DIDATTICA INTEGRALMENTE DIGITALE, QUALI INSIDIE? GUI: PROBLEMA PER MANTENIMENTO CONCENTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIDATTICA INTEGRALMENTE DIGITALE, QUALI INSIDIE? GUI: PROBLEMA PER MANTENIMENTO CONCENTRAZIONE"

Transcript

1 DIDATTICA INTEGRALMENTE DIGITALE, QUALI INSIDIE? GUI: PROBLEMA PER MANTENIMENTO CONCENTRAZIONE Di: Eleonora fortunato (OrizzonteScuola.it) Se troppo esposti alla navigazione in Internet, i ragazzi in età scolare rischiano di perdere l attitudine alla concentrazione? Ne abbiamo parlato col sociologo dell università Milano-Bicocca Marco Gui, autore del libro "A dieta di media" Nel suo ultimo libro, A dieta di media (Il Mulino 2014), lei parla in maniera molto diffusa della difficoltà di concentrazione in un regime di abbondanza comunicativa e di stimoli multitasking forniti dalla Rete. Perché i nuovi media rendono più facile la distrazione? I media digitali, così come vengono disegnati e impostati oggi, sono costitutivamente problematici per le attività che richiedono il mantenimento della concentrazione. Non solo infatti sono multifunzionali ma consentono di impegnarsi contemporaneamente su più processi. L interfaccia a finestra è il modo in cui questa multifunzionalità è stata finora maggiormente declinata: si lavora su una finestra ma le altre sono minimizzate in una barra a fondo schermo e possono essere sempre rifocalizzate con un click. Molte funzioni riguardano la comunicazione in Rete e quindi possono interrompere direttamente il lavoro (un , una telefonata, una chiamata skype, un sms, una notifica su Facebook) illuminandosi o lampeggiando per richiamare la nostra attenzione. La tendenza spontanea a passare rapidamente da una finestra all'altra rischia di disabituarci a restare concentrati su un singolo compito per lungo tempo. Una ricerca che cito nel mio libro mostra, dati di navigazione alla mano, che gli articoli su Internet vengono letti dalla maggioranza degli utenti solo nella loro parte iniziale. A questo si aggiunga la molteplicità dei dispositivi in funzione per lo stesso individuo (molte ore passate per esempio con il computer e lo smartphone entrambi online) e la loro portabilità, con la conseguenza che la condizione di sovrabbondanza di stimoli è quasi costante per molte persone. Io definisco questa condizione sovrabbondanza comunicativa permanente. In questo io vedo delle opportunità, se la condizione di stimolazione continua viene limitata temporalmente e gestita in modo consapevole. Vedo invece dei rischi significativi se questa diventa la condizione di default delle nostre giornate. I più a rischio sono certamente i giovani, che sono particolarmente impegnati in attività che richiedono concentrazione, e si stanno formando alla fatica della concentrazione

2 stessa. I giovani, come dimostrano le ricerche sui comportamenti di consumo sono anche più inclini al consumo d impulso e quindi più facilmente distratti da contenuti attraenti. La distrazione di cui parla è paragonabile a quella di uno studente che venti anni faceva i compiti ascoltando la musica o guardando la televisione o è qualcosa di diverso? Credo che la differenza stia nella disponibilità immediata e sovrabbondante di occasioni piacevoli e facili di consumo comunicativo e nella diversa struttura dei nuovi media, che rende tale abbondanza facilmente fruibile in modo frammentato. In un simile contesto lo sforzo di autocontrollo necessario ad arginare la spinta al consumo d impulso è molto maggiore. Occorre oggi una esplicita educazione all attenzione che prima della rivoluzione digitale era meno necessaria, perché la divisione temporale e spaziale dei contesti e delle funzioni aiutava a focalizzarsi sulle attività importanti, sia per ciò che riguardava lo studio, le attività intellettuali e il lavoro in genere che per quanto atteneva ai rapporti personali e familiari. In un certo senso, per esempio, uno era obbligato ad essere presente durante la cena in famiglia o durante un viaggio in macchina con i propri familiari. Oggi, invece, queste due situazioni sono quelle nelle quali i genitori più spesso soffrono della assenza dei figli, perché impegnati in conversazioni o fruizioni varie (o entrambe) attraverso lo smartphone. La nuova situazione non va demonizzata, ma occorre prenderne consapevolezza per gestirla e non esserne vittime. Al limite, essa potrebbe anche essere un occasione per riflettere più esplicitamente sul valore della nostra attenzione. Un collega mi racconta che in alcune università americane ha preso piede l usanza di appoggiare tutti gli smartphone al centro del tavolo quando ci si incontra con un gruppo di amici, obbligando chi lo prende a pagare un giro di drink per tutti. E un modo semplice di affrontare un problema che sta emergendo sempre più chiaramente. Credo che trovare modalità per sviluppare questa competenza di gestione dell attenzione sia una delle sfide per gli educatori di oggi. Infatti senza questa capacità, si rischia che l abbondanza comunicativa che abbiamo guadagnato ci faccia più male che bene. Mi sembra essere d accordo con Roberto Casati quando mette in evidenza i limiti di quello che comunemente sentiamo chiamare multitasking : citando il filosofo, lei scrive che avrebbe senso parlare di multitasking se le nostre facoltà cognitive lo permettessero. In realtà il cervello umano è fatto per dare attenzione a una cosa per volta. [ ] A ogni passaggio da un focus all altro il nostro cervello subisce una dispersione di energia che si concretizza in affaticamento e conseguente perdita in profondità, sia nelle attività di analisi sia in quelle creative (p. 90). In ragione di ciò, qual è il suo giudizio sull uso dei libri digitali e del tablet in classe? In Italia i decisori nel campo delle politiche

3 formative hanno riflettuto abbastanza su questi temi? A livello internazionale, quali sistemi scolastici sono stati più cauti? Come mette in luce una recente ricerca dell OECD, l impressione è che l Italia si sia finora concentrata sugli obiettivi strumentali (per es. aumentare il numero di classi con una certa tecnologia o il numero di aule connesse) visti come un fine in sé. Invece, gli obiettivi pedagogici di questa trasformazione sono sempre stati espressi in modo vago. Perché stiamo impegnandoci in questa trasformazione? Cosa vogliamo ottenere? Come misuriamo i risultati? Questa vaghezza ha impedito finora anche di misurare o almeno valutare solidamente che cosa hanno prodotto queste politiche. Il tablet viene spesso introdotto nelle scuole secondo questo stesso approccio, come se la sua presenza fosse benefica di per sé e senza avere chiaro cosa si vuole fare di questo strumento. Per quanto ne so, e per quanto ho visto anche di persona nelle scuole che sto visitando per una ricerca estensiva che sto portando avanti per il Ministero dello Sviluppo Economico e il MIUR, uno strumento come il tablet richiede un ripensamento abbastanza radicale della dinamica d aula. Solo con questo ripensamento e con un progetto ben pensato uno strumento così potente, ma anche così potenzialmente dispersivo, può essere benefico. Cosa penso quindi del tablet in classe? Innanzitutto che la scuola non debba rimanere estranea a queste trasformazioni ma anzi che essa abbia un ruolo importante per educare ad un uso critico dei media. Questo significa che gli strumenti come il tablet dovranno assolutamente entrare nella scuola, se non altro per offrire esperienze di un suo utilizzo critico a studenti che hanno poca guida adulta nel loro uso delle tecnologie fuori da scuola. Tuttavia non penso che oggi sia saggio fare del tablet lo strumento universale di lavoro nelle classi, soprattutto nel caso in cui venga usato al posto dei libri per la lettura attenta e lo studio. Abbiamo ancora troppo da capire sugli effetti cognitivi e sociali di questi strumenti per tirare delle conclusioni definitive. Ci si deve basare su ciò che, a detta degli insegnanti, questi strumenti hanno mostrato sul campo: sicuramente essi aumentano (almeno nel breve termine) il coinvolgimento degli alunni meno motivati ma non sembrano aumentare le performance di apprendimento di coloro che già lo erano (vedi anche i risultati del primo studio sperimentale italiano sul progetto 2.0, Checchi et al, 2013). Inoltre, gli insegnanti segnalano che i rischi per la concentrazione sono i più rilevabili tra gli effetti collaterali. Se fossi un insegnante oggi e avessi a disposizione dei tablet nella mia classe, credo che li utilizzerei per alcune ore a settimana, organizzando con essi alcune attività specifiche (ricerca critica di informazioni, test interattivi, simulazioni e visualizzazioni di dati scientifici). L esperienza di decidere di spegnere il tablet e riporlo per guardarsi negli occhi, discutere, leggere credo sarebbe benefica per gli

4 studenti di questa immaginaria classe. Sicuramente non userei il tablet come strumento principale per leggere e studiare. Quanto ai sistemi scolastici esteri, non mi vengono in mente paesi esplicitamente cauti quanto paesi che hanno percorso più velocemente la strada delle tecnologie e nei quali sono emersi successivamente dei dibattiti sugli effetti collaterali di questi strumenti, per esempio la Gran Bretagna, i paesi del Nord Europa e le scuole private degli Stati Uniti. In nessuno di questi paesi sono emersi dati chiari sui benefici dei tablet per l apprendimento, mentre ferve il dibattito su quale sia il loro uso migliore nelle classi. L introduzione di dispositivi come il kindle (non collegati alla Rete) in aula sarebbe stato secondo lei più prudente? I lettori di e-book non retroilluminati e monofunzione sono strumenti sicuramente più adatti di un tablet per la lettura impegnativa. Proprio recensendo il libro di Casati ho scritto che l autore parla del tablet, ma non approfondisce il tema degli strumenti dedicati specificamente alla lettura (ad esempio gli e-book reader basati sulla tecnologia dell inchiostro elettronico), se non per dire giustamente che hanno perso nel mercato dei dispositivi elettronici. Tuttavia, non penso che sostituire i tablet con i reader risolva il problema. Il tablet solitamente non viene introdotto nelle scuole specificamente come supporto per la lettura ma per tutte le sue molteplici funzioni, che il reader non ha. Inoltre il tablet è lo strumento in questo momento in maggiore crescita e diffusione ed è importante socializzare i ragazzi ad un uso significativo dei dispositivi digitali che usano anche fuori da scuola. Meglio quindi, in questo momento, mantenere il tablet o il notebook (laddove c è) per specifiche attività e, ancora, la carta per leggere e studiare (a maggior ragione considerando gli effetti collaterali sulla vista che gli schermi retroilluminati comportano). Scrive anche che le nuove tecnologie spingono gli utenti, specialmente i giovani che usano questi strumenti negli anni della loro formazione, a processare le informazioni in modo frammentato e ipertestuale piuttosto che nella forma lineare e consequenziale propria del sapere organizzato tradizionale (p. 86). Che cosa uno studente di 14 anni non sa più fare rispetto a uno di venti anni fa? Si tratta di una perdita recuperabile o no? Uso spesso una similitudine quando parlo del processamento delle informazioni nell era digitale. Ci sono quelli che al mare fanno snorkeling, cioè stanno con maschera e boccaglio sulla superficie dell acqua. Vedono molte cose dall alto ma senza poterle toccare né esaminare da vicino. C è poi chi invece ogni tanto si immerge, nuota con fatica in profondità, esamina da vicino un particolare e magari porta qualcosa in superficie. Ebbene, la tendenza che viene naturale con i media digitali è quella di restare sempre in una condizione di snorkeling, esaminare

5 velocemente tante cose senza però avere forza e volontà per sceglierne una e andare in profondità. I ragazzi di oggi sono abituati a questo approccio alle informazioni. Intendiamoci, lo snorkeling digitale, che fuor di metafora è la navigazione, è molto importante per reperire le informazioni e può anche essere basata su tecniche sofisticate. Però, se non si offrono ai ragazzi esperienze di immersione a scuola, e del piacere più profondo che questo tipo di analisi dettagliata offre, è difficile che lo sviluppino poi fuori da essa. Siccome penso che le facoltà più nobili dell intelligenza umana abbiano bisogno di concentrazione e immersione per attuare le loro potenzialità, penso che sia opportuno educare a questo tipo di immersione. L uomo di cultura di domani deve saper navigare bene e in modo efficiente, ma deve anche saper fermarsi a leggere e commentare dettagliatamente un testo. Mi pare che lei infine contesti l idea per cui le pratiche cognitive dei nativi digitali debbano essere adottate come modello per il futuro. Su quali basi poggia questa sua convinzione? Quale dovrebbe essere o continuare a essere il modello? Contesto l idea che le pratiche dal basso dei giovani, che utilizzano i nuovi media senza una guida adulta, debbano essere prese a modello per il loro uso nella formazione istituzionale. Pensare che delle pratiche nate in contesti di svago o di comunicazione disimpegnata tra pari possano sostituire d improvviso le modalità didattiche tradizionali mi pare ingenuo. Non bisogna inoltre dimenticare che queste pratiche - prendiamo per esempio l uso di Facebook per lo scambio di informazioni - si basano su tecnologie commerciali, costruite a fini di lucro e non a fini educativi. Pc, tablet, smartphone, ecc. non sono stati progettati specificamente per apprendere, ma per piacere. I media digitali danno perciò l impressione che tutto possa essere fruito e costruito in modo molto più accattivante. Io però non credo sia tramontata l idea per cui la fatica è necessaria per costruire nuova conoscenza e per fruire in modo significativo della cultura. La fatica dell apprendere non si cancella, neanche nel mondo digitale. Molti istituti hanno esperienze positive con LIM, notebook o tablet in classe, ma allo stesso tempo si rendono conto che il tipo di studio a cui stanno abituando i loro studenti sta cambiando. In una scuola superiore pugliese, ad esempio, mi raccontavano che i loro studenti hanno difficoltà una volta arrivati all Università perché si trovano a studiare volumi di una certa entità, privi di quelle caratteristiche attraenti a cui sono abituati studiando con LIM e presentazioni powerpoint. Il quesito viene spontaneo: pensiamo che abituare a tale fatica sia ormai inutile? Io credo di no. Quindi ben vengano le tecnologie ma non devono farci perdere capacità di concentrarci e faticare su un testo impegnativo.

6 La sfida di oggi è quella di sviluppare un modello che educhi ad un uso critico delle tecnologie, e che pur abbracciando le novità non butti a mare l attenzione all argomentazione lineare e consequenziale e allo sviluppo della capacità di concentrarsi. Ci vuole in questo un po di pazienza. La storia dei media ci dice che le innovazioni necessitano di un po di tempo perché una società le digerisca. La ricerca e la scuola sono chiamate oggi ad impegnarsi per velocizzare questo processo di presa di consapevolezza. Però sul lungo periodo sarei ottimista: le opportunità che derivano da una innovazione importante, com è oggi la Rete, sono sempre state enormi per l uomo quando questi ha compreso il modo giusto di sfruttarla.

Riassunto primo focus (senior)

Riassunto primo focus (senior) Riassunto primo focus (senior) Il focus group si è svolto giovedì 25 marzo dalle 17.00 alle 18.30. I partecipanti erano persone in pensione appartenenti all associazione Amici della biblioteca. Sebbene

Dettagli

Un nuovo corso. Intervista ai Fluon - Studio35Live

Un nuovo corso. Intervista ai Fluon - Studio35Live Un nuovo corso I Fluon sono una band figlia del synth pop degli anni 80, una band che ha rotto convenzioni e offerto sprazzi di originalita. Nata dal genio di Andy Fumagalli (ex membro dei Bluvertigo,

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi

Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe. Gian Marco Marzocchi Descrizione e definizione dell alunno con ADHD in classe Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Centro per l Età Evolutiva - Bergamo Alla scuola materna Alcuni bambini iperattivi non riescono

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

INT-TSI. controller touchscreen. centro di controllo per sistemi di allarme intelligenti. www.satel-italia.it

INT-TSI. controller touchscreen. centro di controllo per sistemi di allarme intelligenti. www.satel-italia.it INT-TSI controller touchscreen centro di controllo per sistemi di allarme intelligenti www.satel-italia.it Centro di controllo Sicurezza e comfort quotidiano controllo remoto del sistema per sistemi di

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe?

FLIPPED CLASSROOM. Come e perché capovolgo la classe? FLIPPED CLASSROOM Come e perché capovolgo la classe? Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it La Classe Capovolta 2 Come funziona? Faccio studiare prima della lezione: I ragazzi arrivano a lezione con delle

Dettagli

Vincenzo Perrone Massimo Magni

Vincenzo Perrone Massimo Magni La rete nel palmo di una mano: la comunicazione mobile tra produttività e socialità Vincenzo Perrone Massimo Magni Università Bocconi Novembre 2008 metodologia e campione Il team di ricerca è composto

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico

WEB. Piccolo dizionarietto tecnologico WEB Piccolo dizionarietto tecnologico NATIVI DIGITALI - IMMIGRATI DIGITALI- TARDIVI L a distinzione fra nativi e migranti digitali fu introdotto nel 2001dallo studioso americano Marc Prensky: NATIVI DIGITALI

Dettagli

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA

Circolare n. 327 R DOCENTI. E p.c. ATA Circolare n. 327 R Verona, 0 8 / 0 4 / 2 0 1 5 All'attenzione E p.c. DOCENTI ATA Oggetto: MARTEDÌ 28 APRILE - INCONTRO DI AGGIORNAMENTO SUL CORRETTO UTILIZZO DEL REGISTRO ELETTRONICO RIVOLTO AI DOCENTI

Dettagli

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Perché Samsung SUR40 Display Surface Riconoscimento degli oggetti e delle mani Scoprite la vera differenza

Dettagli

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI

PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI PRESENTAZIONE 6 OTTOBRE TEMI FOCALI LA TECNOLOGIA POTENZIA L ASSISTENTE MULTITASKING La maggior parte delle assistenti (77%) passa più di 6 ore davanti al pc per lavoro, e almeno 2 3 ore sono dedicate

Dettagli

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT

Ebook 2. Il Web in mano. Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO WWW.LINKEB.IT Ebook 2 Il Web in mano Scopri la rivoluzione del web mobile SUBITO IL MONDO IN MANO Cosa trovi in questo ebook? 1. Il web in mano 2. Come si vede il tuo sito sul telefono 3. Breve storia del mobile web

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali

Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Responsabile e corretto utilizzo delle tecnologie digitali Informazioni e indicazioni per i genitori Le tecnologie audiovisive e digitali sono strumenti molto utili per la formazione ed il divertimento

Dettagli

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati

Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Un percorso formativo per supportare il confronto tra insegnanti e bambini adottati Il presente Percorso Formativo è riconosciuto dal CSA di Bologna Scuola Elementare M. Longhena (BO) 14-22 2006 Premessa

Dettagli

Condizione che produce in un alunno un deficit nella capacità di : Ascoltare, pensare, leggere, scrivere o fare calcoli matematici in modo corretto.

Condizione che produce in un alunno un deficit nella capacità di : Ascoltare, pensare, leggere, scrivere o fare calcoli matematici in modo corretto. DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Condizione che produce in un alunno un deficit nella capacità di : Ascoltare, pensare, leggere, scrivere o fare calcoli matematici in modo corretto. Utilizzare il computer consente:

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 3 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web MISURAZIONE ED OBIETTIVI INDEX 3 7 13 Strumenti di controllo e analisi Perché faccio un sito web? Definisci

Dettagli

Il software Crealibro

Il software Crealibro Istituto Comprensivo Borgoncini Duca, Roma Il software Crealibro Un progetto di letteratura accessibile per l infanzia Documentazione didattica Cura della dott.sa Francesca Caprino 1 1. Premessa: il diritto

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia

Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia Sviluppare l attenzione nella scuola dell infanzia L esperienza della Rete Ricerca Infanzia di Treviso Treviso, 25 Marzo 2011 Beatrice Caponi Università di Padova Rete Infanzia Treviso Coinvolgimento di

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali:

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali: ICS G. CAPPONI Provincia: Milano Comune: Milano Indirizzo: Via Pestalozzi 13 E-mail della scuola: elementare.pestalozzi@icscapponi.it Dirigente: prof.ssa Giuseppina Izzo Progetto Dai 5 agli a 11 anni:

Dettagli

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari

a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport a cura della Federazione Italiana Scuole Materne (FISM) della Provincia di Sassari E SOLO

Dettagli

NAVIGANTI ALLERTA. Un progetto per l'apprendimento della consapevolezza dei possibili rischi del web

NAVIGANTI ALLERTA. Un progetto per l'apprendimento della consapevolezza dei possibili rischi del web NAVIGANTI ALLERTA Un progetto per l'apprendimento della consapevolezza dei possibili rischi del web Dott.ssa Alessandra Palma Responsabile scientifico del progetto L evoluzione dei mezzi di comunicazione

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

La mia prima app: Alla festa con Tina Talpina

La mia prima app: Alla festa con Tina Talpina La mia prima app: Alla festa con Tina Talpina Indicazioni didattiche di F. Zambotti Bambini e ipad: giocare e apprendere divertendosi Sempre più spesso, anche in Italia, bambini piccoli o piccolissimi

Dettagli

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT

PROGETTO CHIOCCIOL@.IT PROGETTO CHIOCCIOL@.IT Premessa: Secondo una ricerca condotta da Skuola.net, in Italia un giovane su tre (nella fascia di età che va dagli undici ai venti anni) sarebbe sempre connesso ai social network.

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

Incontra la Generation C

Incontra la Generation C incontra LA GENERAtion C 2 Incontra la Generation C Il GC rapporto tra utenti e mezzi di comunicazione è profondamente cambiato. Per la prima volta, un intera generazione é cresciuta costruendo una relazione

Dettagli

Non è esatto. Noi ci scambiamo una registrazione di quel software su dischetto, il che non è la stessa cosa.

Non è esatto. Noi ci scambiamo una registrazione di quel software su dischetto, il che non è la stessa cosa. Oggi ho intenzione di introdurre i concetti fondamentali che sono alla base del funzionamento di un elaboratore. Voglio premettere che, in generale, io preferisco usare termini in Italiano, visto che la

Dettagli

GUIDA ALL ACQUISTO TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA

GUIDA ALL ACQUISTO TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA TOSHIBA FEATURE TUTTI A SCUOLA Introduzione Satellite A100 / A110 TUTTI A SCUOLA GUIDA ALL ACQUISTO Che siate un insegnante o uno studente Toshiba offre il notebook giusto per voi. I notebook sono lo strumento

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino

SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini. di Riccarda Viglino SCENARI PER LA VALUTAZIONE AUTENTICA: costruire rubriche con i bambini di Riccarda Viglino L'insegnamento, secondo Bruner, dovrebbe avere l'obiettivo di condurre lo studente a scoprire ed imparare per

Dettagli

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book 1 Francesco Cicogna Creazione di un e-book 2 E-book un e-book (libro elettronico) è un libro in formato elettronico (digitale). E un file consultabile su computer, telefonini di ultima generazione, palmari

Dettagli

Ho molto pensato e riflettuto in questi due termini, inizialmente avevo inserito anche

Ho molto pensato e riflettuto in questi due termini, inizialmente avevo inserito anche COMPETENZE E CAPACITA NELLA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI Il tema della formazione iniziale ed in servizio degli insegnanti è di grande attualità perché non solo si sta predisponendo il decreto attuativo

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE I.C. 41 CONSOLE Via Diomede Carafa, 28 80124 - Napoli A.S. 2014/2015 RELAZIONE FINALE F.S. AREA 4 GESTIONE TECNOLOGICA E SITI WEB SEDE FORNARI DOCENTE LONIGRO MARIAROSARIA

Dettagli

Il profumo dei limoni

Il profumo dei limoni Scuola secondaria di primo grado Alberto Marvelli Classi II A B C D E F Anno scolastico 2012-2013 Il profumo dei limoni Progetto di media education promosso dall Ufficio Scolastico Provinciale Rimini Il

Dettagli

Scuola Polo IPS Alessandro Filosi Terracina Corso di Formazione docenti Neo Assunti A.S. 2014/2015 Nuove tecnologie per la didattica

Scuola Polo IPS Alessandro Filosi Terracina Corso di Formazione docenti Neo Assunti A.S. 2014/2015 Nuove tecnologie per la didattica Scuola Polo IPS Alessandro Filosi Terracina Corso di Formazione docenti Neo Assunti A.S. 2014/2015 Nuove tecnologie per la didattica L uso delle tecnologie digitali in classe e il loro ruolo nella didattica

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

I prodotti editoriali

I prodotti editoriali Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 Il prodotto nell ottica della gestione

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO!

TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO! TV, VIDEOGIOCHI E BAMBINI: ISTRUZIONI PER L USO! 24 Novembre 2015 Venusia Covelli Cari Genitori, in occasione dell incontro di stasera, ho pensato di redigere un questionario attraverso il quale potrete

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

1_ http://www.anconanord.it Evitare la semplice autoreferenzialità. Provare a documentare i processi piuttosto che i semplici prodotti. Trova il tempo per aggiornarlo costantemente 02_http://www.assisi2circolo.it

Dettagli

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE.

PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. PER COMINCIARE ERA DIGITALE COSA SI INTENDE? ISTANTANEITA, SENZA FATICA, SENZA CONFINI, TUTTO DISPONIBILE. QUELLO CHE ACCADE IN QUESTO CONTESTO DIGITALE QUANDO DIVENTA UN PROBLEMA per i genitori? ERA DIGITALE

Dettagli

Dipartimento di Psicologia dell Università di Parma. Insegnante elementare, esperta di multimedialità

Dipartimento di Psicologia dell Università di Parma. Insegnante elementare, esperta di multimedialità http://digilander.libero.it/ricercavisiva/mission/_/intervista.htm Nell ambito del Progetto Mission è stato promosso un seminario di studi organizzato dalla S. M G. Galilei di Cecina in collaborazione

Dettagli

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona

Coderdojo Verona. CoderDojo Verona c/o ITIS G. Marconi Verona P.le R. Guardini 1 37138 Verona Rivolto a bambini e bambine, ragazzi e ragazze tra i 7 e 14 anni. Primo incontro 10 Maggio 2014 alle ore 10.45 presso ITIS G. Marconi - Verona Cos è CoderDojo? CoderDojo, Coder dall Inglese programmatore

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici

sono dello stesso colore i colori delle caselle A e B risultano identici Eccoci qui. Vi trovo agguerriti e un po'... tesi, del resto come me, come se fosse il primo giorno di scuola o, meglio, il giorno di nascita di un'amicizia. Io sono molto più fortunato di voi: guardate

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

TEST M.M.P.I. (Fac-simile)

TEST M.M.P.I. (Fac-simile) TEST M.M.P.I. (Fac-simile) Vengono comunque riportati alcuni esempi chiarificatori modificati rispetto al testo originale poiché, come già detto, è vietata la riproduzione del reattivo, anche parziale:

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011

I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO. Palermo 9 novembre 2011 I WEBQUEST SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Palermo 9 novembre 2011 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO Webquest Attività di indagine guidata sul Web, che richiede la partecipazione attiva degli studenti,

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Report: confronto dei 3 cms più usati

Report: confronto dei 3 cms più usati Report: confronto dei 3 cms più usati Inutile girarci attorno, i cms più usati sono tre Wordpress, Joomla e Drupal. Partiamo dalle cose in comune. Tutti e tre sono open source ovvero il codice è libero

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice

Laboratorio di Tecnologie dell Istruzione e dell Apprendimento. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI TECNOLOGIE DELL ISTRUZIONE E DELL APPRENDIMENTO LEZIONE II IPERTESTI E WEB ANTOLOGIE CON WORD PROF.SSA ELVIRA VENTRE Indice 1 L ipertesto un modo naturale di elaborare le

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione Giornata Aperta 2009 Atomi e gomitoli: riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione dell'incontro dell'11 maggio 2009. Mario Ciao Daniela, il che dici, dii parlo del dl sito www.odorisuonicolori.it

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Francesco Cappé: oggi fondatore di GaragErasmus, già funzionario ONU

Francesco Cappé: oggi fondatore di GaragErasmus, già funzionario ONU Francesco Cappé: oggi fondatore di GaragErasmus, già funzionario ONU Quante cose sono cambiate da quando Lei si spinse, tra i primi, in mobilità: uno spazio europeo dell istruzione superiore più piccolo

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

APP TUTTI PAZZI PER L'...!

APP TUTTI PAZZI PER L'...! PPROFESSIONE FARMACIA APP TUTTI PAZZI PER L'...! PROFESSIONE FARMACIA di Alessandro Fornaro, giornalista e farmacista Alcuni siti propongono a negozi, ristoranti e qualsiasi altra sorta di attività commerciale

Dettagli

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry

da Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinchè vedessero chiaramente che cos era, disegnai l interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele

Dettagli

Marco mavimo Moscaritolo Presidente Associazione Drupal Italia

Marco mavimo Moscaritolo Presidente Associazione Drupal Italia Prefazione Se state leggendo queste righe probabilmente avete appena comprato questo libro, oppure siete in piedi, davanti a uno scaffale, valutandone l acquisto. Se questo è vero, altrettanto probabilmente

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli