Problemi di forma. 4. Problemi di forma. 1. La rappresentazione del testo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi di forma. 4. Problemi di forma. 1. La rappresentazione del testo"

Transcript

1 Problemi di forma 1. La rappresentazione del testo Nella lezione precedente, abbiamo ripercorso insieme la storia dell idea di libro elettronico e abbiamo parlato dei dispositivi di lettura che sono stati man mano sviluppati per cercare di dare all e-book un supporto funzionale. In particolare, abbiamo sottolineato l importanza di collegare le caratteristiche del supporto alle situazioni di lettura. Rilevando che, mentre il libro ha fra le sue principali virtù quella di essere perfettamente utilizzabile nelle tre situazioni che ci interessano più da vicino lean forward, lean back e mobilità i supporti digitali sono stati finora assai meno flessibili: il computer, nella sua incarnazione tradizionale, è uno strumento adatto solo al lean forward; palmari e smartphone sono destinati alla mobilità (e anche in quel caso possono dirsi abbastanza funzionali solo nelle ultimissime generazioni, dall iphone in poi); e solo i dispositivi dedicati hanno l ambizione di avvicinarsi al libro anche nella capacità di adattarsi a più situazioni di lettura. Un ambizione non ancora coronata da pieno successo, anche se con la seconda (e-paper) e con la terza (ipad e mini-tablet) generazione di dispositivi sono stati fatti notevolissimi passi avanti. Prima di trarre qualche conclusione più articolata, tuttavia, occorre discutere un altro aspetto della testualità elettronica che ha grande importanza per capire quali siano le reali possibilità di successo dei supporti elettronici nell avvicinarsi a quelli su carta: non più il supporto fisico, e cioè l interfaccia hardware, ma la resa del testo, la sua messa in pagina, e le funzionalità offerte per il supporto alla lettura: descrizione del libro, ricerca dei termini, annotazioni e sottolineature, segnalibri, e simili. Bisogna infatti ricordare che, mentre nel libro a stampa il supporto e la forma del testo finiscono per costituire un oggetto unico e inscindibile, nel mondo digitale dispositivo di lettura e testo elettronico sono oggetti separati, che si incontrano nel momento della lettura ma hanno, prima e dopo, vita autonoma. Cosa determina allora la messa in pagina che in questo caso diventa organizzazione sullo schermo del testo elettronico, di per sé oggetto fluido e intangibile? Come fare per guidarla e controllarla, adattandola al particolare dispositivo che viene utilizzato? Di questa dimensione fa innanzitutto parte una componente essenziale, di cui purtroppo si tende spesso a trascurare l importanza: la rappresentazione del testo e dei fenomeni testuali. Un libro come del resto un messaggio di posta elettronica, o un articolo scientifico, o un copione cinematografico non è una semplice successione di caratteri: alla pura componente testuale si affianca una struttura abbastanza complessa. Ad esempio, nel caso del libro abbiamo di norma una copertina (e talvolta una sovraccoperta con informazioni editoriali sul retro e sui risvolti o bandelle ), un frontespizio, un colophon con un altra tipologia di informazioni editoriali; a volte, perfino il dorso riporta informazioni Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 1

2 utili, come il logo della collana di appartenenza. Abbiamo poi un indice, una prefazione, una suddivisione in capitoli e in paragrafi, l eventuale presenza di illustrazioni È anche grazie a queste caratteristiche del testo che si fa libro, e alle molte altre che potremmo individuare o che potrebbero essere presenti, che possiamo e sappiamo differenziare un libro da una lettera (la lettera non è solo più breve: è organizzata in modo diverso) o da un articolo. Quali di queste caratteristiche vogliamo o possiamo rappresentare in un libro elettronico? Quali caratteristiche nuove si aggiungono? E come vengono rappresentate, queste caratteristiche? Per fare solo qualche esempio: vogliamo che il nostro libro elettronico abbia o possa avere una copertina illustrata? In questo caso, il formato utilizzato per codificare il testo deve prevedere la possibilità di inserirla. Vogliamo un indice? E di che tipo? Se il libro elettronico è ottenuto a partire da un libro a stampa, vogliamo che le paginazioni coincidano e che il libro elettronico sia una sorta di riproduzione anastatica del libro su carta, pagina per pagina? In questo caso, dovremo utilizzare un formato basato su una rappresentazione del testo orientata alla pagina ad esempio il formato PDF e fare i conti con il fatto che i nostri dispositivi di visualizzazione potranno avere uno schermo di dimensioni più piccole (o chissà, magari talvolta più grandi) di quelle del libro a stampa originale, con la conseguenza di perdere leggibilità. In cambio, però, potremmo utilizzare lo stesso meccanismo di citazione orientata alla pagina che è abituale per i libri su carta. O preferiamo invece lasciare il testo libero di riadattarsi alle dimensioni del dispositivo utilizzato per visualizzarlo, perdendo però la comodità di una paginazione fissa? E se perdiamo la paginazione fissa, con cosa potremmo sostituirla se vogliamo citare un passo specifico di un libro? Se partiamo da un testo a stampa (o da un manoscritto), abbiamo anche il problema di decidere se rappresentare o no, e come, eventuali annotazioni marginali, note di possesso, ex-libris informazioni cioè che non facevano parte del libro uscito dalla tipografia o dalla mano del copista, ma che sono state aggiunte dal lettore (o dai lettori) di quell esemplare. Informazioni irrilevanti? Non è detto: il libro potrebbe essere stato annotato dall autore stesso, o da un lettore importante (ad esempio, un altro autore famoso); e anche se di autore ignoto, alcune annotazioni potrebbero correggere errori o risultare interessanti per altri motivi. Nel caso dei manoscritti, poi, potremmo avere cancellature, correzioni, cambio di mano del copista, miniature... E che dire delle differenze che possono esistere fra due edizioni diverse dello stesso libro, o addirittura fra due copie diverse della stessa edizione? Dobbiamo rappresentarle, e come? C è poi il problema di descrivere il libro in modo da ritrovarlo efficacemente sia sulla piattaforma in rete dalla quale dovremo prevedibilmente comprarlo o comunque scaricarlo, sia sul dispositivo di lettura, che di libri elettronici, come abbiamo visto, può contenerne migliaia. L individualità dei libri su carta è data in teoria da autore, titolo e dati di edizione o, più semplicemente, dal codice ISBN ma quando cerchiamo un libro negli scaffali di casa o di una libreria non abbiamo in genere a disposizione un catalogo e ci basiamo spesso su altri criteri, legati al libro come oggetto fisico: la posizione, le dimensioni, il colore del dorso o della copertina In ambiente elettronico basterà limitarci alla gestione e alla ricerca dei cosiddetti metadati Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 2

3 descrittivi come autore e titolo, o preferiamo riprodurre graficamente la metafora degli scaffali sui quali posizionare virtualmente le copertine illustrate? E, visto che abbiamo menzionato i metadati, quali metadati ci servono, e come standardizzarli? Inoltre, va tenuto conto che proprio come un libro a stampa un e-book è anche un oggetto commerciale, al quale andranno associate informazioni utili a gestirne la distribuzione e, se del caso, la vendita. Perfino nel caso di libri fuori diritti distribuiti gratuitamente, come accade per i testi del progetto Gutenberg o del progetto Manuzio, ma anche per un buon numero di testi offerti da progetti digitalizzazione pubblici o privati (a cominciare da Google Book Search), occorrono informazioni specifiche che dichiarino lo status dell e-book e le sue clausole di distribuzione. E se il libro è invece sotto diritti e in vendita, potrà essere necessario proteggerne in qualche modo il contenuto da copie non autorizzate: tema delicatissimo nel mondo digitale, in cui la copia di un file è operazione banale e immediata, e produce una copia indistinguibile dall originale. Una selva di problemi, come vedete, che ci lasciano con un unica certezza: l idea che per realizzare un libro elettronico basti trascrivere al computer il testo di un libro su carta è assolutamente ingenua; il lavoro da fare è molto più complesso. Da questo punto di vista, gli e-book solo testo del progetto Gutenberg lasciano molto a desiderare. La pura trascrizione del contenuto, abbiamo visto, non basta, e negli stessi e-book del progetto Gutenberg al testo vero e proprio è premessa una sezione con alcuni metadati di base: autore, titolo, informazioni sull edizione di riferimento utilizzata e sulla data di realizzazione, un breve riassunto sulle condizioni di distribuzione dei testi del progetto. Altre informazioni, compresa una versione estesa e dettagliata delle clausole di distribuzione, sono inserite in chiusura. Dato che all e-book corrisponde un unico file, queste informazioni non sono però ben differenziate dal corpo del testo. Ed è complicato o impossibile rappresentare altri aspetti del libro da cui si è partiti: di norma sparisce la paginazione, sparisce la copertina, spariscono gli indici, la suddivisione in capitoli deve affidarsi solo ad artifici grafici come qualche salto di riga e all uso del maiuscolo nei titoli, e come vedremo artifici in qualche misura analoghi servono a rappresentare corsivi e grassetti, anch essi impossibili da rendere direttamente in un file solo testo. In sostanza: il formato.txt è certo comodo perché quasi universalmente riconosciuto, ma è assai povero per la rappresentazione del complesso fenomeno testuale rappresentato da un libro. Ecco perché quasi tutti i formati utilizzati per la realizzazione di un e-book si basano, in una forma o nell altra, su linguaggi di marcatura. Un linguaggio di marcatura è fondato su un idea assai semplice: distinguere e separare il puro contento testuale la mera successione dei caratteri dalle (meta)informazioni presentazionali (corsivi, grassetti, dimensione dei caratteri ecc.), strutturali (suddivisione in paragrafi, capitoli, ecc.), descrittive (autore, titolo, casa editrice, anno di pubblicazione, ecc.), gestionali (situazione dei diritti, condizioni di distribuzione, prezzo, ecc.). Tutte queste metainformazioni, che qui abbiamo organizzato in quattro macro-categorie da considerare comunque Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 3

4 come piuttosto fluide e non sempre facili da distinguere con chiarezza, vengono espresse aggiungendo marcatori al testo. I marcatori vengono convenzionalmente inseriti fra una coppia di parentesi acute: < e >. Per semplificare (anche se in realtà non è sempre così) possiamo pensare che tutto quel che è fuori dalle parentesi acute sia contenuto testuale, e tutto quel che è dentro le parentesi acute sia marcatura, mark-up, metainformazione che ha il compito di dichiarare come quel contenuto testuale debba essere presentato, strutturato, descritto, gestito. Una sorta di spiegazione, destinata in primo luogo al programma che si occupa di visualizzare il testo, che in tal modo saprà, ad esempio, dove inserire grassetti e corsivi o dove inserire un salto pagina. Suona complicato, ma in realtà è abbastanza semplice. Supponiamo di avere a che fare con la Divina Commedia. E di voler partire dal puro testo del primo canto dell Inferno. Avremo dunque a che fare con un contenuto testuale di questo tipo: INFERNO CANTO I Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita. Come vogliamo rappresentare a schermo questo testo? Una possibilità è decidere di rappresentare Inferno come un titolo in evidenza (un titolo di primo livello), Canto I come un titolo di secondo livello, e fare in modo che i versi siano contenuti in un unico paragrafo ma separati andando a capo. Possiamo farlo usando un marcatore <H1> per il titolo di primo livello (la H sta per heading, intestazione), un marcatore <H2> per il titolo di secondo livello, il marcatore <P> per il paragrafo e il marcatore <BR> (break) per l a capo. Naturalmente, proprio come faremmo inserendo delle parentesi che devono essere prima aperte e poi chiuse, dovremo indicare non solo dove comincia ma anche dove finisce il titolo di primo livello, e lo stesso per il titolo di secondo livello e il paragrafo. Convenzionalmente, la chiusura di un marcatore viene indicata inserendo, sempre fra parentesi acute, il marcatore stesso preceduto da una barra. Il nostro testo diventa in questo modo <H1>INFERNO</H1> <H2>CANTO I</H2> <P>Nel mezzo del cammin di nostra vita<br /> mi ritrovai per una selva oscura,<br /> ché la diritta via era smarrita.</p> In questo modo, Inferno, rinchiuso fra un marcatore H1 aperto e poi chiuso verrà rappresentato come titolo di primo livello, Canto 1 come titolo di secondo livello, e la terzina come un paragrafo i cui versi sono separati da un a capo. L andata a capo è un marcatore vuoto, che non abbraccia una porzione di testo ma Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 4

5 ne specifica un punto: viene quindi aperto e chiuso contemporaneamente, e in questo caso anziché scriverlo come <BR></BR> si abbrevia con <BR />. Attenzione: non è affatto detto che questa sia effettivamente la marcatura migliore o preferibile. Ad esempio, non è detto che considerare le terzine come paragrafi separati sia effettivamente la scelta migliore nella rappresentazione del testo della Divina Commedia (probabilmente non lo è, e sarebbe meglio utilizzare marcatori specifici per i versi). Ogni volta che si marca un testo si compiono delle scelte, spesso tutt altro che banali, a cominciare dal linguaggio di marcatura utilizzato e dunque dall insieme di marcatori che si hanno a disposizione. Inoltre, dal nostro esempio di marcatura manca il contesto: qualunque marcatura dovrebbe infatti cominciare indicando ( dichiarando ) quale linguaggio di marcatura viene usato, cosa che noi non abbiamo fatto, e dovrebbe probabilmente comprendere una sezione di metainformazioni iniziali. Ma il nostro scopo non è imparare a usare un linguaggio di marcatura: è solo farci un idea assai generale dei suoi principi di funzionamento. Nel mondo digitale i linguaggi di marcatura sono ormai onnipresenti, anche se sono normalmente nascosti all utente: quel che l utente vede è l interpretazione che del testo marcato ci offre il programma di visualizzazione. Magari non lo sapete, ma tutte le pagine web sono costruite usando un linguaggio di marcatura (che nella sua versione di base si chiama HTML, Hyper-Text Mark-up Language, cioè linguaggio di marcatura ipertestuale). Solo che navigando fra le pagine di un sito voi non vedete il testo marcato ma l interpretazione di questo testo da parte del vostro programma di navigazione, o browser (che potrà essere, a seconda delle vostre preferenze e del dispositivo che usate per navigare, Firefox, Internet Explorer, Chrome, Safari, Opera ). Se usate un programma di videoscrittura come Microsoft Word o Open Office Writer, vedrete sullo schermo davanti a voi la pagina di testo al quale state lavorando, con titoli, paragrafi, corsivi, grassetti ciascuno al proprio posto, visualizzati così come lo saranno quando stamperete la pagina. Ma dietro quel testo, nascosta ai vostri occhi, c è la pagina sotto forma di testo marcato: tutti i principali programmi di videoscrittura usano ormai un linguaggio di marcatura per rappresentare, in maniera trasparente all utente, le varie caratteristiche presentazionali, strutturali, descrittive ecc. del testo al quale l utente stesso sta lavorando. I linguaggi di marcatura disponibili sono molti, ma ormai sono quasi tutte varianti o meglio, applicazioni di un unico metalinguaggio di marcatura, denominato XML (extensible Mark-up Language). A grandi linee, posiamo pensare a XML come a una specie di laboratorio in cui fabbricare linguaggi di marcatura specifici, rispettando alcune norme generali e comuni. Per scopi diversi avremo infatti spesso bisogno di linguaggi di marcatura (e dunque di insiemi di marcatori) diversi: se il nostro obiettivo è ad esempio rappresentare la struttura di un insieme di ricette di cucina, ci serviranno dei marcatori per identificare gli ingredienti e la loro quantità; se dobbiamo rappresentare un albero genealogico, ci serviranno marcatori per rappresentare rapporti di parentela; se dobbiamo rappresentare pagine web, ci serviranno marcatori in grado di gestire non solo le caratteristiche presentazionali del testo (titoli, corsivi, grassetti ), ma anche tabelle, liste, e l inserimento di link e Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 5

6 immagini; se dobbiamo rappresentare le carte di un archivio, ci serviranno marcatori che permettano di far emergere le aggregazioni documentali e archivistiche, i rapporti delle carte con gli enti produttori, le persone nominate, e così via. E naturalmente se l informazione primaria con la quale dobbiamo lavorare è costituita da libri, ci serviranno marcatori specifici adatti alla rappresentazione della forma-libro : sia dal punto di vista presentazionale (la messa in pagina del testo, con tutte le sue caratteristiche), sia da quello strutturale (suddivisione in capitoli, indici ), sia da quello descrittivo (la scheda del libro), sia da quello gestionale (gestione dei diritti, della distribuzione, della vendita). Va detto subito che, al momento, non abbiamo un singolo linguaggio di marcatura adatto a rappresentare in maniera sufficientemente articolata e potente la forma libro in tutte le sue caratteristiche. L attenzione si è finora indirizzata, in maniera comprensibile ma un po schizofrenica, verso due direzioni diverse: una è costituita dai fenomeni testuali di interesse soprattutto tipografico-editoriale: se il nostro obiettivo è creare concretamente un libro elettronico, ci interessano in primo luogo le caratteristiche della sua impaginazione, la resa sui dispositivi, la gestione dei diritti, i metadati che permettono di organizzare una biblioteca di titoli e di reperire quelli che ci servono. L altra direzione è invece quella filologico-critica, attenta ai fenomeni testuali che possono interessare lo studioso: la struttura del testo (più che la sua resa a schermo), il rapporto di un testo con le sue eventuali fonti (manoscritti, edizioni diverse ), la sua storia (revisioni, modifiche ), e così via. Naturalmente, fra queste due prospettive vi sono larghe sovrapposizioni. Ma al momento la scelta dell uno o dell altro approccio suggerisce l uso di uno fra due diversi schemi: da un lato la marcatura epub, le cui specifiche sono state prodotte dall IDPF (International Digital Publishing Forum, consorzio internazionale che comprende autori, editori e aziende informatiche) e che è orientata alla rappresentazione tipograficoeditoriale di un testo destinato a essere visualizzato e letto in ambiente elettronico. Dall altro la marcatura TEI (il nome abbrevia Text Encoding Initative, ovvero Iniziativa per la codifica testuale ; anche in questo caso si tratta di uno standard prodotto da un consorzio internazionale di organizzazioni e studiosi), che è orientata soprattutto alla rappresentazione filologica di testi di ambito umanistico, e in primo luogo (ma non unicamente) di testi letterari. In questa sede non ci occuperemo di marcatura TEI 1, ma è bene che il lettore sappia almeno della sua esistenza, e della prospettiva che essa rappresenta. Ci occuperemo invece, più avanti in questa stessa lezione, di epub, che è di fatto emerso negli ultimi due o tre anni come standard di riferimento per il mondo degli e-book. Non ce ne occuperemo però dal punto di vista strettamente tecnico: obiettivo di questo lavoro non è infatti fornire istruzioni pratiche sulla realizzazione di libri elettronici (ci sono in rete ottime guide e parecchi strumenti utilizzabili a questo scopo, e nel seguito avremo occasione di menzionarne diversi), ma fornire le informazioni necessarie a riflettere sulla loro natura e sulle loro potenzialità. 1 Un riferimento introduttivo al riguardo è il già citato, ottimo lavoro a cura di Fabio Ciotti: Fabio Ciotti (ed.), Il manuale TEI Lite cit. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 6

7 epub, però, non è nato dal nulla, e anche se c è chi fin da dieci anni fa aveva visto giusto scommettendo sul formato da cui epub è nato, denominato all epoca OEB la sua diffusione, come si è accennato, è solo recente. Come si è arrivati a epub, come funziona questo formato, e cosa permette di fare? Quali sono, o sono stati, i suoi principali concorrenti? E quali programmi vengono usati per visualizzare i file codificati con questi formati? Si tratta di domande solo apparentemente tecniche : come abbiamo rilevato in apertura, dalle caratteristiche dei formati di codifica del testo dipendono i fenomeni testuali che siamo (o non siamo) in grado di rappresentare, e dunque molta parte della forma dei nostri libri elettronici. Vale la pena, dunque, saperne qualcosa di più. 2. Se il testo è nudo Come ricorderete, il primo formato in assoluto a essere stato usato per la realizzazione di libri elettronici è il formato.txt. È la scelta che abbiamo visto alla base della biblioteca digitale del progetto Gutenberg, e per l assoluta portabilità del formato che può essere letto sostanzialmente da tutti i dispositivi e in ogni ambiente informatico questa scelta rimane ancora abbastanza popolare. In un file di questo tipo l unico fenomeno testuale considerato è la successione dei caratteri. Come sapete, il computer lavora macinando bit, rappresentati attraverso lunghe successioni di 0 e 1. In questo caso, dunque, ogni singolo carattere è codificato da un gruppo di bit, e (con pochissime eccezioni, come l andata a capo, rappresentate attraverso caratteri speciali o di controllo ) non viene codificato nient altro che non sia parte della successione dei caratteri del testo. Per essere precisi, quando parliamo di questi file detti di solo testo dobbiamo però fare anche riferimento alla tabella di codifica dei caratteri utilizzata. Ma cos è una tabella di codifica dei caratteri? Nessun timore, non si tratta di un concetto troppo complicato2. Abbiamo detto che, perché il computer possa utilizzarli, ogni carattere è fatto corrispondere a una particolare combinazione di bit: in sostanza, a una particolare combinazione di 0 e 1. Questo presuppone l accordo su una tabella di corrispondenza standard fra caratteri da un lato e numeri binari (formati solo dalle cifre 0 e 1 ) dall altro. In questo modo, una stessa successione di bit sarà interpretata sempre come lo stesso carattere (o come la stessa successione di caratteri), indipendentemente dal computer utilizzato. Come costruire questa tabella? Dovremo ricordarci di includere fra i caratteri da codificare tutti quelli che vogliamo effettivamente differenziare in un testo scritto: se vogliamo poter distinguere fra lettere maiuscole e minuscole dovremo dunque inserirvi l intero alfabeto sia maiuscolo che minuscolo, se vogliamo poter inserire nei nostri testi anche dei numeri decimali e date dovremo inserire le dieci cifre (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9), se vogliamo poter utilizzare segni di interpunzione (punto, virgola, punto e virgola...) dovremo 2 Per una introduzione al concetto di informazione informato digitale, di bit e di codifica dei caratteri rimando al primo capitolo di Fabio Ciotti e Gino Roncaglia, Il mondo digitale. Introduzione ai nuovi media, Laterza, Roma-Bari 2000, di cui riprendo nel seguito qualche passo. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 7

8 inserire i caratteri corrispondenti, e così via... senza dimenticare naturalmente di includere lo spazio per separare una parola dall altra! Una tabella di questo tipo si chiama tabella di codifica dei caratteri. Tabella 1 - il codice ASCII (caratteri alfanumerici e segni di interpunzione) 33! A 81 Q 97 a 113 q 34 " B 82 R 98 b 114 r 35 # C 83 S 99 c 115 s 36 $ D 84 T 100 d 116 t 37 % E 85 U 101 e 117 u 38 & F 86 V 102 f 118 v 39 ' G 87 W 103 g 119 w 40 ( H 88 X 104 h 120 x 41 ) I 89 Y 105 i 121 y 42 * 58 : 74 J 90 Z 106 j 122 z ; 75 K 91 [ 107 k 123 { 44, 60 < 76 L 92 \ 108 l = 77 M 93 ] 109 m 125 } > 78 N 94 ^ 110 n 126 ~ 47 / 63? 79 O 95 _ 111 o 127 _ P 96 ` 112 p Per molto tempo, la codifica di riferimento è stata la cosiddetta codifica ASCII (American Standard Code for Information Interchange; attenzione: si scrive ASCII ma si legge con la c dura: aski ). La codifica ASCII originaria (detta anche ASCII stretto : quella che abbiamo visto essere la codifica scelta da Michael Hart, l ideatore del progetto Gutenberg) faceva corrispondere a ogni carattere una sequenza di 7 bit, e permetteva quindi di distinguere 128 caratteri: 2 elevato alla settima. La trovate riportata nella tabella seguente, con i numeri binari convertiti, per comodità, nei corrispondenti numeri decimali e con Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 8

9 l omissione dei primi simboli, che anziché corrispondere a caratteri alfanumerici vengono fatti corrispondere a caratteri di controllo (ricordate il discorso fatto a proposito dell a capo?). Quindi, ad esempio, la lettera a minuscola viene codificata dal computer utilizzando il numero binario corrispondente al numero decimale 97, e cioè Se date un occhiata alla tabella, vedrete che sono codificate le lettere maiuscole e minuscole dell alfabeto latino ma mancano le vocali accentate presenti in diverse lingue (a cominciare da italiano e francese), mancano le vocali con l umlaut tedesche, e così via: in sostanza, l ASCI stretto funziona quasi esclusivamente per l inglese. Per questo motivo, dall ASCII stretto si è presto passati a una tabella più ampia: l ASCII esteso, o ISO Latin 1, che distingue 256 caratteri, i primi 128 dei quali sono ereditati dall ASCII stretto. L indicazione ISO indica l approvazione da parte dell International Standardization Organization (l organizzazione internazionale responsabile della standardizzazione), e Latin 1 indica che si tratta della tabella di riferimento per gli alfabeti di tipo latino. Ma naturalmente in molti casi anche l ISO Latin 1 non basta: ci sono alfabeti diversi da quello latino (greco, ebraico, cirillico, armeno, arabo ) e ci sono lingue che usano sistemi non strettamente alfabetici, come i caratteri giapponesi, cinesi ecc.; per questo motivo, esistono tabelle di codifica dei caratteri ancora più ampie, come Unicode, che è oggi lo standard utilizzato da molti sistemi operativi. Di norma, gli e-book (o almeno gli e-book scritti in lingue che utilizzano l alfabeto latino) codificati in formato solo testo usano o l ASCII stretto o l ISO Latin 1. La codifica binaria di un testo avviene dunque seguendo lo schema seguente: O G G I P I O V E Sullo schermo, ad esempio utilizzando un programma di videoscrittura, l utente scriverà (e leggerà) la stringa di testo oggi piove ; il computer, dal canto suo, lavorerà invece con la rappresentazione binaria di quella stringa. In generale, tutte le volte che utilizzate un computer per visualizzare un testo scritto o per lavorarvi sopra, lo schermo vi presenterà il testo nella familiare forma alfabetica, ma il computer lavorerà in effetti su quel testo in forma binaria: la tavola di conversione lo aiuterà a tradurre i caratteri alfabetici nella relativa codifica binaria, e viceversa. Se mi avete seguito fino a questo punto, potete tirare un sospiro di sollievo: la parte strettamente tecnica della trattazione è tutta qui. Per capire cosa sia un file solo testo, spesso individuato attraverso l estensione.txt aggiunta al suo nome, non ci serve nient altro. Vi suggerisco invece un brevissimo esercizio: andate all indirizzo e date un occhiata a un ebook del progetto Gutenberg in formato solo testo. Si tratta del testo inglese di Pride and Prejudice (Orgoglio e pregiudizio) di Jane Austen. Provate a scorrerlo: non vi troverete altro che caratteri ASCII. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 9

10 Niente grassetti, niente corsivi, anche se qualche trucco è stato usato per rendere in qualche modo quelli presenti nel testo. È così, ad esempio, nel passo seguente, tratto dalla celebre scena iniziale del romanzo: "My dear Mr. Bennet," said his lady to him one day, "have you heard that Netherfield Park is let at last?" Mr. Bennet replied that he had not. "But it is," returned she; "for Mrs. Long has just been here, and she told me all about it." Mr. Bennet made no answer. "Do you not want to know who has taken it?" cried his wife impatiently. "_You_ want to tell me, and I have no objection to hearing it." La parola You dell ultima frase è preceduta e seguita da un trattino basso (underscore) per indicare che va interpretata come scritta in corsivo. Si tratta in sostanza di una forma assai semplice di marcatura: il simbolo _ è usato come marcatore del corsivo. Una marcatura, come è facile vedere, priva delle convenzioni complesse (ma estremamente potenti) cui abbiamo fatto cenno in precedenza, a cominciare dall uso delle parentesi acute aperte e chiuse per racchiudere i marcatori. Provate a immaginare, dietro a questo testo, gli 0 e gli 1 utilizzati dal computer: a ogni singolo carattere corrisponderà, in maniera assolutamente regolare e sulla base della tabella ASCII che abbiamo appena incontrato, la corrispondente successione di 0 e 1. Il file non è altro che una lunga concatenazione di questi 0 e 1. E qualunque computer conosca la tabella ASCII, indipendentemente dal suo sistema operativo, dalle sue caratteristiche, dalla sua età, sarà capace di leggerlo, interpretarlo e mostrarvi sullo schermo (o inviare alla stampante) il testo corrispondente. Il problema principale dei normali file.txt, come quello che abbiamo usato come esempio, è evidentemente la scarsa capacità di rappresentare perfino i fenomeni testuali più semplici, come il corsivo o da dimensione dei caratteri. Inoltre, il file potrà contenere al suo interno dei metadati (ad esempio il nome dell autore o il titolo dell opera), ma non essendoci alcuna marcatura che permetta a un programma di riconoscere questi metadati sarà assai difficile riuscire a gestirli in maniera automatica. Attenzione, però: questo non vuole affatto dire che i file di testo siano inutili: di fatto, anzi, la maggior parte degli e-book in circolazione è composta fondamentalmente da file di testo. Solo che al loro interno non è presente solo il contenuto testuale dell opera, ma anche una marcatura potente ed espressiva, come quelle aderenti agli standard TEI o epub. Alla base vi saranno sempre e comunque file di testo (ricordate? I marcatori non sono altro che testo, compreso fra i caratteri < e > ), ma potenziati dall uso della marcatura. Il loro carattere di file di testo permetterà comunque di usarli su qualunque sistema che conosca la relativa tabella di codifica dei caratteri, mentre il riconoscimento della marcatura richiederà qualcosa di più, un software (spesso chiamato processore, o parser) in grado di interpretare i marcatori e comportarsi di conseguenza, ad esempio permettendo la visualizzazione corretta di grassetti e corsivi. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 10

11 Così, ad esempio, la riga contenente il corsivo nel passo sopra citato si trasforma, nel file principale del corrispondente pacchetto epub (vedremo fra un attimo cos è un pacchetto epub), in <P>"<I>You</I> want to tell me, and I have no objection to hearing it."</p> Sempre di testo si tratta, ma questa volta il testo comprende il marcatore <P>, che verrà interpretato come l apertura di un paragrafo, e il marcatore <I>, che verrà interpretato come l apertura di un corsivo (italic), assieme alle rispettive chiusure </P> e </I>. Ma torniamo per un attimo alle origini e ai soli file di testo senza marcature. Dove e come leggerli? In realtà, proprio per la loro semplicità possono essere visualizzati praticamente su qualunque dispositivo: dai PC ai telefoni cellulari, dai lettori dedicati (di qualunque generazione) all ipad e agli altri mini-tablet. Per leggere e-book in formato.txt può convenire però impostare nel programma di visualizzazione un carattere (font) diverso dal Courier che viene spesso utilizzato come standard nel rendere a video i file solo testo. Infine, un cenno alla questione delle dimensioni del file. In realtà, nel caso di file che contengono testo, di qualunque formato si tratti, le dimensioni sono ormai raramente un problema: a far crescere le dimensioni dei file sono piuttosto immagini, suoni, video. Ma economizzare bit è sempre una buona abitudine, e i file di testo si prestano bene ad essere compressi. Per questo, molto spesso gli e-book in formato.txt sono distribuiti in forma compressa, in genere utilizzando il formato.zip o quello.rar. I file compressi in formato.zip sono ormai riconosciuti da quasi tutti i sistemi operativi recenti; in ogni caso sia per creare sia per decomprimere i file.zip,.rar, o nel formato.sit usato frequentemente nel mondo Mac, esistono innumerevoli programmi gratuiti. L importante è tener presente che in questo caso abbiamo a che fare con file a due strati : il file risultato dell operazione di compressione, che oltre a permettere di risparmiare bit funziona un po come una scatola, come un contenitore, e il file (o i file) originari, nel nostro esempio in formato.txt. Prima di poter usare il file in formato.txt dovremo dunque estrarlo dalla scatola rappresentata dal file compresso. Se volete provare direttamente il meccanismo, un buon esempio è rappresentato dal primo e-book realizzato dal progetto Manuzio, I Malavoglia di Verga: lo trovate alla pagina disponibile fra gli altri formati come file.txt all interno di un pacchetto zippato. Naturalmente, la scatola rappresentata dal file compresso potrebbe comprendere anche più di un file: ad esempio, potremmo scegliere di usare file diversi per i diversi capitoli di un libro, o per i diversi volumi di un opera in più volumi. E proprio la capacità che hanno i file compressi di comportarsi come un contenitore, includendo al loro interno più file diversi, viene sfruttata anche nel caso di formati come il già ricordato epub per unire il file o i file che contengono il corpo del testo con altri file, contenenti prevalentemente metainformazioni (indici, descrizioni di varia natura), nonché con eventuali immagini (ad esempio l immagine di copertina, se ne vogliamo una). Si parla in questo caso di file di pacchetto, e i formati che utilizzano la compressione non solo per risparmiare bit ma anche per unire in un unico pacchetto più Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 11

12 file che hanno funzioni diverse ma fanno tutti parte di una stessa pubblicazione digitale vengono detti formati di pacchetto. Lo vedremo concretamente più avanti, parlando del formato epub. 3. PDF: Quando la pagina è tutto Se i file in formato.txt rappresentano l estremo della semplicità, con un testo nudo e sostanzialmente privo di formattazione, l estremo opposto è rappresentato dai file PDF (Portable Document Format), nei quali alla resa grafica della pagina è dedicata la massima attenzione. Il formato PDF è stato sviluppato da una delle aziende software più importanti, la Adobe, all inizio degli anni 90, e negli anni successivi ha conosciuto una notevole evoluzione, fino a diventare, nel 2008, uno standard ISO aperto. Nel frattempo comunque la Adobe ne prosegue lo sviluppo, con il risultato di una qualche tensione fra la versione standard adottata dall ISO e le versioni proprietarie che la Adobe continua a sviluppare. Il formato PDF era inizialmente rivolto soprattutto al cosiddetto desktop publishing, ovvero alla preparazione su computer di documenti destinati alla stampa. Non sorprende dunque che l obiettivo iniziale fosse in primo luogo una buona impaginazione: il PDF è nato come formato orientato alla pagina più che allo schermo, e anche per questo è molto amato nel mondo dell editoria. Per lo stesso motivo, i documenti in formato PDF hanno di norma la caratteristica di mantenere la stessa impaginazione e la stessa resa grafica, indipendentemente dal dispositivo sul quale vengono visualizzati. Ricordate la fondamentale distinzione fra impaginazione fissa, che rimane la stessa su schermi grandi o piccoli, o stampata su carta, e impaginazione liquida o fluida, in cui il testo si adatta alle dimensioni dello schermo e ci permette di scegliere la dimensione dei caratteri che preferiamo? Ebbene, il formato PDF è il principale esponente della prima categoria. La scelta di una impaginazione fissa ha vantaggi e svantaggi: il vantaggio principale è proprio la garanzia del totale controllo della resa su pagina: possiamo ad esempio tranquillamente usare numeri di pagina, con la sicurezza che resteranno gli stessi su ogni dispositivo e con qualunque modalità di visualizzazione. In un file PDF, pagina 47 è sempre la stessa, comincia sempre con la stessa riga, finisce sempre con la stessa riga, utilizza sempre gli stessi caratteri, contiene sempre le stesse immagini, se ce ne sono, sempre nella stessa posizione. Ma quel che è un vantaggio da un punto di vista, è uno svantaggio da un altro: su schermi piccoli, i file PDF possono risultare quasi illeggibili e non possiamo migliorare la situazione aumentando la dimensione dei caratteri: possiamo solo zoomare all interno della pagina, vedendone una zona ingrandita, ma perdendo la visione d insieme. Nella digitalizzazione di testi già apparsi a stampa, o destinati comunque anche alla stampa, PDF garantisce la perfetta corrispondenza fra la pagina del libro stampato e la pagina del libro visualizzata sullo schermo: indubbiamente, una grande comodità. Ma perché la cosa abbia senso occorre che lo schermo abbia più o meno le stesse dimensioni della pagina del libro: se è molto più piccolo, siamo nei guai. Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 12

13 Per questo il PDF è un formato abbastanza adatto alla lettura lean forward su computer (anche se manca di norma la possibilità di intervenire sul testo), ma adatto alla lettura lean back solo se supportata da schermi di dimensioni abbastanza generose ad esempio quello del Kindle DX, il dispositivo al momento forse più adatto per questo formato e decisamente poco funzionale per la lettura in mobilità. Se un testo in formato.txt è nudo, un testo in formato PDF è assai ben vestito, ma con un abito che non è possibile cambiare, e che è adatto solo a certe situazioni. Va detto, per amor di precisione, che mentre fino ad alcuni anni fa il formato PDF era assolutamente chiuso, descriveva la pagina senza permettere su di essa alcun intervento o modifica, i formati PDF più recenti sono comunque basati su XML, e permettono quindi un po di flessibilità in più: alcuni dispositivi possono dunque ma solo se il file lo consente cercare di migliorare un po la situazione distribuendo ad esempio un unica pagina PDF su due schermate e aumentando la dimensione dei caratteri. Si tratta di una operazione conosciuta come reflow, riformattazione dinamica; il Kindle, ad esempio, è in grado di compierla. Ma è un azione che su un formato orientato alla pagina com è il PDF ha comunque poco senso: la resa grafica di questi tentativi che si propongono di rendere in qualche misura fluido un formato per sua natura rigido è in genere pessima, soprattutto su documenti con impaginazione complessa. Negli anni passati, la Adobe ha puntato molto sul PDF come formato per la realizzazione e la distribuzione di libri elettronici, realizzando un programma di visualizzazione specifico, che nella versione più recente si chiama Adobe Digital Editions e comunica con una vera e propria piattaforma di distribuzione. Inizialmente, nel periodo di interregno fra la prima e la seconda generazione di lettori dedicati, lo sforzo era stato dedicato a costruire attorno al formato PDF una serie di strumenti di protezione dei diritti e di visualizzazione sul desktop del PC, e dunque in situazioni lean forward. Come ricorderete, infatti, in quel periodo (più o meno fra il 2001 e il 2006) il pendolo oscillava in direzione degli e-book prevalentemente di ricerca e di reference, utilizzati in modalità lean forward sullo schermo di un normale computer. Era nato così l Adobe ebook reader, che offriva la possibilità di visualizzare e-book in formato PDF, organizzarli nella propria biblioteca (Library) e acquistarli attraverso il Bookstore, una libreria virtuale basata sul meccanismo di protezione e gestione dei diritti sviluppato da Adobe. L emergere dei lettori dedicati basati su epaper ha parzialmente cambiato la situazione: Adobe si è resa conto che il formato PDF, utilissimo in certe situazioni, non poteva però funzionare in tutte, e ha cominciato a rivalutare il formato liquido epub, del cui consorzio di sviluppo come vedremo faceva parte. L ultima versione di quel che era l Adobe ebook Reader e che è oggi Adobe Digital Editions, disponibile sia per Windows sia per Mac, è quindi in grado di visualizzare sia file PDF sia e-book in formato epub, organizzandoli in scaffali virtuali. Questo non significa affatto che il formato PDF sia destinato a sparire: su lettori di dimensioni un po più grandi, e nel caso di contenuti in abbonamento che possono essere in qualche modo abbinati a un lettore (ad esempio quotidiani e riviste) un formato orientato alla pagina può essere assai utile. E programmi come il sorprendente Blio (http://www.blioreader.com), alla cui realizzazione ha contribuito proprio quel Ray Kurzweil di cui abbiamo parlato nella lezione precedente, promettono per il PDF una seconda giovinezza, con la gestione di animazioni e video e con effetti molto realistici, legati ad esempio all operazione di Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 13

14 sfogliare le pagine. Blio integra anche un servizio di vendita, e si propone in sostanza come una versione potenziata di Adobe Digital Editions. Ma torniamo appunto ad Adobe Digital Editions 3. Un aspetto interessante del software è la paginazione: come abbiamo visto, quando si lavora con un file PDF non ci sono problemi, ma come risolvere la questione nel caso di un formato fluido come epub? La soluzione adottata è degna di nota: è possibile aggiungere al libro una cosiddetta page-map, una vera e propria mappa, che indica attraverso una marcatura specifica dove comincia e dove finisce una pagina. In questo modo, diventa possibile creare una corrispondenza fra la paginazione fissa di un libro a stampa e la paginazione di un e-book fluido: certo, la visualizzazione dell ebook non rispetterà le pagine fisse della page-map, ma sarà comunque possibile sapere in ogni momento in quale pagina ci si trovi e saltare al qualsiasi pagina si desideri. E in assenza di una edizione a stampa di riferimento? In questo caso, si può realizzare automaticamente una paginazione fissa utilizzando un criterio convenzionale: una pagina ogni 1024 caratteri. E anche questa paginazione fissa e convenzionale potrà essere visualizzata come informazione sullo schermo, pur non corrispondendo di norma alla paginazione effettiva visualizzata dall utente, che come ormai sappiamo dipende dalle dimensioni dello schermo e del carattere scelto per la lettura. Figura 1 L interfaccia di lettura di Adobe Digital Editions - versione per PC 3 Due presentazioni di Adobe Digital Editions, una in italiano e una in inglese, sono disponibili su YouTube alle pagine e Corso e-book e futuro del libro Università della Tuscia Dispensa a cura di Gino Roncaglia 14

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni)

12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) 12 famiglie e tipi di file (estensioni più comuni) Ogni file è caratterizzato da un proprio nome e da una estensione, in genere tre lettere precedute da un punto; ad esempio:.est Vi sono tuttavia anche

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

Traduzione di TeamLab in altre lingue

Traduzione di TeamLab in altre lingue Lingue disponibili TeamLab è disponibile nelle seguenti lingue nel mese di gennaio 2012: Traduzioni complete Lingue tradotte parzialmente Inglese Tedesco Francese Spagnolo Russo Lettone Italiano Cinese

Dettagli

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book Il favoloso mondo del self publishing Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book A cura di Sergio Covelli www.pecorenerecords.com Aprile 2011 1) Basta un click, no? Ricordatelo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia

Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Manuale per ascoltare e creare file audio Utilizzando la tecnologia Virtual Singer (VS) di Choralia Informazioni generali Questo manuale fornisce informazioni e istruzioni per l ascolto e la creazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto!

Manuale d uso. Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Manuale d uso Congratulazioni per aver scelto e-tab. Ti ringraziamo per la Tua fiducia e la decisione di comprare il nostro prodotto! Giacchè noi costantemente aggiorniamo e miglioriamo il Tuo e-tab, potrebbero

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

Mai più libri? Riccardo Lancellotti Dipartimento di Ingegneria Dell'Informazione Università di Modena e Reggio Emilia

Mai più libri? Riccardo Lancellotti Dipartimento di Ingegneria Dell'Informazione Università di Modena e Reggio Emilia Riccardo Lancellotti Dipartimento di Ingegneria Dell'Informazione Università di Modena e Reggio Emilia 1 Introduzione Diffusione del sapere informato elettronico, mercato con alto potenziale Contesto accademico

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2

P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2 P R O C E D U R E Sommario Creazione di un nuovo account MediaJet... 2 Informazioni sul copyright e sui marchi.... 7 Creazione di un nuovo account MediaJet Lo Spazio di archiviazione online personale è

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16

Capitolo 2 Acquisizione di contenuti per Kindle...16. Fai acquisti nel Kindle Store, quando vuoi e dove vuoi...16 Guida all uso di Kindle 2 Indice Indice Consigli e suggerimenti...5 Capitolo 1 Primi passi...9 Registrazione di Kindle Touch...9 Comandi di Kindle Touch...9 Azioni su schermo... 10 Tastiera su schermo...

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Dai metadati all harvesting

Dai metadati all harvesting Dai metadati all harvesting la gestione di risorse informative attraverso repository interoperabili di Gino Roncaglia 1 Pubblicato su Culture del testo e del documento 26/2008, pp. 109 122 1. Cosa sono

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere.

Nella sezione del sito come partecipare sono presenti tutte le istruzioni utili ad un nuovo utente di Obiettivo Infermiere. Istruzioni esemplificate per Iscrizione e fruizione Corsi ECM FAD La nuovissima piattaforma proprietaria FAD Ippocrates3 adottata a partire da gennaio 2013 da SANITANOVA S.r.l., è in grado di dimensionare

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE

PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE PROGRAMMA IMPORT C/59 ISTAT MANUALE UTENTE SETTEMBRE 2013 DATASIEL S.p.A Pag. 2/23 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 1.1. Scopo...3 1.2. Servizio Assistenza Utenti...3 2. UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 2.1. Ricevere

Dettagli

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE

HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE. GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE HO SCELTO IL SOFTWARE GESTIONALE CHE SI ADATTA A TUTTE LE MIE ESIGENZE GRUPPO BUFFETTI S.p.A. - DIVISIONE RISTORAZIONE FACILITÀ TECNOLOGIA DISPONIBILITÀ ASSISTENZA D USO WI-FI IN 8 LINGUE TECNICA Collegamento

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane

BAKEDIADE. Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste. BakeDiade, un idea buona come il pane BAKEDIADE Software per la pesatura, bollettazione e fatturazione del pane ed altri prodotti da forno in ceste BakeDiade, un idea buona come il pane ATTIVITà AMMINISTRATIVA Grazie all utilizzo di semplici

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli