VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 29 SETTEMBRE 2006 L'anno duemilasei, addì 29 del mese di settembre, alle ore 9,00, presso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 29 SETTEMBRE 2006 L'anno duemilasei, addì 29 del mese di settembre, alle ore 9,00, presso"

Transcript

1 VERBALE DELL ADUNANZA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 29 SETTEMBRE 2006 L'anno duemilasei, addì 29 del mese di settembre, alle ore 9,00, presso la sala riunioni del Consiglio di amministrazione del Rettorato in piazza S. Marco, 4, si è riunito il Consiglio di amministrazione dell'università degli Studi di Firenze, convocato con raccomandata a mano prot. n pos. II/5 del 22 settembre 2006 per trattare il seguente ordine del giorno: 1) Comunicazioni del Presidente 2) Approvazione dei verbali del 30/9/05, 28/10/05, 29/11/05, 28/4/06 e del 26/5/06 3) Sostituzione membro in seno alla Commissione risorse 4) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso 5) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso Polo Scientifico e Tecnologico 6) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso Polo Scientifico e Tecnologico. Applicazione art. 22 D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito in legge 4 agosto 2006, n ) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso Polo Centro Storico 1. Applicazione art. 22 D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito in legge 4 agosto 2006, n ) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso Polo Scienze Sociali. Applicazione art. 22 D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito in legge 4 agosto 2006, n ) Variazioni al bilancio di previsione dell anno in corso Polo Biomedico e Tecnologico. Applicazione art. 22 D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito in legge 4 agosto 2006, n ) Cessione in proprietà alla Società ENEL Distribuzione S.p.A. di due box prefabbricati adibiti ad uso di cabine elettriche di trasformazione, ubicate nell ambito del Polo Scientifico di Sesto Fiorentino rispettivamente via Dei Giunchi e via Lazzerini in sostituzione dei due trasformatori di palo 11) Assegnazione locali 12) Istituzione master in lingua inglese o altra lingua straniera 13) Costituzione Consorzio CIPE (Consorzio Interistituzionale per Progetti Elettronici Bibliotecari, Informativi, Documentari) 14) Rinnovo rappresentante dell Università degli Studi di Firenze nel Consorzio interuniversitario nazionale per le Scienze Ambientali (C.I.N.S.A.) 15) Afferenza del Centro di Ateneo per i Beni Culturali (CABeC) al Polo Centro Storico 1 16) Nomina di due rappresentanti dell Università degli Studi di Firenze in seno al Consiglio di amministrazione dell Istituto e Museo della Scienza 17) Protocollo aggiuntivo con INFN per il laboratorio di beni culturali 18) Eredità Lenzi Vendita immobili e beni mobili 19) Regolamento del Dipartimento di Scienze del Suolo e Nutrizione della Pianta 1

2 20) Contributo dell Università alla fondazione Teatro del maggio Musicale fiorentino 21) Regolamento in materia di accesso ai ruoli del personale tecnico amministrativo dell Università degli Studi di Firenze a seguito di mobilità esterna 22) Adeguamento dei fondi per il trattamento accessorio del personale tecnico amministrativo Sono presenti: - prof. Augusto Marinelli, Rettore - prof. Calogero Surrenti, pro-rettore vicario - prof. Mario Citroni, rappresentante dei professori di ruolo di prima fascia - prof. Paolo Citti, rappresentante dei professori di ruolo di prima fascia - prof. Gianni Amunni, rappresentante dei professori di ruolo di seconda fascia. - prof.ssa Patrizia Meringolo, rappresentante dei professori di ruolo di seconda fascia - dott. Massimo Grandi, rappresentante dei ricercatori - dott. Alberto Di Cintio, rappresentante dei ricercatori. - sig. Wladimiro La Gamba, rappresentante del personale tecnico amministrativo - dott.ssa Caterina Palazzo, rappresentante del personale tecnico amministrativo - sig.na Camilla Baroncelli, rappresentante degli studenti - sig.na Costanza Montis, rappresentante degli studenti - sig. Stefano Pichi Sermolli, rappresentante degli studenti - dott. Michele Orefice, Direttore amministrativo E assente: - dott. Antonino Fucile, rappresentante del Governo Assume le funzioni di Presidente il Rettore ed assume le funzioni di Segretario il Direttore amministrativo. Sono inoltre presenti le sigg.re Antonella Messeri, Annalisa Cecchini e Patrizia Olmi dell Ufficio Organi Collegiali di Ateneo, per l approntamento della documentazione inerente l ordine del giorno e per l attività sussidiaria ai lavori del Consiglio di amministrazione. Il Presidente, constatata l esistenza del numero legale, dichiara aperta e valida la seduta. - dott. Antonino Fucile, entra ore 9,35 punto 22 O.D.G. Nel corso della discussione i punti all ordine del giorno vengono presi in esame nel seguente ordine: 1, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 22, 2, 3, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21. Sul punto 1 dell O.D.G. «COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE» Il Rettore dà la seguente comunicazione a voce: 1) Nomina Prorettori per il prossimo triennio accademico Il Rettore comunica ai consiglieri di avere nominato i seguenti prorettori per il prossimo triennio accademico : Alfredo Corpaci - prorettore vicario con delega per gli affari generali; Sandro Rogari - prorettore alla didattica e ai servizi agli studenti; 2

3 Sergio Givone - prorettore per le relazioni internazionali e i rapporti con le università straniere; Guido Chelazzi - prorettore alla ricerca scientifica e al trasferimento tecnologico; Romano Del Nord - prorettore all edilizia e al patrimonio; Calogero Surrenti - prorettore per i rapporti con il sistema sanitario; Franco Angotti - prorettore per i rapporti con il territorio e le sedi decentrate; Leonardo Casini che si occuperà del coordinamento e dei temi relativi all organizzazione dei servizi amministrativi. Il Rettore con l occasione ringrazia i predecessori che negli anni precedenti hanno collaborato attivamente. Ciò posto, il Rettore ricorda che sono stati inviati in copia con l ordine del giorno i seguenti documenti: 2) Dimissioni della consigliera Erica Alessandri 3) Decreto n del 6/9/2006 di nomina, quale rappresentante degli studenti, della sig.ra Costanza Montis, in sostituzione della studentessa Erica Alessandri Il Rettore augura buon lavoro alla sig.ra Montis, nuova rappresentante degli studenti in Consiglio di amministrazione. 4) Documento riguardante Nuovi sviluppi per il sistema organizzativo della formazione continua all interno del servizio sanitario regionale: verso la rete formativa del SST Il Rettore informa che tale documento è di particolare interesse perché prospetta la creazione di un centro di formazione permanente a Careggi, attività che peraltro coinvolge direttamente l Università. 5) 2º Monitoraggio finanziario per Centri di Responsabilità dell Ateneo per il periodo 1º gennaio 31 agosto 2006 Il Rettore invita in seduta la dott.ssa Anna Santovito affinché illustri il documento. Entra Santovito. Santovito fa presente che il documento riguarda il monitoraggio della spesa riferito al periodo gennaio/agosto Evidenzia che nello schema, per ogni voce di bilancio, vengono indicati gli impegni già assunti dall Ateneo e l utilizzazione dei fondi rispetto allo stanziamento iniziale. INVERSIONE ORDINE DEL GIORNO Il Rettore considerata la presenza in seduta della dott.ssa Anna Santovito propone di invertire l ordine del giorno e di anticipare i punti 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 22 che si riferiscono a variazioni di bilancio e all adeguamento dei fondi per il trattamento accessorio del personale tecnico amministrativo, affinché possano essere da lei illustrati. Il Consiglio di amministrazione concorda con la proposta del Rettore. Sul punto 4 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Sulla base delle esigenze formulate dagli Uffici si sottopongono all approvazione le seguenti variazioni di bilancio: 3

4 Area Ricerca e didattica F.S Borse di studio Socrates, Tempus ,00 F.S Borse di studio Socrates, Tempus ,00 0,00 Area Finanziaria - Ufficio Economato - Ufficio stipendi F.S Spese per pubblicazioni ,00 F.S Gas ,00 F.S Imposte indirette ,00 F.S Dotazione ordinaria rettorato ,00 F.S Esami di stato , ,00 Area Affari Generali F.S Consulenze tecniche e amministrative , ,00 Area Servizi Patrimoniali F.S Riscaldamento e condizionamento ,00 F.S Mobili e arredi , ,00 Sistema Bibliotecario di Ateneo F.S Spese per pubblicazioni 4.700,00 F.S Quote associative e consortili 6.800,00 F.S Canoni telematici ,00 F.S Acquisto attrezzature informatiche ,00 F.S Acquisto libri e microfilms ,00 F.S Acquisto riviste e opere in continuazione 2.260,11 F.S Altri beni mobili 870,00 F.S Dotazione ordinaria biblioteche ,11 0,00 totale maggiori spese ,00 La maggiore spesa di ,00, potrà trovare copertura in parte da maggiori entrate e in parte mediante riduzione dello stanziamento del capitolo F.S Supplenze e affidamenti a professori a contratto, in quanto il progetto relativo agli incentivi al prepensionamento del personale docente e ricercatore si è realizzato, in questo primo anno, in misura inferiore alla previsione. Maggiori entrate F.E Tasse e contributi per corsi post laurea ,00 F.E Corsi di perfezionamento , ,00 Minori spese 4

5 F.S Supplenze e affidamenti a professori a contratto , ,00 Le ulteriori variazioni proposte derivano da maggiori entrate a destinazione vincolata che comportano un incremento di pari importo delle spese. Maggiori entrate F.E Tasse e contributi per corsi post laurea ,00 F.E Corsi di perfezionamento ,00 F.E Trasf. ordinari- da altri enti pubblici ,00 F.E Ricerche finanziate da U.E ,00 F.E Fondazioni , ,00 Maggiori uscite F.S Contributi di iscr. ai corsi post-laurea e altri ,00 F.S Trasferimenti di contr. da altri soggetti ,00 F.S Trasferimenti di finanziamenti da U.E ,00 F.S Fondazioni , ,00 Variazioni derivanti dall applicazione del D.L. 4/7/2006 n. 223, convertito in L. 4/8/2006 n L art. 22 della norma sopra citata prevede una riduzione delle spese per consumi intermedi del 10% calcolato sullo stanziamento di bilancio Le somme provenienti dalle riduzioni di cui sopra devono essere versate, entro il mese di ottobre 2006, al bilancio dello Stato. Si procede pertanto alle variazioni dei seguenti capitoli di spesa: F.S Materiale vario di consumo ,00 F.S Acquisto e licenze uso programmi ,00 F.S Spese postali e spedizioni ,00 F.S Manutenzioni e riparazioni attrezzature ,00 F.S Spese varie ,58 F.S Accant. di legge su beni intermedi ,58 0,00 Entra Santovito. Santovito fa presente che il gruppo di pratiche relative alle variazioni di bilancio sono in massima parte in applicazione dell art. 22 del D.L. 4 Luglio 2006, n. 223, il cosiddetto decreto tagliaspese, in base al quale tutti gli Enti, Università comprese, sono stati obbligati a ridurre del 10% gli stanziamenti relativi ai capitoli di funzionamento. Sottolinea che questa decurtazione non costituisce economia per i bilanci degli Enti, ma deve essere versata al Ministero dell Economia. Peraltro tale operazione, in base alla norma, deve essere ripetuta per gli anni 2007, 2008 e 2009 con il versamento all Erario di un importo pari ad una percentuale del 20% degli stanziamenti suddetti. Prosegue facendo presente che tale decurtazione interessa oltre che le spese di funzionamento anche 5

6 quelle di rappresentanza e quelle per convegni che non siano di carattere didattico e scientifico; in tali casi i tagli andranno a costituire una economia di bilancio e non dovranno essere versati all erario. Rileva che, oltre a tali variazioni di bilancio applicate dai quattro poli, si è reso necessario procedere anche ad altre variazioni di assestamento sul bilancio dell Ateneo che hanno comportato maggiori oneri a carico del bilancio stesso per un importo di euro. Procede, a questo punto, ad illustrare voce per voce le suddette variazioni. Baroncelli chiede chiarimenti sulla pratica di variazioni di bilancio dell Ateneo, in particolare sul previsto aumento della dotazione ordinaria al Rettorato e sul mancato taglio al cap consulenze tecniche amministrative che risulta essere fra quelli indicati dal decreto tagliaspese prima citato, capitolo che è stato invece decurtato da parte dei dirigenti di polo. Santovito precisa che è previsto un aumento della dotazione ordinaria del Rettorato di euro per la necessità di acquistare scaffalature per i nuovi magazzini di via Cittadella, mentre per quanto riguarda il capitolo intestato consulenze tecniche amministrative cui fa riferimento Baroncelli precisa che queste rientrano nella categoria delle spese esonerate dalla decurtazione perché non si riferiscono a consulenze e richieste di pareri, bensì a spese legali e notarili vere e proprie che, avendo carattere obbligatorio, non sono soggette a limitazioni; ciò è stato precisato dalla Corte dei Conti. A questo punto esce Santovito. Il Consiglio di amministrazione approva all unanimità la seguente delibera. Delibera n. 98 Il Consiglio di Amministrazione: - esaminata la pratica; - delibera di apportare al bilancio di previsione del corrente anno le sotto indicate variazioni: Parte entrate Variazioni F.E Tasse e contributi per corsi post laurea ,00 F.E Corsi di perfezionamento ,00 F.E Trasf. ordinari- da altri enti pubblici ,00 F.E Ricerche finanziate da U.E ,00 F.E Fondazioni , ,00 Parte uscite Variazioni F.S Supplenze, affidamenti e prof. a contratto ,00 F.S Esami di stato ,00 F.S Borse di studio Socrates, Tempus ,00 F.S Spese per pubblicazioni ,00 F.S Quote associative e consortili ,00 F.S Riscaldamento e condizionamento ,00 F.S Gas ,00 F.S Consulenze tecniche e amministrative ,00 6

7 F.S Materiale vario di consumo ,00 F.S Canoni telematici 6.570,00 F.S Acquisto e licenze uso programmi 1.570,00 F.S Spese postali e spedizioni 9.230,00 F.S Manutenzioni e riparazioni attrezzature 8.500,00 F.S Spese varie 5.808,58 F.S Acquisto attrezzature informatiche 4.500,00 F.S Acquisto libri e microfilms 1.300,00 F.S Acquisto riviste e opere in continuazione ,11 F.S Mobili e arredi ,00 F.S Altri beni mobili + 870,00 F.S Imposte indirette ,00 F.S Dotazione ordinaria biblioteche 2.260,11 F.S Dotazione ordinaria rettorato ,00 F.S Contributi di iscr. ai corsi post-laurea e altri ,00 F.S Trasferimenti di contr. da altri soggetti ,00 F.S Trasferimenti di finanziamenti da U.E ,00 F.S Borse di studio Socrates, Tempus ,00 F.S Accant. di legge su beni intermedi ,58 F.S Fondazioni , ,00 Sul punto 5 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Nel bilancio di previsione predisposto nel dicembre scorso non era stato previsto il contributo al progetto Open Lab sotto forma di sponsorizzazioni. Durante la manifestazione Scienza Estate si sono invece offerti enti o ditte disposte a sponsorizzare alcuni avvenimenti. Inoltre la previsione relativa agli interessi attivi è stata sottostimata in quanto risulta ad oggi che gli incassi da effettuare entro il 31 dicembre superano l importo previsto per Si rende quindi necessario, per provvedere ai relativi incassi, operare le seguenti variazioni in più negli appositi stanziamenti di bilancio.» Delibera n. 99 Il Consiglio di amministrazione, esaminata la pratica, delibera di apportare le sottoindicate variazioni al bilancio di previsione del corrente anno del Polo scientifico e tecnologico: 1) Parte entrate Variazioni F.E convenzioni con terzi ,00 F.E incassi IVA 3.000, ,00 Parte uscite Variazioni F.S spese su convenzione con terzi ,00 7

8 F.S quota al bilancio attività conto terzi 1.500,00 F.S fondo comune di Ateneo 375,00 F.S IVA su conto terzi 3.000, ,00 2) Parte entrate Variazioni F.E Interessi attivi , ,00 Parte uscite Variazioni F.S manutenzione ordinaria ,00 F.S attrezzature informatiche 4.000,00 F.S mobili, arredi e macchine da ufficio 5.000, ,00 Sul punto 6 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO. APPLICAZIONE ART. 22 D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO IN LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Come noto l articolo del decreto legge in questione prevede, in sintesi, che gli stanziamenti per l anno 2006 relativi a spese per consumi intermedi di enti ed organismi pubblici non territoriali individuati ai sensi dell art. 1 della legge 30 dicembre 2004 n. 311, sono ridotti del 10%. Il Polo Scientifico e Tecnologico propone quindi di operare le riduzioni sul proprio bilancio, in base anche alle indicazioni fornite dall Amministrazione con circolare del Direttore del 12/7/06 (prot ).» Delibera n. 100 Il Consiglio di amministrazione, - visto il D.L. 4 luglio 2006, n. 223; - considerata la circolare del Direttore Amministrativo del 12/7/06 (prot ); - esaminata la pratica, d e l i b e r a di apportare le sottoindicate variazioni al bilancio di previsione del corrente anno del Polo Scientifico e Tecnologico: Parte uscite Variazioni F.S consulenze tecniche e amministrative ,00 F.S materiale vario di consumo ,00 F.S acquisto licenze uso programmi - 126,44 F.S manutenzioni e riparazioni - 500,00 F.S spese postali e spedizioni - 500,00 F.S traslochi e facchinaggi ,00 F.S spese varie -988, ,44 F.S ad altri soggetti ,44 8

9 12.764,44 Sul punto 7 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO - POLO CENTRO STORICO 1 - APPLICAZIONE ART. 22 D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO IN LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «L art. 22 del D.L. 4 Luglio 2006, n.223 convertito con legge 04 agosto 2006, n. 248 ha stabilito che Gli stanziamenti per l anno 2006 relativi a spese per consumi intermedi dei bilanci di enti ed organismi pubblici non territoriali,. Sono ridotti nella misura del 10%, comunque nei limiti delle disponibilità non impegnate alla data in vigore del presente decreto. In applicazione della suddetta disposizione, il Direttore Amministrativo, con circolare prot VIII/5/16 del 12/07/2006 ha stabilito che In tutti i bilanci delle strutture autonome dell Ateneo deve pertanto essere operata, a cura dei Segretari Amministrativi e dei Dirigenti di Polo, previa delibera dei rispettivi Organo di Governo, una riduzione del 10%, calcolato sugli stanziamenti e nei limiti della disponibilità residua alla data del 4 luglio, accantonando su apposito fondo, da versare successivamente al bilancio dello stato. Sempre la suddetta circolare individuava nei capitoli di bilancio della cat quelli interessati alla suddetta riduzione. Nella seguente tabella sono pertanto indicati gli stanziamenti di bilancio all inizio dell esercizio 2006, avendo riguardo alle eventuali variazioni successivamente intervenute (col. A), le spese obbligatorie coperte da contratti e/o che devono comunque essere sostenute al fine di garantire la funzionalità delle strutture di didattica e ricerca (col. B), la disponibilità residua alla data di entrata in vigore del decreto sulla quale calcolare la riduzione del 10% (col. C), l importo della decurtazione così determinato che dovrà essere oggetto di variazione di bilancio (col. D) e trasferito al bilancio di Ateneo per il successivo versamento al bilancio dello stato. A B C D Capitolo Nome Conto Stanziamento iniziale Spese obbligatorie DisponibilitàDecurtazione residua 10% F.S spese di pulizia locali , , , ,43 F.S materiale vario di consumo , , ,00 F.S manutenzioni e riparazioni 5.000, ,00 500,00 F.S noleggio macchinari e autoveicoli , , ,00 F.S spese postali e spedizioni 1.556, ,00 155,60 F.S traslochi e facchinaggi , , , ,40 F.S manutenz. e riparaz. attr. e imp , , ,00 F.S spese varie , , ,00 F.S sorveglianza locali , , , , ,28 TOTALE 9

10 F.S Trasferimenti tra unità amm./ve TOTALE , ,28 Di seguito si riporta l elenco delle spese inserite come obbligatorie nella colonna D: F.S spese di pulizia locali Contratto con Manutencoop scadenza dicembre importo annuo ,70 euro F.S traslochi e facchinaggi Trasloco della segreteria studenti di Scienze della Formazione da via Capponi a via Valori 1.596,00 euro Trasloco dell'ufficio legale dell'ateneo da via Micheli a via La Pira - importo stimato 2.760,00 euro Trasloco della segreteria studenti di Psicologia da via Capponi alla Torretta (dicembre 2006) - importo stimato 5.400,00 euro F.S sorveglianza locali Contratto portierato con Manutencoop scadenza ottobre importo annuo ,94 euro Contratto Athena per Museo di Storia Naturale - importo annuo ,57 euro Contratto vigilanza armata con Vigili Giurati - importo annuo ,00 euro Inoltre, ai fini del trasferimento dei fondi relativi alla tassa di ammissione ai Master a.a.2005/2006 sul bilancio del Polo Centro Storico 1, calcolati dalla segreteria Post Laurea nella misura di ,00 ( 15 x 801 domande), si chiede di deliberare la seguente variazione sul bilancio del Polo Centro Storico 1: Maggiori entrate F.E ,00 Maggiori uscite F.S ,00 Infine, a seguito di un rimborso da parte della società assicurativa La Fondiaria a favore del Polo Centro Storico 1, si chiede di deliberare la seguente variazione di bilancio: Maggiori entrate F.E ,50 Maggiori uscite F.S ,50» Delibera n. 101 Il Consiglio di Amministrazione: - visto il D.L. 4 Luglio 2006, n.223 convertito con legge 04 agosto 2006, n. 248, recante Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonchè interventi in materia di entrate e di contrasto all evasione fiscale ; - richiamata la propria delibera del 16 Dicembre 2005 con la quale ha approvato il bilancio preventivo per l anno 2006 del Polo Centro Storico 1;

11 - richiamata la circolare Direttore Amministrativo prot. n VIII/5/16 del 12/07/2006, che stabilisce linee guida per l applicazione del D.L. 4 Luglio 2006, n.223 convertito con legge 04 agosto 2006, n. 248; - visto l art. n. 22 del Regolamento per l Amministrazione, Finanza e Contabilità, autorizza le seguenti variazioni al bilancio preventivo per l esercizio 2006 del Polo Centro Storico 1: Capitolo Variazioni F.S ,43 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,60 F.S ,40 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,85 totale ,28 F.S ,28 Parte entrate F.E ,00 F.E ,50 Parte uscite F.S ,50 Sul punto 8 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO POLO SCIENZE SOCIALI. APPLICAZIONE ART. 22 D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO IN LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «L art. 22 del D.L. 4 luglio 2006, n. 223 convertito con legge 4 agosto 2006, n. 248 ha stabilito che Gli stanziamenti per l anno 2006 relativi a spese per consumi intermedi dei bilanci di enti ed organismi pubblici non territoriali,. sono ridotti nella misura del 10%, comunque nei limiti delle disponibilità non impegnate alla data in vigore del presente decreto.. In applicazione della suddetta disposizione, il Direttore Amministrativo, con circolare prot VIII/5/16 del 12/7/2006 ha stabilito che In tutti i bilanci delle strutture autonome dell Ateneo deve pertanto essere operata, a cura dei Segretari Amministrativi e dei Dirigenti di Polo, previa delibera dei rispettivi Organi di Governo, una riduzione del 10% calcolato sugli stanziamenti e nei limiti della disponibilità residua alla data del 4 luglio, accantonando su apposito fondo, da versare successivamente al bilancio dello Stato. Sempre la suddetta circolare individuava nei capitoli di bilancio della cat quelli interessati alla suddetta riduzione. Nella seguente tabella sono 11

12 pertanto indicati gli stanziamenti di bilancio all inizio dell esercizio 2006, avendo riguardo alle eventuali variazioni successivamente intervenute (col.a), le spese obbligatorie coperte da contratti e/o che devono comunque essere sostenute al fine di garantire la funzionalità delle strutture di didattica e ricerca (col. B), la disponibilità residua alla data di entrata in vigore del decreto sulla quale calcolare la riduzione del 10% (col. C), l importo della decurtazione così determinato che dovrà essere oggetto di variazione di bilancio (col. D) e trasferito al bilancio di Ateneo per il successivo versamento al bilancio dello Stato: A B C D Capitolo Nome Conto Stanziamento iniziale Spese obbligatorie DisponibilitàDecurtazione residua 10% F.S spese di pulizia locali , , , ,60 F.S materiale vario di consumo , , ,00 F.S acquisto licenze uso programmi 5.000, ,00 500,00 F.S manutenzioni e riparazioni , , ,00 F.S spese postali e spedizioni 3.500, ,00 350,00 F.S traslochi e facchinaggi 5.000,00 0,00 0,00 F.S manutenz. e riparaz. attr. e imp , , ,00 F.S manutenz.,ripar., esercizio veicoli 2.000, ,00 200,00 F.S giornali, riviste e indici bibliog , ,00 100,00 F.S spese varie 5.000, ,00 500,00 F.S sorveglianza locali , , , ,98 TOTALE ,58 F.S trasferimenti tra unità amm.ve ,58 TOTALE ,58 Di seguito si riporta l elenco delle spese inserite come obbligatorie nella colonna D: F.S spese di pulizia locali Contratto con Manutencoop - importo annuo ,00 euro Integrazione del suddetto contratto per la pulizia di nuovi locali dati in gestione al Polo delle Scienze Sociali nel corso del 2006 (piano terreno via Cittadella) 1.800,00 euro. F.S sorveglianza locali Contratto portierato con Manutencoop - importo annuo ,20 euro Contratto vigilanza armata con Eliseo - importo annuo ,00 euro Infine, si chiede che il Consiglio autorizzi anche le seguenti variazioni di assestamento al bilancio preventivo del Polo delle Scienze Sociali per l esercizio 2006: - F.E Assegnazione per finanziamento ordinario ,00 euro la richiesta è motivata dal leggero incremento (circa 10%) del finanziamento con cui le unità amministrative afferenti al Polo delle Scienze Sociali contribuiscono alla parziale copertura delle spese di funzionamento generale. 12

13 - F.S Altre attrezzature 5.000,00 - F.S Mobili e macchine d ufficio ,00 al fine di provvedere ad arredare l archivio mandati di Polo, alcuni uffici ed un aula.» Delibera n. 102 Il Consiglio di amministrazione: - visto il D.L. 4 luglio 2006, n. 223 convertito con legge 4 agosto 2006, n. 248, recante Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonché interventi in materia di entrate e di contrasto all evasione fiscale ; - richiamata la propria delibera del 16 dicembre 2005 con la quale ha approvato il bilancio preventivo per l anno 2006 del Polo delle Scienze Sociali; - richiamata la circolare del Direttore Amministrativo prot. n VIII/5/16 del 12/7/2006, che stabilisce linee guida per l applicazione del D.L. 4 luglio 2006, n. 223 convertito con legge 4 agosto 2006, n. 248; - visto l art. n. 22 del Regolamento per l amministrazione, la finanza e contabilità di Ateneo, autorizza le seguenti variazioni al bilancio preventivo per l esercizio 2006 del Polo delle Scienze Sociali: Capitolo Importo F.S ,60 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,98 F.S ,00 F.S ,00 F.S ,58 Totale ,00 Capitolo Importo F.E ,00 Totale ,00 Sul punto 9 dell O.D.G. «VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ANNO IN CORSO POLO BIOMEDICO E TECNOLOGICO. APPLICAZIONE ART. 22 D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO IN LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248» 13

14 Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «L art. 22 del D.L. 223/06 prevede che Gli stanziamenti per l anno 2006 relativi a spese per consumi intermedi dei bilanci di enti ed organismi pubblici non territoriali,. sono ridotti nella misura del 10%, comunque nei limiti delle disponibilità non impegnate alla data in vigore del presente decreto.. La riduzione del 10% prevista dal decreto è stata calcolata come da tabella sottoriportata. Si fa presente che le spese obbligatorie evidenziate sono riferite a contratti già stipulati o da stipulare necessariamente, al fine di garantire la continuità dei servizi erogati dal Polo, anche in considerazione che lo stanziamento assegnato dall Ateneo risulta minimale per garantire i servizi essenziali.» Delibera n. 103 Il Consiglio di amministrazione, esaminata la pratica, delibera di apportare le sottoindicate variazioni al bilancio di previsione del corrente anno del Polo Biomedico e Tecnologico: Variazioni in meno F.S manutenzioni e riparazioni 400,00 F.S noleggio macchinari e autoveicoli 31,68 F.S traslochi e facchinaggi 200,00 F.S spese varie 1.000, ,68 Variazioni in più F.S trasferimenti ad altri soggetti 1.631, ,68 Sul punto 22 dell O.D.G. «ADEGUAMENTO DEI FONDI PER IL TRATTAMENTO ACCESSORIO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO» Il Consiglio di amministrazione prende in esame il seguente promemoria: «Il CCNL del del comparto Università prevede all art. 5 la rideterminazione dei fondi ex artt. 67 e 70 (CCNL del ) relativi al trattamento accessorio del personale Tecnico Amministrativo, già inseriti nel bilancio di previsione per l anno L articolo citato così recita: 1. Al fine di realizzare ulteriori incrementi di produttività e di efficacia dei servizi, con conseguente valorizzazione della qualità delle prestazioni, a decorrere dal 31/12/2005 ed a valere sull anno 2006, le risorse previste dai fondi per i trattamenti accessori di cui all art. 67 e 70 del CCNL del 9/8/2000, rideterminate dall art. 41 del CCNL del 27/1/2005, sono ulteriormente incrementate, in proporzione alla loro rispettiva consistenza, di un importo complessivamente pari allo 0,50% del monte salari dell anno 2003, riferito al personale del comparto. 2. In sede di contrattazione integrativa, nell ambito delle risorse di cui al comma 1, una quota parte pari allo 0,30% del monte salari dell anno 2003, è destinata al finanziamento dell istituto previsto dall art. 41, comma 4, del CCNL 27 gennaio Si fa presente, inoltre, che secondo le indicazioni espresse dal Collegio dei Revisori dei Conti nel verbale n. 4/2006 del 26 aprile 2006, si era provveduto a calcolare una nuova ripartizione 14

15 dell incremento dello 0,51% del monte salari 2001, previsto dall art. 41 del CCNL del , fra i fondi ex art. 67 ed ex art. 70 del CCNL del Successivamente si era ripartito il fondo ex art. 67, così rideterminato, secondo le indicazioni espresse dal Collegio dei Revisori dei Conti nel verbale sopra citato. Il nuovo fondo ex art. 67 CCNL 98/2001 risulta pertanto così rideterminato: Anno 2006 Art. 67 Lordo dipendente Lordo Amm.ne TOTALE ACCESSORI Art. 67 comma 1 lettera a) 1 98/01 Aumenti ind. Ateneo (2,92% monte salari 1997) Art. 67 comma 1 lettera a) 2 98/01 Compensi accessori IX e X liv Art. 67 comma 1 lettera a) 3 98/01 Straordinari Art. 67 comma 1 lettera b) 98/01 risorse aggiuntive destinate nell'anno Art. 67 comma 3 98/01 1,55% monte salari 1997 Art. 4 comma 1 biennio 00/01 0,10% monte salari Art. 4 comma 2 biennio 00/01 0,33% monte salari Finanz. Art /01 per appl. Art Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art Recupero Indennità di rientro Incremento Ind. di Ateneo Oneri contributivi per buonuscita Art. 41 comma 1 02/05 0,51% monte salari Art. 41 comma 2 02/06 RIA cessati 2002/ Art. 41 comma 2 02/06 RIA cessati Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Art. 5 comma 1 biennio 04/05 0,50% monte salari Art. 67 comma 1 lettera c) 98/01 Attuazione art. 43 L. 449/97 0 Art. 67 comma 1 lettera d) 98/01 Economie da tempo pieno a tempo parziale realizzate nell'anno Art. 67 comma 1 lettera e) 98/01 Risparmi per appl. Art. 2, comma 3, D.Lgs. 29/93 0 Art. 67 comma 1 lettera f) 98/01 Risorse che specifiche disposizioni destinano 0 Art. 67 comma 1 lettera g) 98/01 Risparmi straordinario (art /01) 0 Art. 67 comma 4 98/01 Incremento per nuove assunzioni Art. 68 comma 2 a) 98/01 Differenziale tra pos. econ. di cessazione e quella iniziale anno FONDO AL

16 Nella tabella sono riportati, evidenziati in grigio, l aumento pari allo 0,51% del monte salari 2001 ( ,00 lordo Amministrazione) rideterminato secondo il citato parere del Collegio dei Revisori dei Conti (verbale n. 4/2006) e l aumento pari allo 0,50% del monte salari 2003 ( ,00 lordo Amministrazione) previsto dall art. 5 del CCNL del La consistenza del fondo, comprensiva degli oneri a carico dell Amministrazione, pari a risulta ripartita nel seguente modo: DESTINAZIONE CCNL , art. 68, comma 2, lett.a Progressioni orizzontali CCNL , art. 41, comma 3 Progressioni orizzontali: 0,3% del MONTE SALARI CCNL , art. 68, comma 2, lett.a+b Indennità di responsabilità CCNL , art. 68, comma 2, lett.c CCNL , art. 68, comma 2, lett.d Indennità di rischio, disagio, Produttività e miglioramento CCNL , art. 68, comma 2, lett.e Incentivi relativi all'art. 67, c. 1, lett. f) CCNL , art. 41, comma 4 Indennità mensile CCNL Indennità mensile: 0,30% del MS Anno Si evidenzia, come risulta peraltro dalla tabella, che l importo da destinare alle progressioni economiche orizzontali ammonta complessivamente a ,00 lordo Amministrazione. Tenuto conto che nel Bilancio di Previsione per l anno 2006 l importo del fondo comprensivo degli oneri a carico dell Amministrazione ammontava ad ,00, occorre stanziare un ulteriore somma, pari ad ,00 da destinare al capitolo F.S Al fine di poter adeguare il fondo alle previsioni contrattuali, risulta necessario incrementare di pari importo il capitolo relativo alle entrate per l alienazione di beni immobili (F.E ). Il nuovo fondo ex art. 70 CCNL 98/2001 risulta così rideterminato: Fondo per la Retribuzione di posizione e risultato EP Lordo dipendente Lordo Amm.ne Art. 70 comma 2 lettera a) e b) 98/01 Accessorio e straordinario anno 99 al personale ex aulifiche IX, i re e II rs Art. 70 comma 2 lettera c) 2 98/01 Incremento dello 0,45% MS Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero Indennità di rientro Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero Tab A/B Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero straordinario Art. 4 comma 2 biennio 00/01 0,33% MS Meno incremento ind. di Ateneo (biennio 01/02) Art. 41 comma 1 02/05 0,51% MS Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP

17 Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero straordinario Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero straordinario Art. 5 comma 1 biennio 04/05 0,50 MS FONDO AL Anche in tale caso, la tabella riporta evidenziati in grigio, l aumento pari allo 0,51% del monte salari 2001 ( ,00 lordo Amministrazione) rideterminato secondo il parere espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti nel verbale n. 4/2006 del 26 aprile 2006 e l aumento pari allo 0,50% del monte salari 2003 ( ,00 lordo Amministrazione) previsto dall art. 5 del CCNL del Tenuto conto che nel Bilancio di Previsione per l anno 2006 l importo del fondo comprensivo degli oneri a carico dell Amministrazione ammontava ad ,00, occorre stanziare un ulteriore somma, pari ad ,00 da destinare al capitolo F.S Al fine di poter coprire il fabbisogno complessivo, come sopra determinato, si prevede di incrementare di pari importo il capitolo relativo alle entrate per l alienazione di beni immobili (F.E ). Si fa presente infine che il Collegio dei Revisori dei Conti, a cui è stato chiesto il prescritto parere in merito alla correttezza e legittimità dei fondi ex artt. 67 e 70 CCNL 98/2001, con il verbale n. 5/2006 del 20 luglio 2006, si è espresso favorevolmente sulla correttezza degli importi complessivamente calcolati dei fondi ex artt. 67 e 70 del CCNL 98/2001 del personale Tecnico Amministrativo riservandosi di valutare la compatibilità con il bilancio di Ateneo una volta conosciuta la relativa proposta di variazione.» Entra Santovito per illustrare la pratica. Santovito fa presente che la pratica riguarda la riquantificazione del fondo trattamento accessorio del personale tecnico amministrativo e ciò in applicazione di una specifica norma del CCNL. L incremento è pari ad euro ovverosia lo 0,50% del monte salari. Il finanziamento necessario per adeguare tale fondo ed il corrispondente capitolo di bilancio viene individuato nell incremento del capitolo di entrata relativo alla alienazione di beni immobili. In proposito fa presente che i revisori dei conti hanno espresso parere positivo. A questo punto sono le ore 9,35, entra Fucile. La Gamba evidenzia che la norma contrattuale specifica prevede che vi sia certezza dell introito relativo a tale incremento, certezza che non ritiene sussista nel caso di specie poiché è legata alla vendita degli immobili. Il Direttore Amministrativo fa presente in proposito che l argomento è stato oggetto di considerazione con il Presidente dei revisori dei conti che ha, per l appunto, suggerito tale soluzione: incremento dello stanziamento con copertura mediante il ricavato delle vendite di Villa Favard o di altri immobili. Baroncelli osserva che applicare il CCNL per quest anno con l alienazione dei beni immobili può essere una soluzione solo una tantum, mentre si chiede come sarà coperta tale spesa nei prossimi anni. Ritiene, inoltre che, pur verificandosi sicuramente degli avanzi dalle vendite degli immobili, 17

18 negli anni si è potuto anche constatare che si tratta di operazioni su cui è possibile fare poco affidamento nel senso che spesso immobili per cui si è prevista l alienazione risultano essere ancora invenduti. Il Rettore evidenzia come l attuale delibera sia indispensabile per la copertura dei costi dell incremento contrattuale e ciò per evitare di penalizzare solo il personale tecnico amministrativo. D altronde, precisa il Rettore, la somma appostata in bilancio per tale necessità, peraltro di entità non considerevole, rientra per l appunto con le vendite degli immobili. Sottolinea che senza tale operazione non sarebbe possibile erogare gli aumenti stipendiali. La Gamba fa presente che dalla pratica si evince che al Collegio dei revisori dei conti è stato anche richiesto, in base ad una sollecitazione da parte delle OO.SS., un parere sull applicazione del comma 5 dell art. 43 della legge finanziaria 1998 che, per le Università è stato richiamato dall art. 67 comma 1 lett. c) del CCNL 2000 e che prevede la costituzione di un fondo per le progressioni economiche orizzontali e a sostegno delle iniziative rivolte a migliorare la produttività, l efficienza e l efficacia dei servizi. Rileva che tale fondo, con il recupero degli anni dal 2000 ad oggi è di ,36 euro, però, nella tabella in approvazione, a tale voce corrisponde una cifra pari a zero. Ritiene, invece, che in questa sede sarebbe opportuno deliberare anche sulla costituzione di tale fondo. Il Direttore Amministrativo fa presente che su tale questione il Collegio dei revisori dei conti si è riservato di esprimersi in un secondo momento. Baroncelli afferma anch ella di avere rilevato l anomalia evidenziata da La Gamba poiché, come si evince dalla pratica, la dirigente chiede espressamente un parere al Collegio dei revisori anche sulla costituzione del fondo di euro, ma nel verbale della successiva riunione del collegio dei revisori questo parere non c è e nelle tabelle oggi in approvazione tale fondo non risulta essere in sospeso ma proprio azzerato. Santovito ribadisce che la costituzione del fondo di euro non è oggetto della pratica odierna, anche se negli allegati alla pratica c è la richiesta al Collegio dei revisori dei conti, da parte della Dirigente dell Area Risorse Umane, di autorizzazione alla copertura di detto importo. Fa presente che, in considerazione della riserva da parte del collegio di esprimersi su tale questione, l argomento sarà affrontato in un secondo momento. La Gamba dichiara il suo voto contrario perché così come è istruita la pratica risulterebbe che il fondo relativo all art. 67 del CCNL è pari a zero. Baroncelli si associa a quando dichiarato da La Gamba poiché anche lei ritiene che la pratica proposta vada ad azzerare la voce relativa alla costituzione del fondo suddetto ed anche perché, come precedentemente affermato, ritiene la copertura della pratica in esame assolutamente incerta. Il Direttore Amministrativo nel precisare che l allegazione alla pratica della richiesta di parere sul fondo in questione scaturisce dal fatto che ai revisori era stata avanzata un unica richiesta per i due argomenti, su cui devono ancora esprimersi, comunica che la mancata approvazione della prospettata variazione comporta l impossibilità di aumentare il salario accessorio al personale tecnico amministrativo. 18

19 Esce Santovito. Al termine il Consiglio di amministrazione approva la seguente delibera con i voti contrari di La Gamba, Baroncelli e Montis. Delibera n. 104 Il Consiglio di amministrazione: - letto quanto sopra esposto in narrativa; - visti gli artt. 67 e 70 del CCNL del , l art. 41 del CCNL del e l art. 5 del CCNL del ; - vista la nota di richiesta di parere del Collegio dei Revisori dei Conti dell ed il parere espresso dallo stesso Collegio nel verbale n. 5/2006 del 20 luglio 2006; - tenuto conto della necessità di adeguare le risorse dei fondi trattamento accessorio del Personale Tecnico Amministrativo in applicazione delle sopra citate previsioni contrattuali, DELIBERA 1) il fondo art. 67 del CCNL del così costituito: Anno 2006 Art. 67 Lordo dipendente Lordo Amm.ne TOTALE ACCESSORI Art. 67 comma 1 lettera a) 1 98/01 Aumenti ind. Ateneo (2,92% monte salari 1997) Art. 67 comma 1 lettera a) 2 98/01 Compensi accessori IX e X liv Art. 67 comma 1 lettera a) 3 98/01 Straordinari Art. 67 comma 1 lettera b) 98/01 risorse aggiuntive destinate nell'anno Art. 67 comma 3 98/01 1,55% monte salari 1997 Art. 4 comma 1 biennio 00/01 0,10% monte salari Art. 4 comma 2 biennio 00/01 0,33% monte salari Finanz. Art /01 per appl. Art Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art Recupero Indennità di rientro Incremento Ind. di Ateneo Oneri contributivi per buonuscita Art. 41 comma 1 02/05 0,51% monte salari Art. 41 comma 2 02/06 RIA cessati 2002/ Art. 41 comma 2 02/06 RIA cessati Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Art. 5 comma 1 biennio 04/05 0,50% monte salari Art. 67 comma 1 lettera c) 98/01 Attuazione art. 43 L. 449/

20 Art. 67 comma 1 lettera d) 98/01 Economie da tempo pieno a tempo parziale realizzate nell'anno Art. 67 comma 1 lettera e) 98/01 Risparmi per appl. Art. 2, comma 3, D.Lgs. 29/93 0 Art. 67 comma 1 lettera f) 98/01 Risorse che specifiche disposizioni destinano 0 Art. 67 comma 1 lettera g) 98/01 Risparmi straordinario (art /01) 0 Art. 67 comma 4 98/01 Incremento per nuove assunzioni Art. 68 comma 2 a) 98/01 Differenziale tra pos. econ. di cessazione e quella iniziale anno Anno 2006 FONDO AL ) di coprire il fabbisogno complessivo pari a ,00 con un incremento di pari importo del capitolo relativo alle entrate per alienazione di beni immobili (F.E ). 3) il fondo art. 70 del CCNL del così costituito: Fondo per la Retribuzione di posizione e risultato EP Lordo dipendente Lordo Amm.ne Art. 70 comma 2 lettera a) e b) 98/01 Accessorio e straordinario anno 99 al personale ex aulifiche IX, i re e II rs Art. 70 comma 2 lettera c) 2 98/01 Incremento dello 0,45% MS Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero Indennità di rientro Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero Tab A/B Finanz. Art /01 per appl. Art. 74 Recupero straordinario Art. 4 comma 2 biennio 00/01 0,33% MS Meno incremento ind. di Ateneo (biennio 01/02) Art. 41 comma 1 02/05 0,51% MS Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero straordinario Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero produttività collettiva EP Finanz. Art /01 per appl. Art. 57 Recupero straordinario Art. 5 comma 1 biennio 04/05 0,50 MS FONDO AL ) di coprire il fabbisogno complessivo pari a ,00 con un incremento di pari importo del capitolo relativo alle entrate per alienazione di beni immobili (F.E ). Sul punto 2 dell O.D.G. «APPROVAZIONE DEI VERBALI DEL 30/9/05, 28/10/05, 29/11/05, 28/4/06 E DEL 26/5/06» Il Consiglio di amministrazione approva i verbali del 30/9/05, 28/10/05, 29/11/05, 28/4/06 e del 26/5/06. Sul punto 3 dell O.D.G. «SOSTITUZIONE MEMBRO IN SENO ALLA COMMISSIONE RISORSE» 20

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS...

hol~e; A--fç, ttgr (.. \ g.4 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA 1 7 FEB. 2015 È assente giustificato: sig. Domenico Di Simone. ... OMISSIS... SAPIENZA 1 7 FEB. 2015 Nell'anno duemilaquindici, addì 17 febbraio alle ore 16.00, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il, convocato con nota rettorale prot. n. 0009903 del 12.02.2015, per

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999

ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999 ANNO 2008 - COSTITUZIONE E RIPARTIZIONE DEL FONDO DI CUI ALL ART.15 DEL C.C.N.L. 01.04.1999 24/04/2009 : integrazione al C.C.D.I. sottoscritto in data 13 marzo 2008 Oggetto: stipula del contratto integrativo

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI

COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI COMPARTO REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI TABELLA 15 - FONDO PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA MACROCATEGORIA: PERSONALE NON DIRIGENTE Risorse per il finanziamento del fondo (voci di entrata)(*) Utilizzo del

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli