ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA"

Transcript

1 ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA, N. 4 ALTO VICENTINO N. 5 OVEST VICENTINO e N. 6 VICENZA DIPARTIMENTO INTERAZIENDALE DI AREA VASTA PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.LGS N. 163/06 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DI SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DA SVOLGERSI NEI PRESIDI OSPEDALIERI, EXTRA OSPEDALIERI E STRUTTURE CONVENZIONATE DELLE AZIENDE SANITARIE N. 3, N. 4, N. 5 e n. 6 DELL AREA VASTA DELLA PROVINCIA DI VICENZA ALLEGATI TECNICI (CIG: A81) ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 182

2 ALLEGATO TECNICO N 1 OBIETTIVI GENERALI - SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE - SPECIFICHE E LIVELLI MINIMI DI SERVIZIO OBIETTIVI SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE SUDDIVISIONE DELLE DIVERSE AREE PRINCIPI IGIENICO-SANITARI PER LA PROGETTAZIONE DEL SERVIZIO DI SANIFICAZIONE AMBIENTALE... SPECIFICHE DEL SERVIZIO SALE OPERATORIE/ SALA PARTO... CRITERI GENERALI... ZONA A BASSA CARICA MICROBICA... ZONA PULITA... ZONA SPORCA AREE ALTO RISCHIO... Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza giornaliera come definito nelle tabelle... Operazioni a frequenza giornaliera di Ripasso (dove previsto)... Operazioni periodiche a frequenza mensile... Operazioni periodiche a frequenza semestrali... Operazioni periodiche a frequenza annuale AREA MEDIO/BASSO RISCHIO... Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza giornaliera come previsto dalle tabelle nel rispetto degli LQA già definiti nell Allegato 1... Operazioni a frequenza giornaliera di Ripasso (dove previsto)... Operazioni periodiche a frequenza mensile per medio rischio... Operazioni periodiche a frequenza quadrimestrale per basso rischio... Operazioni periodiche a frequenza semestrali per medio rischio... Operazioni periodiche a frequenza annuale per basso rischio AREE ESTERNE... Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza SERVIZIO DI RIFORNIMENTO... ALLEGATO TECNICO N 2 INDICAZIONI E SUDDIVISIONI DELLE SUPERFICI OGGETTO DEL SERVIZIO DISTINTE PER ULSS.- FREQUENZE MINIME... ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 2 di 182

3 10. - INDICAZIONI E SUDDIVISIONI DELLE SUPERFICI OGGETTO DEL SERVIZIO DISTINTE PER ULSS VARIAZIONE DELLE DESTINAZIONI D USO E DEI LIVELLI DI QUALITÀ DEL SERVIZIO FREQUENZE MINIME... ALLEGATO TECNICO N 3 MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI CONTROLLI... INDICATORI... SISTEMA SOFTWARE PER IL CONTROLLO... ELEMENTI INDICATORI - SOGLIE DI ACCETTAZIONE... ALLEGATO TECNICO N 4 SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO INTERNO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI ASSIMILATI AGLI URBANI, RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO INTERNO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI ASSIMILATI AGLI URBANI, RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI INDICAZIONI GENERALI RELATIVE AL SERVIZIO PRESCRIZIONI SPECIFICHE PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO PER CIASCUNA AZIENDA SANITARIA DELL AREA VASTA DELLA PROVINCIA DI VICENZA ALLEGATO TECNICO N 5 SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI SERVIZI INTEGRATI - SPECIFICHE D INTERVENTO - LIVELLI MINIMI DI SERVIZIO. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 3 di 182

4 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 4 di 182

5 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 5 di 182

6 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 6 di 182

7 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 7 di 182

8 Allegato Tecnico n 1 Obiettivi generali - Servizio di pulizia e sanificazione ambientale - Specifiche e Livelli minimi di servizio ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 8 di 182

9 1. - OBIETTIVI L Amministrazione attraverso l affidamento, si propone di ottenere i seguenti obiettivi fondamentali: acquisire un servizio indispensabile alla funzionalità dell attività sanitaria, nel rispetto sia delle condizioni igieniche che del patrimonio immobiliare; un attività programmata in grado, non solo di mantenere il buono stato di conservazione degli immobili, ma di garantirne la funzionalità d uso; una moderna strumentazione tecnica che possa consentire trasparenza e facile accesso alle informazioni relative alla programmazione ed esecuzione delle attività, al fine di interagire con l Esecutore per il conseguimento degli standard igienico/qualitativi previsti; l implementazione delle attività di supporto e ausiliarie finalizzate a liberare risorse interne da destinare all assistenza sanitaria affinché la qualità del servizio sanitario tenda sempre di più a migliorarsi; L Amministrazione, in altre parole, ha la necessità di ottenere tramite la gestione del servizio, nei suoi diversi aspetti di carattere operativo, tecnico, procedurale ed esecutivo, un supporto costante. Servizio quindi in grado di garantire al contempo sia i livelli igienici e qualitativi attesi sia la migliore integrazione del servizio con le attività svolte in ambito ospedaliero ed extra ospedaliero, al fine di soddisfare le necessità dell utenza esterna. Altro obiettivo dell affidamento è l integrazione di diversi servizi laddove fossero affidati. La gestione integrata dei servizi dovrà garantire: l aumento del grado di soddisfazione del cliente/utente; il miglioramento della qualità nella relazione tra gli operatori che concorrono all erogazione del servizio e il cliente/utente; il miglioramento della performance complessiva in termini di efficacia e di efficienza; un costante flusso di informazioni riguardante l andamento delle varie attività di servizio finalizzato alla valutazione delle eventuali azioni correttive volte a migliorare il livello qualitativo e quantitativo dei servizi resi dall Esecutore; ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 9 di 182

10 Sono comprese nel servizio le seguenti prestazioni essenziali: l erogazione del servizio di pulizia e sanificazione ambientale ordinario e periodico; l erogazione del servizio ordinario di raccolta dei rifiuti prodotti dall Amministrazione sino al punto di Accumulo; servizi integrati/multiservizi 2. - SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE Il servizio di sanificazione ambientale deve essere progettato in considerazione di quanto riportato in tutti i documenti di gara. Il servizio dovrà essere svolto in modo tale da assicurare standard qualitativi adeguati al raggiungimento delle condizioni di comfort e d igiene ambientale necessarie a garantire tra l altro una piacevole permanenza degli ospiti e agevolare lo svolgimento delle diverse attività e quindi anche a migliorare l immagine dell Amministrazione. Il servizio prevede oltre ad un adeguato programma di sanificazione giornaliero e periodico anche l erogazione di ulteriori prestazioni a chiamata sia programmabili che non programmabili dovuti a cause imprevedibili. All interno del servizio dovranno essere fornite le attività di pulizia e di disinfezione giornaliere e periodiche, nonché le prestazioni di sanificazione ritenute a qualsiasi titolo (ambientale e sanitario) urgenti e/o indifferibili (ad esempio: pulizia di una sala operatoria/parto dopo intervento urgente non programmato, in particolare se paziente con patologia infettiva; eventuali variazioni non prevedibili di orari di fine seduta operatoria/altro). Si elencano a titolo esemplificativo e non esaustivo, le prestazioni minime richieste: la sanificazione giornaliera e periodica dei locali appartenenti alle aree oggetto dell appalto e di quanto in essi contenuto; gli Interventi urgenti di sanificazione dovuti a cause imprevedibili; la sanificazione di oscuranti in genere, di tutte le superfici illuminanti (superfici vetrate e relative intelaiature, etc.) sia interne che esterne, delle superfici ventilanti (superfici esterne delle griglie di aerazione, degli apparecchi di riscaldamento/condizionamento, etc.); ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 10 di 182

11 La pulizia/sanificazione delle aree esterne quali: o Porticati; o Marciapiedi perimetrali degli edifici; o Rampe di accesso e uscita coperte o scoperte e aree di accesso dei Pronto Soccorso (compresa camera calda); o Cavedi o scannafossi perimetrali degli edifici; o Percorsi pedonali di viabilità. Per pulizia manutentiva delle aree esterne si intende l insieme delle operazioni necessarie per l eliminazione dei rifiuti e dello sporco grossolano, quali carta, cartoni, foglie, mozziconi di sigaretta, ecc.. dai piazzali, dalle strade, dai passaggi pedonali, dai marciapiedi, porticati dalle rampe esterne, attraverso l utilizzo di macchine,attrezzature, prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d uso e la natura dei diversi substrati. Sono comprese nelle pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: - vuotatura dei posacenere e dei cestini portarifiuti compresa la sostituzione dei sacchi in plastica; - nel periodo autunno/ inverno anche spargimento di sale, sgombero della neve e del ghiaccio dai marciapiedi, dai vialetti pedonali, dalle zone di immediato accesso agli edifici e alle scale esterne. Le diverse aree oggetto del servizio, i dati relativi alle dislocazioni e alle caratteristiche delle diverse Aree, Reparti e Locali possono essere, al fine di una consapevole progettazione del servizio, richiesti e desunti dagli obbligatori sopralluoghi sul campo. L Amministrazione si riserva la facoltà, prima dell implementazione del servizio, di apportare modifiche alle frequenze e alle fasce orarie degli interventi proposte per esigenze legate al regolare svolgimento delle attività svolte all interno della struttura. Esclusioni dal servizio: sono escluse dal servizio la sanificazione e pulizia dei seguenti elementi: Dei piani di lavoro ingombri; Delle apparecchiature elettromedicali, diagnostiche e postazioni computer; Delle attrezzature, apparecchiature e macchinari sotto tensione elettrica: Dei locali specifici quali vani tecnologici, locali di servizio gestiti da terzi; delle superfici che possano, direttamente o indirettamente, rappresentare e/o causare pericolo per la sicurezza e la salute dei lavoratori SUDDIVISIONE DELLE DIVERSE AREE ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 11 di 182

12 Al fine di consentire all Amministrazione un adeguata personalizzazione dei servizi e dei livelli qualitativi attesi (LQA), le aree sanitarie ed extra sanitarie sono state suddivise in 8 aree la cui ripartizione è riportata di seguito: CODICE AREA TIPOLOGIE DI AREA LIVELLI DI LQA 1 Sale operatorie/parto 0,95 2 Aree ad Alto Rischio 0,90 3 Aree a Medio Rischio (M1) 0,85 4 Aree a Medio rischio (M2) 0,80 5 Aree a Basso Rischio (B1) 0,75 6 Aree a Basso rischio (B2) 0,70 7 Aree a Basso Rischio (B3) 0,65 8 Aree Esterne 0,60 Ad ogni area corrisponde un livello minimo di qualità attesa da parte dell Amministrazione e pertanto le operazioni di pulizia, come di seguito indicate, dovranno garantire i LQA previsti. L Amministrazione potrà identificare all interno di ciascuna area ulteriori sotto aree aventi caratteristiche specifiche e/o esigenze particolari. Sulla base delle differenti caratteristiche ed esigenze delle aree in cui dovranno essere erogati i servizi, l Esecutore dovrà provvedere a predisporre un piano operativo specificando le operazioni, le modalità di intervento sia del servizio di sanificazione giornaliera che periodica. L Esecutore, in sede progettuale, ha la possibilità di integrare le prestazioni minime richieste dall Amministrazione, predisponendo un piano di miglioramento delle stesse e delle loro frequenze, tenendo presente che non saranno premiate prestazioni sovrabbondanti, superflue o incongrue. OPERAZIONI DA ESEGUIRE Le operazioni da eseguire riguardano le seguenti aree per le quali sono state utilizzate le seguenti classificazioni: 1.Superfici sale operatorie/parto 2.Superfici ad Alto rischio 3.Superfici a Medio rischio (M 1) 4.Superfici a Medio rischio (M 2) 5.Superfici a Basso rischio ( B 1 ) 6.Superfici a Basso Rischio ( B 2 ) 7.Superfici a Basso Rischio ( B 3 ) ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 12 di 182

13 8.Superfici esterne Le suddette classificazioni sono finalizzate ad identificare l ambiente e il relativo livello di servizio all interno di esso. Le prestazioni saranno da eseguire, quanto meno, con la periodicità, frequenza e numero degli interventi indicati nelle specifiche che seguono, divise per area, e che definiscono: 1) il numero degli interventi minimi giornalieri completi 2) il numero degli eventuali interventi minimi giornalieri di ripasso 3) le prestazioni minime ordinarie e periodiche su base annua L Amministrazione si riserva la più ampia facoltà di assegnare, secondo le proprie esigenze, le aree che riterrà più opportune classificandole in base alle sue esigenze e l Appaltatore sarà tenuto ad adeguarsi. Le prestazioni sono indicate nelle specifiche operative che seguono e sono elencate in relazione a tutte le prestazioni che indicativamente possono riguardare il servizio da rendere per ogni tipologia di area (alto, medio e basso rischio e aree esterne) La prestazione che l impresa sarà tenuta ad effettuare dovrà corrispondere quanto meno alle specifiche corrispondenti alla tipologia di area che gli sarà assegnata e che definirà, appunto, il livello minimo di servizio per ogni ambiente. Modalità di esecuzione del servizio Le metodologie di lavoro devono garantire: 1. lo stato igienico dei locali,degli arredi e delle attrezzature in essi contenute in rapporto alla loro specifica destinazione d uso; 2. il mantenimento delle caratteristiche fisiche ed estetiche di tutte le superfici soggette al servizio di sanificazione. In tutte le aree in cui è prevista la disinfezione, è obbligatorio adottare la seguente sequenza metodologica: 1. detersione - intesa come metodica di pulizia che si avvale dell uso di prodotti detergenti per la rimozione e l asportazione dello sporco dalle superfici e la conseguente riduzione della carica microbica; 2. disinfezione intesa come metodica separata e successiva alla detersione che si avvale dell uso di disinfettanti per ridurre ulteriormente,sulle superfici deterse, la carica microbica e mantenere, per un certo periodo di tempo,il livello di sicurezza sulle superfici. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 13 di 182

14 4. - PRINCIPI IGIENICO-SANITARI PER LA PROGETTAZIONE DEL SERVIZIO DI SANIFICAZIONE AMBIENTALE Il processo di sanificazione ambientale rappresenta un tema di estrema attualità e richiama spesso l attenzione dell opinione pubblica specie in ordine al problema legato alle infezioni correlate all assistenza sanitaria. Buone pratiche di igiene in ospedale sono essenziali al fine di ridurre il rischio di contaminazione crociata che può causare la diffusione di microrganismi potenzialmente patogeni. Pertanto durante le operazioni di sanificazione il personale deve tenere in considerazione le seguenti raccomandazioni: - adottare sistemi ad umido per la rimozione di polvere e sporco; - per la scopatura ad umido dei pavimenti devono essere usate garze monouso o riutilizzabili sostituite ad ogni cambio camera, ad ogni cambio unità paziente e comunque ogni 25 mq di utilizzo; - detergenti e disinfettanti devono essere usati ad esatta concentrazione e preparati di fresco; - l Esecutore dovrà utilizzare materiale di proprietà (guanti, biancheria piana, strofinacci, ecc..), facilmente identificabili e differenziato rispetto a quello in uso presso le Aziende appaltanti; - i carrelli impiegati devono prevedere secchielli e panni di colore diverso, destinati a specifiche zone per evitare il diffondersi di contaminazioni batteriche da una zona all altra; - la pulizia di qualsiasi ambiente deve comprendere:la rimozione e l asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di polvere o sporco da tutte le superfici dure, resilienti e lavabili sia orizzontali che verticali, arredi, termosifoni, estintori, segnaletica, ecc..; - la pulizia dei servizi igienici deve prevedere detersione, disinfezione e risciacquo finale; - i guanti impiegati per la pulizia dei servizi igienici devono essere di colore diverso dai guanti impiegati in altre zone; - dopo aver disinfettato una superficie non risciacquare e non asciugare per non alterarne la concentrazione; - dopo l uso il materiale deve essere sottoposto a lavaggio (in lavatrice a> 60 C); - nelle aree ad alto rischio comprese sale operatorie e sale parto è necessario adottare esclusivamente materiale monouso per qualsiasi procedura di disinfezione di pavimenti, suppellettili, superfici piane e verticali; - al termine dell utilizzo, le macchine e le attrezzature utilizzate nei comparti operatori e aree ad alto rischio devono essere lavate, disinfettate, asciugate e depositate in ambienti asciutti e puliti. SPECIFICHE DEL SERVIZIO Si riportano di seguito in modo indicativo, la suddivisione e la descrizione delle tipologie di intervento richieste per il Servizio di pulizia e igiene ambientale. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 14 di 182

15 PULIZIE ORDINARIE E CONTINUATIVE AREE INTERNE Per pulizie ordinarie e continuative si intende l insieme delle operazioni necessarie per la rimozione e asportazione di qualsiasi rifiuto e traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali (superfici interne degli arredi escluse) fino ad un altezza di 2 metri e facilmente accessibili, soggette a formazione quotidiana di sporco attraverso l utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d uso e la natura dei diversi substrati. Per formazione quotidiana di sporco si intende lo sporco prodotto dalle diverse attività svolte all interno dei locali, dal transito e dalla permanenza di ospiti, visitatori e operatori ospedalieri nell arco di una giornata, ivi comprese le etichette adesive e la colla rilasciata dalle stesse. Sono inoltre comprese nelle Pulizie ordinarie e continuative le seguenti prestazioni: la decontaminazione, l asportazione di eventuale materiale organico e la successiva pulizia e disinfezione della superficie interessata; la pulizia dell unità paziente (letto comodino - armadio parti esterne); la pulizia e disinfezione dell unità del paziente (compreso parti interne), a seguito di dimissione del paziente, la disinfezione di tutte le superfici orizzontali e verticali lavabili e disinfettabili (superfici interne degli arredi escluse) situate nei Reparti e nei locali delle aree sanitarie ad alto rischio e BCM (bassa carica microbica); la detersione e successiva disinfezione delle superfici orizzontali e verticali degli arredi, degli idrosanitari e relative rubinetterie, delle maniglie delle porte e dei contenitori del materiale igienico di consumo nei servizi igienici delle situati in tutti gli ambienti. Trasporto dei rifiuti prodotti e raccolti durante le attività di pulizia e conferimento nei punti di raccolta situati nelle aree esterne dei presidi. PULIZIE PERIODICHE Per pulizie periodiche si intende l insieme delle operazioni necessarie per l eliminazione di qualsiasi traccia di sporco e polvere da tutte le superfici dure, resilienti e tessili sia orizzontali che verticali, nonché tutte le superfici orizzontali e verticali accessibili, attraverso l utilizzo di macchine, attrezzature e prodotti chimici in grado di salvaguardare lo stato d uso e la natura dei diversi substrati. Nelle pulizie periodiche sono comprese le operazioni integrative alle pulizie giornaliere/ordinarie volte all eliminazione dello sporco penetrato in profondità nelle superfici porose di qualsiasi natura, nonché le operazioni necessarie a proteggere le superfici porose affinché lo sporco non penetri in profondità nonché le operazioni manutentive necessarie al ripasso delle suddette protezioni secondo frequenze di intervento diversificate in funzione dell intensità di traffico e delle attività svolte all interno dei locali. Sono comprese nelle pulizie periodiche le seguenti operazioni: ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 15 di 182

16 l eliminazione di qualsiasi traccia di polvere e sporco dalle superfici vetrate perimetrali e relativi telai (lato interno ed esterno) e dai davanzali esterni. l asportazione dai locali degli arredi rimovibili; la pulizia e la disinfezione di tutte le parti esterne di carrelli ed arredi fissi e mobili; la pulizia e la disinfezione delle parti interne, degli armadi e degli armadietti, i vuoti; la ricollocazione all interno dei locali di tutti gli arredi. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 16 di 182

17 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 17 di 182

18 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 18 di 182

19 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 19 di 182

20 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 20 di 182

21 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 21 di 182

22 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 22 di 182

23 ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 23 di 182

24 scopare ad umido i pavimenti (ascensori, soglie, pavimenti, scale). Disinfettare con apposito detergente disinfettante, spruzzato sul panno, le superfici interne ed esterne delle cabine degli ascensori. Spolverare a umido e disinfettare con apposito detergente disinfettante il corrimano. Pulire col detergente per superfici lucidabili le superfici soggette ad impronta. Lavare i pavimenti (ascensori, soglie, pavimenti, scale) con sistema mop. PULIZIA ESTERNA DAVANZALI, LAVAGGIO TERRAZZI E BALCONI Attrezzature: panno, sistema per il lavaggio manuale con due secchi, lavasciuga (solo per ampie superfici). Prodotti: detergente sgrassante. Tecnica operativa: scopare i pavimenti di terrazzi balconi. lavare i davanzali con detergente sgrassante e panno avendo cura di rimuovere ogni traccia di sporco. lavare manualmente i pavimenti o, in caso di ampie superfici, con lavasciuga. nel caso fossero presenti, rimuovere dalle aree gli escrementi dei volatili, lavare con getto d acqua e disinfettare. PULIZIA IN CASO DI CONTAMINAZIONE ACCIDENTALE CON MATERIALE ORGANICO In linea generale bisogna considerare che le attrezzature e le superfici che risultino essere contaminate, con sangue, fluidi corporei, secreti ed escreti, devono essere manipolate con cura in modo da prevenire l esposizione di cute, mucose, la contaminazione della divisa ed il trasferimento di microrganismi agli operatori addetti al servizio di pulizia, ad altri pazienti o all ambiente. I dispositivi monouso devono essere smaltiti correttamente negli appositi contenitori per rifiuti sanitari speciali. Tutti gli strumenti taglienti devono essere manipolati con attenzione e smaltiti nei contenitori rigidi; questi ultimi devono essere sistemati in vicinanza ed in posizione comoda rispetto all area dove si rende necessario smaltire il dispositivo acuminato. In particolare, per la tutela della salute degli operatori e degli utenti è essenziale: Non indirizzare la punta degli aghi o di altri oggetti taglienti verso altre parti del corpo; Non raccogliere strumenti taglienti o appuntiti se stanno cadendo, Non portare strumenti taglienti o appuntiti in tasca, Non piegare o rompere le lame, aghi ed altri oggetti taglienti, Non reincappucciare gli aghi o rimuoverli manualmente dalle siringhe. Il materiale riutilizzabile può essere impiegato per l assistenza fra un paziente e l altro solo dopo essere stato correttamente decontaminato, disinfettato e/o sterilizzato. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 24 di 182

25 Per l individuazione del trattamento idoneo è necessario considerare le istruzioni d uso elaborate dal fabbricante, che accompagnano i dispositivi dopo giugno 1998 secondo le disposizioni della direttiva CEE 93/42 recepita in Italia con D.Lgs 46/97 e successive modifiche SALE OPERATORIE/ SALA PARTO Il Blocco Operatorio (B.O.) è costituito da diversi locali nei quali, in relazione alla destinazione d uso, devono essere garantiti diversi livelli igienici a garanzia del grado di sicurezza richiesto. All interno del B.O. è possibile individuare tre tipologie di zone che si differenziano tra loro per frequenze e modalità di interventi: - Zona a bassa carica microbica: sale operatorie induzione e risveglio, lavaggio mani ecc. - Zona pulita: preparazione paziente, filtro, guardiola, soggiorno, corridoi, ecc.; - Zona sporca: deposito biancheria sporca, spogliatoio personale, servizi igienici ecc. CRITERI GENERALI Considerate le particolari esigenze igienico sanitarie delle suddette zone, l esecutore dovrà impiegare personale specificatamente addestrato, dotato di divise con ricambi giornaliero, nonché di apposite calzature lavabili e autolavabili, con colori differenziati rispetto al personale dipendente. Al termine del servizio le attrezzature impiegate dovranno essere riposte all interno del B.O., in particolare, il materiale pluriuso in dotazione dovrà essere lavato giornalmente e sanificato con un ciclo di lavaggio dedicato esclusivamente al materiale di sala operatoria e completamente asciugato prima del suo utilizzo. Per qualsiasi procedura di disinfezione di suppellettili, pavimenti, superfici orizzontali e verticali dovrà essere utilizzato un panno monouso. Nelle operazioni di pulizia ambientale gli operatori dovranno acquisire ed applicare precise tecniche affinché gli interventi siano efficaci; per esempio: Iniziare le pulizie dai locali puliti verso quelli sporchi; Impiegare sistemi ad umido per la rimozione di polvere e sporco; Utilizzare correttamente il sistema MOP; Non utilizzare la soluzione detergente/disinfettante e l acqua per più di un locale; Prima di applicare il prodotto disinfettante su una superficie aspettare che questa sia asciutta per non alterare la concentrazione del prodotto stesso; Le soluzioni detergenti e disinfettanti vanno preparate pochi istanti prima di iniziare la procedura. ZONA A BASSA CARICA MICROBICA a) PULIZIE ORDINARIE GIORNALIERE ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 25 di 182

26 Il materiale deve essere adibito esclusivamente a questa zona ed identificato con un colore specifico. L operatore dovrà indossare D.P.I.: cuffie, grembiule impermeabile, mascherina chirurgica, occhiali/visiera, guanti indicati per rischio chimico e biologico. - INIZIO GIORNATA (30" PRIMA DELL INIZIO DELL ATTIVITA OPERATORIA) preparare la soluzione disinfettante rimuovere la polvere con panni monouso inumiditi con soluzione disinfettante dalle superfici orizzontali /verticali ad altezza d uomo quali: lampada scialitica, letto operatorio carrelli servitori, monitor, respiratore, arredi, ecc.. - DURANTE L INTERVENTO CHIRURGICO rimuovere immediatamente qualsiasi tipo di materiale organico che dovesse contaminare pavimenti, pareti, attrezzature e apparecchiature DECONTAMINAZIONE DELLE SUPERFICI INQUINATE DA LIQUIDI BIOLOGICI O SANGUE, POTENZIALMENTE INFETTE (da attuare ogni qualvolta una superficie sia inquinata da materiale biologico) indossare i D.P.I.; preparare il prodotto decontaminante e la soluzione detergente e disinfettante; rimuovere lo sporco con panni monouso ed eliminarli nei rifiuti pericolosi a rischio infettivo; versare il disinfettante evitando di generare schizzi ed aerosol; passare la superficie con la soluzione detergente e disinfettante; eliminare il D.P.I. e lavare le mani. - FINE GIORNATA: trasportare all esterno della sala operatoria tutti gli arredi ed attrezzature; raccogliere ed allontanare i rifiuti e ripristinare i nuovi contenitori; rimuovere ed allontanare la teleria eventualmente utilizzata; detergere e successivamente disinfettare il letto operatorio, la lampada scialitica, le attrezzature, le apparecchiature, i carrelli servitori, le superfici ed il pavimento; detergere e successivamente disinfettare tutte le pareti fino all altezza d uomo. PULIZIA SETTIMANALE detergere/disinfettare i cestini e i contenitori per la biancheria; rimuovere tutte le attrezzature portatili, pulire a fondo e disinfettare; pulire a fondo/disinfettare le attrezzature fisse e gli arredi; detergere/disinfettare tutte le lampade le porte e armadi; detergere/disinfettare le pareti anche oltre l altezza d uomo; detergere/disinfettare i pavimenti; aspirare la polvere da tutte le bocchette aerazione; ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 26 di 182

27 aspirare la polvere dai termoconvettori e dagli apparecchi di condizionamento; disincrostare con prodotti idonei tutti gli idrosanitari; a pavimento asciutto ricomporre tutta la sala. PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA MENSILE Spolveratura, detersione e disinfezione di tutte le superfici verticali e orizzontali di qualsiasi altezza pareti, porte, specchi, sportelli, rivestimenti murali lavabili, soffitti, controssoffittature, mobili e non. PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA SEMESTRALE Su richiesta delle unità operative, previo smontaggio degli apparecchi di illuminazione da parte del servizio tecnico, l Esecutore dovrà procedere al lavaggio interno ed esterno degli stessi. Al termine delle operazioni di pulizia il materiale monouso dovrà essere eliminato, quello pluriuso deve essere lavato con acqua e detergente e successivamente disinfettato, risciacquato e posto in un locale arieggiato in modo da facilitarne l asciugatura. Nel caso di presenza di materiale organico è necessaria la decontaminazione a mezzo di disinfettante efficace contro il virus della HIV. I detergenti ed i disinfettanti devono essere diluiti e utilizzati conformemente alle raccomandazioni del fabbricante. ZONA PULITA.a) PULIZIE ORDINARIE GIORNALIERE Il materiale deve essere adibito esclusivamente a questa zona ed identificato con un colore specifico. L operatore dovrà indossare D.P.I.: cuffie, grembiule impermeabile, mascherina chirurgica, occhiali/visiera, guanti indicati per rischio chimico e biologico. - INIZIO GIORNATA Spolverare ad umido le superfici orizzontali e verticali ad altezza d uomo. - FINE GIORNATA Raccogliere ed allontanare i rifiuti ripristinando i nuovi contenitori; Rimuovere ed allontanare la biancheria sporca; Spolverare ad umido e detergere le superfici orizzontali e verticali; Lavare, disinfettare e riordinare gli zoccoli Detergere e disinfettare gli arredi, le suppellettili Detergere e disinfettare gli idrosanitari e le piastrelle Scopare ad umido e detergere i pavimenti ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 27 di 182

28 Ripristinare i dispenser di sapone detergente, disinfettante; Eliminare i D.P.I. e lavare le mani. PULIZIA SETTIMANALE detergere/disinfettare i cestini e i contenitori per la biancheria; rimuovere tutte le attrezzature portatili, pulire a fondo e disinfettare; pulire a fondo/disinfettare le attrezzature fisse e gli arredi; detergere/disinfettare tutte le lampade le porte e armadi; detergere/disinfettare le pareti anche oltre l altezza d uomo; detergere/disinfettare i pavimenti; aspirare la polvere da tutte le bocchette a reazione; aspirare la polvere dai termoconvettori e dagli apparecchi di condizionamento; disincrostare con prodotti idonei tutti gli idrosanitari; a pavimento asciutto ricomporre tutta la sala.. PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA MENSILE spolveratura, detersione e disinfezione di tutte le superfici verticali e orizzontali di qualsiasi altezza pareti, porte, specchi, sportelli, rivestimenti murali lavabili, soffitti, controssoffittature, mobili e non; pulizia di tutti i davanzali interni ed esterni e delle terrazze; detersione e disinfezione dei servizi igienici compresa la piastrellatura delle pareti e la disincrostazione di rubinetteria e frangigetto, trattare con soluzione disincrostante le rubinetterie dei sanitari. PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA SEMESTRALE su richiesta delle unità operative, previo smontaggio degli apparecchi di illuminazione da parte del servizio tecnico, l Esecutore dovrà procedere al lavaggio interno ed esterno degli stessi; smontaggio, avvio al lavaggio e rimontaggio di tende in tessuto e lamelle verticali. Al termine delle operazioni di pulizia il materiale monouso dovrà essere eliminato, quello pluriuso deve essere lavato con acqua e detergente e successivamente disinfettato, risciacquato e posto in un locale arieggiato in modo da facilitarne l asciugatura. Nel caso di presenza di materiale organico è necessaria la decontaminazione a mezzo di disinfettante efficace contro il virus della HIV. I detergenti ed i disinfettanti devono essere diluiti e utilizzati conformemente alle raccomandazioni del fabbricante ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 28 di 182

29 ZONA SPORCA a) PULIZIE ORDINARIE GIORNALIERE Il materiale deve essere adibito esclusivamente a questa zona ed identificato con un colore specifico. L operatore dovrà indossare D.P.I.: cuffie, grembiule impermeabile, mascherina chirurgica, occhiali/visiera, guanti indicati per rischio chimico e biologico. FINE MATTINATA: Servizi Igienici: detergere e disinfettare i sanitari; rifornire di detergente e materiale per asciugare le mani negli appositi distributori Deposito biancheria sporca e rifiuti: allontanare i sacchi di biancheria sporca ben chiusi; allontanare i rifiuti ( secco, pericolosi a rischio infettivo). FINE GIORNATA: allontanare i rifiuti e la biancheria sporca; spolverare ad umido e detergere le superfici orizzontali e verticali; detergere e disinfettare gli idrosanitari e le piastrelle limitrofe; scopare ad umido i pavimenti; detergere e disinfettare il pavimento. b) PULIZIA SETTIMANALE detergere/disinfettare i cestini e i contenitori per la biancheria; rimuovere tutte le attrezzature portatili, pulire a fondo e disinfettare; pulire a fondo/disinfettare le attrezzature fisse e gli arredi; detergere/disinfettare tutte le lampade le porte e armadi; detergere/disinfettare le pareti anche oltre l altezza d uomo; detergere/disinfettare i pavimenti; aspirare la polvere da tutte le bocchette areazione; aspirare la polvere dai termoconvettori e dagli apparecchi di condizionamento; disincrostare con prodotti idonei tutti gli idrosanitari; a pavimento asciutto ricomporre tutta la sala.. c) PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA MENSILE spolveratura, detersione e disinfezione di tutte le superfici verticali e orizzontali di qualsiasi altezza pareti, porte, specchi, sportelli, rivestimenti murali lavabili, soffitti, controssoffittature, mobili e non; ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 29 di 182

30 pulizia di tutti i davanzali interni ed esterni e delle terrazze; detersione e disinfezione dei servizi igienici compresa la piastrellatura delle pareti e la disincrostazione di rubinetteria e frangigetto, trattare con soluzione disincrostante le rubinetterie dei sanitari. d) PULIZIE PERIODICHE A FREQUENZA SEMESTRALE su richiesta delle unità operative, previo smontaggio degli apparecchi di illuminazione da parte del servizio tecnico, l Esecutore dovrà procedere al lavaggio interno ed esterno degli stessi; smontaggio, avvio al lavaggio e rimontaggio di tende in tessuto e lamelle verticali. Al termine delle operazioni di pulizia il materiale monouso dovrà essere eliminato, quello pluriuso deve essere lavato con acqua e detergente e successivamente disinfettato, risciacquato e posto in un locale arieggiato in modo da facilitarne l asciugatura. Nel caso di presenza di materiale organico è necessaria la decontaminazione a mezzo di disinfettante efficace contro il virus HIV. I detergenti ed i disinfettanti devono essere diluiti e utilizzati conformemente alle raccomandazioni del fabbricante AREE ALTO RISCHIO Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza giornaliera come definito nelle tabelle di seguito riportate 1. Vuotatura, detersione e disinfezione, dei cestini portacarte e portarifiuti con sostituzione dei sacchi forniti dalla ditta appaltatrice rispettando la raccolta differenziata (nelle modalità previste nelle diverse aziende e/o comuni). 2. Detersione e disinfezione di eventuali supporti o contenitori di rifiuti speciali ove presenti. 3. Raccolta dei rifiuti di media pezzatura (imballi, ecc.) al bisogno. 4. Raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani (compresa la raccolta del vetro bianco posto all interno di contenitori aperti) e ricovero degli stessi negli appositi contenitori posti all esterno delle unità operative. 5. Spolveratura ad umido, con panni imbevuti di sostanze detergenti-disinfettanti e rimozione di impronte e macchie da di tutti gli arredi e suppellettili presenti nei locali: blocco a parete con luce personalizzata del paziente e i diversi attacchi, comodini, letti (compresi i supporti inferiori ed eventuali ausili), armadio parte esterna, testa letto, tavoli, sedie, tavoli servitori, apparecchiature monitor, (escluse le tastiere), davanzali (parte interna ed esterna), supporti per fleboclisi. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 30 di 182

31 6. Spolveratura ad umido della polvere dalle superfici libere degli scaffali. 7. Disinfezione degli arredi. 8. Spolveratura e pulizia di quanto appeso alle pareti. 9. Pulizia e disinfezione di tutti gli interruttori, apparecchi telefonici, citofoni, corrimano maniglie e presidi di apertura delle porte. 10. Spolveratura ad umido e rimozione di impronte e macchie da: porte (su entrambe le facce e relativi infissi ), sportelli, specchi. 11. Deragnatura al bisogno. 12. Spolveratura ad umido elementi da riscaldamento e/o termo convezione, bocchette e griglie di aerazione, condizionatori. 13. Spolveratura ad umido delle tende fisse e semimobili escluse le tende in tessuto e a pannello. 14. Detersione, disinfezione e disincrostazione di rubinetti, portasapone, porta salviette ed accessori dei servizi igienico-sanitari. 15. Detersione e disinfezione e disincrostazione di tutti gli apparecchi igienico sanitari e relativa rubinetteria, copri wc, scovoli wc, e relativi contenitori, lava padelle parte esterna, pavimenti box doccia, antidocce dei bagni e servizi igienici similari, superfici e zone circostanti gli apparecchi sanitari, vuotatoi. 16. Scopatura ad umido, detersione e disinfezione dei pavimenti con idonei strumenti atti ad impedire la diffusione delle polveri nell aria, avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti nei locali e per quelli fissi, ove è possibile, passarvi sotto. 17. Detersione e disinfezione della unità paziente (letto, comodino,armadio,internamente ed esternamente all atto della dimissione,trasferimento o spostamento del paziente in qualsiasi momento della giornata previa richiesta del coordinatore infermieristico di reparto). Operazioni a frequenza giornaliera di Ripasso (dove previsto) 1. Vuotatura dei cestini portacarte con sostituzione del sacchetto di plastica. 2. Raccolta dei rifiuti di media pezzatura (imballi, ecc.) al bisogno. 3. Raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani e ricovero degli stessi negli appositi contenitori posti all esterno degli edifici. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 31 di 182

32 4. Spolveratura ad umido, disinfezione e rimozione di impronte e macchie da tutti gli arredi e suppellettili presenti nei locali: blocco a parete con luce personalizzata del paziente e i diversi at tacchi, comodini, letti (compresi i supporti inferiori ed eventuali ausili), tavoli, sedie, tavoli servitori, apparecchiature monitor, (escluse le tastiere), davanzali (parte interna ed esterna), supporti per fleboclisi (comodini e tavoli). 5. Detersione e disinfezione e disincrostazione di tutti gli apparecchi igienico sanitari e relativa rubinetteria, copri wc, scovoli wc, e relativi contenitori, lava padelle parte esterna, pavimenti box doccia, antidocce dei bagni e servizi igienici similari, superfici e zone circostanti gli apparecchi sanitari. 6. Scopatura ad umido dei pavimenti con idonei strumenti atti ad impedire la diffusione delle polveri nell aria, avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti nei locali e per quelli fissi, ove è possibile, passarvi sotto. Operazioni periodiche a frequenza mensile 1. Trasporto all esterno dei locali degli arredi mobili, pulizia a fondo degli stessi (lato interno ed esterno) e disinfezione e ricollocazione degli stessi nei locali al termine dei lavori. 2. Pulizia delle plafoniere e quant altro applicato alle pareti o al soffitto (le plafoniere ed i punti luce dovranno essere smontati limitatamente a quanto necessario per consentire la pulizia delle parti luminescenti e loro protezioni); Le parti esterne devono poi essere sanitizzate. 3. Spolveratura ad umido,detersione e disinfezione di tutte le superfici verticali ed orizzontali di qualsiasi altezza: pareti lavabili, delle porte e relativi infissi e superfici e dei controsoffitti (ove presenti). 4. Detersione e disinfezione dei rivestimenti dei bagni e docce. 5. Aspirazione polvere davanzali e zanzariere esterna. 6. Pulizia delle finestre a vetro (lato interno) e relativi infissi e delle superfici vetrate (lato interno ed esterno). 7. Aspirazione e pulizia esterna degli elementi radianti, termoconvettori, griglie di condizionamento. 8. Pulizia a fondo dei pavimenti con mezzi idonei alle superfici da trattare. 9. Ripristino dei pavimenti protetti a cera. ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 32 di 182

33 Operazioni periodiche a frequenza semestrali 1. Trasporto all esterno dei locali degli arredi mobili, pulizia a fondo degli stessi (lato interno ed esterno) e sanitizzazione e ricollocazione degli stessi nei locali al termine dei lavori. 2. Smontaggio e pulizia delle tende lavabili (ove esistenti) e successiva ricollocazione. 3. Pulizia a fondo delle controsoffittature, ove necessario le stesse dovranno essere smontate e rimontate da parte della ditta aggiudicataria sentito il parere dell ufficio tecnico. Operazioni periodiche a frequenza annuale 1. Smontaggio e pulizia delle tende lavabili (ove esistenti) e successiva ricollocazione. 2. Pulizia degli avvolgibili e veneziane. 3. Pulizia a fondo dei pavimenti con mezzi idonei alle superfici da trattare e nei pavimenti protetti a cera eseguire deceratura e successiva ceratura AREA MEDIO/BASSO RISCHIO Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza giornaliera come previsto dalle tabelle nel rispetto degli LQA già definiti nell Allegato 1 1. Vuotatura e detersione, dei cestini portacarte e portarifiuti con sostituzione dei sacchi forniti dalla ditta appaltatrice rispettando la raccolta differenziata (nelle modalità previste nelle diverse aziende e/o comuni) 2. detersione e disinfezione di eventuali supporti o contenitori di rifiuti speciali ove presenti; 3. Raccolta dei rifiuti di media pezzatura (imballi, ecc.) al bisogno 4. Eventuale asportazione dei rifiuti dai vasi delle piante al bisogno 5. Pulizia delle scale e delle ringhiere 6. Raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani (compresa la raccolta del vetro bianco posto all interno di contenitori aperti) e ricovero degli stessi negli appositi contenitori posti all esterno delle unità operative 7. Spolveratura ad umido, con panni imbevuti di sostanze detergenti-disinfettanti e rimozione di impronte e macchie da di tutti gli arredi e suppellettili presenti nei locali: blocco a parete ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 33 di 182

34 con luce personalizzata del paziente e i diversi attacchi, comodini, letti (compresi i supporti inferiori ed eventuali ausili), armadio parte esterna, testa letto, tavoli, sedie, tavoli servitori, apparecchiature monitor, (escluse le tastiere), davanzali (parte interna ed esterna), supporti per fleboclisi 8. Spolveratura ad umido della polvere dalle superfici libere degli scaffali 9. Scopatura ad umido e detersione degli ascensori 10. Spolveratura e pulizia di quanto appeso alle pareti 11. Pulizia e disinfezione di tutti gli interruttori, apparecchi telefonici, citofoni, corrimano maniglie e presidi di apertura delle porte 12. Spolveratura ad umido e rimozione di impronte e macchie da: porte (su entrambe le facce e relativi infissi ), sportelli, specchi 13. Deragnatura al bisogno 14. Spolveratura ad umido elementi da riscaldamento e/o termo convezione, bocchette e griglie di aerazione, condizionatori 15. Spolveratura ad umido delle tende fisse e semimobili escluse le tende in tessuto e a pannello 16. Detersione, disinfezione e disincrostazione di rubinetti, portasapone, porta salviette ed accessori dei servizi igienico-sanitari 17. Detersione e disinfezione e disincrostazione di tutti gli apparecchi igienico sanitari e relativa rubinetteria, copri wc, scovoli wc, e relativi contenitori, lava padelle parte esterna, pavimenti box doccia, antidocce dei bagni e servizi igienici similari, superfici e zone circostanti gli apparecchi sanitari, vuotatoi 18. Scopatura ad umido,detersione e disinfezione dei pavimenti con idonei strumenti atti ad impedire la diffusione delle polveri nell aria, avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti nei locali e per quelli fissi, ove è possibile, passarvi sotto 19. Detersione e disinfezione della unità paziente (letto, comodino,armadio,internamente ed esternamente all atto della dimissione,trasferimento o spostamento del paziente in qualsiasi momento della giornata previa richiesta del coordinatore infermieristico di reparto). Operazioni a frequenza giornaliera di Ripasso (dove previsto) 1. Vuotatura dei cestini portacarte con sostituzione del sacchetto di plastica ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 34 di 182

35 2. Raccolta dei rifiuti di media pezzatura (imballi, ecc.) al bisogno 3. Raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani e ricovero degli stessi negli appositi contenitori posti all esterno degli edifici 4. Spolveratura ad umido, disinfezione e rimozione di impronte e macchie da tutti gli arredi e suppellettili presenti nei locali: blocco a parete con luce personalizzata del paziente e i diversi at tacchi, comodini, letti (compresi i supporti inferiori ed eventuali ausili), tavoli, sedie, tavoli servitori, apparecchiature monitor, (escluse le tastiere), davanzali (parte interna ed esterna), supporti per fleboclisi (comodini e tavoli) 5. detersione e disinfezione e disincrostazione di tutti gli apparecchi igienico sanitari e relativa rubinetteria, copri wc, scovoli wc, e relativi contenitori, lava padelle parte esterna, pavimenti box doccia, antidocce dei bagni e servizi igienici similari, superfici e zone circostanti gli apparecchi sanitari, vuotatoi 6. Scopatura ad umido dei pavimenti con idonei strumenti atti ad impedire la diffusione delle polveri nell aria, avendo cura di spostare gli arredi mobili presenti nei locali e per quelli fissi, ove è possibile, passarvi sotto Operazioni periodiche a frequenza mensile per medio rischio Operazioni periodiche a frequenza quadrimestrale per basso rischio 1. Pulizia delle plafoniere e quant altro applicato alle pareti o al soffitto (le plafoniere ed i punti luce dovranno essere smontati limitatamente a quanto necessario per consentire la pulizia delle parti luminescenti e loro protezioni); Le parti esterne devono poi essere sanitizzate 2. Aspirazione e pulizia delle guide di scorrimento delle porte ascensori 3. Detersione e disinfezione dei rivestimenti dei bagni e docce 4. Aspirazione polvere davanzali e zanzariere esterna 5. Pulizia delle finestre a vetro (lato interno) e relativi infissi e delle superfici vetrate (lato interno ed esterno) 6. Aspirazione e pulizia esterna degli elementi radianti, termoconvettori, griglie di condizionamento 7. Pulizia a fondo dei pavimenti con mezzi idonei alle superfici da trattare 8. Ripristino dei pavimenti protetti a cera ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 35 di 182

36 Operazioni periodiche a frequenza semestrali per medio rischio Operazioni periodiche a frequenza annuale per basso rischio 1. Trasporto all esterno dei locali degli arredi mobili, pulizia a fondo degli stessi (lato interno ed esterno) e sanitizzazione e ricollocazione degli stessi nei locali al termine dei lavori 2. Spolveratura ad umido,detersione e disinfezione di tutte le superfici verticali ed orizzontali di qualsiasi altezza: pareti lavabili, delle porte e relativi infissi e superfici e dei controsoffitti (ove presenti) 3. Smontaggio e pulizia delle tende lavabili (ove esistenti) e successiva ricollocazione 4. Pulizia a fondo delle controsoffittature, ove necessario le stesse dovranno essere smontate e rimontate da parte della ditta aggiudicataria sentito il parere dell ufficio tecnico. 5. Aspirazione polvere davanzali e zanzariere esterne 8. - AREE ESTERNE Operazioni minime richieste da eseguirsi in base alla frequenza 1. Rimozione dei rifiuti di piccolo e medio ingombro 2. Svuotatura cestini porta-rifiuti al bisogno 3. Asportazione dei rifiuti e della polvere da panchine, tavoli, sedili 4. Raccolta dei rifiuti assimilabili agli urbani e ricovero degli stessi negli appositi contenitori posti all esterno degli edifici 5. Deragnatura al bisogno 6. Pulizia dei pavimenti con mezzi idonei alle superfici da trattare 9. - SERVIZIO DI RIFORNIMENTO Materiale igienico È incluso nel servizio il rifornimento nei servizi igienici delle strutture oggetto dell appalto dei prodotti per l igiene delle mani nonché il materiale di consumo cartaceo (salviette, carta igienica, bobine, etc ) ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 36 di 182

37 Il servizio di rifornimento dovrà essere effettuato contestualmente alle operazioni giornaliere di ordinarie e l esecutore dovrà segnalare tempestivamente l eventuale necessità di approvvigionamento. I materiali saranno a carico dell Amministrazione cosi come il loro stoccaggio e il relativo trasporto in ogni struttura oggetto del servizio con consegna nei locali deposito dell esecutore. Il servizio non comprende le necessarie operazioni di monitoraggio atte a verificare: la costante presenza del materiale igienico di consumo; il buon stato di conservazione e di funzionamento dei contenitori Tuttavia si richiede la massima collaborazione per la segnalazione nei casi di rottura o malfunzionamento ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 37 di 182

38 Allegato tecnico n 2 Indicazioni e suddivisioni delle superfici oggetto del servizio distinte per ULSS.- Frequenze minime ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 38 di 182

39 10. - INDICAZIONI E SUDDIVISIONI DELLE SUPERFICI OGGETTO DEL SERVIZIO DISTINTE PER ULSS. ULSS N. 3 BASSANO DEL GRAPPA Tipologia Presidi Ospedalieri Presidi extraospedalieri Sale 1616,94 0 operatorie/parto Alto rischio 4369,54 0 Medio rischio M ,21 51,31 Medio rischio M , ,49 Basso rischio B , ,17 Basso rischio B , ,86 Basso rischio B , Esterne Totali , ,99 ULSS N. 4 ALTO VICENTINO Tipologia Presidi Ospedalieri Presidi extraospedalieri Sale 3356 operatorie/parto Alto rischio 1940 Medio rischio M Medio rischio M Basso rischio B Basso rischio B Basso rischio B Esterne Totali ALLEGATI AL CAPITOLATO TECNICO Pagina 39 di 182

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE PRESIDI SPEDALIER LEVANTE AREE AD ALTISSIM RISCHI SETTRI DEGENZIALI CRITICI X: SETTRI DEGENZIALI CRITICI (TUTTE LE TERAPIE INTENSIVE, UNITÀ CRNARICA, NENATLGIA, NEFRLGIA, SALE VISITA E LCALI DIAGNSTICA

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AREE AD ALTO RISCHIO: LA SALA OPERATORIA AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AREE AD ALTO RISCHIO: LA SALA OPERATORIA AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AREE AD ALTO RISCHIO: LA SALA OPERATORIA AORN 1 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 2 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE AREE

Dettagli

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA.

ALLEGATO C DISCIPLINARE TECNICO RELATIVO ALLE OPERAZIONI E FREQUENZA DI PULIZIA. Procedura Aperta per l affidamento del servizio di pulizia, sanificazione e sanitizzazione dei presidi ospedalieri e strutture territoriali dell Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. ALLEGATO C DISCIPLINARE

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81

SERVIZIO DI PULIZIA GIORNALIERA, PERIODICA E SANIFICAZIONE DELLE STRUTTURE ASL AVELLINO CIG: 5508909F81 REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE AVELLINO Via degli Imbimbo 10/12 83100 Avellino www.aslavellino.it Dr.ssa Emilia Vozzella Dr.ssa Sabatina D Andrea ALLEGATO A) al Capitolato Speciale d Appalto

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE

ALLEGATO 1 A ELENCO DELLE PRESTAZIONI DA ESEGUIRE ALLEATO 1 A ELENCO DELLE PRETAZIONI DA EEUIRE 1 ERVIZIO DI PULIZIA A RIDOTTO IPATTO ABIENTALE PER LE EDI DELI UFFICI DI ÆUA ROA.P.A. Il servizio di pulizia proposto si riferisce ad unità tipologiche differenziate

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi:

1) Area uffici /laboratorio per complessivi mq 3962 così suddivisi: CAPITOLATO D APPALTO C.I.G. [04292471D4] SERVIZI DI PULIZIA LOCALI DEL CNR Istituto di Scienze dell Alimentazione Via Roma, 64 Avellino Si definiscono, nell ambito della superficie totale dell ISA, 3 aree

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

UFFICIO TECNICO COMUNALE

UFFICIO TECNICO COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI TRIGGIANO P.IVA: 00865250724 - Tel. 0804628.206 - Fax: 0804628.203 e-mail: llpp@comune.triggiano.bari.it SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI, CUSTODIA E MANUTENZIONE

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO MULTISERVICE (PULIZIA, PORTIERATO FACCHINAGGIO) PER UFFICI COMUNALI PROGETTO TECNICO e INSERIMENTO SOCIO - LAVORATIVO LOTTO 2 SOGGETTO PARTECIPANTE. Progetto Tecnico -

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI PULIZIA DA SVOLGERE PRESSO LA CASA ALBERGO

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO

DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO ALLEATO 2 lotto 1 Modugno (BA) DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OETTO DELL APPALTO Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio PIANO TERRA Tipologia di aree Descrizione

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni

ALLEGATO 1A - Scheda delle Prestazioni LLETO 1 - cheda delle Prestazioni UFFICI*, LE RIUNIONI, ULE INFORTIZZTE, BIBLIOTECHE, UFFICIO C, L EDIC, BOX VIILNZ, POLITOI genzia pazzatura dei pavimenti ad umido = giornaliera polveratura ad umido punti

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE DELL IMMOBILE EX SANTORIO SEDE DELLA SISSA CPITOLTO PECILE D PPLTO PER L FFIDENTO DEL ERVIZIO DI PULIZI ED IIENE BIENTLE DELL IOBILE EX NTORIO EDE DELL I LLETO 1 PERIODICIT DELI INTERVENTI Pagina 1 di 8 cheda pulizie giornaliere e periodiche REE

Dettagli

Pulizia e Sanificazione Ambienti

Pulizia e Sanificazione Ambienti P-E03 Rev. 2 Pag. 1 di 8 SCOPO E APPLICABILITA DEL DOCUMENTO Il presente documento descrive le modalità con le quali viene erogato il servizio di pulizia e sanificazione degli ambienti presso Fondazione

Dettagli

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione

Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione Allegato 4 Pulizia, Sanificazione ambientale, Derattizzazione e Disinfestazione La metodologia utilizzata dovrà garantire la pulizia e la disinfezione degli ambienti utilizzando attrezzi e materiali per

Dettagli

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera

Pagina 1. UFFICI Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini giornaliera Pagina 1 SCHEDA TECNICA INTERVENTI elaborata per la gara di pulizia dei nuovi locali della sezione distaccata di Gragnano del Tribunale di Torre Annunziata (NA), predisposta per consentire la prestazione

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui)

LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) Allegato A1 LOCALI POLIZIA MUNICIPALE Piazza Leopardi (mq. 333,50) (pulizie dal lunedì al sabato per n. 300 giorni annui) PERIODICITA PULIZIA: Pulizie giornaliere di tutti i locali: a) aspirazione/battitura

Dettagli

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO

GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO GARA D APPALTO CON PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PER I SERVIZI DI PULIZIA FORESTERIA, CAMERE E PORTIERATO CIG 4230168D0D Capitolato servizi foresteria Pagina 1 di 8 Timbro e firma del partecipante

Dettagli

Allegato B al Capitolato

Allegato B al Capitolato Allegato B al Capitolato ROSSO ARANCIONE 1 ARANCIONE 2 GIALLO Aree trapianto, alto isolamento, sale operatorie, presale, sala lavaggio antisettico mani e sale induzione risveglio, percorso pulito, corridoi

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O.

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN 3 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 1 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti

ALLEGATO J1) Frequenze A B C D E F G giorn sett. mens. bim. sem. ann. 2. Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti ALLEGATO J) Ambienti destinazioni Ambienti destinazioni Interventi previsti Pavimenti piastrelle, linoleum, di tutti gli ambienti materiale versato sul pavimento. Lavaggio manuale con prodotti detergenti

Dettagli

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE

ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AREE ALLEGATO N 1 DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO DI PULIZIE E SANIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE DIFFERENZIAZIONE TIPOLOGIA RISCHIO TIPOLOGIA COLORE ZONA DESCRIZIONE SPAZI AMBIENTALI ESTERNI Grigio Pensiline, marciapiedi,

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA

Comune di VANZAGO. Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Comune di VANZAGO Provincia di Milano SERVIZI0 SCUOLA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Marzo

Dettagli

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale

SUB - ALLEGATO 2. Schede tecniche prestazionali per aree e categoria di locale PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE, DISINFESTAZIONE E DERATIZZAZIONE E SERVIZI COMPLEMENTARI PER GLI IMMOBILI DELLA REGIONE

Dettagli

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA

ANALISI PREZZO N A1 A) PULIZIA GIORNALIERA A) PULIZIA GIORNALIERA ANALISI PREZZO N A1 - Spazzatura dei pavimenti di tutti gli ambienti, comprese le scale, i servizi igienici con esclusione dei pavimenti dei locali cantinati e archivi. Costo mano

Dettagli

SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE

SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE SERVIZIO PULIZIE SCHEDA UFFICI OPERAZIONI DA SVOLGERE SEDE INDIRIZZO COMMESSA Asiago Via F.lli Rigoni Guido E Vasco, 19 600/09 Bassano Del Grappa Largo Parolini, 82/B 600/07 Bassano Del Grappa Via Dei

Dettagli

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Distretto Scolastico 11 IX CIRCOLO DIDATTICO STATALE JAPIGIA I Plesso San Francesco Via Peucetia n. 50 BARI Tel. 0805530943/5541991 fax 080 5524042 Plesso Don Orione Viale Japigia n.140 BARI Tel./Fax 0805537467

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARINI Via Roma, 56 - Gorla Minore (VA) *************************** 1. Plesso A. MANZONI Tel. 0331/601198 2. Plesso D. ALIGHIERI Tel: 0331/600607 3. Plesso G. PARINI Tel.:

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore II Finanziario - Servizio Patrimonio CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE Codice CIG: 34069808D4 Pagina 1 di 16 SOMMARIO PREMESSE Art. 1 OGGETTO DELLA PROCEDURA Art. 2

Dettagli

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE

Comunità Montana dell Esino Frasassi Prescrizioni Tecniche. Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE Allegato 2) PRESCRIZIONI TECNICHE L appalto ha per oggetto l esecuzione dei lavori di pulizia e sanificazione da effettuarsi mediante prestazione d opera, di materiali, di mezzi ed attrezzature per la

Dettagli

ALLEGATO D) CAPITOLATO TECNICO. Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 80

ALLEGATO D) CAPITOLATO TECNICO. Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 80 ALLEGATO D) PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PRESSO LE AZIENDE ULSS N. 10 VENETO ORIENTALE, N. 18 ROVIGO e N. 19 ADRIA CAPITOLATO TECNICO Firma per presa visione

Dettagli

Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE

Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE Pagina 1 SCHEDA TECNICA AREE UFFICI INTERVENTI PULIZIA TRIBUNALE AREE ZONE ATTIVITA' ESPLETATA FREQUENZA ALTA MEDIA BASSA Aspirazione / battitura pavimenti tessili, stuoie, zerbini Detersione pavimenti

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9

CAPITOLATO TECNICO. Servizio di Pulizia e Sanificazione Ambienti degli Istituti Riuniti di Assistenza S. Giovanni Battista di Chieti CIG 52983798A9 CIG 529898A9 AREE AD ALTO GRADO DI DETERIORAMENTO RIEPILOGO PRESTAZIONI E FREQUENZE SUGGERITE PRELIMINARI svuotatura cestini e posacenere raccolta rifiuti PAVIMENTI scopatura ad umido aspirazione zerbini

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo Allegato A1 PALAZZO RESIDENZA MUNICIPALE Piazza V. Veneto n 1 Pulizie giornaliere di tutti i locali (tutti i giorni dal lunedì al venerdì compreso): a) pulizia,

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Schede di intervento pulizie

Schede di intervento pulizie CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO per l esecuzione del servizio di pulizie civili, facchinaggio, disinfestazione e derattizzazione presso il Gruppo IREN Lotto 2 - ALLEGATO 2 Schede di intervento pulizie Torino,

Dettagli

SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1

SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1 SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI CAPITOLATO TECNICO LOTTO 1 1 INDICE PREMESSA GENERALE 6 A) SERVIZIO DI PULIZIA. 7 A) 1 DEFINIZIONE DI AREA E AMBITO OMOGENEO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA. Contratto di prestazione di servizi

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA. Contratto di prestazione di servizi AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA Contratto di prestazione di servizi AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE RACCOLTA E TRASPORTO RIFIUTI, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO Pulitura, lavatura e disinfezione dei servizi igienici, dei lavabi, delle pareti, dei pavimenti, dei gabinetti di decenza e di ogni altro sanitario avendo cura che i condotti

Dettagli

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE.

TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. TIPOLOGIA LOCALI, PRESTAZIONI DI PULIZIA, SPECIFICHE TECNICHE E FORNITURA ACCESSORI E MATERIALE. Indice: 1 TIPOLOGIA LOCALI E OPERAZIONI DI PULIZIA... 3 1.1 SERVIZI IGIENICI/SPOGLIATOI:...3 1.1.1 FORNITURE

Dettagli

Città di Manfredonia

Città di Manfredonia Città di anfredonia (Provincia di Foggia) SETTORE 6 OO.PP. E ANUTENZIONE ALLEGATO 2 Appalto servizi di pulizia ed igiene ambientale immobili comunali ed aree urbane nonché: gestione bagni pubblici, Lavori

Dettagli

ALLEGATO B - BIBLIOTECA COMUNALE, GIUDICE di PACE, SALONE del POPOLO Ubicazione C.so Persiani

ALLEGATO B - BIBLIOTECA COMUNALE, GIUDICE di PACE, SALONE del POPOLO Ubicazione C.so Persiani ALLEATO B - BIBLIOTECA COUNALE - UFFICI Ubicazione C.so Persiani ATTIVITA Deodorazione dei servizi igienici Disinfezione dei servizi igienici Disinfezione lavabi extra servizi igienici Pulizia dei servizi

Dettagli

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017

OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 CIG 621616801D OFFERTA PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI IMMOBILI COMUNALI - PERIODO 01/06/2015-31/12/2017 Modello 4) A) PALAZZO FOGLIA tipologia di intervento giornaliero/settimanale/mensile a

Dettagli

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere

Piano Interrato. Piano terra: Piano primo: Piano secondo: Di seguito si descrivono le operazioni e le frequenze delle stesse: Operazioni giornaliere ALLEGATO A al Capitolato Speciale di Gara Servizio di pulizia e disinfezione giornaliera integrato da lavori periodici di pulizia a fondo. I centri servizio oggetto del presente appalto sono: Residenza

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA PROTOCOLLO DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA ART. I - PRESTAZIONI DEL SERVIZIO DI PULIZIA/SANIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI Il servizio comprende le seguenti tipologie principali di prestazioni,

Dettagli

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue Gruppo di Lavoro CPSE- I DAIORT : Dr.ssa Liana Nanni CPSE-I DAIORT :

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA ALLEGATO B DESCRIZIONE DEI SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA RESIDENZA Oggetto Il presente Allegato è strettamente connesso e strumentale all appalto per la fruizione di strutture immobiliari da adibire a

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI

Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI Università per Stranieri di Siena APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE AMBIENTALE, COMPRESO LA FORNITURA DI SPECIFICI MATERIALI DI CONSUMO CODICE CIG: 017074680C ALLEGATI AL

Dettagli

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano

Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano Gara per la fornitura del Servizio Mensa per i minori ospiti dell Istituto Penale Minorenni e del Centro Prima Accoglienza di Milano ALLEGATO 5 AL CAPITOLATO SPECIFICHE TECNICHE DELLE OPERAZIONI DI PULIZIA

Dettagli

Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizia all interno della sede della Fondazione e in altri locali utilizzati in via occasionale.

Scheda tecnica per lo svolgimento del servizio di pulizia all interno della sede della Fondazione e in altri locali utilizzati in via occasionale. Allegato 7 Procedura per l affidamento dell appalto del servizio di pulizia di tutti i locali di svolgimento dell attività istituzionale della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Opera di

Dettagli

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali

Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali COMUNE di BUCCINASCO Provincia di Milano Capitolato Tecnico per il servizio di pulizie di immobili comunali Periodo 01.01.2008/31.12.2011 SOMMARIO Art. 1 - RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI E SMALTIMENTO

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

Ubicazione P.zza G Leopardi n. 26

Ubicazione P.zza G Leopardi n. 26 ALLEATO A - CIVICO PALAZZO UFFICI Q 2796 Ubicazione P.zza Leopardi n. 26 ATTIVITA Deodorazione dei servizi igienici Disinfezione dei servizi igienici Disinfezione lavabi extra servizi igienici Pulizia

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni

COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni COMUNE DI LIVORNO U.O.VA ATTIVITA EDUCATIVE Uff. Ristorazione, Arredi e Logistica servizi ausiliari esterni Allegato n. 4 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE OPERAZIONI DI PULIZIA ORDINARIA E STRAORDINARIA

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 2-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA

ALLEGATO 1/A AL CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BRERA ALLEGATO 1/A AL CAPTOLATO SPECALE D'APPALTO ANNO 2007 SERVZ D PULZA ORDNARA PRESSO LE SED SPAZ AMMNSTRATV 1 Asportazione delle ragnatele. NTERVENT QUOTDAN 2 3 4 5 aperte). Particolare attenzione deve essere

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI

COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI ALLEGATO A2 COMUNE DI CAPANNORI SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI CARATTERISTICHE DEGLI INTERVENTI Le operazioni di pulizia riportate dal presente Capitolato

Dettagli

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19)

ANNESSO 1.B (APPLICABILI PER GLI EDR INSERITI NEL LOTTO 19) ANNESSO 1.B SCHEDE CONTENENTI, PER CIASCUNA TIPOLGIA DI LOCALI, LE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE SVOLTE, LE RELATIVE PERIODICITA ED I GIORNI IN CUI I SERVIZI DEVONO ESSERE SVOLTI. (APPLICABILI PER GLI

Dettagli

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010

Progetto dell appalto - art. 279 D.P.R. 207/2010 Procedura aperta per l'affidamento del servizio di Pulizia del Museo Nazionale dell Automobile Avv. Giovanni Agnelli, Corso Unità d Italia 40, 10126 Torino Entità complessiva dell appalto 390.000,00 oltre

Dettagli

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera.

La pulizia dei suddetti locali effettuata in occasione di cerimonie o celebrazioni in giorni feriali è ricompresa nella pulizia giornaliera. - (allegato varie strutture comunali) SCHEDA TECNICA PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER VARIE STRUTTURE COMUNALI (Palazzo Nuovo III Palazzi Locali Vigili Urbani Campo Scuola /Stadio) CONDIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE

PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE PROTOCOLLO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEFINIZIONI Per pulizia si intende la rimozione meccanica dello sporco da superfici ed oggetti. Di norma viene eseguita con l impiego di acqua e detergenti diluiti

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale

Aree ad uso ufficio differenti dal livello dirigenziale generale ALLEGATO A APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA ORDINARIA DELLE SEDI DEL MIPAAF - CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - ELENCO SEDI E RELATIVE SUPERFICI (IN MQ) DISTINTE PER TIPOLOGIA DESCRIZIONE

Dettagli

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì

Allegato A al Capitolato d Appalto. 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì Allegato A al Capitolato d Appalto 1) Palazzo Comunale P.zza Visconti 23 intervento: dal lunedì al venerdì - svuotatura, pulizia e sostituzione sacchetto cestini carta, contenitori per rifiuti differenziati,

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete CAV S.p.A. Sede Legale: Dorsoduro 3901-30123 Venezia Uffici Amministrativi: Santa Croce 729-30135 Venezia - Tel. 0415242314- Fax. 0415242531 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli