Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino."

Transcript

1 Ottimizzazione di un metodo di analisi degli etilfenoli e valutazione dell effetto dei trattamenti di chiarifica sul loro asporto dal vino. Maurizio Petrozziello, Silvia Motta, Alessio Staccioli, Antonella Bosso CRA-Istituto Sperimentale per l Enologia, via P. Micca Asti Parole chiave: Etilfenoli, SPE, calibrazione, collaggio, chiarifica. Summary Ethylphenols are molecules, synthesized by yeasts Brettanomyces spp, which can cause deviations of the aromatic profile, if their concentration is higher than the recognition threshold. The present work concerned the optimization of a method for the determination of 4- ethylphenol and 4-ethylguaiacol in wines: it consists in a solid phase extraction procedure on C18-EC cartridges, followed by gas-chromatographic analysis. During the method validation, strong differences were observed between the calibration curve obtained from a hydroalcoholic solution (ph 3.2), and the one obtained from a commercial wine without ethylphenols: the second calibration curve shows a lower slope than the first one, probably because of interactions between ethylphenols and polyphenols retained in the solid phase. The calibration curves for the ethylphenols quantification have been calculated in a real wine: this assures a better reproducibility of the adsorption conditions during analysis, besides these curves present an higher ability of modelling the analytical response (higher R 2 values). This method was used to quantify ethylphenols removals from a contaminated wine, treated with 15 commercial oenological products (2 gelatines with low and high hydrolysis grade, 2 ovoalbumines (solid and liquid), 2 fish glues, 2 vegetal proteins (gluten and pea), potassium caseinate, silica sol, deodorant and decolouring charcoal, 2 arabic gums from different origin, bentonite and PVI and PVPP). Among these oenological products, only the deodorant charcoal caused a good (-30%) removal of ethylphenols, detectable by sensory analysis. Besides this product has the advantage of not absorbing the colour and not lowering the amount of polyphenolic compounds of red wines. Key words: Ethyphenols, SPE, calibration, fining, clarification. Introduzione Gli etilfenoli, 4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo, sono molecole prodotte dai lieviti del genere Brettanomyces spp. (Chatonnet et al., 1992 e 1993) che quando presenti nei vini in concentrazioni superiori alle soglie di percezione, determinano la comparsa di odori caratteristici e il più delle volte sgradevoli. Questi, in funzione della concentrazione delle molecole e del tipo di vino, ricordano lo speziato, l affumicato, il catrame, la pelle concia fino al fenolico, alla gomma bruciata, l inchiostro, il medicinale, il cerotto, il sudore di cavallo e l odore di stalla. I lieviti Brettanomyces spp., responsabili della produzione degli etilfenoli, sono ubiquitari negli ambienti di cantina e la loro crescita è favorita dalle alte temperature di conservazione, dagli alti ph, dal basso tenore in SO 2 molecolare. La buona osservanza delle norme igieniche di cantina, come è sempre consigliato, ed il periodico controllo del tenore in SO 2 libera nei vini rappresenta una condizione necessaria, ma spesso non sufficiente ad evitare la comparsa di questo difetto che riguarda anche i vini rossi di pregio con un elevato tenore alcolico e ricchi in polifenoli totali. Attualmente non esistono regole pratiche che se applicate correttamente, consentano con certezza assoluta di evitare la comparsa di questo difetto. I lavori di ricerca riguardano

2 l approfondimento delle conoscenze relativamente agli agenti responsabili di questa alterazione e lo studio dei fattori che influenzano il loro sviluppo (Chatonnet et al., 1997, Chatonnet, 2000, Guilloux-Benatier et al., 2001 e Silva et al., 2004), alla messa a punto di metodi per la quantificazione degli etilfenoli nei vini (Chatonnet et al., 1988, Pollnitz et al., 2000, Dominguez et al., 2002, Monje et al., 2002 e Martorell et al., 2002). Parallelamente sono allo studio pratiche ed interventi tecnologici in grado di asportare gli etilfenoli e/o di eliminarne le note olfattive sgradevoli dai vini quando queste sono già manifeste. A questo riguardo sono stati effettuati lavori sull asporto degli etilfenoli per aggiunta di lieviti secchi attivi (LSA) previamente idratati e di fecce ottenute dalla fermentazione alcolica di vini bianchi e rossi (Chassagne et al., 2005). E stato studiato (Ugarte et al., 2005) un processo che abbina l applicazione dell osmosi inversa su vino al trattamento del permeato con l impiego di resine idrofobiche adsorbenti; questo procedimento ha dato ottimi risultati per l asporto degli etilfenoli da vini che presentavano concentrazioni molto elevate in queste molecole, tuttavia esso risulta scarsamente selettivo nei confronti di numerose sostanze volatili, in particolare acidi grassi a media catena e loro esteri etilici. Il presente lavoro ha riguardato la valutazione dell efficacia di interventi chiarificanti con l impiego di colle proteiche (gelatine, albumine, colle di pesce, proteine vegetali e caseinato di potassio), carbone vegetale, bentonite e sol di silice e dell aggiunta di gomme arabiche di diversa origine sull asporto del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo e/o sulla correzione dei difetti olfattivi causati da queste molecole ai vini. L esperienza è stata preceduta dalla messa a punto di un metodo per il dosaggio degli etilfenoli di cui sono presentati alcuni risultati. Tabella 1: Prodotti enologici utilizzati nell esperienza e relative dosi di impiego. Prodotto impiegato Dose di impiego Bentonite Granulato 20 g/hl Carbone decolorante Polvere 20 g/hl Carbone deodorante Polvere 20 g/hl Caseinato di potassio Polvere 20 g/hl Colla di pesce Polvere 5 g/hl Colla di pesce Polvere 20 g/hl Gelatina di pesce Soluzione al 20% 20 g/hl Gelatina atomizzata Polvere 20 g/hl Gelatina poco idrolizzata Polvere 20 g/hl Glutine idrolizzato Polvere 20 g/hl Gomma arabica Seyal Soluzione al 22% 20 g/hl Gomma arabica Verek Soluzione al 20% 20 g/hl Albume d'uovo Albume fresco 20 g/hl di albumina Albumina Polvere 20 g/hl Proteina vegetale di pisello Polvere 10 g/hl PVI Polvere 20 g/hl PVPP Polvere 20 g/hl Sol di silice Soluzione al 30% 20 g/hl Materiali e metodi Descrizione dell attività sperimentale La prima parte del lavoro ha riguardato la messa a punto di un metodo per il dosaggio degli etilfenoli (4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo) nei vini rossi. E stato utilizzato il metodo proposto da Gianotti e Di Stefano (1991), per il dosaggio dei composti volatili lipofili che è stato sottoposto ad alcune modifiche. Sono state quindi condotte esperienze di chiarifica con l apporto di coadiuvanti e prove di aggiunta di additivi; i prodotti enologici utilizzati e le dosi di impiego sono schematicamente

3 riportati in tabella n.1. Ogni esperienza è stata effettuata in doppio su un volume di vino pari a circa 3 L. E stato impiegato un vino Merlot avente un tenore naturale medio-alto in etilfenoli (480 µg/l di 4-etilfenolo e 200 µg/l di 4-etilguaiacolo) che è stato aggiunto di etilfenoli per portarlo ad una concentrazione finale pari a circa 1000 µg/l di 4-etilfenolo e 340 µg/l di 4- etilguaicolo. I vini testimone, quelli sottoposti a trattamenti di chiarifica e quelli aggiunti di additivi sono stati quindi filtrati ed imbottigliati. Sui vini sono stati determinati il contenuto in 4-etilfenolo e 4-etilguaiacolo, il tenore in antociani e flavonoidi totali, l intensità e la tonalità colorante (Di Stefano et al., 1989). La valutazione delle caratteristiche sensoriali ha riguardato, per ciascun trattamento, l effettuazione di test di confronto a coppie (duo-trio test e test di preferenza) tra il vino teste ed il vino trattato e la valutazione dell intensità di alcuni descrittori olfattivi: fruttato, speziato e fenolico con l impiego di una scheda a scale astrutturate. I dati chimici e sensoriali sono stati quindi sottoposti ad ANOVA. Determinazione del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo nei vini. Un campione di 30 ml di vino, diluito con acqua ultrapura, in modo da abbassare il tenore alcolico al di sotto del 4%, è stato aggiunto di 300 µl di una soluzione di 43,65 mg/l di 3,4- dimetilfenolo e caricato su una cartuccia C 18 (EC) (Isolute) da 1g precedentemente condizionata con 5 ml di metanolo e 5 ml di una soluzione idroalcolica al 5%. Il campione di vino è stato quindi lasciato percolare per gravità. La frazione lipofila contenente i composti di interesse è stata eluita, dopo asciugatura della cartuccia, con 6 ml di diclorometano. L eluato è stato quindi disidratato con Na 2 SO 4 anidro e sottoposto ad analisi GC-FID secondo le condizioni indicate da Gianotti e Di Stefano (1991). In fase di messa a punto del metodo, le curve di calibrazione del 4-etilfenolo e del 4- etilguaiacolo sono state determinate su un vino sintetico (12% etanolo e 5 g/l di acido tartarico) portato a ph 3,2 per aggiunta di NaOH N e su un vino rosso privo di etilfenoli. Entrambe le curve di calibrazione sono state calcolate impiegando come standard interno l 1- eptanolo ed il 3,4-dimetilfenolo. Sulla base dei risultati ottenuti e che saranno discussi più oltre, è stato scelto di determinare il tenore in etilfenoli utilizzando la retta di calibrazione determinata su vino rosso e di impiegare come standard interno il 3,4-dimetilfenolo. La curva di calibrazione del 4-etilfenolo e del 4-etilguaiacolo utilizzata per il dosaggio degli etilfenoli nel corso della presente esperienza è stata dunque calcolata impiegando una soluzione madre contenente rispettivamente 249,2 mg/l di 4-etilfenolo e 75,6 mg/l di 4- etilguaiacolo diluita con un vino rosso esente da etilfenoli ed avente una composizione chimico-fisica prossima a quella del vino impiegato durante le fasi successive della sperimentazione. Sono state preparate soluzioni in triplo a 6 diverse concentrazioni comprese tra 0 e 2000 µg/l. Ciascuna soluzione dopo l aggiunta dello standard interno è stata sottoposta al processo di estrazione su cartuccia C 18 (EC), come precedentemente descritto. Tabella 2: Pendenza e coefficiente di determinazione (R 2 ) delle curve di calibrazione del 4- etilfenolo (4-etf) e del 4-etilguaiacolo (4-etg). Pendenza 1-eptanolo 3,4-dimetilfenolo 1-eptanolo 3,4-dimetilfenolo 4-etg 0,9611 0,7948 0,9814 0,9986 tampone 4-etf 1,1487 0,9517 0,9865 0, etg 0,8161 0,7743 0,9985 0,9982 vino 4-etf 0,9986 0,9473 0,9981 0,9993 R 2

4 Risultati In tabella n.2 sono riportati i valori della pendenza e del coefficiente di determinazione (R 2 ) delle rette di calibrazione determinate su mezzo sintetico e su vino. Se confrontiamo i valori dei coefficienti di regressione delle rette di calibrazione delle due molecole di etilfenoli rileviamo che in entrambi i casi questi risultano più elevati quando la calibrazione è effettuata su mezzo sintetico rispetto a quando si opera con vino. Ciò significa che esiste un effetto matrice che fa sì che operando con il vino si abbia una maggiore ritenzione in cartuccia degli etilfenoli rispetto al mezzo sintetico. Il tenore in etilfenoli, calcolato utilizzando la retta di calibrazione su mezzo sintetico, risulta dunque sottostimato rispetto a quando si impiega la retta di calibrazione su vino. Per quanto riguarda la scelta dello standard interno, dall esame dei coefficienti di determinazione (R 2 ) delle rispettive rette di calibrazione, si rileva che in entrambi i mezzi impiegati, l utilizzo del 3,4-dimetilfenolo comporta, rispetto all 1-eptanolo una riduzione dell errore sperimentale (aumento del valore del R 2 ). Gli scarti nell abilità di modellamento delle rette di calibrazione, ottenute con i due diversi standard interni aumentano quando si opera con vino sintetico. In tabella n.3 e n.4 sono riportati rispettivamente i valori medi del tenore in 4-etilfenolo e in 4-etilguaiacolo dei vini testimone e di quelli trattati con i coadiuvanti e gli additivi riportati in tabella n.1; sono, inoltre, indicati, per ciascun trattamento, gli asporti percentuali dei 2 etilfenoli. Tabella 3: Effetto dei trattamenti enologici sul tenore in 4-etilfenolo. Tabella 4: Effetto dei trattamenti enologici sul tenore in 4-etilguaiacolo. Prova 5 Prova 4 Prova 3 Prova 2 Prova 1 4-etilfenolo Trattamento µg/l Asporto % F Testimone prova Gelatina poco idrolizzata 997-5,9 7,1 n.s. Gelatina atomizzata 995-6,2 16,3 n.s. Albumina 998-5,8 13,2 n.s. Albume d'uovo 999-5,7 9,8 n.s. Testimone prova Glutine idrolizzato ,2 2,5 n.s. Gelatina pesce ,5 0,0 n.s. Colla pesce 6 ml ,1 0,2 n.s. Colla pesce 24 ml 990-4,9 10,9 n.s. Testimone prova Carbone deodorante ,8 346,2 ** Carbone decolorante 931-9,9 212,3 ** PVI 985-4,6 47,0 * PVPP 989-4,3 21,7 * Testimone prova Bentonite ,5 n.s. Sol di silice ,8 n.s. Caseinato di potassio ,6 n.s. Testimone prova Proteina di pisello 949-5,9 180,0 ** Gomma arabica Verek ,0 n.s. Gomma arabica Seyal 983-2,6 1,3 n.s. Prova 5 Prova 4 Prova 3 Prova 2 Prova 1 4-etilguaiacolo Trattamento µg/l Asporto % F Testimone prova Gelatina poco idrolizzata 350-3,2 1,0 n.s. Gelatina atomizzata 350-3,3 2,5 n.s. Albumina 350-3,4 1,8 n.s. Albume d'uovo 342-5,6 4,6 n.s. Testimone prova Glutine idrolizzato 342-7,3 4,0 n.s. Gelatina pesce 346-6,2 3,4 n.s. Colla pesce 6 ml 363-1,6 1,0 n.s. Colla pesce 24 ml 357-3,4 11,5 n.s. Testimone prova Carbone deodorante ,8 37,6 * Carbone decolorante 330-9,3 154,8 ** PVI ,7 207,5 ** PVPP 329-9,8 25,3 * Testimone prova Bentonite 342-2,3 1,4 n.s. Sol di silice 347-1,0 0,5 n.s. Caseinato di potassio 342-2,3 2,6 n.s. Testimone prova Proteina di pisello 324-5,5 2,6 n.s. Gomma arabica Verek 341-0,6 0,0 n.s. Gomma arabica Seyal 329-4,1 1,2 n.s. Dall elaborazione statistica (ANOVA) dei dati (tabelle n. 3 e n. 4) si rileva che tra i prodotti testati, soltanto il carbone deodorante, il carbone decolorante, il PVI, il PVPP e la proteina vegetale di pisello hanno provocato una significativa riduzione del contenuto in 4-etilfenolo e, ad eccezione della proteina di pisello, anche in 4-etilguaiacolo. Asporti quantitativamente interessanti dal punto di vista pratico, riguardano soltanto i carboni vegetali e sono pari al 30% per il carbone deodorante ed al 10% per il carbone decolorante, equivalenti sia per il 4-etilfenolo che per il 4-etilguaiacolo.

5 Per quanto riguarda gli altri 3 prodotti chiarificanti, il PVI, il PVPP e la proteina di pisello, per i quali è stata rilevata la presenza di differenze statisticamente significative, gli asporti risultano variabili dal 4 al 6% per il 4-etilfenolo e leggermente maggiori e rispettivamente pari all 11,7 ed al 9,8%, con il PVI ed il PVPP per quanto riguarda il 4-etilguaiacolo. L entità degli asporti, soprattutto del 4-etilfenolo, sono simili a quelli di altre colle proteiche, quali le gelatine, le albumine e la colla di pesce alla dose di 20 g/hl, per le quali non sono state rilevate differenze statisticamente significative rispetto alla tesi testimone. La presenza di differenze significative soltanto per alcuni trattamenti è legata alla variabilità dell errore sperimentale. Tabella 5: Influenza di alcuni trattamenti sul colore e sul tenore in polifenoli dei vini. Antociani totali Flavonoidi totali E420+E520 Trattamento Asporto % F Asporto % F Asporto % F Carbone deodorante 0 ns 1 ns 3 ns Carbone decolorante -10,8 95 ** -0,1 0 ns -8,6 168 ** PVI 0 ns 4 ns -1,7 3 ns PVPP -0,5 0 ns 0 ns 7 ns Proteina di pisello -2,6 1 ns -3,7 2 ns 1 ns In tabella n.5 sono riportati alcuni dati relativi al tenore in antociani e flavonoidi totali e all intensità colorante delle tesi testimone e di quelle trattate impiegando i prodotti enologici più interessanti per quanto riguarda gli asporti di etilfenoli. Ad eccezione del carbone decolorante che, come prevedibile, ha causato un marcato asporto di antociani totali e di colore, gli altri trattamenti non hanno provocato modificazioni apprezzabili né del colore né del contenuto in composti polifenolici dei vini. I risultati analitici sono stati in parte confermati da quelli dell analisi sensoriale. Tra i vini in cui è stato evidenziato un significativo asporto di etilfenoli, soltanto quello trattato con carbone deodorante (maggiori asporti) è stato distinto in modo Tabella 6: Risultati del duo-trio test e del test di statisticamente significativo dal preferenza a coppie. testimone, senza tuttavia esserne Preferenza preferito (tabella n.6). Risposte esatte trattamento Il panel di assaggio non è però Albumina 9 su 13 ns stato in grado di descrivere, nei Gelatina atomizzata 6 su 13 ns termini proposti dalla scheda Gelatina poco idrolizzata 6 su 13 ns sensoriale (intensità dei descrittori Albume d'uovo 8 su 13 ns fruttato, speziato e fenolico), le Glutine idrolizzato 11 su 12 * 2 su 10 differenze nelle caratteristiche Gelatina pesce 10 su 12 * 3 su 11 sensoriali che nel complesso aveva Colla di pesce 5g/hL 8 su 13 ns Colla di pesce 20g/hL 10 su 13 * 3 su 11 percepito (figura n.1). Sarebbe, a Carbone decolorante 9 su 13 ns questo riguardo, interessante Carbone deodorante 10 su 13 * 7 su 12 conoscere la soglia differenziale di PVI 4 su12 ns percezione degli etilfenoli per il PVPP 4 su 12 ns vino impiegato nell intervallo tra Bentonite 7 su 13 ns 700 e 1000 µg/l, che Sol di silice 7 su 13 ns corrispondono ai valori delle Caseinato di potassio 8 su 12 ns concentrazioni dei vini della tesi Proteina di pisello 8 su 12 ns Gomma arabica Verek 7 su 12 ns trattata e del testimone. Gomma arabica Seyal 6 su 12 ns Nel corso dei duo-trio test, il vino testimone è stato, inoltre, distinto da quello delle tesi trattate con glutine idrolizzato e con

6 Trattamento Testimone colla di pesce (20 g/hl); in questi due casi il riconoscimento è avvenuto a causa della presenza di odori estranei, legati all impiego di dosi eccessive di prodotto Fruttato Speziato Fenolico Figura 1: Valori medi dei descrittori fruttato, speziato e fenolico dei vini teste e trattati. Trattamento con carbone deodorante. Risultati I trattamenti di chiarifica dei vini con l impiego delle colle proteiche (gelatine, albumine, proteine vegetali di diversa origine e colle di pesce) presentano una scarsa capacità di asportare gli etilfenoli dai vini. Ciò conferma quanto riportato nel corso di lavori precedenti (Panero et al., 2001) in cui si evidenziava una scarsa affinità tra le colle proteiche ed i composti polifenolici a basso perso molecolare, quali acidi fenolici ed idrossicinnamiltartarici, flavani monomeri e proantocianidine dimere e trimere. Dei prodotti esaminati, soltanto il carbone deodorante ha provocato un buon (-30%) asporto di etilfenoli, apprezzabile anche all analisi sensoriale. Questo composto ha uno scarso impatto sul colore e sui composti polifenolici dei vini rossi. Bibliografia Chassagne D., Guilloux-Benatier M., Alexandre H., Voilley A. (2005) - Food Chemistry, 91: Chatonnet P., Boidron J. N. (1988) Sci. Aliments, 8: Chatonnet P., Dubourdieau D., Boidron J., Pons M. (1992) - J. Sci. Food Agric., 60: Chatonnet P., Dubourdieau D., Noël Boidron J.-N., Lavigne V. (1993) - J. Sci. Food Agric., 62: Chatonnet P., Viala C., Dubourdieu D. (1997) Am. J. Enol. Vitic., 48: Chatonnet, P. (2000) - Rev. des Œnologues, 96 : Di Stefano R., Cravero M.C., Gentilini N. (1989) L Enotecnico, XXV: Domínguez C., Guillén D. A., Barroso, C. G. (2002) Anal. Chimica Acta, 458: Gianotti S., Di Stefano R., (1991) L Enotecnico, XXVII, (10): Guilloux-Benatier M., Chassagne D., Alexandre H., Charpentier C., Feuillat M. (2001) - J. Int. Sci. Vigne Vin, 35, (3) : Martorell N., Martí M. P., Mestres M., Busto O., Guasch J. (2002) J. Chromatogr. A, 975: Monje M. C., Privat C., Gastine, V., Nepveu, F (2002) - Anal. Chimica Acta, 458: Panero L., Bosso A., Gazzola M., Scotti B., Lefebvre S. (2001) - VigneVini, 11: Pollnitz A. P., Pardon K. H., Sefton M. A. (2000) J. Chromatogr. A, 879: Silva P., Cardoso H., Gerós H. (2004) -. Am. J. Enol. Vitic., 55 (1): Ugarte P., Agosin E., Bordeu E., Villalobos J.I. (2005) - Am. J. Enol. Vitic., 56 (1):

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Treschietto a confronto con altre varietà"

Treschietto a confronto con altre varietà "Caratteristiche sensoriali della cipolla di Treschietto a confronto con altre varietà" di Castellari Lorena ASTRA Innovazione e Sviluppo Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente

Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Università di Foggia Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell Ambiente Produzione di formaggio di bufala a pasta semidura: studio della proteolisi Barbara La Gatta, Giusy Rusco, Aldo Di Luccia

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

ESPERIENZE DI LABORATORIO

ESPERIENZE DI LABORATORIO ESPERIENZE DI LABORATORIO Determinazione dello zinco nei capelli..1 Determinazione di anioni inorganici presenti in acque potabili 4 Determinazione degli acidi grassi in lipidi di origine naturale..6 Determinazione

Dettagli

Caratterizzazione di es tratti della pianta officinale

Caratterizzazione di es tratti della pianta officinale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA DIPARTIMENTO di BIOLOGIA e d EVOLUZIONE Sezione di Ris ors e Agrotecnologiche e Farmaceutiche Corso Ercole I d Este, 32-44100 Ferrara Tel. (0532) 293700 - Fax (0532) 208561

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco

Vini SPUMANTI. Franciacorta Cuve Imperiale Brut. Valdobbiadene Prosecco. Superiore Brut. Prosecco Treviso Extra Dry. Valdobbiadene Prosecco Carta dei Vini 2015 Vini SPUMANTI Franciacorta Cuve Imperiale Brut Superiore Brut Berlucchi Regione LOMBARDIA Uve Chardonnay e Pinot Nero Vino Bouquet ricco e persistente,con note fruttate e floreali.

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale

Il sistema Kompogas. Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse. Dealer Ufficiale Il sistema Kompogas Dalla gestione dei rifiuti a quella delle risorse Dealer Ufficiale Garanzia di efficienza e flessibilità al servizio dell ambiente: Axpo Kompogas CESARO MAC IMPORT e Axpo Kompogas Partnership

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

LINEE GUIDA INQUINAMENTO OLFATTIVO. da cottura di alimenti

LINEE GUIDA INQUINAMENTO OLFATTIVO. da cottura di alimenti DIREZIONE SANITA' Settore Promozione della Salute e Interventi di Prevenzione Individuale e Collettiva LINEE GUIDA Rivolte ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica INQUINAMENTO OLFATTIVO da cottura di alimenti

Dettagli

Salute e sicurezza. Aspetti di tutela

Salute e sicurezza. Aspetti di tutela Salute e sicurezza. Aspetti di tutela Pasquale Cavallaro MINISTERO della SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Uff. VII Requisiti per l autorizzazione (Articoli

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

I l Cotto Nobile Arrotat o

I l Cotto Nobile Arrotat o I l Cotto Nobile Arrotat o RAPPORTO DI PROVA N. 227338 Data: 25062007 Denominazione campione sottoposto a prova: NOBILE ARROTATO UNI EN ISO 105454:2000 del 30/06/2000 Piastrelle di ceramica. Determinazione

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli