comportamento molto differenziato tra le Regioni sia in termini di fissazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle borse di studio, sia in termini di compartecipazione finanziaria; sottofinanziamento del diritto allo studio (siamo ultimi in Europa); nota positiva per quanto attiene alla disponibilità di servizi e posti letto per gli studenti: negli ultimi anni gli investimenti per le residenze universitarie sono stati molti significativi. Ci sono altri problemi da risolvere, al momento non considerati dal Ministro, o meglio, molto probabilmente non trattati volutamente dal Ministro. È risaputo che le casse dello Stato sono vuote e l Università non deve appesantire questa situazione del Paese. Al momento la spesa da sostenere per l anno 2013 è di 460 milioni di euro. Siamo fiduciosi che il Governo farà la sua parte. Firenze, 18 Giugno 2013 Segretario Nazionale USPUR Prof. Antonino Liberatore

7 Governo Letta, l elenco dei ministri Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio... Filippo Patroni Griffi Interni e Vicepremier... Angelino Alfano Difesa... Mario Mauro Esteri... Emma Bonino Giustizia... Anna Maria Cancellieri Economia... Fabrizio Saccomanni Riforme istituzionali... Gaetano Quagliariello Sviluppo... Flavio Zanonato Trasporti Infrastrutture... Maurizio Lupi Politiche Agricole... Nunzia Di Girolamo Istruzione, Università e ricerca... Maria Chiara Carrozza Salute... Beatrice Lorenzin Lavoro e Politiche sociali... Enrico Giovannini Ambiente... Andrea Orlando Beni culturali e Turismo... Massimo Bray Coesione territoriale... Carlo Trigilia Affari europei... Enzo Moavero Milanesi Affari regionali... Graziano Delrio Pari opportunità, sport, politiche giovanili... Josefa Idem Rapporti con il Parlamento... Dario Franceschini Integrazione... Cecile Kyenge Pubblica Amministrazione... Giampiero D Alia Chi è Maria Chiara Carrozza, il nuovo ministro di Scuola, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza è un professore ordinario di Bioingegneria industriale presso l Istituto di biorobotica della Scuola superiore Sant Anna, e dal 2007 è anche rettore. Oggi è divenuta Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Carrozza si laurea in Fisica presso l Università di Pisa nel 1990 con una tesi di Fisica delle Particelle Elementari. Nel 1994 ha ricevuto il titolo di Dottore di Ricerca in Ingegneria presso la Scuola Superiore Sant Anna, Pisa, con una tesi di Microfluidica Biomedica. Da novembre 2006, è professore straordinario in Bioingegneria Industriale presso la Scuola Superiore Sant Anna. Da novembre 2004 a ottobre 2007, è stata Direttore della Divisione Ricerche con Delega del Direttore della Scuola Superiore Sant Anna. È stata il coordinatore dell ARTS Lab (Advanced Robotics Technology and Systems Laboratory) della Scuola Superiore Sant Anna fino a dicembre Dal 1 novembre 2007 è Rettore della Scuola Superiore Sant Anna. Visiting Professor nel 2003 presso l università di Vienna, Austria, per tenere corsi sulla biomeccatronica e nel 2004 ha tenuto corsi di biomeccatronica presso l Università Campus Biomedico, Roma. Dal 2003 tiene corsi di criteri di progettazione di mani artificiali, fondamenti di robotica umanoide, neuro-robotica, biomeccatronica e bioingegneria della riabilitazione presso l Università di Pisa e la Scuola Superiore Sant Anna. Dal 2004 al 2007: Membro eletto in rappresentanza dei professori associati della Giunta direttiva del Gruppo Nazionale di Bioingegneria. Dal 2005: Membro del Comitato Scientifico del Centro di Ricerca Matematica Ennio De Giorgi, Centro di Ricerca di Matematica nelle Scienze Naturali e Sociali delle tre università pisane, Scuola Normale Superiore, Università di Pisa e Scuola Superiore Sant Anna come rappresentante del Direttore della Scuola Superiore Sant Anna Dal 2005 membro del Comitato Scientifico de La Limonaia Associazione per la Diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica. Dal 2005: Presidente della Commissione Ricerche e della Commissione Brevetti della Scuola Superiore Sant Anna in qualità di Direttore della Divisione Ricerche. Dal 2002: Nell ambito dei programmi di internazionalizzazione, Responsabile per la Scuola Sant Anna delle Convenzioni stipulate con le 4 Ecole Normale Superiéure francesi per lo scambio di allievi e docenti e per la definizione di programmi di didattica e di ricerca di comune interesse. Dal 2002: Responsabile per la Scuola Sant Anna della Convenzione stipulata con la Scuola Normale Superiore di Pisa riguardante l internazionalizzazione del curriculum degli allievi delle Scuole. L attività scientifica della prof.ssa Carrozza ha inizialmente riguardato il settore della microingegneria biomedica, con particolare riferimento alla progettazione di strumentazione biomedica. Successivamente, l attività si è orientata verso le aree scientifiche della biorobotica, della biomeccatronica e della neuro-robotica, applicando paradigmi e metodologie proprie della bioingegneria industriale alla modellazione, progettazione e fabbricazione di sistemi intelligenti per applicazioni biomediche. In particolare l attività di ricerca si è focalizzata verso i seguenti ambiti specifici: - studio di criteri di progettazione bio-ispirati e biomeccatronici, - progettazione e realizzazione di componenti e sistemi per robotica umanoide, - progettazione, fabbricazione e realizzazione di protesi cibernetiche e di interfacce neurali per la connessione della mano artificiale al cervello, - progettazione e realizzazione di sistemi per la neuroriabilitazione dell arto superiore e di ausili per il supporto funzionale. 5

8 OPINIONI E COMMENTI 6 Onorevole Prof. Maria Chiara Carrozza Ministro Istruzione, Università, Ricerca Ministero di Viale Trastevere, 76/a Roma Signor Ministro, Firenze, 29 Aprile 2013 Le esprimiamo i nostri rallegramenti per la nomina a Ministro della nostra Repubblica e Le formuliamo i migliori auguri di buon e proficuo lavoro con la certezza che saprà ben operare per il bene e il superiore interesse del Paese. Tra breve riceverà un nostro documento con alcune proposte per il rilancio dell Università, documento che siamo pronti ad esaminare da subito con Lei. Vogliamo discutere, in aderenza con quanto scritto e indicato a suo tempo da Lei, con tutti quelli che hanno lanciato l allarme sulla dequalificazione dell istruzione universitaria in Italia, allo scopo di coinvolgere le migliori energie accademiche e intellettuali del paese e di assicurare la necessaria connessione tra economia e società. In attesa di poterla incontrare, voglia gradire distinti saluti. Il Segretario Nazionale USPUR Prof. Antonino Liberatore SOLLECITATE I VOSTRI COLLEGHI AD ISCRIVERSI ALL USPUR. RICEVERANNO E RENDERANNO PIÙ INCISIVA L AZIONE COMUNE Alcune proposte dell USPUR per una crescita realistica e partecipata dell Università in applicazione del documento Atto di indirizzo (in data ) concernente l individuazione delle priorità politiche (in numero di 10) del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca per l anno ) Si ha motivo di ritenere che necessiti per l università una legge quadro con una programmazione pluriennale che comprenda le strategie collegate al futuro del Paese, e la riorganizzazione del sistema universitario con la: a) eliminazione delle sedi decentrate che non hanno più ragione d essere; b) organizzazione del sistema di ricerca con finan ziamenti: nazionali, che vengono corrisposti in maniera certa, in seguito a pratiche ben definite e di breve durata; europei, conseguenti a progetti consistenti e meritevoli, capaci di ottenere il massimo del finanziamento (attualmente, per ogni euro che diamo all Unione Europea, ne riprendiamo solo 60 centesimi). 2) Si ritiene che sarebbe utile precisare se rimane valida la normativa di cui all art. 5, legge n. 537 del 24/12/1993 e successive integrazioni (1), che prevede l iscrizione dei mezzi finanziari destinati dallo Stato alle università in tre distinti capitoli denominati: a) Fondo per il Finanziamento Ordinario FFO che attiene alle spese per: il personale docente, ricercatore e non docente (presente in organico alla fine del 1993: circa 13 mila ordinari, 16/17 mila associati, circa 20 mila ricercatori. Non si riporta il numero del personale tecnico e amministrativo perché non noto). E vero, come sarà precisato nel successivo punto 3), dall anno 1998 in poi le università potrebbero aver contribuito a cambiare in aumento questi numeri, ma, nella quasi totalità dei casi, le sedi che lo hanno fatto sono diventate sedi non virtuose e devono pertanto rientrare nei limiti della spesa fissata per il personale (non superiore al 90 per cento del FFO); l ordinaria manutenzione delle strutture universitarie; (1) Si fa presente che nel Documento MIUR citato nel titolo si parla di riparto del FFO con un modello multi fondo per perseguire un modello di finanziamento cui concorrono risorse originate da diversi Enti (Priorità politica n. 3, lettera a)).

9 OPINIONI E COMMENTI la ricerca scientifica (1) ; b) Fondo per l edilizia universitaria e per le grandi attrezzature scientifiche; c) Fondo per la programmazione dello sviluppo del sistema universitario. In considerazione di quanto sopra si chiede che il Ministro rappresenti al Governo che, quando si prendono misure normative per la stabilizzazione della finanza pubblica, e il sistema universitario è chiamato a concorrervi, i conseguenti tagli al finanziamento delle università devono essere ben predisposti e praticati in maniera da evidenziare la riduzione di ciascuno dei tre fondi richiamati. 3) Analoga precisazione per la normativa di cui all art. 51 della legge 449 del 27/12/1997, la quale prevede che: a) le spese fisse e obbligatorie per il personale di ruolo non devono eccedere il 90 per cento del FFO; b) le università statali possono modificare gli organici di ateneo secondo i rispettivi ordinamenti. 4) Necessità che nel decreto su Piano di sviluppo, o Linee generali di indirizzo, del MIUR si tenga conto della dinamica, possibilmente accertata, della popolazione studentesca (da qui l obbligo di un collegamento efficiente tra istituzioni centrali e atenei), al fine di un sano ed efficace orientamento degli studenti sui corsi da frequentare in relazione anche alle prevedibili richieste di laureati da parte del mondo del lavoro. In relazione a quanto sopra le università sarebbero in grado di meglio definire, entro il 30 Giugno di ogni anno, il relativo Programma triennale e perseguire così una migliore efficienza e qualità dei servizi offerti. 5) Necessità di mantenere un contatto continuo ed efficace con Regioni e Province per avere una situazione aggiornata dei posti di lavoro occupati da persone in possesso di diploma di scuola secondaria e di laurea e, quindi, dei relativi posti di lavoro che saranno via, via, liberati in seguito a pensionamento e da utilizzare per i giovani diplomati e laureati. 6) Necessità di mantenere un contatto continuo ed efficace con la Confindustria, e con le organizzazioni similari, che dovranno fornire tutte le indicazioni ritenute utili per attuare e/o ottenere: a) azione di orientamento degli studenti in ingresso, in itinere e in uscita dal percorso degli studi ai fini del collocamento nel mercato del lavoro. A nostro avviso questa azione richiede un lavoro continuo, fatto con entusiasmo e con convinzione, sapendo che il lavoro è duro e che il successo tarderà a venire. L azione va pertanto portata avanti con decisione; b) accorpamenti, trasformazione o eliminazione di corsi di laurea e di laurea magistrale in funzione oltre che della domanda, della sostenibilità, dei requisiti di docenza e delle infrastrutture, anche degli sbocchi occupazionali; (1) Siamo consapevoli che il finanziamento della ricerca richiederebbe alcune specificazioni che, per brevità, rimandiamo alla riunione che riteniamo utile avere con il Ministro. c) indicazioni per l attivazione di corsi ITS affini (Istruzione Tecnica Superiore); d) potenziamento dell istruzione tecnico-professionale sino a livello post secondario per il rilancio della cultura tecnica e scientifica.le misure di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico-professionale contenute nel decreto-legge 9 Febbraio 2012 n. 5, convertito, con modificazioni, nella legge 4 Aprile 2012, n. 35, vanno accompagnate con misure di rafforzamento dell istruzione tecnico-professionale, anche a livello terziario e con l aumento dei percorsi di alternanza studio/lavoro, a sostegno dell occupazione dei giovani. In quest ottica, occorre avviare anche la seconda programmazione degli Istituti Tecnici Superiori (ITS), in base alle nuove Linee Guida per consolidare e sviluppare i rapporti tra istituti tecnici, istituti professionali, centri di formazione professionale e imprese (Priorità politica n. 7, lettera b)); e) attivare percorsi formativi di educazione alla cittadinanza e alla legalità. Nel percorso formativo di ogni studente, per favorire una crescita civile e responsabile, è importante dare maggiore impulso alle azioni già in atto in materia di educazione alla salute, di educazione alla legalità in tutte le sue espressioni (Priorità politica n. 6, lettera b)); f) occorre valorizzare le risorse interne e migliorare l operatività del lavoro attraverso l attività di formazione continua e l introduzione di nuovi profili professionali, sia a livello dirigenziale che delle altre aree funzionali (ad es. statistici, informatici, ingegneri gestionali), che possano affiancare ed integrare, con specifiche competenze tecnico-scientifiche, la tradizionale cultura giuridica e amministrativo-contabile del personale delle Amministrazioni pubbliche e priviate (Priorità politica n. 10, lettera d)); g) nella logica del processo di europeizzazione ed internazionalizzazione, chiaramente delineato dalla strategia Europa 2020, occorre incentivare la conoscenza delle lingue straniere (Priorità politica n. 10, lettera d)). 7) Si al dottorato industriale, ma parliamone. I laureati che entrano in un ciclo di dottorato sono tanti: circa 12 mila per anno. Di questi solo il 25 per cento (uno su quattro) ha una qualche possibilità di proseguire nella carriera universitaria. Gli altri devono abbandonare. Le piccole e medie imprese italiane hanno, d altra parte, necessità di stare dietro al progresso tecnologico per accrescere la loro competitività, ma spesso non hanno la capacità interna per farlo. Da qui l opportunità di utilizzare, eventualmente assieme ai centri di ricerca, le competenze del rimanente 75 per cento dei dottori di ricerca che non trovano lavoro nell università. Il discorso sembrerebbe chiuso ma così non è. Bisogna fare qualche considerazione sul numero dei dottorati, sui settori o raggruppamenti disciplinari cui assegnarli, 7

10 OPINIONI E COMMENTI 8 sul numero delle imprese disponibili ad utilizzare le competenze di un dottore di ricerca. Per non accrescere il precariato, bisogna avere la certezza che, per ciascun anno, saranno assunti dagli atenei, come ricercatori a tempo determinato, circa 2400 dottori di ricerca. Quale regola adottare per venire a conoscenza, con tre anni di anticipo, dei raggruppamenti disciplinari che li utilizzeranno? Nel consigliare i giovani a iscriversi ad un dato corso di dottorato deve essere chiaro che i posti di lavoro disponibili saranno assegnati su base concorso. Stesso discorso vale per i dottori di ricerca che andranno presso le aziende. Assumeranno queste circa 9600 dottori di ricerca? Se si tiene conto di ciò che è accaduto a tutt oggi, bisognerebbe onestamente rispondere che questo numero è elevato, molto elevato. Si fa poi notare che per molti raggruppamenti disciplinari non è prevedibile alcun collegamento con le aziende e ci si chiede: come assegnare loro i posti di dottorato. Le sedi universitarie con dottorato industriale sono, per ora, solo cinque: i politecnici di Torino e Milano, le università di Padova, Bologna e Federico II di Napoli. Si parla di dottorato in apprendistato, destinato ai giovani al di sotto dei 30 anni: si segue un percorso di dottorato e contemporaneamente si viene assunto a tempo determinato da un impresa. La normativa per assegnare questi posti e per finanziarli non è, al momento, univoca. L apprendistato è comunque di competenza delle Regioni. A Torino è la stessa Regione che seleziona le proposte di dottorato, una volta esaminatele assieme al Politecnico e alle aziende. I posti selezionati sono completamente finanziati dalle aziende coinvolte; esse beneficiano di sgravi contributivi. L ateneo mette a disposizione le risorse formative. Attualmente sono in corso solo tre dottorati. In Campania i dottorati sono a completo carico della Regione. Per ora sono stati assegnati 78 posti. Per le altre tre sedi indicate, al momento, non siamo riusciti a reperire notizie certe. Concludendo, possiamo dire che l iniziativa del dottorato industriale è buona, ma deve ancora svilupparsi e prendere una forma più concreta, con la speranza che la voglia di assumere a tempo indeterminato da parte delle aziende assuma un aspetto più significativo con l appoggio del MIUR. Auguriamoci, anche se facciamo fatica a crederci, che la Confindustria voglia seriamente impegnarsi a rafforzare il numero di dottorati collegati con la domanda di ricerca e sviluppo delle imprese, e di incentivarne il finanziamento. Sappiamo che alla fine del 2011 essa ha firmato un alleanza con la Conferenza dei rettori delle università italiane (CRUI), ma, a tutt oggi, l alleanza non ha prodotto frutti. 8) Interventi per la qualità e l efficienza del sistema universitario (art. 5 della legge Gelmini). Si esprime apprezzamento per la nascita del sistema AVA (Autovalutazione, Valutazione (periodica), Accreditamento di cui al decreto legislativo n. 19 del 27 Gennaio 2012) e successive integrazioni. 9) Sviluppo dell Università. Portare avanti e realizzare quanto previsto nel decreto sulla programmazione in merito a: a) promozione della dimensione internazionale della ricerca e della formazione mediante reclutamento di docenti attivi all estero, attrazione di studenti stranieri, istituzioni di corsi integralmente in lingua straniera; b) potenziamento dell offerta formativa relativa a detti corsi da svolgere anche in collaborazione con Atenei di altri Paesi. Tali attività potrebbero richiedere, per motivi di carattere economico: collaborazione attiva e continua tra due, o più università; modelli federativi di università. In considerazione di quanto appena detto siamo, in linea di principio, contrari all istituzione di nuove università, ancorché non statali. 10) Valutazione e monitoraggio di programmi. Sono attività, queste, di difficile attuazione. Il monitoraggio e la valutazione devono portare a riscontri oggettivi derivanti da prove, misurazioni, comparazioni, visione di documenti, il tutto fatto anche in contraddittorio, con l impiego di personale altamente competente e remunerato, se proveniente da strutture esterne rispetto alla sede in osservazione. La valutazione e il monitoraggio, nella certezza che si sta facendo un lavoro necessario, richiedono tempo, pazienza, attenzione, rettitudine, assunzione di posizioni difficili da assumersi. E assolutamente necessario che la valutazione non si riduca a un conteggio o all espressione di pareri e giudizi generici. 11) In merito alle risorse che ciascuna ateneo deve mettere a disposizione per il turn over, noi chiediamo che, come prima cosa, le sedi non virtuose recuperino l eccesso di spesa rispetto al limite del 90 per cento del FFO. La sede, poi, nella sua autonomia, è libera di spendere per il personale, e quindi per il turn over, ciò che giudica più conveniente per la propria struttura, tenendo ovviamente presente ciò che fanno altre sedi e altri paesi europei. 12) Il ruolo dei professori universitari deve rimanere unico, con due fasce di docenza. 13) Sulle procedure adottate per il conseguimento dell Abilitazione Scientifica Nazionale osserviamo quanto segue (il tutto già fatto presente all ANVUR nel mese di Ottobre 2011). a) Riteniamo che occorra precisare la norma di come tener conto dei lavori con più autori. L applicazione a regime di detta norma potrebbe richiedere un periodo di transitorio. b) Per quanto attiene alle discipline giuridiche riteniamo che il parere dell ANVUR sulla valutazione delle pubblicazioni scientifiche a seconda della lingua non possa essere condiviso perché non tiene conto della norma di cui all art. 16, comma 3 della legge Gelmini che prevede, relativamente all abilitazione

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

LINEE-GUIDA. per il. Premessa

LINEE-GUIDA. per il. Premessa LINEE-GUIDA per il Regolamento ministeriale sulla struttura e sul funzionamento dell Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (ANVUR) Premessa La legge di istituzione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DECRETO MINISTERIALE 15 OTTOBRE 2013, N.827 LINEE GENERALI DI INDIRIZZO DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE UNIVERSITA PER IL TRIENNIO 2013-2015 VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUZIONE DELL AGENZIA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Gabriele Gentilini - luglio 2007 a) Istituzione dell Agenzia nazionale per la valutazione dell universita e della

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI, PORTA, TIDEI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2190 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FEDI, BUCCHINO, ANGELI, DI BIAGIO, GARAVINI, GNECCHI, LO MONTE, MOGHERINI REBESANI, NARDUCCI,

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI

7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI 7. OFFERTA FORMATIVA A.A. 2014/15: ISTITUZIONE NUOVI CORSI Su invito del Rettore, entra nel luogo della riunione il Sig. Paolo Capuani, Responsabile dell Ufficio Offerta formativa e orientamento in entrata.

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management

Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Provvedimento d'urgenza n. 24/2015 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT - vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, ed in particolare

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Il Consiglio Direttivo di ARTeD

Il Consiglio Direttivo di ARTeD Osservazioni e richieste di modifica dello schema di regolamento recante criteri e parametri per l attribuzione dell abilitazione scientifica nazionale (ASN) Il Consiglio Direttivo di ARTeD - RIUNITO nella

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

DL 112 (legge 133) Una cronistoria

DL 112 (legge 133) Una cronistoria DL 112 (legge 133) Una cronistoria - Il 25 giugno 2008, su proposta del Ministro del Tesoro On. Tremonti, il Consiglio dei Ministri approva (all unanimità, Ministro dell Università On. Gelmini compresa!)

Dettagli

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Ufficio IV. CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI CIRCOLARE n.16 Prot. AOODPPR/Reg.Uff./n.176 Roma, 3 febbraio 2012 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Capo del Dipartimento per l Istruzione SEDE Ai Direttori Generali

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati.

Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Abilitazioni scientifiche nazionali Proposte innovative dell USPUR sulla chiamata degli abilitati. Le abilitazioni scientifiche nazionali, e la conseguente gestione degli abilitati, comportano un impatto

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato - Linee guida per l accreditamento delle sedi e dei corsi di dottorato A. Requisiti necessari per l accreditamento dei corsi di dottorato delle Università. 1. Qualificazione scientifica della

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR

Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR Programma triennale per la trasparenza e l integrità ANVUR 2012-2014 1 1. PREMESSA L art. 2, comma 138, del decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca U.R.S.T. - DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE, IL COORDINAMENTO E GLI AFFARI ECONOMICI SERVIZIO PER L AUTONOMIA UNIVERSITARIA E GLI STUDENTI Prot.: 1216 Roma, 8/8/2003 Ai Rettori delle Università LORO

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Ferrara Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011)

Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Fondazione per il Merito (art. 9, co. 3-16 decreto legge sviluppo n. 70/2011) Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011 Sala della Maggioranza, Ministero dell economia e delle finanze Il percorso La

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO

RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO RELAZIONE AL PROGETTO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA LEGGE SUL DIRITTO ALLO STUDIO Ecc.mi Capitani Reggenti, On.li Membri del Consiglio Grande e Generale Con il provvedimento che sottoponiamo al Consiglio Grande

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 74 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale

Il ruolo del chimico per la sicurezza ambientale ambientale di Piero Frediani * Ciampolini A. (a cura di). L innovazione per lo sviluppo locale ISBN 88-8453-362-7 (online) 2005 Firenze University Press Nell Anno Accademico 1996-97 l Università di Firenze

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA VISTO il decreto del Ministro dell Istruzione dell Università e della Ricerca 11 aprile 2006, n. 217; VISTO il decreto legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, istitutivo

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso

OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso RISOLUZIONE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 gennaio 2007 OGGETTO: Interpello 954-541/2006 Art. 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Università Telematica Pegaso Con l interpello

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI 10 PREMI PER TESI DI LAUREA SPECIALISTICA E DI DOTTORATO IN MATERIA DI CONCORRENZA DEL MERCATO E DIRITTI DEI CONSUMATORI La Direzione Generale Armonizzazione del

Dettagli

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto

SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento. Bruno Chiandotto SBOCCHI OCCUPAZIONALI: Il contesto di riferimento Bruno Chiandotto Pisa 24 maggio 2011 Il MONDO del LAVORO Il dottorato in Italia 1998-2008 Numero di dottori di ricerca per anno di conseguimento del titolo

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013.

emanato con D.R. n. 70 del 13/02/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 177 del 12/06/2013. Regolamento per le procedure di selezione dei Ricercatori e la stipula di contratti a tempo determinato, previsti dall art. 24 comma 3 lett. a) Legge 30 dicembre 2010 n. 240. emanato con D.R. n. 70 del

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA

AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA AUTOVALUTAZIONE E ORIENTAMENTO: IL FUTURO DELLA SCUOLA di Andrea Cammelli fondatore nel 1994 e direttore del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea I l Profilo dei Diplomati 2014 rappresenta una risposta

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Allegato tecnico 1. Dotazioni di docenza di ruolo (rif. Allegato B, punto 1, del DM n. 17/2010) Allo stesso modo che negli anni passati, la sostenibilità teorica dei corsi di studio da attivare viene verificata

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA BANDO DI CONCORSO A N. 15 BORSE PER COLLABORAZIONE DI STUDENTI ALLE ATTIVITA DELLA STRUTTURA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA OSSERVAZIONI E COMMENTI AL DOCUMENTO SOTTOPOSTO A PUBBLICA CONSULTAZIONE Iscrizione/cancellazione relative

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

L UFFICIO PER IL PROCESSO

L UFFICIO PER IL PROCESSO L UFFICIO PER IL PROCESSO Il progetto: uno staff di supporto al lavoro del magistrato e uno strumento per migliorare la qualità del servizio ai cittadini. Alle luce di numerose e positive esperienze maturate

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO

MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO Divisione Supporto alla Ricerca Scientifica e al Trasferimento Tecnologico MAPPATURA RAGIONATA DEL PROCEDIMENTO DI COSTITUZIONE DI SPIN OFF E START UP ACCADEMICI DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Fasi

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

ACTL Osservatorio Stage

ACTL Osservatorio Stage ACTL Osservatorio Stage 1 Dal 1999 ACTL Sportello Stage è il maggior ente italiano di promozione degli stage. Nel 2011 ha promosso 7284 stage in tutto il territorio nazionale. 2 Gli stage attivati nel

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Tabella dei titoli valutabili nei concorsi per titoli ed esami per l accesso ai ruoli del personale docente della scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado e ripartizione dei

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Città di Biella MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE MEDAGLIA D ARGENTO AL MERITO CIVILE MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI Settore affari del personale

Dettagli

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi

Sentito per le vie brevi MIUR e CUN, per questa tipologia di classi sembrerebbe non applicarsi Documento contenente le linee guida per l attivazione dei Corsi di studio delle professioni sanitarie (DM 8 gennaio 2009 e DI 19 febbraio 2009) a partire dall offerta formativa dell a.a. 2011-2012 In attesa

Dettagli