AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA. Contratto di prestazione di servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA. Contratto di prestazione di servizi"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA Contratto di prestazione di servizi AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE DEL PRESIDIO OSPEDALIERO DI PESCOPAGANO CIG ALLEGATO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

2 INDICE 1. Specifiche del servizio di pulizia e igiene ambientale A. Pulizia manutentiva dei locali, inclusi arredi e suppellettili B. Pulizia manutentiva delle aree esterne C. Forniture 2. Prescrizioni del servizio di pulizia e igiene ambientale A. Tutte le aree interne: sanitarie ed extrasanitarie B. Aree sanitarie C. Aree sanitarie ad alto rischio infettivo e a b.c.m. D. Comparti operatori 3. Specifiche relative ai materiali e alle attrezzature 4. Prescrizioni, norme procedurali e comportamentali 5. Frequenza degli interventi e monte ore annuale 6. Specifiche per la determinazione del risultato del servizio di pulizia 7. Specifiche del servizio di derattizzazione e disinfestazione della struttura ospedaliera A. Programma di Disinfestazione e di Derattizzazione B. Prodotti Pag. 2 di 19

3 CAPITOLATO TECNICO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE 1. SPECIFICHE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE A. PULIZIA MANUTENTIVA DEI LOCALI INCLUSI ARREDI E SUPPELLETTILI Le specifiche del servizio sono state articolate in funzione della seguente suddivisione delle aree interne: Aree Extra Sanitarie (basso rischio infettivo) Tisanerie di reparto, mensa aziendale, cucina centralizzata Aree Sanitarie (medio rischio infettivo) Aree Sanitarie ad Alto Rischio infettivo ed a B.C.M. Comparti Operatori Riportiamo di seguito la descrizione delle tipologie di intervento richieste per il Servizio di pulizia e igiene ambientale. A.1 - PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE : Aree Extra Sanitarie Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e l'asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali (superfici interne degli arredi escluse) facilmente accessibili, soggette a formazione quotidiana di sporco attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Per formazione quotidiana di sporco si intende lo sporco prodotto dalle diverse attività svolte all'interno dei locali, dal transito e dalla permanenza di ospiti, visitatori e operatori ospedalieri nell'arco di una giornata. Sono inoltre comprese nelle Pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: la disinfezione nei servizi igienici delle superfici orizzontali e verticali degli arredi, degli idrosanitari e relative rubinetterie,delle porte comprese le maniglie e dei contenitori del materiale igienico di consumo; il costante rifornimento del materiale igienico di consumo (carta igienica,sapone liquido, salviette in carta) negli appositi contenitori; l'asportazione dei sacchetti in plastica contenenti i rifiuti assimilabili agli urbani ed il posizionamento all'interno di un nuovo sacchetto ed eventuale sanificazione del cestino; la sanificazione dei cestini e contenitori porta rifiuti. A.2 - PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE : Tisanerie di reparto, mensa aziendale, cucina centralizzata Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di materiale organico, di sporco e polvere da tutte le superfici dure e resilienti sia orizzontali che verticali, dalle attrezzature e dai macchinari presenti nei locali attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Gli interventi di pulizia ambientale nei locali mensa dovranno essere svolti in orari da concordare con la Direzione sanitaria Gli interventi di pulizia nella cucina dovranno essere svolti al termine di ogni turno di lavoro. Pag. 3 di 19

4 Nelle Pulizie ordinarie e continuative sono comprese le seguenti prestazioni e specifiche: la pulizia e la disinfezione di tutte le superfici orizzontali e verticali (compreso le superfici esterne di apparecchiature ed arredi fissi e mobili) e la pulizia delle attrezzature se non collegate a corrente elettrica e con la supervisione di personale di reparto, della mensa e della cucina A.3 - PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE : Aree Sanitarie Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e l'asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali (superfici interne degli arredi escluse) fino ad un'altezza di 2 metri e facilmente accessibili, soggette a formazione quotidiana di sporco attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Per formazione quotidiana di sporco si intende lo sporco prodotto dalle diverse attività svolte all'interno dei locali, dal transito e dalla permanenza di ospiti, visitatori e operatori ospedalieri nell'arco di una giornata. Sono comprese nelle Pulizie ordinarie e continuative delle aree sanitarie le seguenti prestazioni: la decontaminazione, l'asportazione di eventuale materiale organico e la successiva pulizia e disinfezione della superficie interessata; la pulizia e la disinfezione dell'unità paziente (letto-comodino-armadio: parti esterne ); la pulizia e la disinfezione delle parti interne degli armadi, degli armadietti e dei comodini ad ogni dimissione dei pazienti; la disinfezione nei servizi igienici delle superfici orizzontali e verticali degli arredi, degli idrosanitari e relative rubinetterie, delle porte comprese le maniglie e dei contenitori del materiale igienico di consumo e ogni altro accessorio ad uso comune; il costante rifornimento del materiale igienico di consumo (carta igienica, sapone liquido,salviette in carta) negli appositi contenitori; l'asportazione dei sacchetti in plastica contenenti i rifiuti assimilabili agli urbani ed il posizionamento all'interno dei cestini porta carta di un nuovo sacchetto ed eventuale sanificazione del cestino; la pulizia e la disinfezione di qualsiasi superficie orizzontale e verticale (compreso le superfici interne ed esterne di apparecchiature ed arredi fissi e mobili); pulizia, sanificazione e disinfezione terminale A.4 - PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE : Aree Sanitarie ad Alto Rischio Infettivo e B.C.M. Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e l'asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di sporco, di polvere e di ragnatele da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali (superfici interne degli arredi escluse) fino ad un'altezza di 2 metri e facilmente accessibili, soggette a formazione quotidiana di sporco attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Per formazione quotidiana di sporco si intende lo sporco prodotto dalle diverse attività svolte all'interno dei locali, dal transito e dalla permanenza di ospiti, visitatori e operatori ospedalieri nell'arco di una giornata. Sono inoltre comprese nelle Pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: Pag. 4 di 19

5 la decontaminazione, l'asportazione di eventuale materiale organico e la successiva pulizia e disinfezione della superficie interessata; la pulizia e la disinfezione dell'unità paziente (letto-comodino-armadio: parti esterne); la disinfezione di tutte le superfici orizzontali e verticali (superfici interne degli arredi escluse); la disinfezione nei servizi igienici delle superfici orizzontali e verticali degli arredi, degli idrosanitari e relative rubinetterie, delle porte comprese le maniglie e dei contenitori del materiale igienico di consumo, dei termosifoni; il costante rifornimento del materiale igienico di consumo (carta igienica,sapone liquido, salviette in carta) negli appositi contenitori; l'asportazione dei sacchetti in plastica contenenti i rifiuti assimilabili agli urbani ed il posizionamento all'interno dei cestini di un nuovo sacchetto ed eventuale sanificazione del cestino; la sanificazione dei cestini e contenitori porta rifiuti, ove se ne riscontri la necessità la pulizia e la disinfezione di qualsiasi superficie orizzontale e verticale (compreso le superfici interne ed esterne di apparecchiature ed arredi fissi e mobili); pulizia, sanificazione e disinfezione terminale. A.5 - PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE: Comparto Operatorio e Area di Sterilizzazione Pulizie ordinarie e continuative da eseguirsi durante la giornata nelle sale operatorie dovranno essere garantite dalla presenza di operatori nella seguente fascia oraria : dalle 7:00 alle 15:00 circa del lunedì, mercoledì e venerdì e a chiamata in caso di necessità. Per questo tipo di pulizie si deve fare riferimento al protocollo di intervento definito dalla Direzione Sanitaria e riportato di seguito. Pulizie ordinarie e continuative da eseguirsi a fine giornata in tutti i locali ad esclusione di : sale operatorie, sale di preparazione e risveglio. Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di materiale organico, di sporco e polvere da tutte le superfici dure e resilienti sia orizzontali che verticali fino ad un'altezza di 2 metri, presenti nei locali attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Sono comprese nelle Pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: la decontaminazione e l'asportazione di eventuale materiale organico; la disinfezione di tutte le superfici orizzontali e verticali fino a 2 metri di altezza (superfici interne degli arredi escluse); il costante rifornimento del materiale igienico di consumo (carta igienica,sapone liquido, salviette in carta) negli appositi contenitori; detersione e disinfezione delle apparecchiature idrosanitarie; l'asportazione dei sacchetti in plastica contenenti i rifiuti ed il posizionamento all'interno dei cestini di un nuovo sacchetto ed eventuale sanificazione del cestino; la ricollocazione dei contenitori di tutti i tipi di rifiuti sanitari nei punti di raccolta. Pag. 5 di 19

6 A.6 - PULIZIE PERIODICHE Aree Extra Sanitarie (basso rischio infettivo) Tisanerie di reparto,mensa aziendale, cucina centralizzata ( basso rischio infettivo) Aree Sanitarie (medio rischio infettivo) Aree Sanitarie ad Alto Rischio infettivo e da B.C.M. Comparto Operatorio (ad esclusione delle sale operatorie delle sale di preparazione e risveglio) Per pulizie periodiche si intende l'insieme delle operazioni necessarie per l'eliminazione di qualsiasi traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali situate ad un'altezza superiore a 2 metri, nonché tutte le superfici orizzontali e verticali difficilmente accessibili, attraverso l'utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Nelle pulizie periodiche sono inoltre comprese le operazioni integrative alle pulizie ordinarie volte all'eliminazione dello sporco penetrato in profondità nelle superfici porose di qualsiasi natura. Nelle aree Sanitarie ad Alto Rischio Infettivo ed a Bassa Carica Microbica deve essere eseguita anche la disinfezione di tutte le superfici sottoposte a pulizia ordinaria. Sono comprese nelle Pulizie periodiche le seguenti prestazioni: l'eliminazione di qualsiasi traccia di polvere e sporco dalle superfici vetrate perimetrali e relativi telai ( lato interno ed esterno) e dai davanzali esterni - una volta al mese; la pulizia e la disinfezione di tutte le parti esterne di apparecchiature, carrelli ed arredi fissi e mobili una volta al mese; la pulizia e la disinfezione delle parti interne degli armadi e degli armadietti vuoti una volta al mese; la pulizia delle coppelle delle cappe aspiranti ivi comprese le operazioni di smontaggio e riposizionamento delle griglie di contenimento - una volta al mese. l'asportazione dai locali delle apparecchiature e degli arredi rimovibili e conseguente ricollocazione all'interno dei locali degli arredi e delle apparecchiature rimossi una volta ogni sei mesi. N.B. Nelle aree a B.C.M. ed ad Alto Rischio Infettivo l effettuazione delle pulizie periodiche deve essere autorizzata dal coordinatore di reparto al quale spetta la valutazione della possibilità di effettuazione o non effettuazione delle stesse e l indicazione delle date più opportune in cui riprogrammare gli interventi. A.8 - PULIZIE STRAORDINARIE (o a chiamata) Si identificano come prestazioni straordinarie: a) le prestazioni da eseguire in dipendenza da lavori straordinari di ristrutturazione, manutenzione, trasformazione o conservazione dei locali, ritenuti urgenti ed imprevedibili; b) le prestazioni da eseguire in dipendenza di lavori di manutenzione ordinaria quali: imbiancatura locali, interventi su superfici murarie per posa cavi o tubi; Tali prestazioni dovranno essere richieste esclusivamente dal Responsabile dell esecuzione del Pag. 6 di 19

7 contratto, sulla base di idoneo preventivo concordato, contenente la quantificazione oraria dei lavori, le modalità ed i tempi di esecuzione. Pag. 7 di 19

8 B. PULIZIA MANUTENTIVA DELLE AREE ESTERNE B.1- PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE Per pulizie ordinarie e continuative si intende l'insieme delle operazioni necessarie per l'eliminazione dei rifiuti e dello sporco grossolano, quali carta, cartoni, foglie, mozziconi di sigarette ecc.. dai piazzali, dalle strade, dai passaggi-pedonali, dai marciapiedi, dai porticati, dalle rampe esterne, dalle coperture dei padiglioni, dalle coperture dei canaloni, dagli intercapedini dei muri di sostegno, ecc...attraverso l'utilizzo di macchine e attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d'uso e la natura dei diversi substrati. Sono comprese nelle pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: sgombero della neve e del ghiaccio dai marciapiedi, dai vialetti pedonali e dalle zone di immediato accesso agli edifici ed alle scale esterne; la svuotatura dei cestini porta rifiuti mediante asportazione dei sacchetti in plastica e la ricollocazione nei cestini di nuovi sacchetti in plastica ed eventuale sanificazione degli stessi; l asportazione del guano nonché l allontanamento e smaltimento dello stesso; la pulizia dei canaloni, terrazze, coperture, intercapedini, aree di deposito dei rifiuti, aree coperte non di deposito, aree sterrate, aree di deposito temporaneo dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo e di deposito temporaneo dei rifiuti pericolosi. Pag. 8 di 19

9 C FORNITURE C.1 SACCHI IN PLASTICA La SA fornirà i sacchetti in plastica da posizione all interno dei contenitori porta rifiuti e porta carta situati all interno ed all esterno del P.O. e da posizionare sui carrelli per la raccolta dei sacchetti presenti nei contenitori e per la raccolta dei rifiuti del servizio di sanificazione. C.2 CONTENITORI MATERIALE IGIENICO E MATERIALI DI CONSUMO Il servizio prevede la fornitura e l installazione, nei locali dove è previsto l utilizzo del materiale igienico di consumo (Servizi igienici per il pubblico, servizi igienici, spogliatoi per il personale, cucina, stanze di degenza, ambulatori, laboratori), dei contenitori per il materiale stesso, non funzionanti o mancanti. E prevista, inoltre, la costante verifica della funzionalità e la manutenzione dei contenitori ed il costante rifornimento del materiale igienico e cartaceo, fornito dalla SA. In ogni unità operativa o servizio dovrà essere garantita la costante disponibilità dei materiali d uso nei locali interessati, assicurando una scorta minima da concordare. Pag. 9 di 19

10 2 PRESCRIZIONI DEL SERVIZIO DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE La DA, nell espletamento del servizio è tenuta a rispettare le prescrizioni di seguito riportate al fine di garantire un risultato di livello igienico adeguato alla diversa destinazione d uso delle aree. A. TUTTE LE AREE INTERNE: SANITARIE ED EXTRA SANITARIE Prodotti chimici I prodotti utilizzati per la protezione dei pavimenti devono essere antiscivolo, muniti di dosatore, non devono essere tossici o pericolosi per contatto e/o per inalazione e non devono essere corrosivi per le superfici. In particolare, i prodotti utilizzati non devono contenere le seguenti sostanze: - ammoniaca superiore al 2%; - benzene; - acido cloridrico; - acido nitrico; - soda caustica. Tutti i prodotti devono essere rispondenti alle vigenti norme nazionali e comunitarie. I prodotti chimici, al fine di evitare contaminazioni, devono essere conservati nei contenitori originali. Macchine e attrezzature Tutte le macchine e le attrezzature utilizzate dalla DA devono essere mantenute sempre pulite (prive di polvere, di macchie di sporco o di colatura di liquidi) e, quindi, essere costantemente deterse, asciugate e all occorrenza disinfettate. Il materiale pluriuso, dopo l uso, deve essere allontanato, lavato, disinfettato ed asciugato prima di essere riutilizzato. Modalità di esecuzione del servizio Le metodologie di lavoro devono garantire: 1. Lo stato igienico dei locali e degli arredi e delle attrezzature in essi contenute in rapporto alla loro specifica destinazione d uso; 2. Il mantenimento delle caratteristiche fisiche ed estetiche di tutte le superfici soggette al servizio di pulizia; 3. La sicurezza di tutti gli utilizzatori delle strutture presenti durante lo svolgimento del servizio di pulizia e igiene ambientale. In tutte le aree in cui è prevista la disinfezione è obbligatorio adottare la seguente sequenza metodologica: 1 Detersione- intesa come metodica di pulizia che si avvale dell uso di prodotti detergenti per la rimozione e l asportazione dello sporco dalle superfici e la conseguente riduzione della carica microbica; 2 Disinfezione intesa come metodica separata e successiva alla detersione che si avvale dell uso di disinfettanti per ridurre ulteriormente, sulle superfici deterse la carica microbica e mantenere, per un certo periodo di tempo, il livello di sicurezza sulle superfici. Pag. 10 di 19

11 B. AREE SANITARIE Sistema di pulizia Nelle aree sanitarie devono essere previsti sistemi di pulizia differenziati per zone aventi livelli diversi di contaminazione. La ditta aggiudicataria deve prevedere inoltre l utilizzo di un sistema di pulizia che consenta l impiego di soluzioni detergenti sempre pulite e che preveda la sostituzione in ogni stanza dei panni utilizzati per la pulizia manutentiva Per i servizi igienici dovranno prevedersi panni differenziati anche in base al colore. Macchine- Attrezzature- Prodotti 1. Tutti i panni utilizzati devono essere disinfettabili e lavabili a 90 C oppure monouso. 2. Per l'aspirazione delle polveri e dei liquidi devono essere utilizzati esclusivamente aspiratori e aspira liquidi dotati di appositi filtri e microfiltri certificati a norma DIN classe di filtraggio per materiale in sospensione: S 3. I prodotti utilizzati per la protezione dei pavimenti devono essere resistenti ai disinfettanti. C. AREE SANITARIE AD ALTO RISCHIO INFETTIVO ED A BASSA CARICA MICROBICA a. Nelle aree a Bassa Carica Microbica per la pulizia ordinaria e continuativa degli arredi devono essere utilizzati panni monouso; b. Nelle aree ad Alto Rischio Infettivo, il materiale da utilizzare dovrà essere monouso identificabile; c. Le macchine e le attrezzature utilizzate per la pulizia dei locali devono essere dedicate esclusivamente all'area di appartenenza; d. Al termine dell'utilizzo, le macchine e le attrezzature utilizzate devono essere lavate, disinfettate, asciugate e depositate in ambienti asciutti e puliti; D. COMPARTO OPERATORIO Il comparto operatorio sono ambienti compositi in cui sono previsti differenti livelli di asetticità per cui sono stati suddivisi in tre zone: Zone a B.C.M. In cui deve essere garantita la massima asepsi (sale operatorie); Zone pulite (lavaggio mani, zona induzione, zona risveglio, deposito materiali sterili, corridoio pulito); Zone sporche (spogliatoi, servizi igienici, deposito materiali sporco, corridoio sporco). 1 In tutte le zone è possibile utilizzare materiale pluriuso prevedendo sistemi che impediscano la contaminazione tra le differenti zone; 2 Le macchine e le attrezzature utilizzate nell'area devono essere dedicate; Pag. 11 di 19

12 3 Il materiale pluriuso utilizzato deve essere lavato, disinfettato ed asciugato separatamente come per le aree ad Alto Rischio Infettivo; 4 Al termine dell'utilizzo, le macchine e le attrezzature utilizzate devono essere lavate, disinfettate, asciugate e depositate in ambienti asciutti e puliti. Pag. 12 di 19

13 3. SPECIFICHE RELATIVE AI MATERIALI E ALLE ATTREZZATURE La DA dovrà utilizzare nell espletamento del servizio macchine ed attrezzature in proprio possesso e disponibilità. Sono compresi sotto tale voce i seguenti materiali: - scale e ponteggi rispondenti alle norme antinfortunistiche necessari per l effettuazione di attività quali la pulizia dei lampadari, delle finestre, delle vetrate, ecc.; - attrezzature, utensili, strumentazioni e macchinari idonei ed adeguati alle prestazioni da svolgere, detergenti e quanto necessario per eseguire le operazioni di pulizia a perfetta "regola d'arte". Il collegamento di ogni macchina funzionante elettricamente dovrà avvenire nell osservanza delle norme in materia di sicurezza elettrica. Le attrezzature suddette sono a totale carico dell'impresa e dovranno essere contrassegnate con un elemento di riconoscimento indicante il nominativo dell impresa. Tutte le macchine ed i componenti di sicurezza dovranno essere conformi a quanto stabilito dal D.P.R. 24 luglio 1996 n. 459 (S.O.- G.U. 6 settembre 1996, n. 209). Tutte le macchine, le attrezzature impiegate nell espletamento del servizio dovranno essere conformi a quanto stabilito dal D. Lgs. n. 81/2008 L impresa è responsabile della custodia sia delle macchine che delle attrezzature utilizzate, nonché delle misure e cautele antinfortunistiche necessarie durante il servizio. L Azienda non sarà responsabile in caso di danni o furti delle macchine ed attrezzature. L impresa dovrà curare che le attrezzature siano impiegate nel modo più razionale e tecnicamente adeguato alla natura delle operazioni da eseguire, tenuto conto delle caratteristiche e della destinazione dei locali. Le stesse non devono, pertanto, essere rumorose (in particolare qualora utilizzate durante gli orari di lavoro degli uffici), devono essere tecnicamente efficienti, mantenute in perfetto stato di funzionamento e dotate di accessori per proteggere e salvaguardare l operatore ed i terzi da eventuali infortuni. L impresa aggiudicataria dovrà consegnare all Amministrazione le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti utilizzati. L impresa dovrà fornire a proprie spese tutti i materiali e mezzi necessari al servizio di pulizia. La insufficiente fornitura di materiali di consumo e di attrezzature di lavoro al personale dipendente da parte della Ditta stessa costituirà motivo di applicazione di penalità. Resta a carico dalla SA la fornitura di acqua, energia elettrica e di un locale deposito destinato alla custodia dei materiali ed attrezzature; la SA medesima si riserva la facoltà di attuare controlli e verifiche periodiche sullo stato d uso e di mantenimento dello spazio, delle attrezzature e dei materiali custoditi. La DA è unica responsabile dello spazio assegnatole e dei materiali ivi custoditi. Si specifica che: Detergenti e Prodotti di pulizia I detergenti e i prodotti di pulizia devono essere di ottima qualità, di odore gradevole, conformi alle vigenti norme di legge in materia di sicurezza e di igiene, per quanto riguarda etichettatura, avvertenze di pericolosità, biodegradabilità e modalità d uso, per cui è vietato l uso di: a) prodotti tossici e/o corrosivi; b) sostanze acide ed eccessivamente alcaline e contenenti componenti che danneggerebbero i pavimenti; c) prodotti spray con propellenti a base di clorofluorocarburi (CFC). In nessun caso, per pavimenti, battiscopa, pareti, rivestimenti e infissi vanno usati prodotti o mezzi che possano produrre sugli stessi aggressioni chimiche o fisiche. Tutti i prodotti utilizzati dovranno essere concordati con la SA. Attrezzature e macchine di pulizia Le attrezzature tecniche (macchine lavapavimenti, lavavetri, scale, carrelli, ecc.), devono essere: a) perfettamente compatibili con l uso delle strutture; b) tecnicamente efficienti e mantenute in perfetto stato; Pag. 13 di 19

14 c) dotate di tutti gli accessori atti a proteggere e salvaguardare l operatore e i terzi da eventuali infortuni; d) conformi a quanto previsto dalle normative antinfortunistiche vigenti. Qualora nel corso del rapporto di servizio la SA dovesse richiedere per qualsivoglia motivo la sostituzione di uno o più prodotti, la DA si impegna a provvedere tempestivamente alla sostituzione richiesta, presentando nel contempo le eventuali nuove schede tecniche, senza richiedere per questo alcun onere aggiuntivo. Pag. 14 di 19

15 4. PRESCRIZIONI, NORME PROCEDURALI E COMPORTAMENTALI Tutto il personale addetto all'effettuazione del servizio di pulizia è tenuto ad essere a conoscenza delle modalità e delle specifiche del servizio richiesto, dovrà avere consapevolezza dell'ambiente nel quale è chiamato ad operare e delle particolari circostanze a cui dovrà far fronte. A tal proposito, deve essere diviso e destinato in modo coerente alle Unità Operative o Servizi loro assegnati al fine di garantire una continuità lavorativa che risulta a vantaggio dell intero servizio. Dovrà dimostrare di essere a conoscenza delle procedure di intervento riguardanti la sequenza detergenza-disinfezione, la procedura di decontaminazione, il corretto utilizzo dei detergenti e dei disinfettanti, delle attrezzature e dei D.P.I. adeguati alle diverse situazioni di rischio. Al riguardo l'assuntore dovrà informare e formare tutto il personale e stilare specifici protocolli di comportamento. COMPARTO OPERATORIO Il personale di quest'area, dovrà uniformarsi alle disposizione della Direzione Sanitaria. Deve indossare divise pulite, di colore diverso rispetto a quelle utilizzate nelle altre aree, copricapo e calzature adibite solo a tali ambienti. Deve rispettare i percorsi pulito/sporco, prestare particolare attenzione al lavaggio delle mani (prima e dopo l'utilizzo dei guanti). Deve essere inoltre, dotato dei seguenti D.P.I.: Guanti monouso non sterili da sostituire in caso di rottura e ogni qualvolta venga effettuata la pulizia di superfici appartenenti a zone differenti (B.C.M. -pulite-sporche); Mascherina monouso, sovracamice e quant'altro previsto e disposto dal S.P.P. Aziendale. Pag. 15 di 19

16 5. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI ORDINARI E CONTINUATIVI E MONTE ORE ANNUALE 5.1 Relativamente alle pulizie ordinarie e continuative si specificano, per alcune aree, le relative frequenze minime su base settimanale: 1. Uffici: 7/7; 2. Ambulatori: 6/7 ( Il servizio va effettuato con sei interventi settimanali, si esclude il giorno di chiusura, prima dell apertura degli uffici o dopo la loro chiusura (ore 8:00-13:00); 3. Bagni ambulatori: 12/7 (Il servizio va effettuato due volte al giorno, nel corso della mattinata, ad orari da concordare con i responsabili di reparto. Si esclude il giorno di chiusura); 4. Degenze e sale attigue: 14/7 ( Il servizio va effettuato due volte al giorno, nel corso della mattinata e nel pomeriggio, ad orari da concordare con i responsabili di reparto); 5. Laboratori analisi e radiologia: 14/7 ( Il servizio va effettuato due volte al giorno, nel corso della mattinata e nel pomeriggio, ad orari da concordare con i responsabili di reparto); 6. Sale operatorie: X/3 ( il numero di interventi si distribuisce su 3 giorni alla settimana, in genere il lunedì, il mercoledì e il venerdì. Si richiede una pulizia ad inizio giornata e alla fine di ogni intervento. In tali giorni gli addetti alla pulizia di tale aree devono essere disponibili dalle ore 7:00 alle ore 15:00 circa. Nei casi di necessità è possibile richiedere un intervento su chiamata); 7. Mensa: 6/7 (Il servizio va effettuato con sei interventi settimanali, si esclude il giorno di chiusura); 8. Cucina: 14/7; 9. Sala accesso: 14/7; 10. Sala mortuaria: 14/7; 11. Giardini: 1/7; 12. Aree esterne 7/7. Legenda Frequenza minima su base settimanale degli intervanti di pulizia ordinaria e continuativa 1/7 = n.1 intervento a settimana 6/7 = n. 6 interventi a settimana 7/7 = n. 7 interventi a settimana 12/7= n. 2 interventi al giorno, su sei giorni settimanali 14/7 = n. 2 interventi al giorno X/3 = n. di interventi che variano su tre giorni alla settimana Sarà facoltà della S.A., per esigenze legate al regolare funzionamento delle attività svolte all interno delle strutture, modificare le fasce orarie dei servizi, secondo modalità e tempi da concordarsi tra le parti. 5.2 DEVE ESSERE GARANTITO UN MONTE ORE NON INFERIORE A ORE ALL ANNO. Pag. 16 di 19

17 6. SPECIFICHE PER LA DETERMINAZIONE DEL RISULTATO DEL SERVIZIO DI PULIZIA La SA si propone di ottenere un monitoraggio costante dell intero processo di erogazione dei servizi di sanificazione ambientale al fine di identificare in tempo utile i disservizi ed ottenere misure correttive efficaci. Il controllo quali/quantitativo sarà effettuato giornalmente mediante ispezione dei luoghi da parte dei coordinatori di reparto per le aree sanitarie e dal Responsabile P.O. della struttura per le altre aree. In caso di disservizio, tali soggetti, comunicheranno alla Direzione Sanitaria del Presidio e al Direttore dell esecuzione tutte le informazioni utili per sollevare le dovute contestazioni alla Ditta. Indicatori di pulizia Impolveramento Presenza di rifiuti Presenza di macchie Presenza di tracce biologiche Campo di applicazione La valutazione del risultato del servizio di pulizia è applicabile all insieme delle strutture, infrastrutture ed arredi soggette ad appalto. Pag. 17 di 19

18 7. SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA A PROGRAMMA DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE A.1) DISINFESTAZIONE Il servizio dovrà effettuarsi con trattamenti generali, nonché ovicidi-larvicidi, di canali, tombini, locali ed attrezzature adibite alla raccolta dei rifiuti solidi, di zone alberate, aiuole e di tutte le aree ricadenti nel territorio di proprietà ospedaliera, nonché delle cucine, piani interrati e seminterrati e di ogni altro luogo di proprietà dell Azienda che, a parere della Direzione Sanitaria, necessitasse di idoneo trattamento. A.2) DERATTIZZAZIONE Il servizio dovrà effettuarsi nella sede Ospedaliera e nelle zone limitrofe, con particolare riferimento a tutti i piani interrati e seminterrati (magazzini, cucine, depositi di medicinali e merci varie, canaloni di collegamento ) nonché, alle controsoffittature che dovranno essere smontate a cura del personale dell Ufficio Tecnico, ed alle zone prospicienti l Ospedale e ogni altro luogo di proprietà dell Azienda che, a parere della Direzione Sanitaria, necessitasse di idoneo trattamento. I trattamenti di disinfestazione e derattizzazione dovranno essere 60 per ogni tipo (60 di disinfestazione e 60 di derattizzazione) da effettuarsi mensilmente per tutti i locali sopra menzionati, mentre, per i locali di cucina il trattamento di disinfestazione dovrà essere effettuato ogni 15 giorni (oltre ai 60 suddetti, se ne aggiungeranno altri 60 solo per tali locali). Su richiesta della Direzione Sanitaria, in qualsiasi momento, potranno eseguirsi interventi straordinari di derattizzazione o disinfestazione. B. PRODOTTI I prodotti da utilizzare dovranno essere i seguenti: Per la disinfestazione Composti organici clorurati e fosforiti Carbammati Fiocinati Piretro Per luoghi definiti, individuati dalla Direzione Sanitaria, dovrà prevedersi l impiego di esche collanti. Per la derattizzazione Dicumarolìci e norbormide Esche collanti Le sostanze da impiegare devono essere in armonia con le disposizioni vigenti, registrate ed autorizzate dal Ministero della Sanità ed utilizzate secondo le modalità di applicazione e concentrazione indicate dai decreti di autorizzazione. Ogni prodotto dovrà essere corredato di scheda di sicurezza. Salvo particolari esigenze connesse con la specie parassitaria e con le condizioni ambientali, si dovrà di solito far ricorso a formulati che abbiano la più bassa tossicità ed una notevole efficacia. Il quantitativo di formulati da impiegare dovrà essere adeguato a garantire un risultato assolutamente positivo. L Azienda si riserva il diritto di effettuare dei controlli a campione sui prodotti offerti ed utilizzati con riferimento alle quantità, alle concentrazioni ed all esatta corrispondenza con i criteri formulati. Pag. 18 di 19

19 I prelievi di campioni verranno effettuati in contraddittorio con il rappresentante della ditta, intendendosi per tale anche l operatore che deve ritenersi espressamente autorizzato a tale operazione. Qualora l analisi e gli accertamenti eseguiti da idoneo istituto scelto dall Azienda stabilissero la non corrispondenza dei prodotti impiegati e dei requisiti richiesti, la Ditta assumerà a proprio carico le spese di analisi e sarà tenuta ad eseguire nuovamente l intervento durante l esecuzione del quale sia stato effettuato il prelievo. Pag. 19 di 19

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Centro di costo Gabinetto CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI IN USO AL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI PRESSO LA SEDE DI VIA VITTORIO VENETO N.

Dettagli

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi:

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi: CAPITOLATO D APPALTO C.I.G. [04292471D4] SERVIZI DI PULIZIA LOCALI DEL CNR Istituto di Scienze dell Alimentazione Via Roma, 64 Avellino Si definiscono, nell ambito della superficie totale dell ISA, 3 aree

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA Oggetto Il presente Allegato è strettamente connesso e strumentale all appalto per la fruizione di strutture immobiliari da adibire a

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

A.S.P. LAURA RODRIGUEZ Y LASO DE BUOI

A.S.P. LAURA RODRIGUEZ Y LASO DE BUOI A.S.P. LAURA RODRIGUEZ Y LASO DE BUOI ALLEGATO B PIANO GUIDA SERVIZIO DI PULIZIA E IGIENE AMBIENTALE Piano Guida Servizio pulizia ed igiene ambientale Pagina 1 di 15 INDICE 1. Specifiche del servizio pag.

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO

ART. 1 - MACCHINARI, ATTREZZATURE E MATERIALI DI CONSUMO SPECIFICHE TECNICHE E LAVORAZIONI PREVISTE PER L ESECUZIONE DELSERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEGLI EDIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO SITI NEL NUOVO COMPRENSORIO DI COMPETENZA DELLA STU

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO Pulitura, lavatura e disinfezione dei servizi igienici, dei lavabi, delle pareti, dei pavimenti, dei gabinetti di decenza e di ogni altro sanitario avendo cura che i condotti

Dettagli

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164

ARTICOLO 1 ARTICOLO 2. 1 UFFICI DIREZIONE Pavimenti mq. 436,5 Servizi igienici mq. 48 Superfici vetrate mq. 164 DISCIPLINARE TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, STRADE E CORTILI DELLO STABILIMENTO MILITARE DEL MUNIZIONAMENTO TERRESTRE, BAIANO DI SPOLETO. ARTICOLO 1 Il servizio sarà atto

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica

DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica DIST Università degli Studi di Genova Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica CAPITOLATO TECNICO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA nei Locali siti in Viale Causa 13 e Via Opera Pia 13 16145 GENOVA

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

Pulizia e Sanificazione Ambienti

Pulizia e Sanificazione Ambienti P-E03 Rev. 2 Pag. 1 di 8 SCOPO E APPLICABILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le modalità con le quali viene erogato il servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti presso Fondazione

Dettagli

Allegato a paragrafo 3

Allegato a paragrafo 3 COMMISSIONE REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE STRUTTURE OPERATORIE (D.A. n. 6289 del 23 Settembre 2005) Allegato a paragrafo 3 I sopralluoghi presso le strutture sanitarie 3.2 Gli

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA CAPITOLATO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA LOCALI ADIBITI A SEDE DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Art. 1 ( OGGETTO DELL APPALTO E ARTICOLAZIONI DEL SERVIZIO)

Dettagli

SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO

SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO PROGETTO SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI COMUNALI ART. 5, C. 5 LETT. D), ART. 94 D.LGS 163/2006 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA

ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA ASSEGNAZIONE INCARICO PER LA GESTIONE DELL'ATTIVITA' DI PULIZIA DEI LOCALI DELLA SCUOLA ALBERGHIERA CITTA' DI LAVAGNA Lavagna Sviluppo s.c.r.l. intende assegnare incarico, concludendo apposito contratto,

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81)

Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Documento unico di valutazione dei rischi interferenti (ai sensi dell'articolo 26, decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81) Responsabile del Procedimento Il Referente DUVRI Potenza, lì / / PREMESSA Il

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE 00185 ROMA - Viale Castro Pretorio, 105 - Tel. 06/49891 Fax 06/4457635 e-mail: bnc-rm@beniculturali.it CAPITOLATO TECNICO GARA

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA

ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA ALLEGATO B5 LOTTO 5 - MQ. 11.688 CIRCA ITER DIREZIONE VIA REVELLO 18 CENTRO PER L IMMAGINE E IL CINEMA D ANIMAZIONE 1 PIANO VIA MILLELIRE, 40 LUDOTECA ALIOSSI VIA MILLELIRE, 40 CENTRO PER LA CULTURA LUDICA

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PUBBLICI S.p.A.

AZIENDA SERVIZI PUBBLICI S.p.A. AZIENDA SERVIZI PUBBLICI S.p.A. Appalto per l affidamento del servizio di pulizie delle Farmacie Comunali gestite da ASP S.p.A. Periodo 01.02.2012/31.01.2014 Capitolato Tecnico ART. 1 OGGETTO DEL CAPITOLATO:

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA

ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS N. 163/06 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

1. Oggetto dell affidamento

1. Oggetto dell affidamento CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA RISTRETTA PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DEI SERVIZI DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI UTILIZZATI DA TURIMO TORINO E PROVINCIA: LOTTO 2 1. Oggetto dell affidamento Il presente Capitolato

Dettagli

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni

COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni Allegato A COMUNE DI BUDOIA Dettaglio delle possibili prestazioni SEDE MUNICIPALE Uffici n. int. Giornaliero generale; 5 Servizi igienici n. intervento settimanale di pulizia e Atri lavaggio davanzali,

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI UFFICIO PROVINCIALE DI CATANIA CAPITOLATO D ONERI Art. 1 (Locali oggetto di pulizia) Il servizio di pulizia riguarda

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

Ospedaliero e sale operatorie

Ospedaliero e sale operatorie Settore Ospedaliero e sale operatorie CONTROLL0 TECNOLOGICO DELLA CONTAMINAZIONE OSPEDALIERO E SALE OPERATORIE Valutazione dei rischi Gli ospedali fanno sempre più notizia. La stampa se ne occupa quotidianamente,

Dettagli

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali COMUNE di BUCCINASCO Provincia di Milano Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali Periodo 01.01.2008/31.12.2011 SOMMARIO Art. 1 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E SMALTIMENTO

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA ALLEGATO 1/A AL CAPTOLATO SPECALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVZ D PULZA ORDNARA PRESSO LE SED SPAZ AMMNSTRATV 1 Asportazione delle ragnatele. NTERVENT QUOTDAN 2 3 4 5 aperte). Particolare attenzione deve essere

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923

APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923 APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DEL TEATRO REGIO DI PARMA CIG 6420981923 Tra la, con sede in Parma, Strada Garibaldi 16/a - CF e P.IVA 02208060349 e l Impresa appaltatrice

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI

CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI CAPITOLATO D APPALTO SERVIZIO PULIZIA UFFICI COMUNITARI ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio riguarda la pulizia: A)-degli uffici comunitari ubicati a Tirano in Via Maurizio Quadrio, tutti dotati

Dettagli

1. Dati generali dell intervento

1. Dati generali dell intervento ALLEGATO F 6 Ulteriori Locali - Notifica Igienico- Sanitaria per alimenti (Reg. CE n 852/2004) 1. Dati generali dell intervento 1.1 Ubicazione intervento (Indicare il Comune e l indirizzo inseriti nel

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLE OPERAZIONI E CADENZE DEGLI INTERVENTI

SPECIFICHE TECNICHE DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLE OPERAZIONI E CADENZE DEGLI INTERVENTI SPECIFICHE TECNICHE DI SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DESCRIZIONE DELLE OPERAZIONI E CADENZE DEGLI INTERVENTI Tutte le operazioni comprese nei servizi oggetto di appalto dovranno essere effettuate con le frequenze

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

1 - OGGETTO DELL APPALTO

1 - OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO Art. 1 - OGGETTO DELL APPALTO L Appalto ha ad oggetto il servizio di noleggio di bagni chimici, occorrenti ad AMA S.p.A. durante eventi pubblici quali feste, manifestazioni culturali,

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali C.d.G. 591 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLE SEDI DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Via Flavia n. 6 - Via Fornovo n. 8 - Via C. De Lollis

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI

REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEI LOCALI Linee-guida Ministero della Sanità in tema di tatuaggio e piercing. Adempimenti da seguire in ambito regionale riguardanti misure preventive di tutela della salute in connessione alle attività di tatuaggio

Dettagli

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio L infermiere in sala operatoria tra cultura, tecnologia e clima organizzativo Hotel Flaminio- Via Parigi 8 Pesaro 17/18 Aprile 2015 Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio Maria Mattea Gallo

Dettagli

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma)

COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) COMUNE DI ROCCA PRIORA (Provincia di Roma) APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA PER LE SCUOLE PUBBLICHE DELL INFANZIA, ELEMENTARI E MEDIE NEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI TRENTA PROVINCIA DI COSENZA CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER LAGESTIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato 2 Specifiche tecniche relative alle operazioni di pulizia ordinaria ANNO

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE PRESIDI SPEDALIER LEVANTE AREE AD ALTISSIM RISCHI SETTRI DEGENZIALI CRITICI X: SETTRI DEGENZIALI CRITICI (TUTTE LE TERAPIE INTENSIVE, UNITÀ CRNARICA, NENATLGIA, NEFRLGIA, SALE VISITA E LCALI DIAGNSTICA

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice Indice Generalità... 2 Caratteristiche di intervento... 2 Gestione del Rifiuto... 3 Gestione del materiale a deposito... 4 Comunicazione agli Organi Competenti... 4 Idoneità del personale... 5 Gestione

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli