L educazione in dialisi: il coinvolgimento del paziente nella scelta della terapia. Sonia Pasquali Reggio Emilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L educazione in dialisi: il coinvolgimento del paziente nella scelta della terapia. Sonia Pasquali Reggio Emilia"

Transcript

1 L educazione in dialisi: il coinvolgimento del paziente nella scelta della terapia Sonia Pasquali Reggio Emilia

2 End-stage renal disease (ESRD) is almost unique in that patients may choose (and can later change) their treatment modality, if there are no contraindications. Covic A at al NDT Plus 2010; 3:

3 Benefits of Renal Replacement Therapy Option Education: Proven benefits of Renal replacement therapy option education include: reduced urgent dialysis starts, reduced time spent in hospital and improved resource utilization [1]; earlier placement of permanent vascular access or peritoneal catheter [2]; a greater likelihood of choosing a self-care modality [3]; extended time to requiring dialysis [4]; improved adherence [5]; reduced anxiety and fear [6]; and reduced mortality [7]. These benefits lead to considerable cost savings [1]. 1. Levin A et al. Am J Kidney Dis 1997; 29: Lindberg JS et al. Nephrol News Issues 2005; 19: 35 36, Manns BJ et al. Kidney Int 2005; 68: Devins GM et al. Am J Kidney Dis 2003; 42: Tourette-Turgis C et al. Nephrol Ther 2013; 9: Gutierrez Vilaplana JM et al. J Ren Care 2009; 35: Wu IW et al. Nephrol Dial Transplant 2009; 24:

4 ...cosa ci dicono le linee guida?

5 ...cosa ci dicono le linee guida? Covic NDT 2010

6 ...cosa ci dicono le linee guida? Le seguenti condizioni NON dovrebbero esser considerate controindicazioni alla PD Nessuna preferenza tra CAPD e APD La scelta dovrebbe esser guidata dalla scelta del paziente Covic NDT 2010

7 ...cosa ci dicono le linee guida? Transizione tra PD e HD e Viceversa Covic NDT 2010

8 Hingwala et al, NDT 2013

9 Hingwala et al, NDT 2013

10 Lack of information: Eleven of 18 studies reported that patients or their carers did not have the information they wanted on treatment options, regardless of whether transplantation, dialysis, or palliative care was preferred; Family members of patients were especially concerned about their lack of knowledge of the different treatments available and the practicalities in managing each treatment. Morton et al, BMJ 2010

11 Sources of patient information - CEAPIR Survey vanbiesen et al, PLOSone 2014

12 Sources of patient information - CEAPIR Survey vanbiesen et al, PLOSone 2014

13 Maintaining lifestyle: The medical outcomes of treatment were considered less important than the effect of the treatment on the patient s lifestyle that is, patients were less concerned about their longevity than they were about their quality of life. Treatment choices were based on minimizing disruption to usual activities, upholding responsibilities, and maintaining personal interests. Examples of this included the ability to continue working, maintain a social life, or care for grandchildren. Morton et al, BMJ 2010

14 Peer influence: Peer influence was a powerful and persuasive method for patients to gain knowledge of their treatment options. Meeting other patients and listening to their experiences helped patients and their carers to conceptualise the reality of dialysis and transplantation. Peers may have been more influential than clinicians in decision making. Morton et al, BMJ 2010

15 Timing of information: Ten studies reported the importance of the timing of information on treatment options. Patients recounted being too unwell to take in the information presented or too rushed into making a decision without having time to discuss the options with their families. Information about kidney transplantation was commonly introduced to patients after dialysis had been established. For some patients information about treatment options came after undergoing surgery for vascular access. Morton et al, BMJ 2010

16

17 Concetto Ideale di Cura integrata Mendelssohn, PDI 2002

18 il progetto PIRP della REGIONE EMILIA ROMAGNA : PREVENZIONE INSUFFICIENZA RENALE PROGRESSIVA Iniziativa concepita negli anni 2002 e 2003 su proposta dei Nefrologi della Regione e che aveva come: Obiettivi Far fronte all epidemia crescente dei soggetti affetti da Malattia Renale Cronica Favorire il tempestivo referral al nefrologo in modo da rallentare l evolutività dell IR e il peso delle complicanze Dar vita ad un registro di carattere epidemiologico

19 Attività del registro PIRP, ripartita negli anni Visite Pazienti M=64.7% F=35.3% Anno di attività

20 Consistenza del Registro al Totale registrati al Prevalenti al Totale pazienti Nefro-Bo- Malpighi Nefro-Bo- S. Orsola Nefro-Carpi Nefro-Cesena Nefro-Ferrara Nefro-Forlì Nefro-Imola Nefro-Modena Nefro-Parma Nefro-Piacenza Nefro-Ravenna Nefro-Reggio Emilia Nefro-Rimini Maggiore BO 90 44

21 Distribuzione per classi VFG dei pazienti incidenti anno a 3b 4 5 VFG all'ingresso, n=1491

22 Distribuzione pazienti per classe d età e genere Distribuzione pazienti per sesso e classe d'età Maschi Femmine < e più Prevalenti (n=10448) - Età attuale dei pazienti

23 Principali nefropatie di base in tutti i pazienti Nefroangiosclerosi - Nefropatia IRC da causa sconosciuta Diabete Pielonefrite e nefropatie inters 5.34 Glomerulonefriti Rene policistico Patologie malformative congenite 0.40 Mieloma o Amiloidosi IRC correlata a trapianto IRC su base ereditaria Diagnosi nefropatia all'ingresso in PIRP, n=15585

24 Il progetto PIRP non è uno studio di popolazione, nè un protocollo di studio, ma un progetto con una forte valenza clinico-assistenziale, e si avvale della stretta collaborazione con i MMG e altri specialisti. E basato sul concetto del quality improvement. Il progetto è rivolto alle persone a cui viene riscontrata una MRC o che sono a rischio di svilupparla, affinché siano precocemente identificate e indirizzate ai nefrologi. Le 13 UO di Nefrologia della Regione hanno organizzato degli ambulatori espressamente dedicati alla diagnosi e cura della MRC. Per I MMG sono stati fatti specifici corsi di formazione. I dati anagrafici,clinici,biochimici dei pazienti con MRC accertata (da > 3 mesi) vengono inseriti in un Registro informatizzato, che viene aggiornato ad ogni visita ed è alimentato da tutte le 13 UO che aderiscono al progetto.

25 Ambulatori di Nefrologia ASMN-USL 2500 MMG N visite Amb. IRC Amb. PIRP Amb. Nefrologia Generale Amb. PIRP VFG ml/min >30 <60 Amb. IRC VFG ml/min <30 PERCORSO per le PERSONE AFFETTE DA MALATTIA RENALE CRONICA PROGRESSIVA Da dove arrivano i pazienti follow-up IRC (VFG tra 60 e 12 ml/min) allestimento accesso per dialisi (VFG <12 ml/min) inizio dialisi (VFG < 8ml/min) Reparto Degenza T Amb. Glome- rulonefriti Amb. Ipertensione Amb. Divisionale e vari Amb. dedicati ALP consulenze Cosa si fa? diagnosi e terapia della nefropatia di base AMBULATORIO IRC IRC Cosa si può fare? Rallentare la progressione della nefropatia; prevenire e correggere le co-morbidità; effettuare un percorso educazionale volto alla scelta dialitica Predialisi HD Predialisi PD HD DP accesso pianificato alla dialisi Cosa si fa? Creazione dell accesso vascolare per dialisi o posizionamento del catetere per la Dialisi Peritoneale; sorveglianza e cura dell accesso vascolare o peritoneale R A P I A N T O Amb. PREDIALISI VFG ml/min <15 98 pazienti

26 PIRP: CRITICITA DI PERCORSO 1 AUDIT Nefrologi-MMG Bagnolo, Dicembre 2011 Visite PIRP (125 visite) (78%) Esami mancanti (40%) Esami datati (21%) Late referral (GFR<30ml/min) (15%) Età (>85 anni) (5%) Invio solo per inserimento Registro Adeguatezza Prescrittiva (osservazione per 3 mesi: luglio-settembre-ottobre 2011) Correttivi Visite nefrologiche urgenti (62 visite) (60%) priorità non corretta 0522/ / Visita Urgente Differita (7 giorni) 2 AUDIT MMG-Nefrologi Adeguatezza di refertazione 2012

27 Conservative treatment

28

29 NDT 2006 Jama 2012

30 Ambulatorio Pre-dialisi (VFG <15 ml/min) Totale pazienti 115 N % Età media (anni) 74 / Pre-DP Pre-HD Tr. Conservativo 55 48

31 Score Index di inserimento nel Trattamento Conservativo Fattori di Rischio Punti Scompenso cardiaco congestizio 2 Aritmie 1 Vasculopatia periferica 2 Deterioramento cognitivo 3 Totale dipendenza per i trasferiementi 3 Diabete 1 Epatopatia 1 Ipoalbuminemia 2 Punteggio di Entrata 9 French Rein Registry modificata

32 Trattamento Conservativo Nostra casistica Score 9 Totale Pazienti % Età media (anni) 88 (76-93) / Creat. media mg/dl (VFG medio ml/min) 4,4 (12,4) / Care giver % Dipendenza per i trasferimenti % Scompenso cardiaco congestizio 9 36 % Aritmie % Vasculopatia periferica % Deterioramento cognitivo % Diabete % Epatopatia 4 16 % Ipoalbuminemia 2 8 %

33 Registro Regionale Emiliano-Romagnolo di Dialisi e Trapianto (RER-DT)-2011 Fascia di età (anni) % sul totale dei decessi con età dialitica <12 mesi < % % > % Popolazione incidente in emodialisi Reggio Emilia Totale 143 Score> 9 33 (23%) Decessi < 12 mesi 21 (64%)

34 Innovazione modelli assistenziali Ambulatorio Trattamento Conservativo Infermiere dedicato Care giver Paziente uremico fragile 34

35 Ambulatorio Trattamento Conservativo (ruoli) Infermiere dedicato: condivide con il nefrologo (care giver, paziente, MMG) la selezione del paziente ambulatorio settimanale con 2/4 accessi monitoraggio parametri vitali monitoraggio esami laboratoristici educazione dietetico-terapeutica interazione/supporto care giver (famiglia) report ambulatoriale interno e MMG organizza supporto assistenziale/psicologio (?) follow-up telefonico breefing mensili con il nefrologo Nefrologo: selezione del paziente condivisa (infermiere, MMG, paziente, care giver) 1 accesso ambulatoriale con infermiere dedicato breefing mensili con infermieri dedicati Paziente/care giver: responsabile/coinvolto nella cura con follow-up ogni 2 mesi

36 Gestione integrata delle patologie croniche Programmi attivi nei NCP e nelle CdS: diabete scompenso cardiaco insufficienza respiratoria e BPCO insufficienza renale cronica TAO patologie psichiatriche minori pazienti cronici ad alto rischio di ospedalizzazione Nel 43% delle CdS sono presenti sistemi di monitoraggio attivo dei pazienti (sistemi di recall, follow up telefonico, counselling infermieristico ambulatoriale e domiciliare, case management per pazienti complessi)

37 Ambulatori di Nefrologia ASMN-USL PIRP Correggio 2010 PIRP Montecchio 2010 PIRP Guastalla 2010 Ambulatorio IRC Ambulatori Infermieristici per la cronicità Infermiere Dietista PIRP ASMN 2006 Cure palliative Nefrologo Specialisti Cure palliative Hospice Un unica casa PIRP Castelnovo ne Monti 2010 PIRP Scandiano 2010 Assistenza Domiciliare Integrata

38 CEAPIR Survey

39 CEAPIR Survey

40 Patient perspectives on informed decision-making on dialysis initiation Song et al, NDT 2013

41 Patient perspectives on informed decision-making on dialysis initiation Some patients might not be receiving all the information they need about renal replacement therapy options for ESKD and the limited likelihood that dialysis has for restoring health or prolonging life. We found that many patients did not have much understanding of dialysis prior to their decision even in the absence of urgency. Interventions to promote effective communication to help patients understand that the decision to initiate dialysis is complex and requires significant trade-offs are solely needed. Song et al, NDT 2013

emodialisi o dialisi peritoneale

emodialisi o dialisi peritoneale IV Corso teorico-pratico Nefrologia Interventistica Roma 6,8 Maggio 2013 Scelta del tipo di trattamento: emodialisi o dialisi peritoneale A.R. Rocca U.O.C Nefrologia e Dialisi Azienda Policlinico Umberto

Dettagli

L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP. Angelo Rigotti

L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP. Angelo Rigotti L ambulatorio della CKD: l esperienza dell Emilia Romagna col progetto PIRP Angelo Rigotti Berloco Pasquale Brizzi Franco Canu Giuseppe Capasso Giovanbattista Costa Alessandro Nanni Dell Aquila Roberto

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO

IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO IL PROGETTO DI SVILUPPO DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA MG NASINI, C.SCHELOTTO, P.RUSTIGHI, A.PRATO Perché un sistema di qualità in Nefrologia? aiutare a valorizzare quello che di logico, valido

Dettagli

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo

Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Percorso assistenziale del paziente diabetico con insufficienza renale: ruolo del Nefrologo Convegno Regionale AMD-SID Bologna 6 Novembre 2009 Marco Ricardi UO Nefrologia e Dialisi Ospedale Guglielmo da

Dettagli

LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA

LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA LO STAFF NEFROLOGICO E IL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA F.MANESCALCHI GIORNATE MEDICHE SANTA MARIA NUOVA 2013 QUALI SONO I TRATTI PSICOLOGICI DEL PAZIENTE CON MALATTIA RENALE CRONICA? COSA CI DICONO

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa NEFROLOGIA E DIALISI PEDIATRICA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione L équipe sanitaria multidisciplinare, composta da 6 medici strutturati,

Dettagli

Linee organizzative e percorso assistenziale

Linee organizzative e percorso assistenziale REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO DEL DIRITTO ALLA SALUTE E DELLE POLITICHE DI SOLIDARIETA Area servizi sanitari territoriali e percorsi assistenziali Commissione regionale per l assistenza

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20

Casa della Salute di San Secondo Parmense. - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 L - SPI CGIL - Funzione Pubblica CGIL ( Brescia 24 giugno 20 i presupposti Per portare a compimento il sistema delle cure primarie, la RER ha progettato la realizzazione delle Case della Salute ( CdS ),

Dettagli

L impegno della Regione per le. il piano di prevenzione della Regione

L impegno della Regione per le. il piano di prevenzione della Regione Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona

La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona La gestione integrata della malattia diabetica centrata sulla persona L assistenza integrata alla persona con diabete tra Ospedale e Territorio: il punto di vista del diabetologo Valeria Manicardi UIMD

Dettagli

L insufficienza renale cronica

L insufficienza renale cronica L insufficienza renale cronica appunti di epidemiologia Bibbiena 18-09-2010 Update sugli endocrine disruptors e le alterazioni della differenziazione sessuale Le origini embrio-fetali delle malattie endocrinometaboliche

Dettagli

Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001

Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001 Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 21 n. 6, 2004 / pp. 561-567 Fatti, Opinioni e Altro Registro Italiano Dialisi e Trapianto. Esperienza 1996-2001 F. Conte, per la Commissione Nazionale Registro Italiano

Dettagli

QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE

QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE GiornaleItaliano di Nefrologia / Anno 27 n. 3, 2010 / pp. 290-295 RICERCA QUALITÁ DI VITA E ASPETTI PSICOLOGICI DELL ANZIANO UREMICO IN TRATTAMENTO DIALITICO: CONFRONTO TRA EMODIALISI E DIALISI PERITONEALE

Dettagli

ASSISTENZA EMODIALITICA MEDIANTE SISTEMA DI TELEMEDICINA SU DATABASE DIPARTIMENTALE INTEGRATO.

ASSISTENZA EMODIALITICA MEDIANTE SISTEMA DI TELEMEDICINA SU DATABASE DIPARTIMENTALE INTEGRATO. ASSISTENZA EMODIALITICA MEDIANTE SISTEMA DI TELEMEDICINA SU DATABASE DIPARTIMENTALE INTEGRATO. L organizzazione dei servizi attualmente erogati per i soggetti nefropatici cronici nella ULSS 6 è stata allargata

Dettagli

Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi Italiani. Veneto - Friuli Venezia Giulia - Trentino Alto Adige

Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi Italiani. Veneto - Friuli Venezia Giulia - Trentino Alto Adige Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 23 n. 2, 2006 / pp. 182-192 Ricerca di Risultato, Qualità, Epidemiologia e Statistica Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi Italiani. Veneto - Friuli

Dettagli

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale

l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Esperienze di cure primarie l innovazione 2.0 nell assistenza territoriale Centrale operativa territoriale: strumento di integrazione della filiera assistenziale Bologna, 31 marzo - 1 aprile 2014 Maria

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni

Molte informazioni Insufficienza renale e diabete Maurizio Gallieni Insufficienza renale e diabete Molte informazioni Maurizio Gallieni U.O. Nefrologia e Dialisi A.O. Ospedale San Carlo Borromeo, Milano Medscape 21/9/2012 ASN September 2012 examine the relationship of

Dettagli

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità

Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Congresso Regionale Congiunto SID - AMD Padova 25 novembre 2006 Il Diabete nel Veneto. Epidemiologia, morbidità e mortalità Paolo Spolaore Scenario Contesto demografico crescente invecchiamento della popolazione

Dettagli

NEFROLOGIA E DIALISI. i v. OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo Ancarani

NEFROLOGIA E DIALISI. i v. OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano DIPARTIMENTO MEDICO. Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo Ancarani NEFROLOGIA E DIALISI DIPARTIMENTO MEDICO G a d i u i a i z i v r se OSPEDALE DI SESTRI LEVANTE Quinto piano Responsabile Dipartimento Medico: Marco Scudeletti Responsabile S.C. Nefrologia e Dialisi: Paolo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI. Ospedale S. Martino - Belluno. Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi

CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI. Ospedale S. Martino - Belluno. Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi CARTA DEI SERVIZI UNITÀ OPERATIVA DI NEFROLOGIA E DIALISI Ospedale San Martino Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura Ospedale S. Martino - Belluno Unità operativa/servizio

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

L Infermiere della Riabilitazione

L Infermiere della Riabilitazione L Infermiere della Riabilitazione 5 marzo 2008 dott. Marco Martinelli RIABILITAZIONE: oggetto misterioso? La riabilitazione è tutto quanto consente un recupero - anche parziale - della funzione compromessa

Dettagli

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013

La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto. Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 La centrale operativa nell organizzazione del nuovo Distretto Incontro CARD San Bonifacio 13 XII 2013 Dalla multidimensionalità al Riconoscimento di Interdipendenze.interconnessioni Nodi e non solo RISOLVERLI

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo

La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo AZIENDA USL 2 LUCCA Corso di aggiornamento La malnutrizione nell anziano: interventi di prevenzione e controllo Capannori, 25 maggio 2013 I percorsi di valutazione dell anziano Dott. Marco Farnè Responsabile

Dettagli

Corso di Aggiornamento

Corso di Aggiornamento Corso di Aggiornamento APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA DELLA ECOTOMOGRAFIA IN NEFROLOGIA F. Petrarulo (S.C. di Nefrologia e Dialisi ASL BA-Osp. Di Venere ) 30 Giugno 2007 Auditorium Ordine dei Medici Quando

Dettagli

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco.

Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Heart Failure History Esperienze nella gestione ambulatoriale dello scompenso cardiaco. Mauro Feola Riabilitazione Cardiologica-Unita Scompenso Cardiaco Ospedale di Fossano e Mondovi (CN) Gheorgiade Comparazione

Dettagli

Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi italiani. Piemonte - Liguria - Valle d Aosta

Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi italiani. Piemonte - Liguria - Valle d Aosta Giornale Italiano di Nefrologia / Anno 22 n. 4, 2005 / pp. 354-364 Ricerca di Risultato, Qualità, Epidemiologia e Statistica Censimento 2004 dei Centri di Nefrologia e Dialisi italiani. Piemonte - Liguria

Dettagli

L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO

L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO G Ital Nefrol 2010; 27 (5): 522-526 RICERCA L ACCESSO VASCOLARE PER DIALISI SU VASI NATIVI NEL PAZIENTE DIABETICO: ESPERIENZA DI UN SINGOLO CENTRO Paola David, Carlo Navino, Federica Capurro, Andreana

Dettagli

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari

PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER Progetto Sperimentale: dati preliminari VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 16 novembre 2012 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI PER PAZIENTI CON DEMENZA E LORO CAREGIVER

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Linkage tra Database Sanitari

Linkage tra Database Sanitari Workshop La Drug Utilization attraverso i Database Amministrativi Linkage tra Database Sanitari Valutare il peso delle comorbilità Verificare l effectiveness dei trattamenti Supportare ipotesi di ricerca

Dettagli

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1

Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Allegato V - Modello per la Presentazione dei Programmi di Tirocini/Stage 1 Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula 1. Soggetto Proponente (Operante in

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7

LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 SANITARIO REGIONE SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N.7 09013 CARBONIA (Carbonia Iglesias) LE REGOLE PRESCRITTIVE DELLA ASL 7 Centralità del cittadino nei percorsi sanitari 1 CORRETTO USO DEL RICETTARIO

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness

La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness Seminario SINDIS Roma 15 Giugno 2004 La capacità del sistema sanitario di rispondere alle aspettative dei cittadini Health system responsiveness Il razionale Oltre il miglioramento della salute e l assicurare

Dettagli

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza

Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Gli strumenti di appropriatezza infermieristica nelle cure domiciliari e gli esiti sensibili all'assistenza, presentazione di un'esperienza Laura Tibaldi, Tiziana Lavalle Lo sviluppo del ragionamento Caratteristiche

Dettagli

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco

Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco CONSENSUS CONFERENCE Milano 21 settembre 2005 Organizzazione gestionale e Modelli assistenziali per la cura dello Scompenso Cardiaco Gruppo Organizzazione e Modelli Gruppo di lavoro - Andrea Mortara (ANMCO)

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM

La dieta in terapia conservativa. La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza. La dieta ipoproteica nell era dell EBM La dieta in terapia conservativa La dieta in terapia conservativa: rassegna dell evidenza Giorgio Bedogni Unità Fegato e Nutrizione, Centro Studi Fegato, Basovizza Rallentare la progressione dell insufficienza

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Il punto di vista del Medico di famiglia

Il punto di vista del Medico di famiglia Comprendere e tutelare i diritti dei pazienti con BPCO Il punto di vista del Medico di famiglia G. Bettoncelli Il malato è padrone e colui che lo assiste è suo servitore Antica Regola dell Ospedale Santo

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

Il percorso formativo Presentazione delle esperienze prodotte

Il percorso formativo Presentazione delle esperienze prodotte SPEDALI CIVILI DI BRESCIA AZIENDA OSPEDALIERA Progetto Chronic Care Model(CCM) Convegno Il paziente cronico in ospedale: potenzialità dell educazione terapeutica Il percorso formativo Presentazione delle

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Web 2.0 per guadagnare salute

Web 2.0 per guadagnare salute Web 2.0 per guadagnare salute Eugenio Santoro Laboratorio di Informatica Medica Dipartimento di Epidemiologia Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Il web 2.0 - La definizione forse più corretta

Dettagli

XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica

XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica XII Riunione annuale del Registro Dialisi del Lazio Dati preliminari dello studio sull accesso alle cure nefrologiche in fase predialitica Anteo Di Napoli Roma, 21 novembre 2005 Razionale dello studio

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale

I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione III - Creare la rete territoriale per la continuità assistenziale: modelli organizzativi I modelli organizzativi per la continuità assistenziale Prevenire

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo

Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Progetto per l attuazione della Sanità d iniziativa nel territorio dell azienda USL 8 Arezzo Premessa Il PSR 2008-2010 prevede lo sviluppo della sanità d iniziativa, intesa come nuovo approccio organizzativo

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA FUNZIONE RENALE NELLA PRATICA CLINICA Andrea MAGNANO Dirigente Nefrologo UOC Medicina Interna Ospedale Santa Maria di Borgo Val di Taro Azienda USL di Parma DEFINIZIONE THE

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e

RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA 1 : è quello di aiutare gli individui e Progetto scompenso Infermiere di Famiglia Dal documento HEALTH 21 OMS 1998: obiettivo XV L integrazione del settore sanitario In molti stati membri è necessaria una maggiore integrazione del settore sanitario

Dettagli

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI

RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio. Fabio SAMANI RIFORMA AZIENDE SANITARIE, DISTRETTI E INTEGRAZIONE: MODELLO SACILE. Più salute e servizi sul territorio Fabio SAMANI RESPONSABILE NAZIONALE AREA DELLA RICERCA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA GENERALE Il

Dettagli

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata

Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata MEDICINA PRATICA < 57 Il «Progetto Diabete» della provincia di Modena risultati del progetto di gestione integrata Nella Provincia di Modena la Gestione Integrata del Diabete Mellito è in atto dal 1998

Dettagli

MALATTIE RENALI RARE

MALATTIE RENALI RARE NEFROLOGIA, DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA, GENOMICA CARRARA 23 OTTOBRE 2014 MALATTIE RENALI RARE M. Francesca Egidi Domenico Giannese U.O. Nefrologia Trapianti e Dialisi Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Indicatori territoriali: Risultati

Indicatori territoriali: Risultati Direttore: Fernando Antonio Compostella Convegno Indicatori di Qualità del Servizio Sanitario nella Regione Veneto Indicatori territoriali: Risultati Roberto Turra Mestre, 30-11-2006 Contenuto Definizione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICO-OSTETRICHE E SCIENZE UROLOGICHE CURRICULUM DIDATTICO-SCIENTIFICO-ASSISTENZIALE DEL PROF. ANNA RITA D ANGELO DATI PERSONALI Nome e Cognome Annarita D Angelo Luogo e

Dettagli

Cergas, Università Bocconi

Cergas, Università Bocconi Cergas, Università Bocconi Gruppo Cure Primarie e Servizi Territoriali: F. Longo, E. Vendramini, V. Tozzi, E. Corsalini, S. Tasselli, D. Salvatore, P. Armeni A. Compagni amelia.compagni@unibocconi.it Case

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure

Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure Congresso Nazionale AICM Riccione 25 ottobre 2013 Le Reti Assistenziali e il Case Management per favorire la continuità di cure L Ambulatorio Infermieristico Cardiologico Territoriale Donatella Radini

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e

Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e Benchmarking della gestione integrata del diabete ed altre malattie croniche: progetto esecutivo CCM-ISS Sistema per l integrazione delle cure e dell assistenza per le persone con malattie croniche Roberto

Dettagli

CENSIMENTO SIN 2008: IL LAVORO DEL NEFROLOGO

CENSIMENTO SIN 2008: IL LAVORO DEL NEFROLOGO G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 633-641 RICERCA CENSIMENTO SIN 2008: IL LAVORO DEL NEFROLOGO Giuseppe Quintaliani 1, Maurizio Postorino 6, Anteo Di Napoli 6, Aurelio Limido 6, Antonio Dal Canton 2, Alessandro

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente.

Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Scompenso cardiaco cronico a domicilio: un modello proattivo per una presa in carico permanente. Azienda USL di Parma Dipartimento delle Cure Primarie del Distretto di Fidenza Unità Operativa di Cardiologia

Dettagli

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale

Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Convegno Valutazione qualitativa dei processi di deospedalizzazione e continuità assistenziale Dr Fernando Antonio Compostella Direttore Agenzia Regionale dei Servizi Socio-sanitari della Regione del Veneto

Dettagli

Le persone affette da demenza al domicilio

Le persone affette da demenza al domicilio Azienda di Servizi alla Persona ISTITUTI MILANESI MARTINITT E STELLINE E PIO ALBERGO TRIVULZIO LE CURE DOMICILIARI PER L ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Brescia, 15 dicembre 2012 Le persone affette da demenza

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

Il futuro dell Infermiere nella Casa della Salute

Il futuro dell Infermiere nella Casa della Salute Direzione Infermieristica e Tecnica Convegno Regionale Integrazione professionale e continuità assistnziale Il futuro dell Infermiere nella Casa della Salute 17 maggio 2012 Dott.ssa Silvia Mambelli Direttore

Dettagli

Analisi dell assistenza nefrologica in Campania: luci e ombre.

Analisi dell assistenza nefrologica in Campania: luci e ombre. Analisi dell assistenza nefrologica in Campania: luci e ombre. dott. Biagio R. Di Iorio Chairmen del Registro Campano dell Uremia Società Italiana di Nefrologia Introduzione La possibilità di disporre

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE

Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE MEDICI PER SAN CIRO Ipertensione Arteriosa e dintorni IL DANNO RENALE Dr Ciro Lenti Dir. Medico I livello U.O. Nefrologia e Dialisi ASL 11 Empoli (FI) P.O. San Miniato (PI) GROTTAGLIE, 28/1/2007 Le malattie

Dettagli

Dialisi: fare le scelte giuste per se stessi Guida alla scelta della dialisi

Dialisi: fare le scelte giuste per se stessi Guida alla scelta della dialisi Dialisi: fare le scelte giuste per se stessi Guida alla scelta della dialisi Titolo originale: Dialysis: making the right choices for you. The Dialysis Decision Aid Booklet. Version updated in July 2015

Dettagli

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati

LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati Allegato A al Piano operativo Azione 2 LA GESTIONE INTEGRATA DEL DIABETE NELLA REGIONE PIEMONTE: i team diabetologici integrati PREMESSA Una delle sfide principali dei Servizi Sanitari moderni è quella

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale

Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014. Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Diabete e sanita d iniziativa Perugia 12/03/2014 Tiziano Scarponi Scuola Umbra Medicina Generale Medicina della complessita IL DIABETE MELLITO VA STUDIATO E GESTITO IN UN OTTICA COMPLESSA E SISTEMICA Medicina

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA NELLE Unità Complesse di Cure Primarie

IL RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA NELLE Unità Complesse di Cure Primarie IL RUOLO DELL INFERMIERE DI FAMIGLIA NELLE Unità Complesse di Cure Primarie PAOLA GOBBI Collegio Ipasvi di Milano Lodi MB Asl Monza Brianza Sezione Nursing SIGG Roma, 27 giugno 2014 IL RIORDINO DELLA RETE

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia

Diabete e confini. Valerio Miselli, Reggio Emilia Diabete e confini Valerio Miselli, Reggio Emilia I mutamenti demografici e sociali in corso, la necessità di presa in carico del cittadino durante l intero arco della vita, pongono il tema dell integrazione

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana

Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Simposio SIGG 28 Novembre 2008 Le risposte alle questioni etiche e legali nell assistenza all anziano Il rispetto dell autonomia decisionale nell assistenza alla persona anziana Laura D Addio Quando nasce

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Granucci Lucia Infermiera di famiglia UO Infermieristica Territoriale Resp. Svaldo sensi UF Cure Primarie Piana

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Ariano Rosario Telefono +390372405389 Fax +390372405382 E-mail r.ariano@ospedale.cremona.it Nazionalità italiana Data di nascita 29

Dettagli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli

Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli 1 Congresso Card Umbria 2011 Esperienza di sanità d iniziativa nell ASL 11 Empoli Dipartimento del Territorio U.O. OSST dott.ssa Loredana Lazzara Il Territorio dell ASL 11 2 Società della Salute 180 MMG

Dettagli