L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''"

Transcript

1 PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' L acquisizione di un arma da sparo presuppone che l acquirente sia in possesso di un autorizzazione rilasciata dalla polizia (art. 35, comma 3, del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza). Le autorizzazioni possono essere divise in: - occasionali (cioè che servono per un solo acquisto, anche se di più armi): è il nullaosta; - permanenti (cioè che servono per più acquisti): sono le licenze di porto d armi. IL NULLAOSTA Per acquistare un arma comune da sparo è dunque necessario possedere un autorizzazione; chi non è in possesso di un porto d armi (v. oltre) dovrà munirsi di un nullaosta all acquisto. Questo documento è rilasciato dall autorità di polizia e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, alla Stazione dei Carabinieri, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenere il nullaosta è necessario compilare una domanda in carta libera (scaricabile su Internet dai siti o nella quale il richiedente, che deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza, specifica obbligatoriamente il motivo dell acquisto (p. es.: difesa abitativa, pratica dello sport del tiro a segno eccetera). Solitamente occorre accompagnare alla domanda per ottenere il nullaosta un certificato medico; la firma del richiedente deve essere autenticata. Trascorso un certo periodo (solitamente qualche settimana) il nullaosta è pronto e deve essere ritirato presso l ufficio ove era stato richiesto; può anche accadere che sia spedito direttamente a casa. Il nullaosta vale, su tutto il territorio nazionale, per trenta giorni ma può essere rinnovato per uguale periodo. In pratica, una volta ottenuto il nullaosta è finalmente possibile acquistare l arma. Da ricordare che, all atto dell acquisto, il venditore ritira il nullaosta. 1 / 7

2 LE LICENZE DI PORTO D'ARMI Mentre il nullaosta è, come abbiamo spiegato, un titolo d acquisto occasionale (serve per effettuare un solo acquisto, anche se di più armi), le licenze di porto d armi sono invece dei titoli d acquisto permanenti, ossia possono essere utilizzate per acquistare armi più volte, fintanto che sono in corso di validità. Le licenze di porto d armi sono di quattro tipi: - licenza di porto di pistola o rivoltella per difesa personale; - licenza di porto di fucile per difesa personale; - licenza di porto di fucile per uso di caccia; - licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo. Le loro caratteristiche, assieme a quelle di altri titoli di legge sono state riassunte nella tabella LA LICENZA DI PORTO DI PISTOLA O RIVOLTELLA PER DIFESA PERSONALE Questo documento è rilasciato dal Prefetto. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda (scaricabile su Internet dai siti o nella quale si specificano i motivi per i quali si desidera andare armati; il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di pistola o rivoltella paga tassa di concessione governativa annuale (attualmente fissata in 87,80 euro); vale per cinque anni ma ogni anno deve essere rinnovata con richiesta nella quale si specificano nuovamente i motivi per i quali si desidera andare armati. Con questo documento è possibile portare fino a tre armi corte; secondo un interpretazione corrente della legge, non è possibile portare una pistola sportiva per difesa. Esistono specifici divieti di porto dell arma da difesa (nelle riunioni pubbliche, nelle aule di tribunale, nei seggi elettorali, negli stadi eccetera). Grazie alla circolare del ministero dell Interno n. 559/C del 14 febbraio 1998, con la licenza di porto d arma da difesa è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte. La licenza di porto di pistola o rivoltella per difesa personale rilasciata alle 2 / 7

3 guardie particolari giurate è esattamente equipollente a quella accordata ai privati cittadini; l unica differenza riguarda l importo della relativa tassa di concessione governativa, minore nel primo caso. Inoltre, nella documentazione per il rilascio e il rinnovo di questa licenza, l interessato deve allegare un attestato d iscrizione ad una Sezione del Tiro a Segno Nazionale. LA LICENZA DI PORTO DI FUCILE PER DIFESA PERSONALE Il porto d armi da difesa per arma lunga è stato istituito ufficialmente dal decreto del Presidente della Repubblica 28 maggio 2001, n. 311, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 178 del 2 agosto Esso modifica l articolo 61 del regolamento di esecuzione del Tulps con l aggiunta del seguente comma: Il rilascio del porto di arma lunga per difesa personale è soggetto alle condizioni richieste per il porto di altre armi per il medesimo motivo, compresa la dimostrazione dell effettivo bisogno di portare l arma. LA LICENZA DI PORTO DI FUCILE PER USO DI CACCIA Questo documento è rilasciato dal Questore e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, alla Stazione dei Carabinieri, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda (scaricabile su Internet dai siti o il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di fucile per uso di caccia paga una tassa di concessione governativa annuale (attualmente fissata in 134,28 euro); vale per sei anni, senza necessità di rinnovo annuale. Con questo documento è possibile portare le armi da caccia. Grazie alla circolare del ministero dell Interno n. 559/C del 14 febbraio 1998, con la licenza di porto di fucile per uso di caccia è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte. 3 / 7

4 L'ACQUISTO DELLE MUNIZIONI E DELLE POLVERI DA LANCIO Per l acquisto delle munizioni (cartucce) e della polvere da lancio (polvere da sparo), utilizzata da chi spara con armi ad avancarica o da chi ricarica domesticamente le cartucce, sono necessari gli stessi documenti per l acquisto delle armi comuni da sparo: il nullaosta o un porto d armi. LA LICENZA DI PORTO DI FUCILE PER LO SPORT DEL TIRO A VOLO Questo documento (istituito dalla legge n. 323/1969) è rilasciato dal Questore e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, alla Stazione dei Carabinieri, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda (scaricabile su Internet dai siti o ); il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo non paga tassa di concessione governativa; vale per sei anni, senza necessità di rinnovo annuale. Con questo documento è possibile portare le armi utilizzate per il tiro a volo (il regolamento sportivo di questa disciplina permette solo l uso dei fucili con canna ad anima liscia di calibro non superiore al 12) durante l attività sportiva. Grazie alla circolare del ministero dell Interno n. 559/C del 14 febbraio 1998, con la licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte 4 / 7

5 L ACQUISTO DI ARMI AD ARIA O A GAS COMPRESSI, SIA LUNGHE SIA CORTE, I CUI PROIETTILI SONO DOTATI DI UN ENERGIA CINETICA NON SUPERIORE A 7,5 JOULE E DELLE REPLICHE A COLPO SINGOLO DI ARMI ANTICHE AD AVANCARICA DI MODELLI ANTERIORI AL 1890 Ai sensi della legge n. 526/1999 e del relativo regolamento, queste armi possono essere acquistate solo da maggiorenni muniti di valido documento di riconoscimento; sono consentiti la loro cessione e il comodato purché avvengano con scrittura privata tra maggiorenni. Non è però necessaria la scrittura privata qualora il comodato sia di durata non superiore a quarantotto ore. l- L'ACQUISTO DI BOSSOLI, INNESCHI, PALLE Per questi altri elementi della cartuccia, che sono di libera vendita, non è necessario alcun titolo per procedere al loro acquisto. LA DENUNCIA L ulteriore formalità che è necessario espletare per possedere legalmente un arma è la sua denuncia (prevista dall art. 38 del Tulps), un atto mediante il quale il neoproprietario dell arma stessa notifica all autorità l avvenuta acquisizione e il luogo ove l arma è custodita. La denuncia ha carattere permanente, cioè non deve essere rinnovata né è soggetta al pagamento di marche da bollo o altri tributi. Dal punto di vista pratico la denuncia è un modulo che può essere acquistato in cartoleria o in tabaccheria (o scaricato su Internet dai siti o e che deve essere compilato in due copie. Quando ci si reca presso l autorità (Carabinieri, Commissariato della P.S. o Questura) bisogna consegnare i due moduli debitamente compilati e firmati e la copia della dichiarazione di vendita dell arma. La legge prescrive che il possesso dell arma sia denunciato nel più breve tempo 5 / 7

6 possibile. La legge n. 526/1999 ha stabilito che le armi ad aria o a gas compressi, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 non rientrano più fra le armi comuni da sparo. Sono pertanto detenibili, senza obbligo di denuncia, in numero illimitato. LA LICENZA DI COLLEZIONE Chi intende possedere armi in numero superiore ai limiti che la legge prevede mediante denuncia (v. art. 10 della legge n. 110/1975), deve ottenere il rilascio della licenza di collezione per armi comuni da sparo. In altre parole, se s intende possedere più di sei armi classificate per uso sportivo e più di tre altre armi comuni da sparo, è necessaria la licenza di collezione; essa, di fatto, non serve per le armi da caccia poiché, come sappiamo, sono detenibili in numero illimitato. Per le armi antiche, il caso è diverso perché esiste una licenza di collezione apposita. La licenza di collezione per armi comuni da sparo permette dunque la detenzione di quante armi si vogliono, con un solo limite numerico: un esemplare per ogni tipo di arma iscritta al catalogo nazionale. È una licenza permanente (non deve essere rinnovata) e non è soggetta ad alcun tipo di tassa. Di solito, all atto della concessione della licenza, l autorità impone al suo titolare particolari obblighi per la custodia delle armi (antifurto, armadio blindato eccetera). È proibito detenere le munizioni delle armi in collezione (salvo che non si abbia in denuncia un altra arma dello stesso calibro) e, anche se la legge non lo vieta esplicitamente, per prassi si ritiene che le armi detenute in collezione non possano essere usate. LA CUSTODIA DELLE ARMI LASCIATE A CASA L art. 20 della legge n. 110/1975 dice che La custodia delle armi (...) e degli esplosivi deve essere assicurata con ogni diligenza nell interesse della sicurezza pubblica. Come si vede, la legge non pone delle condizioni precise al modo di custodire le armi, tuttavia pone l obbligo della massima diligenza; la giurisprudenza è concorde nel ritenere che un arma custodita nella propria abitazione, non accessibile a minori o a persone ritenute capaci di abusarne, risponde ai requisiti previsti dalla legge. Sempre il primo comma dell art. 20 della già citata legge n. 110/1975 dice che Chi (...) è 6 / 7

7 autorizzato alla raccolta o alla collezione di armi deve adottare e mantenere efficienti difese antifurto secondo le modalità prescritte dalla autorità di pubblica sicurezza. La legge distingue dunque il caso del titolare di licenza di collezione per armi comuni da sparo (di cui si è detto in precedenza), sul quale non solo incombe l obbligo generale della diligente custodia, ma anche quello di adottare determinate precauzioni che sarà la stessa autorità di P.S. a stabilire. PARTI D'ARMA: CARRELLO, CANNA, FUSTO, CARICATORE Le parti essenziali di armi comuni sono equiparate per quanto riguarda l'acquisto, la denuncia e il trasporto alle armi comuni da sparo. 7 / 7

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE

a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE Leggi e circolari Lo scopo di questo prontuario è quello di fornire delle indicazioni il più possibile chiare e semplici a quelle persone che intendono avvicinarsi al mondo delle armi o che già hanno avuto

Dettagli

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312)

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) 1 di 9 17/04/2015 11:52 (/articolo/34118/) (https://twitter.com/agente_lisa) (https://www.youtube.com/user/poliziadistato) Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) Difesa personale /articolo

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO DELL UFFICIO ARMI (in vigore dal 1 giugno 2015) lunedi 9,00/12,00

Dettagli

Polizia Municipale. Pratiche artigianato

Polizia Municipale. Pratiche artigianato Polizia Municipale L unità operativa Polizia Municipale si occupa di tutte le varie problematiche, inerenti alla vigilanza in materia stradale, edilizia e rurale, circoscritte nell ambito del territorio

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014 Iscrizioni: QUOTE E NORME PER ISCRIZIONE/TESSERAMENTO AL TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di Soave (VR) Associazione Sportiva Dilettantistica 1890 CATEGORIE DI ISCRIZIONE ED ASSOCIATIVE (quote estratte dal

Dettagli

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma Cos è un arma Un arma è ogni strumento in grado di consentire, all uomo, di aumentare la propria naturale capacità di offesa. Si definiscono armi proprie quelle che la mente umana ha pensato e realizzato

Dettagli

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante Armi Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia di Caterina Carannante SOMMARIO pag. Introduzione 1. Tipologie 38 2. Attività 42 3. Come richiedere le licenze 48 ARMI Introduzione

Dettagli

PORTO D ARMI. Informazioni Generali

PORTO D ARMI. Informazioni Generali PORTO D ARMI Informazioni Generali Nulla Osta all acquisto di armi (art. 35, III Co. T.U.L.P.S.) Denuncia di possesso e detenzione di armi (art. 38 T.U.L.P.S.) Licenza di collezione di armi comuni da sparo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI CARTA CARTA CARTA CARTA dei dei dei dei Servizi Servizi Servizi Servizi Edizione 2008 48 Questura di Trento ARMI INDICE Informazioni generali pag.5 Nulla Osta acquisto armi pag. 7 Denuncia di possesso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4323 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELLOTTI Modifiche al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto

Dettagli

INDICE CARTA DEI SERVIZI

INDICE CARTA DEI SERVIZI INDICE CARTA DEI SERVIZI UFFICIO RELAZIONI con il PUBBLICO (U.R.P.) ORARIO SERVIZIO TELEFONICO INFORMAZIONI UFFICIO PASSAPORTI ORARI SPORTELLO INFORMAZIONI GENERALI RILASCIO DEL PASSAPORTO CERTIFICATO

Dettagli

Armi comuni da caccia Parti di armi

Armi comuni da caccia Parti di armi Armi comuni da caccia: tutte le armi lunghe da fuoco usabili per cacciare in Italia e cioè quelle lunghe, sia a canna liscia (purché il calibro non sia più grande del 12; quindi non sono da caccia i calibri

Dettagli

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore:

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore: Armi antiche Armi da fuoco portatili fabbricate prima del 1890; armi da taglio, da punta e altre armi fabbricate prima del 1900. Armi ad aria compressa/ armi a CO 2 Pugnali Dispositivi che producono un

Dettagli

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA BBT PLANIMETRIA DELL OPERA Geologia Profilo Longitudinale Planimetria Geologica Elementi Geometrici delle Opere scavate con Esplosivo Caricamento: Incidenze Indicative Alcuni numeri dello scavo con esplosivo:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

REQUISITI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO

REQUISITI PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO PASSAPORTI Per ottenere il rilascio o il rinnovo del passaporto ordinario, ci si può rivolgere direttamente all Ufficio Passaporti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, sito a Chieti, Piazza

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 18 giugno 1991 relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi (91/477/CEE)

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 18 giugno 1991 relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi (91/477/CEE) 31991L0477 Direttiva 91/477/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1991, relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi Gazzetta ufficiale n. L 256 del 13/09/1991 pag. 0051-0058 edizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE C O MUNE DI PAULARO P R O V I N C I A D I U D I N E Approvato con Deliberazione consiliare n. 35 di data 10/11/2008 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 28/05/2009 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE PROVINCIA DI RIMINI UFFICIO TUTELA FAUNISTICA HYSTRIX S.R.L. CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE Le armi e le munizioni da caccia nella legislazione vigente Acquisto, detenzione, trasporto,

Dettagli

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto.

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto. Le armi e la legittima difesa. È stato acutamente osservato che una società che ammette la legittima difesa non può negare ai singoli il possesso e il diritto a portare armi, che rappresentano l essenziale

Dettagli

DIREZIONE SPORT E PREPARAZIONE OLIMPICA Roma, 19.6.2006 Pt. 2024 A TUTTE LE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI LORO SEDI

DIREZIONE SPORT E PREPARAZIONE OLIMPICA Roma, 19.6.2006 Pt. 2024 A TUTTE LE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI LORO SEDI DIREZIONE SPORT E PREPARAZIONE OLIMPICA Roma, 19.6.2006 Pt. 2024 A TUTTE LE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI LORO SEDI OGGETTO: nuovo regolamento di attuazione del testo unico delle disposizioni in materia

Dettagli

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Ufficio per l Amministrazione Generale Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

Dettagli

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO COMUNE DI OSASCO P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO (Approvato con

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

Armi e prodotti esplodenti

Armi e prodotti esplodenti Armi e prodotti esplodenti Tipologie, legislazione e licenze a cura di Ufficio per l amministrazione generale - Area armi ed esplosivi Primo dirigente della Polizia di Stato Maria Paravati e sostituto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

dalla partecipazione a gare cinofile;

dalla partecipazione a gare cinofile; La garanzia, valida in tutto il mondo purchè l attività venatoria venga condotta nel rispetto delle leggi localmente vigenti, è prestata per i danni derivanti dall attività venatoria esercitata come previsto

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 29 settembre 2013, n. 121. Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26 ottobre 2010, n. 204, concernente l attuazione della direttiva

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014

ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 Città di Nardò (Provincia di Lecce) Prot. N. 8621 del 11/03/2014 AREA ISTITUZIONALE - STAFF SINDACO Servizio Corpo degli Operatori di Polizia Locale ORDINANZA N. 47 DEL 11/03/2014 OGGETTO: Ordinanza di

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 3101 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore DIANA Lorenzo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 25 FEBBRAIO 1998 Disciplina

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA Regolamento speciale per la disciplina del porto delle armi in dotazione al Corpo di POLIZIA MUNICIPALE (Rif.D.M. 4 marzo 1987 n. 145) -Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE Legislatura 14º - Disegno di legge N. 3650 SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3650 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell interno (PISANU) di concerto col Ministro della giustizia (CASTELLI)

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Rilascio del passaporto La domanda per il rilascio può essere presentata, corredata della documentazione occorrente:

Rilascio del passaporto La domanda per il rilascio può essere presentata, corredata della documentazione occorrente: PASSAPORTO : RILASCIO Descrizione Il passaporto ordinario è valido per tutti i paesi i cui governi sono riconosciuti da quello italiano, e può essere ottenuto da tutti i cittadini della Repubblica, fin

Dettagli

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento

Agenzie di Affari. Attività sottoposte al procedimento Agenzie di Affari Attività sottoposte al procedimento Le Agenzie d Affari sono previste e regolate dall articolo 115 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.). Si tratta di quelle

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

prot. n. 4903/1540PA Tel. 0461494786 Fax 0461494747 e-mail: serv.commercio@provincia.tn.it

prot. n. 4903/1540PA Tel. 0461494786 Fax 0461494747 e-mail: serv.commercio@provincia.tn.it Servizio Commercio e Cooperazione Trento, 18 aprile 2001 Via Brennero, 136-38100 Trento prot. n. 4903/1540PA Tel. 0461494786 Fax 0461494747 e-mail: serv.commercio@provincia.tn.it Ai Signori SINDACI della

Dettagli

SINTESI DECRETO LEGISLATIVO 29 SETTEMBRE 2013 N. 121

SINTESI DECRETO LEGISLATIVO 29 SETTEMBRE 2013 N. 121 1 ANGELO VICARI SINTESI DECRETO LEGISLATIVO 29 SETTEMBRE 2013 N. 121 Firenze 7 dicembre 2013 2 AVVERTENZE Per cercare di rendere più facili la lettura e l interpretazione del presente Decreto, si è ritenuto

Dettagli

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO.

NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. NORME PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI BICICLETTE PUBBLICHE AD USO DELLA CITTADINANZA NEL CENTRO URBANO DI LUGO DENOMINATO VIVERE LA CITTA PEDALANDO. Approvato con Deliberazione di C.C. n. 66. del 07.07.2005

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco 1 COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 1/09/2009) 2 Art. 1 Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA _ Cat. 16.A / P.A.S. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI ROVIGO RILEVATA la necessità di rivedere le modalità con le quali vengono espletati i servizi

Dettagli

UNIONE ITALIANI NEL MONDO

UNIONE ITALIANI NEL MONDO IM UNIONE ITALIANI NEL MONDO CITTADINANZA ITALIANA DIRITTI E PROCEDURE Introduzione Il possesso della cittadinanza italiana indica l appartenenza allo Stato italiano e serve per avvalersi dei diritti

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 18 marzo 2013 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono

Dettagli

LEGENDA DELLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER L APERTURA DI UN CAMPO DI TIRO PRIVATO

LEGENDA DELLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER L APERTURA DI UN CAMPO DI TIRO PRIVATO LEGENDA DELLE OPERAZIONI DA COMPIERE PER L APERTURA DI UN CAMPO DI TIRO PRIVATO Come avevo preannunciato, vi elenco i passi da fare per aprire un campo di tiro privato tenendo conto delle vigenti leggi

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

LA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI MANTOVA

LA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI MANTOVA La Questura dialoga con i cittadini La Questura di Mantova, al fine di ottimizzare le attività di istituto e semplificare maggiormente, migliorandole, le interrelazioni con il cittadino, ha istituito l'ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE (Provincia di Vibo Valentia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI CONFISCATI ALLA MAFIA AI SENSI DELLA LEGGE 109/96 DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE DEL COMUNE DI SAN CALOGERO

Dettagli

Provincia di Foggia. Via P. Telesforo, 25 - Foggia -

Provincia di Foggia. Via P. Telesforo, 25 - Foggia - Provincia di Foggia Via P. Telesforo, 25 - Foggia - PROVE PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E VIAGGIATORI PER CONTO TERZI. AVVISO PUBBLICO ANNO 2014 (

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres. L.R. 30/1999, art. 26 e 42, c. 01 B.U.R. 31/05/2000, n. 22 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres. Regolamento concernente il tesserino regionale di caccia per il Friuli-Venezia

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI D.A. n.152/gab REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO,DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO TRASPORTI E COMUNICAZIONI * * * * Modalità e requisiti per il rilascio delle

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 7 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 PARTE PRIMA ENCICLOPEDIA DELLE ARMI E DEGLI ESPLOSIVI

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 7 Avvertenza...» 11 Abbreviazioni...» 13 PARTE PRIMA ENCICLOPEDIA DELLE ARMI E DEGLI ESPLOSIVI INDICE SOMMARIO Prefazione............................................ pag. 7 Avvertenza...........................................» 11 Abbreviazioni.........................................» 13 PARTE

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

PALERMO B A N D O D I G A R A 1-Ente appaltante: AMAP S.p.A. - Via Volturno n. 2 90138 - PALERMO- tel. 091-279316/279225 - fax 091-279228; indirizzo

PALERMO B A N D O D I G A R A 1-Ente appaltante: AMAP S.p.A. - Via Volturno n. 2 90138 - PALERMO- tel. 091-279316/279225 - fax 091-279228; indirizzo PALERMO B A N D O D I G A R A 1-Ente appaltante: AMAP S.p.A. - Via Volturno n. 2 90138 - PALERMO- tel. 091-279316/279225 - fax 091-279228; indirizzo e-mail: info@amapspa.it; indirizzo internet: www.amapspa.it;

Dettagli

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Città di Desio REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA ALBO DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Art. 1 - MATERIA DEL REGOLAMENTO Art. 2 - ARTICOLAZIONE Art. 3 - REQUISITI PER L ISCRIZIONE Art. 4 - MODALITA PER

Dettagli

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2009/2010. Nota sulle operazioni di rilascio

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2009/2010. Nota sulle operazioni di rilascio TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2009/2010 Nota sulle operazioni di rilascio MATERIALE CONSEGNATO A PROVINCE E COMUNI Ad ogni Provincia vengono consegnati i tesserini non personalizzati,

Dettagli

Provincia di Foggia. IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO TRASPORTI Ufficio Autotrasporto merci per conto terzi

Provincia di Foggia. IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO TRASPORTI Ufficio Autotrasporto merci per conto terzi Provincia di Foggia PROVE PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI E PERSONE PER CONTO TERZI. AVVISO PUBBLICO ANNO 2013 IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO TRASPORTI Ufficio

Dettagli

Sintesi del Diritto delle Armi

Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Aggiornato al 2 ottobre 2006 Bolzano Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio -

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - La normativa di riferimento R.D. 773/31 ed s.m. - Tulps; L.

Dettagli

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco

Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco COMUNE DI PISA Regolamento sull organizzazione e funzionamento dell autoparco (approvato con Deliberazione della G.C. n. 124 del 2009) Art. 1 - Principi generali e definizioni 1. Le presenti norme disciplinano

Dettagli

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI EDOARDO MORI Magistrato di Cassazione SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI AGGIORNATO AL 6 FEBBRAIO 2005 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 18 marzo 2013 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere u- tilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono

Dettagli

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (Legge sulle armi, LArm) 514.54 del 20 giugno 1997 (Stato 1 maggio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE UFFICIO LICENZE P.zza Galileo n. 1 piano terra

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE UFFICIO LICENZE P.zza Galileo n. 1 piano terra QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE UFFICIO LICENZE P.zza Galileo n. 1 piano terra telefoni 051/6401574 051/6401559 fax 051/6401562 RICEVIMENTO DEL PUBBLICO dal Lunedì al Venerdì

Dettagli

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2015/2016. Nota sulle operazioni di rilascio

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2015/2016. Nota sulle operazioni di rilascio TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2015/2016 Nota sulle operazioni di rilascio MATERIALE CONSEGNATO A PROVINCE E COMUNI Ad ogni Provincia vengono consegnati i tesserini non personalizzati

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

QUESTURA DI VERCELLI

QUESTURA DI VERCELLI QUESTURA DI VERCELLI CARTA DEI SERVIZI QUESTURA DI VERCELLI Questura Via San Cristoforo, 11 tel. 0161-225411 (Ufficio del Questore, Ufficio del Vice Questore Vicario, Ufficio di Gabinetto, Ufficio Prevenzione

Dettagli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ADM.MNUC Reg. Uff. n.104077 del 22/12/2014 IL VICEDIRETTORE dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli VISTO il Testo Unico di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, (T.U.L.P.S.), e successive modificazioni

Dettagli

Questura di Vercelli tel. 0161-225411 sito web: www.questure.poliziadistato.it/vercelli e-mail: gab.quest.vc@pecps.poliziadistato.

Questura di Vercelli tel. 0161-225411 sito web: www.questure.poliziadistato.it/vercelli e-mail: gab.quest.vc@pecps.poliziadistato. 0 30 Agosto 2013 1 Questura di Vercelli tel. 0161-225411 sito web: www.questure.poliziadistato.it/vercelli e-mail: gab.quest.vc@pecps.poliziadistato.it Ingresso di via San Cristoforo 11 Ufficio del Questore,

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA SETTORE III POLITICHE AGRICOLE E MONTANE TUTELA FAUNISTICA E POLIZIA PROVINCIALE CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE tel.: +39 0323 4950255-289; fax: +39 0323 4950271; e-mail:

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI POTENZA Il/La sottoscritto/a nato/a a il residente in CAP via tel., chiede di essere iscritto/a al Registro Praticanti Avvocati per trasferimento dall Ordine

Dettagli

Roma, 8 novembre 2011

Roma, 8 novembre 2011 CIRCOLARE N. 49/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Roma, 8 novembre 2011 OGGETTO: Tasse automobilistiche Addizionale

Dettagli

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012. Nota sulle operazioni di rilascio

TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012. Nota sulle operazioni di rilascio TESSERINO REGIONALE PER L ESERCIZIO VENATORIO STAGIONE 2011/2012 Nota sulle operazioni di rilascio MATERIALE CONSEGNATO A PROVINCE E COMUNI Ad ogni Provincia vengono consegnati i tesserini non personalizzati,

Dettagli

ORARI DI APERTURA DAL 05.01.2015

ORARI DI APERTURA DAL 05.01.2015 ORARI DI APERTURA DAL 05.01.2015 MATTINO: Dal Lunedì al Venerdì dalle 10.30 alle 12.30 POMERIGGIO: Lunedì Giovedì Venerdì dalle 15.00 alle 16.15 Martedì dalle 15.00 alle 18.00 Sabato dalle 09.30 alle 12.00

Dettagli