Time-diversification ed Hedge Funds

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Time-diversification ed Hedge Funds"

Transcript

1 Giovanni Fulci Direzione Investimenti Unicredit Private Banking Giugno 2004 Equities for the long run? Le differenti accezioni di rischio a scadenza Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) Time-diversification su asset classes tradizionali Time-diversification su hedge funds

2 Equities for the long run? Posologia e modalità d uso: Any statistical relationship will break down when used for regulatory (portfolio allocation, n.d.a.) purposes, Goodhart, 1974 Una delle ipotesi alla base delle teorie di costruzione di portafogli è il trade-off tra rendimento e rischio a scadenza Il trade-off funziona sulla premessa che ogni investimento per il quale si sopporti un rischio più elevato venga remunerato con un rendimento proporzionalmente maggiore ma questa premessa funziona in qualsiasi momento e sotto qualsiasi condizione? Equity risk incrementa decrementa se l orizzonte temporale si allunga?? L impatto dell orizzonte temporale sul rischio dell investimento azionario è ancora un tema controverso quali gli approcci possibili alla costruzione di portafogli abs returns a fronte di tale controversia?

3 Equities for the long run?..alcune osservazioni empiriche 1. Quanto è lungo il lungo termine? Se nel corso del 1900 si fosse entrati nel DowJones nel momento in cui era 1 dev.st. sopra la sua trend-line di lungo termine (ossia in un bull-mkt top) quanto tempo si sarebbe dovuto aspettare per andare a break-even in termini reali (ossia rispetto all inflazione e senza conteggiare i dividendi)? -nel 1929 si sarebbe dovuto attendere fino al nel 1968 si sarebbe dovuto attendere fino al nel 1929 si sarebbe dovuto attendere fino al 1998 per un rendimento reale (sull inflazione e con dividendi) del 10% 2. I rendimenti reali sono fortemente condizionali al timing di ingresso nel mercato (es. S&P500) Dal 1929 al 1949: +4,5% annual real return Dal 1932 al 1951: +10% annual real return Dal 1968 al 1983: 0% annual real return Dal 1968 al 1987: + 4% annual real return Quale il prezzo attuale di tali rendimenti..? Dal 1981 al 2000: +13% annual real return Dal 1989 al 2001: -65% total return..i migliori 20 anni degli Us...ed i 12 peggiori giapponesi.

4 Equities for the long run?..alcune osservazioni empiriche (*) Dow Jones S&P dic-01 dic-05 dic-09 dic-13 dic-17 dic-21 dic-25 dic-29 dic-33 dic-37 Dow Jones dic-41 dic-45 dic-49 60% 40% 20% 0% -20% -40% -60% dic-28 dic-32 dic-36 dic-40 dic-44 Dow Jones Dow Jones 1992-dec/ Dow Jones Dow Jones dec/2003 dic-52 dic-55 dic-58 dic-61 dic-64 dic-67 dic-70 dic-73 dic-76 dic-79 dic-82 dic-85 dic-88 dic-91 dic-91 dic-92 dic-93 dic-94 dic-95 dic-96 dic-97 dic-98 dic-99 dic-00 dic-01 dic-02 dic-03 dic-48 dic-52 Rendimenti annuali dic-56 dic-60 dic-64 dic-68 dic-72 dic-76 dic-80 dic-84 dic-88 dic-92 dic-96 dic-00 (*) Fonte dati di tutti i grafici e le elaborazioni di questa presentazione, se non altrimenti menzionata: Bloomberg.

5 Equities for the long run? Quale il prezzo attuale di tali rendimenti. L affermazione nel libro di Siegel ( Stocks for the long run ) è assolutamente corretta: le azioni hanno sempre ottenuto un rendimento positivo, dato un sufficientemente lungo orizzonte temporale Conventional wisdom nell industria del risparmio: è consolidata la pratica di presentare portafogli (mix di strategic asset allocation tra equities e bonds) che, a fronte di un orizzonte temporale crescente allocano una proporzione maggiore alla componente equity. (*) Lee Thomas, Engineering an Alpha Engine, Pimco Publication, February 2004

6 Le differenti accezioni di rischio a scadenza dell orizzonte temporale Rischio assoluto es. obiettivo di un montante a scadenza: misure di rischio per stimare la variabilità del risultato intorno al montante atteso a scadenza Rischio relativo es. l oggetto delle misure di rischio è la stima dell underperformance rispetto ad un benchmark, ad una liability Rischio threshold es. misure di rischio di perforare al ribasso un determinato floor

7 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification L oggetto del dibattere.il rischio di un asset rischioso aumenta o decrementa elevando l orizzonte di detenzione? L ipotesi di Time-diversification: ossia la nozione che rendimenti sopra la media tendono a compensare rendimenti sotto la media su orizzonti temporali lunghi e pertanto il rischio si riduce all aumentare dell holding period Argomento per la Time-diversification: -dati dei rendimenti i.i.d. (es. un moto geometrico browniano) -il ritorno annualizzato converge verso il ritorno atteso su h.p. lunghi -la prob.tà di perdere denaro è in relazione inversa all h.p. Intuizione:i ritorni attesi crescono linearmente con il tempo, la st.dev. dei ritorni cresce con la radice quadrata del tempo.

8 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 1. Samuelson: varianze dei ritorni e della ricchezza finale 2. Put option: costo dell assicurazione rispetto all holding period 3. Merrill & Thorley: % di retrocessione da sacrificare sull upside del mercato 4. Amman e Zimmermann e la replicating stock position 5. Ending risk ed interim risk 6. Browne: digital option approach (non trattato per esigenze di brevità)

9 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 1. Samuelson: varianze dei ritorni e della ricchezza finale Samuelson ha mostrato che, dato un investimento in un asset rischioso, sebbene la probabilità di perdita diminuisca all aumentare del tempo, la magnitudine potenziale della perdita è crescente all aumentare della scadenza; o alternativamente, vi è differenza tra: -la varianza della distribuzione dei ritorni (es. annuali) -e la varianza della distribuzione della ricchezza finale. Mentre la prima decresce con il tempo, la seconda incrementa proporzionalmente all orizzonte temporale 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% dic-01 dic-08 Effetto della time-diversification sulla dev.st. dei rendimenti dic-15 dic-22 dic-29 dic-36 dic-43 dic-50 dic-57 dic-64 dic-71 dic-78 dic-85 dic-92 dic-99 S&P DowJones The growing improbability of a loss is offset by the increasing magnitude of potential loss, Kritzman, 1994

10 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 2. Put option: costo dell assicurazione rispetto all holding period Bodie (*) è stato il primo ad investigare la time-diversification mediante una strategia di protezione del portafoglio con opzioni Put la Put di Bodie protegge dall under-performance di un investimento azionario rispetto ad uno strike definito dal rendimento realizzato dal tasso risk-free il costo dell assicurazione (il premio dell opzione put) per assicurarsi un ritorno risk-free mantenendo nel contempo il potenziale di upside è una funzione crescente del tempo: di conseguenza il rischio delle azioni incrementa con l holding period (no-time-diversification) Una critica: i critici di Bodie sostengono che le sue conclusioni non tengono in ipotesi di mean-reversion del prezzo delle azioni: la mean-reversion, diminuendo la long-run volatility, rende il premio dell opzione con scadenza più lontana proporzionalmente inferiore a quella con expiry più vicina (*) Bodie, Z., On the Risk of Stocks in the Long Run, Financial Analyst Journal, May/June Il pattern di incremento del costo di protezione è verificato su orizzonti fino a tre anni per le exchange-traded-put, così come sulle OTC per holding period più lunghi

11 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 3. Il costo di eliminazione del rischio come % di retrocessione da sacrificare rispetto all upside dei mercato sottostante. Merrill & Thorley (*) M&T(1996) sposano l ipotesi di Time-diversification sulla base del pricing di opzioni Call, quindi con un approccio differente da Bodie(1995) e con conclusioni opposte. M&T concludono che h.p. più lunghi riducono la % di retrocessione da sacrificare rispetto all upside potenziale del mercato: -rendimento minimo a scadenza: r g, con r = risk-free, g = shortfall rispetto al risk-free - ( r g ) T investimento nel credit-risk-free bond e (1 e ) ( r g ) T - disponibilità per acquistare la call option Holding period 1y Participation rate 22% 10y 55% [ r = 4%, g = 2%, = 20% ] (*) Merrill C. e S. Thorley, Time Diversification Perspective from Option Pricing Theory, Financial Analyst Journal, May/June Per un argomento contrarian a M&T(1996) vedi: Oldenkamp B. e T. Vorst, Time Diversification and Option Pricing Theory: Another Perspective, The Journal of Portfolio Management, Summer 1997.

12 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 4. La replicating stock position di Amman e Zimmermann(*) A&Z(2000) si basano sempre sulla Portfolio Insurance, ma evitando di considerare il participation rate. A&Z considerano invece la quantità di stocks per replicare una insurance strategy come la misura rilevante per testare la time-diversification Portfolio A: orizzonte temporale B/T Dati: Portfolio B: orizzonte temporale L/T A risk = B risk Se: % equity B > % equity A Allora: orizzonte L/T implica un equity risk inferiore Poiché per assunzione: A risk = B risk Quale metodo utilizzare per definire il rischio di A e B?.. (*) Ammann A. e H. Zimmermann, Evaluating the Long-Term Risk of Equity Investments in a Portfolio Insurance Framework, The Geneva Papers on Risk and Insurance 25, July 2000.

13 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 4. La replicating stock position di Amman e Zimmermann(*) Quale metodo utilizzare per definire il rischio di A e B?.. Rischio è catturato dalla possibilità di perforare al ribasso un certo floor a scadenza Fixed Floor: f Le tre ipotesi di floor nel L/T Floor f (*) Minimum Return Floor: f *e^(r-g) * T Risk-free Floor: f *e^(r * T) 1,7 1,5 1,3 1,1 0,9 0,7 0,5 2 3,5 5 6,5 8 9, , , ,5 20 min ret floor floor risk-free rate fixed floor holding period in anni r = risk-free, g = shortfall annuale rispetto al risk-free (*) l opportunity cost cresce con l orizzonte temporale.: l ammontare assicurato è una frazione decrescente dell ammontare ottenibile investendo solo nel risk-free asset. Lo spazio per comprare equity cresce per l operare dell attualizzazione della differenza tra risk-frre floor e minimum return floor.

14 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 4. La replicating stock position di Amman e Zimmermann(*) Risk-free Floor: f * e^(r * T) è il caso più interessante dei tre è infatti ragionevole supporre che un investitore richieda che il livello del floor sia una frazione costante della ricchezza ottenibile investendo al risk-free. in tale caso: la time-diversification non regge e l allocazione all equity diminuisce con l holding p. (*) Ammann A. e H. Zimmermann, Evaluating the Long-Term Risk of Equity Investments in a Portfolio Insurance Framework, The Geneva Papers on Risk and Insurance 25, July 2000.

15 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 5. Ending risk ed interim risk 10 stochastic paths average 2,64 st.dev. 4,66 trigger -4% z-distance to trigger 1,42 EW:End of period prob.ty of crossing the trigger IW: Interim prob.ty of crossing the trigger ~ 8% = 1-0,922% 50% Il rischio di perdita alla fine dell orizzonte temporale è molto differente dal rischio della stessa perdita durante l orizzonte di riferimento Come possiamo misurare la probabilità di una predeterminata perdita durante l orizzonte temporale?

16 Rischio ed holding period: il corrente dibattito sulla time-diversification 5. Ending risk ed interim risk: una stima mediante la statistica first-passage probabilities(*) N[ ] = cum. normal distr. = continuous return, 8% = continuous st. dev., 15% S = initial value, 100 C = critical value to be reach, 90 La prob.tà di perdita durante l orizzonte temporale cresce insieme alla lunghezza dell orizzonte stesso. In contrasto, la prob.tà di perdita alla fine del periodo diminuisce con il tempo. (ln(c/s) - μt) N[ ] (C/S) ( T) Pr(loss) at the end of the horizon Path-INdependent prob.ty + 2u / (ln(c/s) μt) * N[ ] ( T) recovery prob.ty Path-dependent prob.ty Likelihood of a 10% Loss 1 year 3 years 5 years 10 years End of Investment Horizon 10,8% 9,2% 6,6% 2,8% During Investment Horizon 36,4% 50,4% 54,4% 57,6% (*) Karlin & Taylor (1975); Kritzman, Lowry, VanRoyen, Risk, regime and Overconfidence Journal of Derivatives, 2/2001 2

17 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) the best of our knowledge so far 1. L impatto dell orizzonte temporale sul rischio dell investimento azionario è ancora un tema controverso (dipende dalle assunzioni e metodiche utilizzate) 2. quali gli approcci possibili alla costruzione di portafogli abs returns a fronte di tale controversia? 3. L affermazione nel libro di Siegel ( Stocks for the long run ) è assolutamente corretta: le azioni hanno sempre ottenuto un rendimento positivo, dato un sufficientemente lungo orizzonte temporale 4. Conventional wisdom nell industria del risparmio: è consolidata la pratica di presentare portafogli (mix di strategic asset allocation tra equities & bonds) che, a fronte di un orizzonte temporale crescente allocano una proporzione maggiore alla componente equity.

18 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) the best of the possible worlds so far -una metodica di costruzione di portafoglio che consideri la controversia della time diversification evitando di esporsi agli assunti (ed alle credenze) tradizionali (ed ai connessi rischi) -in fondo al nostro cuore c è un meta-risk-manager che ci sussurra che la speranza è il peggiore dei rischi: 1. La speranza che la time-diversification implicita nella conventional-wisdom per la costruzione di asset allocation strategiche (di L/T) regga 2. La speranza che il passato si ripeta nel futuro (o quanto meno ci faccia rima ) costruzione di portafogli a minimo attrito rispetto alla controversia della time-diversification

19 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) Obiettivo: costruzione di portafogli a minimo attrito rispetto alla controversia della time-diversification 1. identificare una funzione cui agganciare una misura per stimare il rischio coerentemente con l oggetto - la funzione di drawdown rispetto alla ricchezza iniziale 2. minimizzare il rischio legato alle assunzioni distributive da estrapolare nel futuro - simulare cosa sarebbe potuto accadere nel passato 3. ottimizzare l allocazione di portafoglio su differenti orizzonti temporali in funzione di quanto sopra - specifica dell algoritmo, dell obiettivo e dei vincoli

20 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) 1. identificare una funzione cui agganciare una misura per stimare il rischio coerentemente con l oggetto La funzione di drawdown è informativa della diminuzione del valore del portafoglio comparato con il massimo precedente ed è impattata dall holding period(*). (*) i risultati rappresentati nei 2 grafici sopra esposti derivano dall utilizzo di rolling windows di dati, con tutte le criticità ad esse collegate: lo scopo è puramente espositivo di quanto è accaduto in passato per descrivere la distribuzione dei drawdowns di un investimento con un qualsiasi punto di arrivo nella serie storica ed orizzonte di detenzione specificato. Nei 2 grafici è rappresentato il maximum drawdown per il percentile selezionato.

21 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) 2. minimizzare il rischio legato alle assunzioni distributive da estrapolare nel futuro (Montecarlo sim., bootstrap, etc.) (what did happen: 12/1993 4/2004) (what could have happened: orizzonte 120 mesi)

22 Una possibile scatola degli attrezzi per la costruzione di portafoglio: l Absolute Return Probability (ARP) 3. ottimizzare l allocazione di portafoglio su differenti orizzonti temporali in funzione di quanto sopra L Abs Return Prob.ty (ARP) come livello di confidenza di non perdere più di un determinato ammontare calcolato sulla funzione selezionata, per il floor pre-determinato e per uno o più pre-specificati orizzonti temporali

23 Time-diversification su asset classes tradizionali Per il livello di confidenza selezionato, per la funzione prescelta (max ddown) e per le ipotesi di simulazione effettuate l ipotesi di timediversification non è pienamente supportabile sull asset class equity

24 Time-diversification su asset classes tradizionali e conseguentemente nemmeno in un mix di portafoglio con i bonds..

25 Time-diversification su hedge funds il portafoglio impiegato per l analisi. (*) la presente analisi non considera le criticità legate al survivorship bias and backfill bias cui sono esposti gli indici di hedge funds. Diversi studi hanno verificato che la quantificazione di tali biases in un range tra 0,2% ed 0,4% mensile. Cfr. Fung H., Xu E. e J. Yau, Do Hedge Fund Manager Display Skill?, The Journal of Alternative Investment, Spring 2004.

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative

L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative L investimento azionario nei portafogli istituzionali: le opportunità offerte da strategie alternative Marzio Zocca Responsabile Clienti Istituzionali Azimut Consulenza Sim Santander 2008 100.0% 100.0%

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità

Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità Nuovi trend per gli investimenti istituzionali: strategie attive-sistematiche e a bassa volatilità Oliver Buquicchio Responsabile Investitori Istituzionali BNP Paribas Equities and Derivatives THEAM all

Dettagli

AZ Commodity Trading. luglio 2012. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012

AZ Commodity Trading. luglio 2012. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 AZ Commodity Trading luglio 2012 Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2012 1 A CHI SI RIVOLGE PER CHI VUOLE COGLIERE LE OPPORTUNITA DEL MERCATO DELLE COMMODITY CON L OBIETTIVO

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Le linee di gestione. Aprile 2014

Le linee di gestione. Aprile 2014 Le linee di gestione Aprile 2014 Obiettivi OBIETTIVO CONSERVAZIONE RENDIMENTO A SCADENZA CORRELAZIONE Protezione del capitale Smoothing downside risk Low volatility Coupon cash flow generation Correlation

Dettagli

Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR

Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR Hedge e Ucits alternativi: trend, opportunità e rischi Alessandra Manuli, Amministratore Delegato Hedge Invest SGR Milano, 8 aprile 2014 1 Hedge e Ucits alternativi: trend 2 Hedge e Ucits alternativi:

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari

GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari GIANCARLO CAPOZZA Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari SULLA STRUTTURA FINANZIARIA DI CONTRATTI ASSICURATIVI LINKED CON MINIMO GARANTITO SOMMARIO 1. Introduzione

Dettagli

Investire in periodi di Financial Repression

Investire in periodi di Financial Repression 6 Smart Risk Update III/2013 Investire in periodi di Financial Repression L attuale contesto di bassi tassi d interesse spinge gli investitori ad intraprendere soluzioni di investimento innovative. Con

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014

OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 OIV - Best Practices - 22 settembre 2014 Mario Massari Università L. Bocconi - Milano Il saggio privo di rischio ed il rischio paese 1 Cosa è il Risk Free Rate (RFR)? Il RFR può essere usato per differenti

Dettagli

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010

Pricing del rischio di credito. Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 Pricing del rischio di credito Aldo Nassigh LIUC, 9 dicembre 2010 AGENDA 1. Credit ratings 2. Default Intensity e Unconditional default probability 3. Recovery Rate 4. Stima delle probabilità di default

Dettagli

Authorized and regulated by the Financial Services Authority

Authorized and regulated by the Financial Services Authority Authorized and regulated by the Financial Services Authority Mercati sempre più volatili, portafogli più rischiosi, sostenibilità più difficile. E forse il caso di tornare a parlare di risk budgeting e

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale

Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale 1 Paolo Cappugi Gli investimenti nella previdenza integrativa: filosofia di gestione e orizzonte temporale Indice Parte 1 Premessa Parte 2 Quadro generale Parte 3 Struttura degli investimenti e orizzonte

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave

La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Active Marzo Management 2015 La gestione attiva nei mercati obbligazionari: Conviction è la parola chiave Mauro Vittorangeli CIO Conviction Fixed Income e Senior Portfolio Manager Le politiche monetarie

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo

2 è calcolato in funzione del prezzo di mercato del. 3 è pubblicato quotidianamente sulla stampa. 4 è il prezzo ufficiale di mercato del fondo Rispondere ai seguenti quesiti. Livello Knowledge 1 2 3 4 Nelle forme pensionistiche individuali, attuate mediante contratti di assicurazione sulla vita, l ammontare dei premi: 1 è sempre definito in misura

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Marco Micocci Ordinario di Matematica Finanziaria ed Attuariale Attuario Dottore Commercialista e R.C. Università di Cagliari Luiss

Dettagli

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM

CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Interrelazioni rischio rendimento e misure RAPM Prof. Marco Oriani Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano 17 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management roma 15 marzo 2012 L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management Seminario tecnico Assoprevidenza Le nuove sfide della gestione previdenziale Davide Squarzoni Direttore

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale

Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Lezione 13 Rendimenti conseguibili con l analisi fondamentale Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione Il principale obiettivo dell analisi fondamentale è di determinare il valore

Dettagli

Trasparenza informativa nell ambito della normativa Consob sui prodotti non-equity

Trasparenza informativa nell ambito della normativa Consob sui prodotti non-equity Trasparenza informativa nell ambito della normativa Consob sui prodotti non-equity Matteo Carradori Matteo Tesser Fairmat Srl (www.fairmat.com) 1/07/2013 Quadro normativo Quadro normativo Regolamento Consob

Dettagli

ILR con. Posizione. attuale.

ILR con. Posizione. attuale. ILR con il gestore G. Spinola del 16/04/15 Trend vs. Msci World Dal lancio ( 15/02/93 ) al 16/04/15. Posizione attuale. 63% %* in Azioni (profilo di rischio teoricoo del portafoglio mediamente in lineaa

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM PER FONDACO SGR Definio Reply è la piattaforma che Fondaco SGR utilizza per la raccolta, il calcolo e la verifica di dati e misure finanziarie sui fondi gestiti e sui mandati

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Leonardo Cervelli Direttore Commerciale Sella Gestioni SGR

Leonardo Cervelli Direttore Commerciale Sella Gestioni SGR Il rendimento obiettivo: un fattore cruciale per la sostenibilità dei bilanci trentennali Il difficile equilibrio tra orizzonte di investimento, ritorni attesi e volatilità Leonardo Cervelli Direttore

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I prodotti della bancassicurazione : Polizze Index e Unit linked 1 Le polizze index linked Il principio base

Dettagli

Constant Proportion Portfolio Insurance (CPPI)

Constant Proportion Portfolio Insurance (CPPI) Risk Management Constant Proportion Portfolio Insurance (CPPI) La CPPI e le strategie proprietarie di protezione offrono l opportunità di investire con maggior fiducia in asset class più redditizie. Documento

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

Le nuove frontiere nella gestione dell Asset Allocation

Le nuove frontiere nella gestione dell Asset Allocation Le nuove frontiere nella gestione dell Asset Allocation Donato Giannico Con la partecipazione di: Matthieu David Amedeo Giurazza Padova 09 novembre Roma 05 dicembre Milano 23 gennaio Le nuove frontiere

Dettagli

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio?

Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Il risparmio durante la crisi: Diversificazione o concentrazione del rischio? Fabio Innocenzi CEO UBS Italia S.p.A. 8 Giugno 2012 QFinPanel, Politecnico di Milano Gli effetti della crisi economica sul

Dettagli

Franklin Templeton Investments

Franklin Templeton Investments Franklin Templeton Investments I Portafogli a Cedola Aprile 2014 Le cedole Franklin Templeton «Bilanciamo» i nostri portafogli a cedola La nostra selezione con fondi obbligazionari e bilanciati I nuovi

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

Private Wealth Management

Private Wealth Management Private Wealth Management 1 I team Gruppo Fideuram dedicati alla clientela Private 2 Risk Management Key Clients Gestioni Private Private Banker Le migliori professionalità del Gruppo Fideuram si uniscono

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE

I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE EFA02 I sessione d'esame per il conseguimento della certificazione FA European Financial Advisor VERSIONE B NON STRAPPARE L INVOLUCRO DI PLASTICA PRIMA CHE VENGA DATO IL SEGNALE DI INIZIO DELLA PROVA ISTRUZIONE

Dettagli

Ucits III alternativi: la nuova via d'accesso alle strategie hedge. Stefano Gaspari, Amministratore Delegato, MondoHedge. Rimini, 19 maggio 2011

Ucits III alternativi: la nuova via d'accesso alle strategie hedge. Stefano Gaspari, Amministratore Delegato, MondoHedge. Rimini, 19 maggio 2011 Ucits III alternativi: la nuova via d'accesso alle strategie hedge Stefano Gaspari, Amministratore Delegato, MondoHedge Rimini, 19 maggio 2011 Ucits Hedge Fund (o Ucits III alternativi): una nuova via

Dettagli

OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011

OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011 OptionCube Platinum Descrizione e condizioni economiche 2011 Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244/D 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario...2 La descrizione di OptionCube...3 OptionCube

Dettagli

DOMANDE. Indicare i principali servizi di investimento e fornirne una breve descrizione

DOMANDE. Indicare i principali servizi di investimento e fornirne una breve descrizione DOMANDE Si ricorda che nelle risposte non è richiesta l'indicazione di formule - ad eccezione della formula del CPPI - ma dei soli fattori rilevanti e del relativo impatto Indicare i principali servizi

Dettagli

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari

Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura finanziaria per i vostri cari PREVIDENZA E PATRIMONIO L ASSICURAZIONE SULLA VITA SCALA PREVIDENZA E PATRIMONIO Assicurazione sulla vita a premio unico CONFORTA Sicurezza per il futuro: interessante investimento di capitale e copertura

Dettagli

RIEPILOGO PORTAFOGLIO COMPLESSIVO

RIEPILOGO PORTAFOGLIO COMPLESSIVO RIEPILOGO PORTAFOGLIO COMPLESSIVO Data report Controvalore investito 13/11/2006 311.023,67 RIPARTIZIONE PER TIPOLOGIA DI STRUMENTO RIPARTIZIONE PER ASSET CLASS 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 26,27%

Dettagli

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il business delle gestioni speciali 2. L applicazione del Matching Adjustment alle gestioni

Dettagli

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi

Come leggere il posizionamento competitivo dei nostri fondi COS È IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO L analisi comparativa della performance di un fondo con quella dei diretti concorrenti Il posizionamento competitivo è il risultato dell analisi comparativa della performance

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return

28 ottobre 2011. Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return GESTIONE DI PORTAFOGLI E RISCHIO: IL RUOLO DEGLI ETF. 28 ottobre 2011 Alberto Luraschi Portfolio Manager Global Strategies & Total Return Dai prodotti benchmarked Profili di mercato ai prodotti flessibili

Dettagli

Riconquistare la fiducia del risparmiatore

Riconquistare la fiducia del risparmiatore 12 Giugno 2012 WORKSHOP KPMG Riconquistare la fiducia del risparmiatore Marco Liera, Fondatore YouInvest La Scuola per Investire La migliore ricerca accademica al servizio della finanza personale La sfida

Dettagli

La nostra società. I nostri campi di specializzazione sono:

La nostra società. I nostri campi di specializzazione sono: ap equity asset allocation interest rate options risk management alth management dcf advisory etc value at risk commodities rrencies hedging covered bond benchmark fed funds fair value igation alternative

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Roma, 17 novembre 2009

Roma, 17 novembre 2009 Roma, 17 novembre 2009 definizione: rischio rischio: l esposizione ad un evento futuro ed incerto considerato dannoso; in finanza per rischio si intende: l eventualità di conseguire rendimenti inferiori

Dettagli

Portfolio Lab Investments. Company Presentation. Sintesi dell attività e dei servizi erogati

Portfolio Lab Investments. Company Presentation. Sintesi dell attività e dei servizi erogati Portfolio Lab Investments Company Presentation Sintesi dell attività e dei servizi erogati 25/06/2012 La società Portfolio Lab Investments è un advisor indipendente nel settore dell asset management, specializzato

Dettagli

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1

www.cicliemercati.it Tutti i diritti riservati Pag. 1 LA MATRICE DEI MERCATI DESCRIZIONE E UTILIZZO PER L INVESTITORE DESCRIZIONE La Matrice è basata su un algoritmo genetico proprietario che permette di individuare e visualizzare, a seconda delle preferenze

Dettagli

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Riflessioni sul documento di consultazione sulla disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione Prot. 25/2008 AC Spettabile Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro sezione IV Via XX Settembre, 97 00187 ROMA c.a. dott. Alessandro Rivera Anticipata a mezzo posta elettronica

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007

Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli VaR. Aldo Nassigh. 16 Ottobre 2007 Il processo di misurazione e gestione del rischio nell ambito di modelli Aldo Nassigh 16 Ottobre 2007 INDICE 1. La misurazione del rischio di mercato attraverso il 1.a Nozioni basilari 1.b I metodi parametrici

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049)

CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049) CREDEMVITA MULTI SELECTION (Tariffa 60049) Reggio Emilia, 28 febbraio 2015 Oggetto: aggiornamento delle informazioni sugli OICR esterni riportate nel Documento Informativo Gentile Cliente, nel seguito

Dettagli

All models are false, but some are useful, Box (1980) Any statistical relationship will break down when used for policy purposes, Goodhart (1974)

All models are false, but some are useful, Box (1980) Any statistical relationship will break down when used for policy purposes, Goodhart (1974) All models are false, but some are useful, Box (1980) Any statistical relationship will break down when used for policy purposes, Goodhart (1974) Università di Siena - Corso di Laurea EGIF Investimenti

Dettagli

La gestione obbligazionaria tra rischio di tasso e rischio di credito

La gestione obbligazionaria tra rischio di tasso e rischio di credito La gestione obbligazionaria tra rischio di tasso e rischio di credito Federico Marzi 1 QBond Absolute Return: i punti da analizzare La gestione dei Descrizione e storia del modello di duration management

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

la finanza senza sorprese

la finanza senza sorprese ap equity asset allocation interest rate options risk management alth management dcf advisory etc value at risk commodities rrencies hedging covered bond benchmark fed funds fair value igation alternative

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale.

Con la giusta strategia ogni mese può essere un mese speciale. riconoscimento e di distribuzione delle cedole, fai leggere ai tuoi Clienti il Prospetto dei Fondi, Challenge Funds di Mediolanum International Funds e del Sistema Mediolanum Fondi Italia di Mediolanum

Dettagli

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali

I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali I vantaggi delle strategie hedge nei portafogli istituzionali Itinerari Previdenziali Michele Pacciana Documento riservato agli investitori istituzionali partecipanti al convegno Itinerari Previdenziali

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice

che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice che si riflette in una maggiore e impellente richiesta di advice Utilizzo di un servizio di consulenza (contrattualizzato) ad un costo aggiuntivo Non si avvale di un servizio/contratto di consulenza ad

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi.

Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Non esiste un investimento perfetto in assoluto, esiste invece un investimento ottimale per ognuno di noi. Come un comodo abito ogni investimento deve essere fatto su misura.

Dettagli

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO

AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO SOCIALLY RESPONSIBLE INVESTMENT AND NON CAP WEIGHTED PORTFOLIO Forum per la Finanza Sostenibile Milano 30 giugno 2009 Giulio Casuccio Head of Quantitatives Strategies and Research Principi ed obiettivi:

Dettagli

Il trading di volatilità

Il trading di volatilità Il trading di volatilità Come identificare i cicli di volatilità, come sfruttarne le potenzialità a proprio vantaggio contenendo i rischi. Relatore: Enrico Malverti Treviso, 7 Ottobre 2015 CHI SONO Enrico

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2012-2013 Indice 1 Mercati finanziari 2 Arbitraggio 3 Conseguenze del non-arbitraggio

Dettagli

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012

Macro Volatility. Marco Cora. settembre 2012 Macro Volatility Marco Cora settembre 2012 PERDITE E GUADAGNI Le crisi sono eventi con bassa probabilità e alto impatto - La loro relativa infrequenza non deve però portare a concludere che possano essere

Dettagli

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe

Strategie di hedging con i Certificati. Massimiliano Volpe Strategie di hedging con i Certificati Massimiliano Volpe 2 Con il termine di hedging si fa riferimento ad una strategia d'investimento disegnata per ridurre il profilo di rischio di un investimento mediante

Dettagli

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA?

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Crenca & Associati CORPORATE CONSULTING SERVICES RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Ufficio Studi Milano, 3 aprile 2008 Introduzione al Risk Management

Dettagli