QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "QUADRO CONOSCITIVO 6. RIFIUTI SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE. 6. Rifiuti"

Transcript

1 QUADRO CONOSCITIVO SISTEMA NATURALE E AMBIENTALE 6. RIFIUTI 6. Rifiuti

2 6 RIFIUTI PIANO PROVINCIALE GESTIONE RIFIUTI (PPGR) Obiettivi di recupero del PPGR della Provincia di Parma INQUADRAMENTO PROVINCIALE Rifiuti urbani in Provincia di Parma Rifiuti speciali in Provincia di Parma PRODUZIONE DI RIFIUTI IN COMUNE DI FIDENZA Rifiuti urbani SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL COMUNE DI FIDENZA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI FIDENZA Raccolta differenziata del vetro Raccolta differenziata della carta e cartone Raccolta differenziata di sfalci e potature Raccolta differenziata della frazione umida CORTE DEL RECUPERO Rifiuti recuperati e rifiuti prodotti Layout dell impianto ANALISI SWOT...34 AMBITER s.r.l. 6-1

3 6 RIFIUTI 6.1 Piano Provinciale Gestione Rifiuti (PPGR) 1 Il sistema della pianificazione regionale in materia di gestione dei rifiuti viene regolamentato dalla L.R. n. 3/99 che recepisce la normativa statale e comunitaria. L'art.126 della L.R. n. 3/99 individua i seguenti strumenti della pianificazione della gestione dei rifiuti: - il Piano Territoriale Regionale (PTR); - i Piani Territoriali di Coordinamento Provinciale (PTCP); - i Piani Provinciali per la Gestione dei Rifiuti (PPGR). Alla Provincia è affidato il compito di pianificare il sistema di smaltimento e recupero dei rifiuti sulla base della normativa nazionale e regionale vigente, mediante la redazione del Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR). Il PPGR, tra le altre cose, stabilisce: - le iniziative dirette a limitare la produzione dei rifiuti ed a favorirne il riutilizzo, il riciclaggio ed il recupero; - i tipi, le quantità e l origine dei rifiuti da recuperare o da smaltire; - le scelte necessarie ad assicurare la gestione unitaria dei rifiuti urbani; - il sistema impiantistico esistente e quello di progetto; - gli impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti urbani da localizzare (sentiti i Comuni), con eventuali indicazioni plurime per ogni tipo di impianto; - le previsioni sui livelli di produzione dei rifiuti e sulla loro gestione nel prossimo futuro; - gli obiettivi di recupero per il prossimo futuro Obiettivi di recupero del PPGR della Provincia di Parma L obiettivo generale del PPGR è di identificare un sistema integrato di gestione improntato prioritariamente al riutilizzo ed al recupero di materiali e basato sulla previsione di modalità di raccolta differenziata ed impianti di trattamento idonei. Il PPGR stabilisce i seguenti criteri di riferimento: priorità al recupero energetico della frazione combustibile; riduzione al minimo del ricorso allo smaltimento in discarica; 1 Tratto dal PPGR della provincia di Parma approvato con delibera di Consiglio Provinciale n 32 del Relazione Illustrativa. AMBITER s.r.l. 6-2

4 riduzione dell impatto ambientale degli impianti di interramento controllato; garantire la massima valorizzazione del sistema impiantistico presente a livello provinciale; privilegiare modalità di trattamento affidabili e consolidate; applicare tecnologie che garantiscano la massima tutela ambientale tendendo a garantire un favorevole rapporto costi/benefici; conferma del trattamento preliminare mediante selezione meccanica; previsione di trattamento biologico di stabilizzazione per la componente organica; previsione di impianto dedicato all utilizzo energetico delle componenti ad elevato potere calorifico (l opzione CDR è giudicata non opportuna sia per l assenza di un reale mercato che in termini di bilancio ambientale); smaltimento in impianti di interramento controllato solo per le frazioni non valorizzabili (attribuzione di un ruolo effettivamente residuale alle discariche). Al fine di operare un approccio analitico alla determinazione dei flussi di rifiuti urbani da avviare al recupero e smaltimento, il territorio è stato disaggregato in sub-ambiti, sulla base di valutazioni legate al contesto geografico, storico, socio-economico; il Comune di Fidenza rientra nel sub-ambito Fidenza Salsomaggiore e rappresenta il principale polo insediativo dopo Parma, al pari del quale svolge un ruolo di centro portante dell armatura urbana provinciale (Figura 6.1.1). Sulla base dei quantitativi di rifiuti urbani (RU) prodotti nel 2002 (Tabella 6.1.1), dei quantitativi di rifiuti da raccolta differenziata e delle potenzialità di recupero delle varie frazioni all interno del PPGR sono stati definiti degli obiettivi prestazionali di recupero al 2007 (Tabella 6.1.2) e al 2012 (Tabella 6.1.3) per il subambito Fidenza Salsomaggiore. In particolare, al 2002 il Comune di Fidenza, che contava abitanti, ha fatto registrare un totale complessivo di rifiuti prodotti pari a 496,2 kg/abitante*anno di cui 124,4 kg/abitante*anno di raccolta differenziata, pari al 25,1 %. Sulla base di queste prestazioni il PPGR ha definito, per il sub ambito Fidenza Salsomaggiore un obiettivo di raccolta differenziata al 2007 del 57,7% e al 2012 del 65,2%, rispetto ad una produzione prevista di rifiuti urbani di t (+19%) per il Per quanto riguarda l obiettivo per l anno 2007, si evidenzia che il tasso di raccolta differenziata del comune di Fidenza per l anno 2007 è del 62,27% e la produzione totale di rifiuti urbani è stata di t, per cui l obiettivo è stato pienamente raggiunto. Il tasso di raccolta differenziata per l anno 2011 nel comune di Fidenza è pari al 68,5% mentre la produzione totale di rifiuti urbani è risultata di t; in linea con gli obiettivi fissati per l anno 2012 (minore produzione di rifiuti rispetto a quanto stimato e maggiori livelli di raccolta differenziata). AMBITER s.r.l. 6-3

5 Comune di Fidenza Sono state, inoltre, individuate le potenzialità teoriche massime di applicazione dei modelli di raccolta che, allo stato attuale delle conoscenze del settore, potrebbero permettere di raggiungere elevati livelli di RD pur mantenendo un buon rapporto costi-benefici (Tabella 6.1.4). Tali percentuali di applicazione tengono conto dei dati sulla dispersione abitativa e dei dati di RD già raggiunti al Figura Identificazione cartografica del Sub - ambito Fidenza Salsomaggiore terme (in verde). Tabella Risultati della RD nel sub-ambito Fidenza Salsomaggiore (anno 2002 kg/abitanti*anno). Comune Fidenza Salsomaggiore AMBITER s.r.l. Anno Totale rifiuti urbani Rifiuti urbani avviati a smaltimento Raccolta Raccolta differenziata differenziata pro capite Tasso di raccolta differenziata Obiettivo del PPGR [t] [t] [t] [kg/ab] % % ,28 25, ,85 62, ,50 68, ,46 16,42-6-4

6 Sub ambito Media provinciale ,81 39, ,02 55, ,06 20, ,33 50,23 57, ,56 62, ,98 22, ,61 42,94 57, ,19 58,20 - Tabella Quantificazione degli obiettivi di RD e dei rifiuti recuperabili nel sub-ambito Fidenza Salsomaggiore al Frazioni Merceologiche Obiettivo PPGR Obiettivo PPGR % t/a Umido Verde Carta Cartone Alluminio Metalli ferrosi Vetro Plastica imballaggi Altra plastica 0 0 Legno Tessili e cuoio Pannolini 0 0 Inerti 0 0 R.U.P Beni durevoli Ingombranti Vari artigianali 0 0 Spazzamento 0 0 Totale 57, Tabella Riepilogo flussi RU ed obiettivi di RD nel sub-ambito Fidenza Salsomaggiore al 2012 (tonnellate). Frazioni Merceologiche RU al lordo delle RD 2002 (%) RU al lordo delle RD 2002 RU al lordo delle RD 2012 (D) Obiettivo RD (%) RD 2012 t/a (E) RD Residuo al 2012 (%) RD Residuo al 2012 (t/a) F(D-E) Umido 18, , Verde 15, , Carta 17, , Cartone 8, , Alluminio 1, , Metalli ferrosi 4, , Vetro 8, , AMBITER s.r.l. 6-5

7 Frazioni Merceologiche RU al lordo delle RD 2002 (%) RU al lordo delle RD 2002 RU al lordo delle RD 2012 (D) Obiettivo RD (%) RD 2012 t/a (E) RD Residuo al 2012 (%) RD Residuo al 2012 (t/a) F(D-E) Plastica imballaggi 9, , Altra plastica 3, , Legno 1, , Tessili e cuoio 1, , Pannolini 2, , Inerti 1, , R.U.P. 0, ,18 16 Beni durevoli 0, ,11 10 Ingombranti 1, ,49 45 Vari artigianali 0, , Spazzamento 2, , Totale , , Tabella Prospetto modalità di raccolta potenzialmente applicabili al sub-ambito Fidenza Salsomaggiore (%) al Frazioni Merceologiche Possibilità applicazione raccolta domiciliare delle ut. Possibilità applicazione raccolta di prossimità delle ut. Possibilità applicazione raccolta stradale delle ut. Possibilità applicazione raccolta su appuntam. delle ut. Possibilità combinazione con conf. c/o staz eco delle ut. Obiettivo RD % Frazione residua 95 5 Umido Verde Carta Cartone Alluminio Metalli ferrosi Vetro Plastica imballaggi Legno Tessili e cuoio R.U.P Beni durevoli Ingombranti AMBITER s.r.l. 6-6

8 AMBITER s.r.l. 6-7

9 6.2 Inquadramento provinciale Rifiuti urbani in Provincia di Parma Nella Provincia di Parma la produzione di rifiuti urbani nell'anno 2011 è risultata essere pari a t (equivalenti ad un valore pro capite di 584,5 kg/abitante), di cui il 58,2% è costituito da raccolte differenziate ( t)( Tabella 6.2.1). L analisi dei dati del periodo evidenzia un incremento costante tra l anno 1997 e l anno 2006 del quantitativo totale di rifiuti prodotti che passa da t del 1997 a t nell anno Negli anni seguenti la produzione totale di rifiuti risulta circa costante, con valori compresi tra t e t (Tabella 6.2.1). Un andamento analogo si può osservare anche per il quantitativo di rifiuti procapite (totale per abitante): il dato risulta in crescita per il periodo passando da 476,4 kg/ab nel 1997 a 630,1 kg/ab nel 2006 mentre negli ultimi anni si registra una diminuzione, con valori che passano da 618,6 kg/ab nell anno 2007 a 584,5 kg/ab nell anno 2011 (Figura 6.2.1). Per quanto riguarda la raccolta differenziata, nel periodo considerato si evidenzia un incremento costante, con quantitativi di rifiuti raccolti in modo differenziato che passano da 11,1% nell anno 1997 al 58,2 % nell anno Tabella Produzione di rifiuti urbani a smaltimento e differenziati in Provincia di Parma nel periodo Anno Abitanti Totale Totale per abitante Rifiuti a Smaltimento Raccolta Differenziata Raccolta Differenziata [t] [kg/ab*a] [t] [t] [%] , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,7 2 Fonte: sito internet dell Osservatorio Provinciale Rifiuti di Parma. AMBITER s.r.l. 6-8

10 , [t] Rifiuti a Smaltimento Raccolta Differenziata Figura Rappresentazione grafica dei dati di rifiuti avviati allo smaltimento e di raccolta differenziata in Provincia di Parma nel periodo Il significativo incremento dei quantitativi di rifiuti raccolti in modo differenziato nel periodo (Tabella e Figura 6.2.2) ha riguardato, in particolare, le frazioni merceologiche carta e cartone (incremento del 330%), rifiuti biodegradabili (incrementi del 1.030% e del 6.574% rispettivamente per i rifiuti da giardini e parchi e per quelli derivati da cucine e mense), metalli (eccetto alluminio) (incremento del 276 %), legno (incremento del 4.047%) e la raccolta multi materiale. Nel periodo di analisi è stato registrato un calo solo per la frazione plastica, con una riduzione del 24%. Tabella Quantitativi di rifiuti raccolti in modo differenziato in Provincia di Parma nel periodo Anno Carta e cartone Vetro Rifiuti biodegradabili (da giardini e parchi) Plastica Metalli (eccetto alluminio) Rifiuti biodegradabili da cucine e mense (FORSU) Raccolta multimateriale Legno [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] altro AMBITER s.r.l. 6-9

11 Anno Carta e cartone Vetro Rifiuti biodegradabili (da giardini e parchi) Plastica Metalli (eccetto alluminio) Rifiuti biodegradabili da cucine e mense (FORSU) Raccolta multimateriale Legno [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] [t] altro [t] Carta e cartone [t] Rifiuti biodegradabili (da giardini e parchi) [t] Raccolta multimateriale [t] Vetro [t] Rifiuti biodegradabili da cucinee mense (FORSU) [t] Legno [t] Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi di raccolta differenziata suddivisi per frazione merceologica in Provincia di Parma (periodo ). A livello comunale si riscontrano significative differenze tra il quantitativo di rifiuti prodotti per abitante e tra i tassi di raccolta differenziata; nel contesto provinciale il Comune di Fidenza presenta una produzione di rifiuti procapite tra le più basse (inferiore a 450 kg/ab * a) e una percentuale di raccolta differenziata superiore alla media provinciale (68,5%) (dati 2011) (Figure e 6.2.4). AMBITER s.r.l. 6-10

12 Comune di Fidenza Figura Rappresentazione cartografica della produzione di rifiuti urbani pro capite nella Provincia di Parma (dati 2011). AMBITER s.r.l. 6-11

13 Figura Rappresentazione cartografica della percentuale di raccolta differenziata nei comuni della provincia di Parma (anno 2011) Rifiuti speciali in Provincia di Parma I rifiuti speciali generati dalle attività produttive (agricole, industriali, commerciali e artigianali) e di servizio quantitativamente rappresentano quasi il quadruplo dei rifiuti urbani prodotti, ma nonostante ciò non esistono metodi precisi per la stima dei quantitativi prodotti. Attualmente, gli unici dati disponibili sono quelli dichiarati all interno dei MUD (Modulo unico di dichiarazione ambientale). Per la Provincia di Parma i dati di produzione dei rifiuti speciali non pericolosi mostrano un andamento crescente nel periodo , passando da t a t, mentre per l anno 2006 è stato registrato un quantitativo (anomalo) di t (Tabella e Figura 6.2.5). Il periodo successivo è stato caratterizzato da un andamento decrescente in cui i quantitativi di rifiuti speciali prodotti sono passati da t a t. Per quanto riguarda i rifiuti speciali pericolosi i dati di produzione nella Provincia di Parma mostrano una crescita nel periodo , passando da t a t. Successivamente la produzione annua di rifiuti speciali pericolosi è diminuita a t. La produzione pro capite di rifiuti speciali mostra andamenti analoghi ai quantitativi totali provinciali (Tabella e Figura 6.2.6); i dati di produzione procapite relativi all anno 2009 sono di kg/abitante e 92 kg/abitante rispettivamente per i rifiuti non pericolosi e pericolosi. Tabella Produzione di rifiuti speciali in Provincia di Parma nel periodo provincia t t t t t t t t Rifiuti pericolosi 22046, , , , , , , ,37 Rifiuti non pericolosi , , , , , Tabella Quantitativi di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi prodotti in Provincia di Parma nel periodo provincia kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante kg/ abitante Rifiuti pericolosi procapite 54,5 55,9 75,1 97,8 96,8 160,7 114,5 91,9 Rifiuti non pericolosi procapite 1156,9 1213,7 1321,1 1444,8 820,5 1571,0 1513,6 1475,7 AMBITER s.r.l. 6-12

14 [t] Rifiuti non pericolosi Riifiuti pericolosi Figura Rappresentazione grafica della produzione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi nella Provincia di Parma per il periodo [t] Rifiuti non pericolosi Riifiuti pericolosi Figura Rappresentazione grafica della produzione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi pro capite in Provincia di Parma per il periodo AMBITER s.r.l. 6-13

15 6.3 Produzione di rifiuti in Comune di Fidenza Rifiuti urbani La produzione annuale complessiva di rifiuti urbani nel Comune di Fidenza, analizzata relativamente alla serie storica , è risultata compresa tra un minimo di t (anno 2007) e un massimo di t (anno 2005); nell anno 2012 la produzione di rifiuti urbani è stata di t (Tabella e Figura 6.3.1). I quantitativi sono aumentati gradualmente nel periodo , si è poi mantenuto un andamento oscillante fino all anno 2005, a partire dal quale il quantitativo di rifiuti prodotti ha subito una forte diminuzione, passando dai t prodotti nell anno 2005 ai t prodotti nell anno Negli anni 2009 e 2010 i quantitativi sono aumentati progressivamente fino a t nell anno 2010, mentre negli ultimi due anni i quantitativi sono diminuiti. L analisi della produzione pro capite di rifiuti evidenzia un aumento nel periodo , periodo in cui la produzione pro capite passa da 445,95 kg/ab a 500,85 kg/ab, seguito da un andamento oscillante fino all anno Nel periodo si riscontra una significativa diminuzione; i quantitativi di rifiuti pro capite prodotti passano da 539,7 kg/abitante nell anno 2004 a 421,7 kg/abitante nell anno 2009, mentre per l anno 2010 la produzione è risultata di 434,8 kg/abitante. Il dato rilevato nell anno 2012, pari a 402,85 kg/abitante, è in sensibile riduzione anche rispetto agli ultimi anni considerati. Il confronto con i dati medi provinciali evidenziano (nel periodo ), in Comune di Fidenza, una produzione di rifiuti urbani pro capite minore, in particolare nel periodo , quando i quantitativi relativi al Comune di Fidenza risultano inferiori mediamente del 30%. Tabella Produzione di rifiuti urbani nel Comune di Fidenza e nella Provincia di Parma nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). Anno RU totali prodotti (t) Comune di Fidenza RU totali prodotti RU totali prodotti (t) Provincia di Parma RU totali prodotti , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,9 AMBITER s.r.l. 6-14

16 Anno RU totali prodotti (t) Comune di Fidenza RU totali prodotti RU totali prodotti (t) Provincia di Parma RU totali prodotti , , , , , , n.d.* n.d.* * i dati provinciali non sono ancora resi disponibili dall Osservatorio provinciale sui rifiuti [kg/ab] Provincia di Parma Comune di Fidenza Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi di rifiuti urbani pro capite prodotti nel Comune di Fidenza e in Provincia di Parma nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). AMBITER s.r.l. 6-15

17 6.4 Smaltimento dei rifiuti nel Comune di Fidenza 3 La quota di rifiuti raccolti in modo indifferenziato o che, per caratteristiche intrinseche, non può essere avviato al ciclo del riuso e riciclo viene destinato allo smaltimento. Nel processo di gestione dei rifiuti, lo smaltimento rappresenta la fase terminale del ciclo ed è svolto principalmente tramite il conferimento in discarica o il conferimento ad un impianto di termovalorizzazione. Attualmente non sono presenti impianti di smaltimento o discariche attive all interno del territorio comunale e i rifiuti destinati allo smaltimento sono recapitati fuori dal territorio comunale. La Tabella riporta i dati annuali relativi ai rifiuti urbani prodotti pro-capite nel Comune di Fidenza e avviati allo smaltimento (discarica o inceneritore), che comprendono i rifiuti da spazzamento, i rifiuti urbani indifferenziati ed i rifiuti ingombranti misti. L andamento si presenta discontinuo: inizialmente crescente dall anno 1997 all anno 1999, passando da 385 kg/abitante a 416 kg/abitante, e successivamente in calo fino all anno 2003 (370 kg/abitante) (Figura 6.4.1). Nel anno 2004 è stato registrato un quantitativo pro capite di 396 kg/abitante a cui è seguito un andamento decrescente continuo fino all anno 2012 (111 kg/abitante). Complessivamente, nel decennio si assiste ad una significativa riduzione dei quantitativi di rifiuti a smaltimento in Comune di Fidenza, passando da 372 kg/abitante a 111 kg/abitante (-70%) e mantenendosi, inoltre, sempre al di sotto della media provinciale, in modo particolare a partire dall anno Tabella Quantitativi annuali pro-capite di rifiuti urbani avviati a smaltimento nel Comune di Fidenza in confronto alla media provinciale (periodo ) (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). Anno Abitanti RU totali prodotti RU a smaltimento media provinciale ,95 385,46 423, ,44 406,72 428, ,85 416,45 445, ,51 409,9 446, ,5 408,35 443, ,13 371,75 445, ,75 370,13 436, ,72 396,18 428, ,56 373,72 419, ,99 211,08 404, ,07 156,23 352, ,61 157,67 316,88 3 Fonte dati: La gestione dei rifiuti in Emilia Romagna, report 2011 (Regione Emilia Romagna, Arpa Emilia Romagna). AMBITER s.r.l. 6-16

18 Anno Abitanti RU totali prodotti RU a smaltimento media provinciale ,74 143,45 291, ,83 146,63 274, ,66 133,14 244, ,85 111,27 n.d.* * i dati provinciali non sono ancora resi disponibili dall Osservatorio provinciale sui rifiuti [kg/ abitante] RU a smaltimento media provinciale Figura Andamento dei quantitativi dei rifiuti urbani a smaltimento pro-capite nel Comune di Fidenza e confronto con la media provinciale: valori annuali nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). AMBITER s.r.l. 6-17

19 6.5 Raccolta differenziata nel Comune di Fidenza 4 La raccolta differenziata, intesa come modalità di selezione e semplificazione all origine del flusso indifferenziato dei rifiuti urbani, ha lo scopo prioritario di evitare l abbandono delle frazioni industrialmente riutilizzabili e di quelle ambientalmente nocive facilitandone il recupero, il riciclo o la dismissione. Consente la valorizzazione delle componenti merceologiche dei rifiuti fin dalla prima fase della raccolta, la riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti da avviare a smaltimento, il recupero di materiali ed energia e la promozione di comportamenti più coerenti da parte dei cittadini, a beneficio di future politiche di prevenzione e riduzione. L efficacia della raccolta differenziata dipende principalmente dalle politiche di implementazione e dalla diretta partecipazione dei cittadini e può essere assunta come indicatore della percezione sociale delle politiche urbane rivolte alla sostenibilità ambientale. Nel Comune di Fidenza la raccolta differenziata ha avuto un andamento tendenzialmente crescente nel periodo , con un valore minimo pari al 13,56% della produzione totale nell anno 1998 e un valore massimo nel 2012 pari al 72,4% (Tabella e Figura 6.5.1). L analisi dei dati della raccolta differenziata nel Comune di Fidenza ha permesso di stabilire il raggiungimento degli obiettivi prestazionali prefissati dalla normativa e dalla pianificazione vigente, con particolare riferimento agli obiettivi fissati dal D.Lgs. 152/2006 e s.m.i e il Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (PPGR). Il decreto nazionale, infatti, stabilisce che in ogni ambito territoriale ottimale deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti: - almeno il 35% entro il 31/12/2006; - almeno il 45% entro il 31/12/2008; - almeno il 65% entro il 31/12/2012. Gli obiettivi fissati per l anno 2006, per l anno 2008 e per l anno 2012 sono stati raggiunti, in quanto i livelli di raccolta differenziata riscontrati sono, rispettivamente, del 54% (+19% rispetto agli obiettivi normativi), del 63% (+18%) e di oltre il 72% nell ultimo anno (+7%). Per quanto riguarda gli obiettivi fissati dal PPGR risulta raggiunto l obiettivo all anno 2007, corrispondente al 57,7%, in quanto la raccolta differenziata per lo stesso anno nel Comune di Fidenza è risultata del 62,3% (+4,6%); anche l obiettivo all anno 2012 (65,2%) è stato ampiamente soddisfatto (72,4%). 4 Fonti: Osservatorio Provinciale Rifiuti di Parma. AMBITER s.r.l. 6-18

20 Rispetto ai livelli di raccolta differenziata della Provincia di Parma, in Comune di Fidenza, a partire dall anno 2006, sono stati raggiunti livelli significativamente superiori alla media provinciale. Tabella Quantitativo di rifiuti urbani raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza nel periodo Anno Raccolta differenziata Raccolta differenziata (kg/abitante.) (%) ,48 13, ,73 15, ,40 16, ,61 17, ,14 19, ,38 25, ,63 26, ,55 26, ,84 30, ,92 54, ,85 62, ,95 62, ,29 65, ,20 66, ,52 68, ,58 72, [%] Comune di Fidenza Obiettivo PPGR media provinciale Figura Rappresentazione grafica della raccolta differenziata nel Comune di Fidenza dal 1997 al 2012 in confronto con gli obiettivi fissati dal PPGR. (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). AMBITER s.r.l. 6-19

21 Nel corso del periodo è stata registrata una diminuzione del quantitativo procapite di rifiuti prodotti nel Comune di Fidenza, passato da 446 kg/abitante a 403 kg/abitante (Figura 6.5.2). I sistemi di raccolta differenziata avviati nel corso del decennio considerato hanno influenzato significativamente i quantitativi di rifiuti destinati al recupero e allo smaltimento in quanto i quantitativi raccolti in modo differenziato sono aumentati da 60,47 kg/abitante nell anno 1997 a 291,58 kg/abitante nell anno 2012, mentre i rifiuti avviati allo smaltimento sono diminuiti da 385,46 kg/abitante a 111,27 kg/abitante. A partire dall anno 2006 i rifiuti pro-capite raccolti in modo differenziato risultano superiori ai rifiuti pro-capite avviati a smaltimento [kg/ abitante] Raccolta Differenziata RU totali prodotti RU a smaltimento Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi procapite di rifiuti totali, avviati allo smaltimento e raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza per il periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). L aumento del livello di raccolta differenziata rilevato a partire dall anno 2005 è motivato dall attivazione della raccolta porta a porta in zona Fidenza centro, per un totale di circa abitanti serviti. Dall anno 2006 il servizio è stato esteso a circa abitanti (83% della popolazione totale in quell anno). Oltre al servizio di raccolta porta a porta, presso il Comune di Fidenza sono state inoltre avviate alcune iniziative allo scopo di ridurre i rifiuti, tra cui: - inserimento di fontane pubbliche con distributori e acqua frizzante; - distribuzione di acqua in caraffa presso le mense scolastiche; - recupero dei computer a fine vita (progetto Trashware); - recupero alimenti invenduti (last minute market). AMBITER s.r.l. 6-20

22 Ad oggi, sul territorio comunale è attiva la raccolta differenziata di alluminio, batterie, beni durevoli, carta e cartone, ferro, FORSU, frazione secca, inerti, legno, plastica, pneumatici, potature e vetro. Dall anno 2010, inoltre, è attivo il centro di raccolta differenziata La Bionda (situato in via la Bionda n.9) in cui è possibile conferire in modo differenziato i seguenti materiali: imballaggi in carta e cartone; imballaggi in plastica; imballaggi in legno; imballaggi in metallo; imballaggi in materiali misti; imballaggi in vetro; contenitori T/FC; rifiuti di carta e cartone; rifiuti in vetro; frazione organica umida; abiti e prodotti tessili; solventi; acidi; sostanze alcaline; tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio; rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche; oli e grassi commestibili; oli e grassi diversi da quelli al punto precedente, ad esempio oli minerali esausti; vernici, inchiostri, adesivi e resine; farmaci; batterie ed accumulatori (provenienti da utenze domestiche); rifiuti legnosi; rifiuti plastici; rifiuti metallici; AMBITER s.r.l. 6-21

23 sfalci e potature; ingombranti; cartucce toner esaurite; rifiuti assimilati ai rifiuti urbani sulla base dei regolamenti comunali, fermo restando il disposto di cui all'articolo 195, comma 2, lettera e), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e s.m.i.; toner per stampa esauriti (provenienti da utenze domestiche); imballaggi in materiali compositi; pneumatici fuori uso (solo se conferiti da utenze domestiche); toner e cartucce di stampa provenienti da utenze domestiche. In Tabella sono riportati i quantitativi di rifiuti raccolti in modo differenziato suddivisi per frazione merceologica per il periodo Raccolta differenziata del vetro I quantitativi di vetro raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza sono aumentati significativamente nel periodo , passando da un quantitativo di 465 t a t (Tabella 6.5.2). In particolare, nel periodo compreso tra l anno 1997 l anno 2001 i quantitativi sono aumentati in misura moderata (+6,9%) mentre nel periodo l aumento è stato decisamente più elevato (+108%) (Figura 6.5.3). Un analogo andamento è stato riscontrato per i quantitativi procapite, che passano da 20,19 kg/abitante nel 1997 a 50,28 kg/abitante nell anno Il confronto con i dati medi provinciali indica una sostanziale analogia per il periodo , mentre dall anno 2002 all anno 2007 l incremento rilavato nel Comune di Fidenza risulta significativamente maggiore rispetto ai dati provinciali; per l anno 2007 i quantitativi procapite raccolti nel Comune di Fidenza risultano pari a 50,26 kg/abitante a fronte di un dato medio provinciale pari all incirca alla metà. Tabella Quantitativi di vetro raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza e media provinciale (periodo non sono attualmente disponibili dati più recenti). Anno Totale vetro raccolto (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,19 17, ,76 18, ,81 19, ,64 20, ,38 23,5 AMBITER s.r.l. 6-22

24 Anno Totale vetro raccolto (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,69 22, ,19 24, ,07 26, ,7 27, ,73 28, ,28 26, [kg/ abitante] Comune di Fidenza Media provinciale Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi procapite di vetro raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza e nella Provincia di Parma nel periodo (non sono disponibili dati più recenti) Raccolta differenziata della carta e cartone La raccolta differenziata della carta e del cartone è costantemente aumentata nel corso del periodo considerato, passando da 558 t nell anno 1997 a t nell anno 2012 (Tabella 6.5.3). Lo stesso andamento è stato registrato per i quantitativi procapite, cresciuti da 24,2 kg/abitante a 74,55 kg/abitante, in lieve flessione rispetto ai due anni precedenti (Figura 6.5.4). I dati medi provinciali sono molto simili ai dati rilevati nel Comune di Fidenza, con differenze percentuali generalmente inferiori al 10%; differenze più marcate sono state riscontrate nell anno 1997 e 1999, rispettivamente pari al 22% e 17%. Per tutti gli anni considerati, i quantitativi procapite raccolti nel Comune di Fidenza sono maggiori rispetto alla media provinciale ad eccezione degli anni 2004 e 2005, quando la media provinciale si è attestata rispettivamente a 47,4 kg/abitante e 50,3 kg/abitante, mentre per il Comune di Fidenza sono stati rilevati quantitativi pari a, rispettivamente, 41,7 kg/abitante e 45,04 kg/abitante. AMBITER s.r.l. 6-23

25 Tabella Quantitativi di carta e cartone raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza e media provinciale (periodo ). Anno Totale carta e cartone raccolto (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,20 18, ,14 22, ,71 25, ,46 28, ,13 30, ,00 34, ,62 38, ,70 47, ,04 50, ,04 56, ,83 65, ,72 70, ,44 71, ,45 74, ,35 71, ,55 n.d.* * i dati provinciali non sono ancora resi disponibili dall Osservatorio provinciale sui rifiuti [kg/ 50 abitante] Comune di Fidenza Media provinciale Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi di raccolta differenziata di carta e cartone procapite nel Comune di Fidenza e nella Provincia di Parma nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). AMBITER s.r.l. 6-24

26 6.5.3 Raccolta differenziata di sfalci e potature La raccolta selettiva degli sfalci e potature all interno del Comune di Fidenza è quantitativamente aumentata nel periodo , passando da 245 t a 988 t (Tabella 6.5.4). Per quanto riguarda i quantitativi di raccolta procapite, è stato registrato un aumento da 10,62 kg/abitante nell anno 1997 a 37,08 kg/abitante nell anno 2012, ma i valori rimangono significativamente al di sotto della media provinciale, in particolare per gli anni compresi tra il 2001 e il 2012, quando il quantitativo medio provinciale risulta pari anche a più del doppio del quantitativo procapite del Comune di Fidenza (Figura 6.5.5). Tabella Quantitativi di sfalci e potature raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza e media provinciale (periodo ). Anno Totale sfalci e potature raccolti (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,62 9, ,73 11, ,22 18, ,12 24, ,21 32, ,04 43, , ,28 74, ,17 66, ,79 72, ,08 77, ,47 79, ,44 93, ,29 90, ,87 97, ,08 n.d.* * i dati provinciali non sono ancora resi disponibili dall Osservatorio provinciale sui rifiuti. AMBITER s.r.l. 6-25

27 [kg/ abitante] Comune di Fidenza Media provinciale Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi di raccolta differenziata degli sfalci e potature procapite nel Comune di Fidenza e nella Provincia di Parma nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali) Raccolta differenziata della frazione umida La raccolta della frazione umida all interno del Comune di Fidenza è progressivamente aumentata nel corso del periodo , passando da 32 t a t (Tabella 6.5.5). L aumento ha avuto un significativo aumento tra l anno 2005 l anno 2006, in corrispondenza dell attivazione del servizio porta a porta, passando in un solo anno da 347 t a t. Per quanto riguarda i valori procapite, l andamento dei dati è analogo ai totali; la frazione umida raccolta è aumentata da 1,38 kg/abitante nell anno 1998 a 87,08 kg/abitante dell anno 2012 e si è registrato un aumento da 14,33 kg/abitante nel 2004 a 61,52 kg/abitante nel 2005 (Figura 6.5.6). I dati medi provinciali mostrano una tendenza crescente, passando da 2,37 kg/abitante nell anno 1998 a 58,46 kg/abitante nell anno Per il periodo , la media provinciale è superiore a quella del Comune di Fidenza, nel periodo successivo sono invece i quantitativi del Comune di Fidenza ad essere maggiori. Tabella Frazione umida raccolti in modo differenziato nel Comune di Fidenza e media provinciale (periodo ). Anno Totale frazione umida (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,38 2, ,3 2, ,27 2, ,86 2, ,22 5,11 AMBITER s.r.l. 6-26

28 Anno Totale frazione umida (kg) Comune di Fidenza Media Provinciale ,36 5, ,54 10, ,33 12, ,52 19, ,14 31, ,46 39, ,44 45, ,42 53, ,22 58, ,08 n.d.* * i dati provinciali non sono ancora resi disponibili dall Osservatorio provinciale sui rifiuti [kg/ abitante] Comune di Fidenza Media provinciale Figura Rappresentazione grafica dei quantitativi di raccolta differenziata della frazione umida procapite nel Comune di Fidenza e nella Provincia di Parma nel periodo (i dati dell anno 2012 per Fidenza sono stati forniti dagli uffici comunali). AMBITER s.r.l. 6-27

29 Tabella Quantitativi di raccolta differenziata suddivisi per frazione merceologica ed espressi in tonnellate/anno per il Comune di Fidenza nel periodo Rifiuti biodegradabili da cucine e mense (FORSU) 30,06 29,32 89,85 260,55 268,83 276,48 346, , , , , , , ,24 Oli e grassi commestibili 1,00 1,00 0,07 0,11 0,64 0,60 0,80 1,75 2,20 1,85 4,95 Rifiuti biodegradabili (da giardini e parchi) 304,94 349,96 353,64 465,29 508,15 461,98 584,62 772,33 695,64 695,46 860,50 924,35 971,65 988,44 Carta e cartone 708,52 751,15 816,96 951,76 937,82 999, , , , , , , , ,28 Vetro 480,18 477,71 497,29 596,37 667,34 840,26 984, , ,71 Metalli (eccetto alluminio) 203,50 185,20 197,18 218,48 244,68 248,65 175,14 195,56 201,56 120,58 75,54 75,38 78,48 69,34 Plastica 86,31 101,92 107,11 128,67 157,29 201,65 230,13 254,06 291,20 84,27 59,87 29,81 89,06 Legno 102,80 105,92 133,38 147,00 197,98 180,80 168,20 166,86 108,01 150,92 260,28 205,50 274,28 236,44 Alluminio 21,58 28,31 29,75 35,74 43,33 54,57 63,93 70,57 80,89 Abbigliamento 23,19 27,27 Ingombranti non metallici (a recupero) 25,70 11,05 10,56 90,90 161,90 16,67 68,41 102,31 4,00 Raccolta multimateriale 0,23 0,25 0,18 0,21 0, , , , , ,38 Beni durevoli - televisori, monitor, ecc. Beni durevoli - frigoriferi, surgelatori, ecc contenenti CFC Beni durevoli - grandi elettrodomestici non contenenti CFC Beni durevoli - altre apparecchiature elettriche ed elettroniche 32,26 34,02 18,19 36,99 4,81 14,75 46,77 48,60 55,78 39,48 8,48 44,56 82,63 46,86 39,60 46,03 51,03 43,91 13,34 22,33 19,56 31,86 25,09 7,98 3,10 49,19 75,47 77,71 Pneumatici fuori uso 0,40 0,95 0,95 1,00 1,00 0,90 1,00 1,18 2,05 20,24 Inerti (mattoni, ceramica, cemento, ecc.) 2,59 11,60 14,66 12,53 12,32 1,84 8,02 2,62 8,49 128,77 Altro 4,20 6,66 10,05 6,79 9,26 3,00 9,34 14,32 5,50 38,90 Totale Raccolta Differenziata 1.937, , , , , , , , , , , , , ,01 83,13 AMBITER s.r.l. 6-28

30 AMBITER s.r.l. 6-29

31 6.6 Corte del Recupero Il Piano Particolareggiato denominato Corte del Recupero 5, in località Il Pioppino presso la frazione di Castione Marchesi, che occupa una superficie complessiva di circa m 2, prevede la realizzazione di un nuovo insediamento di tipo produttivo rivolto primariamente alla realizzazione di attività e di servizi legati al recupero e differenziazione dei materiali, nonché attività produttive compatibili o funzionalmente connesse. Si evidenzia che per circa 10 anni l area ha ospitato il cantiere della linea TAV con baraccamenti, aree di stoccaggio delle materie prime ed un impianto di betonaggio. A seguito della procedura di Autorizzazione unica per nuovi impianti di smaltimento e di recupero rifiuti (ex art.208 del D.Lgs. n.152/2006 e s.m.i.) e relativa procedura di VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) volontaria, all interno del Piano Particolareggiato è stata autorizzata 6 la realizzazione e gestione di un impianto di recupero e trattamento di rifiuti inerti non pericolosi, principalmente riconducibili alla tipologia di rifiuti da costruzione e demolizione, di capacità pari a t/anno. Al proposito, il Rapporto Ambientale della procedura di VIA, conclude specificando, in termini generali, che la realizzazione di un impianto di recupero e trattamento rifiuti inerti non pericolosi determina vari effetti positivi: - la riduzione dell impiego di suolo per la realizzazione di discariche controllate; - la riduzione dell impiego di materiali inerti pregiati che costituiscono risorse pregiate non rinnovabili, la cui estrazione determina impatti ambientali generalmente rilevanti; - ricadute positive in termini di indotto occupazionale; - riduzione dei costi di smaltimento di rifiuti inerti da costruzione e demolizione, perché maggiormente contenuti rispetto ai costi di smaltimento degli stessi materiali in discarica controllata Rifiuti recuperati e rifiuti prodotti L impianto di recupero e trattamento di rifiuti inerti non pericolosi potrà gestire i rifiuti provenienti sia da interventi di costruzione / demolizione di edifici o infrastrutture, sia da piccole demolizioni (che rientrano nei criteri stabiliti dalla Delibera del Consiglio Provinciale n.52 del 18/05/2005 (punto a) comma 1 e 2). Il quantitativo massimo di messa in riserva in cumuli dei rifiuti gestiti è stato calcolato in base all area di stoccaggio disponibile; per il materiale proveniente da piccole demolizioni, nel rispetto della Delibera di 5 Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica Corte del Recupero approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 58 del , in variante al PRG del Comune di Fidenza. 6 Procedura di Valutazione di impatto ambientale (VIA) di competenza regionale, conclusasi con esito positivo in data 07 ottobre 2013: (numero di proposta GPG/2013/1474). AMBITER s.r.l. 6-30

32 Consiglio provinciale n.52 del 18/05/2005, è previsto un quantitativo massimo di rifiuti messi in riserva pari a t. L impianto è autorizzato alle operazioni di messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R1 a R12 (R13) preliminare al riciclaggio/recupero di altre sostanze inorganiche (R5) per le tipologie di rifiuti 7.1, 7.2, 7.6, 7.31 ai sensi del D.M e s.m.i., mentre per le tipologie di rifiuti 7.29 e 9.1 (rispettivamente materiali isolanti - CER e legno - CER ) è prevista solo l operazione di messa in riserva (R13) secondo tempi e modalità previsti dalla normativa e quindi il conferimento dei rifiuti a terzi per ulteriori operazioni di recupero; le quantità di rifiuti messe in riserva e trattate sono riportate in Tabella Tabella Rifiuti gestiti, quantitativi e operazioni di recupero effettuate presso l impianto. Codice tipologia (D.M e s.m.i) CER Descrizione Cemento Mattoni Mattonelle e ceramiche (cave) Miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla voce Rifiuti misti dell attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle voci , , Materiali da costruzione a base di gesso diversi da quelli di cui alla voce Rifiuti della produzione di materiali composti a base di cemento, diversi da quelli di cui alle voci e Scarti di ghiaia e pietrisco, diversi da quelli di cui alla voce Miscele bituminose diverse da quelle di cui alla voce Materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci e Terre e rocce diverse da quelle di cui alla voce Attività di recupero previste Potenzialità impianto dal D.M e s.m.i. t/anno m 3 /anno R13, R R13, R R13, R5 R13, R5 R13, R5 R13, R5 R13, R5 R13 (propedeutica all operazione R5), R5 R13 (propedeutica all operazione R5), R Max messa in riserva di rifiuti in cumuli - R13 (m 3 ) cumulo piccole demolizioni (10% sul tot): 667 (=1.000 t) , , R ,2 R13 (propedeutica all operazione R5), R Legno R TOT ,9 AMBITER s.r.l. 6-31

33 Si specifica che, come disposto dall Autorizzazione, la somma dei quantitativi dei rifiuti in ingresso, dei rifiuti messi in riserva in uscita e delle materie prime secondarie in uscita non può superare la quantità di 700 t/giorno. In Tabella sono, invece, elencati i rifiuti prodotti presso l impianto, principalmente durante le attività di cernita dei rifiuti inerti in ingresso all impianto e di trattamento degli stessi. Tali rifiuti sono soggetti a deposito temporaneo in cassoni a tenuta scarrabili, stoccati in modo differenziato sulla base della tipologia di appartenenza. Tabella Rifiuti prodotti presso l impianto in seguito alle operazioni di recupero rifiuti. Rifiuti prodotti Modalità di gestione CER Descrizione Tipo Modalità di stoccaggio Carta e cartone Deposito temporaneo Cassone a tenuta Metalli ferrosi Deposito temporaneo Cassone a tenuta Metalli non ferrosi Deposito temporaneo Cassone a tenuta Plastica e gomma Deposito temporaneo Cassone a tenuta Vetro Deposito temporaneo Cassone a tenuta * * * Legno diverso da quello di cui alla voce Altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti diversi da quelli di cui alla voce Cavi, diversi da quelli di cui alla voce Materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci e Oli esausti da operazioni di manutenzione impianto (oli di scarto da circuito idraulico, oli motore, per ingranaggi e lubrificanti) Deposito temporaneo Deposito temporaneo Deposito temporaneo Deposito temporaneo Deposito temporaneo Cassone a tenuta Cassone a tenuta Cassone a tenuta Cassone a tenuta Contenitori chiusi a tenuta * Filtri esausti Deposito temporaneo Contenitori chiusi a tenuta * * Oli e idrocarburi separati nel disoleatore Deposito temporaneo Materiale separato nel sedimentatore Deposito temporaneo Vasca dedicata a tenuta del disoleatore Vasca a tenuta del sedimentatore Layout dell impianto Le caratteristiche tecnico-costruttive dell impianto e le modalità gestionali dei rifiuti e dei materiali sono conformi al D.Lgs 152/2006 e s.m.i. e alla Delibera del Consiglio Provinciale n.52 del 18/05/2005. AMBITER s.r.l. 6-32

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004:

Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: Appendice 1 Elenco delle tipologie di rifiuti conferibili presso gli ecocentri comunali, così come definite dalla D.G.R. n. 511 del 5 marzo 2004: TIPO RIFIUTO Frazione Organica dei Rifiuti Urbani (FORSU)

Dettagli

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti RSA Provincia di Milano Rifiuti La normativa affida la gestione dei rifiuti urbani ai Comuni mentre alla Provincia spettano, oltre ai compiti di controllo, anche quelli di programmazione e di coordinamento

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI

% RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI % RD METODI DI CALCOLO E NUOVI INDICATORI www.arpa.veneto.it Legambiente COMUNI RICICLONI INDICATORE MULTIPARAMETRICO Non solo %RD (rifiuti avviati a recupero, compresi inerti, ingombranti a spazzamento)

Dettagli

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile

Comune di Torre del Greco (NA) % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile Raccolta differenziata Comune di Torre del Greco (NA) Dati di produzione R.U. e percentuale di raccolta differenziata Anno 2015 % di r.d. calcolata dalla fonte dati disponibile 50% 45% 40% 35% 30% 25%

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia La Raccolta Differenziata in Italia Rosanna Laraia Andamento della produzione RU, anni 2001-2013 34.000 32.000 29.408,9 29.594,7 29.863,7 30.03,8 29.93,5 31.150,0 31.386,2 31.63,0 32.510,5 32.541,8 32.467,2

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014.

COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. COMUNE DI PALENA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ANNO 2014. Gentili cittadini, come evidenziato lo scorso anno con nota informativa di pari oggetto, il 2013 è stato il primo anno in cui

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 1 ANALISI DEI DATI PREGRESSI Serie storica delle produzioni del periodo 2002-2008 (t/anno)

Dettagli

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI AVVISO AI CITTADINI APERTURA ECOCENTRO COMUNE DI USINI Alle ore 9:00 di Sabato 14 Marzo 2015 avrà luogo l inaugurazione del Centro

Dettagli

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT

Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Tariffe 2007 - COMUNI SOCI DELLA SRT Rifiuti solidi urbani indifferenziati (1) 92,50 (*) 10% Pneumatici assimilati agli urbani e conferiti in modo differenziato alle piattaforme di lavorazione (1) 92,50

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana

CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana 1di6 CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AA.TT.OO.PP Servizio Ambiente e Igiene Urbana OGGETTO : Relazione Tecnica Descrittiva ex art. 279 Lettera a) D.P.R. n. 207/2010 Regolare Esecuzione CCP

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale Seminario Il nuovo accordo ANCI CONAI 2014-2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi Bologna, 13 gennaio 2016 Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI

ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2 ELABORATO 2 - UTILIZZO DI BENI, STRUTTURE E SERVIZI DI TERZI 2.1 PREMESSA... 3 2.2 SMALTIMENTO RIFIUTI URBANI NON DIFFERENZIATI... 3 2.3 RACCOLTA, SELEZIONE E RECUPERO MULTIMATERIALE... 4 2.4 RACCOLTA,

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento di gestione della stazione ecologica CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento di gestione della stazione ecologica Approvato con D.C.C. n. 119 del 19/09/2003 Modificato con D.C.C. n. 97 del 28/11/2007 Art. 1 - Modalità di utilizzo Le modalità per la

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l impegno dell ISPRA affinché le informazioni

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI INDICE INDICE 3.1.1. Normativa nazionale in materia di raccolta differenziata 21 3.1.2. Normativa nazionale in materia di Centri Comunali di Raccolta 24 3.1.3. Normativa regionale 25 3.2.1. Piano Regolatore Generale

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento;

CIRCOLARE n.1/2011. b) l autocertificazione attestante la presenza o meno di sostanze contenenti amianto nell unità catastale oggetto dell intervento; SETTORE AMBIENTE ENERGIA Servizio Pianificazione e Presidenza Gestione dei Rifiuti Osservatorio Provinciale Rifiuti CIRCOLARE n.1/2011 Linee di indirizzo provinciali per la compilazione della modulistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti

Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti. C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1 Rifiuti Rapporto sullo Stato dell Ambiente del Territorio di Collesalvetti C.1.1 Quadro conoscitivo Il monitoraggio della gestione

Dettagli

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015 Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico 22 maggio 2015 La Strategia Europea di gestione dei rifiuti Restando valido l assunto che «il miglior rifiuto è quello non

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato deliberazione Consiglio comunale n. 17 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO ANAGRAFE PUBBLICA DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 17 del 9 marzo 2015 1 Art.

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4

SOMMARIO PREMESSA... 3. 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE... 4 Frequenza svuotamento... 4 COMUNE DI FOLLONICA ANNO 2013 PIANO ECONOMICO E FINANZIARIO TRIBUTO SUI RIFIUTI (TARES) RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO (ex art. 8 D.P.R. 27.04.1999, n. 158) SOMMARIO PREMESSA... 3 1. GLI OBIETTIVI DI FONDO

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI

Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI Presentazione nuovo progetto di riorganizzazione del SISTEMA INTEGRATO DI RACCOLTA RIFIUTI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLA PROVINCIA DI TORINO La Provincia di Torino impone il raggiungimento del 50% di

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale.

Il quadro dei costi è coerente con le disposizioni del DPR 158/99. Organico e costo del personale. ONERE ANNUO A BASE DI GARA. Nelle pagine che seguono viene riportata l analisi economica conseguente alla esecuzione dei servizi, secondo le modalità minime indicate nell allegato Relazione Tecnica e nel

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RSU ED ASSIMILATI ED ANNESSO IMPIANTO DI TRASPORTO PNEUMATICO RIFIUTI. Progetto Preliminare INDICE INDICE raccolta fisso area presidiata ed allestita, senza ulteriori oneri a carico della finanza pubblica, per l'attività di raccolta mediante raggruppamento differenziato dei rifiuti per frazioni omogenee

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 -

CAPITOLATO SPECIALE PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI LAVORAZIONE RIFIUTI PRESSO LE PIATTAFORME DI VALORIZZAZIONE - ALLEGATO A.2 - Strada Vecchia per Bosco Marengo 15067 NOVI LIGURE (Alessandria) Tel. 0143 744.516 - Fax 0143 321.556 - www.srtspa.it - e-mail: srtspa@srtspa.it Cod. Fisc./Part. IVA/R.I. AL n 02021740069 - R.E.A. n 219668

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Sistema premiante raccolta differenziata rifiuti approvazione parametri di riconoscimento del bonus economico IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: il Comune intende incentivare la raccolta differenziata

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

Rifiuti: da problema a risorsa

Rifiuti: da problema a risorsa CONSORZIO NAZIONALE PER IL RICICLAGGIO DEI RIFIUTI DI BENI A BASE DI POLIETILENE Rifiuti: da problema a risorsa Nota illustrativa sul ciclo di gestione dei rifiuti in Italia CHE COSA SONO I RIFIUTI? Un

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p.

STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA. MSA S.p. STUDIO DI FATTIBILITA Incremento Raccolta Differenziata ed introduzione raccolta organico per le utenze condominiali AMSA MSA S.p.A 11 GENNAIO 2012 1 Premesse e obiettivi Il piano prevede la revisione

Dettagli

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Pag. 1 di 7 COMUNE DI SAVIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO INCENTIVI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Rev. 1 del 17/7/2012 Il presente regolamento è stato approvato con delibera di Consiglio Comunale n.

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi.

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi. Direzione Servizi Ambientali Coordinamento Tecnico ed Innovazione Modelli territoriali i a confronto e FOCUS CDR Novembre 2013 Presentazione L analisi ha avuto l obiettivo di individuare la qualità delle

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- ELENCO PREZZI/COMPUTO METRICO + UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA -Area della Prevenzione e della Sicurezza- SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012.

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI 24.01.2012. ORIGINALE / ORIGINÈL PROVINCIA DI TRENTO COPIA / COPIA PROVINZIA DE TRENT ALLEGATO 1 ALLA DELIBERAZIONE DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DEL 24.01.2012. ENJONTA 1 A LA DELIBERAZION DEI CONSEI DI OMBOLC N. 3 DAI

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 COMUNE DI PATERNO CALABRO Provincia di Cosenza Regione Calabria Piazza Municipio 87040 - Tel. 0984/6476031 Fax 0984/476030 - P.IVA 00399900786 PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4.1. Costi totali In Veneto il costo 2 medio pro capite per il servizio di gestione dei rifiuti urbani nel 21 è pari a 127,91. Rispetto ai 124,71

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli