Teoria del commercio internazionale e istituzioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Teoria del commercio internazionale e istituzioni"

Transcript

1 Corso di Politica Economica e Industriale Anno accademico 2005/2006 Università degli Studi di Siena Teoria del commercio internazionale e istituzioni Marianna Belloc Dipartimento di Economia Pubblica Università di Roma La Sapienza uniroma1.it 1

2 Programma Teoria ortodossa del commercio internazionale Vantaggio assoluto e vantaggio comparato (Ricardo( Ricardo- Torrens, Heckscher-Ohlin Ohlin) Critica alla teoria ortodossa e nuove teorie del commercio (accenni) Teorie istituzionaliste del commercio internazionale: effetti sulle transazioni Teorie istituzionaliste del commercio internazionale: effetti sulla produzione Teorie istituzionaliste del commercio internazionale: effetti sulle forme organizzative Frammentazione internazionale della produzione Outsoucing versus FDI 2

3 Prima lezione 1 Strumenti: Da economia chiusa a economia aperta 2 Teoria classica del commercio Ricardo-Viner Materiale Slides Un testo di economia internazionale. Per esempio: G. Gandolfo (2002) Elementi di Economia Internazionale, UTET, paragrafi: 13.1, 13.2, 13.3,

4 Strumenti: Economia chiusa Sono dati: ammontare totale dei fattori esistenti nell economia economia distribuzione di questi fattori tra i membri dell economia economia gusti dei consumatori stato della tecnologia, rappresentata da funzioni della tecnica che soddisfano le ipotesi di rendimenti costanti di scala e produttività marginali decrescenti E si suppone che: ci sia perfetta concorrenza su tutti i mercati (sia fattori che beni finali) i mercati sono completi (prezzi di tutti i beni e fattori sono determinati e noti) e gli agenti economici sono price-takers 4

5 Curva di trasformazione A A E E p B /p A A H H O B E B H B 5

6 Domanda e offerta p B /p A D B S B O B 6

7 Da economia chiusa a economia aperta In equilibrio economico generale di economia chiusa l eccesso di domanda di tutti i beni deve essere pari a zero. In economia aperta questa condizione non deve essere necessariamente rispettata per ciascun paese separatamente considerato. Essa deve essere rispettata per il mondo nel suo complesso. 7

8 Da economia chiusa a economia aperta Consideriamo un mondo di due soli paesi il paese 1 e il paese 2 Supponiamo che vi sia concorrenza perfetta su tutti i mercati, che i due paesi utilizzino gli stessi fattori produttivi e che producano gli stessi beni A e B che sono perfettamente mobili (libero commercio e zero costi di trasporto). In assenza di commercio i due paesi devono essere, ai rispettivi prezzi relativi interni, in condizione di eccesso di domanda nullo su tutti i mercati. 8

9 2 paesi che non commerciano S 2B D2B p B /p A D1B S 1B p 2 p 1 B Paese 2 O Paese 1 B 9

10 Da economia chiusa a economia aperta Immaginiamo che in seguito all apertura apertura dei mercati e alla concorrenza nel contesto internazionale, si stabilizzi un prezzo intermedio pari a (pb( pb/papa ) = R (ragione di scambio internazionale). A questo prezzo il paese 1 ha un eccesso di domanda negativo del bene B (offerta maggiore della domanda) e il paese 2 ha un eccesso di domanda positivo (domanda maggiore dell offerta). 10

11 2 paesi che commerciano S 2B D2B p B /p A D1B S 1B p 2 M 2B R X 1B p 1 B Paese 2 O Paese 1 B 11

12 Equilibrio internazionale Questo significa che il paese 1 vuole consumare di quel bene meno di quanto produce, mentre il paese 2 vuole consumare più di quanto produce. Notiamo però che tali eccessi di domanda sono uguali con segno opposto. Tutto cioè che il paese 1 produce in eccesso viene domandato e consumato dal paese 2. Il paese 1 esporta il bene B (X B1 ) esattamente nella quantità che il paese 2 importa (M B2 ). Abbiamo ottenuto equilibrio internazionale. X B1 = M B2 12

13 Equilibrio internazionale Alcune importanti qualificazioni 1. Affinché ci sia commercio, il prezzo internazionale si deve stabilizzare in un punto intermedio fra i prezzi relativi di economia chiusa nei due paesi. 2. In assenza di costi di trasporto e di restrizioni al commercio, il prezzo relativo di un certo bene deve essere uguale in tutti i paesi. 3. Se non c èc equilibrio, la flessibilità dei prezzi internazionali garantirà che l equilibrio l venga raggiunto. 13

14 Equilibrio internazionale 3. Supponiamo che R sia superiore a quello che abbiamo disegnato in figura cosicché X B1 > M B2 Sul mercato internazionale si avrà allora un eccesso di offerta del bene B rispetto alla domanda, questo farà scendere il suo prezzo relativo finché la domanda non eguaglia l offerta. l Meccanismo identico ma inverso si verificherebbe se invece ci fosse eccesso di domanda sull offerta. 14

15 Equilibrio internazionale S 2B D2B p B /p A D1B S 1B M 2B R X 1B M 2B R X 1B B Paese 2 O Paese 1 B 15

16 Equilibrio internazionale 4. In analisi di e.e.g. in un mondo a due beni, la ragione di scambio che determina l equilibrio l sul mercato B produrrà equilibrio anche sul mercato A garantendo equilibrio generale (legge di Walras). 5. In questo modello nessun paese può essere importatore netto di entrambi i beni. Se un paese è importatore netto di B, esso sarà esportatore netto di A e viceversa. In conclusione, secondo l approccio l ortodosso al commercio internazionale le relazioni commerciali, i volumi di commercio e la ragione di scambio sono congiuntamente determinati in analisi di equilibrio economico generale dalle dotazioni fattoriali, le tecnologie, e i gusti. 16

17 Economia aperta A A E Q e C C Prezzi relativi domestici A H A H Q Ragione di scambio internazionale O B E B H B H B 17

18 Perché i paesi commerciano? Poiché in economia aperta ciascun paese singolarmente considerato non deve essere in equilibrio, i paesi tendono a specializzarsi nella produzione di alcuni beni per poi scambiarli nel mercato internazionale. Cosa determina le scelte di specializzazione? Teoria classica del vantaggio comparato (Ricardo( Ricardo-Torrens) Teoria Heckscher-Ohlin Nuove teorie 18

19 Teoria classica del vantaggio comparato (Ricardo-Torrens) Ipotesi: Due beni: A e B Un solo fattore: Lavoro Due paesi identici in tutto (gusti, dotazione di fattori) eccetto che nelle tecnologie disponibili Coefficienti fissi di produzione 19

20 Teoria classica del vantaggio comparato (Ricardo-Torrens) a1=costo assoluto di produzione di A in paese 1 a2=costo assoluto di produzione di A in paese 2 b1=costo assoluto di produzione di B in paese 1 b2=costo assoluto di produzione di B in paese 2 R=ragione di scambio internaz (pa/pb) 20

21 Vantaggio assoluto Si dice che un paese ha un vantaggio assoluto rispetto ad un altro paese nella produzione di un certo bene se è in grado di produrre quantità maggiori di quel bene utilizzando lo stesso input, oppure se è in grado di produrre la stessa quantità utilizzando meno input (i.e. il costo unitario assoluto di quel bene in quel paese è inferiore al costo negli altri paesi). 21

22 Vantaggio assoluto Merci Panno (A) Vino (B) Costo unitario di produzione in termini di lavoro Inghilterra a1=4 b1=8 Portogallo a2=6 b2=3 L Inghilterra ha vantaggio assoluto nella produzione del panno (4<8) e il Portogallo ha vantaggio assoluto nella produzione del vino (3<6) 22

23 Vantaggio assoluto globale Si dice che un paese ha un vantaggio assoluto globale rispetto ad un altro paese se è in grado di produrre ogni combinazione di tutti i beni in quantità maggiore utilizzando lo stesso input (i.e. a costo unitario assoluto inferiore per tutti i beni) 23

24 Vantaggio assoluto globale A Il paese 1 ha vantaggio assoluto globale rispetto al paese 2 Paese 2 Paese 1 O B 24

25 Vantaggio assoluto globale Merci Panno (A) Vino (B) Costo unitario di produzione in termini di lavoro Inghilterra a1=4 b1=8 Portogallo a2=6 b2=10 L Inghilterra ha vantaggio assoluto nella produzione di entrambi i beni 25

26 Vantaggio comparato Si dice che un paese ha un vantaggio comparato rispetto ad un altro paese nella produzione di un certo bene se è in grado di produrre quel bene ad un costo comparato inferiore rispetto all altro altro paese. Il costo comparato è il rapporto fra costi (unitari) assoluti dei due beni nel medesimo paese (oppure il rapporto fra costi (unitari) assoluti dello stesso bene nei due paesi). a1/b1, a2/b2 oppure a1/a2, b1/b2 26

27 Vantaggio assoluto Merci Panno (A) Vino (B) Costo unit.. di prod.z in termini di L Inghilterra a1=4 b1=8 Portogallo a2=6 b2=10 Merci Panno (A) Vino (B) Vantaggio comparato Costo comparato Inghilterra a1/b1=4/8=0.5 b1/b1=1 Portogallo a2/b2=6/10=0.6 b2/b2=1 27

28 Vantaggio comparato L Inghilterra ha un vantaggio assoluto nella produzione di entrambi i beni. Tuttavia essa ha un vantaggio relativamente maggiore nella produzione del panno. Quindi: l Inghilterra si specializzerà nella produzione del panno, il Portogallo nella specializzazione del vino e poi vi sarà commercio alla ragione di scambio internazionale. In questo modello condizione necessaria perché vi sia commercio è che i due paesi abbiano diversi costi comparati. Condizione sufficiente è che la ragione di scambio sia compresa fra i costi comparati dei due paesi. 28

29 Vantaggio comparato Condizione necessaria: a1/b1 a2/b2 Condizione sufficiente: a1/b1 < R < a2/b2 Ciascun paese si specializzerà nella produzione del bene il cui costo comparato è inferiore alla ragione di scambio 29

30 Benefici del commercio per ciascun paese Max Y R =(p A /p B )A1+B +B1 sub a 1 A 1 + b 1 B 1 L1,, A B 1 0 con R=p A /p B <a 1 /b 1 (Cioè R=pB/pA>b >b1/a1) In base alla teoria Ricardo-Torrens questo paese si specializzerà nella produzione del bene B vediamo se così facendo massimizza il suo benessere (sotto i vincoli tecnologici) 30

31 Benefici del commercio per ciascun paese B Max Y Paese 1 isoreddito isoreddito curva di trasformazione trasformazione Il paese 1 massimizza il suo reddito specializzandosi nella produzione di B e viceversa. O A 31

32 Benefici complessivi del commercio Max YW R =(p A /p B )(A 1 +A 2 )+(B 1 +B 2 ) sub a 1 A 1 + b 1 B 1 L1,, A1 0 A 0 B 1 0 a2a2 + b2b2b L2,, A2 0 A 0 B2 0B con a2/b2<p A /p B <a 1 /b 1 In base alla teoria Ricardo-Torrens il paese si specializzerà nella produzione del bene B e il paese 2 nella produzione del bene A vediamo se così facendo viene massimizzato il benessere globale (sotto i vincoli tecnologici) 32

33 B Benefici complessivi del commercio paese 1 produce solo B paese 2 produce sia A che B Paese 2 entrambi i paesi producono solo B paese 1 produce solo B paese 2 produce solo A Paese Paese 1 entrambi i paesi producono solo A paese 2 produce solo B paese 1 produce sia A che B O A 33

34 B Benefici complessivi del commercio Max YWR paese 1 produce solo B paese 2 produce solo A O A Il reddito mondiale viene massimizzato se il paese 1 si specializza nella produzione di B e il paese 2 nella produzione di A. 34

35 Seconda lezione 1 Teoria neoclassica del commercio internazionale: Hecksher-Ohlin 2 Nuove teorie del commercio internazionale (accenni) Materiale Slides Un testo di economia internazionale. Per esempio: G. Gandolfo (2002) Elementi di Economia Internazionale, UTET, paragrafi: 13.1, 13.2, 13.3,

36 Teorie Heckscher-Ohlin Ipotesi: Due beni: A e B Due fattori (immobili a livello internazionale ): K e L Offerta rigida dei fattori produttivi Le fz di prod hanno produttività marginali positive e decrescenti e sono omogenee di primo grado Due paesi identici in tutto (gusti, tecnologia) eccetto che nelle dotazioni relative dei fattori (K/L è maggiore nel paese 1 rispetto a K/L nel paese 2) (K/L)1>(K/L) >(K/L)2 36

37 Teorie Heckscher-Ohlin Ipotesi: E possibile classificare i due beni in base alle loro tecnologie. Assumiamo che la tecnologia necessaria per produrre il bene A utilizza relativamente più capitale della tecnologia necessaria per produrre il bene B Inoltre vale la non inversione delle intensità fattoriali: : la produzione di A richiede un intensit intensità di K maggiore della produzione di B, qualunque sia il prezzo relativo dei fattori.. Cioè: (K/L)A>(K/L) >(K/L)B 37

38 Teorie Heckscher-Ohlin Ohlin: : non inversione K isoquanto A isoquanto B Il rapporto ottimo K/L per il bene A è sempre maggiore di quello del bene B qualunque sia il rapporto fra prezzi α=( =(pl/pk) β =(pl/pk) 0 α α β β L KA/LA KB/LB 38

39 Teorie Heckscher-Ohlin Ohlin: : inversione K isoquanto A isoquanto B Il rapporto ottimo K/L per il bene A è maggiore di quello del bene B se il rapporto fra prezzi è α=( =(pl/pk) mentre il rapporto ottimo K/L per il bene A è minore di quello del bene B se il rapporto fra prezzi è β =(pl/pk) 0 α α β β L 39

40 Corrispondenza prezzi fattori rapporto K/L K/L (K/L)A (K/L) A (K/L)B (K/L)A (K/L)B (K/L) B O pl/pk (pl/pk) pl/pk 40

41 Il teorema di Heckscher-Ohlin Hp: (K/L)1>(K/L) >(K/L)2 (K/L)A>(K/L) >(K/L)B Ciascun paese esporta il bene la cui produzione richiede un impiego relativamente più intenso del fattore di cui il paese ha una dotazione relativamente più abbondante. (Il paese 1 si specializza nella produzione di ed esporta A e il paese 2 si specializza nella produzione di ed esporta B) 41

42 Il teorema di Heckscher-Ohlin B Paese 2 R Hp: (K/L)1>(K/L) >(K/L)2 (K/L)A>(K/L) >(K/L)B Alla ragione di scambio R, il paese 1 produce una quantità maggiore di A, il paese 2 produce una quantità maggiore di B. R O Paese 1 A 42

43 Il teorema di Heckscher-Ohlin Il paese 1 produce quantità maggiore di A, il paese 2 produce una quantità maggiore di B. Ma poiché i due paesi hanno gli stessi gusti,, essi vogliono consumare A e B nella stessa proporzione. Quindi il paese 1 esporta A e importa B; mentre il paese 2 esporta B e importa A. 43

44 A A E A E A R p Benefici del commercio R Consumo in E ec aperta P E Produzione e consumo in p ec chiusa Q r Produzione in ec aperta O B E B E B R B 44

45 Benefici del commercio Mentre in economia chiusa produzione e consumo coincidono con lo stesso punto della curva di trasformazione, in economia aperta essi possono anche non coincidere. Se il consumo avviene in un punto come il punto E,, il paese in economia aperta consuma quantità superiori di entrambi i beni ed il suo benessere è senz altro maggiore. Se però il consumo avviene in un punto come il punto E,, per valutare i benefici del commercio dobbiamo considerare le curve di indifferenza. 45

46 A p I R Benefici del commercio A E P II E A R Q O B E B R B 46

47 B R Paese 2 p2 Benefici del commercio In economia aperta, entrambi i paesi si trovano su una curva di indifferenza più alta. Ec chiusa paese 2 O Ec chiusa paese 1 p1 R Paese 1 A 47

48 Raffinamenti della teoria ortodossa Costi di trasporto Beni intermedi Offerta elastica dei fattori produttivi Beni non commerciati Fattori produttivi specifici Mobilità internazionale dei fattori produttivi Incertezza (contrabbando) 48

49 Critiche alla teoria ortodossa Conflitto fra predizioni teoriche ed evidenza empirica Scarso realismo delle ipotesi Tecnologie identiche Beni omogenei Concorrenza perfetta su tutti i mercati Istituzioni identiche ovunque Scarsa capacità esplicativa Viene spiegato solo il commercio inter-industriale industriale e non il commercio intra-industriale industriale 49

50 Critiche dovute al conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica Cosa ci dovremmo aspettare, se la teoria ortodossa fosse corretta? 1. La composizione dei flussi commerciali dovrebbe riflettere il vantaggio comparato tradizionale (ciascun paese dovrebbe esportare il bene che fa uso relativamente intensivo del fattore relativamente abbondante in quel paese) 2. Il commercio internazionale dovrebbe accadere prevalentemente fra paesi complementari (cioè con grandi differenze nelle dotazioni fattoriali relative) 50

51 Previsioni 1. La composizione dei flussi commerciali dovrebbe riflettere il vantaggio comparato tradizionale (ciascun paese dovrebbe esportare il bene che fa uso relativamente intensivo del fattore relativamente abbondante in quel paese) 51

52 Critiche dovute al conflitto fra predizioni teoriche ed evidenza empirica Paradosso di Leontief ( 53): Leontief calcolò (con tabelle input-output) il fabbisogno complessivo di K e L per unità di esportazioni e importazioni statunitensi del 1947 Da questo studio risulta che gli USA esportavano merci ad alta intensità di L ed importavano merci ad alta intensità di K Ma gli USA erano concordemente ritenuti il paese relativamente più dotato di K di tutti gli altri paesi con cui gli USA stessi commerciavano 52

53 Paradosso di Leontief Il paradosso di Leontief ha dato vita ad un ampio dibattito ed è stato seguito da numerosissimi studi empirici (eterogenei). Due filoni: La verifica di Leontief è errata Una o più delle ipotesi di base sono violate (identità domande, non inversione intensità fattoriali, etc) Risultato: Il paradosso di Leontief non può essere considerato una costante ma deve essere accertato paese per paese e di periodo in periodo Tuttavia il dibattito scaturito dal paradosso per la prima volta ha messo in dubbio la rilevanza della teoria H-O: H il teorema di H-O H O non può più essere considerato valido in termini generali ma deve essere sottoposto a prova empirica 53

54 Previsioni 2. Il commercio internazionale dovrebbe accadere prevalentemente fra paesi complementari (cioè con grandi differenze nelle dotazioni fattoriali relative) 54

55 Critiche dovute al conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica Molti lavori empirici sono stati condotti negli ultimi 50 anni al a fine di verificare o confutare la validità del teorema di H-O: H Risultato: Le dotazioni relative dei fattori sono in grado di spiegare le direzioni di commercio nel 50% dei casi, cioè solo nel 50% dei casi il teorema di H-O H è verificato! (Trefler,, 1995) 55

56 Conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica: altri paradossi Missing trade puzzle (Trefler( Trefler,, 1995) I volumi di commercio sono molto inferiori a quelli predetti dai modelli teorici Paesi relativamente abbondanti di K (industrializzati) commerciano troppo fra loro e troppo poco con i paesi relativamente abbondanti di L (in via di sviluppo) (Trefler( 95) 56

57 Conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica: altri paradossi Larga parte del commercio fra paesi industrializzati consiste in commercio di beni simili (commercio intra- industriale) Border effect puzzle: : I confini nazionali hanno un ruolo importante, anche in assenza di barriere tariffarie e non tariffarie (Helliwell( & McCallum 95; McCallum 95) Il commercio fra 2 province canadesi risultava 22 volte maggiore che fra 1 prov. can. e 1 stato americano (1988) Home bias: : C èc molto meno commercio di quanto predetto e i paesi mostrano una preferenza per i propri prodotti (McCallum 95) 57

58 Teorie alternative Nuove teorie del commercio internazionale: : vengono abbandonate le ipotesi di concorrenza perfetta e/o di omogeneità dei prodotti. Teorie istituzionali del commercio internazionale: : viene abbandonata l ipotesi l di istituzioni identiche (il contesto istituzionale viene reso esplicito ed interdipendente rispetto alla struttura tecnologica del paese). 58

59 Le nuove teorie del commercio internazionale Mercati Concorrenza perfetta Concorrenza monopolistica Oligopolio Monopolio Omogenei Teoria ortodossa - Brander (1981) Prodotti Differenziati verticalmente Differenziati orizzontalmen. Teorie neo- Hecksher-Ohlin - - Domanda di varietà (Krugman, 1979); Domanda di caratteristiche (Lancaster,, 1980) Shaked e Sutton (1984) Eaton e Kierzkowski (1984) 59

60 Le nuove teorie del commercio internazionale Differenziazione verticale: Si riferisce a prodotti che differiscono soltanto per la qualità (per esempio abiti di lana in tutto identici salvo che per le diverse qualità della lana). Differenziazione orizzontale: Si riferisce a prodotti di qualità simile ma che differiscono per qualche altra caratteristica reale o presunta (abiti di lana della stessa qualità ma di tinta, modello o marca diversa). 60

61 Le nuove teorie del commercio internazionale La scelta di beni diversificati verticalmente dipende dal reddito (chi ha un reddito più alto può permettersi una qualità superiore dei beni acquistati). Invece la scelta di beni differenziati orizzontalmente dipende dal fatto che i consumatori amano e percepiscono diversamente le varie caratteristiche dei beni. Dunque la scelta di beni differenziati orizzontalmente dipende dall amore per la varietà (Dixit e Stiglitz,, 1977; Spence, 1976): anche se il mio colore preferito è il rosso, voglio avere nel mio armadio maglie di diversi colori. 61

62 Le nuove teorie del commercio internazionale La funzione di preferenze che include l amore per la varietà è stata incorporata da Krugman (1990) in un modello di concorrenza monopolistica applicato al commercio internazionale + economie di scala. Due paesi: 1 e 2 Due beni: A e B Settore A concorrenza monopolistica e rendimenti di scala crescenti Settore B concorrenza perfetta e rendimenti costanti Due fattori: K e L I paesi sono identici in tutto eccetto che nelle dotazioni relative dei fattori (come nella teoria H-O) H 62

63 Le nuove teorie del commercio internazionale Concorrenza monopolistica significa che nel mercato operano numerose imprese che offrono beni differenziati orizzontalmente (che sono differenziati o appaiono differenziati agli occhi del consumatore) per cui ogni imprenditore si comporta da monopolista nella sua nicchia di mercato. Tuttavia a causa di assenza di barriere all entrata e all uscita nel lungo periodo le imprese non possono percepire profitto o perdita. 63

64 Le nuove teorie del commercio internazionale Conclusioni: I due paesi possono importare ed esportare simultaneamente beni appartenenti alla stessa industria ma si specializzeranno nella produzione di varietà diverse di tali beni (per caratteristiche effettivamente diverse o percepite diversamente da consumatori diversi) Commercio intra-industriale industriale 64

65 Rapporto fra teorie ortodosse e nuove teorie Krugman (1990): Se si dovesse dare un esempio concreto di che cosa è la nuova teoria del commercio internazionale rispetto a quella ortodossa, si potrebbe dire che la teoria ortodossa considera il commercio mondiale come avente per oggetto esclusivamente beni come il grano,, mentre la nuova teoria lo considera come costituito soprattutto da beni come gli aeroplani.. Dato che buona parte del commercio internazionale ha per oggetto beni come il grano, non si può buttar via la teoria ortodossa. Ma poiché larga parte del commercio ha per oggetto beni come gli aeroplani la nuova teoria spiega tutta una gamma di possibilità non contemplate dalla teoria ortodossa. 65

66 Lezione 3 Teorie istituzionaliste del commercio internazionale 1 Effetti sulle transazioni 2 Effetti sulla produzione 3 Effetti sulle forme organizzative Materiale Slides Approfondimenti: Hall & Soskice eds,, Varieties of Capitalism: : The Institutional Foundations of Comparative Advantage: Introduzione Belloc, Institutions and International Trade: : A Reconsideration of Comparative Advantage, Journal of Economic Surveys,, 20 (1):

67 Ricapitolando Vantaggio comparato Un paese ha vantaggio comparato nella produzione di un certo bene se è in grado di produrre quel bene ad un costo comparato più basso rispetto al resto del mondo. Secondo la teoria Hecksher-Ohlin il vantaggio comparato discende dalle differenze nelle dotazioni relative di risorse produttive: Ciascun paese si specializza nell attivit attività produttiva che richiede un impiego relativamente più intenso del fattore di cui il paese ha una dotazione relativamente più abbondante. 67

68 Critiche dovute al conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica Cosa ci dovremmo aspettare, se la teoria ortodossa fosse corretta? 1. La composizione dei flussi commerciali dovrebbe riflettere il vantaggio comparato tradizionale (ciascun paese dovrebbe esportare il bene che fa uso relativamente intensivo del fattore relativamente abbondante in quel paese) 2. Il commercio internazionale dovrebbe accadere prevalentemente fra paesi complementari (cioè con grandi differenze nelle dotazioni fattoriali relative) 68

69 Critiche dovute al conflitto fra predizioni teoriche ed evidenza empirica Paradosso di Leontief ( 53): Leontief calcolò (con tabelle input-output) il fabbisogno complessivo di K e L per unità di esportazioni e importazioni statunitensi del 1947 Da questo studio risulta che gli USA esportavano merci ad alta intensità di L ed importavano merci ad alta intensità di K Ma gli USA erano concordemente ritenuti il paese relativamente più dotato di K di tutti gli altri paesi con cui gli USA stessi commerciavano 69

70 Critiche dovute al conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica Molti lavori empirici sono stati condotti negli ultimi 50 anni al a fine di verificare o confutare la validità del teorema di H-O: H Risultato: Le dotazioni relative dei fattori sono in grado di spiegare le direzioni di commercio nel 50% dei casi, cioè solo nel 50% dei casi il teorema di H-O H è verificato! (Trefler,, 1995) 70

71 Conflitto fra previsioni teoriche ed evidenza empirica: altri paradossi Missing trade puzzle: I volumi di commercio sono molto inferiori a quelli predetti dai modelli teorici (Trefler( Trefler,, 1995) Paesi relativamente abbondanti di K (industrializzati) commerciano troppo fra loro e troppo poco con i paesi relativamente abbondanti di L (in via di sviluppo) (Trefler( 1995) Larga parte del commercio fra paesi industrializzati consiste in commercio di beni simili (commercio intra- industriale) New Trade Theories 71

72 Istituzioni e commercio internazionale: evidenza empirica Anderson & Marcouiller (2002) stimano un modello di commercio che include variabili che riflettono la trasparenza e l imparzialità delle istituzioni di politica economica e l implementabilitl implementabilità dei contratti commerciali. Risultati: Riducendo i costi di transazione, il supporto istituzionale per il commercio sicuro incrementa significativamente i volumi di commercio internazionale Le variabili istituzionali aiutano a spiegare l home l bias Modellando le differenze istituzionali è possibile spiegare perché c è troppo commercio fra paesi ad alto reddito. 72

73 Istituzioni e commercio internazionale: evidenza empirica Nasce il sospetto che vi siano altre forme di diversità oltre le diversità nelle tecnologie e nelle dotazioni relative dei fattori che influenzano il commercio. Differenze nelle istituzioni. Costi di informazione (Rauch( Rauch,, 1999; Evans,, 2000; Chen, 2004) Unioni monetarie (Rose, 2000) Lingua parlata, confini nazionali, accordi commerciali regionali (Frankel( et al., 1998) Gruppi etnici (Gould( Gould,, 1994; Rauch e Trindade,, 2002) Costi fissi legati all incompletezza contrattuale (Roberts( e Tybout,, 1997) 73

74 Istituzioni e commercio internazionale Istituzioni: are the rules of the game in a society or, more formally,, are the humanly devised constraints that shape human interaction (North,, 1990, p.3p.3) Formali (Rule( Rule-based): contratti; business organization; associazioni sindacali; sistemi legali o regolamentativi. Informali (Relation( Relation-based): social norms; ; sistemi di information-sharing sharing; ; collaborazione. 74

75 Istituzioni e commercio internazionale Effetto sulle transazioni Le istituzioni modellano le interazioni fra agenti che commerciano e le scelte fra scambio relation-based e scambio rule-based based. Dominio di scambio Effetto sulla produzione Contesti istituzionali diversi forniscono supporto a certe tecnologie e riducono i costi di transazione che sono più rilevanti per certe industrie Organizzazione industriale Mercati finanziari Mercato del lavoro 75

76 A) Effetto sulle transazioni internazionali Ogni transazione comporta tre stadi ciascuno dei quali è associato a costi specifici che risultano particolarmente rilevanti quando lo scambio attraversa i confini internazionali (den( Butter & Mosch 2003): Contatto Contratto Controllo 76

77 Costi di transazione e commercio internazionale Contatto Nella fase del contatto ciascun commerciante investe risorse nella ricerca del partner. Questo implica costi per acquisire informazioni, comunicare con le persone (in genere in una lingua diversa), studiare le norme di business di un altro paese, etc. 77

78 Costi di transazione e commercio internazionale Contratto Dopo aver trovato il partner, i due devono accordarsi sulle condizioni della transazione (prezzo, quantità,, qualità,, e consegna). Contrattare nei mercati internazionale risente di discontinuità nei sistemi legali, e di differenze nei meccanismi istituzionali e nelle norme culturali. 78

79 Costi di transazione e commercio internazionale Controllo Infine, l accordo l deve essere fatto rispettare. Le due parti devono controllare che le condizioni vengano rispettate. Questo è tanto più costoso quanto più distanti sono le parti. Fattori socioeconomici (tecnologie disponibili, fattori culturali o linguistici) e geografici. 79

80 Costi di transazione e commercio internazionale I costi di transazione che scaturiscono dal fatto che lo scambio attraversa i confini nazionali vengono chiamati costi di transazione internazionali. A cosa sono dovuti: 1. Imperfect contract enforcement: Se le due parti si trovano in paesi diversi, le istituzioni locali possono essere non disposte o incapaci di rendere il contratto enforceable. Poiché i contratti sono in genere incompleti (non possono prevedere tutti i possibili accadimenti) le parti hanno un incentivo di default maggiore (Rodrik,, 2000) 2. Imperfect information (Rauch e Casella, 2003 ) 3. Incertezza dell ambiente esterno (Anderson e Marcouiller, 2002) 80

81 Costi di transazione e commercio internazionale I costi di transazione internazionali possono essere considerati sotto forma di equivalente tariffario (Anderson & Young 2002). Paese 1 Paese 2 81

82 A A E Costi di transaz e commercio internaz p MA R E P Il paese 1 importa A dal paese 2, ed esporta B Il prezzo di B in termini di A è pb/pa A R Q XB pb/pa R O B E B R B 82

83 Costi di transazione e commercio internazionale Supponiamo che l importazione l del bene A dal paese 2 comporta dei costi di transazione non inclusi in pa che misuriamo con t per ciascuna unità.. Il prezzo di B in termini di A diventa pb/[ /[pa(1+t)] Paese 1 Paese 2 83

84 A A E A R Costi di transaz e commercio internaz R E Q MA Se teniamo conto dei costi di transazione, il paese produce una quantità maggiore (ed importa una quantità minore) di A r Q XB pb/pa r O B E B R B 84

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei.

Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Innovazione e competitività: un confronto settoriale tra l Italia e gli altri Paesi europei. Alessia Amighini (Università del Piemonte Orientale) Versione preliminare Intervento al convegno Innovare per

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione *

Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * PAROLE CHIAVE Multinazionali: effetti nei paesi di destinazione * Giorgio Barba Navaretti ** Università di Milano e Centro Studi Luca d Agliano, Milano Le multinazionali (MNE) svolgono un ruolo fondamentale

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli