Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino."

Transcript

1 Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino. Maurizio Petrozziello, Silvia Motta, Alessio Staccioli, Antonella Bosso CRA-Istituto Sperimentale per l Enologia, via P. Micca Asti Parole chiave: Etilfenoli, SPE, calibrazione, collaggio, chiarifica. Summary Ethylphenols are molecules, synthesized by yeasts Brettanomyces spp, which can cause deviations of the aromatic profile, if their concentration is higher than the recognition threshold. The present work concerned the optimization of a method for the determination of 4- ethylphenol and 4-ethylguaiacol in wines: it consists in a solid phase extraction procedure on C18-EC cartridges, followed by gas-chromatographic analysis. During the method validation, strong differences were observed between the calibration curve obtained from a hydroalcoholic solution (ph 3.2), and the one obtained from a commercial wine without ethylphenols: the second calibration curve shows a lower slope than the first one, probably because of interactions between ethylphenols and polyphenols retained in the solid phase. The calibration curves for the ethylphenols quantification have been calculated in a real wine: this assures a better reproducibility of the adsorption conditions during analysis, besides these curves present an higher ability of modelling the analytical response (higher R 2 values). This method was used to quantify ethylphenols removals from a contaminated wine, treated with 15 commercial oenological products (2 gelatines with low and high hydrolysis grade, 2 ovoalbumines (solid and liquid), 2 fish glues, 2 vegetal proteins (gluten and pea), potassium caseinate, silica sol, deodorant and decolouring charcoal, 2 arabic gums from different origin, bentonite and PVI and PVPP). Among these oenological products, only the deodorant charcoal caused a good (-30%) removal of ethylphenols, detectable by sensory analysis. Besides this product has the advantage of not absorbing the colour and not lowering the amount of polyphenolic compounds of red wines. Key words: Ethyphenols, SPE, calibration, fining, clarification. Introduzione Gli etilfenoli, 4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo, sono molecole prodotte dai lieviti del genere Brettanomyces spp. (Chatonnet et al., 1992 e 1993) che quando presenti nei vini in concentrazioni superiori alle soglie di percezione, determinano la comparsa di odori caratteristici e il più delle volte sgradevoli. Questi, in funzione della concentrazione delle molecole e del tipo di vino, ricordano lo speziato, l affumicato, il catrame, la pelle concia fino al fenolico, alla gomma bruciata, l inchiostro, il medicinale, il cerotto, il sudore di cavallo e l odore di stalla. I lieviti Brettanomyces spp., responsabili della produzione degli etilfenoli, sono ubiquitari negli ambienti di cantina e la loro crescita è favorita dalle alte temperature di conservazione, dagli alti ph, dal basso tenore in SO 2 molecolare. La buona osservanza delle norme igieniche di cantina, come è sempre consigliato, ed il periodico controllo del tenore in SO 2 libera nei vini rappresenta una condizione necessaria, ma spesso non sufficiente ad evitare la comparsa di questo difetto che riguarda anche i vini rossi di pregio con un elevato tenore alcolico e ricchi in polifenoli totali. Attualmente non esistono regole pratiche che se applicate correttamente, consentano con certezza assoluta di evitare la comparsa di questo difetto. I lavori di ricerca riguardano

2 l approfondimento delle conoscenze relativamente agli agenti responsabili di questa alterazione e lo studio dei fattori che influenzano il loro sviluppo (Chatonnet et al., 1997, Chatonnet, 2000, Guilloux-Benatier et al., 2001 e Silva et al., 2004), alla messa a punto di metodi per la quantificazione degli etilfenoli nei vini (Chatonnet et al., 1988, Pollnitz et al., 2000, Dominguez et al., 2002, Monje et al., 2002 e Martorell et al., 2002). Parallelamente sono allo studio pratiche ed interventi tecnologici in grado di asportare gli etilfenoli e/o di eliminarne le note olfattive sgradevoli dai vini quando queste sono già manifeste. A questo riguardo sono stati effettuati lavori sull asporto degli etilfenoli per aggiunta di lieviti secchi attivi (LSA) previamente idratati e di fecce ottenute dalla fermentazione alcolica di vini bianchi e rossi (Chassagne et al., 2005). E stato studiato (Ugarte et al., 2005) un processo che abbina l applicazione dell osmosi inversa su vino al trattamento del permeato con l impiego di resine idrofobiche adsorbenti; questo procedimento ha dato ottimi risultati per l asporto degli etilfenoli da vini che presentavano concentrazioni molto elevate in queste molecole, tuttavia esso risulta scarsamente selettivo nei confronti di numerose sostanze volatili, in particolare acidi grassi a media catena e loro esteri etilici. Il presente lavoro ha riguardato la valutazione dell efficacia di interventi chiarificanti con l impiego di colle proteiche (gelatine, albumine, colle di pesce, proteine vegetali e caseinato di potassio), carbone vegetale, bentonite e sol di silice e dell aggiunta di gomme arabiche di diversa origine sull asporto del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo e/o sulla correzione dei difetti olfattivi causati da queste molecole ai vini. L esperienza è stata preceduta dalla messa a punto di un metodo per il dosaggio degli etilfenoli di cui sono presentati alcuni risultati. Tabella 1: Prodotti enologici utilizzati nell esperienza e relative dosi di impiego. Prodotto impiegato Dose di impiego Bentonite Granulato 20 g/hl Carbone decolorante Polvere 20 g/hl Carbone deodorante Polvere 20 g/hl Caseinato di potassio Polvere 20 g/hl Colla di pesce Polvere 5 g/hl Colla di pesce Polvere 20 g/hl Gelatina di pesce Soluzione al 20% 20 g/hl Gelatina atomizzata Polvere 20 g/hl Gelatina poco idrolizzata Polvere 20 g/hl Glutine idrolizzato Polvere 20 g/hl Gomma arabica Seyal Soluzione al 22% 20 g/hl Gomma arabica Verek Soluzione al 20% 20 g/hl Albume d'uovo Albume fresco 20 g/hl di albumina Albumina Polvere 20 g/hl Proteina vegetale di pisello Polvere 10 g/hl PVI Polvere 20 g/hl PVPP Polvere 20 g/hl Sol di silice Soluzione al 30% 20 g/hl Materiali e metodi Descrizione dell attività sperimentale La prima parte del lavoro ha riguardato la messa a punto di un metodo per il dosaggio degli etilfenoli (4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo) nei vini rossi. E stato utilizzato il metodo proposto da Gianotti e Di Stefano (1991), per il dosaggio dei composti volatili lipofili che è stato sottoposto ad alcune modifiche. Sono state quindi condotte esperienze di chiarifica con l apporto di coadiuvanti e prove di aggiunta di additivi; i prodotti enologici utilizzati e le dosi di impiego sono schematicamente

3 riportati in tabella n.1. Ogni esperienza è stata effettuata in doppio su un volume di vino pari a circa 3 L. E stato impiegato un vino Merlot avente un tenore naturale medio-alto in etilfenoli (480 µg/l di 4-etilfenolo e 200 µg/l di 4-etilguaiacolo) che è stato aggiunto di etilfenoli per portarlo ad una concentrazione finale pari a circa 1000 µg/l di 4-etilfenolo e 340 µg/l di 4- etilguaicolo. I vini testimone, quelli sottoposti a trattamenti di chiarifica e quelli aggiunti di additivi sono stati quindi filtrati ed imbottigliati. Sui vini sono stati determinati il contenuto in 4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo, il tenore in antociani e flavonoidi totali, l intensità e la tonalità colorante (Di Stefano et al., 1989). La valutazione delle caratteristiche sensoriali ha riguardato, per ciascun trattamento, l effettuazione di test di confronto a coppie (duo-trio test e test di preferenza) tra il vino teste ed il vino trattato e la valutazione dell intensità di alcuni descrittori olfattivi: fruttato, speziato e fenolico con l impiego di una scheda a scale astrutturate. I dati chimici e sensoriali sono stati quindi sottoposti ad ANOVA. Determinazione del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo nei vini. Un campione di 30 ml di vino, diluito con acqua ultrapura, in modo da abbassare il tenore alcolico al di sotto del 4%, è stato aggiunto di 300 µl di una soluzione di 43,65 mg/l di 3,4- dimetilfenolo e caricato su una cartuccia C 18 (EC) (Isolute) da 1g precedentemente condizionata con 5 ml di metanolo e 5 ml di una soluzione idroalcolica al 5%. Il campione di vino è stato quindi lasciato percolare per gravità. La frazione lipofila contenente i composti di interesse è stata eluita, dopo asciugatura della cartuccia, con 6 ml di diclorometano. L eluato è stato quindi disidratato con Na 2 SO 4 anidro e sottoposto ad analisi GC-FID secondo le condizioni indicate da Gianotti e Di Stefano (1991). In fase di messa a punto del metodo, le curve di calibrazione del 4-etilfenolo e del 4- etilguaiacolo sono state determinate su un vino sintetico (12% etanolo e 5 g/l di acido tartarico) portato a ph 3,2 per aggiunta di NaOH N e su un vino rosso privo di etilfenoli. Entrambe le curve di calibrazione sono state calcolate impiegando come standard interno l 1- eptanolo ed il 3,4-dimetilfenolo. Sulla base dei risultati ottenuti e che saranno discussi più oltre, è stato scelto di determinare il tenore in etilfenoli utilizzando la retta di calibrazione determinata su vino rosso e di impiegare come standard interno il 3,4-dimetilfenolo. La curva di calibrazione del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo utilizzata per il dosaggio degli etilfenoli nel corso della presente esperienza è stata dunque calcolata impiegando una soluzione madre contenente rispettivamente 249,2 mg/l di 4-etilfenolo e 75,6 mg/l di 4- etilguaiacolo diluita con un vino rosso esente da etilfenoli ed avente una composizione chimico-fisica prossima a quella del vino impiegato durante le fasi successive della sperimentazione. Sono state preparate soluzioni in triplo a 6 diverse concentrazioni comprese tra 0 e 2000 µg/l. Ciascuna soluzione dopo l aggiunta dello standard interno è stata sottoposta al processo di estrazione su cartuccia C 18 (EC), come precedentemente descritto. Tabella 2: Pendenza e coefficiente di determinazione (R 2 ) delle curve di calibrazione del 4- etilfenolo (4-etf) e del 4-etilguaiacolo (4-etg). Pendenza 1-eptanolo 3,4-dimetilfenolo 1-eptanolo 3,4-dimetilfenolo 4-etg 0,9611 0,7948 0,9814 0,9986 tampone 4-etf 1,1487 0,9517 0,9865 0, etg 0,8161 0,7743 0,9985 0,9982 vino 4-etf 0,9986 0,9473 0,9981 0,9993 R 2

4 Risultati In tabella n.2 sono riportati i valori della pendenza e del coefficiente di determinazione (R 2 ) delle rette di calibrazione determinate su mezzo sintetico e su vino. Se confrontiamo i valori dei coefficienti di regressione delle rette di calibrazione delle due molecole di etilfenoli rileviamo che in entrambi i casi questi risultano più elevati quando la calibrazione è effettuata su mezzo sintetico rispetto a quando si opera con vino. Ciò significa che esiste un effetto matrice che fa sì che operando con il vino si abbia una maggiore ritenzione in cartuccia degli etilfenoli rispetto al mezzo sintetico. Il tenore in etilfenoli, calcolato utilizzando la retta di calibrazione su mezzo sintetico, risulta dunque sottostimato rispetto a quando si impiega la retta di calibrazione su vino. Per quanto riguarda la scelta dello standard interno, dall esame dei coefficienti di determinazione (R 2 ) delle rispettive rette di calibrazione, si rileva che in entrambi i mezzi impiegati, l utilizzo del 3,4-dimetilfenolo comporta, rispetto all 1-eptanolo una riduzione dell errore sperimentale (aumento del valore del R 2 ). Gli scarti nell abilità di modellamento delle rette di calibrazione, ottenute con i due diversi standard interni aumentano quando si opera con vino sintetico. In tabella n.3 e n.4 sono riportati rispettivamente i valori medi del tenore in 4-etilfenolo e in 4-etilguaiacolo dei vini testimone e di quelli trattati con i coadiuvanti e gli additivi riportati in tabella n.1; sono, inoltre, indicati, per ciascun trattamento, gli asporti percentuali dei 2 etilfenoli. Tabella 3: Effetto dei trattamenti enologici sul tenore in 4-etilfenolo. Tabella 4: Effetto dei trattamenti enologici sul tenore in 4-etilguaiacolo. Prova 5 Prova 4 Prova 3 Prova 2 Prova 1 4-etilfenolo Trattamento µg/l Asporto % F Testimone prova Gelatina poco idrolizzata 997-5,9 7,1 n.s. Gelatina atomizzata 995-6,2 16,3 n.s. Albumina 998-5,8 13,2 n.s. Albume d'uovo 999-5,7 9,8 n.s. Testimone prova Glutine idrolizzato ,2 2,5 n.s. Gelatina pesce ,5 0,0 n.s. Colla pesce 6 ml ,1 0,2 n.s. Colla pesce 24 ml 990-4,9 10,9 n.s. Testimone prova Carbone deodorante ,8 346,2 ** Carbone decolorante 931-9,9 212,3 ** PVI 985-4,6 47,0 * PVPP 989-4,3 21,7 * Testimone prova Bentonite ,5 n.s. Sol di silice ,8 n.s. Caseinato di potassio ,6 n.s. Testimone prova Proteina di pisello 949-5,9 180,0 ** Gomma arabica Verek ,0 n.s. Gomma arabica Seyal 983-2,6 1,3 n.s. Prova 5 Prova 4 Prova 3 Prova 2 Prova 1 4-etilguaiacolo Trattamento µg/l Asporto % F Testimone prova Gelatina poco idrolizzata 350-3,2 1,0 n.s. Gelatina atomizzata 350-3,3 2,5 n.s. Albumina 350-3,4 1,8 n.s. Albume d'uovo 342-5,6 4,6 n.s. Testimone prova Glutine idrolizzato 342-7,3 4,0 n.s. Gelatina pesce 346-6,2 3,4 n.s. Colla pesce 6 ml 363-1,6 1,0 n.s. Colla pesce 24 ml 357-3,4 11,5 n.s. Testimone prova Carbone deodorante ,8 37,6 * Carbone decolorante 330-9,3 154,8 ** PVI ,7 207,5 ** PVPP 329-9,8 25,3 * Testimone prova Bentonite 342-2,3 1,4 n.s. Sol di silice 347-1,0 0,5 n.s. Caseinato di potassio 342-2,3 2,6 n.s. Testimone prova Proteina di pisello 324-5,5 2,6 n.s. Gomma arabica Verek 341-0,6 0,0 n.s. Gomma arabica Seyal 329-4,1 1,2 n.s. Dall elaborazione statistica (ANOVA) dei dati (tabelle n. 3 e n. 4) si rileva che tra i prodotti testati, soltanto il carbone deodorante, il carbone decolorante, il PVI, il PVPP e la proteina vegetale di pisello hanno provocato una significativa riduzione del contenuto in 4-etilfenolo e, ad eccezione della proteina di pisello, anche in 4-etilguaiacolo. Asporti quantitativamente interessanti dal punto di vista pratico, riguardano soltanto i carboni vegetali e sono pari al 30% per il carbone deodorante ed al 10% per il carbone decolorante, equivalenti sia per il 4-etilfenolo che per il 4-etilguaiacolo.

5 Per quanto riguarda gli altri 3 prodotti chiarificanti, il PVI, il PVPP e la proteina di pisello, per i quali è stata rilevata la presenza di differenze statisticamente significative, gli asporti risultano variabili dal 4 al 6% per il 4-etilfenolo e leggermente maggiori e rispettivamente pari all 11,7 ed al 9,8%, con il PVI ed il PVPP per quanto riguarda il 4-etilguaiacolo. L entità degli asporti, soprattutto del 4-etilfenolo, sono simili a quelli di altre colle proteiche, quali le gelatine, le albumine e la colla di pesce alla dose di 20 g/hl, per le quali non sono state rilevate differenze statisticamente significative rispetto alla tesi testimone. La presenza di differenze significative soltanto per alcuni trattamenti è legata alla variabilità dell errore sperimentale. Tabella 5: Influenza di alcuni trattamenti sul colore e sul tenore in polifenoli dei vini. Antociani totali Flavonoidi totali E420+E520 Trattamento Asporto % F Asporto % F Asporto % F Carbone deodorante 0 ns 1 ns 3 ns Carbone decolorante -10,8 95 ** -0,1 0 ns -8,6 168 ** PVI 0 ns 4 ns -1,7 3 ns PVPP -0,5 0 ns 0 ns 7 ns Proteina di pisello -2,6 1 ns -3,7 2 ns 1 ns In tabella n.5 sono riportati alcuni dati relativi al tenore in antociani e flavonoidi totali e all intensità colorante delle tesi testimone e di quelle trattate impiegando i prodotti enologici più interessanti per quanto riguarda gli asporti di etilfenoli. Ad eccezione del carbone decolorante che, come prevedibile, ha causato un marcato asporto di antociani totali e di colore, gli altri trattamenti non hanno provocato modificazioni apprezzabili né del colore né del contenuto in composti polifenolici dei vini. I risultati analitici sono stati in parte confermati da quelli dell analisi sensoriale. Tra i vini in cui è stato evidenziato un significativo asporto di etilfenoli, soltanto quello trattato con carbone deodorante (maggiori asporti) è stato distinto in modo Tabella 6: Risultati del duo-trio test e del test di statisticamente significativo dal preferenza a coppie. testimone, senza tuttavia esserne Preferenza preferito (tabella n.6). Risposte esatte trattamento Il panel di assaggio non è però Albumina 9 su 13 ns stato in grado di descrivere, nei Gelatina atomizzata 6 su 13 ns termini proposti dalla scheda Gelatina poco idrolizzata 6 su 13 ns sensoriale (intensità dei descrittori Albume d'uovo 8 su 13 ns fruttato, speziato e fenolico), le Glutine idrolizzato 11 su 12 * 2 su 10 differenze nelle caratteristiche Gelatina pesce 10 su 12 * 3 su 11 sensoriali che nel complesso aveva Colla di pesce 5g/hL 8 su 13 ns Colla di pesce 20g/hL 10 su 13 * 3 su 11 percepito (figura n.1). Sarebbe, a Carbone decolorante 9 su 13 ns questo riguardo, interessante Carbone deodorante 10 su 13 * 7 su 12 conoscere la soglia differenziale di PVI 4 su12 ns percezione degli etilfenoli per il PVPP 4 su 12 ns vino impiegato nell intervallo tra Bentonite 7 su 13 ns 700 e 1000 µg/l, che Sol di silice 7 su 13 ns corrispondono ai valori delle Caseinato di potassio 8 su 12 ns concentrazioni dei vini della tesi Proteina di pisello 8 su 12 ns Gomma arabica Verek 7 su 12 ns trattata e del testimone. Gomma arabica Seyal 6 su 12 ns Nel corso dei duo-trio test, il vino testimone è stato, inoltre, distinto da quello delle tesi trattate con glutine idrolizzato e con

6 Trattamento Testimone colla di pesce (20 g/hl); in questi due casi il riconoscimento è avvenuto a causa della presenza di odori estranei, legati all impiego di dosi eccessive di prodotto Fruttato Speziato Fenolico Figura 1: Valori medi dei descrittori fruttato, speziato e fenolico dei vini teste e trattati. Trattamento con carbone deodorante. Risultati I trattamenti di chiarifica dei vini con l impiego delle colle proteiche (gelatine, albumine, proteine vegetali di diversa origine e colle di pesce) presentano una scarsa capacità di asportare gli etilfenoli dai vini. Ciò conferma quanto riportato nel corso di lavori precedenti (Panero et al., 2001) in cui si evidenziava una scarsa affinità tra le colle proteiche ed i composti polifenolici a basso perso molecolare, quali acidi fenolici ed idrossicinnamiltartarici, flavani monomeri e proantocianidine dimere e trimere. Dei prodotti esaminati, soltanto il carbone deodorante ha provocato un buon (-30%) asporto di etilfenoli, apprezzabile anche all analisi sensoriale. Questo composto ha uno scarso impatto sul colore e sui composti polifenolici dei vini rossi. Bibliografia Chassagne D., Guilloux-Benatier M., Alexandre H., Voilley A. (2005) - Food Chemistry, 91: Chatonnet P., Boidron J. N. (1988) Sci. Aliments, 8: Chatonnet P., Dubourdieau D., Boidron J., Pons M. (1992) - J. Sci. Food Agric., 60: Chatonnet P., Dubourdieau D., Noël Boidron J.-N., Lavigne V. (1993) - J. Sci. Food Agric., 62: Chatonnet P., Viala C., Dubourdieu D. (1997) Am. J. Enol. Vitic., 48: Chatonnet, P. (2000) - Rev. des Œnologues, 96 : Di Stefano R., Cravero M.C., Gentilini N. (1989) L Enotecnico, XXV: Domínguez C., Guillén D. A., Barroso, C. G. (2002) Anal. Chimica Acta, 458: Gianotti S., Di Stefano R., (1991) L Enotecnico, XXVII, (10): Guilloux-Benatier M., Chassagne D., Alexandre H., Charpentier C., Feuillat M. (2001) - J. Int. Sci. Vigne Vin, 35, (3) : Martorell N., Martí M. P., Mestres M., Busto O., Guasch J. (2002) J. Chromatogr. A, 975: Monje M. C., Privat C., Gastine, V., Nepveu, F (2002) - Anal. Chimica Acta, 458: Panero L., Bosso A., Gazzola M., Scotti B., Lefebvre S. (2001) - VigneVini, 11: Pollnitz A. P., Pardon K. H., Sefton M. A. (2000) J. Chromatogr. A, 879: Silva P., Cardoso H., Gerós H. (2004) -. Am. J. Enol. Vitic., 55 (1): Ugarte P., Agosin E., Bordeu E., Villalobos J.I. (2005) - Am. J. Enol. Vitic., 56 (1):

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE

Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE Chiarificanti P Soluzioni allergen free per una chiarifica razionale dei mosti e dei vini, secondo la Dir. 2007/68/CE A seguito dell entrata in vigore della direttiva comunitaria 2007/68/CE, i vini che

Dettagli

ISTITUTO SPERIMENTALE PER L ENOLOGIA - ASTI

ISTITUTO SPERIMENTALE PER L ENOLOGIA - ASTI ISTITUTO SPERIMENTALE PER L ENOLOGIA - ASTI Cod. Fisc. e P. I.V.A. 817155 Via Pietro Micca, 35 141 ASTI _ Tel. Uff. 141/433811 - Direz. 141/433813 Fax: 141/436829 RELAZIONE DELL ATTIVITA SPERIMENTALE RIGUARDANTE

Dettagli

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera

Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve. - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Modulo n. 1 Caratteristiche dei vitigni e riconoscimento delle uve - caratteristiche botaniche della specie Vitis vinifera Durata in ore 20 - fasi fenologiche della vite, dalla gemma al grappolo maturo

Dettagli

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana

PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana DEGUSTAZIONE 10/03/11 PROVE DI CHIARIFICA su mosto di uve Trebbiano di Lugana Si è svolta questa prova su mosto di uve bianche (Trebbiano di Lugana) al fine di indagare come cinque diversi chiarificanti

Dettagli

Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti già ammessi nella trasformazione dei prodotti bio

Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti già ammessi nella trasformazione dei prodotti bio Sostanza GRUPPO RISTRETTO Uso Accettabile? si/no, con limitazioni ulteriori? ORWINE ITALIA Uso Accettabile? si/no, con limitazioni ulteriori? Reg (CE) di attuazione del 479/08 (bozza) Additivi e coadiuvanti

Dettagli

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE

VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Progetto: VALTÈNESI: DEFINIZIONE DELLE PECULIARITÀ ORGANOLETTICHE Definizione delle caratteristiche e delle peculiarità dei Vini di Valtènesi. Indagini organolettiche e valutazione delle attitudini enologiche

Dettagli

Confronto di tecniche di macerazione volte a migliorare la qualità dei vini prodotti con uve della cultivar Montepulciano d Abruzzo

Confronto di tecniche di macerazione volte a migliorare la qualità dei vini prodotti con uve della cultivar Montepulciano d Abruzzo Confronto di tecniche di macerazione volte a migliorare la qualità dei vini prodotti con uve della cultivar Montepulciano d Abruzzo Massimo Guaita, Hector Scarsi e Antonella Bosso CRA Istituto sperimentale

Dettagli

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini

Cod. EM6U4. Prove di stabilità dei Vini Cod. EM6U4 Prove di stabilità dei Vini Test di tenuta all aria Operazione: Prelevare 1 bicchiere di vino da testare; lasciare all aria per 12 24 ore; Vino limpido, quasi invariato, senza depositi; giudizio:

Dettagli

Non scommettere sul cavallo sbagliato!

Non scommettere sul cavallo sbagliato! Non scommettere sul cavallo sbagliato! un solo aroma, quello del vostro vino. Brettanomyces e odori fenolici : una minaccia per la qualità dei vostri vini Brettanomyces bruxellensis, considerata la forma

Dettagli

APPLICAZIONE DI UN PREPARATO ENZIMATICO NELLA MACERAZIONE IN ROSSO ED EFFETTI SULLA FILTRAZIONE DEL VINO

APPLICAZIONE DI UN PREPARATO ENZIMATICO NELLA MACERAZIONE IN ROSSO ED EFFETTI SULLA FILTRAZIONE DEL VINO CAGNASSO ET AL., USO DI ENZIMI IN MACERAZIONE ED EFFETTI SULLA FILTRAZIONE DEL VINO, PAG. 1 APPLICAZIONE DI UN PREPARATO ENZIMATICO NELLA MACERAZIONE IN ROSSO ED EFFETTI SULLA FILTRAZIONE DEL VINO Enzo

Dettagli

BEVANDE INDUSTRIE DELLE MARZO/APRILE 2014 ANNO 43 - N. 250 ISSN 0390-0541

BEVANDE INDUSTRIE DELLE MARZO/APRILE 2014 ANNO 43 - N. 250 ISSN 0390-0541 MARZO/APRILE 2014 ANNO 43 - N. 250 ISSN 0390-0541 INDUSTRIE DELLE BEVANDE Poste Italiane spa - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1 comma 1 DCB TO - n. 2/2014 - IP CHIRIOTTI

Dettagli

OenoHow vino rosso in 10 step

OenoHow vino rosso in 10 step OenoHow vino rosso in 10 step 1Ricevimento uve Le uve devono essere: Sane (minor presenza di muffa e altri patogeni) più integre possibile (per evitare eccessi di feccia) raccolte da meno tempo possibile

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014. CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp.

RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014. CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp. RISOLUZIONE OIV-OENO 462-2014 CODICE DI BUONE PRATICHE VITIVINICOLE PER EVITARE O LIMITARE LA CONTAMINAZIONE DA BRETTANOMYCES spp. L ASSEMBLEA GENERALE, Considerate le azioni del Piano strategico OIV 2009-2012

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES

PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES PREVENZIONE E CURA DELLE CONTAMINAZIONI DA BRETTANOMYCES I lieviti appartenenti al genere Brettanomyces e alla sua forma sporigena Dekkera possono risultare fonti di seri problemi per il vino, anche se

Dettagli

INFORMAZIONI PER L ORDINE

INFORMAZIONI PER L ORDINE HI 83748 Acido tartarico, specifico per analisi enologiche L acido tartarico è caratteristico dell uva. Il suo contenuto è variabile e tende ad essere più basso nelle regioni meridionali dove le temperature

Dettagli

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy

Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy Gruppo L.E.T. Poggibonsi (Si), Italy ATTIVANTE SF ENZIMA PL ENZIMA PM LIEVITO AB LIEVITO SB LIEVITO SC TANNINO C TANNINO G TANNINO Q TANNINO QG GOMMA ARABICA S Attivante SF Attivante di fermentazione complesso

Dettagli

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti

Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti. Anna Piotti Come intervenire in cantina sul prodotto al fine di determinare determinate caratteristiche e/o eliminarne difetti Anna Piotti Partire da un uva di qualità e sana Utilizzare ragionevolmente la solforosa

Dettagli

L analisi sensoriale applicata al miele

L analisi sensoriale applicata al miele L analisi sensoriale applicata al miele 1. Generalità sull analisi sensoriale L analisi sensoriale è un metodo per determinare le caratteristiche organolettiche dei prodotti alimentari attraverso il ricorso

Dettagli

Appunti del modulo di tecnologia enologica

Appunti del modulo di tecnologia enologica Appunti del modulo di tecnologia enologica Difetti ed alterazioni ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Alterazioni dei vini (meglio prevenire che curare.!!) Zeppa G. Università degli Studi di Torino

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012

RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 RISOLUZIONE OIV-OENO 439-2012 PRATICHE ENOLOGICHE SPECIFICHE PER I VINI AROMATIZZATI, LE BEVANDE A BASE DI PRODOTTI VITIVINICOLI E LE BEVANDE A BASE DI VINO L'ASSEMBLEA GENERALE CONSIDERATA la risoluzione

Dettagli

RISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010

RISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010 ISOLUZIONE OIV/ENO 382D/2010 AGGIONAMENTO DELLA ACCOLTA DEI METODI INTENAZIONALI DI ANALISI DELLE BEVANDE SPIITOSE DI OIGINE VITIVINICOLA - determinazione dei composti α- dicarbonilici delle bevande spiritose

Dettagli

Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati. Rocco Di Stefano

Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati. Rocco Di Stefano Osservazioni sul colore e sulla tecnologia dei vini rosati Rocco Di Stefano Gli antociani monomeri e polimeri e altri derivati degli antociani (vitisine, pinotine, flavanil-pirano antocianine e pigmenti

Dettagli

PRIME ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI BIANCHI MEDIANTE TECNICA DI MACERAZIONE PELLICOLARE LUNGA

PRIME ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI BIANCHI MEDIANTE TECNICA DI MACERAZIONE PELLICOLARE LUNGA PRIME ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI BIANCHI MEDIANTE TECNICA DI MACERAZIONE PELLICOLARE LUNGA Roberto Ferrarini, Gianmaria Zanella, Enrico Maria Casarotti, Enrico Nicolis Dipartimento di Scienze, Tecnologie

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni

2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve. 2.2.7. Chiarifiche e Stabilizzazioni 2.2.3. Processo di vinificazione 2.2.4. Fermentazione 2.2.5. Macerazione Fig. 61: Vino rosso opzioni per la lavorazione delle uve La stato di salute delle uve, unitamente alla oscenza delle caratteristiche

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie RELAZIONE SCIENTIFICA FINALE Assegno di Ricerca (AdR1612/11) Nome e Cognome del Beneficiario Titolo del Programma di Ricerca Tiziana Passuello Determinazione della persistenza di residui di coadiuvanti

Dettagli

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae

ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae ALLferm Red Saccharomyces Cerevisiae r.f. Cerevisiae Eccellente per la produzione di vini rossi giovani Ceppo particolarmente idoneo alla produzione di vini novelli pronti, freschi e fruttati. Libera sostanze

Dettagli

in cantina RIMUOVERE DISCIOLTO

in cantina RIMUOVERE DISCIOLTO RIMUOVERE L OSSIGENO VALENTINA BOLLA* DISCIOLTO UN INNOVATIVA TECNOLOGIA A MEMBRANA PER PREVENIRE L OSSIDAZIONE E RIDURRE L IMPIEGO DI SOLFOROSA L ossidazione compromette la qualità dei vini e alcune fra

Dettagli

Nuovi metodi di analisi del colore dei vini rossi

Nuovi metodi di analisi del colore dei vini rossi Nuovi metodi di analisi del colore dei vini rossi ANDREA VERSARI*, FABIO CHINNICI, GIUSEPPINA PAOLA PARPINELLO, SERGIO GALASSI INTRODUZIONE Se oggi parliamo di nuovi metodi di analisi è anche grazie al

Dettagli

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino

Mi450 - Fotometro. per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino Mi450 - Fotometro per la determinazione del COLORE e dei FENOLI TOTALI nel vino L Mi450 è un fotometro di facile utilizzo per la determinazione del colore e dei fenoli totali nel vino. La determinazione

Dettagli

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE

RISOLUZIONE ECO 3/2004 LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE LIVELLO DI BASE RICHIESTO PER IL CONFERIMENTO DI DIPLOMA AI PROFESSIONISTI COINVOLTI NELLE PRATICHE ENOLOGICHE L ASSEMBLEA GENERALE, su proposta della Commissione III «Economia», sulla base dei lavori

Dettagli

IMPIEGO DEGLI ENZIMI NELLA VINIFICAZIONE DEI VINI BIANCHI DI QUALITÀ

IMPIEGO DEGLI ENZIMI NELLA VINIFICAZIONE DEI VINI BIANCHI DI QUALITÀ GUERRAND & SCOTTI IMPIEGO DEGLI ENZIMI NELLA VINIFICAZIONE DEI VINI BIANCHI DI QUALITA, PAG. 1 IMPIEGO DEGLI ENZIMI NELLA VINIFICAZIONE DEI VINI BIANCHI DI QUALITÀ David GUERRAND 1, Barbara SCOTTI 2 1

Dettagli

ENZIMI. essere rispondente al Regolamento CE 1332/2008; non derivare da Organismi Geneticamente Modificati;

ENZIMI. essere rispondente al Regolamento CE 1332/2008; non derivare da Organismi Geneticamente Modificati; ENZIMI ENZIMI La sicurezza alimentare rappresenta oggi una priorità ed i vinificatori devono essere in grado di garantirla. Da sempre EVER è attenta alla precisione e alla sicurezza delle sue soluzioni

Dettagli

Begerow Product Line. Selettore per la scelta degli enzimi SIHAZYM

Begerow Product Line. Selettore per la scelta degli enzimi SIHAZYM Begerow Product Line Selettore per la scelta degli enzimi SIHAZYM & estrazione dei precursori dai pigiati L impiego di enzimi per il vino costituisce un procedimento semplice e delicato per molte fasi

Dettagli

ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI IN ASSENZA DI ANIDRIDE SOLFOROSA

ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI IN ASSENZA DI ANIDRIDE SOLFOROSA "ESPERIENZE DI PRODUZIONE DI VINI IN ASSENZA DI ANIDRIDE SOLFOROSA" Claudio Riponi 1, Luigi Pirrone 2, Fabio Chinnici 1 ; Francesca Sonni 1,Nadia Natali 1 1) Dipartimento Di Scienze degli Alimenti - Università

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

5020. Ammine alifatiche

5020. Ammine alifatiche 5020. Ammine alifatiche Il metodo descritto consente la determinazione di mono-, di-, trimetilammina, n-propilammina, acetilammina o ammide dell acido acetico e cicloesilammina. In generale, la determinazione

Dettagli

Shelf life dei prodotti alimentari Guida pratica per le aziende Verona, 20 novembre 2009. L analisi sensoriale applicata agli studi di shelf life

Shelf life dei prodotti alimentari Guida pratica per le aziende Verona, 20 novembre 2009. L analisi sensoriale applicata agli studi di shelf life Shelf life dei prodotti alimentari Guida pratica per le aziende Verona, 20 novembre 2009 L analisi sensoriale applicata agli studi di shelf life Alberto Marangon Laboratorio analisi sensoriale Istituto

Dettagli

Il problema degli allergeni nel settore vinicolo e relativa normativa per l etichettatura Prof. Patrizia Restani

Il problema degli allergeni nel settore vinicolo e relativa normativa per l etichettatura Prof. Patrizia Restani Il problema degli allergeni nel settore vinicolo e relativa normativa per l etichettatura Prof. Patrizia Restani Dip. Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università degli Studi di Milano Allergie alimentari:

Dettagli

SETTEMBRE/OTTOBRE 2013 ANNO 42 - N. 247 INDUSTRIE TECHNOLOGY & ORDER

SETTEMBRE/OTTOBRE 2013 ANNO 42 - N. 247 INDUSTRIE TECHNOLOGY & ORDER ISSN 0390-0541 SETTEMBRE/OTTOBRE 2013 ANNO 42 - N. 247 INDUSTRIE DELLE BEVANDE TECHNOLOGY & ORDER campbelladv.com Poste Italiane spa - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1

Dettagli

DOSAGGIO DEL GLUTATIONE NEI MOSTI E NEI VINI TRAMITE ELETTROFORESI CAPILLARE

DOSAGGIO DEL GLUTATIONE NEI MOSTI E NEI VINI TRAMITE ELETTROFORESI CAPILLARE RISOLUZIONE OIV/ENO 345/2009 DOSAGGIO DEL GLUTATIONE NEI MOSTI E NEI VINI TRAMITE ELETTROFORESI CAPILLARE L'ASSEMBLEA GENERALE Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell accordo del 3 aprile 2001 che ha portato

Dettagli

Tutti i giorni. U na terra e la sua gente. A Breganze la vite è coltivata da oltre mille anni. Qui il vino è

Tutti i giorni. U na terra e la sua gente. A Breganze la vite è coltivata da oltre mille anni. Qui il vino è Tutti i giorni U na terra e la sua gente. A Breganze la vite è coltivata da oltre mille anni. Qui il vino è molto più di un semplice prodotto: è l orgoglio di un intera comunità di persone. Questi prodotti

Dettagli

Gestione di alcune variabili di processo nella macerazione delle uve rosse

Gestione di alcune variabili di processo nella macerazione delle uve rosse Prof. Emilio Celotti Università degli Studi Udine Dipartimento di Scienze degli Alimenti Gestione di alcune variabili di processo nella macerazione delle uve rosse studio pubblicato a gennaio 2004 su Revue

Dettagli

INFLUENZA DI SOSTANZE DI NATURA DIVERSA SULLA STABILITÀ TARTARICA DEI VINI

INFLUENZA DI SOSTANZE DI NATURA DIVERSA SULLA STABILITÀ TARTARICA DEI VINI INFLUENZA DI SOSTANZE DI NATURA DIVERSA SULLA STABILITÀ TARTARICA DEI VINI LAVORI REALIZZATI PRESSO IL CENTRO DI INNOVAZIONE DELLA FILERA VITIVINICOLA ERNESTO DEL GIUDICE U.O.S. 35 MARSALA 1 1. INTRODUZIONE

Dettagli

AFFINAMENTO SUR LIES DI VINI BIANCHI E ROSSI PRODOTTI IN SICILIA

AFFINAMENTO SUR LIES DI VINI BIANCHI E ROSSI PRODOTTI IN SICILIA AFFINAMENTO SUR LIES DI VINI BIANCHI E ROSSI PRODOTTI IN SICILIA LAVORI REALIZZATI P RESSO IL CENTRO DI INNOVAZIONE DELLA FILERA VITIVINICOLA ERNESTO DEL GIUDICE U.O.S. 35 MARSALA RINGRAZIAMENTI Si ringraziano

Dettagli

Laboratorio di Chimica Analitica II

Laboratorio di Chimica Analitica II Università degli Studi di Pisa Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale, anno accademico 2009/2010 Corso di Laurea in Chimica Laboratorio di Chimica Analitica II Prof.ssa Colombini Davide Ceratti

Dettagli

1. Attività avviate nel corso di EUVINBIO (vendemmia 2010).

1. Attività avviate nel corso di EUVINBIO (vendemmia 2010). Rendicontazione parziale sullo stato del Progetto Applicabilità norme europee di vinificazione biologica e miglioramento della qualità e della conservabilità dei vini biologici nel rispetto delle peculiarità

Dettagli

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 BIOCHIMICA Il 2,5 Esandione o Acetonylacetone è un dichetone alifatico prodotto dalla trasformazione biochimica dell idrocarburo alifatico Esano.

Dettagli

INTENSITA'3 COLORE3PELLICOLE PERSISTANZA3AROMI INTENSITA'3 COLORE3NOCCIOLA BIOCHIMICI3DIVERSI 9,00. REGOLARITA'3FORMA Altri3chimico 7,00 6,00 5,00

INTENSITA'3 COLORE3PELLICOLE PERSISTANZA3AROMI INTENSITA'3 COLORE3NOCCIOLA BIOCHIMICI3DIVERSI 9,00. REGOLARITA'3FORMA Altri3chimico 7,00 6,00 5,00 Dott. Gian Paolo Braceschi Food Technologist Centro Studi Assaggiatori Ente Certificazione Prodotti Agroalimentari L analisi scientifica della nocciola Le peculiarità della tonda gentile di Langa Le peculiarità

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

Roberto Zironi Università degli Studi di Udine. Padova Centro Congressi A. Luciani Giovedì 12 Dicembre 2013

Roberto Zironi Università degli Studi di Udine. Padova Centro Congressi A. Luciani Giovedì 12 Dicembre 2013 Tecniche di vinificazione ifi i a basso impatto Roberto Zironi Università degli Studi di Udine Padova Centro Congressi A. Luciani Giovedì 12 Dicembre 2013 Cosa vuol dire «Vinificare a basso impatto»? Concetto

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL LISOZIMA DA BIANCO D UOVO NEL FORMAGGIO: UN APPROCCIO MEDIANTE TECNICHE DI CROMATOGRAFIA A SCAMBIO IONICO

DETERMINAZIONE DEL LISOZIMA DA BIANCO D UOVO NEL FORMAGGIO: UN APPROCCIO MEDIANTE TECNICHE DI CROMATOGRAFIA A SCAMBIO IONICO SCIENZA E TECNICA LATTIERO-CASEARIA, 60 (3), 261-265 2009 DETERMINAZIONE DEL LISOZIMA DA BIANCO D UOVO NEL FORMAGGIO: UN APPROCCIO MEDIANTE TECNICHE DI CROMATOGRAFIA A SCAMBIO IONICO Giorgio PANARI 1 *,

Dettagli

La filtrazione con l impianto sperimentale, qualità degli oli e conservazione nel tempo. Chiara Cherubini Laboratorio Chimico Merceologico

La filtrazione con l impianto sperimentale, qualità degli oli e conservazione nel tempo. Chiara Cherubini Laboratorio Chimico Merceologico La filtrazione con l impianto sperimentale, qualità degli oli e conservazione nel tempo Chiara Cherubini Laboratorio Chimico Merceologico Campagna olearia 2012 messa a punto del prototipo: test operativi

Dettagli

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale

Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Elaborazione dati in Analisi Sensoriale Si è parlato di interpretazione corretta dei risultati ottenuti; a questo concorrono due fattori: affidabilità e validità. Se i test fossero stati ripetuti con lo

Dettagli

Progettare la qualità del vino"

Progettare la qualità del vino Progettare la qualità del vino" Prof. Vincenzo Gerbi Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) - Università degli studi di Torino Il vino è oggetto di molta comunicazione, ma non

Dettagli

L AIUTO DELLA CHIMICA NELL OTTIMIZZAZIONE DI QUALITA DELLA PASTA FRESCA

L AIUTO DELLA CHIMICA NELL OTTIMIZZAZIONE DI QUALITA DELLA PASTA FRESCA 5 OTTOBRE 05 L AIUTO DELLA CHIMICA NELL OTTIMIZZAZIONE DI QUALITA DELLA PASTA FRESCA Zardetto Stefano Tecnologo Alimentare RESPONSABILE AQ & RD GRUPPO VOLTAN LA PASTA FRESCA Lapastafrescaèunalimentoconunelevatocontenutodi

Dettagli

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico.

Metodo per la determinazione di Ibuprofene in acque superficiali, sotterranee e di scarico. COPIA AD USO ESCLUSIVO DI. Progetto EMAS di Distretto finalizzato all Attestato APO (Ambiti Produttivi Omogenei) e al supporto delle singole organizzazioni dei comparti chimico farmaceutico operanti nel

Dettagli

Tecniche di produzione dei chips ed implicazioni enologiche. Antonio Grazietti

Tecniche di produzione dei chips ed implicazioni enologiche. Antonio Grazietti Tecniche di produzione dei chips ed implicazioni enologiche Antonio Grazietti Importanza della materia prima Legno di quercia rigorosa selezione a rintracciabiltà garantita La selezione del legno di quercia

Dettagli

PROGETTI DI RISOLUZIONI PROVVISORIE

PROGETTI DI RISOLUZIONI PROVVISORIE Internationale Organisation für Rebe und Wein International Organisation of Vine and Wine Organización Internacional de la Viña y el Vino Organisation Internationale de la Vigne et du Vin Organizzazione

Dettagli

Del progetto di ricerca al regolamento europeo, all'iniziativa privata

Del progetto di ricerca al regolamento europeo, all'iniziativa privata Associazione Italiana Agricoltura Biologica Del progetto di ricerca al regolamento europeo, all'iniziativa privata...passando per le mediazioni impossibili Cristina Micheloni Salvatore Basile AIAB Associazione

Dettagli

ASPETTI PRATICI DELL INOCULO IN CONDIZIONI MEDITERRANEE. TECNICA D INOCULO E RAPPORTO TRA POPOLAZIONE SELEZIONATA ED INDIGENA

ASPETTI PRATICI DELL INOCULO IN CONDIZIONI MEDITERRANEE. TECNICA D INOCULO E RAPPORTO TRA POPOLAZIONE SELEZIONATA ED INDIGENA DELTEIL D., PRATICA DI INOCULO DEI LIEVITI SELEZIONATI, PAG. 1 ASPETTI PRATICI DELL INOCULO IN CONDIZIONI MEDITERRANEE. TECNICA D INOCULO E RAPPORTO TRA POPOLAZIONE SELEZIONATA ED INDIGENA Dominique DELTEIL,

Dettagli

La soluzione naturale per lottare contro l ossidazione. soluzioni biotecnologiche. Riveliamo la vostra differenza

La soluzione naturale per lottare contro l ossidazione. soluzioni biotecnologiche. Riveliamo la vostra differenza La soluzione naturale per lottare contro l ossidazione GAMME soluzioni biotecnologiche Riveliamo la vostra differenza L ossidazione dei vini L ossidazione dei vini resta un dei problemi più gravi dell

Dettagli

La qualità dei tappi di sughero

La qualità dei tappi di sughero La qualità dei tappi di sughero Franco Pampiro, Maria Giua, Giovanni Antonio Farris Alla Ricerca della qualità nella filiera sughero-vino Oristano 12 maggio 2006 - Auditorium di San Domenico Le prestazioni

Dettagli

SO 2 : anidride solforosa e ossigeno

SO 2 : anidride solforosa e ossigeno SO 2 : anidride solforosa e ossigeno Ragionare l apporto di SO 2 nelle varie fasi della vinificazione, dell invecchiamento, della conservazione dei vini, e la loro relazione con l apporto di ossigeno.

Dettagli

Pratiche di cantina. Primo corso per Sommelier F.I.S.A.R. Genova, 7 dicembre 2004 7/12/2004 1. L. Bersani per F.I.S.A.R. Delegazione di Genova

Pratiche di cantina. Primo corso per Sommelier F.I.S.A.R. Genova, 7 dicembre 2004 7/12/2004 1. L. Bersani per F.I.S.A.R. Delegazione di Genova Pratiche di cantina Primo corso per Sommelier F.I.S.A.R. Genova, 7 dicembre 2004 7/12/2004 1 Sommario Dalla pigiatura all imbottigliamento Svinatura Travasi Filtrazioni Chiarificazioni Le caratteristiche

Dettagli

SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014

SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014 ENERGIA VERDE : DAL MIRTILLO ALLA CORRENTE ELETTRICA Sfruttiamo l energia del sole con le celle fotovoltaiche di Grätzel SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014 9-13 GIUGNO 2014 Energia e vita Qualunque organismo

Dettagli

Il concetto di maturità dell uva: fenolica, aromatica, tecnologica

Il concetto di maturità dell uva: fenolica, aromatica, tecnologica - Effetti della vendemmia di uve a temperatura elevata sulla qualità del vino - come affrontare al meglio la lavorazione di uve grandinate - il concetto di maturità dell uva: fenolica, aromatica, tecnologica

Dettagli

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide.

2) Pressatura La separazione del mosto avviene con pressatura soffice e veloce, per ridurre il contatto del mosto con le parti solide. T Questo metodo prevede la presa di spuma in grossi recipienti ermeticamente chiusi a tenuta di pressione. Inventato dall astigiano Martinotti, il metodo è stato brevettato in Francia nel 1907 dall ing.

Dettagli

Determination of asbestos in water by FT-IR technique:

Determination of asbestos in water by FT-IR technique: International Conference Determination of asbestos in water by FT-IR technique: a proposal for an analytical routine method 7 dicembre 2005 Asbestos Monitoring and Analytical Methods Aurora Brancia B.e.t.a

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 203/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 203/2012 DELLA COMMISSIONE L 71/42 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 203/2012 DELLA COMMISSIONE dell'8 marzo 2012 che modifica il regolamento (CE) n. 889/2008 recante modalità di applicazione

Dettagli

Cod. EM7U2. Affinamento dei Vini. (Botti e barriques)

Cod. EM7U2. Affinamento dei Vini. (Botti e barriques) Cod. EM7U2 Affinamento dei Vini (Botti e barriques) Il legno in enologia Il legno svolge un ruolo importante nella fase evolutiva di un vino, di esso però devono essere conosciute tutte le interazioni

Dettagli

Importante conoscere per le diverse cultivar

Importante conoscere per le diverse cultivar Approfondimenti su: indici qualità dell uva e loro relazione con l uso di coadiuvanti enologici LUCA ROLLE Di.Va.P.R.A. Microbiologia e Industrie Agrarie Importante conoscere per le diverse cultivar cinetica

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

I vini Spumanti tra arte e tecnica

I vini Spumanti tra arte e tecnica I vini Spumanti tra arte e tecnica V. Gerbi, L. Rolle, F. Torchio, S. Giacosa, E. Cagnasso Dip. di Scienze Agrarie, Forestali, Agroalimentari Università di Torino Gli spumanti piemontesi metodo classico

Dettagli

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore

Disciplinare. Marchio di qualità con indicazione di origine. Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige. Grappa. per il settore Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige Disciplinare per il settore Grappa Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014 pagine 1

Dettagli

Qualità e sicurezza alimentare: «sen2re» con la chimica

Qualità e sicurezza alimentare: «sen2re» con la chimica La qualità degli alimen2 e della vita Qualità e sicurezza alimentare: «sen2re» con la chimica Daniela Romanazzo e Manuela Stefanelli Dipar2mento di Scienze e Tecnologie Chimiche Università di Roma Tor

Dettagli

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO

INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO INDIRIZZO AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ARTICOLAZIONE VITICOLTURA ED ENOLOGIA OPZIONE ENOTECNICO VI ANNO 104 Attività e insegnamenti dell indirizzo Agraria, agroalimentare e agroindustria Articolazione:

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI ENOLOGICI

CATALOGO PRODOTTI ENOLOGICI CATALOGO PRODOTTI ENOLOGICI LIEVITI GAMMA ZYMAFLORE Zymaflore VL1 Zymaflore VL2 Zymaflore VL3 Zymaflore ST Zymaflore X5 Zymaflore X16 Zymaflore FX10 Zymaflore F15 Zymaflore RB2 Zymaflore RB4 Zymaflore

Dettagli

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00

BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 BROMURO, CLORITO, CLORURO, FLUORURO, FOSFATO, IODURO, NITRATO, NITRITO, SOLFATO: METODO PER CROMATOGRAFIA IONICA ISS.CBB.037.REV00 0. Generalità e definizioni Gli anioni bromuro, clorito, cloruro, fluoruro,

Dettagli

CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO CASEARIA RAGUSA. Programma Operativo PSR 124 Campania

CONSORZIO RICERCA FILIERA LATTIERO CASEARIA RAGUSA. Programma Operativo PSR 124 Campania RAGUSA Programma Operativo PSR 124 Campania UN NUOVO MODELLO PER RIVITALIZZARE LA FILIERA DEL LATTE BOVINO. Il LATTE NOBILE Acronimo NOBILAT ALLEGATO C1 CARATTERIZZAZIONE DEI PROFILI AROMATICI (in grassetto-corsivo

Dettagli

Un po di Storia Denis Montanar proviene da una famiglia di agricoltori da quattro generazioni. Il suo impegno in questo settore inizia nel 1989, quando comincia ad occuparsi dell azienda del nonno prendendo

Dettagli

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE

VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE Metodo per la valutazione organolettica dell olio di oliva vergine (COI/T20/Doc. 15/Rev.2/2007) Maria Teresa Frangipane VALUTAZIONE SENSORIALE DELL OLIO DI OLIVA VERGINE I sensi sono delle specie di strumenti

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VINIFICAZIONE

DISCIPLINARE PER LA VINIFICAZIONE DISCIPLINARE PER LA VINIFICAZIONE INDICE PREMESSA 1. PROVENIENZA DELLE UVE 2. VENDEMMIA 3. PIGIATURA DELL'UVA 4. PRESSATURA 5. MACERAZIONE DEL PIGIATO 6. ILLIMPIDIMENTO DEI MOSTI 7. AUMENTO DEL CONTENUTO

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

MANUALE DI TAPPATURA PER VINI SPUMANTI

MANUALE DI TAPPATURA PER VINI SPUMANTI A cura di: Valeria Mazzoleni Istituto di Enologia e Ingegneria Agro-alimentare Facoltà di Agraria Via E. Parmense 84 29100 Piacenza In collaborazione con: Michele Addis, Antonio Bianco, Alberto Ferrero

Dettagli

Creme di legumi. Ingredienti

Creme di legumi. Ingredienti Creme di legumi Proteine di soia, isolato di proteine del pisello, preparato a base d'olio vegetale (olio di palma, sciroppo di glucosio, caseinato, fosfato), aromi, amido di mais, sale, addensanti: gomma

Dettagli

IN PRIMO PIANO. Bento.Zero MOSAICO LINEA GREEN

IN PRIMO PIANO. Bento.Zero MOSAICO LINEA GREEN Bento.Zero Zero fondi. Zero attesa. Zero residui. Bento.Zero abbraccia un moderno concetto di chiarifica: operare con rapidità valorizzando le caratteristiche organolettiche del prodotto da trattare. Le

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

Precipitati di Quercetina nei vini

Precipitati di Quercetina nei vini 37 th World Congress of Vine and Wine and 12 th General Assembly of the OIV, 06007 (2014) DOI: 10.1051/oivconf/201406007 c Owned by the authors, published by EDP Sciences, 2014 Precipitati di Quercetina

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione

Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione Checklist Bio Suisse 2013 Gestione cantina / vinificazione La presente lista di controllo va compilata oltre alla lista di controllo produzione (vinificatori in proprio) risp. trasformazione commercio

Dettagli

L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari

L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari L insegnamento di Analisi Sensoriale nei corsi di studio delle Scienze e Tecnologie Alimentari Portavoce: Prof. Mario Bertuccioli (Università degli Studi di Firenze) Componenti del grippo ASi Bertuccioli

Dettagli

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta

Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta Capitolo 7: Domanda con il reddito in forma di moneta 7.1: Introduzione L unica differenza tra questo capitolo e il precedente consiste nella definizione del reddito individuale. Assumiamo, infatti, che

Dettagli

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione Dicembre 2014 6 Pagine Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi Introduzione L impasto ottenuto da carta di recupero tipicamente contiene gli inchiostri di stampa

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Gli abstracts dei tre temi sono riportati qui di seguito: 05.03.2007 Contaminanti da oli lubrificanti in beverage cans

Gli abstracts dei tre temi sono riportati qui di seguito: 05.03.2007 Contaminanti da oli lubrificanti in beverage cans Titoli delle tesi sperimentali svolte presso i Laboratori di Ricerche Analitiche su Alimenti e Ambiente da discutere nelle sedute di Laurea del 05.03.07, del 07.03.07 e del 12.03.07. - Contaminanti da

Dettagli

Sintesi. Big Sensory Test nocciole e derivati

Sintesi. Big Sensory Test nocciole e derivati Sintesi Big Sensory Test nocciole e derivati EVENTO Big Sensory Test nocciole e derivati DATA 17 settembre 2010 COMMITTENTE ENTE FIERA DELLA NOCCIOLA E PRODOTTI TIPICI DELL'ALTA CODICE REPORT R0440 Big

Dettagli

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO

VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO VALORI ANALITICI RICHIESTI E DA RISPETTARE PER L'OMOLOGA AL CONFERIMENTO Parametro Concentrazione Unità ammissibile ph 3 9,5 Solidi sospesi 50000 mg/l COD 60000 mg/l BOD5 50000 mg/l Azoto ammoniacale 800

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Corso di Laurea in: Scienze e Tecnologie Alimentari Anno Accademico 2014/2015 Programma d insegnamento:analisi Chimiche

Dettagli