Problemi di forma. 4. Problemi di forma. 1. La rappresentazione del testo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi di forma. 4. Problemi di forma. 1. La rappresentazione del testo"

Transcript

1 Problemi di forma 1. La rappresentazione del testo Nella lezione precedente, abbiamo ripercorso insieme la storia dell idea di libro elettronico e abbiamo parlato dei dispositivi di lettura che sono stati man mano sviluppati per cercare di dare all e-book un supporto funzionale. In particolare, abbiamo sottolineato l importanza di collegare le caratteristiche del supporto alle situazioni di lettura. Rilevando che, mentre il libro ha fra le sue principali virtù quella di essere perfettamente utilizzabile nelle tre situazioni che ci interessano più da vicino lean forward, lean back e mobilità i supporti digitali sono stati finora assai meno flessibili: il computer, nella sua incarnazione tradizionale, è uno strumento adatto solo al lean forward; palmari e smartphone sono destinati alla mobilità (e anche in quel caso possono dirsi abbastanza funzionali solo nelle ultimissime generazioni, dall iphone in poi); e solo i dispositivi dedicati hanno l ambizione di avvicinarsi al libro anche nella capacità di adattarsi a più situazioni di lettura. Un ambizione non ancora coronata da pieno successo, anche se con la seconda (e-paper) e con la terza (ipad e mini-tablet) generazione di dispositivi sono stati fatti notevolissimi passi avanti. Prima di trarre qualche conclusione più articolata, tuttavia, occorre discutere un altro aspetto della testualità elettronica che ha grande importanza per capire quali siano le reali possibilità di successo dei supporti elettronici nell avvicinarsi a quelli su carta: non più il supporto fisico, e cioè l interfaccia hardware, ma la resa del testo, la sua messa in pagina, e le funzionalità offerte per il supporto alla lettura: descrizione del libro, ricerca dei termini, annotazioni e sottolineature, segnalibri, e simili. Bisogna infatti ricordare che, mentre nel libro a stampa il supporto e la forma del testo finiscono per costituire un oggetto unico e inscindibile, nel mondo digitale dispositivo di lettura e testo elettronico sono oggetti separati, che si incontrano nel momento della lettura ma hanno, prima e dopo, vita autonoma. Cosa determina allora la messa in pagina che in questo caso diventa organizzazione sullo schermo del testo elettronico, di per sé oggetto fluido e intangibile? Come fare per guidarla e controllarla, adattandola al particolare dispositivo che viene utilizzato? Di questa dimensione fa innanzitutto parte una componente essenziale, di cui purtroppo si tende spesso a trascurare l importanza: la rappresentazione del testo e dei fenomeni testuali. Un libro come del resto un messaggio di posta elettronica, o un articolo scientifico, o un copione cinematografico non è una semplice successione di caratteri: alla pura componente testuale si affianca una struttura abbastanza complessa. Ad esempio, nel caso del libro abbiamo di norma una copertina (e talvolta una sovraccoperta con informazioni editoriali sul retro e sui risvolti o bandelle ), un frontespizio, un colophon con un altra tipologia di informazioni editoriali; a volte, perfino il dorso riporta informazioni Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 1

2 utili, come il logo della collana di appartenenza. Abbiamo poi un indice, una prefazione, una suddivisione in capitoli e in paragrafi, l eventuale presenza di illustrazioni È anche grazie a queste caratteristiche del testo che si fa libro, e alle molte altre che potremmo individuare o che potrebbero essere presenti, che possiamo e sappiamo differenziare un libro da una lettera (la lettera non è solo più breve: è organizzata in modo diverso) o da un articolo. Quali di queste caratteristiche vogliamo o possiamo rappresentare in un libro elettronico? Quali caratteristiche nuove si aggiungono? E come vengono rappresentate, queste caratteristiche? Per fare solo qualche esempio: vogliamo che il nostro libro elettronico abbia o possa avere una copertina illustrata? In questo caso, il formato utilizzato per codificare il testo deve prevedere la possibilità di inserirla. Vogliamo un indice? E di che tipo? Se il libro elettronico è ottenuto a partire da un libro a stampa, vogliamo che le paginazioni coincidano e che il libro elettronico sia una sorta di riproduzione anastatica del libro su carta, pagina per pagina? In questo caso, dovremo utilizzare un formato basato su una rappresentazione del testo orientata alla pagina ad esempio il formato PDF e fare i conti con il fatto che i nostri dispositivi di visualizzazione potranno avere uno schermo di dimensioni più piccole (o chissà, magari talvolta più grandi) di quelle del libro a stampa originale, con la conseguenza di perdere leggibilità. In cambio, però, potremmo utilizzare lo stesso meccanismo di citazione orientata alla pagina che è abituale per i libri su carta. O preferiamo invece lasciare il testo libero di riadattarsi alle dimensioni del dispositivo utilizzato per visualizzarlo, perdendo però la comodità di una paginazione fissa? E se perdiamo la paginazione fissa, con cosa potremmo sostituirla se vogliamo citare un passo specifico di un libro? Se partiamo da un testo a stampa (o da un manoscritto), abbiamo anche il problema di decidere se rappresentare o no, e come, eventuali annotazioni marginali, note di possesso, ex-libris informazioni cioè che non facevano parte del libro uscito dalla tipografia o dalla mano del copista, ma che sono state aggiunte dal lettore (o dai lettori) di quell esemplare. Informazioni irrilevanti? Non è detto: il libro potrebbe essere stato annotato dall autore stesso, o da un lettore importante (ad esempio, un altro autore famoso); e anche se di autore ignoto, alcune annotazioni potrebbero correggere errori o risultare interessanti per altri motivi. Nel caso dei manoscritti, poi, potremmo avere cancellature, correzioni, cambio di mano del copista, miniature... E che dire delle differenze che possono esistere fra due edizioni diverse dello stesso libro, o addirittura fra due copie diverse della stessa edizione? Dobbiamo rappresentarle, e come? C è poi il problema di descrivere il libro in modo da ritrovarlo efficacemente sia sulla piattaforma in rete dalla quale dovremo prevedibilmente comprarlo o comunque scaricarlo, sia sul dispositivo di lettura, che di libri elettronici, come abbiamo visto, può contenerne migliaia. L individualità dei libri su carta è data in teoria da autore, titolo e dati di edizione o, più semplicemente, dal codice ISBN ma quando cerchiamo un libro negli scaffali di casa o di una libreria non abbiamo in genere a disposizione un catalogo e ci basiamo spesso su altri criteri, legati al libro come oggetto fisico: la posizione, le dimensioni, il colore del dorso o della copertina In ambiente elettronico basterà limitarci alla gestione e alla ricerca dei cosiddetti metadati Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 2

3 descrittivi come autore e titolo, o preferiamo riprodurre graficamente la metafora degli scaffali sui quali posizionare virtualmente le copertine illustrate? E, visto che abbiamo menzionato i metadati, quali metadati ci servono, e come standardizzarli? Inoltre, va tenuto conto che proprio come un libro a stampa un e-book è anche un oggetto commerciale, al quale andranno associate informazioni utili a gestirne la distribuzione e, se del caso, la vendita. Perfino nel caso di libri fuori diritti distribuiti gratuitamente, come accade per i testi del progetto Gutenberg o del progetto Manuzio, ma anche per un buon numero di testi offerti da progetti digitalizzazione pubblici o privati (a cominciare da Google Book Search), occorrono informazioni specifiche che dichiarino lo status dell e-book e le sue clausole di distribuzione. E se il libro è invece sotto diritti e in vendita, potrà essere necessario proteggerne in qualche modo il contenuto da copie non autorizzate: tema delicatissimo nel mondo digitale, in cui la copia di un file è operazione banale e immediata, e produce una copia indistinguibile dall originale. Una selva di problemi, come vedete, che ci lasciano con un unica certezza: l idea che per realizzare un libro elettronico basti trascrivere al computer il testo di un libro su carta è assolutamente ingenua; il lavoro da fare è molto più complesso. Da questo punto di vista, gli e-book solo testo del progetto Gutenberg lasciano molto a desiderare. La pura trascrizione del contenuto, abbiamo visto, non basta, e negli stessi e-book del progetto Gutenberg al testo vero e proprio è premessa una sezione con alcuni metadati di base: autore, titolo, informazioni sull edizione di riferimento utilizzata e sulla data di realizzazione, un breve riassunto sulle condizioni di distribuzione dei testi del progetto. Altre informazioni, compresa una versione estesa e dettagliata delle clausole di distribuzione, sono inserite in chiusura. Dato che all e-book corrisponde un unico file, queste informazioni non sono però ben differenziate dal corpo del testo. Ed è complicato o impossibile rappresentare altri aspetti del libro da cui si è partiti: di norma sparisce la paginazione, sparisce la copertina, spariscono gli indici, la suddivisione in capitoli deve affidarsi solo ad artifici grafici come qualche salto di riga e all uso del maiuscolo nei titoli, e come vedremo artifici in qualche misura analoghi servono a rappresentare corsivi e grassetti, anch essi impossibili da rendere direttamente in un file solo testo. In sostanza: il formato.txt è certo comodo perché quasi universalmente riconosciuto, ma è assai povero per la rappresentazione del complesso fenomeno testuale rappresentato da un libro. Ecco perché quasi tutti i formati utilizzati per la realizzazione di un e-book si basano, in una forma o nell altra, su linguaggi di marcatura. Un linguaggio di marcatura è fondato su un idea assai semplice: distinguere e separare il puro contento testuale la mera successione dei caratteri dalle (meta)informazioni presentazionali (corsivi, grassetti, dimensione dei caratteri ecc.), strutturali (suddivisione in paragrafi, capitoli, ecc.), descrittive (autore, titolo, casa editrice, anno di pubblicazione, ecc.), gestionali (situazione dei diritti, condizioni di distribuzione, prezzo, ecc.). Tutte queste metainformazioni, che qui abbiamo organizzato in quattro macro-categorie da considerare comunque Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 3

4 come piuttosto fluide e non sempre facili da distinguere con chiarezza, vengono espresse aggiungendo marcatori al testo. I marcatori vengono convenzionalmente inseriti fra una coppia di parentesi acute: < e >. Per semplificare (anche se in realtà non è sempre così) possiamo pensare che tutto quel che è fuori dalle parentesi acute sia contenuto testuale, e tutto quel che è dentro le parentesi acute sia marcatura, mark-up, metainformazione che ha il compito di dichiarare come quel contenuto testuale debba essere presentato, strutturato, descritto, gestito. Una sorta di spiegazione, destinata in primo luogo al programma che si occupa di visualizzare il testo, che in tal modo saprà, ad esempio, dove inserire grassetti e corsivi o dove inserire un salto pagina. Suona complicato, ma in realtà è abbastanza semplice. Supponiamo di avere a che fare con la Divina Commedia. E di voler partire dal puro testo del primo canto dell Inferno. Avremo dunque a che fare con un contenuto testuale di questo tipo: INFERNO CANTO I Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita. Come vogliamo rappresentare a schermo questo testo? Una possibilità è decidere di rappresentare Inferno come un titolo in evidenza (un titolo di primo livello), Canto I come un titolo di secondo livello, e fare in modo che i versi siano contenuti in un unico paragrafo ma separati andando a capo. Possiamo farlo usando un marcatore <H1> per il titolo di primo livello (la H sta per heading, intestazione), un marcatore <H2> per il titolo di secondo livello, il marcatore <P> per il paragrafo e il marcatore <BR> (break) per l a capo. Naturalmente, proprio come faremmo inserendo delle parentesi che devono essere prima aperte e poi chiuse, dovremo indicare non solo dove comincia ma anche dove finisce il titolo di primo livello, e lo stesso per il titolo di secondo livello e il paragrafo. Convenzionalmente, la chiusura di un marcatore viene indicata inserendo, sempre fra parentesi acute, il marcatore stesso preceduto da una barra. Il nostro testo diventa in questo modo <H1>INFERNO</H1> <H2>CANTO I</H2> <P>Nel mezzo del cammin di nostra vita<br /> mi ritrovai per una selva oscura,<br /> ché la diritta via era smarrita.</p> In questo modo, Inferno, rinchiuso fra un marcatore H1 aperto e poi chiuso verrà rappresentato come titolo di primo livello, Canto 1 come titolo di secondo livello, e la terzina come un paragrafo i cui versi sono separati da un a capo. L andata a capo è un marcatore vuoto, che non abbraccia una porzione di testo ma Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 4

5 ne specifica un punto: viene quindi aperto e chiuso contemporaneamente, e in questo caso anziché scriverlo come <BR></BR> si abbrevia con <BR />. Attenzione: non è affatto detto che questa sia effettivamente la marcatura migliore o preferibile. Ad esempio, non è detto che considerare le terzine come paragrafi separati sia effettivamente la scelta migliore nella rappresentazione del testo della Divina Commedia (probabilmente non lo è, e sarebbe meglio utilizzare marcatori specifici per i versi). Ogni volta che si marca un testo si compiono delle scelte, spesso tutt altro che banali, a cominciare dal linguaggio di marcatura utilizzato e dunque dall insieme di marcatori che si hanno a disposizione. Inoltre, dal nostro esempio di marcatura manca il contesto: qualunque marcatura dovrebbe infatti cominciare indicando ( dichiarando ) quale linguaggio di marcatura viene usato, cosa che noi non abbiamo fatto, e dovrebbe probabilmente comprendere una sezione di metainformazioni iniziali. Ma il nostro scopo non è imparare a usare un linguaggio di marcatura: è solo farci un idea assai generale dei suoi principi di funzionamento. Nel mondo digitale i linguaggi di marcatura sono ormai onnipresenti, anche se sono normalmente nascosti all utente: quel che l utente vede è l interpretazione che del testo marcato ci offre il programma di visualizzazione. Magari non lo sapete, ma tutte le pagine web sono costruite usando un linguaggio di marcatura (che nella sua versione di base si chiama HTML, Hyper-Text Mark-up Language, cioè linguaggio di marcatura ipertestuale). Solo che navigando fra le pagine di un sito voi non vedete il testo marcato ma l interpretazione di questo testo da parte del vostro programma di navigazione, o browser (che potrà essere, a seconda delle vostre preferenze e del dispositivo che usate per navigare, Firefox, Internet Explorer, Chrome, Safari, Opera ). Se usate un programma di videoscrittura come Microsoft Word o Open Office Writer, vedrete sullo schermo davanti a voi la pagina di testo al quale state lavorando, con titoli, paragrafi, corsivi, grassetti ciascuno al proprio posto, visualizzati così come lo saranno quando stamperete la pagina. Ma dietro quel testo, nascosta ai vostri occhi, c è la pagina sotto forma di testo marcato: tutti i principali programmi di videoscrittura usano ormai un linguaggio di marcatura per rappresentare, in maniera trasparente all utente, le varie caratteristiche presentazionali, strutturali, descrittive ecc. del testo al quale l utente stesso sta lavorando. I linguaggi di marcatura disponibili sono molti, ma ormai sono quasi tutte varianti o meglio, applicazioni di un unico metalinguaggio di marcatura, denominato XML (extensible Mark-up Language). A grandi linee, posiamo pensare a XML come a una specie di laboratorio in cui fabbricare linguaggi di marcatura specifici, rispettando alcune norme generali e comuni. Per scopi diversi avremo infatti spesso bisogno di linguaggi di marcatura (e dunque di insiemi di marcatori) diversi: se il nostro obiettivo è ad esempio rappresentare la struttura di un insieme di ricette di cucina, ci serviranno dei marcatori per identificare gli ingredienti e la loro quantità; se dobbiamo rappresentare un albero genealogico, ci serviranno marcatori per rappresentare rapporti di parentela; se dobbiamo rappresentare pagine web, ci serviranno marcatori in grado di gestire non solo le caratteristiche presentazionali del testo (titoli, corsivi, grassetti ), ma anche tabelle, liste, e l inserimento di link e Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 5

6 immagini; se dobbiamo rappresentare le carte di un archivio, ci serviranno marcatori che permettano di far emergere le aggregazioni documentali e archivistiche, i rapporti delle carte con gli enti produttori, le persone nominate, e così via. E naturalmente se l informazione primaria con la quale dobbiamo lavorare è costituita da libri, ci serviranno marcatori specifici adatti alla rappresentazione della forma-libro : sia dal punto di vista presentazionale (la messa in pagina del testo, con tutte le sue caratteristiche), sia da quello strutturale (suddivisione in capitoli, indici ), sia da quello descrittivo (la scheda del libro), sia da quello gestionale (gestione dei diritti, della distribuzione, della vendita). Va detto subito che, al momento, non abbiamo un singolo linguaggio di marcatura adatto a rappresentare in maniera sufficientemente articolata e potente la forma libro in tutte le sue caratteristiche. L attenzione si è finora indirizzata, in maniera comprensibile ma un po schizofrenica, verso due direzioni diverse: una è costituita dai fenomeni testuali di interesse soprattutto tipografico-editoriale: se il nostro obiettivo è creare concretamente un libro elettronico, ci interessano in primo luogo le caratteristiche della sua impaginazione, la resa sui dispositivi, la gestione dei diritti, i metadati che permettono di organizzare una biblioteca di titoli e di reperire quelli che ci servono. L altra direzione è invece quella filologico-critica, attenta ai fenomeni testuali che possono interessare lo studioso: la struttura del testo (più che la sua resa a schermo), il rapporto di un testo con le sue eventuali fonti (manoscritti, edizioni diverse ), la sua storia (revisioni, modifiche ), e così via. Naturalmente, fra queste due prospettive vi sono larghe sovrapposizioni. Ma al momento la scelta dell uno o dell altro approccio suggerisce l uso di uno fra due diversi schemi: da un lato la marcatura epub, le cui specifiche sono state prodotte dall IDPF (International Digital Publishing Forum, consorzio internazionale che comprende autori, editori e aziende informatiche) e che è orientata alla rappresentazione tipograficoeditoriale di un testo destinato a essere visualizzato e letto in ambiente elettronico. Dall altro la marcatura TEI (il nome abbrevia Text Encoding Initative, ovvero Iniziativa per la codifica testuale ; anche in questo caso si tratta di uno standard prodotto da un consorzio internazionale di organizzazioni e studiosi), che è orientata soprattutto alla rappresentazione filologica di testi di ambito umanistico, e in primo luogo (ma non unicamente) di testi letterari. In questa sede non ci occuperemo di marcatura TEI 1, ma è bene che il lettore sappia almeno della sua esistenza, e della prospettiva che essa rappresenta. Ci occuperemo invece, più avanti in questa stessa lezione, di epub, che è di fatto emerso negli ultimi due o tre anni come standard di riferimento per il mondo degli e-book. Non ce ne occuperemo però dal punto di vista strettamente tecnico: obiettivo di questo lavoro non è infatti fornire istruzioni pratiche sulla realizzazione di libri elettronici (ci sono in rete ottime guide e parecchi strumenti utilizzabili a questo scopo, e nel seguito avremo occasione di menzionarne diversi), ma fornire le informazioni necessarie a riflettere sulla loro natura e sulle loro potenzialità. 1 Un riferimento introduttivo al riguardo è il già citato, ottimo lavoro a cura di Fabio Ciotti: Fabio Ciotti (ed.), Il manuale TEI Lite cit. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 6

7 epub, però, non è nato dal nulla, e anche se c è chi fin da dieci anni fa aveva visto giusto scommettendo sul formato da cui epub è nato, denominato all epoca OEB la sua diffusione, come si è accennato, è solo recente. Come si è arrivati a epub, come funziona questo formato, e cosa permette di fare? Quali sono, o sono stati, i suoi principali concorrenti? E quali programmi vengono usati per visualizzare i file codificati con questi formati? Si tratta di domande solo apparentemente tecniche : come abbiamo rilevato in apertura, dalle caratteristiche dei formati di codifica del testo dipendono i fenomeni testuali che siamo (o non siamo) in grado di rappresentare, e dunque molta parte della forma dei nostri libri elettronici. Vale la pena, dunque, saperne qualcosa di più. 2. Se il testo è nudo Come ricorderete, il primo formato in assoluto a essere stato usato per la realizzazione di libri elettronici è il formato.txt. È la scelta che abbiamo visto alla base della biblioteca digitale del progetto Gutenberg, e per l assoluta portabilità del formato che può essere letto sostanzialmente da tutti i dispositivi e in ogni ambiente informatico questa scelta rimane ancora abbastanza popolare. In un file di questo tipo l unico fenomeno testuale considerato è la successione dei caratteri. Come sapete, il computer lavora macinando bit, rappresentati attraverso lunghe successioni di 0 e 1. In questo caso, dunque, ogni singolo carattere è codificato da un gruppo di bit, e (con pochissime eccezioni, come l andata a capo, rappresentate attraverso caratteri speciali o di controllo ) non viene codificato nient altro che non sia parte della successione dei caratteri del testo. Per essere precisi, quando parliamo di questi file detti di solo testo dobbiamo però fare anche riferimento alla tabella di codifica dei caratteri utilizzata. Ma cos è una tabella di codifica dei caratteri? Nessun timore, non si tratta di un concetto troppo complicato2. Abbiamo detto che, perché il computer possa utilizzarli, ogni carattere è fatto corrispondere a una particolare combinazione di bit: in sostanza, a una particolare combinazione di 0 e 1. Questo presuppone l accordo su una tabella di corrispondenza standard fra caratteri da un lato e numeri binari (formati solo dalle cifre 0 e 1 ) dall altro. In questo modo, una stessa successione di bit sarà interpretata sempre come lo stesso carattere (o come la stessa successione di caratteri), indipendentemente dal computer utilizzato. Come costruire questa tabella? Dovremo ricordarci di includere fra i caratteri da codificare tutti quelli che vogliamo effettivamente differenziare in un testo scritto: se vogliamo poter distinguere fra lettere maiuscole e minuscole dovremo dunque inserirvi l intero alfabeto sia maiuscolo che minuscolo, se vogliamo poter inserire nei nostri testi anche dei numeri decimali e date dovremo inserire le dieci cifre (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9), se vogliamo poter utilizzare segni di interpunzione (punto, virgola, punto e virgola...) dovremo 2 Per una introduzione al concetto di informazione informato digitale, di bit e di codifica dei caratteri rimando al primo capitolo di Fabio Ciotti e Gino Roncaglia, Il mondo digitale. Introduzione ai nuovi media, Laterza, Roma-Bari 2000, di cui riprendo nel seguito qualche passo. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 7

8 inserire i caratteri corrispondenti, e così via... senza dimenticare naturalmente di includere lo spazio per separare una parola dall altra! Una tabella di questo tipo si chiama tabella di codifica dei caratteri. Tabella 1 - il codice ASCII (caratteri alfanumerici e segni di interpunzione) 33! A 81 Q 97 a 113 q 34 " B 82 R 98 b 114 r 35 # C 83 S 99 c 115 s 36 $ D 84 T 100 d 116 t 37 % E 85 U 101 e 117 u 38 & F 86 V 102 f 118 v 39 ' G 87 W 103 g 119 w 40 ( H 88 X 104 h 120 x 41 ) I 89 Y 105 i 121 y 42 * 58 : 74 J 90 Z 106 j 122 z ; 75 K 91 [ 107 k 123 { 44, 60 < 76 L 92 \ 108 l = 77 M 93 ] 109 m 125 } > 78 N 94 ^ 110 n 126 ~ 47 / 63? 79 O 95 _ 111 o 127 _ P 96 ` 112 p Per molto tempo, la codifica di riferimento è stata la cosiddetta codifica ASCII (American Standard Code for Information Interchange; attenzione: si scrive ASCII ma si legge con la c dura: aski ). La codifica ASCII originaria (detta anche ASCII stretto : quella che abbiamo visto essere la codifica scelta da Michael Hart, l ideatore del progetto Gutenberg) faceva corrispondere a ogni carattere una sequenza di 7 bit, e permetteva quindi di distinguere 128 caratteri: 2 elevato alla settima. La trovate riportata nella tabella seguente, con i numeri binari convertiti, per comodità, nei corrispondenti numeri decimali e con Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 8

9 l omissione dei primi simboli, che anziché corrispondere a caratteri alfanumerici vengono fatti corrispondere a caratteri di controllo (ricordate il discorso fatto a proposito dell a capo?). Quindi, ad esempio, la lettera a minuscola viene codificata dal computer utilizzando il numero binario corrispondente al numero decimale 97, e cioè Se date un occhiata alla tabella, vedrete che sono codificate le lettere maiuscole e minuscole dell alfabeto latino ma mancano le vocali accentate presenti in diverse lingue (a cominciare da italiano e francese), mancano le vocali con l umlaut tedesche, e così via: in sostanza, l ASCI stretto funziona quasi esclusivamente per l inglese. Per questo motivo, dall ASCII stretto si è presto passati a una tabella più ampia: l ASCII esteso, o ISO Latin 1, che distingue 256 caratteri, i primi 128 dei quali sono ereditati dall ASCII stretto. L indicazione ISO indica l approvazione da parte dell International Standardization Organization (l organizzazione internazionale responsabile della standardizzazione), e Latin 1 indica che si tratta della tabella di riferimento per gli alfabeti di tipo latino. Ma naturalmente in molti casi anche l ISO Latin 1 non basta: ci sono alfabeti diversi da quello latino (greco, ebraico, cirillico, armeno, arabo ) e ci sono lingue che usano sistemi non strettamente alfabetici, come i caratteri giapponesi, cinesi ecc.; per questo motivo, esistono tabelle di codifica dei caratteri ancora più ampie, come Unicode, che è oggi lo standard utilizzato da molti sistemi operativi. Di norma, gli e-book (o almeno gli e-book scritti in lingue che utilizzano l alfabeto latino) codificati in formato solo testo usano o l ASCII stretto o l ISO Latin 1. La codifica binaria di un testo avviene dunque seguendo lo schema seguente: O G G I P I O V E Sullo schermo, ad esempio utilizzando un programma di videoscrittura, l utente scriverà (e leggerà) la stringa di testo oggi piove ; il computer, dal canto suo, lavorerà invece con la rappresentazione binaria di quella stringa. In generale, tutte le volte che utilizzate un computer per visualizzare un testo scritto o per lavorarvi sopra, lo schermo vi presenterà il testo nella familiare forma alfabetica, ma il computer lavorerà in effetti su quel testo in forma binaria: la tavola di conversione lo aiuterà a tradurre i caratteri alfabetici nella relativa codifica binaria, e viceversa. Se mi avete seguito fino a questo punto, potete tirare un sospiro di sollievo: la parte strettamente tecnica della trattazione è tutta qui. Per capire cosa sia un file solo testo, spesso individuato attraverso l estensione.txt aggiunta al suo nome, non ci serve nient altro. Vi suggerisco invece un brevissimo esercizio: andate all indirizzo e date un occhiata a un ebook del progetto Gutenberg in formato solo testo. Si tratta del testo inglese di Pride and Prejudice (Orgoglio e pregiudizio) di Jane Austen. Provate a scorrerlo: non vi troverete altro che caratteri ASCII. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 9

10 Niente grassetti, niente corsivi, anche se qualche trucco è stato usato per rendere in qualche modo quelli presenti nel testo. È così, ad esempio, nel passo seguente, tratto dalla celebre scena iniziale del romanzo: "My dear Mr. Bennet," said his lady to him one day, "have you heard that Netherfield Park is let at last?" Mr. Bennet replied that he had not. "But it is," returned she; "for Mrs. Long has just been here, and she told me all about it." Mr. Bennet made no answer. "Do you not want to know who has taken it?" cried his wife impatiently. "_You_ want to tell me, and I have no objection to hearing it." La parola You dell ultima frase è preceduta e seguita da un trattino basso (underscore) per indicare che va interpretata come scritta in corsivo. Si tratta in sostanza di una forma assai semplice di marcatura: il simbolo _ è usato come marcatore del corsivo. Una marcatura, come è facile vedere, priva delle convenzioni complesse (ma estremamente potenti) cui abbiamo fatto cenno in precedenza, a cominciare dall uso delle parentesi acute aperte e chiuse per racchiudere i marcatori. Provate a immaginare, dietro a questo testo, gli 0 e gli 1 utilizzati dal computer: a ogni singolo carattere corrisponderà, in maniera assolutamente regolare e sulla base della tabella ASCII che abbiamo appena incontrato, la corrispondente successione di 0 e 1. Il file non è altro che una lunga concatenazione di questi 0 e 1. E qualunque computer conosca la tabella ASCII, indipendentemente dal suo sistema operativo, dalle sue caratteristiche, dalla sua età, sarà capace di leggerlo, interpretarlo e mostrarvi sullo schermo (o inviare alla stampante) il testo corrispondente. Il problema principale dei normali file.txt, come quello che abbiamo usato come esempio, è evidentemente la scarsa capacità di rappresentare perfino i fenomeni testuali più semplici, come il corsivo o da dimensione dei caratteri. Inoltre, il file potrà contenere al suo interno dei metadati (ad esempio il nome dell autore o il titolo dell opera), ma non essendoci alcuna marcatura che permetta a un programma di riconoscere questi metadati sarà assai difficile riuscire a gestirli in maniera automatica. Attenzione, però: questo non vuole affatto dire che i file di testo siano inutili: di fatto, anzi, la maggior parte degli e-book in circolazione è composta fondamentalmente da file di testo. Solo che al loro interno non è presente solo il contenuto testuale dell opera, ma anche una marcatura potente ed espressiva, come quelle aderenti agli standard TEI o epub. Alla base vi saranno sempre e comunque file di testo (ricordate? I marcatori non sono altro che testo, compreso fra i caratteri < e > ), ma potenziati dall uso della marcatura. Il loro carattere di file di testo permetterà comunque di usarli su qualunque sistema che conosca la relativa tabella di codifica dei caratteri, mentre il riconoscimento della marcatura richiederà qualcosa di più, un software (spesso chiamato processore, o parser) in grado di interpretare i marcatori e comportarsi di conseguenza, ad esempio permettendo la visualizzazione corretta di grassetti e corsivi. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 10

11 Così, ad esempio, la riga contenente il corsivo nel passo sopra citato si trasforma, nel file principale del corrispondente pacchetto epub (vedremo fra un attimo cos è un pacchetto epub), in <P>"<I>You</I> want to tell me, and I have no objection to hearing it."</p> Sempre di testo si tratta, ma questa volta il testo comprende il marcatore <P>, che verrà interpretato come l apertura di un paragrafo, e il marcatore <I>, che verrà interpretato come l apertura di un corsivo (italic), assieme alle rispettive chiusure </P> e </I>. Ma torniamo per un attimo alle origini e ai soli file di testo senza marcature. Dove e come leggerli? In realtà, proprio per la loro semplicità possono essere visualizzati praticamente su qualunque dispositivo: dai PC ai telefoni cellulari, dai lettori dedicati (di qualunque generazione) all ipad e agli altri mini-tablet. Per leggere e-book in formato.txt può convenire però impostare nel programma di visualizzazione un carattere (font) diverso dal Courier che viene spesso utilizzato come standard nel rendere a video i file solo testo. Infine, un cenno alla questione delle dimensioni del file. In realtà, nel caso di file che contengono testo, di qualunque formato si tratti, le dimensioni sono ormai raramente un problema: a far crescere le dimensioni dei file sono piuttosto immagini, suoni, video. Ma economizzare bit è sempre una buona abitudine, e i file di testo si prestano bene ad essere compressi. Per questo, molto spesso gli e-book in formato.txt sono distribuiti in forma compressa, in genere utilizzando il formato.zip o quello.rar. I file compressi in formato.zip sono ormai riconosciuti da quasi tutti i sistemi operativi recenti; in ogni caso sia per creare sia per decomprimere i file.zip,.rar, o nel formato.sit usato frequentemente nel mondo Mac, esistono innumerevoli programmi gratuiti. L importante è tener presente che in questo caso abbiamo a che fare con file a due strati : il file risultato dell operazione di compressione, che oltre a permettere di risparmiare bit funziona un po come una scatola, come un contenitore, e il file (o i file) originari, nel nostro esempio in formato.txt. Prima di poter usare il file in formato.txt dovremo dunque estrarlo dalla scatola rappresentata dal file compresso. Se volete provare direttamente il meccanismo, un buon esempio è rappresentato dal primo e-book realizzato dal progetto Manuzio, I Malavoglia di Verga: lo trovate alla pagina disponibile fra gli altri formati come file.txt all interno di un pacchetto zippato. Naturalmente, la scatola rappresentata dal file compresso potrebbe comprendere anche più di un file: ad esempio, potremmo scegliere di usare file diversi per i diversi capitoli di un libro, o per i diversi volumi di un opera in più volumi. E proprio la capacità che hanno i file compressi di comportarsi come un contenitore, includendo al loro interno più file diversi, viene sfruttata anche nel caso di formati come il già ricordato epub per unire il file o i file che contengono il corpo del testo con altri file, contenenti prevalentemente metainformazioni (indici, descrizioni di varia natura), nonché con eventuali immagini (ad esempio l immagine di copertina, se ne vogliamo una). Si parla in questo caso di file di pacchetto, e i formati che utilizzano la compressione non solo per risparmiare bit ma anche per unire in un unico pacchetto più Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 11

12 file che hanno funzioni diverse ma fanno tutti parte di una stessa pubblicazione digitale vengono detti formati di pacchetto. Lo vedremo concretamente più avanti, parlando del formato epub. 3. PDF: Quando la pagina è tutto Se i file in formato.txt rappresentano l estremo della semplicità, con un testo nudo e sostanzialmente privo di formattazione, l estremo opposto è rappresentato dai file PDF (Portable Document Format), nei quali alla resa grafica della pagina è dedicata la massima attenzione. Il formato PDF è stato sviluppato da una delle aziende software più importanti, la Adobe, all inizio degli anni 90, e negli anni successivi ha conosciuto una notevole evoluzione, fino a diventare, nel 2008, uno standard ISO aperto. Nel frattempo comunque la Adobe ne prosegue lo sviluppo, con il risultato di una qualche tensione fra la versione standard adottata dall ISO e le versioni proprietarie che la Adobe continua a sviluppare. Il formato PDF era inizialmente rivolto soprattutto al cosiddetto desktop publishing, ovvero alla preparazione su computer di documenti destinati alla stampa. Non sorprende dunque che l obiettivo iniziale fosse in primo luogo una buona impaginazione: il PDF è nato come formato orientato alla pagina più che allo schermo, e anche per questo è molto amato nel mondo dell editoria. Per lo stesso motivo, i documenti in formato PDF hanno di norma la caratteristica di mantenere la stessa impaginazione e la stessa resa grafica, indipendentemente dal dispositivo sul quale vengono visualizzati. Ricordate la fondamentale distinzione fra impaginazione fissa, che rimane la stessa su schermi grandi o piccoli, o stampata su carta, e impaginazione liquida o fluida, in cui il testo si adatta alle dimensioni dello schermo e ci permette di scegliere la dimensione dei caratteri che preferiamo? Ebbene, il formato PDF è il principale esponente della prima categoria. La scelta di una impaginazione fissa ha vantaggi e svantaggi: il vantaggio principale è proprio la garanzia del totale controllo della resa su pagina: possiamo ad esempio tranquillamente usare numeri di pagina, con la sicurezza che resteranno gli stessi su ogni dispositivo e con qualunque modalità di visualizzazione. In un file PDF, pagina 47 è sempre la stessa, comincia sempre con la stessa riga, finisce sempre con la stessa riga, utilizza sempre gli stessi caratteri, contiene sempre le stesse immagini, se ce ne sono, sempre nella stessa posizione. Ma quel che è un vantaggio da un punto di vista, è uno svantaggio da un altro: su schermi piccoli, i file PDF possono risultare quasi illeggibili e non possiamo migliorare la situazione aumentando la dimensione dei caratteri: possiamo solo zoomare all interno della pagina, vedendone una zona ingrandita, ma perdendo la visione d insieme. Nella digitalizzazione di testi già apparsi a stampa, o destinati comunque anche alla stampa, PDF garantisce la perfetta corrispondenza fra la pagina del libro stampato e la pagina del libro visualizzata sullo schermo: indubbiamente, una grande comodità. Ma perché la cosa abbia senso occorre che lo schermo abbia più o meno le stesse dimensioni della pagina del libro: se è molto più piccolo, siamo nei guai. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 12

13 Per questo il PDF è un formato abbastanza adatto alla lettura lean forward su computer (anche se manca di norma la possibilità di intervenire sul testo), ma adatto alla lettura lean back solo se supportata da schermi di dimensioni abbastanza generose ad esempio quello del Kindle DX, il dispositivo al momento forse più adatto per questo formato e decisamente poco funzionale per la lettura in mobilità. Se un testo in formato.txt è nudo, un testo in formato PDF è assai ben vestito, ma con un abito che non è possibile cambiare, e che è adatto solo a certe situazioni. Va detto, per amor di precisione, che mentre fino ad alcuni anni fa il formato PDF era assolutamente chiuso, descriveva la pagina senza permettere su di essa alcun intervento o modifica, i formati PDF più recenti sono comunque basati su XML, e permettono quindi un po di flessibilità in più: alcuni dispositivi possono dunque ma solo se il file lo consente cercare di migliorare un po la situazione distribuendo ad esempio un unica pagina PDF su due schermate e aumentando la dimensione dei caratteri. Si tratta di una operazione conosciuta come reflow, riformattazione dinamica; il Kindle, ad esempio, è in grado di compierla. Ma è un azione che su un formato orientato alla pagina com è il PDF ha comunque poco senso: la resa grafica di questi tentativi che si propongono di rendere in qualche misura fluido un formato per sua natura rigido è in genere pessima, soprattutto su documenti con impaginazione complessa. Negli anni passati, la Adobe ha puntato molto sul PDF come formato per la realizzazione e la distribuzione di libri elettronici, realizzando un programma di visualizzazione specifico, che nella versione più recente si chiama Adobe Digital Editions e comunica con una vera e propria piattaforma di distribuzione. Inizialmente, nel periodo di interregno fra la prima e la seconda generazione di lettori dedicati, lo sforzo era stato dedicato a costruire attorno al formato PDF una serie di strumenti di protezione dei diritti e di visualizzazione sul desktop del PC, e dunque in situazioni lean forward. Come ricorderete, infatti, in quel periodo (più o meno fra il 2001 e il 2006) il pendolo oscillava in direzione degli e-book prevalentemente di ricerca e di reference, utilizzati in modalità lean forward sullo schermo di un normale computer. Era nato così l Adobe ebook reader, che offriva la possibilità di visualizzare e-book in formato PDF, organizzarli nella propria biblioteca (Library) e acquistarli attraverso il Bookstore, una libreria virtuale basata sul meccanismo di protezione e gestione dei diritti sviluppato da Adobe. L emergere dei lettori dedicati basati su epaper ha parzialmente cambiato la situazione: Adobe si è resa conto che il formato PDF, utilissimo in certe situazioni, non poteva però funzionare in tutte, e ha cominciato a rivalutare il formato liquido epub, del cui consorzio di sviluppo come vedremo faceva parte. L ultima versione di quel che era l Adobe ebook Reader e che è oggi Adobe Digital Editions, disponibile sia per Windows sia per Mac, è quindi in grado di visualizzare sia file PDF sia e-book in formato epub, organizzandoli in scaffali virtuali. Questo non significa affatto che il formato PDF sia destinato a sparire: su lettori di dimensioni un po più grandi, e nel caso di contenuti in abbonamento che possono essere in qualche modo abbinati a un lettore (ad esempio quotidiani e riviste) un formato orientato alla pagina può essere assai utile. E programmi come il sorprendente Blio (http://www.blioreader.com), alla cui realizzazione ha contribuito proprio quel Ray Kurzweil di cui abbiamo parlato nella lezione precedente, promettono per il PDF una seconda giovinezza, con la gestione di animazioni e video e con effetti molto realistici, legati ad esempio all operazione di Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 13

14 sfogliare le pagine. Blio integra anche un servizio di vendita, e si propone in sostanza come una versione potenziata di Adobe Digital Editions. Ma torniamo appunto ad Adobe Digital Editions 3. Un aspetto interessante del software è la paginazione: come abbiamo visto, quando si lavora con un file PDF non ci sono problemi, ma come risolvere la questione nel caso di un formato fluido come epub? La soluzione adottata è degna di nota: è possibile aggiungere al libro una cosiddetta page-map, una vera e propria mappa, che indica attraverso una marcatura specifica dove comincia e dove finisce una pagina. In questo modo, diventa possibile creare una corrispondenza fra la paginazione fissa di un libro a stampa e la paginazione di un e-book fluido: certo, la visualizzazione dell ebook non rispetterà le pagine fisse della page-map, ma sarà comunque possibile sapere in ogni momento in quale pagina ci si trovi e saltare al qualsiasi pagina si desideri. E in assenza di una edizione a stampa di riferimento? In questo caso, si può realizzare automaticamente una paginazione fissa utilizzando un criterio convenzionale: una pagina ogni 1024 caratteri. E anche questa paginazione fissa e convenzionale potrà essere visualizzata come informazione sullo schermo, pur non corrispondendo di norma alla paginazione effettiva visualizzata dall utente, che come ormai sappiamo dipende dalle dimensioni dello schermo e del carattere scelto per la lettura. Figura 1 L interfaccia di lettura di Adobe Digital Editions - versione per PC 3 Due presentazioni di Adobe Digital Editions, una in italiano e una in inglese, sono disponibili su YouTube alle pagine e Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 14

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2011/12 Modulo 5 editoria digitale e ebooks editoria elettronica e cultura del libro l editoria elettronica non è solo web o

Dettagli

Editoria elettronica per sistemi reader

Editoria elettronica per sistemi reader ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FOGGIA Editoria elettronica per sistemi reader prof. Dattoli Le nuove forme dell editoria: l e-book. Anche se la tecnologia al giorno d oggi ha fatto veramente passi da gigante

Dettagli

Calibre. Principali funzioni per la lettura e la gestione degli ebooks

Calibre. Principali funzioni per la lettura e la gestione degli ebooks Calibre Principali funzioni per la lettura e la gestione degli ebooks Calibre è un software per catalogare, convertire, gestire e collezionare ebook. Si tratta di un software freeware, quindi totalmente

Dettagli

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Serata organizzata dalla Biblioteca Comunale di Belfiore (VR) in collaborazione con distil-lab nel contesto della manifestazione Primavera letteraria

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

Capra, Lanzavechia, Rosti 1

Capra, Lanzavechia, Rosti 1 Laboratorio di Abilità Informatiche http://dcssi.istm.cnr.it/lanzavecchia/do cumenti/lodi.htm Salvatore Lanzavecchia Dipartimento di Chimica Strutturale Via G. Venezian 21 20133 Milano E-mail: labinf01@unimi.it

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Navigare in Internet

Navigare in Internet Navigare in Internet ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Word Wide Web = WWW = Ragnatela estesa a tutto il mondo In questo argomento del nostro

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

Editoria digitale. Un po di storia. I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti

Editoria digitale. Un po di storia. I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti Un po di storia Editoria digitale I 60 anni che hanno cambiato il libro e altri racconti Nicoletta Salvatori - 2015 Corso di laurea Magistrale Università di Pisa - Editoria e scritture professionali 1

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

HTML 1. HyperText Markup Language

HTML 1. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione del testo Collegamenti ipertestuali Immagini Tabelle Form in linea (moduli) Tecnologie di Sviluppo per il

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Libri digitali CREARE EBOOK

Libri digitali CREARE EBOOK 10/05/2016 Libri digitali CREARE EBOOK Rosario Caruso ITI Majorana - Grugliasco 1 ros.car@virgilio.it 10/05/2016 Per iniziare Sondaggi Profilazione Aspettative Nel futuro libri di carta o e-book? Quale

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione. Università degli Studi di Salerno

Prof. Alberto Postiglione Scienze della Comunicazione. Università degli Studi di Salerno Prof. Alberto Postiglione Scienze azione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno 1.2d: La codifica Digitale dei caratteri Informatica Generale (Laurea in Scienze azione) Sistemi

Dettagli

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato

Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Sommari, indici e riferimenti incrociati in Word 2010 Strutturare i documenti in modo ordinato Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2010 Quando lavorate con documenti piuttosto

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

MediaLibraryOnLine (MLOL) Guida all'uso

MediaLibraryOnLine (MLOL) Guida all'uso MediaLibraryOnLine (MLOL) Guida all'uso 1. Cos'è MLOL? MediaLibraryOnLine (MLOL) è una rete di biblioteche pubbliche per il prestito e la consultazione digitale di ebook, periodici, musica e altre risorse

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

Editoria Digitale. Schema didattico di riferimento 1

Editoria Digitale. Schema didattico di riferimento 1 Editoria Digitale Schema didattico di riferimento 1 1. Che cos è un documento digitale? 1. Cos è un documento digitale 2. Qual è la natura del libro digitale 3. Quali sono le differenze tra l editoria

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

Crea un ebook impaginato e animato

Crea un ebook impaginato e animato Crea un ebook impaginato e animato Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian CREA UN EBOOK IMPAGINATO E ANIMATO Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian Il libro e l autore...

Dettagli

Strumenti informatici per la Lettura. una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati

Strumenti informatici per la Lettura. una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati Strumenti informatici per la Lettura una guida alle risorse, ai dispositivi, ai formati Andrea Mangiatordi, 12 Aprile 2014 Obiettivi: fornire una panoramica completa (per quanto possibile!) dei principali

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico

Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Guida all uso di Adobe Acrobat e Adobe Reader in ambito didattico Indice Format PDF e software per la creazione di documenti Che cosa si può fare con Adobe Acrobat Commenti, annotazioni e marcature grafiche

Dettagli

GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2

GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2 GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2 INFORMAZIONI SUL DISPOSITIVO READER...2 OPERAZIONI DI BASE...2 APPLICAZIONI E SCHERMATA [HOME]...2 Barra di stato...3 Finestra di notifica...4 OPERAZIONI DEL

Dettagli

mi ritrovai per una selva oscura Master Catalogazione AA 2009/10 Maria A. Alberti Gestione dell Informazione Testo e grafica a videa Il testo

mi ritrovai per una selva oscura Master Catalogazione AA 2009/10 Maria A. Alberti Gestione dell Informazione Testo e grafica a videa Il testo Il testo Testo ha una doppia natura rappresentazione visiva del linguaggio un segno grafico proprio a video Testo digitale Contenuto del testo i caratteri e le parole Aspetto del testo Master Catagolazione

Dettagli

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68

Clicca sul link Gmail in alto nella pagina. Arriverai ad una pagina simile alla seguente: G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 G. Pettarin ECDL Modulo 7: Internet 68 Usiamo Gmail In questo capitolo vedremo come creare un proprio accesso alla posta elettronica (account) ad uno dei servizi di mail on line più diffusi: Gmail, la

Dettagli

Proposta tirocinio Aziendale

Proposta tirocinio Aziendale Proposta tirocinio Aziendale ST&T s.r.l. a socio unico. Smart Training & Smart Technologies Intende promuovere anche in accordo con iniziative promosse con docenti del Politecnico di Torino due iniziative

Dettagli

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro.

foglio di calcolo celle Lotus 1-2-3 celle macro. Fogli di calcolo Un foglio di calcolo è composto da celle nelle quali è possibile inserire dati. Il programma consente di effettuare calcoli complessi utilizzando valori inseriti nelle celle dalle quali

Dettagli

degli ebook Chiara Leoni

degli ebook Chiara Leoni Vantaggi e caratteristiche degli ebook Chiara Leoni 1. Che cosa è un ebook? Si attribuisce la qualifica di libro elettronico a qualunque testo compiuto, organico e sufficientemente lungo, eventualmente

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file

Esercitazione 1 primi passi e uso dei file primi passi e uso dei file 1 Sistemi operativi per PC I sistemi operativi per personal computer più diffusi sono: Windows (Microsoft) Linux (freeware) MacOS (Apple) Il laboratorio verterà su Windows 2

Dettagli

Educazione didattica per la E-Navigation

Educazione didattica per la E-Navigation Educazione didattica per la E-Navigation Guida utente per l utilizzo della piattaforma WIKI Rev. 3.0 23 febbraio 2012 Guida EDEN rev. 3.0 P. 1 di 24 23/02/2012 Indice Come registrarsi... 3 Utilizzo della

Dettagli

Creare ebook con Ms Word e Calibre

Creare ebook con Ms Word e Calibre Creare ebook con Ms Word e Calibre Isis Keynes 12 19 marzo 2013 Alessandra Peroni - Simonetta Bralia ebook - Primo incontro Cos e un book MS Word mezzo per creare un ebook Il modello ModelloEbook.dotx

Dettagli

È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali:

È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali: È una piattaforma che consente di convertire e pubblicare libri e magazine nei principali formati digitali: App (ios, Android, Windows) E- book (epub, kf8, mobipocket, textbooks, html5) Sfogliabili digitali

Dettagli

LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI

LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI Utilizzare epubeditor.it per costruire un ebook in formato epub a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Perché scrivere in epub? Teniamo conto dell uso. Il libro

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web

Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web Modulo 1: Fondamenti per scrivere una pagina web Indice del modulo Introduzione al linguaggio di marcatura Contenuto, struttura, presentazione Elementi e attributi Proviamo a scrivere una pagina HTML Aggiungere

Dettagli

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer

Capitolo 2. Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Capitolo 2 Esplorare l interfaccia tra uomo e computer Imparare la tecnologia Gli esseri umani non hanno abilità tecnologiche innate La nostra precedente esperienza nell uso di dispositivi simili, incluse

Dettagli

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Esercitazione su Windows Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Sistemi Operativi Moderni Multi-Utente Multi-Processo Strutturati a Cipolla Dispongono di Interfaccia Grafica (GUI) oltre che

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Software applicativi. Videoscrittura:

Software applicativi. Videoscrittura: Software applicativi Videoscrittura: dal Blocco Note a Microsoft Word I programmi di videoscrittura I programmi di videoscrittura sono la categoria di software più utilizzata in assoluto. Tutti hanno bisogno

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

e-book e futuro del libro due parole sul cambiamento in corso Gino Roncaglia, Università della Tuscia

e-book e futuro del libro due parole sul cambiamento in corso Gino Roncaglia, Università della Tuscia e-book e futuro del libro due parole sul cambiamento in corso Gino Roncaglia, Università della Tuscia Information Sciences 101: testi digitali = poco impegno di memoria e di risorse di calcolo immagini/suoni

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

a cura di Maria Finazzi

a cura di Maria Finazzi Esercitazioni di XML a cura di Maria Finazzi (11-19 gennaio 2007) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Il trattamento dell'informazione Testo a stampa: Come

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Corso di formazione CerTICTablet

Corso di formazione CerTICTablet Redattore prof. Corso di formazione CerTICTablet Decima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e alla

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Rappresentazione binaria dei numeri negativi

Rappresentazione binaria dei numeri negativi Introduzione all Informatica 1 Conversione decimale binario (continuazione) La conversione di un numero decimale (es. 112) in binario si effettua tramite l algoritmo della divisione, dividendo successivamente

Dettagli

Piattaforma d apprendimento di Rete postale e vendita

Piattaforma d apprendimento di Rete postale e vendita Piattaforma d apprendimento di rete postale e vendita Guida per gli utenti Benvenuti sulla piattaforma di Rete postale e vendita. L obiettivo della presente guida è innanzitutto di facilitarvi, attraverso

Dettagli

6 aprile 2006. Comunicazione. Mirko Tavosanis. www.italicon.it

6 aprile 2006. Comunicazione. Mirko Tavosanis. www.italicon.it 6 aprile 2006 Comunicazione Mirko Tavosanis La posta elettronica Dal punto di vista della comunicazione Quindi, al solito: Destinatario: riuscire a fargli leggere il messaggio! Problemi tecnici Problemi

Dettagli

CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE. 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009

CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE. 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009 CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009 I formati ? Che stiate scrivendo un articolo, modificando un'immagine, costruendo una pagina web, ascoltando un brano musicale

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Reference Word avanzato (Versione Office 2003)

Reference Word avanzato (Versione Office 2003) Reference Word avanzato (Versione Office 2003) Copyright Sperlinga Rag. Alessio., tutti i diritti riservati. Questa copia è utilizzabile dallo studente soltanto per uso personale e non può essere impiegata

Dettagli

È una biblioteca digitale full-text che raccoglie circa 70.000 e-books accademici pubblicati da molteplici e prestigiosi editori nel mondo (Cambridge

È una biblioteca digitale full-text che raccoglie circa 70.000 e-books accademici pubblicati da molteplici e prestigiosi editori nel mondo (Cambridge È una biblioteca digitale full-text che raccoglie circa 70.000 e-books accademici pubblicati da molteplici e prestigiosi editori nel mondo (Cambridge UP, Oxford UP, MIT, De Gruyter, Benjamins, Greenwoods,

Dettagli

Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000

Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000 ADOBE ACROBAT 4.0 Manuale dell utente 1 Uso di Adobe PDFMaker 4.05 per Microsoft Word 97, Word 2000, PowerPoint 97 e PowerPoint 2000 Adobe PDFMaker 4.05 consente di creare documenti PDF (Portable Document

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058

Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione. Studio Elfra sas Via F.lli Ruffini 9 17031 Albenga SV 0182596058 by Studio Elfra sas Concetti di base della Tecnologia dell'informazione e della Comunicazione Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi I word processor, o programmi per l'elaborazione

Dettagli

Sommario. Introduzione...9. 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook...

Sommario. Introduzione...9. 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook... Sommario Introduzione...9 1. Libri e riviste digitali: formati e strumenti... 11 Vantaggi e svantaggi...12 I formati degli ebook...15 I DRM...17 Le riviste digitali...18 I libri di testo, la nuova soluzione

Dettagli

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs License. To view a copy of this license,

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE E LA REDAZIONE DEI DOCUMENTI SUL PORTALE WEB PROVINCIALE

PROVINCIA DI VERONA REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE E LA REDAZIONE DEI DOCUMENTI SUL PORTALE WEB PROVINCIALE PROVINCIA DI VERONA REGOLE PER LA PUBBLICAZIONE E LA REDAZIONE DEI DOCUMENTI SUL PORTALE WEB PROVINCIALE SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. TIPI DI DOCUMENTI...3 3. ACCORGIMENTI PER LA REDAZIONEDEI DOCUMENTI...3

Dettagli

Che cos'è Calibre. Download e installazione

Che cos'è Calibre. Download e installazione Che cos'è Calibre È la soluzione per la gestione e lettura degli ebook Legge i formati: CBZ, CBR, CBC, EPUB, FB2, HTML, LIT, LRF, MOBI, ODT, PDF, PRC (PRC è un formato generico, calibre supporta i file

Dettagli

Capitolo 1 Introduzione

Capitolo 1 Introduzione Capitolo 1 Introduzione ZoomText 9.1 è una potente applicazione che favorisce l utilizzo del computer a individui con difficoltà visive. Utilizza due tecnologie versatili ingrandimento dello schermo e

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa:

E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa: MEDIALIBRARYONLINE E PRESTITO DI E-BOOK READER Un nuovo servizio a Quercegrossa: il prestito digitale I contenuti di questo documento sono stati estratti dalla presentazione, effettuata in Quercegrossa

Dettagli

LEGGERE DIGITALE. Introduzione al mondo degli e-book. www.libreriearion.it

LEGGERE DIGITALE. Introduzione al mondo degli e-book. www.libreriearion.it LEGGERE DIGITALE Introduzione al mondo degli e-book www.libreriearion.it 1 I libri elettronici sono facili da acquistare, leggere e trasportare (un piccolo dispositivo di lettura ne può contenere centinaia).

Dettagli

HTML 1 AVVISO. Terminologia. Introduzione ad HTML. HyperText Markup Language

HTML 1 AVVISO. Terminologia. Introduzione ad HTML. HyperText Markup Language HTML 1 HyperText Markup Language AVVISO Martedì 4 ottobre in laboratorio ci saranno 2 turni: 11:00 12:15 matricole pari 12:30 13:45 matricole dispari Introduzione ad HTML Documenti HTML Tag di markup Formattazione

Dettagli

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA

7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA 7.6 USO DELLA POSTA ELETTRONICA La principale utilità di un programma di posta elettronica consiste nel ricevere e inviare messaggi (con o senza allegati) in tempi brevissimi. Esistono vari programmi di

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio Allegato K Formati Informatici Premessa In generale tutti i formati che rispondono alle seguenti caratteristiche possono essere

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet).

Guida all uso. Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). Guida all uso Guida all uso Questa Guida contiene le istruzioni per agevolarti nell uso del tuo ME book in tutte le sue versioni (computer e tablet). La Guida è sempre disponibile all interno della tua

Dettagli

Piccola guida pratica a. Piattaforma per l e- learning

Piccola guida pratica a. Piattaforma per l e- learning Piccola guida pratica a Piattaforma per l e- learning Aggiornata al 30/06/2014 1 Sommario Prima di iniziare.... 3 Verifica del browser e aggiornamento... 3 Come segnalare eventuali problemi.... 4 A chi

Dettagli

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014

Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti. a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 Compilare e gestire bibliografie: i software gratuiti a cura di Laura Perillo Sistema Bibliotecario di Ateneo Agg. ottobre 2014 I software per la gestione di bibliografie Chiamati reference managers o

Dettagli

DRAGON DICTATE PER MAC 3 MATRICE DELLE FUNZIONI CONFRONTO PER PRODOTTO

DRAGON DICTATE PER MAC 3 MATRICE DELLE FUNZIONI CONFRONTO PER PRODOTTO DICTATE PER MAC 3 Riconoscimento vocale Convertite la voce in testo Precisione fino al 99% Velocità Le parole appaiono sullo schermo ad una velocità tre volte superiore a quella di battitura Elaborazione

Dettagli

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO GUIDA AI CORSI OFFICE PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO INDICE Verifica dei requisiti tecnici... 1 *Rimozione blocco popup... 1 In Internet Explorer... 1 In Mozilla Firefox... 4 In Google Chrome...

Dettagli

Copyright www.alessandrodesimone.net

Copyright www.alessandrodesimone.net www.alessandrodesimone.net Copyright Alessandro de Simone 2009 (www.alessandrodesimone.net) - È vietato trascrivere, copiare, stampare, tradurre, riprodurre o divulgare il presente documento, anche parzialmente,

Dettagli

Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE

Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE Note legali Note legali Per le note legali, consultate http://help.adobe.com/it_it/legalnotices/index.html. iii Sommario Configurazione delle esercitazioni.....................................................................................

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Si intende per Sistema Operativo (o software di sistema) un gruppo di programmi che gestisce il funzionamento di base del computer. Il sistema operativo rimane sempre attivo dal momento

Dettagli

Trasforma la produttività dell ufficio.

Trasforma la produttività dell ufficio. Trasforma la produttività dell ufficio. RACCOGLI 6 1 RIUTILIZZA 5 MODIFICA MEMORIZZA 2 COMBINA E PUBBLICA 4 3 CONDIVIDI iw360 Versione 4.0 you can Velocizzate il vostro modo di lavorare. La gestione dei

Dettagli

ISIS R.M. Cossar L. davinci GORIZIA. Incontri con gli studenti. Il metodo di studio

ISIS R.M. Cossar L. davinci GORIZIA. Incontri con gli studenti. Il metodo di studio ISIS R.M. Cossar L. davinci GORIZIA Incontri con gli studenti Il metodo di studio 18-25 febbraio 2014 Prof.ssa Roberta Viotto COME ORGANIZZARE LO STUDIO IN CLASSE La prima tappa del lavoro consiste nel

Dettagli

Innanzitutto andiamo sul sito http://www.dropbox.com/ ed eseguiamo il download del programma cliccando su Download Dropbox.

Innanzitutto andiamo sul sito http://www.dropbox.com/ ed eseguiamo il download del programma cliccando su Download Dropbox. Oggi parlerò di qualcosa che ha a che fare relativamente con la tecnica fotografica, ma che ci può dare una mano nella gestione dei nostri archivi digitali, soprattutto nel rapporto professionale con altre

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario elettronico

Guida alla compilazione del questionario elettronico Sommario 1. Il questionario elettronico... 1 1.1 Prerequisiti... 1 1.2 Accesso al questionario elettronico... 2 1.2.1 Procedura di primo accesso per i rispondenti... 3 1.2.2 Procedura di cambio/recupero

Dettagli

Il Desktop. Gli elementi del Desktop. Icona Risorse del computer. Icona Cestino. Icona Risorse di rete. Lezione 3 piccolo manuale di Windows

Il Desktop. Gli elementi del Desktop. Icona Risorse del computer. Icona Cestino. Icona Risorse di rete. Lezione 3 piccolo manuale di Windows Ing. Irina Trubitsyna Ing. Ester Zumpano Università degli Studi della Calabria Anno Accademico 2003-2004 2004 Lezione 3 piccolo manuale di Windows Il Desktop Il desktop è ciò che viene visualizzato sullo

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli