Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 18 aprile 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 18 aprile 2008"

Transcript

1 Verbale della assemblea ordinaria degli azionisti di Snam Rete Gas S.p.A. del 18 aprile 2008 Il giorno 18 aprile 2008 ad ore 10,05 in San Donato Milanese (MI), piazza Santa Barbara n. 7, hanno inizio i lavori dell assemblea ordinaria di Snam Rete Gas S.p.A.. Ai sensi dell articolo 14 dello Statuto presiede il dott. Alberto Meomartini, nella sua qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione che, con il consenso unanime dell assemblea, chiama a fungere da segretario il Notaio Carlo Marchetti. Il Presidente informa, innanzitutto, che anche in occasione dell odierna assemblea è stato adottato un sistema di votazione elettronico volto a ridurre la durata delle operazioni di scrutinio. Fornisce, pertanto, ai presenti le informazioni necessarie per il corretto uso del telecomando consegnato al momento della registrazione, anche mediante il supporto di un filmato proiettato in sala, previa precisazione che qualora dovessero insorgere problemi tecnici in relazione all esercizio del voto mediante telecomando, le votazioni si svolgeranno per alzata di mano. Il Presidente, ancora, comunica, informa e dà atto di quanto segue: - nel rispetto delle disposizioni vigenti, l avviso di convocazione dell Assemblea è stato pubblicato il 18 marzo 2008 sui quotidiani: Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, La Repubblica, MF, Finanza & Mercati nonché, nella versione in lingua inglese, sul Financial Times; - l ordine del giorno è il seguente: 1. Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007, bilancio consolidato al 31 dicembre 2007; relazioni degli amministratori, del Collegio Sindacale e della Società di revisione. 2. Attribuzione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo. 3. Polizza assicurativa a copertura dei rischi manageriali degli Amministratori e dei Sindaci; - oltre ad esso presidente, sono presenti l Amministratore Delegato Ing. Carlo Malacarne e gli Amministratori: Prof. Giuseppe Airoldi Dr. Davide Croff Dr. Roberto Lonzar Prof. Renato Santini; - sono altresì presenti i Sindaci effettivi: Dr. Pierumberto Spanò (Presidente) Prof. Riccardo Perotta 1

2 - hanno giustificato la loro assenza gli Amministratori: Dr. Roberto Lugano, Avv. Massimo Mantovani e Dr. Massimo Mondazzi e il Sindaco Effettivo Prof. Roberto Mazzei; - ai sensi dell art. 13 del D. Lgs. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali, i dati personali (nome, cognome, luogo di nascita, residenza e qualifiche professionali) dei partecipanti all Assemblea sono stati e saranno chiesti nelle forme e nei limiti collegati agli obblighi, ai compiti e alle finalità previsti dalla vigente normativa; detti dati saranno inseriti nel verbale dell Assemblea, previo trattamento in via manuale e automatizzata, e potranno essere oggetto di comunicazione e diffusione anche all estero, anche al di fuori della Unione Europea, nelle forme e nei limiti collegati agli obblighi, ai compiti e alle finalità previsti dalla vigente normativa; - il capitale sociale è di euro ,00, suddiviso in n azioni da nominali euro 1 cadauna; - gli intervenuti risultano attualmente n. 342 per complessive n azioni rappresentanti il 61,66% del capitale sociale con diritto di voto; - l'elenco nominativo degli azionisti partecipanti, in proprio o per delega, con l'indicazione del numero delle azioni da ciascuno possedute ed eventualmente del socio delegante, è a disposizione degli intervenuti e, completato dei nominativi degli azionisti che eventualmente intervenissero successivamente o che si allontanassero prima di ciascuna votazione, con indicazione delle azioni da ciascuno possedute, sarà allegato al verbale dell'assemblea; - prima di ciascuna votazione verrà comunicato il numero dei partecipanti alla votazione in proprio e per delega, dopo ciascuna votazione il segretario provvederà a proclamarne l esito; - come raccomandato dalla CONSOB, analisti finanziari, giornalisti ed esperti qualificati, sono messi in condizione di seguire i lavori dell'assemblea; - i rappresentanti della PricewaterhouseCoopers S.p.A. presenti in sala sono la Dr.ssa Marilena Cederna e il Dr. Stefano Pavesi; - è in funzione in sala un impianto di registrazione degli interventi, al solo fine di agevolare i lavori di verbalizzazione; - verrà effettuata la registrazione audio-video dei lavori assembleari e che tale registrazione sarà disponibile, in differita e se nessuno si oppone, nel sito web della Società. Il Presidente, proseguendo: - informa di aver costituito, ai sensi dell art. 5.2 del Regolamento delle assemblee degli azionisti della Snam Rete Gas S.p.A., l ufficio di Presidenza al quale siede la Dr.ssa Daniela Ziglioli; - ricorda che, ai sensi dell art. 7 del Regolamento delle assemblee degli azionisti della Snam Rete Gas S.p.A.: 2

3 le richieste di intervento possono essere presentate all Ufficio di presidenza dal momento della costituzione dell Assemblea fino a quando non sia stata dichiarata aperta la discussione sul relativo punto dell ordine del giorno; ciascun azionista può svolgere un solo intervento su ogni argomento dell ordine del giorno; non sono consentiti interventi di replica; dopo la chiusura della discussione sono consentite soltanto dichiarazioni di voto di breve durata; - ricorda che, ai sensi dell art. 4 del Regolamento delle assemblee degli azionisti della Snam Rete Gas S.p.A., nei locali in cui si svolge l Assemblea non possono essere utilizzati strumenti di registrazione di qualsiasi genere, ad eccezione di quelli citati, né apparecchi fotografici e similari. E inoltre previsto un servizio di traduzione simultanea dall italiano all inglese (i trasmettitori per la traduzione e le cuffie sono a disposizione presso la reception); - informa inoltre che, in relazione all odierna Assemblea, sono stati effettuati gli adempimenti previsti dalla normativa civilistica e dalle disposizioni sui mercati regolamentati. Il Presidente dichiara quindi l Assemblea ordinaria validamente costituita in prima convocazione e idonea a deliberare sugli argomenti iscritti all ordine del giorno. Il Presidente, dopo aver informato che non è pervenuta alla Società alcuna richiesta di integrazione dell ordine del giorno ai sensi dell art. 126-bis del D. Lgs n. 58/98 e dell art. 11 dello Statuto e che non risultano situazioni di esclusioni dal voto, prega gli intervenuti di comunicare, ai sensi delle disposizioni di legge, dei regolamenti vigenti e dello statuto, l esistenza di eventuali situazioni di carenza di legittimazione al voto o di esclusione dal voto nonché l esistenza di eventuali patti parasociali. Nessuno interviene. Il Presidente, ancora, comunica che: - alla data del 17 aprile 2008 la Società è titolare di n azioni proprie, pari al 9,99 % del capitale sociale; - secondo le risultanze del libro soci alla data del 17 aprile 2008 e dalle informazioni ricevute, gli azionisti che possiedono azioni con diritto di voto rappresentative di oltre il 2% del totale delle azioni emesse sono - Eni S.p.A.: 50,034% - Pictet Asset Management: 4,77% - Banca d Italia: 2,10%; - la società non è a conoscenza di patti parasociali tra azionisti né detti patti risultano pubblicati ai sensi di legge. 3

4 Il Presidente quindi comunica che agli azionisti presenti in sala sarà chiesto di esprimere il voto utilizzando gli appositi strumenti di televoto consegnati loro al momento della registrazione e ne illustra il funzionamento precisando quanto segue: - detti telecomandi saranno attivati al momento dell inizio delle operazioni di votazione su ciascun punto all ordine del giorno. Il display fornirà indicazioni sulle generalità dell azionista in proprio o per delega e sul numero delle azioni per le quali questi ha diritto di esprimere il voto; - quando sarà chiesto da parte del Presidente di procedere alla votazione, l azionista o il delegato dovranno esprimere il loro voto premendo uno solo dei pulsanti presenti sul telecomando contrassegnati rispettivamente con le scritte FAVOREVOLE, CONTRARIO o ASTENUTO e immediatamente dopo il tasto OK. Fino a quando quest ultimo tasto non sarà premuto, l intenzione di voto potrà essere modificata dall interessato; il voto così espresso resterà impresso sul display fino al termine di ogni singola votazione; - il voto potrà essere espresso entro il termine di 1 minuto dall inizio di ogni votazione; decorso questo termine, verrà dichiarata chiusa la votazione; - nel caso di azionisti presenti in proprio o per delega e di portatori di più di una delega, sul display dell apparecchio in loro possesso compariranno in successione le indicazioni relative alle singole deleghe o ai gruppi di deleghe per le quali sono chiamati ad esprimere il voto. Nel caso di un rilevante numero di deleghe sono stati consegnati due o più telecomandi al fine di consentire comunque l espletamento del diritto di voto per tutte le azioni rappresentate. Per ulteriori informazioni i signori azionisti e loro delegati potranno avvalersi del personale tecnico presente in sala; - qualora per motivi tecnici non sia possibile avvalersi del telecomando verrà data comunicato che si procederà alla votazione per alzata di mano. I voti espressi in sala con modalità difformi da quelle indicate sono nulli; - gli azionisti che dovessero abbandonare definitivamente la sala prima del termine dei lavori assembleari sono pregati di restituire al personale ausiliario presente all uscita il telecomando nonché il contrassegno consegnato loro al momento dell ingresso; - coloro i quali intendessero invece assentarsi temporaneamente, sono pregati di consegnare il telecomando nonchè il contrassegno rilasciato loro al momento dell identificazione e di ritirare l apposita contromarca dal personale ausiliario presente all uscita. Al rientro il materiale così depositato sarà restituito dietro consegna della contromarca. Proseguendo, il Presidente: 4

5 - ricorda che le risposte alle domande formulate saranno date dopo la conclusione di tutti gli interventi su tutti i punti all ordine del giorno dell Assemblea ed eventualmente, dopo una breve pausa necessaria per predisporre in modo organico le risposte. Al termine, saranno poste in votazione separatamente l una dall altra le proposte sui vari punti dell ordine del giorno; - dichiara aperti i lavori e prima di passare alla trattazione dell ordine del giorno informa, ai sensi della Comunicazione Consob n del 18 aprile 1996, che la società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. ha impiegato n ore per un corrispettivo di euro ,00 per la revisione del bilancio di esercizio e per le verifiche nel corso dell'esercizio e n. 140 ore per un corrispettivo di euro 9.100,00 per la revisione del bilancio consolidato; - relativamente all incarico alla PricewaterhouseCoopers S.p.A, approvato dall Assemblea ordinaria degli Azionisti del 26 aprile 2007 nell ambito della proroga dell incarico di revisione contabile per gli esercizi e afferente alla verifica delle rettifiche necessarie per ricondurre i dati consolidati risultanti dal bilancio della società predisposto sulla base di principi contabili applicabili a quelli statunitensi (US GAAP) finalizzata agli obblighi informativi statunitensi del Gruppo Eni, informa che tale attività non viene più svolta in quanto la SEC (Security Exchange Commission), l'autorità di vigilanza della borsa Usa, ha deliberato a favore dell'utilizzo, da parte delle società straniere quotate nei listini americani, degli standard di contabilità internazionali adottati dalle stesse in luogo di quelli statunitensi. PricewaterhouseCoopers S.p.A., con lettera dell 11 aprile 2008 indirizzata al Consiglio di Amministrazione di Snam Rete Gas S.p.A., ha formalmente comunicato che non espleterà la citata attività, essendo venuti meno i relativi obblighi informativi. PricewaterhouseCoopers ha, altresì, precisato che non verrà fatturato il relativo onorario pari a euro ,00 (per ciascun esercizio); - informa che la Relazione del Consiglio di Amministrazione contenente le proposte di deliberazione è stata depositata presso la sede della società e la Borsa Italiana S.p.A. nei termini di legge ed è stata inviata a coloro che ne hanno fatto richiesta; è stato altresì consegnato all ingresso della sala assembleare il fascicolo a stampa contenente la citata Relazione. * * * Il Presidente passa quindi alla trattazione dei punti 1) e 2) dell ordine del giorno dell Assemblea relativi a: 1) Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007, bilancio consolidato al 31 dicembre 2007; relazioni degli amministratori, del Collegio Sindacale e della Società di revisione. 2) Attribuzione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo ed, al proposito, anzitutto informa che il fascicolo contenente il bilancio di esercizio della Snam Rete Gas S.p.A. al 31 dicembre 2007, il bilancio consolidato, corredati delle rispettive relazioni degli amministratori sulla gestione, del Collegio Sindacale e della Società di revisione, nonché delle proposte del Consiglio di 5

6 Amministrazione all Assemblea in ordine all approvazione del bilancio di esercizio e alla destinazione dell utile di esercizio è stato depositato presso la sede sociale e la Borsa Italiana S.p.A. nei termini di legge. Il fascicolo di bilancio è stato consegnato all ingresso della sala assembleare ed è stato inviato a coloro che ne hanno fatto richiesta. Su proposta del Presidente e dell azionista Borlenghi e sul consenso unanime dell assemblea, viene omessa la lettura della relazione sulla gestione del bilancio e della lettera agli Azionisti. Il Presidente dà quindi lettura della proposta di deliberazione contenuta nel fascicolo di bilancio depositato e distribuito agli intervenuti, qui di seguito trascritta: Signori Azionisti, siete invitati ad approvare il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007 della Snam Rete Gas S.p.A. che chiude con l utile di ,63 euro. Su invito del Presidente, il Presidente del Collegio Sindacale Dr. Pierumberto Spanò dà lettura della parte conclusiva della relazione del Collegio Sindacale al bilancio di esercizio qui di seguito trascritta: Sulla base dell attività di controllo svolta nel corso dell esercizio non rileviamo motivi ostativi all approvazione del bilancio al 31 dicembre 2007 ed alle proposte di delibera formulate dal Consiglio di Amministrazione.. Su invito del Presidente, la Dr.ssa Marilena Cederna dà lettura della parte conclusiva della Relazione della Società di revisione sul bilancio di esercizio qui di seguito trascritta: A nostro giudizio, il bilancio d esercizio della Snam Rete Gas S.p.A. al 31 dicembre 2007 è conforme agli International Financial Reporting Standards adottati dall Unione Europea, nonché ai provvedimenti emanati in attuazione dell art. 9 del D. Lgs n. 38/2005; esso pertanto è redatto con chiarezza e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria, il risultato economico, le variazioni del patrimonio netto ed i flussi di cassa della Snam Rete Gas S.p.A. per l esercizio chiuso a tale data.. Il Presidente procede ad illustrare il successivo punto 2) dell ordine del giorno dell Assemblea ed al proposito ricorda all Assemblea che il Consiglio di Amministrazione propone: - di attribuire l utile di ,63 euro, che residua dopo la distribuzione dell acconto sul dividendo dell esercizio 2007 di 0,08 euro per azione deliberato dal Consiglio di Amministrazione il 18 settembre 2007, come segue: 6

7 agli azionisti a titolo di dividendo 0,13 euro per azione alle azioni che risulteranno in circolazione alla data di stacco della cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data, a saldo dell acconto sul dividendo dell esercizio 2007 di 0,08 euro; il dividendo per azione dell esercizio 2007 ammonta perciò a 0,21 euro; alla Riserva legale l importo necessario affinché essa ammonti a un quinto del capitale sottoscritto alla data dell Assemblea; a nuovo l importo che residua dopo le attribuzioni proposte. - ad approvare la proposta di mettere in pagamento il dividendo a partire dal 22 maggio 2008, con stacco fissato al 19 maggio Il Presidente dichiara quindi aperta la discussione sul primo e secondo punto all ordine del giorno, ricordando, come già detto, che le risposte verranno date al termine di tutti gli interventi. Borlenghi, osserva come quella di oggi sia una bella giornata per gli azionisti, chiamati ad approvare un bilancio particolarmente positivo. L utile netto (594 milioni) è aumentato del 33% rispetto al 2006, ed il dividendo complessivo di 21 centesimi (di cui 8 già distribuiti nell acconto dividendi dell ottobre scorso) appare molto generoso. Gli investimenti sono cresciuti, ed anche la capacità di trasporto si è incrementata del 5,8%. A tali risultati, prosegue, hanno anche contribuito operazioni non ricorrenti, come l iscrizione a bilancio di un credito verso la Regione Sicilia, che è stata condannata a restituire, con i relativi interessi, la famigerata tassa sul tubo che aveva a suo tempo preteso. L azienda sta dando visibilità agli investimenti attesi oltre il periodo del Piano, con una indicazione di più di un miliardo di euro all anno nel periodo , e quindi offre prospettive di business solide, assieme ad un attraente rendimento. Positivi, a suo giudizio, sono i maggiori investimenti previsti per il gasdotto che porterà il gas dall Algeria all Italia, nonché la previsione e la realizzazione di due nuove centrali di compressione in Sicilia ed in Abruzzo, ed il potenziamento della centrale di Enna. Chiede, infine, se sono allo studio o comunque se sono previste acquisizioni. Armentano, chiede informazioni sul livello di indebitamento, domanda se il progettato gasdotto dalla Algeria verrà costruito da Snam o da altra società, e chiede, infine, se e chi possano essere eventuali concorrenti di Snam Rete Gas a livello nazionale. * * * Il Presidente passa alla trattazione del punto 3) dell ordine del giorno dell Assemblea recante Polizza assicurativa a copertura dei rischi manageriali degli Amministratori e dei Sindaci ed, ad illustrazione dello stesso, dà lettura del testo qui di seguito trascritto: 7

8 Signori Azionisti, il ricorso all assicurazione dei rischi professionali degli Amministratori (Directors and Officers Liability Insurance D&O) è prassi comune negli Stati Uniti, molto ampio in Europa e crescente in Italia, dove la gran parte delle società facenti parte dell indice S&P/MIB se ne avvalgono. La diffusione sul mercato ed il ricorso generalizzato a tali polizze ha inoltre determinato l introduzione di standard contrattuali di riferimento. L incremento dei casi di esposizione degli Amministratori e dei Sindaci a responsabilità patrimoniale diretta, determinato da una costante evoluzione del quadro normativo e regolatorio di riferimento, suggerisce l introduzione di una polizza assicurativa D&O, al fine di fornire uno strumento di tutela per gli Amministratori nell ambito dei processi decisionali e delle conseguenti assunzioni di responsabilità che li vedono coinvolti, tranne che nei casi di violazione intenzionale degli obblighi relativi alle rispettive funzioni e ruoli. In relazione a ciò, il Consiglio propone di essere autorizzato alla stipula di una polizza assicurativa D&O a termini e condizioni standard nella prassi del mercato assicurativo. In particolare, il Consiglio propone di estendere agli Amministratori ed ai Sindaci della Snam Rete Gas S.p.A. la polizza assicurativa D&O in fase di introduzione per il management della società. Signori Azionisti, siete invitati a: - autorizzare la copertura assicurativa dei rischi professionali degli Amministratori e dei Sindaci della Snam Rete Gas S.p.A.; - dare mandato all Amministratore Delegato di stipulare, anche a mezzo di delegati, la relativa polizza assicurativa secondo i termini e le condizioni standard della prassi del mercato assicurativo. Il Presidente dichiara quindi aperta la discussione sul terzo punto all ordine del giorno, ricordando, come già detto, che le risposte verranno date al termine di tutti gli interventi. Nessuno chiede la parola. Il Presidente, passando a fornire le repliche agli azionisti intervenuti, rammenta che, in realtà, non esiste in Italia un monopolio legale avente ad oggetto la realizzazione e la gestione di metanodotti, ed infatti vi sono realtà minori che svolgono tale attività, come, ad esempio, una società in Centro Italia, un tempo di proprietà della Edison S.p.A.. Peraltro, si tratta di una attività rispetto alla quale Snam Rete Gas si trova in una posizione di monopolio naturale: appare, infatti, assai difficile sotto il profilo economico realizzare una rete di metanodotti di rilevanza nazionale. E per questo motivo, d altra parte, che l attività di Snam Rete 8

9 Gas è soggetta ad una regolamentazione di tipo pubblicistico, la quale impedisce comportamenti discriminatori. Il metanodotto Galsi verrà realizzato dalla società al proposito costituita. L intervento di Snam Rete Gas è previsto, in forza di accordi contrattuali, solo per la parte italiana, nel caso in cui si verifichino determinate condizioni. Il Presidente passa quindi la parola all Amministratore Delegato, ringraziandolo per il lavoro sin qui svolto per la Società. L ing. Malacarne, a proposito della attività di realizzazione e gestione dei metanodotti, ricorda e conferma che in Italia vige un principio di libero mercato e di libera concorrenza. Peraltro, Snam Rete Gas oggi gestisce il 98% della rete italiana: le sinergie che si riescono a trarre muovendo da una simile dimensione sono quindi maggiori di quanto qualsiasi concorrente potrebbe fare iniziando da zero la costruzione di una nuova rete. Il core business della Società, prosegue, è focalizzato in Italia; pertanto, rispetto alle iniziative di costruzione di metanodotti quali il progetto Galsi o quale il progetto di collegamento Grecia - Italia, l interesse di Snam Rete Gas è limitato alla parte italiana. Con la Società Galsi, in particolare, è stato sottoscritto un accordo lo scorso novembre, che stabilisce termini e condizioni per la costruzione del tratto di metanodotto italiano, vale a dire l attraversamento della Sardegna, ed il collegamento off shore dalla Sardegna alla Toscana. Non appena la decisione finale di investimento sarà presa, e con essa definiti i termini dell approvvigionamento del gas, Snam Rete Gas sarà pronta per partecipare, nei termini descritti, alla iniziativa. Passando all indebitamento, l Amministratore Delegato ricorda che la struttura finanziaria della Società appare oggi ottimale, con una leva di circa il 62%, anche in relazione al ritorno sul capitale derivante dalle prescrizioni regolatorie. L attuale livello di indebitamento, infatti, consente, stante la vigente disciplina, la creazione di valore, in primo luogo per gli azionisti. Il Piano di Investimenti, nei prossimi quattro anni (4,3 miliardi di euro), permette d altra parte di mantenere costante l attuale leva di indebitamento. Se poi si considera il valore della Società guardando ai suoi asset, la leva risulta essere vicina al 50%. La situazione finanziaria, ripete ancora una volta, appare quindi ideale sia ai fini della creazione di valore, sia al fine di dare corso allo sfidante piano di investimenti che la Società si è data. Per quanto poi concerne le acquisizioni, rammenta che il profilo di rischio di Snam Rete Gas è quello proprio di un mercato regolato, caratterizzato da una visibilità di lungo periodo. Non è quindi allo studio alcun progetto di acquisizione al di fuori del territorio nazionale, pur proseguendosi a monitorare l evoluzione delle varie regolamentazioni anche europee. 9

10 Sacco, chiede se vi sia l intenzione di realizzare nuove stazioni di compressione, e se si ritenga giustificato l incremento del prezzo del gas per gli utenti. L ing. Malacarne, rammenta che nel Piano Investimenti sono attualmente previste due nuove stazioni di compressione, oltre al potenziamento delle stazioni esistenti. In particolare, vi è in programma la costruzione di una nuova stazione a Sulmona, mentre sarà terminata entro i primi mesi del 2009 la stazione di Poggio Renatico; saranno invece ampliate le stazioni di Malborghetto e di Enna. Tale programma permetterà l incremento della capacità di trasporto entro il 2015 di circa il 35%. Nel lungo termine, e cioè nell orizzonte temporale compreso tra il 2012 ed il 2015, vi è anche il progetto di un tratto off shore tra la Sicilia e la Campania, progetto che comporterà la costruzione di una ulteriore stazione di compressione nel Nord della Sicilia. L obiettivo, in termini di potenza complessiva, è rappresentato dal raggiungimento di 900 Megawatt. Precisa, infine, che sul prezzo finale del gas, l incidenza del trasporto non supera il 4%. Il Presidente, a sua volta, osserva che l integrazione in corso tra i Paesi europei porta ad un sostanziale allineamento dei prezzi del gas alle famiglie. Peraltro, su tali prezzi, il peso delle imposte rimane particolarmente rilevante, così come molta incidenza ha il prezzo del petrolio. Il costo del trasporto, invece, grazie alle efficienze che si riescono a conseguire, semmai contribuisce ad un contenimento del costo finale, pur senza alcun nocumento alla redditività della Società. L Amministratore Delegato, sul punto, aggiunge che la tariffa di trasporto, nonostante la costante crescita di valore di Snam Rete Gas, dal 2001 ad oggi è scesa di circa il 13,14%. Armentano, domanda se Snam Rete Gas sia anche attiva nella distribuzione e vendita del gas, e se la Società possegga le tecnologie necessarie per costruire metanodotti all estero, come per esempio quelli provenienti dalla Siberia. L ing. Malacarne, rammenta che l attuale quadro regolatorio prevede che le società impegnate nella gestione delle reti e nel trasporto del gas non possono svolgere anche attività di acquisto e vendita. Dal punto di vista di un eventuale impegno sullo scenario internazionale, rileva come di certo la Società possiede le tecnologie per la realizzazione di metanodotti di diametro compreso tra 48 e 56 pollici. La Società, peraltro, rimane oggi concentrata sul mercato domestico, dove, ribadisce, nel prossimo futuro si dovrà dare esecuzione ad un piano di investimenti assai sfidante. Nel futuro, si potrà anche valutare l opportunità di espandere il proprio campo di attività all estero, anche se, ad oggi, le società che sono impegnate in progetti internazionali sono società che possono combinare l attività di costruzione e di trasporto con quella di acquisto e vendita del gas. Armentano, nuovamente intervenuto, chiede se la Società collabori, offrendo il proprio know how, con Eni e con Saipem, e se la rete italiana sia oggi ben tenuta o meno. 10

11 L Amministratore Delegato osserva come le tecnologie richieste per realizzare i collegamenti ai giacimenti sono tecnologie diverse da quelle possedute da Snam Rete Gas. Quest ultima, inoltre, si muove in modo del tutto indipendente rispetto ai programmi di Eni o di Saipem, e quindi rimane concentrata solo ed esclusivamente su attività in grado di creare valore per tutti i propri azionisti. Per quanto invece concerne lo stato della rete, conferma come lo stato di manutenzione della stessa sia assai soddisfacente. Grazie anche alle nuove tecnologie che si sono sviluppate, oggi l intera rete nazionale è telemonitorata da Milano, potendosi quindi verificare in tempo reale le situazioni che richiedono un intervento. Del resto, dal momento della nascita di Snam Rete Gas, non vi è mai stata la necessità di interrompere per un tempo significativo il servizio agli utenti a causa di guasti sulla rete. Il Presidente, quindi: - dichiara chiusa la discussione e pone in votazione la proposta del Consiglio di Amministrazione sul punto 1) all ordine del giorno dell Assemblea (Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2007, bilancio consolidato al 31 dicembre 2007; relazioni degli amministratori, del Collegio Sindacale e della Società di revisione); - invita i presenti a non assentarsi durante la votazione e prega gli intervenuti di comunicare, ai sensi delle disposizioni di legge, dei regolamenti vigenti e dello statuto, l esistenza di eventuali situazioni di carenza di legittimazione al voto o di esclusione dal voto e l esistenza di eventuali patti parasociali. Informa che non risultano situazioni di esclusione dal voto; - dà atto che gli intervenuti sono invariati; - invita l assemblea (ore 11) alla votazione sul punto 1) all ordine del giorno utilizzando il telecomando; - ricorda che il voto va espresso entro un minuto dall inizio della votazione e che, decorso tale termine, verrà dichiarata chiusa la votazione. Chiusa la votazione, il Segretario comunica i risultati della votazione sul punto 1) dell ordine del giorno. Favorevoli: n. 324 azionisti per n azioni, pari al 61,35% del capitale sociale. Contrari: n. 1 azionista per n azioni, pari allo 0,00% del capitale sociale. Astenuti: n. 17 azionisti per n azioni, pari allo 0,32% del capitale sociale. Il tutto come da dettagli allegati. Il Presidente dichiara che la proposta del Consiglio di Amministrazione relativa al punto 1) dell ordine del giorno dell Assemblea è approvata a maggioranza e quindi: - pone in votazione la proposta del Consiglio di Amministrazione sul punto 2) all ordine del giorno dell Assemblea (Attribuzione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo); 11

12 - invita i presenti a non assentarsi durante la votazione e prega gli intervenuti di comunicare, ai sensi delle disposizioni di legge, dei regolamenti vigenti e dello statuto, l esistenza di eventuali situazioni di carenza di legittimazione al voto o di esclusione dal voto e l esistenza di eventuali patti parasociali. Informa che non risultano situazioni di esclusione dal voto; - dà atto che gli intervenuti sono invariati; - invita l assemblea (ore 11,02) alla votazione sul punto 2) all ordine del giorno utilizzando il telecomando; - ricorda che il voto va espresso entro un minuto dall inizio della votazione e che, decorso tale termine, verrà dichiarata chiusa la votazione. Chiusa la votazione, il Segretario comunica i risultati della votazione sul punto 2) dell ordine del giorno. Favorevoli: n. 342 azionisti per n azioni, pari al 61,66% del capitale sociale. Nessuna azione contraria. Nessuna azione astenuta. Il tutto come da dettagli allegati. Il Presidente dichiara che la proposta del Consiglio di Amministrazione relativa al punto 2) dell ordine del giorno dell Assemblea è approvata all unanimità e quindi: - pone in votazione la proposta del Consiglio di Amministrazione sul punto 3) all ordine del giorno dell Assemblea (Polizza assicurativa a copertura dei rischi manageriali degli Amministratori e dei Sindaci.); - invita i presenti a non assentarsi durante la votazione e prega gli intervenuti di comunicare, ai sensi delle disposizioni di legge, dei regolamenti vigenti e dello statuto, l esistenza di eventuali situazioni di carenza di legittimazione al voto o di esclusione dal voto e l esistenza di eventuali patti parasociali. Informa che non risultano situazioni di esclusione dal voto; - dà atto che gli intervenuti sono invariati; - invita l assemblea (ore 11,04) alla votazione sul punto 3) all ordine del giorno utilizzando il telecomando; - ricorda che il voto va espresso entro un minuto dall inizio della votazione e che, decorso tale termine, verrà dichiarata chiusa la votazione. Chiusa la votazione, il Segretario comunica i risultati della votazione sul punto 3) dell ordine del giorno. Favorevoli: n. 333 azionisti per n azioni, pari al 61,66% del capitale sociale. Nessuna azione contraria. 12

13 Astenuti: n. 9 azionisti per n azioni, pari allo 0,01% del capitale sociale. Il tutto come da dettagli allegati. Il Presidente dichiara che la proposta del Consiglio di Amministrazione relativa al punto 3) dell ordine del giorno dell Assemblea è approvata a maggioranza e, null altro essendovi a deliberare, dichiara chiusa l Assemblea alle ore 11,05. Il Segretario (F.to Carlo Marchetti) Il Presidente (F.to Alberto Meomartini) 13

14 Stampa dell'elenco Partecipanti Nome DELEGATO NUMERO DI AZIONI TOTALE ANDREGHETTI FEDERICO ARMENTANO FAUSTO 10 BORLENGHI FRANCO FRANCESCATO FRANCO LAGONA MARIA SANTA MAGHINI FRANCA PUGGESE GRAZIANO SACCO ETTORE SOLDI GIANPIETRO SPAIRANI MICHELA A I DUPONT TESTAMENTARY TRUST AICARDI FABIO ABU DHABI RETIREMENT PENSIONS FUND AICARDI FABIO AIR CANADA AICARDI FABIO AIR CANADA PENSION TRUST FUND AICARDI FABIO AMERICAN HOME PRODUCTS CORP.MA STER AICARDI FABIO ARKWRIGHT, LLC AICARDI FABIO ARTEMIS INTERNATIONAL SICAV AICARDI FABIO ASIAN DEVELOPMENT BANK AICARDI FABIO BAERUM KOMMUNE AICARDI FABIO BALZAC UMBRELLA INDEX COMPARTI MENT-BALZAC EUROPE INDEX AICARDI FABIO 377 BBH-SEI IIT WORLD EQUITY-US FN D/FULLER AND THALER AICARDI FABIO BELL ATLANTIC MASTER TRUST AICARDI FABIO BELLSOUTH CORPORATION REPRESEN TABLE EMPLOYEES HEALTH CARE AICARDI TR FABIO BJC GROUP PENSION TRUST AICARDI FABIO BJC HEALTH SYSTEM AICARDI FABIO BOARD OF TRUST.LELAND STANFORD UNIV. AICARDI FABIO 700 BOSTON COMMON ASSET MANAGEMENT LLC AICARDI FABIO BOY SCOUTS OF AMERICA MASTER P ENSION TRUST AICARDI FABIO BP PENSION FUND AICARDI FABIO BRITISH COLUMBIA INV.MAN.CORPO RATION AICARDI FABIO BRITISH COLUMBIA INV.MAN.CORPO RATION AICARDI FABIO BRITISH COLUMBIA INV.MAN.CORPO RATION AICARDI FABIO BRITISH COLUMBIA INV.MAN.CORPO RATION AICARDI FABIO BRITISH COLUMBIA INV.MAN.CORPO RATION AICARDI FABIO BRUNEI INVESTMENT AGENCY AICARDI FABIO CAISSE DE DEPOT ET PLACEMENT D U QUEBEC AICARDI FABIO CAISSE DE DEPOT ET PLACEMENT D U QUEBEC AICARDI FABIO CALIFORNIA PUBLIC EMPLOYEES RE TIREMENT SYSTEM AICARDI FABIO CALIFORNIA STATE TEACHERS RETI REMENT SYSTEM AICARDI FABIO

15 Stampa dell'elenco Partecipanti CANADA PENSION PLAN INVESTMENT BOARD AICARDI FABIO CANADA PENSION PLAN INVESTMENT BOARD AICARDI FABIO CANADA PENSION PLAN INVESTMENT BOARD AICARDI FABIO CANADA PENSION PLAN INVESTMENT BOARD AICARDI FABIO CARGILL INC AND ASSOCIATED COS MAS AICARDI FABIO CELANESE AMERICAS RETIREMENT P ENSION PLAN AICARDI FABIO CF GLOBAL ALPHA 1 FD MELLON FI N CORP AICARDI FABIO 500 CF GLOBAL TACTICAL ASSET ALLOC ATION AICARDI FABIO CHANG HWA COMMERCIAL BANK, LTD. IN IT'S CAPACITY AS MASTER C AICARDI FABIO CIBC EUROPEAN INDEX FUND AICARDI FABIO CIBC INTERNATIONAL INDEX FUND AICARDI FABIO CITY OF AUSTIN EMPLOYEES RETIR SYSTE AICARDI FABIO COLLEGE RETIREMENT EQUITIES FU ND AICARDI FABIO COLLEGE RETIREMENT EQUITIES FU ND AICARDI FABIO COMMON TRUST ITALY FUND AICARDI FABIO CUMBRIA LOCAL GOVERNMENT PENSI ON SCHEME AICARDI FABIO DANSKE BANK A/S CLIENTS NET IN VESTORS AICARDI FABIO DREYFUS INTL STOCK INDEX FUND AICARDI FABIO DT INTERNATIONAL STOCK INDEX F UND AICARDI FABIO EAFE INDEX PLUS SECURITIES LEN DING COMMON TRUST FUND AICARDI FABIO EAFE INTL INDEX PORTF SUMMIT M UTUAL AICARDI FABIO ELIXIME RENDEMENT EUROPE AICARDI FABIO EMERALD GLOBAL EQUITY POOLED F D TRUST AICARDI FABIO EMERALD INTL EQUITY INDEX FUND AICARDI FABIO 570 EMPL RET INCOME PLAN TR MINNES OTA AICARDI FABIO 400 ENERGY INSURANCE MUTUAL LIMITE D AICARDI FABIO EUROPE INDEX PLUS COMMON TRUST FUND AICARDI FABIO FEDERATION OF NATIONAL PUBLIC SERVICE PERSONNEL MUTUAL AID AICARDI FABIO FIRST AMERICAN INVESTMENT FUND S, INC.-GLOBAL INFRASTRUCTUREAICARDI FABIO FORD MOTOR COMPANY DEFINED BEN EFIT AICARDI FABIO FORD OF CANADA MASTER TRUST FU ND AICARDI FABIO FORD UAW HOLDINGS LLC SSGA AICARDI FABIO GENERAL MOTORS WELFARE BENEFIT TRUST AICARDI FABIO GLOBAL ADVANTAGE FUNDS - MAJOR MARKETS TEILFONDS AICARDI FABIO GMO FOREIGN FUND AICARDI FABIO GMO FOREIGN SMALL COMPANIES FU ND AICARDI FABIO GMO FUNDS PLC AICARDI FABIO GMO INTAL INTRINSIC VALUE FUND AICARDI FABIO GOVERNEMENT OF SINGAPORE INVES TMENT AICARDI FABIO GOVERNMENT PENSION INVESTMENT FUND AICARDI FABIO GOVERNMENT PENSION INVESTMENT FUND AICARDI FABIO HONEYWELL INT INC MASTER RETIR TRUST AICARDI FABIO

16 Stampa dell'elenco Partecipanti HONG KONG HOUSING AUTHORITY AICARDI FABIO HONG KONG SPECIAL ADMIN EXCHAN GE FD AICARDI FABIO HOSPITALS ONTARIO PENSION PLAN FUND AICARDI FABIO HYDRO ONE INC PENSION PLAN AICARDI FABIO IBM SAVINGS PLAN AICARDI FABIO ILLINOIS TEACHERS RETIREMENT S YSTEM AICARDI FABIO ILLINOIS TEACHERS RETIREMENT S YSTEM AICARDI FABIO IMPERIAL INTERNATIONAL EQUITY POOL AICARDI FABIO INTERNATIONAL BANK FOR RECONST RUCTION AND DEVELOPMENT AICARDI FABIO INTERNATIONAL PAPER COMPANY CO MMINGLED INVESTMENT GROUP AICARDI TRUS FABIO INTERNATIONAL STOCK MARKET POR TFOLIO AICARDI FABIO JOHN HANCOCK FUNDS II INTERNAT IONAL EQUITY INDEX FUND AICARDI FABIO JOHN HANCOCK FUNDS III INTERNA TIONAL CORE FUND AICARDI FABIO JOHN HANCOCK TRUST INTERNATION AL CORE TRUST AICARDI FABIO JOHN HANCOCK TRUST INTERNATION AL EQUITY INDEX TRUST A AICARDI FABIO JOHN HANCOCK TRUST INTERNATION AL EQUITY INDEX TRUST B AICARDI FABIO JOHNSON & JOHNSON PENSION & SA VINGS PLANS MASTER TRUST AICARDI FABIO KNIGHT VINKE INSTITUTIONAL PAR TNERS (INTERNATIONAL) I, L.P. AICARDI FABIO KNIGHT VINKE INSTITUTIONAL PAR TNERS (INTERNATIONAL) II, L.P. AICARDI FABIO KNIGHT VINKE INSTITUTIONAL PAR TNERS I, L.P. AICARDI FABIO KNIGHT VINKE INSTITUTIONAL PAR TNERS II, L.P. AICARDI FABIO KNIGHT VINKE INSTITUTIONAL PAR TNERS II, L.P. AICARDI FABIO KV Special Situations Partners (International) L.P. AICARDI FABIO KV Special Situations Partners (International) L.P. AICARDI FABIO LOCKHEED MARTIN CORP MASTER TR UST AICARDI FABIO LOCKHEED MARTIN CORP MASTER TR UST AICARDI FABIO LOS ANGELES CITY EMPLOYEES RET IREM. AICARDI FABIO MAINSTAY TOTAL RETURN FUND AICARDI FABIO MAINSTAY VP TOTAL RETURN PORTF OLIO AICARDI FABIO MANAGED PENSION FUNDS LIMITED AICARDI FABIO MARCH LIMITED AICARDI FABIO 357 MARS GMGBH AICARDI FABIO MEGA INTERNATIONAL COMMERCIAL BANK CO LTD IN ITS CAPACITY ASAICARDI FABIO MELLON BANK EMP COLL INVEST FD AICARDI FABIO MELLON BANK EMP COLL INVEST FD AICARDI FABIO MELLON CAP MANAGMNT/JNL INTL I NDEX AICARDI FABIO MINISTRY OF FINANCE AND ECONOM Y AICARDI FABIO MONETARY AUTHORITY OF SINGAPOR E AICARDI FABIO MSCI ITALY PROVISIONAL INDEX S ECURITIES LENDING COMMON TRUSTAICARDI FABIO MULTI-MANAGER ICVC-MULTI-MANAG ER EUROPEAN EQUITY FUND AICARDI FABIO MUNICIPAL EMP ANNUITY & BEN FD CHICA AICARDI FABIO MUNICIPAL FIRE & POLICE RETIRE IOWA AICARDI FABIO 200

17 Stampa dell'elenco Partecipanti MainStay International Equity Fund AICARDI FABIO MainStay VP International Equi ty Portfolio AICARDI FABIO NATIONAL PENSIONS RESERVE FUND COMM AICARDI FABIO NATIONAL PENSIONS RESERVE FUND COMM. AICARDI FABIO NESTEGG DOW JONES 2010 FUND AICARDI FABIO 19 NESTEGG DOW JONES 2015 FUND AICARDI FABIO 70 NESTEGG DOW JONES 2015 FUND AICARDI FABIO 196 NESTEGG DOW JONES 2015 FUND AICARDI FABIO 224 NESTEGG DOW JONES 2015 FUND AICARDI FABIO 236 NIPSCO MASTER TRUST AICARDI FABIO NORTH SLOPE BOROUGH AICARDI FABIO NORTHERN TRUST PRIVATE INVESTM ENT F AICARDI FABIO NYNEX CO MASTER PENSION TRUST AICARDI FABIO 470 ONTARIO POWER GENERATION INC. AICARDI FABIO 353 ONTARIO POWER GENERATION INC. AICARDI FABIO ONTARIO TEACHERS PENSION PLAN BOARD AICARDI FABIO ONTARIO TEACHERS PENSION PLAN BOARD AICARDI FABIO PENS.PLAN RETIR.OFF.SALVATION ARMY AICARDI FABIO PENSION FUND ASSOCIATION FOR L OCAL GOVERNMENT OFFICIALS AICARDI FABIO PEPSICO MASTER RETIREMENT TRUS T AICARDI FABIO PG & E CORPORATION RET MASTER TRUST AICARDI FABIO PG&E POSTRET MED PL TR NON-MGM T E&R AICARDI FABIO PREMIUM INVESTORS LTD AICARDI FABIO PSEG NUCLEAR LLC AICARDI FABIO 400 PUBLIC EMPLOYEE RET.SYSTEM OF IDAHO AICARDI FABIO PUBLIC SCHOOL RETIREMENT SYSTE M OF MISSOURI AICARDI FABIO PYRFORD INTERNATIONAL TRUST AICARDI FABIO QWEST DEFINED BENEFIT/DEF CONT R MAST AICARDI FABIO RARE INFRASTRUCTURE VALUE FUND AICARDI FABIO RENAISSANCE GLOBAL INFRASTR FU ND AICARDI FABIO SAN DIEGO GAS & ELECTRIC CO NU CLEAR FACILITIES QUALIFIED DEC AICARDI FABIO SCHOOL EMPLOYEES RET SYSTEM OF OHIO AICARDI FABIO SELECT INDEX SERIES-EUROPEAN E QUITY PORTFOLIO AICARDI FABIO SEMPRA ENERGY PENSION MASTER T RUST AICARDI FABIO SENTINEL INTERNATIONAL FUND AICARDI FABIO SPDR FTSE/MACQUARIE GLOBAL INF RASTRUCTURE 100 ETF AICARDI FABIO SPRUCEGROVE INTL POOLED FUND AICARDI FABIO SPRUCEGROVE SPECIAL GLOBAL POO LED F. AICARDI FABIO SPRUCEGROVE SPECIAL GLOBAL POO LED F. AICARDI FABIO SSGA GLOBAL INDEX PLUS TRUST AICARDI FABIO SSGA INTERNATIONAL EQUITIES IN DEX TRUST AICARDI FABIO SSGA WEALTH WEIGHTED GLOBAL EQ UITIES INDEX TRUST AICARDI FABIO

18 Stampa dell'elenco Partecipanti STATE OF MINNESOTA AICARDI FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET BANK AND TRUST CO MPANY INVESTMENT FUNDS FOR AICARDI TAX FABIO STATE STREET SRI WORLD INDEX AICARDI FABIO STATE STREET TRUST & BANKING C O LTD PENSION INVESTMENT FUNDAICARDI FABIO STICHT TOT BEW CORD AAN EUR EN H BEH AICARDI FABIO STICHTING PENSIOENFONDS CAMPIN A AICARDI FABIO STICHTING T BEW CORDARES AAN E AC BE AICARDI FABIO State Street Global Advisors - Europe Index Plus Edge Common AICARDI FABIO TAIWAN BUSINESS BANK IN ITS CA PACITY AS MASTER CUSTODIAN AICARDI FABIO TD EUROPEAN INDEX FUND AICARDI FABIO TD INTERNATIONAL INDEX FUND AICARDI FABIO TEACHERS'RETIREMENT SYST LOUI SIANA AICARDI FABIO TEXAS MUTUAL INSURANCE COMPANY AICARDI FABIO THE CALIFORNAI ENDOWMENT AICARDI FABIO THE JOHNS HOPKINS UNIVERSITY AICARDI FABIO THE MANVILLE PERS.INJURY SETL. TRUST AICARDI FABIO THE MASTER TRUST BANK OF JAPAN LTD RE: HITACHI FOREIGN EQUIT AICARDI FABIO THE MUTUAL AID ASSOCIATION OF PREFECTURAL GOVERNMENT PERSONN AICARDI FABIO THE ONTARIO PUB SER EMPL UNI P EN T F AICARDI FABIO THE REGENTS OF THE UNIVERSITY OF CALIFORNIA AICARDI FABIO THE SALVATION ARMY AICARDI FABIO THE ZAYED FOUNDATION AICARDI FABIO THE ZAYED FOUNDATION AICARDI FABIO TIIA-CREF INSTITUTIONAL MUTUAL FUNDS-INTERNATIONAL EQUITY IN AICARDI FABIO TREASURER OF STATE OF N.C.EQ I NV FD AICARDI FABIO TREASURER STATE OF MISSISSIPPI AICARDI FABIO UBS AG - OMNIBUS NON RESIDENT AICARDI FABIO UNITED NATIONS RELIEF AND WORK S FOR PALESTINIAN REFUGEES INAICARDI FABIO UNIVERSAL SHIPOWNERS MARINE IN SURANCE ASSOCIATION LTD EQUITY AICARDI FABIO Vantagepoint Overseas Equity I ndex Fund AICARDI FABIO WESTPAC INTERNATIONAL SHARE IN DEX TRUST AICARDI FABIO WHEELS COMMON INVESTMENT FUND AICARDI FABIO WORKPLACE SAFETY & INSURANCE B OARD AICARDI FABIO WORKPLACE SAFETY & INSURANCE B OARD AICARDI FABIO WORKPLACE SAFETY & INSURANCE B OARD AICARDI FABIO

19 Stampa dell'elenco Partecipanti WORKPLACE SAFETY & INSURANCE B OARD AICARDI FABIO WORLD INDEX OLUS SECURITIES LE NDING COMMON TRUST FUND AICARDI FABIO WORLD INDEX PLUS EDGE COMMON T RST FND RE STATE ST BNK AND AICARDI TR FABIO BANCA D'ITALIA BERNARDINI ENRICO ROSCIO EUGENIO BORLENGHI FRANCO ALASKA PERMANENT FUND CORP. MAGLIONE SABRINA ALLIANZ GLOBAL INVESTORS KAPITALANLAGEGESELLS MAGLIONE SABRINA ARTEMIS INCOME FUND MAGLIONE SABRINA ARVINMERITOR INC. RETIREMENT P LAN MAGLIONE SABRINA BALZAC UMBRELLA INDEX COMPARTI MENT BALZAC EURO INDEX MAGLIONE SABRINA BALZAC UMBRELLA INDEX COMPARTI MENT BALZAC ITALY MAGLIONE SABRINA BALZAC UMBRELLA INDEX COMPARTI MENT BALZAC UTILITIES INDEX MAGLIONE SABRINA BALZAC UMBRELLA INDEX COMPARTI MENT BALZAC WORLD INDEX MAGLIONE SABRINA BANK OF NEW YORK MAGLIONE SABRINA BANK OF NEW YORK MAGLIONE SABRINA BARCLAYS GLOBAL INVESTORS MAGLIONE SABRINA BARCLAYS GLOBAL INVESTORS MAGLIONE SABRINA BARCLAYS GLOBAL INVESTORS N.A. TRUSST MAGLIONE SABRINA BARCLAYS GLOBAL INVESTORS PENS IONS MANAGEMENT LTD MAGLIONE SABRINA BARCLAYS GLOBAL INVESTORS PENS IONS MANAGEMENT LTD MAGLIONE SABRINA BARCLAYS LIFE ASSURANCE COMPAN Y LTD MAGLIONE SABRINA BARCLAYS LIFE ASSURANCE COMPAN Y LTD MAGLIONE SABRINA BARCLAYS LIFE ASSURANCE COMPAN Y LTD MAGLIONE SABRINA BGI AUSTRALIA LTD AS RESPONS I BLE ENTITYFOR BARCLAYS EUR OPEMAGLIONE SABRINA BGI INDEX SELECTION FUND MAGLIONE SABRINA BGICL DAILY EAFE EQUITY INDEX FUND MAGLIONE SABRINA BMO HARRIS INTERNATIONAL EQUIT Y PORTFOLIO MAGLIONE SABRINA BROWN BROTHERS HARRIMAN TRUST COMPANY SUCCESSOR TRUSTEE MAGLIONE OF T SABRINA Barclays Global Investors, NA Investement Funds for Employee MAGLIONE SABRINA Barclays Global Investors, NA Investement Funds for Employee MAGLIONE SABRINA CACEIS BANK MAGLIONE SABRINA CACEIS BANK MAGLIONE SABRINA CALIFORNIA STATE TEACHERS RETI REMENT SYSTEM MAGLIONE SABRINA CALIFORNIA STATE TEACHERS RETI REMENT SYSTEM MAGLIONE SABRINA CITY OF NEW YORK GROUP TRUST MAGLIONE SABRINA CITY OF NEW YORK GROUP TRUST MAGLIONE SABRINA CITY OF NEW YORK GROUP TRUST MAGLIONE SABRINA COLONIAL FIRST STATE INVESTEME NT LIMITED MAGLIONE SABRINA DBV FONDS IV MAGLIONE SABRINA EQ ADVISORS TRUST-MARKETPLUS INTERNATIONAL COR PO MAGLIONE SABRINA G.A.FD B EQ. BROAD EURO P MAGLIONE SABRINA GARTMORE NVIT GLOBAL UTILITIES MAGLIONE SABRINA

20 Stampa dell'elenco Partecipanti GOLDMAN SACHS GMS INTERNATIONA L EQUITY ADVISERS 2 SPRUCEGRO MAGLIONE SABRINA GOLDMAN SACHS GMS INTERNATIONA L EQUITY PORTFOLIO MAGLIONE SABRINA H.E.S.T. AUSTRALIA LIMITED MAGLIONE SABRINA HEALTH SUPER FUND MAGLIONE SABRINA HOURGLASS INDEXED INTERNATIONA L SHARE SECTOR TRUST MAGLIONE SABRINA HSBC EUROPEAN INDEX FUND MAGLIONE SABRINA IAM NATIONAL PENSION FUND MAGLIONE SABRINA ING BEWAAR MAATSCHAPPIJ 1 BV MAGLIONE SABRINA ING BEWAAR MAATSCHAPPIJ 1 BV MAGLIONE SABRINA ING RENDEMENT EUROPE MAGLIONE SABRINA INTERNATIONAL EQUITY INDEX PLU S FD B MAGLIONE SABRINA IOWA PUBLIC EMPLOYEES RETIREME NT SYSTEM MAGLIONE SABRINA JPMORGAN CHASE BANK MAGLIONE SABRINA JPMORGAN CHASE BANK MAGLIONE SABRINA KAS DEPOSITARY TRUST COMPANY MAGLIONE SABRINA LEGAL AND GENERAL ASSURANCE (P ENSIONS MANAGEMENT) LTD MAGLIONE SABRINA LUCENT TECHNOLOGIES PENSION TR UST MAGLIONE SABRINA MACQUARIE INVESTMENT MANAGEMEN T LIMITED AS RESPONSIBLE ENTIT MAGLIONE SABRINA MN SERVICES MAGLIONE SABRINA NATIONAL ELEVATOR INDUSTRY PEN SION P MAGLIONE SABRINA NATIONWIDE GLOBAL UTILITIES FU ND MAGLIONE SABRINA NEW YORK LIFE INSURANCE COMPAN Y MAGLIONE SABRINA NEW YORK LIFE INSURANCE COMPAN Y MAGLIONE SABRINA NEW YORK LIFE INSURANCE COMPAN Y MAGLIONE SABRINA NEW YORK LIFE INSURANCE COMPAN Y MAGLIONE SABRINA NORWICH UNION LIFE AUSTRALIA L IMITED MAGLIONE SABRINA NORWICH UNION LIFE AUSTRALIA L IMITED MAGLIONE SABRINA PICTET & CIE (EUROPE) SA MAGLIONE SABRINA PICTET & CIE BANQUIERS MAGLIONE SABRINA POWERSHARES FTSE RAFI DEVELOPE D MARKETS EX US PORTFOLIO MAGLIONE SABRINA POWERSHARES GLOBALFUNDS IRELAN D PUBLIC LIMITED COMPANY MAGLIONE SABRINA 48 POWERSHARES GLOBALFUNDS IRELAN D PUBLIC LIMITED COMPANY MAGLIONE SABRINA 121 POWERSHARES GLOBALFUNDS IRELAN D PUBLIC LIMITED COMPANY MAGLIONE SABRINA 579 POWERSHARES GLOBALFUNDS IRELAN D PUBLIC LIMITED COMPANY MAGLIONE SABRINA PS DYNAMIC QSG EUROPE PORTFOLI O MAGLIONE SABRINA PS FTSE RAFI EUROPE PORTFOLIO MAGLIONE SABRINA 841 PUBLIC EMPLOYEES RETIREMENT SY STEM OF NEVADA MAGLIONE SABRINA QUEENSLAND INVESTMENT CORPORAT ION MAGLIONE SABRINA ROCKEFELLER CO. INC MAGLIONE SABRINA SAS TRUSTEE CORPORATION MAGLIONE SABRINA SAS TRUSTEE CORPORATION MAGLIONE SABRINA SAS TRUSTEE CORPORATION MAGLIONE SABRINA

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Ignis Asset Management

Ignis Asset Management Ignis Asset Management Indice 2 Storia di Ignis 3 Ignis oggi 4 Eredità 5 Punti di forza 6 Capacità: innovazione, competenza ed esperienza 7 Panoramica sui prodotti 8 Assistenza clienti: il potere delle

Dettagli

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.

Cartella stampa 2014. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk. Mangusta Risk Limited 132-134 Lots Road Chelsea, London, SW10 0RJ [UK] Tel. +44 20 7349 7013 www.mangustarisk.com Mangustarisk Italia s.r.l. Via Giulia, 4 00186, Roma (Italia) Tel. +39 06 45439400 Fax.

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11.

VERBALE N 2/11. In apertura di seduta, previa lettura, viene approvato il verbale n. 1 del 71/02/11. VERBALE N 2/11 L anno 2011 il giorno 4 del mese di marzo alle ore 12,00 previa osservanza di tutte le formalità prescritte dalle vigenti norme, nella sede del Conservatorio G. Martucci di Salerno si riunisce

Dettagli

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo

ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC. Seconda Appendice al Prospetto informativo ABSOLUTE INSIGHT FUNDS PLC Seconda Appendice al Prospetto informativo La presente Seconda Appendice costituisce parte integrante e deve essere letta contestualmente al prospetto informativo, datato 17

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE V. BACHELET VERBALE n. 8 DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO dell Istituto di Istruzione Superiore V. Bachelet di Abbiategrasso in data 11 ottobre 2013 Il giorno 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 nella Sala Professori dell Istituto,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia

Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia Report di Borsa Settimanale per gli Azionisti Retail di Telecom Italia 30 settembre 203 4 ottobre 203 Telecom Italia e il mercato italiano Prezzo Chiusura Volumi medi giornalieri Capitalizzazione** da

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice

(In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano dal 1 gennaio 2015 o successivamente) Indice PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA Italia) 720 LE RESPONSABILITÀ DEL REVISORE RELATIVAMENTE ALLE ALTRE INFORMAZIONI PRESENTI IN DOCUMENTI CHE CONTENGONO IL BILANCIO OGGETTO DI REVISIONE CONTABILE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli