...in tasca. Matematica... area PK 21 II EDIZIONE. Equazioni esponenziali e logaritmi Geometria analitica Trigonometria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "...in tasca. Matematica... area PK 21 II EDIZIONE. Equazioni esponenziali e logaritmi Geometria analitica Trigonometria"

Transcript

1 PK 2 II EDIZIONE Mtemtic... re...in tsc Equzioni esponenzili e logritmi Geometri nlitic Trigonometri Funzioni, limiti, derivte e ppliczioni, integrli Serie numeriche e di funzioni Equzioni differenzili Clcolo combintorio Estrtto dell pubbliczione EDIZIONI SIMONE Gruppo Editorile Esselibri - Simone

2 Estrtto dell pubbliczione

3 Copyright 2008 Esselibri S.p.A. Vi F. Russo 33/D 8023 Npoli Tutti i diritti riservti È viett l riproduzione nche przile e con qulsisi mezzo senz l utorizzzione scritt dell editore. Per citzioni e illustrzioni di competenz ltrui, riprodotte in questo libro, l editore è disposizione degli venti diritto. L editore provvederà, ltresì, lle opportune correzioni nel cso di errori e/o omissioni seguito dell segnlzione degli interessti. Prim edizione: Febbrio 2004 Second edizione: Aprile 2008 PK2 ISBN Ristmpe Questo volume è stto stmpto presso Officin Grfic Iride Vi Prov. Arzno-Csndrino, VII trv Arzno (NA) Per informzioni, suggerimenti, proposte: A cur di: Grfic e copertin: Impginzione Crl Iodice Ginfrnco De Angelis Rffell Molino Estrtto dell pubbliczione

4 Presentzione Il volume è uno strumento indispensbile per gli studenti degli istituti di istruzione secondri, per chi si pprest sostenere l esme di mturità e per chi, già impegnto negli studi universitri, deve sostenere l esme di Mtemtic generle. Ciscun cpitolo è costituito d: un prim prte in cui è indicto il percorso di lettur ed è trccit un mpp concettule strutturt in modo d evidenzire le interrelzioni tr gli rgomenti trttti nel cpitolo; un prte teoric esplictiv degli rgomenti in cui sono richimti, e spesso dimostrti, i concetti, le regole e i teoremi fondmentli; numerosi esempi utili per migliorre l comprensione e sviluppre l cpcità di rgionmento; un test di verific finle che è formto, tlvolt, d esercizi guidti. Il linguggio e le formulzioni doperte sono stte semplificte il più possibile, così che il volume poss essere utilizzto come complemento del testo istituzionle per verificre e perfezionre l propri preprzione. Estrtto dell pubbliczione

5 Α α lf Β β bet Γ γ gmm Δ δ delt Ε ε epsilon Ζ ζ zet Η η et Θ θ ϑ thet ALFABETO GRECO Ι ι iot Κ κ kpp Λ λ lmbd Μ μ mi Ν ν ni Ξ ξ xi Ο ο òmicron Π π pi Ρ ρ rho Σ σ sigm Τ τ tu Υ υ ipsilon Φ ϕ φ phi Χ χ chi Ψ ψ psi Ω ω òmeg INDICE DEI SIMBOLI > mggiore < minore mggiore o ugule minore o ugule diverso d circ ugule ± più o meno infinito tende esiste per ogni pprtiene non pprtiene insieme vuoto unione tr insiemi intersezione tr insiemi sottoinsieme proprio sottoinsieme non è sottoinsieme impliczione doppi impliczione N insieme dei numeri nturli Z insieme dei numeri reltivi Q insieme dei numeri rzionli R insieme dei numeri reli n! n fttorile log( ) logritmo decimle ln( ) logritmo neperino e numero di Nepero lim limite f ( x ) derivt Π integrle sommtori produttori senα seno dell ngolo α cosα coseno dell ngolo α tnα tngente dell ngolo α cotnα cotngente dell ngolo α Estrtto dell pubbliczione

6 . Equzioni esponenzili e logritmi Di cos prleremo Prim di pprofondire il vntggio che si tre dll uso dei logritmi nell bbrevire i clcoli, in questo cpitolo ci occuperemo di potenze esponente rele ed equzioni esponenzili. Successivmente dremo le definizioni di logritmi neperini e decimli quindi, elencheremo proprietà, teoremi e operzioni con gli stessi. Prgrfi prte srnno dedicti lle equzioni logritmiche, disequzioni esponenzili, disequzioni e sistemi di equzioni logritmiche. Equzioni esponenzili Equzioni logritmiche Disequzioni esponenzili Logritmi Disequzioni logritmiche Sistemi di equzioni esponenzili Logritmi: neperini decimli Sistemi di equzioni logritmiche Proprietà Teoremi Operzioni Appliczioni dei logritmi l clcolo di espressioni numeriche. Equzioni esponenzili e logritmi 5

7 ) Potenze esponente rele. Potenze esponente rzionle Per le potenze di un numero rele positivo o nullo,, esponente rzionle vlgono i seguenti teoremi: Primo teorem Al crescere dell esponente, il vlore di un potenz: cresce, se l bse è mggiore di se l esponente è intero, si h: m > n se m > n se l esponente è un numero rzionle, si h: m n p q > se m n p > q decresce, se l bse è minore di se l esponente è intero si h: m < n se m > n. Equzioni esponenzili e logritmi Secondo teorem L potenz con bse positiv e esponente intero è: mggiore di, se l bse è mggiore di n > se >, n > 0 minore di, se l bse è minore di n < se <, n < 0 Terzo teorem Se un potenz h l bse mggiore di, esiste sempre un esponente intero positivo tle che l potenz risult mggiore di un numero rele k dto: n > k 6 Estrtto dell pubbliczione

8 Qurto teorem Se un potenz h bse positiv m minore di, esiste sempre un esponente intero positivo tle che l potenz risult minore di un numero rele dto e: n < ε.2 Potenze esponente irrzionle Si un numero rele positivo e α un numero rele definito dlle clssi contigue di numeri rzionli: { } = { } A= α, α, α,, α e A' α', α', α',, ' 2 3 n 2 3 α n l potenz: A, α A' = ( ) è un numero rele positivo, definito dlle clssi: { α α α α ' } = α ' α ' 2 α ' 3 α ' e {,,, n } A 2 3 n A =,,,,, Per le potenze d esponente irrzionle vlgono tutti i teoremi esposti per le potenze d esponente rzionle. 2) Equzioni esponenzili Si dice equzione esponenzile un equzione nell qule l incognit figur come esponente. Un equzione esponenzile è del tipo: x = b con e b numeri reli positivi e con il primo diverso d.. Equzioni esponenzili e logritmi Estrtto dell pubbliczione 7

9 Per l equzione esponenzile così definit, vle il seguente: Teorem Se è un numero rele positivo e diverso d e b è un numero rele positivo, l equzione: x = b mmette un sol soluzione, che è: positiv se sono entrmbi mggiori di o minori di ; negtiv se uno è mggiore di e l ltro è minore di indifferentemente; è ugule 0 se è b = e > 0. 3) Logritmi Si dice logritmo di un numero rele positivo b in un dt bse rele positiv divers d, l esponente cui si deve elevre per ottenere b; in simboli: x b = log. Equzioni esponenzili e logritmi in sostnz il logritmo è l soluzione dell equzione esponenzile: x = b Inoltre: essendo mggiore di zero e divers d, non esiste il logritmo di bse zero o di bse ; essendo b mggiore di zero, non esiste il logritmo di un numero negtivo o di zero. Dl teorem sulle equzioni esponenzili si deduce che: se e b sono entrmbi mggiori di o entrmbi minori di : log b > 0 8

10 se e b sono il primo mggiore di e il secondo minore di, o vicevers: log b < 0 Proprietà dei logritmi Due logritmi venti per bse l stess bse e per rgomento due numeri reciproci, sono opposti: log b = log b Due logritmi venti bsi reciproche e per rgomento lo stesso rgomento, sono opposti: log b = log b Due logritmi venti bsi reciproche e per rgomento due numeri reciproci, sono uguli: log b = log b Se in un logritmo si scmbi l bse con l rgomento, si ottiene il logritmo reciproco di quello dto: log b = log 3. Teoremi sui logritmi Teorem del prodotto Il logritmo, rispetto d un dt bse, del prodotto di due o più numeri è ugule ll somm dei logritmi, rispetto ll medesim bse, dei singoli fttori: log ( b c)= log b+ log c b. Equzioni esponenzili e logritmi 9

11 Teorem del quoziente Il logritmo, rispetto d un dt bse, del quoziente di due numeri è ugule ll differenz dei logritmi, rispetto ll medesim bse, del dividendo e del divisore: log ( b: c)= log b log c Teorem dell potenz Il logritmo, rispetto d un dt bse, di un potenz è ugule l prodotto dell esponente dell potenz per il logritmo, nell medesim bse dell bse dell potenz: m log b = mlog b Teorem del rdicle Il logritmo, rispetto d un dt bse, di un rdicle è ugule l prodotto dell frzione vente per numertore l esponente del rdicndo e per denomintore l indice del rdicle, per il logritmo, nell medesim bse, del rdicndo: log n b m = m n log b 3.2 Logritmi neperini e logritmi decimli. Equzioni esponenzili e logritmi Rispetto ll bse, i logritmi si distinguono in: neperini o nturli o iperbolici, se hnno per bse il numero irrzionle e = 2, ; decimli, se hnno per bse 0. In genere, il logritmo neperino di un numero x si indic con lnx, mentre il logritmo decimle di x con logx. Rispetto un stess bse, si dice sistem di logritmi l insieme dei logritmi di tutti i numeri reli positivi, rispetto quell bse. 0

12 Sino e b le bsi di due sistemi di logritmi, per pssre dl sistem di logritmi di bse l sistem di logritmi di bse b, si pplic l seguente formul: log x log x = b log b Proprietà dei logritmi decimli Il logritmo decimle di un potenz di 0 d esponente intero reltivo è ugule ll esponente dell potenz: log0 = ; log00 = log0 2 = 2; log000 = log0 3 = 3 Il logritmo decimle di un numero rzionle positivo, che non si potenz di 0, è un numero irrzionle. Considerto un numero rzionle positivo, mggiore o minore di, si dicono: crtteristic del logritmo decimle, il minore di due numeri interi consecutivi, fr cui è compreso il logritmo; mntiss del logritmo il numero positivo minore di che sommto ll crtteristic dà il logritmo. Primo teorem dell crtteristic L crtteristic del logritmo decimle di un numero rzionle mggiore di è quel numero che si ottiene sottrendo dl numero delle cifre dell prte inter del numero considerto. Secondo teorem dell crtteristic L crtteristic del logritmo decimle di un numero rzionle positivo minore di, è quel numero intero negtivo, le cui unità sono tnte qunti sono gli zeri che precedono l prim cifr significtiv, ossi, l prim cifr divers d zero, non escludendo lo zero dell prte inter.. Equzioni esponenzili e logritmi Estrtto dell pubbliczione

13 Si consideri, or, il teorem seguente: Teorem dell mntiss Moltiplicndo un numero rzionle per un potenz d esponente intero reltivo di 0, l mntiss del suo logritmo non cmbi. L mntiss di un logritmo si determin d pposite tvole. Cologritmo Si dice cologritmo di un numero rzionle positivo b, l opposto del suo logritmo: colog b = log b L crtteristic del cologritmo di un numero rzionle si ottiene umentndo quell del logritmo di un unità positiv e cmbindo di segno; l mntiss present delle cifre che sono i complementi nove di quelle dell mntiss del logritmo, eccetto quell dell ultim cifr significtiv per l qule si f il complemento 0. Se l crtteristic è negtiv, si pone su di ess un trttino. 3.3 Proprietà delle operzioni con i logritmi I logritmi log b = log b log b = log b. Equzioni esponenzili e logritmi log b = log b log b = log log ( b c)= log b+ log c log ( b: c)= log b log c m n m m log b = mlog b log b = log b n b 2 Estrtto dell pubbliczione

14 Grzie lle proprietà dei logritmi è possibile eseguire, in modo più semplice, operzioni ritmetiche impegntive. Con i logritmi: l moltipliczione si riconduce d ddizione; l divisione si riconduce sottrzione; l elevmento potenz si riconduce moltipliczione; l estrzione di rdice si riconduce divisione. Esempio Si clcoli l seguente potenz: x = (7,3) 4 ricorrendo i logritmi si h: log x = 4 log 7,3 = 4 0,853 = 3,424 d cui, pssndo dl logritmo l numero: x = 0 3,424 = 2.584,39 Esempio 2 Si clcoli l espressione: x ( ) 2 = ,8 ( 3,7) ricorrendo i logritmi si h: log x = ( log, log, )=,, ( )=, 578 = 0, d cui, pssndo dl logritmo l numero, si h: 4) Equzioni logritmiche x = 0 0,356 = 2,068 Un equzione si dice logritmic qundo l incognit figur nell rgomento di un logritmo.. Equzioni esponenzili e logritmi Estrtto dell pubbliczione 3

15 Esempio Si consideri l seguente equzione logritmic: Di teoremi sui logritmi, si h: d cui, dividendo mbo i membri per 3, si h: ( ) 3 = ( + ) 3 + log 3x 2 log x 2 3 3log ( 3x 2)= 3log( x+ 2)+ 3 3x 2 x+ 2 =0 eliminndo il denomintore e riducendo i termini simili si h: x = 22 7 Dimo, or, un esempio di equzione esponenzile risolt ricorrendo i logritmi. Esempio Si risolv l seguente equzione esponenzile: 2x 3x 3x 2 2x 3 4 = Trsportndo primo membro il qurto termine e l secondo membro il secondo termine, e rccogliendo fttor comune nel primo membro 3 2x e nel secondo membro 4 3x, si h:. Equzioni esponenzili e logritmi ossi: ricorrendo i logritmi, si h: d cui: ( + 3)3 2x = (4 2 + ) 4 3x 4 3 2x = 7 4 3x log 4 + 2x log 3 = log 7 + 3x log 4 log7 log4 x = 2log3 3log4 Attrverso le tvole logritmiche si ottiene un vlore pprossimto di x. 4 Estrtto dell pubbliczione

16 5) Disequzioni esponenzili Si dice disequzione esponenzile ogni disequzione in cui l incognit, o qulche espressione che contiene l incognit, compre come esponente di un o più potenze; in generle ess ssume un delle seguenti forme: x > b x < b con numero rele positivo e diverso d e b numero rele qulsisi. L soluzione di un delle suddette disequzioni si ottiene risolvendo dpprim l equzione x = b; un volt trovto il vlore x 0 per cui tle equzione è soddisftt, e supponendo b > 0, si h: x > b > l disequzione è soddisftt per ogni x > x 0 ; 0 < <, ess è soddisftt per ogni x < x 0 ; x < b > l disequzione è soddisftt per ogni x < x 0 ; per 0 < <, ess è soddisftt per ogni x > x 0. Se è b < 0, l disequzione x > b è sempre soddisftt, in qunto è sempre x > 0, ed è proprio questo il motivo per cui l disequzione x < b è, invece, impossibile. 6) Disequzioni logritmiche Si dice disequzione logritmic ogni disequzione in cui compre il logritmo dell incognit o di qulche espressione che contiene l incognit; ess ssume un delle seguenti forme: log x > b log x < b con numero rele positivo e diverso d e b numero rele qulsisi.. Equzioni esponenzili e logritmi Estrtto dell pubbliczione 5

17 L soluzione di un delle suddette disequzioni si ottiene risolvendo dpprim l equzione log x = b, un volt trovto il vlore x 0 per cui tle equzione è soddisftt, si h: log x > b per >, l disequzione è soddisftt per ogni x>x 0 ; per 0 < <, ess è soddisftt per ogni 0 < x < x 0 ; log x < b per >, l disequzione è soddisftt per ogni 0 < x < x 0 ; per 0 < <, ess è soddisftt per ogni x > x 0. 7) Sistemi di equzioni esponenzili Risolvere un sistem signific trovre quel vlore delle incognite delle equzioni dte, per cui esse sono soddisftte contempornemente. Esempio Si risolv il seguente sistem di equzioni esponenzili:. Equzioni esponenzili e logritmi per esso si h: pplicndo le proprietà delle potenze, si h: d cui il sistem: le cui soluzioni sono: x y 3 27 = 27 3x y 2 4 = 32 x 3y = 3 3x 2y = 2 x+ 3y 3 3 = = 2 3x 2y 5 x+ 3y= 3 3x+ 2y = x = ; y = Estrtto dell pubbliczione

18 8) Sistemi di equzioni logritmiche L risoluzione di un sistem di equzioni logritmiche segue lo stesso procedimento utilizzto per l risoluzione di un qulsisi sistem di equzioni; ovvimente, si rende necessrio pplicre proprietà e teoremi sui logritmi. Esempio Si risolv il seguente sistem di equzioni logritmiche: logx+ logy = 2 x+ y= 25 di teoremi sui logritmi, l prim equzione divent: log (x y) = 2 ossi: (xy) = 00 Il sistem, pertnto, divent: xy = 00 x+ y= 25 È un sistem simmetrico, l cui equzione risolvente è t 2 25t + 00 = 0, e le cui rdici sono: t = 5; 2 t = 20 Le soluzioni simmetriche del sistem sono: (5, 20) e (20, 5). Equzioni esponenzili e logritmi 7

19 Test di verific ) Indicre l soluzione, tr quelle riportte, dell equzione esponenzile: 6 x 2 = 64 ) ; b) 7 4 ; c) 2; d) impossibile; e) 4. 2) Indicre l soluzione, tr quelle riportte, dell equzione esponenzile: x = x+ 5 2 ) ; 2 b) 3; c) impossibile; d) 4; e) 3.. Equzioni esponenzili e logritmi 3) Indicre l soluzione, tr quelle riportte, dell disequzione esponenzile: x 8 2 < ) x < ; 2 b) x > 3; c) 3 < x < 3; d) x < 3; e) x > 2. 8

20 4) Indicre l soluzione, tr quelle riportte, dell disequzione esponenzile: 3 2x 0 3 x + 9 > 0 ) x > 3; b) x < 2 e x > 4; c) x > 0; d) x > 2; e) x < 0 e x > 2. 5) Applicndo l definizione di logritmo, indicre per qule vlore dell rgomento l seguente uguglinz è ver: log 4 x = 3 ) 64 b) 8; c) e) ; d) 8 ; 6) Applicndo l definizione di logritmo, indicre per qule vlore dell bse l seguente uguglinz è ver: log x 26 = 3 ) non esiste; b) e (numero di Nepero); c) 6; d) 5; e) 6. 7) Determinre il quoziente dell seguente divisione: 5,386:2 ) 3,386; b) 0,772; c) 2, 693 ; d) 3, 693 ; e) 5.. Equzioni esponenzili e logritmi 9

21 8) Indicre il vlore dell seguente equzione logritmic: log x+ 3= log ( 2x x+ 2) log ( x+ 3) 2 ) e b) 2 e + 2 ; c) 7 2 e ; d) 2e5; e) 2. 9) Indicre il vlore dell seguente disequzione logritmic: log x 2 x ( ) > ) x < 3 e x > 5; b) x < 0 e x > 2; c) x < 3 e x > 4; d) x > 2; e) x < 2 e x > 2. 0) Risolvere il seguente sistem di equzioni esponenzili: x 3 y 6 = x 6 y b : b = ;. Equzioni esponenzili e logritmi ) x = 3 3, y = 5 ; 9 b) x = 4, y = 2; c) x = 0, y = 6; d) x =, y = 6; e) x = 2, y = 6. Risposte estte ) d); 2) ); 3) b); 4) e); 5) c); 6) c); 7) d); 8) ); 9) c); 0) b). 20 Estrtto dell pubbliczione

22 2. Geometri nlitic Di cos prleremo In questo cpitolo ffronteremo l interessnte rgomento dell geometri nlitic che si propone di portre i metodi mtemtici l servizio dell geometri. A prtire d Crtesio, gli enti dell geometri sono trdotti in espressioni mtemtiche. Ad ogni punto, d ogni rett, d ogni curv, ossi tutto ciò che è suscettibile di rppresentzione grfic in un sistem di ssi crtesini, corrisponde sempre un rppresentzione lgebric un numero rele, un coppi di numeri reli, un equzione che cmbi secondo ciò che si rppresent. Ascisse dei punti di un rett Coordinte crtesine ortogonli nel pino L circonferenz Tngenti d un circonferenz Mutu posizione: di un rett e di un circonferenz di due circonferenze Distnz di due punti Coordinte del punto medio di un segmento Distnz di un punto d un rett L rett Equzione dell rett pssnte per un punto per due punti Equzione dell rett Rette rispetto ll origine degli ssi Concetto di funzione Rette prllele e perpendicolri Le coniche L ellisse Eccentricità L iperbole Iperbole equilter L prbol Equzione dell prbol simmetric: rispetto ll sse y rispetto ll sse x Tngente un ellisse Tngenti un iperbole Tngenti un prbol Mutu posizione di un rett e di un prbol 2. Geometri nlitic 2

23 ) Ascisse dei punti di un rett Rett Si dice rett di un pino un line descritt d un punto O (detto origine) che si muove su di ess. Fissto su un rett orientt r il punto O, ed un unità di misur per le lunghezze (generlmente si f riferimento d un segmento u) si può stbilire un corrispondenz fr i numeri reli ed i punti dell rett. In bse tle corrispondenz si h che: l numero 0 si f corrispondere il punto O; l numero + (dove è un intero positivo qulunque) si f corrispondere un punto A dell rett r, situto destr di O e distnte d esso di un segmento ugule d volte l unità di misur fisst; l numero si f corrispondere un punto B dell rett r, situto sinistr di O e distnte d esso di un segmento ugule d volte l unità di misur. B 0 A - O + 2. Geometri nlitic I punti così individuti, O, A e B si dicono immgini, rispettivmente dei numeri: 0, + e. Tutti i numeri reli possono essere rppresentti su un rett in questo modo. Se si vuole rppresentre un numero rzionle, bst dividere l unità di misur fisst in tnte prti uguli l numero che è l denomintore dell frzione e segnre su r, destr o sinistr dell origine O ( second che il numero si positivo o negtivo) un punto P che dist d O di un segmento OP ugule l numero che è l numertore dell frzione. 22

24 Pertnto, esiste un corrispondenz biunivoc tr i punti dell rett e l insieme dei numeri reli, ossi: d ogni punto di un rett dt corrisponde un numero, detto sciss, che misur l distnz del punto considerto d un ltro punto O, ssunto come origine. Tle sciss è positiv o negtiv secondo che il punto è situto, rispettivmente, sull semirett OX, dett semisse positivo delle scisse, o sull semirett OX ', dett semisse negtivo delle scisse; d ogni numero corrisponde un punto ed uno solo che è l immgine di quel numero. 2) Coordinte crtesine ortogonli nel pino Sino dte: un rett x orizzontle, sull qule si stt fisst l origine y O e con un frecci il verso II I positivo; un rett y, perpendicolre B P ll rett x e pssnte per l origine O, sull qule si stto fissto il verso positivo sempre con un frecci. O A x Le due rette così individute formno un sistem di ssi crtesini che dividono il pino in quttro prti dette qudrnti. Gli ssi coordinti III IV si chimno, rispettivmente, sse delle scisse, che si indic con x, sse delle ordinte, che si indic con y. Il punto O è l origine degli ssi. Fisst un unità di misur per l sse delle scisse e un per l sse delle ordinte (l unità di misur può essere l stess) e individuto un qulsisi punto P del pino, si considerno le sue proiezioni A su Ox e B su Oy. 2. Geometri nlitic Estrtto dell pubbliczione 23

25 Le misure dei due segmenti OA e OB si dicono rispettivmente sciss e ordint del punto P; entrmbe prendono il nome di coordinte di tle punto. In generle, ogni punto del pino corrisponde un coppi di numeri che sono l sciss e l ordint del punto e vicevers, ogni coppi di numeri corrisponde un punto del pino. Segno delle coordinte I qudrnte: x > 0 e y > 0 II qudrnte: x < 0 e y > 0 III qudrnte: x < 0 e y < 0 IV qudrnte: x > 0 e y < 0 Inoltre, i punti situti sull sse delle scisse (x) hnno ordint null, mentre i punti situti sull sse delle ordinte (y) hnno sciss null. Sino dti i due punti: ( ) ( ) Ax, y e Bx, y 2 2 clcolimo, or, l loro distnz e le coordinte del loro punto medio. Misur dell distnz di due punti L misur dell distnz di due punti è dt dll rdice qudrt dell somm dei qudrti delle differenze delle scisse dei due punti e delle ordinte dei due punti. 2. Geometri nlitic 24 Estrtto dell pubbliczione

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi

Equazioni 1 grado. Definizioni Classificazione Risoluzione Esercizi Equzioni grdo Definizioni Clssificzione Risoluzione Esercizi Mteri: Mtemtic Autore: Mrio De Leo Definizioni Prendimo in esme le due espressioni numeriche 8 entrmbe sono uguli 7, e l scrittur si chim uguglinz

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Rapporti e proporzioni numeriche

Rapporti e proporzioni numeriche Rpporti e proporzioni numeriche Rpporti. Per rpporto tr due numeri e b, di cui il secondo diverso d zero, s intende il quoziente estto dell divisione dei due numeri dti, cioè :b oppure /b. Ad esempio dire

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015 A. S. 4/ Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G mnutenzione e ssistenz tecnic ore complessive di insegnmento settimne X 4 ore = ore Nome Ins. Tecn.

Dettagli

ELEMENTI GEOMETRIA ANALITICA SABO

ELEMENTI GEOMETRIA ANALITICA SABO ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA SABO COORDINATE CARTESIANE Ascisse dei Punti di un Rett Dt un rett orientt (verso di percorrenz positivo d sinistr verso destr per rette orizzontli; dl sso verso l lto per

Dettagli

Le equazioni di grado superiore al secondo

Le equazioni di grado superiore al secondo Le equzioni di grdo superiore l secondo ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 R. Folgieri 007-008 1 Teorem fondmentle dell lger Ogni equzione lgeric di grdo n h sempre n soluzioni, che possono essere

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A Funzioni Definizione di funzione: Sino A e B due insiemi non vuoti. Un funzione f d A B è un ssegnmento di esttmente un elemento di B d ogni elemento di A Scrivimo f() = b se b è l unico elemento dell

Dettagli

ACCADEMIA NAVALE. Syllabus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO

ACCADEMIA NAVALE. Syllabus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO ACCADEMIA NAVALE Sllbus POLIGRAFICO ACCADEMIA NAVALE LIVORNO PREFAZIIONE È noto che in tluni ordini dell scuol medi superiore l'insegnmento dell mtemtic non giunge sino ll'ultimo nno, in ltri, lo svolgimento

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1 Antonell Greco, Rosngel Mpelli E-Mtemtic E-Book di Mtemtic per il triennio Volume COPIA SAGGIO Cmpione grtuito fuori commercio d esclusivo uso dei docenti Grmond 009 Tutti i diritti riservti Vi Tevere,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune

Anno 1. Numeri reali: proprietà e applicazioni di uso comune Anno Numeri reli: proprietà e ppliczioni di uso comune Introduzione L insieme dei numeri rzionli è composto d numeri che si ottengono dl rpporto tr due numeri interi. Tle rpporto, o frzione, è sempre ssociile

Dettagli

Funzioni Elementari 1/2

Funzioni Elementari 1/2 Funzioni Lineri : Funzione qudrto: Modulo Funzione omogric iperbole: Funzioni Elementri / y m q y y y c b c b d Funzioni Potenz: Funzione Esponenzile Funzione Logritmic y y y log Funzioni trigonometriche

Dettagli

Geometria analitica. punti, rette, circonferenza, ellisse, iperbole, parabola. ITIS Feltrinelli anno scolastico Il piano cartesiano

Geometria analitica. punti, rette, circonferenza, ellisse, iperbole, parabola. ITIS Feltrinelli anno scolastico Il piano cartesiano Geometri nlitic punti, rette, circonferenz, ellisse, iperbole, prbol ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 Il pino crtesino Si dice pino crtesino un sistem formto d due rette perpendicolri che si intersecno

Dettagli

Equazioni e disequazioni

Equazioni e disequazioni Cpitolo Equzioni e disequzioni.1 Princìpi di equivlenz 1. Sommndo o sottrendo l stess quntità d entrmbi i membri di un equzione o di un disequzione ess non cmbi, ovvero: A(x) B(x) A(x) k(x) B(x) k(x).

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

L IPERBOLE. L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi.

L IPERBOLE. L iperbole è il luogo geometrico dei punti del piano per i quali è costante la differenza delle distanze da due punti fissi detti fuochi. prof.ss Cterin Vespi 1 Appunti di geometri nliti L IPERBOLE L iperole è il luogo geometrio dei punti del pino per i quli è ostnte l differenz delle distnze d due punti fissi detti fuohi. Sino F1 e F i

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

FUNZIONI LOGARITMICHE

FUNZIONI LOGARITMICHE FUNZIONI LOGARITMICHE Voglimo vedere come dl grfico δ di un funzione y=f(x) si può pssre l grfico δ dell funzione y = f (x). Dobbimo vere ben presente il grfico dell funzione y = x con x R + e con >0,

Dettagli

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche.

Lezione 14. Risoluzione delle equazioni algebriche. Lezione Prerequisiti: Lezioni 8,. Risoluzione delle equzioni lgebriche. Si F un cmpo, e si K un chiusur lgebric di F. Si f ( ) F[ ] non costnte. Studimo i metodi di risoluzione per l equzione f ( ) = 0,

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Teoremi di geometria piana

Teoremi di geometria piana l congruenz teoremi sugli ngoli γ teorem sugli ngoli complementri Se due ngoli sono complementri di uno stesso ngolo α β In generle: Se due ngoli sono complementri di due ngoli congruenti α γ β teorem

Dettagli

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni

{ 3 x y=4. { x=2. Sistemi di equazioni Sistemi di equzioni Definizione Un sistem è un insieme di equzioni che devono essere verificte contempornemente, cioè devono vere contempornemente le stesse soluzioni. Definimo grdo di un sistem il prodotto

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

Appunti di matematica 3 Indice

Appunti di matematica 3 Indice Appunti di mtemtic Indice. Ripsso di lgebr e geometri del biennio. Geometri nlitic Il pino crtesino Rett Circonferenz Prbol Ellisse Iperbole Complementi di geometri nlitic. Successioni numeriche. Funzione

Dettagli

ESPONENZIALI LOGARITMI

ESPONENZIALI LOGARITMI ESPONENZIALI LOGARITMI Prerequisiti: Conoscere e sper operre con potenze con esponente nturle e rzionle. Conoscere e sper pplicre le proprietà delle potenze. Sper risolvere equzioni e disequzioni. Sper

Dettagli

RADICALI. Q (insieme dei razionali relativi) = numeri che possono essere messi sotto forma di frazioni es: 0,+3;

RADICALI. Q (insieme dei razionali relativi) = numeri che possono essere messi sotto forma di frazioni es: 0,+3; RADICALI In quest sched ti vengono riproposti lcuni concetti ed esercizi che ti dovreero essere fmiliri e che sono indispensili per ffrontre con successo gli studi futuri. INSIEMI NUMERICI Ripsso insiemi

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Matematica C3, Algebra 2

Matematica C3, Algebra 2 Mtemtic C Algebr Relese 0.0 www.mtemticmente.it Mrch 0 Contents Numeri reli. Di numeri nturli i numeri irrzionli................................. Numeri reli.................................................

Dettagli

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica

Liceo Scientifico E. Majorana Guidonia Quaderno di lavoro estivo Matematica Liceo Scientifico E. Mjorn Guidoni Numeri Nturli Sintesi dell teori Domnde Risposte Esempi Come si indic l insieme dei numeri nturli {0,,,,, }? L insieme dei numeri nturli si indic con l letter N. Quli

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DALLA SECONDA ALLA TERZA PROBLEMI DI APPLICAZIONE DELL'ALGEBRA ALLA GEOMETRIA ) Inscrivere in un semicirconferenz di dimetro r un rettngolo ABCD vente il lto AB sul dimetro

Dettagli

PRODOTTI NOTEVOLI. Esempi

PRODOTTI NOTEVOLI. Esempi PRODOTTI NOTEVOLI In lger ci sono delle regole per eseguire in modo più reve e più veloce l moltipliczione tr prticolri polinomi. Queste regole (o meglio formule si chimno prodotti notevoli. Anlizzimo

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante

Il moto rettilineo uniformemente accelerato è un moto che avviene su una retta con accelerazione costante. a = costante Prof.. Di Muro Moto rettilineo uniformemente ccelerto ( m.r.u.. ) Il moto rettilineo uniformemente ccelerto è un moto che iene su un rett con ccelerzione costnte. Dll definizione di ccelerzione t t t t

Dettagli

Cubiche e quartiche luoghi geometrici di punti del piano (parte I) Elena Stante

Cubiche e quartiche luoghi geometrici di punti del piano (parte I) Elena Stante Cubiche e qurtiche luoghi geometrici di punti del pino (prte I) Elen Stnte L strofoide rett In un riferimento crtesino O si A ( h, 0) un punto generico dell sse Dett s l rett condott per il punto A prllel

Dettagli

5 Geometria analitica

5 Geometria analitica 58 Formulrio di mtemtic 5 eometri nlitic 5.1 Punti e rett distnz di due punti d ( ) + ( y y ) 1 1 distnz tr due punti con ugule sciss d y y1 distnz tr due punti con ugule ordint d 1 punto medio di un segmento

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

8 Equazioni parametriche di II grado

8 Equazioni parametriche di II grado Equzioni prmetrihe di II grdo Un equzione he oltre ll inognit (o lle inognite) ontiene ltre lettere (un o più) si die letterri o prmetri e le lettere sono himte, nhe, prmetri; si suppong he l equzione

Dettagli

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI

ESERCIZI ESERCIZI. Test di autoverifica... 206 Prova strutturata conclusiva... 208 ESERCIZI Indice cpitolo Insiemi ed elementi di logic... 7 8 Insiemi... Operzioni con gli insiemi... 8 Introduzione ll logic... 9 Connettivi e tvole di verità... Espressioni proposizionli... 0 Predicti e quntifictori...

Dettagli

Disequazioni di primo grado

Disequazioni di primo grado Cpitolo Disequzioni i primo gro Risoluzione lgeri Verifi per l lsse seon COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

Disequazioni di secondo grado

Disequazioni di secondo grado Disequzioni i seono gro Cpitolo Risoluzione lgeri Verifi per l lsse seon COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE AL TEST per l ammissione ai corsi triennali dell area sanitaria

CORSO DI PREPARAZIONE AL TEST per l ammissione ai corsi triennali dell area sanitaria CORSO DI PREPARAZIONE AL TEST per l mmissione i corsi triennli dell re snitri MATERIALI PER LA PREPARAZIONE AI TEST DI MATEMATICA Premess: l presente dispens non h lcun pretes né di rigore mtemtico, né

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione

LEZIONE 20. è lineare. Per la commutatività del prodotto scalare segue anche la linearità dell applicazione LEZIONE 20 20.1. Prodotti sclri. Definizione 20.1.1. Si V uno spzio vettorile su R. Un prodotto sclre su V è un ppliczione tle che:, : V V R (v 1, v 2 ) v 1, v 2 (PS1) per ogni v 1, v 2 V si h v 1, v 2

Dettagli

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1

Problemi e rappresentazione di problemi di geometria dello spazio - Claudio Cereda febbraio 2001 pag. 1 Prolemi e rppresentzione di prolemi di geometri dello spzio - ludio ered ferio 00 pg. onvenzioni di disegno e di rppresentzione Nel corso dell trttzione si dotternno le seguenti convenzioni simoliche:

Dettagli

Geometria analitica +l piano cartesiano Le funzioni retta, parabola, iperbole Le trasformazioni sul piano cartesiano

Geometria analitica +l piano cartesiano Le funzioni retta, parabola, iperbole Le trasformazioni sul piano cartesiano Geometri nliti +l pino rtesino Le funzioni rett, prol, iperole Le trsformzioni sul pino rtesino SEZ. P +l pino rtesino Osserv le oorinte ei seguenti punti: (, 0), (, ), C(, +), D + +, E(+, 9)., Che os

Dettagli

Anno 4 I Triangoli rettangoli

Anno 4 I Triangoli rettangoli Anno 4 I Tringoli rettngoli 1 Introduzione In quest lezione esmineremo i tringoli rettngoli, studindo le relzioni metriche tr i lti e gli ngoli di un tringolo. Enunceremo i teoremi sui tringoli rettngoli

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

Codifica dei numeri reali

Codifica dei numeri reali Fondenti di Infortic - Codific dei nueri reli FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER UCA MONTESSORO Fcoltà di Ingegneri Università degli Studi di Udine Codific dei nueri reli 000 Pier uc Montessoro si ved

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Integrali curvilinei e integrali doppi

Integrali curvilinei e integrali doppi Integrli curvilinei e integrli doppi Integrli curvilinei di prim specie Prim di inizire l trttzione di questo rgomento dimo l definizione di curv. Per curv nello 3 3 spzio R intendimo un sottoinsieme di

Dettagli

a è detta PARTE LETTERALE

a è detta PARTE LETTERALE I MONOMI Si die MONOMIO un espressione letterle in ui le unihe operzioni presenti sino il prodotto e l divisione. Esempio è detto COEFFICIENTE del monomio e è dett PARTE LETTERALE Un monomio si die ridotto

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

CALCOLO LETTERALE. Prof. Katia Comandi Dispensa per la classe III ITI Informatico. a.s 2006/2007

CALCOLO LETTERALE. Prof. Katia Comandi Dispensa per la classe III ITI Informatico. a.s 2006/2007 CLCOLO LETTERLE Prof. Kti Comndi Dispens per l clsse III ITI Informtico.s 00/007 Indice Il Clcolo letterle Introduzione pg. Scopo del Clcolo letterle pg. Monomi pg. Polinomi pg.. Prodotti notevoli pg.

Dettagli

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura.

7.5. BARICENTRI 99. Esempio 7.18 (Baricentro di una lamina ellissoidale omogenea). Consideriamo la lamina ellissoidale omogenea in figura. 7.5. BAICENTI 99 P J Q Gli ssi HJ e PQ (che isecno i lti opposti del rettngolo) sono ssi di simmetri mterile. il ricentro dell lmin coincide con l intersezione dei due ssi: G, G H Esempio 7.18 (Bricentro

Dettagli

MATRICI DETERMINANTI SISTEMI LINEARI TEORIA ED ESERCIZI

MATRICI DETERMINANTI SISTEMI LINEARI TEORIA ED ESERCIZI I PRTE LGEBR LINERE TEORI ED ESERCIZI DIPRTIMENTO DI GRRI FCOLT DI INGEGNERI DEI SISTEMI LOGISTICI E GRO- LIMENTRI LEZIONI DI GEOMETRI E LGEBR DISPENS MTRICI DETERMINNTI SISTEMI LINERI TEORI ED ESERCIZI

Dettagli

Esercizi sulle curve in forma parametrica

Esercizi sulle curve in forma parametrica Esercizi sulle curve in form prmetric Esercizio. L Elic Cilindric. Dt l curv di equzioni prmetriche: xt cos t yt sin t t 0 T ] > 0 b IR zt bt trovre: versore tngente normle binormle vettore curvtur rggio

Dettagli

Definiamo ora alcuni vettori particolarmente importanti detti versori.

Definiamo ora alcuni vettori particolarmente importanti detti versori. Prof. A. Di Mro I versori Definimo or lcni vettori prticolrmente importnti detti versori. Un versore è semplicemente n vettore di modlo nitrio. Normlmente gli ssi, e z vengono ssociti i versori i ˆ, ˆj,

Dettagli

Classe V E. Geometria

Classe V E. Geometria Postulti di Euclide: Primi postulti: Clsse V E Geometri Lo spzio contiene infiniti punti, infinite rette e infiniti pini, un pino contiene infiniti punti e infinite rette, un rett contiente infiniti punti.

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Teorema della Divergenza (di Gauss)

Teorema della Divergenza (di Gauss) eorem dell ivergenz (di Guss) i un dominio tridimensionle regolre, l cui frontier è un superficie chius orientt con cmpo normle unitrionˆ uscente d. e F(,,z) F (,,z) i F (,,z) j F (,,z) k è un cmpo vettorile

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ ELEMENTI DI CALCOLO ALGEBRICO Test di utovlutzione 0 0 0 0 0 0 60 0 80 90 00 n Il mio punteggio, in entesimi, è n Rispondi ogni quesito segnndo un sol delle lterntive. n Confront le tue risposte

Dettagli

Nome Cognome. Classe 1D 29 Novembre 2010 Verifica di Fisica formula Nome grafico

Nome Cognome. Classe 1D 29 Novembre 2010 Verifica di Fisica formula Nome grafico Noe Cognoe. Clsse D 9 Novebre 00 erific di Fisic forul Noe grfico Proporzionlità qudrtic invers = ) icordndo i possibili legi tr due grndezze,, coplet l seguente tbell ) Specific il significto dei prefissi

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

LE GRANDEZZE FISICHE. estensive. Grandezze. intensive non dipendono dalla quantità di materia temperatura, peso specifico

LE GRANDEZZE FISICHE. estensive. Grandezze. intensive non dipendono dalla quantità di materia temperatura, peso specifico LE GRANDEZZE FISICHE estensive dipendono dll quntità di mteri mss, volume, lunghezz Grndezze intensive non dipendono dll quntità di mteri tempertur, peso specifico LA MISURA DI UNA GRANDEZZA FISICA Per

Dettagli

EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Autore: Enrio Mnfui - 30/04/0 EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Le equzioni di seondo grdo in un inognit sono uguglinze di due polinomi di ui lmeno uno è di seondo grdo e l ltro è di grdo minore o ugule due.

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo?

triangolo equilatero di lato 9 cm. Quanto misura il lato del rombo? GB00001 Il perimetro di un rombo è triplo di quello di un ) 24 cm. b) 21 cm. c) 26,5 cm. d) 20,25 cm. d tringolo equiltero di lto 9 cm. Qunto misur il lto del rombo? GB00002 Due segmenti AB e CD sono tli

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data...

Monomi e polinomi. Verifica per la classe prima COGNOME... NOME... Classe... Data... Cpitolo Monomi e polinomi Monomi Verifi per l lsse prim COGNOME............................... NOME............................. Clsse.................................... Dt...............................

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G IPSIA ore complessive di insegnmento 33 settimne X 3 ore = 99 ore Nome Ins. Tecn. Prtico Testo in dozione

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli