LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Università degli Studi Mediterranea Aprile 2014 Un Edificio laboratorio

Save this PDF as:
Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Università degli Studi Mediterranea Aprile 2014 Un Edificio laboratorio"

Transcript

1

2

3 Comune di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria LAB RENEW_MEL Città di Reggio Calabria Aprile 2014 Un Edificio laboratorio R4_RELAZIONE SULLA PERICOLOSITÀ SISMICA Data, Agosto 2014 Il Geologo Michele Mandaglio

4

5 INDICE PREMESSA 3 1. POSIZIONE GEOGRAFICA 4 2. INQUADRAMENTO TETTONICO REGIONALE Regione sismo-tettonica INDAGINI GEOGNOSTICHE PERICOLOSITÀ E RISCHIO SISMICO Assetto geo-strutturale e sismotettonico Pericolosità sismica MODELLAZIONE SISMICA DI SITO E AZIONE SISMICA DI PROGETTO Caratterizzazione sismica categoria di suolo Caratterizzazione sismica mediante Vs Amplificazione sismica e azione sismica di progetto 25 2

6 Premessa La presente relazione si riferisce al progetto per la realizzazione del Laboratorio LAB RENEW_MEL. MASW (Multichannell Analytical Surface Waves) che l Università Mediterranea di Reggio Calabria intende realizzare sul litorale marino alla foce del Torrente Calopinace ed è stata redatta per determinare la pericolosità sismica di base in conformità Norme tecniche per le costruzioni (NTC 2008). Con tali fini è stato elaborato il presente studio per i lavori in oggetto, che definisce, tra l altro, gli aspetti relativi alla caratterizzazione sismica dei terreni cui fare riferimento per la verifica delle prestazioni attese, come previsto nei 3.2 e 7.11 delle N.T.C. nonché nei C.3.2. e C della Circolare del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici 02/02/09 n 617 La caratterizzazione sismica del sito in cui sarà realizzato l intervento è stata effettuata sulla base delle indagini sismiche di tipo MASW eseguite da N. & G. per conto del Comune di Reggio Calabria (INDAGINI GEOFISICHE PER IL PROGETTO INERENTE LA REALIZZAZIOINE DI UN PONTE IN C.A. NEL TRATTO ANTISTANTE LA FOCE DEL TORRENTE CALOPINACE riportate in allegato) In conformità alle normative sopra richiamate, quindi, la relazione sulla pericolosità sismica illustra L inquadramento geologico, L inquadramento geomorfologico, Gli aspetti sismici e sismotettonici del sito, La categoria sismica di suolo cui fare riferimento per la verifica delle prestazioni attese delle opere previste in progetto, secondo quanto stabilito dal D.M e dalla relativa Circolare n 617 del La pericolosità sismica di sito e l azione sismica di progetto. 3

7 1. POSIZIONE GEOGRAFICA L intervento andrà a interessare il tratto di litorale marino a sud della Stazione Centrale di Reggio Calabria, in corrispondenza della foce della Fiumara Calopinace. Si tratta di un territorio che pur essendo inserito nel tessuto urbano della città di Reggio Calabria, presenta ancora ampi spazi non edificati. L area d intervento è rappresentata nel foglio 254 III NE REGGIO CALABRIA della Carta d Italia dell I.G.M. (serie 25 V) utilizzata come base per la Carta Geologica ufficiale della Calabria ed è compresa nel Foglio n 601, MESSINA REGGIO DI CALABRIA della serie 25. Localizzazione Sito Intervento Fig. 1.1 Corografia dalla Carta d Italia scala 1:50000 IGMI. Foglio 601 Messina Reggio Calabria, IGM Una rappresentazione di maggior dettaglio si trova: - sulla Carta Tecnica Regionale 1:5000 (elemento N ). - sulla cartografia realizzata anche dal Comune di Reggio Calabria (Foglio N La Carrera, del rilievo aerofotogrammetrico 1:2.000). 4

8 Fig. 1.2 Stralcio dell elemento della Carta Tecnica Regionale Fig. 1.3 Stralcio del Foglio n Aerofotogrammetria in scala 1:2.000 del Comune di Reggio Calabria. 5

9 Fig.1. 4 Foto aerea del sito di interesse tratta da Google Earth Le coordinate geografiche espresse in gradi decimali e riferite al punto centrale del sito sono: Latitudine = Longitudine = L altitudine è di circa 4 metri s.l.m. L esatta posizione dell area e i rapporti con gli ambiti territoriali adiacenti possono essere individuati nelle figure che seguono oltre che nei grafici e nelle planimetrie di progetto. L area d intervento ricade parzialmente all interno di Aree da sottoporre ad interventi di bonifica e rinaturalizzazione (Piano Spiaggia) e parzialmente all interno di Aree per Servizi (Zona Territoriale Omogenea F del vigente PRG). 6

10 2. INQUADRAMENTO TETTONICO REGIONALE Il territorio in cui ricade l area d intervento fa parte della vasta regione - tettonica definita nel suo complesso Arco Calabro Peloritano, qui caratterizzato dal Graben dello Stretto di Messina al quale, sul fronte calabro emerso, corrispondono l Horst dell Aspromonte e il meno esteso Horst di Piale che delimitano verso est l ampia depressione controllata da più sistemi di faglie, nota in letteratura come Bacino di Reggio. Si tratta di una regione interessata da intensi movimenti tettonici verticali ancora attivi, che hanno dato origine al rapido sollevamento dell Aspromonte in Calabria e dei Monti Peloritani in Sicilia e allo sprofondamento dello Stretto. Figura 2.1 L Arco Calabro Peloritano nell evoluzione tettonica del Mediterraneo centrale (da Lentini et al., 2005, mod.) Secondo gli studi più noti, la struttura principale di questa regione sarebbe rappresentata da uno slab orientato in direzione NE-SW e immergente a NW, posto sul fronte ionico, verso il quale sembra dirigersi l intero Arco Calabro Peloritano (v. figura 2.1 e 2.2). 7

11 Figura 2.1 Spostamento tettonico dell Arco Calabro Peloritano. L area studiata ricade nella zona centrale del Bacino di Reggio Calabria, fossa articolata e complessa posta tra il margine sud-occidentale dell Aspromonte e lo Stretto di Messina, il cui sviluppo è controllato da più sistemi di faglie alcune delle quali sono cieche (blind foult) o comunque disposte sui fondali marini dello Stretto, mentre altre caratterizzano la parte emersa del bacino (Figura 2.3). 8

12 Fig.2.3.Strutture tettoniche della Calabria meridionale Caratteristica comune a molte faglie sembra essere quella di avere piani di scorrimento prossimi alla verticale lungo i quali si verifica il sollevamento discontinuo del basamento cristallino scandito dalle scarpate che delimitano il bordo esterno dei terrazzi pleistocenici che accompagnano il sollevamento polifasico della Calabria meridionale almeno dal Pleistocene. Nel Bacino di Reggio, dove importanti fenomeni di subsidenza hanno accentuato la depressione rispetto all entroterra appenninico in sollevamento, si sono succeduti diversi cicli di sedimentazione.i sedimenti più antichi, deposti in aree marine peri-costiere e generalmente a debole profondità, risalgono al Miocene (Calcareniti e Sabbie molassiche) e sostengono potenti successioni, più o meno continue e spesso in forte discordanza stratigrafica e angolare, di sedimenti plio-pleistocenici di facies deltizia e continentale (Ghiaie e sabbie di Messina) apicalmente ricoperti da depositi olocenico attuali di facies francamente continentale (Depositi di terrazzo e Deposti alluvionali). La continuità stratigrafica della sedimentazione mostra tracce evidenti di fenomeni tettonici e faglie, ma nelle aree emerse è lateralmente interrotta dagli intensi processi erosivi che hanno inciso e segmentato le formazioni, in particolare quelle pleistoceniche, di cui spesso restano soltanto modesti affioramenti isolati alla sommità dei rilievi interfluviali. Per altro va posto in evidenza che i sedimenti plio-pleistocenici del bacino di Reggio Calabria appoggiano con uguale frequenza sui litotipi del basamento cristallino- 9

13 metamorfico oppure sui sedimenti miocenici i quali comunque, talvolta anche in aree prossime alla costa, appoggiano sullo stesso basamento. Però, in fase plio-pleistocenica, la formazione di gran lunga più importante è rappresentata dalle Ghiaie di Messina, formazione stratificata con andamento inclinato verso la parte assiale dello Stretto (clino-stratificazione) In tale contesto geologico, il Bacino della fiumara Calopinace - alla cui foce si trova l area di costruzione - a causa dei ripetuti processi tettonici e morfogenetici che hanno modellato i rilievi e il pattern idrologico dell entroterra, è andato incontro a una forte progradazione che, nel corso del tempo, ha prodotto l espansione della pianura alluvionale con un meccanismo analogo a quello rappresentato nella figura che segue. Figura 2.4 Meccanismo di progradazione [1 Sabbie (bottom set);2 Ghiaie (foreset); 3 Depositi di litorale (topset)] 2.1 Regione sismo-tettonica Com è stato descritto nella Parte II, il territorio in cui ricade l area d intervento rientra nella struttura tettonica dello Stretto di Messina, caratterizzata da un'accentuata mobilità verticale da cui deriva il sollevamento dell'entroterra cristallino e dei terreni sedimentari sovrapposti - in un alternanza di fasi di sollevamento e rallentamento che hanno prodotto la caratteristica morfologia a gradinata - e da fenomeni di sovrascorrimento passivo e di rotazione anti-oraria,che traslano il blocco calabro verso sud-est. La configurazione sismo-tettonica dell area d interesse è governata da alcuni sistemi di faglie dirette di età recente, a prevalente orientazione NE SW, le quali delimitano il bordo orientale del bacino di Reggio Calabria nei confronti dell'horst dell'aspromonte e, più a nord, il bacino di Gioia ed il Graben del Mesima dalla dorsale interna. 10

14 Il complesso quadro strutturale è completato da altri importanti sistemi di faglie a orientazione NW-SE e, seppure in minor misura, ad andamento E-W e NW-SE. Legati a queste strutture sono i terremoti che, nel corso dei secoli, si sono succeduti nell area, assumendo talvolta intensità distruttiva (v. Fig Neotectonic Map of Italy CNR - Progetto finalizzato Geodinamica modificato). Figura 2.5 Carta neotettonica della Calabria meridionale e della Sicilia orientale (CNR Progetto finalizzato Geodinamica, modificata G.Mandaglio 2013). 11

15 Il potenziale sismogenetico deriva dalla correlazione delle strutture tettoniche con la posizione degli ipocentri dei terremoti più intensi, localizzati nella Piana di Gioia Tauro- Valle del Mesima, e a sud nello Stretto di Messina. Sulla Carta Neotettonica d Italia (CNR Progetto Finalizzato Geodinamica, 1991) si può notare che il massimo assoluto di attività sismica dell Arco Calabro è localizzato nello Stretto di Messina e nella Piana di Gioia - Bacino del Mesima, con un gran numero di terremoti di magnitudo M > 7 e profondità focali di circa 10 Km. Tali ricorrenze, estese a quelle che caratterizzano l intero territorio nazionale, hanno portato alla valutazione della massima intensità macrosismica risentita dalle diverse parti della penisola italiana e alla redazione di una specifica carta tematica (Carta della Massima intensità macrosismica risentita in Italia. INGV; Pres. Cons. Ministri - Dip. Protezione Civile.1996) uno stralcio della quale comprendente l area in esame è riportato nella pagina seguente (fig.2.6). Dall esame di tale Carta si evince chiaramente che il territorio di Reggio Calabria e quindi anche l area di costruzione rientrano in una zona in cui si sono verificati terremoti distruttivi con intensità MCS maggiore dell XI grado. Figura 2.6 Stralcio della Carta della massima intensità macrosismica risentita in Italia (INGV-SSN, 1995 e s.m.i) 12

16 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE Il sito In cui sarà realizzato il laboratorio sperimentale previsto in progetto ricade interamente sopra i terreni alluvionali mobili e ciottolose (ac). Le unità in posto fino a -4.5m dal p.c. hanno caratteristiche geotecniche scadenti e sono composte quasi esclusivamente da materiale eterogeneo a caratterizzazione ghiaiosa, fortemente rimaneggiato. In precedenza, nella stessa zona era stata eseguita una campagna geognostica dalla N. & G. GEOLOGIA srl per conto dell Assessorato per le politiche per l'ambiente e arredo urbano - Settore tutela ambientale ufficio monitoraggio del comune di Reggio Calabria nell ambito degli interventi urgenti per il riassetto territoriale delle aree a rischio idrogeologico, relativi alle fiumare Annunziata, Calopinace, Sant'Agata e Armo. (v. figura successiva). 13

17 In particolare, e per gli scopi della presente relazione, per l area in esame (foce della Fiumara Calopinace) esiste anche una prova geofisica di tipo MASW che ha dato i seguenti valori: 14

18 4. PERICOLOSITÀ E RISCHIO SISMICO 4.1 Assetto geo-strutturale e sismotettonico Il settore settentrionale del territorio comunale di Reggio Calabria è caratterizzato da terrazzi marini incisi dal settore terminale della valle della Fiumara di Catona. Le superfici terrazzate sono riferibili al XII, XI e X ordine e sono datati al Pleistocene superiore (Miyauchi T. et al., 1994). La stratigrafia dei terrazzi è rappresentata da depositi conglomeratici e sabbioso conglomeratici pliocenici sovrastati da depositi alluvio-torrentizi, costieri e di ambienti di transizione Pleistocenici. Questi ultimi come già descritto hanno granulometria variabile da sabbie limose a conglomerati sabbiosi con locali orizzonti argillosi e argilloso limosi. Le superfici terrazzate appaiono dislocate dal sistema di faglie sismogenetiche di Cittanova che solleva l Aspromonte. Figura 4.1 Storia sismica (Intensità al sito) di Reggio Calabria (INGV) 15

19 Figura 4.2. Mappa schematica con i modelli di faglia ricostruiti per il terremoto del Le linee scure indicano l intersezione del piano di faglia con la superficie del suolo. La doppia linea bianca rappresenta il modello proposto da Brancaleoni et al. (2009); la linea grigio-scura rappresenta due soluzioni equivalenti ottenute senza considerare i parametri della faglia; la linea grigia chiara semplice rappresenta due soluzioni equivalenti ottenute fissando un angolo d inclinazione di 60 ; la linea nera indica le tracce geologiche delle faglie (a trattini dove dedotte o sommerse, segnati sul lato ribassato del blocco; ARF = Faglia di Armo; CF = Faglia di Cittanova ; MSGF = Faglia di Motta San Giovanni; RCF = Faglia di Reggio Calabria; SEF = Faglia di S. Eufemia; SF= Faglia di Scilla). I puntini neri indicano i punti della livellazione di Loperfido (1909). Il riquadro mostra le componenti di strike-slip e dip-slip per la faglia di Armo modellata con un angolo d inclinazione di 60 (linea rossa) calcolata dividendo la dislocazione di superficie in una griglia con maglie di 7 x 7 km. I risultati sono proiettati alla superficie del suolo. La proiezione è UTM-WGS Pericolosità sismica Nelle tabelle seguenti è sintetizzata la storia sismica di Reggio Calabria con i danni causati da ogni evento, ricostruiti con dati storici e strumentali. 16

20 17

21 Tabella dei terremoti storici Storia sismica di Reggio Calabria (INGV) [ Is = Intensità al sito (MCS); Np = Numero di osservazioni macrosismiche del terremoto; Ix = intensità massima (MCS); Mw = Magnitudo momento] L istogramma che segue (figura 8.3) evidenzia l intensità, l incremento di frequenza negli ultimi 5 secoli e il terremoto più importante (sisma del ), mentre la figura 8.4 rappresenta l intensità macrosismica di quel terremoto risentita nell area dello Stretto di Messina e nei territori confinanti. Figura 4.3. Storia sismica (Intensità al sito) di Reggio Calabria (INGV) 18

22 Figura 4.4 Distribuzione dell intensità macrosismica nel territorio di Reggio Calabria e Messina per il terremoto del 1908 (INGV - Stucchi et alii ) In termini di accelerazione massima al suolo, importante è la mappa di pericolosità sismica del territorio Italiano, approvata dalla Commissione Grandi Rischi (Fig 8.5). Tale carta, è la base di partenza per la valutazione dell azione sismica prevista dalle norme vigenti. Figura 4.5- Stralcio Mappa di pericolosità sismica del territorio nazionale (fonte INGV). 19

23 Per il territorio di Reggio Calabria,e in particolare per il sito di progetto, il riferimento è però costituito dalla griglia della figura 8.6. Figura Stralcio della Mappa di pericolosità sismica del territorio di interesse (il sito di progetto è posto in prossimità del centro della griglia (fonte INGV) 5. MODELLAZIONE SISMICA DI SITO E AZIONE SISMICA DI PROGETTO Le Nuove Norme Tecniche sulle Costruzioni (D. Min. Infrastrutture 14 gennaio 2008) raccolgono, modificano e organizzano le norme introdotte con il D.M. N 3274/2003 in base alle direttive dell Eurocodice 8 e riconoscono che anche in terreni ricadenti all'interno di un area avente la stessa classificazione, la risposta sismica può non essere omogenea, e subire incrementi o riduzioni strettamente dipendenti dalle situazioni geologiche, litostratigrafiche e geomorfologiche locali. Pertanto, alla sismicità generale dell area descritta in precedenza, deve essere associato uno studio specifico sulla risposta sismica locale che in sostanza deriva dalla storia geologica del sito. Le stesse Norme Tecniche, stabiliscono che, ai fini della definizione dell azione sismica di progetto è necessario valutare l effetto della risposta sismica mediante specifiche analisi in assenza delle quali si può fare riferimento ad un approccio semplificato (par. 3.2 delle NTC08). 20

24 Ai sensi dell art. 2 e 6 c. 1 dell allegato 3 al Regolamento Regionale n. 7 del 28 giugno 2012 (Procedure per la denuncia, il deposito e l autorizzazione di interventi di carattere strutturale perla pianificazione territoriale in prospettiva sismica di cui alla Legge regionale n. 35 del 19 ottobre Abrogazione regolamento regionale n. 18 dell 1dicembre 2009) e in virtù del fatto che le caratteristiche geologiche, geotecniche e sismiche del sito evidenziano la presenza di terreni omogenei (non vi sono variazioni orizzontali nell'area di progetto e nel suo intorno significativo), a densità crescente verso il basso, con aumento progressivo delle Vs con la profondità, lo scrivente ritiene sufficiente adottare la procedura semplificata poiché evidenzia con soddisfacente grado di attendibilità l'effetto dell'amplificazione di sito anche per opere appartenenti, come nel caso in esame, alla classe d uso III (paragrafi e delle NTC-08) 5.1 Caratterizzazione sismica categoria di suolo L approccio semplificato prevede l individuazione di categorie di suolo di riferimento. Le categorie di suolo standard previste dalla normativa sono le seguenti: Vs 30 (m/s) Categori a suolo Descrizione geotecnica (Nspt 30 ) (Cu 30 ) A Ammassi rocciosi affioranti e terreni molto rigidi caratterizzati da valori di V S30 = superiori a 800 m/s, eventualmente comprendenti in superficie uno strato di alterazione con spessore massimo pari a 3 m. Vs 30 >800 B Rocce tenere e depositi di terreni a grana grossa molto addensati o a grana fine molto consistenti con spessori superiori a 30 m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di V S30 compresi tra 360 m/s e 800 m/s (ovvero N SPT,30 > 50 nei terreni a grana grossa e C u,30 > 250 kpa nei terreni a grana fina). 360< Vs 30 <800 (Nspt > 50) (Cu >250 kpa) C Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o a grana fina mediamente consistenti con spessori superiori a 30 m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche 180 < Vs 30< 360 (15 < Nspt < 50) 21

25 con la profondità e da valori di V S30 compresi tra 180 m/s e 360 m/s (ovvero 15<N SPT,30 < 50 nei terreni a grana grossa 70< C u,30 < 250 kpa nei terreni a grana fina). (70 < Cu < 250 kpa) D Depositi di terreni a grana grossa scarsamente addensati o di terreni a grana fina scarsamente consistenti con spessori superiori a 30 m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di V S30 inferiori a 180 m/s (ovvero N SPT,30 < 15 nei terreni a grana grossa e C u,30 < 70 kpa nei terreni a grana fina). Vs 30 < 180 (Nspt < 15) (Cu < 70 kpa) E Terreni dei sottosuoli di tipo C o D di spessore non superiore a 20 m, posti sul substrato di riferimento (con V S30 > 800 m/s ). Alle quali sono state aggiunte altre due categorie riportate di seguito. S1 Depositi di terreni caratterizzati da valori di Vs30 inferiori a 100 m/s (ovvero 10<cu<20kPa), che includono uno strato di almeno 8 m di terreni a grana fine di bassa consistenza, oppure che includono almeno 3 m di torba o di argille altamente organiche. Vs30 < 100m/s IP>40 S2 Depositi di terreni suscettibili di liquefazione, di argille sensitive, o qualsiasi altra categoria di terreno non classificabile nei tipi precedenti La V s 30 che caratterizza le diverse categorie, corrisponde alla velocità media di propagazione delle onde sismiche trasversali (onde di taglio) nei primi 30 metri di profondità, ed il suo valore viene misurato per mezzo di appositi strumenti. Dalla categoria B in poi, in alternativa o a completamento delle Vs, è previsto l impiego di altri parametri (N SPT30, Cu 30 ). Quando si è in presenza di terreni multistrato, ognuno dei quali sia dotato di una sua specifica velocità, la VS 30 si calcola con l espressione: Vs hi Vi i 1, N dove: h i = spessore dello strato in metri; V i = velocità delle onde di taglio (per deformazioni σ < 10-6 dello strato i-esimo, per un totale di N strati presenti nei primi 30 metri di profondità). 22

26 La normativa prevede che la definizione della categoria di suolo sia eseguita con misure dirette delle onde V S30, anche se quando non si conoscono i valori di Vs 30 consente la caratterizzazione dei terreni mediante i valori di Nspt. 30 oppure della Cu 30 a secondo dei litotipi. 5.2 Caratterizzazione sismica mediante Vs30 Per il caso specifico, ai fini dell identificazione della categoria di suolo, avendo a disposizione i dati sismici provenienti dalle prove MASW - che restituiscono una misura pseudo diretta, continua e più attendibile rispetto ai valori di Nspt, di cui si è comunque tenuto conto -, la classificazione è stata effettuata in base ai valori della velocità equivalente Vs30 di propagazione delle onde di taglio entro i primi trenta metri di profondità scaturiti dalle prove MASW. Fino ad una profondità di circa 2.8 metri, le velocità delle onde S variano tra 116 m/sec e 172 m/sec, c possono essere associate a depositi di spiaggia da sciolti a poco addensati. Sotto i 2.8 metri e fino ad una profondità di circa 7.1 metri, le velocità delle onde di taglio (Vs) variano tra 242 m/sec e 318 m/sec, e possono essere associate a depositi grossolani mediamente addensati. Da 7.1 metri e fino alla profondità di circa 32 metri, le velocità delle onde trasversali (Vs) oscillano tra 382 m/sec e 498 m/sec, e sono riferibili a depositi grossolani addensati. Sotto i 32 metri di profondità si riscontra un netto aumento delle velocità delle onde S, che raggiungono valori superiori ai 700 m/sec, riferibili a depositi molto addensati. 23

27 24

28 da cui si ricava: Prova Vs30 Categoria di suolo MASW C La normativa vigente (D.M. 14/08/ ) stabilisce che, ai fini della identificazione della categoria di suolo, la classificazione deve essere effettuata sulla base dei valori della velocità equivalente V s30 nei primi 30 metri a partire dal piano di appoggio delle fondazioni. In tal caso prendendo in considerazione il piano di appoggio del sistema di fondazione previsto in progetto, da normativa NTC 08, pur considerando osservando un leggero incremento delle Vs30 la categoria di suolo resta invariata. Il terreno d interesse rientra, quindi, in Categoria di suolo C: Depositi di terreni a grana grossa mediamente addensati o a grana fina mediamente consistenti con spessori superiori a 30 m, caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di VS30 compresi tra 180 m/s e 360 m/s. 5.3 Amplificazione sismica e azione sismica di progetto La pericolosità sismica di base costituisce l elemento di conoscenza primario per valutare l azione sismica sulle costruzioni ed è descritta dalla probabilità che, in un fissato lasso di tempo, in un determinato sito si verifichi un evento sismico di entità almeno pari ad un valore fissato. Tale grandezza, compatibilmente con quanto prescritto dalla NTC, è dotata di un buon livello di dettaglio sia in termini geografici che temporali. Infatti, è definita mediante valori di accelerazione orizzontale massima ag in corrispondenza dei punti di un reticolo (reticolo di riferimento) i cui nodi non distano più di 5 Km e per diverse probabilità di superamento in 50 anni e/o diversi periodi di ritorno TR ricadenti in un intervallo di riferimento compreso almeno tra 30 e 2475 anni. Allo stato attuale, la pericolosità sismica su reticolo di riferimento nell intervallo di riferimento è fornita dai dati pubblicati sul sito dell INGV. L azione sismica, individuata a partire dalla localizzazione del sito e dalla pericolosità ad esso associata, viene successivamente variata per tener conto delle modifiche prodotte dalle condizioni locali stratigrafiche del sottosuolo effettivamente presente nel sito di 25

29 costruzione e dalla morfologia della superficie. Tali modifiche caratterizzano la risposta sismica locale. Le caratteristiche del moto sismico atteso sul sito di riferimento si ritengono individuate quando se ne conosca l accelerazione massima ed il corrispondente spettro di risposta elastico in accelerazione Se(T). L O.P.C.M. n. 3274/2003 così come modificata dal D.M. 14/01/08 e la circolare 2/2/2009 n 617, hanno dunque stabilito che l azione sismica sulle costruzioni può essere verificata considerando la pericolosità sismica di base del sito in termini di accelerazione orizzontale massima attesa a g in condizioni di campo libero (free field) per un suolo ipotetico rigido ed orizzontale di Categoria A (come indicato nelle NTC). Per accelerazione massima attesa s intende il picco del segnale che ha una certa probabilità, P VR, di essere superato in un periodo di riferimento Vr, legato alla vita di riferimento della costruzione dalla relazione V R = V n x C U Dove: V n = vita nominale, intesa come periodo in anni per il quale l edificio può essere usato mantenendo le finalità di realizzazione, purché sottoposto a manutenzione ordinaria; C u = coefficiente d uso legato alla destinazione d uso della costruzione ed alla sua importanza strategica e di affollamento così come previsto nei paragrafi e delle NTC-08. Gli interventi da realizzare, ricadendo in classe II, con vita nominale V n > 50 anni e con un C u = 1.0, sono caratterizzati da un periodo di riferimento pari a: V R = 50 x 1,0 = 50 anni Mentre le probabilità di superamento nel periodo di riferimento PVR per individuare l azione sismica agente in ciascuno degli stati limite considerati sono le seguenti: 26

30 STATI LIMITE PVR NEL PERIODO VR TR(anni) Stati limite di esercizio SLO 81% 45 SLD 63% 75 Stati limite ultimi SLV 10% 712 SLC 5% 1462 Coordinate geografiche D altra parte, per definire compiutamente la pericolosità sismica locale, la norma prevede che l area di costruzione sia individuata per mezzo di coordinate geografiche in modo da poterla inquadrare all interno del reticolo di riferimento in cui è stato suddiviso il territorio nazionale. L Italia infatti è stata suddivisa in una griglia regolare con nodi - di passo di circa 5 km - ad ognuno dei quali sono assegnati specifici parametri sismici. Latitudine = Longitudine = e ricade all interno dei quattro nodo sotto riportati (software utilizzato Spettri-NTC ver 1.03, CSLP). 27

31 Sulla base di tali coordinate si ottengono, per i quattro stati limite indicati dalla sopracitate NCT/08, i parametri spettrali caratteristici (a g, F 0, T C *) per il calcolo dell azione sismica di progetto di seguito riportati: Stato TR ag Fo Tc Limite [anni] [g] [-] [s] SLO SLD SLV SLC dove: o a g = accelerazione orizzontale massima del terreno su suolo rigido tipo A, con piano campagna orizzontale, espressa in g/10; o F 0 = valore massimo del fattore di amplificazione della componente orizzontale dello spettro elastico di accelerazione; o T C = periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro in accelerazione orizzontale, espresso in secondi. Mentre gli spettri di risposta elastici per i diversi stati limite sono rappresentati di seguito: 28

32 Figura Spettri di risposta elastici per i diversi Stati limite Amplificazione stratigrafica Le indagini hanno permesso di classificare il substrato dell area di costruzione come sottosuolo di Categoria B delle NTC-08. Da questo dato di partenza si possono ricavare il coefficiente stratigrafico Ss ed il coefficiente di categoria CC che agiscono sul valore del periodo Tc. Tramite le seguenti formule, tratte dalla tabella 3.2 V delle NTC, per un sottosuolo di categoria C: Categoria di sottosuolo Ss Cc C 29

33 Si avrà pertanto: Stato limite Ss Cc SLO 1,50 1,61 SLD 1,50 1,58 SLV 1,31 1,47 SLC 1,16 1,43 Amplificazione Topografica Una corretta determinazione della risposta sismica locale, deve considerare, oltre all amplificazione stratigrafica, l andamento del profilo topografico dell area in cui si colloca il fabbricato in esame. A tal proposito le NTC 2008 attraverso la tabella 3.2.IV, forniscono quattro categorie topografiche, distinte sulla base della configurazione e dell inclinazione media del profilo, utili per la scelta del coefficiente di amplificazione topografico ST, strettamente connesso con tali categorie (Tab. 3.2.VI delle NTC-08): Categoria T1 Caratteristiche della superficie topografica Superficie pianeggiante, pendii e rilievi isolati con inclinazione media i 15 T2 Pendii con inclinazione media i > 15 T3 T4 Rilievi con larghezza in cresta molto minore che alla base ed inclinazione media 15 i 30 Rilievi con larghezza in cresta molto minore che alla base e inclinazione media i > 30 Le stesse norme tecniche stabiliscono, inoltre, che se l altezza del pendio è inferiore ai 30 metri la categoria topografica da assegnare è sempre T1. Nel caso in esame gli interventi previsti in progetto ricadono lungo una piana alluvionale, caratterizzata da pendenze molto inferiori ai 15, quindi in categoria topografica T1. 30

34 Il coefficiente Topografico ST, utile ai calcoli di amplificazione sismica, varia in funzione della categoria topografica e, una volta individuata la categoria, la sua variazione spaziale è definita da un decremento lineare con l altezza del pendio o rilievo, dalla sommità fino alla base dove ST assume valore unitario. Categoria Ubicazione dell opera o dell intervento ST T1-1,00 T2 In corrispondenza della sommità del pendio 1,20 T3 In corrispondenza della cresta del rilevo 1,20 T4 In corrispondenza della cresta del rilievo 1,40 Nel caso in esame (categoria T1) il coefficiente topografico S T di amplificazione è pari a 1,00 Sulla base di quanto sopra esposto si ricavano i valori dei vari coefficienti S S, C C e S T che tengono conto dell amplificazione dell azione sismica, per ciascuno stato limite considerato: Stato limite SS ST CC S SLO 1,50 1,00 1,61 1,50 SLD 1,50 1,00 1,58 1,50 SLV 1,31 1,00 1,47 1,31 SLC 1,16 1,00 1,43 1,16 31

35 Dove S è il coefficiente di amplificazione che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche mediante la relazione seguente: S = S S S T. I dati così ricavati, insieme a quelli provenienti dai modelli geologici locali illustrati nella relazione geologica, sono stati assunti come base per la caratterizzazione e modellazione geotecnica di progetto. Reggio Calabria, agosto 2014 Il geologo Dott. Michele Mandaglio 32

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA

COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA Dott. Geol. Jean Vincent C.A. Stefani C.da Saponaro 70, 74023 Grottaglie (TA) Tel. 099.5610224 cell. 3388641493 Fax 099.5610224 E-mail stefani.geologo@libero.it COMUNE DI TARANTO RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio

REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE INERTI. Merlet Fabrizio Regione Autonoma Valle d Aosta Comune di AYAS Région Autonome Vallée d Aoste Commune de AYAS Progetto REALIZZAZIONE DI FABBRICATO AD USO MAGAZZINI E PREDISPOSIZIONE POSA IMPIANTO PER GESTIONE E LAVORAZIONE

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. *

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. * 3.2 AZIONE SISMIA Le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto dei diversi stati limite considerati, si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione.

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30

Le categorie di sottosuolo delle NTC08: limiti di applicabilità di V s30 Workshop Strategie di Mitigazione del Rischio sismico La Microzonazione sismica: esperienze, risultati, applicazioni dal 2008 al 2013 Roma, 22-23 maggio 2013 CNR, Piazzale A. Moro 1 Le categorie di sottosuolo

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA

COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO COMUNE DI GROTTAMMARE COMMITTENTE: COMUNE DI GROTTAMMARE SISTEMAZIONE AREA PER REALIZZAZIONE SCUOLA EDUCAZIONE CINOFILA PROGETTO TAVOLA: SCALA: // ELABORATO TECNICO

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini

Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini Extensive ambient vibration survey supporting a Level 2 seismic microzoning of an urban area: the case of Rimini D. Albarello, E. Lunedei, D. Pileggi, UniSI - DST; C. Copioli, Comune di Rimini; M. Filippini,

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol.

COMUNE DI AVEZZANO. (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82. Località Paterno. Committente:Bernardi Mauro. Geol. COMUNE DI AVEZZANO (Provincia di L'Aquila) Via Pietragrossa, 82 Località Paterno Committente:Bernardi Mauro Geol. Annamaria Paris MASW Multichannel Analysis Surface Waves Il relatore Dott. Geol. Michele

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L Elaborato SR4 Scala CONSULENZA Codice 2270C02_0 Data 0 Sett. 2011 1 2 3 Rev Titolo elaborato:

Dettagli

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012 N 12212 Bini Tesi 551 Lucca P.I. 211455466 Rapporto n 12212 Committente Sig. ri Bini Giuseppe e Tesi Donato Tipo di indagine Indagini sismiche: Down Hole Cantiere Via Lungomonte Rosignano Solvay Data misure

Dettagli

Relazione sismica Pag. 1

Relazione sismica Pag. 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 2. CATEGORIA DEL SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE... 3 3. CARATTERISTICHE DELLE OPERE... 4 4. SOTTOPASSO PEDONALE km 169+423... 5 5. SOTTOVIA VEICOLARE km 172+308... 7 Pag.

Dettagli

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI C3. AZIONI SULLE COSTUZIONI C3.1 OEE CIVILI ED INDUSTIALI C3.1.3 CAICHI EMANENTI NON STUTTUALI La possibilità di rappresentare i carichi permanenti portati come uniformemente distribuiti, nei limiti dati

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI D E N U N C I A D I L A V O R I P E R A U T O R I Z Z A Z I O N E S I S M I C A (art. 2 L.R. 7/1/83 n. 9 s.m.i., artt. 93 e 65 D.P.R. 6/6/2001 n.

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10

Azione sismica. Parte I 3.2 Azione sismica 1. Parte II 7.11 Opere e sistemi geotecnici 10 I Parte I 3.2 1 1 3.2.1 Stati limite... e relative probabilità di superamento 1 2 3.2.2 Categorie... di sottosuolo e condizioni topografiche 2 3 3.2.3 Valutazione... dell'azione sismica 4 Parte II 7.11

Dettagli

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura)

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Esempio 11 (ANGELUCCI) Nel sito in esame sono state eseguite solo misure HVSR, ma non si dispongono di altre indagini geognostiche o

Dettagli

VOLUME C Modulo O Azione sismica sulle strutture

VOLUME C Modulo O Azione sismica sulle strutture SCHEDA O.1 Il periodo di ritorno NTC (parr. 2.4, 2.5, Alleato A, Alleato B) Per eseuire qualsiasi verifica sismica, la prima randezza da determinare è il periodo di ritorno T R dell azione sismica. Secondo

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA

GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Studi di Microzonazione sismica: Teoria e Applicazioni GLI EFFETTI DI SITO E LA MICROZONAZIONE SISMICA Prof. Claudio Eva Corso di aggiornamento per geologi: Aosta 18-19 Ottobre 2011 Elementi legislativi

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

Prescrizioni delle NTC (2008)

Prescrizioni delle NTC (2008) La progettazione di fondazioni di edifici in terreni ad alta instabilità Prescrizioni delle NTC (2008) Stefano Aversa Università degli studi di Napoli Parthenope Associazione Geotecnica Italiana Bologna

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

Dott. Eraldo Viada Geologo

Dott. Eraldo Viada Geologo Dott. Eraldo Viada Geologo Via Tetto Chiappello, 21D 12017 Robilante (CN) 3404917357 1 Premessa Nella presente relazione sono esposte le risultanze delle indagini geologiche e geotecniche eseguite con

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche

MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche MODULI DI ANALISI EDIFICATORIA AREE D ESPANSIONE con valutazioni sismiche PSC VILLANOVA SULL ARDA Approvato con delibera del C.C. N... del... Villanova... pag. 1 Cignano... pag. 9 Soarza... pag. 12 Sant

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria)

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) INCARICO PROFESSIONALE PER LO STUDIO GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) 1. Quadro normativo 2. Programmazione

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE

COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE COMUNE DI ANCONA PROSPEZIONE SISMICA MASW INERENTE LO STUDIO DI LESIONI STRUTTURALI DEL FABBRICATO UBICATO IN VIA GABRIELLI DIOMEDE Committente: Ottobre 2008 I geologi Marco Catalano Francesco Cuccurullo

Dettagli

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI)

COMUNE DI VILLARICCA (PROVINCIA DI NAPOLI) Modellazione sismica di sito COMUNE DI ILLARICCA (PROINCIA DI NAPOLI) RELAZIONE SULLA MODELLAZIONE SISMICA DI SITO ARIANTE URBANISTICA PER LA REALIZZAZIONE DI UN AREA PARCHEGGIO PUBBLICO E COMPLETAMENTO

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI MONTEMARCIANO PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI MONTEMARCIANO PROVINCIA DI ANCONA Committente: MONTESSORI 17 Società Cooperativa Edilizia a Responsabilità Limitata Oggetto: PIANO PARTICOLAREGGIATO in variante al PRG ai sensi dell art. 15,

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Commessa 973/10 B.C.C. di FANO. B.C.C. di FANO VILLA LUTTICHAU LOC. FERRETTO DI FANO

Commessa 973/10 B.C.C. di FANO. B.C.C. di FANO VILLA LUTTICHAU LOC. FERRETTO DI FANO Pag. 1 di 23 VILLA LUTTICHAU LOC. FERRETTO DI FANO PIANO DI RECUPERO PER IL COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI CUI AL P.C. N 211/05/2009, LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI E LA TRASFORMAZIONE DELLA RESIDENZA STORICA

Dettagli

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione A08 458 Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

Laboratorio di progettazione strutturale A

Laboratorio di progettazione strutturale A Laboratorio di progettazione strutturale A Anno Accademico 09/10 degli Studi Pavia 1/38 Università degli Studi di Pavia Analisi Sismica: Definizione dello Spettro Università degli Studi di Pavia 2/38 Laboratorio

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Studio di Geologia COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Variante al Regolamento Urbanistico INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE ai sensi del D.P.G.R. 53/R del 25/10/2011 di supporto alla fattibilità degli

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE A CENTRO

Dettagli

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012

. conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR. Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 . conoscere il fenomeno sismico, LO STUDIO DI MICROZONAZIONE SISMICA DEL COMUNE DI NEGRAR Dott. Geol. Enrico Castellaccio 13 febbraio 2012 1 Terremoto dell Aquila 6 aprile 2009 Mr = 5,9 Mw = 6,3 Tr = 300-350

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Normativa di riferimento... 2 1.2. Descrizione della struttura... 2 2. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 2 2.1. Inquadramento geologico e stratigrafia del sito... 2 2.2. Inquadramento

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO

Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO Aggiornamento Professionale Continuativo Giornata di Studio LA GEOFISICA NELLA PROFESSIONE DEL GEOLOGO 1. Utilizzo del metodo semplificato per la definizione degli spettri elastici, ai sensi NTC08. 2.

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

COMUNE DI VALLESACCARDA

COMUNE DI VALLESACCARDA Dott. Geologo Marco Catalano - Dott. Geologo Francesco Cuccurullo Viale Mazzini 83, 80045 Pompei (Na) - tel. 081 / 856.70.66 - cell. 349.15.76.598 COMUNE DI VALLESACCARDA PROVINCIA DI AVELLINO RELAZIONE

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR

INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR INDAGINE GEOFISICA MEDIANTE TECNICA DEI RAPPORTI SPETTRALI O HVSR Lo scopo di questa indagine è la caratterizzazione sismica del sottosuolo e, in particolare, l individuazione delle discontinuità sismiche

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

Schema della presentazione

Schema della presentazione Presentazione COMUNE DI GRADARA (PU) Effettuazione delle Indagini di Microzonazione Sismica (MZS 1 Livello) Walter Borghi Schema della presentazione 1^ PARTE GENERALE SCOPO: fornire una traccia metodologica

Dettagli

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO

NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO NUOVE EVIDENZE CONNESSE AI FENOMENI DI DEFORMAZIONE DEL SUOLO NELL AMBITO DEL BRADISISMO FLEGREO Lucio Amato Tecno In Servizi di Ingegneria AMRA - Analysis and monitoring of environmental risck PREMESSA

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli