SOCIAL, TROPPO SOCIAL!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOCIAL, TROPPO SOCIAL!"

Transcript

1 SOCIAL, TROPPO SOCIAL! Copertina di Nicola Romagnoli: DECALCOMANIE CONTEMPORANEE Per la realizzazione di queste schede formative a cura dell équipe nazionale MSAC grazie a: Annalisa Dalla Mora, Gianni Giaccone, Michele Giovanardi, Roberta Lancellotti, Erika Zara

2 INDICE Introduzione pag Breve storia dei Social Network pag. 5 Per trovare informazioni su Facebook Twitter Google Privacy22 2. Narciso è Online pag. 7 Per trovare informazioni su Concetto di identità Spettacolarizzazione e Audience ( Like ) Internet Addiction Disorder (IAD) 3. Internet ci rende stupidi? pag. 10 Lettura 2.0 Per sommi capi, spezzettata e frettolosa? Concentrarsi Multitasking, interruzioni e notifiche Rendimento Memoria Da divinità greca a memoria digitale Plasticità La ginnastica mentale online 4. E vissero sempre #Felici e #Connessi pag. 17 Per trovare informazioni su Addiction o dependence? 5 dipendenze online 5. Cultura Social pag. 20 La cultura della vetrina Network Individulism 6. Comunicazione Social pag. 24 La rete diventa pop: farsi media e pubblici connessi Dalla lettera a Whatsapp

3 7. Informazione Social pag. 27 Da Wikipedia e la dittatura del dilettante all emblematico caso della rivolta in Egitto e la sorveillance 8. Relazioni 2.0 pag. 29 Da animale sociale ad animale social Proposte di Attività Fuori gli smartphone La piazza è reale Dillo con un tweet Mettiti in vetrina pag. 31 In allegato: Testimonianze Il gioco di Alessandro (sulle Ludopatie) Giulia e Facebook (sul Cyberbullismo) Manuel, il prof 2.0 (sull'utilizzo dei social network a scuola) Provocazioni 2.0

4 Qual è il confine entro il quale possiamo percepire la realtà? Secondo Magritte, l unico filtro siamo noi stessi, il nostro io. Ma oggi si pone un nuovo confine tra l uomo e la realtà: i social network. Questa presa di coscienza deve far riflettere, e spingerci ad un esperienza del reale diretta, per andare oltre i limiti e i filtri che ci impone la società contemporanea e riprendere in mano quella relazione autentica e spontanea con il mondo che ormai si sta dissolvendo nell'esperienza virtuale. INTRODUZIONE Portare dentro la scuola le pratiche d'uso dei nuovi media così come si presentano nel mondo giovanile significa dare per scontato che il nostro cervello funzioni meglio in questo contesto di stimoli frammentati anche se non esistono solidi supporti scientifici per questa idea, e quelli che ci sono vanno piuttosto nella direzione opposta. Il ministro Profumo aveva dapprima fissato nel settembre 2013 il termino ultimo per il passaggio di tutti i manuali scolastici alla versione digitale, poi prorogato al settembre Il successivo ministro Carrozza ha ulteriormente dilazionato i tempi. La procedura, secondo le ultime disposizioni, sarà graduale e ne saranno valutati costantemente gli effetti. Soprattutto due concetti hanno guidato questo approccio pro- innovazione: quello del digital divide e quello dei nativi digitali. Secondo il primo approccio, chi restasse tagliato fuori da internet subirebbe svantaggi di vario genere, anche di tipo culturale e scolastico. Per questo la preoccupazione dominante è stata quella di favorire la diffusione dell'accesso alle rete, a casa e a scuola. Il secondo concetto distingue i nativi digitali e i migranti digitali e rimanda all'idea che le nuove generazioni mostrino una naturale familiarità con i mezzi digitali e che, per questo, anche un modo di fare didattica che venisse incontro a queste modalità comunicative sarebbe più efficace. Nella introduzione di queste nuove tecnologie ci sarebbero sicuramente dei vantaggi, come il costo dei libri, il peso degli zaini per gli studenti, la condivisione dei contenuti, etc. Tuttavia non sono state affrontate in profondità le domande rispetto alle implicazioni di questo passaggio sulle pratiche didattiche e sull'apprendimento dei ragazzi, che è l'obiettivo primario della scuola. I Social Network oggi sono per noi nativi digitali il modo naturale di comunicare e di rapportarci con i nostri coetanei. Sono state demolite le barriere spazio- temporali e ora il mondo è a portata di clic; o meglio, di touch. Ma in che modo la comunicazione digitale influenza le nostre vite? Se gli effetti positivi dei social network sono impliciti, sotto gli occhi di tutti, esistono davvero dei gravi rischi connessi all'utilizzo di questi potenti mezzi? Nel dibattito su queste tematiche si osserva di frequente l'aspra contrapposizione fra chi, entusiasta, esalta le potenzialità della tecnologia del nuovo millennio e chi invece ne demonizza gli effetti psicosociali sulle giovani generazioni. Come msacchini non possiamo che mantenere il nostro proverbiale spirito critico, e alla luce di questo avviare una riflessione seria e sincera, su noi stessi, sull'uso personale e sociale che facciamo di queste tecnologie. Ben lontani da un atteggiamento di allarmismo o di superficialità, consci del fatto che non esiste studio al mondo che possa eliminare l'intrinseca complessità della realtà, vogliamo analizzare e approfondire queste ricerche per avvicinarci il più possibile a un uso critico, consapevole, responsabile e proficuo dei social media. 4

5 1. BREVE STORIA DEI SOCIAL NETWORK «Finalmente dopo sei ore di scuola posso riaccendere la mia vita sociale. Non appena suona la campanella prendo il mio Smartphone e apro facebook. Il buongiorno amici di Fb che ho postato stamattina ha già riscosso venti mi piace, ora posso ritenermi felice!! Scorro tra i mi piace e finalmente vedo il suo, mi risale quella sensazione allo stomaco, vorrei che il suo mi piace fosse riferito a me e non al mio stato. Non l ho mai visto da vicino, ma dalle foto sembra molto carino. Come ogni giorno vedo se è in linea, non c è, forse ancora non è tornato da scuola. Intanto scorro tra i post dei miei amici, metto un mi piace qua e là. Ecco il link che fa per me, esprime proprio quello che sento, spero che capisca che è dedicato a lui. Eccomi a casa, mentre pranzo ho sempre il cellulare in mano, in attesa del suo mi piace. Finalmente arriva, accompagnato dalla solita fitta allo stomaco. È in linea, spero che mi contatti» Quante volte ci siamo sentiti come questa ragazza, Facebook e i social network sembrano oggi diventare il mezzo privilegiato per socializzare. MI PIACE, COMMENTA, CONDIVIDI, queste modalità di espressione le conosciamo ormai tutti, stiamo sempre lì ad utilizzarli, forse perché cliccare su un tasto è molto più semplice che parlare da vicino con qualcuno e dire ciò che si pensa. Ma quanto i social network aiutano e migliorano, oggi, il nostro modo di socializzare? Di lati positivi ce ne sono tanti: innanzitutto il social annulla completamente le distanze, puoi parlare e confrontarti con amici che abitano a km di distanza, come se fossero lì accanto a te; è possibile condividere e scambiarsi idee e lavori, in modo facile e immediato: scambiarsi l assegno, farsi dare una mano da un amico su un argomento che si è capito poco; puoi rendere partecipe tutti i tuoi amici delle esperienze tramite foto. Puoi persino dire il punto esatto del mondo in cui sei, immediatamente, con un semplice clic. Ma d altro canto, quanto i nostri amici, o seguaci di Facebook e Twitter sono veramente Amici? Quanti delle centinaia di persone che definiamo ogni giorno amici li sentiamo davvero tali? Forse si è perso quel modo di socializzare dell antichità in cui amico era colui che ti stava accanto, quello con cui ti piaceva parlare, ridere, scherzare, giocare, cose che ormai oggi sono state sostituite con chattare, =), =P. Facebook è la più popolare piattaforma sociale che esiste al mondo che ha contagiato milioni e milioni di persone. Ma non tutti sanno che è nato in un contesto piuttosto ristretto, quello dell'università di Harvard, nel febbraio del È qui che un piccolo gruppo di studenti, tra cui il fondatore Mark Zuckerberg all'epoca diciannovenne, decisero di creare questa comunità virtuale che permettesse ai giovani studenti di connettersi e darsi appuntamento per il ritrovo in aula o altri ambienti studio, nonché come mezzo per scambiarsi appunti e dispense. Il nome stesso si riferisce agli annuari con le foto del singolo soggetto: appunto, Facebook. In seguito si è espanso nelle altre università del mondo dalle più importanti a quelle meno popolari. Agli studenti poi si sono aggiunti i componenti delle aziende che utilizzavano questa piattaforma per scambiarsi tracce di lavoro e progetti. Insomma, oggi Facebook è la più popolare comunità virtuale in assoluto: a soli 10 anni dalla sua nascita conta 1,23 miliardi di iscritti al mondo. Facebook piace perché è il social network più semplice da utilizzare: non serve abbellire il tuo profilo, come sui blog, con applicazioni o altro, basta una foto e un nome e fai parte di questa comunità. Potenzialmente non è creato per esprimere le proprie idee, ma semplicemente per ritrovare vecchi amici, o magari conoscerne di nuovi, e questo lo rende meno esclusivo di altri social. Inoltre offre una vasta gamma di attività e cose da fare come giochi e applicazioni che ti permettono di relazionarti in vari modi con i tuoi amici. Insomma, «la mission di Facebook è quella di dare alla gente il potere di creare e condividere un mondo sempre piu aperto e connesso». (M. Zuckerberg). 5

6 Un altro social in continua espansione è Twitter. Il termine Twitter deriva da un verbo inglese, to tweet, traducibile in italiano con cinguettare. Il nome definisce perfettamente il suo funzionamento: esso è un social che consente di pubblicare, sul proprio profilo, frasi con un massimo di 140 caratteri, immagini, video, audio. Nato negli Stati Uniti nella società Obvious Corporation nel 2006, conta oggi circa 904 milioni di utenti oggi, ed è in continua crescita. Come ogni società, anche Facebook (come tutti gli altri social e piattaforme digitali, compreso Google) ha le proprie strategie di marketing. Google ad esempio è capace di creare una sorta di profilo, avendo a disposizione i siti che frequenti e che ricerchi, che contiene informazioni su cosa piace, o non piace: così facendo ti propone le pubblicità a te più adatte. Facebook fa ancora meno sforzo a capire quale tipo di pubblicità può attrarti, perché sei tu stesso a dire cosa ti piace, motivo per cui ogni utente vale potenzialmente 100 dollari per i pubblicitari. Potenzialmente Facebook può prevedere anche per chi voterai alle elezioni in base ai contenuti che ti piacciono. Tuttavia Facebook non vende i tuoi dati ai pubblicitari, ma chiunque possieda un profilo può inviare pubblicità a persone selezionate, per esempio è possibile inviare contenuti a tutti gli utenti di Facebook, maschi, a cui piace la scuola, tra i 14 e i 20 anni, ai quali interessa il calcio (mette mi piace a una squadra, o a un calciatore) e inviare un contenuto, una pubblicità o un invito. In questo modo non solo la pubblicità ha più valore ma è anche relativamente semplice individuarla. Siccome nel sito vengono immessi e immagazzinati una molteplicità di dati personali per ciascun utente registrato, questo ha inevitabilmente comportato problemi in merito all'uso di Facebook come mezzo di controllo e fonte di dati. Tuttavia queste controversie si sono recentemente alleviate: mentre prima non esisteva nessun controllo sul chi- può- vedere- cosa, sono state aggiunte impostazioni di privacy, non solo su proprie informazioni personali ma anche sui propri singoli post o commenti. Insomma tu stesso puoi decidere cosa e a chi mostrare dei tuoi contenuti e delle tue informazioni. Inoltre, mentre inizialmente il sito consentiva esclusivamente di disattivare l'account in modo che non risultasse più visibile nel sito stesso e nei vari motori di ricerca, a partire dal febbraio 2008 l'utente ha anche la possibilità di sfruttare un opzione che cancella definitivamente e in modo permanente i propri dati dal server del sito. Oggi in Italia il Decreto legislativo che regola il possedimento dei dati personali è quello emanato il 30 giugno 2003, al n. 196 e noto comunemente anche come «Testo unico sulla privacy». All'art.l del testo unico viene riconosciuto il diritto assoluto di ciascuno sui propri dati, in cui si afferma testualmente: «Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano». Tale diritto pertiene i diritti della personalità. La Commissione Europea ha presentato ufficialmente le proposte relative al nuovo quadro giuridico europeo in materia di protezione dei dati. Si tratta di un Regolamento, che andrà a sostituire la direttiva 95/46/CE (http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/- /docweb- display/docweb/ ) e di una Direttiva che dovrà disciplinare i trattamenti per finalità di giustizia e di polizia (attualmente esclusi dal campo di applicazione della direttiva 95/46/CE). In esso si stabilisce il diritto degli interessati alla «portabilità del dato» (ad. es. nel caso in cui si intendesse trasferire i propri dati da un social network ad un altro) ma anche il «diritto all'oblio», ossia di decidere quali informazioni possano continuare a circolare (in particolar nel mondo online) dopo un determinato periodo di tempo, fatte salve specifiche esigenze (ad esempio, per rispettare obblighi di legge, per garantire l'esercizio della libertà di espressione, per consentire la ricerca storica). Insomma, condividere contenuti su internet e sui social network è bello, facile, divertente. Ma 6

7 richiede anche tanta responsabilità, se non altro perchè ogni nostro clic viene memorizzato e ci espone, oggi o in futuro, a una rintracciabilità. E troppo spesso, forse, di questo ci dimentichiamo. 7

8 2. NARCISO È ONLINE «Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità di amare» Erich Fromm Se l'epoca dell'umanesimo moderno è contrassegnata dalla centralità del lavoro e da una socialità ricca di senso derivante dal lavoro stesso, l'era del narcisismo è contrassegnata dalla centralità del consumo e da una socialità immersa nel vuoto delle apparenze. Questo vuoto nel narcisista si accompagna a un senso d'impotenza, di autosufficienza e di onnipotenza. Queste tendenze narcisiste sono sempre esistite, nella storia dell'umanità, come esperienze isolate, ma oggi possiamo parlare di era del narcisismo proprio perché queste sono caratteristiche comuni alla maggioranza degli individui. Sono tendenze sociali, non più devianze personali. Nell'era del narcisismo vige il regime delle apparenze senza sostanza, delle superfici senza profondità, dell'immagine privata di un referente reale. E tutti i mezzi mediali a nostra disposizione alimentano scatto dopo scatto, tweet dopo tweet, post dopo post, questo culto dell'immagine, dell'apparire piuttosto che dell'essere. Il primato dell'immagine viene affermato tramite i messaggi pubblicitari, la preoccupazione ossessiva per il proprio corpo, l'identificazione dello scopo della vita nel raggiungimento della celebrità che si vuole ottenere proiettando un'immagine attraente di se stessi o richiamando in qualche modo l'attenzione su di sé. Il primato dell'immagine, del look, della visibilità, dell'esteriorità sulla parola, sull'astrazione: in sostanza, sulla vita spirituale. Nel mito di Narciso, quello che il giovane vede riflessa nell'acqua non è l'immagine del suo volto, che è la manifestazione esteriore dell'anima, ma l'immagine del suo corpo. Il narcisista esalta dunque la sua corporeità rispetto alla sua vita interiore e spirituale. Nel narcisista il nucleo identitario della persona non è più l'anima, lo spirito o la mente, ma il corpo: l'identità si afferma non tanto acquisendo la consapevolezza di sé stessi, ma piuttosto diventando padroni del proprio corpo. L'apparenza fisica dell'io, ovvero il corpo, è oggi considerata un mezzo importante per acquisire uno status sociale. L'esibizione del corpo nudo è onnipresente nella pubblicità, nei film, sui siti (anche non pornografici). Inutile parlare della centralità che l'esibizione del corpo assume sui social network. Il corpo surroga l'anima anche come medium privilegiato di comunicazione. Ad esempio il rapporto sessuale viene considerato come il mezzo privilegiato di espressione del bisogno di conoscere e comunicare con il partner o più semplicemente con chiunque ci piace. L'ossessione per i culti igienici, dietetici, terapeutici, rituali di controllo, check up, massaggi, fitness, beauty farm, jogging, palestra, chirurgia plastica, sono tutte espressioni del narcisismo contemporaneo. Insieme alla paura soffocante dell'invecchiamento, che supera nel narcisista la paura della morte. Riguardo a questa tematica consideriamo anche che i disturbi alimentari come anoressia o bulimia, oggi sempre in aumento fra le giovani generazioni, oltre ad avere cause biologiche e psicologiche, hanno anche cause sociali come problemi di autostima legati a feedback negativi e reiterati, determinati dall'appartenenza a determinati gruppi sociali in cui è rilevante la tematica del controllo del peso, dove la magrezza viene enfatizzata come un valore sociale positivo. Infine dobbiamo osservare il modo in cui l'era del narcisismo travolge tutti gli ambiti sociali, 8

9 attraverso una spettacolarizzazione, che riguarda la maggior parte dei fenomeni culturali. La rete è colma di video in cui i protagonisti compiono gesti eclatanti per ricevere fiumi di like o visualizzazioni (ad esempio la moda della nomination su Facebook). Lo stesso criterio di folle ricerca del like può essere esteso a tutti i processi sociali. Claudio Magris, autorevole scrittore e saggista, osserva come l'audience sia divenuto il criterio e il metro per il successo, come l'immagine del reale sia divenuta essa stessa reale. In questo contesto la presentazione o l'autopresentazione di un libro sostituiscono, secondo Magris, la lettura e la critica dello stesso. L'autore va in tv e presenta il suo libro parlando anche della sua vita e di tante altre cose meno inerenti: il successo è dovuto all'efficacia comunicativa, all'audience di tale presentazione piuttosto che al contenuto del libro stesso. Queste dinamiche si applicano al marketing di qualsiasi prodotto in cui non è importante tanto il prodotto in sé, quanto la strategia di marketing sottesa ad esso, dalla cui efficacia dipenderà il successo del prodotto. Purtroppo questo si estende anche all'ambito della politica. Il primo a parlare di politica spettacolo è Robert- Gerard Schwartzenberg, Docente all'università di Parigi, vecchia di quasi un millennio, studioso di Rousseau e Machiavelli. Scrive così nel suo libro Lo stato spettacolo : La politica diviene l'impero dei segni. Il linguaggio vi diviene un gioco, uno scambio di segnali in codice. I segni contano più delle idee espresse. Le formule linguistiche prendono a esistere in se stesse, per se stesse. È chiaro che occorre ritrovare un altro linguaggio politico [ ] un linguaggio meno spettacolare, che esprima le cose senza occultarle o travestirle; che chiarifichi le mete e le scelte, per permettere a ciascuno di decidere da sé, come si usa in democrazia. [ ] Accetteremo ancora per molto tempo questo festival permanente, questo show? Oggi l'azione politica si spettacolarizza e passa dal Parlamento ai salotti televisivi, ai blog, a Facebook, ai colpi di tweet. Tutti luoghi in cui si fa politica parlandone. Lo stesso candidato politico diventa un'icona pubblicitaria e i partiti diventano delle macchine elettorali. Quello che serve per vincere, più che argomentazioni razionali a supporto della propria linea politica, è un'immagine gradevole, rassicurante, accattivante del leader politico. Riflettiamoci: quanto mi sento narcisista io? Che peso ha l'immagine che do di me stesso rispetto alla mia interiorità, alla mia vita spirituale? È più importante per me essere o apparire? Quanto mi spendo per gli altri senza un reale tornaconto? L'Internet Addiction Disorder (IAD) disturbo dovuto alla dipendenza da Internet si fonda sul narcisismo, rappresentato da un sè grandioso che nasconde un sè fragile. Questo risponde a una esigenza, un bisogno di conferma e ricoscimento che si opponga all'angoscia del rifiuto, al desiderio del non desiderio. D'altra parte i bisogni fondamentali dell'uomo sono due: il primo è quello di perseverare nella sua esistenza e non perire, ovvero l'istinto di sopravvienza che ci accomuna al resto degli esseri viventi, da cui deriva il nutrirsi e la riproduzione della specie. Il secondo bisogno, forse anche più fondamentale del primo, è quello di sentirsi parte di un tutto. È il bisogno costante di etero- determinazione: l'altro, che è diverso da me, deve continuamente dirmi che esisto e che sono unico. Quando questo viene a mancare l'uomo si sente isolato, abbandonato, rifiutato dal mondo, e in alcuni casi può desiderare razionalmente la morte. In questo senso questo secondo bisogno è maggiore del primo, in quanto può scavalcare l'istinto di 9

10 sopravvivenza. C'è il grosso rischio che il web sia utilizzato come specchio collettivo di Narciso, nella prospettiva di un isolamento narcisistico di massa. L'identità su internet e sui social può essere nascosta o mascherata. Manca la vista, l'udito, l'olfatto. Ci si trasforma in puro linguaggio scritto, con la fantasia di poter essere ciò che si vorrebbe. Una vera e propria virtualizzazione dell'identità. Un nuovo sè ricco, ampliato, più estroverso e comunicativo, con nuove potenzialità emergenti? O un sè demolito, virtuale, inesistente, un sè schizofrenico, frammentato? Quanto la mia identità online corrisponde alla mia più intima, vera e profonda, identità offline? 10

11 3. INTERNET CI RENDE STUPIDI? È facile cadere nella retorica per cui gli strumenti tecnologici non sono buoni o cattivi in quanto tali, ma dipende dall'uso che se ne fa. La piattaforma di internet è diventata per i nativi digitali molto più di uno strumento di cui si può scegliere deliberatamente di servirsene o meno. È forse vero il contrario, ovvero che internet ci rende totalmente dipendenti e talvolta quasi disadattati alla realtà non virtuale. C'è chi afferma che è proprio nella capacità di spegnere serenamente lo smartphone, il computer, il tablet, nella capacità di andare serenamente offline, che risiede la sottile differenza tra l'uso funzionale e il disfunzionale. Ma internet per noi non è più un gioco di ruolo per cui a un certo punto possiamo abbandonare il ruolo, spegnere il computer e riprendere la vita reale. Internet si presenta sempre più come un medium universale, un'estensione estremamente versatile dei nostri sensi, della conoscenza e della memoria, un amplificatore neurale particolarmente potente. E le nuove tecnologie vanno tutte in questo senso (basti pensare alla nuova campagna pubblicitaria della ditta Apple). Il computer diventa un'estensione delle capacità di elaborazione del sistema nervoso centrale, il quale si modifica costantemente grazie alla sua plasticità sinaptica. Sarebbe davvero superficiale oggi pensare che le nuove tecnologie digitali e il nostro stato perenne di connessione non modifichino profondamente la nostra psiche e il nostro essere tra gli uomini. Non possiamo vivere in un mondo diverso da quello digitale postmoderno, regredendo e rinunciando alle immense opportunità che esso ci offre. Non possiamo, allo stesso modo, evitare gli effetti che questo ha sul nostro cervello, la nostra psiche, il nostro essere nel mondo e fra gli uomini, i nostri comportamenti sociali, la nostra identità. Dunque non ci resta che conoscere queste dinamiche, per poi riuscire a riconoscerle e controllarle, interrogandoci sull'influenza che esse hanno sulla nostra vita in termini di serenità, opportunità, relazioni, identità, carattere, temperamento. Letture 2.0 Avete presente quando vedete il titolo di un libro che vi interessa, allora lo prendete, guardate la trama, sfogliate qualche pagina magari la prima e l'ultima e leggete qualche frase qua e là? Capite di cosa si sta parlando, il significato generale, ma non leggete tutte le parole. In Inglese, per definire questo tipo di lettura per sommi capi, si usa il verbo to skim. Ed è esattamente la modalità di lettura che adottiamo sul web. Da link a link scorriamo velocemente le pagine e leggiamo solo i contenuti che ci interessano in modo immediato e selettivo. Questa modalità selettiva rischia però di essere applicata anche quando lo smartphone è altrove e davanti a noi c'è un bel libro di 200 pagine da leggere e studiare, per cui è impossibile ottenere quella disponibilità immediata di informazione che ci regala il web. Nel 2006, Jakob Nielsen, consulente di design per siti web, condusse uno studio basato sulle tecniche di analisi dei movimenti oculari. Quando leggiamo, il focus visivo procede per piccoli salti, chiamati saccadi, fermandosi brevemente in alcuni punti lungo la riga (studi del 1879 dell'oculista francese Louis Emile Javal). Lo schema della pause o fissazioni dell'occhio può variare molto a seconda di quello che viene letto e di chi lo sta leggendo. Facendo la registrazione di questi movimenti oculari (eye tracking) scoprì che quasi nessuno leggeva sul web in modo metodico, riga per riga, come avrebbe letto normalmente un foglio stampato. La maggior parte scorreva il testo rapidamente, saltando con gli occhi in fondo alla pagina, secondo uno schema che ricordava vagamente la lettera F. F secondo Nielsen stava per Fast. Ecco come si leggono i contenuti sul web, in pochi secondi: gli occhi si muovono a grande velocità, con uno schema molto diverso da 11

12 quello che si utilizza con i libri di scuola. Nielsen disse ai suoi clienti: Quando aggiungete verbosità a una pagina potete presumere che i vostri utenti ne leggano il 18%. E di sicuro queste sono stime ottimistiche considerato il tempo utilizzato per osservare immagini, video ed altri stimoli. I ricercatori tedeschi asseriscono che la maggior parte della pagine web venga visitata per 10 secondi o anche meno. Ricerche più recenti ci dicono che il 10% dei lettori non effettua nessuno scroll sulla pagina. La maggioranza dei lettori non va oltre il 60% dell'articolo e in pochi finiscono realmente di visualizzarlo. Gli articoli che vengono condivisi in rete non sono quelli letti più a fondo, né gli articoli letti fino in fondo sono i più condivisi. Questo significa che la condivisione degli articoli sui social network viene fatta spesso senza averli letti per intero. Nel mondo digitale la lettura risulta dunque più spezzettata e frettolosa. Da una parte perché i pezzi su internet sono brevi. Dall'altra perché i lettori stessi appaiono sempre più impazienti rispetto al fatto di doversi concentrare su un solo testo per più di qualche minuto. «Non potrei più leggere Guerra e Pace. Ho perso la capacità di farlo. Anche un post di più di due o tre paragrafi su un blog è troppo lungo. Gli do soltanto una scorsa». Bruce Friedman Patologo docente alla University of Michigan Medical School (Migrante Digitale) «Ero sorpreso e irritato dal fatto che una mia amica si fermasse a leggere i testi nei siti su cui capitava. La rimproveravo: - Non devi leggere le pagine web! Clicca soltanto sui link! Adesso anche io non leggo molto. Do un'occhiata scorro il testo. Ho pochissima pazienza per i ragionamenti lunghi, prolissi, ricchi di sfumature, anche se poi accuso gli altri di dare un'immagine semplicistica del mondo». Philip Davis Society for Scholarly Publishing «Leggere una quantità di piccoli frammenti collegati fra loro online è un modo più efficace di ampliare i proprio orizzonti mentale che non leggere libri di 250 pagine; anche se ancora non possiamo renderci conto della superiorità di questo processo di pensiero reticolare, perché lo vediamo in rapporto al nostro processo di pensiero lineare». Scott Karp blogger «Vado su Google e posso assorbire velocemente le informazioni più importanti. Mettersi li a leggere un libro interamente da una copertina all'altra non ha senso. Non è un buon uso del mio tempo, visto che mi posso procurare l'informazione che mi serve molto più velocemente sul Web. Quando impari a diventare un esperto cacciatore online i libri diventano superflui». Joe O'Shea Florida State University «Calma, concentrata, senza distrazioni, la mente lineare è stata messa da parte da un nuovo tipo di mente che vuole e deve prendere e distribuire con parsimonia le informazioni a piccoli scatti, sconnessi, spesso sovrapposti; più veloce è, meglio è. Da quando la stampa di Gutemberg ha reso popolare la lettura, la mente lineare, letteraria, è stata il fulcro della nostra società, dell'arte e della scienza. Presto potrebbe diventare qualcosa che appartiene solo al passato». Nichola Carr autore di Internet ci rende stupidi? Non c'è nulla di male nel fare browsing e nello scorrere. Lo si è sempre fatto anche con i giornali, e lo facciamo con riviste e libri per coglierne l'essenziale e decidere se meritano una lettura più accurata. L'abilità di scremare il testo è importante quanto quella di leggere in profondità. Ma l'aspetto preoccupante è che lo scorrere superficialmente sta diventando la modalità principale di lettura, anche offline. Una volta era un mezzo per raggiungere uno scopo. Ora sta diventando una modalità di lettura fine a se stessa, è ormai diventato il nostro sistema preferito per raccogliere informazioni di ogni tipo e dare loro un senso. 12

13 E noi? La modalità di lettura digitale, da link a link, con brevi informazioni condensate, e brevi tempi di fruizione, riguarda anche la nostra vita non virtuale? Come questo influenza il nostro apprendimento e il nostro modo di pensare e agire? E il nostro rendimento scolastico? Il nostro rapporto con gli altri? Perché non parlarne con un professore? Concentrarsi Non è il molto sapere che sazia e soddisfa l'anima, ma il sentire e gustare le cose internamente. Sant'Ignazio di Loyola Questa riflessione sulle modalità di lettura ci permette di fare un passo ulteriore, andando più a fondo nel domandarci se l'utilizzo di internet, degli strumenti digitali, e la perenne connessione alla rete sociale, hanno realmente degli effetti sulla nostra concentrazione e sul nostro rendimento. Su un qualsiasi apparecchio collegato alla Rete le scappatoie sono tantissime e spesso sono mescolate inestricabilmente ai nostri strumenti di lavoro e di studio. Quante volte ci è capitato di accendere il computer per una determinata ricerca, ma poi ci perdiamo tra le mille distrazioni dei social, degli articoli, dei video, dei post, e ci accorgiamo di aver speso già quindici minuti senza aver ancora iniziato la nostra ricerca. E si ha la sensazione di avere abboccato a tanti ami e si è vagamente storditi. Il problema è che lo stesso strumento che in alcuni momenti è una distrazione, in altri costituisce un insostituibile strumento di informazione e connessione con il mondo. Innanzitutto va considerato l'importante tema del multitasking, ovvero l'abitudine di compiere più azioni contemporaneamente. Una ricerca del 2006 della Kaiser Family Foundation su un campione di adolescenti americani rivela che il 26% del tempo speso con i media riguarda più attività in contemporanea. Lo stesso fenomeno, rilevato in Italia da Censis, ci dice che su un campione di 2300 studenti calabresi (11-19 anni) il 68,3% degli intervistati è multitasker. Di questi ragazzi solo il 34,9% crede che le tecnologie digitali contribuiscano ad aumentare la concentrazione e la riflessione. In realtà le nostre capacità cognitive non permettono il multitasking. Il cervello umano è fatto per dare attenzione a una cosa per volta. Sarebbe dunque più corretto parlare di task switching, ovvero un continuo spostamento di attenzione da un'attività all'altra. Solo che a ogni passaggio da un focus all'altro il nostro cervello subisce una dispersione di energia che si concretizza in affaticamento e conseguente perdita di profondità, sia nelle attività di analisi che in quelle creative. Gli studi più recenti sugli effetti del multitasking sulle attività cognitive ci dicono che gestire contemporaneamente fonti e canali comunicativi diversi aumenta i tempi di lettura, abbassa le performance di comprensione e memorizzazione dei testi scritti, provoca sul lungo periodo una maggiore suscettibilità alle distrazioni di stimoli irrilevanti. Un altro grande problema, parlando di concentrazione, è rappresentato dalle interruzioni. La connessione alla Rete ci rende un terminale di continui stimoli dall'esterno: chiamate telefoniche, Skype, SMS, WhatsApp, notifiche Facebook, e- mail, etc. Oltre alla tendenza a gestire più attività contemporaneamente, l'utente dei media deve quindi far fronte a un numero crescente di 13

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com

Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Cos'è una PRIVACY POLICY Privacy Policy del sito http://www.plastic-glass.com Questo documento, concernente le politiche di riservatezza dei dati personali di chi gestisce il sito Internet http://www.plastic-glass.com

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta

Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Lettera aperta agli studenti di questo pianeta Postscritto all edizione tascabile dell estate 2011 di The World Is Open: How Web Technology Is Revolutionizing Education C U R T I S J. B O N K, P R O F

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli