Da Maxwell a Einstein

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Maxwell a Einstein"

Transcript

1 Da Maxwell a Einstein Le equazioni di Maxwell forniscono una spiegazione completa dei fenomeni elettromagnetici e ottici: La luce è un onda elettromagnetica e tutte le onde elettromagnetiche si propagano nel vuoto alla velocità della luce Il concetto centrale della spiegazione è quello di campo Maxwell pensava ancora che le onde elettromagnetiche si propagassero in un mezzo meccanico, l etere Lentamente si affermò la visione che l elettromagnetismo fosse completamente descritto dalle equazioni di Maxwell senza la necessità di introdurre modelli meccanici per spiegare la propagazione della onde elettromagnetiche

2 Contraddizioni apparenti tra meccanica ed elettromagnetismo Nella meccanica galileiana e newtoniana non esistono velocità assolute, ma solamente velocità relative a un particolare sistema di riferimento PROBLEMA: Relativamente a quale sistema di riferimento la velocità della luce ha il valore costante di m s? Sappiamo che, in base alle trasformazioni di Galileo, abbiamo Legge classica di composizione delle velocità

3 Nel sistema di riferimento solidale con la bicicletta, la pallina lanciata in avanti dalla ragazza ha velocità u = 5 m/s. Rispetto al suolo, la bicicletta viaggia con velocità v = 7 m/s e quindi in questo sistema di riferimento la velocità della pallina è u = u + v = 5 m/s + 7 m/s = 12 m/s: le velocità della bicicletta e della pallina si sommano relativamente a un osservatore in quiete.

4 La legge classica di composizione delle velocità è basata a sua volta sulle trasformazioni di Galileo, definite dal sistema di equazioni: Trasformazioni di Galileo Permettono di calcolare le coordinate spaziali e temporali di un corpo in un sistema di riferimento S conoscendo le coordinate del corpo in un altro sistema S in moto rettilineo uniforme con velocità v rispetto al primo

5 Altri interrogativi l esistenza del campo magnetico dipende dal sistema di riferimento inerziale scelto? il campo elettrico e quello magnetico sono invarianti? Per conciliare le contraddizioni tra elettromagnetismo e principio di relatività si posero due alternative: 1) Assumere che la velocità della luce non sia una costante È necessario trovare il sistema di riferimento relativamente al quale la velocità della luce è effettivamente uguale a c e quindi rinunciare al principio di relatività che afferma che le leggi della fisica ( e quindi anche la costanti in esse presenti come la velocità della luce c = 1 ) devono avere la stessa ε 0 μ 0 forma in tutti i sistemi di riferimento inerziali 2) Rinunciare alla legge di composizione delle velocità e alle trasformazioni di Galileo Determinare nuove trasformazioni L esperimento di Michelson e Morley (tra il 1881 e il 1887) mostrò che la velocità della luce risultava indipendente dal moto della Terra e sempre uguale a c, in contrasto con la prima alternativa

6 I postulati della relatività ristretta e le trasformazioni di Lorentz La seconda delle alternative porta alla teoria della relatività ristretta di Einstein La teoria della relatività ristretta di Einstein si basa su due principi Postulati della relatività ristretta 1. È impossibile distinguere con esperimenti fisici due sistemi di riferimento in moto rettilineo uniforme l uno rispetto all altro; in altri termini, le leggi della fisica hanno la stessa forma in tutti i sistemi inerziali 2. La velocità della luce nel vuoto è la stessa in tutti i sistemi inerziali, indipendentemente dallo stato di moto del sistema e della sorgente luminosa Esistono grandezze invarianti il cui valore non dipende dal sistema inerziale di riferimento. La legge fondamentale della dinamica, e in generale le leggi della meccanica, sono valide in tutti i sistemi di riferimento inerziali e hanno in tutti la stessa forma.

7 Le trasformazioni di Lorentz Affinché due osservatori inerziali misurano la stessa velocità della luce indipendentemente dal moto relativo dei loro sistemi di riferimento, è necessario modificare le trasformazioni di Galileo e determinare nuove trasformazioni. Un evento è definito dalla quaterna di valori (x; y; z; t) che rappresentano, in un determinato sistema di riferimento le tre coordinate spaziali del punto in cui l evento si è verificato l istante t in cui è avvenuto Consideriamo due sistemi di riferimento inerziali S e S supponendo che S si muova in moto rettilineo uniforme con velocità v rispetto a S il moto avvenga lungo l asse x del sistema S all istante t = 0 i due sistemi di riferimento coincidano (x, y, t) siano le coordinate di un evento nel sistema S (x, y, t ) siano le coordinate dell evento nel sistema S

8 S ed S sono due sistemi di riferimento inerziali le cui origini coincidono all istante t = t = 0; successivamente S trasla con velocità costante v lungo la direzione delle ascisse. OSS: Il sistema S è in moto rettilineo uniforme con velocità v rispetto a S mentre S è in moto rettilineo uniforme con velocità di v rispetto ad S

9 Le trasformazioni che mantengono costante il valore della velocità della luce in entrambi i sistemi di riferimento sono note come trasformazioni di Lorentz per v << c le equazioni sono riconducibili alle trasformazioni di Galileo la velocità della luce c è una velocità limite che non è possibile raggiungere

10 La legge relativistica di composizione delle velocità Dalle trasformazioni di Lorentz possiamo ricavare la nuova legge relativistica di composizione delle velocità Per un punto materiale P in moto rettilineo uniforme con velocità u relativamente al sistema S e con velocità u relativamente al sistema S abbiamo Se i valori di v e u sono molto minori di c la legge relativistica si riduce all equazione classica OSS: Nelle trasformazioni di Lorentz il tempo non è più un invariante come lo era in quelle di Galileo. Le trasformazioni di Lorentz e la legge di composizione delle velocità costituiscono la struttura matematica della RELATIVITA RISTRETTA

11 Critica al concetto di simultaneità La nuova definizione operativa di simultaneità Nelle trasformazioni di Lorentz il tempo non è più un invariante La simultaneità di due eventi è un problema centrale nella relatività ristretta Eventi simultanei: Due eventi nei punti A e B si dicono simultanei se un osservatore, posto nel punto medio M del segmento AB, riceve i segnali luminosi provenienti dai due punti A e B nello stesso istante

12 L osservatore posto nel punto medio M del segmento AB può affermare che i due fulmini sono caduti simultaneamente nei punti A e B se con un orologio verifica che t A = t B.

13 DOMANDA: La simultaneità di eventi Due eventi simultanei per un osservatore 0, sono simultanei per un altro osservatore 0, in moto rettilineo uniforme rispetto a 0? RISPOSTA: No, la simultaneità è relativa a un preciso sistema di riferimento e non ha senso parlare di simultaneità assoluta di due eventi non esiste il tempo assoluto newtoniano, ma tanti tempi relativi ai particolari sistemi di riferimento

14 a) L osservatore a terra sulla banchina rappresenta il riferimento O, quello sul treno il riferimento O. O e O sono equidistanti da A e B, punti in cui cadono i fulmini. b) Poiché il treno si muove verso destra, l osservatore O riceve prima la luce proveniente da B, poi quella da A. I DUE EVENTI, SIMULTANEI RISPETTO ALL OSSERVATORE O, NON LO SONO RISPETTO ALL OSSERVATORE O IN MOTO RETTILINEO UNIFORME RISPETTO A O

15 La sincronizzazione degli orologi La nuova definizione di simultaneità ci permette di sincronizzare orologi posti in punti diversi di uno stesso sistema di riferimento. Consideriamo due orologi identici posti in punti diversi (A e B) di uno stesso sistema di riferimento gli orologi sono sincronizzati se un osservatore O, in quiete rispetto a essi e posto nel punto medio M del segmento AB, osserva i segnali emessi dai due orologi giungere contemporaneamente

16 La dilatazione dei tempi Analizziamo se la durata di un fenomeno sia costante o dipenda dal sistema di riferimento come ci aspettiamo dalla relatività ristretta. Un esperimento ideale Un osservatore 0 posto nel sistema S misura l intervallo di tempo t che la luce impiega a percorrere, andata e ritorno, una certa distanza L a) L osservatore O nel sistema di riferimento S è in quiete. In rosso è indicato il raggio partito da O e in verde quello che vi ritorna; b) lo stesso fenomeno rispetto al sistema di riferimento S. Nel sistema S tutto l apparato sperimentale è in moto verso destra con velocità v.

17 Il tempo Dt misurato da un osservatore nel sistema S è uguale a Dilatazione dei tempi t =g t Poiché g > 1, allora t > t La durata di un fenomeno non è più un invariante ma dipende dal sistema di riferimento

18 Definiamo tempo proprio t l intervallo di tempo misurato da un osservatore per il quale gli eventi avvengono nello stesso punto dello spazio Tempo proprio = Durata minima del fenomeno Il tempo proprio t rappresenta la durata minima del fenomeno in tutti gli altri sistemi di riferimento la durata del fenomeno è maggiore

19 Il calcolo della dilatazione dei tempi Attraverso le trasformazioni di Lorentz è possibile calcolare la dilatazione dei tempi

20 La contrazione delle lunghezze La contrazione delle lunghezze nella direzione del moto Nella meccanica classica la lunghezza di un segmento è invariante Nell ambito della relatività ristretta, un corpo che ha lunghezza L in un sistema di riferimento S solidale con il segmento, ha lunghezza L nel sistema S in moto rispetto a S con velocità in modulo uguale a v e direzione parallela al segmento La relazione tra L ed L è Poiché g > 1, allora L < L Contrazione delle lunghezze

21 La contrazione delle lunghezze Nei due sistemi di riferimento, gli assi x e x coincidono.

22 La contrazione delle lunghezze La lunghezza di un corpo non è più un invariante ma dipende dal sistema di riferimento La lunghezza della sbarra misurata nel sistema di riferimento in cui la sbarra è in quiete è detta lunghezza propria. In conclusione: Né la durata di un fenomeno né la lunghezza di un corpo sono invarianti relativistici

23 Invarianza delle dimensioni trasversali Dalle trasformazioni di Lorentz si ricava che Le dimensioni di un corpo perpendicolari alla direzione del moto relativo di due sistemi inerziali sono invarianti nei due sistemi Se così non fosse si creerebbero situazioni paradossali Se le dimensioni di un corpo si contraessero anche in direzione perpendicolare rispetto al suo moto, il corpo A potrebbe passare o meno dall anello B, a seconda del sistema di riferimento: sarebbe un paradosso.

24 L invariante spazio-temporale e il principio di causalità Lunghezza propria, tempo proprio e velocità della luce sono gli invarianti relativistici che sostituiscono lo spazio e il tempo assoluto newtoniano Esiste un altro invariante legato al problema del rapporto di causalità tra due eventi Eventi causalmente connessi: Dati due eventi caratterizzati da due coppie di valori x e t misurati nel sistema S, A(x 1 ; t 1 ) e B(x 2 ; t 2 ), essi si dicono causalmente connessi se la distanza Dx = x 2 - x 1 che li separa è minore o uguale allo spazio percorso dalla luce nell intervallo di tempo Dt = t 2 - t 1 Dx cdt Se viceversa Dx > cdt, allora i due eventi A e B sono causalmente non connessi

25 L invariante spazio-temporale e il principio di causalità Passato, presente e futuro nella relatività Rappresentazione grafica degli eventi causalmente connessi Per semplicità ci limitiamo a rappresentare uno spazio a due sole dimensioni, una spaziale, sull asse x, e una temporale, sull asse y. Sempre per rendere il diagramma più semplice, poniamo la velocità della luce c = 1.

26 L osservatore O è collocato nell origine egli assi, che rappresenta l evento (0,0) ovvero l evento (qui, ora) O I segnali possibili devono viaggiare a velocità inferiori a quelle della luce e quindi devono corrispondere a rette che si trovano all interno delle due regioni passato e futuro. EVENTI CAUSALMENTE CONNESSI CON L OSSERVATORE 0 Poiché non sono possibili segnali più veloci della luce, le regioni laterali denominate presente, non sono raggiungibili con segnali e quindi corrispondono a eventi non causalmente connessi con 0. DOMANDA: Che cosa pensa un altro osservatore inerziale O della connessione causale stabilita dall osservatore 0? RISPOSTA: Tutti gli osservatori inerziali concordano sul tipo di relazione causale che lega due eventi

27 L invariante spazio-temporale Definiamo intervallo spazio-temporale l espressione (Ds) 2 = (Dx) 2 - c 2 (Dt) 2 Si può dimostrare che questa espressione è invariante Generalizzando : Eventi causalmente connessi e intervallo spaziotemporale: Due eventi sono causalmente connessi se l intervallo spazio-temporale che li separa è minore o uguale a 0 (Ds) 2 = (Dx) 2 - c 2 (Dt) 2 0 Se in un sistema di riferimento inerziale S due eventi sono causalmente connessi, lo sono anche in qualunque altro sistema inerziale S perché l intervallo spazio-temporale Ds 2 è invariante

28 L effetto Doppler relativistico Ricordiamo in cosa consiste l effetto Doppler per le onde sonore Effetto Doppler per sorgente in moto e osservatore fermo Lunghezza d onda variabile per i punti prima della sorgente e dopo la sorgente lungo la direzione parallela al moto LA FREQUENZA AUMENTA NEL VERSO DEL MOTO

29 EFFETTO DOPPLER PER SORGENTE FERMA E OSSERVATORE IN MOTO

30 EFFETTO DOPPLER PER LE ONDE ELETTROMAGNETICHE L effetto Doppler riguarda anche le onde elettromagnetiche ma con alcune differenze essenziali non esiste un mezzo di propagazione per le onde elettromagnetiche (l etere non esiste) la luce e le onde elettromagnetiche si propagano alla stessa velocità c in tutti i sistemi di riferimento inerziali il fenomeno dipende solamente dalla velocità relativa della sorgente e del ricevitore e non vi è alcuna differenza tra il caso in cui a muoversi sia la sorgente e il caso in cui a muoversi sia il ricevitore

31 Consideriamo una sorgente di onde elettromagnetiche che emette una radiazione di frequenza f 0 Se la sorgente e il ricevitore si allontanano di moto rettilineo uniforme con velocità relativa v f è la frequenza osservata f 0 è la frequenza emessa Se invece la sorgente e il ricevitore si avvicinano

32 Una conseguenza molto importante dell effetto Doppler della luce è il red shift è lo spostamento verso il rosso (diminuzione della frequenza) delle righe spettrali della luce proveniente dalle stelle e dalle galassie più lontane da noi Questa sistematica diminuzione della frequenza è stata interpretata come l effetto dell allontanamento delle galassie più lontane è alla base del modello cosmologico del Big Bang secondo cui l universo è nato da una grande esplosione iniziale e da allora si espande indefinitamente

33 L effetto Doppler relativistico Gli spettri di emissione di una determinata sorgente si modificano in funzione del moto rispetto all osservatore. In riferimento al caso di movimento nullo (a), si ha uno spostamento verso il rosso se la sorgente e l osservatore si allontanano (b) e uno spostamento verso il blu se si avvicinano (c).

34 La dinamica relativistica Nell ambito della relatività ristretta sono ancora valide la legge di conservazione della quantità di moto classica e la legge fondamentale della dinamica classica? sono invarianti per trasformazioni di Lorentz? La risposta a entrambe le domande è negativa è necessaria una revisione dei concetti di massa, forza, quantità di moto ed energia

35 La massa relativistica di un corpo non è un invariante ma è funzione della sua velocità dove m 0 è la massa del corpo a riposo, ovvero la massa misurata in un sistema in cui il corpo è in quiete Per velocità v << c la formula relativistica coincide con la previsione classica Quando la velocità di un corpo si avvicina a quella della luce, la sua massa tende a infinito

36 Andamento approssimativo del rapporto m/m 0 in funzione del rapporto v/c, dove m 0 è la massa del corpo a riposo, m la massa alla velocità v e c la velocità della luce. La linea rossa orizzontale corrisponde al valore calcolato in base alla meccanica newtoniana per la quale la massa è un invariante.

37 Mentre la massa a riposo di un corpo è invariante, non lo è più la sua inerzia dipende dalla velocità del corpo e quindi dal sistema di riferimento in cui è misurata Dall equazione della massa relativistica discende una nuova definizione relativistica della quantità di moto di un corpo La quantità di moto relativistica si conserva

38 Ricaviamo inoltre una nuova legge fondamentale della dinamica che sostituisce quella newtoniana Nuova legge fondamentale della dinamica relativistica In conclusione né la forza né l accelerazione sono invarianti relativistici è necessaria una forza crescente per accelerare un corpo questa forza tende a infinito quando la velocità del corpo si avvicina a quella della luce

39 L energia relativistica Energia cinetica, energia a riposo, energia totale L energia totale di un corpo di massa a riposo m 0 e velocità in modulo uguale a v è uguale a L energia a riposo del corpo è l energia di un corpo in un sistema di riferimento in cui è in quiete ed è uguale a: tale energia è dovuta esclusivamente alla massa del corpo

40 Dato un corpo di massa a riposo uguale a m 0 e velocità in modulo uguale a v, l energia cinetica relativistica è uguale alla differenza tra l energia totale e l energia a riposo del corpo Nella nuova visione relativistica l energia totale risulta

41 L energia relativistica Il processo di annichilazione elettrone-positrone è una reazione che avviene quando un elettrone incontra un positrone, cioè una particella identica all elettrone ma con carica positiva: il processo di collisione genera la produzione di due fotoni, emessi in direzioni opposte. Il processo inverso prende nome di produzione di coppia

42 L energia relativistica Legge di conservazione della massa-energia «La massa è energia e l energia possiede massa. Le due leggi della conservazione della massa e dell energia vengono fuse dalla teoria della relatività in una sola: la legge di conservazione della massa-energia» In un sistema isolato non si conserva in generale né l energia cinetica né la massa a riposo la grandezza che si conserva è l energia totale E = mc 2

43 Una centrale nucleare e il fungo atomico prodotto dalla bomba sganciata su Nagasaki, al termine della Seconda guerra mondiale. In entrambi i casi l energia nucleare proviene direttamente dalla massa delle particelle coinvolte nelle reazioni: la massa dei prodotti finali è minore della massa del materiale fissile che dà origine alla reazione. Il difetto di massa, ovvero la differenza tra la massa dei prodotti e la massa del materiale iniziale, si trasforma in energia secondo la relazione E = mc 2

44 L invariante energia-quantità di moto Per un corpo di massa a riposo m 0 si definisce una nuova quantità invariante m 02 c 4 = E 2 - q 2 c 2 Invariante energia-quantità di moto Poiché un onda elettromagnetica trasporta energia, possiamo associare a un onda di energia E che viaggia alla velocità c anche una quantità di moto q data dalla relazione quantità di moto della radiazione É quindi possibile dare un significato all energia e alla quantità di moto del fotone, una particella con massa a riposo nulla Si apre la strada all interpretazione corpuscolare della radiazione elettromagnetica

La Teoria della Relatività Ristretta. Prof. Michele Barcellona

La Teoria della Relatività Ristretta. Prof. Michele Barcellona La Teoria della Relatività Ristretta Prof. Michele Barcellona I Postulati della Teoria della Relatività ristretta Per risolvere le contraddizioni tra Meccanica ed Elettromagnetismo Einstein propose una

Dettagli

TEORIA DELLA RELATIVITA RISTRETTA

TEORIA DELLA RELATIVITA RISTRETTA TEORIA DELLA RELATIVITA RISTRETTA EVOLUZIONE DELLE TEORIE FISICHE Meccanica Classica Principio di Relatività Galileiano Meccanica Newtoniana Gravitazione (Newton) Costante Universale G = 6,67*10^-11Nm^2/Kg^2

Dettagli

Relativita speciale. A. Palano. Testo di riferimento: P.J. Nolan, Complementi di Fisica, fisica moderna, Zanichelli

Relativita speciale. A. Palano. Testo di riferimento: P.J. Nolan, Complementi di Fisica, fisica moderna, Zanichelli Relativita speciale A. Palano Testo di riferimento: P.J. Nolan, Complementi di Fisica, fisica moderna, Zanichelli Sistemi di riferimento in moto relativo. Moti relativi S: Assoluto, S : relativo, Moto

Dettagli

Risolviamo un esercizio per illustrare il fenomeno in modo dettagliato anche se,in alcuni punti, semplificato.

Risolviamo un esercizio per illustrare il fenomeno in modo dettagliato anche se,in alcuni punti, semplificato. PARADOSSO DEI GEMELLI Il cosiddetto paradosso dei gemelli è forse una delle conseguenze più popolari della teoria della relatività di Einstein. In realtà non si tratta di un vero e proprio paradosso, bensì

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA MATHESIS _ ROMA CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA Dalla Relatività Galileiana alla Relatività Ristretta Adriana Lanza I.T:T. COLOMBO via Panisperna, 255 2 marzo 2016 La matematica della relatività ristretta

Dettagli

Le trasformazioni di Lorentz

Le trasformazioni di Lorentz Le trasformazioni di Lorentz NASA, STS-41B 1 TRASFORMAZIONI DI GALILEO Il principio di relatività è stato enunciato per la prima volta da Galileo Galilei nel libro Dialogo sopra i due massimi sistemi del

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA RELATIVITÀ SPECIALE: Dalla seconda legge di Newton a E = mc 2. 8 marzo 2017

INTRODUZIONE ALLA RELATIVITÀ SPECIALE: Dalla seconda legge di Newton a E = mc 2. 8 marzo 2017 INTRODUZIONE ALLA RELATIVITÀ SPECIALE: Dalla seconda legge di Newton a E = mc 2 8 marzo 2017 Piano della presentazione Trasformazioni di Lorentz Red Shift Relatività e leggi di Newton Galileo Seconda Legge

Dettagli

PROBLEMA. L EFFETTO GEMELLI Adattamento da P.A. Tipler Invito alla Fisica 3 E.F.Taylor-J.A.Wheeler Fisica dello Spazio-Tempo Zanichelli

PROBLEMA. L EFFETTO GEMELLI Adattamento da P.A. Tipler Invito alla Fisica 3 E.F.Taylor-J.A.Wheeler Fisica dello Spazio-Tempo Zanichelli PROBLEMA. L EFFETTO GEMELLI Adattamento da P.A. Tipler Invito alla Fisica 3 E.F.Taylor-J.A.Wheeler Fisica dello Spazio-Tempo Zanichelli Obiettivi Presentare una soluzione semplificata del Paradosso dei

Dettagli

all interno del vagone

all interno del vagone all interno del vagone all interno del vagone Qual è la velocità del pallone? Dipende!!!!! Dal sistema di riferimento scelto all interno del vagone Qual è la velocità del pallone? Dipende!!!!! Dal sistema

Dettagli

La relatività generale. Lezioni d'autore

La relatività generale. Lezioni d'autore La relatività generale Lezioni d'autore Il GPS (RaiScienze) VIDEO Einstein e la teoria della relativita (History Channel) VIDEO Einstein: dimostrazione della teoria generale della gravità (History Channel))

Dettagli

TEORIA DELLA RELATIVITA

TEORIA DELLA RELATIVITA Cenni sulle teorie cosmologiche TEORIA DELLA RELATIVITA Nasce dalla constatazione che il movimento è relativo, e dipende dal sistema di riferimento. La teoria è formulata da Einstein che coniuga la precedente

Dettagli

Incontri di introduzione alla Relatività Generale

Incontri di introduzione alla Relatività Generale Incontri di introduzione alla Relatività Generale Prima parte La Torre del Sole - 11 Novembre 2015 Dr. Andrea Castelli, Ph.D. Università degli Studi di Bologna Struttura del corso PARTE PRIMA - 11 Novembre

Dettagli

Risolviamo un esercizio per illustrare il fenomeno in modo dettagliato anche se,in alcuni punti, semplificato.

Risolviamo un esercizio per illustrare il fenomeno in modo dettagliato anche se,in alcuni punti, semplificato. PARADOSSO DEI GEMELLI Il cosiddetto paradosso dei gemelli è forse una delle conseguenze più popolari della teoria della relatività di Einstein. In realtà non si tratta di un vero e proprio paradosso, bensì

Dettagli

Capire la Fisica Livello intermedio.

Capire la Fisica Livello intermedio. Capire la Fisica Livello intermedio. Quest opera è stata rilasciata con licenza Creative Commons ttribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia. Per leggere una copia della licenza

Dettagli

Lo spazio-tempo di Minkowski. prof.ssa Angela Donatiello

Lo spazio-tempo di Minkowski. prof.ssa Angela Donatiello Lo spazio-tempo di Minkowski Per meglio comprendere gli effetti relativistici dovuti all assunzione dei due postulati di Einstein, introduciamo un utile strumento geometrico noto con il nome di diagramma

Dettagli

Quadro di Riferimento della II prova di Fisica dell esame di Stato per i Licei Scientifici

Quadro di Riferimento della II prova di Fisica dell esame di Stato per i Licei Scientifici Quadro di Riferimento della II prova di Fisica dell esame di Stato per i Licei Scientifici Il presente documento individua le conoscenze, abilità e competenze che lo studente dovrà aver acquisito al termine

Dettagli

I principi della dinamica come si insegnano e (soprattutto) cosa ci insegnano. mercoledì 4 febbraio 2015

I principi della dinamica come si insegnano e (soprattutto) cosa ci insegnano. mercoledì 4 febbraio 2015 I principi della dinamica come si insegnano e (soprattutto) cosa ci insegnano 1 Perché sono così importanti i tre principi della dinamica? 2 e prima di tutto, cosa dicono i principi della dinamica? 3 Il

Dettagli

1 L'esperimento di Michelson-Morley

1 L'esperimento di Michelson-Morley 1 L'esperimento di Michelson-Morley La presentazione dell'esperimento di Michelson-Morley persegue il duplice scopo di: mostrare la metodologia seguita in sica nel suo processo di verica e estensione della

Dettagli

(adattamento da Bergamaschini-Marazzini-Mazzoni- Fisica 3 Carlo Signorelli Editore)

(adattamento da Bergamaschini-Marazzini-Mazzoni- Fisica 3 Carlo Signorelli Editore) Interpretazione relativistica del Campo Magnetico (adattamento da Bergamaschini-Marazzini-Mazzoni- Fisica 3 Carlo Signorelli Editore) Obiettivi Osservare, mediante un esempio, che è possibile che in un

Dettagli

IL PARADOSSO DEI GEMELLI

IL PARADOSSO DEI GEMELLI IL PARADOSSO DEI GEMELLI Nel 1905 Albert Einstein pubblica la sua teorie della Relatività ristretta I postulato: Le leggi di natura e i risultati di tutti gli esperimenti eseguiti in un dato sistema di

Dettagli

Relatività. June 5, Trasformazioni di Galileo e di Lorentz

Relatività. June 5, Trasformazioni di Galileo e di Lorentz Relatività June 5, 2016 1 Trasformazioni di Lorentz 1.1 Trasformazioni di Galileo e di Lorentz a Si scriva la matrice Λ (y) che descrive un boost di Lorentz lungo l asse y. b Si scrivano le matrici G (x)

Dettagli

MA DIO GIOCA A DADI CON IL MONDO?

MA DIO GIOCA A DADI CON IL MONDO? MA DIO GIOCA A DADI CON IL MONDO? Le basi delle teorie della RELATIVITA e della MECCANICA QUANTISTICA A cura di Giorgio PALAZZI e Alberto RENIERI EINSTEIN E LA RELATIVITA SIAMO ALL INIZIO DEL XX SECOLO

Dettagli

FORMARSI AGGIORNARSI CONDIVIDERE. I webinar per gli insegnanti di matematica e scienze

FORMARSI AGGIORNARSI CONDIVIDERE. I webinar per gli insegnanti di matematica e scienze FORMARSI AGGIORNARSI CONDIVIDERE I webinar per gli insegnanti di matematica e scienze Insegnare la relatività Parte I 17 febbraio 016 Vincenzo Barone (Università del Piemonte Orientale e INFN) Preparare

Dettagli

La descrizione del moto

La descrizione del moto Professoressa Corona Paola Classe 1 B anno scolastico 2016-2017 La descrizione del moto Il moto di un punto materiale La traiettoria Sistemi di riferimento Distanza percorsa Lo spostamento La legge oraria

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA MATHESIS _ ROMA CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA RELATIVITA SPECIALE LEZIONE N. 1 RELATORE : SERGIO SAVARINO I.T:T. COLOMBO via Panisperna, 255 2 marzo 2016 Relatività Speciale 1 Einstein lavorava all

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA MATHSIS _ ROMA CORSO di AGGIORNAMNTO di FISICA LTTRROMAGNTISMO RLATIVITA Adriana Lanza I.T:T. COLOMBO via Panisperna, 255 16 marzo 2016 Conseguenze del passaggio dalle trasformazioni di Galileo alle trasformazioni

Dettagli

Liceo Classico V.Gioberti

Liceo Classico V.Gioberti Liceo Classico V.Gioberti Prof.sse: P.Porta e T.Morgante Teoria della Relativita Ristretta Nel 1905 Einstein formula i postulati della Relativita Ristretta (riferita a sistemi non accelerati): 1. Le leggi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 INDIRIZZO SCOLASTICO: LICEO SCIENTIFICO

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE A.S. 2015/2016 INDIRIZZO SCOLASTICO: LICEO SCIENTIFICO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Enrico Mattei ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE LICEO SCIENTIFICO LICEO dellescienze UMANE Via delle Rimembranze, 26 40068 San Lazzaro di Savena BO Tel. 051 464510 464545 fax

Dettagli

Meccanica parte seconda: Perche' i corpi. si muovono? la Dinamica: studio delle Forze

Meccanica parte seconda: Perche' i corpi. si muovono? la Dinamica: studio delle Forze Meccanica parte seconda: Perche' i corpi si muovono? la Dinamica: studio delle Forze Il concetto di forza Le forze sono le cause del moto o meglio della sua variazione Se la velocita' e' costante o nulla

Dettagli

Pag. 1. Il tempo e lo spazio nella teoria della relatività

Pag. 1. Il tempo e lo spazio nella teoria della relatività Pag. 1 Il tempo e lo spazio nella teoria della relatività La fisica negli ultimi anni del 1800 si trovava a dover risolvere un dilemma inconciliabile con la teoria della meccanica classica. La relatività

Dettagli

La trasformazione di Galileo e il suo insuccesso

La trasformazione di Galileo e il suo insuccesso Durante la seconda metà del diciannovesimo secolo ci si rese conto che la teoria fisica era in seria difficoltà. La dinamica newtoniana era ben stabilita: si riconobbe che questa teoria è valida in ogni

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA

CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA MATHESIS _ ROMA CORSO di AGGIORNAMENTO di FISICA IL PARADOSSO Dei GEMELLI Adriana Lanza I.T:T. COLOMBO via Panisperna, 255 9 marzo 2016 IL PARADOSSO DEI GEMELLI Il cosiddetto paradosso dei gemelli è forse

Dettagli

grande e piccolo sono concetti relativi

grande e piccolo sono concetti relativi RELATIVITA grande e piccolo sono concetti relativi Prima di procedere, tentiamo un esperimento mentale Immaginate che in una notte, mentre siete immersi nel sonno, tutto nell universo diventi mille volte

Dettagli

Teoria Atomica Moderna. Chimica generale ed Inorganica: Chimica Generale. sorgenti di emissione di luce. E = hν. νλ = c. E = mc 2

Teoria Atomica Moderna. Chimica generale ed Inorganica: Chimica Generale. sorgenti di emissione di luce. E = hν. νλ = c. E = mc 2 sorgenti di emissione di luce E = hν νλ = c E = mc 2 FIGURA 9-9 Spettro atomico, o a righe, dell elio Spettri Atomici: emissione, assorbimento FIGURA 9-10 La serie di Balmer per gli atomi di idrogeno

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI FOGGIA PROGRAMMA DI Fisica Classe VB Anno Scolastico 2014-2015 Insegnante: Prof.ssa La Salandra Incoronata 1 FORZA E CAMPI ELETTRICI (Richiami) Teoria sui vettori I

Dettagli

Trasformazioni di Lorentz

Trasformazioni di Lorentz Trasformazioni di Lorentz Regole di trasformazione fra un sistema inerziale S (descritto da x, y, z, t) ed uno S (descritto da x, y, z, t ) che viaggia a velocità V lungo x rispetto a S: x = γ(x V t) y

Dettagli

4.Semplificare e modellizzare con strumenti matematici e disciplinari situazioni reali al fine della risoluzione di semplici problemi

4.Semplificare e modellizzare con strumenti matematici e disciplinari situazioni reali al fine della risoluzione di semplici problemi MODULO : CONTINUITA 12 ore COMPETENZE: 1.Osservare, identificare ed esplorare fenomeni; 2.Formulare ipotesi esplicative utilizzando modelli, analogie e leggi 3.Costruire il linguaggio della fisica classica

Dettagli

4. I principi della meccanica

4. I principi della meccanica 1 Leggi del moto 4. I principi della meccanica Come si è visto la cinematica studia il moto dal punto di vista descrittivo, ma non si sofferma sulle cause di esso. Ciò è compito della dinamica. Alla base

Dettagli

Da un flash lontano partono lampi di luce che viaggiano nella stessa direzione e verso del missile.

Da un flash lontano partono lampi di luce che viaggiano nella stessa direzione e verso del missile. 1. Lampi di luce Confrontare le leggi della Relatività Classica e della Relatività Ristretta Riconoscere l influenza del postulato dell invarianza della velocità della luce sulla misura degli intervalli

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche

Fisica II - CdL Chimica. La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Ottica geometrica Velocità della luce Dispersione Fibre ottiche La natura della luce Teoria corpuscolare (Newton) Teoria ondulatoria: proposta già al tempo di Newton, ma scartata perchè

Dettagli

parametri della cinematica

parametri della cinematica Cinematica del punto Consideriamo il moto di una particella: per particella si intende sia un corpo puntiforme (ad es. un elettrone), sia un qualunque corpo esteso che si muove come una particella, ovvero

Dettagli

isolanti e conduttori

isolanti e conduttori 1. ELETTROMAGNETISMO 1.1. Carica elettrica 1.1.1. Storia: Franklin Thomson Rutherford Millikan 1.1.2. L atomo: struttura elettroni di valenza (legame metallico) isolanti e conduttori ATOMO legge di conservazione

Dettagli

PROFILO IN USCITA PER IL PRIM0 ANNO FISICA Sezioni internazionale ad opzione Inglese (L,M,N,O,P,Q)

PROFILO IN USCITA PER IL PRIM0 ANNO FISICA Sezioni internazionale ad opzione Inglese (L,M,N,O,P,Q) PROFILO IN USCITA PER IL PRIM0 ANNO Premessa Come stabilito dal Collegio dei docenti e conformemente con gli obiettivi della attuale sperimentazione, la programmazione seguirà, principalmente, la scansione

Dettagli

Capitolo 8 La struttura dell atomo

Capitolo 8 La struttura dell atomo Capitolo 8 La struttura dell atomo 1. La doppia natura della luce 2. La «luce» degli atomi 3. L atomo di Bohr 4. La doppia natura dell elettrone 5. L elettrone e la meccanica quantistica 6. L equazione

Dettagli

P = r. o + r. O + ω r (1)

P = r. o + r. O + ω r (1) 1 5.1-MOTI RELATIVI Parte I 5.1-Moti relativi-cap5 1 5.1-Moti relativi Teorema delle velocità relative Riprendiamo l impostazione tracciata nel paragrafo 2.6 (moti relativi 2-D) e consideriamo un sistema

Dettagli

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile Chimica concetti e modelli.blu 2 Capitolo 11 La struttura dell atomo 3 Sommario (I) 1. La doppia natura della luce 2. La «luce» degli atomi 3. L atomo di Bohr 4. La doppia

Dettagli

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 2 - La Teoria della Relatività speciale Lezione 2.

Carlo Cosmelli. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica. Settimana 2 - La Teoria della Relatività speciale Lezione 2. La visione del mondo della Relatività e della Meccanica Quantistica Settimana 2 - La Teoria della Relatività speciale Lezione 2.1 Carlo Cosmelli 1 Riassunto della lezione #1 Alla fine dell 800 abbiamo

Dettagli

La teoria della relatività. Liceo scientifico Don Bosco Brescia Gennaio 2016

La teoria della relatività. Liceo scientifico Don Bosco Brescia Gennaio 2016 La teoria della relatività Liceo scientifico Don Bosco Brescia Gennaio 2016 Indice 1. Introduzione 2. Relatività ristretta: postulati 3. Relatività generale: principio di equivalenza 4. Relatività generale:

Dettagli

I postulati di Einstein

I postulati di Einstein I postulati di Einstein La velocità della luce è la stessa per tutti gli osservatori Le leggi della natura hanno la stessa forma per tutti gli osservatori inerziali. Einstein quindi estende il principio

Dettagli

ALBERT EINSTEIN LA TEORIA della RELATIVITA U.T.E

ALBERT EINSTEIN LA TEORIA della RELATIVITA U.T.E INGRESSO NELLA RELATIVITA 1) La nuova Fisica dei fenomeni elettrici e magnetici. - Scoperta e misura della carica elettrica positiva e negativa Le leggi della elettricità e magnetismo - Cariche opposte

Dettagli

FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA

FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea in Tecniche Sanitarie di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia FISICA delle APPARECCHIATURE per RADIOTERAPIA Marta Ruspa 20.01.13 M. Ruspa 1 ONDE ELETTROMAGNETICHE

Dettagli

Theory Italiano (Italy)

Theory Italiano (Italy) Q3-1 Large Hadron Collider (10 punti) Prima di iniziare questo problema, leggi le istruzioni generali nella busta a parte. In questo problema è discussa la fisica dell acceleratore di particelle del CERN

Dettagli

LA FISICA DEL TEMPO. Sergio Luigi Cacciatori. Musei Civici di Como: Il Tempo nelle Scienze e nella Storia Como, 02 Febbraio 2011

LA FISICA DEL TEMPO. Sergio Luigi Cacciatori. Musei Civici di Como: Il Tempo nelle Scienze e nella Storia Como, 02 Febbraio 2011 LA FISICA DEL TEMPO Sergio Luigi Cacciatori DIPARTIMENTO DI FISICA E MATEMATICA, UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DI COMO Musei Civici di Como: Il Tempo nelle Scienze e nella Storia Como, 02 Febbraio 2011 IL TEMPO

Dettagli

Il cannone elettronico. Velocità = distanza / tempo

Il cannone elettronico. Velocità = distanza / tempo Il cannone elettronico Velocità = distanza / tempo v = 2E m Vale solo per piccole v Velocità limite = c!! c 3 10 8 m/s Ma allora è tutta fatica sprecata? No, quello che conta è la Quantità di moto P =

Dettagli

Università del Sannio

Università del Sannio Università del Sannio Corso di Fisica 1 Lezione 6 Dinamica del punto materiale II Prof.ssa Stefania Petracca 1 Lavoro, energia cinetica, energie potenziali Le equazioni della dinamica permettono di determinare

Dettagli

Equilibrio dei corpi. Leggi di Newton e momento della forza, τ

Equilibrio dei corpi. Leggi di Newton e momento della forza, τ Equilibrio dei corpi Leggi di Newton e momento della forza, τ Corpi in equilibrio 1. Supponiamo di avere due forze di modulo uguale che agiscono lungo la stessa direzione, ma che siano rivolte in versi

Dettagli

L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO

L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO L ENERGIA E LA QUANTITÀ DI MOTO Il lavoro In tutte le macchine vi sono forze che producono spostamenti. Il lavoro di una forza misura l effetto utile della combinazione di una forza con uno spostamento.

Dettagli

PROFILO IN USCITA PER IL TERZO ANNO FISICA Sezioni internazionale Francese-Tedesca ad indirizzo scientifico

PROFILO IN USCITA PER IL TERZO ANNO FISICA Sezioni internazionale Francese-Tedesca ad indirizzo scientifico PROFILO IN USCITA PER IL TERZO ANNO I vettori: componenti cartesiane, algebra dei vettori Il moto nel piano Moto circolare uniforme ed uniformemente accelerato Moto parabolico Il vettore forza Equilibrio

Dettagli

58. La forza centrifuga non si manifesta nel vuoto assoluto, ma solamente nello spazio ponderale fluido; ergo, essa dimostra l esistenza di questo.

58. La forza centrifuga non si manifesta nel vuoto assoluto, ma solamente nello spazio ponderale fluido; ergo, essa dimostra l esistenza di questo. LO SPAZIO LE VARIE CONCEZIONI DELLO SPAZIO ATTRAVERSO I SECOLI TRIDIMENSIONALITA E DISCONTINUITA DELLO SPAZIO IL MISTERO DELLA SUA COSTITUZIONE SVELATO LE PROVE SPERIMENTALI DELLA SUA PONDERABILITA, FLUIDITA

Dettagli

Introduzione alla Meccanica: Cinematica

Introduzione alla Meccanica: Cinematica Introduzione alla Meccanica: Cinematica La Cinematica si occupa della descrizione geometrica del moto, senza riferimento alle sue cause. E invece compito della Dinamica mettere in relazione il moto con

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

Unità didattica 1. Prima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia

Unità didattica 1. Prima unità didattica (Fisica) 1. Corso integrato di Matematica e Fisica per il Corso di Farmacia Unità didattica 1 Unità di misura Cinematica Posizione e sistema di riferimento....... 3 La velocità e il moto rettilineo uniforme..... 4 La velocità istantanea... 5 L accelerazione 6 Grafici temporali.

Dettagli

Energia-quantita' di moto

Energia-quantita' di moto Energia-quantita' di moto quadri-vettore quantita' di moto E/c p=mu=m γ(c, v x, v y, v z ) cp = E = m c2 = Energia cinetica + Energia a riposo px Invariante: (P0)2 - P 2 = (m c)2 E R =m c 2 xxx Energia

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2015-2016 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5ESC Indirizzo:

Dettagli

Principio di inerzia

Principio di inerzia Dinamica abbiamo visto come si descrive il moto dei corpi (cinematica) ma oltre a capire come si muovono i corpi è anche necessario capire perchè essi si muovono Partiamo da una domanda fondamentale: qual

Dettagli

SR P. G. Bracco - Appunti di Fisica Generale

SR P. G. Bracco - Appunti di Fisica Generale Moti relativi Nel trattare i moti bisogna definire il sistema di riferimento (SR) rispetto a cui si descrive il moto. A volte è più semplice usare un SR particolare (in moto rispetto ad un altro) ed è

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI - Verona Anno Scolastico

LICEO SCIENTIFICO G. GALILEI - Verona Anno Scolastico PROGRAMMA PREVISTO Testo di riferimento: "L indagine del mondo fisico Vol. B (Bergamaschini, Marazzini, Mazzoni) Le unità didattiche a fondo chiaro sono irrinunciabili. Le unità didattiche a fondo scuro

Dettagli

Generalità delle onde elettromagnetiche

Generalità delle onde elettromagnetiche Generalità delle onde elettromagnetiche Ampiezza massima: E max (B max ) Lunghezza d onda: (m) E max (B max ) Periodo: (s) Frequenza: = 1 (s-1 ) Numero d onda: = 1 (m-1 ) = v Velocità della luce nel vuoto

Dettagli

Le onde. Definizione e classificazione

Le onde. Definizione e classificazione Le onde Definizione e classificazione Onda: perturbazione che si propaga nello spazio, trasportando energia e quantità di moto, ma senza trasporto di materia Onde trasversali La vibrazione avviene perpendicolarmente

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a I a prova in itinere, 10 maggio 2013

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a I a prova in itinere, 10 maggio 2013 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Industriale Fondamenti di Fisica Sperimentale, a.a. 2012-13 I a prova in itinere, 10 maggio 2013 Giustificare le risposte e scrivere in modo chiaro e leggibile.

Dettagli

approfondimento La dinamica e le interazioni fondamentali Il principio di inerzia secondo Galileo Sistemi inerziali

approfondimento La dinamica e le interazioni fondamentali Il principio di inerzia secondo Galileo Sistemi inerziali approfondimento La dinamica e le interazioni fondamentali Il principio di inerzia secondo Galileo Sistemi inerziali Forza gravitazionale e forza peso massa e peso, peso apparente Forze normali Moto circolare

Dettagli

Dinamica relativistica Cenni di relatività generale Corso Mathesis Roma 2016 Prof. Sergio Savarino

Dinamica relativistica Cenni di relatività generale Corso Mathesis Roma 2016 Prof. Sergio Savarino Dinamica relativistica Cenni di relatività generale Corso Mathesis Roma 2016 Prof. Sergio Savarino Dinamica relativistica Quantità di moto relativistica: Massa relativistica: (1+z) 3 =1+3z+3z 2 +z 3 se

Dettagli

Elettromagnetismo Formulazione differenziale

Elettromagnetismo Formulazione differenziale Elettromagnetismo Formulazione differenziale 1. Legge di Faraday 2. Estensione della legge di Ampere 3. Equazioni di Maxwell 4. Onde elettromagnetiche VI - 0 Legge di Faraday Campo elettrico Campo di induzione

Dettagli

L ATOMO SECONDO LA MECCANICA ONDULATORIA IL DUALISMO ONDA-PARTICELLA. (Plank Einstein)

L ATOMO SECONDO LA MECCANICA ONDULATORIA IL DUALISMO ONDA-PARTICELLA. (Plank Einstein) L ATOMO SECONDO LA MECCANICA ONDULATORIA IL DUALISMO ONDA-PARTICELLA POSTULATO DI DE BROGLIÈ Se alla luce, che è un fenomeno ondulatorio, sono associate anche le caratteristiche corpuscolari della materia

Dettagli

1. Il moto della sbarretta (OLIMPIADI della FISICA 1991)

1. Il moto della sbarretta (OLIMPIADI della FISICA 1991) 1. Il moto della sbarretta (OLIMPIADI della FISICA 1991) Obiettivi Determinare la f.e.m. indotta agli estremi di un conduttore rettilineo in moto in un campo magnetico Applicare il secondo principio della

Dettagli

Lezione 3. Principi generali della Meccanica Cinematica, Statica e Dinamica

Lezione 3. Principi generali della Meccanica Cinematica, Statica e Dinamica Lezione 3 Principi generali della Meccanica Cinematica, Statica e Dinamica Premessa L Universo in cui viviamo costituisce un sistema dinamico, cioè un sistema in evoluzione nel tempo secondo opportune

Dettagli

QUATTRO PASSI NELLO SPAZIOTEMPO

QUATTRO PASSI NELLO SPAZIOTEMPO QUATTRO PASSI NELLO SPAZIOTEMPO! LA VISIONE DEL MONDO NELLA RELATIVITA DI EINSTEIN Giuseppe Tormen Dip. di Fisica e Astronomia G.Galilei Università di Padova!1 Lewis Carroll Epstein UN PO DI STORIA...

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA

ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA ESERCITAZIONI FISICA PER FARMACIA A.A. 2012/2013 ELETTROMAGNETISMO - OTTICA Esercizio 1 Due cariche q 1 e q 2 sono sull asse x, una nell origine e l altra nel punto x = 1 m. Si trovi il campo elettrico

Dettagli

Liceo Classico Statale Vittorio Emanuele II Matematica in analisi

Liceo Classico Statale Vittorio Emanuele II Matematica in analisi Liceo Classico Statale Vittorio Emanuele II Matematica in analisi Le funzioni Definizione di funzione Dati due insiemi A e B, si definisce funzione una relazione che associa ad ogni elemento di A uno e

Dettagli

Esploriamo la chimica

Esploriamo la chimica 1 Valitutti, Tifi, Gentile Esploriamo la chimica Seconda edizione di Chimica: molecole in movimento Capitolo 8 La struttura dell atomo 1. La doppia natura della luce 2. L atomo di Bohr 3. Il modello atomico

Dettagli

Atomo. Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale)

Atomo. Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale) Atomo Evoluzione del modello: Modello di Rutherford Modello di Bohr Modello quantomeccanico (attuale) 1 Modello di Rutherford: limiti Secondo il modello planetario di Rutherford gli elettroni orbitano

Dettagli

Meccanica quantistica Mathesis 2016 Prof. S. Savarino

Meccanica quantistica Mathesis 2016 Prof. S. Savarino Meccanica quantistica Mathesis 2016 Prof. S. Savarino Quanti Corpo nero: è un oggetto che assorbe tutta la radiazione senza rifletterla. Come una corda legata agli estremi può produrre onde stazionarie

Dettagli

FISICA. Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione;

FISICA. Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione; FISICA Serie 6: Cinematica del punto materiale V I liceo Esercizio 1 Alcuni esempi Fai un esempio di...: a)...un corpo in moto per il quale siano negative sia la velocità sia l accelerazione; b)...un corpo

Dettagli

L Induzione Elettromagnetica. Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica A.Volta Università di Pavia

L Induzione Elettromagnetica. Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica A.Volta Università di Pavia L Induzione Elettromagnetica Fabio Bevilacqua Dipartimento di Fisica A.Volta Università di Pavia Il fenomeno Uno straordinario fenomeno avviene quando un filo conduttore è mosso in vicinanza di un magnete:

Dettagli

Derivata materiale (Lagrangiana) e locale (Euleriana)

Derivata materiale (Lagrangiana) e locale (Euleriana) ispense di Meccanica dei Fluidi 0 0 det 0 = [ (0 ) + ( ( ) ) + (0 0 ) ] = 0. Pertanto, v e µ sono indipendenti tra loro e costituiscono una nuova base. Con essi è possibile descrivere altre grandezze,

Dettagli

Quesiti dell Indirizzo Tecnologico

Quesiti dell Indirizzo Tecnologico Quesiti dell Indirizzo Tecnologico 1) Sapendo che la massa di Marte é 1/10 della massa della Terra e che il suo raggio é ½ di quello della Terra l accelerazione di gravità su Marte è: a) 1/10 di quella

Dettagli

Esercizi in preparazione all esonero

Esercizi in preparazione all esonero Esercizi in preparazione all esonero Andrea Susa Esercizio Un sasso viene lanciato verso l'alto a partire dall'altezza h = 50 rispetto al suolo con una velocità iniziale di modulo = 8,5/. Supponendo il

Dettagli

Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE

Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE Leggi della Dinamica Premessa: Si continua a studiare il moto degli oggetti in approssimazione di PUNTO MATERIALE Fisica con Elementi di Matematica 1 Leggi della Dinamica Perché i corpi cambiano il loro

Dettagli

Lezione 3 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton

Lezione 3 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton Corsi di Laurea in Scienze motorie - Classe L-22 (D.M. 270/04) Dr. Andrea Malizia 1 Cinematica Velocità Moto uniforme Accelerazione Moto uniformemente accelerato Concetto di Forza Leggi di Newton Sistemi

Dettagli

RELATIVITA` RISTRETTA

RELATIVITA` RISTRETTA RELATIVITA` RISTRETTA La massima velocità raggiungibile E=m c 2 Il principio di relatività e i problemi della meccanica classica) La relatività ristretta di Einstein Energia e quantità di moto relativistiche

Dettagli

4. Lo spettro discreto: emissione e assorbimento di luce da parte di atomi stato fondamentale stati eccitati

4. Lo spettro discreto: emissione e assorbimento di luce da parte di atomi stato fondamentale stati eccitati 4. Lo spettro discreto: emissione e assorbimento di luce da parte di atomi Accanto allo spettro continuo che i corpi emettono in ragione del loro stato termico, si osservano spettri discreti che sono caratteristici

Dettagli

IL LAVORO E L ENERGIA. che si possono trasformare tra loro lasciando invariata la quantità totale di energia.

IL LAVORO E L ENERGIA. che si possono trasformare tra loro lasciando invariata la quantità totale di energia. IL LAVORO E L ENERGIA ENERGIA: Grandezza scalare associata allo stato di un corpo Esistono varie forme: Energia cinetica Energia potenziale Energia elettrica Energia chimica Energia termica Energia elastica..

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' o r o l o g i o a l u c e e i l t e m p o p r o p r i o L'orologio a luce serve a connettere l'invarianza della velocità della luce col carattere non più assoluto

Dettagli

Teoria Atomica di Dalton

Teoria Atomica di Dalton Teoria Atomica di Dalton Il concetto moderno della materia si origina nel 1806 con la teoria atomica di John Dalton: Ogni elementoè composto di atomi. Gli atomi di un dato elemento sono uguali. Gli atomi

Dettagli

1. Crisi della fisica classica e fondamenti sperimentali della teoria della R.R. a) Trasformazioni di Galileo e relatività newtoniana

1. Crisi della fisica classica e fondamenti sperimentali della teoria della R.R. a) Trasformazioni di Galileo e relatività newtoniana APPUNTI SULLA RELATIVITA RISTRETTA (1/2) Un sistema di riferimento si dice inerziale (non accelerato) quando in esso è valida la legge di inerzia (prima legge di Newton). La teoria della relatività ristretta

Dettagli

Il campo magnetico. n I poli magnetici di nome contrario non possono essere separati: non esiste il monopolo magnetico

Il campo magnetico. n I poli magnetici di nome contrario non possono essere separati: non esiste il monopolo magnetico Il campo magnetico n Le prime osservazioni dei fenomeni magnetici risalgono all antichità n Agli antichi greci era nota la proprietà della magnetite di attirare la limatura di ferro n Un ago magnetico

Dettagli

Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio

Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Soluzione: Esercizio Un ragazzo di massa 50 kg si lascia scendere da una pertica alta 12 m e arriva a terra con una velocità di 6 m/s. Supponendo che la velocità iniziale sia nulla: 1. si calcoli di quanto variano l energia

Dettagli

Qualche cenno al Sole

Qualche cenno al Sole Qualche cenno al Sole Corso di Astronomia Daniele Gasparri Lezione 5, 13/01/2012: Il bizzarro comportamento della Natura - Il comportamento dell infinitamente piccolo - Tempo e spazio nell Universo 1 I

Dettagli

1 Nozioni utili sul piano cartesiano

1 Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Il piano cartesiano è un sistema di riferimento costituito da due rette perpendicolari (una orizzontale detta asse delle ascisse x

Dettagli