Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Misure di accompagnamento per l'attuazione dei Decreti Ministeriali del sul risparmio energetico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Misure di accompagnamento per l'attuazione dei Decreti Ministeriali del 24.4.2001 sul risparmio energetico"

Transcript

1 SFR-A3/ Pag.1/29 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Misure di accompagnamento per l'attuazione dei Decreti Ministeriali del sul risparmio energetico Ordine: Contratto CESI n 60/00085 Note: ELTEC/SCEL/2003/01 senza l'autorizzazione scritta del CESI questo documento può essere riprodotto solo integralmente N. pagine: 29 N. pagine fuori testo: Data: 31/1/2003 Elaborato: SFR/UFI Umberto Ciarniello SFR/UFI Walter Grattieri SFR/UFI Chiara Michelangeli Verificato: SFR/UFI Antonio Capozza Approvato: SFR/UFI Antonio Capozza CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 SFR-A3/ Pag.2/29 Indice 1 SOMMARIO PREMESSA INSTALLAZIONE DI CALDAIA A 4 STELLE DI EFFICIENZA ALIMENTATA A GAS NATURALE6 3.1 ELEMENTI PRINCIPALI PROCEDURA DI CALCOLO DEI RISPARMI DOCUMENTAZIONE DA TRASMETTERE ALL'AUTORITÀ DOCUMENTAZIONE DA CONSERVARE NORMATIVA TECNICA DA RISPETTARE INDIVIDUAZIONE DEI PARAMETRI UTILIZZATI PER LE STIME E DEI LORO VALORI PREDEFINITI INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI COGENERAZIONE DI POTENZA MEDIO-BASSA ELEMENTI PRINCIPALI PROCEDURA DI CALCOLO DEI RISPARMI NORME TECNICHE DA RISPETTARE PROCEDURA PER IL CALCOLO DEL RISPARMIO DI ENERGIA PRIMARIA INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI COGENERAZIONE ELEMENTI PRINCIPALI PREMESSA LA TECNOLOGIA REQUISITI DEFINIZIONI VALUTAZIONE DEL RISPARMIO ENERGETICO GRANDEZZE DA FORNIRE SEMPLIFICAZIONI NORMATIVA DI RIFERIMENTO INSTALLAZIONE DI POMPE DI CALORE ELETTRICHE AD ARIA ESTERNA IN EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE O RISTRUTTURATI IN LUOGO DI CALDAIE A GAS ELEMENTI PRINCIPALI DATI PER IL CALCOLO DEL RISPARMIO DI ENERGIA PRIMARIA CONSUMI ENERGETICI RISPARMIO ENERGETICO RIFERIMENTI...29 Copyright 2003 by CESI. All rights reserved - Activity code 30073J Keywords: 12035F, 60301L

3 SFR-A3/ Pag.3/29 STORIA DELLE REVISIONI Numero revisione Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati 3

4 SFR-A3/ Pag.4/29 1 SOMMARIO E continuata anche nel 2002 l azione di supporto tecnico prestata dal CESI all Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas, nella definizione delle regole tecniche per la quantificazione del risparmio energetico ai sensi dei due Decreti Ministeriali del Tale azione si è esplicata nello studio di nuove procedure di valutazione, quattro delle quali sono descritte nel presente rapporto, e nella verifica di congruenza tecnica e formale di procedure di valutazione predisposte da altri soggetti. Gli interventi per i quali sono si riporta la procedura di valutazione del risparmio energetico sono: - Installazione di caldaia a 4 stelle di efficienza alimentata a gas naturale - Installazione di impianto di cogenerazione di potenza medio-bassa - Installazione di impianto di cogenerazione. - Installazione di pompe di calore elettriche ad aria esterna in edifici di nuova costruzione o ristrutturati in luogo di caldaie a gas 2 PREMESSA Fra le più recenti ed interessanti disposizioni in materia di risparmio energetico vanno annoverati due Decreti [1], [2], emanati di concerto dai Ministeri dell Industria e dell Ambiente nell aprile 2001, che fissano gli obiettivi quantitativi di incremento dell efficienza negli usi finali dell energia, da conseguire nel periodo da parte dei distributori di elettricità e di gas. Tali provvedimenti rappresentano l attuazione di prescrizioni già previste dai Decreti Legislativi 79/99 e 164/00 (meglio noti, nell ordine, come Decreto Bersani e Decreto Letta ), che hanno sancito l apertura dei mercati rispettivamente dell energia elettrica e del gas naturale. Essi definiscono un quadro normativo e di incentivi decisamente innovativo per la promozione dell efficienza e del risparmio energetico e aprono una fase completamente nuova dei rapporti fra consumatori e fornitori di energia. La definizione delle Linee Guida per l attuazione dei Decreti [3] ha richiesto lo studio di specifiche regole tecniche per la determinazione quantitativa (in termini di tonnellate equivalenti di petrolio/anno) del risparmio energetico che risulta da ciascun tipo di intervento ammesso. Tale quantificazione è fondamentale e preliminare al rilascio dei Titoli di Efficienza Energetica, i quali assumono una doppia valenza: da un lato essi costituiscono una fonte di reddito per i soggetti in condizione di negoziarli (i Decreti ne prevedono infatti la compravendita, che potrà avvenire mediante accordi bilaterali, o presso un apposita sede di contrattazione, la Borsa dei Titoli di Efficienza Energetica); dall altro rappresentano, per i soggetti obbligati al raggiungimento degli obiettivi, la prova del loro adempimento e la maturazione del diritto al riconoscimento dei costi sostenuti. Nell ambito di tali Decreti, il CESI ha contribuito alla messa a punto dei criteri di valutazione del risparmio di energia primaria studiando apposite procedure, un primo lotto delle quali è già stato riportato in precedenti lavori di Ricerca di Sistema 1. Il presente Rapporto raccoglie le 4 procedure seguenti: - Installazione di caldaia a 4 stelle di efficienza alimentata a gas naturale - Installazione di impianto di cogenerazione di potenza medio-bassa - Installazione di impianto di cogenerazione. - Installazione di pompe di calore elettriche ad aria esterna in edifici di nuova costruzione o ristrutturati in luogo di caldaie a gas La prima di tali procedure rappresenta in realtà una parziale revisione ed estensione del procedimento già realizzato nel 2001 e che è stato necessario integrare in seguito alle indicazioni emerse in seguito all Audizione Pubblica tenutasi a Roma nei giorni 13 e 14 giugno Vedasi Rapporti: A1/026225, A1/037714, A1/

5 SFR-A3/ Pag.5/29 La seconda e la terza procedura appartengono alla categoria dei metodi di valutazione ingegneristici necessari, in questo caso, per quantificare l efficienza energetica della cogenerazione: il primo metodo, più semplificato, è applicabile ad impianti di taglia non superiore a 500 kw elettrici, il secondo, più completo, non ha limiti di validità. La quarta procedura consente infine di valutare, in modo standardizzato ed ex-ante, i guadagni di efficienza possibili con le installazioni a pompa di calore per il riscaldamento degli edifici, realizzate sotto le condizioni specificamente prescritte dai Decreti in parola. 5

6 SFR-A3/ Pag.6/29 3 INSTALLAZIONE DI CALDAIA A 4 STELLE DI EFFICIENZA ALIMENTATA A GAS NATURALE 3.1 Elementi principali Tipologia di intervento: Dispositivi per la combustione delle fonti energetiche non rinnovabili Decreto elettrico: tabella B, tipologia di intervento n. 9 Decreto gas: tabella A, tipologia di intervento n. 1 Sotto-tipologia di intervento: Interventi per la sostituzione di dispositivi esistenti con altri a più elevata efficienza Settore di intervento: Domestico Tipo di utilizzo: - Riscaldamento dei locali - Riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria NOTA: L installazione ex-novo o la sostituzione dell'esistente è ammessa solo per caldaie con 4 stelle di efficienza (DPR 660/96). La ricognizione sul parco nazionale ha mostrato che le caldaie con 1 o 2 stelle di rendimento sono la quasi totalità del mercato italiano (circa il 99 %). Per queste caldaie, che rappresentano la tecnologia di riferimento, si è assunta un'efficienza media stagionale dell'80 %. Unità fisica di riferimento: appartamento tipo riscaldato Risparmio specifico lordo di energia primaria conseguibile per singola unità fisica di riferimento (RSL): Coefficiente correttivo per risparmi non addizionali: Coeff. Corr. Per impatto modalità di consegna: Risparmio specifico netto di energia primaria conseguibile per singola unità fisica di riferimento consegnata con modalità i-esima: Taglia minima di progetto: Persistenza dei risparmi energetici nel tempo 98-99% Tipo di utilizzo Zona climatica RSL = tep 10-3 /app.to/anno Riscaldamento A + B 11 Riscaldamento C 17 Riscaldamento D 34 Riscaldamento E 57 Riscaldamento F 80 Riscaldamento + acs A + B 37 Riscaldamento + acs C 43 Riscaldamento + acs D 60 Riscaldamento + acs E 83 Riscaldamento + acs F 105 a (da decidere a seguito della consultazione) b i (da decidere a seguito della consultazione) RSN i = RSL (1-a-b i ) tep/anno/unità fisica di riferimento da decidere a seguito della consultazione 6

7 SFR-A3/ Pag.7/ Procedura di calcolo dei risparmi Definizioni: Rendimento medio stagionale % (riferito al Potere Calorifico Inferiore del combustibile): caldaia standard η st,e caldaia a quattro stelle η st,n Energia elettrica consumata dai fan-coil (kwh/anno) E Fc Parametri di utilizzo: E1 E2 E3 E Fc F el T i T u fabbisogno termico dell'appartamento medio servito dalla caldaia nella zona climatica di appartenenza (Mcal/anno) consumo giornaliero di acqua calda (a 60 C) per persona (l/giorno) numero di occupanti dell appartamento medio energia elettrica consumata dai fan-coil (Wh/anno) fattore di energia primaria (tep/kwh) temperatura dell'acqua di rete ( C) temperatura di produzione dell'acqua calda sanitaria ( C) Calcolo del risparmio specifico lordo di energia primaria conseguibile per singolo intervento: RSL = F1 + F2 - F3 [tep/appartamento/anno] con: F1 Riduzione di consumo di energia primaria dovuto alla variazione di rendimento di caldaia (tep/appartamento/anno). F1 = [(1/ η st,e - 1/ η st,n )xe1]/10 4 F2 Riduzione di consumo di energia primaria dovuto alla variazione di rendimento nella produzione di acqua calda sanitaria (tep/appartamento/anno). F2 = E2x365x(T u - T i )xe3x(1/ η st,e -1/ η st,n )/10 7 F3 Incremento di consumo di energia primaria dovuto ai fan coil 2 (tep/appartamento/anno). F3 = [E Fc x F el ]/10 3 Calcolo del risparmio specifico netto di energia primaria conseguibile per singolo intervento: a: Coefficiente correttivo per risparmi non addizionali: b i : Coefficiente correttivo per impatto diverse modalità di consegna ( i = i-esima modalità di consegna) 2 I fan coil sono necessari per assicurare la funzionalità dell'impianto a bassa temperatura alimentato da caldaia a quattro stelle. Nel caso di impianto "a pavimento", F3 = 0 ed il risparmio specifico lordo si calcola sommando ai valori di Tabella 1 il valore di F3 ricavabile utilizzando i dati di "fabbisogno elettrico fan coil" di Tabella 2 7

8 SFR-A3/ Pag.8/29 RSN i = RSL (1-a-b i ) Calcolo del risparmio specifico netto di energia primaria per N unità di riferimento: RSN = n i = RSN 1 i Tabella 1. - Risparmi energetici conseguibili in impianti con l'utilizzo di dispositivi di combustione a elevata efficienza (caldaie a quattro stelle, settore domestico) Tipo di utilizzo Zona Riduzione consumo (tep 10-3 /app.to/anno) Riscaldamento A + B 11 Riscaldamento C 17 Riscaldamento D 34 Riscaldamento E 57 Riscaldamento F 80 Riscaldamento + acs A + B 37 Riscaldamento + acs C 43 Riscaldamento + acs D 60 Riscaldamento + acs E 83 Riscaldamento + acs F Documentazione da trasmettere all'autorità Scheda per la rendicontazione degli interventi Identificazione N. appartamenti Zona Climatica Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. Nome Cognome, Indirizzo, n. tel. TOTALE PROGETTO Acqua Calda Sanitaria Risparmio Specifico Lordo [tep 10-3/anno/app.to] Risparmio Netto [tep/anno] 8

9 SFR-A3/ Pag.9/ Documentazione da conservare Da decidere a seguito della consultazione 3.5 Normativa tecnica da rispettare DPR n. 660 del 15 novembre Individuazione dei parametri utilizzati per le stime e dei loro valori predefiniti Rendimento medio stagionale % (riferito al Potere Calorifico Inferiore del combustibile): - caldaia esistente 80 per caldaie standard - caldaia sostitutiva 92 per caldaie a quattro stelle Energia elettrica consumata dai fan coil E Fc valori di riferimento in Tabella 2 Parametri di utilizzo: E1 E2 E3 F el fabbisogno termico dell'appartamento medio servito dalla caldaia nella zona climatica di appartenenza (Mcal/anno): valori di riferimento in Tabella 2 (consumo giornaliero di acqua calda, a 60 C, per persona): 35 l /giorno (numero di occupanti dell appartamento medio): 2,7 persone fattore di energia primaria: 0, tep/kwh T i (temperatura dell'acqua di rete): 15 C T u (temperatura di produzione dell'acqua calda sanitaria): 60 C Tabella 2 - Parametri di riferimento per appartamento medio (82 m 2 ) Zona climatica Fabbisogno termico dell'appartamento (Mcal/anno) A + B C D E F Fabbisogno elettrico fan coil (kwh/anno) 9

10 SFR-A3/ Pag.10/29 4 INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI COGENERAZIONE DI POTENZA MEDIO- BASSA 4.1 Elementi principali Tipologia di intervento Climatizzazione ambienti e recuperi di calore in edifici climatizzati con l uso di fonti energetiche non rinnovabili Decreto elettrico: Tabella B, tipologia di intervento n. 11 Decreto gas: Tabella A, tipologia di intervento n. 3 Sotto-tipologia di intervento: Cogenerazione e sistemi di microgenerazione come definiti dall Autorità per l energia elettrica e il gas Settore di intervento Civile/terziario e piccola - media industria con possibile abbinamento a rete di teleriscaldamento di quartiere Tipo di utilizzo Produzione di energia elettrica e calore per uso riscaldamento ambienti (sotto forma di acqua calda come recupero termico dal motore o dai gas di scarico della turbina) con Potenza Elettrica Massima di 500 kw. 4.2 Procedura di calcolo dei risparmi Unità fisica di riferimento kwh/anno di energia elettrica prodotta Parametri di utilizzo da misurare Energia elettrica prodotta E (kwh/a) Risparmio specifico netto di energia primaria conseguibile per singola installazione (tep 10-3 /anno): RSN = 0,136 x E Dove: E= Energia Elettrica prodotta (kwh/a) Persistenza dei risparmi energetici nel tempo Taglia minima Documentazione da trasmettere e da conservare 100 % rispetto all anno precedente (da definire a seguito della consultazione) (da definire a seguito della consultazione) 4.3 Norme Tecniche da rispettare Disposto art. 6 DM 24 aprile AEEG: Deliberazione 19 marzo "Condizioni per il riconoscimento della produzione combinata di energia elettrica e calore come cogenerazione ai sensi dell'articolo 2, comma 8 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (deliberazione n. 42/02)". UNI 8887 Sistemi per processi di cogenerazione, febbraio

11 SFR-A3/ Pag.11/ Procedura per il calcolo del risparmio di energia primaria Si propone l adozione di un criterio di valutazione ingegneristico basato sulla misura dell energia elettrica prodotta, che già ora avviene con contatori fiscali vidimati dall UTF. La presente scheda si applica ad interventi dove tutta l energia termica cogenerata viene utilizzata. Il rapporto tra le potenze termica ed elettrica (e le corrispondenti energie) si può dunque considerare costante e pari a quello definito dalla specifica tecnica della macchina (il calore per impianti mediopiccoli è reso generalmente sotto forma di acqua calda). Mediamente tale rapporto, per gruppi cogenerativi con motore alternativo con potenza elettrica nel campo kw, vale: 1,50. Il risparmio di energia primaria si calcola per differenza tra i consumi attribuiti alla produzione separata di elettricità e calore e quello in cogenerazione. Si assume pari a 0,8 il rendimento stagionale per la produzione di calore in normali caldaie per riscaldamento centralizzato. L equivalente in energia primaria corrispondente all energia elettrica è pari a 0.22 *10-3 come fissato dai DM 24/4/01. Detta E l energia elettrica prodotta (espressa in kwh) risulta quindi: E 1 : energia primaria corrispondente alla produzione elettrica E 1 = E * 0,22 *10-3 (tep/anno) E 2 : energia primaria corrispondente alla produzione termica E 2 = (E * 1,50 / 0,8 / 1,16)*10-4 = E*0,162*10-3 (tep/anno) E ptot : energia primaria corrispondente alla produzione separata è quindi pari ad E ptot = (E 1 + E 2 ) = E*(0,22 + 0,162) *10-3 = E *0,382*10-3 (tep/anno): Assumendo il rendimento per produzione elettrica in cogenerazione η E pari a 0,35 E pcog energia primaria consumata per cogenerazione, espressa in tep/anno, tramite gli opportuni coefficienti di conversione risulta: E pcog = E*(860/η E )*10-7 = E*(860/0,35)*10-7 = E *0,246 * 10-3 (tep/anno): In definitiva il risparmio RSL si ottiene per differenza tra i valori prima calcolati: RSL = E ptot - E pcog = E *(0,382-0,246) *10-3 = E *0,136 * 10-3 (tep/anno): 11

12 SFR-A3/ Pag.12/29 Note I valori: - del rapporto tra la potenza termica ed elettrica, pari a 1,50 - del rendimento stagionale per la produzione di calore in caldaie per riscaldamento centralizzato, pari a 0,8 - del rendimento per produzione elettrica in cogenerazione η E, pari a 0,35 utilizzati nelle formule della scheda, sono medie di valori pubblicati sui cataloghi delle case fornitrici di impianti per cogenerazione, nell intervallo di potenza considerata. Il valore dell equivalente in energia primaria corrispondente all energia elettrica pari a 0,22 *10-3 tep/kwh è fissato dal DM 24/4/01. La procedura esposta sottende le seguenti approssimazioni: - il calore cogenerato è utilizzato per intero. In effetti, esistono perdite per calore dei fumi e perdite di irraggiamento che non vengono considerate. L errore presunto è del %. - Il calore cogenerato viene sempre utilizzato. Da procedura non è possibile distinguere se il calore viene effettivamente utilizzato o se disperso in ambiente (se, cogenerazione per riscaldamento locali, non utilizzata nel periodo estivo). 12

13 SFR-A3/ Pag.13/29 5 INSTALLAZIONE DI IMPIANTO DI COGENERAZIONE. 5.1 Elementi principali Tipologia di intervento: Climatizzazione ambienti e recuperi di calore in edifici climatizzati con l uso di fonti energetiche non rinnovabili Decreto elettrico: Tabella B, tipologia di intervento n. 11 Decreto gas: Tabella A, tipologia di intervento n. 3 Sotto-tipologia intervento: Settore di intervento: Grandezze da fornire: di Cogenerazione e sistemi di microgenerazione come definiti dall Autorità per l energia elettrica e il gas Civile, industriale Impianto di cogenerazione Energia primaria dei combustibili utilizzati in cogenerazione E pg Dettaglio dei combustibili usati: quantità annue di combustibile utilizzato per tipo e rispettivi poteri calorifici inferiori. Esempio: MCOMB(1) PCI(1) Unità misura tep/anno di PCI e MCOMB in unità congruenti MCOMB(i) PCI(i) MWh/anno Energia elettrica netta cogenerata E e Riscaldamento Energia termica fornita alle utenze (somma degli usi di riscaldamento e igienico-sanitari) E tc MWh/anno Risparmio di energia primaria conseguibile REP Refrigerazione Energia frigorifera fornita dall'impianto ad assorbimento E tf Energia elettrica fornita dalla rete all'impianto ad assorbimento per alimentare tutti i consumi ausiliari E eass REP = (E pconv E pcog ) (tep/anno) MWh/anno MWh/anno Dove: E pconv = consumo di energia primaria per la produzione separata di elettricità e calore, (tep/anno) E pcog = consumo di energia primaria della cogenerazione, (tep/anno) 13

14 SFR-A3/ Pag.14/ Premessa Questo documento descrive la metodologia per la determinazione del risparmio energetico conseguibile a seguito degli interventi per l incremento dell efficienza negli usi finali dell energia derivante dall utilizzo di sistemi di produzione combinata di energia elettrica e calore, sostitutivi di sistemi che utilizzano energia elettrica assorbita dalla rete ed energia termica prodotta con caldaia tradizionale alimentata mediante combustibili fossili. La metodologia proposta mira a soddisfare le seguenti condizioni: - minimizzare la quantità di dati forniti dal proponente, - consentire una valutazione semplificata dell intervento sia pure prevedendo la misura in campo di alcuni parametri. Nella metodologia proposta si è cercato di limitare al massimo le misure su impianto e la richiesta di dati, introducendo, ove possibile, ipotesi semplificative. Queste riguardano i rendimenti delle varie apparecchiature sostituite (caldaia e condizionatore) e le perdite di distribuzione (trascurate) Una valutazione più accurata è possibile, ma presuppone una richiesta di un numero maggiore di dati e quindi un maggiore onere nella eventuale verifica. 5.3 La tecnologia Ai fini della metodologia proposta, l'impianto di produzione è definito all'articolo 1 della Deliberazione 42/02 del 19 marzo 2002 della Autorità per l'energia Elettrica ed il Gas (AEEG): "Impianto di produzione combinata di energia elettrica e calore: sistema integrato che converte l'energia primaria di una qualsivoglia fonte di energia nella produzione congiunta di energia elettrica e di energia termica (calore), entrambe considerate effetti utili, conseguendo, in generale, un risparmio di energia primaria ed un beneficio ambientale rispetto alla produzione separata delle stesse quantità di energia elettrica e termica". Il calore generato viene trasferito all'utilizzatore in forme diverse e può essere destinato ad usi civili di riscaldamento, raffrescamento o raffreddamento o ad usi industriali in diversi processi produttivi. 5.4 Requisiti Ai fini dei Decreti del 24 aprile 2001, hanno diritto ai titoli di efficienza energetica i risparmi sugli usi finali dell'energia che derivano dall'utilizzo di calore prodotto da sistemi di produzione combinata di energia elettrica e calore che: - soddisfino alle condizioni della Deliberazione 42/02 della AEEG; - abbiano il rapporto tra energia termica utile (art. 1 lettera o della citata Deliberazione) e energia elettrica netta prodotta (art. 1 lettera n della citata Deliberazione) superiore ad 1; - abbiano ottenuto l'autorizzazione all'esercizio dopo il 24 aprile 2001, data di pubblicazione dei Decreti citati. 5.5 Definizioni E pcog = consumo di energia primaria della cogenerazione [tep/anno] = consumo di energia primaria per la produzione separata di elettricità e calore [tep/anno] E pconv 14

15 SFR-A3/ Pag.15/29 Dettaglio dei combustibili utilizzati: elencare le quantità di combustibile utilizzato per tipo ed i rispettivi poteri calorifici inferiori. MCOMB = consumo annuo del generico tipo di combustibile dell'impianto di cogenerazione PCI = potere calorifico inferiore del generico tipo di combustibile NCOMB = numero di tipi di combustibili utilizzati nell'impianto di cogenerazione nel corso dell'anno E pg E e E pe E tc E pc E tf E pf E eass E pass = energia primaria del combustibile consumato dell'impianto di cogenerazione [tep/anno] = energia elettrica prodotta dall'impianto di cogenerazione (al netto dei servizi ausiliari e del consumo elettrico dell'eventuale compressore gas) [MWh/anno] = energia primaria equivalente all energia elettrica cogenerata [tep/anno] = energia termica fornita all'utenza dall'impianto di cogenerazione (somma degli usi di riscaldamento e igienico-sanitari) [MWh/anno] = energia primaria equivalente all energia termica fornita alle utenze [tep/anno] = energia frigorifera prodotta dal gruppo ad assorbimento e fornita alle utenze [MWh/anno] = energia primaria equivalente all energia frigorifera fornita alle utenze [tep/anno] = energia elettrica fornita al gruppo ad assorbimento per i servizi ausiliari (assorbitore, ausiliari di macchina, eventuali pompe di circolazione e torre di raffreddamento) [MWh/anno] = energia primaria equivalente all energia elettrica fornita al gruppo ad assorbimento [tep/anno] f C = fattore di conversione dell energia elettrica in energia primaria, da kwh a tep (0,22*10-3 ) η tc = rendimento generatore di calore di riferimento (valore proposto: 0,8) ε fr = efficienza stagionale del gruppo frigorifero di riferimento (valore proposto: 2,5) 5.6 Valutazione del risparmio energetico - Generalità Il risparmio energetico determinato con la procedura sotto definita, si applica: - Per intero, agli impianti di nuova costruzione. - Nel caso di rifacimenti, con o senza potenziamento, il risparmio energetico netto si calcola come differenza tra il risparmio energetico ottenuto applicando la procedura che segue all'impianto nuovo, e quanto risulta applicando la procedura all'impianto preesistente. - Procedura di valutazione Con riferimento alla figura 1, il risparmio energetico viene calcolato utilizzando la procedura di seguito descritta. Calcolo dell energia primaria consumata dalla cogenerazione. Energia primaria del consumo di gas 15

16 SFR-A3/ Pag.16/29 E pg = i = 1, NCOMB MCOMB(i)*PCI(i) [tep/anno] Energia primaria del consumo di elettricità dell assorbitore E pass = E eass * f C * 1000 [tep/anno] Consumo di energia primaria della cogenerazione E pcog = E pg + E pass [tep/anno] Calcolo dell energia primaria consumata dalla produzione convenzionale (consumo evitato della produzione separata di elettricità e calore) Energia primaria equivalente all energia elettrica cogenerata. E pe = E e * f C * 1000 [tep/anno] Energia primaria equivalente all energia termica fornita alle utenze E pc = 8,6*10-2 *(E tc / η tc ) [tep/anno] Energia primaria equivalente all energia frigorifera fornita alle utenze E pf = (E tf / ε fr ) * f C * 1000 [tep/anno] Consumo di energia primaria della produzione convenzionale E pconv = E pe + E pc + E pf [tep/anno] Calcolo del risparmio di energia primaria. REP = [E pconv E pcog ] [tep/anno] 5.7 Grandezze da fornire Le grandezze da fornire sono dipendenti dal tipo di impianto. In tutti i casi: E e vale l'autocertificazione dal gestore dell'impianto redatta in base alla lettura del contatore di impianto. La misura indicata si riferisce al saldo netto fra l'energia elettrica prodotta e quella assorbita dagli ausiliari della cogenerazione, ivi compreso l'eventuale compressore di gas combustibile. E eass vale l'autocertificazione dal gestore dell'impianto redatta in base alle letture dei contatori di impianto. Nella misura va compreso anche il consumo elettrico del sistema di raffreddamento dell'assorbitore (torre evaporativa, o simile) MCOMB(i) e PCI(i) per i combustibili commerciali vale l'autocertificazione del gestore dell'impianto, redatta in base alle bollette di acquisto. Per i combustibili non commerciali vale l'autocertificazione del gestore dell'impianto. 16

17 SFR-A3/ Pag.17/29 Per la misura dell'energia termica valgono le seguenti indicazioni: Caso di produzione di elettricità e calore per riscaldamento Occorre fornire: E pg, E e, E tc Possono distinguersi due sottocasi: - Utilizzo del calore nel luogo di produzione. E tc corrisponde all'energia termica utile come definita nell'art. 1 lettera o della Delibera 42/02. Vale l'autocertificazione del gestore dell'impianto redatta sulla base della lettura del contatore di calore installato sulla uscita del recuperatore. - Utilizzo del calore per teleriscaldamento. E tc è autocertificata dal gestore dell'impianto, sulla base delle misurazioni dell'energia venduta. Caso di produzione di elettricità e calore per riscaldamento e refrigerazione Occorre fornire: E pg, E e, E tc, E tf, E eass Possono distinguersi due sottocasi: - Utilizzo del calore per riscaldamento e del raffrescamento nel luogo di produzione. E tc è autocertificata dal gestore dell'impianto, sulla base della lettura del contatore di calore installato a monte dell'utenza. E tf è autocertificata dal gestore dell'impianto, sulla base della lettura del contatore di calore installato a valle dell'assorbitore. - Utilizzo del calore per teleriscaldamento e utilizzo del raffrescamento nel luogo di produzione. E tc è autocertificata dal gestore dell'impianto, in base alle misurazioni dell'energia venduta. E tf è autocertificata dal gestore dell'impianto, in base alla lettura del contatore di calore installato a valle dell'assorbitore. 5.8 Semplificazioni In via transitoria ed allo scopo di semplificare la messa in atto degli interventi in oggetto, riducendo ulteriormente l'onere della misura, può essere omessa la misura diretta del termine E tf, il quale può desumersi dall'energia termica utile (Et, misurata ai sensi della Deliberazione 42/02) nel seguente modo: E tf = ( E t E tc ) * η ASS 17

18 SFR-A3/ Pag.18/29 Dove η ASS rappresenta il rendimento dell'assorbitore, per il quale si assume il valore di 0, Normativa di riferimento Per le misure di energia elettrica prodotta o assorbita dalla rete: Circolare DGD prot. N. 3455/U.T.C.I.F., del 9 dicembre 1982 e successive modificazioni. Per le misure del calore o delle frigorie forniti alle utenze: norma UNI EN Per l'equivalente energetico dei combustibili, in mancanza di dati diretti, si può far riferimento alla Circolare MICA del 2 marzo 1992 n. 219/F. AEEG: Deliberazione 19 marzo "Condizioni per il riconoscimento della produzione combinata di energia elettrica e calore come cogenerazione ai sensi dell'articolo 2, comma 8 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (deliberazione n. 42/02)". Decreto del 24 aprile 2001 "Individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali ai sensi dell'articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Decreto del 24 aprile 2001 "Individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili di cui all'articolo 16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164" 18

19 SFR-A3/ Pag.19/29 Figura 1 - Schema d'impianto di cogenerazione per la produzione di elettricità, calore e raffrescamento. E e RISCALDAMENTO + ACQUA CALDA E tc E pg Elettricità Calore E t COGENERATORE Legenda E pg Energia primaria del combustibile E e Energia elettrica netta da cogenerazione E t Energia termica utile (Delibera 42/02) E tc Energia termica da cogenerazione fornita all'utenza E tf Energia frigorifera fornita dal gruppo ad assorbimento all'utenza E eass Energia elettrica fornita al gruppo ad assorbimento al lordo dei servizi ausiliari ASSORBITORE E eass RAFFRESCAMENTO E t F 19

20 SFR-A3/ Pag.20/29 COGENERAZIONE: scheda di valutazione del risparmio energetico Proponente: Impianto: Grandezze da fornire Definizione Simbolo Valore Unità di misura MCOMB(1) Consumo annuo di combustibile MCOMB(2) (*) a MCOMB(NCOMB) PCI(1) Potere calorifico inferiore del combustibile PCI(2) (*) b PCI(NCOMB) Energia primaria del combustibile, pari a i = 1, NCOMB MCOMB(i)*PCI(i) E pg tep/anno c Energia elettrica netta da cogenerazione E e MWh/anno d Energia termica fornita all'utenza E tc MWh/anno e Energia frigorifera fornita all'utenza E tf MWh/anno f Energia elettrica consumata da tutti gli ausiliari E eass MWh/anno g dell'impianto ad assorbimento Fattori di conversione e rendimenti Fattore di conversione da kwh a tep f C 0,22*10-3 tep/kwh h Rendimento del generatore di calore di riferimento η tc 0,8 i Efficienza stagionale del gruppo frigorifero di ε fr 2,5 l riferimento Modalità di calcolo dei consumi e del risparmio annuo Definizione Simbolo Procedura Valore Unità di misura Energia primaria equivalente all'energia elettrica E pass g*h/1000 tep/anno m lorda fornita al gruppo assorbitore Energia primaria della cogenerazione E pcog c + m tep/anno n Energia primaria equivalente all'energia elettrica E pe d*h/1000 tep/anno o cogenerata Energia primaria equivalente all'energia termica E pc 8,6*10-2 *(e/i) tep/anno p fornita alle utenze Energia primaria equivalente all'energia E pf (f/l)*h/1000 tep/anno q frigorifera fornita alle utenze Energia primaria convenzionale per la E pconv o + p + q tep/anno r produzione separata di elettricità e calore Risparmio annuo di energia primaria REP r - n tep/anno (*) Unità di misura congruenti 20

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE

POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE POSIZIONE DI AiCARR SUL D.Lgs. 28/11 PER GLI ASPETTI RIGUARDANTI LE RINNOVABILI TERMICHE 2011 AiCARR via M. Gioia, 168-20125 Milano Tel. 02.67479270 - Fax 02.67479262 www.aicarr.org Prima edizione 2011

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006;

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006; Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (Gu 6 marzo 2007 n. 54) Attuazione della direttiva 2004/8/Ce sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia,

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Pompe di calore per la climatizzazione

Pompe di calore per la climatizzazione SPECIALE TECNICO Pompe di calore per la climatizzazione CO.AER CO.AER - Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti per la climatizzazione e le pompe di calore SPONSOR www.carel.com www.robur.it

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE

REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE Comune di CELLE LIGURE (SV) REALIZZAZIONE DI N 3 IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI DISTRIBUZIONE MAGAZZINO PALAZZETTO TRIBUNA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GENERALE Impianto: Impianto

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ROTEX HPSU Flex Type Sistema di climatizzazione annuale flessibile e innovativo

ROTEX HPSU Flex Type Sistema di climatizzazione annuale flessibile e innovativo ROTEX HPSU Flex Type Pompe di calore per edifici nuovi e per la ristrutturazione. ROTEX HPSU Flex Type Sistema di climatizzazione annuale flessibile e innovativo HPSU Flex Type: la soluzione di climatizzazione

Dettagli

direttiva [ ecodesign ]

direttiva [ ecodesign ] Nuova direttiva [ ecodesign ] Direttiva 2009/125/EC A partire dal 01/01/2013, le importazioni di prodotti a bassa efficienza energetica SEER e SCOP saranno vietate in Europa La nuova direttiva è stata

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale;

Vista la legge 31 luglio 2002, n. 179, recante disposizioni in materia ambientale; D.Lgs. Governo n 387 del 29/12/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità.

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE

Dettagli