Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari"

Transcript

1 Popolazione, condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari Documento a supporto degli indirizzi di Piano Socio-sanitario della Regione del Veneto Novembre 2010

2

3 Indice 1 Il contesto demografico La mortalità per causa Profili di patologia Tumori Infarto acuto del miocardio Scompenso cardiaco Ictus Diabete mellito Malattie infettive e diffusive Disturbi psichici La cronicità dai dati delle esenzioni Le strutture ospedaliere Le strutture I posti letto L assistenza ospedaliera Le dimissioni dagli ospedali I ricoveri dei residenti e i tassi di ospedalizzazione La mobilità ospedaliera Schede di ospedalizzazione per Azienda ULSS L assistenza farmaceutica territoriale L assistenza specialistica ambulatoriale Gli anziani: profili di salute e di utilizzo dei servizi sanitari...249

4

5 1 - Il contesto demografico Con quasi abitanti il Veneto è la quinta regione italiana in termini di numerosità della popolazione (dopo Lombardia, Campania, Lazio e Sicilia). Le Figure 1 e 2 fotografano la situazione al 1 gennaio 2009 per Azienda ULSS e per comune. La distribuzione della popolazione per comune è molto eterogenea, con più della metà dei comuni che non raggiunge i 5 mila abitanti (concentrati nelle aree dell Azienda ULSS di Belluno, Este e Rovigo) e un quinto con oltre 10 mila abitanti. La tabella 1 illustra la popolazione per provincia di residenza al 1 gennaio 2009 (fonte ISTAT). La popolazione si concentra soprattutto in 5 province (Padova, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza), che hanno ciascuna una popolazione compresa tra gli e i abitanti; mentre le altre due province (Belluno e Rovigo) hanno una popolazione attorno ai abitanti. Figura 1. Popolazione per Azienda ULSS. Veneto, 1 gennaio Fonte: ISTAT. 1

6 Tabella 1. Popolazione per provincia e sesso. Veneto, 1 gennaio Fonte: ISTAT. MASCHI FEMMINE TOTALE Belluno Padova Rovigo Treviso Venezia Vicenza Verona TOTALE Figura 2. Densità comunale: abitanti per chilometro quadrato. Veneto, 1 gennaio Fonte: ISTAT. 2

7 La figura 3 descrive la struttura della popolazione per classe di età e sesso al 1 gennaio Il 51% della popolazione risulta di sesso femminile, l età media dei maschi è di 41 anni, quella delle femmine di 44 anni. Figura 3. Popolazione per classe di età e sesso. Veneto, 1 gennaio Fonte: ISTAT. Nel Veneto si registrano 10 nascite ogni mille abitanti, un quinto delle quali è di cittadinanza straniera (Tabella 2). La quota più bassa di nascite si osserva ad Adria con 7 nascite ogni mille abitanti e dove i nati stranieri non raggiungono il 10%. Nelle Aziende ULSS 7, 8 e 20 circa un quarto dei nati ha cittadinanza straniera, nell Azienda ULSS 5 tale valore sale ad un nato su tre. Il saldo naturale nella nostra regione, proprio grazie alla presenza di nuovi nati stranieri risulta positivo: nel 2008 il saldo naturale complessivo è di 3837, il saldo naturale degli stranieri è pari al 9614, quello dei soli italiani è di soggetti. 3

8 Tabella 2. Nati per residenti e percentuale di nati stranieri per Azienda ULSS di residenza. Anno Fonte: ISTAT. Nati su 1000 residenti % Nati stranieri sul totale dei nati 1-Belluno 8,15 9,6 2-Feltre 8,95 16,4 3-Bassano del Grappa 10,54 17,7 4-Alto Vicentino 10,52 20,9 5-Ovest Vicentino 11,13 32,8 6-Vicenza 10,48 22,4 7-Pieve di Soligo 9,88 24,7 8-Asolo 11,11 24,9 9-Treviso 10,91 20,5 10-S.Donà di Piave 9,43 16,5 12-Veneziana 7,88 19,0 13-Mirano 10,40 12,1 14-Chioggia 9,13 14,7 15-Alta Padovana 11,27 21,6 16-Padova 9,50 21,2 17-Este 9,12 16,4 18-Rovigo 8,45 23,5 19-Adria 7,08 8,3 20-Verona 10,10 25,7 21-Legnago 10,87 23,8 22-Bussolengo 11,15 17,4 Veneto 10,01 20,7 L invecchiamento della popolazione è la caratteristica principale della dinamica demografica italiana più recente, dovuto in parte al calo delle nascite e dall altro all'allungamento della vita media. La speranza di vita alla nascita nel 2008 dei maschi era di 79,1 anni, per le femmine era di 85,2 anni, mentre nel 1990 lo stesso indicatore misurava rispettivamente 73,2 e 80,7 anni (Health for all /Italia. Giugno 2010). La struttura demografica (Tabella 3 e Figura 4) si caratterizza per una forte componente di anziani, sostenuta da una quota ristretta di adulti in età lavorativa e con pochi giovani a rappresentare il ricambio generazionale. Secondo i dati ISTAT del 2009, nella Regione Veneto i soggetti con età uguale o superiore ai 65 anni sono (41% maschi e 59% femmine), pari al 20% dell intera popolazione regionale, un valore di poco inferiore a quello registrato per l intera nazione; in particolare, gli anziani fino a 74 anni sono il 10% della popolazione, tra 75 e 84 anni il 7% e oltre 84 anni il 3%. I giovani con meno di 15 anni rappresentano il 14% e l indice di vecchiaia è pari a 139 anziani per cento giovani, un valore lievemente inferiore a quello osservato nell intera nazione. Gli adulti di età compresa tra 15 e 64 anni (età lavorativa) rappresentano il 66% della popolazione. L indice di dipendenza strutturale, che rappresenta il numero di individui in età non lavorativa ogni 100 individui in età potenzialmente lavorativa, è pari a 51%. È possibile inoltre calcolare l indice di dipendenza senile, come rapporto tra i soggetti di 65 anni e oltre e la popolazione attiva (15-64 anni), che misura il carico di persone 4

9 anziane ogni 100 individui produttivi, ossia il carico relativo di anziani sulla collettività presunta attiva. Nella nostra Regione l indicatore ha un valore pari al 30%. Nelle Aziende ULSS 1, 2, 12, 18 e 19 la quota di anziani risulta piuttosto elevata (22-25%). In generale, le Aziende ULSS con la popolazione più anziana sono quelle in cui si è registrata negli anni una progressiva riduzione del numero dei residenti. Nelle Aziende ULSS 13 e 14 la quota di anziani è inferiore alla media del Veneto, mentre la quota di popolazione in età lavorativa qui raggiunge valori più elevati delle altre Aziende ULSS. Infine, le strutture di età delle popolazioni residenti nelle Aziende 15, 8, 22 e 5 risultano le più sostenibili perché due terzi della popolazione risultano in età attiva e la quota di anziani è solo di poco superiore a quella dei giovani. Tabella 3. Indicatori strutturali della popolazione residente. Azienda ULSS, Veneto, Italia, 1 gennaio Fonte: ISTAT. Popolazione 65 anni e più Popolazione 65 anni e più (%) Indice di dipendenza strutturale Indice di dipendenza anziani Indice di vecchiaia Età media 1-Belluno ,7 54,2 35,0 181,6 44,9 2-Feltre ,3 54,2 34,4 173,2 44,5 3-Bassano del Grappa ,2 50,8 27,5 117,6 41,3 4-Alto Vicentino ,0 52,1 28,9 124,3 41,8 5-Ovest Vicentino ,6 50,1 26,4 111,7 40,8 6-Vicenza ,5 50,3 27,8 124,0 41,7 7-Pieve di Soligo ,6 53,6 31,6 143,9 43,0 8-Asolo ,9 49,1 25,3 106,0 40,5 9-Treviso ,4 49,9 27,6 123,4 41,8 10-S.Donà di Piave ,8 50,0 29,7 147,1 43,0 12-Veneziana ,1 58,7 39,8 210,1 46,1 13-Mirano ,3 47,4 26,9 131,3 42,3 14-Chioggia ,1 47,5 28,2 146,0 42,8 15-Alta Padovana ,7 48,0 24,7 106,1 40,4 16-Padova ,8 51,5 31,5 157,7 43,6 17-Este ,4 50,5 30,8 156,0 43,4 18-Rovigo ,4 51,1 33,9 196,7 45,1 19-Adria ,8 50,4 34,2 211,5 45,3 20-Verona ,4 52,9 31,2 144,0 42,7 21-Legnago ,7 50,4 29,6 142,1 42,5 22-Bussolengo ,2 48,8 25,6 110,3 40,9 Italia ,1 51,9 30,6 143,4 42,6 Veneto ,7 51,0 29,7 139,2 42,6 5

10 Figura 4. Soggetti sotto i 20 anni d età e sopra i 64 anni d età per 100 residenti. Veneto, anni Fonte ISTAT Il processo di invecchiamento della Regione Veneto si apprezza analizzando l andamento della numerosità della popolazione anziana del Veneto negli Anni per fasce di età. Infatti, come si vede nella tabella 4, la popolazione anziana è andata gradualmente aumentando negli ultimi 16 anni in tutte le fasce di età e l aumento più consistente ha riguardato la classe di età 85 anni e oltre. Tabella 4. Anziani per 100 residenti per fasce di età. Veneto, anni Fonte ISTAT. 65 anni e oltre 75 anni e oltre 85 anni e oltre ,1 6,4 1, ,4 6,5 1, ,8 6,8 1, ,1 7,0 1, ,3 7,3 2, ,5 7,6 2, ,8 7,8 2, ,1 8,1 2, ,3 8,3 2, ,5 8,6 2, ,7 8,7 2, ,9 8,8 2, ,2 9,0 2, ,4 9,2 2, ,5 9,3 2, ,7 9,4 2,5 6

11 Figura 5. Tasso di incremento della popolazione anziana e tasso di incremento della popolazione generale (per 1.000) per Azienda ULSS di residenza. Veneto, periodo Fonte ISTAT. Nella figura 5 è rappresentato il tasso di incremento aritmetico (che può essere letto come la variazione media annua) della popolazione generale e della popolazione anziana del Veneto per Azienda ULSS di residenza. In generale dal confronto tra i due tassi emerge come la popolazione anziana negli ultimi 10 anni sia aumentata di più rispetto alla popolazione generale; in particolare prendendo i tassi della Regione Veneto come valori medi di riferimento si può notare come il tasso di incremento della popolazione anziana (23 per 1.000) risulti più del doppio rispetto a quello della popolazione generale (9 per 1.000). Inoltre in tutte le Aziende ULSS il tasso di incremento relativo alla popolazione anziana assume valori positivi, mentre per quanto riguarda la popolazione totale vi sono Aziende ULSS in cui la numerosità nel periodo considerato è stata stazionaria (Azienda ULSS 1 e 12) o addirittura si è ridotta (Aziende ULSS 19). 7

12 Figura 6. Distribuzione della popolazione sopra i 64 anni su 100 abitanti. Fonte ISTAT. L invecchiamento della popolazione, la bassa fecondità, la propensione dei giovani a rimandare la separazione dalla famiglia d origine e l instabilità coniugale hanno portato ad un aumento delle persone sole e delle coppie senza figli (Rapporto Statistico 2010 Regione Veneto). Nel 2008 in Veneto il numero medio di componenti per famiglia è di 2,5, (valore simile a quello italiano), mentre trent anni prima era pari a 3,3. Nel 2008 oltre una famiglia su quattro è costituita da un solo componente e quasi la metà di queste ha oltre 64 anni. Tra i nuclei familiari, la quota più rilevante è costituita da coppie con almeno un figlio 55,9%, mentre quelle senza figli sono il 33,0% (Indagine Multiscopo anno 2008). Le famiglie allargate, composte da più nuclei familiari, un tempo piuttosto diffuse in Veneto, nel 2008 sono solo il 5,5%. Il 61% dei maschi e il 48,3 % delle femmine di età tra i 18 e 34 anni vive ancora nella condizione di figlio nella famiglia di origine, valori inferiori a quelli osservati in Italia, ma di molto superiori rispetto alla media europea. Gli stranieri residenti in Veneto all inizio del 2009 sono circa , il 9,3% del totale della popolazione (da una recente pubblicazione dell Istat sugli stranieri nel 2010 tale valore sale a 9,8%). Il fenomeno migratorio vede una consistente componente femminile in crescita negli anni (Statistiche Flash Regione Veneto Marzo 2009): nel 2009 costituiscono il 49% degli stranieri e sono prevalentemente rumene, marocchine e albanesi. Tra le nazionalità con maggiore presenza femminile vi sono molti paesi dell Est europeo e dell America Latina, primo fra tutti l Ucraina con l 82% di donne. L immigrazione dall estero ha contribuito negli ultimi anni a modificare sempre 8

13 più le caratteristiche demografiche della popolazione. Per prima cosa, trattandosi di uomini e donne in età lavorativa, il fenomeno immigratorio ha determinato un calo nell età media della popolazione. Inoltre, per effetto anche dell esercizio del diritto al ricongiungimento familiare, la presenza di giovani immigrati ha contribuito in modo decisivo alla crescita del tasso di natalità nel totale della popolazione residente, pari a circa 1 nato ogni 100 residenti nel Veneto nel Da ultimo, poiché la legislazione richiede allo straniero extra-comunitario immigrato dieci anni di residenza prima di poter fare domanda di naturalizzazione, è rilevante il fenomeno dei nati in Italia da genitori stranieri residenti, i quali pur non essendo immigrati sono di cittadinanza straniera: il 13% dei minori residenti nel Veneto è di cittadinanza straniera nel Il Veneto è la regione dove è più elevata la quota di minori stranieri, a conferma di una tipologia di immigrazione particolarmente stabile e presumibilmente ben radicata nel territorio. Il flusso dell immigrazione è molto cambiato in questi ultimi anni (Figure 1.7 e 1.8) e non sembra destinato ad arrestarsi. Secondo le previsioni dell ISTAT nel 2020 gli stranieri saranno quasi 800 mila, ossia oltre il 15% della popolazione complessiva, e entro il 2030 dovrebbero raggiungere la soglia del milione (Rapporto Statistico Regione Veneto- ed. 2009). Figure 7 e 8. Stranieri residenti su abitanti nel 2004 (Figura 7) e nel 2009 (Figura 8) Fonte ISTAT. Figura 7. Figura 8. A livello di Azienda ULSS la presenza degli stranieri ha raggiunto nel tempo caratteristiche diverse (Tabella 5 e Figura 9). Nel 2004 la popolazione immigrata si concentrava in prevalenza nelle aree in grado di offrire maggiori opportunità occupazionali tuttavia nel corso degli anni anche nelle zone limitrofe si è registrato l incremento di questa parte della popolazione. Nel 2004 Aziende ULSS come la 5, la 7 e la 8 contavano una presenza di stranieri dal 7,2 al 9,5 per 100 abitanti, valori raggiunti nel 2009 da molte ULSS ad eccezione della 1, 2, 13, 14, 17, 19. La distribuzione nel territorio varia anche in base alla cittadinanza. Gran parte degli stranieri sono rumeni (19%), 9

14 marocchini (11%) ed albanesi (8%) (figura 10) e scelgono aree di insediamento diverse (Rapporto Statistico Regione Veneto- ed. 2009). I cittadini rumeni si concentrano in prevalenza nei capoluoghi, soprattutto a Verona, Padova e Venezia, mentre a Treviso si distribuiscono uniformemente in tutta la provincia. Albanesi e Marocchini si presentano nel territorio in maniera più omogenea, risiedendo nelle province centrali di Verona, Vicenza, Treviso, Padova e Venezia. Tabella 5. Stranieri residenti per abitanti, per anno e Azienda ULSS di residenza. Fonte ISTAT Belluno 34,4 38,7 40,8 43,6 50,4 54,2 2-Feltre 37,6 44,3 47,5 51,8 60,6 67,5 3-Bassano del Grappa 51,0 60,7 64,8 68,4 74,4 81,0 4-Alto Vicentino 62,1 70,2 75,1 78,4 85,2 92,5 5-Ovest Vicentino 94,8 109,0 118,7 124,2 131,6 141,0 6-Vicenza 66,2 77,4 83,8 88,5 95,6 105,3 7-Pieve di Soligo 72,4 84,7 90,8 95,9 105,7 114,1 8-Asolo 71,8 83,3 91,2 97,4 109,4 117,3 9-Treviso 58,9 71,4 78,9 84,3 93,8 101,9 10-S.Donà di Piave 40,8 49,8 57,0 63,2 73,1 84,1 12-Veneziana 37,1 46,6 53,1 61,0 71,8 85,7 13-Mirano 27,6 34,9 40,0 45,2 54,7 64,0 14-Chioggia 22,7 28,4 32,6 37,0 44,5 50,9 15-Alta Padovana 47,1 56,8 64,7 71,4 85,9 95,9 16-Padova 49,2 59,5 67,4 73,5 84,6 96,9 17-Este 28,6 34,9 39,5 43,9 50,3 58,3 18-Rovigo 32,8 40,9 46,3 51,5 63,1 73,7 19-Adria 16,3 20,7 23,6 25,6 31,2 35,7 20-Verona 67,5 77,0 84,3 92,5 107,6 118,5 21-Legnago 43,8 51,1 58,9 66,3 80,9 90,8 22-Bussolengo 55,7 62,6 69,3 74,0 84,8 93,5 Veneto 51,8 61,2 67,7 73,4 83,6 93,0 10

15 Figura 9. Stranieri residenti per abitanti per anno e Azienda ULSS. Fonte ISTAT. Figura 10. Stranieri residenti per cittadinanza. Anno Il valore in bianco è il numero degli stranieri su 1000 residenti, il valore in nero sulla destra è l incremento percentuale dal Veneto. Fonte ISTAT. 11

16 2 La mortalità per causa Tra i residenti nella regione Veneto nel corso dell anno 2008 si sono verificati decessi, nei maschi e nelle femmine. Il tasso grezzo di mortalità è pari a 9,0 per mille nei maschi e a 9,2 per mille nelle femmine. Il tasso standardizzato di mortalità negli ultimi 14 anni evidenzia un notevole calo sia nei maschi (-25% dal 1995 al 2008) sia nelle femmine (-21% dal 1995 al 2008) (Tabella 1). In effetti, i tassi di mortalità nelle singole fasce di età sono in netta diminuzione, particolarmente nelle fasce di età giovanili e adulte (Tabella 2). Tra le Aziende ULSS della Regione, si osserva una mortalità per tutte le cause più elevata rispetto alla media regionale nelle Aziende ULSS 2, 4, 10 e 14 nei maschi e nelle Aziende ULSS 1, 2, 4, 10, 12, 18 e 19 nelle femmine. Valori inferiori al dato medio regionale sono presenti nelle Aziende ULSS 9, 12, 16 e 20 nei maschi e nelle Aziende 9, 15 e 20 nelle femmine (Tabella 3). Nel confronto con le altre Regioni italiane, la mortalità nei residenti in Veneto è inferiore alla media nazionale sia nei maschi che nelle femmine (Tabella 4). In particolare si evidenzia come nei maschi da valori più elevati rispetto alla media nazionale (inizio anni 90) si sia gradualmente arrivati a valori più bassi (a partire dall anno 2000) (Tabella 5). Nell anno 2008 nei maschi residenti in Veneto i tumori hanno causato il 37% dei decessi, seguiti dalle malattie del sistema circolatorio (33%), dalle malattie dell apparato respiratorio (7%) e dai traumatismi e avvelenamenti (5%). Nelle femmine invece le malattie del sistema circolatorio hanno causato il 41% dei decessi, i tumori il 27%, le malattie respiratorie il 6% e i disturbi psichici il 5% (Tabella 6). Malattie del sistema circolatorio Per queste malattie tra i residenti in Veneto nell anno 2008 si sono verificati decessi nei maschi (3,0 ogni residenti) e nelle femmine (3,8 ogni residenti). Il tasso standardizzato diretto di mortalità per malattie del sistema circolatorio è in marcatissimo calo negli ultimi anni (dal 1995 al % nei maschi, -32% nelle femmine, Tabella 7). Livelli superiori alla media regionale si registrano per i maschi tra i residenti nelle Aziende ULSS 4, 14 e 18 e per le femmine tra le residenti nelle Aziende ULSS 4, 12, 17, 18 e 19. Valori inferiori al dato medio regionale sono invece presenti per i maschi nelle Aziende ULSS 16 e 20 e per le femmine nelle Aziende ULSS 5, 9, 16 e 20 (Tabella 8). Nel contesto nazionale, la mortalità per malattie del sistema circolatorio nella popolazione residente in Veneto è più bassa rispetto alla media nazionale e alla maggior parte delle altre regioni (Tabella 9). L andamento nel tempo mostra un calo sostanzialmente omogeneo in tutte le aree della nazione (Tabella 10). Malattie ischemiche del cuore Tra le malattie del sistema circolatorio il maggior numero di decessi è causato dalle malattie ischemiche del cuore: nel nei maschi (1,3 decessi ogni abitanti) e nelle femmine (1,4 ogni abitanti). La mortalità per cardiopatie ischemiche (tasso standardizzato diretto) è in netto calo: dal 1995 al % nei maschi e 17% nelle femmine (Tabella 11). 12

17 Tra le Aziende ULSS del Veneto valori superiori alla media regionale si verificano per i maschi nelle Aziende ULSS 4, 14, 18 e 19 e per le femmine nelle Aziende ULSS 12, 17, 18 e 19. Valori inferiori al dato regionale sono invece riscontrati nelle Aziende ULSS 16 e 20 per i maschi e nelle Aziende ULSS 5, 9, 10, 15, 16 e 22 per le femmine (Tabella 12). Rispetto alla media nazionale, la mortalità per cardiopatie ischemiche tra i residenti in Veneto è più elevata nei maschi e sostanzialmente sovrapponibile nelle femmine (Tabella 13). La mortalità per malattie ischemiche del cuore è in diminuzione in tutte le zone italiane, peraltro tra i residenti in Veneto la diminuzione appare più accentuata. Malattie cerebrovascolari Le malattie cerebrovascolari hanno causato nel 2008 nei residenti in Veneto decessi nei maschi (0,6 ogni abitanti) e 2269 decessi nelle femmine (0,9 ogni abitanti). Tra le varie cause di morte, il tasso standardizzato diretto di mortalità per malattie cerebrovascolari ho mostrato uno dei cali più marcati: infatti dal 1995 al 2008 l tasso standardizzato diretto è diminuito in oltre il 40% sia nei maschi che nelle femmine (Tabella 15). All interno della Regione valori più elevati rispetto alla media regionale si riscontrano nelle femmine residenti nelle Aziende ULSS 7, 12, 18 e 19. Valori inferiori alla media regionale sono invece presenti nel maschi residenti nell Azienda ULSS 20 e nelle femmine residenti nelle Aziende ULSS 1, 3, 5,8 e 20 (Tabella 16). Rispetto alle altre regioni italiane, la mortalità per malattie cerebrovascolari nel Veneto è tra le più basse nei maschi e la più bassa nelle femmine (Tabella 19). Nel tempo la mortalità per malattie cerebrovascolari mostra un andamento in calo consistente e omogeneo su tutto il territorio nazionale. Tumori Nel 2008 nella popolazione del Veneto i tumori sono stati la causa di morte per maschi (3,3 decessi ogni abitanti) e per femmine (2,5 ogni abitanti). Il numero di decessi per tumore è in graduale aumento in entrambi i sessi, aumento determinato dall incremento numerico della popolazione e dal suo graduale invecchiamento. Invece il tasso standardizzato diretto di mortalità per tumori è complessivamente in diminuzione (Tabella 19), anche se in misura minore rispetto alle malattie del sistema circolatorio: a causa di questo calo meno rapido il numero di decessi per tumore nei maschi del Veneto ha superato il numero di decessi per malattie circolatorie già da qualche anno. Per quanto riguarda la distribuzione all interno della regione della mortalità per tumori, si osservano livelli più elevati rispetto al dato regionale nei maschi delle Aziende ULSS 2 e 10 e nelle femmine delle Aziende ULSS 2 e 12; valori inferiori alla media regionale sono invece riscontrati nei maschi delle Aziende ULSS 5 e 20 e nelle femmine dell Azienda ULSS 15 (Tabella 20). Nel contesto nazionale la mortalità per tumori presenta un gradiente Nord-Sud: più elevata nelle regioni settentrionali, inferiore nelle regioni meridionali. Sia per i maschi che per le femmine residenti in Veneto si registrano valori di mortalità per tumore leggermente più alti rispetto alla media nazionale, tuttavia essi sono tra i più bassi rispetto ai valori delle altre regioni del Nord-Italia (Tabella 21). L andamento nel tempo della mortalità per tumore nelle femmine del Veneto è sovrapponibile a quanto riscontrabile a livello nazionale; nei maschi della regione Veneto, invece, si assiste a un calo più marcato rispetto al resto della nazione (Tabella 22). 13

18 Tumore del polmone Nel Veneto il tumore maligno del polmone è la prima causa di morte tumorale nei maschi (2073 decessi nel 2008; 0,9 decessi ogni abitanti) e la terza nelle femmine (681 decessi nel 2008; 0,3 decessi ogni abitanti). Nei maschi, il numero di decessi e il tasso standardizzato diretto di mortalità per tumore maligno del polmone sono in diminuzione; nelle femmine, il numero di decessi è in progressivo aumento, il tasso standardizzato diretto è sostanzialmente stazionario dal 1995 al 2008 (Tabella 23). Nella regione Veneto, valori più elevati rispetto alla media regionale sono presenti nei maschi residenti nelle Aziende ULSS 13, 15 e 21 e nelle femmine residenti nelle Aziende ULSS 12 e 16; valori inferiori rispetto al dato regionale sono invece presenti nei maschi delle Aziende ULSS 8 e 20 e nelle femmine dell Azienda ULSS 22 (Tabella 24). Nel confronto con altre regioni italiane, la mortalità per tumore maligno del polmone nel Veneto è lievemente superiore rispetto alla media nazionale in entrambi i sessi (Tabella 25). L andamento nel tempo mostra aspetti più favorevoli rispetto al dato nazionale: nei maschi si è verificato un calo più consistente; nelle femmine nel Veneto il dato è costante, mentre in Italia è in aumento (Tabella 26) Tumore del colon I tumori maligni di colon, retto e ano sono la seconda causa di morte neoplastica nella popolazione del Veneto in entrambi i sessi. Nel 2008 i decessi per questa causa sono stati 782 nei maschi (0,3 ogni abitanti) e 709 nelle femmine (0,3 ogni abitanti). Il numero assoluto di decessi per tumore maligno di colon, retto e ano è in graduale aumento. Invece il tasso standardizzato diretto di mortalità è in tendenziale calo nei maschi e sostanzialmente stazionario nelle femmine (Tabella 27). All interno della Regione, si registrano valori più elevati rispetto alla media regionale nei maschi residenti nell Azienda Ulss 15, mentre valori più bassi sono presentati dai maschi delle Aziende ULSS 7 e 8. Per quanto riguarda le femmine non vi sono grandi variazioni fra Aziende ULSS (Tabella 28). Tra i residenti nel Veneto, i tassi di mortalità per tumore maligno del colon per quanto riguarda i maschi sono lievemente superiori rispetto al dato medio nazionale, ma con un andamento temporale che mostra un calo più accentuato. Per quanto riguarda le femmine, il dato del Veneto è sovrapponibile o lievemente superiore rispetto a quello nazionale sia come ultimo dato disponibile, sia come andamento temporale (Tabelle 29 e 30). Tumore della mammella Il tumore maligno della mammella è il primo tumore causa di morte nelle femmine: nel 2008 tra le residenti nel Veneto si sono verificati 978 decessi (0,4 decessi ogni abitanti). Il numero assoluto di decessi per tumore della mammella femminile oscilla attorno a un valore sostanzialmente stabile negli ultimi anni; invece il tasso standardizzato di mortalità mostra la tendenza a un calo graduale e progressivo (Tabella 31). All interno della regione, valori superiori alla media regionale si sono verificati nelle femmine residenti nell Azienda ULSS 12, mentre nelle donne delle Aziende ULSS 14 e 17 si sono riscontrati valori più bassi rispetto al dato regionale (Tabella 32). 14

19 Rispetto al dato medio nazionale, il tasso standardizzato di mortalità per tumore maligno della mammella tra le residenti nel Veneto è simile, come pure l andamento nel tempo, in calo in uguale misura (Tabelle 33 e 34). Malattie dell apparato respiratorio Nella regione Veneto, le malattie respiratorie nell anno 2008 sono state la causa di decessi nei maschi (0,6 decessi ogni abitanti) e decessi nelle femmine (0,5 ogni abitanti). Il tasso standardizzato diretto di mortalità per malattie dell apparato respiratorio è in calo in entrambi i sessi in misura analoga (-15% circa dal 1995 al 2008) (Tabella 35). Rispetto alla media regionale, la mortalità per malattie dell apparato respiratorio risulta più elevata per i maschi tra i residenti nelle Aziende ULSS 2, 5 e 15 e per le femmine nelle Aziende 1, 15 e 16; valori inferiori alla media regionale risultano invece nei maschi dell Azienda ULSS 12 e nelle femmine delle Aziende ULSS 7, 9, 12, 17, 19 e 20 (Tabella 36). Nel confronto con le altre regioni italiane, nei maschi del Veneto si registrano tassi di mortalità per malattie dell apparato respiratorio tendenzialmente inferiori alla media nazionale, mentre nelle femmine il dato è molto simile (Tabelle 37 e 38). Incidenti stradali Gli incidenti stradali sono tra le principali cause di morte prematura nella popolazione del Veneto. Nel corso del 2008 gli incidenti stradali hanno causato 370 decessi nei maschi e 111 decessi nelle femmine. Dal 1995 al 2008 il numero di decessi e il tasso standardizzato diretto di mortalità per incidenti stradali si sono sostanzialmente dimezzati (Tabella 39). Valori elevati di mortalità per incidenti stradali si registrano principalmente nei maschi delle Aziende ULSS 2 e 14 e nelle femmine delle Aziende ULSS 17 e 18, mentre valori bassi in relazione al dato regionale si riscontrano nei maschi delle Aziende ULSS 7 e 20 e nelle femmine delle Aziende ULSS 10 e 20 (Tabella 40). Nel confronto con le altre regioni italiane tra i residenti nel Veneto la mortalità per incidente stradale è tra le più elevate, sia nei maschi che nelle femmine, sia nell ultimo anno disponibile (Tabella 41) che nell andamento temporale di più lungo periodo (Tabella 42). Suicidi Tra i residenti in Veneto, i decessi per suicidio sono stati 249 nei maschi e 79 nelle femmine. Nel tempo, il numero di decessi per suicidio nel Veneto è relativamente stazionario (Tabella 43). Il tasso grezzo di mortalità per suicidio è particolarmente elevato nei maschi dell Azienda ULSS 1 e, in misura minore, delle Aziende ULSS 8 e 10; nelle femmine i valori più elevati sono nelle Aziende ULSS 18 e 19. I valori più bassi si registrano nelle Aziende ULSS 13, 21 e 22 per i maschi e nelle Aziende 8, e 21 per le femmine (Tabella 44). Rispetto alle altre regioni italiane, la mortalità per suicidi in Veneto è sovrapponibile alla media nazionale o leggermente superiore in entrambi i sessi (Tabelle 45 e 46). 15

20 Tabella 1. Mortalità per tutte le cause. Numero di decessi, tasso standardizzato diretto (per residenti) e media mobile a 3 punti. Residenti in Veneto, periodo Popolazione standard: Veneto MASCHI FEMMINE Anno N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile ,9 (1.480, ,3) ,7 (824,8-848,6) ,5 (1.434, ,1) 1.451, ,2 (808,6-831,7) 818, ,5 (1.373, ,1) 1.417, ,5 (788,4-810,6) 803, ,1 (1.381, ,3) 1.403, ,2 (779,4-801,1) 796, ,9 (1.392, ,9) 1.382, ,4 (789,6-811,1) 786, ,2 (1.312, ,2) 1.337, ,1 (758,7-779,6) 766, ,4 (1.249, ,5) 1.293, ,8 (719,8-739,8) 738, ,3 (1.264, ,4) 1.268, ,8 (707,0-726,5) 725, ,8 (1.237, ,4) 1.240, ,8 (719,1-738,5) 705, ,4 (1.168, ,4) 1.207, ,6 (660,3-678,9) 693, ,0 (1.166, ,9) 1.162, ,4 (673,0-691,7) 664, ,6 (1.103, ,6) 1.138, ,7 (633,8-651,6) 660, ,7 (1.096, ,4) 1.116, ,4 (647,6-665,3) 651, ,7 (1.101, ,3) ,5 (645,7-663,2). 16

21 Tabella 2. Mortalità per tutte le cause. Tassi di mortalità specifici per classi di età. Residenti in Veneto, periodo Tassi per residenti. MASCHI FEMMINE Anno 0 anni 1-14 anni anni anni anni anni 75 anni + 0 anni 1-14 anni anni anni anni anni 75 anni ,2 20,5 97,2 165,8 766, , ,0 339,5 19,5 31,7 73,4 337,3 1302,6 7355, ,8 27,8 93,9 150,9 730, , ,2 513,4 18,1 30,4 65,9 332,2 1348,4 7174, ,3 24,9 86,9 131,9 686, , ,1 354,8 14,0 31,1 63,0 313,9 1286,2 7099, ,0 12,5 91,6 118,7 683, , ,8 383,3 21,2 27,9 57,8 316,0 1217,7 7057, ,4 17,8 96,3 126,3 683, , ,0 326,8 13,1 34,1 61,6 308,0 1249,8 7119, ,4 13,7 85,8 116,0 634, , ,0 269,0 10,4 28,2 60,9 304,0 1215,5 6823, ,7 11,5 86,9 125,1 616, , ,1 257,7 13,9 24,4 59,5 301,3 1153,1 6523, ,8 15,0 74,8 108,5 588, , ,7 267,1 14,1 28,1 54,3 303,7 1074,3 6507, ,4 15,4 76,5 103,4 586, , ,0 239,1 11,0 26,3 56,8 289,9 1043,7 6752, ,9 15,1 64,7 96,0 542, , ,0 247,5 12,2 23,9 49,0 267,0 1003,7 6114, ,6 16,2 60,1 92,2 527, , ,4 262,4 6,9 21,0 48,4 264,7 973,7 6358, ,3 12,1 58,5 91,3 502, , ,6 194,0 9,1 18,5 45,2 260,6 957,3 5988, ,1 13,8 66,7 81,9 470, , ,4 262,8 9,6 20,2 46,7 265,0 923,9 6220, ,6 13,2 49,1 87,9 489, , ,2 208,9 8,8 19,0 45,1 254,2 879,2 6317,4 17

22 Tabella 3. Mortalità per tutte le cause. Numero di decessi e tassi standardizzati diretti per sesso e Azienda ULSS di residenza. Residenti in Veneto, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Veneto MASCHI FEMMINE Azienda N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza 101-Belluno , ,6 (1.110, ,1) ,9 694,3 (658,7-729,9) 102-Feltre , ,5 (1.147, ,1) ,3 703,0 (658,2-747,8) 103-Bassano del Grappa , ,6 (1.037, ,6) ,6 640,0 (606,7-673,2) 104-Alto Vicentino , ,7 (1.133, ,5) ,3 710,5 (676,6-744,4) 105-Ovest Vicentino , ,8 (1.109, ,3) ,7 640,9 (606,8-675,0) 106-Vicenza , ,8 (1.073, ,8) ,8 632,9 (608,3-657,6) 107-Pieve di Soligo , ,3 (1.059, ,0) ,5 638,7 (610,4-667,0) 108-Asolo , ,8 (1.069, ,8) ,9 636,9 (608,1-665,8) 109-Treviso , ,4 (1.033, ,8) ,8 594,5 (573,5-615,5) 110-Veneto Orientale , ,4 (1.116, ,4) ,8 628,6 (599,1-658,1) 112-Veneziana , ,8 (1.028, ,4) ,8 703,5 (680,5-726,5) 113-Mirano , ,1 (1.083, ,8) ,3 665,1 (636,1-694,0) 114-Chioggia , ,5 (1.155, ,5) ,1 673,6 (633,4-713,7) 115-Alta Padovana , ,2 (1.070, ,8) ,1 622,4 (593,5-651,4) 116-Padova , ,9 (1.020, ,6) ,4 657,7 (636,8-678,5) 117-Este , ,3 (1.114, ,5) ,6 684,9 (653,0-716,9) 118-Rovigo , ,5 (1.104, ,1) ,0 728,3 (696,1-760,4) 119-Adria , ,7 (1.079, ,1) ,0 720,7 (671,0-770,3) 120-Verona , ,7 (996, ,0) ,3 619,3 (600,4-638,2) 121-Legnago , ,3 (1.102, ,8) ,3 689,7 (653,8-725,6) 122-Bussolengo , ,6 (1.057, ,7) ,2 649,5 (621,7-677,4) TOTALE , ,1 (1.103, ,2) ,9 655,4 (649,2-661,6) 18

23 Tabella 4. Mortalità per tutte le cause. Tassi standardizzati diretti per sesso e Regione di residenza, anno Tassi per residenti, popolazione standard Italia Regione Maschi Femmine Piemonte 113,9 70,6 Valle d'aosta 125,5 71,4 Lombardia 110,3 68,1 Trentino A.A. 105,3 63,8 Veneto 108,6 66,0 Friuli V.G. 108,7 68,2 Liguria 110,9 69,1 Emilia Romagna 104,9 67,3 Toscana 105,5 66,4 Umbria 105,1 65,5 Marche 101,5 62,0 Lazio 109,6 70,0 Abruzzo 106,8 67,0 Molise 106,8 65,5 Campania 123,2 81,5 Puglia 110,1 72,7 Basilicata 108,5 70,6 Calabria 109,2 72,0 Sicilia 115,8 79,1 Sardegna 107,6 66,9 ITALIA 110,1 69,8 Fonte: Health for all Istat giugno

24 Tabella 5. Mortalità per tutte le cause. Tassi standardizzati diretti per sesso e macroarea di residenza, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Italia Maschi Femmine Anno Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA ,5 163,2 148,4 150,5 152,6 156,3 91,6 96,0 93,7 104,5 109,0 98, ,6 160,5 150,3 153,6 154,0 156,3 90,0 93,4 93,8 104,4 106,5 96, ,5 153,0 142,6 149,5 146,9 149,4 87,0 89,2 90,9 102,3 104,2 93, ,2 152,8 142,3 145,7 148,4 148,6 85,7 88,9 89,0 100,3 104,5 92, ,8 149,9 140,8 146,4 145,3 146,7 84,4 87,5 87,8 98,6 103,7 91, ,5 147,1 136,7 142,2 142,1 143,3 81,8 85,7 85,0 94,6 97,8 88, ,4 141,3 133,6 139,1 137,9 138,8 78,7 82,3 82,5 92,7 95,6 85, ,2 138,6 131,0 138,6 138,2 136,9 78,9 81,6 82,5 91,4 93,6 84, ,8 138,3 130,7 138,7 136,8 136,6 77,8 81,4 81,3 91,2 94,1 84, ,1 134,5 126,7 131,3 132,0 131,9 75,9 79,4 78,9 86,8 90,1 81, ,5 128,8 123,5 130,6 130,6 128,3 73,6 76,5 77,7 86,9 86,8 79, ,6 126,4 121,4 126,2 125,4 125,2 70,9 74,8 74,9 81,7 84,7 77, ,8 124,8 119,3 124,4 125,3 123,6 70,5 74,3 74,3 80,9 83,2 76, ,1 128,1 123,4 127,6 127,6 126,9 73,1 78,1 78,8 84,0 86,9 80, ,9 117,5 113,9 118,6 117,6 117,0 68,0 70,2 71,4 76,0 77,5 72, ,2 121,0 118,3 124,3 122,4 121,3 70,7 73,7 74,7 81,2 81,7 76, ,9 112,0 109,0 114,2 114,1 112,1 65,4 68,7 68,0 73,6 75,3 70, ,6 109,5 106,4 113,7 113,3 110,1 66,0 68,0 67,0 74,5 75,6 69,9 Fonte: Health for all Istat giugno

25 Tabella 6. Mortalità tra i residenti nella regione Veneto. Numero di decessi e mortalità proporzionale (%) per sesso e causa di morte. Anno Maschi Femmine Totale N decessi % N decessi % N decessi % Tumori , , ,6 Tumore maligno di colon, retto e ano 782 3, , ,4 Tumore maligno del fegato 578 2, , ,9 Tumore maligno del pancreas 469 2, , ,1 Tumore maligno del polmone , , ,2 Tumore maligno della mammella ,3 - - Tumore maligno della prostata 504 2, Disturbi psichici 487 2, , ,6 Demenza 412 1, , ,3 Malattie del sistema nervoso 631 3, , ,6 Malattia di Alzheimer 215 1, , ,6 Malattie del sistema circolatorio , , ,6 Cardiopatia ischemica , , ,6 Malattie cerebrovascolari , , ,5 Malattie dell apparato respiratorio , , ,3 Malattie croniche delle basse vie resp 694 3, , ,8 Malattie dell apparato digerente 860 4, , ,8 Cirrosi epatica e altre epatopatie 443 2, , ,5 Traumatismi e avvelenamenti , , ,1 Accidenti da trasporto 370 1, , ,1 Suicidi 249 1,2 79 0, ,7 Tutte le cause

26 Tabella 7. Mortalità per malattie del sistema circolatorio. Numero di decessi, tasso standardizzato diretto (per residenti) e media mobile a 3 punti. Residenti in Veneto, periodo Popolazione standard: Veneto MASCHI FEMMINE Anno N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile ,3 (569,9-598,8) ,2 (366,3-382,1) ,8 (555,8-583,8) 564, ,9 (354,4-369,4) 363, ,5 (525,4-551,7) 550, ,3 (348,0-362,5) 355, ,1 (531,2-557,0) 542, ,1 (342,1-356,1) 348, ,8 (531,0-556,6) 527, ,2 (335,3-349,0) 340, ,3 (482,4-506,3) 503, ,8 (324,2-337,5) 326, ,0 (459,7-482,3) 482, ,2 (298,9-311,4) 311, ,1 (470,7-493,4) 473, ,0 (291,0-303,0) 301, ,2 (455,2-477,2) 459, ,5 (295,5-307,5) 290, ,0 (418,5-439,5) 441, ,7 (266,0-277,4) 283, ,7 (418,3-439,1) 417, ,8 (270,1-281,5) 267, ,6 (384,8-404,3) 403, ,5 (250,2-260,9) 260, ,5 (384,9-404,2) 398, ,5 (249,2-259,8) 256, ,9 (387,3-406,5) ,3 (249,1-259,5). 22

27 Tabella 8. Mortalità per malattie del sistema circolatorio. Numero di decessi e tassi standardizzati diretti per sesso e Azienda ULSS di residenza. Residenti in Veneto, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Veneto MASCHI FEMMINE Azienda N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza 101-Belluno ,6 373,7 (336,4-411,0) ,7 241,9 (222,3-261,6) 102-Feltre ,7 388,9 (340,5-437,3) ,0 257,2 (231,8-282,5) 103-Bassano del Grappa ,8 409,2 (371,4-447,0) ,5 247,7 (227,7-267,7) 104-Alto Vicentino ,3 463,8 (424,1-503,5) ,7 277,6 (256,9-298,3) 105-Ovest Vicentino ,8 425,0 (383,5-466,5) ,3 227,5 (207,7-247,4) 106-Vicenza ,7 390,6 (363,0-418,1) ,5 248,2 (233,3-263,1) 107-Pieve di Soligo ,8 414,3 (383,2-445,3) ,4 268,2 (250,9-285,5) 108-Asolo ,5 413,6 (379,3-448,0) ,4 246,9 (229,6-264,1) 109-Treviso ,4 379,9 (356,2-403,5) ,0 220,0 (207,8-232,2) 110-Veneto Orientale ,0 405,0 (371,1-438,9) ,6 237,9 (220,4-255,5) 112-Veneziana ,1 374,7 (351,8-397,5) ,9 276,1 (262,6-289,7) 113-Mirano ,2 397,0 (364,9-429,1) ,3 252,6 (235,1-270,1) 114-Chioggia ,5 446,2 (400,0-492,4) ,7 242,5 (218,9-266,1) 115-Alta Padovana ,6 388,0 (355,4-420,5) ,1 240,9 (223,4-258,3) 116-Padova ,1 353,8 (332,7-374,9) ,6 240,5 (228,4-252,7) 117-Este ,0 416,4 (381,9-450,9) ,5 294,1 (274,1-314,2) 118-Rovigo ,8 436,8 (402,6-471,0) ,2 305,1 (285,4-324,8) 119-Adria ,7 427,8 (375,5-480,1) ,4 326,6 (294,4-358,7) 120-Verona ,4 363,3 (342,9-383,7) ,6 237,1 (225,9-248,3) 121-Legnago ,0 398,4 (361,0-435,8) ,3 269,7 (248,3-291,2) 122-Bussolengo ,9 423,0 (391,6-454,4) ,9 271,4 (253,9-288,9) TOTALE ,9 395,7 (388,9-402,5) ,3 254,2 (250,5-258,0) 23

28 Tabella 9. Mortalità per malattie del sistema circolatorio. Tassi standardizzati diretti per sesso e Regione di residenza, anno Tassi per residenti, popolazione standard Italia Regione Maschi Femmine Piemonte 40,8 28,4 Valle d'aosta 40,4 26,7 Lombardia 37,2 26,0 Trentino A.A. 37,2 26,2 Veneto 38,6 26,1 Friuli V.G. 36,9 25,7 Liguria 37,3 26,8 Emilia Romagna 36,9 26,1 Toscana 37,5 27,0 Umbria 38,5 28,0 Marche 37,4 26,7 Lazio 40,7 29,2 Abruzzo 39,3 29,0 Molise 41,5 30,1 Campania 47,5 37,9 Puglia 39,3 30,5 Basilicata 40,4 31,5 Calabria 42,8 34,4 Sicilia 45,3 35,8 Sardegna 36,0 26,2 ITALIA 39,8 28,9 Fonte: Health for all Istat giugno

29 Tabella 10. Mortalità per malattie del sistema circolatorio. Tassi standardizzati diretti per sesso e macroarea di residenza, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Italia Maschi Femmine Anno Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA ,7 66,2 62,9 66,3 67,9 65,7 43,1 45,3 45,2 55,4 55,1 48, ,8 65,6 64,3 69,3 68,9 66,5 42,1 43,9 45,2 55,6 55,1 47, ,2 61,8 60,3 66,7 65,1 62,9 40,9 41,5 43,9 54,6 53,4 45, ,8 61,6 60,7 64,5 66,2 62,6 39,5 41,6 42,8 53,6 53,3 45, ,0 59,9 59,7 64,1 63,7 61,2 39,2 40,5 42,7 52,0 53,2 44, ,7 58,9 58,0 62,0 62,4 59,8 37,6 39,3 41,1 49,3 50,7 42, ,6 55,9 56,5 60,0 59,6 57,3 35,5 36,9 38,8 47,9 48,1 40, ,3 54,7 54,5 59,2 59,5 56,1 35,6 36,9 39,0 46,8 47,0 40, ,7 55,2 55,6 59,4 59,5 56,6 35,3 37,2 39,0 46,8 47,9 40, ,3 52,8 52,1 55,8 56,5 53,7 33,2 35,4 37,3 43,9 45,2 38, ,4 49,6 50,7 54,9 55,4 51,6 32,4 33,5 35,7 43,5 42,8 36, ,3 47,9 48,7 52,6 53,1 49,6 30,1 32,1 34,2 39,8 40,9 34, ,8 47,4 48,7 51,7 53,0 49,2 30,2 31,9 33,7 39,7 39,6 34, ,4 47,7 48,1 51,2 51,1 48,9 30,9 32,5 35,1 39,9 40,6 35, ,0 39,5 40,4 42,9 44,3 40,9 26,5 27,4 28,7 33,5 32,7 29, ,6 38,0 38,9 42,9 43,0 39,8 26,1 26,5 28,0 33,6 33,5 28,9 Fonte: Health for all Istat giugno

30 Tabella 11. Mortalità per malattie ischemiche del cuore. Numero di decessi, tasso standardizzato diretto (per residenti) e media mobile a 3 punti. Residenti in Veneto, periodo Popolazione standard: Veneto MASCHI FEMMINE Anno N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile ,7 (213,0-230,4) ,5 (104,2-112,8) ,7 (207,2-224,1) 211, ,1 (98,0-106,1) 103, ,6 (187,9-203,3) 202, ,1 (95,2-102,9) 98, ,6 (187,1-202,1) 196, ,1 (90,4-97,8) 96, ,8 (192,2-207,4) 191, ,7 (92,0-99,4) 94, ,3 (173,3-187,4) 185, ,4 (90,8-98,0) 92, ,2 (168,4-182,1) 179, ,6 (85,2-92,0) 91, ,6 (175,7-189,5) 180, ,4 (89,0-95,8) 91, ,6 (175,8-189,4) 178, ,5 (91,1-97,9) 91, ,8 (164,2-177,4) 174, ,8 (83,5-90,0) 90, ,2 (162,6-175,7) 166, ,5 (87,2-93,8) 87, ,8 (152,7-165,0) 165, ,3 (83,1-89,5) 89, ,0 (162,7-175,3) 164, ,5 (87,3-93,6) 89, ,8 (160,6-173,0) ,0 (87,9-94,1). 26

31 Tabella 12. Mortalità per malattie ischemiche del cuore. Numero di decessi e tassi standardizzati diretti per sesso e Azienda ULSS di residenza. Residenti in Veneto, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Veneto MASCHI FEMMINE Azienda N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza 101-Belluno ,1 157,4 (133,3-181,6) ,1 93,2 (81,0-105,4) 102-Feltre ,9 177,5 (145,1-210,0) ,1 83,0 (69,0-97,0) 103-Bassano del Grappa ,0 179,4 (154,5-204,3) ,5 88,1 (76,1-100,0) 104-Alto Vicentino ,8 198,0 (172,0-223,9) ,0 93,4 (81,4-105,4) 105-Ovest Vicentino ,8 148,2 (125,2-171,2) ,6 68,6 (57,6-79,5) 106-Vicenza ,6 173,6 (155,3-192,0) ,4 95,0 (85,8-104,1) 107-Pieve di Soligo ,9 160,0 (141,0-179,0) ,9 88,3 (78,4-98,3) 108-Asolo ,4 171,2 (149,4-193,1) ,2 97,3 (86,6-108,1) 109-Treviso ,0 163,3 (147,9-178,8) ,7 79,6 (72,3-86,9) 110-Veneto Orientale ,9 154,4 (133,6-175,2) ,7 68,9 (59,5-78,3) 112-Veneziana ,6 167,3 (152,0-182,5) ,9 109,1 (100,7-117,6) 113-Mirano ,2 169,1 (148,2-190,0) ,7 93,2 (82,5-103,9) 114-Chioggia ,8 205,7 (175,0-236,3) ,8 88,5 (74,2-102,8) 115-Alta Padovana ,2 150,5 (130,6-170,4) ,3 78,6 (68,6-88,6) 116-Padova ,7 152,3 (138,6-166,0) ,1 83,1 (76,0-90,2) 117-Este ,6 187,1 (164,5-209,7) ,5 106,7 (94,6-118,9) 118-Rovigo ,7 198,2 (175,4-220,9) ,6 119,5 (107,2-131,7) 119-Adria ,8 210,9 (174,1-247,8) ,9 120,4 (100,9-139,9) 120-Verona ,2 152,6 (139,4-165,8) ,2 89,0 (82,2-95,8) 121-Legnago ,1 183,3 (158,3-208,4) ,2 95,6 (82,9-108,3) 122-Bussolengo ,5 153,2 (134,4-172,0) ,2 76,2 (67,0-85,3) TOTALE ,4 167,9 (163,5-172,3) ,5 90,7 (88,4-92,9) 27

32 Tabella 13. Mortalità per malattie ischemiche del cuore. Tassi standardizzati diretti per sesso e Regione di residenza, anno Tassi per residenti, popolazione standard Italia Regione Maschi Femmine Piemonte 13,2 6,4 Valle d'aosta 15,0 6,6 Lombardia 15,3 8,4 Trentino A.A. 16,4 8,6 Veneto 16,1 8,6 Friuli V.G. 15,9 9,5 Liguria 12,8 7,0 Emilia Romagna 15,6 8,7 Toscana 13,8 7,7 Umbria 16,5 10,0 Marche 15,1 8,7 Lazio 16,8 10,1 Abruzzo 14,9 8,3 Molise 16,3 8,3 Campania 17,4 11,2 Puglia 13,7 8,7 Basilicata 14,1 8,0 Calabria 12,6 7,9 Sicilia 14,7 8,2 Sardegna 12,4 6,9 ITALIA 15,0 8,6 Fonte: Health for all Istat giugno

33 Tabella 14. Mortalità per malattie ischemiche del cuore. Tassi standardizzati diretti per sesso e macroarea di residenza, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Italia Maschi Femmine Anno Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA Veneto Nord Centro Sud Isole ITALIA ,6 23,5 22,4 19,3 19,3 21,9 12,3 12,0 11,9 11,5 10,3 11, ,4 23,4 22,8 20,4 20,1 22,3 12,0 11,7 12,1 11,4 11,0 11, ,9 22,6 21,5 19,1 18,5 21,1 12,4 11,3 11,5 11,0 10,4 11, ,1 22,4 21,7 19,1 19,0 21,2 11,3 11,4 11,6 11,1 10,1 11, ,3 21,6 21,7 19,5 18,5 20,8 11,7 11,0 11,9 11,0 10,2 11, ,0 21,9 21,4 19,0 18,8 20,8 11,3 11,0 11,6 11,3 10,5 11, ,7 21,1 21,0 18,5 17,9 20,2 10,6 10,5 11,2 11,0 10,3 10, ,8 20,4 20,2 18,4 18,0 19,7 10,7 10,4 11,2 10,7 9,9 10, ,3 20,5 20,7 18,4 17,7 19,8 10,4 10,6 11,3 10,8 9,9 10, ,1 19,2 19,2 17,6 17,4 18,7 9,9 10,1 10,9 10,3 9,5 10, ,2 18,1 18,6 17,0 16,2 17,8 9,6 9,4 10,3 10,3 9,0 9, ,6 17,7 17,7 16,7 16,1 17,3 9,0 9,1 9,9 9,4 8,7 9, ,5 17,8 18,7 16,8 16,4 17,6 9,5 9,2 10,2 9,8 8,8 9, ,1 18,7 19,3 18,4 16,2 18,5 10,5 10,2 11,6 10,9 9,5 10, ,7 15,6 16,3 15,4 14,7 15,6 8,9 8,5 9,2 9,3 7,7 8, ,1 15,0 15,5 15,1 14,1 15,0 8,6 8,1 9,0 9,4 7,9 8,6 Fonte: Health for all Istat giugno

34 Tabella 15. Mortalità per malattie cerebrovascolari: numero di decessi, tasso standardizzato diretto (per residenti) e media mobile a 3 punti. Residenti in Veneto, periodo Popolazione standard: Veneto MASCHI FEMMINE Anno N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile N Tasso standardizzato Intervallo di confidenza Media mobile ,2 (131,9-146,4) ,0 (100,7-109,3) ,9 (128,8-143,0) 133, ,0 (99,8-108,1) 102, ,6 (120,0-133,2) 129, ,2 (94,3-102,1) 98, ,7 (120,3-133,1) 124, ,3 (90,6-98,1) 94, ,3 (115,0-127,5) 121, ,5 (87,8-95,1) 91, ,0 (110,0-122,0) 113, ,3 (84,7-91,8) 86, ,3 (96,8-107,8) 108, ,9 (77,6-84,3) 82, ,6 (100,1-111,1) 103, ,2 (75,0-81,4) 79, ,2 (97,8-108,6) 101, ,9 (75,7-82,0) 75, ,5 (90,3-100,7) 97, ,5 (67,5-73,5) 72, ,6 (89,5-99,6) 92, ,2 (65,2-71,1) 67, ,8 (81,1-90,6) 90, ,9 (61,2-66,7) 66, ,2 (82,6-91,8) 84, ,6 (62,0-67,3) 62, ,3 (78,9-87,7) ,6 (59,0-64,2). 30

35 Tabella 16. Mortalità per malattie cerebrovascolari. Numero di decessi e tassi standardizzati diretti per sesso e Azienda ULSS di residenza. Residenti in Veneto, periodo Tassi per residenti, popolazione standard Veneto MASCHI FEMMINE Azienda N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza N Tasso osservato Tasso standardizzato Intervallo di confidenza 101-Belluno 77 62,4 72,3 (55,7-88,9) ,2 51,5 (42,2-60,8) 102-Feltre 51 62,7 77,3 (55,3-99,2) ,1 60,9 (48,5-73,3) 103-Bassano del Grappa 92 53,2 76,9 (60,6-93,3) ,8 52,1 (43,0-61,3) 104-Alto Vicentino ,3 94,6 (76,5-112,6) ,6 66,9 (56,8-77,0) 105-Ovest Vicentino ,7 96,2 (75,9-116,5) ,6 51,5 (42,1-60,9) 106-Vicenza ,8 82,6 (69,5-95,7) ,9 56,8 (49,6-64,0) 107-Pieve di Soligo ,0 87,6 (73,2-102,0) ,6 72,2 (63,2-81,2) 108-Asolo ,9 96,7 (80,0-113,3) ,4 53,6 (45,5-61,8) 109-Treviso ,7 96,2 (84,1-108,2) ,7 56,7 (50,5-63,0) 110-Veneto Orientale ,3 86,2 (70,5-101,9) ,7 61,5 (52,5-70,5) 112-Veneziana ,4 87,1 (76,0-98,1) ,7 77,1 (69,9-84,3) 113-Mirano ,0 81,8 (67,6-96,0) ,1 58,2 (49,8-66,6) 114-Chioggia 81 61,7 91,1 (70,1-112,0) ,5 60,6 (48,8-72,4) 115-Alta Padovana ,9 93,2 (77,3-109,2) ,0 67,0 (57,8-76,2) 116-Padova ,7 77,8 (67,8-87,8) ,3 61,7 (55,6-67,9) 117-Este ,9 89,4 (73,4-105,4) ,1 84,5 (73,7-95,3) 118-Rovigo ,1 95,8 (79,6-112,1) ,0 88,5 (77,7-99,3) 119-Adria 53 72,4 79,4 (57,2-101,5) ,8 89,8 (72,9-106,8) 120-Verona ,4 73,7 (64,6-82,9) ,6 49,5 (44,4-54,6) 121-Legnago 92 61,9 79,1 (62,3-95,9) ,2 60,9 (50,6-71,2) 122-Bussolengo ,3 82,8 (68,4-97,2) ,1 67,7 (58,9-76,5) TOTALE ,3 85,2 (82,0-88,4) ,0 63,0 (61,2-64,9) 31

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito

Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Capitolo 8 La mortalità per diabete mellito Introduzione el 27 il diabete mellito ha causato 1.92 decessi (2,5% del totale) (tabella 8.1). Complessivamente il diabete causa il decesso in età avanzata:

Dettagli

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007.

Tabella 7.1. Mortalità per demenze e morbo di Alzheimer: indicatori di sintesi per sesso (tassi per 100.000). Veneto, anni 2000 e 2007. Capitolo 7 La mortalità per demenze e morbo di Alzheimer Introduzione Il morbo di Alzheimer e le altre forme di demenza sono patologie caratterizzate da manifestazioni cliniche molto simili fra loro, spesso

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Introduzione Gli incidenti stradali costituiscono un problema prioritario di sanità pubblica per la loro numerosità e per le conseguenze in termini di mortalità,

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Le previsioni demografiche ISTAT

Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche ISTAT Le previsioni demografiche riportate nel capitolo 1 sono elaborate dall ISTAT sulla base di diversi scenari di dinamica demografica. Sono di seguito esplicitate le ipotesi

Dettagli

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio

Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Capitolo 3 La mortalità per malattie del sistema circolatorio Introduzione Le malattie del sistema circolatorio sono le principali cause di morte nei paesi occidentali come l Italia: quasi il 4% dei decessi

Dettagli

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti

Parte II. Introduzione. A cura di Sara Barsanti Parte II LA VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE A cura di Sara Barsanti Introduzione I problemi di salute sono rappresentati dai rischi e dai danni, individuali e collettivi, che la popolazione

Dettagli

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio

Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Capitolo 5 La mortalità per malattie dell apparato respiratorio Le malattie dell apparato respiratorio sono il terzo settore nosologico come frequenza di causa di morte, dopo le malattie del sistema circolatorio

Dettagli

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte

La mortalità. La mortalità generale e le principali cause di morte La mortalità La mortalità generale e le principali cause di morte Nel 211 sono decedute 4.543 persone residenti in provincia di Trento (di cui 2.42, pari al 53%), con un tasso di mortalità dell 8,5, uno

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario

Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario Dalla indagine demografica alla definizione del bisogno socio-sanitario L analisi del contesto demografico è l introduzione ideale alla sezione della salute. Il bisogno del cittadino residente sul territorio

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici

L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Roma, 1 aprile 2008 L ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici Con questa pubblicazione l'istat, in collaborazione con il Ministero della salute, intende descrivere il fenomeno dell ospedalizzazione

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE

RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE RAPPORTO ANNUALE SUI CASI INCIDENTI DI DIABETE MELLITO TIPO I INFANTILE-GIOVANILE Dati Ridi (0-29 anni) Anno 2013 Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento giugno 2014 A cura di Silvano Piffer

Dettagli

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare

Ipertensione arteriosa. Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni prevenibili. Apparato cardiovascolare Apparato cardiovascolare Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno La Qualità del Sistema Socio Sanitario Regionale del Veneto: aspetti professionali Patologie cardiovascolari e neoplastiche Ospedalizzazioni

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione

Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Rapporto Osservasalute 2014 Atlante della salute nelle Regioni italiane La migliore performance Regione per Regione Piemonte: la Regione in cui le donne muoiono meno per malattie cardiache Ma è tra le

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015)

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015. (novembre 2015) L integrazione scolastica degli alunni con disabilità a.s.2014/2015 (novembre 2015) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 17 settembre 2015. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DELLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE NEI COMUNI DI CIVITAVECCHIA, ALLUMIERE, TARQUINIA, TOLFA E SANTA MARINELLA Febbraio, 2012 Dipartimento di Epidemiologia del

Dettagli

LA MORTALITÀ PER CAUSA NELLE AZIENDE ULSS DEL VENETO,

LA MORTALITÀ PER CAUSA NELLE AZIENDE ULSS DEL VENETO, LA MORTALITÀ PER CAUSA ELLE AZIEDE ULSS DEL VEETO, PERIODO 2007-2009 A cura del Sistema Epidemiologico Regionale-SER Direzione Controlli e Governo SSR LA MORTALITA PER CAUSA ELLE AZIEDE ULSS DEL VEETO,

Dettagli

Flussi di cittadini in Italia

Flussi di cittadini in Italia Flussi di cittadini in Italia Il fenomeno dell immigrazione in Italia secondo gli ultimi dati del Ministero del lavoro riguarda più di 4 milioni di stranieri con un incidenza sulla popolazione

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1.

STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. Paragrafo 1. STATO DELL AMBIENTE E ASPETTI SANITARI CORRELATI NELLA PROVINCIA DI BERGAMO CAPITOLO 1 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Paragrafo 1.2 ASPETTI SANITARI Novembre 2003 1.2.1 DEMOGRAFIA Il contesto demografico Il

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori di outcome

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta

SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto. La cataratta Ostuni, 26/08/2005 SISAV Sistema di indicatori per la salute dell anziano nel Veneto La cataratta Paolo Spolaore Indicatori SISAV proposti per la cataratta e ricavabili dalle SDO Proporzione di soggetti

Dettagli

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento

Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento 12 febbraio 2007 Il matrimonio in Italia: un istituzione in mutamento Anni 2004-2005 All indirizzo web demo.istat.it l Istat rende disponibili i principali risultati delle rilevazioni sui Matrimoni celebrati

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana

Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Indagine sul livello di conoscenza delle droghe da parte della popolazione italiana Roma, marzo 2007 Codice Ricerca: 2007-033bf www.formatresearch.com PREMESSA E NOTA METODOLOGICA Soggetto che ha realizzato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE

LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE LA DONAZIONE DEL SANGUE ALLA LUCE DELLA EVOLUZIONE DEMOGRAFICA DEL PAESE Roma, gennaio 2012 INDICE Prima parte 1 Donazione del sangue e quadro demografico 1 1. Un Paese che invecchia 2 2. Il quadro demografico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO

Ferrara. Bologna. Imola GALLIERA PIEVE DI CENTO SAN PIETRO IN CASALE MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO PIEVE DI CENTO GALLIERA SAN PIETRO IN CASALE Ferrara MALALBERGO CASTELLO D ARGILE SAN GIORGIO DI PIANO BARICELLA ARGELATO BENTIVOGLIO MINERBIO MOLINELLA CASTEL MAGGIORE GRANAROLO BUDRIO Bologna CASTENASO

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici

La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici La sanità in Italia: aspetti evolutivi, demografici ed epidemiologici Walter Ricciardi Direttore Istituto di Igiene UCSC e Osservatorio Nazionale sulla salute nelle Regioni Italiane Il diagramma di Ishikawa

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005

Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 9 dicembre 2008 Il ricorso alle cure odontoiatriche e la salute dei denti in Italia Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat raccoglie informazioni

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015

INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 1970-2015 INCIDENZA E PREVALENZA PER IL TUMORE AL POLMONE IN ITALIA: STIME E PROIEZIONI PER IL PERIODO 197-15 Giulia Zigon, Roberta Ciampichini, Gemma Gatta, Enrico Grande, Silvia Francisci, Roberta De Angelis,

Dettagli

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché

Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché 4SANITÀ E SALUTE Nel triennio 2009-2011 risulta pressoché stabile il numero di medici di base e di pediatri. I primi assistono in media 1.143 pazienti, i secondi 870. Ancora in calo i posti letto ospedalieri

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino

Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino LA PROMOZIONE DELLA SALUTE IN TRENTINO numeri, attività, prospettive Quanta mortalità è evitabile e con quale tipo di intervento? I risultati dell analisi del registro di mortalità del Trentino Laura Battisti

Dettagli

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%)

ULTRA SESSANTACINQUENNI (%) SUD/ISOLE CENTRO NORD ITA LIA SARDEGNA SICILIA CALABRIA BASILICATA PUGLIA CAMPANIA MOLISE A BRUZZO LAZIO MARCHE UMBRIA TOSCANA EMILIA ROM LIGURIA FRIULI VG VENETO TRENTINO AA LOMBARDIA V AOSTA PIEMONTE

Dettagli

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione

I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione I centri antitumore dell'oncoguida suddivi per tipo di tumore e per Regione REGIONE TUMORE ENTI CON PALLINI VERDI* ENTI SENZA PALLINO TOTALE ENTI % VERDI Abruzzo Colon - retto 2 28 30 6,67 Abruzzo Connettivo

Dettagli

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015

La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 22 dicembre #economia Rassegna stampa TG3 RAI FVG 20dic2015 Messaggero Veneto 20dic2015 Il Piccolo 20dic2015 Gazzettino 20dic2015 La grande distribuzione organizzata in FVG 2005-2015 Nell ultimo decennio

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative:

L Immigrato. Aspetti demografici. Fonti informative: L Immigrato La complessità dei problemi sociali degli immigrati, le caratteristiche, organizzative dei servizi sanitari e la mancanza di strumenti di rilevazione sistematici ad hoc hanno reso difficoltoso

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960.

LE SCUOLE DELL INFANZIA: UNA TRADIZIONE VENETA. Paritarie Non paritarie (2) ALUNNI 1.655.386 100% Statali regionali (1) 960. FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via G. Medici 9/d 35138 PADOVA Tel. 049.8711300 Fax 049.8710833 www.fismveneto.it segreteria@fismveneto.it

Dettagli

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI

Gli anziani 4.2 GLI ANZIANI 4.2 GLI ANZIANI L analisi proposta in questa sezione nasce dall intento di fornire alcuni elementi di caratterizzazione relativi ad un gruppo particolare di utenza che, visto l incremento numerico progressivo

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli