ERRORI E DIMENTICANZE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ERRORI E DIMENTICANZE"

Transcript

1 ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio di indicare un reddito, un onere, un versamento, così come è possibile che lo stesso CAF abbia commesso un errore nell elaborazione del modello. Vengono ora esaminate le modalità di correzione previste dalle norme in caso di errori o dimenticanze. Comunicazione al Caf di eventuali errori Se il contribuente dopo la consegna da parte del CAF del modello 730 rielaborato e del prospetto di liquidazione, modello 730-3, si accorge di eventuali errori commessi dallo stesso CAF nel l elaborazione della pratica deve dargliene tempestiva comunicazione affinché provveda alla loro correzione. Il modello rielaborato Il modello 730 rettificativo Come elaborare un modello rettificativo Quando presentare il modello rettificativo Sanzioni per il CAF La correzione avviene attraverso la modifica dei dati errati sul modello rielaborato e la conseguente rettifica del modello (liquidazione d imposta) e del modello I modelli rielaborati sostituiscono quelli precedentemente consegnati. In caso di rettifica formale della dichiarazione operata dal CAF al contribuente sarà ritirato il precedente modello e sarà consegnato un nuovo modello base rielaborato che riporterà la scritta RETTIFICATIVO ed un modello nel quale sarà invece barrata la casella rettificativo. Al sostituto d imposta sarà inviato un modello nel quale sarà barrata la casella rettificativo.. La scritta RETTIFICATIVO è stampata automaticamente dalla procedura fiscale quando l operatore risponde affermativamente alla richiesta di rettifica formale della dichiarazione. Tale opzione viene chiesta ogni volta che si procede alla conferma del prospetto di liquidazione di un 730 già stampato. Ovviamente si dovrà rispondere no nel caso in cui la correzione avvenga prima della spedizione del 730/4 al sostituto d imposta. Il sostituto provvederà alla correzione del conguaglio d imposta precedentemente operato nella mensilità corrisposta nel mese successivo a quello in cui gli è pervenuto il modello rettificativo. Per questo motivo il modello rettificativo deve pervenire al sostituto in tempo utile per consentire di effettuare i conguagli entro l'anno. E comunque opportuno elaborare i modelli rettificativi entro i termini ordinari di trasmissione telematica del modello 730 e cioè il 30 giugno, ciò per evitare di incorrere anche in sanzioni sui tardivi invii delle dichiarazioni. L invio di un modello rettificativo implica la possibilità di una sanzione al CAF in caso di tardivo versamento delle imposte e l applicazione nei confronti del contribuente degli interessi su eventuali versamenti tardivi. Invio al sostituto del modello rettificativo che è stato preceduto da quello ordinario L invio del modello rettificativo presuppone che in precedenza sia avvenuto, per lo stesso sostituto, l invio di un modello ordinario. Se non è mai stato inviato un modello ordinario, la dichiarazione dovrà essere eventualmente corretta e ristampata, ma non si dovrà procedere alla sua rettifica formale attraverso la barratura dell apposita casella rettificativo, bensì all invio di un modello ordinario. Ha 1

2 Correzioni nei termini e oltre i termini Per gli errori e le dimenticanze commesse dal contribuente è necessario effettuare una distinzione riguardo al momento in cui il contribuente effettua la correzione prendendo a riferimento i termini previsti per la presentazione dei dichiarativi. Le correzioni si distinguono perciò in correzioni nei termini se effettuate entro le scadenze previste per l invio delle dichiarazioni e correzioni oltre i termini se effettuate in data successiva. Le correzioni al modello 730 sono effettuate in genere attraverso la presentazione di un successivo modello Unico. Se il modello Unico è predisposto e presentato entro il termine di scadenza dell invio telematico, cioè entro il 30 settembre si tratterà di un modello correttivo nei termini, se la presentazione è invece successiva a tale data si avrà un modello integrativo. Dal rettificativo al l integrativo Se la correzione effettuata nei termini comporta un maggiore rimborso o un minor debito (ad esempio, per oneri non precedentemente indicati), in alternativa al modello Unico rettificativo, è possibile presentare ad un CAF o ad un professionista abilitato, entro il 25 ottobre, un modello 730 integrativo. Ha 2

3 ERRORI E DIMENTICANZE IL MODELLO 730 INTEGRATIVO Perché si presenta il modello 730 integrativo Il modello 730 integrativo può essere presentato: esclusivamente nel caso in cui il contribuente nel modello 730 originario abbia omesso elementi, ad esempio un onere detraibile, che, se inseriti in dichiarazione, determinano un maggiore credito o un minor debito; nel caso in cui non siano indicati correttamente i dati del sostituto di imposta che effettua il conguaglio del modello 730, (cosiddetto integrativo neutro). Chi elabora il 730 integrativo Il modello 730 integrativo che determina una modifica del risultato contabile della dichiarazione può essere presentato unicamente ad un CAF o ad un professionista abilitato, anche se la dichiarazione originaria è stata elaborata da un sostituto d imposta. Dati da riportare e verifica documentale Casella 730 integrativo : il codice 1 Nel modello integrativo devono essere riportati, oltre alle modifiche ed integrazioni, anche tutti i dati riportati nella dichiarazione originaria. Il modello 730 integrativo, infatti, è sottoposto alla verifica documentale prevista per l apposizione del visto di conformità. Tuttavia il contribuente che presenta la dichiarazione integrativa allo stesso Caf o allo stesso professionista a cui ha presentato la dichiarazione originaria, deve esibire, ai fini del controllo del visto di conformità, la sola documentazione relativa all'integrazione effettuata. Nel caso in cui, invece, il modello 730 originario, sia stato presentato al sostituto d imposta o ad un CAF o professionista diverso da quello che elabora il modello integrativo, il contribuente dovrà presentare, ai fini del visto di conformità, tutta la documentazione, anche quella relativa alla dichiarazione originaria. l modello 730 integrativo si differenzia dal modello ordinario perché è compilata l apposita casella 730 integrativo sia nel frontespizio che nel modello In caso di integrazione della dichiarazione che comporta modifiche al risultato contabile, nella casella sarà indicato il codice 1. Presentazione del modello 730 integrativo Inoltre, nel modello 730 integrativo saranno indicati, nel quadro F sezione VII, gli importi già rimborsati dal sostituto di imposta in quanto risultanti dal modello 730 originariamente presentato, gli importi dei crediti utilizzati tramite modello F24 per il pagamento del l IMU, distinguendo tra IRPEF, addizionale regionale, addizionale comunale. Il modello 730 integrativo e la relativa documentazione deve essere presentata al CAF o al professionista entro il 25 ottobre. Il CAF o il professionista abilitato elaborerà la dichiarazione integrativa e ne consegnerà copia al contribuente insieme ad un nuovo prospetto di liquidazione sul quale sarà barrata l'apposita casella "730 integrativo". Entro il 10 novembre il modello verrà inviato al sostituto d'imposta che effettuerà il conguaglio a credito sulla retribuzione erogata nel mese di dicembre. verranno trasmessi all'amministrazione finanziaria, per via telematica, i dati contenuti nelle dichiarazioni integrative. Ha 3

4 Vincolo del maggior credito o minor debito Mancata indicazione del sostituto d imposta A chi presentare il 730 integrativo per cambio sostituto. La casella 730 integrativo : il codice 2 E possibile presentare il modello 730 integrativo anche se oltre ad un onere deducibile è stata omessa l indicazione di un reddito. L unico vincolo a cui è necessario far riferimento è la determinazione di un maggior credito o un minor debito rispetto alla dichiarazione ordinaria. Se il risultato finale della dichiarazione soddisfa questo vincolo è possibile presentare il 730 integrativo. A partire dall anno 2007 esiste la possibilità di presentazione di un modello 730 integrativo anche nel caso in cui, nel modello 730 originario, si riscontri la mancata i- dentificazione del sostituto di imposta che deve effettuare il conguaglio per incongruenza dei dati indicati nel frontespizio. Il modello 730 integrativo per il solo cambio di sostituto può essere presentato unicamente al CAF o al professionista abilitato che ha prestato assistenza per la compilazione del modello originario. Il soggetto che ha prestato assistenza elabora quindi un nuovo modello 730, nel quale è compilata con il codice 2 l apposita casella 730 integrativo sia nel frontespizio che nel modello Tale modello contiene le stesse informazioni del 730 o- riginario, ad eccezione: dei dati contenuti nel quadro Dati del sostituto di imposta che effettuerà il conguaglio ; della sezione risultato della liquidazione del modello 730/3, che non viene compilata. Data la natura della modifica, il contribuente che presenta la dichiarazione integrativa non è, in questo caso, obbligato ad esibire nuovamente la documentazione relativa alla dichiarazione originaria. Codice 2: scadenze e risultato contabile Il CAF elaborerà la nuova dichiarazione con le stesse modalità e scadenze previste in caso di modello integrativo che comporta una modifica del risultato della liquidazione ma in questo caso il risultato contabile della dichiarazione coinciderà con quello del modello originario. I conguagli del 730 integrativo Attenzione: la presentazione di una dichiarazione integrativa che comporta una modifica del risultato contabile della dichiarazione non sospende le procedure avviate con la consegna del modello 730 originario. Il sostituto di imposta, quindi, è tenuto a effettuare un primo conguaglio relativo al risultato contabile del modello ordinario, e un successivo conguaglio relativo al nuovo modello 730/4 consegnato dal soggetto che ha prestato assistenza. Nel caso, invece, di integrazione riferita ai soli dati del sostituto di imposta, il conguaglio è unico e viene effettuato dopo la consegna, da parte del soggetto che ha prestato assistenza, del modello 730/4 che contiene i dati corretti del sostituto. Casella 730 integrativo : il codice 3 E anche possibile presentare il modello 730-integrativo, sia per effettuare una correzione dei dati relativi al sostituto d imposta sia per modificare il risultato contabile della dichiarazione. in questo caso: la casella 730 integrativo sarà compilata con il codice 3 sia nel frontespizio che nel modello il soggetto che ha elaborato l assistenza elaborerà la nuova dichiarazione con le stesse modalità e scadenze previste in caso di modello integrativo che comporta una modifica del risultato della liquidazione. Ha 4

5 ERRORI E DIMENTICANZE PROBLEMATICHE NEL CONGUAGLIO DEL MODELLO 730 Il modello 730 rettificativo per errore commesso dal Caf La 1 situazione riguarda il caso in cui, successivamente all invio del modello 730-4, il contribuente si accorge che il CAF ha commesso un errore nell elaborazione del modello 730. In questo caso il CAF elabora un modello rettificativo che sostituisce il precedente. Errori rilevati prima o dopo il 30 giugno Il modello rettificativo deve essere elaborato in ogni caso prima del 30 giugno, data della spedizione telematica, ed inviato al sostituto in tempo utile per effettuare il conguaglio a rettifica, entro l anno. In questo caso il sostituto applicherà su eventuali tardivi versamenti gli interessi dovuti dal contribuente. Se il problema sorge dopo il 30 giugno la soluzione va individuata in base al risultato del conguaglio. In particolare: se dalla correzione emerge un minor debito o maggiore credito il contribuente può presentare entro il 25 ottobre dell anno in corso un mod.730 integrativo (indicando il codice 1) oppure, entro il termine di presentazione della dichiarazione dell anno successivo, un modello Unico integrativo a favore; se dalla correzione emerge un maggior debito o minor credito è possibile presentare entro il 30 settembre dell anno in corso un modello Unico, correttivo nei termini oppure entro il termine di presentazione della dichiarazione dell anno successivo un modello Unico ravvedimento. 730 integrativo per cambio sostituto d imposta Casi di contribuente senza sostituto di riferimento La 2 situazione si verifica quando il contribuente ha cambiato sostituto d imposta dopo aver fatto il modello 730 e non lo ha comunicato al CAF. In tal caso il CAF, che ha effettuato la comunicazione al sostituto indicato nel modello 730, avrà di ritorno una comunicazione di mancato abbinamento in quanto il contribuente non risulta più dipendente di quel sostituto. Il contribuente dovrà presentare un modello 730 integrativo entro il 25 ottobre. Se il modello integrativo viene presentato solo per integrare o per correggere i dati del sostituto dovrà riportare il codice 2 nella casella 730 integrativo presente nel frontespizio. Se il modello integrativo viene presentato, oltre che per correggere ed integrare i dati del sostituto anche per inserire altri dati nella dichiarazione da cui scaturiscono un maggior credito o minor debito, dovrà riportare il codice 3 nella casella 730 integrativo presente nel frontespizio. La 3 situazione si verifica quando il contribuente, dopo aver fatto il modello 730, non è più lavoratore dipendente e quindi non ha più un sostituto di imposta di riferimento. Anche in questo caso il CAF, che ha effettuato la comunicazione al sostituto indicato nel modello 730, avrà di ritorno una comunicazione di mancato abbinamento. Se il contribuente è a debito, deve provvedere al versamento delle imposte dovute autonomamente, tramite modello F24. Se il contribuente è a credito, si dovrà compilare un modello UNICO correttivo, entro il 30 settembre, in modo da poter richiedere il rimborso o evidenziare il credito per l anno successivo. Ha 5

6 Cambio sostituto prima del termine delle operazioni di conguaglio Decesso del contribuente. Conguaglio a debito di contribuente deceduto Conguaglio a credito di contribuente deceduto Recupero credito da parte degli eredi. Dichiarazione congiunta del contribuente deceduto. Un caso particolare si verifica quando il contribuente, che ha richiesto la rateizzazione, cambia sostituto di imposta prima che si concluda il conguaglio. Il sostituto d imposta comunicherà al contribuente l importo delle rate non ancora trattenute e il contribuente provvederà a versarle direttamente con il modello F24, alla scadenza di ogni singola rata. L ultimo caso si verifica quando il contribuente decede prima dell effettuazione o del completamento delle operazioni di conguaglio. Se il conguaglio risulta a debito, il sostituto d imposta cessa di effettuare le ritenute e comunica agli eredi l ammontare delle somme dovute che dovranno essere versate da questi ultimi. Attenzione! Gli eredi sono tenuti al versamento del solo saldo e non anche al versamento di eventuali acconti. Anche in caso di conguaglio a credito, il decesso del contribuente provoca l interruzione delle operazioni di rimborso. Il sostituto comunica agli eredi le somme non rimborsate e riporta tale importo nel CUD che emetterà l anno successivo. Gli eredi potranno recuperare tale credito nella successiva dichiarazione dei redditi che gli stessi devono o possono presentare per conto del contribuente deceduto. In alternativa alla dichiarazione dei redditi, potranno recuperare il credito mediante i- stanza di rimborso. Se il deceduto è un contribuente che ha presentato la dichiarazione in forma congiunta come dichiarante, il conguaglio non viene comunque effettuato. Il coniuge superstite deve quindi separare la propria posizione tributaria utilizzando i dati analitici contenuti nel modello Il debito dovuto dal coniuge superstite deve essere versato tempestivamente, senza alcuna sanzione per il tardivo versamento. Il credito può invece essere fatto valere nella successiva dichiarazione. Ha 6

7 ERRORI E DIMENTICANZE IL MODELLO UNICO CORRETTIVO NEI TERMINI. Errori e dimenticanze sanabili con il modello Unico Se il contribuente si accorge di aver commesso un errore o una dimenticanza nella compilazione del modello 730 può correggerla presentando il modello Unico. Se l integrazione comporta un minor debito o un maggior credito può presentare in alternativa il modello 730 integrativo. La correzione è prevista esclusivamente tramite il modello Unico quando la modifica comporta un maggior debito o un minor credito rispetto alla dichiarazione originaria. Presentazione del l Unico correttivo nei termini Il modello UNICO che corregge una precedente dichiarazione (730 o Unico) è detto correttivo nei termini se è presentato entro il termine ordinario di presentazione del modello UNICO e cioè entro il 30 settembre. Elementi da riportare nell Unico correttivo nei termini. La compilazione del modello Versamento effettuato oltre i termini L istituto del ravvedimento operoso Sanzioni ed interessi a seguito di ravvedimento operoso Nel modello UNICO correttivo devono essere riportati oltre le modifiche anche tutti gli elementi della dichiarazione originaria compresi gli importi dell IRPEF, dell addizionale regionale e comunale già conguagliata in sede di 730. Sul frontespizio del modello UNICO dovrà essere barrata la casella Correttiva nei termini posta sul rigo Tipo di dichiarazione. Inoltre, se il modello Unico viene presentato per correggere errori od omissioni che abbiano determinato l'indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d'imposta o di un minor credito, dovrà essere barrata anche la casella "Dichiarazione integrativa a favore". L integrazione effettuata tramite il modello Unico correttivo nei termini non comporta alcuna sanzione. Saranno dovuti invece sanzioni ed interessi in caso di versamento effettuato oltre i termini previsti (16 giugno senza maggiorazione o 16 luglio con la maggiorazione dello 0,4%). L art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 e successive modificazioni consente di regolarizzare, attraverso l istituto del ravvedimento operoso, le violazioni commesse in sede di predisposizione e di presentazione della dichiarazione, nonché di pagamento delle somme dovute. La sanzione prevista in caso di versamento tardivo è pari al 30% della somma dovuta. Attraverso l istituto del ravvedimento operoso la sanzione prevista per il ritardato versamento è ridotta al: al 3% se il pagamento viene eseguito entro trenta giorni dalle scadenze prescritte (percentuale in vigore dal ). al 3,75% se il pagamento viene eseguito entro il termine per la presentazione della dichiarazione annuale, a condizione che venga contestualmente eseguito anche il pagamento degli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera (percentuale in vigore dal ). Ha 7

8 ATTENZIONE Qualora il contribuente si ravveda entro i primi quindici giorni dalla data di scadenza del pagamento dell imposta dovuta, la sanzione sarà pari a 1/15 del 3% (0,2% giornaliero). Ad esempio per un versamento eseguito con 4 giorni di ritardo la sanzione da applicare sarà pari a 4/15 del 3% vale a dire 0,8%. La riduzione della sanzione diminuisce all aumentare dei giorni di ritardo fino ad annullarsi al quindicesimo giorno tornando al 3% (15/15). La differenza d imposta, maggiorata degli interessi e la sanzione devono essere versati direttamente dal contribuente tramite il modello F24. Ricorso al ravvedimento per mancato versamento dell acconto Recupero somme da U- nico correttivo a credito Unico correttivo e 730 integrativo a confronto Per correggere un acconto dovuto e non versato in tutto o in parte è possibile utilizzare il ravvedimento operoso, applicando la sanzione nella misura ridotta del: o dello 0,2% giornaliero se il pagamento viene eseguito nei primi 15 giorni; o 3% se il pagamento viene eseguito entro trenta giorni dalla scadenza fissata, (percentuale in vigore dal ) o 3,75% se il pagamento viene eseguito entro un anno dalla scadenza fissata e a condizione che l acconto sia maggiorato degli interessi calcolati al tasso legale (percentuale in vigore dal ). In caso di modello UNICO correttivo a credito, presentato cioè perché nella dichiarazione originaria è stato omesso un onere o dati che hanno comportato un maggior debito o un minor rimborso, il maggior credito derivante dall integrazione, potrà essere richiesto a rimborso o indicato in compensazione e recuperato come eccedenza nella successiva dichiarazione dei redditi. Il modello 730 integrativo è più conveniente del modello Unico correttivo perché il credito è rimborsato nell anno. Ci sono però alcuni casi in cui non è possibile presentare tale modello. Ad esempio: quando il contribuente al momento della presentazione non ha più un sostituto d imposta; quando il contribuente non ritiene corretta l esclusione di oneri operata dal CAF a seguito del controllo relativo al visto di conformità. Ha 8

9 ERRORI E DIMENTICANZE IL MODELLO UNICO INTEGRATIVO Errori e dimenticanze oltre i termini di presentazione Termini entro i quali integrare la dichiarazione Il ravvedimento operoso Se il contribuente si accorge di aver commesso un errore o una dimenticanza nella compilazione della dichiarazione (730 o Unico), oltre i termini ordinari di presentazione del modello Unico (30 settembre), può comunque rettificare o integrare la propria dichiarazione. In particolare, il contribuente può integrare la dichiarazione: entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo, per correggere errori od omissioni che daranno origine ad un maggior credito o un minor debito. In tal caso il credito risultante da tale rettifica può essere utilizzato in compensazione e recuperato nella successiva dichiarazione; entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa all anno successivo a quello in cui è stata presentata, per correggere errori od omissioni che daranno origine a un maggior debito o un minor credito. In questo caso il contribuente dovrà procedere al contestuale pagamento della sanzione in misura ridotta, del tributo dovuto e degli interessi calcolati al tasso legale con maturazione giornaliera; entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione per correggere errori od omissioni che originano un maggior debito d imposta o minor credito salva l applicazione delle sanzioni da parte del l Amministrazione finanziaria. La possibilità di modificare, oltre i termini, una dichiarazione validamente presentata, per il recupero di imposte non dovute è previsto dall art. 2 comma 8bis del DPR 22 luglio 1998, n.322. La possibilità di regolarizzare entro l anno successivo alla presentazione della dichiarazione, attraverso l istituto del ravvedimento operoso, le violazioni commesse in sede di predisposizione e di presentazione della dichiarazione, nonché di pagamento delle somme dovute è prevista dall art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472 e successive modificazioni. Il ricorso al ravvedimento operoso è però possibile solo se la violazione non è già stata constatata o non sono iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento. La possibilità di correggere, entro il quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione, errori od omissioni che originano un maggior debito d imposta o minor credito, salva l applicazione delle sanzioni da parte del l Amministrazione finanziaria è prevista dall art. 2 comma 8 del D.P.R. 322 del Presentazione del modello Unico integrativo. La rettifica o l integrazione della dichiarazione avviene attraverso la presentazione di una nuova dichiarazione Modello UNICO, completa di tutte le sue parti, su modello conforme a quello approvato per il periodo d imposta cui si riferisce la dichiarazione. Ha 9

10 La compilazione del modello In caso di presentazione di una dichiarazione integrativa, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo, per correggere errori ed omissioni, che abbiamo determinato l indicazione di un maggior reddito o, comunque, di un maggior debito d imposta o di un minor credito, nel riquadro tipo di dichiarazione va barrata la casella Dichiarazione integrativa a favore. In caso di presentazione di una dichiarazione integrativa, nell ipotesi di ravvedimento, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione relativa al periodo d imposta successivo, oppure entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, per correggere errori ed omissioni, nel riquadro tipo di dichiarazione va barrata la casella Dichiarazione integrativa. In entrambi i casi di presentazione di dichiarazione integrativa è necessario evidenziare nella stessa quali quadri o allegati della dichiarazione sono oggetto di aggiornamento e quali sono stati modificati. Pertanto, nelle caselle relative ai quadri compilati presenti nel riquadro firma della dichiarazione e nelle caselle presenti nel riquadro tipo di dichiarazione del frontespizio della dichiarazione integrativa, in sostituzione della barratura deve essere indicato uno dei seguenti codici: "1" quadro o allegato compilato sia nella dichiarazione integrativa che nella dichiarazione originaria senza modifiche; "2" quadro o allegato compilato nella dichiarazione integrativa, ma assente o compilato diversamente nella dichiarazione originaria; "3" quadro o allegato presente nella dichiarazione originaria ma assente nella dichiarazione integrativa. Esenzione da sanzioni. Applicazione delle sanzioni. Se un contribuente si accorge che nel modello 730 ha commesso un errore che non incide sulla determinazione della base imponibile dell imposta o sul versamento del tributo e che non ostacola l attività di controllo dell Amministrazione Finanziaria, può correggerlo presentando un modello Unico integrativo, senza versamento di sanzioni. Non sono dovute sanzioni neppure in caso di presentazione del modello UNICO integrativo a favore. In caso invece di presentazione di modello integrativo a debito, entro l anno successivo, l imposta a debito dovrà essere versata unitamente agli interessi legali ed alla sanzione, tramite il modello F24. L ammontare delle sanzioni. Per individuare la sanzione da applicare in caso di errori od omissioni che incidono sulla determinazione e sul pagamento del tributo è necessario far riferimento alla tipologia della violazione: per errori od omissioni rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale della dichiarazione quali ad esempio errori materiali e di calcolo degli imponibili e delle imposte è prevista la sanzione del 30% da calcolarsi sulla maggiore imposta dovuta. In caso di ravvedimento operoso la sanzione è ridotta al 3,75% (percentuale in vigore dal ); per errori ed omissioni diversi da quelli rilevabili in sede di liquidazione o di Ha 10

11 per errori ed omissioni diversi da quelli rilevabili in sede di liquidazione o di controllo formale della dichiarazione, quali ad esempio omessa o errata indicazione di redditi è prevista la sanzione minima del 100% della maggiore imposta o del minor credito risultante. In caso di ravvedimento operoso la sanzione è ridotta al 12,50%. Sanzioni per presentazione oltre i termini per l accertamento In caso di presentazione del modello Unico integrativo a debito dopo il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi del periodo d imposta successivo, le sanzioni a carico del contribuente saranno irrogate dall Amministrazione Finanziaria. Il contribuente dovrà versare invece la maggior imposta dovuta aumentata degli interessi legali. Riferimenti Vedi tabella con sanzioni, aggiornata con modifiche in vigore dal Ha 11

12 La TABELLA delle SANZIONI VIOLAZIONE Omessi o insufficienti versamenti (acconto e saldo) Omissioni o errori incidenti sulla determinazione o pagamento del tributo rilevabili da controlli automatici e formali SANZIONE SANZIONE RIDOTTA ORDINARIA FINO AL 31/01/2011 DAL 01/02/2011 1/12 del 30% 1/10 del 30% pari al 2,5% pari al 3% 30% entro 30 giorni dell imposta 1/10 del 30% 1/8 del 30% non pari al 3% pari al 3,75% versata entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione 30% della maggiore imposta 1/10 del minimo pari al 3% 1/8 del minimo pari al 3,75% entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione Dichiarazione infedele: omissioni o errori incidenti sulla determinazione o pagamento del tributo non rilevabili da controlli automatici e formali Tardiva presentazione della dichiarazione (entro 90 giorni) Omessa presentazione del Mod. F24 a zero Utilizzo in compensazione di crediti i- nesistenti Violazioni formali che ostacolano l attività di accertamento dal 100% al 200% della maggiore imposta da 258 a % dell imposta e- ventualmente non versata 51 entro 5 giorni 154 oltre 5 giorni dal 100% al 200% del credito inesistente da 258 a /10 del minimo pari al 10% 1/8 del minimo pari al 12,5% entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione 1/12 del minimo pari a 21 (entro 90 giorni) + sanzione del 2,5% o del 3% se risulta imposta dovuta 1/10 di 51 pari a 5 1/10 di 154 pari a 15 1/12 del 100% pari al 8,33% 1/10 del minimo pari a 25 (entro 90 giorni) + sanzione del 3% o del 3,75% se risulta imposta dovuta 1/8 di 51 pari a 6 1/8 di 154 pari a 19 1/10 del 100% pari al 10% entro 30 giorni 1/10 del 100% 1/8 del 100% pari al 10% pari al 12,5% entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui è stata commessa la violazione 1/10 del minimo pari a 25 1/8 del minimo pari a 32 Ha 12

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc

Contribuenti obbligati alla presentazione di Unico Enc E TEMPO DI DICHIARAZIONE DEI REDDITI ANCHE PER GLI ENTI NON COMMERCIALI (Enc) Unico Enti non commerciali ed equiparati (Unico Enc) è un modello unificato che permette di presentare la dichiarazione dei

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730

OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Roma, 16/10/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: La correzione degli errori nel modello 730 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

DOPO LA DICHIARAZIONE

DOPO LA DICHIARAZIONE DOPO LA DICHIARAZIONE Come rimediare in caso di errori od omissioni Capitolo 14 14.1 COME RIMEDIARE IN CASO DI ERRORI OD OMISSIONI 14.1.1 I termini dei versamenti 14.1.2 Sanzioni e ravvedimento per tardivi

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio

Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio n 26 del 15 luglio 2011 circolare n 397 del 13 luglio 2011 referente BERENZI/af Modello 730/2011 Operazioni di conguaglio 1. Premessa Con la Circolare n. 14 del 14 marzo 2011, l'agenzia delle Entrate ha

Dettagli

Modello 730 Aspetti generali

Modello 730 Aspetti generali Fisco Pratico 2010 Dichiarazione Redditi Persone Fisiche 5 Aspetti generali Vantaggi del Mod. 730 La presentazione del permette di ottenere eventuali rimborsi direttamente con la retribuzione o con la

Dettagli

Dottore Commercialista

Dottore Commercialista DECRETO SEMPLIFICAZIONI: DAL 2015 NUOVO MODELLO 730 PRECOMPILATO a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) Il D.Lgs. 21.11.2014, n. 175 pubblicato sulla G.U. del 28 novembre 2014 ed entrato in vigore

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE

Direzione Centrale Gestione Tributi INDICE CIRCOLARE N. 10/E Roma, 13 febbraio 2003 Direzione Centrale Gestione Tributi Oggetto: Modello 730/2003 redditi 2002. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO

DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VERSAMENTI UNIFICATI: COME SI APPLICA IL RAVVEDIMENTO OPEROSO A cura di Sabrina Arcangeli Ufficio Controlli Fiscali e Tiziana Sabattini Area di Staff Relazioni Esterne. Riff.

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione

www.ecnews.it Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata DICHIARAZIONI a cura del Comitato di redazione DICHIARAZIONI Agenzia: ancora chiarimenti sulla precompilata a cura del Comitato di redazione L Agenzia delle entrate si adopera per fornire ogni precisazione possibile sull imminente adempimento della

Dettagli

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 )

Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730. ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2015.1.0 ) CONG730 2015 2/47 INDICE Conguagli del sostituto d imposta per risultanze modello 730... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015

Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 69 Capitolo III RAVVEDIMENTO OPEROSO, SPESOMETRO E RIENTRO DEI CAPITALI DALL ESTERO: LE NOVITÀ PER IL 2015 Sommario: 1. Premessa. Il ravvedimento operoso ex D.Lgs. 472/1997-1.1. L omesso versamento della

Dettagli

CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E

CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E CIRCOLARE - AGENZIE ENTRATE - 18 marzo 2004, n. 11/E Oggetto : Modello 730/2004 redditi 2003. Assistenza fiscale prestata dai sostituti d imposta e dai Centri di assistenza fiscale per i lavoratori dipendenti

Dettagli

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013

CIRCOLARE N.28/E. Roma, 22 agosto 2013 CIRCOLARE N.28/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 22 agosto 2013 OGGETTO: Assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati

Dettagli

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E

Roma, 27 marzo 2010 INDICE CIRCOLARE N. 16/E CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 27 marzo 2010 OGGETTO: Modello 730/2010 - Redditi 2009 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

MODELLO 730/2011 NOVITÀ

MODELLO 730/2011 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 11/2011 del 24 marzo 2011 MODELLO 730/2011 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadri del Modello 730/2011 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2011

Dettagli

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Inserti di Gruppo. Il 730/2015 Precompilato. A chi interessa. Quali informazioni contiene. DIRCREDITO Gruppo Banca Popolare di Vicenza Associazione Sindacale dell Area Direttiva e delle Alte Professionalità del Credito ed Enti assimilati delle Società Assicurative e delle Agenzie Esattoriali Inserti di Gruppo Il 730/2015 Precompilato

Dettagli

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007

MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO. Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 MODELLO 770/2007 SEMPLIFICATO Assimpredil ANCE 18 settembre 2007 U.O. Contrattualistica e Fiscalità - Dr.ssa Raffaella Scurati DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA modello 770 semplificato modello 770

Dettagli

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata

I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata DICHIARAZIONI I chiarimenti dell'agenzia sulla precompilata di Alessandro Bonuzzi Con la circolare n.26/e di ieri l Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti su questioni interpretative riguardanti la

Dettagli

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730

CONG730 2010. Gecom Paghe. Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 16/2010: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli a credito... 3 Conguagli a debito... 3

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013

UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 UFFICIO FISCALE - PROT. N. 74 DEL 13 GIUGNO 2013 ASSISTENZA FISCALE MOD. 730/2013 REDDITI 2012 - CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N. 14/E DEL 9.5.2013 Con la presente forniamo la consueta illustrazione

Dettagli

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese

Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Periodico informativo n. 173/2014 Dichiarazioni tardive e rettificative entro fine mese Gentile Cliente, Il contribuente che avrà commesso errori riguardanti l invio delle dichiarazioni fiscali, dovrà

Dettagli

di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale MOD. 730: PROCEDURA E CONGUAGLI di Luca Contardi Risorse Umane >> Amministrazione del personale Sul S.O. n. 21 alla G.U. n. 24 del 30 gennaio 2006 è stato pubblicato il provvedimento 17 gennaio 2006 dell

Dettagli

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE

Circolare 28. del 12 dicembre 2014. Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE Circolare 28 del 12 dicembre 2014 Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale INDICE 1 Premessa... 3 2 Precompilazione dei modelli 730 da parte dell Agenzia

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108. I destinatari della Dichiarazione precompilata SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 108 26 marzo 2015 36/FS/om Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 11 del 23 marzo 2015 Sintesi Primi importanti chiarimenti

Dettagli

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA

MODELLI 730/2015 - LE NOVITA MODELLI 730/2015 - LE NOVITA 1) DELEGHE a. E obbligatorio procedere con le deleghe? b. Perché NOI consigliamo di richiedere autorizzazione a prelevare il precompilato? c. Come si gestiscono le deleghe?

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

Conguaglio risultanze 730

Conguaglio risultanze 730 Gecom Paghe Conguaglio risultanze 730 ( Rif. rilascio PAGHE vers. 2012.00.10 ) INDICE Circolare Agenzia delle Entrate n. 15/2012: conguagli del sostituto d imposta... 3 Modalità e termini... 3 Conguagli

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015. 1. Richiesta documentazione 730 Live Scan;

CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015 - SOFTWARE FISCALI CAF 2015. 1. Richiesta documentazione 730 Live Scan; Drcnetwork srl - Coordinamento Regionale CAF Via Imperia, 43 20142 Milano Telefono 02/84892710 Fax 02/335173151 e-mail info@drcnetwork.it sito: www.drcnetwork.com CIRCOLARE 730/2015 N. 2 DI GIUGNO 2015

Dettagli

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012

Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Circolare N.52 del 06 Aprile 2012 Modello 730/2012. Il 30 Aprile è la scadenza per chi ha scelto di presentare la dichiarazione al proprio sostituto di imposta Modello 730/2012: il 30 aprile 2012 è la

Dettagli

TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Modello 730/2013 - Assistenza fiscale - Operazioni di conguaglio

TeamSystem. Labour. review. review IN QUESTO NUMERO. Pag 2 Modello 730/2013 - Assistenza fiscale - Operazioni di conguaglio L review Periodico di informazione lavoristica e previdenziale TeamSystem Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46), art. 1, comma 1, DGB Pesaro Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Il Modello 730. 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti. CAF Do.C. Spa. CAF nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Il Modello 730 16 aprile 2015 Relatore: Dott.ssa Stefania Signetti Servizio: Nome servizio Pag. 1 Programma Il modello 730 precompilato: aspetti normativi e operativi Novità in tema di versamenti con Modello

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 14 marzo 2011. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 14 marzo 2011 OGGETTO: Modello 730/2011 - Redditi 2010 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010

RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI 2009-2010 RAVVEDIMENTO OPEROSO ICI -2010 La Legge consente ai contribuenti di regolarizzare spontaneamente, nei termini previsti, le violazioni connesse alla dichiarazione ed al pagamento dell'i.c.i. avvalendosi

Dettagli

1) Apertura frontespizio integrativo:

1) Apertura frontespizio integrativo: 730 INTEGRATIVO Come è noto, nel caso si renda necessario integrare il modello 730 originario con ulteriori informazioni, è possibile presentare un modello 730 cosiddetto INTEGRATIVO. Tale tipologia di

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. 1. Dichiarazione dei redditi con il modello 730/2008...2

CIRCOLARE N. 36/E. 1. Dichiarazione dei redditi con il modello 730/2008...2 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 9 aprile 2008 OGGETTO: Modello 730/2008 redditi 2007. Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014

Termini e modalità di presentazione del 770/2014. La presentazione entro il 31 luglio 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 190 16.07.2014 Termini e modalità di presentazione del 770/2014 La presentazione entro il 31 luglio 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento;

CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014. 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta riduzione/non versamento; CIRCOLARE 730/2014 N. 3 DI AGOSTO 2014 SOFTWARE FISCALI CAF 2014 1. Modello 730 Integrativo: termine di trasmissione e compilazione; 2. Controllo elaborazione 730/4; 3. IRPEF 2 ACCONTO NOVEMBRE richiesta

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 04 maggio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 04 maggio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 04 maggio 2009 OGGETTO: Modello 730/2009 - Redditi 2008 - Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza

Dettagli

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE

Circolare 21. del 29 luglio 2015. Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE Circolare 21 del 29 luglio 2015 Modelli 770/2015 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Certificazione Unica (c.d. CU2015)

Certificazione Unica (c.d. CU2015) (c.d. CU2015) Indice degli argomenti Introduzione 1. Disposizioni normative 2. Prerequisiti tecnici 3. Impostazioni necessarie per operare in Gestionale 1 4. Stampa Certificazioni Unica Assis tenza tecni

Dettagli

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO CIRCOLARE n. 16 del 03/09/2014 MODELLO 770/2014 PROROGA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE EFFETTI AI FINI DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO INDICE 1. PREMESSA 2. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE IN VIA TELEMATICA Trasmissione

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela Circolare n. 19 del 31 luglio 2014 Modelli 770/2014 - Proroga dei termini di presentazione - Effetti ai fini del ravvedimento operoso Pag. 1 di 5 INDICE 1 Premessa... 3 2 Obbligo

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU

MODELLO 770/2001 PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001. Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU MODELLO 770/2001 (DICHIARAZIONE PER LE RITENUTE, I CONTRIBUTI E I PREMI ASSICURATIVI RELATIVI AL 2000) Novità 2001 Novità 2001: Modello Base Quadro SC Quadro SS Quadro ST Quadro SU DEVONO PRESENTARE IL

Dettagli

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio

Allegato A. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. TITOLO II Gestione, costo, tariffe. ART. 3 Gestione e costo del servizio TITOLO II Gestione, costo, tariffe TITOLO II Gestione, costo, tariffe ART. 3 Gestione e costo del servizio 3. Il soggetto gestore è tenuto a comunicare alla Giunta Comunale, entro il mese di settembre

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

I N D I C E. 1.3.2 La Limitazione del Servizio Telefonico di assistenza fiscale e tecnica fornito dal CED per Elaborazione

I N D I C E. 1.3.2 La Limitazione del Servizio Telefonico di assistenza fiscale e tecnica fornito dal CED per Elaborazione Via Angelo Bargoni, 8D 00153 ROMA Tel. 06 / 5814591 --- Fax 06 / 5816703 Assistenza Tecnico/Fiscale - Indirizzo E-Mail info@cafconfsal.it Sito Internet www.cafconfsal.it S.r.l. MANUALE A OPERATIVO MOD..730/2012

Dettagli

Studio Tarcisio Bologna

Studio Tarcisio Bologna NUOVI TERMINI PER L ASSISTENZA FISCALE In attesa della pubblicazione definitiva del modello 730/2015 con le relative istruzioni, la presente Informativa ripercorre le principali scadenze, nonché i vari

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA 1 DICHIARAZIONE DEI REDDITI CON IL MODELLO 730/2012 2 SOGGETTI CHE POSSONO PRESTARE ASSISTENZA FISCALE. 2.1 I sostituti d imposta

SOMMARIO PREMESSA 1 DICHIARAZIONE DEI REDDITI CON IL MODELLO 730/2012 2 SOGGETTI CHE POSSONO PRESTARE ASSISTENZA FISCALE. 2.1 I sostituti d imposta Modello 730/2012 Redditi 2011 Assistenza fiscale prestata dai sostituti di imposta, dai Centri di assistenza fiscale per lavoratori dipendenti e dai professionisti abilitati Circolare Agenzia Entrate n.

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO

LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO LE OPERAZIONI DI CONGUAGLIO: COME E QUANDO Le modalità ed i termini entro i quali il sostituto d imposta deve operare i conguagli nei confronti dei propri dipendenti che hanno presentato il modello 730

Dettagli

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499

COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 COMUNE DI MARCIANA MARINA PROVINCIA DI LIVORNO Codice Fiscale 82002040499 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLE AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE Approvato con deliberazione C.C. n. n. 64 del 28.12.1998

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 26/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 26/2015 Como, 1.9.2015 INFORMATIVA N. 26/2015 Modelli 770/2015 Proroga dei termini di presentazione Effetti ai fini del ravvedimento operoso INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Obbligo di presentazione in via telematica...

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative

Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative Informativa - ONB Modelli 730/2013 - Presentazione in assenza di un sostituto d imposta - Termini e modalità applicative INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza della nuova disciplina... 2 3 Soggetti che possono

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

MODELLO 730/2013 NOVITÀ

MODELLO 730/2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 9/2013 del 14 marzo 2013 MODELLO 730/2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Quadro del Modello 730/2013 2. Contribuenti che possono utilizzare il Modello 730/2013

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione modello

Istruzioni operative per la gestione modello Caf nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Istruzioni operative per la gestione modello 730/2014 Aggiornamento dati Soggetto incaricato

Dettagli

COMUNE DI LAURIA (PZ)

COMUNE DI LAURIA (PZ) COMUNE DI LAURIA (PZ) Guida ICI per il contribuente CHI DEVE PAGARE L ICI Ai sensi del D.lgs n.504/92, devono pagare l ICI i proprietari (o titolari di altro diritto come, usufrutto, uso o abitazione,

Dettagli

Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730

Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730 HELP DESK Nota Salvatempo 0042 MODULO Dichiarazione Correttiva/Integrativa Unico PF da Modello 730 Quando serve Per gestire la Dichiarazione Correttiva/Integrativa/Integrativa a favore, per l anno di imposta

Dettagli

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730: le ultime risposte dell Agenzia alla stampa specializzata Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista L Agenzia delle Entrate ha emanato in data 7 luglio 2015 la circolare n. 26/E

Dettagli

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012

CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 CIRCOLARE N. 30 2011/2012 DEL 10 GENNAIO 2012 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2012 dell Ufficio

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730.

I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi), possono presentare la dichiarazione con il modello 730. 03 giugno 2013 Più tempo per consegnare il modello 730 ai Caf o ai professionisti abilitati. Un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, firmato il 29 maggio scorso, ha fatto slittare dal 31

Dettagli

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.

Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio. Studio Associato Cerato & Popolizio Dottori commercialisti Largo Parolini n. 65 36061 Bassano del Grappa Tel. 0424-524809 --- Fax 0424 230553 info@ceratoepopolizio.it www.ceratoepopolizio.it Dott. Sandro

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD :

MODELLO CUD 2011. Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Modello CUD 2011 1 Il programma per gestire il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella Elaborazioni annuali, Gestione modello CUD : Il programma per stampare il modello CUD 2011 è contenuto nella cartella

Dettagli

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti

CIRCOLARE N.31/E. Roma, 2 luglio 2009. Direzione Centrale Servizi ai contribuenti CIRCOLARE N.31/E Roma, 2 luglio 2009 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3780 del 6 giugno 2009 Ripresa degli adempimenti e dei versamenti-

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I N D I C E. 1.3.2 La Limitazione del Servizio Telefonico di assistenza fiscale e tecnica fornito dal CED per Elaborazione

I N D I C E. 1.3.2 La Limitazione del Servizio Telefonico di assistenza fiscale e tecnica fornito dal CED per Elaborazione Via Vigna Jacobini, 5 00149 ROMA Tel. 06 / 5814591 --- Fax 06 / 5816703 Assistenza Tecnico/Fiscale - Indirizzo E-Mail info@cafconfsal.it Sito Internet www.cafconfsal.it S.r.l. MANUALE A OPERATIVO MOD..730/2013

Dettagli

Le novità del modello 730/2014

Le novità del modello 730/2014 Le novità del modello 730/2014 Sono state pubblicate e disponibili per la consultazioni sul sito dell Agenzia delle entrate le bozze del modello 730/2014 e le relative istruzioni. Numerose sono le novità

Dettagli

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze

Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze Mod. 730/2011: novita` del modello e scadenze di Roberta Aiolfi e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO Sono stati approvati i modelli di dichiarazione dei redditi Mod. 730/2011 inerenti l assistenza fiscale

Dettagli

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU)

LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) LE INFORMAZIONI GENERALI SULLA CERTIFICAZIONE UNICA (CU) GLI ASPETTI NORMATIVI Dal 2015 (in riferimento ai redditi erogati nel 2014) i sostituti d imposta devono utilizzare un nuovo modello per attestare

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 27 28.04.2015 Imposte da compensare L utilizzo del credito può compensare non solo IMU Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Con l

Dettagli

Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013

Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013 Allargamento del 730 ai soggetti privi di Sostituto d imposta D.L. 69/2013 convertito in Legge 98/2013 Con la Legge n. 98 del 9.08.2013, pubblicata nella G.U. del 20.08.2013, è stato convertito, con modificazioni

Dettagli

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu

L agenda dei pagamenti di Unico 2013, Irap 2013, Iva 2013 e della prima rata Imu L agenda di Unico, Imu e degli altri pagamenti del Pag. n. 1 L agenda dei pagamenti di Unico, Irap, Iva e della prima rata Imu a cura di Salvina Morina E Tonino Morina Persone fisiche, società di persone,

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE

Modello 730 integrativo. di pagine 1 1 COGNOME NOME CODICE FISCALE AGENZIA DELLE ENTRATE MOD. 730-2 PER IL C.A.F. O PER IL PROFESSIONISTA ABILITATO REDDITI 2014 Modello 730 integrativo RICEVUTA DELL AVVENUTA CONSEGNA DELLA DICHIARAZIONE MOD. 730 E DELLA BUSTA CONTENENTE

Dettagli