Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati"

Transcript

1 Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN ATTIVITA SOTTOSTANTE Titolo il cui valore dipende dall andamento di altre variabili più fondamentali CRONOLOGIA primi mercati futures su merci (commodity futures) 1848/1865, Chicago Board of Trade grano 1870, New York Cotton Exchange cotone 1919, Chicago Mercantile Exchange uova e pollame primo mercato futures su valute 1972, International Monetary Market (IMM, sezione del CME) primo mercato organizzato per le opzioni 1973, Chicago Board Options Exchange (CBOE, sezione del CBOT) opzioni su azioni primi mercato futures su prodotti finanziari (financial futures) 1975, CBOT titoli a lungo (certificati ipotecari) 1976, CME titoli a breve (Treasury Bill - 3M) 1977, CBOT Treasury Bond

2 CRONOLOGIA (2) primo futures su indice azionario 1982, Kansas City Board of Trade Value Line Index primi mercati futures in Europa 1982 London International Financial Futures Exchange (LIFFE) titoli di stato inglesi eurodollaro a tre mesi indice di borsa inglese settembre 1991 futures su BTP decennali 1986 Marché a Terme des Instruments Financiers (MATIF) 1990 DTB 11 settembre 1992 Mercato Italiano Futures (MIF) 28 novembre 1994 Italian Derivative Market (IDEM), Eurex Le dimensioni del prodotto derivato Tipologia di contratto Futures Opzione Swap Tipologia di sottostante Commodities Valute Titoli Indici Tassi di interesse Tipologia di mercato Mercati organizzati Mercati O.T.C. Utilizzo dei derivati Speculazione Copertura Arbitraggio Speculazione Trading direzionale L attuazione di strategie di trading direzionale è molto semplice Consiste nell acquistare o vendere uno strumento finanziario derivato in funzione delle aspettative di mercato Copertura (hedging) La copertura rappresenta la principale funzione economica dei derivati Consiste nell assumere sul mercato a termine una posizione simmetrica (cioè di eguale valore e segno contrario) a quella assunta sul mercato a pronti Consente di immunizzare dal rischio sistematico un portafoglio posseduto o da costruire

3 Arbitraggio Tipologia di contratto derivato DERIVATI L arbitraggio consiste nel bloccare un profitto privo di rischio entrando simultaneamente in transazioni che riguardano due o più mercati CONTRATTI A TERMINE IMPEGNO (per entrambe le controparti) Futures Mercati organizzati Forward Mercati O.T.C. OPZIONI FACOLTA' (per il comprratore) Traded Options Mercati organizzati Non traded options Mercati O.T.C. SWAPS (Contratti negoziati solo in mercati O.T.C.) Currency Swap I.R.S. (Interest Rate Swaps) Cross Currency Interest Rate Swaps F.R.A. (Forward Rate Agreement) SWAP Definizioni Si definisce swap un contratto a medio/lungo termine in base al quale due controparti si accordano per scambiarsi flussi finanziari rappresentativi di oneri o rendite finanziarie nel caso in cui i flussi finanziari si riferiscano a rendite si parla di asset swap Gli Swaps sono operazioni finanziarie in cui due controparti si impegnano a scambiarsi flussi monetari in entrata o in uscita e a compiere l operazione inversa a una data futura predeterminata e alle stesse condizioni del primo scambio. I pagamenti possono essere correlati ad attività e passività finanziarie autonomamente assunte dalle controparti

4 IRS e Currency Swaps Tipologie di swap più diffuse Gli IRS sono operazioni finanziarie caratterizzate dallo scambio tra due controparti di flussi di interesse facenti riferimento a importi nominali che non vengono trasferiti né all inizio né alla conclusione della transazione. Il regolamento dei flussi di interesse dovuti tra le controparti avviene inoltre in via differenziale I Currency swaps possono essere definiti contratti in cui una parte cede all altra una determinata quantità di valuta contro altra valuta con il reciproco impegno di effettuare l operazione opposta alla scadenza del contratto alle medesime condizioni INTEREST RATE SWAP (IRS) Fixed to floating o coupon swap Una delle due controparti paga all altra flussi a tasso fisso ricevendone flussi indicizzati a qualche parametro finanziario significativo (tasso variabile), comunemente il LIBOR Floating to floating o basis swap Una delle due controparti paga all altra flussi indicizzati ad una parametro finanziario (tasso variabile1) ricevendone flussi indicizzati a un parametro finanziario diverso (tasso variabile2) CURRENCY SWAP Currency swap Le controparti si scambiano flussi di interesse denominati in due differenti valute (di norma entrambi a tasso fisso) Cross currency interest rate swap Una delle due controparti paga all altra flussi a tasso fisso in una data valuta (valuta1) ricevendone flussi a tasso variabile in una valuta differente (valuta2) Caratteristiche del contratto swap I flussi sono calcolati su un eguale capitale di riferimento (notional o notional amount); esso rappresenta l indebitamento (o l investimento) operato dalle due controparti sul mercato finanziario Le operazioni di indebitamento e/o investimento operate sul mercato dai due operatori devono avere la medesima scadenza I flussi finanziari da pagare al mercato (o da ricevere) devono avere la stessa scadenza Il rapporto tra le due controparti non è diretto ma prevede l interposizione di un intermediario finanziario che si pone in contropartita diretta tra i due operatori finali assumendosi il rischio di credito nei confronti di entrambi Ognuna delle due controparti rimani impegnata nei confronti del mercato in base alla forma tecnica dell indebitamento contratto. IRS e Currency Swap: lo scambio dei capitali Nell IRS il capitale di riferimento (notional) non forma oggetto di scambio, ciò che viene scambiato sono soltanto i flussi periodici (oneri o proventi) denominati nella medesima valuta Nel currency swap vengo scambiati anche i capitali iniziali e finali ai quali si riferisce l operazione

5 Funzione degli swaps 1. La stipula di contratto swap consente agli operatori di trasformare operazioni di finanziamento e/o di investimento già contratte in altre con caratteristiche diverse per tasso e/o valuta 2. Lo swap può essere usato, alternativamente, per modificare ex ante le caratteristiche tecniche di operazioni da stipulare Tra queste si collocano le emissioni euroobbligazionarie swap driven, che abbinano il contratto di swap ad un operazione di finanziamento sul mercato internazionale Indebitamento sul mercato del $ Schema di Currency Swap t1 IMPRESA A $ $ $ Y t2-(tn-1) INTERMEDIARIO tn Y t2-(tn-1) Y Indebitamento sul mercato dello Y t1 IMPRESA B Operazione in Currency Swap schema (1) Presupposto L impresa A (americana) ha come obiettivo finale un indebitamento in una specifica valuta diversa da quella in cui opera abitualmente, ad esempio lo Yen (in considerazione delle proprie specifiche esigenze dettate dalla struttura finanziaria in essere e/o dalle aspettative in merito all andamento futuro del tasso di cambio Dollaro/Yen) Prima fase (t1) L impresa A, pur preferendo un indebitamento in Yen, si indebita sul mercato (emissione di titoli) o con una banca locale (accensione di un prestito) in dollari Presupposto L impresa B (giapponese) ha come obiettivo finale un indebitamento in una specifica valuta diversa da quella in cui opera abitualmente, ad esempio il dollaro (in considerazione delle proprie specifiche esigenze dettate dalla struttura finanziaria in essere e/o dalle aspettative in merito all andamento futuro di cambio Dollaro/Yen) Prima fase (t1) L impresa B, pur preferendo un indebitamento in dollari, si indebita sul mercato (emissione di titoli) o con una banca locale (accensione di un prestito) in Yen Operazione in Currency Swap schema (2) Seconda fase (t2-tn-1) Ad ogni scadenza di pagamento degli oneri finanziari, l impresa A pagherà all intermediario un flusso in Yen ricevendone in cambio un flusso in dollari con il quale assolverà al proprio impegno di pagamento degli interessi sul debito originariamente contratto Terza fase (tn) Alla scadenza dell operazione l impresa A riceverà dall intermediario dollari allo scopo di rimborsare ai propri creditori il capitale finale e pagherà a quest ultimo Yen Risultato finale Come risultato di questo scambio di flussi con l intermediario, l impresa A si troverà ad avere una posizione netta complessiva di indebitamento in Yen (per flussi periodici e capitale finale) Seconda fase (t2-tn-1) Ad ogni scadenza di pagamento degli oneri finanziari, l impresa B pagherà all intermediario un flusso in dollari ricevendone in cambio un flusso in Yen con il quale assolverà al proprio impegno di pagamento degli interessi sul debito originariamente contratto Terza fase (tn) Alla scadenza dell operazione l impresa B riceverà dall intermediario Yen allo scopo di rimborsare ai propri creditori il capitale finale e pagherà a quest ultimo dollari Risultato finale Come risultato di questo scambio di flussi con l intermediario, l impresa B si troverà ad avere una posizione netta complessiva di indebitamento in dollari (per flussi e capitale finale)

6 Esempio di Currency Swap Tasso obiettivo Migliore condizione $ Migliore condizione Yen Impresa A Yen 10,00% 7,50% Impresa B Dollaro 11,00% 7,00% Differenziale a tasso fisso (D$) = 1% Differenziale a tasso variabile (DY) = - 0,5% Differenziale dei differenziali (DD=D$-DY) = 1,5% Esempio di Currency Swap 10% $ 7% Y La presenza di un DD positivo è condizione per realizzare una operazione di swap con risparmio di costi di finanziamento per entrambe le controparti e remunerazione per l intermediario 1) L impresa A si indebita sul mercato in dollari ad un tasso del 10,00% e, ad ogni scadenza: paga sull indebitamento contratto in dollari il tasso del 10,00% riceve dall intermediario un flusso in dollari al tasso del 10,25%, chiudendo in tal modo la propria posizione in dollari con un guadagno dello 0,25% paga all intermediario un flusso in Yen al tasso del 7,25%, aprendo in tal modo una posizione di indebitamento in Yen ad un costo complessivo del 7,00% 2) L impresa B si indebita sul mercato in Yen ad un tasso del 7% e, ad ogni scadenza: paga sull indebitamento contratto in Yen il tasso del 7,00% riceve dall intermediario un flusso in Yen al tasso del 7,00%, chiudendo in tal modo la propria posizione in Yen in perfetto pareggio paga all intermediario un flusso in dollari al tasso del 10,50%, aprendo in tal modo una posizione di indebitamento in dollari ad un costo complessivo del 10,50% 3) L intermediario per effetto dei flussi pagati e ricevuti chiude completamente la propria posizione con un guadagno netto dello 0,50% (o,25 in dollari e 0,25 in Yen) Rispetto alla posizione iniziale: L impresa A si indebita in Yen al 7,00% (7,25% più 0,25% sul dollaro) a fronte di un tasso disponibile inizialmente pari al 7,50%; il guadagno è dello 0,50% L impresa B si indebita in dollari al 10,50% a fronte di un tasso disponibile inizialmente pari al 11,00%; il guadagno è dello 0,50% L intermediario realizza un guadagno netto dello 0,50% equamente ripartito sulle due valute La somma di queste tre percentuali è pari a 1,5%, il DD IMPRESA A 10,25% $ 10,50 $ INTERMEDIARIO 7,25% Y 7% Y IMPRESA B IMPRESA A Schema di Interest Rate Swap Indebitamento con il mercato a tasso fisso t1 Tasso fisso Tasso variabile t2-tn INTERMEDIARIO Tasso fisso Tasso variabile t2-tn Indebitamento con il mercato a tasso variabile t1 IMPRESA B Lo schema di una operazione di IRS (1) Presupposto L impresa A ha come obiettivo finale un indebitamento a tasso variabile (in considerazione delle proprie specifiche esigenze dettate dalla struttura finanziaria in essere e/o dalle aspettative in merito all andamento futuro dei tassi d interesse) Prima fase (t1) L impresa A, pur preferendo un indebitamento a tasso variabile, si indebita sul mercato (emissione di titoli) o con una banca locale (accensione di un prestito) a tasso fisso Presupposto L impresa B ha come obiettivo finale un indebitamento a tasso fisso (in considerazione delle proprie specifiche esigenze dettate dalla struttura finanziaria in essere e/o dalle aspettative in merito all andamento futuro dei tassi d interesse) Prima fase (t1) L impresa B, pur preferendo un indebitamento a tasso fisso, si indebita sul mercato (emissione di titoli) o con una banca locale (accensione di un prestito) a tasso variabile

7 Lo schema di una operazione di IRS (2) Seconda fase (t2-tn) Ad ogni scadenza di pagamento degli oneri finanziari, l impresa A pagherà all intermediario un flusso a tasso variabile ricevendone in cambio un flusso a tasso fisso con il quale assolverà al proprio impegno di pagamento degli interessi sul debito originariamente contratto Risultato finale Come risultato di questo scambio di flussi con l intermediario, l impresa A si troverà ad avere una posizione netta complessiva di indebitamento a tasso variabile Seconda fase (t2-tn) Ad ogni scadenza di pagamento degli oneri finanziari, l impresa B pagherà all intermediario un flusso a tasso fisso ricevendone in cambio un flusso a tasso variabile con il quale assolverà al proprio impegno di pagamento degli interessi sul debito originariamente contratto Risultato finale Come risultato di questo scambio di flussi con l intermediario, l impresa B si troverà ad avere una posizione netta complessiva di indebitamento a tasso fisso Esempio di Interest Rate Swap Tasso obiettivo Migliore condizione a tasso fisso Migliore condizione a tasso variabile Impresa A variabile 12,50% Libor + 0,125% Impresa B fisso 13,50% Libor + 0,50% Differenziale a tasso fisso (Dtf) = 1,000% Differenziale a tasso variabile (Dtv) = 0,375% Differenziale dei differenziali (DD=Dtf-Dtv) = 0,625% La presenza di un DD positivo è condizione per realizzare una operazione di swap con risparmio di costi di finanziamento per entrambe le controparti e remunerazione per l intermediario 1) L impresa A si indebita sul mercato al tasso fisso del 12,50% e, ad ogni scadenza: paga sull indebitamento contratto il tasso del 12,50% riceve dall intermediario un flusso a tasso fisso pari al 12,875%, chiudendo in tal modo la propria posizione a tasso fisso con un guadagno del dello 0,375% paga all intermediario un flusso a tasso variabile pari al Libor + 0,125%, aprendo in tal modo una posizione a tasso variabile ad un costo complessivo di Libor 0,25% [-12,5% +12,875% - (Libor + 0,125%)] = Libor 0,25% 2) L impresa B si indebita sul mercato al tasso variabile del Libor + 0,50% e, ad ogni scadenza: paga sull indebitamento il tasso del Libor + 0,50% riceve dall intermediario un flusso a tasso variabile pari al Libor + 0,125%, chiudendo in tal modo la propria posizione a tasso variabile con una perdita dello 0,375% paga all intermediario un flusso a tasso fisso pari al 13%, aprendo in tal modo una posizione a tasso fisso ad un costo complessivo pari al 13,375% [-13% + (Libor + 0,125%) - (Libor + 0,50%)] = 13,375% 3) L intermediario per effetto dei flussi pagati e ricevuti chiude completamente la propria posizione con un guadagno netto dello 0,125% Rispetto alla posizione iniziale: L impresa A si indebita al Libor 0,25% a fronte di un tasso disponibile inizialmente pari al Libor + 0,125%; il guadagno è dello 0,375% L impresa B si indebita al tasso fisso del 13,375% a fronte di un tasso disponibile inizialmente pari al 13,5%; il guadagno è dello 0,125% L intermediario realizza un guadagno netto dello 0,125% La somma di queste tre percentuali è pari allo 0,625%, il DD Esempio di Interest Rate Swap 12,5% L + 0,50% 12,875% 13% IMPRESA A INTERMEDIARIO L + 0,125% L + 0,125% IMPRESA B Esempio di contratto IRS Problema L impresa Alfa ha un rating molto elevato (AAA). Il 28 aprile 2003 in ragione di una aspettativa di tassi calanti conclude un contratto IRS con la banca Beta. Le caratteristiche del contratto sono le seguenti: Nozionale pari a ; Decorrenza del contratto 1 maggio 2003 Scadenza 1 maggio 2006, Pagamento semestrale dei differenziali sui flussi (1/5 1/11) Rilevazione del tasso Libor applicabile 6 mesi prima del pagamento Alfa si impegna a pagare un tasso variabile indicizzato la Libor con uno spread di venti punti (Libor + 0,20) Pagamento da parte della banca Beta di un tasso fisso pari al 2,65% [variabile contro fisso, , 3Y/6M, Libor + 0,20] Domanda 1 Il primo maggio 2006 si ricostruiscano i flussi cui ha dato luogo l operazione sapendo il Libor a 6 mesi ha fatto registrare i seguenti valori: 1/5/03 = 2,32%; 1/11/03 = 2, 30%; 1/5/04/ = 2,20%; 1/11/04 = 2,60%; 1/5/05 = 2,75%; 1/11/05 = 2,80%; 1/5/06 = 2,60% Domanda 2 In pari data si calcoli il risultato netto finanziario dell operazione nell ipotesi che i flussi ottenuti siano investiti (finanziati) di sei mesi in sei mesi al tasso Libor corrente

8 1/5/2003 2,32% Esempio di contratto IRS 1/5/2004 1/5/2005 1/5/2006 1/11/2003 1/11/2004 1/11/2005 2,30% 2,20% 2,60% 2,75% 2,80% 2,60% 2,52% + 0,13% Soluzione 2,50% 2,40% 2,80% 2,95% 3,00% + 0,15% + 0,25% - 0,15% - 0,30% - 0,35% , , , , , , , , , ,14 Libor rilevato Tasso variabile applicabile Differenziale applicabile Flussi per l impresa Alfa Risultato netto finanziario dell operazione Forward Rate Agreement Il Forward Rate Agreement (FRA) è un contratto in relazione al quale due controparti (compratore e venditore) si impegnano a liquidarsi reciprocamente ad una data futura (data di liquidazione, settlement date o fixing) un importo calcolato applicando ad un deposito convenzionale (notional amount) la differenza tra il tasso fisso di interesse negoziato (contract rate) ed un tasso variabile di riferimento rilevato dal mercato alla data di liquidazione (LIBOR) Il Forward Rate Agreement (FRA) Il FRA è un contratto derivato con il quale le parti si impegnano a versare o a riscuotere a una data prestabilita un importo determinato in base all andamento di un indicatore di riferimento Le date rilevanti sono: La data contrattuale (stipula) La data di fixing e di regolamento (liquidazione) La data di scadenza Alla data contrattuale una parte si impegna nei confronti della controparte a pagare per il periodo contrattuale (che va dalla data di fixing alla data di scadenza) il tasso di interesse stabilito (Tf) e riceve dalla medesima controparte il tasso d interesse (Tv) il cui parametro viene predefinito e il cui valore è rilevato alla data del fixing Le date prescelte vengono individuate dalla sigla che contraddistingue l operazione: Il FRA 1x4 indica un contratto la cui data di fixing è fissata tra 1 mese e il cui periodo contrattuale è di 3 mesi (quindi scade tra 4 mesi a partire da oggi) Il FRA 6x12 indica un contratto la cui data di fixing è fissata tra 6 mesi e i tassi sono calcolati sul semestre successivo Convenzionalmente si definisce: Acquirente del FRA (posizione long) la parte che paga il Tf e incassa Tv Venditore del FRA (posizione short) la parte che paga Tv e incassa Tf Il FRA può essere interpretato come un componente elementare di un IRS, nel senso che l IRS è un insieme di FRA in successione tra loro. Durata del contratto STIPULA LIQUIDAZIONE SCADENZA La durata del contratto va dalla stipula alla scadenza La durata del deposito va dalla liquidazione alla scadenza

9 Tassi impliciti Il FRA rappresenta la negoziazione di un tasso implicito Es: F.R.A. DM 9X12 (per 9 contro 12) significa il tasso implicito a 3 mesi tra nove mesi Speculazione Il compratore del FRA assume la posizione di rialzista: paga il tasso fisso (settlement rate) e riceve il tasso variabile (LIBOR) Guadagna se alla data di liquidazione LIBOR > settlement rate Il venditore del FRA assume la posizione di ribassista: paga il tasso variabile (LIBOR) e riceve il tasso fisso (settlement rate) Guadagna se alla data di liquidazione LIBOR < settlement rate Copertura Il FRA realizza la copertura contro il rischio di tasso fissando un tasso di interesse per un periodo futuro La copertura è perfetta se il tasso FRA (contract rate) è pari al tasso fisso di impiego/raccolta oppure se il tasso FRA (contract rate) è pari alla differenza tra tasso di impiego o raccolta e lo spread rispetto al LIBOR Esempio di copertura (1) Il 29/06/97 una banca: (IMPIEGA) concede un mutuo pluriennale per $ t. attivo indicizz. semest. LIBOR + 1/8% (RACCOGLIE) fa provvista ad un anno per $ 2milioni sull euromercato t. fisso passivo del 5,75% Prevedendo un ribasso dei tassi a fine anno la banca vende un FRA (6X12) su un nozionale di $ al 5,625% 1/7/97 LIBOR 6m = 5,375% [1/7/97-1/1/98 tasso attivo = 6%] Interessi attivi Interessi passivi Differenza positiva , = , = =

10 Esempio di copertura (2) IPOTESI A: 1/1/98 LIBOR 6m = 5,375% [1/1/98-1/7/98 tasso attivo = 5,5%] Interessi attivi Interessi passivi Valore del FRA Valore del FRA a fine periodo (capitalizzato al tasso LIBOR) Saldo operazione , = , = ( ) , , = , ( ) , = = 0 IPOTESI B: 1/1/98 LIBOR 6m = 6% [1/1/98-1/7/98 tasso attivo = 6,125%] Interessi attivi Interessi passivi Valore del FRA Esempio di copertura (3) Valore del FRA a fine periodo (capitalizzato al tasso LIBOR) Saldo operazione , = , = ( ) , , = , ( ) , = = 0 Esempio di contratto FRA Problema L impresa Pippo il 1 maggio 2003 in ragione di una aspettativa di tassi calanti nella seconda metà dell anno stipula un contratto FRA con la banca Pluto. Si tratta di una posizione short (paga Tv, incassa Tf) su FRA 6x9 Le caratteristiche del contratto sono le seguenti: Nozionale pari a ; Decorrenza del contratto: 1 maggio 2003 (data contrattuale) Scadenza: 1 febbraio 2004; Data di fixing: 1 novembre 2003; Il fixing riguarda il Libor a 3 mesi Il tasso fisso è pari a 2,12% [Fra 6x9, short, ] Domanda 1 Si calcoli l importo incassato/pagato dall impresa Pippo nell ipotesi che il 1 novembre 2003 il Libor a 3 mesi sia pari 2,00% Domanda 2 Si calcoli l importo incassato/pagato dall impresa Pippo nell ipotesi che il 1 novembre 2003 il Libor a 3 mesi sia pari 2,50% 1/5/2003 1/5/2003 Esempio di contratto FRA 1/11/2003 2,00% + 0,12% (Tf = 2,12) x 0,12% x (92/365) = 1.512,32 1/2/2004 1/11/2003 2,50% 1/2/2004-0,38% (Tf = 2,12) Soluzione 1 Soluzione x (-0,38%) x (92/365) = 4.789,04 Libor rilevato Differenziale applicabile Risultato netto finanziario dell operazione Libor rilevato Differenziale applicabile Risultato netto finanziario dell operazione

11 Definizione di contratti a termine FORWARD/FUTURE Sono contratti a termine tutti quei contratti nei quali la distanza tra t 0 e t 1 è maggiore di quella prevista per i contratti spot t0 t1 Stipula Regolamento Prezzo Scadenza Tipo di Merce Garanzie... Consegna (eventuale) Liquidazione Prezzi a termine: il cambio a termine Esempio valute ( ) cambio spot LIT/USD = 1698,45 tasso interesse 6 mesi LIT = 6,925% tasso interesse 6 mesi USD = 5,84% Formula teorica: Fw 6 m =, Formula del cambista : Quotazione LIT/USD a 6 mesi Den. 1707,90 Lett. 1709,85 ( , ) = ( 1+ 0, 0584 ) 1 F w = + = 6 m , , 45 ( 1 0, ) 1707, 66 Prezzi a termine: il cambio a termine Esempio valute ( ) cambio spot USD/Y(certoXinc) = 112,68 tasso interesse 6 mesi USD = 5,84% tasso interesse 6 mesi Y = 0,695% Formula teorica (inc X certo): 1 112, 68 Fw = 6 m Quotazione USD/Y a 6 mesi (certo X inc) Den. 109,675 (1/ ) Lett. 109,795 (1/ ) ( 1 + 0, 0584 ) ( 1 + 0, ) = 0, 00910

12 Differenze tra forward e future FORWARD FUTURE LUOGO DI CONTRATTAZIONE OVER THE COUNTER MERCATI ORGANIZZATI TERMINI DEL CONTRATTO STABILITI AD HOC IN BASE ALLE ESIGENZE DELLE STANDARDIZZATI CONTROPARTI CHIUSURA DEL CONTRATTO SOLO A SCADENZA A SCADENZA O TRAMITE OPERAZIONI DI SEGNO OPPOSTO LIQUIDITA DEL MERCATO LIMITATA A CAUSA VARIABILITA DELLA DEI TERMINI CONTRATTUALI ELEVATA INFORMATIVA SUL MERCATO REGOLAMENTAZIONE RISCHIO CONTROPARTE DEPOSITO GENERALMENTE NON UFFICIALE AUTOREGOLAMENTAZIONE PRESENTE NELLA NEGOZIAZIONE NORMALMENTE NON PREVISTO CONSEGNA A SCADENZA O CORRESPONSIONE DI UN SALDO FINALE DISPONIBILE ATTRAVERSO QUOTAZIONI INTERVENTO DIRETTO O INDIRETTO DELLE AUTORITA CENTRALI INESISTENTE (CLEARING HOUSE) INIZIALI E DI VARIAZIONE IN GENERE SONO CHIUSI PRIMA DELLA SCADENZA E ADEGUAMENTO GIORNALIERO Futures Un contratto futures è un accordo, stipulato in un mercato organizzato, per comprare o vendere un attività ad una certa data futura ad un certo prezzo Il futures pertanto è un contratto a termine negoziato su un mercato regolamentato Opzioni OPTION L opzione è un contratto che dà all acquirente la facoltà di acquistare/vendere una determinata attività finanziaria o reale ad un determinato prezzo di esercizio ad (o entro) una data prefissata Rischio limitato: la massima perdita è data dall importo del premio

13 Elementi costitutivi Diritto di comprare/ vendere CALL/PUT Prezzo d esercizio Prezzo al quale è possibile esercitare l opzione Bene sottostante Merci, strumenti finanziari, valute, indici Periodo d esercizio alla scadenza = Europee entro la scadenza = Americane Premio (Valore, prezzo) VO = VI + VT Componenti del premio dell opzione VALORE INTRINSECO PREZZO DI MERCATO del sottostante PREZZO D'ESERCIZIO PREMIO OPZIONE TEMPO VOLATILITA' TASSO D'INTERESSE Valore intrinseco Europee = PE - Forward Americane = maggiore tra PE - Forward e PE - Spot VALORE TEMPORALE (TIME VALUE) CURRENCY OPTIONS Tasso d'interesse Si considera il differenziale (tassi domestici + - tassi esteri). Valore dell opzione VO = VI + VT VO = (PM - PE) + VT VT = f (tempo, volatilità, tasso d int.) CALL = PM*N(d 1 ) - PE*e -rt *N(d 2 ) Valore intrinseco Se PM > PM la CALL è IN THE MONEY la PUT è OUT OF THE MONEY SePM = PE la CALL è AT THE MONEY la PUT è AT THE MONEY Se PM < PE la CALL è OUT OF MONEY la PUT è IN THE MONEY Nelle currency options europee si considera il PM forward Nelle currency options americane il minore tra forward e spot

14 prezzo dell opzione Grafico della Call prezzo dell opzione Grafico della Put valore intrinseco valore intrinseco prezzo d esercizio prezzo d esercizio prezzo spot del sottostante prezzo spot del sottostante Valore Temporale (Time Value) prezzo dell opzione Massimo TIME VALUE valore intrinseco prezzo spot del sottostante Calcolo del time value (1) ESEMPIO MIB30 ( ) MIB30: punti (1 punto = Lit ) CALL PE Premio = VI + VT = = = = = = =

15 Calcolo del time value (2) ESEMPIO MIB30 ( ) MIB30: punti (1 punto = Lit ) PUT PE Premio = VI + VT = = = = = = = = = Calcolo del time value (3) ESEMPIO DOLLARO ( ) [Warrant Citibank scad ] cambio spot $/Lit: 1685,15 PE Premio = VI + VT CALL Lit Lit 102,85 = Lit 85,15 + Lit 17,35 Lit Lit 54,60 = Lit 5,15 + Lit 49,45 Lit Lit 34,40 = Lit 0 + Lit 34,40 PUT Lit Lit 18,00 = Lit 0 + Lit 18,00 Lit Lit 46,10 = Lit 0 + Lit 46,10 Lit Lit 76,30 = Lit 44,85 + Lit 31,45 La vita residua (1) La relazione tra vita residua e valore dell opzione è DIRETTA ma NON LINEARE Per opzioni at the money la relazione tra radice quadrata della vita residua e valore temporale dell opzione è DIRETTA e LINEARE Quindi il valore di un opzione decresce in modo più che proporzionale al trascorrere del tempo Le opzioni di durata più breve perdono valore temporale più velocemente, e quindi risultano più costose (su base annua) Le opzioni in e out of the money, invece, perdono valore in base ad una legge più lineare Valore temporale (premio dell opzione at the money ) La vita residua (2) vita residua 3 1

16 La vita residua (3) ESEMPIO MIB30 ( ) MIB30: punti (1 punto = Lit ) MIBO; CALL; PE Scadenza Vita residua Premio 25 luglio gg agosto gg sett. gg = = = = 1, = 1, = 1, 38 La volatilità (1) La misura statistica normalmente utilizzata per stimare la volatilità è la deviazione standard (SIGMA) Più esattamente la deviazione standard calcolata sugli scostamenti giornalieri di prezzo del sottostante, espressi in termini percentuali Base di calcolo: Volatilità storica, calcolata su serie storiche di prezzi del sottostante Volatilità implicita, dedotta dai valori di mercato assunti dal premio Equivalenza: V. giornaliera = V. annualizzata 250 La volatilità (2) Una volatilità annualizzata del 10% significa che ci sono 32% di probabilità che la valuta esca da una banda di oscillazione del 10% entro un anno Per opzioni at the money la relazione tra volatilità e valore (premio) dell opzione è DIRETTA e LINEARE Pertanto se la volatilità del DM è doppia rispetto a quella del $, in termini percentuali, il premio dell opzione at the money sul $ sarà pari al doppio di quella at the money sul DM per la stessa scadenza Rapporto Volatilità/Premio Esempio a) Call $/Lit 3m = 1.694,30 b) Call DM/Lit 3m = 995,17 La volatilità (3) Vol. ann Premio Premio% a) 7,85% Lit 26,19 1,54% b) 3,80% Lit 7,44 0,75% a)/b) 2,06 2,05 Una volatilità doppia implica un premio doppio

17 La volatilità (4) Esempio a) Call $/Lit 3m = 1.694,30 b) Call DM/Lit 3m = 995,17 I II III IV Vol at. Volat. Cambio (II*III) annual. giornal. spot a) 7,85% 0,4965% 1682,35 Lit 8,35 b) 3,80% 0,2403% 976,01 Lit 2,35 a) Ci sono il 68% di probabilità che il cambio $/ it in un giorno oscilli meno di it 8,35 b) Ci sono il 68% di probabilità che il cambio DM/ it in un giorno oscilli meno di it 2,35 Il tasso d interesse (1) Nelle stock options tra tasso d interesse e valore (premio) dell opzione è DIRETTA per le CALL INVERSA per le PUT Nelle currency options ciò che rileva è il differenziale tra il tasso domestico ed il tasso estero. Il tasso d interesse (2) Effetti della variazione del differenziale d interesse sul premio di una currency option (con cambio spot invariato) L incremento del differenziale (tasso domestico - tasso estero) provoca: un aumento del valore delle CALL una riduzione del valore delle PUT La riduzione del differenziale (tasso domestico - tasso estero) provoca: una riduzione del valore delle CALL un aumento del valore delle PUT Opzioni americane ed europee Un opzione americana non può mai valere meno di un opzione europea Possono essere convenientemente esercitate con anticipo le seguenti opzioni americane (che quindi valgono di più delle corrispondenti opzioni europee): CALL su valute con tasso d interesse più elevato rispetto a quello domestico PUT su valute con tasso d interesse più contenuti rispetto a quello domestico Il momento migliore per esercitare è quando time value < punti forward

18 Put -call parity Calcolo del valore della PUT Call - Put = F - S CALL + VA (E) + S - PUT = Determinanti del valore di un opzione (1) prezzo d eserciz. - + (2) valore sottostante + - valore intrinseco + + (3) vita residua + + (4) volatilità (stima) + + (5) tasso d interesse + - valore temporale + + CALL PUT Determinanti del valore di una opzione Variabili Valore Intrinseco Tempo Tasso d interesse Formula Black-Scholes Prezzo teorico Variabili Valore Intrinseco Tempo Differenz. di tassi d interesse Determinanti del valore di una currency option Formula Black-Scholes corretta da Garman-Kohlhagen Prezzo teorico Volatilità Volatilità Domanda e offerta Prezzo di mercato Domanda e offerta Prezzo di mercato

19 Formula di Black Scholes (premio di una call europea su azioni) rt ( ) ( ) C = S N d E e N d dove: d d 1 2 = = ln ln ( ) S 2 E + rt + σ t ( ) σ S 2 E + rt σ t σ t t Con: C = prezzo di un opzione call europea S = prezzo spot dell azione (sottostante) E = prezzo d esercizio t = durata residua dell opzione (un anno = 1) r = tasso d interesse privo di rischio (capit. continua) σ 2 = varianza del tasso di rendimento dell azione e = base del logaritmo naturale (2,71828) N (d) = funzione di densità di probabil. cumulata normale Assunzioni Movimento casuali nei prezzi del sottostante 1. Le probabilità di un incremento di prezzo sono uguali a quelle di un decremento 2. La probabilità che si verifichino scostamenti di valore ampi rispetto a scostamenti di minore entità è spiegato da una funzione di distribuzione normale Funzione di densità di probabilità cumulata normale N(d) rappresenta la probabilità che una variabile casuale, normalmente distribuita, sia minore o uguale a d. Nella formula di Black e Scholes, pertanto, N(d 1 ) rappresenta il delta dell opzione Spiegazione intuitiva della formula di Black e Scholes Possedere un opzione call che nel futuro verrà sicuramente esercitata equivale al possesso dell azione. L unica differenza è che una parte del prezzo dell azione viene pagata all atto dell esercizio Il prezzo della call è pari alla differenza tra valore dell azione e valore attuale del prezzo d esercizio Per arrivare alla formula di B-S bisogna rimuovere l ipotesi di sicuro esercizio

20 Formula Garman- Kohlhagen (valore di una currency option) C dove: d d 1 2 = = = ln ln ( ) ( ) FN d EN d ( ) F 2 E + rt + σ t ( ) σ F 2 E + rt σ t σ t t 1 2 e pt 2 2 Con: C F E t p σ 2 e N (d) = prezzo di una currency option europea = prezzo a termine del cambio = prezzo d esercizio = durata residua dell opzione (un anno = 1) = differenziale tra i tassi domestici ed esteri = varianza del tasso di cambio = base del logaritmo naturale (2,71828) = funzione di densità di probabil. cumulata normale Rapporti significativi Delta variazione del prezzo del opzione variazione di prezzo del sottostante Gamma variazione del delta variazione di prezzo del sottostante Lambda variazione percent del prezzo del opzione variazione percent. del prezzo del sottost. Theta variazione del prezzo del opzione variazionedi un giorno della vita residua Vega variazione del prezzo del opzione variazione dell 1% della volatilità Rho variazione del prezzo del opzione variazione dell 1% del tasso d interesse Delta Derivata prima rispetto al prezzo Hedge ratio (rapporto di copertura) Nella formula di Black e Scholes DELTA = N(d 1 ) Nella formula di Garman e Kohlahen DELTA = e -r Ft N(d 1 ) OPZIONI PLAIN VANILLA Tipologie di opzioni OPZIONI ESOTICHE Più alto è il delta, maggiori sono le probabilità che l opzione venga esercitata Americane Europee Barrier Ladder Binarie Asiatiche Bermudan ecc..

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari. Futures Swaps Opzioni Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI Gestione liquidità Investimento del risparmio PRODOTTI c/c di corrispondenza (bancario

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari

Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Il bisogno di gestione dei rischi finanziari Futures Swaps Opzioni 1 Famiglie (retail) Imprese (corporate) BISOGNI PRODOTTI Gestione liquidità c/c di corrispondenza (bancario o postale) e strumenti di

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

Economia e tecnica del mercato mobiliare

Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università ità degli Studi di Cagliari i Anno Accademico 2013-2014 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Opzioni sui tassi d interesse Interest rate

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Tassi di interesse Per ciascuna divisa, sono regolarmente quotati diversi

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 13 Gli Swap nella gestione dei rischi Febbraio 2003 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI DOCUMENTO ARISTEIA N. 13 GLI SWAP NELLA GESTIONE DEI RISCHI SOMMARIO: 1. Introduzione

Dettagli

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap

I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap I contratti derivati ed il loro trattamento nei bilanci italian Gaap di Giovanni Cugnasca - dottore commercialista e revisore legale e Alessio Ferrandina - dottore commercialista Gli strumenti finanziari

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operatività in derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

Strumenti finanziari derivati. A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario Strumenti finanziari derivati A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 Quadro generale... 2 2 Definizione e tipologie... 2 3 Rappresentazione in bilancio

Dettagli

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni

Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni XVI legislatura Gli strumenti finanziari derivati e le cartolarizzazioni nelle pubbliche amministrazioni novembre 2008 n. 63 ufficio ricerche nei settori economico e finanziario Servizio Studi Direttore

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15

FINANZA AZIENDALE AVANZATO. Le opzioni e l option theory. Lezioni 14 e 15 FINANZA AZIENDALE AVANZATO Le opzioni e l option theory Lezioni 14 e 15 I derivati asimmetrici ono contratti/prodotti che fissano le condizioni a cui POTRA aver luogo la compravendita futura dell attività

Dettagli

CONTRATTI DERIVATI. Copertura e Speculazione

CONTRATTI DERIVATI. Copertura e Speculazione CONTRATTI DERIVATI Copertura e Speculazione DEFINIZIONE Sono derivati i contratti che insistono su elementi di altri schemi negoziali, quali titoli, valute, tassi di interesse, tassi di cambio, indici

Dettagli

CONTRATTI E TASSI SWAP

CONTRATTI E TASSI SWAP CONTRATTI E TASSI SWAP FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note vengono definite, analizzate e valutate le tipologie più comuni di contratti interest rate swap e si discute l importanza che i tassi swap

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

APPUNTI SUI CONTRATTI DERIVATI (tipologie e caratteristiche)

APPUNTI SUI CONTRATTI DERIVATI (tipologie e caratteristiche) APPUNTI SUI CONTRATTI DERIVATI (tipologie e caratteristiche) Gli strumenti finanziari derivati sono contratti il cui valore dipende dall'andamento di un'attività sottostante nota anche come "underlying

Dettagli

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 02 / 2005 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

I CONTRATTI FUTURES E FORWARD

I CONTRATTI FUTURES E FORWARD Berici Serena matricola 712947 I CONTRATTI FUTURES E FORWARD INDICE Mercati a pronti e mercati a termine I Futures cenni storici definizione e caratteristiche elenco dei futures oggi più scambiati e principali

Dettagli

Prodotti Finanziari Derivati

Prodotti Finanziari Derivati 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Prodotti Finanziari Derivati ISBN 978-88-97362-03-6 Copyright 2011 - Edizioni R.E.I. www.edizionirei.com Stampa: Greco & Greco - Milano Le informazioni sui prodotti

Dettagli

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate

SeDeX. Covered Warrant e Leverage Certificate SeDeX Covered Warrant e Leverage Certificate Prodotti con effetto leva per accrescere il potenziale del proprio portafoglio. SeDeX Introduzione Questi prodotti amplificano al rialzo e al ribasso le performance

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale RISCHIO DI TASSO: DALLA DEFINIZIONE AGLI STRUMENTI DI COPERTURA di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale PREMESSA Si definisce il tasso d interesse come il costo del credito, quindi

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

19-2 Argomenti trattati

19-2 Argomenti trattati Principi di finanza aziendale Capitolo 19-20 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Introduzione alle opzioni e cenni al problema della valutazione 19-2 Argomenti trattati Call,

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati

Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Le operazioni d indebitamento strutturate con derivati Allegato al Bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2013 Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 26 27 luglio 2013

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni

Strategie e tecniche d investimento con le opzioni FINANZA OPERATIVA Strategie e tecniche d investimento con le opzioni Dario Daolio FRANCOANGELI Am - La prima collana di management in Italia Testi advanced, approfonditi e originali, sulle esperienze più

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005)

del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) Ordinanza della CFB sui fondi d investimento (OFI-CFB) 951.311.1 del 24 gennaio 2001 (Stato 22 marzo 2005) La Commissione federale delle banche (CFB), visti gli articoli 43 capoverso 2 e 53 capoverso 4

Dettagli

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie risorse finanziarie e di

Dettagli