MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE."

Transcript

1 MANOVRA CORRETTIVA, LUGLIO 2011: AUMENTO DELLE SANZIONI PER OMESSA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE. SOMMARIO: 1) Aumento della sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore in presenza di dichiarazione irregolare - 2) Aumento delle sanzioni di infedele dichiarazione in materia di imposte dirette, IVA e IRAP nei casi di omessa presentazione del modello studi di settore. 1) Aumento della sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore in presenza di dichiarazione irregolare. COMMENTO ALL ART. 23, COMMA 28, LETT. B), CHE MODIFICA L ART. 8 DEL D.LGS. N. 471/1997 (VIOLAZIONI RELATIVE AL CONTENUTO E ALLA DOCUMENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI) AGGIUNGENDO AL COMMA 1 IL SEGUENTE PERIODO: Si applica la sanzione in misura massima nelle ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Al fine di potenziare lo strumento degli studi di settore, il legislatore ha previsto una sanzione ad hoc per l omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti. Prima dell intervento normativo attuato con la Manovra correttiva (d.l.98/2011), la predetta omissione veniva punita attraverso il ricorso alla sanzione prevista in via generale per la presentazione della dichiarazione inesatta. L art. 8, comma 1, del d.lgs. n. 471/1997 sanziona infatti ogni errore o inesattezza contenuta nel modello dichiarativo: essendo la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore un allegato al Modello Unico, la o- missione di detta comunicazione si riverberava in una inesattezza della dichiarazione. 1

2 Si ricordi che per dichiarazione inesatta ex art. 8 del d.lgs. n. 471/1997 si intende una dichiarazione che contiene errori o inesattezze che non comportano un minore esposizione di imposta rispetto a quella dovuta oppure un maggior credito rispetto a quello spettante. Tali ultime ipotesi integrano invece la fattispecie della dichiarazione infedele, appositamente sanzionata dal d.lgs. n. 471/1997 agli artt. 1 (imposte dirette), 2 (dichiarazione dei sostituti di imposta), e 5 (IVA). Adesso, con il d.l. n. 98/2011, il legislatore ha sganciato la fattispecie della omissione della comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore dalla fattispecie generale della dichiarazione inesatta. In particolare, mentre alla dichiarazione inesatta si applica la sanzione che va da un minimo di 258 a un massimo di 2.065, per l omessa comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore la sanzione, d ora in poi, si irrogherà sempre con il massimo edittale (2.065 ). Detta sanzione, in particolare, è irrogabile laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Essendo il modello per la comunicazione dei dati rilevanti, come già detto, parte integrante del Modello Unico, l omessa presentazione del modello de quo è ovviamente accertabile solo una volta decorso il termine di presentazione della dichiarazione. Dato che la norma in commento è entrata in vigore dal 6 luglio 2011, la sanzione in essa contemplata potrà essere irrogata già a partire dalle dichiarazioni che saranno presentate entro il 30 settembre 2011, concernenti il periodo d imposta Alcuni dubbi applicativi suscita l ultima parte della norma. Si afferma infatti che la sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore si applica laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Preliminarmente vi è da dire che l obbligo di comunicazione del modello studi di settore sussiste oltre che per i soggetti nei cui confronti trova applicazione l accertamento in base agli studi di settore anche nei confronti dei soggetti che, ancorché esclusi dal predetto accertamento: hanno dichiarato ricavi o compensi di ammontare superiore a ,00 e inferiore a ,00; 2

3 hanno iniziato o cessato l attività nel corso del periodo d imposta salvo riavvio da parte del medesimo soggetto di attività omogenea entro 6 mesi dalla cessazione; si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell attività; determinano il reddito con criteri forfetari. Ora, secondo l interpretazione letterale dell ultima parte del comma 1 dell art. 8 del d.lgs. n. 471/1997, sembrerebbe che la sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore scatti nel momento in cui il contribuente ometta la presentazione del modello. Tuttavia, nell eventualità in cui a seguito della predetta omissione vi è un apposito invito da parte dell Agenzia delle Entrate, in tal caso la sanzione segue non alla semplice omissione, bensì all inadempimento all invito rivolto al contribuente. Tale interpretazione, sebbene quella più aderente alla lettera della norma, è produttiva di irragionevoli disuguaglianze. Infatti, ci potrebbero essere Uffici che, a seguito della omissione da parte del contribuente, si attivano per invitare quest ultimo a sanare la propria inadempienza e altri Uffici che, al contrario, rilevata la condotta omissiva, provvedono immediatamente alla irrogazione della sanzione. Il contribuente potrebbe cioè essere sanzionato o meno a seconda della prassi seguita dai diversi Uffici. Si farebbe cioè dipendere la punibilità di una certa condotta (omessa presentazione del modello studi di settore) dalla differente prassi seguita da un Ufficio rispetto a quella praticata da un altro. Ricapitolando, nel momento in cui la norma afferma che la sanzione si applica laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate, parrebbe affermare questo: - se l Ufficio non invita il contribuente a presentare il modello studi di settore, allora la sanzione si rende applicabile con la semplice omissione da parte del contribuente. In altri termini, il contribuente verrebbe sanzionato nell ipotesi in cui ometta di presentare il modello studi di settore e successivamente non provveda neanche a presentare una dichiarazione integrativa; - se l Ufficio invita il contribuente a presentare il modello studi di settore, allora la sanzione si rende applicabile nel momento in cui il contribuente non dà seguito al predetto invito. 3

4 Un altra interpretazione possibile è la seguente. Il passo secondo cui la sanzione è irrogabile laddove il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate potrebbe voler significare che la presentazione del modello studi di settore è dovuta non solo nel caso in cui sia prescritta dalla legge ma anche nel caso in cui, se non prescritta, la presentazione del modello sia richiesta dall Agenzia delle Entrate. Accettando tale opzione interpretativa, tuttavia, si devono tenere in conto due profili di irragionevolezza: 1) si darebbe all organo accertatore un potere che non gli spetta, cioè quello di richiedere la presentazione del modello studi di settore a soggetti che non sono tenuti per la legge a tale adempimento; 2) si conferirebbe all organo accertatore un altro potere ossia quello di punire un soggetto per una condotta che non risulta tipizzata dal legislatore. È evidente che tale tesi interpretativa contrasta con uno dei principi fondamentali del nostro ordinamento, vale a dire quello di legalità. Inoltre la tesi de qua si mostra in evidente antitesi con la lettera della norma. Essa infatti richiede due condizioni che devono necessariamente convivere. - la presentazione del modello studi di settore deve essere dovuta cioè prescritta dalla legge; - il contribuente non abbia provveduto all adempimento de quo. Tali condizioni sono espresse da due diverse proposizioni unite tra di loro dalla congiunzione e. L utilizzo dell avverbio anche va riferito non già alla prima proposizione ( laddove tale adempimento sia dovuto ) bensì alla seconda proposizione ( il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello ). In tal senso, la presentazione del modello studi di settore deve necessariamente essere previsto dalla legge. Se poi il contribuente non vi provvede, la sanzione scatta con la semplice omissione se l Ufficio non invita il contribuente a regolarizzare la propria posizione. Al contrario, se l Ufficio manda un invito al contribuente, la sanzione sarà irrogata nel caso in cui neanche in questa occasione il contribuente presenti il modello studi di settore. 4

5 2) Aumento delle sanzioni di infedele dichiarazione in materia di imposte dirette, IVA e IRAP nei casi di omessa presentazione del modello studi di settore. 1) ART. 23, COMMA 28, LETT. E), CHE AGGIUNGE ALL ART. 1 DEL D. LGS. N. 471/1997 (VIOLAZIONI RELATIVE ALLA DICHIARAZIONE DELLE IMPOSTE DIRETTE) IL COMMA 2BIS.1: [2-bis.1]. La misura della sanzione minima e massima di cui al comma 2 è elevata del 50 per cento nelle ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Si applica la disposizione di cui al secondo periodo del comma 2-bis. 2) ART. 23, COMMA 28, LETT. F), CHE AGGIUNGE ALL ART. 5 DEL D. LGS. N. 471/1997 (VIOLAZIONI RELATIVE ALLA DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO E AI RIMBORSI) IL COMMA 4-TER: [4-ter] La misura della sanzione minima e massima di cui al comma 4 è elevata del 50 per cento nelle ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Si applica la disposizione di cui al secondo periodo del comma 4-bis. 3)ART. 23, COMMA 28, LETT. G), CHE AGGIUNGE ALL ART. 32 DEL D. LGS. N. 471/1997 (VIOLAZIONI RELATIVE ALLA DICHIARAZIONE DELL IRAP) IL COMMA 2-TER: [2-ter] La misura della sanzione minima e massima di cui al comma 2 è elevata del 50 per cento nelle ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello an- 5

6 che a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Si applica la disposizione di cui al secondo periodo del comma 2-bis. L art. 23, comma 28, lett. e), ha modificato l art. 1 del d. lgs. n. 471/1997 (violazioni relative alla dichiarazione delle imposte dirette) aggiungendovi il comma 2-bis.1 che così recita: La misura della sanzione minima e massima di cui al comma 2 è elevata del 50 per cento nelle ipotesi di omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, laddove tale adempimento sia dovuto ed il contribuente non abbia provveduto alla presentazione del modello anche a seguito di specifico invito da parte dell'agenzia delle Entrate. Si applica la disposizione di cui al secondo periodo del comma 2-bis. A questo punto ci si chiede: qual è il rapporto tra l art. 8, comma 1, secondo periodo, del d.lgs. n. 471/1997 e l art. 1, comma 2-bis.1, del medesimo decreto? Orbene, l art. 1, comma 2bis.1, del d.lgs. n.471/1997 punisce l omessa presentazione del modello studi di settore che si accompagni ad una dichiarazione infedele, cioè a una dichiarazione nella quale è indicato, ai fini delle singole imposte, un reddito imponibile inferiore a quello accertato, o, comunque, un'imposta inferiore a quella dovuta. La nuova disposizione si applica a condizione che il maggior reddito d'impresa ovvero di arte o professione, accertato a seguito della corretta applicazione degli studi di settore, sia superiore al 10 per cento del reddito d'impresa o di lavoro autonomo dichiarato. Resta fermo che nell ipotesi in cui il maggior reddito derivante dalla corretta applicazione degli studi di settore sia inferiore al 10% del reddito dichiarato trova applicazione la sanzione normale prevista per la dichiarazione infedele dall art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 471/1997, vale a dire la sanzione che oscilla dal 100% al 200% della maggiore imposta accertata. L art. 8, comma 1, secondo periodo, del d. lgs. n. 471/1997 colpisce invece i casi di omessa presentazione del modello studi di settore alla quale non sia accompagni una dichiarazione infedele, bensì irregolare. La dichiarazione irregolare è quella che non espone una imposta inferiore rispetto a quella dovuta ma: 2) non è redatta in conformità al modello approvato dal Ministro delle finanze oppure 6

7 3) in essa sono omessi o non sono indicati in maniera esatta e completa dati rilevanti per l'individuazione del contribuente e, se diverso da persona fisica, del suo rappresentante, nonché per la determinazione del tributo oppure 4) in essa non è indicato in maniera esatta e completa ogni altro elemento prescritto per il compimento dei controlli. Le stesse considerazioni naturalmente valgono per le analoghe violazioni previste in materia di IVA e IRAP, con riferimento rispettivamente all art. 5, comma 4-ter, del d.lgs. n. 471/1997 e all art. 32, comma 2-ter, del d.lgs. n. 446/1997. SANZIONI PER INFEDELE DICHIARAZIONE IN CASO DI OMESSA PRESEN- TAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE ANTE D.L. N. 98/2011 POST D.L. N. 98/2011 Imposte sui redditi Art. 2, comma 2, del d.lgs. n. Art. 2, comma 2bis.1, del d. 471/1997: sanzione dal lgs. n. 471/1997: sanzione 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza del credito dal 150 al 250% della maggiore imposta o della differenza del credito IVA Art. 5, comma 4, del d.lgs. n. Art. 5, comma 4-ter, del d. 471/1997: sanzione dal lgs. n. 471/1997: sanzione 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza del credito dal 150 al 250% della maggiore imposta o della differenza del credito IRAP Art. 32, comma 2, del d. lgs. n. 446/1997: sanzione dal 100% al 200% della maggiore imposta. Art. 32, comma 2-ter, del d. lgs. n. 446/1997: sanzione dal 150% al 250% della maggiore imposta. È da sottolineare che la nuova fattispecie introdotta al comma 2bis.1 dell art. 1 del d.lgs. n. 471/1997 è da tenere ben distinta rispetto alla fattispecie delineata nel precedente comma 2bis dello stesso articolo. 7

8 Tale ultimo comma, introdotto con l'art. 1, comma 25, legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007), è specificamente dedicato alle violazioni in materia di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore. Secondo il comma 2-bis La misura della sanzione minima e massima di cui al comma 2 è elevata del 10 per cento nelle ipotesi di omessa o infedele indicazione dei dati previsti nei modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell'applicazione degli studi di settore, nonché nei casi di indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non sussistenti. La presente disposizione non si applica se il maggior reddito d'impresa ovvero di arte o professione, accertato a seguito della corretta applicazione degli studi di settore, non è superiore al 10 per cento del reddito d'impresa o di lavoro autonomo dichiarato. Prima della novella legislativa del 2007 la fattispecie della incompletezza e/o infedeltà del modello studi di settore veniva sanzionata attraverso il ricorso alla sanzione prevista in via generale dal comma 2 dell art. 1 del d. lgs. n. 471/1997 per la dichiarazione infedele (dal 100% al 200% della maggiore imposta accertata). Il legislatore del 2007 ha voluto, con la previsione del comma 2-bis, riservare alla fattispecie di cui sopra un trattamento più severo stabilendo che, nel caso in cui il maggior reddito accertato in base agli studi di settore superi il 10% del reddito dichiarato dal contribuente, la sanzione irrogabile va da un minimo del 110% a un massimo del 210% della maggiore imposta accertata. Ne consegue che, nei casi di omessa o erronea indicazione dei dati e/o erronea indicazione di una causa di esclusione/inapplicabilità, la sanzione prevista risulta essere: dal 100% al 200% dei maggiori valori accertati, se gli stessi non superano il 10% dei valori dichiarati. Si applica cioè il comma 2 dell art. 1 del d.lgs. n. 471/1997; dal 110% al 220% dei maggiori valori accertati, se gli stessi superano il 10% dei valori dichiarati. Si applica cioè il comma 2-bis dell art. 1 del d.lgs. n. 471/1997. Come si legge nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/2007, con l'aumento della sanzione si è voluto perseguire un duplice obiettivo: da un lato scoraggiare i comportamenti, sempre più ricorrenti, di omessa o infedele indicazione dei dati rilevanti per l'applicazione degli studi finalizzata a ridurre 8

9 l'ammontare dei ricavi stimati dagli studi medesimi per renderli "congrui" rispetto a quelli dichiarati; dall'altro, contrastare adeguatamente le altrettanto ricorrenti situazioni di intenzionale elusione dell'obbligo di comunicazione dei dati rilevanti per l'applicazione degli studi perseguite mediante l'indicazione di cause di esclusione o di inapplicabilità in realtà inesistenti. Ora, contrariamente a quanto sostenuto da alcuni autori, l omessa indicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore non può assolutamente essere interpretata come omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti. Ciò per 2 motivi. In primo luogo, fondamentale si rivela il dato letterale dell art. 1, comma 2-bis, del d. lgs. n. 471/1997. Il legislatore ha infatti associato l aggettivo omessa all espressione indicazione dei dati e non a quella di presentazione del modello. In altri termini, ciò che si è voluto colpire con il comma 2-bis è non già la mancata presentazione del modello, bensì la presentazione di un modello incompleto ossia riportante solo una parte dei dati occorrenti ai fini della determinazione della funzione di regressione. In secondo luogo, ragionando per assurdo, se già il comma 2-bis ricomprendeva la fattispecie della omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti, il legislatore non avrebbe sentito la necessità di aggiungere un comma aggiuntivo all art. 1 per colpire detta fattispecie omissiva. Più correttamente, lo stesso avrebbe agito sul comma 2- bis separando le ipotesi di infedeltà del modello da quelle di omessa presentazione del modello, mantenendo alle prime la maggiorazione del 10% e punendo le seconde con la maggiorazione del 50%. È evidente quindi, sulla base di quanto si è detto, che il comma 2-bis.1 integra una fattispecie necessariamente diversa rispetto a quella contemplata al comma 2-bis. Mentre la prima disposizione concerne l omessa presentazione del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore, il comma 2-bis si occupa del caso in cui detto modello sia stato presentato ma lo stesso, a seguito del controllo da parte dell Ufficio, si rivela incompleto ( omessa indicazione dei dati ) o infedele ( infedele indicazione dei dati ). 9

10 Se così è, nessun cumulo può esserci tra la sanzione di cui al comma 2-bis (che riguarda la omessa indicazione dei dati nel modello studi di settore) e la sanzione di cui al comma 2- bis.1 (che riguarda, invece, l omessa presentazione del modello stesso). Stesse considerazioni valgono in materia di IVA e IRAP: così nessun cumulo può predicarsi tra la sanzione di cui al comma 4-bis e la sanzione di cui al comma 4-ter dell art. 5 del d.lgs. n. 471/1997 oppure tra la sanzione di cui al comma 2-bis e a sanzione di cui al comma 2-ter dell art. 32 del d.lgs. n. 446/1997. Lecce, 27 luglio 2011 Avv. Leonardo Leo 10

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio. NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.it D.L. 30 agosto 1993, n. 331. (Gazz. Uff. n. 203 del 30 agosto 1993).

Dettagli

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative n 14 del 06 aprile 2012 circolare n 272 del 05 aprile 2012 referente BERENZI/mr Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative L Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti (Circolare

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 49 16.12.2013 Unico: ravvedimento entro il 30.12 Categoria: Intermediari Sottocategoria: Adempimenti A cura di Devis

Dettagli

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista

a cura di Francesco Zuech rag. commercialista VIOLAZIONI TRIBUTARIE E RAVVEDIMENTO OPEROSO Principali novità 2007 Ravvedimento dichiarazioni fiscali (Unico, Iva, Irap e 770) Emendabilità delle dichiarazioni Valenza circolari e risoluzioni Ae a cura

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO

AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO Circolare informativa n. 6 del 12 Gennaio 2011 AUMENTATE LE SANZIONI RIDOTTE E IL TASSO D INTERESSE PER IL RAVVEDIMENTO L art. 1, comma 20, Finanziaria 2011, c.d. Legge di stabilità 2011, ha modificato,

Dettagli

OMESSA TENUTA DEI REGISTRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI: le sanzioni.

OMESSA TENUTA DEI REGISTRI E DELLE SCRITTURE CONTABILI: le sanzioni. DOMANDA: da giugno 2009 a febbraio 2010 sono stato presidente di una associazione sportiva dilettantistica, credendo che fosse differente da altre tipologie di società non istallai i registri contabili

Dettagli

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi.

CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO DELLA PRIMA CASA: l omessa indicazione in dichiarazione dei redditi. DOMANDA: Buongiorno, nell anno 2004 ho acquistato un appartamento da costruttore pagando un importo IVA pari ad XXXX (iva 4% agevolazione prima casa), nell anno 2011 ho provveduto a vendere l appartamento

Dettagli

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

Circolare N.108 del 25 Luglio 2011. Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli

Circolare N.108 del 25 Luglio 2011. Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli Circolare N.108 del 25 Luglio 2011 Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli Gli Studi di settore trovano sanzioni più severe: occhio alle dichiarazioni infedeli

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale

Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale CIRCOLARE N. 34 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 22/10/2015 OGGETTO: Questioni interpretative prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale 2 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SANZIONE

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, 1 Brevi note sulla novella in tema di reati tributari recata dall art. 2, comma 36- vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011 n.

Dettagli

Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012

Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012 N. 17 del 03.05.2012 Le Daily News A cura di Edoardo Martini Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012 Nel corso del 2011 vi sono stati numerosi interventi normativi in materia di studi di settore,

Dettagli

Dichiarazioni integrative

Dichiarazioni integrative Dichiarazioni integrative a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino Presentazione dichiarazione TERMINE ORDINARIO Art. 2 co. 2 D.P.R. 322/1998 entro l ultimo giorno del 9 mese successivo a quello di

Dettagli

OMESSI VERSAMENTI IVA

OMESSI VERSAMENTI IVA OMESSI VERSAMENTI IVA Profili pratici e sviluppi giurisprudenziali a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n. 80/2014 in materia di omesso versamento Iva Normativa La disciplina dei reati

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 marzo 2012 OGGETTO: Studi di settore novità normative e risposte a quesiti 2 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Novità di cui al decreto legge n. 98

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag.

INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO. 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione dell Amministrazione finanziaria... pag. 9 CAPITOLO SECONDO LE SINGOLE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI 1. Gli omessi

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 16698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it DL 6.7.2011 n. 98 convertito nella L. 15.7.2011

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare

SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015. In questa Circolare SALDO IVA 2014 VERSAMENTO ENTRO IL 16 MARZO 2015 In questa Circolare 1. Premessa 2. Calcolo dell Iva dovuta 3. Come e quando si versa 4. Sanzioni amministrative 5. Sanzioni penali I contribuenti soggetti

Dettagli

Sanzioni in materia di imposte dirette e di imposta sul valore aggiunto. Sanzioni in materia di imposte dirette

Sanzioni in materia di imposte dirette e di imposta sul valore aggiunto. Sanzioni in materia di imposte dirette Sanzioni 26. D.Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471 (G.U. 8-1-1998, n. 5, s.o.). Riforma delle sanzioni tributarie non penali in materia di imposte dirette, di imposta sul valore aggiunto e di riscossione dei

Dettagli

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013

LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 INFORMATIVA N. 287 20 NOVEMBRE 2013 DICHIARAZIONI LA REGOLARIZZAZIONE DEL MOD. UNICO 2013 D.Lgs. n. 471/97 Art. 13, D.Lgs. n. 472/97 Circolari Agenzia Entrate 27.9.2007, n. 52/E e 19.2.2008, n. 11/E Entro

Dettagli

Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali. Ravvedimento

Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali. Ravvedimento Milano, 20 febbraio 2009 Le misure per i controlli e per le definizioni delle controversie fiscali Ravvedimento Utilizzo indebito dei crediti tributari e le modalità di accesso alle agevolazioni ACCERTAMENTO

Dettagli

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008

D. Liburdi, F. Colombo. Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 D. Liburdi, F. Colombo Il ravvedimento operoso Aggiornato con Decreto Anti-Crisi n. 185/2008 Edizione 2009 INDICE CAPITOLO PRIMO IL RAVVEDIMENTO OPEROSO 1. Gli aspetti generali e la prima interpretazione

Dettagli

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI

IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI IL NUOVO MODELLO E LE NUOVE MODALITA DI INVIO DELLA DICHIARAZIONE D INTENTO DA PARTE DEGLI ESPORTATORI ABITUALI Chiarimenti della Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 31/E del 30 dicembre 2014 L art.

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006

Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 [ Direzione Centrale Vigilanza sulle Entrate ed Economia Sommersa Circolare n. 111 del 13 Ottobre 2006 OGGETTO: Art. 36 bis - Legge n. 248/06 SOMMARIO: Interventi in materia di entrate e di contrasto al

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito RISOLUZIONE N. 3/E Roma, 9 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Artt. 5 e c. 5-bis, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 Determinazione base imponibile IRAP imprenditori agricoli

Dettagli

LUL, sanzioni per le omesse ed infedeli registrazioni. Profili sanzionatori generali. di Anastasio Guglielmo

LUL, sanzioni per le omesse ed infedeli registrazioni. Profili sanzionatori generali. di Anastasio Guglielmo LUL, sanzioni per le omesse ed infedeli registrazioni La disciplina sul Libro unico del lavoro, sebbene abbia notevolmente razionalizzato, rispetto al passato, l apparato sanzionatorio sulle scritture

Dettagli

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate

Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Successioni e Visure Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate RAVVEDIMENTO OPEROSO IN MATERIA DI IMPOSTE SULLE SUCCESSIONI Il ravvedimento operoso, come è noto, è un istituto giuridico

Dettagli

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi

Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi Pag. 488 n. 6/2005 12/02/2005 Gli studi di settore secondo la Legge Finanziaria 2005: le schede di sintesi di Rosita Donzì La Legge 30/11/2004 n. 311, art. 1, commi da 408 a 411 (in n. 2/2005, pag. 166),

Dettagli

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013

Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Circolare N.123 del 25 Luglio 2013 Modello 770-2013 e ravvedimento ritenute 2012. Il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento Gentile cliente con la presente

Dettagli

ERRORI E DIMENTICANZE

ERRORI E DIMENTICANZE ERRORI E DIMENTICANZE CORREZIONI DI ERRORI E DIMENTICANZE Introduzione Nella predisposizione della dichiarazione 730 è possibile che il contribuente abbia commesso errori o abbia dimenticato ad esempio

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato)

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI MONTEMURLO Approvato

Dettagli

CIRCOLARE N. 33 /E. Roma, 3 agosto 2012. OGGETTO: Mediazione tributaria Risposte a quesiti. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso

CIRCOLARE N. 33 /E. Roma, 3 agosto 2012. OGGETTO: Mediazione tributaria Risposte a quesiti. Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso CIRCOLARE N. 33 /E Roma, 3 agosto 2012 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Mediazione tributaria Risposte a quesiti 2 INDICE PREMESSA...3 1. PROVVEDIMENTI DI IRROGAZIONE DELLE SANZIONI...3

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

L art. 23, comma 22, del d.l. n. 98/2011 introduce per la prima volta nel nostro ordinamento

L art. 23, comma 22, del d.l. n. 98/2011 introduce per la prima volta nel nostro ordinamento MANOVRA CORRETTIVA LUGLIO 2011: LA REVOCA D UFFICIO DELLE PARTITE IVA INATTIVE DA TRE ANNI E LA DEFINIZIONE DELLA SANZIONE PER OMESSA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DI CESSAZIONE DELL ATTIVITÀ. SOMMARIO:

Dettagli

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI SANZIONI TRIBUTARIE PENALI Le sanzioni tributarie trovano il loro primo fondamento nella legge "manette agli evasori" D.L. 10 luglio 1982, n. 429, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 1982, n.

Dettagli

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa

Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa Il Punto sull Iva Le nuove società di comodo e le conseguenze Iva a cura di Norberto Villa L articolo 2, co.36-duodocies del D.L. n.138/11 stabilisce che sono considerati non operativi gli enti e le società

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

OGGETTO : Mediazione tributaria Risposte a quesiti

OGGETTO : Mediazione tributaria Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Circolare n 33/E OGGETTO : Mediazione tributaria Risposte a quesiti Roma, 3 agosto 2012 Indice Premessa... 1 1. Provvedimenti di irrogazione

Dettagli

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI

INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI INDICE LE FINALITA E GLI ASPETTI GENERALI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO NELLE IMPOSTE DIRETTE:LE TIPOLOGIE DI VIOLAZIONI IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E IL MODELLO 770 IL MODELLO F24 E CODICI TRIBUTO MAGGIORMENTE

Dettagli

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 281

SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 281 SERVIZI TRIBUTARI ANNO 2015 pag. 280 23 luglio 2015 98/FS/om Capitali detenuti all estero Emersione e rientro - Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 27 del 16 luglio 2015 Sintesi Forniti dall Agenzia

Dettagli

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento

Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo momento CIRCOLARE A.F. N. 123 del 25 Luglio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Modello 770/2013 e ravvedimento ritenute 2012: il 31 luglio 2013 è il termine per l invio ed il versamento salvo proroga dell ultimo

Dettagli

Pertanto, ai soggetti con partita Iva risulta già inibito, da tempo, l uso del modello F24 cartaceo.

Pertanto, ai soggetti con partita Iva risulta già inibito, da tempo, l uso del modello F24 cartaceo. Circ. 06/A/140826 San Fior, 26/08/2014 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: Procedure telematiche obbligatorie per i modelli F24 OBBLIGO GENERALIZZATO PER I CONTRIBUENTI CON PARTITA IVA L'art. 37 co.

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 54 11.07.2014 La correzione della dichiarazione Le modalità di presentazione della dichiarazione correttiva e della dichiarazione integrativa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla:

RISOLUZIONE N. 5/DF. Il citato comma 380 dell art. 1 della legge di stabilità per l anno 2013 alla: RISOLUZIONE N. 5/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 28 marzo 2013 DIREZIONE LEGISLAZIONE TRIBUTARIA E FEDERALISMO FISCALE UFFICIO XII PROT. N. 5534 OGGETTO: Imposta

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

OGGETTO: Fatturazione elettronica: le novità

OGGETTO: Fatturazione elettronica: le novità Roma, 11 Settembre 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Fatturazione elettronica: le novità Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che

Dettagli

Circolare Informativa n. 20/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 17 luglio 2000

Circolare Informativa n. 20/2000. Alle Società Consorziate. Roma, 17 luglio 2000 Circolare Informativa n. 20/2000 Alle Società Consorziate Roma, 17 luglio 2000 Rif.: 980.1. Oggetto: D.Lgs. 30 marzo 2000, n. 99, recante ulteriori disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: imposta di bollo Art. 1, comma 1-bis, della tariffa allegata al DPR 26 ottobre 1972, n. 642. Allegati agli

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248

LAVORO INCENDI QUALITA' LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 LEGGE DI CONVERSIONE DEL DECRETO BERSANI (LEGGE N. 248 DEL 4 AGOSTO 2006) Art. 36 bis ( pacchetto-sicurezza ) (Misure urgenti per il contrasto del lavoro nero e per la promozione della sicurezza nei luoghi

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Disciplina per la trasparenza della situazione patrimoniale dei titolari di incarichi pubblici. (Ex Art. 14 D. Lgs. 14 Marzo 2013 n. 33) (Approvato con Delibera

Dettagli

Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse Ulteriori chiarimenti

Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 25 giugno 2013 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 31/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 31/E QUESITO RISOLUZIONE N. 31/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 4 febbraio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000 n. 212 Obblighi dichiarativi delle imprese

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c.

CIRCOLARE N. 23/D. Roma, 27 luglio 2007. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I. e, p.c. CIRCOLARE N. 23/D Roma, 27 luglio 2007 Protocollo: 2192/IV/2007 Rif: Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane L O R O S E D I Allegati: e, p.c. All Avvocatura Generale dello Stato Via dei Portoghesi,

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO

VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO Circolare informativa per la clientela n. 28/2014 del 16 ottobre 2014 VISTO di CONFORMITÀ e COMPENSAZIONE dei CREDITI SUPERIORI a 15MILA EURO In questa Circolare 1. Comunicazione 2. Chi può apporre il

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE, IVA E RISCOSSIONE

IMPOSTE DIRETTE, IVA E RISCOSSIONE Pag. 546 n. 5/99 30/01/1999 IMPOSTE DIRETTE, IVA E RISCOSSIONE LA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELLE FINANZE SULLA RIFORMA DELLE NON PENALI IN MATERIA DI IMPOSTE DIRETTE, DI IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO E DI

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l articolo 3, comma 133 legge 662/1996, recante delega al Governo per l emanazione di uno o più decreti legislativi per la revisione organica ed il completamento della disciplina

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO

COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO COMUNE DI BAGNACAVALLO (PROVINCIA DI RAVENNA) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con atto del

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie Diritto tributario fisco e leggi finanziarie Decreto legislativo 31 ottobre 1990 n. 347 Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale. (in Gazz. Uff. 27

Dettagli

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative.

- l art. 4 fissa la decorrenza dell efficacia delle disposizioni correttive e integrative. - l art. 1 contiene le modifiche al D.Lgs. n. 471/1997, relativo alle sanzioni amministrative in materia di imposte dirette e sul valore aggiunto, nonché alla riscossione dei tributi, come integrato dal

Dettagli

Abolita la Comunicazione annuale dati IVA

Abolita la Comunicazione annuale dati IVA Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 307 29.10.2014 D.D.L. di Stabilità 2015: Dichiarazione IVA entro Febbraio Abolita la Comunicazione annuale dati IVA Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007

- avverso AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (omissis)/2012 IRPEF - ALTRO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO SEZIONE 3 riunita con l'intervento dei Signori: NATOLA LIVIO MICHELE Presidente FUSARO SERGIO Relatore GESUALDI

Dettagli

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA Lissone, 21 luglio 2009 Circolare n 14 / 09 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: LE NOVITA DELLA MANOVRA D ESTATE : La detassazione Tremonti/ter Le restrizioni in materia di crediti e compensazioni IVA

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia In vigore dal 01 gennaio 2001 CRITERI GENERALI PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA TRIBUTARIA Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC

C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC C O M U N E D I O L I V E T O L U C A N O PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 17.5.2014 Indice

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Tel. 045 / 7810503 045 / 7810685 Fax. 045 / 7810266 C R I T E R I PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI DI NORME IN MATERIA DI TRIBUTI

Dettagli