LEZIONE IX SINTESI PROTEICA. Dott. Paolo Cascio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEZIONE IX SINTESI PROTEICA. Dott. Paolo Cascio"

Transcript

1 LEZIONE IX SINTESI PROTEICA Dott. Paolo Cascio

2 L ESTREMITA 3 DEL trna SI LEA AD UN DETERMINATO AMINOACIDO CON UN LEAME COVALENTE AD ALTA ENERIA. IL PRODOTTO DI QUESTA REAZIONE E UNA MOLECOLA DI AMINOACILtRNA. LE MOLECOLE DI AMINOACIL-tRNA SONO SPESSO DETTE MOLECOLE DI trna CARICHE. IL TIPO SPECIFICO DI trna AMINOACILATO VIENE INDICATO CON UN PREFISSO: AD ESEMPIO ALANIL-tRNAALA. LI ENZIMI CHE CATALIZZANO L ATTACCO DELI AMINOACIDI ALLE SPECIE CORRISPONDENTI DI trna SONO DETTI AMINOACIL-tRNA- SINTETASI. POICHE ESISTONO 20 DIVERSI AMINOACIDI, IN CIASCUNA CELLULA SONO PRESENTI 20 DIVERSE AMINOACIL-tRNA-SINTETASI (NON DI PIU, NONOSTANTE CHE IL CODICE ENETICO SIA DEENERATO, PERCHE UNA SINTETASI E CAPACE DI RICONOSCERE LE DIVERSE MOLECOLE DI trna CHE SI LEANO ALLO STESSO AMINOACIDO trna isoaccettori ).

3 1 - UNO STESSO TRNA PUÒ RICONOSCERE PIÙ CODONI DIVERSI (CHE CODIFICANO PERÒ PER LO STESSO AMINOACIDO) ES: mrna trna ALA C I C U C C C A Codoni per l alanina

4 2 TRNA DIVERSI (CHE PORTANO PERÒ LO STESSO TIPO DI AMINOACIDO E CHE VENONO QUINDI RICONOSCIUTI DA UNA STESSA AMMINOACIL-TRNA SINTETASI) POSSONO LEARSI AD UN UNICO CODONE ES: trna HIS U I mrna trna HIS U A C A U Codone per l istidina trna HIS U N.B. LA COPPIA DI BASI -U È COMPATIBILE QUASI QUANTO LA COPPIA STANDARD -C

5 LE VARIE AMINOACIL-tRNA-SINTETASI PUR CATALIZZANDO TUTTE LO STESSO TIPO DI REAZIONE DIFFERISCONO NOTEVOLMENTE NELLA CONPOSIZIONE IN SUBUNITA E NEL PESO MOLECOLARE: ALCUNE SONO MONOMERI, ALTRE SONO ROSSI COMPLESSI MULTIMERICI FORMATI DA UN SOLO TIPO DI MONOMERO O DA PIU MONOMERI DIVERSI. LA REAZIONE COMPLESSIVA CATALIZZATA DA UNA AMINOACIL-tRNA- SINTETASI E : AMINOACIL- trna-sintetasi AMINOACIDO+tRNA+ATP AMINOACIL-tRNA+AMP+PP L AMINOACIDO VIENE LEATO AL trna TRAMITE UN LEAME ESTERE TRA IL PROPRIO RUPPO CARBOSSILICO E IL RUPPO OSSIDRILICO IN 2 O 3 DEL RIBOSIO CHE SI TROVA ALL ESTREMITA 3 DELLA MOLECOLA DI trna. QUESTA REAZIONE AVVIENE IN DUE FASI BEN SEPARATE. NELLA PRIMA FASE IL RUPPO CARBOSSILICO DELL AMINO-ACIDO SI ATTACCA AL FOSFORO IN α DELL ATP LIBERANDO UN PIROFOSFATO. IL PRODOTTO DI QUESTA REAZIONE E UN AMINOACILADENILATO CHE E

6 UNA MOLECOLA AD ALTA ENERIA (PER QUESTO MOTIVO SI DICE CHE SI ATTIVA L AMINOACIDO). L ENERIA NECESSARIA PER LA FORMAZIONE DELL AMINOACILADENILATO E FORNITA DALL IDROLISI DEL PIROFOSFATO. NELLA SECONDA FASE IL RUPPO AMINOACILICO DELL AMINOACIL- ADENILATO VIENE TRASFERITO AL RUPPO OSSIDRILICO 2 O 3 DEL RIBOSIO PRESENTE ALL ESTREMITA 3 DEL trna (QUALE DEI DUE OSSIDRILI VIENE UTILIZZATO DIPENDE DAL TIPO DI ENZIMA). UNA VOLTA CHE IL RESIDUO AMINOACILICO SI E LEATO AL RIBOSIO TERMINALE DEL trna ESSO SI SPOSTA SPONTANEAMENTE TRA LE POSIZIONI 2 E 3. DURANTE LA SINTESI PROTEICA, PERO, LI AMINOACIDI DEVONO TROVARSI NELLA POSIZIONE 3 PER POTER ESSERE TRASFERITI SULLA CATENA POLIPEPTIDICA IN ALLUNAMENTO. NELLA TRADUZIONE DEL MESSAIO ENETICO, IL RICONOSCIMENTO DI UN AMINOACIDO SPECIFICO E DI UNA MOLECOLA SPECIFICA DI trna DA PARTE DELL AMINOACIL-tRNA-SINTETASI E UNA FASE CRITICA. SE

7 QUESTO PROCESSO NON SI SVOLESSE IN MANIERA ACCURATA NELLA PROTEINA VERREBBERO INCORPORATI AMINOACIDI ERRATI. PER QUESTO MOTIVO LE AMINOACIL-tRNA-SINTETASI ATTACCANO LI AMINOACIDI ALLE CORRISPONDENTI MOLECOLE DI trna CON UNA NOTEVOLE SPECIFICITA. ONI AMINOACIL-tRNA-SINTETASI SELEZIONA IL PROPRIO SUBSTRATO AMINOACIDICO IN BASE ALLE DIMENSIONI E ALLA CARICA. SULLA SUPERFICIE DI ONI AMINOACIL-tRNA-SINTETASI E PRESENTE UNA TASCA DI LEAME CHE ACCOLIE IN MANIERA SPECIFICA UN SOLO TIPO DI AMINOACIDO. UNA PRIMA SELEZIONE VIENE OPERATA SULLA BASE DELLE DIMENSIONI DELI AMINOACIDI: AMINOACIDI TROPPO ROSSI RISPETTO ALLA TASCA NON POSSONO ESSERE ACCOLTI E VENONO COSI ESCLUSI PER MOTIVI STERICI. ANCHE AMINOACIDI TROPPO PICCOLI POSSONO PERO ESSERE SFAVORITI NELL INTERAIRE CON LA TASCA, PERCHE POSSONO STABILIRE MENO LEAMI DI VAN DER WAALS RISPETTO AD UN AMINOACIDO AVENTE LE IUSTE DIMENSIONI. AD ESEMPIO L ISOLEUCIL-tRNA-SINTETASI E 100 VOLTE PIU AFFINE PER L ISOLEUCINA CHE PER LA PIU PICCOLA VALINA.

8 LI AMINOACIDI VENONO POI SELEZIONATI IN BASE ALLA LORO CARICA E IDROFOBICITA. AD ESEMPIO LA TIROSIL trna-sintetasi LEA LA TIROSINA E NON LA FENILALANINA PERCHE LA TIROSINA HA UN OSSIDRILE CON IL QUALE L ENZIMA PUO FORMARE DEI PONTI H. LE AMINOACIL-tRNA-SINTETASI RICONOSCONO IN MANIERA ALTAMENTE SPECIFICA NON SOLO I DIVERSI AMINOACIDI, MA ANCHE LE DIVERSE MOLECOLE DI trna. QUESTO RICONOSCIMENTO E MEDIATO DALLA FORMAZIONE DI LEAMI SPECIFICI TRA L AMINOACIL-tRNA-SINTETASI E L ANSA DELL ANTICODONE DEL trna. ALTRE BASI IMPORTANTI PER IL RICONOSCIMENTO SI TROVANO SULLO STELO ACCETTORE. SINTESI PROTEICA NEI PROCARIOTI LA SINTESI PROTEICA PUO ESSERE DISTINTA IN TRE FASI: INIZIO, ALLUNAMENTO DELLA CATENA E FINE. L INIZIO COINCIDE CON LA DISSOCIAZIONE DEL RIBOSOMA 70S NELLE DUE SUBUNITA 30S E 50S. LA SUBUNITA 30S SI LEA QUINDI ALL mrna E LA SUBUNITA 50S SI RIASSOCIA A QUELLA 30S PER FORMARE UN RIBOSOMA 70S ATTIVO.

9 IL RIBOSOMA 70S ATTIVO RIMANE ASSOCIATO ALL mrna DURANTE TUTTA LA FASE DI ALLUNAMENTO DELLA CATENA. ALLA FINE DELLA SINTESI DELLA CATENA POLIPEPTIDICA IL RIBOSOMA 70S SI DISSOCIA NUOVAMENTE, SI SEPARA DALL mrna E LE DUE SUBUNITA 30S E 50S POSSONO RIFORMARE UN RIBOSOMA 70S INATTIVO. L AVVIO DELLA SINTESI PROTEICA RICHIEDE LA FORMAZIONE DI UN COMPLESSO D INIZIO 70S, FORMATO DALLE SUBUNITA 30S E 50S, DALL mrna E DA UN PARTICOLARE METIONIL-tRNA (trna INIZIATORE O trnai Met ). IL trna INIZIATORE VIENE RICONOSCIUTO DA UNA TRASFERASI CHE TRASFERISCE UN RUPPO FORMILICO ALLA METIONINA FORMANDO N-FORMIL METIONINA. PER QUESTO LA N- FORMILMETIONINA E IL PRIMO AMINOACIDO DI QUASI TUTTE LE PROTEINE BATTERICHE. IL COMPLESSO D INIZIO NON SI FORMA SPONTANEAMENTE, MA RICHIEDE L INTERVENTO DI 3 FATTORI D INIZIO: IF-1, IF-2 E IF-3. IF-3 SI LEA AL RIBOSOMA 70S E DETERMINA LA SEPARAZIONE DELLE DUE SUBUNITA 30S E 50S. IF-1 E IF-2 SI LEANO ALLA SUBUNITA 30S E COSI LEATA LA SUBUNITA 30S PUO LEARSI ALL fmet-trnai Met E ALL mrna.

10 PER ULTIMA SI LEA LA SUBUNITA 50S E SI FORMA COSI IL COMPLESSO D INIZIO ATTIVO. LA FORMAZIONE DEL COMPLESSO D INIZIO ATTIVO 70S RICHIEDE ENERIA CHE E FORNITA DALL IDROLISI DEL TP LEATO A IF-2. IL CORRETTO POSIZIONAMENTO DEL RIBOSOMA IN PROSSIMITA DEL CODONE D INIZIO AU E RESO POSSIBILE DALL APPAIAMENTO TRA UNA SERIE DI TRE-NOVE PURINE DELL mrna LOCALIZZATE A CIRCA 10 NUCLEOTIDI DALL ESTREMITA 5 DEL CODONE D INIZIO (SEQUENZA DI SHINE-DELARNO) E UNA SEQUENZA DI PIRIMIDINE PRESENTI NELL rrna 16S DEL RIBOSOMA. L APPAIAMENTO DI QUESTI NUCLEOTIDI COMPLEMENTARI PERMETTE IL POSIZIONAMENTO DEL RIBOSOMA NELLA POSIZIONE CORRETTA PER POTER INIZIARE LA SINTESI PROTEICA. LI mrna POLICISTRONICI CONTENONO VARIE SEQUENZE DI SHINE- DALARNO (UNA PER ONI PROTEINA) A LIVELLO DELLE QUALI SI ASSOCIA IL COMPLESSO D INIZIO 70S E INIZIA LA TRADUZIONE DI CIASCUNA PROTEINA

11 L ALLUNAMENTO DI UNA CATENA PROTEICA AVVIENE MEDIANTE UN MINICICLO RIPETUTO DI TRE FASI NEL CORSO DEL QUALE ONI ULTERIORE AMINOACIDO VIENE AIUNTO ALLA CATENA POLIPEPTIDICA NASCENTE. LE TRE FASI DI QUESTO CICLO SONO: 1) POSIZIONAMENTO SUL COMPLESSO RIBOSOMIALE DELL AMINOACIL-tRNA APPROPRIATO 2) FORMAZIONE DEL LEAME PEPTIDICO 3) SPOSTAMENTO DEL RIBOSOMA DI UN CODONE RISPETTO ALL mrna IL RIBOSOMA CONTIENE UN SITO ATTIVO PER LA FORMAZIONE DI UN LEAME PEPTIDICO E DUE SITI CHE LEANO I SUBSTRATI NECESSARI PER LA REAZIONE (SITO PEPTIDILICO E SITO ACCETTORE). IL SITO PEPTIDILICO (O SITO P) TRATTIENE LA CATENA POLIPEPTIDICA IN FASE DI ALLUNAMENTO ANCORA ATTACCATA MEDIANTE UN LEAME AMINOACILICO AL trna DELL ULTIMO AMINOACIDO AIUNTO. IL SITO ACCETTORE (SITO A) LEA L AMINOACIL-tRNA DEL SUCCESSIVO AMINOACIDO CHE DEVE ESSERE AIUNTO ALLA CATENA. LI ANTICODONI DEI trna IN AMBEDURE I SITI, P E A, FORMANO LEAMI IDROENO CON I CODONI DELL mrna.

12 ALL INIZIO DEL CICLO IL SITO A E VUOTO MENTRE IL SITO P E OCCUPATO DAL trna DELL ULTIMO AMINOACIDO AIUNTO ALLA CATENA. QUESTO trna (DETTO PEPTIDIL-tRNA) E LEATO ALLA CATENA POLIPEPTIDICA NASCENTE. IL trna DELL AMINOACIDO SUCCESSIVO SI LEA INNANZITUTTO CON IL FATTORE DI ALLUNAMENTO EF-TU. EF-TU E UN MONOMERO CON UN SITO DI LEAME PER IL TP. EF-TU:TP-AMINOACIL-tRNA FORMANO UN COMPLESSO TERNARIO CHE SI ADATTA AL SITO A DEL RIBOSOMA. EF-TU RICONOSCE LA STRUTTURA DELLO STELO ACCETTORE DEL trna (LEA TUTTI LI AMINOACIL-tRNA ECCETTO L N-FORMILMETIONILtRNAi Met ). UNA DELLE FUNZIONI DI EF-TU:TP E LA STABILIZZAZIONE DEL LEAME ESTERE NELLA POSIZIONE 3 DELL AMINOACIL-tRNA. SE L APPAIAMENTO TRA L ANTICODONE DELL AMINOACIL-tRNA DEL COMPLESSO TERNARIO E IL CODONE CHE SI TROVA NEL SITO A E CORRETTO, SI HA L IDROLISI DEL TP IN DP+Pi AD OPERA DI DUE PROTEINE RIBOSOMIALI (L7 E L12).

13 LA COMPONENTE PEPTIDILTRANSFERASICA DELLA SUBUNITA 50S DEL RIBOSOMA CATALIZZA IL TRASFERIMENTO DEL RUPPO PEPTIDILICO DAL PEPTIDIL-tRNA CHE SI TROVA NEL SITO P AL RUPPO AMINICO DELLA MOLECOLA DI AMINOACIL-tRNA CHE SI TRIVA NEL SITO A, ALLUNANDO COSI LA CATENA PEPTIDICA DI UN RESIDUO. LA MOLECOLA DI trna DEAMINOACILATA VIENE ESPULSA DAL SITO P. IL PEPTIDIL-tRNA APPENA SINTETIZZATO SI SPOSTA DAL SITO A AL SITO P MENTRE IL RIBOSOMA SI SPOSTA VERSO IL CODONE SUCCESSIVO. UNA NUOVA MOLECOLA DI AMINOACIL-tRNA OCCUPA IL SITO A VACANTE E IL CICLO PUO COSI RICOMINCIARE. IL RUPPO AMINICO LIBERO DELL AMINOACIL-tRNA FORMA UN LEAME PEPTIDICO CON IL CARBONIO CARBONILICO DELLA CATENA PEPTIDICA NASCENTE. L ATTIVITA PEPTIDILTRANSFERASICA, RESPONSABILE DELLA FORMAZIONE DEL LEAME PEPTIDICO, E LOCALIZZATA SU ALMENO 5 PROTEINE DELLA SUBUNITA 50S DEL RIBOSOMA E SULL rrna 23S. L ENERIA NECESSARIA ALLA FORMAZIONE DEL LEAME PEPTIDICO VIENE FORNITA DALL IDROLISI DEL LEAME ESTERE AD ALTO

14 CONTENUTO DI ENERIA TRA LA CATENA PEPTIDICA NASCENTE E L OH IN 3 DEL RIBOSIO DEL trna. LO SCORRIMENTO DEL RIBOSOMA DI UN CODONE IN DIREZIONE 3 (IN CONCOMITANZA CON L ESPULSIONE DEL trna DEAMINOACILATO E CON LO SPOSTAMENTO DEL PEPTIDIL-tRNA DAL SITO A AL SITO P) PRENDE IL NOME DI TRASLOCAZIONE. LA TRASLOCAZIONE RICHIEDE L INTERVENTO DI UNA PROTEINA CHIAMATA EF- CHE LEA ANCH ESSA IL TP. L IDROLISI DI QUESTO TP PERMETTE A EF- DI OPERARE L ESPULSIONE DEL trna DEAMINOACILATO E LO SPOSTAMENTO DEL PEPTIDIL-tRNA DAL SITO A AL SITO P. TRE FATTORI DI RILASCIO, RF-1, RF-2 E RF-3 PARTECIPANO ALLA CONCLUSIONE DELLA SINTESI PROTEICA. QUANDO NEL SITO A VIENE A TROVARSI UNO DEI TRE CODONI DI STOP (UA, UA, UAA) LA SINTESI PROTEICA HA TERMINE. INFATTI IL SITO A NON PUO ESSERE OCCUPATO DA NESSUN AMINOACIL-tRNA (NON ESISTONO ANTICODONI COMPLEMENTARI PER I 3 CODONI DI STOP) MA VIENE OCCUPATO DAI FATTORI DI RILASCIO: RF-1 RICONOSCE UAA E UA RF-2 RICONOSCE UAA E UA

15 RF-3 SI LEA CON IL TP E SI ASSOCIA, POI, CON RF-1 O RF-2 I COMPLESSI RF-3:TP-RF-1 E RF-3:TP-RF-2 ALTERANO L ATTIVITA DELLA PEPTIDILTRANSFERASI DEL RIBOSOMA, FACENDOLE IDROLIZZARE IL LEAME ESTERE DEL PEPTIDIL-tRNA. IL POLIPEPTIDE VIENE COSI RILASCIATO NEL CITOPLASMA. SINTESI PROTEICA NELI EUCARIOTI LE TRE FASI DELLA SINTESI PROTEICA (INIZIO, ALLUNAMENTO DELLA CATENA E FINE) SONO SIMILI NEI PROCARIOTI E NELI EUCARIOTI. LE DIFFERENZA PIU MARCATE SI HANNO NELLA FASE D INIZIO, PERCHE L mrna EUCARIOTICO PRESENTA ALL ESTREMITA 5 IL CAPPUCCIO DI 7-METILUANINA. INOLTRE NELI EUCARIOTI L mrna FORMA STRUTTURE SECONDARIE ESTESE CHE VENONO, POI, RICOPERTE DA SVARIATE PROTEINE. VARI FATTORI D INIZIO RIMUOVONO QUESTE PROTEINE E PERMETTONO COSI L INIZIO DELLA TRADUZIONE. LA MAIOR PARTE DELI mrna EUCARIOTICI HANNO UN UNICO SITO D INIZIO SITUATO VICINO AL CAPPUCCIO DI 7-METIL-UANOSINA. L INTERAZIONE DELLA SUBUNITA MINORE DEL RIBOSOMA CON IL CAPPUCCIO DI 7m RICHIEDE UN RUPPO DI PROTEINE CHIAMATE eif4

16 DOPO AVER RICONOSCIUTO IL CAPPUCCIO 7m (RAZIE A Eif4F) LA SUBUNITA MINORE DEL RIBOSOMA COMINCIA A SCORRERE LUNO L mrna FINO A RAIUNERE IL CODONE D INIZIO AU (SITUATO A NON PIU DI CIRCA 100 NUCLEOTIDI DAL CAPPUCCIO 7m). IL RICONOSCIMENTO DEL CODONE D INIZIO VIENE FACILITATO DA SEQUENZE SPECIFICHE AD ESSO VICINE: SEQUENZE DI KOZAK. A QUESTO PUNTO ARRIVANO IL Met-tRNAi Met E LA SUBUNITA RIBOSOMIALE MAIORE E LA TRADUZIONE PUO COSI COMINCIARE. QUESTO MECCANISMO D INIZIO IMPEDISCE AL RIBOSOMA DI RICONOSCERE CODONI AU ALL INTERNO DELL mrna. PERCIO TUTTE LE MOLECOLE DI mrna NELI EUCARIOTI CODIFICANO PER UN SOLO POLIPEPTIDE E SONO DEFINITE MONOCISTRONICHE. TUTTAVIA ALCUNI mrna VIRALI, CHE VENONO TRADOTTI DALL APPARATO DELLE CELLULE EUCARIOTICHE INFETTE, SONO PRIVI DI CAPPUCCIO DI 7m. IN QUESTI CASI LA TRADUZIONE VIENE INIZIATA A LIVELLO DI SITI INTERNI PER L INRESSO DEI RIBOSOMI (IRES, INTERNAL RIBOSOME ENTRY SITES) CON UN MECCANISMO NON ANCORA BEN CHIARO.

17 COSTO ENERETICO DELLA SINTESI PROTEICA PER ONI AMINOACIDO AIUNTO ALLA CATENA POLIPEPTIDICA VENONO SCISSI 4 LEAMI FOSFODIESTERE AD ALTA ENERIA: ATP AMP + PP P + P (SINTESI AMINOACIL-tRNA) TP MP + PP (EF-TU) TP MP + PP (EF-) COSTO ENERETICO MOLTO ELEVATO: IN E. COLI LA SINTESI PROTEICA UTILIZZA DAL 30 AL 50% DELL ATP TOTALE LA VELOCITA DI SINTESI DI UNA PROTEINA E DI CIRCA 3-5 AMINOACIDI ADDIZIONATI AL SECONDO. PICCOLE PROTEINE DI AMINOACIDI VENONO SINTETIZZATE IN CIRCA UN MINUTO. LA SINTESI DELLA PROTEINA PIU RANDE ATTUALMENTE NOTA, LA TITINA FORMATA DA AMINOACIDI, RICHIEDE 2-3 ORE.

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA

IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA IPOTESI UN GENE-UN ENZIMA DNA: contiene tutte le informazioni per definire lo sviluppo e la fisiologia della cellula: ma come svolge questa funzione? Beadle e Tatum (1941): studiando mutanti della comune

Dettagli

SUBUNITA MAGGIORE = 60S (rrna 28S, 5.8S e 5S + 45 proteine) SUBUNITA MAGGIORE = 50S (rrna 23S e 5S + 34 proteine)

SUBUNITA MAGGIORE = 60S (rrna 28S, 5.8S e 5S + 45 proteine) SUBUNITA MAGGIORE = 50S (rrna 23S e 5S + 34 proteine) TRADUZIONE I RIBOSOMI I Ribosomi hanno un diametro di circa 15-30 nm, sono costituiti da proteine ed rrna e sia nei Procarioti che negli Eucarioti, sono costituiti da una subunità maggiore e da una subunità

Dettagli

IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. DNA à RNA. RNA à PROTEINA. DNA à RNA à PROTEINA. Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957

IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA. DNA à RNA. RNA à PROTEINA. DNA à RNA à PROTEINA. Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957 IL FLUSSO DELL INFORMAZIONE GENETICA DNA à RNA à PROTEINA Dogma centrale della biologia molecolare di Francis Crick, 1957 DNA/RNA (seq polinucleotidica) DNA à RNA mrna trna rrna RNA à PROTEINA Proteina

Dettagli

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA

IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA RNA La traduzione IL DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Trascrizione DNA Passaggio dell informazione contenuta nel DNA mediante la sintesi di RNA RNA Proteine Duplicazione DNA Traduzione Costruzione della catena

Dettagli

Il dogma centrale della biologia. molecolare

Il dogma centrale della biologia. molecolare Il dogma centrale della biologia Cell molecolare Transcription Translation Ribosome DNA mrna Polypeptide (protein) L informazione per la sintesi delle proteine è contenuta nel DNA. La trascrizione e la

Dettagli

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO

FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO AMINOACIDI FORMAZIONE DEL LEGAME PEPTIDICO SEQUENZA AMINOACIDICA DELL INSULINA STRUTTURA SECONDARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA TERZIARIA DELLE PROTEINE STRUTTURA QUATERNARIA DELLE PROTEINE Definizione Processi

Dettagli

mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla

mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla La sintesi proteica mrna + 20 aminoacidi In vitro nulla Il codice genetico I geni controllano la struttura delle proteine: in che modo? 4 nucleotidi A, T, C, G 20 aminoacidi Esiste un codice che converte

Dettagli

SINTESI DELLE PROTEINE

SINTESI DELLE PROTEINE SINTESI DELLE PROTEINE IN UN GIORNO DI UN INDIVIDUO ADULTO NORMALE: -100 grammi vengono introdotti con la dieta -400 grammi vengono degradati -400 grammi vengono sintetizzati -100 grammi vengono consumati

Dettagli

Definizione TRADUZIONE

Definizione TRADUZIONE Sintesi proteica Definizione La sintesi proteica è costituita da una sequenza di eventi che portano alla formazione di un polimero di amminoacidi (proteina o polipeptide) ad opera dei ribosomi a partire

Dettagli

Codice Genetico (segue) 29/10/2014 CODICE GENETICO

Codice Genetico (segue) 29/10/2014 CODICE GENETICO CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica di una molecola di DNA o di RNA specifica la sequenza amminoacidica di un polipeptide. CODICE GENETICO Consiste di codoni a tre nucleotidi

Dettagli

Allineamento dei 2 RNA

Allineamento dei 2 RNA La traduzione 2 codone Allineamento dei 2 RNA anticodone Studi Molecolari hanno dimostrato che: 3 residui nucleotidici del mrna sono necessari per codificare ciascun amminoacido Il linguaggio contenuto

Dettagli

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI PROTEICA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione Replicazione SINTESI PROTEICA Trascrizione Traduzione 61 codoni codificanti 3 triplette non senso (STOP) AUG codone di inizio codone per Met Caratteristiche del codice genetico Specificità Il codice genetico

Dettagli

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE

TRASCRIZIONE e TRADUZIONE TRASCRIZIONE e TRADUZIONE Trascrizione e traduzione Dogma centrale della biologia molecolare: processo con cui l informazione contenuta nel DNA dirige la sintesi delle proteine. Trascrizione Maturazione

Dettagli

Codice Genetico (segue) 04/11/2015. «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO

Codice Genetico (segue) 04/11/2015. «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO «Wobble base pairs» (appaiamento tentennante di basi) CODICE GENETICO http://www.atdbio.com/img/articles/rna wobble base pairs large.png CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica

Dettagli

all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA

all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA Il Codice Genetico The genetic code consists of 64 triplet codons (A, G, C, U) 4 3 = 64 all codons are used in protein synthesis 20 amino acids 3 termination (stop) codons: UAA, UAG, UGA AUG (methionine)

Dettagli

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO:

LA SINTESI PROTEICA LE MOLECOLE CHE INTERVENGONO IN TALE PROCESSO SONO: LA SINTESI PROTEICA La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine utilizzando le informazioni contenute nel DNA. Nelle sue linee fondamentali questo processo è identico in

Dettagli

Tripletta di nucleotidi che codifica un dato amminoacido

Tripletta di nucleotidi che codifica un dato amminoacido La sintesi proteica Amminoacido Sito di legame dell amminoacido Adattatore Tripletta di nucleotidi che codifica un dato amminoacido Inserzione Delezione Inserzione e delezione Cornice di lettura ripristinata

Dettagli

E. Giordano 16/09/2010

E. Giordano 16/09/2010 GRUPPO NAZIONALE DI BIOINGEGNERIA XXIX Scuola Annuale BIOLOGIA SINTETICA Bressanone 13-17 settembre 2010 1/41 COSTITUENTI MOLECOLARI DELLO CHASSIS CELLULARE Emanuele GIORDANO II Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente)

07/01/2015. Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore. Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Come si ferma una macchina in corsa? Il terminatore Terminazione intrinseca (rho-indipendente) Terminazione dipendente dal fattore Rho (r) 1 Operoni: gruppi di geni parte di una unica unità trascrizionale

Dettagli

Il Codice Genetico. La decodifica della sequenza nucleotidica in. sequenza aminoacidica

Il Codice Genetico. La decodifica della sequenza nucleotidica in. sequenza aminoacidica Il Codice Genetico La decodifica della sequenza nucleotidica in sequenza aminoacidica La sequenza del mrna viene letta a gruppi di 3 nucleotidi, senza interruzioni e senza sovrapposizioni; 4 3 = 64 ---------64

Dettagli

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle

DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA. Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la. sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA Secondo il dogma centrale della biologia, il DNA dirige la sintesi del RNA che a sua volta guida la sintesi delle proteine. Tuttavia il flusso unidirezionale di informazioni

Dettagli

07/01/2015. Inizio della sintesi proteica-i. Inizio della sintesi proteica-ii. Inizio della sintesi proteica-iii

07/01/2015. Inizio della sintesi proteica-i. Inizio della sintesi proteica-ii. Inizio della sintesi proteica-iii Inizio della sintesi proteica-i Coinvolge le subunità ribosomali trna d inizio Fattori di inizio (IFs) Inizio della sintesi proteica-ii Il trna iniziatore è caricato con formil-metionina Nei Bacteria vi

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI

INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI INTERAZIONE TRA mrna, trna e RIBOSOMI mrna: porta l'informazione della sequenza degli aminoacidi di una determinata proteina. trna: ogni trna è specifico per il trasporto di un determinato aminoacido Ribosoma:

Dettagli

Codice Genetico (segue)

Codice Genetico (segue) CODICE GENETICO Nucleotidi, acidi nucleici CODICE GENETICO Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica di una molecola di DNA o di RNA specifica la sequenza amminoacidica di un polipeptide. Consiste

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 23

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA. Angela Chambery Lezione 23 Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di BIOCHIMICA Angela Chambery Lezione 23 Il codice genetico Concetti chiave: Il codice genetico è basato su insiemi di codoni formati da tre nucleotidi che sono

Dettagli

Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- Codice genetico- Traduzione

Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- Codice genetico- Traduzione Le proprietà elettive della cellula: Espressione della informazione genetica e differenziamento II Trascrizione- odice genetico- Traduzione dl Infermieristica aa. 2011/12 Prof.ssa Frabetti ESPRESSIONE

Dettagli

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE

CELLULA PROCARIOTICA PROCARIOTE CELLULA PROCARIOTICA O PROCARIOTE CELLULA EUCARIOTICA O EUCARIOTE Sany0196.jpg IL NUCLEO Provvisto di due membrane (interna ed esterna) che congiungendosi in alcuni punti formano i pori nucleari attraverso

Dettagli

20. La traduzione 10/05/16

20. La traduzione 10/05/16 20. La traduzione contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale 1 L RNA transfer è l adattatore 2 La struttura secondaria

Dettagli

TRADUZIONE LA TRADUZIONE E QUEL PROCESSO ATTRAVERSO CUI SI PASSA DAL LINGUAGGIO RIBONUCLEOTIDICO DELL RNA A QUELLO AMINOACIDICO DELLE PROTEINE. IL CODICE GENETICO E L INSIEME DI CODONI (TRIPLETTE NUCLEOTIDICHE)

Dettagli

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina

Sequenze nucleotidiche del DNA definite loci costituiscono i geni. Ogni gene codifica per una specifica proteina sintesi proteica La sintesi proteica è il processo che porta alla formazione delle proteine da sequenze del DN definite geni. Si tratta di un processo a più fasi Nelle sue linee fondamentali questo processo

Dettagli

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I

Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I PROTIDI Definizione Composti quaternari: C H O N S P Fe Mg I ORIGINE cellulare ogni cellula sintetizza le sue prote CARATTERISTICHE insolubili in acqua sensibili a variazioni di ph coagulano in presenza

Dettagli

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione

Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione Espressione ed utilizzo della informazione genetica II Trascrizione e Traduzione CdL Tecnici di Lab Biomedico AA. 2011-12 - Prof.ssa Frabetti Come si esprime l informazione? Per i geni classici vedremo:

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA

TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA TRASCRIZIONE DEL DNA, TRADUZIONE DELL RNA TRADUZIONE La traduzione e il processo con cui viene sintetizzata un data proteina, attraverso reazioni chimiche di polimerizzazione di amminoacidi, in una

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione La maturazione del trascritto primario I microrna Le componenti del macchinario di traduzione Il meccanismo della traduzione

Dettagli

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO La traduzione La traduzione è il processo di sintesi di una catena polipeptidica, un polimero costituito da amminoacidi legati insieme da legami peptidici Le molecole

Dettagli

SAGGIO DI LEGAME AI RIBOSOMI: SE L AMMINOACIL-tRNA RICONOSCE LA TRIPLETTA, VI SI LEGA E NON RIESCE A PASSARE IL FILTRO CHE, COSì, DIVIENE RADIOATTIVO.

SAGGIO DI LEGAME AI RIBOSOMI: SE L AMMINOACIL-tRNA RICONOSCE LA TRIPLETTA, VI SI LEGA E NON RIESCE A PASSARE IL FILTRO CHE, COSì, DIVIENE RADIOATTIVO. TRADUZIONE LA TRADUZIONE E QUEL PROCESSO ATTRAVERSO CUI SI PASSA DAL LINGUAGGIO RIBONUCLEOTIDICO DELL RNA A QUELLO AMINOACIDICO DELLE PROTEINE. IL CODICE GENETICO E L INSIEME DI CODONI (TRIPLETTE NUCLEOTIDICHE)

Dettagli

Lezione 8 - TRADUZIONE

Lezione 8 - TRADUZIONE Lezione 8 - TRADUZIONE 1. Flusso dell informazione genetica 2. Codice genetico 3. Ribosomi 4. Nucleolo ed rrna 5. trna 6. Ribosomi: sito della sintesi 7. Sintesi proteica 8. Mutazioni 9. Folding 10. Controllo

Dettagli

03/12/2015 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (1) Citosol o Ialoplasma

03/12/2015 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (1) Citosol o Ialoplasma CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi http://hyperphysics.phy astr.gsu.edu/hbase/biology/ribosome.html http://www.accessexcellence.org/rc/vl/gg/ecb/ecb_images/01_24_organelles.jpg

Dettagli

Codice genetico CODICE GENETICO [1]

Codice genetico CODICE GENETICO [1] Codice genetico CODICE GENETICO [1] Codice mediante il quale la sequenza nucleotidica di una molecola di DNA, tramite un mrna, specifica la sequenza amminoacidica di un polipeptide. Consiste di codoni

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

C1. Il codone di inizio parte dal quinto nucleotide. La sequenza aminoacidica sarà Met Gly Asn Lys Pro Gly Gln STOP.

C1. Il codone di inizio parte dal quinto nucleotide. La sequenza aminoacidica sarà Met Gly Asn Lys Pro Gly Gln STOP. Soluzioni ai problemi del Capitolo 13 Domande concettuali C1. Il codone di inizio parte dal quinto nucleotide. La sequenza aminoacidica sarà Met Gly Asn Lys Pro Gly Gln STOP. C2. Quando si dice che il

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

DNA E PROTEINE IL DNA E RACCHIUSO NEL NUCLEO, MENTRE LA SINTESI PROTEICA SI SVOLGE NEL CITOPLASMA: COME VIENE TRASPORTATA L INFORMAZIONE?

DNA E PROTEINE IL DNA E RACCHIUSO NEL NUCLEO, MENTRE LA SINTESI PROTEICA SI SVOLGE NEL CITOPLASMA: COME VIENE TRASPORTATA L INFORMAZIONE? DNA E PROTEINE NUMEROSI DATI SUGGERISCONO CHE IL DNA SVOLGA IL SUO RUOLO GENETICO CONTROLLANDO LA SINTESI DELLE PROTEINE, IN PARTICOLARE DETERMINANDONE LA SEQUENZA IN AMINOACIDI E NECESSARIO RISPONDERE

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA la replicazione del DNA viene effettuata da ENZIMI: DNA-polimerasi (catalizza la formazione del legame fosfodiestere) ogni filamento fa da stampo (enzima diretto dallo stampo) le DNA-polimerasi

Dettagli

TRADUZIONE. 2. Transfer (legato agli aminoacidi) 3. Ribosomale (associato a proteine nei ribosomi)

TRADUZIONE. 2. Transfer (legato agli aminoacidi) 3. Ribosomale (associato a proteine nei ribosomi) enhancer promotore regione trascritta TATA trascrizione 5 3 splicing mrna 5 3 traduzione Proteina NH2 COOH Funzione biologica TRADUZIONE I tre ruoli svolti dall RNA: 1. Messaggero 2. Transfer (legato agli

Dettagli

17. Sintesi Proteica e Codice Genetico

17. Sintesi Proteica e Codice Genetico 17. Sintesi Proteica e Codice Genetico contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale 1 Perché avvenga la traduzione è

Dettagli

Evoluzione del concetto di gene. Da Mendel ai giorni nostri passando per diverse definizioni

Evoluzione del concetto di gene. Da Mendel ai giorni nostri passando per diverse definizioni Evoluzione del concetto di gene Da Mendel ai giorni nostri passando per diverse definizioni Fino al 1940 Teoria perle di una collana, considerate come unità indivisibili Gene = Unita dell informazione

Dettagli

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna

TRASCRIZIONE DEL DNA. Formazione mrna TRASCRIZIONE DEL DNA Formazione mrna Trascrizione Processo mediante il quale l informazione contenuta in una sequenza di DNA (gene) viene copiata in una sequenza complementare di RNA dall enzima RNA polimerasi

Dettagli

MOLTE PROTEINE SONO LOCALIZZATE IN COMPARTIMENTI DIVERSI DA QUELLO CITOPLASMATICO. Mitocondri Cloroplasti Perossisomi

MOLTE PROTEINE SONO LOCALIZZATE IN COMPARTIMENTI DIVERSI DA QUELLO CITOPLASMATICO. Mitocondri Cloroplasti Perossisomi MOLTE PROTEINE SONO LOCALIZZATE IN COMPARTIMENTI DIVERSI DA QUELLO CITOPLASMATICO LA TRASLOCAZIONE E IL PASSAGGIO DI UNA PROTEINA ATTRAVERSO UNA MEMBRANA COTRADUZIONALE Batteri Reticolo endoplasmatico

Dettagli

Dal gene alla proteina

Dal gene alla proteina Dal gene alla proteina Il collegamento tra geni e proteine La trascrizione e la traduzione sono i due principali processi che legano il gene alla proteina: uno sguardo panoramico Le informazioni genetiche

Dettagli

26/11/2014 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (2) CITOSOL (1)

26/11/2014 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (2) CITOSOL (1) CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi http://hyperphysics.phy astr.gsu.edu/hbase/biology/ribosome.html http://www.accessexcellence.org/rc/vl/gg/ecb/ecb_images/01_24_organelles.jpg

Dettagli

Le molecole di RNA possono assumere particolari strutture che conferiscono loro particolari funzioni.

Le molecole di RNA possono assumere particolari strutture che conferiscono loro particolari funzioni. Traduzione: t-rna Le molecole di RNA possono assumere particolari strutture che conferiscono loro particolari funzioni. Singola catena alta flessibilità ripiegamento su stessa legami deboli con se stessa

Dettagli

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene

LA TRASCRIZIONE. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene LA TRASCRIZIONE Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Giovanna Attene GLI ACIDI RIBONUCLEICI Nelle cellule nucleate la sintesi proteica avviene nel citoplasma, mentre il DNA si

Dettagli

Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi

Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi http://hyperphysics.phy astr.gsu.edu/hbase/biology/ribosome.html CITOSOL http://www.accessexcellence.org/rc/vl/gg/ecb/ecb_images/01_24_organelles.jpg

Dettagli

Principi di biologia molecolare dei microrganismi

Principi di biologia molecolare dei microrganismi Principi di biologia molecolare dei microrganismi I genomi microbici La conoscenza della sequenza completa del genoma di un organismo è importante per comprendere: 1. come l organismo funzioni 2. quale

Dettagli

Struttura ed espressione del Gene

Struttura ed espressione del Gene Struttura ed espressione del Gene PowerPoint Lectures for Essential Biology, Third Edition Neil Campbell, Jane Reece, and Eric Simon Essential Biology with Physiology, Second Edition Neil Campbell, Jane

Dettagli

Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione)

Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione) Espressione Genica Informazione contenuta nei geni (DNA) viene decodificata prima in RNA (Trascrizione) e successivamente in proteine (Traduzione) Nucleotidi e Ribonucleotidi L RNA è costituituito

Dettagli

1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica

1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica 1) Un gene-un enzima 2) Un gene- una catena polipeptidica 3) Un gene è una unità funzionale di DNA che codifica per la sequenza amminoacidica di uno o più polipeptidi o alternativamente per uno o più tipi

Dettagli

SDD Seconde Gli acidi nucleici. Gli acidi nucleici

SDD Seconde Gli acidi nucleici. Gli acidi nucleici 1 Capire come le informazioni genetiche sono immagazzinate nelle cellule e come avviene la trasformazione di queste informazioni nei meccanismi metabolici delle cellule. Quattro mattoncini La cellula ha

Dettagli

COME È FATTO? Ogni filamento corrisponde ad una catena di nucleotidi

COME È FATTO? Ogni filamento corrisponde ad una catena di nucleotidi Il DNA Il DNA è una sostanza che si trova in ogni cellula e contiene tutte le informazioni sulla forma e sulle funzioni di ogni essere vivente: eppure è una molecola incredibilmente semplice. COME È FATTO?

Dettagli

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI

ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI ACIDI NUCLEICI ESPERIMENTI 1869 FRIEDRICK MIESCHER Isolò per la prima volta una sostanza zuccherina leggermente acida contenente fosforo Questa sostanza venne chiamata: acido nucleico perché scoperta nel

Dettagli

Il DNA funziona da stampo per la sintesi di molecole di RNA. In questo modo l informazione genetica diventa direttamente utilizzabile per la cellula

Il DNA funziona da stampo per la sintesi di molecole di RNA. In questo modo l informazione genetica diventa direttamente utilizzabile per la cellula TRASCRIZIONE Il DNA funziona da stampo per la sintesi di molecole di RNA. In questo modo l informazione genetica diventa direttamente utilizzabile per la cellula Capacità di esprimersi dell informazione

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti

Biologia Molecolare. CDLM in CTF La trascrizione nei procarioti Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La trascrizione nei procarioti I meccanismi della trascrizione Il modello dell operone L attenuazione Batteri Polimerasi RNA Polimerasi Geni Trascritti Tutti

Dettagli

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA

Nucleotidi e Acidi Nucleici. Struttura di DNA e RNA Nucleotidi e Acidi Nucleici Nucleosidi Nucleotidi Funzioni biologiche dei nucleotidi Struttura di DNA e RNA Concatenazione e appaiamento dei nucleotidi Lo scheletro degli acidi nucleici Componenti degli

Dettagli

E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la vita

E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la vita Costituita da proteine, acidi nucleici, carboidrati e lipidi Si differenzia tra eucarioti e procarioti E la più piccola struttura di un organismo in grado di effettuare quei processi che definiscono la

Dettagli

Codoni di STOP: UAA UAG UGA

Codoni di STOP: UAA UAG UGA PARTECIPANO ALLA TRADUZIONE: trna e aminoacidi Aminoacil-tRNA sintetasi Ribosomi mrna, che contiene una Open Reading Frame (ORF) CODONE DI INIZIO CODONE DI STOP 5 Cap NNNNNN AUG AAA GCA AUU----(n codoni)----uga

Dettagli

Enzimi: catalizzatori biologici

Enzimi: catalizzatori biologici Enzimi: catalizzatori biologici praticamente tutte le reazioni biochimiche della chimica della vita sono catalizzate da enzimi gli enzimi sono proteine la velocità di reazioni enzimatiche è aumentata di

Dettagli

trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano

trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano trna-ribosoma Marco Nardini Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie Università di Milano Struttura Acidi Nucleici RNA, DNA acidi nucleici = polinucleotidi (polimeri di nucleotidi) in cui

Dettagli

Espressione genica: trascrizione

Espressione genica: trascrizione Espressione genica: trascrizione Corso di Genetica per Scienze per l Ambiente e la Natura Alberto Pallavicini Schema generale Nel 1956 Crick postulò il Dogma centrale: DNA RNA PROTEINE Non tutti i geni

Dettagli

RNA: trascrizione e maturazione

RNA: trascrizione e maturazione RNA: trascrizione e maturazione Trascrizione e traduzione Nei procarioti: : stesso compartimento; negli eucarioti: : due compartimenti Pulse and chase 1) le cellule crescono in uracile radioattivo in eccesso

Dettagli

lati esterni altamente Idrofilici

lati esterni altamente Idrofilici I due filamenti complementari del DNA sono antiparalleli: uno è in direzione 5-3 e l altro in direzione 3-5. parte interna idrofobica lati esterni altamente Idrofilici APPAIAMENTO DELLE BASI AZOTATE: 2

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE DEGLI EUCARIOTI

BIOLOGIA MOLECOLARE DEGLI EUCARIOTI UNITÀ BIOTEC. DIDATTICA DI ELEMENTI DI BIOLOGIA MOLECOLARE BIOLOGIA MOLECOLARE DEGLI EUCARIOTI Roberto Giacominelli Stuffler 1. I geni ed il DNA degli eucarioti 2. La replicazione, la trascrizione e la

Dettagli

Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici

Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici Modulo 8: I nucleotidi e gli acidi nucleici Modulo 10: Acidi nucleici Filamento di DNA fuoriuscito da una cellula di Escherichia coli Struttura e funzioni dei nucleotidi Funzioni dei nucleotidi: Unità

Dettagli

La trascrizione del DNA

La trascrizione del DNA La trascrizione del DNA I prodotti iniziali dei geni consistono in molecole di Acido Ribonucleico Dogma centrale DNA RNA polipeptide RNA/DNA Proprieta dell RNA - Prodotto a partire dal DNA stampo (trascrizione)

Dettagli

Acidi nucleici basi puriniche basi pirimidiniche

Acidi nucleici basi puriniche basi pirimidiniche basi puriniche basi pirimidiniche La sequenza dei nucleotidi in una catena di acido nucleico viene descritta partendo dall estremità 5 e identifica l ordine di successione delle basi utilizzando le abbreviazioni

Dettagli

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA

La trascrizione. La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA LA TRASCRIZIONE La trascrizione La trascrizione è la sintesi delle molecole di RNA sulla base di un filamento stampo di DNA Le caratteristiche dell RNA La costituzione a singolo filamento permette alle

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

La trascrizione è simile alla replicazione ma esistono alcune importanti differenze

La trascrizione è simile alla replicazione ma esistono alcune importanti differenze LA TRASCRIZIONE processo nel quale il DNA stampo viene copiato in una molecola di RNA La molecola di RNA è identica in sequenza all elica codificante e complementare a quella stampo. La trascrizione è

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a Università di Catania. La stru(ura del gene. Stefano Forte

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a Università di Catania. La stru(ura del gene. Stefano Forte Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu6che a.a. 2014-2015 Università di Catania La stru(ura del gene Stefano Forte I Geni Il gene è l'unità ereditaria e funzionale degli organismi viventi. La

Dettagli

La traduzione. Il codice genetico

La traduzione. Il codice genetico La traduzione Introduction Key-components during translation trnas Aminoacil-tRNA sintetasi Ribosoma The process of translation Iniziazione Elongazione Terminazione Il codice genetico La traduzione Introduction

Dettagli

scaricato da I peptidi risultano dall unione di due o più aminoacidi mediante un legame COVALENTE

scaricato da  I peptidi risultano dall unione di due o più aminoacidi mediante un legame COVALENTE Legame peptidico I peptidi risultano dall unione di due o più aminoacidi mediante un legame COVALENTE tra il gruppo amminico di un aminoacido ed il gruppo carbossilico di un altro. 1 Catene contenenti

Dettagli

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME...

Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico Marzo 2012 COGNOME... Progetto Tandem Biologia saperi minimi Anno accademico 2011-2012 2 Marzo 2012 COGNOME... NOME 1) Quali delle seguenti affermazioni sulla struttura primaria delle proteine è falsa? a) può essere ramificata

Dettagli

La traduzione avviene nella cellula in strutture chiamate ribosomi

La traduzione avviene nella cellula in strutture chiamate ribosomi La traduzione avviene nella cellula in strutture chiamate ribosomi L informazione genetica viene scritta sotto forma di codoni e tradotta in sequenze di amminoacidi Le «parole» del linguaggio chimico del

Dettagli

Citosol Ribosomi Sintesi proteica

Citosol Ribosomi Sintesi proteica CITOSOL (1) Citosol Ribosomi Sintesi proteica Biotecnologie_2012 Tutta la porzione non strutturata che costituisce la parte liquida del citoplasma. In esso si trovano in soluzione tutte le molecole necessarie

Dettagli

sono le unità monomeriche che costituiscono le proteine hanno tutti una struttura comune

sono le unità monomeriche che costituiscono le proteine hanno tutti una struttura comune AMINO ACIDI sono le unità monomeriche che costituiscono le proteine sono 20 hanno tutti una struttura comune sono asimmetrici La carica di un amino acido dipende dal ph Classificazione amino acidi Glicina

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10

LA TRASCRIZIONE...2. Terminazione della trascrizione...10 LA TRASCRIZIONE...2 INDUZIONE ENZIMATICA...3 Organizzazione geni dei procarioti...4 Organizzazione geni degli eucarioti...5 Sequenze dei Promotori dei procarioti...6 Sequenze dei Promotori degli eucarioti...6

Dettagli

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita

MFN0366-A1 (I. Perroteau) - il nucleo. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita 1 Cosa contiene il nucleo? Il nucleo non contiene solo DNA, che costituisce solo il 20% del materiale nucleare, ma anche una grande quantità di proteine chiamate nucleoproteine ed RNA. La maggior parte

Dettagli

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore

Il genoma dei batteri è organizzato in operon. Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore Il genoma dei batteri è organizzato in operon Un operon è una unità trascrizionale indipendente, formata da (2-15) geni regolati da un solo promotore I geni di un operon sono diversi, ma concorrono allo

Dettagli

ACIDI GRASSI INSATURI

ACIDI GRASSI INSATURI LIPIDI ACIDI GRASSI SATURI ACIDI GRASSI INSATURI TRIGLICERIDI TRIGLICERIDI Grassi neutri o lipidi semplici glicerolo + 1 acido grasso monogliceride glicerolo + 2 acidi grassi digliceride glicerolo + 3

Dettagli

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI PER TRASCRIZIONE SI INTENDE LA SINTESI DI UNA MOLECOLA DI RNA COMPLEMENTARE AD UNO STAMPO DI DNA. GLI RNA CELLULARI SONO DISTINTI IN TRE PRINCIPALI CATEGORIE:

Dettagli

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI

SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI SINTESI E MATURAZIONE DEGLI RNA CELLULARI PER TRASCRIZIONE SI INTENDE LA SINTESI DI UNA MOLECOLA DI RNA COMPLEMENTARE AD UNO STAMPO DI DNA. GLI RNA CELLULARI SONO DISTINTI IN TRE PRINCIPALI CATEGORIE:

Dettagli

Struttura degli amminoacidi

Struttura degli amminoacidi AMMINOACIDI, PEPTIDI E PROTEINE AMMINOACIDI, PEPTIDI E PROTEINE AMMINOACIDI, PEPTIDI E PROTEINE Le proteine sono macromolecole costituite dall unione di un grande numero di unità elementari: gli amminoacidi

Dettagli

Nei batteri non è presente una membrana nucleare

Nei batteri non è presente una membrana nucleare La cellula procariota (Bacteria e Archaea) Morfologia generale Composizione chimica Le strutture cellulari e le loro funzioni parte 1 L involucro Appendici esterne: Le strutture cellulari e le loro funzioni

Dettagli

MFN0366-A1 (I. Perroteau) -traduzione e indirizzamento delle proteine. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita

MFN0366-A1 (I. Perroteau) -traduzione e indirizzamento delle proteine. Solo per uso didattico, vietata la riproduzione, la diffusione o la vendita MFN0366-A1 (I. Perroteau) -traduzione e indirizzamento delle proteine MFN0366-A1 (I. Perroteau) -traduzione delle proteine trna Traduzione: mrna -------> proteine mrna MFN0366-A1 (I. Perroteau) -traduzione

Dettagli

Composti organici. I composti organici. Atomi e molecole di carbonio. Atomi e molecole di carbonio. Gruppi funzionali. Isomeri

Composti organici. I composti organici. Atomi e molecole di carbonio. Atomi e molecole di carbonio. Gruppi funzionali. Isomeri I composti organici Atomi e molecole di carbonio Carboidrati Lipidi Proteine Acidi nucleici Composti organici Materiale composto da biomolecole - Formate in buona parte da legami ed anelli di carbonio.

Dettagli

Riassunto struttura DNA

Riassunto struttura DNA Riassunto struttura DNA Il nucleotide (unita monomerica del DNA): composto da uno zucchero pentoso, una base azotata e un gruppo fosfato (1-3) Il DNA e l RNA sono polimeri costituiti da nucleotidi uniti

Dettagli