SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE"

Transcript

1 Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE NATIONAL EARLY WARNING SYSTEM N.E.W.S. Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010 Sala Mercede della Camera dei Deputati 1

2 PROGETTO QUADRO N.E.W.S Progetto quadro per l implementazione ed il mantenimento del Sistema Nazionale di Allerta Precoce Responsabile: Dott. Maurizio Gomma Dipartimento delle Dipendenze ULSS 20 Verona SOTTO PROGETTO A AREA BIO TOSSICOLOGICA Responsabile: Dott.ssa Teodora Macchia Dipartimento del Farmaco, Istituto Superiore di Sanità SOTTO PROGETTO B AREA CLINICO TOSSICOLOGICA Responsabile: Dott. Carlo Locatelli Centro Antiveleni Pavia, IRCCS Fond. Maugeri 2

3 CENTRI COLLABORATIVI aggiornato al 31 ottobre

4 PROGETTO QUADRO N.E.W.S OBIETTIVI SPECIFICI PREDICHIARATI INDICATORI PREDICHIARATI RISULTATO RAGGIUNTO 1. Creare una rete di centri collaborativi specializzati quali unità di contatto del Sistema Nazionale di Allerta Precoce per l invio di segnalazioni di input al Sistema, la ricezione di eventuali allerte da parte del Sistema e l attivazione di azioni di risposta. Attività di Sistema -31 Informative -4 Attenzioni -5 Allerte (1 grado 1, 3 grado 2, 1 grado 3) -2 Comunicazioni OEDT -3 Aggiornamenti Allerta N. unità collaborative che hanno aderito/anno N. corsi di formazione implementati N. Regioni aderenti/n. totale Regioni N. laboratori di riferimento (dotati di std) / N. laboratori aderenti al network 12 richieste accettate/ 13 nuove richieste di adesione al network in 10 mesi 2 corsi di formazione: - 1 dedicato ai laboratori del network del NEWS (gennaio 2010) - 1 dedicato alle strutture del sistema dell'emergenza/urgenza (aprile 2010) (BLR 3) 0 Regioni (BLR 25%) 28 laboratori hanno ricevuto gli standard di - JWH JWH CP 47,497-4-Fluoramfetamina -MDAI (molecole non ancora inserite in tabella) Ca 50 ospedali (7% PS) N. consulenze fornite/n. consulenze richieste Consulenze a Ospedali per intossicazioni acute da sostanze d abuso (periodo 1 gennaio - 30 ottobre 2010): n. 471 Consulenze tossicologiche relative a 219 casi Altri contatti e consulenze a ospedali per istruzioni operative relative alla collaborazione al Sistema (raccolta dei campioni, 4 spedizioni, tipo analisi, ecc.): > 850

5 2. Definire una modalità di trasmissione delle segnalazioni al Sistema circa i decessi drogacorrelati con la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell Interno. Scarto temporale tra un decesso droga-correlato e la segnalazione al Sistema Nazionale di Allerta Non disponibile 3. Attivare e promuovere l utilizzo del software web 2.0 Geo Drugs Alert per la gestione e la georeferenziazione delle segnalazioni e delle allerte, inclusa la tecnologia necessaria per l invio multicanale di informazioni di input e di output e del Sistema di Comunicazione Interno (SCIN). N. unità operative che utilizzano Geo Drugs Alert /N. unità operative partecipanti al Sistema N. utenti autorizzati all utilizzo del software N. utenti utilizzatori del software SCIN 0/55 55/55 (BLR 100%) 5/5 (BLR 100%) 4. Attivare un sistema di sorveglianza della rete Internet per l individuazione di siti web presso cui è possibile acquistare sostanze illecite, o presso cui è possibile individuare informazioni relative alla disponibilità di nuove sostanze o di nuove modalità di consumo (forum, social network, ecc.) per la gestione, la sistematizzazione e la trasparenza delle comunicazioni interne. N. nuovi siti che commerciano droga e/o farmaci Volume dei contatti rilevati su quei siti N. sostanze psicoattive tabellate che vengono vendute Online drug store: 113 Farmacie on line: 130 Social network: 13 Non ancora valutabile Non valutabile 5

6 5. Attivare un sistema web dedicato all inserimento e alla trasmissione precoce di segnalazioni relative ai metodi di occultamento delle sostanze illecite alle reti degli aeroporti, dei porti e dei valichi finalizzato a migliorare l efficacia dell intercettazione dei corrieri della droga. 6. Attivare un gruppo di analisi delle acque reflue per le sostanze individuate dal Sistema Nazionale di Allerta Precoce per misurare quanto tale sostanza venga collettivamente utilizzata dalla popolazione. N. unità operative coinvolte (porti, aeroporti, valichi) N. modalità di occultamento inserite nel database/anno Stima del numero medio di dosi/giorno di droghe consumate nelle varie zone di riferimento Non valutabile (BLR 16) Non valutabile Non valutabile 7. Creazione di un database nazionale delle sostanze individuate attraverso le attività del Sistema Nazionale di Allerta Precoce. N. sostanze inserite/anno 0 8. Promozione del Sistema Nazionale di Allerta Precoce a livello europeo. N. eventi in cui il Sistema e il software sono stati promossi a livello europeo/internazionale 2 eventi: 10th Annual meeting of the Reitox Early-warning system network, giugno 2010, Lisbona c/o OEDT Antidotes in Depth Clinical Toxicology, Substances of Abuse and Chemical Emergencies, settembre 2010, c/o Fondazione S. Maugeri CAV Pavia N.E.W.S. Activity Report Reporting Form (n. 3) 6

7 CRITICITA E PROPOSTE OBIETTIVI SPECIFICI PREDICHIARATI EVENTUALI CRITICITA' INCONTRATE SOLUZIONI ADOTTATE O PROPOSTE 1. Creare una rete di centri collaborativi specializzati quali unità di contatto del Sistema Nazionale di Allerta Precoce per l invio di segnalazioni di input al Sistema, la ricezione di eventuali allerte da parte del Sistema e l attivazione di azioni di risposta. Coinvolgimento delle strutture del sistema dell'emergenza/urgenza: (a) tempistiche molto rapide con cui gli operatori devono lavorare in tali contesti, (b) elevato carico di lavoro, (c) non ancora sufficiente sensibilità delle strutture nella raccolta e l'invio dei campioni biologici presso centri di riferimento per l'analisi e (d) elevato turn-over degli operatori presso le strutture medesime. SOLUZIONI ADOTTATE -sensibilizzazione, formazione e informazione scientifica continue -cercare di ottenere riscontro diagnostico in tempi brevi per il medico che segnala il caso SOLUZIONI PROPOSTE -formazione alle direzioni Sanitarie e agli Assessorati 3. Attivare e promuovere l utilizzo del software Geo Drugs Alert, inclusa la tecnologia necessaria per l invio multicanale di informazioni di input e di output e di SCIN. Il sistema operativo N.E.W.S. presenta ancora alcune difficoltà tecniche che emergono solamente all'utilizzo dello stesso. Ciò significa che proseguendo con il suo impiego emergono criticità all inizio non evidenziate. Si avvia un beta-test per la soluzione degli errori. Ad esito positivo del beta-test, le credenziali di accesso al sistema verranno inoltrate ai centri collaborativi. 4. Attivare un sistema di sorveglianza della rete Internet per l individuazione di siti web presso cui è possibile acquistare sostanze illecite, o presso cui è possibile individuare informazioni relative alla disponibilità di nuove sostanze o di nuove modalità di consumo (forum, social network, ecc.). L indicatore N. sostanze psicoattive tabellate che vengono vendute risulta di difficile quantificazione perché la vendita di sostanze stupefacenti non è esplicita né è possibile per noi acquistare sostanze online definite come stupefacenti. Si suggerisce di modificare l indicatore come segue: N. sostanze inserite in Tabella I D.P.R.309/90 / N. sostanze individuate online 7

8 ASPETTI ECONOMICI Budget stanziato (I tranche ) Budget speso ,62 Budget impegnato ,53 Budget residuo ,38 Concessa proroga fino al 01/04/2012 Report I semestre consegnato in data 28/10/2010 8

9 Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati PROGETTO QUADRO N.E.W.S SOTTO PROGETTO A AREA BIO TOSSICOLOGICA Responsabile scientifico: Dr.ssa Teodora Macchia Centro Collaborativo: Istituto Superiore di Sanità Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010 Sala Mercede della Camera dei Deputati 9

10 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Informative, pre allerte, allerte e rapporti tecnici 37 pareri osservazioni supervisioni richieste 100% completate Pareri ufficiali: JWH 073 JWH 018 Mefedrone JWH 250 Ordinanza del Ministro della Salute del 6 Aprile 2010 Decreto del Ministro della Salute del 16 Giugno 2010 Accertamenti analitici su reperti recapitati dalle Forze dell Ordine nell ambito del monitoraggio delle Smart Drugs. 10

11 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Laboratori di riferimento accreditati per l'analisi delle sostanze e dei reperti 11 Nuovi laboratori accreditati 36 Laboratori monitorati Standard di sostanze non tabellate forniti ai laboratori: JWH 200 JWH 250 CP 47,497 4 Fluoramfetamina MDAI Standard pronti per essere distribuiti, relativi alle sostanze inserite in Tabella I del D.P.R.309/90: JWH 018 JWH 073 Mefedrone

12 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Formazione alle unità operative Laboratoristiche Workshop tecnico dedicato ai laboratori del network del NEWS (gennaio 2010, Roma) 10th Annual meeting of the Reitox Earlywarning system network, (giugno 2010, Lisbona c/o OEDT) Antidotes in Depth Clinical Toxicology, Substances of Abuse and Chemical Emergencies (settembre 2010, c/o Fondazione S. Maugeri CAV Pavia) Sostanze d abuso nel laboratorio clinico: metodologie e aspetti legislativi. Convegno SIBioC Liguria. (settembre 2010, Lerici) Determination of different recreational drugs in hair by HS SPME and GC/MS. G.Merola, S.Gentili, F.Tagliaro, T.Macchia (2010) Anal Bioanal Chem Vol. 397, Issue 7, pag Legal Highs : determinazione di 4 FA, mcpp e Mefedrone mediante HS SPME GC/MS G.Merola, S.Gentili, T.Macchia (2010) Antidotes in Depth Clinical Toxicology, Substances of Abuse and Chemical Emergencies

13 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Database nuove sostanze e/o nuove formulazioni di sostanze tradizionali 51 Schede contenenti dati quali quantitativi Creazione nuovo database contenente le caratteristiche chimiche e i dati analitici per ognuna delle nuove sostanze segnalate nell ambito del Sistema Nazionale di Allerta Precoce e dall OEDT. Tale database permette, ove necessario, di sopperire alle carenze delle librerie degli strumenti disponibili nei laboratori, consentendo l identificazione delle nuove sostanze mediante la ricerca degli spettri di massa.

14 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco ASPETTI ECONOMICI Budget stanziato ,00 Budget speso ,54 Budget impegnato ,04 Budget residuo ,46

15 SOTTO PROGETTO AREA CLINICO TOSSICOLOGICA TOSSICOLOGICA OBIETTIVI SPECIFICI PREDICHIARATI INDICATORI PREDICHIARATI RISULTATO RAGGIUNTO 1. Fornire, su richiesta DPA, pareri, osservazioni e supervisione alla stesura di informative, pre-allerte, allerte e rapporti tecnici, operando in sinergia con il centro collaborativo di Verona del Dipartimento delle Dipendenze della ULSS 20 per gli aspetti operativi e le indagini di campo. N. di osservazioni, pareri e commenti alla stesura di informative, pre-allerte, allerte Attività di Sistema 31 informative 4 attenzioni 5 allerte (1 grado 1, 3 grado 2, 1 grado 3) 2 comunicazioni OEDT 3 aggiornamenti allerta 2. Supportare e coordinare, l ampliamento e la sistematizzazione del network dei centri collaborativi del Sistema Nazionale di Allerta Precoce sul territorio italiano. Nello specifico, agevolare lo sviluppo di una rete di laboratori accreditati di riferimento per l analisi di sostanze e reperti che forniscano la loro consulenza al Sistema Nazionale di Allerta Precoce del Dipartimento Politiche Antidroga. N. di nuovi laboratori accreditati coinvolti N. di laboratori attivi e monitorati/n. totale laboratori della rete 50 I circa 50 ospedali che al momento collaborano costituiscono il 7% dei Pronto Soccorso del territorio nazionale, ma rappresentano circa il 40% dei servizi di rilievo se si considera che si tratta di DEA di I e II livello È stata stimolata l adesione di laboratori che operano in regime d urgenza 24/24 ore e che si rendono disponibili all accertamento almeno di (requisiti minimi) MDMA, GHB, ketamina e JWH-018 (oltre alle molecole storiche ) 15

16 3. Alla luce dei dati ricavati dalle strutture dell urgenza, elaborare una reportistica che includa: 1.quadri clinici associati all assunzione di sostanze d abuso eccitanti e psicotrope meno note 2.gravità delle intossicazioni acute da sostanze, causa di accesso al sistema dell urgenza 3.fasce di età e caratteristiche dei pazienti che accedono al sistema dell urgenza per intossicazione acuta da sostanze d abuso N. e qualità dei report epidemiologici e delle pubblicazioni scientifiche N. interventi clinici N. 1 National Report 219 casi di intossicazione acuta da sostanze d abuso seguite in consulenza specialistica dal CAV 39 casi (periodo 1 gennaio - 31 ottobre) di assunzione (anamnestica) di sostanze d abuso meno note valutazione di quadro clinico, follow-up, outcome raccolta dei campioni per analisi tossicologiche gravità dei 39 casi mediante PSS (Poisoning Severity Score, scala da 1 a 4 dove 1= sindrome lieve, 2= sindrome moderata, 3= sindrome grave, 4= decesso) PSS 2: 19 pazienti PSS 3: 18 pazienti, PSS 4: 2 pazienti. Sul totale di 219 pazienti indagati, l 1% riguarda casi di età compresa fra 12 e 14 anni, mentre la fascia di età più rappresentata e quella che va dai 25 ai 34 anni (29%) Il report verrà completato con i dati di tutto il 2010, cui farà seguito pubblicazione scientifica. 16

17 Età, poliassunzione e distribuzione regionale dei 219 casi 17

18 4. Identificare i casi sentinella di intossicazione da sostanze d abuso precedentemente non note nel nostro Paese, anche attraverso la collaborazione con istituti di ricerca internazionali, con lo scopo di segnalare tali casi al Sistema Nazionale di Allerta N. di segnalazioni al Sistema Nazionale di Allerta Precoce N. Interventi preventivi n. 3, allerte e interventi specifici DPA - JWH mefedrone - JWH Individuare le necessità analitiche attuali nel sistema delle urgenze-emergenze al fine di disporre di dispositivi per il rilevamento rapido delle positività da sostanze più adeguati rispetto agli attuali Documento di presentazione delle necessità analitiche nel sistema delle urgenzeemergenze Non ancora disponibile 6. Secondo modalità concordate con il DPA, predisporre dei percorsi di formazione per sensibilizzare ed istruire le unità del sistema delle urgenze alla raccolta dati/trasmissione di segnalazioni al Sistema di Allerta, ed alla tossicologia clinica di sostanze d abuso poco note. 7. Supportare la creazione e l aggiornamento di un database nazionale di dati quali-quantitativi sulle nuove sostanze o le nuove formulazioni di sostanze tradizionali individuate attraverso le attività del Sistema Nazionale di Allerta Precoce, da mettere a disposizione degli operatori della rete N. Workshop, seminari, percorsi formativi N. schede inserite n. 10, di cui -1 congresso -1 workshop -8 corsi - partecipazione a sessioni specifiche in vari corsi e congressi n. 0 18

19 CRITICITA E PROPOSTE OBIETTIVI SPECIFICI PREDICHIARATI 1. Supportare e coordinare, l ampliamento e la sistematizzazione del network dei centri collaborativi del Sistema Nazionale di Allerta Precoce sul territorio italiano. 2. Identificare i casi sentinella di intossicazione da sostanze d abuso precedentemente non note nel nostro Paese, anche attraverso la collaborazione con istituti di ricerca internazionali, con lo scopo di segnalare tali casi al Sistema Nazionale di Allerta 3. Individuare le necessità analitiche attuali nel sistema delle urgenzeemergenze al fine di disporre di dispositivi per il rilevamento rapido delle positività da sostanze più adeguati rispetto agli attuali 4. Secondo modalità concordate con il DPA, predisporre dei percorsi di formazione per sensibilizzare ed istruire le unità del sistema delle urgenze alla raccolta dati/trasmissione di segnalazioni al N.E.W.S. 5. Supportare la creazione e l aggiornamento di un database nazionale di dati quali-quantitativi sulle nuove sostanze o le nuove formulazioni di sostanze tradizionali EVENTUALI CRITICITA' INCONTRATE Perdita di campioni relativi a casi selezionati per scarsa conoscenza/sensibilizzazione di servizi d urgenza Carenza di codifica corretta alla dimissione Mancanza di standard per le molecole oggetto di allerta europea Scarsa operatività di laboratori tossicologici nei sistemi dell urgenza-emergenza Analisi per le sostanze meno note normalmente non disponibili nel sistema dell urgenza e in tempi compatibili con le esigenze cliniche Indisponibilità di test rapidi e utilizzabili in urgenza (POC) Mancanza di standard per le molecole oggetto di allerta europea Necessità di re-training Inserimento di dati sensibili (privacy) nel database SOLUZIONI ADOTTATE O PROPOSTE SOLUZIONI ADOTTATE Descrizione e inoltro (24/24 ore) ai servizi d urgenza di procedure scritte per la conservazione e l invio di campioni ogniqualvolta si verifichi un caso selezionato Ritiro urgente dei campioni con corriere o altri mezzi Sieroteca e uroteca presso CAV Pavia dei casi selezionati e provenienti dal territorio nazionale SOLUZIONI PROPOSTE formazione destinata ai laboratori ospedalieri e ai medici d urgenza SOLUZIONI ADOTTATE Potenziamento delle possibilità analitiche in urgenza a Pavia Sieroteca e uroteca presso CAV Pavia dei casi selezionati e provenienti dal territorio nazionale SOLUZIONI PROPOSTE Consensus tecnico-scientifica fra più società scientifiche per l attività analitica in urgenza Programmazione di survey nazionale sulle capacità analitiche per sostanze d abuso negli ospedali italiani SOLUZIONI ADOTTATE corsi e congressi realizzati sensibilizzazione attraverso CAV SOLUZIONI PROPOSTE programmazione di workshop Formazione specifica destinata ai medici d urgenza e ai laboratori ospedalieri SOLUZIONI ADOTTATE valutazione dei dati inseribili in data-base in relazione al possibile utente dei dati stessi 19

20 ASPETTI ECONOMICI Budget stanziato ,00 Budget speso ,58 Budget residuo ,42 Budget impegnato ,00 20

21 Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco GRAZIE PER L ATTENZIONE PROGETTO QUADRO N.E.W.S Progetto quadro per l implementazione ed il mantenimento del Sistema Nazionale di Allerta Precoce SOTTO PROGETTO A AREA BIO TOSSICOLOGICA SOTTO PROGETTO B AREA CLINICO TOSSICOLOGICA Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010 Sala Mercede della Camera dei Deputati 21

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA)

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA) Progetto BIOTOX - ALERT Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS Ente affidatario (Centro Collaborativo DPA) Istituto Superiore di Sanità In coordinamento con NEWS - Centro di coordinamento

Dettagli

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Centro Collaborativo DPA. In coordinamento con

Progetto BIOTOX - ALERT. Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS. Centro Collaborativo DPA. In coordinamento con Progetto BIOTOX - ALERT Potenziamento delle attività tossicologico-analitiche nel NEWS Centro Collaborativo DPA Istituto Superiore di Sanità In coordinamento con NEWS - Centro di coordinamento per gli

Dettagli

New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA. Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento

New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA. Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento In collaborazione con R.I.S. - Arma dei Carabinieri Polizia Scientifica New Drugs UPDATE SULLE NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE - NSP PROGRAMMA Aggiornamento tecnico scientifico e strategia nazionale di intervento

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati. Promo Eurodrugs

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati. Promo Eurodrugs Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati Promo Eurodrugs Responsabile scientifico: dott.ssa E. Simeoni Direttore Tecnico Scientifico DPA Centro : ASUR

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010

Progress Report Piano Progetti 2010 Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati Studio pilota sulla valutazione dell esito delle terapie farmacologiche erogate all utenza in trattamento presso

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 258 del 03/05/2012 Il Direttore Generale dell Azienda U.L.S.S.

Dettagli

Altri nomi N-(1-adamantyl)-1-(5-fluoropentyl)-1H-indole-3-carboxamide; N-adamantyl-1-fluoropentylindole-3- carboxamide

Altri nomi N-(1-adamantyl)-1-(5-fluoropentyl)-1H-indole-3-carboxamide; N-adamantyl-1-fluoropentylindole-3- carboxamide Allegato F Oggetto: STS-135 Aggiornamento Dicembre 2013 Nome STS-135 Struttura molecolare Formula di struttura C 24 H 31 FN 2 O Numero CAS 1354631-26-7 Nome IUPAC 1-(5-fluoropentyl)-N-tricyclo[3.3.1.13,7]dec-1-yl-1H-indole-3-carboxamide

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Premessa. Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Premessa Dott. Giovanni Serpelloni Capo Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Il presente opuscolo riporta i dati emersi dal primo anno di sperimentazione del Progetto

Dettagli

CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE

CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE CAPITOLO IV.2. SISTEMA NAZIONALE DI ALLERTA PRECOCE IV.2.1. Origine, finalità e aspetti organizzativi IV.2.2. Principali attività del Sistema nel 2010 IV.2.3. Risultati IV.2.4. Novità individuate nel panorama

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. la Legge 125/03/2001 Legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati.

LA GIUNTA REGIONALE. la Legge 125/03/2001 Legge quadro in materia di alcol e problemi alcolcorrelati. OG GETT O : Sicurezza stradale: modalità operative e direttive vincolanti ai Direttori Generali delle AA.SS.LL. per l'accertamento della presenza di sostanze stupefacenti e/o psicotrope su campioni biologici.

Dettagli

Scheda di progetto P16-03.40

Scheda di progetto P16-03.40 Ricerca di soggetti disponibili a supportare attività aziendali mediante contratti di sponsorizzazione o liberalità Bando di riferimento: P16 deliberazione n. 1350 del 03/10/2013 Tipologia di riferimento:

Dettagli

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10

Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 LABORATORIO SANITA PUBBLICA Via Bufardeci 22- SIRACUSA Guida ai Servizi Revisione 4 del 14/04/2015 Pagina 1 di 10 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRESTAZIONI EROGATE... 4 2. MODALITÀ DI ACCESSO... 5 2.1

Dettagli

LABORATORI AUTORIZZATI

LABORATORI AUTORIZZATI L accreditamento dei laboratori che effettuano la ricerca delle sostanze d abuso con finalità medico-legale in Regione Lombardia: lo spirito della DGR n. VIII/9097 del 13 marzo 2009 Mario Cassani Nadia

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti

Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti Dipartimento Politiche Antidroga New Drugs 2014 Orbassano (TO) 22 Gennaio 2014 Strategie analitiche per la ricerca di Nuove Sostanze Psicoattive in campioni biologici Marco Vincenti Nuove Sostanze Psicoattive

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 ---

PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- Allegato n.1 PREVENZIONE IN AGRICOLTURA --- 000 --- DI RICERCA IN MATERIA DI PREVENZIONE IN AGRICOLTURA DENOMINATO Rilevazione Delle Malattie Professionali nelle aree Del Fucino e Valle Peligna ALLEGATO

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Progetto SISTAN DPA 2

Progetto SISTAN DPA 2 Progetto SISTAN DPA 2 Implementazione e messa a regime di Processi per l Armonizzazione e l Intraoperabilità dei Flussi Nazionali sulle Dipendenze Distacco di esperto nazionale Centro Collaborativo DPA

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

Progetto WEB REPORTING. Portale WEB dell Osservatorio Nazionale sulle Dipendenze e Business Intelligence Reporting System. Centro Collaborativo DPA

Progetto WEB REPORTING. Portale WEB dell Osservatorio Nazionale sulle Dipendenze e Business Intelligence Reporting System. Centro Collaborativo DPA Progetto WEB REPORTING Portale WEB dell Osservatorio Nazionale sulle Dipendenze e Business Intelligence Reporting System Centro Collaborativo DPA Durata: 2 anni Oneri: 336.000,00 Capitolo di spesa: 786

Dettagli

Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe

Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe REPORT DI ATTIVITÀ E RISULTATI Sistema Nazionale di Allerta Precoce e Risposta Rapida per le Droghe National Early Warning System - N.E.W.S. Anno 2012 - Base dati 2011 Coordinamento aspetti bio-tossicologici

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello

Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello Drug Test nei Lavoratori a Rischio Procedure Diagnostiche di 2 livello Maurizio Gomma, Dipartimento delle Dipendenze ULSS 20 Verona Torino, ottobre - novembre 2012 Procedure per gli accertamenti 1. Procedure

Dettagli

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano SPECIFICHE DEL SERVIZIO FORNITO CENTRO ANTI VELENI C. A. V. Ospedale Niguarda Ca Granda Milano DOC.VP01 SPECIFICHE DEL SERVIZIO Rev. 1del 10.12. 2004 Pag. 1 / 7 INDICE CENTRO ANTIVELENI (C.A) - MILANO

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 650 del 08/10/2015 Il Direttore Generale dell.azienda U.L.S.S.

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010

dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 dott.ssa Valeria Pozzato Venerdì 17 dicembre 2010 Giudizio di idoneità MC - OBBIETTIVI Lo scopo dell'accertamento di assenza di tossicodipendenza o di assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope nei

Dettagli

Data Firma del Legale Rappresentante 2

Data Firma del Legale Rappresentante 2 Promozione e realizzazione di un nuovo modello di reinserimento socio-lavorativo integrato mediante l attivazione di un network nazionale di organizzazioni produttive e gruppi di coordinamento territoriali

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 1920/2006 sulle nuove sostanze psicoattive

Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 1920/2006 sulle nuove sostanze psicoattive Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (CE) n. 1920/2006 sulle nuove sostanze psicoattive AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA-XVII legislatura 12 a COMMISSIONE

Dettagli

SGS La strada per una guida sicura

SGS La strada per una guida sicura Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati SGS La strada per una guida sicura Responsabile scientifico: Carlo Pacella Centro Collaborativo: CUEIM Giovedì

Dettagli

Progetto. S.O.N. Support

Progetto. S.O.N. Support Progetto S.O.N. Support Progetto per la promozione e diffusione di un applicativo software di protezione dei minori riguardo l accesso ai siti WEB ritenuti pericolosi per la vendita di sostanze stupefacenti

Dettagli

Deliberazione N.: 1235 del: 18/12/2015

Deliberazione N.: 1235 del: 18/12/2015 Deliberazione N.: 1235 del: 18/12/2015 Oggetto : CONVENZIONE CON LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA DELL ADOLESCENTE E DEL GIOVANE ADULTO A.R.P.Ad. GESTITA DALLA FONDAZIONE MINOTAURO

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività

Bilancio di Sostenibilità. dipendenti. azionisti e investitori. ambiente. fornitori istituzioni e comunità. clienti e collettività Bilancio di Sostenibilità 2012 dipendenti azionisti e investitori ambiente clienti e collettività fornitori istituzioni e comunità Sicurezza e salute dei lavoratori Per il gruppo A2A la prevenzione degli

Dettagli

Titolo del Progetto SPS

Titolo del Progetto SPS Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati Titolo del Progetto SPS Responsabile scientifico: Carla Rossi Centro Collaborativo: Università di Roma Tor Vergata:

Dettagli

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5

-Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 APPROPRIATEZZA ALLOCATIVA -Gruppo 1 -Gruppo 2 -Gruppo 3 -Gruppo 4 -Gruppo 5 Paziente grave che necessita di interventi intensivi e continui Paziente sottoposto ad intervento o con necessità di presa in

Dettagli

Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto

Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto A l l e g a t o 1 Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Progetto di Ricerca attuativo delle linee programmatiche anni 2012-2013. Progetto RIHTA Sviluppo delle attività di valutazione sistematica

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra

ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention. Tra ACCORDO DI COLLABORAZIONE PROGETTO MMG Drugs Prevention Tra La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Politiche Antidroga, Codice Fiscale 80188230587 con sede in Via dei Laterani, 34

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA RICERCA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE NEI MATERIALI BIOLOGICI E AL DOSAGGIO DELL ETANOLO LA GIUNTA REGIONALE

DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA RICERCA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE NEI MATERIALI BIOLOGICI E AL DOSAGGIO DELL ETANOLO LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/9097 DEL 13.03.2009 Oggetto: DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA RICERCA DI SOSTANZE STUPEFACENTI E PSICOTROPE NEI MATERIALI BIOLOGICI E AL DOSAGGIO DELL ETANOLO LA GIUNTA REGIONALE VISTI:

Dettagli

Specialista in Medicina del Lavoro

Specialista in Medicina del Lavoro LA SORVEGLIANZA SANITARIA ALLA LUCE DEL D.LGS.81/08 TESTO UNICO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Prof. Vincenzo Terracino consulente Specialista in Medicina del

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica

OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica OGGETTO: Nuovi Sistemi Informativi AIFA e adempimenti relativi a Sperimentazione Clinica Dal 1 gennaio 2013 l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) avvierà la fase attuativa di un nuovo Sistema Informativo

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI

Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI Camera dei Deputati 673 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 674 Senato della Repubblica Vl.2.2 Aggiornamento dati siti web con informazione antidroga Di seguito si riportano i dati relativi ai

Dettagli

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica 1 CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica Federica Ronchetti Bologna, 14 giugno 2013 2 Il contesto di riferimento (1/2) Le attività

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE

IL PIANO PANDEMICO REGIONALE REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE E SERVIZI SOCIALI SETTORE, IGIENE E SANITA PUBBLICA IL PIANO PANDEMICO REGIONALE dr.ssa Paola Oreste - dr. Roberto Carloni - dr.ssa Ilaria Cremonesi Misure Misure adottate

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 642/2015 ADOTTATA IN DATA 16/04/2015 OGGETTO: Rinnovo della convenzione con l Università Cattolica del Sacro Cuore, con sede legale in Milano, per lo svolgimento di tirocini di formazione

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del

Mod. B - copia pag. 3 Dgr n. del OGGETTO: Attivazione dell applicativo regionale informatizzato per la prescrizione, la dispensazione e il monitoraggio dell ormone della crescita (GH). NOTA PER LA TRASPARENZA: il presente provvedimento

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati PROGETTO RELI

Progress Report Piano Progetti 2010. IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati PROGETTO RELI Progress Report Piano Progetti 2010 IWorkshop di presentazione e valutazione dei risultati PROGETTO RELI Responsabile scientifico: Centro Collaborativo: Giovedì 11 e Venerdì 12 Novembre 2010 Sala Mercede

Dettagli

COORDINAMENTO DEGLI ORGANISMI ART. 36 REG. 178/2002

COORDINAMENTO DEGLI ORGANISMI ART. 36 REG. 178/2002 COORDINAMENTO DEGLI ORGANISMI ART. 36 REG. 178/2002 Dott.ssa Gaetana Ferri Direttore Generale degli Organi Collegiali per la Tutela della Salute Ministero della salute Monitoraggio dell attività di cooperazione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Monitoraggio della Rete di Assistenza Dott.ssa Antonella Di Giacinto, Dott.ssa Maria Pia Randazzo Ufficio Coordinamento e sviluppo NSIS Direzione generale del Sistema informativo Ministero del Lavoro,

Dettagli

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella

Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella Allegato 1 Linea di indirizzo 1/2010 Linee di indirizzo per la segnalazione e gestione degli eventi sentinella 1. Scopo Lo scopo di questa procedura è definire le responsabilità e le modalità di gestione

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO

GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO GLI ACCERTAMENTI SANITARI DI SECONDO LIVELLO Dott. Giuliano Giucastro Sert. Langhirano Parma 19/11/2010 AMBULATORIO PER GLI ACCERTAMENTI DI SECONDO LIVELLO E un articolazione dell Area Dipendenze Patologiche

Dettagli

Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri

Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Sistema Nazionale di Allerta Precoce National Early Warning System N.E.W.S. Dipartimento Politiche Antidroga Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo

Mappa dei rischi elaborata sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di controllo sulla base dell analisi del contesto e della valutazione dell ambiente di Pag. di NUMERO EDIZIONE DATA MOTIVAZIONE 6/09/204 Adozione ALLEGATO Mappa dei rischi ALLEGATO Mappa dei rischi elaborata sulla

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità GENESIS LICEO DEL PARRUCCHIERE si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la realtà

Dettagli

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative

Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida operative PIANO FORMATIVO REGIONALE 2012 Evento N 7 La gestione delle allerte sanitarie in ambito di sicurezza alimentare Pisa 10 giugno 2013 Quadro normativo di riferimento: disposizioni normative e linee guida

Dettagli

Public Health Genomics (PHG): l approccio di sanità pubblica e possibili utilizzi nell ambito dell assistenza primaria

Public Health Genomics (PHG): l approccio di sanità pubblica e possibili utilizzi nell ambito dell assistenza primaria Public Health Genomics (PHG): l approccio di sanità pubblica e possibili utilizzi nell ambito dell assistenza primaria Politiche di PHG: il Piano Nazionale della Prevenzione (PNP) e il Piano Nazionale

Dettagli

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA

Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Confronto di percorsi di diagnosi e trattamento tra Italia e USA Anna Gigli Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS-CNR) Seminario L impatto dei tumori sui sistemi sanitari:

Dettagli

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese

Valeria Crespi. Laboratorio di Tossicologia, Medicina del Lavoro, Ospedale di Circolo, Varese Provvedimento 18/09/2008 - accertamenti per assenza di tossicodipendenza d in ambito di lavoro: quali evidenze e quali prospettive a due anni dall entrata in vigore del disposto legislativo? Valeria Crespi

Dettagli

Il ruolo dei Coordinatori Aziendali

Il ruolo dei Coordinatori Aziendali Il ruolo dei Coordinatori Aziendali Oretta Micali ASL Viterbo Convegno Regionale PASSI per la prevenzione Roma, 16 febbraio 2015 Monitoraggio Gestione Uso Monitoraggio Gestione Uso Monitoraggio I Coordinatori

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO

ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO ALLEGATO 1 ATTESTAZIONE VOLONTARIA DELLE PRATICHE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE (PSP) DEL SISTEMA SANITARIO REGIONALE TOSCANO 1.INTRODUZIONE Questo documento contiene le finalità e le indicazioni operative

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli