DALLA CRISI GLOBALE ALLA GIUSTIZIA GLOBALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA CRISI GLOBALE ALLA GIUSTIZIA GLOBALE"

Transcript

1 CONGRESSO ETF 2013 DALLA CRISI GLOBALE ALLA GIUSTIZIA GLOBALE PROGRAMMA DI LAVORO INDICE A. INTRODUZIONE B. LA NOSTRA VISIONE C. CAMPI D AZIONE I. POLITICA DEI TRASPORTI E TRASPORTO SOSTENIBILE descrizione del problema Obiettivi da raggiungere azione II. LAVORO E DIRITTI SINDACALI descrizione del problema Obiettivi da raggiungere azione III. SINDACATO FORTE: organizzare GLOBALMENTE descrizione del problema Obiettivi da raggiungere azione IV.SINDACATO FORTE: formazione e istruzione descrizione del problema Obiettivi da raggiungere azione V. RAPPRESENTANZA TRANSFRONTALIERA E COORDINAMENTO descrizione del problema Obiettivi da raggiungere azione VI. Programmi di lavoro Sezioni VI.1 Sezione Porti VI.2 Sezione Marittimi VI.3 Sezione Pesca VI.4 Sezione Autotrasporto VI.5 Sezione Navigazione interna

2 VI.6 Sezione Aviazione Civile VI.7 Sezione Ferroviaria VI.8 Sezione Trasporto Pubblico Locale

3 A. INTRODUZIONE DALLA CRISI GLOBALE "Le economie di molti paesi sono vulnerabili ai disastri naturali - terremoti, inondazioni, tifoni, uragani, tsunami. Ma la tragedia diventa ancora peggiore quando le catastrofi sono artificiali, proprio come sta accadendo in Europa in questo momento, con i leader che ignorano volontariamente le lezioni date dalle esperienze passate. La sofferenza subita dall Europa, in particolare dai giovani e dalle classi più povere, non è necessaria. Fortunatamente c'è un'alternativa. Ma se non si è in grado di coglierla rapidamente, il costo sarà esorbitante - e l'europa non ha molto tempo ". (Joseph E. Stiglitz, vincitore del premio Nobel in economia nel 2001) 1. Ancora una volta il capitalismo è in una profonda crisi di sistema che ha avuto inizio già nel 1970 e che ha raggiunto la sua fase più grave con il crollo quasi totale dei mercati finanziari nel L'Europa sta affrontando in tal modo la più grave crisi economica, finanziaria e sociale da 80 anni. I governi hanno reagito alla crisi versando denaro nel settore finanziario altamente speculativo. Uno degli effetti è stata una crisi del debito pubblico e la profonda crisi economica, con effetti immediati sul settore dei trasporti in tutto il mondo. In Europa questa crisi è stata superata dalla speculazione contro le economie più deboli della zona euro, che ha portato alle stelle l incremento dei tassi di interesse per il prestito pubblico e ad un prossimo fallimento di alcuni stati. La risposta dei paesi più forti all'interno della zona euro e la cosiddetta troika (Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale) è di imporre tipiche misure politiche neoliberali: le politiche di austerità eccessive, la riduzione del settore pubblico e servizi pubblici per un minimo di occupazione e di salario, tagli nel settore pubblico e privato. Questa politica contribuisce ad una recessione economica in molti paesi europei, sta trascinando l'europa in stagnazione e recessione economica, peggiora gli squilibri e favorisce l'ingiustizia. Il principio di solidarietà tra paesi all'interno dell'unione europea è più lontano che mai. 2. Al fine di ripristinare la redditività, le forze capitaliste hanno lanciato un offensiva neoliberista. Il sindacato e il movimento dei lavoratori non sono stati finora in grado di affrontare questa offensiva con forza sufficiente. Questo ha portato ad un notevole cambiamento nel rapporto di forza tra lavoro e capitale, a vantaggio del capitale. Con l'argomento della risoluzione della crisi, la Commissione, gli istituti finanziari, i governi e le organizzazioni dei datori di lavoro non hanno esitato a lanciare attacchi enormi sui diritti collettivi di lavoro, minando il dialogo sociale come strumento di influenza sindacale e indebolendo notevolmente il modello sociale europeo nel suo complesso. La ricetta della Troika per i paesi aggrediti include ingerenza diretta nelle politiche salariali nazionali e dei processi di contrattazione collettiva. I sindacati sono attaccati perché sono un "intralcio". Questa politica sta danneggiando il ruolo democratico dei sindacati e crea un clima di divide et impera tra i lavoratori. Promuove populismo ed estremismo di destra, razzismo e xenofobia in Europa. Tra i gruppi più vulnerabili ci sono i giovani lavoratori. L'enorme tasso di disoccupazione giovanile in Europa e in particolare nei paesi più colpiti falcia le pari opportunità per una generazione intera e ne distrugge il futuro. L'Unione europea ha vinto il Premio Nobel 2012 per la pace, ma è sulla strada per minare quei valori che garantiscono la pace sociale e la stabilità democratica.

4 3. Le politiche economiche tradizionali neo-liberali e il loro volto asociale stanno dominando tutta Europa, UE e non UE. In molti altri paesi europei, il FMI è l'agente, che impone politiche di liberalizzazione e di privatizzazione, accompagnati da una spruzzata di economia pubblica e di un cambiamento nel ruolo dello Stato, volto a servire sempre più gli interessi del capitale. Condizioni economiche pessime, aggravate dalla crisi economica e finanziaria, facilitano la crescita del settore informale, senza alcun diritto sociale per le persone occupate. 4. La crisi finanziaria ed economica ha avuto un forte impatto, in particolare, anche per le lavoratrici in Europa. Le misure di austerità che stanno tagliando i servizi pubblici e la riduzione dei salari hanno un duplice effetto sulle donne: come i lavoratrici del settore pubblico, che è un settore importante di occupazione femminile in Europa, e come utenti dei servizi pubblici: gli utenti dei trasporti pubblici sono in gran misura le donne. Le donne sono spesso prima colpite dalla disoccupazione in tempi di crisi economica, spesso la pressione sulle condizioni di lavoro è più presente in lavori precari, dove la maggior parte dei lavoratori sono donne, in particolare in deposito. Per di più, con sempre più alti tassi di disoccupazione, datori di lavoro, pubblici e privati, sono ancora più tentati di discriminare le donne, soprattutto le giovani donne. 5. La situazione specifica dei lavoratori anziani giustifica una particolare attenzione da parte dei sindacati: la tendenza di un aumento generalizzato dell'età pensionabile aumenta la pressione a rimanere più a lungo nel mercato del lavoro, con tutte le implicazioni che ciò comporta: da un lato, in caso di disoccupazione sarà più difficile ricevere una nuova proposta di lavoro, dall'altro lato con l aumento dell età il loro posto di lavoro o le offerte di lavoro possono adattarsi sempre più difficilmente alle loro esigenze, con le conseguenze fisiche e psicologiche del caso. 6. Allo stesso tempo, il clima globale e la crisi energetica restano all'ordine del giorno. Il riscaldamento globale minaccia prima di tutto, e più gravemente, i più poveri tra i poveri, ma alla fine esercita effetti catastrofici sulla maggior parte delle persone sul pianeta. Si crea ingiustizia e si impedisce al mondo in via di sviluppo di raggiungere uno sviluppo sostenibile. Il settore dei trasporti contribuisce per circa il 25% alle emissioni europee di gas serra, e dipende per il 90% dai combustibili fossili. Il basso impatto dei costi di trasporto nel prezzo finale delle merci contribuisce alla delocalizzazione della produzione ed aggrava i flussi di trasporto. Questo è possibile in larga misura a causa di un carico non uniforme dei costi esterni, ma anche per l aumento delle pratiche di dumping sociale, fiscale e salariale. 7. All'interno di una politica verso un'economia più verde e la creazione di posti di lavoro ecosostenibili, il settore dei trasporti svolge un ruolo importante. Si richiede, da un lato, l'investimento in infrastrutture e tecnologia di trasporto sostenibile, soprattutto nel trasporto pubblico, e, dall'altro, investimenti in politiche serie di transizione. La crisi del debito sovrano e la politica di austerità risultante bloccano totalmente tali processi. 8. Questo pone ovviamente la questione di come mobilitare finanziamenti per lo sviluppo del trasporto verde, e il trasporto pubblico in particolare. Le banche e la speculazione nei mercati finanziari deregolamentati da parte dei governi e delle politiche liberali, hanno avuto un ruolo decisivo nello scatenare la crisi sistemica che stiamo affrontando. Ciò che è quindi necessario è un controllo molto più rigoroso degli enti creditizi e finanziari da parte dello Stato e della società per mezzo di organi democraticamente controllati. A causa del ruolo che svolgono per l'economia e la società, le grandi banche e le istituzioni finanziarie

5 dovrebbero mettere il loro operato al servizio della gente, non della speculazione e del profitto a tutti i costi. 9. Tale vigilanza democratica è tanto più necessaria, dato che l'esperienza ha dimostrato che i partenariati pubblico-privato (PPP), spesso proposti per il finanziamento di infrastrutture e progetti di trasporto pubblico, non sono la soluzione. Quello che stiamo vedendo è che i PPP sono molto costosi, estremamente vantaggiosi per le imprese a spese dei contribuenti, e inefficienti in termini di costi-benefici. Essendo i PPP una pratica comune in Canada e in Gran Bretagna, i sindacati sono stati in grado di valutare i danni e denunciarli regolarmente. La Docklands Light Railway a Londra è un esempio dell'inefficacia finanziaria di un partenariato pubblico-privato nel settore del trasporto pubblico urbano in Europa. 10. Quello dei trasporti, in particolare il trasporto merci, è un settore che ha risentito della crisi economica, con un effetto immediato sul lavoro. Nel trasporto passeggeri gli effetti negativi si sono manifestati con un certo ritardo attraverso tagli ai servizi di trasporto pubblico a causa di misure di austerità e per effetto della minore domanda di mobilità a seguito della diminuzione dell'attività commerciale, i livelli di povertà più elevati e la disoccupazione crescente. Il diritto alla mobilità, in particolare per i lavoratori e le categorie sociali più vulnerabili, deve essere promosso e rafforzato. E essenziale per rispondere ai crescenti costi delle energie fossili e alla mancanza di una corretta pianificazione urbanistica. L'ETF difende il diritto alla mobilità per tutti, a costi equi e convenienti, organizzato dalle autorità pubbliche. La liberalizzazione totale di tutte le modalità di trasporto continua ad essere una grave minaccia per i posti di lavoro dei trasporti in Europa. La liberalizzazione si traduce spesso in sostituzione di posti di lavoro di buona qualità con occupazione sempre più precaria e incerta, a detrimento delle condizioni di lavoro. Le politiche di liberalizzazione hanno, indipendentemente dalla modalità di trasporto, spesso portato a livelli di sicurezza più bassi, con conseguenti casi di incidenti nel trasporto stradale e ferroviario. Questa è una minaccia inaccettabile per la salute e la sicurezza dei lavoratori dei trasporti e dei cittadini. 11. Nel medio e lungo termine, nonostante la crisi, gli esperti prevedono una continua crescita del trasporto, se l'attuale modello di produzione e consumo globale persiste. Questa crescita dei trasporti non andrà automaticamente di pari passo con la creazione di posti di lavoro adeguati nel settore dei trasporti. Al contrario, in larga misura questa crescita dei trasporti è resa possibile dalla deregolamentazione del mercato del trasporto internazionale e la ristrutturazione delle imprese di trasporto e logistica in catene logistiche globali, che sfruttano gli enormi divari salariali tra paesi e che mettono pressione enorme sulle condizioni di lavoro, attraverso la razionalizzazione e il dumping sociale nella catena del trasporto globale. La conseguenza di questo dumping sociale, basato sulla concorrenza tra i lavoratori e potenziato dalla globalizzazione economica, è una crescente pressione sui salari e sulle prestazioni sociali, in quanto alcuni paesi fanno uso di pratiche di concorrenza sleale al fine di aumentare la competitività. E necessario combattere questo sistema e impostare la parità di condizioni in tutta Europa, garantendo così equità di trattamento e di retribuzione a parità di lavoro. Insistere sulla liberalizzazione senza una vera armonizzazione sociale e fiscale non può che portare ad una concorrenza più sleale. 12. E non sono solo le aziende di trasporto e logistica, ma anche i loro appaltatori e trasportatori (in particolare le aziende di grandi dimensioni), a dettare i prezzi imponendo condizioni di lavoro peggiorative. I lavoratori dei trasporti non accettano più questa situazione. Quando è troppo è troppo. I lavoratori dei trasporti devono reagire.

6 B. LA NOSTRA VISIONE... VERSO LA GIUSTIZIA GLOBALE 13. L'ETF ritiene che i lavoratori dei trasporti come parte del movimento sindacale europeo hanno un ruolo decisivo nella mobilitazione per un Europa sociale e solidale. Al fine di stabilire la giustizia globale, i lavoratori dei trasporti devono essere consapevoli del ruolo centrale che possono svolgere. 14. L'ETF è impegnata a lottare per la giustizia globale: Costruire la solidarietà tra i lavoratori dei trasporti ed i loro sindacati in Europa e nel mondo, pur essendo parte attiva di un movimento sindacale più ampio per la giustizia sociale; Rafforzare la capacità sindacale di sfidare l'offensiva neoliberista e la lotta per posti di lavoro dignitosi per i lavoratori dei trasporti in Europa; Rafforzamento della cooperazione transfrontaliera e intersettoriale dei lavoratori dei trasporti, al fine di combattere il dumping sociale, per garantire buone condizioni di lavoro e salari dignitosi; Difendere i diritti fondamentali delle organizzazioni sindacali e il modello sociale europeo contro gli attacchi neoliberisti; Migliorare i salari, condizioni di lavoro, la formazione professionale e la salute e sicurezza dei lavoratori dei trasporti e, in particolare, dei lavoratori dei trasporti che effettuano servizi transfrontalieri; Introdurre e sostenere le politiche che integrano meglio le donne nel settore dei trasporti ed attrarre giovani lavoratori per l'industria; Promuovere il concetto di "sostenibilità economica, sociale e ambientale" per uno sviluppo inclusivo e giusto, in particolare, di misure politiche a favore del trasporto sostenibile e della pesca; La salvaguardia e la promozione di servizi di trasporto pubblico di qualità, difendere il ruolo del settore pubblico e dei servizi pubblici, come base per una società inclusiva e solidale; fornire un trattamento equo per i lavoratori europei provenienti da paesi extra-ue che forniscono i loro servizi nella UE, tra cui una facilitazione del regime dei visti di ingresso per i lavoratori che effettuano trasporti internazionali. 15. L'ETF ritiene che in un momento di crisi europea, è fondamentale che la competitività dell'industria europea nell'ambito del mercato comune, non si basi sul principio del minimo comune denominatore sociale. L'Unione europea dovrebbe cercare di far rispettare gli standard sociali che consentano la concorrenza ad armi pari. 16. Per raggiungere questo è fondamentale più che mai rafforzare i sindacati, la loro capacità organizzativa, per aumentare la cooperazione transfrontaliera e la solidarietà e la loro capacità di mobilitazione a livello europeo e internazionale.

7 IL CONGRESSO ETF 2013 ADOTTA IL SEGUENTE PROGRAMMA DI LAVORO : C. CAMPI D'AZIONE I LAVORATORI DEI TRASPORTI REAGISCONO I. POLITICA DEI TRASPORTI E TRASPORTO SOSTENIBILE a) Descrizione del problema 17. La crisi finanziaria ed economica ha aggravato lo squilibrio sociale. La crisi climatica ed energetica in Europa e in tutto il mondo sta peggiorando. Sempre più persone stanno diventando vittime di frequenti catastrofi naturali. L'ETF è ben consapevole che il trasporto resta responsabile di un quarto delle emissioni mondiali di CO2 e utilizza il 28% di tutta l'energia finale. L'ETF è anche ben consapevole delle sfide che il settore dei trasporti dovrà affrontare nei suoi sforzi per diventare più sostenibile e ridurre l'attuale impatto che ha sul cambiamento climatico a un livello accettabile per l'ambiente. 18. L'Unione europea svolge un ruolo decisivo nella politica dei trasporti e la legislazione, con una gran parte di disposizioni di legge in materia di trasporto che non vengono più fissate dai singoli Stati membri dell'ue, ma dall'ue. Ha inoltre anche un impatto al di là delle sue frontiere, attraverso le varie forme di accordi bilaterali, la cooperazione regionale e sub-regionale, trattati sub-regionali, progetti e programmi di aiuto finanziario. 19. L'attuale concetto dietro l'ue presuppone un mercato unico dei servizi di trasporto a basso costo - con tutte le conseguenze negative (ad esempio, il dumping ambientale e sociale). Sacrificare la politica dei trasporti sull'altare del libero mercato non è altro che una corsa rovinosa verso il basso, a scapito di servizi completi che collegano regioni intere ed a spese della collettività. 20. Il Libro bianco della Commissione europea sulla politica europea dei trasporti definisce il programma di lavoro della politica dei trasporti della Commissione fino al 2020/2030, con obiettivi a lungo termine per quanto riguarda la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra fino al 2030 e il 2050, che richiedono investimenti in infrastrutture strategiche e decisioni tecnologiche da prendere adesso. Per queste ragioni il Libro bianco sui trasporti è un riferimento importante per il lavoro dell'etf sulla politica dei trasporti e di mobilità sostenibile per il prossimo mandato. 21. L'ETF rifiuta decisamente quei messaggi chiave del Libro bianco, che sono una continuazione del focus sulla liberalizzazione di tutte le modalità di trasporto, sulla garanzia di rendimento presunto delle forze di mercato e sulla mobilitazione di capitali privati per gli investimenti infrastrutturali. L'ETF rifiuta l'approccio neo-liberale del Libro bianco e condanna la mancanza di impegno per il trasporto socialmente sostenibile e contro il dumping sociale. L'ETF rimprovera alla Commissione di non prestare la dovuta attenzione alle condizioni sociali nel trasporto. 22. In Europa il cambiamento demografico influenzerà pesantemente il settore dei trasporti. Essendo a forte predominanza maschile, il settore dei trasporti non attira le

8 donne né i giovani lavoratori. L'industria dei trasporti deve offrire condizioni di lavoro di buona qualità e fare un enorme sforzo per raggiungere una maggiore diversità. Il pensionamento anticipato dovrebbe essere possibile per le professionalità più gravose. 23. L'ETF sostiene gli ambiziosi obiettivi di tutela ambientale per il settore dei trasporti. Il Libro bianco dovrebbe quindi essere ri-orientato nel corso della revisione di medio termine in linea con le proposte della Fondazione presentata nella cornice del progetto TRUST e, in particolare, scindendo la crescita dei trasporti dalla crescita economica. 24. L'ETF accoglie con favore gli sforzi di ricerca e sviluppo per veicoli ecologici, sicuri e silenziosi in tutte le modalità di trasporto (veicoli stradali, navi e chiatte, materiale rotabile ferroviario e degli aeromobili). Iniziative volte a introdurre la mobilità intelligente, la gestione dei trasporti e dei sistemi informativi per garantire uno sviluppo armonico ed ecofriendly e di migliorare la sicurezza del personale sono accolti con favore. L'ETF sostiene anche un'iniziativa per stabilire norme armonizzate per le emissioni di CO2 e di altri veicoli per tutte le modalità di trasporto. 25. Il Libro bianco sui trasporti riconosce la necessità dell'unione europea di un potenziamento delle infrastrutture e della tecnologia per raggiungere i suoi obiettivi di sostenibilità. Ciò comporterà investimenti su vasta scala. Le capacità infrastrutturali attuali devono essere migliorate. Si deve dunque partire dalla realizzazione di lavori di ristrutturazione urgente. 26. E tuttavia evidente che sarà difficile assicurare i mezzi finanziari necessari in un'europa sempre più costretta a tagliare sulla spesa. L'ETF è quindi a favore di norme più severe su quali progetti infrastrutturali hanno la priorità di finanziamento. Analisi costibenefici o valutazioni di impatto ambientale non sono sufficienti a stabilire le priorità. E' ovvio che gli aspetti multimodali devono svolgere un ruolo decisivo in tutti i processi decisionali. Solo i progetti che promuovono il trasporto ecosostenibile e che creano posti di lavoro dovrebbero essere sostenuti finanziariamente dalla UE. 27. Un ulteriore sostegno per lo sviluppo della rete TEN-T deve inoltre essere soggetto a questi criteri. Gli Stati membri dell'ue devono garantire un adeguato cofinanziamento per la priorità TEN-T. b) gli obiettivi da raggiungere 28. L ETF lotta per un sistema di trasporto europeo sostenibile dal punto di vista sociale, economico ed ambientale che fornisca un ambiente di lavoro dignitoso per i lavoratori dei trasporti, garantisca una mobilità sostenibile e inclusiva per le persone, trasporti le merci in modo ragionevole e sostenibile e contribuisca alla coesione sociale ed economica delle regioni in Europa. 29. L'ETF si batterà affinché siano adottate misure all'interno dell'ue e dei paesi limitrofi per garantire standard sociali comuni, al fine di far rispettare la pace sociale e la stabilità democratica. 30. L'ETF si oppone a un'ulteriore liberalizzazione delle modalità di trasporto in Europa e chiede la cessazione degli esperimenti di liberalizzazione in atto in diversi paesi europei. 31. L ETF insiste su una politica che promuove la regolamentazione dei mercati dei

9 trasporti, la cooperazione tra le imprese e le modalità di trasporto secondo un concetto di trasporto integrato e di sistema (co-modalità) piuttosto che una politica basata sulla competizione. Le infrastrutture di trasporto, sistemi ferroviari nazionali e dei trasporti pubblici devono essere tenuti sotto proprietà pubblica; l'etf sosterrà tutte le campagne dei suoi affiliati tese a riportare i sistemi di trasporto pubblico di proprietà pubblica. 32. L'ETF condanna la pubblicazione del quarto pacchetto ferroviario da parte della Commissione Europea che promuove la tendenza di liberalizzazione / privatizzazione della politica ferroviaria europea. Ciò comporta la separazione delle operazioni e delle infrastrutture, obbligando gli Stati membri a presentare un'offerta obbligatoria i loro servizi pubblici di trasporto passeggeri. L'ETF si oppone anche il trasferimento di competenze relative alla sicurezza da parte degli Stati membri per l'agenzia ferroviaria europea. Il pacchetto si basa su una serie di mitizzazioni circa i benefici della privatizzazione ferroviaria e il modello del Regno Unito, mentre la ricerca indipendente ha dimostrato i seguenti fatti in merito alla privatizzazione ferroviaria nel Regno Unito: le tariffe ferroviarie del Regno Unito sono le più alte in Europa, il Regno Unito ha il più basso tratto di copertura ad alta velocità e di elettrificazione, il 99% degli investimenti nelle ferrovie è di sovvenzione e tariffe pubbliche e non vi è alcuna prova di innovazione del settore privato; le ferrovie inglesi ora richiedono tre volte più sussidio pubblico. L'ETF contesta anche un'ulteriore liberalizzazione dei servizi di cabotaggio stradale e dei servizi aeroportuali di assistenza a terra. 33. L'ETF respinge l'introduzione dell'obbligo della gara d'appalto per i servizi di trasporto come autobus, tram, metropolitana, servizi di trasporto ferroviario o traghetto, che favorisce chiaramente la privatizzazione dei servizi pubblici contro la proprietà pubblica e contro i diritti democratici degli Stati membri, le regioni ed i comuni. 34. L'ETF prevede investimenti pubblici in infrastrutture di trasporto locale, regionale, nazionale ed europeo sostenibile e integrato, a seconda del livello più appropriato per i paesi interessati, in conformità con il principio di sussidiarietà, che generi occupazione e contribuisca alla coesione e ad uno sviluppo equilibrato di tutte le regioni europee. 35. L'ETF prevede massicci investimenti nei servizi di trasporto pubblico di qualità, con l'obiettivo di fornire servizi di trasporto pubblico a prezzi accessibili, di alta qualità, sicuri ed efficienti, che coprano tutte le regioni e prevedano condizioni di lavoro eque, con i più alti standard di sicurezza per i lavoratori. 36. L'ETF chiede la fine del dumping sociale; conservazione dei posti di lavoro, la garanzia di condizioni di lavoro dignitose, retribuzioni dignitose e condizioni di pensionamento decenti, in un settore in grado di attrarre più donne e più giovani lavoratori. 37. L'ETF respinge rigorosamente qualsiasi interferenza nei diritti fondamentali dei lavoratori e in particolare nel diritto di sciopero e l'imposizione di livelli di servizi minimi per le diverse modalità di trasporto e professioni. c) azioni dell'etf 38. Molte delle attività dell'etf nel campo della politica dei trasporti e la mobilità sostenibile sono settori correlati e quindi riflessa in programmi di lavoro delle sezioni Il programma di lavoro dell'etf per il periodo si concentrerà sulle azioni orizzontali, che coprono tutte le modalità di trasporto.

10 39. Azioni verso un sistema di trasporto sostenibile in Europa: L'ETF istituirà una rete comune per il trasporto sostenibile coinvolgendo i sindacati, movimenti sociali e organizzazioni non governative di sostegno dei valori sindacali, che svilupperà le campagne congiunte su tale argomento; L'ETF svilupperà una campagna per la "mobilità equa in Europa"; L'ETF svilupperà una campagna di promozione "trasporto pubblico di qualità per una società inclusiva ed un futuro sostenibile"; L'ETF organizzerà una grande manifestazione a Bruxelles contro la privatizzazione dei trasporti alla prima occasione possibile. 40. Nessuna limitazione del diritto di sciopero e la necessità di sviluppare il dialogo sociale: L'ETF combatterà qualsiasi tentativo da parte della Commissione europea o di altre istituzioni europee di interferire con il diritto fondamentale di sciopero attraverso l imposizione servizi minimi in caso di sciopero per le diverse modalità di trasporto; L'ETF chiederà il mantenimento e l'espansione di un dialogo sociale europeo significativo. Il dialogo sociale deve contribuire e promuovere la crescita sostenibile, l'europa sociale ed una politica dei trasporti equa. Secondo l ETF, l'approccio legislativo e l'approccio negoziale si completano a vicenda. Entrambi sono necessari per lo sviluppo e la tutela dei diritti sociali. E' quindi necessario che le politiche europee dei trasporti r includano pienamente una dimensione sociale; Tutte le informazioni utili e le scadenze devono essere accessibili ai comitati di dialogo sociale, in modo che a loro volta possano rispondere alla consultazione. Tutte le istituzioni dell'ue devono elaborare e decidere misure di politica dei trasporti nel dialogo con le parti sociali; Detto questo, dal momento che i datori di lavoro sotto il nuovo, e ad esso favorevole, equilibrio di potere, stanno minando il dialogo sociale europeo, l'etf ed i suoi affiliati devono rafforzare le loro organizzazioni, mobilitare le forze e utilizzare i loro mezzi più forti di lotta per far sentire òa voce dei lavoratori dei trasporti. I datori di lavoro potranno ascoltarci solo se siamo forti, e cedere alle nostre richieste, se lottiamo per soddisfarle. 41. La formazione professionale è un elemento chiave per la promozione sociale: è un mezzo per i lavoratori per sviluppare le loro capacità, migliorare la loro salute e la sicurezza delle condizioni di lavoro e sviluppare il proprio know-how al fine di gestire al meglio la propria carriera professionale nel mercato del lavoro. L'accesso alla formazione professionale non può essere limitato a determinate categorie di lavoratori, ma piuttosto essere ampiamente disponibile con periodicità regolare. I costi inerenti dovrebbero essere a carico dei datori di lavoro, senza perdita di salario e per quanto possibile questo dovrebbe riconosciuto nella contrattazione collettiva. A titolo di esempio, la direttiva europea in materia di formazione dei conducenti professionisti non indica né chi dovrebbe pagare per la loro formazione, né come affrontare eventuali perdite salariali. Il controllo di qualità della formazione professionale da parte dei lavoratori e dei loro sindacati dovrebbe essere garantito. 42. Per uno sviluppo sostenibile e compatibile con l'ambiente di veicoli e attrezzature tecniche e per un finanziamento significativo del trasporto sostenibile: L'ETF interverrà presso le istituzioni europee al fine di prevenire l'utilizzo abusivo di sistemi per il monitoraggio dei lavoratori all'interno dello sviluppo di sistemi di trasporto intelligenti; L'ETF, insieme ai suoi affiliati, chiederà che i governi nazionali assistano, con

11 l'introduzione della mobilità intelligente, la gestione del traffico e dei sistemi informativi e la concentrazione degli sforzi di ricerca e sviluppo per veicoli più puliti, più sicuri e più silenziosi; All'interno della presentazione delle proposte legislative comunitarie in materia di sviluppo delle infrastrutture di trasporto, l'etf si adopererà per garantire che i criteri di cui sopra (sostenibilità sociale, multimodalità) siano rispettate; L'ETF ed i suoi sindacati affiliati richiederanno un adeguato co-finanziamento dei collegamenti prioritari TEN-T negli Stati membri dell'ue; L'ETF ed i suoi affiliati chiedono di mettere sul tavolo i veri costi delle diverse forme di trasporto. Attualmente ogni forma di trasporto copre i costi esterni in misure diverse. Deve essere promossa a livello UE la determinazione di tali costi esterni nei prezzi dei trasporti in modo comprensibile per tutte le parti interessate. Questo non deve, ovviamente, impedire alle autorità pubbliche di promuovere il trasporto pubblico e renderlo accessibile e alla portata di tutti attraverso la compensazione e tariffe agevolate. 43. Per le infrastrutture di trasporto di proprietà pubblica - contro la privatizzazione delle infrastrutture. Le infrastrutture di trasporto devono essere di proprietà pubblica e sotto il controllo di organi democraticamente eletti, che sono responsabili verso il popolo. L'ETF rifiuta una partecipazione del settore privato o di un trasferimento di proprietà delle infrastrutture per il settore privato. Possiamo già osservare in altre parti del settore dei trasporti le conseguenze a cui hanno condotto le strategie del profitto privato. L'ETF teme l'abbandono delle infrastrutture e della sicurezza a vantaggio della massimizzazione del profitto del privato proprietario. In particolare per l'importante TEN-T l'etf rifiuta la svendita delle infrastrutture pubbliche ed il loro trasferimento al settore privato. II. LAVORO E DIRITTI SINDACALI a) Descrizione del problema 44. La Corte europea di giustizia, espressasi sui casi Viking (2007), Laval (2007), Rüffert (2008) e Lussemburgo (2008) ha provocato una levata di scudi dal movimento sindacale europeo, dal momento che l orientamento è stato quello di dare priorità alle libertà economiche e agli interessi commerciali, anziché ai diritti sindacali e di lavoro. Questo è accaduto in un momento in cui la crisi finanziaria ed economica era solo all'orizzonte. 45. La risposta della Commissione alla richiesta sindacale del regolamento Monti II che impedirebbe la prevalenza delle libertà economiche sui diritti sociali fondamentali è andata nella direzione sbagliata ed è stata contrastata dal movimento sindacale e da un certo numero di parlamenti nazionali. 46. D'altra parte, due sentenze della Corte di giustizia europea - 15 Marzo 2011, Koelzsch e 15 dicembre 2011, Voogsgeerd, stabiliscono che, quando un lavoratore svolge la sua / il suo lavoro in più di uno Stato membro contraente, in caso di controversie sul contratto di lavoro, le norme applicabili saranno quelle dello Stato membro in cui il lavoratore svolge abitualmente il suo lavoro. Le due sentenze sono basate sul regolamento (CE) n 593/2008 del 17 giugno 2008, noto come "regolamento Roma 1 ", e possono essere fondamentali negli sforzi dei sindacati per sradicare il dumping sociale. Ma in questi casi, i decisori politici nazionali ed europei continuano a non pretendere misure per favorire l applicazione pratica di tale principio.

12 47. In questo momento stiamo vivendo sempre più gli effetti disastrosi e le conseguenze della crisi economica e finanziaria e le politiche liberali effettuate per anni in Europa, anche in termini di diritti sociali e del lavoro. La predominanza degli affari sopra la politica è evidente. Andiamo verso una situazione in cui il ruolo delle istituzioni politiche democratiche e anche dei governi legittimi è chiaramente limitato, una situazione con portata ridotta per l'azione politica e finanziaria del settore pubblico, che mina la democrazia e scivola verso uno sviluppo sempre più autoritario. La politica è quindi minacciata da un potere economico mondiale illegittimo, antidemocratico e non regolamentato. Il sempre maggior ricorso alla disoccupazione diventa uno dei principali regolatori economici. 48. Stiamo assistendo a un attacco senza precedenti del movimento sindacale nel suo ruolo di serio deterrente per le politiche neo-liberali e come unica forza sociale che dice "no" alle politiche di austerità. Stiamo assistendo ad una limitazione crescente di diritti di contrattazione collettiva a favore del potere aziendale, dei datori di lavoro e degli azionisti, come testimoniato dal mercato del lavoro e le riforme del diritto del lavoro imposti in paesi come la Grecia, l'italia, la Spagna o il Portogallo. 49. Le misure di austerità perseguite dai governi della Troika europea avranno l'effetto opposto a quello previsto. Invece di ripristinare la crescita economica e creare posti di lavoro, queste politiche uccidono posti di lavoro ed ostacolano la crescita economica. È chiaro che la distruzione dello stato sociale e l'indebolimento del movimento sindacale sono i principali obiettivi delle politiche di austerità forzata. L'integrazione del "Fiscal Compact", il trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance nell'unione economica e monetaria (TSCG) nel Trattato di Lisbona (TFUE) limiterà ulteriormente le possibilità per gli Stati membri di contrastare l'impatto negativo della crisi con politiche sociali. 50. Stiamo anche assistendo a un rovesciamento dei diritti del lavoro, con le violazioni di contratti collettivi e accordi settoriali, che erano stati precedentemente conclusi nel quadro del dialogo sociale. Essi sono anche minati dall'attuazione di alcune direttive o regolamenti comunitari. Questo sta colpendo il settore pubblico, in particolare, che è anche sotto attacco per "essere inefficiente rispetto al settore privato e che costa agli Stati membri troppi soldi". Tutto questo è stato fatto con la chiara intenzione di nascondere la causa principale della crisi: un massiccio trasferimento di fondi pubblici attualmente investiti nel mantenimento del settore pubblico verso il settore privato. 51. Per di più, la retorica ufficiale delle istituzioni europee è contraddetta dalle mosse di alcuni Stati membri per bloccare la discussione e l'adozione di accordi liberamente negoziati dalle parti sociali europee, come quella sul tempo di lavoro per le vie navigabili interne. 52. Infine, stiamo assistendo a un attacco senza precedenti al ruolo costituzionale dei sindacati in Stati democratici, un ruolo radicato nell accordo negoziato dopo la seconda guerra mondiale e la crisi che ha indotto. Questo attacco si traduce in una perdita di 'capacità di intervenire negli Stati membri' da parte dei sindacati e nel tentativo di relegare i sindacati al ruolo di partner di dialogo in un ambiente dettato unilateralmente dai datori di lavoro. 53. Gli speculatori ora nel controllo dell'economia europea stanno usando questa crisi per mettere in discussione i servizi pubblici, la riduzione del settore pubblico al minimo,

13 mantenendo il settore finanziario e bancario e dei "paradisi fiscali" intatti, e il taglio di diritti del lavoro e sindacali per impedire ai lavoratori di organizzarsi e reagire, indebolendo le leggi nazionali del lavoro. 54. Inoltre, il settore dei trasporti è soggetto ad una corsa rovinosa verso il basso. Stiamo vedendo molte società reagire con pratiche illegali e condizioni di lavoro irregolari. 55. Inoltre, il dumping sociale si sta espandendo nella maggior parte dei settori dei trasporti. Salari e condizioni di lavoro sono degradanti. Un numero significativo di imprese di trasporto e di logistica "negoziano" manodopera a buon mercato in giro per l'europa, per risparmiare sui costi e aumentare profitti e competitività. Ci sono leggi comunitarie per impedire queste pratiche, ma non sono sufficienti né abbastanza stringenti. Con il ricorso a pratiche illegali, i lavoratori dei trasporti sono impiegati attraverso complessi sistemi che coinvolgono società, controllate, agenzie con sede in diversi Stati membri dell'ue. In questo modo, le aziende possono risparmiare fino al 90-95% del costo del lavoro e dei contributi sociali! In cerca di un futuro migliore per loro e per le loro famiglie, i lavoratori coinvolti nel sistema dipendono dai loro posti di lavoro ed accettano di lavorare ai margini della legge. 56. L'ETF ed i suoi affiliati di tutta Europa si confrontano ogni giorno con i casi sopra descritti. Il dumping sociale è più che mai praticato su larga scala, sotto gli occhi delle organizzazioni sindacali, con profondo malcontento tra i lavoratori dei trasporti ed i sindacati. I responsabili politici continuano a far finta di impegnarsi per un'europa sociale, un programma sociale per il trasporto, mentre, nel settore dei trasporti su strada, ad esempio, sempre più automobilisti passano mesi lontano da casa, dormendo nei camion, si nutrono di cibo in scatola per settimane e si vedono negati i diritti sociali fondamentali, che sono garantiti dalla legge e dal trattato di Lisbona. Le società fittizie sono la porta aperta a pratiche di dumping sociale e dal dicembre 2011, con l'entrata in vigore del Reg. (CE) 1071/2009, sono illegali! Eppure, continuano a proliferare schemi occupazionali che coinvolgono il sistema delle società di comodo. 57. Un altro esempio risiede nel continuo sfruttamento dei marittimi comunitari e non comunitari: in molti casi i marittimi sono pagati al di sotto del salario minimo nazionale di molti Stati membri, anche quando lavorano principalmente nelle acque territoriali dello Stato membro. Tali pratiche peggiorano inoltre le condizioni di altri marittimi e provocano la perdita di posti di lavoro e delle competenze. Gli Stati membri dovrebbero essere in grado di far valere i propri salari minimi ed altre norme e la legislazione del lavoro, indipendentemente dalla nazionalità del marittimo o dalla bandiera della nave. L'ETF deve lavorare con l'itf per una campagna a livello europeo e globale al fine di raggiungere questo obiettivo. 58. Gli orari di lavoro eccessivi, in particolare, rappresentano una grave minaccia per la sicurezza nel settore dei trasporti, sia per i lavoratori dei trasporti nei diversi settori sia per gli utenti. Questo pone anche problemi in termini di salute dei lavoratori. Anche le prestazioni di lavoro notturno devono essere prese in considerazione come un fattore di disagio che dovrebbe valere anche per i lavoratori mobili. b) gli obiettivi da raggiungere 59. I lavoratori dei trasporti devono combattere! L'ETF vuole: Difendere e far rispettare i lavoratori e i diritti sindacali nel contesto di un'europa sociale;

14 Rafforzare i sindacati affiliati e il loro ruolo nel dialogo sociale e la contrattazione collettiva come strumenti fondamentali per l'intervento; Difendere il primato dei diritti fondamentali (in particolare le convenzioni dell'oil, la Carta sociale europea) sulle libertà economiche; L'adozione di un vero e proprio regolamento europeo che ponga i diritti sociali in prima linea; Rafforzare il dialogo sociale europeo, che mira a fornire risultati più consistenti; Costringere i responsabili politici ad assumersi le proprie responsabilità di legislatori per sradicare il dumping e la moderna schiavitù sociale nel settore dei trasporti in Europa; Migliorare l'applicazione della legislazione sociale esistente nel settore dei trasporti, come ad esempio la salute e la sicurezza sul lavoro, attraverso controlli e sanzioni efficaci; Promuovere il progresso del dialogo sociale e l'armonizzazione della legislazione dei trasporti nei paesi confinanti con l'ue e di quelli inclusi nelle catene di approvvigionamento dell'ue. La cooperazione deve essere ricercata con l'itf per estendere questi obiettivi al contesto globale. 60. L'ETF chiede una mobilitazione a favore di un "patto sociale" europeo, che dia priorità ai diritti sociali e non al commercio e alle libertà economiche. Ciò sarà possibile solo se il movimento sindacale ed i suoi alleati saranno in grado di spostare sensibilmente gli equilibri di potere nella società. L'intero movimento sindacale dovrebbe quindi, sotto la guida della CES, sviluppare un programma di azione al fine di contenere gli attacchi conflittuali in corso sui lavoratori e il benessere sociale da parte dei datori di lavoro e dei loro alleati politici, con l'obiettivo di sviluppare l'europa sociale che vogliamo. La conclusione di accordi vincolanti dovrebbe servire per implementare programmi di recupero per garantire un futuro sociale e sostenibile per i trasporti. Se siamo forti, saremo ascoltati. L'ETF pertanto intende dare forza alla propria voce al tavolo dei negoziati attraverso una vasta mobilitazione di forze sociali. Questo ci darà maggiore potenza di intervenire nella crisi. 61. Dobbiamo combattere fenomeni quali il razzismo e la xenofobia, atteggiamenti che sono aumentati in molti paesi a causa della recrudescenza di estrema destra e di movimenti populisti. Questa situazione sta generando, in alcuni paesi, una recrudescenza di violenza. L'ETF si impegna dunque a combattere questa tendenza, in linea con la direttiva 2000/78/CE per difendere la parità di diritti per tutti i lavoratori, indipendentemente dalla loro origine, etnia, età, genere o orientamento sessuale, portando la parità effettiva dei settori e dei paesi interessati in cui essi lavorano e mettendo così fine al dumping sociale che è stato praticato finora. 62. Allo stesso modo l'etf continuerà a promuovere la parità di genere e le pari opportunità per uomini e donne, nonché parità di retribuzione per lavoro di pari valore, promuovendo l'inserimento di più donne nel settore dei trasporti, a seguito di quanto disposto dall'articolo del trattato sul funzionamento dell'unione europea, TFUE. c) azioni dell'etf 63. Durante il periodo di inter-congressuale l'etf si concentrerà sulle seguenti azioni strategiche: Rafforzare la cooperazione con la CES e le altre federazioni sindacali europee nell eseguire un intervento sindacale più efficace al fine di lottare per il patto sociale, difendere e rafforzare il modello sociale europeo e proteggere il settore pubblico e il pubblico servizio;

15 Promuovere la costituzione e la partecipazione a una rete di solidarietà paneuropea tra i rappresentanti della società civile, a sostegno dei valori sindacali al fine di difendere in modo permanente i diritti dei lavoratori, i diritti sindacali e dei diritti democratici; in tal senso l'etf ed i suoi affiliati si impegneranno attivamente ai lavori della Conferenza Sociale congiunta (JSC); Sviluppare una campagna di sensibilizzazione al fine di contrastare il pensiero dominante neoliberista e mostrare ai lavoratori e al pubblico che le alternative esistono, le potenzialità dei social network e social media devono essere utilizzate; Promuovere l'istituzione di un osservatorio sociale europeo per valutare l'attuazione della legislazione sociale, supervisionare gli sforzi per promuovere un livello elevato di occupazione, la garanzia di protezione sociale, la lotta contro l'esclusione sociale, un elevato livello di istruzione, formazione e tutela della la salute umana e la sicurezza; Combattere per misure efficaci nel settore del trasporto transfrontaliero; Promuovere l'armonizzazione sociale e fiscale nell'unione europea, condizione per un corretto funzionamento del mercato interno; Combattere con ogni mezzo una agenda europea anti-lavoratori ed esprimere solidarietà a tutti gli affiliati che si battono contro le politiche di austerità; Stabilire, in seno al comitato esecutivo ETF, un gruppo di lavoro per sostenere la Segreteria nella raccolta di informazioni sulle violazioni dei diritti dei lavoratori, proponendo risposte o misure di mobilitazione, coordinamento e diffusione di iniziative e azioni di affiliati su base permanente. III. SINDACATO FORTE organizzare GLOBALMENTE a) Descrizione del problema 64. La voce della forza lavoro è ascoltata meglio nei luoghi di lavoro con la più alta densità di sindacalizzazione. Oggi siamo di fronte a situazioni di crisi, politiche di austerità, liberalizzazione, privatizzazione e frammentazione del settore del trasporto pubblico, outsourcing, subappalto e maggiore utilizzo di lavoratori interinali. Vi è un urgente bisogno di aumentare la densità di lavoratori sindacalizzati, al fine di lottare contro l'attacco al modello sociale europeo e per la giustizia globale. I lavoratori dei trasporti sono in una posizione strategica molto importante per il funzionamento del mercato interno e dei mercati globali. L'internazionalizzazione dei modelli di produzione e di consumo sono completamente e sempre più dipendenti da un trasporto efficiente. Il movimento sindacale deve passare all'offensiva e sfruttare questa posizione strategica decisiva. Il tasso di sindacalizzazione nel settore dei trasporti deve aumentare in modo da spostare l'equilibrio di potere a favore dei lavoratori e dei sindacati. 65. E 'quindi necessario che ETF e ITF lavorino insieme per organizzarsi su base globale comune. Nel mondo globalizzato le multinazionali stanno giocando sulla forza lavoro di un paese contro un altro per ridurre i salari, termini e condizioni di lavoro. Utilizzano sempre più frequentemente personale a tempo determinato per aggirare l'obbligo di fornire ferie e indennità di malattia. Il risultato è un crescente numero di incidenti sul lavoro, comprese le lesioni permanenti e mortali, spesso senza un adeguato indennizzo assicurativo. Vengono ignorate le regole minime di sicurezza, giocando sulla paura che i lavoratori perderanno il lavoro. 66. La soluzione è quella di organizzare la forza lavoro su un piano globale, combattere le pratiche abusive. Vogliamo uno standard per i lavoratori, ovunque essi si trovino. Perché dovremmo permettere di mettere a rischio la vita dei lavoratori? E perché dovremmo

16 fornire alle aziende multinazionali le armi di cui hanno bisogno per ridurre i termini e le condizioni dei lavoratori ai livelli di quelli impiegati nei paesi più poveri, ignorando la legislazione di salute e sicurezza? 67. Il Congresso ITF in Messico ha identificato cinque aree prioritarie per l'organizzazione a livello globale: precari / operai out-sourcing-appalti, società di logistica globale, le aziende multi-nazionali di trasporto di passeggeri, le lavoratrici e giovani lavoratori. Il Congresso ETF Ponta Delgada ha inoltre identificato il gruppo di lavoratori migranti. In particolare nel trasporto merci, diversi concetti possono essere sviluppati: strategie di supply chain, strategie di corridoio o grandi strategie di hub. Il ruolo dell'etf in una campagna di organizzazione europea risiede nel coordinamento del settore transfrontaliero e di strategie di organizzazione. b) gli obiettivi da raggiungere 68. Il movimento sindacale ha avuto modo di imparare di nuovo la parola "organizzazione" e abbiamo bisogno di parlare di nuovo con una sola voce in modo che possiamo inviare questo messaggio: Non più salari e condizioni di lavoro al ribasso; Non più pratiche pericolose per le nazioni in via di sviluppo; Non più l'importazione di queste condizioni in l'europa; Non più ripercussione della crisi economica sull'occupazione delle donne; Non più crescente competizione a scapito della sicurezza dei lavoratori. 69. Il nostro obiettivo è quello di ampliare il sindacato per aumentare il livello di equilibrio di potere a favore dei lavoratori, per aumentare la capacità dei sindacati di intervenire e di agire e quindi il potere contrattuale dei sindacati in tutta Europa. Vogliamo contribuire al miglioramento delle condizioni dei lavoratori dei trasporti in Europa, lavorando attraverso la forza dell'unione. Vogliamo utilizzare pienamente il nostro vantaggio di essere organizzati a livello europeo ed internazionale, all'interno dell'etf e ITF per contrastare le imprese attraverso la cooperazione e il coordinamento europeo e mondiale. 70. Inoltre, è indispensabile promuovere una migliore partecipazione a tutti i livelli di affiliati provenienti da paesi extra-ue. c) azioni dell'etf 71. Nel corso del periodo inter-congressuale l'etf concentrerà la sua strategia di organizzazione a livello globale sulle seguenti azioni: L'ETF rafforzerà le sue attività per lo sviluppo di capacità, di informazione e scambio di buone pratiche nei trasporti; L'ETF sosterrà la forza sindacale attraverso la promozione di una più stretta cooperazione sindacale all'interno di un paese e tra paesi limitrofi, individuando esigenze comuni e / o strategie; L'ETF svilupperà insieme agli affiliati una campagna europea per l'organizzazione di donne nel settore dei trasporti e una campagna europea per l'organizzazione di giovani lavoratori dei trasporti; ETF organizzerà attività di formazione per i funzionari sindacali che lavorano per ETF ed i suoi affiliati. L'ETF si baserà sulle esperienze positive della cooperazione tra i sindacati e le imprese transnazionali al fine di eliminare più efficacemente il dumping sociale all'interno di catene

17 di approvvigionamento globali. IV. SINDACATO FORTE: formazione e istruzione a) Descrizione del problema 72. Formazione e istruzione sono strumenti fondamentali per la creazione di sindacati forti. Rappresentano una parte essenziale della costruzione della capacità del sindacato. L'ETF può: sostenere i sindacati con meno possibilità di accesso alle risorse di formazione; organizzare le informazioni e lo scambio di buone pratiche tra i sindacati di tutta Europa; identificare i soggetti europei per la formazione, che non sono oggetto di programmi nazionali di formazione sindacale e in cui l'etf ha una maggiore esperienza. 73. L'ETF ha sviluppato fin dal Congresso 2009 una serie di strumenti di formazione e ha organizzato una serie di progetti europei con partner diversi. Questo lavoro deve continuare. Ma, inoltre, deve essere chiaro come i sindacati possono beneficiare del lavoro che è già stato fatto da altri sindacati all'interno dell'etf. b) gli obiettivi da raggiungere 74. L'ETF, in stretta collaborazione con l'itf: approfondirà la sua cooperazione con gli istituti di formazione, altri affiliati, ecc, al fine di aumentare l'assistenza agli affiliati; porrà maggiormente l'accento sulla diffusione di informazioni e di strumenti di formazione già disponibili, per renderli meglio conosciuti dagli affiliati e aumentare la loro consapevolezza dell utilità che essi hanno per il lavoro sindacale. c) azioni dell'etf 75. Durante il periodo di inter-congressuale l'etf si concentrerà sulle seguenti azioni strategiche: Effettuare ricerche tra gli affiliati al fine di individuare le esigenze di formazione e strutture di formazione già esistenti e dei materiali; Istituire un "think tank" o "organo consultivo" per il Comitato Esecutivo, al fine di discutere e proporre azioni prioritarie; Aumentare il ruolo dell'etf nella definizione delle strategie e delle priorità del EVA Academy e di promuovere la cooperazione di EVA con altri istituti sindacali in Europa; Istituire una banca dati di tutti i sindacati che possono fornire materiale di formazione. L'ETF deve anche creare una banca dati di quei sindacati che sono disposti a fornire formazione ai membri dei sindacati che non dispongono di formatori qualificati; Organizzare l'assistenza finanziaria là dove è necessario per programmi educativi; Configurare un gruppo di formatori con esperienza nel settore dei trasporti e in altri settori di interesse per gli affiliati ETF; Identificare i donatori esterni e intensificare la cooperazione con i donatori, istituti di formazione e affiliati di supporto; Utilizzare tutte le possibilità di finanziamento disponibili, al fine di avviare e / o organizzare i progetti di sviluppo delle capacità.

18 V. RAPPRESENTANZA TRANSFRONTALIERA E COORDINAMENTO a) Descrizione del problema 76. C è bisogno di una più stretta cooperazione dei sindacati dei trasporti attraverso le frontiere: lo sviluppo del mercato interno dell'ue con le "quattro libertà economiche" e la liberalizzazione totale dei mercati dei trasporti; la globalizzazione dell'economia, che è resa possibile dal settore dei trasporti; l'ulteriore sviluppo delle società multi-nazionali di trasporto multimodale; il processo di fusioni e acquisizioni nel settore dei trasporti. 77. Il principio della libera circolazione dei lavoratori è abusato dalle aziende al fine di praticare il dumping sociale, e minare le condizioni di lavoro e i diritti acquisiti nei diversi paesi europei. Misure di salvaguardia come la direttiva sui lavoratori distaccati, una rigorosa applicazione delle norme di cabotaggio, o misure nazionali per imporre il principio del paese ospitante sono deboli o non funzionano affatto. La possibilità di esenzioni e in particolare la mancanza di impegno per attuare i necessari controlli negli Stati membri ha avuto come conseguenza che queste regole non funzionano in modo soddisfacente. 78. Anche i paesi con salari e condizioni sociali più bassi soffrono, perché i loro lavoratori giovani e spesso ben istruiti lasciano i loro paesi, indebolendo l'economia nazionale. 79. Come risultato, i lavoratori sono sempre più impiegati in altri paesi a condizioni ben al di sotto degli standard stabiliti nel paese ospitante. Numerosi tentativi dei sindacati di organizzare questi lavoratori in sindacati nazionali non hanno avuto successo. 80. Pertanto i lavoratori dei trasporti devono organizzarsi, coordinare e cooperare mediante: organizzazione sindacale transfrontaliera; cooperazione dei rappresentanti dei lavoratori nelle imprese multinazionali all'interno dei CAE ed applicazione del lavoro e dei diritti sindacali in caso di fusioni e acquisizioni su scala europea; coordinamento transfrontaliero delle politiche di contrattazione collettiva. b) gli obiettivi da raggiungere 81. Gli obiettivi dell'etf in questo settore di intervento per il periodo inter-congressuale , devono essere: Organizzare i lavoratori dei trasporti nel trasporto internazionale, migliorando così le loro condizioni sociali e di contribuendo alla lotta contro il dumping sociale; Migliorare le condizioni dei lavoratori dei trasporti in Europa, attraverso il rafforzamento della solidarietà internazionale, migliorare la nostra capacità di agire sia a livello nazionale sia oltre i confini, attraverso lo sviluppo del coordinamento transfrontaliero delle politiche di contrattazione collettiva; combattere il dumping sociale; rafforzare gli interessi dei lavoratori dei trasporti attraverso un migliore scambio di informazioni e il coordinamento oltre i confini, lungo i corridoi, lungo le catene di fornitura; rafforzare gli interessi dei lavoratori dei trasporti attraverso l'uso efficace dei comitati aziendali europei, dei diritti sindacali nell'ambito di fusioni e acquisizioni su scala europea; Lottare contro il dumping sociale, applicando la normativa o il contratto collettivo più favorevole.

19 c) azioni dell'etf 82. Organizzazione transfrontaliera dei lavoratori dei trasporti i sindacati nazionali dovrebbero continuare ed aumentare il loro sforzo di organizzare i lavoratori migranti. Questo dovrebbe in ogni caso avvenire in collaborazione con tutti i settori del trasporto, ad esempio depositi e impianti di stoccaggio, compresi i terminali per container, vendita al dettaglio, aeroporti, ecc; L ETF dovrebbe promuovere la creazione di patti di assistenza reciproca per coprire i lavoratori mobili che effettuano trasporti internazionali; Gli affiliati ETF dovrebbero stabilire accordi reciproci che stabiliscono le condizioni per la concessione di assistenza sindacale nei paesi di accoglienza per i lavoratori mobili che possono dimostrare di essere iscritti ad un affiliato ETF nel loro paese d'origine. L'ETF ha istituito un Fondo volto a sostenere le attività di organizzazione transfrontaliera con una dimensione transnazionale. 83. I comitati aziendali europei e le fusioni e acquisizioni su scala europea L'ETF ed i suoi affiliati si impegnano a dare piena attuazione alla Risoluzione del Congresso Ponta Delgada sul "coordinamento nel campo delle multinazionali e del comitato aziendale europeo", che dà un mandato pieno di coordinamento per l'etf; L'ETF istituirà un Comitato ETF sulle imprese multinazionali che si riferiscono al Comitato Esecutivo ETF per tutte le questioni politiche; L'ETF sviluppaerà entro il prossimo periodo inter-congressuale una politica sul ruolo di coordinamento ETF riguardante fusioni e acquisizioni su scala europea che possano essere adottate dal Comitato Esecutivo ETF. 84. Coordinamento Transfrontaliero delle politiche di contrattazione collettiva L'ETF identifica come settore di sviluppo il "coordinamento transfrontaliero delle politiche di contrattazione collettiva"; Il Comitato Esecutivo ETF quindi analizzerà l'esperienza e svilupperà una politica ETF con l'obiettivo di promuovere il coordinamento transfrontaliero delle politiche di contrattazione collettiva tra gli affiliati; 85. Supporto nelle controversie Quando gli affiliati ETF si trovano a dover affrontare controversie con le multinazionali, hanno bisogno di sostegno. Compito dell ETF sarà quello di agire come coordinatore, ricercando assistenza pratica da parte di affiliati di altri paesi e sostenendo la cooperazione tra gli affiliati.

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRINCIPI COMUNI CES-AFL-CIO

DICHIARAZIONE DI PRINCIPI COMUNI CES-AFL-CIO DICHIARAZIONE DI PRINCIPI COMUNI CES-AFL-CIO IL PARTENARIATO TRANSATLANTICO SU COMMERCIO E INVESTIMENTI (TTIP) DEVE FUNZIONARE PER LE PERSONE, ALTRIMENTI NON FUNZIONERÀ AFFATTO Invitiamo fermamente sia

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro

Uno sguardo sull ILO. Organizzazione Internazionale del Lavoro Uno sguardo sull ILO Organizzazione Internazionale del Lavoro La pace universale e duratura può essere fondata soltanto sulla giustizia sociale Costituzione dell OIL, 1919 Uno sguardo su ll I LO L Organizzazione

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2014-2019 Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere 12.11.2014 2014/0000(INI) PROGETTO DI RELAZIONE sulla parità tra donne e uomini nell'unione europea nel 2013

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg)

Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) Carta delle città europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (La Carta di Aalborg) (Approvata dai partecipanti alla Conferenza europea sulle città sostenibili tenutasi ad Aalborg, Danimarca il 27

Dettagli

Il futuro che vogliamo

Il futuro che vogliamo Il futuro che vogliamo traduzione italiana di Laura Catalani, Claudio Falasca e Toni Federico Fondazione per lo Sviluppo sostenibile I. La nostra visione comune 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e rappresentanti

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.5.2004 COM(2004) 374 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 29.6.2011 COM(2011) 500 definitivo PARTE II COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive

COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0. Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive COMMISSIONE EUROPEA E U R O P A 2 0 2 0 Una strategia per una crescita intelligente, sostenibile e inclusive Premessa Il 2010 deve segnare un nuovo inizio. Voglio che l Europa esca rafforzata dalla crisi

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI

SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI SETTE BUONE RAGIONI PER COSTRUIRE UN EUROPA PER E CON I BAMBINI 1. I bambini non sono mini persone, con mini diritti I bambini godono di diritti. La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell infanzia

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli