PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI)"

Transcript

1 (Allegato n l) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DELLA TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI (TARI) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. ^ * del h\lo\u Pagina 1

2 Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del nuovo tributo comunale sui rifiuti denominato TARI, introdotto nel nostro ordinamento, a partire dal 1 gennaio 2014, dalla Legge 27 dicembre 2013, n 147 cosiddetta "Legge di stabilità 2014". La TARI è una tassa che deve coprire il 100% dei costi di gestione dei rifiuti solidi urbani. Il Piano Finanziario si riferisce solo alla tassa propriamente detta che, come previsto dall'art. 14, comma 1, del D.L. 201/2011 per la Tares nel 2013, deve garantire la copertura integrale dei costi del servizio di gestione dei rifiuti. Il Piano Finanziario deve evidenziare i costi complessivi, diretti e indiretti, del servizio, e dividerli fra costi fissi e costi variabili, sulla scorta dei criteri indicati nel D.P.R. n. 158/1999 citato. La TARI, infatti, ha una struttura binomia, che ripartisce in maniera differente i costi fissi, relativi alle componenti essenziali del costo del servizio, e quelli variabili, dipendenti dalla quantità dei rifiuti conferiti. In fase di determinazione delle tariffe, poi, si procederà alla suddivisione sia dei costi fissi che di quelli variabili fra utenze domestiche e non domestiche, in modo da consentire, con apposita deliberazione del Consiglio Comunale, la determinazione delle tariffe per le singole categorie di utenze dividendo i costi, così ripartiti, per i coefficienti delle categorie previste dal D.P.R. n. 158/1999. Si precisa che il presente Piano Finanziario riguarda solamente i rifiuti solidi urbani e quelli che sono stati ad essi assimilati ad opera del Regolamento Comunale di Igiene Urbana; solo tali tipologie di rifiuto rientrano infatti nell'ambito della privativa comunale, cioè nel diritto/obbligo del Comune a provvederne alla raccolta e smaltimento. I rifiuti speciali, al contrario, vengono smaltiti direttamente dalle imprese che li producono e quindi non sono considerati né nel servizio né nel conteggio dei costi dello stesso. Naturalmente, quindi, non sono nemmeno tassabili, poiché l'impresa sostiene autonomamente i costi per il loro smaltimento. Nel dettaglio, l'art. 8 del D.P.R. 158/1999, dispone che il Piano finanziario, deve individuare: a) il programma degli interventi necessari, imposti dalla normativa ambientale o comunque deliberati dagli enti locali, e concernenti sia gli acquisti di beni o servizi, sia la realizzazione di impianti; b) il piano finanziario degli investimenti, che indica l'impiego di risorse finanziarie necessarie a realizzare gli interventi programmati; c) l'indicazione dei beni, delle strutture e dei servizi disponibili, nonché il ricorso eventuale all'utilizzo di beni e strutture di terzi, o all'affidamento di servizi a terzi; d) le risorse finanziarie necessarie, completando il piano finanziario degli investimenti e indicando in termini di competenza i costi e gli oneri annuali e pluriennali. Il Piano finanziario, pur palesandosi come atto caratterizzato da una complessa articolazione, si struttura quindi essenzialmente attorno a due nuclei tematici: 1) i profili tecnico-gestionali, che illustrano il progetto del servizio di gestione integrata del ciclo dei rifiuti, delineando il quadro del servizio esistente (con funzione anche di rendicontazione e verifica) e l'evoluzione che si intende imprimere al servizio medesimo; Pagina 2

3 2) i profili economico-finanziari, che individuano e programmano, con cadenza annuale, i flussi di spesa e i fabbisogni occorrenti a fronteggiarli, indicando anche gli aspetti patrimoniali ed economici della gestione. Sotto quest'ultimo profilo il Piano rappresenta l'indispensabile base di riferimento per la determinazione delle tariffe e per il loro adeguamento annuo (artt. 49, comma 8, d.lgs. 22/1997; art. 8, D.P.R. 158/1999), come conferma anche il comma 23, dell'art. 14, d.l. 201/2011, per la Tares, e la normativa attualmente in vigore, per la Tari, ai sensi della quale "Il Consiglio Comunale deve approvare le tariffe del tributo entro il termine fissato da norme statali per l'approvazione del bilancio di previsione, in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dall'autorità competente". Il Piano Finanziario del Comune di Portoscuso si compone delle seguenti parti: 1. una parte introduttiva e descrittiva degli obiettivi per il servizio per l'; 2. una parte contenente i profili tecnico gestionali del servizio; 3. una parte comprendente i profili economico-finanziari del servizio (PEF - Piano Economico Finanziario). Pagina 3

4 Comune di PortOSCUSO 1. INTRODUZIONE - OBIETTIVI PER IL SERVIZIO - ANNO 2014 Il Piano Finanziario costituisce lo strumento attraverso cui il Comune di Portoscuso illustra la propria strategia di gestione dei rifiuti urbani. Gli obiettivi di gestione che si intendono perseguire devono essere formulati secondo una logica pluriennale (tipicamente tre anni), di cui l'esercizio di riferimento rappresenta il primo periodo (anno n) e l'esercizio appena concluso (anno n-1) è inserito con i dati utili per consentire una comparazione. Nel corso dell'anno 2013 il servizio di igiene urbana è stato eseguito dalla ditta Cosir seri con sede in Via Nuoro n. 76/B - Cagliari (CA), risultata aggiudicataria del servizio novennale di igiene urbana (dal al ), a seguito di gara d'appalto tenutasi previa pubblicazione del bando di gara nei termini e nelle modalità indicate dall'art. 66 del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n Nelle more dell'instauranda procedura per l'affidamento del servizio e alla luce della nuova disciplina dei servizi pubblici locali (Legge n 148/2011), il contratto in essere potrà essere prorogato ai sensi di legge. Alla data odierna è in fase di ultimazione il procedimento per l'approvazione di un nuovo bando di gara per il servizio di igiene urbana, consistente principalmente in: raccolta dei rifiuti urbani e delle frazioni recuperabili in maniera differenziata; spazzamento; raccolta dei rifiuti ferrosi, di beni durevoli e dei rifiuti ingombranti; trasbordo, trasporto e conferimento dei suddetti rifiuti agli impianti di smaltimento/ recupero; servizi accessori. La previsione dei costi del servizio per l' è stata definita conformemente agli elementi a disposizione degli uffici alla data dell'elaborazione del Piano Finanziario, sulla base degli importi pre-fissati per il periodo di svolgimento del servizio della ditta affidataria, e per il periodo successivo si sono utilizzati i costi che verranno inseriti nel bando di gara per l'affidamento del servizio, adeguato all'indice Istat. Si rileva che i costi a consuntivo potranno subire uno scostamento in aumento/diminuzione rispetto ai costi preventivati, in virtù di molteplici variabili quali percentuale del ribasso dell'offerta di gara; tempi tecnici per le procedure di affidamento del servizio; data di inizio effettivo dello svolgimento del servizio da parte del soggetto aggiudicatario. Lo scostamento tra gettito a preventivo e gettito a consuntivo della tassa comunale sui rifiuti, è riportato a nuovo, nel Piano finanziario successivo o anche in Piani successivi non oltre il terzo nel modo seguente: a) per intero, nel caso di gettito a consuntivo superiore al gettito preventivato; b) per la sola parte derivante dalla riduzione nelle superfici imponibili, ovvero da eventi imprevedibili non dipendenti da negligente gestione del servizio, nel caso di gettito a consuntivo inferiore al gettito preventivato. In questa prima parte del documento vengono esplicitati i livelli di qualità del servizio ai quali deve essere commisurata la tariffa. L'insieme dei servizi di cui si definisce il livello qualitativo sono raccolti nei seguenti cinque gruppi, di cui tre per i rifiuti indifferenziati e due per i riciclabili: Spazzamento, lavaggio strade, smaltimento dei residui (CSL); Raccolta e trasporto rifiuti indifferenziati (CRT); Trattamento e smaltimento rifiuti indifferenziati (CTS); Raccolta differenziata (CRD); Pagina 4

5 Trattamento e riciclo frazione differenziata (CTR). Nella prima colonna delle schede si elencano le frequenze dei servizi dell'anno precedente a quello di riferimento (n-1), nella seconda quelle dell'anno di riferimento (n), nella terza e nella quarta colonna si riportano le frequenze del primo anno (n+1) e del secondo anno (n+2) successivo a quello di riferimento. 1.1 Obiettivi del servizio di spazzamento, lavaggio strade e piazze pubbliche Il servizio di spazzamento è previsto con tipologia "mista" ovvero manuale e meccanizzato. Verrà prestato per un totale di 12 ore alla settimana di spazzamento manuale e 12 ore a settimana di spazzamento meccanizzato, nel centro del paese e/o in punti indicati dal servizio tecnico del Comune. Definizione della frequenza media e della tipologia di spazzamento (meccanizzato, manuale, misto) per il territorio comunale: Spazzamento manuale, misto, meccanizzato (n-1) (n) (n+1) (n+2) Frequenza costante per 12 h h. 12 h h. 12 h h. 12 h h. tutta la durata del /settimana /settimana /settimana /settimana servizio sulle aree indicate dal Responsabile del Servizio Nel nuovo appalto è previsto come si evince dalla tabella precedente il servizio di spazzamento con frequenza giornaliera secondo quanto dettagliato nella planimetria allegata al progetto guida in corso di approvazione. Tale servizio verrà integrato nel periodo giugnosettembre ed in occasione di particolari festività anche la domenica ed il giorno festivo immediatamente successivo. Si ritiene che le frequenze di spazzamento nel nuovo progetto siano sufficienti a garantire un'adeguata pulizia delle vie pubbliche e possano assicurare un servizio migliore rispetto al precedente esercizio, compatibilmente con il criterio di perseguimento di una maggiore economicità del servizio totale di igiene urbana. 1.2 Obiettivi di contenimento dell'incremento della produzione di RSU L'obiettivo che si intende perseguire è quello di un contenimento dell'incremento del rifiuto secco conferito, mediante le seguenti azioni di carattere preventivo: - Potenziamento progetti di incentivazione della raccolta differenziata anche nei centri di raccolta, grazie all'entrata in servizio dell'ecocentro comunale a partire dall'anno 2010; Potenziamento del controllo sui conferimenti da parte degli organismi deputati. 1.3 Obiettivi del servizio di gestione dei rifiuti indifferenziati Si ritiene che le frequenze attuali di ritiro del rifiuto urbano secco indifferenziato saranno adeguate in occasione del nuovo appalto come evidenziato nel prospetto seguente; l'obiettivo sarà quello di ridurre al massimo il conferimento del rifiuto secco, mediante adozione di nuove azioni di sensibilizzazione sociale e l'eventuale istituzione di un servizio di raccolta di indumenti usati. Rifiuto secco indifferenziato (n-1) (n) (n+1) (n+2) Frequenza costante per tutta la durata del 2/7 2/7 1/7 1/7 servizio, con modalità porta a porta Pagina 5

6 1.4 Obiettivi del servizio di gestione rifiuto umido Si ritiene che le frequenze attuali di ritiro del rifiuto urbano umido siano adeguate. Verrà valutata ogni utile iniziativa finalizzata ad una maggiore razionalizzazione ed economicità del servizio; Rifiuto umido (n-1) (n) (n+1) (n+2) Frequenza differenziata in base 3/7 3/7 3/7 3/7 al periodo dell'anno, con Costante per Costante per Costante per Costante per modalità porta a porta tutto l'anno tutto l'anno tutto l'anno tutto l'anno Si conferma tale frequenza anche nel nuovo appalto. 1.5 Obiettivi del servizio di gestione rifiuto riciclabile Si ritiene che le frequenze attuali di ritiro del rifiuto urbano riciclabile (carta, vetro, plastica, ecc.) possano essere mantenute sebbene vadano approfondite le iniziative finalizzate ad una maggiore razionalizzazione ed economia del servizio; Rifiuto riciclabile 2012 (n-1) 2013 (n) 2014 (n+1) 2015 (n+2) Frequenza costante per tutto il periodo dell'anno, con modalità porta a porta o libero conferimento all'ecocentro comunale. Durante il periodo giugno-settembre tale servizio, con specifico riferimento alla raccolta del vetro, viene svolto con una frequenza settimanale 1/15 1/15 1/15 1/15 Si conferma tale frequenza anche nel nuovo appalto. 1.6 Obiettivi del servizio di gestione rifiuto ingombrante Si ritiene che le frequenze attuali di ritiro del rifiuto urbano riciclabile siano adeguate. Rifiuto ingombrante 2012 (n-1) 2013 (n) 2014 (n+1) 2015 (n+2) Frequenza costante per tutto il periodo dell'anno, con modalità porta a porta o libero conferimento all'ecocentro comunale 1/30 1/30 1/15 1/15 Si avrà un miglioramento dei tempi di raccolta con un servizio di raccolta su chiamata dell'utente nel nuovo appalto. 1.7 Obiettivi sociali Miglioramento del grado di soddisfazione dei cittadini; si descrivono gli obiettivi in termini di: qualità percepita del servizio, agevolazioni per l'utenza domestica, modalità di riscossione semplificate, attuazione della carta dei servizi. Pagina 6

7 2. PROFILI TECNICO-GESTIONALI DEL SERVIZIO 2.1 II programma degli interventi Rispetto al precedente esercizio si intende procedere in generale ad una razionalizzazione del servizio ed alla ricerca di una maggiore efficienza dello stesso. Si prevede infatti che, con l'entrata in esercizio dell'ecocentro comunale, una buona percentuale di rifiuti riciclabili potrà essere conferita direttamente dagli utenti alla struttura dalla quale l'impresa aggiudicataria potrà direttamente conferirla agli impianti di riciclaggio. Nessuna variazione è prevista per la raccolta della frazione secca. Viene confermata la metodologia di raccolta dei rifiuti porta a porta per tutti i rifiuti di cui sopra. Batterie esauste e farmaci scaduti verranno ritirati mensilmente dagli appositi contenitori posizionati in punti predefiniti all'interno di locali pubblici o all'aperto in appositi luoghi aperti al pubblico e facilmente raggiungibili. I rifiuti ingombranti verranno ritirati mensilmente direttamente al domicilio degli utenti o in luogo precedentemente concordato. Tutte le convenzioni con i centri di recupero saranno stipulate direttamente dal Comune di Portoscuso. Di seguito il riquadro riassuntivo del servizio: TIPO DI RIFIUTO FREQUENZA DI RACCOLTA TIPOLOGIA SERVIZIO RIFIUTO INDIFFERENZIATO SECCO 1/7 Porta a porta RIFIUTO UMIDO 3/7 Porta a porta PLASTICA 1/15 Porta a porta e/o conferimento ecocentro CARTA 1/15 Porta a porta e/o conferimento ecocentro VETRO 1/15 Porta a porta e/o conferimento ecocentro VETRO (periodo giugno - settembre) 1/7 Porta a porta e/o conferimento ecocentro PILE ESAUSTE 1/30 Ritiro da luogo pubblico e/o conferimento ecocentro FARMACI SCADUTI 1/30 Ritiro da luogo pubblico e/o conferimento ecocentro INGOMBRANTI 1/15 Su chiamata a domicilio e/o conferimento ecocentro Pagina 7

8 SPAZZAMENTO OLI DOMESTICI ED ESAUSTI SINTETICI SFALCI DERIVANTI DALLA CURA DEL VERDE Frequenza quotidiana differenziata a seconda delle zone del paese. Giornaliera durante l'orario di apertura dell'ecocentro Giornaliera durante l'orario di apertura dell'ecocentro Misto Conferimento ecocentro Su chiamata a domicilio e/o conferimento ecocentro 3. PROFILI ECONOMICO-FINANZIARI DEL SERVIZIO 3.1 II piano finanziario degli investimenti Nel corso dell' tutte le attività di gestione del ciclo dei rifiuti sono affidate a terzi (dalla raccolta allo smaltimento), rimanendo a capo all'ente le funzioni di responsabilità del servizio e di coordinamento delle attività. Non sono pertanto previsti investimenti diretti per il servizio di igiene urbana del Comune di Portoscuso. 3.2 Indicazione di beni e strutture e dei servizi disponibili I beni e le strutture ed i servizi disponibili per l'attività di gestione del ciclo dei rifiuti sono di proprietà dei soggetti terzi gestori delle specifiche attività di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani, e delle attività di conferimento e smaltimento delle frazioni di rifiuti indifferenziati e differenziati. 3.3 Risorse finanziarie necessarie: il piano economico finanziario (PEF) La presente parte ha lo scopo di determinare i costi fissi e variabili dei servizi descritti sinteticamente nella tabella di seguito riportata, necessari per determinare i costi da coprire attraverso la tariffa di riferimento della TARES, in attuazione di quanto prescritto dall'art. 14 del Decreto Legge n. 201/2011, convertito nella L. 214/2011. I costi da inserire nel PEF sono disciplinati dettagliatamente nell'allegato 1, del D.P.R. n. 158 del Tali costi sono correlati alla loro natura - costi operativi di gestione, costi comuni e costi d'uso del capitale - con ulteriori articolazioni al loro interno, come meglio dettagliato nella seguente classificazione dei costi da coprire con la tariffa: Costi operativi di gestione (CG) Costi di gestione RSU indifferenziati (CGIND): - costi spazzamento e lavaggio strade e piazze pubbliche (CSL) - costi di raccolta e trasporto RSU (CRT) - costi di trattamento e smaltimento RSU (CTS) - altri costi (AC) Costi di gestione raccolta differenziata (CGD): - costi di raccolta differenziata per materiale (CRD) - costi di trattamento e riciclo (CTR) Costi comuni (CC) - costi amministrativi (CARC) - costi generali di gestione (CGG) Pagina 8

9 - costi comuni diversi (CCD) Costi d'uso capitale (CK) - ammortamenti (Amm.) - accantonamenti (Acc.) - remunerazione del capitale investito (R) La determinazione delle tariffe relative all'anno n-esimo (2014) avviene computando: i costi operativi di gestione (CG) e i costi comuni (CC) dell'anno precedente (2013), aggiornati secondo il metodo del price-cap, ossia, in base al tasso programmato di inflazione (IP) diminuito di un coefficiente X n di recupero di produttività; i costi d'uso del capitale (CK n ) dell'anno in corso (2014); secondo la seguente formula: T n = (CG + CC) n _i (1+ IP n - X n ) + CK n dove: IT n = totale delle entrate tariffarie di riferimento CG -i = costi di gestione del ciclo dei servizi attinenti i rifiuti solidi urbani dell'anno precedente CC -i = costi comuni imputabili alle attività relative ai rifiuti urbani dell'anno precedente IP n = inflazione programmata per l'anno di riferimento X n = recupero di produttività per l'anno di riferimento CK = costi d'uso del capitale relativi all'anno di riferimento. Di seguito si riporta il prospetto riassuntivo dei costi sostenuti nell'anno 2013 per il servizio di igiene urbana, desunto dai dati risultanti dalla contabilità dell'ente, dai riscontri posti in essere con il Responsabile del Servizio interessato, e con le informazioni, i dati integrativi e le Prospetto riassuntivo dei costi sostenuti nell'anno 2013 CG - Costi operativi di Gestione ,52 CC- Costi comuni 4.702,94 CK - Costi d'uso del capitale ,23 Totale costi ,69 Si evidenzia che i costi sostenuti nell'anno 2013 (n-1) non si discostano significativamente dalla previsione dei costi dell' (n) per le ragioni che sono indicate nella relazione allegata al presente piano finanziario, ed in particolare perché esiste un contratto di appalto attualmente in corso di espletamento. Essendo tale contratto in scadenza il piano finanziario relativo al prossimo esercizio sconterà i maggiori costi derivanti dalla nuova procedura di scelta del contraente in corso di predisposizione, che andranno a gravare sul presente esercizio in misura limitata ai soli 2 mesi residui. Il Piano Economico Finanziario è articolato seguendo i criteri di aggregazione dei singoli costi, così come proposti dal D.P.R. 158/99. Di seguito si riporta la tabella riassuntiva contenente l'evidenziazione analitica dei costi di gestione rifiuti del Comune di Portoscuso e la loro trasparente attribuzione a voci di costo come indicate dal DPR 158/99, che ne impone la copertura totale attraverso la tariffa. Pagina 9

10 Determinazione costi sostenuti anno 2013 per la determinazione del totale entrate tariffarie TARI di riferimento CG Costi di gestione Voci di bilancio: B6 costi per materie di consumo e merci (al netto dei resi.abbuoni e sconti) B7 costi per servizi CGIND B8 costi per godimento di beni di Costi di gestione del ciclo dei terzi servizi RSU indifferenziati B9 costo del personale Bll variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci B12 accontamento per rischi, nella misura ammessa dalle leggi e prassi fiscali CGD B13 altri accantonamenti Costi di gestione del ciclo di B14 oneri diversi di gestione raccolta differenziata CSL costi di lavaggio e spazzamento strade ,68 CRT costi raccolta e trasporto rsu ,96 CTS costi trattamento e smaltimento rsu ,86 AC altri costi (realizzazione ecocentri.campagna informativa, consulenze e quanto non compreso nelle precedenti voci) ,59 CRD costi per la raccolta differenziata (costi di appalto e/o convenzioni con gestori) ,56 CTR costi di trattamento e riciclo (per umido e verde, costi di compostaggio e trattamenti) ,04 CC Costi comuni CARC Costi Amministrativi di Accertamento e Riscossione (costi di accertamento, riscossione e contenzioso, ecc.) ,51 CGG Costi Generali di Gestione ,38 CCD Costi Comuni Diversi (costo del personale a tempo determinato, quote dei costi di materiali e dei servizi come elettricità, gas, acqua, pulizie, materiali di consumo, cancelleria e fotocopie al netto del contributo del Ministero della P.I. quale concorso al costo del servizio per le scuole di ogni ordine e grado, ecc.) - 823,70 CK Costi d'uso del capitale Amm Ammortamenti 0,00 Acc Accantonamento 0,00 R Remunerazione del capitale R=r(KNn-l+In+Fn) r tasso di remunerazione del capitale impiegato KNn-1 capitale netto contabilizzato dall'esercizio precedente In investimenti programmati nell'esercizio di riferimento Fn fattore correttivo in aumento per gli investimenti programmati e in riduzione per l'eventuale scostamento negativo 0,00 Costi totali IT = ETF + 2TV ,94 TF - Totale costi fissi ETF = CSL+CARC+CGG+CCD+AC+CK ,45 TV - Totale costi variabili ZTV = CRT+CTS+CRD+CTR ,49 Ipn Inflazione programmata per l'anno di riferimento 1,50 % Xn Recupero di produttività per l'anno di riferimento 0.20 % Costi totali ,86 TF - Totale costi fissi ZTF = CSL+CARC+CGG+CCD+AC+CK ,46 Pagina 10

11 ZT = TF + FTV TV - Totale costi variabili 27V= CRT+CTS+CRD+CTR ,40 In conclusione si ritiene che l'organizzazione del servizio di igiene urbana per il comune di Portoscuso sia adeguato e dimensionato in maniera ottimale. Le linee di indirizzo a partire dal 2014 e per gli anni a venire saranno sostanzialmente: Azioni di riduzione della frazione secca; Avviamento di campagna di sensibilizzazione sociale sul problema rifiuti; Attivazione di eventuali altre linee di raccolta differenziata (abiti usati, ecc), anche con convenzioni con ditte specializzate. Il Dirigente dell'area 1 (Dott. Daniele Pinna) II Sindaco (Dott. Giorgio Alimonda) Pagina 11

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015

COMUNE DI MOGORO. Provincia di Oristano. Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani anno 2015 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 26.02.2015 1 Il piano finanziario

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2015

PIANO FINANZIARIO TARI 2015 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO PIANO FINANZIARIO TARI 2015 Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 38 del 30-07-20152015 COMUNU DE GUSPINI PROVINTZIA DE SU CAMPIDANU DE MESU SOMMARIO: Art.

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce

COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce COMUNE DI MAGLIE Provincia di Lecce PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VENDROGNO Via Don Mario Biagini n. 10 - Prov. Lecco Cap. 23838 Tel. 0341/870157 Partita IVA 00651590135 - Fax 0341/807941 E-mail: info@comune.vendrogno.lc.it Sito: www.comune.vendrogno.lc.it

Dettagli

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE

COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE COMUNE DI TREVI NEL LAZIO Provincia di FROSINONE PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti

Dettagli

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa

COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa COMUNE DI PRIOLO GARGALLO Provincia di Siracusa PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 2013 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 1 IL PIANO FINANZIARIO L

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2015 PROVINCIA DI TERAMO Piazza Umberto I n. 16 Codice fiscale 81000270678 Tel. 0861/999113 999312 P.IVA 00824050678 Fax 0861/999432 CAP 64035 Mail: protocollo@comunedicastilenti.gov.it PIANO FINANZIARIO E

Dettagli

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo

PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI. COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO ANNO 2014 TARI COMUNE DI BRUSAPORTO Provincia di Bergamo 1 1. Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario relativo alle attività inerenti

Dettagli

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014

COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 COMUNE DI GARAGUSO PROVINCIA DI MATERA PIANO FINANZIARIO E RELAZIONE RELATIVA AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI TARI ANNO 2014 Ex art. 8 D.P.R. 27 Aprile 1999 n. 158 1 INDICE PREMESSA 1

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. COMUNE DI SORICO Provincia di Como PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.I. Anno 2014 Allegato 1 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL SERVIZIO Il sistema di raccolta rifiuti

Dettagli

COMUNE DI GERA LARIO

COMUNE DI GERA LARIO COMUNE DI GERA LARIO (Provincia di Como) TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (T.A.R.E.S.) PIANO FINANZIARIO ESERCIZIO 2013 (Art.23 D.L.201/2011 art. 8 D.P.R. 158/1999) 1 Premessa Il presente documento

Dettagli

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e

AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE. S e d e AREA CONTABILE SETTORE TRIBUTI E SERVIZI Spettabile CONSIGLIO COMUNALE S e d e OGGETTO : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E

PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L. 27 dicembre 2013, n. 147 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 R E L A Z I O N E PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014: ALLEGATO A1) ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 22 dd. 20.05.2014 COMUNE DI ALA PROVINCIA DI TRENTO PIANO FINANZIARIO TARI Art. 1, commi da 641 a 667, della L.

Dettagli

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES)

COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) COMUNE DI APRICA PROVINCIA DI SONDRIO PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SERVIZI (TARES) Allegato alla deliberazione C.C. n. 15 del 12.07. INDICE 1- Premessa 2- Obiettivi

Dettagli

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL)

1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) 2012 Importo IVA Totale Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 1.1. Costi di Gestione Servizi R.U. indifferenziati (CGIND) Costi Spazzamento e Lavaggio strade (CSL) 4.323.093,28 432.309,33 4.755.402,61 Costi Raccolta e Trasporto R.U. (CRT) 4.204.463,71 420.446,37

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE DELIBERA N. 35 ADUNANZA DEL 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO TARI. Adunanza straordinaria

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 8 DEL 01/09/2015 CON POTERI DI CONSIGLIO Oggetto: APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO PER LA DETERMINAZIONE DEI COSTI DEL SERVIZIO DI

Dettagli

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I.

PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. COMUNE DI MARANO DI VALPOLICELLA (Provincia di Verona) PIANO FINANZIARIO T.A.R.I. Allegato "B" alla CC. n. 13 del 27.07.2015 f.to Il Segretario Comunale ANNO 2015 1 1. PREMESSA Il presente documento riporta

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO GESTIONE DEI RIFIUTI E TARIFFE TARI ( TRIBUTO SERVIZI RIFIUTI) anno 014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza

Dettagli

COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni

COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni COMUNE DI BASCHI Provincia di Terni PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI IL PIANO FINANZIARIO L insieme dei costi afferenti al servizio di gestione dei rifiuti urbani è

Dettagli

COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia

COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia COMUNE DI MONTENERO VAL COCCHIARA Provincia di Isernia COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 16 Pubblicata all Albo Pretorio il 14.07.014 al n. 8 OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario e tariffe

Dettagli

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO Provincia di Salerno

COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO Provincia di Salerno COMUNE DI SAN VALENTINO TORIO Provincia di Salerno DELIBERA DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO ( con i poteri del Consiglio Comunale) Oggetto: IUC - TARI - Approvazione piano finanziario, determinazione tariffe

Dettagli

Piano Economico Finanziario

Piano Economico Finanziario Piano Economico Finanziario 2015 Documento allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del / /2015 CG COSTI OPERATIVI DI GESTIONE CGIND Ciclo dei rifiuti urbani indifferenziati CSL Costi di spazz.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI VERDELLO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente

Dettagli

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014

Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Comune di Boissano Provincia di Savona PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARI) PER L ANNO 2014 Legge di stabilità 2014 Legge 147/2013 e successive modifiche

Dettagli

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA COMUNE DI TRECASTELLI PROVINCIA DI ANCONA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ---------------------------------------------------------------------- DELIBERAZIONE NUMERO 22 DEL 12-08-14 ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA

COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA COMUNE DI CORTE BRUGNATELLA PROVINCIA DI PIACENZA Piazza S. Balletti 2 29020 Marsaglia (PC) Tel 0523/969011 Fax 0523/969012 - Ragioneria.cortebrugnatella@sintranet.it C.F. 80004220333 P.I. 00777240334

Dettagli

Comune di Spinadesco - ASPM TARI

Comune di Spinadesco - ASPM TARI Comune di Spinadesco - ASPM TARI PIANO FINANZIARIO DEGLI INTERVENTI RELATIVI AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR 158/99 INDICE PREMESSA NORMATIVA INTRODUZIONE... PARTE

Dettagli

Comune di Sagrado TARES 2013. Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO

Comune di Sagrado TARES 2013. Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO Allegato alla deliberazione consiliare n. 19 del 01/07/2013 Comune di Sagrado TARES 2013 Comune di Sagrado PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO - art.

Dettagli

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA

VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGENE URBANA IN ITALIA CAPITOLO 6 VALUTAZIONE DEI COSTI DI GESTIONE DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA IN ITALIA ELABORAZIONI DELLE DICHIARAZIONI MUD 6.1 PREMESSA Il capitolo riporta la valutazione dei costi di gestione dei servizi

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 ALLEGATO N.4 ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N DEL 1 - Premessa RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E ALLA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE TARES 2013 Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 Data 27/08/2014 Ogg : Approvazione del piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e per la determinazione

Dettagli

P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I

P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I COMUNE DI MARANO (Provincia di Vicenza) P I A N O F I N A N Z I A R I O T A R I 2014 Sommario 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 1.1 Tarsu in vigore sino al 2012... 2 1.2 Tares nel 2013... 2 1.3 Iuc e relative

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014. Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 20-05-2014 in seduta di Prima convocazione Oggetto : APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE TARI 2014 Dato atto: che l anno duemilaquattordici il

Dettagli

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI.

OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. DELIBERA N. 11 DEL 20.05.2014 OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014: Aliquote Tributi Servizi Indivisibili TASI; Aliquote IMU TARIFFE TARI. VISTA la legge 27 dicembre 2013 n. 147 (legge di stabilità 2014) che ha stabilito,

Dettagli

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali PROGRAMMA OPERATIVO GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA FSE 2007 2013 OBIETTIVO 1 CONVERGENZA ASSE E CAPACITÀ ISTITUZIONALE Obiettivo specifico 5.2 Migliorare la cooperazione interistituzionale e le capacità

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014. Commissione Bilancio 11 Luglio 2014

La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014. Commissione Bilancio 11 Luglio 2014 La tassa sui rifiuti (TARI) per l anno 2014 Commissione Bilancio 11 Luglio 2014 SOMMARIO 1. L ABC DEI SERVIZI PUBBLICI 2. DOVE ERAVAMO RIMASTI 3. COME SI FORMA LA BOLLETTA 4. LE TARIFFE 2014 5. CONCLUSIONE

Dettagli

Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI)

Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI) COMUNE DI GENOLA PROVINCIA DI CUNEO Piano finanziario per l applicazione del Tributo sui Rifiuti e sui Servizi (TARI) ANNO 2014 ART. 8 D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 A. Premessa Il presente Piano Finanziario,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARI 2014

PIANO FINANZIARIO TARI 2014 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1 Tarsu in vigore sino al 2012 Visto il quadro particolarmente complesso, si ritiene opportuno riepilogare, almeno negli aspetti salienti, l evoluzione

Dettagli

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali

Definizione delle linee guida per la predisposizione delle delibere e dei regolamenti concernenti le entrate tributarie locali e strumenti prototipali PROGRAMMA OPERATIVO GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA FSE 2007 2013 OBIETTIVO 1 CONVERGENZA ASSE E CAPACITÀ ISTITUZIONALE Obiettivo specifico 5.2 Migliorare la cooperazione interistituzionale e le capacità

Dettagli

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo

COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo COMUNE DI VALBREMBO Provincia di Bergamo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI TARI ANNO 2015 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PER L ANNO 2013- APPROVAZIONE VISTI: IL CONSIGLIO COMUNALE - l art. 14 del D.L. 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni dalla

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI

IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI COMUNE DI SAN STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2014 PREMESSA La Legge di Stabilità 2014, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias)

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) Comune di Portoscuso Relazione al Piano Finanziario per I applicazione della TARI anno (Allegato n 2) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) RELAZIONE ALLEGATA AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI

Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI COMUNE DI SANT ANTIOCO Provincia di Carbonia - Iglesias Piano Finanziario 2014 e relazione di accompagnamento per la determinazione del tributo servizio rifiuti TARI Ai sensi dell art. 8, D.P.R. 27 aprile

Dettagli

COMUNE DI CERIGNOLA. Piano Finanziario Economico. PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1

COMUNE DI CERIGNOLA. Piano Finanziario Economico. PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1 COMUNE DI CERIGNOLA Piano Finanziario Economico 2014 PEF 2014 Comune di CERIGNOLA Pagina 1 1. L evoluzione normativa Dopo la problematica fase di passaggio dal sistema TARSU alla TARES avvenuta nel corso

Dettagli

COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia

COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia COMUNE DI ROSASCO Provincia di Pavia PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2015 Allegato A alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 28/04/2015 PREMESSA Il

Dettagli

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Comune di Stezzano ECOSVILUPPO COOP. SOC. ONLUS (Provincia di Bergamo) Via Circonvallazione Ovest n. 50 24040 - Stezzano (BG) Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2014 Indice

Dettagli

COMUNE DI SAUZE D OULX

COMUNE DI SAUZE D OULX COMUNE DI SAUZE D OULX RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA METODOLOGIA UTILIZZATA PER LA DEFINIZIONE DELLA TARES DI CUI ALL ART.14 DELLA LEGGE N.214/2011 e s.m.i. 1 PREMESSA L'articolo 14 della Legge n.214/11

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CASTELLETTO D ORBA (Provincia di Alessandria) COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 4 OGGETTO : APPROVAZIONE TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI). L anno duemilaquindici, addì

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia

COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia COMUNE DI MONTICELLI PAVESE Provincia di Pavia PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 A. Premessa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto

Dettagli

ALLEGATO C 2 da produrre su carta intestata del concorrente

ALLEGATO C 2 da produrre su carta intestata del concorrente Spett. Regione Liguria Stazione Unica Appaltante Regionale (S.U.A.R.) Compilare per ciascun anno di durata del contratto e per ciascun Comune Oggetto: procedura aperta per Appalto dei servizi di differenziata

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013. COSTI 2012 x 2013 con IVA

SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013. COSTI 2012 x 2013 con IVA SANTO STEFANO BELBO PIANO FINANZIARIO 2013 COSTI 2012 x 2013 con IVA Netturbini 29.515,00 Personale dell'ufficio Tributi 68.680,00 Gestione diretta del servizio s.r.s.u. beni cap.1739 + servizi cap. 1739/1

Dettagli

COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015

COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015 COMUNE DI BASSIGNANA PIANO FINANZIARIO TARI 2015 1 - Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente TARI (tributo servizio rifiuti) componente

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione

Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione Codice Fiscale 00350520177 Anno 2011 SEZIONE ANAGRAFICA Scheda SA - Anagrafica Nome o rag. sociale COMUNE DI Concesio SEDE a cui si riferisce

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUE DI ERETO PROVICIA DI TERAMO COPIA DI DELIBERAZIOE DEL COIGLIO COMUALE eduta in data : 16/05/2014 Atto n. 5 Oggetto: APPROVAZIOE PIAO ECOOMICO FIAZIARIO DEGLI ITERVETI RELATIVI AL ERVIIO DI GETIOE

Dettagli

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI TORCHIARA. Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI TORCHIARA Provincia di Salerno PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ANNO 2014 INDICE 1. Gestione ed organizzazione dei servizi 1.1 Premessa 1.2 Riferimenti normativi

Dettagli

Soddisfazione OVERALL Confronto con gli standard di mercato

Soddisfazione OVERALL Confronto con gli standard di mercato La valutazione overall è quindi calcolata sommando coloro che rispondono in linea con le aspettative oppure supera le aspettative. Dall analisi della tabella successiva emerge che l 88,5 delle utenze ritengono

Dettagli

COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 del Reg. Data 31-07-14

COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 22 del Reg. Data 31-07-14 COMUNE DI CUPRA MONTANA Provincia di Ancona CCD42016 COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 22 del Reg. Data 31-07-14 ---------------------------------------------------------------------- OGGETTO:APPROVAZIONE

Dettagli

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030

Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Comune di Monte San Vito (Provincia di Ancona) Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani Anno 2013 Indice Presentazione

Dettagli

Comune di San Giovanni Lupatoto. Piano economico finanziario TARI anno 2015. Redazione a cura della

Comune di San Giovanni Lupatoto. Piano economico finanziario TARI anno 2015. Redazione a cura della Comune di San Giovanni Lupatoto Piano economico finanziario TARI anno 2015 Redazione a cura della Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARI tassa sui

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) *************

C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* C O M U N E DI L I M B A D I (Provincia di Vibo Valentia) ************* COPIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 4 del Reg.

Dettagli

COMUNE DI ADELFIA Provincia di Bari ANNO 2014

COMUNE DI ADELFIA Provincia di Bari ANNO 2014 COMUNE DI ADELFIA Provincia di Bari PIANO FINANZIARIO del Servizio di Gestione dei Rifiuti Urbani ANNO 2014 (ex art. 1, comma 683 del Legge 27 dicembre 2013, n. 147) (approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA-

CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA- CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO -LINEE GUIDA- Gruppo di Lavoro Tariffa 05 dicembre 07-1 - 1 Introduzione...3 2 Criteri generali...5 3 Analisi delle singole voci del DPR 158/99...8 3.1 CGIND

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO E AL PIANO TARIFFARIO TARI 2014 A - Premessa Nell anno 2013 è stato introdotto in tutti i Comuni italiani il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) di cui all

Dettagli

COMUNE DI CARPENEDOLO

COMUNE DI CARPENEDOLO COMUNE DI CARPENEDOLO Provincia di Brescia PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELL ART. 8 DEL DPR n. 158/1999 ANNO 2015 Pag. 1 Indice Premessa (pag. 3) Riferimenti

Dettagli

Comune di Brenta Provincia di Varese

Comune di Brenta Provincia di Varese Comune di Brenta Provincia di Varese RELAZIOEN AL PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) PER L ANNO 2013 Ex art. 14 D.L. 6 dicembre 2012, n. 201, convertito

Dettagli

Comune di Casalzuigno Provincia di Varese

Comune di Casalzuigno Provincia di Varese Comune di Casalzuigno Provincia di Varese RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI (TARES) PER L ANNO 2013 Ex art. 14 DL 6 dicembre 2012, n. 201,

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n.

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO n. COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE L anno in Modena il giorno del mese di ( ) alle ore regolarmente convocato, si è riunito il Consiglio Comunale in seduta pubblica per la trattazione

Dettagli

COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO

COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO Tel. e Fax 0825 828665 COMUNE DI BONITO PROVINCIA DI AVELLINO Relazione esplicativa circa la compilazione del PEF relativamente ai costi di gestione dei rifiuti solidi urbani e la determinazione delle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SUI CRITERI DI REDAZIONE COSTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA COMUNE DI COSSIGNANO DEL PIANO FINANZIARIO (PF) RELATIVO AL

RELAZIONE TECNICA SUI CRITERI DI REDAZIONE COSTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA COMUNE DI COSSIGNANO DEL PIANO FINANZIARIO (PF) RELATIVO AL RELAZIONE TECNICA SUI CRITERI DI REDAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO (PF) RELATIVO AL COSTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI (GIRU) COMUNE DI COSSIGNANO ANNO 2013 Piano Finanziario

Dettagli

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012.

ALLEGATO 2. Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. ALLEGATO 2 Relazione sull andamento del servizio rifiuti nel corso del 2011 e previsioni per il 2012. Rinnovo convenzione con ATO 5 per la parte economica per l anno 2012 La assemblea di ATO5 del 22/12/2011

Dettagli

Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente)

Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente) Dpr 27 aprile 1999, n. 158 (elaborazione del metodo normalizzato per la definizione della tariffa rifiuti - Testo vigente) N.d.R.: testo aggiornato con le modifiche apportate da: - Legge 23 dicembre 1999,

Dettagli

C O M U N E D I A B R I O L A

C O M U N E D I A B R I O L A C O M U N E D I A B R I O L A PROVINCIA DI POTENZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO RACCOLTA RIFIUTI SOLIDI URBANI IN MANIERA DIFFERENZIATA VISTA la Delibera di Giunta municipale n.41 del 12/04/2013 con la

Dettagli

COMUNE DI LONGOBARDI

COMUNE DI LONGOBARDI COMUNE DI LONGOBARDI 87030 (Cosenza) DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 29/9/2014 OGGETTO: Determinazioni Piano Finanziario e Tariffe Componente TARI (tassa rifiuti) anno 2014 L anno

Dettagli

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI)

COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) Allegato A COMUNE DI PIANICO PROVINCIA DI BERGAMO PIANO FINANZIARO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA RIFIUTI (TARI) A. Premessa A partire dal 1 gennaio 2014 è istituita, nell ambito dell Imposta Unica Comunale

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10

COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 Copia COMUNE DI SALUGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE - ANNO 2015 L anno duemilaquindici addì trentuno

Dettagli

COMUNE DI BARGE. PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014

COMUNE DI BARGE. PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 COMUNE DI BARGE PROVINCIA DI CUNEO Piazza Garibaldi n. 11 PIANO FINANZIARIO TARI 2014 1 - Premessa Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario della componente TARI

Dettagli

novembre 2013 Studio redatto a cura di: Dr. Andrea Treu Studio in Piazza del Comune, 14 36051 CREAZZO (VI)

novembre 2013 Studio redatto a cura di: Dr. Andrea Treu Studio in Piazza del Comune, 14 36051 CREAZZO (VI) VALUTAZIONI sul COSTO dei SERVIZI di IGIENE URBANA (Comune di Sovizzo) novembre 2013 Studio redatto a cura di: Dr. Andrea Treu Studio in Piazza del Comune, 14 36051 CREAZZO (VI) INDICE 1. PREMESSA... 2

Dettagli

Preambolo. Preambolo. Note:

Preambolo. Preambolo. Note: D.P.R. 27-04-1999, n. 158 [1] Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani. (G.U. 04-06-1999, n. 129,

Dettagli

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI

PIANO FINANZIARIO DEL SERVIZIO DI LGN_PF_14_Rel.doc PIANO FINANZIARIO DEL DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Relazione Tecnica di accompagnamento Anno 2014 ai sensi dell art. 8 del DPR 27 aprile 1999, n. 158 PREMESSA... 2 1 SINTESI DEL MODELLO

Dettagli

IMPORTAZIONE RIFIUTI AUTOMATICA DEI DATI NEL SERVIZIO WEB DELL OSSERVATORIO. Omnigate Srl

IMPORTAZIONE RIFIUTI AUTOMATICA DEI DATI NEL SERVIZIO WEB DELL OSSERVATORIO. Omnigate Srl IMPORTAZIONE AUTOMATICA DEI DATI NEL SERVIZIO WEB DELL OSSERVATORIO RIFIUTI Omnigate Srl Bergamo, 1 giugno 2009 Pagina 2/30 Introduzione Il servizio web dell osservatorio rifiuti permette di inserire automaticamente

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Metodo normalizzato. 2. Tariffa di riferimento. 3. Determinazione della tariffa. 4. Articolazione della tariffa.

Epigrafe. Premessa. 1. Metodo normalizzato. 2. Tariffa di riferimento. 3. Determinazione della tariffa. 4. Articolazione della tariffa. 1 di 24 13/02/2014 14:18 Leggi d'italia D.P.R. 27-4-1999 n. 158 Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015 Allegato 2 delibera CC-CP n. 7 del 18/05/ IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO PREMESSA La Legge di Stabilità, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito con decorrenza

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 15 del 25-06-2014

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 15 del 25-06-2014 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 15 del 25-06-2014 COPIA Oggetto: Approvazione tariffe del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi per l'anno 2014 e termini per il pagamento. L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

Città di San Giorgio a Cremano PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Città di San Giorgio a Cremano PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI 1 - PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del Piano Finanziario TARI "tassa

Dettagli

PARERE SULLA PROPOSTA DI APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO 2014 E DETERMINAZIONE DELLE MISURE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TA.RI.

PARERE SULLA PROPOSTA DI APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO 2014 E DETERMINAZIONE DELLE MISURE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TA.RI. PARERE SULLA PROPOSTA DI APPROVAZIONE DEL PIANO FINANZIARIO 2014 E DETERMINAZIONE DELLE MISURE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TA.RI.) PER L'ANNO 2014 Giugno 2014 Parere sulla proposta di approvazione di approvazione

Dettagli

TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi.

TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi. SEMINARIO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) TARI L'istituzione, gli aspetti gestionali e i sistemi informativi. Giovedì 6 Marzo 2014 ore: 9:00-14:00 Sala Conferenze - Biblioteca Comunale P. Guidotti di Vergato

Dettagli

Deliberazione di Consiglio Comunale

Deliberazione di Consiglio Comunale Comune di CANNERO RIVIERA Provincia del V.C.O. Numero 32 Data 05/08/2013 Deliberazione di Consiglio Comunale Oggetto: APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E TARIFFE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

Dettagli

I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE

I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE I COSTI INDUSTRIALI DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI IGIENE AMBIENTALE: INCIDENZA NELLA TARIFFA FINALE PER L UTENTE *** I COSTI INDUSTRIALI DEI SPL E LA TARIFFA NEL CONTESTO NAZIONALE *** COSTI INDUSTRIALI

Dettagli

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014. Comune di Piobbico

Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014. Comune di Piobbico Elaborazione del Piano Tecnico Finanziario ai fini della determinazione della TARI (tassa comunale sui rifiuti) per l anno 2014 Comune di Piobbico Legge 27 dicembre 2013 n. 147 e D.P.R. 158/99 Pesaro,

Dettagli