Osservatorio Materie Prime e Borse Merci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Materie Prime e Borse Merci"

Transcript

1 Osservatorio Materie Prime e Borse Merci 19 Gennaio 2012 Area Pianificazione Strategica, Research & IR

2 Summary L indice Sintetico Borse Merci (ISB) - elaborato dall Area Pianificazione Strategica, Research & IR BMPS relativo al prezzo delle materie prime trattate nelle principali Borse Merci Italiane, nelle ultime 4 settimane ha evidenziato una crescita dell 1.3%. In salita, sulla piazza di Firenze, l ISB Combustibili (+6.5% m/m) trainato sia dal gasolio da autotrazione (+7.9% m/m), che dalla benzina (+5.1% m/m). Variazione negativa per l ISB Tessile (-3.5% m/m), dovuta essenzialmente al ribasso della lana australiana (-9.9% m/m), mentre si registra una variazione positiva per la lana Nuova Zelanda (+3.8%) e stabilità nei prezzi per tutte le altre fibre. Segno positivo per l ISB Agricoltura (+1.2% m/m) per il quale è da sottolineare il trend positivo del comparto carni (+2.6% m/m), con suini in evidenza (+8.7%). Nel settore cereali variazione ancora negativa per il riso (-12.1% m/m), in crescita il mais (+6.9% m/m) e il frumento duro (+1.2% m/m). Restano stabili i prezzi di grano tenero, vino atto a divenire Chianti e olio toscano. A livello mondiale, da segnalare * : Metalli. Negativo l andamento della quotazione dell ultimo mese per i metalli preziosi: l oro ha fatto registrare una flessione mensile di 10,2% e chiude comunque l anno con un apprezzamento del 10,2%, mantenendosi sotto i 1.600$; l Argento ha perso il 14,8% rispetto al mese precedente, registrando un 9,8% rispetto al valore di fine 2010, ma registrando un prezzo medio nel 2011 (35,12$ per oncia) in netta crescita (+74%) rispetto ai prezzi medi del 2010 (20,19$ per oncia) come dichiarato dal Silver Institute. Per quanto riguarda i metalli industriali ribasso a due cifre per Zinco e Platino sia nel corso dell ultimo mese(rispettivamente -11.9% e -10,3%) che nel corso dell anno (-25,2% e -21,1%). Continua la flessione dell alluminio che nell ultimo mese perde il -5,4% attestandosi a 1.997$ per tonnellata(- 18.8% a/a), livello stimato dagli analisti non profittevole per un quarto della produzione mondiale. Il Rame registra nel mese un -3,5% e a livello annuo un deprezzamento del 21,2%; in dicembre le importazioni cinesi di rame hanno registrato il record di 509mila tonnellate tra metallo grezzo, semilavorato ed in lega superando il precedente primato di 485mila tonn. del giugno Sembra comunque che a trainare le importazioni cinesi non sia stata l esplosione della domanda al consumo, in quanto non evidenziata dalla bilancia dei pagamenti che ha registrato nel mese la crescita più bassa degli ultimi due anni. * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 30 dicembre 2011 pag. 2

3 Summary Energia. Quotazione con andamento sostanzialmente stabile nell ultimo mese sia il Brent (- 2,8%) che il WTI (-1,5%) nonostante la decisione dell OPEC di alzare per la prima volta in tre anni il tetto della produzione di greggio portandolo a 30 milioni di barili al giorno. Il gasolio e la benzina chiudono il 2011 con crescite rispettivamente del 21,2% e del 9,5%. In consistente calo anche nell ultimo mese il valore del gas naturale (-15,8%) che si attesta a quota 2,989$ per milione di Btu (British thermal units), livello minimo negli ultimi due anni; le perdite sono state accentuate nell ultimo trimestre dall inverno particolarmente mite negli Stati Uniti. Agricoltura. Nell ultimo mese dell anno recupero del frumento (9,6%) che comunque si mantiene in territorio negativo (-17,8%) nella variazione da inizio anno. Variazione positiva nell ultimo mese anche per il mais (7,5%) che chiude l anno con un incremento del 2,8% e della soia con una variazione mensile del 5,9% in seguito alle avverse condizioni climatiche sudamericane che fanno presagire consistenti riduzioni della produzione. Valori negativi per il caffè che registra valori mensili di 9,2% per il robusta e 3,0% per arabica e rispetto all inizio anno -15,2% per il robusta e -5,7 per l arabica; valori che evidenziano la sofferenza del mercato dovuto al rallentamento economico in Europa e negli Stati Uniti e le elevate vendite registrate dal Brasile che hanno raggiunto livelli record nel 2011 (9 mld di dollari). Tessile. Leggera ripresa nell ultimo mese del cotone (1,6%) che però evidenzia una perdita da inizio anno del 36,6% a quota 91,8 centesimi per libbra. Ancora più pesante il confronto con i massimi storici toccati a marzo a oltre 215 centesimi. I prezzi risentono di un raccolto record (dati USDA +7,5% pari a 123,9 milioni di balle) causato dal rialzo di oltre il 90% delle quotazioni nel 2010, mentre la domanda dovrebbe scendere ai minimi da tre anni (dati USDA 114,2 milioni di balle). Il calo delle quotazioni della gran parte delle materie prime, in particolare industriali ed agricole, è da imputare alle mutate condizioni economiche a livello mondiale, con un evidente rallentamento della crescita economica evidenziata anche dal calo dei principali indicatori di fiducia tra i quali citiamo il PMI, che nell Eurozona a dicembre si attesta a 46,9, ed il Baltic Dry Index che scende a punti, livello che non si vedeva da inizio * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 30 dicembre 2011 pag. 3

4 Performance materie prime nel mondo * Variazione ultimo mese (%) Variazione da fine 2010 (%) Frumento Palladio Mais Nickel Soia Benzina Cotone Bovini da macello Lana sùcida Gomma (caucciù) Petrolio (WTI) Riso grezzo Zucchero grezzo Cacao Petrolio (Brent) Caffè arabica Rame Piombo Gasolio Suini da macello Alluminio Caffè robusta Oro Platino Zinco Argento Gas naturale -1,4-1,5-1,6-1,6-2,5-2,8-3,0-3,5-3,8-4,3-4,4-5,4-9,2-10,2-10,3-11,9-14,8-15,8 9,6 7,6 7,5 7,1 5,9 4,6 1,6 1,1 0,0 Lana sùcida Gasolio Bovini da macello Petrolio (Brent) Oro Benzina Petrolio (WTI) Suini da macello Riso grezzo Mais Caffè arabica Argento Soia Caffè robusta Frumento Palladio Alluminio Platino Rame Piombo Nickel Zinco Zucchero grezzo Cacao Gas naturale Cotone Gomma (caucciù) -5,7-9,8-14,0-15,2-17,8-18,3-18,8-21,1-21,2-21,3-24,2-25,2-27,5-30,5-32,1-36,6-38,9 27,1 21,2 13,9 13,3 10,2 9,5 8,2 5,7 4,4 2,8 * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 30 dicembre 2011 pag. 4

5 Performance materie prime nel mondo * Variazione da fine 2011 (%) Cacao Zinco Platino Alluminio Argento Rame Gomma (caucciù) Nickel Oro Cotone Gasolio Caffè robusta Petrolio (Brent) Lana sùcida Zucchero grezzo Benzina Suini da macello Petrolio (WTI) Bovini da macello Caffè arabica Riso grezzo Piombo Soia Palladio Mais Frumento Gas naturale -10,7-7,3-7,7-0,1-0,3-0,7-1,5-1,5-3,2-3,2 7,6 6,7 6,2 5,9 5,8 5,2 5,1 4,4 4,1 4,0 3,1 2,9 2,8 2,6 2,3 1,8 1,5 Metalli. L alluminio mostra segnali di ripresa nelle prime settimane del nuovo anno, dopo l annuncio di Alcoa di ridurre la produzione del 12% e l intenzione di ridimensionamenti della produzione anche da parte di altri importanti players del mercato (Norsk Hydro). Energia. Continua il calo del Gas naturale nonostante l annuncio dell EIA (US Energy Information Admministration) del calo dello stock settimanali di 95 miliardi di piedi cubici, nella prima settimana dell anno. Agricoltura. Quotazioni in calo per i cereali in seguito ai dati diffusi dal Dipartimento dell Agricoltura statunitense, USDA (United States Department of Agriculture) che ha stimato stock in crescita rispetto alle stime precedenti, sia per il grano che per il mais. Tessile. Leggero rimbalzo del cotone nonostante le stime di Goldman Sachs che si attende una contrazione a 85 centesimi entro il primo semestre dell anno (quotazioni oltre 95 centesimi nelle prime due settimane). * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 13 Gennaio 2012 pag. 5

6 dic-07 feb-08 apr-08 giu-08 ago-08 ott-08 dic-08 feb-09 apr-09 giu-09 ago-09 ott-09 dic-09 feb-10 apr-10 giu-10 ago-10 ott-10 dic-10 feb-11 apr-11 giu-11 ago-11 ott-11 dic-11 dic-07 feb-08 apr-08 giu-08 ago-08 ott-08 dic-08 feb-09 apr-09 giu-09 ago-09 ott-09 dic-09 feb-10 apr-10 giu-10 ago-10 ott-10 dic-10 feb-11 apr-11 giu-11 ago-11 ott-11 dic-11 Baltic Dry Index e Purchasing Managers Index Baltic Dry Index BDI Il Baltic Dry Index misura il costo dei noli marittimi per il trasporto di merci secche (come cereali, metalli, carbone) lungo 26 rotte commerciali. L indice è considerato un buon anticipatore del prezzo delle materie prime e di conseguenza anche del ciclo economico. Ciò è dovuto al fatto che l offerta di navi cargo è tipicamente anelastica in quanto occorre tempo per costruire una nave ed è molto costoso tenerla inattiva; le variazioni della domanda, quindi, si riflettono direttamente sul costo dei noli marittimi; inoltre la sensibilità dell indice non è influenzata da effetti speculativi vista la natura prettamente reale delle componenti dell indice stesso. Quotazioni al 30 dicembre 2011 Purchase Manager Index (PMI) PMI L indice dei direttori d acquisto (PMI) è un indicatore della produzione industriale, composto da 5 indici che riguardano nuovi ordini, produzione, occupazione, livelli delle scorte, tempi di consegna dei fornitori. Un altra informazione fornita dai direttori d acquisto riguarda i prezzi degli input acquistati. Livelli superiori a 50 indicano una fase di espansione dell economia, sotto a 50 una fase di contrazione. Dati al 30 novembre 2011 USA Cina UE pag. 6

7 Italia: Distretti e Fonti analizzati Nella cartina sotto riportata sono evidenziati i principali distretti italiani particolarmente esposti alle variazioni dei prezzi delle materie prime L analisi che segue si basa sui prezzi rilevati nelle Borse merci di Firenze, Prato, Biella e Padova Rendimenti (%) * Indici Sintetici Borse Merci ** dic-11 Agricoltura 12,3-19,2-9,9 16,4 0,8 Cereali, Vino, Olio 32,5-29,5-6,5 22,8 2,1 Allevamento -3,4-8,3-12,7 10,8-0,4 Tessile 5,9-7,7 2,6 49,7 0,6 Prato 2,5-1,3-0,5 44,8 0,4 Biella 13,0-19,7 9,8 60,1 1,1 Combustibili 14,0-20,0 12,2 13,3 21,0 Totale 10,8-16,0 2,0 26,5 7,7 Indice prezzi al consumo 2,8 2,4 1,1 1,7 4,0 Indice FTSE MIB -7,0-49,5 19,5-13,2-25,6 Rispetto ai valori di fine 2010 l ISB complessivo evidenzia una crescita (+7.7%) riferibile principalmente all ISB Combustibili (+21% a/a). Confermato il trend positivo del settore Tessile (+0.6% da inizio anno) e inversione di tendenza per l ISB Agricoltura, che questo mese fa reigstrare una variazione positiva (+0.8% a/a) Dati al 31 Dicembre 2011 Veneto Val Biella Lecco Seriana Vicentino S.Stefano Belbo Valenza Parma Carpi Imperia Prato Arezzo Borse merci: Firenze Prato Biella Padova San Daniele Vibrata Marcianise Distretto del vino Distretto orafo S.Marco dei Cavoti Vulture Distretto tessile Distretto agroalimentare Sibari Maierato *Variazione % dell ultimo prezzo disponibile dell anno in corso sull ultimo prezzo dell anno precedente **Indici sintetici dei prezzi di 18 prodotti (9 per l Agricoltura, 6 per il tessile, 3 per i combustibili) rilevati nelle borse merci di Firenze, Prato e Biella pag. 7

8 Principali trend Italia: Indici Sintetici Borse Merci * Evoluzione ISB * (31/12/2007=100) 180,0 160,0 140,0 120,0 100,0 80,0 60,0 40,0 20,0 Dati al 31 Dicembre Borsa Merci di Prato dati al 30/11/2011 giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 ISB Agricoltura ISB Tessile ISB Combustibili ISB Totale Indice prezzi al consumo FTSE MIB ISB Tessile: +0.6% da fine Ancora in crescita il prezzo della lana sulla Borse Merci di Biella (+22.2% per la Nuova Zelanda, +0.8% l Australiana) e Prato (+13.8%). Mentre prosegue il trend positivo per le fibre di poliestere (+7.3%), si conferma la discesa della viscosa che segna un ribasso del -30.4%. Si mantiene invece stabile il prezzo del cotone. ISB Combustibili: +21% da fine Negli ultimi dodici mesi rincari marcati sia per la benzina (+16.7%), che per il gasolio auto (+26%), complice soprattutto l incremento delle accise, passate rispettivamente a /l (+24.9% da /l di inizio anno) e /l (+40.2% da /l di inizio anno). ISB Agricoltura: +0.8% da fine Nel paniere variazioni positive per il frumento duro (+17.8%), il vino chianti (+20%) e l olio toscano (+25.2%) mentre perdurano andamenti negativi per frumento tenero (-23.0%), mais (-22.9%) e riso (-16.3%). *ISB: Indici sintetici elaborati dall Area Pianificazione Strategica, Research & IR di Banca Monte dei Paschi di Siena sulla base dei prezzi al 31 Dicembre 2011 delle materie prime trattate nelle principali Borse Merci Italiane. In particolare Il campione comprende 18 prodotti (9 per l Agricoltura, 6 per il tessile, 3 per i combustibili) rilevati nelle borse merci di Firenze, Prato e Biella; per la Borsa Merci di Prato dati al 30/11/2011. pag. 8

9 Principali trend Italia: Combustibili Trend dei prezzi (31/12/2007=100) Rendimenti (%) * Gasolio Riscaldamento Benzina Gasolio Auto Greggio dic-11 Petrolio (WTI) ** 57,2-53,5 77,9 15,1 8,2 Gasolio Autotrazione 15,1-19,4 9,7 13,7 24,3 Gasolio Riscaldamento 15,1-18,4 10,5 12,9 8,9 Benzina 11,6-21,3 17,8 12,5 16,7 Gasolio Auto 17,1-21,6 8,8 18,0 26,0 40 Dati al 31 Dicembre giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 fonte: Borsa Merci Firenze per i derivati del petrolio; Bloomberg per il Greggio * Var % dell'ultimo prezzo disponibile dell'anno in corso su fine anno precedente ** fonte: Bloomberg fonte: Borsa Merci di Firenze L Unione Petrolifera (UP) ha comunicato che nel 2011 i consumi italiani nel comparto carburanti sono diminuiti di circa tonnellate, facendo registrare un calo dell 1.4% rispetto all anno precedente. In particolare la benzina (scesa per la prima volta dal 1995 sotto la soglia dei 10 milioni di tonnellate), nel periodo considerato, ha mostrato una flessione del 6% a/a, mentre il consumo di gasolio da autotrazione ha registrato un leggero incremento del +0.4% a/a. Nel 2011 in diminuzione le immatricolazioni di autovetture (-10.9% Fonte UNRAE). Alla Borsa Merci di Firenze nel mese di Dicembre prosegue l aumento dei prezzi per i carburanti* : +9% m/m il gasolio per auto, +5.1% m/m la benzina, in forte crescita la componente accise. Mese in discesa per le quotazioni del Petrolio ** : Brent -2.8% m/m; Wti -1.5% m/m. *Prezzi franco distributore stradale ** Fonte: Bloomberg, quotazioni al 30 dicembre 2011 pag. 9

10 Principali trend Italia: Agricoltura Trend dei prezzi (31/12/2007=100) Rendimenti (%) * 250 Frumento duro Frumento tenero Mais Riso Olio toscano Chianti Dati al 31 Dicembre giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic dic-11 Frumento duro 146,8-60,3-1,9 34,9 17,8 Frumento tenero 67,8-49,3-2,4 81,3-23,0 Mais 50,9-51,9 24,0 58,5-22,9 Riso -19,1 42,0-15,1 31,6-16,3 Chianti 18,6-11,8-17,8 2,7 20,0 Olio toscano 13,7-20,7-8,7-1,9 25,2 * Var % dell'ultimo prezzo disponibile dell'anno in corso su fine anno precedente fonte : Borsa Merci di Firenze Dati al 31 Dicembre 2011 Rimane stabile nell ultimo mese il prezzo dell olio di tipo extra vergine I.G.P. Toscano che continua a beneficiare di un notevole interesse da parte degli operatori (+25.2% a/a). Secondo la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori), sebbene la campagna 2011 avesse fatto sperare in un mercato più vivace, dato l inizio promettente dovuto anche all elevata qualità media, attualmente si sta delineando una situazione molto difficile per gli olivicoltori italiani. Questo fenomeno riguarda in particolare il mercato pugliese, il più importante e di riferimento a livello nazionale, dove l olio si sta scambiando a 2.2/2.3 euro al chilo, prezzi inferiori a quelli rilevati nell anno precedente, già considerati non remunerativi per i produttori. Alla Borsa Merci di Firenze nell ultimo mese: Ancora in flessione il riso (-12.1%) mentre segnano variazioni positive il frumento duro (+1.2%) e il mais (+6.9%) per il quale è da sottolineare l inversione di tendenza dovuta all intensificazione degli scambi sul mercato locale. Prezzi stabili per Grano tenero, Chianti (per il quale è da segnalare l andamento in recupero sui mercati esteri) e Olio toscano. pag. 10

11 Principali trend Italia: Allevamento Trend dei prezzi (31/12/2007=100) Rendimenti (%) * Polli Suini Bovini Vitelli dic-11 Vitelli 21,4-8,8-5,8-2,7 0,0 Bov ini 9,5-11,6-4,4-1,4-0,9 Suini -22,9 0,0-24,1 24,4-2,0 Polli 6,1-12,3-12,3 18,8 2,1 * Var % dell'ultimo prezzo disponibile dell'anno in corso su fine anno precedente 65 Dati al 31 Dicembre giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 fonte : Borsa M erci di Firenze Dati al 31 Dicembre 2011 Alla Borsa Merci di Firenze nell ultimo mese prosegue la variazione positiva nel comparto Carni (+2.6% m/m). In particolare: Quotazioni ancora in rialzo per i suini (+8.7% m/m) che risentono di una ripresa della domanda Stabili i prezzi per vitelli e polli. pag. 11

12 Principali trend Italia: Tessile Trend dei prezzi di Prato (31/12/2007=100) Trend dei prezzi di Biella (31/12/2007=100) Poliestere Viscosa Cotone Lana 210 Lana Nuova Zelanda Lana Australia giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic giu-08 set-08 dic-08 mar-09 giu-09 set-09 dic-09 mar-10 giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 Rendimenti (%) * dic-11 Cotone 0,0 0,0 0,0 78,0 0,0 Viscosa 15,2-13,2 10,5 58,6-30,4 Poliestere 0,0 0,0 0,0 17,0 7,3 Lana 3,8 1,5-10,1 28,9 13,8 Lana Australia 14,0-19,6 9,6 60,7 0,8 Lana Nuova Zelanda -18,3-26,3 19,6 34,3 22,2 * Var % dell'ultimo prezzo disponibile dell'anno in corso su fine anno precedente fonte: Borsa Merci di Prato (prezzi fermi a novembre 2011) e Borsa Merci di Biella dati al 31 dicembre 2011 * Pubblicazione ISTAT del 20/12/11 Gli impieghi al settore tessile, cuoio e abbigliamento fanno registrare una leggera flessione, portandosi a -0.8% nel mese di novembre (var % a/a); ad ottobre la variazione tendenziale (a/a) è diventata negativa per il fatturato (-0.7%) mentre si è accentuata la contrazione degli ordinativi (-6.3% a/a) *. I prezzi delle commodity del comparto tessile hanno registrato nell ultimo mese una variazione del -3.5%, riferibile essenzialmente al trend negativo della lana alla Borsa Merci di Biella (-9.6%). Alla Borsa merci di Prato si registrano invece prezzi stabili sia per il cotone che per viscosa, poliestere e lana. pag. 12

13 Principali trend Italia: Impieghi e Sofferenze Andamento mensile impieghi * (30/06/2010=100) Andamento mensile sofferenze * (30/06/2010=100) Agricoltura Alimentare Tessile Agricoltura Alimentare Tessile 125 Legno Chimici Energia 185 Legno Chimici Energia giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 nov giu-10 set-10 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 nov-11 fonte: Banca di Italia fonte: Banca di Italia *Composizione aggregati: Agricoltura: agricoltura, silvicoltura e pesca; Energia: fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; Alimentare: industria alimentare, delle bevande e tabacco; Tessile: industria tessile, abbigliamento e articoli in pelle; Legno: industria del legno e dell'arredamento; Chimici: Fabbricazione di raffinati del petrolio, prodotti chimici e farmaceutici pag. 13

14 ETF sulle commodity quotati alla Borsa Italiana * ETF : perfomance % da fine ,4% -11,3% -4,6% -13,9% -10,7% -5,3% -9,1% -4,5% -13,6% -14,8% -6,6% -6,5% -10,5% -25,2% S&P Gsci Agriculture S&P Gsci Non-En S&P Gsci Light-En S&P Gsci Metals Ishares Lyxor Lyxor Non-En MA-JR MA-Rici A MA-Rici M Db X-T Db Liquid CI Legenda Db X-T Light-En Db X-T Dj-Ubs CI FTSE MIB S&P Gsci Agriculture Amundi Etf Commodit S&P Gsci Agriculture S&P Gsci Non-En Amundi Etf Commodit S&P Gsci Non Energy S&P Gsci Light-En Amundi Etf Commodities S&P Gsci (Light enegy) S&P Gsci Metals Amundi Etf Commodities S&P Gsci Metals Db X-T Dj-Ubs CI Db X-Trackers Comm Booster Dj-Ubsci (2c) Db X-T Light-En Db X-Trackers Db Commodity Booster Etf Db X-T Db Liquid CI Db X-Trackers Dblci - Oy Balanced Etf Ishares Ishares Dow Jones-Ubs Commodity Swap Lyxor Lyxor Etf Commodities Crb Lyxor Non-En Lyxor Etf Commodities Crb Non-Energy (A) MA-JR Rbs Market Access Jim Rogers Commodity MA-Rici A Rbs Market Access Rici - A Index Etf * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 30 dicembre 2011 MA-Rici M Rbs Market Access Rici - M Index Etf pag. 14

15 ETF sulle commodity quotati alla Borsa Italiana * ETF : perfomance % da inizio anno 7,9% 7,9% 2,5% 2,8% 2,1% 3,0% 4,4% 3,2% 0,7% 1,9% 0,7% 0,3% -0,5% -0,5% S&P Gsci Agriculture S&P Gsci Non-En S&P Gsci Light-En S&P Gsci Metals Ishares Lyxor Lyxor Non-En MA-JR MA-Rici A MA-Rici M Db X-T Db Legenda Liquid CI Db X-T Light- En Db X-T Dj-Ubs CI FTSE MIB S&P Gsci Agriculture Amundi Etf Commodit S&P Gsci Agriculture S&P Gsci Non-En Amundi Etf Commodit S&P Gsci Non Energy S&P Gsci Light-En Amundi Etf Commodities S&P Gsci (Light enegy) S&P Gsci Metals Amundi Etf Commodities S&P Gsci Metals Db X-T Dj-Ubs CI Db X-Trackers Comm Booster Dj-Ubsci (2c) Db X-T Light-En Db X-Trackers Db Commodity Booster Etf Db X-T Db Liquid CI Db X-Trackers Dblci - Oy Balanced Etf Ishares Ishares Dow Jones-Ubs Commodity Swap Lyxor Lyxor Etf Commodities Crb Lyxor Non-En Lyxor Etf Commodities Crb Non-Energy (A) MA-JR Rbs Market Access Jim Rogers Commodity MA-Rici A Rbs Market Access Rici - A Index Etf * Fonte: Bloomberg, quotazioni al 13 gennaio 2012 MA-Rici M Rbs Market Access Rici - M Index Etf pag. 15

16 ETF sulle commodity quotati alla Borsa Italiana S&P GSCI Agriculture Capped Component: è un sotto indice dell's&p GSCI Agriculture Index (a sua volta sottoindice dell's&p GSCI) ed è composto esclusivamente da contratti future su sette materie prime agricole (il grano, il mais, lo zucchero, la soia, il cotone, il caffè e il cacao). S&P GSCI Non-Energy: è composto da contratti futures su 18 materie prime, suddivise nei settori dell'agricoltura, dei metalli industriali, dei metalli preziosi e del bestiame. S&P GSCI Light Energy (CPW 4): si tratta di un indice che include tutte le 24 materie prime, suddivise nei settori dell'energia, dell'agricoltura, dei metalli industriali, dei metalli preziosi e del bestiame, prevedendo però una riduzione del peso della componente energetica. S&P GSCI All Metals Capped Commodity: è un sottoindice dell's&p GSCI All Metals Index (a sua volta sottoindice dell's&p GSCI) ed è composto esclusivamente da contratti future su metalli preziosi (oro e argento) e su metalli industriali (il rame, l'alluminio, il nichel, lo zinco e il piombo). DB X-TRACKERS COMM BOOSTER DJ-UBSCI (2C): l'indice è costituito da 19 materie prime che rappresentano i cinque principali settori merceologici: energia, metalli preziosi, metalli di base, agricoltura e bestiame. Utilizza le ponderazioni di mercato del Dow Jones-UBS Commodity Index. L'indice prevede un particolare meccanismo di rolling dei contratti futures definita optimum yield (resa ottimale 'OY'), che cerca di ottimizzare il rendimento derivante dalla sostituzione dei futures e ha l'obiettivo di massimizzare l'effetto positivo (backwardation) e di ridurre l'effetto negativo (contango). DB X-TRACKERS DB COMMODITY BOOSTER ETF: l'indice è costituito da 24 materie prime (commodities), che rappresentano i cinque principali settori merceologici: energia, metalli preziosi, metalli di base, agricoltura e bestiame. Lo Sponsor dell'indice è Deutsche Bank AG, Filiale di Londra. DB X-TRACKERS DBLCI - OY BALANCED ETF: riflette il rendimento di determinate materie prime quali il Greggio Brent, il Combustibile per Riscaldamento, il RBOB Gasoline, il Gas Naturale, l'oro, l'argento, l'alluminio, lo Zinco, il Rame, il Mais, il Frumento, la Soia e lo Zucchero. ISHARES DOW JONES-UBS COMMODITY SWAP: l'indice imita lo sviluppo del valore di un vasto e vario paniere di commodity future, ovvero di contratti a termine su merci. Tale indice rappresenta un benchmark di riferimento, riconosciuto in tutto il modo. Esso è stato realizzato al fine di ridurre al minimo la concentrazione in singoli settori o beni reali. Una quota-parte del fondo corrisponde approssimativamente ad un decimo del livello in Euro dell'indice sottostante di rendimento complessivo. pag. 16

17 ETF sulle commodity quotati alla Borsa Italiana LYXOR ETF COMMODITIES CRB: l'indice Reuters/Jefferies tiene conto dell'evoluzione delle tre principali categorie di materie prime: l'energia, i metalli e i prodotti agricoli. Sono comprese nell'indice 19 materie prime selezionate in funzione della loro importanza nel sistema economico. LYXOR ETF COMMODITIES CRB EX-ENERGY: l'indice tiene conto dell'evoluzione delle materie prime all'interno della categoria dei metalli e dei prodotti agricoli esclusi quelli legati all'energia. Al 28 febbraio 2006 l'indice era composto da 15 contratti a termine su materie prime, selezionate in funzione della loro importanza nel sistema L'evoluzione di ciascuna delle suddette materie prime è riflessa nell'indice attraverso i valori dei contratti a termine su tali materie prime. Questi contratti a termine sulle materie prime sono quotati sulle borse a New York (NYMEX, COMEX, NYBOT), Chicago (CBOT, CME) e Londra (LME). Il peso delle performance di ogni costituente dell'indice è predeterminato dal soggetto che calcola l'indice al fine di tener conto dell'importanza propria di ogni materia prima nell'ambiente economico pur preservando la diversificazione. I pesi di ogni costituente sono riaggiustati mensilmente per mantenere un'esposizione uniforme verso ogni costituente e mantenere così il livello di diversificazione originale. RBS MARKET ACCESS ROGERS COMMODITY: l'indice Rogers International Commodity Index (RICI), è un indice di futures su commodities che punta a dare una rappresentazione delle principali materie prime consumate dall'economia globale. Non solo prodotti energetici, ma anche metalli e materie prime agricole. Una commodity per essere inserita deve infatti svolgere un ruolo significativo nell'economia globale e il relativo contratto futures essere quotato su un mercato dei derivati dall'elevato standing internazionale RBS MARKET ACCESS RICI AGRICULTURE INDEX: il Rogers International Commodity Index Agricolture è composto dai contratti future su: Frumento, Seme di Soia, Mais, Fagioli Azuki, Cotone, Cacao, Lana, Bovini, Gomma, Caffè, Legname, Riso, Orzo, Olio di semi di soia, Canola, Maiale magro, Succo d Arancia, Zucchero e Avena. RBS MARKET ACCESS RICI METALS INDEX ETF: il Rogers International Commodity Index Metals è composto dai contratti future sulle seguente commodities: Alluminio, Platino, Rame, Nickel, Oro, Stagno, Zinco, Palladio, Argento, Piombo pag. 17

18 Contatti Responsabile Area Pianificazione Strategica, Research & Investor Relations Alessandro Santoni, PhD Tel: Autori Pubblicazione Giorgio Guido Schwarz Antonella Rigacci Tel: Tel: Disclaimer This analysis has been prepared solely for information purposes. This document does not constitute an offer or invitation for the sale or purchase of securities or any assets, business or undertaking described herein and shall not form the basis of any contract. The information set out above should not be relied upon for any purpose. Banca Monte dei Paschi has not independently verified any of the information and does not make any representation or warranty, express or implied, as to the accuracy or completeness of the information contained herein and it (including any of its respective directors, partners, employees or advisers or any other person) shall not have, to the extent permitted by law, any liability for the information contained herein or any omissions therefrom or for any reliance that any party may seek to place upon such information. Banca Monte dei Paschi undertakes no obligation to provide the recipient with access to any additional information or to update or correct the information. This information may not be excerpted from, summarized, distributed, reproduced or used without the consent of Banca Monte dei Paschi. Neither the receipt of this information by any person, nor any information contained herein constitutes, or shall be relied upon as constituting, the giving of investment advice by Banca Monte dei Paschi to any such person. Under no circumstances should Banca Monte dei Paschi and their shareholders and subsidiaries or any of their employees be directly contacted in connection with this information pag. 18

19

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

! " " # # # " " " $ % # & #

!   # # #    $ % # & # ! " " " " " $ % & '( Cocoa Futures COCOA Future Cacao Valore 10 $ Coffee Futures 10 ton metriche (22.046 libbre) 1$ per ton metrica Dollari per ton metriche Marzo, Maggio, Luglio, Settembre, Dicembre Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 31 marzo 2013 VOLUME I Stato dei servizi Autorità per l energia elettrica e il gas RELAZIONE

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Ha fatto notizia in queste

Ha fatto notizia in queste di Antonio Boschetti APPROFONDIMENTI Biodiesel e olio di colza, dov è la convenienza Ha fatto notizia in queste ultime settimane scoprire che alcuni automobilisti, a quanto pare soprattutto al Nord, stavano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 14 August 2015, At: 03:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013. collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2013 collana PUBBLICAZIONI CONGIUNTURALI E RICERCHE MACROECONOMICHE RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014 INEA 2014 RAPPORTO SULLO STATO DELL AGRICOLTURA 2014

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO

COMUNICATO STAMPA. TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA DELLE OFFERTE DI RIACQUISTO SU PROPRIE OBBLIGAZIONI IN EURO Il presente comunicato non può essere distribuito negli Stati Uniti, né ad alcuna persona che si trovi o sia residente o domiciliata negli Stati U niti, nei suoi territori o possedimenti, in qualsiasi

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture

Studio di settore 03. Gas naturale. Marzo 2013. Il mercato del gas naturale. Cassa depositi e prestiti. in Italia: lo sviluppo. delle infrastrutture Cassa depositi e prestiti Gas naturale Marzo 2013 Il mercato del gas naturale in Italia: lo sviluppo delle infrastrutture nel contesto europeo Studio di settore 03 Cassa depositi e prestiti Gas naturale

Dettagli