La funzione normazione SSC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La funzione normazione SSC"

Transcript

1 La funzione normazione SSC Davide Faedo Paola Comotti Andrea Gallonzelli 1

2 Organizzazione dell attività normativa alla SSC Combustibili liquidi: Faedo & Gallonzelli Combustibili gassosi: Comotti 2

3 Caratteristiche dell attività normativa alla SSC 100 % istituzionale Richiesta dai nostri contribuenti Attività svolte: - normazione nazionale e internazionale - attività sperimentale (sviluppo metodi, attività prenormativa ) - organizzazione e gestione RRT di ambito nazionale ed europeo (internazionale) - organizzazione e gestione prove interlaboratorio (UNICHIM) - formazione: corsi (Total), giornate di formazione, 3

4 Il ruolo della SSC nei tre livelli dell attività normativa Commissione Europea: Direttive e mandati ssc 1 Norme tecniche Consulenza e supporto analitico 2 Metodi di prova Partecipazione attiva 3 Prove interlaboratorio Gestione Ruolo SSC: super partes! 4

5 Un esempio del ruolo della SSC 2009/30/CE: Fuels Quality Directive (FQD) definisce le caratteristiche ambientali di benzina e gasolio (EN 228 ed EN 590) introduce un nuovo parametro ambientale: additivi metallici, con particolare riferimento all MMT necessario definire metodi di prova per la determinazione del contenuto di manganese sviluppo dei metodi (2) e organizzazione RRT: WG27 & SSC Decreto Legislativo 31 marzo 2011, n. 55 Riporta le stesse tabelle della direttiva Allegato V (Metodi di prova e modalita' operative per l'accertamento sulla conformita' dei combustibili) scritto in collaborazione con SSC 5

6 Normazione prodotti petroliferi Enti di normazione nazionali 6

7 Normazione prodotti petroliferi Ente di normazione europeo 7

8 Normazione prodotti petroliferi Ente di normazione internazionale ISO/TC 28 di interesse: WG 2: Precisione dei metodi di prova WG 15:Octane testing for high ethanol blend fuel SC 7: Liquid Biofuels SC 4: Specifiche (es: ISO 8217) 8

9 Normazione prodotti petroliferi Altri enti di normazione con partecipazione della SSC ASTM D2 Sottocomitato 1: Ottano, Cetano, DCN Energy Institute (ex Institute of Petroleum) SC B13 (DCN) SC G3 (Inorganic Analysis) e SC G5 (Zolfo) 9

10 Attività della SSC - Combustibili liquidi Nazionale Combustibili autotrazione: supporto nel recepimento delle norme tecniche europee (traduzione, ) Gestione delle Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi (dal 1992!) Attività normativa Membri della Commissione Prodotti Petroliferi di UNICHIM Membri della Commissione Combustibili, Lubrificanti ed Affini della CUNA Internazionale 10

11 Prove interlaboratorio UNICHIM Finalità - Offrire a ciascun laboratorio partecipante l opportunità di confrontare i propri risultati con quelli di altri laboratori e verificare, quindi, la propria situazione per quanto attiene al Sistema Qualità attuato; -Valutare la riproducibilità per ciascuno dei metodi di prova eseguiti in rapporto a quella stabilita per i metodi di prova stessi Due diverse prove interlaboratorio: PRODOTTI PETROLIFERI & GPL 11

12 Prove interlaboratorio UNICHIM Prova Interlaboratorio PRODOTTI PETROLIFERI 1. benzina super 2. petrolio avio 3. gasolio trazione 4. gasolio riscaldamento 5. olio combustibile 6. bitume 7. biodiesel 12

13 Attività SSC in ambito UNICHIM Gruppo metodi analitici (coordinatore) Gruppo denaturanti (coordinatore) Gestione prove interlaboratorio (coordinatore) Gruppo GPL 13

14 Attività SSC in ambito CUNA GL1 Caratteristiche ottaniche e cetaniche dei combustibili (coordinatore) GL 3 Caratteristiche combustibili liquidi GL 7 Proprietà a freddo (coordinatore) 14

15 Attività della SSC - Combustibili liquidi Gestione dell interfaccia nazionale: verifica, revisione e approvazione di norme europee Attività normativa Internazionale CEN/TC 19 Partecipazione Steering Group (AFNOR, BSI, DIN, NEN, UNI ) Partecipazione ai gruppi che si occupano di sviluppo di metodi di prova Partecipazione ai gruppi che si occupano di specifiche ISO/TC 28 Energy Istitute: SC G3 e SC G5, SC B13 ASTM D2 15

16 16

17 L Italia nel panorama europeo (da DataBook 2011 UP) 17

18 Gruppi analitici CEN/TC 19 e partecipazione SSC CEN/TC 19/JWG 1 CEN/TC 19/WG 9 CEN/TC 19/WG 14 CEN/TC 19/WG 15 CEN/TC 19/WG 27 CEN/TC 19/WG 31 CEN/TC 19/WG 33 CEN/TC 19/WG 34 CEN/TC 19/WG 35 CEN/TC 19/WG 36 Vegetable fats and oils Chromatographic test methods Cold flow properties Vapour pressure methods Elemental analysis Total contamination Bio-lubricants Diesel fuel cold operability correlation Ignition quality testing and correlation Precision evaluation 18

19 Attività recente Manganese nella benzina: pren e pren P(+S) in FAME: ruggedness study & RRT pren Na, Ca, P, Cu, K, Zn (elementi in traccia) in diesel: ruggedness study (a breve RRT) revisione EN (WG 31): RRT in via di svolgimento: reperimento campioni, supporto analitico, gestione revisione EN 116 (WG 14): reperimento campioni e laboratori italiani WG35: tre meeting organizzati e condotti, gestione del lavoro preliminare (pre-normativo) 19

20 Gruppi delle specifiche del CEN/TC 19 & SSC CEN/TC 19/WG 21 WG21 ETF WG21 E85 TF CEN/TC 19/WG 23 CEN/TC 19/WG 24 WG24 FAME TF WG24 B30 TF Specification for unleaded petrol Ethanol standardization activities Standardization of ethanol (E85) automotive fuel Specification of automotive LPG and related test method Specification of distillate fuels Standardization of FAME and FAEE for use as automotive diesel engines fuel Specifications for high biodiesel fuel blend 20

21 Norme tecniche del CEN relative ai biocombustibili EN 15376: EtOH EN 14214: FAME EN 228 (E5) EN 590 (B7) In via di sviluppo: E10, B10 E85 B30 Futuro: XTL-HVO In Italia: Recepimento RED con il Decreto legislativo 3 marzo 2011 n. 28 Quota d obbligo di miscelazione con biocarburanti: 5% (su base energetica) al 2014 Target vincolante del 10% di energia da rinnovabili in tutte le forme di trasporto entro il

22 Sviluppo delle specifica EN228 e politiche europee Pubblicazione Revisioni Futura revisione XX 98/70/CE 2003/17/CE /30/CE 2009/30/CE CAFE, EPEFE Mandato della Commissione al CEN/TC 19 22

23 Ancora sul ruolo della SSC in ambito europeo Specifica dell etanolo EN 15376: 2011 Metodi sviluppati dal WG27 e/o con contributo rilevante della SSC Caratteristica Unità Limiti minimo massimo Metodo di prova Contenuto di etanolo + alcoli saturi a catena superiore % (m/m) 98,7 EN Contenuto di monoalcoli saturi a catena superiore (C3-C5) % (m/m) 2,0 EN Contenuto di metanolo % (m/m) 1,0 EN Contenuto d acqua % (m/m) 0,300 EN EN Acidità totale (espressa come acido acetico) % (m/m) 0,007 EN Conduttività elettrica μs/cm 2,5 EN Aspetto Limpido e incolore EN Contenuto di cloruri inorganici mg/kg 6,0 EN pren Contenuto di solfati mg/kg 4,0 pren Contenuto di rame mg/kg 0,100 EN EN Contenuto di fosforo mg/l 0,15 EN EN Contenuto di materiale non volatile mg/100ml 10 EN Contenuto di zolfo mg/kg 10,0 EN EN EN

24 SSC.. e la normativa nazionale combustibili gassosi CIG (Comitato Italiano Gas) costituto nel 1953 SSC partecipa alle attività di CIG supportando il lavoro normativo anche con attività sperimentale ad hoc Riferimenti Legislativi e Normativi: Direttive Unione Europea Legislazione Nazionale Normativa Europea ed Internazionale Delibere AEEG (Autorità dell Energia Elettrica e del Gas) Legge 1083/71 24

25 SSC.. e gli odorizzanti per gas Anni 60 Necessità di scrivere ex novo norma italiana sugli odorizzanti per gas SSC partecipa attivamente con proprio personale alla creazione della prima norma italiana sugli odorizzanti per gas e allo sviluppo di norme riguardanti gli apparecchi utilizzatori di gas SSC è tra i primi laboratori in Italia ad essere dotata di gascromatografi dedicati allo studio di combustibili gassosi 25

26 SSC.. e gli odorizzanti per gas Anni 70 Viene pubblicata Norma UNI-CIG 7133/72 Odorizzazione e odorizzanti di gas per uso domestico distribuiti a mezzo tubazioni o allo stato liquido in bidoni successivamente recepita in G.U. ai sensi della Legge 1083/71 il DM 7 luglio 1975 del Ministro per l Industria, il Commercio e l Artigianato autorizza SSC e IMQ ad eseguire accertamenti sull applicazione della Legge 1083/71 In particolare all Art. 4 del DM 7 luglio 1975 SSC viene autorizzata dal Ministero ai sensi della Legge 1083/71 ad eseguire anche prove sull odorizzazione del gas 26

27 SSC.. e gli odorizzanti per gas Anni 80 Necessità di revisionare la Norma UNI-CIG 7133/72 SSC partecipa ai lavori di revisione mettendo a punto insieme ad ITALGAS e SNAM le nuove prove sperimentali per la caratterizzazione chimico-fisica degli odorizzanti e le prove prestazionali del gas odorizzato durante la combustione realizzando anche dispositivi ad hoc (ndr alcune prove sono state recepite in toto nella norma Europea UNI EN ISO Composti di zolfo organico utilizzati come odorizzanti per gas ) 27

28 SSC.. e gli odorizzanti per gas Pubblicazione della revisione della norma odorizzanti come Norma UNI 7133/94 Anni 90 Stesura ex novo e pubblicazione della Norma UNI 9463 Impianti di odorizzazione (divisa in 3 parti) SSC partecipa alle ultime fasi della stesura della Norma Impianti e segue le evoluzioni legate agli odorizzanti partecipando ai lavori della Commissione CIG Odorizzazione e odorizzanti: apparecchi e impianti Nel 1995 è stata costituita AEEG divenuta operativa dal

29 SSC.. e gli odorizzanti per gas Grandi novità settore gas Nuovo Millennio Direttiva Europea 98/30/CE Liberalizzazione mercato del gas Decreto Legislativo 164 del 23 maggio 2000 (Decreto Letta) recepisce la Direttiva Europea Delibera AEEG 236/00 sulla continuità e sicurezza della distribuzione gas pubblicata GU gennaio 2001 Norma UNI 7133/94 pubblicata ai sensi Legge 1083/71 GU gennaio 2001 Decisione di AEEG di effettuare prove sul campo presso i distributori sull odorizzazione del gas 29

30 SSC.. e gli odorizzanti per gas Necessità di revisionare le Norme italiane sugli odorizzanti per recepire: - rinnovato assetto normativo europeo ed internazionale - evoluzione tecnologica Partono in primavera 2004 il lavori di revisione delle norme UNI 7133/94 e UNI 9463/90 SSC ha partecipato ai lavori di: Nuovo Millennio Revisione norma UNI 7133: attualmente ad inchiesta pubblica Revisione norma UNI 9463: sono in corso le ultime riunioni, prevista inchiesta pubblica entro l anno 30

31 SSC.. e gli odorizzanti per gas Dal 2004 ai giorni nostri SSC ha supportato i Gruppi di Lavoro mediante: o prove sperimentali (ripartizione odorizzante nelle fasi del GPL) o partecipazione a prove interlaboratorio (PIOG1) o gestione prove interlaboratorio ad hoc (PIOG2) o sviluppo metodi di prova attivando la creazione di ulteriori gruppi di lavoro normativi specifici: - Metodo per la deteminazione gascromatografica del TBM nel GPL (ex metodo UNICHIM 2397, in fase di approvazione come UNI/TR) - Attivazione GdL UNICHIM - Prova Interlaboratorio per la precisione del metodo 31

32 SSC.. e gli odorizzanti per gas Dal 2004 ai giorni nostri Viene pubblicata nel 2006 una revisione in itinere della Norma UNI 7133 che dall ottobre 2009 sostituisce, ai sensi della Legge 1083, la UNI 7133/94 come da richiamo nell art. 2 del DM 13 agosto 2009 GU del 13 ottobre 2009 Elenco riepilogativo aggiornato delle norme nazionali che traspongono le norme armonizzate europee, in materia di apparecchi a gas di cui alla direttiva 90/396/CEE. 32

33 SSC.. e gli odorizzanti per gas Dal 2004 ai giorni nostri A partire dalla Campagna 2004/2005 ad oggi AEEG affida ad SSC (Incarico in essere: Delibera VIS 91/10) insieme al Nucleo Speciale della Guardia di Finanza la verifica sul campo dell odorizzazione del gas, come previsto dall Art. 8 dalle seguenti successive Delibere AEEG: 236/00 I Periodo Regolatorio 168/04 II Periodo Regolatorio ARG/gas 120/08 III Periodo Regolatorio 33

34 SSC.. e le Linee Guida a seguito di Direttive AEEG Linee Guida -Pronto Intervento -Emergenze -Incidenti -Dispersioni: classificazione -Dispersioni: ricerca -- (Odorizzazione di gas) Dal 2004 ai giorni nostri SSC partecipa alla stesura con significativo contributo a: - caratteristiche e modalità taratura strumentazione - limiti infiammabilità e normativa 34

35 SSC.. e la normativa tubi per gas Dal 2004 ai giorni nostri Metodologia di valutazione rischi di dispersione gas ex Delibera AEEG 168/ Inizia GdL riguardante l utilizzo di tubi in polietilene per gas combustibile 35

36 SSC.. e Qualità Europea Gas, GAD Dal 2004 ai giorni nostri T Gruppo di lavoro ad hoc GAD (Gas Appliances Directive) Gruppo CIG Mirror del corrispondente GdL Europeo T Gruppo di lavoro ad hoc Qualità Europea Gas Gruppo CIG Mirror del corrispondente GdL Europeo 36

37 SSC.. e sicurezza domestica: GPL e Rivelatori gas Revisione norma UNI 7131 Impianti a GPL per uso domestico e similare non alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione, esercizio e manutenzione Linea Guida Rivelatori di gas combustibili e monossido di carbonio per ambienti domestici e similari Installazione, uso e manutenzione - gas con densità < 0,8 (GN) - gas con densità > 0,8 (GPL) - CO Giorni nostri 37

38 SSC.. e Biogas/Biometano 2011 SSC partecipa ai lavori del GdL CIG Biogas/biometano mirror del PC 408 Europeo che nasce a seguito del Mandato M 475 della Commissione Europea Scopo PC 408: stabilire le specifiche del biometano da immettere in rete di gas e/o utilizzare nel trasporto (automotive) 38

39 COMPITI PC 408 SSC.. e Biogas/Biometano - stabilire gli ambiti dei parametri prestazionali relativi al combustibile (es. indice di Wobbe, potere calorifico etc...) - stabilire i limiti oppure stabilire la richiesta di non presenza di componenti diversi dal metano (es. cloruri, fluoruri, silossani, ammoniaca, composti solforati, etc.) IMPORTANTE metodologia di campionamento - tecniche analitiche - metodi analitici 39

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi

Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Determinazione di elementi in traccia nei combustibili liquidi Andrea Gallonzelli Stazione Sperimentale per i Combustibili www.ssc.it 1 Metodi di prova prodotti petroliferi I metodi di prova sono utilizzati

Dettagli

La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia

La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia La normazione dei combustibili per autotrazione: oltre cento anni di storia A cura di Davide Faedo Innovhub - Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili - CT "Prodotti petroliferi e lubrificanti"

Dettagli

Prove interlaboratorio Prodotti Petroliferi e Qualità Combustibili

Prove interlaboratorio Prodotti Petroliferi e Qualità Combustibili Prove interlaboratorio Prodotti Petroliferi e Qualità Combustibili Riunione Plenaria Evoluzione Norme EN/ISO/Nazionali Ing. Franco Del Manso Unione Petrolifera Falconara 13 aprile 2011 1 BIOCARBURANTI

Dettagli

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici

UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici Agroenergie e biocarburanti: le tecnologie e le prospettive di nuovi modelli energetici sostenibili UTILIZZO DEI BIOCOMBUSTIBILI NEI MOTORI Compatibilità e problemi tecnici FRANCESCO AVELLA avella@ssc.it

Dettagli

GPL e numero di metano

GPL e numero di metano Divisione STAZIONE SPERIMENTALE PER I COMBUSTIBILI Innovhub-Stazioni Sperimentali per l Industria GPL e numero di metano Paola Comotti 1 Introduzione CEN/TC 19/WG23 Interesse per potenziale utilizzo e/applicazione

Dettagli

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 Residui all evaporazione nel GPL: Contenuti Contaminanti nel GPL Specifica di prodotto EN589 Nuove tecniche analitiche Nuovo metodo pren16423

Dettagli

COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL

COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL Quando i carburanti diventano Bio :: compatibilità ambientale, potenzialità tecnica ed economica nel settore biofuels COMPORTAMENTO DI AUTOVEICOLI ALIMENTATI CON MISCELE GASOLIO / BIODIESEL FRANCESCO AVELLA

Dettagli

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas

Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas Prospettive per l immissione del biometano nella rete gas ANDREA OGLIETTI Direttore Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Milano, 4 aprile 2014 1 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi

Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi Laboratorio Biomasse - Elenco delle analisi 1 - Analisi per la caratterizzazione energetica e chimico-fisica dei materiali 1.1 - Biomasse solide * 1 Umidità CEN/TS 14774 Ceneri a 550 C CEN/TS 14775 Potere

Dettagli

Novità e fabbisogni normativi

Novità e fabbisogni normativi Novità e fabbisogni normativi Novità e fabbisogni normativi Le specifiche tecniche della telelettura Gli aggiornamenti delle norme tecniche attuative ti della legge 1083/71 Le altre norme e linee guida

Dettagli

Il Gasolio Autotrazione

Il Gasolio Autotrazione Il Gasolio Autotrazione Con il termine gasolio autotrazione viene indicata una miscela di idrocarburi idonea per essere impiegata nei motori diesel. Il gasolio commercializzato in Italia deve possedere

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

TECNOLOGIA HYST: UN PONTE TRA SICILIA E AREA MEDITERRANEA

TECNOLOGIA HYST: UN PONTE TRA SICILIA E AREA MEDITERRANEA TECNOLOGIA HYST: UN PONTE TRA SICILIA E AREA MEDITERRANEA Biocarburanti Il punto di vista dell Industria petrolifera Ing. Franco Del Manso Unione Petrolifera Catania 29 gennaio 2015 2 Le recenti novità

Dettagli

INNOVHUB Stazioni Sperimentali per l Industria Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili

INNOVHUB Stazioni Sperimentali per l Industria Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili INNOVHUB Stazioni Sperimentali per l Industria Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Presentazione 2 Circuito Interlaboratorio Determinazione fattore K tubo Pitot San Donato Milanese 27 giugno

Dettagli

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno.

COMBUSTIBILI. Combustibili fossili convenzionali. Combustibili alternativi. Gas naturale. Biomasse. Petrolio e derivati. Idrogeno. COMBUSTIBILI Combustibili fossili convenzionali Gas naturale Petrolio e derivati Carbone Combustibili alternativi Biomasse Idrogeno Classificazione dei combustibili convenzionali I combustibili di interesse

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

CONVERSIONE TERMOCHIMICA

CONVERSIONE TERMOCHIMICA CONVERSIONE TERMOCHIMICA PIROLISI La pirolisi si può svolgere secondo diverse modalità: Carbonizzazione a temperature tra 300 C e 500 C Pirolisi convenzionale a temperature inferiori a 600 C Fast pirolisi

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese

Dalla FORSU al Biometano. D. Mainero Acea Pinerolese Dalla FORSU al Biometano D. Mainero Acea Pinerolese Sommario Biometano indirizzi di politica europea evoluzione della normativa tecnica Sviluppo in UE Il quadro normativo italiano Il biometano in rete

Dettagli

Green Refinery a Venezia

Green Refinery a Venezia Green Refinery a Venezia La prima esperienza al mondo di trasformazione di una raffineria tradizionale in raffineria per la produzione di biocarburanti di qualitá premium Milano, 11 luglio 2013 www.eni.it

Dettagli

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna approfondimenti Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano Non tutto il gas è uguale. Paola Comotti, Silvia Bertagna ISSI - Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097

Dettagli

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl

Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Ing. Maurizio Volpe Saber Technology srl Progetto Ecodens Progetto di filiera per lo sviluppo di un processo per la produzione di un combustibile ottenuto per co-densificazione di sanse con altre biomasse

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 giugno 2013. Determinazione dei quantitativi complessivi delle scorte di sicurezza e speci che di petrolio greggio e/o di prodotti petroliferi per l anno, scorta

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

quando si valuta l impatto ambientale e gli aspetti economici relativi alla produzione del Biodiesel.

quando si valuta l impatto ambientale e gli aspetti economici relativi alla produzione del Biodiesel. Biodiesel Che cos è il Biodiesel? Il termine Biodiesel si riferisce solitamente ai metil-esteri (infatti è anche conosciuto come metilestere di acidi grassi o FAME) prodotti attraverso la transesterificazione

Dettagli

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A.

SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. SERVIZIO di CAMPIONAMENTO ed ANALISI RIGUARDANTI ARIA, ACQUE, SEDIMENTI, SUOLO e PERCOLATO c/o IMPIANTI della Valle Umbra Servizi S.p.A. ALLEGATO E al capitolato d'oneri ELENCO PREZZI LOTTO 1 Matrice Parametro

Dettagli

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità.

Sommario. Torino, 7 giugno 2011. Filiera Automotive.2. Entrata in vigore della modifica alla Direttiva 2003/96/CE. 3. Effetti prodotti Criticità. Torino, 7 giugno 2011 Proposta di direttiva recante modifica alla Direttiva 2003/96/CE sulla tassazione dei prodotti energetici che ristruttura il quadro comunitario per la tassazione dei prodotti energetici

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI

La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI ISO 9001 : 2000 Certificato n. 97039 Settore Territorio Area Ambiente e Sicurezza La gestione innovativa della sicurezza attraverso le norme tecniche: il ruolo dell UNI Le norme UNI: categorie e finalità.

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green Diesel

ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green Diesel ECOFINING Nuova tecnologia ENI/UOP per la produzione di Green G. Faraci, F. Baldiraghi Eni Div. R&M Roma, 23 Maggio 2008 INTRODUZIONE A livello mondiale la produzione di carburanti da fonti CRUDE OIL PRICE

Dettagli

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili

Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione Stazione Sperimentale per i Combustibili Metano, Gas Naturale, Biogas, Biometano: presente e futuro per case e automobili Silvia Bertagna Paola

Dettagli

I PRO E I CONTRO DELLE BIOMASSE PER IL RISCALDAMENTO DOMESTICO

I PRO E I CONTRO DELLE BIOMASSE PER IL RISCALDAMENTO DOMESTICO I PRO E I CONTRO DELLE BIOMASSE PER IL RISCALDAMENTO DOMESTICO Francesca Hugony Laboratorio Combustione e Ambiente 1 Di cosa parleremo Inquadramento (utilizzi e consumi del riscaldamento domestico a biomassa)

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

QUALITA DEL GNL CONSEGNATO E DEL GAS RICONSEGNATO

QUALITA DEL GNL CONSEGNATO E DEL GAS RICONSEGNATO QUALITA DEL GNL CONSEGNATO E DEL GAS RICONSEGNATO 1) QUALITÀ DEL GNL CONSEGNATO... 2 1.1) DETERMINAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GNL SCARICATO... 2 1.2) SPECIFICHE DI QUALITÀ AL PUNTO DI CONSEGNA... 2 1.3) MISCELAZIONE

Dettagli

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA

LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA Studi economici ed energetici LA DOMANDA DI ENERGIA IN ITALIA GENNAIO DICEMBRE 2005 Roma, febbraio 2006 1. Commento 2. Consumi di energia in fonti primarie (composizione %) 3. Emissioni di CO 2 4. Equazione

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Proprietà chimico-fisiche a confronto

Proprietà chimico-fisiche a confronto Il Divulgatore n.7-8/2002 Biodiesel Dall'agricoltura l'energia che si rinnova Proprietà chimico-fisiche a confronto Un esame dettagliato delle caratteristiche chimico-fisiche del biodiesel fa emergere

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL. Tortona, 7 Marzo 2008

UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL. Tortona, 7 Marzo 2008 UNIONE PRODUTTORI BIODIESEL Tortona, 7 Marzo 2008 ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biodiesel E l unica Associazione di Confindustria che rappresenta le aziende nazionali produttrici di biodiesel e relativa

Dettagli

CARS 21 High Level Group on the Competitiveness and Sustainable Growth of the Automotive Industry in the European Union Final Report on 6 June 2012.

CARS 21 High Level Group on the Competitiveness and Sustainable Growth of the Automotive Industry in the European Union Final Report on 6 June 2012. CARS 21 High Level Group on the Competitiveness and Sustainable Growth of the Automotive Industry in the European Union Final Report on 6 June 2012. The Group included seven Commissioners, nine Member

Dettagli

Direttiva CE: tassazione dei prodotti energetici Situazione attuale e revisione del quadro comunitario. Roma

Direttiva CE: tassazione dei prodotti energetici Situazione attuale e revisione del quadro comunitario. Roma European Commission Direttiva CE: tassazione dei prodotti energetici Situazione attuale e revisione del quadro comunitario Roma 16 febbraio 2015 1 Struttura della presentazione I. Direttiva CE situazione

Dettagli

AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010

AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010 AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delibera VIS 80/09 Controlli tecnici della qualità del gas per il periodo 1 ottobre 2009 30 settembre 2010 L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Carburanti alternativi

Carburanti alternativi ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE Carburanti alternativi Raffaele Vellone ENEA, Progetto Idrogeno e Celle a Combustibile C.R. Casaccia, Via Anguillarese 301, 00060 Roma MR/2006-1 Principali

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Sistema incentivante e aspetti tecnici d.m. biometano. Nuove opportunità di investimento per gli imprenditori agricoli

Sistema incentivante e aspetti tecnici d.m. biometano. Nuove opportunità di investimento per gli imprenditori agricoli Sistema incentivante e aspetti tecnici d.m. biometano Nuove opportunità di investimento per gli imprenditori agricoli Marco Mezzadri Montichiari (BS), 23 Gennaio 2014 Premessa - AIEL www.aiel.cia.it Marco

Dettagli

Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane. Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013

Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane. Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013 Sistema Informativo SCORTE per la gestione delle Scorte di Sicurezza Italiane Presentazione degli algoritmi di calcolo per l anno scorta 2013 3 7 Giugno, ore 10.00 13.30, salone centrale di ENEA (Lungotevere

Dettagli

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Le misure negli impianti Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Sommario Prova tenuta impianti

Dettagli

Nuova procedura di misurazione degli idrocarburi nelle acque: sviluppo e convalida Paolo de Zorzi Servizio Metrologia Ambientale - ISPRA Roma, 26 novembre 2014 Un processo condiviso a) Costituzione Gruppo

Dettagli

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove

Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Il progetto delle linee guida ed il collegamento con le Prove Interlaboratorio Giovanni Perego Convegno sul tema: Linee guida UNICHIM per l armonizzazione dei metodi di prova in campo ambientale. Prove

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 16.6.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 158/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 566/2011 DELLA COMMISSIONE dell 8 giugno 2011 che modifica il regolamento (CE) n. 715/2007

Dettagli

CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE

CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE Torna all indice Convegno Progetto Fuoco Le problematiche di impiego Verona, 19 marzo 2004 CERTIFICAZIONE DEI BIOCOMBUSTIBILI: PROBLEMATICHE E MODALITA ORGANIZZATIVE Davide Pettenella Dipart.. Territorio

Dettagli

La normativa su Emission Trading CO2 : le analisi di refinery gas

La normativa su Emission Trading CO2 : le analisi di refinery gas La normativa su Emission Trading CO2 : le analisi di refinery gas Plenaria UniChim Milano 10 novembre 2010 Highlights Normativa ETS, i registri delle quote, adempimenti Monitoraggio : focus raffinerie

Dettagli

ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biocarburanti

ASSOCOSTIERI Unione Produttori Biocarburanti Audizione presso Commissione Industria Senato Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG

CIG Comitato Italiano Gas. Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale CIG Ente federato all UNI Ente dotato di Personalità Giuridica CIG Comitato Italiano Gas Incidenti da gas: I dati e l assicurazione in favore dei clienti finali civili Ing. Michele Ronchi Direttore Generale

Dettagli

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura

NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 2009 - Marcatura NORMA EN 1856/1 e 1856/2 del 29 - Marcatura Prodotti per sistema camino - Canne Fumarie metalliche La norma definisce i requisiti di prestazione per i condotti rigidi e flessibili, canali da fumo e raccordi

Dettagli

Le novità del settore gas A cura di Michele Ronchi - Direttore Generale CIG

Le novità del settore gas A cura di Michele Ronchi - Direttore Generale CIG Le novità del settore gas A cura di Michele Ronchi - Direttore Generale CIG dossier Il 2012 è stato, e il 2013 sarà, un anno molto impegnativo per lo sviluppo delle attività normative del CIG, per la quantità

Dettagli

Norme tecniche per le biomasse

Norme tecniche per le biomasse La Lombardia verso il 2020: il progetto BioEnerGIS per lo sviluppo di produzione di energia da biomasse Norme tecniche per le biomasse Giovanni Riva Milano, 19 Ottobre 2011 Il ruolo del CTI Ente di normazione

Dettagli

www.efuelemulsion.eu

www.efuelemulsion.eu www.efuelemulsion.eu Azienda E Fuel ritiene che il modo migliore per raggiungere il successo sia quello di agire negli interessi a lungo termine di tutti i soggetti coinvolti ma prima di tutto dei propri

Dettagli

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche

La Normativa Tecnica PARTE 2 - ASPETTI TECNICI. Servizio Politiche Energetiche 14 DICEMBRE 2006 Servizio Politiche Energetiche Recepimento Direttiva 2002/91/Ce IL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI IN EDILIZIA LE LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI PARTE 2 - ASPETTI TECNICI ARCH. STEFANO

Dettagli

Tubi flessibili in acciaio inox: Fidarsi dei prodotti certificati è bene collaudarli è meglio

Tubi flessibili in acciaio inox: Fidarsi dei prodotti certificati è bene collaudarli è meglio Tubi flessibili in acciaio inox: Fidarsi dei prodotti certificati è bene collaudarli è meglio PREMETTIAMO CHE: I TUBI FLESSIBILI IN ACCIAIO INOX CON RIVESTIMENTO CERTIFICATI IMQ SONO COSTRUITI SECONDO

Dettagli

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi?

La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? La caratterizzazione del rifiuto è solo una questione di analisi? Dr Chimico Giuseppe Postorino Provincia di Reggio Calabria Reggio Calabria 30 maggio 2014 100 volume d affari dei servizi su base nazionale

Dettagli

Classificazione dei combustibili

Classificazione dei combustibili I combustibili Combustibili solidi Combustibili liquidi Potere antidetonante delle benzine Cherosene Gasolio per motori Diesel Gas di petrolio liquefatto Metano Idrogeno Classificazione dei combustibili

Dettagli

UNInotizie n.10 Maggio 2013

UNInotizie n.10 Maggio 2013 30 maggio 2013: parte l inchiesta pubblica finale per 15 progetti Dalla telematica per il traffico agli scambiatori geotermici, dai servizi di educazione finanziaria ai materiali riciclati nelle fibre

Dettagli

Dipartimento Energia e Trasporti. Istituto Motori. Contributi della Ricerca per una Mobilità Sostenibile

Dipartimento Energia e Trasporti. Istituto Motori. Contributi della Ricerca per una Mobilità Sostenibile Dipartimento Energia e Trasporti Istituto Motori Contributi della Ricerca per una Mobilità Sostenibile Ing. Paola Belardini - Direttore Istituto Motori Previsione di evoluzione delle tecnologie di trasporto

Dettagli

Motori endotermici alternativi

Motori endotermici alternativi Scheda riassuntiva 9 capitolo 16 Motori endotermici alternativi Molto diffusi nell autotrazione, i motori endotermici alternativi o motori a combustione interna (c.i.) sono impiegati anche nella propulsione

Dettagli

È l energia che muove il mondo. Noi facciamo muovere l energia.

È l energia che muove il mondo. Noi facciamo muovere l energia. È l energia che muove il mondo. Noi facciamo muovere l energia. L energia è la forza di Europam Europam rappresenta una delle più importanti aziende del panorama italiano operanti nel settore dell energia.

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Protezione Passiva - Innovazioni industriali Tende tagliafumo e tagliafuoco. Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi

SEMINARIO TECNICO. Protezione Passiva - Innovazioni industriali Tende tagliafumo e tagliafuoco. Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi SEMINARIO TECNICO Protezione Passiva - Innovazioni industriali Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi INDICE: NORMATIVA EN 12101 STORIA DEI SISTEMI PER IL CONTROLLO DEL FUMO E DEL CALORE EN 12101-1 - Specifiche

Dettagli

Norme UNI - Gennaio 2004

Norme UNI - Gennaio 2004 Norme UNI - Gennaio 2004 UNI EN 40-6 Pali per illuminazione pubblica - Requisiti per pali per illuminazione pubblica di alluminio UNI EN 207 Protezione personale degli occhi - Filtri e protettori dell'occhio

Dettagli

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità

La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità www.consorziosies.it Università degli Studi di Sassari www.sardegnambiente.com La pirolisi: il processo, i punti di forza, le opportunità Leonetto Conti Energia da biomasse e rifiuti: quale ruolo per la

Dettagli

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha

La necessità di ridurre l impatto ambientale ecologico di combustibili e carburanti ha Aria. Gli sgravi sono legati, essenzialmente, al minor costo di acquisto Emulsioni di acqua in gasolio: quali gli effettivi vantaggi per ambiente e finanze? La necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli

Marchio CE dei leganti bituminosi. Obblighi analitici dei produttori Alberto Madella API

Marchio CE dei leganti bituminosi. Obblighi analitici dei produttori Alberto Madella API Marchio CE dei leganti bituminosi Obblighi analitici dei produttori Alberto Madella API Unichim Associazione per l'unificazione nel Settore dell'industria Chimica -Federata all'uni STAZIONE SPERIMENTALE

Dettagli

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1

ALLEGATO X. Disciplina dei combustibili. Parte I. Combustibili consentiti. Sezione 1 ALLEGATO X Disciplina dei combustibili Parte I Combustibili consentiti Sezione 1 Elenco dei combustibili di cui è consentito l utilizzo negli impianti di cui al titolo I 1. Negli impianti disciplinati

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349;

Visto l'art. 2, comma 1, lettere b) e c), comma 2 e comma 3, della legge 8 luglio 1986, n. 349; D.P.C.M. 8-3-2002 Disciplina delle caratteristiche merceologiche dei combustibili aventi rilevanza ai fini dell'inquinamento atmosferico, nonché delle caratteristiche tecnologiche degli impianti di combustione.

Dettagli

Milano - 18 giugno 2014

Milano - 18 giugno 2014 Milano - 18 giugno 2014 Linee Guida CIG N. 11 Esecuzione degli accertamenti documentali di sicurezza degli impianti di utenza a gas. (Realizzate ai sensi della Delibera AEEG n. 40/14 in ambito CIG P.C.

Dettagli

Energia solare BIOMASSA

Energia solare BIOMASSA Energia solare BIOMASSA Leonardo Setti Polo di Rimini Università di Bologna Associazione Luce&Vitaenergia, Medicina (BO) FOTOSINTESI anabolici catabolici MOLECOLE SEMPLICI (H 2 O e CO 2 ) INTERMEDI (glucosio)

Dettagli

Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili)

Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili) Comitato Termotecnico Italiano www.cti2000.it Prestazioni energetiche degli edifici : le UNI/TS 11300-4 (e le energie rinnovabili) prof. ing. Paolo Baggio - Univ. Trento Comitato Termotecnico Italiano

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici Aspetti di sicurezza ed ambientali delle reti di trasporto e distribuzione del gas naturale Premessa La ratifica del Protocollo di Kyoto,

Dettagli

L auto: uno sguardo sul futuro

L auto: uno sguardo sul futuro L auto: uno sguardo sul futuro Ing. Francesco Caracciolo UNRAE Venezia, 16 Ottobre 2008 date 06/11/2008 - page 2 Sommario Le emergenze ambientali ed energetiche Lo sviluppo tecnologico nel breve termine

Dettagli

Quali novità per il settore?

Quali novità per il settore? Principi di base dei Regolamenti di Ecodesign e di Etichettatura Energetica degli apparecchi per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria 1 2 Principi di base dei Regolamenti di Ecodesign

Dettagli

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale

Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale Progetto Kyoto Linea Scenari e Politiche Politecnico di Milano, DIIAR sez. Ambientale III anno Politiche tecnologiche dirette: Biocombustibili (M.Giugliano, S.Caserini, C.Scacchi) Politiche tecnologiche

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE

www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE www.sicurtime.com RIVELAZIONE GAS PROFESSIONALE Ospedali è necessario monitorare le fughe di azoto e di gas inerti, stoccati in bombole nelle strutture ospedaliere ed in particolare nelle sale operatorie.

Dettagli

CONTAMINAZIONE MICROBIOLOGICA NEI CARBURANTI : TECNOLOGIA ATP

CONTAMINAZIONE MICROBIOLOGICA NEI CARBURANTI : TECNOLOGIA ATP SGS ITALIA OIL, GAS & CHEMICALS SERVICES CONTAMINAZIONE MICROBIOLOGICA NEI CARBURANTI : TECNOLOGIA ATP Servizio di Analisi e Monitoraggio per il settore Trazione Aprile 2013 Salvatore Catalano LA PANORAMICA

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli

UNInotizie n. 06 del 31/03/2012

UNInotizie n. 06 del 31/03/2012 UNInotizie n. 06 del 31/03/2012 Educazione finanziaria: tavola rotonda UNI al Salone del Risparmio Mercoledì 18 aprile, giornata di apertura del Salone del Risparmio, si terrà una tavola rotonda a cura

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Normativa. La nuova UNI 7129:2008. di Francesco Castorina (CIG Comitato Italiano Gas)

Normativa. La nuova UNI 7129:2008. di Francesco Castorina (CIG Comitato Italiano Gas) Normativa La nuova UNI 7129:2008 di Francesco Castorina (CIG Comitato Italiano Gas) Premessa Il 30 ottobre l UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, ha pubblicato la nuova edizione della norma UNI

Dettagli

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento

Linee guida. per la stesura dei Piani di. Azione e dei Piani di. Risanamento Linee guida per la stesura dei Piani di Azione e dei Piani di Risanamento 1 Il Piano Regionale di Tutela e Risanamento dell'atmosfera, approvato dal Consiglio Regionale con deliberazione n. 57 dell'11

Dettagli

IL BIOETANOLO COME COMBUSTIBILE PER L AUTOTRAZIONE

IL BIOETANOLO COME COMBUSTIBILE PER L AUTOTRAZIONE Stazione Sperimentale per i Combustibili San Donato Milanese IL BIOETANOLO COME COMBUSTIBILE PER L AUTOTRAZIONE Comportamento nei motori e influenza sulle emissioni inquinanti Francesco Avella Rapporto

Dettagli

La normativa nell impiego del biometano. FEM -Sala Kessler San Michele all Adige (Trento), 15 giugno 2012

La normativa nell impiego del biometano. FEM -Sala Kessler San Michele all Adige (Trento), 15 giugno 2012 La normativa nell impiego del biometano FEM -Sala Kessler San Michele all Adige (Trento), 15 giugno 2012 Quadro normativo DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 160/2012/R/GAS REGOLAZIONE TECNICA ED ECONOMICA

Dettagli