REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato"

Transcript

1 Deliberazione n. 2/2014/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato I, II e Collegio per il controllo sulle entrate nell adunanza del 13 marzo 2014 * * * Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20 ed, in particolare, l art. 3, comma 4, ai sensi del quale la Corte dei conti svolge il controllo sulle gestioni delle Amministrazioni pubbliche, verificandone la legittimità e la regolarità, il funzionamento degli organi interni, nonché la corrispondenza dei risultati dell attività amministrativa agli obiettivi stabiliti dalla legge, valutando comparativamente costi, modi e tempi dello svolgimento dell azione amministrativa; visto il regolamento per l organizzazione delle funzioni di controllo, approvato con deliberazione n. 14/2000 delle Sezioni Riunite in data 16 giugno 2000 e successive modificazioni; visto l art. 1, comma 172, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), con cui, ad integrazione dell articolo 3, c. 6, della legge 14 gennaio 1994, n. 20, viene stabilito che le Amministrazioni comunichino alla Corte dei conti ed agli Organi elettivi (Parlamento Consigli regionali), entro sei mesi dalla data di ricevimento delle relazioni della Corte stessa, le misure conseguentemente adottate in esito ai controlli effettuati;

2 2 visto l art. 3, comma 64, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008), con cui viene stabilito che, ove l Amministrazione ritenga di non ottemperare ai rilievi formulati dalla Corte a conclusione di controlli su gestioni di spesa o di entrata svolti a norma dell articolo 3 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, adotti, entro trenta giorni dalla ricezione dei rilievi, un provvedimento motivato da comunicare alle Presidenze delle Camere, alla Presidenza del Consiglio dei ministri ed alla Presidenza della Corte dei conti; vista la relazione del Consigliere istruttore, dott.ssa Sonia Martelli, concernente gli esiti dell indagine condotta sulla Adempimenti volti a dare attuazione agli obiettivi di contenimento della spesa inerente al fabbisogno allocativo delle Amministrazioni statali (art. 2, comma 222, della legge n. 191 del 2009) ; vista l ordinanza, in data 13 febbraio 2014, del Presidente della Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato, con la quale è stata convocata la Sezione del controllo, I, II Collegio nonché Collegio per il controllo sulle entrate per il giorno 13 marzo 2014; vista la nota n. 830 del 14 febbraio 2014 con la quale il Servizio adunanze della Segreteria della Sezione ha trasmesso la relazione alle sottoelencate Amministrazioni: - Presidenza del Consiglio dei Ministri: Segretariato Generale Ufficio per l acquisizione dei beni e dei servizi e per la gestione degli immobili Ufficio per il controllo interno, la trasparenza e l integrità

3 3 Ufficio centrale di bilancio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero dell ambiente, della tutela del territorio e del mare: Gabinetto del Ministro Direzione generale degli affari generali e del personale Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell ambiente, della tutela del territorio e del mare - Comando Carabinieri Tutela per l Ambiente (NOE)-Ufficio Comando Sezione operazioni e logistica - Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) - Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo: Gabinetto del Ministro Segretariato generale-ufficio del Segretario generale Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Ministero dell economia e delle finanze: Gabinetto del Ministro Dipartimento dell amministrazione generale, del personale e dei servizi Direzione generale per la logistica e gli approvvigionamenti Dipartimento delle finanze-direzione generale della giustizia tributaria Organismo indipendente di valutazione della performance Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell economia e delle finanze

4 4 - Comando Generale della Guardia di Finanza: IV Reparto-Ufficio Infrastrutture - Ministero della Giustizia: Gabinetto del Ministro Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi-direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi- Ufficio IV Gestione immobili Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria-direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Dipartimento della giustizia minorile-direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della giustizia - Ministero delle infrastrutture e dei trasporti: Gabinetto del Ministro Direzione generale per gli affari generali e del personale Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Comando Generale delle Capitanerie di porto-capo Reparto A.I. - Ministero dell interno: Gabinetto del Ministro Dipartimento per le politiche del personale dell amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie Organismo indipendente di valutazione della performance

5 5 Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell interno Dipartimento della Pubblica sicurezza Dipartimento dei Vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile - Comando Generale dell Arma dei Carabinieri: Stato Maggiore - Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca: Gabinetto del Ministro Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali-direzione generale risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca - Ministero del lavoro e delle politiche sociali: Gabinetto del Ministro Direzione generale per le politiche del personale, l innovazione, il bilancio e la logistica Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali: Gabinetto del Ministro Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari-direzione generale per il riconoscimento degli organismi di controllo e di certificazione e tutela

6 6 del consumatore Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali Corpo Forestale dello Stato-Ispettorato generale - Ministero della salute: Gabinetto del Ministro Direzione generale organizzazione, bilancio e personale Organismo indipendente di valutazione della performance Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della salute - Consiglio di Stato e Tribunali Amministrativi Regionali: Ufficio gestione bilancio e trattamento economico-uffici centrali della giustizia amministrativa - Agenzia del Demanio: Direzione area operativa - Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: Area centrale amministrazione e finanza-ufficio acquisti Direzione centrale amministrazione e finanza - Agenzia delle Entrate: Direzione centrale amministrazione, pianificazione e controllo-settore logistica e fornitori-ufficio immobili e servizi tecnici - Agenzia del Territorio: Area coordinamento ed integrazione funzionale-ufficio coordinamento gestione immobili; udito il relatore Cons. Sonia Martelli;

7 7 constatato che, in rappresentanza delle Amministrazioni, sono intervenuti in aula: - per la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ufficio per l acquisizione dei beni e dei servizi e per la gestione degli immobili: dott.ssa Simonetta Negrini (Dirigente); - per la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ufficio per il controllo interno, la trasparenza e l integrità-servizio per il coordinamento del controllo di gestione: dott.ssa Laura Menicucci (Dirigente); - per il Ministero dell ambiente, della tutela del territorio e del mare - Direzione generale degli affari generali e del personale: dott.ssa Leonilda De Luca (Dirigente), dott. Giuseppe Cosentino (Dirigente), dott.ssa Gaia Potenzi (Funzionario) assiste, dott.ssa Paola Anitori (Funzionario) assiste; - per l Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA): dott. Marco La Commare (Capo Dipartimento), dott. Maurizio Miccinilli (Funzionario) assiste; - per il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo - Segretariato generale-ufficio del segretario generale: dott.ssa Antonella Mosca (Dirigente), dott. Paolo D Angeli (Dirigente), Organismo indipendente di valutazione: dott. Onofrio Spalla (Dirigente); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo: dott.ssa Tiziana Formichetti (Dirigente), dott.ssa Patrizia Liberatora (Funzionario) assiste, dott.ssa Manuela Benedetti (Funzionario) assiste; - per il Ministero dell economia e delle finanze - Direzione generale per

8 8 la logistica e gli approvvigionamenti: dott. Giuseppe Imparato (Direttore), dott.ssa Tiziana Corrado (Dirigente), dott. Marco Ciaccià (Funzionario) assiste; - per il Ministero dell economia e delle finanze - Dipartimento delle finanze-direzione della giustizia tributaria: dott.ssa Maria Colamatteo (Funzionario) assiste; - per il Comando generale della Guardia di Finanza - IV Reparto-Ufficio infrastrutture: Col. Lucio Redi, Col. Giuseppe Cuzzocrea, Col. Antonio D Agostino; - per il Ministero della giustizia - Dipartimento dell organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi-direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi-ufficio IV Gestione immobili: dott. Pietro Baffa (Direttore), dott.ssa Berta Mezzanotte (Funzionario) assiste; - per il Ministero della giustizia - Dipartimento dell amministrazione penitenziaria-direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi: dott.ssa Giulia Tartarone (Dirigente), dott.ssa Anna Maria Scardaci (Funzionario) assiste; - per il Ministero della giustizia - Dipartimento della giustizia minorile- Direzione generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi: dott. Emanuele Caldarera (Direttore generale); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della giustizia: dott. Lorenzo Quinzi (Direttore generale), dott. Giorgio Graziosi (Dirigente), dott.ssa Lina Festa (Dirigente), dott.ssa Anna Maria Como (Dirigente); - per il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Direzione generale

9 9 per gli affari generali e del personale: dott. Mario Nobile (Dirigente), dott.ssa Romilda Barzon (Funzionario) assiste, dott. Roberto La Rosa (Funzionario) assiste, dott.ssa Marina Perrone Filardi (Funzionario) assiste; - per il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Comando generale delle Capitanerie di porto: Capo reparto A.I. 5 Reparto-Amministrazione e logistica Capitano di vascello Salvatore Gravante, Capitano di fregata Stefano Schiavone assiste; - per il Ministero dell interno - Dipartimento per le politiche del personale dell amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie-affari generali e logistici: dott. Roberto Amati (Dirigente); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell interno dott. Roberto Gargiulo (Dirigente); - per il Comando generale dell Arma dei Carabinieri - Stato maggiore: Gen. Leo Luzzi; - per il Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali-direzione generale risorse umane del Ministero, acquisti e affari generali: dott. Jacopo Greco (Dirigente), dott. Mario Brandi (Funzionario) assiste; Organismo indipendente di valutazione della performance: dott. Mariano Ferrazzano (Dirigente); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca: dott. Enrico Gallo (Dirigente); - per il Ministero del lavoro e delle politiche sociali - Direzione generale per le politiche del personale, l innovazione, il bilancio e la logistica:

10 10 dott.ssa Concetta Ferrari (Direttore generale), dott.ssa Patrizia Romano (Dirigente); Organismo indipendente di valutazione: dott.ssa Maria Teresa Vedovelli (Dirigente); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali: dott. Fabrizio Fort (Funzionario) assiste; - per il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali - Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agro-alimentari-direzione generale per il riconoscimento degli organismi di controllo e certificazione e tutela del consumatore: dott. Raffaele Rodolfo Monaco (Funzionario con funzioni di reggenza Ufficio VICO III), dott.ssa Maria Giordano (Funzionario) assiste; Organismo indipendente di valutazione dott. Gianfranco Laccone (Dirigente); - per il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali - per il Corpo Forestale dello Stato: Ispettorato generale: dott. Antonio Danilo Mostacchi (Dirigente superiore), dott. Andrea Gumina (Funzionario) assiste; - per il Ministero della salute - Direzione generale organizzazione, bilancio e personale: dott. Nicola Begini (Dirigente); - per l Ufficio centrale di bilancio presso il Ministero della salute: dott. Enrico Parisi (Dirigente); - per il Consiglio di Stato e Tribunali Amministrativi Regionali - Ufficio gestione bilancio e trattamento economico-uffici centrali della giustizia amministrativa: dott. Alessandro Falco (Dirigente), dott.ssa Giuseppa Ereddia (Funzionario) assiste;

11 11 - per l Agenzia del demanio - Direzione centrale gestione patrimonio immobiliare dello Stato-Gestione patrimonio e fabbisogni: dott. Alessandro Foggia (Dirigente), dott. Vittorio Vannini (Funzionario) assiste, dott.ssa Valentina Lacamera (Funzionario) assiste, dott.ssa Sabrina Randazzo (Funzionario) assiste; - per l Agenzia delle dogane e dei monopoli -Direzione centrale amministrazione e finanza-ufficio acquisti: dott. Vincenzo Talarico (Dirigente), Ufficio tesoreria dott.ssa Maria Luisa Carletti (Dirigente); DELIBERA di approvare, con le modifiche apportate dal Collegio in Camera di consiglio, la Relazione concernente Adempimenti volti a dare attuazione agli obiettivi di contenimento della spesa inerente al fabbisogno allocativo delle Amministrazioni statali (art. 2, comma 222, della legge n. 191 del 2009) ; ORDINA che la presente deliberazione e l unita relazione siano trasmesse, a cura della Segreteria della Sezione Servizio adunanze: - alla Presidenza del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; - alla Presidenza delle Commissioni Bilancio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; - alla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Segretariato Generale quale organo di coordinamento dell attività amministrativa del Governo; - al Ministero dell economia e delle finanze Gabinetto del Ministro; - ai Ministeri interessati dall istruttoria dell indagine. Le Amministrazioni interessate:

12 12 - comunicheranno alla Corte e al Parlamento, entro sei mesi dalla data di ricevimento della relazione, le misure conseguenzialmente adottate ai sensi e per gli effetti dell articolo 3, comma 6, della legge n. 20/94, modificato dall articolo 1, comma 172, della legge 23 dicembre 2005 n. 266; - adotteranno, entro trenta giorni dalla ricezione della relazione, l eventuale provvedimento motivato previsto dall articolo 3, comma 64 della legge 24 dicembre 2007, n La presente deliberazione e l unita relazione saranno trasmesse, ai sensi e per gli effetti dell articolo 41 del R.D. 11 luglio 1934 n. 1214, al competente Collegio delle Sezioni Riunite, affinché possa trarne deduzioni ai fini del nuovo referto al Parlamento sul Rendiconto Generale dello Stato, anche in ordine alle modalità con le quali le Amministrazioni si sono conformate alla vigente disciplina finanziaria e contabile. Il Presidente (Dott. Giorgio CLEMENTE) Il Relatore (Cons. Sonia MARTELLI) Depositata in Segreteria il 2 APR Il Dirigente (Dott.ssa Luciana TROCCOLI)

13 Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato Adempimenti volti a dare attuazione agli obiettivi di contenimento della spesa inerente al fabbisogno allocativo delle Amministrazioni statali (art. 2, comma 222 della legge n. 191 del 2009) MAGISTRATO RELATORE Cons. Sonia Martelli

14 SPAZIO NON UTILIZZABILE

15 INDICE Sintesi... 5 Oggetto e finalità dell indagine... 6 Il quadro normativo... 7 Gli interventi di razionalizzazione degli spazi e contenimento della spesa per locazione posti in essere dalle Amministrazioni statali esaminate... 9 Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Area Ministero Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente (già Nucleo Operativo Ecologico - NOE) Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero dell'economia e delle Finanze Guardia di Finanza Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Dipartimento della Giustizia Minorile Dipartimento dell Organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Area Ministero Comando Generale della Capitanerie di Porto Ministero dell Interno Prefetture e sedi dell Amministrazione centrale Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento della Pubblica Sicurezza Comando Generale dell'arma dei Carabinieri Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Corpo Forestale dello Stato Dipartimento dell Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei prodotti agro-alimentari Ministero della Salute Agenzia delle Entrate Agenzia delle Dogane Agenzia del Territorio Consiglio di Stato e Tribunali Amministrativi Regionali Quadri di riepilogo

16 Il Portale PA- Sezione RATIO Conclusioni e raccomandazioni Allegato 1 Gli interventi conclusi dalle Amministrazioni esaminate Allegato 2 Portale PA-Sezione RATIO: verifiche Elenco tabelle in relazione Tabella n.1 Presidenza del Consiglio dei Ministri: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.2 Presidenza del Consiglio dei Ministri: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.3 Presidenza del Consiglio dei Ministri: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.4 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare -ISPRA: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.5 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare -ISPRA: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.6 Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare -ISPRA: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.7 Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente (già Nucleo Operativo Ecologico- N.O.E.): Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.8 Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente (già Nucleo Operativo Ecologico- N.O.E.): Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.9 Ministero per i Beni e le Attività Culturali: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.10 Ministero per i Beni e le Attività Culturali: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.11 Ministero per i Beni e le Attività Culturali: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.12 Ministero dell'economia e delle Finanze: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.13 Ministero dell'economia e delle Finanze: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.14 Ministero dell'economia e delle Finanze: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.15 Guardia di Finanza: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.16 Guardia di Finanza: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.17 Guardia di Finanza: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali 37 Tabella n.18 Ministero della Giustizia-Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.19 Ministero della Giustizia-Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.20 Ministero della Giustizia-Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.21 Ministero della Giustizia-Dipartimento per la Giustizia Minorile: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Pag

17 Pag. Tabella n.22 Ministero della Giustizia-Dipartimento per la Giustizia Minorile: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.23 Ministero della Giustizia-Dipartimento dell'organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.24 Ministero della Giustizia-Dipartimento dell'organizzazione Giudiziaria, del Personale e dei Servizi: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.25 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.26 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.27 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.28 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti-Comando Generale delle Capitanerie di Porto: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.29 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti-Comando Generale delle Capitanerie di Porto: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.30 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti-Comando Generale delle Capitanerie di Porto: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.31 Ministero dell'interno-amministrazione Centrale e Prefetture: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.32 Ministero dell Interno-Amministrazione Centrale e Prefetture: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.33 Ministero dell'interno-amministrazione Centrale e Prefetture: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.34 Ministero dell'interno-dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.35 Ministero dell'interno-dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.36 Ministero dell'interno-dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.37 Ministero dell'interno-dipartimento della Pubblica Sicurezza: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.38 Ministero dell'interno-dipartimento della Pubblica Sicurezza: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.39 Ministero dell'interno-comando Generale dell'arma dei Carabinieri: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.40 Ministero dell'interno-comando Generale dell'arma dei Carabinieri: Quadro sinottico degli interventi conclusi Tabella n.41 Ministero dell'interno-comando Generale dell'arma dei Carabinieri: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.42 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.43 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.44 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.45 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.46 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali-Corpo Forestale dello Stato: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione

18 Tabella n.47 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali-Corpo Forestale dello Stato: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.48 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali-Corpo Forestale dello Stato: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.49 Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali-Dipartimento dell'ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi dei Prodotti Agro-Alimentari: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.50 Ministero della Salute: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.51 Ministero della Salute: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.52 Ministero della Salute: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali 84 Tabella n.53 Agenzia delle Entrate: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.54 Agenzia delle Entrate: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.55 Agenzia delle Entrate: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali 90 Tabella n.56 Agenzia delle Dogane: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.57 Agenzia delle Dogane: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.58 Agenzia delle Dogane: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali 94 Tabella n.59 Agenzia del Territorio: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.60 Agenzia del Territorio: Quadro sinottico degli altri interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.61 Agenzia del Territorio: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.62 Agenzia del Territorio: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali 99 Tabella n.63 Consiglio di Stato-Tribunali Amministrativi Regionali: Quadro sinottico degli interventi inclusi nel piano di razionalizzazione Tabella n.64 Consiglio di Stato-Tribunali Amministrativi Regionali: Quadro sinottico degli interventi conclusi negli anni Tabella n.65 Consiglio di Stato-Tribunali Amministrativi Regionali: Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali Tabella n.66 Quadro sinottico di tutti gli interventi inclusi nei piani di razionalizzazione 105 Tabella n.67 Quadro sinottico di tutti gli interventi conclusi negli anni distinti per tipologia Tabella n.68 Quadro sinottico di tutti gli interventi conclusi negli anni distinti per anno Tabella n.69 Quadro sinottico degli ulteriori elementi gestionali di tutti gli interventi conclusi negli anni LEGENDA DELLE ABBREVIAZIONI USATE NELLE TABELLE PRESENTI IN RELAZIONE E NEGLI ALLEGATI USO GOV. Immobili ad uso governativo Pag LOC. FIP Immobili in locazione Immobili del Compendio FIP 4

19 Sintesi L indagine ha consentito di verificare quale sia stata l attuazione data alle disposizioni contenute nella legge finanziaria del 2010 relative alla razionalizzazione degli spazi utilizzati dalle Amministrazioni dello Stato ed al contenimento della spesa per locazioni passive nel periodo che va dalla loro entrata in vigore a tutto il Il periodo successivo merita, infatti, di essere autonomamente esaminato, e già è oggetto di altra indagine inserita nella programmazione del triennio , in considerazione delle novità apportate dal decreto legge n. 95 di quell anno che, oltre a modificare significativamente le procedure, ha introdotto un sistema premiale i cui effetti saranno pienamente apprezzabili dal L istruttoria è stata incentrata esclusivamente sulle Amministrazioni per le quali l Agenzia del demanio era pervenuta alla elaborazione dei Piani di razionalizzazione, che, si rammenta, costituivano, e costituiscono, il fulcro della manovra prevista dal legislatore. Preso atto, dunque, che le modifiche normative medio tempore intervenute hanno fatto venir meno l interesse ad approfondimenti sulle possibili cause delle difficoltà incontrate per pervenire alla predisposizione di tali documenti, la relazione ha dovuto tener conto delle peculiarità che hanno connotato il processo di riordino delle sedi portato avanti dalle Amministrazioni. Si è, infatti, avuto modo di accertare sempre con esclusivo riferimento agli organismi interessati dai Piani predisposti dal Demanio - che accanto alle iniziative poste in essere in attuazione di tali Piani, ne sono stati realizzate altre più numerose, avviate prescindendo da qualunque programmazione. In esito alla complessa ricostruzione, si è potuto constatare che nel triennio all esame le Amministrazioni controllate hanno complessivamente posto in essere 619 interventi, da cui sono derivati risparmi annui per minori canoni di locazione pari a più di 28 milioni di euro e una riduzione degli spazi a disposizione degli uffici che supera di poco i mq. Per tali operazioni la relazione si è soffermata ad analizzare quali siano stati i risultati conseguiti, evidenziando, ovviamente solo per i progetti previsti nei Piani, gli eventuali scostamenti registrati rispetto alle previsioni iniziali. A completamento sono stati valutati, ove comunicati, i risparmi aggiuntivi dagli stessi derivati e i costi sostenuti in occasione della loro realizzazione, al fine di verificare i tempi necessari per il loro ammortamento. Un approfondimento è stato, infine, dedicato all evoluzione dei beni immessi sul Portale PA- Sezione Ratio attivato dall Agenzia del demanio per acquisire in modo sistematico le comunicazioni prescritte dalla disposizione normativa in esame. L analisi svolta ha consentito di evidenziare che allo scarso interesse che aveva connotato l avvio del sistema è subentrata una maggiore attenzione alla cognizione del patrimonio utilizzato ed alle attività di cui trattasi. In chiusura, il referto valuta complessivamente le problematiche emerse nella gestione delle attività in questione, fra le quali particolare peso riveste la rilevata assenza di un compiuto monitoraggio su tutti gli interventi posti in essere sull intero territorio nazionale. Per ovviare a tale carenza, si segnala l opportunità che si provveda ad adottare le adeguate misure organizzative in assenza delle quali i risultati ottenuti non possono essere apprezzati nel loro esatto valore, mancando il contesto entro il quale valutarli. La Corte ritiene, infatti, che solo attraverso una gestione consapevole del patrimonio immobiliare utilizzato ad uso ufficio e dei progetti avviati per diminuirne i costi potranno perseguirsi in modo adeguato gli obiettivi fissati dall art. 2, comma 222, della legge finanziaria del

20 Oggetto e finalità dell indagine La presente indagine intende accertare il seguito avuto dalle disposizioni contenute nell art. 2, comma 222 della legge n. 191 del 2009 (finanziaria del 2010) che, proseguendo nel solco delineato da precedenti provvedimenti normativi rimasti inattuati 1, ha previsto un intervento strutturale finalizzato a modificare i comportamenti delle Amministrazioni dello Stato verso logiche più attente e rigorose alla utilizzazione degli spazi dalle stesse utilizzati e al contenimento della spesa per immobili assunti in locazione. Premesso che tali norme sono state significativamente modificate dal decreto legge n. 95 del la cui attuazione, peraltro, presenta aspetti peculiari che potranno essere valutati nel loro insieme solo a decorrere dal l istruttoria è stata essenzialmente svolta con il preminente scopo di esaminare quali risultati siano stati conseguiti negli anni In considerazione del rilievo che nell attuazione della predetta legge rivestono i Piani di razionalizzazione, la cui elaborazione era nel periodo in esame demandata all Agenzia del demanio, l attenzione della Corte è stata focalizzata sull Ente e sulle Amministrazioni statali per le quali si era pervenuti all elaborazione del documento. Ciò ha comportato che interessati dal controllo siano stati esclusivamente la Presidenza del Consiglio, dieci Ministeri 3, il Consiglio di Stato e tre Agenzie fiscali, nonché l Arma dei Carabinieri e la Polizia di Stato (le cui sedi sono state unitariamente considerate in uno specifico Piano), la Guardia di finanza (anch essa oggetto di specifiche previsioni), l ISPRA e il NOE, considerati, invece, nell ambito della programmazione dedicata al Ministero dell ambiente, della tutela del territorio e del mare. Per tutti si è inteso accertare: - le strategie poste in essere per dare attuazione al disegno previsto dalla disposizione di cui trattasi, - quale sia stato l ambito delle operazioni previste nel Piano, la loro tempistica e i risultati attesi sia sotto il profilo della riduzione delle superfici che per quanto concerne il risparmio, - il seguito dato a tali previsioni e i risultati concretamente realizzati in termini di spazi e di spesa, - le cause degli eventuali scostamenti registrati, in particolare per quanto concerne le attività ivi date per concluse e quelle che avrebbero dovuto perfezionarsi nel i costi sostenuti per gli interventi edilizi necessari per realizzare le operazioni, 1 Ci si riferisce al comma 204 dell art. 1 della legge n. 296 del 2006 che, nel testo modificato dal comma 1 dell art. 3 della legge n. 244 del 2007, intestava al Ministero dell economia e finanze l elaborazione di piani di razionalizzazione degli spazi finalizzati a conseguire una riduzione complessiva non inferiore al 10 per cento del valore dei canoni per locazioni passive e del costo d uso equivalente degli immobili utilizzati per l anno 2008 e ulteriori riduzioni non inferiori al 7 per cento e 6 per cento per gli anni successivi. 2 Alla verifica della disciplina introdotta dalla novella del 2012 è già dedicata una specifica indagine inserita nella programmazione triennale per gli anni approvata con deliberazione di questa Sezione n. 13/ Si tratta del Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare, del Ministero dei beni e delle attività culturali, del Ministero dell economia e delle finanze, del Ministero della giustizia, del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, del Ministero dell interno, del Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, del Ministero delle politiche agricole e del Ministero della salute. 6

SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO

SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO GLI ARCHIVI DI DEPOSITO DELLE AMMINISTRAZIONI STATALI E LA SPENDING REVIEW Deliberazione 30 dicembre 2015, n. 17/2015/G SEZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato.

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle amministrazioni dello Stato. Deliberazione n. 21/2011/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del 6 e del 16 dicembre 2011

Dettagli

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti..

ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO: Legge 191/2009 art. 2 comma 222 e seguenti.. Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato Servizi Immobiliari alla P.A.e Locazioni Passive SEMINARIO FORUM P.A. ATTIVITA DI RAZIONALIZZAZIONE DEGLI SPAZI DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO

Dettagli

"Piani di razionalizzazione degli spazi"

Piani di razionalizzazione degli spazi Direzione Centrale Gestione Patrimonio Immobiliare dello Stato "Piani di razionalizzazione degli spazi" Roma, 27 Marzo 2013 INDICE: Principali norme sulla Razionalizzazione e principi di evoluzione normativa:

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV

Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV 1 Deliberazione n. SCCLEG/5/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/2/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Governo. componenti: Roberto TABBITA, Carlo CHIAPPINELLI, Simonetta

Deliberazione n. SCCLEG/2/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Governo. componenti: Roberto TABBITA, Carlo CHIAPPINELLI, Simonetta Deliberazione n. SCCLEG/2/2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV

Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV Deliberazione n. SCCLEG/9/2011/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni pubbliche formata dai Magistrati:

Dettagli

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007.

DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA DELIBERAZIONE/PRONUNCIA N. 35/2007. nell adunanza pubblica del 9 novembre 2007 composta dai seguenti magistrati: Presidente di Sez. Mario G.C. Sancetta Cons.

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Roma, 28/02/2002. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al Ministero della Giustizia Gabinetto del Ministro

Roma, 28/02/2002. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al Ministero della Giustizia Gabinetto del Ministro Roma, 28/02/2002 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri DIREZIONE CENTRALE ENTRATE CONTRIBUTIVE Al Ministero degli Affari Esteri Al Ministero della Giustizia Al Ministero della Difesa Al Ministero

Dettagli

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D.

Corte dei conti. VISTO il Testo Unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. Deliberazione n. SCCLEG/5/2015/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale

Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale Autorità Nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche Segretario Generale RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLA GESTIONE DELL'ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 Il rendiconto

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe

Certificazione energetica, legge di stabilità,destinazione Italia, mille proroghe DECRETO DESTINAZIONE ITALIA, LEGGE DI STABILITÀ, DECRETO MILLEPROROGHE E CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il comma 139 dell art. unico della legge 27 dicembre 2013, n. 147 - Disposizioni per la formazione del

Dettagli

Deliberazione n.11/2003/p

Deliberazione n.11/2003/p Deliberazione n.11/2003/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti In Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I Collegio *** Nell adunanza congiunta

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017

Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Relazione sullo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio finanziario 2015 e pluriennale 2015-2017 Lo schema di bilancio annuale di previsione per l esercizio 2015 è stato predisposto ai

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello;

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; PROTOCOLLO D INTESA TRA il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; il DIPARTIMENTO per gli AFFARI REGIONALI, TURISMO E SPORT, della Presidenza del Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Parere n. 20/Par./2008

Parere n. 20/Par./2008 CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Parere n. 20/Par./2008 La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 24 luglio 2008 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE

ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE ULTERIORE NUOVO TESTO UNIFICATO ELABORATO DAI RELATORI E ADOTTATO COME NUOVO TESTO BASE Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti e dei territori montani

Dettagli

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta,

nella camera di consiglio del 27 gennaio 2015 Vista la richiesta di parere proveniente dal Comune di PIANEZZA (TO) con nota pervenuta, CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 18/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. Mario PISCHEDDA Presidente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 156/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. la Corte dei conti. in Sezione centrale di controllo. sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n. 3/2014/G REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato I, II e Collegio per il controllo sulle entrate nell adunanza

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi All ARAN Roma Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi Agli Enti pubblici (ex art. 70 D.Lgs. n. 165/2001) Loro

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 15/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni e MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato Ispettorato generale

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di Regolamento di riordino dell Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV, ai sensi dell articolo 26 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 RELAZIONE ILLUSTRATIVA L articolo 26, comma 1,

Dettagli

Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR

Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 66/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 22 giugno 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n. 18/2002/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008

Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore. Nota Circolare UPPA n. 01/08. Roma, lì 8 Gennaio 2008 Ufficio Personale Pubbliche Amministrazioni Segreteria tecnica del direttore Nota Circolare UPPA n. 01/08, lì 8 Gennaio 2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA LEGISLAZIONE ITALIANA 1 Leggi, Decreti, Delibere, Ordinanze Ministeriali e di altre Autorità MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIRETTIVA 10 febbraio 2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n.2/2002/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Lombardia 487/2012/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Gianluca Braghò Primo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra

PROTOCOLLO DI INTESA. tra Prefettura di Torino Ufficio Territoriale del Governo PROTOCOLLO DI INTESA Il Prefetto di Torino nella persona del Dott. Alberto Di Pace tra e il Dirigente dell Ufficio di Ambito Territoriale per la provincia

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Corte dei conti. formata dai Magistrati: Simonetta ROSA; Gemma TRAMONTE; Ermanno

Corte dei conti. formata dai Magistrati: Simonetta ROSA; Gemma TRAMONTE; Ermanno Deliberazione n. SCCLEG/14/2014/PREV REPUBBLICA ITALIANA La Corte dei conti Sezione centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni pubbliche presieduta dal Presidente

Dettagli

Legge 23 aprile 2003, n. 109

Legge 23 aprile 2003, n. 109 Legge 23 aprile 2003, n. 109 "Modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, recante ordinamento del Ministero degli affari esteri " (pubblicata nella Gazzetta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

La disciplina degli immobili pubblici

La disciplina degli immobili pubblici La disciplina degli immobili pubblici La razionalizzazione degli spazi Il contenimento delle locazioni passive La manutenzione ordinaria e straordinaria Il patrimonio strumentale degli enti previdenziali

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 18/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1243 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Assegnazione all'università degli studi di Trento di risorse per l'esercizio finanziario

Dettagli

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 -

Stato di attuazione del. Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova. - Relazione integrativa anno 2013 - Stato di attuazione del 10/3/2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità del Comune di Genova - Relazione integrativa anno 2013 - Sommario Premessa... 2 1. Sintesi delle principali attività

Dettagli

CORTE DEI CONTI. Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno

CORTE DEI CONTI. Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno 2012, composta dai Magistrati:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/40/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott.ssa Simonetta Rosa Dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott.

Dettagli

Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Centrale Politiche Sociali 2014 00034/104 Direzione Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 1 approvata il 2

Dettagli

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ'

XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ' Camera dei Deputati - 10 - Senato della Repubblica PARTE I IL BUDGET DELLO STATO PER IL TRIENNIO 2013-2015 SIGNIFICATO E PRINCIPALI NOVITÀ' ILLUSTRAZIONE DEI VALORI ECONOMICI PAGINA BIANCA Camera dei Deputati

Dettagli

Relazione allegata al Bilancio di previsione

Relazione allegata al Bilancio di previsione PATTO DI STABILITÀ 2015 Relazione allegata al Bilancio di previsione Aspetti introduttivi La legge di stabilità 2015 (L. n. 190/2014) torna a modificare le disposizioni riguardanti il patto di stabilità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

Deliberazione n. 28 /III C./2008

Deliberazione n. 28 /III C./2008 Deliberazione n. 28 /III C./2008 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia III Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE:

Dettagli

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa

Affidamento al CSI Piemonte dei Servizi di gestione del personale per l anno 2013 - Impegno di spesa 2.256,34 Iva inclusa AGENZIA PER LA MOBILITA METROPOLITANA CONSORZIO DI REGIONE ED ENTI LOCALI 10125 - TORINO, VIA BELFIORE 23/C C.F.: 97639830013 Reg. Gen N. 146 Del 12 aprile 2013 Oggetto Affidamento al CSI Piemonte dei

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Bozza di Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it

IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it IN VIGORE DECRETO LEGGE EFFICIENTAMENTO E RAZIONALIZZAZIONE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE Colaci.it Sulla Gazzetta Ufficiale n.148 del 27.6.2012 risulta pubblicato il decreto legge n.87/2012 contenente misure

Dettagli

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO IL CONTROLLO SULLA GESTIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI: IL RUOLO DELLA CORTE DEI CONTI ALLA LUCE DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DAGLI ARTT. 1 E 1 BIS DEL D.L. 174/2012 (CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L.

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 130/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott.

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 4/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella Camera di consiglio del 26 gennaio 2011, composta dai

Dettagli

Delibera n. SCCLEG/ 9 /2012/PREV

Delibera n. SCCLEG/ 9 /2012/PREV Delibera n. SCCLEG/ 9 /2012/PREV REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione Centrale del controllo di legittimità sugli atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato formata dai Magistrati:

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferraris:

A relazione dell'assessore Ferraris: REGIONE PIEMONTE BU9S1 05/03/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 25-1122 Attuazione dell'art. 2 del D.L. n. 101 del 31.8.2013, convertito con modificazioni in L. n. 125 del 30.10.2013.

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

Deliberazione n. 3/2005/P

Deliberazione n. 3/2005/P Deliberazione n. 3/2005/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia-Romagna *** Visti i rilievi n. 5 e n. 6, rispettivamente, del 23 e del 28 dicembre 2004,

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 19/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Ottobre 2013 - Integrazione ifel Fondazione ANCI Leggi e Decreti Testi e pubblicazione a cura di IFEL Dipartimento

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010

RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE ANNO 2010 AREA AMMINISTRATIVA Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06494991 Fax 0649499059 RELAZIONE ILLUSTRATIVA E RELAZIONE TECNICO - FINANZIARIA IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO PERSONALE DIRIGENZIALE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto

Dettagli

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa

CONFERENZA UNIFICATA. Roma 6 giugno 2012 ore 15.00. Informativa resa CONFERENZA UNIFICATA Roma 6 giugno 2012 ore 15.00 PUNTO O.D.G. ESITI Approvazione del verbale del 10 maggio 2012 Approvati 1) Informativa in merito alla consultazione pubblica per l adozione di provvedimenti

Dettagli

Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai Magistrati:

Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai Magistrati: Deliberazione n. 225/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott.

Dettagli

N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE

N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE N. 0100885 - DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO I.GE.P.A. UFFICIO X - IL DIRIGENTE VISTO il decreto-legge 8 luglio 2002 n. 138, convertito, con modificazioni, nella legge 8 agosto 2002,

Dettagli

Deliberazione n. 119/2015/PAR

Deliberazione n. 119/2015/PAR Deliberazione n. 119/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta

Dettagli

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale;

d) i criteri di valutazione dei progetti da parte del Comitato, tra i quali: 1) la riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI SULLA PROPOSTA DEL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE E CON IL MINISTRO DEI BENI E DELLE ATTIVITA

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Norme generali per la ridefinizione dell assetto organizzativo didattico dei Centri d istruzione per gli adulti, ivi compresi i corsi serali, ai sensi dell articolo 64, comma

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 114/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

Deliberazione n. 139/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati:

Deliberazione n. 139/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 139/2015/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Marco Pieroni dott. Massimo Romano dott. Italo Scotti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente Progressivo determinazioni n. 383 DETERMINAZIONE N. DEL Oggetto: N. 1 casella di posta elettronica certificata a favore del personale togato in servizio presso l Avvocatura. Aggiudicazione del servizio,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F.

CORTE DEI CONTI SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F. REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI in SEZIONE DEL CONTROLLO PER LA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA composta dai magistrati: PRESIDENTE F.F.: Giorgio Longu CONSIGLIERE: Leone Nicola CONSIGLIERE : Maria

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli