Gli accordi di segretezza di know-how

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli accordi di segretezza di know-how"

Transcript

1 Gli accordi di segretezza di know-how Le forme di tutela giuridica del know-how aziendale non coperto da diritti di privativa industriale tra vecchia e nuova normativa. Gli accordi di segretezza: contenuto e soggetti coinvolti. La previsione della clausola penale per il caso di inadempimento. a cura di Elisabetta Marchesi* LA QUESTIONE Il know-how aziendale, anche quando non è coperto da diritti di privativa, gode di tutela giuridica? Il titolare di know-how gode di una protezione che si può concretizzare nell obbligo di segretezza per determinati soggetti? La tutela giuridica del know-how è tutela di natura reale? Quali sono i punti cardine di detta tutela in sede extracontrattuale e contrattuale e in questo ultimo caso quale è la struttura e quali sono i contenuti degli accordi di segretezza di know-how? INTRODUZIONE Il patrimonio conoscitivo aziendale c.d. know-how anche quando non è coperto da diritti di privativa, gode di una particolare forma di tutela giuridica. La legge, infatti, riconoscendo l importanza delle informazioni segrete, concede al titolare delle stesse una serie di forme di protezione, sia soggettiva, sia oggettiva che si concretizzano sostanzialmente nella previsione di una serie di fattispecie in cui è posto a carico di determinati soggetti un obbligo di segretezza. Affinché il know-how risulti protetto dalla legge, è necessario che esso, oltre a costituire un valore aziendale, sia mantenuto segreto. Con il termine know-how si ricomprende comunemente quell insieme di nozioni che integrano, migliorano e rendono applicabile la tecnica-tecnologia nota in un determinato settore e la cui sperimentata applicazione fa conseguire a chi la utilizza un migliore sfruttamento delle proprie capacità produttive e di business. Vi è da precisare che le singole informazioni che costituiscono il know-how aziendale possono essere anche già di pubblico dominio, tuttavia, il quid aggiuntivo consiste solitamente in una particolare combinazione delle predette informazioni tale da formare un patrimonio di per sé unico. In questi termini, il know-how può costituire un asset, suscettibile anche di una considerevole valutazione economica, che permette al titolare di poter disporre di un vero e proprio vantaggio competitivo nel proprio settore di riferimento. * Avvocato del Foro di Milano. 58

2 PROPRIETÀ INDUSTRIALE Perché queste informazioni godano di tutela, devono essere: informazioni tecniche, tecnologiche, finanziarie, di marketing o commerciali, sotto forma di relazioni, comunicazioni anche di carattere interno, studi, rapporti, elenchi, dati, tabelle, schede, tabulati e quant altro sia su supporto cartaceo, sia su supporto magnetico, ottico o magneto/ottico purché idonee a costituire un patrimonio di utilità aziendale; segrete in quanto difficilmente accessibili e sufficientemente protette da chi ne è il legittimo titolare. Onde rendere dette informazioni suscettibili di tutela è necessaria la buona fede e che il titolare ponga in essere un serio criterio di protezione delle stesse e una serie di procedure di sicurezza, clausole di riservatezza o di sicurezza, contratti di sicurezza, nonché di segretazione ecc. In altri termini, è necessario che l insieme organico di dette informazioni sia segreto e patrimonio proprio del relativo titolare. Regolamento Ce 31 gennaio 1996, n. 96/240 Art. 10, 1)-4) Convenzione dell Unione di Parigi sulla protezione della proprietà intellettuale resa esecutiva in Italia con il D.L. 10 gennaio 1926, n. 129 convertito con modifiche in legge 29 dicembre 1927, n Art. 10 bis R.D. 29 giugno 1939 n Legge invenzioni. Art. 6 bis D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30 Codice della proprietà industriale, a norma dell art. 15 della legge 12 dicembre 2002, n Art. 98 Informazioni segrete-oggetto della tutela Art. 99 Informazioni segrete-tutela Codice civile Art Obbligo di fedeltà Art. 2598, n. 3 Atti di concorrenza sleale Codice penale Art. 622 Rivelazione di segreto professionale Art. 623 Rivelazione di segreti scientifici o industriali LE NORME LA FATTISPECIE La nozione e il sistema di tutela del know-how e delle informazioni aziendali segrete sono ricavabili da una serie di norme nazionali e internazionali di varia natura. 59

3 Definizione di know-how Per meglio comprendere cosa s intende per informazioni segrete aziendali giova partire dalla definizione di know-how di cui all art. 10, 1)-4) del Reg. Ce n. 96/240, del 31 gennaio 1996, che definisce il know-how come «un insieme di informazioni tecniche segrete, sostanziali e identificate in una qualsiasi forma appropriata». In particolare: segreto : indica che l insieme del know-how, considerato globalmente o nella precisa configurazione e articolazione delle sue componenti, non è noto o facilmente accessibile; sostanziale : indica che il know-how include informazioni che possono essere utili, cioè offrire ragionevoli prospettive concorrenziali che ad esempio potrebbero attribuire un vantaggio nella concorrenza con altri produttori o fornitori di servizi che non hanno accesso al know-how segreto; identificato : indica che il know-how è descritto o fissato su un supporto materiale, in modo tale da permettere di verificare se esso possieda i requisiti della segretezza e della sostanzialità. Disciplina del segreto e concorrenza sleale Nel 1996, con il D.L. 19 marzo 1996, n. 198, la legislazione italiana si è adeguata, in materia di proprietà industriale, agli accordi internazionali TRIPs (Agreement on Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights, Including Trade in Counterfeit Goods) adottando una specifica disciplina del segreto esplicitamente inserita nella tematica della concorrenza sleale di cui all art. 2598, n. 3, c.c. Lo scopo di detti accordi internazionali era quello di garantire un trattamento uniforme nei singoli Stati contro gli atti concorrenziali che generano turbative del mercato. I TRIPs prevedono modifiche delle normative nazionali relative a specifiche materie quali: i marchi d impresa, le denominazioni di origine dei vini, le indicazioni geografiche, i brevetti per invenzione, i brevetti per modelli di utilità, i modelli ornamentali e le topografie dei semiconduttori. Con riferimento specifico alla normativa italiana, l art. 6 bis dell abrogato R.D. 29 giugno 1939, n (Legge invenzioni) stabiliva che: «Fermo il disposto dell art. 2598, n. 3, del Codice civile, costituisce atto di concorrenza sleale la rivelazione a terzi oppure l acquisizione o utilizzazione da parte di terzi in modo contrario alla correttezza professionale di informazioni aziendali ivi comprese le informazioni commerciali soggette al legittimo controllo di un concorrente ove tali informazioni: siano segrete, nel senso che non siano nel loro insieme, o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, generalmente note o facilmente accessibili agli esperti ed operatori del settore; abbiano valore economico in quanto segrete; siano sottoposte, da parte delle persone al cui legittimo controllo sono soggette, a misure da ritenersi ragionevolmente adeguate a mantenerle segrete. Costituisce altresì concorrenza sleale la rivelazione a terzi oppure l acquisizione o l utilizzazione da parte di terzi in modo contrario alla correttezza professionale di dati relativi a pro- 60

4 PROPRIETÀ INDUSTRIALE ve o di altri dati segreti la cui elaborazione comporti un considerevole impegno, e alla cui presentazione sia subordinata l autorizzazione dell immissione in commercio di prodotti chimici, farmaceutici o agricoli implicanti l uso di nuove sostanze chimiche». Questo articolo, ora sostituito dagli artt. 98 e 99 del Codice della proprietà industriale, poneva in essere principalmente due forme di tutela delle informazioni segrete. La prima si riferiva al comportamento dei terzi che, con atti contrari alla correttezza professionale, potevano venire a conoscenza di informazioni di un impresa, anche di tipo commerciale. Ciò costituiva atto di concorrenza sleale se aveva per oggetto informazioni: segrete che non dovevano essere generalmente note o facilmente desumibili da parte di un esperto del settore; ossia un insieme di informazioni di per sé note, singolarmente o in gruppi, ma organizzate in modo nuovo e non prima ipotizzato; suscettibili di un valore economico, e quindi fonte di potenzialità concorrenziali per il titolare, in quanto segrete; sottoposte a una tutela, adeguata onde mantenerle segrete, da parte di coloro che nell impresa le gestiscono e ne sono responsabili. La seconda forma di tutela si riferiva invece alla possibile rivelazione, acquisizione e/o utilizzazione da parte di terzi di dati relativi a prove o altri dati relativi a determinati prodotti quali ad esempio: studi, analisi delle carenze di un prodotto ecc. Ciò costitutiva atto di concorrenza sleale se detti dati erano il risultato di impegno di elaborazione, ovvero erano subordinati a una specifica autorizzazione per l immissione in commercio come ad esempio nel caso di prodotti chimici, farmaceutici o agricoli, implicanti l uso di nuove sostanze chimiche. L equiparazione alle privative industriali e intellettuali Come già anticipato, l art. 6 bis della legge invenzioni è stato trasfuso negli attuali artt. 98 e 99 c.p.i. i quali ne riprendono sostanzialmente il testo. Gli artt. 98 e 99 introdotti con il D.Lgs. 10 febbraio 2005, n. 30 Codice della proprietà industriale contemplano con riferimento alle informazioni segrete non solo una tutela ex art c.c. ma anche una tutela identica a quella garantita ai tradizionali diritti di privativa industriale. Quest ultima costituisce la principale, e anche sostanziale, novità introdotta dal Legislatore. Le informazioni segrete godono quindi secondo il nuovo dettato normativo dei medesimi diritti attribuiti dall ordinamento alle privative industriali e intellettuali (quali ad esempio: marchi, ditta, brevetti, modelli, denominazione d origine, pubblicità ingannevole, diritto d autore) con la sola differenza che mentre queste ultime sono descritte e rivendicate in un titolo di protezione, le informazioni segrete sono oggetto di protezione subordinatamente alla ricorrenza dei presupposti previsti e contemplati specificatamente dagli articoli in esame. L esigenza di politica legislativa di ricomprendere le informazioni segrete nel novero dei diritti esclusivi è stata valutata positivamente dal Consiglio di Stato il quale ha avuto già modo di precisare che detta esigenza è da ritenersi obbligata dall accordo TRIPs e in ogni caso «coerente con la sistematica dell ordinamento che ammette la pluralità di statuti giuridici della proprietà e dunque l esistenza di privative titolate e non titolate» (cfr. Parere del Consiglio di Stato del 25 ottobre 2004, n /04 2/04). A ciò si aggiunga che alcuni autori hanno ritenuto che la nuova forma di tutela reale delle informazioni segrete, prevista dagli artt. 98 e 99 c.p.i., debba necessariamente essere coor- 61

5 dinata con la tutela del preuso prevista dall art. 68, comma 3, c.p.c. la quale crea a favore di chi abbia utilizzato una invenzione non brevettata nel corso dell anno anteriore al deposito di una altrui domanda di brevetto un diritto di prosecuzione di tale uso. E infatti, viene riportato che: «come noto il preuso di una invenzione nel senso di accessibilità al pubblico dell invenzione rende la stessa priva del carattere di novità precludendone la relativa valida brevettabilità. Il preuso di una invenzione che resti comunque segreto, ossia tale da non comportare accessibilità al pubblico dell invenzione, preclude la brevettabilità della invenzione stessa ex art. 118 c.p.i. se l autore della domanda di brevetto ha comunque appreso l invenzione dal preutente. Viceversa, se il preuso è segreto e l autore della domanda di brevetto ha realizzato l invenzione indipendentemente dal preutente, la sua domanda di brevetto è legittima ed il preutente pur protetto dall art. 68 comma 3 c.p.i. (che attribuisce il diritto di proseguire l uso dell invenzione nonostante il brevetto altrui) perde la tutela dell art. 98 c.p.i. Questa ultima conseguenza è inevitabile perché non sembra possibile l esistenza sulla stessa invenzione ed in capo a soggetti diversi di una esclusiva brevettale e di una esclusiva ex art. 98 c.p.i.» (cfr. VANZETTI-DI CATALDO, Manuale di diritto industriale). La disciplina della concorrenza sleale nel Codice civile A integrazione dell intera disciplina dettata dal Legislatore con riferimento alle privative industriali (quali ad esempio: marchi, ditta, brevetti, modelli, denominazione d origine, pubblicità ingannevole, diritto d autore) vi è da segnalare il dettato di cui all art c.c. in tema di atti di concorrenza sleale. Detto articolo si riferisce a precise ipotesi di illeciti extracontrattuali e si differenzia dall art c.c. in quanto il primo accentua la funzione preventiva rispetto al secondo che è più idoneo ad assolvere una funzione repressiva. Giova, inoltre, precisare che l art c.c. è applicabile a soggetti aventi la qualifica di imprenditori fra i quali esiste un rapporto di concorrenza economica, indipendentemente dalla posizione che i detti soggetti rivestono essendo, per contro, rilevante la capacità dei medesimi di sviare la clientela a danno degli altri. L art. 2598, n. 3, c.c. disciplina le ipotesi residuali di concorrenza sleale non specificatamente previste dagli altri paragrafi dell articolo stesso. Detto articolo stabilisce che: «compie atti di concorrenza sleale chiunque ( ) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l altrui azienda». A differenza delle norme sopra esaminate, detto articolo tutela le informazioni aziendali solo in presenza di comportamenti professionalmente non corretti quali solitamente: sottrazione di segreti tramite un dipendente di impresa concorrente, di un consulente o di altro collaboratore (ad es.: il dipendente che comunica al concorrente atti riservati relativi al datore di lavoro); sottrazione di segreti mediante spionaggio industriale (ad es.: l appropriarsi di informazioni aziendali riservate trafugate illecitamente); sottrazione di segreti tramite storno di dipendenti (ad es.: l assunzione o la collaborazione di dipendenti altrui al solo fine di utilizzare le loro conoscenze tecniche, usate presso l altrui azienda); concorrenza dell ex dipendente nei confronti del precedente datore di lavoro, attuata mediante appropriazione e applicazione di notizie segrete di proprietà di detto datore di la- 62

6 PROPRIETÀ INDUSTRIALE voro (ad es.: il comportamento dell ex dipendente o agente che, cessato il rapporto, continui a rivolgersi agli abituali clienti offrendo i medesimi prodotti e omettendo qualsiasi comunicazione in merito alla cessazione del rapporto). L art c.c. prevede che solo in presenza di un comportamento sleale possa essere ravvisato e possa concretizzarsi un illecito; ciò comporta una fondamentale differenza tra la tutela di un segreto e quella derivante da una privativa industriale. Ciò che è importante rilevare è che il possesso di informazioni segrete non impedisce ai concorrenti, in linea di principio, di poterle utilizzare ma detto uso non deve concretizzarsi in una violazione dei principi di correttezza professionale. Pertanto, è lecito pervenire alle informazioni segrete di un concorrente attraverso propri studi e ricerche ed è, altresì, lecito desumere le conoscenze tecniche, tecnologiche, o altro, di un concorrente analizzando i prodotti, la pubblicità e quant altro si riferisce a detto concorrente anche smontando e/o sezionando il prodotto e, se del caso, effettuando analisi chimiche o fisico-chimiche. Tali comportamenti non sono di per sé illeciti ma possano diventarlo se ad esempio un determinato prodotto viene riprodotto pedissequamente (art. 2598, n. 1, c.c. imitazione servile) o se si interferisce con una privativa industriale di titolarità del concorrente, ovvero se si utilizzano fonti conoscitive non autorizzate dal concorrente. La tutela penale Per completezza si ricorda che vengono sanzionati penalmente i comportamenti lesivi del segreto professionale e del segreto industriale (artt. 622 e 623 c.p.). E in particolare, l art. 622 c.p. sanziona chiunque, avendo notizia, per ragione del proprio stato o ufficio, o della propria professione o arte, di un segreto, lo riveli, senza giusta causa, ovvero lo impieghi a proprio o altrui profitto, se dal fatto può derivare nocumento. La pena ivi prevista è aggravata se il fatto è commesso da amministratori, direttori generali, sindaci o liquidatori o se è commesso da chi svolge la revisione contabile della società. A integrazione di quanto previsto dal predetto articolo, l art. 623 c.p. sanziona chiunque, venuto a cognizione per ragione del suo stato o ufficio, o della sua professione o arte, di notizie destinate a rimanere segrete, sopra scoperte o invenzioni scientifiche, o applicazioni industriali, le riveli o le impieghi a proprio o altrui profitto. Infine, un obbligo di segretezza è previsto, ai sensi dell art c.c., nei confronti del dipendente, per la durata del rapporto di lavoro, prorogabile con un patto di non concorrenza: «Il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l imprenditore, né divulgare notizie attinenti all organizzazione e ai metodi di produzione dell impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio». Gli accordi di segretezza La tipologia di tutela offerta, soprattutto in passato, dal nostro ordinamento delle informazioni segrete ha reso talora indispensabile la stipulazione di particolari contratti detti accordi di segretezza. In tale caso, il titolare delle predette informazioni predispone una tutela di tipo contrattuale nei confronti di determinati soggetti pattiziamente determinati. 63

7 Gli accordi di segretezza vengono solitamente stipulati durante le trattative per la conclusione dei contratti di trasferimento di tecnologia. In tale modo, e per mezzo di detti accordi, il soggetto alienante impedisce che le informazioni segrete da comunicare necessariamente nella fase precontrattuale e durante l esecuzione del contratto non diventino di dominio pubblico. Gli accordi di segretezza vengono comunque stipulati anche nel caso di trasferimento di privative industriali brevettate. Ciò, in virtù del fatto che come spesso accade le comunicazioni tra i contraenti nella fase negoziale riguardino informazioni riservate, non contenute nei documenti brevettuali i quali peraltro rimangono segreti fino al momento della pubblicazione della privativa, che nel nostro Paese avviene, di regola, dopo 18 mesi dalla data di deposito della domanda di brevetto in Italia. La stipulazione di detti accordi legittima quindi, nella loro eventuale fase patologica, il titolare a far valere quanto previsto espressamente nell accordo di segretezza sottoscritto. In presenza di una responsabilità extracontrattuale, il danneggiato potrà far valere le sue ragioni in base a quanto disposto generalmente dall art. 2598, n. 3, c.c. e in particolare dalla normativa sopra esaminata. È comunque possibile che la responsabilità contrattuale concorra con la responsabilità extracontrattuale come nel caso in cui si stipuli un accordo di segretezza e una delle parti divulghi informazioni considerate segrete dall accordo. In questo caso vi è violazione sia contrattuale (responsabilità contrattuale) sia del divieto di concorrenza sleale (responsabilità extracontrattuale). Se, invece, l accordo di segretezza viene concluso tra imprese non concorrenti, nel caso in cui chi riceve divulghi informazioni considerate segrete dall accordo, informazioni che effettivamente lo sono, violerà l accordo e quindi dovrà rispondere solo per responsabilità contrattuale. Tali informazioni segrete divulgate non potranno però essere utilizzate solo dai concorrenti del primo soggetto contraente. Quindi, il terzo che le utilizzerà, se in malafede, potrà incorrere in responsabilità extracontrattuale a norma o dell art c.c., o degli artt. 98 e 99 c.p.i. Il soggetto danneggiato ha generalmente la possibilità di tutelare i propri diritti in sede ordinaria, cautelare e penale, a mezzo querela. Contenuto degli accordi di segretezza La struttura e i contenuti degli accordi di segretezza sono inevitabilmente connessi alla tipologia di know-how oggetto dell accordo medesimo. Negli accordi in questione è, innanzitutto, preponderante l aspetto meramente tecnico unito alla previsione di una adeguata clausola penale da applicare nell ipotesi in cui il cessionario venga meno all obbligo di confidenzialità. Detta clausola ha, oltre a una funzione deterrente, anche l utilità di determinare a priori tra le parti l importo dei danni causati dalla violazione dell obbligo di segretezza. Infatti, in caso di inadempimento il cessionario non sarà tenuto a dimostrare l an e il quantum del danno essendo applicabile la penale. Inoltre, onde non vanificare la lunga efficacia del segreto è opportuno che l obbligo di segretezza sussista non solo per il periodo di durata del contratto, ma anche per un periodo successivo alla sua risoluzione-cessazione. Alcuni dubbi potrebbero sorgere circa la validità di accordi che impongono sine die al licenziatario un obbligo di segretezza; pertanto, per essi dovrebbe essere previsto un limite temporale ragionevole. 64

8 PROPRIETÀ INDUSTRIALE I soggetti coinvolti Quanto ai soggetti tenuti all adozione di misure di garanzia della segretezza, vi è da segnalare che con detto termine si tende a far rientrare anche i soggetti diversi dal titolare dell impresa (dirigenti, commerciali, capi reparto ecc.) che è in possesso delle informazioni. Infatti, l espressione di cui all art. 98 c.p.i. «persone al cui legittimo controllo» fa sì che nella previsione legislativa rientrino anche coloro i quali ricevono le informazioni dal titolare dell impresa e che vengono da detto autorizzati a comunicarle a terzi, a loro discrezione, per le esigenze dell impresa. In tal caso, anche queste persone sono tenute all adozione di adeguate misure di garanzia nei rapporti con i terzi ai quali vengono comunicate legittimamente le informazioni segrete. La definizione della nozione di segreto LA GIURISPRUDENZA Con riferimento alle informazioni segrete aziendali è controversa in giurisprudenza la definizione della nozione di segreto. Nonostante talune decisioni richiamino restrittivamente l art. 623 c.p., l opinione prevalente tende a ricomprendere nella nozione di segreto, sia i veri e propri segreti industriali e commerciali, sia le notizie che l imprenditore non ritenga di mettere a disposizione del pubblico. Deve comunque trattasi di notizie che rivestano oggettivo rilievo, vertano su dati tecnici o commerciali e siano oggettivamente idonee a restare sconosciute a terzi. Sono state, altresì, ritenute segrete tutte le cognizioni dell impresa che non appartengono allo stato della tecnica. È invece irrilevante per la giurisprudenza il fatto che si tratti di notizie relative a trovati non brevettabili, ovvero di semplici conoscenze richieste per produrre un bene, per attuare un processo produttivo o per il corretto impiego di una tecnologia (know-how in senso stretto). La violazione dell obbligo di sicurezza In merito, invece, all eventuale violazione dell obbligo di segretezza, si precisa che la giurisprudenziale è concorde nel ritenere che la sottrazione dei segreti di un imprenditore concorrente costituisce atto di concorrenza sleale sia se attuata a mezzo spionaggio industriale, sia se attuata mediante informazioni rese da un dipendente infedele. ATTI DI CONCORRENZA SLEALE E TUTELA DEL KNOW-HOW Tribunale di Modena 15 luglio 1996 «Costituisce atto di concorrenza sleale, l appropriarsi di informazioni aziendali riservate, trafugate illecitamente» (Utet Giuridica Platinum, 2006). Tribunale di Orvieto 4 luglio 1996 «Costituisce concorrenza sleale l assunzione di dipendenti altrui o cercare la loro collaborazione al solo fine di poter utilizzare le loro conoscenze tecniche, usate presso l altrui azienda, con l effetto di permettergli l ingresso sul mercato prima di quanto gli sarebbe stato possibile in base ai propri studi e ricerche» (Utet Giuridica Platinum, 2006). Corte d Appello di Bologna 19 giugno 1995 «Costituisce atto di concorrenza sleale la sottrazione di segreti aziendali, come l elenco dei clienti e un procedimento di produzione an- 65

9 corché non validamente brevettato la cui messa a punto abbia richiesto una serie di accorgimenti e prove» (Utet Giuridica Platinum, 2006). «Il dipendente che comunica al concorrente atti riservati relativi al datore di lavoro sono imputabili al concorrente che se ne avvantaggia, salvo prova contraria» (Utet Giuridica Platinum, 2006). Tribunale di Vigevano 4 luglio 1994 Compie atto contrario alla correttezza professionale il socio di una società per azioni che sottragga all azienda sociale copie dei disegni dei macchinari prodotti dalla stessa, al fine di consentire ad altra azienda la produzione degli stessi (Utet Giuridica Platinum, 2006). Cassazione civ., Sez. I, 20 gennaio 1992, n. 659 Il contratto di know-how si deve ritenere ammesso nel nostro ordinamento giuridico a norma dell art c. c. anche nell ipotesi in cui le conoscenze non siano coperte da brevetto, perché, se è vero che, in questo caso, non sussistono ostacoli giuridici al loro conseguimento, è anche vero che il regime di segretezza cui esse sono sottoposte non consente a chi lo voglia di conseguirle se non sopportando i costi necessari (Giur. it., 1992, I, 1, 1021). Anche se il know-how in senso stretto non può essere qualificato come bene immateriale disciplinato dall ordinamento e nei suoi confronti non si può configurare un diritto soggettivo munito di tutela assoluta valevole erga omnes, il suo trasferimento contro corrispettivo non è sfornito di tutela giuridica ma, al contrario, realizza interessi intrinsecamente meritevoli di tutela perché attribuisce a colui che è privo del know-how stesso le conoscenze delle quali quegli necessita e gli consente, così, di superare una situazione di svantaggio economico, mentre priva il titolare della precedente situazione di superiorità produttiva e commerciale che costituiva per lui una fonte di ricchezza (Utet Giuridica Platinum, 2006). I requisiti della novità e della segretezza del know-how ricorrono quando, per un verso, le conoscenze comportino vantaggi di ordine tecnologico o competitivo sul piano della produzione o del marketing e, per altro verso, esse non siano di dominio comune ovvero non siano divulgate, la loro divulgazione presupponga un atto di concessione del divulgatore e i terzi possano acquisirle soltanto attraverso la predetta concessione oppure creandosele in via autonoma (Utet Giuridica Platinum, 2006). Tribunale di Verona 28 dicembre 1985 Non hanno natura riservata le liste di clienti di un impresa quando siano accessibili e, comunque, facilmente raggiungibili (contenute in cassetti privi di sistema di sicurezza) e quindi vi sia la possibilità concreta di contattare gli stessi anche a seguito di una semplice indagine (Giur. dir. ind., 1986, 307). Perché vi sia concorrenza sleale per violazione dell obbligo di riservatezza occorre che la notizia non sia facilmente conseguibile, anche all interno dell organizzazione, che le misure adottate a sua salvaguardia ne importino una peculiare qualificazione, che per i terzi ne sia preclusa o resa oltremodo difficoltosa l acquisizione (Giur. dir. ind., 1986, 307). Cassazione civ. 24 febbraio 1983, n Poiché, per ritenere compiuto un atto di concorrenza sleale, la legge ha riguardo all idoneità dell atto a danneggiare l altrui azienda, e non alla mera intenzione dell autore, il semplice fatto di avere scattato, in una fiera, fotografie di un prodotto altrui non ancora sul mercato è di per sé solo privo di potenzialità dannosa, ove non risulti che esso abbia avuto o abbia potuto avere il suo naturale seguito nello sviluppo del negativo, in quanto è evidente che solo attraverso questa ulteriore attività viene a realizzarsi la possibilità di conoscere e ritenere i particolari ancora riservati del prodotto del concorrente, studiarne le soluzioni tecniche ed estetiche adottate, e utilizzarne, in positivo o in negativo, i risultati (Giur. dir. ind., 1983, 34). Costituisce atto di concorrenza sleale anche lo spionaggio industriale e cioè la sottrazione con mezzi subdoli di segreti commerciali ed industriali che l impresa non desidera mettere a disposizione dei terzi concorrenti (Utet Giuridica Platinum, 2006). Per ulteriori approfondimenti dottrinali LA DOTTRINA AA.VV., Diritto Industriale e proprietà intellettuale e concorrenza, Giappichelli, 2005; MARCHETTI-UBERTAZZI, Commentario breve al diritto della concorrenza, Cedam,

10 PROPRIETÀ INDUSTRIALE SCUFFI-FRANZOSI-FITTANTE, Il Codice della proprietà Industriale, Cedam, 2005; VANZETTI-DI CATALDO, Manuale di diritto industriale, Giuffrè, LE CONCLUSIONI Facendo un bilancio di quanto sopra esposto, possiamo concludere che il know-how aziendale è tutelabile solo se trae valore economico dalla sua stessa segretezza. Ciò accade quando lo sfruttamento delle informazioni a esso connesse pone il titolare in una posizione privilegiata rispetto ai competitors. Detta posizione privilegiata è ovviamente di natura concorrenziale e si concretizza nella possibilità di mantenere e/o implementare quote di mercato che altrimenti potrebbero essere acquisite dai concorrenti. In altri termini, la protezione del segreto è legittima se e in quanto sia mirata alla protezione di valori organizzativi e di avviamento che trovano nel segreto stesso il loro punto di forza. Ciò che è importante rilevare è l assoluta novità introdotta dalla nuova normativa in materia di diritto industriale la quale garantisce al know-how una protezione di tipo reale erga omnes che consente al titolare di inibire a chiunque la relativa acquisizione e utilizzazione. A dette informazioni, così come i restanti diritti di privativa industriale, si applica infatti integralmente la disciplina del processo e delle sanzioni prevista dal capo terzo del Codice della proprietà industriale. Conseguentemente, la tutela reale delle informazioni riservate è stata considerevolmente rafforzata rispetto al passato (tutela di tipo obbligatorio) facendo del know-how un vero e proprio autonomo diritto di proprietà industriale. Con riferimento alla struttura ed ai contenuti necessari ed imprescindibili degli accordi di segretezza, vi è da rilevare che gli stessi sono inevitabilmente connessi alla tipologia ed all elemento tecnico proprio delle informazioni segrete e del know-how oggetto degli accordi medesimi. La migliore tutela contrattuale si realizza infatti stipulando preventivamente accordi di segretezza che determinino con chiarezza il contenuto delle informazioni segrete e che certifichino la volontà delle parti contraenti. Fac-simile di accordo di segretezza LA PRATICA Con la presente scrittura da vedersi a ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: <...>, con sede in <...>, via <...>, c.f. <...>, di seguito denominata <...>; <...>, con sede in <...>, via <...>, c.f. <...>, di seguito denominata il Contraente ; premesso che <...> possiede un know-how di particolare valore e altre informazioni relative al seguente prodotto: <...> (qui di seguito denominate collettivamente Informazioni ); 67

11 che il Contraente è interessato ad apprendere certi dettagli relativi al contenuto di tali Informazioni allo scopo di <...> per <...> alle condizioni da stabilirsi successivamente tra le parti; che il Contraente dichiara che le suddette informazioni non sono in suo possesso al momento della firma del presente accordo, e che per tale ragione egli desidera che gli siano comunicate alle condizioni sotto previste; si conviene e si stipula quanto segue: 1) <...> comunicherà al Contraente determinate informazioni nella misura ragionevolmente necessaria per consentire al Contraente di valutare l opportunità di concludere con <...> il contratto di cui in premessa; 2) si intende che le informazioni verranno comunicate al Contraente solo ai fini di valutazione precisati al punto 1. Pertanto, è inteso che senza la preventiva autorizzazione scritta di <...>, il Contraente non potrà divulgare, pubblicare o comunicare in alcun modo a terzi, direttamente o indirettamente, in toto o in parte, le informazioni, né potrà usarle, sfruttarle o disporne in proprio o tramite terzi. Nella valutazione delle informazioni, il Contraente prenderà ogni misura perché le stesse rimangano segrete, essendo inteso che, in caso di divulgazione non autorizzata da <...>, sarà a carico del Contraente l onere di provare di avere adottato tali misure. Il Contraente si impegna a rispettare con esattezza gli obblighi contemplati dal presente articolo 2, poiché si presume che la violazione degli impegni di segretezza contenuti nel presente accordo siano idonei a causare ingenti danni a <...>; 3) gli obblighi del Contraente previsti in questo accordo non cesseranno se non in riferimento a quelle specifiche parti delle informazioni che il Contraente possa dimostrare che erano già di pubblico dominio al momento della firma del presente accordo, o che lo sono diventate in seguito per fatto a lui non imputabile; 4) senza pregiudizio per gli obblighi di segretezza specificati al punto 2, il Contraente garantisce che gli obblighi previsti a suo carico nel presente accordo verranno rispettati anche dai propri soci, dipendenti, professionisti, subfornitori e da quanti altri, direttamente o indirettamente, possano comunque venire a conoscenza delle informazioni comunicate da <...> al Contraente; 5) per qualsiasi controversia eventualmente derivante o connessa al presente accordo sarà esclusivamente competente il Foro di <...>. Letto, confermato e sottoscritto a <...>, il <...> Ai sensi degli articoli 1341 e 1342 c.c. si approvano specificamente le clausole contenute ai punti 2), 3), 4), 5) della presente scrittura. 68

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

Per Non litigare. O per litigare bene

Per Non litigare. O per litigare bene Quando deve necessariamente comunicare le proprie i.s. a terzi, es.: ad un possibile cliente, per fargli capire il valore intrinseco di ciò che l impresa gli va ad offrire; ad un fornitore, per permettergli

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE In vigore dal 27 febbraio 2014 Articolo 1) Scopo del Regolamento 1.1. Il presente Regolamento, approvato all'unanimità dai Consorziati Fondatori, ha lo

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI

CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI CONTRIBUTORY INFRINGEMENT, CIRCOLAZIONE DI TECNOLOGIE FARMACEUTICHE E MERCATI INTERNAZIONALI Avv. Debora Brambilla Dottore di ricerca brambilla@iplawgalli.com Contributoryinfringement o contraffazione

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) 10 aprile 2006 Il testo del Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA. Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da

ACCORDO DI RISERVATEZZA. Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da ACCORDO DI RISERVATEZZA Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da quattro pagine, le parti (Nome ricercatore) nato/a a (Luogo) il (data di nascita),

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com

L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com L internazionalizzazione delle imprese attraverso il consignment stock. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com Tra i contratti d impresa, il consignment stock agreement, o più semplicemente

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Spett. Acqua Marcia Spa in liquidazione in c.p. Lungotevere Aventino n. 5 00153 Roma raccomandata P.E.C.: acquamarcia@legalmail.it Egregio Dott.

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi

Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI. GSS - a.a. 2010-2011 - Facoltà di Economia - UNIBA -Introduzione al diritto dei marchi Lezione 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO DEI MARCHI 1 FONTI Art. 15 L. 12 dicembre 2002 n. 273 Dlgs. n. 30/2005 Codice della proprietà industriale (modificato Dlgs 13 agosto 2010 n.131) 2 Il codice (c.p.i.) =

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1402 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAISI, SAGLIA Istituzione del marchio «Made in Italy» Presentata il 18 luglio 2006 ONOREVOLI

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

..., di seguito denominato/a anche CONSULENTE. premesso che:

..., di seguito denominato/a anche CONSULENTE. premesso che: CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE EX ART. 2230 C.C. La..., in persona del suo legale rappresentante, sig.., nato a.. ( ) il / /, con sede legale in. ( ), Via.., C.F. e P.IVA:.., di seguito

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Ing. Marco Camolese Sardegna Ricerche Cagliari, 8 maggio 2014 Ing. Marco Camolese Laureato in Ingegneria Elettronica (Politecnico di Torino)

Dettagli

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

QUESITO SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 169/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 luglio 2009 OGGETTO: Consulenza giuridica - Trattamento IVA applicabile alla gestione del patrimonio immobiliare. Art. 4, primo comma,

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Roma, 25 febbraio 2005

Roma, 25 febbraio 2005 RISOLUZIONE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 febbraio 2005 Oggetto: Istanza di interpello. X S.r.l. Deducibilità dei canoni derivanti da un contratto di sale and lease back avente

Dettagli

REGOLAMENTO DI DUE DILIGENCE

REGOLAMENTO DI DUE DILIGENCE l Unità NUOVA INIZIATIVA EDITORIALE SpA In liquidazione Sede Legale: Via Ostiense, 131/L 00154 Roma REGOLAMENTO DI DUE DILIGENCE Il presente documento stabilisce i termini e le procedure della due diligence

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

(eventuale) L ENEA è titolare del brevetto n.. dal titolo.. (di seguito, per

(eventuale) L ENEA è titolare del brevetto n.. dal titolo.. (di seguito, per CONTRATTO DI RICERCA IN COLLABORAZIONE i TRA XXX (nel seguito denominato..), con sede in. via., cap. 00195 Cod. Fisc... e P. IVA rappresentato da., in qualità di.. domiciliato per la carica presso la sede

Dettagli

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI DEL D. LGS. N. PRIVACY POLICY Le presenti linee programmatiche di condotta relative alla disciplina della riservatezza e della privacy (la Privacy Policy ) si riferiscono al sito www.vision- group.it ed hanno ad oggetto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003.

In ordine alla durata, si prendono in considerazione le due ipotesi previste dall art. 62, lett. a) del d. lgs. n. 276/2003. Nota esplicativa dello schema di contratto a progetto Lo schema di contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto prevede, nell ambito delle singole clausole, alcune soluzioni alternative

Dettagli

Accordi di riservatezza (interni ed esterni)

Accordi di riservatezza (interni ed esterni) Maria Teresa Saguatti Accordi di riservatezza (interni ed esterni) Parma, 24 settembre 2012 C o p y r i g h t S t u d i o T o r t a SOMMARIO Il valore del segreto e la necessità di tutelarlo Violazioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Deliberazione n 007/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 14 gennaio 2009, composta da: Bruno PROTA Aldo CARLESCHI Luca FAZIO Daniela

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale

CIRCOLARE n. 31 del 05 dicembre 2011. OGGETTO: Operazioni di cessione di ramo d azienda intervenute tra Enti di Formazione Professionale Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento Regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Il Dirigente Generale

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

Lezione XIV: Gestire le invenzioni

Lezione XIV: Gestire le invenzioni PROGETTO GEN HORT Lezione XIV: Gestire le invenzioni Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Società Italiana Breve0 Aprile Maggio 2014 Art. 65 CPI [ ] 5. Le disposizioni del presente articolo non si

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SEGRETERIA, AFFARI GENERALI, ECONOMICO-FINANZIARIO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 87 DEL 09/04/2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO SERVIZIO

Dettagli

2: modificazione delle disposizioni legislative di cui all articolo 3 della Legge 27. Domanda 4: Risposta 4:

2: modificazione delle disposizioni legislative di cui all articolo 3 della Legge 27. Domanda 4: Risposta 4: Procedura di selezione per l'affidamento in concessione della gestione del gioco del Bingo (art. 1, commi da 636 a 638, della L. 27 dicembre 2013 n. 147, pubblicata nella G.U. n. 302 del 27 dicembre 2013

Dettagli

LEZIONE 30 ottobre 2013

LEZIONE 30 ottobre 2013 1 LEZIONE 30 ottobre 2013 FACTORING NOZIONE > è il contratto in forza del quale il factor (cessionario), solitamente un impresa, si impegna ad acquistare da un imprenditore, per un certo periodo (cedente

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SLOVACCHIA CONTRATTI COMMERCIALI IN SLOVACCHIA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia in Slovacchia La disciplina degli art. 577 e seguenti del Codice commerciale slovacco regola un contratto

Dettagli

I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA

I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA ANCE- Direzione Legislazione Opere Pubbliche CAGLIARI, 27 SETTEMBRE 2013 1 LA FORMA DEI CONTRATTI ART. 11 CODICE, comma 13 - prima Il contratto è stipulato mediante atto

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA Spettabile Avi Handling Srl Caselle di Sommacampagna Verona Oggetto: Procedura ristretta per la selezione a socio di minoranza della società Avio Handling

Dettagli

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013

Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Circolare N.108 del 28 Giugno 2013 Lavoro a chiamata. Dal 3 luglio entrano in vigore le modalità di comunicazione on line e per sms Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che sono state

Dettagli

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006

RISOLUZIONE N. 124/E. Roma 07 novembre 2006 , Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 124/E Roma 07 novembre 2006 Oggetto: Istanza di interpello Articolo 152 del Testo Unico delle Imposte sul Reddito, approvato con Decreto del

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

DATA 2010 NON DISCLOSURE AGREEMENT

DATA 2010 NON DISCLOSURE AGREEMENT DATA 2010 (1) BUSINESS ANGEL (2) NEWCO NON DISCLOSURE AGREEMENT Descrizione sommaria dell operazione di investimento. In questo format si è inteso raffigurare a titolo di esempio un operazione di investimento

Dettagli

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013

LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 LEZIONE 4 DICEMBRE 2013 Società in nome collettivo ( s.n.c. ) La società in nome collettivo (s.n.c.) costituisce il modello di organizzazione societaria che si presume normalmente adottato per l esercizio

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE La Commissione Paritetica istituita ai sensi della dichiarazione a verbale n. 1 in calce all articolo 60

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

Avv. Rossella Masetti

Avv. Rossella Masetti Ufficio di Modena: Via M. Vellani Marchi, 20 Tel: 059 2965 Fax: 059 29232 Email: masetti@bugnion.it www.bugnion.it Avv. Rossella Masetti Email: masetti@bugnion.it Gli intangibles: inquadramento giuridico,

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE

Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE Glenalta Food S.p.A. PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELL OPERAZIONE RILEVANTE PREMESSA La presente procedura regola il processo decisionale di Glenalta Food S.p.A. ( Glenalta Food o la Società ) al fine di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ dott.ssa Sandra Salvador Ufficio Trasferimento Tecnologico Ripartizione Ricerca Università degli Studi di Udine 1 Documenti di riferimento Annex II

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli