DEFINIZIONE DI MASSAGGIO MASSAGGIO IGIENICO MASSAGGIO ESTETICO MASSAGGIO SPORTIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEFINIZIONE DI MASSAGGIO MASSAGGIO IGIENICO MASSAGGIO ESTETICO MASSAGGIO SPORTIVO"

Transcript

1 DEFINIZIONE DI MASSAGGIO Si intende per massaggio una serie di manualità effettuate sui tessuti molli del corpo umano a scopo igienico, estetico, sportivo e terapeutico. Le manualità sono operazioni eseguite prevalentemente con le mani e talvolta con altre parti del corpo. Ogni manualità possiede effetti specifici e determinate modalità d esecuzione. MASSAGGIO IGIENICO Il massaggio igienico è ogni tipo di massaggio che ha come scopo quello di migliorare le condizioni di salute di una persona generalmente sana, aumentandone l elasticità delle strutture muscolo-tendinee, migliorando la circolazione periferica, accelerando gli scambi metabolici a livello tessutale, migliorando il reflusso venoso, linfatico, ripristinando un buon equilibrio mio-psichico. Se ne deduce quindi che il massaggio-igienico è particolarmente indicato per coloro che non svolgono una sufficiente attività fisica, oppure per coloro che mantengono durante l attività lavorativa posture viziose ed obbligate, nonché per gli anziani e per tutti coloro che svolgono attività stressanti. Essendo un tipo di massaggio che si pone obiettivi molteplici, il massaggio igienico è quello che utilizza indistintamente il maggior numero di manualità in quanto deve agire sia sugli organi superficiali che su quelli profondi al punto che si può considerare il massaggio igienico come la base da cui diversificare gli altri tipi di massaggio. MASSAGGIO ESTETICO Scopo del massaggio estetico è il trattamento di tutti gli inestetismi cutanei e sottocutanei che da tale trattamento possono trarre giovamento, nonché il rallentamento del naturale processo d invecchiamento della cute. A tale scopo verranno via via selezionate e utilizzate quelle manualità che quindi dovranno apportare modificazioni e miglioramenti del derma e dell ipoderma, rimanendo così localizzate agli strati superficiali del corpo umano. MASSAGGIO SPORTIVO L attività agonistica è caratterizzata da sollecitazioni massimali dell apparato muscolo-scheletrico. Tale attività è anomala rispetto a qualsiasi altra e richiede quindi particolari precauzioni e una particolare preparazione di base. Se ciò non avviene l apparato muscolo-scheletrico può facilmente andare incontro a situazioni traumatiche e patologiche. Una delle migliori forme di prevenzione per l attività sportiva è data dal massaggio sia per quanto riguarda la fase di preparazione dove la muscolatura viene preparata con manualità elasticizzanti e vascolarizzanti, sia nella fase di recupero dopo lo sforzo agonistico, dove con manualità drenanti, defaticanti e mio-rilassanti, si tende a riportare velocemente la muscolatura nei normali livelli fisiologici. Esiste inoltre il massaggio infra-gara svolto durante gli intervalli e le pause di una particolare attività sportiva. Esso varia a seconda del tipo di sport e delle caratteristiche neuro-muscolari e reattive dell atleta, per cui le manualità non vengono scelte in maniera compromissoria fra quelle del massaggio pre-gara e post-gara, ma scelte con precisione stabilendo se per quel tipo d atleta e per quel particolare gesto atletico sia maggiormente necessario mantenere elastico oppure no il tono muscolare. MASSAGGIO TERAPEUTICO La massoterapia trova la sua indicazione in diversi campi della medicina, in effetti ogni volta sia possibile ristabilire totalmente o in parte la funzione di uno o più organi malati tramite manualità massoterapiche, è possibile parlare di massaggio terapeutico. In ogni caso il massaggio terapeutico trova le sue principali applicazioni nella medicina sportiva, estetica e vascolare anche se l azione del massaggio è talmente globale da non poter essere limitata dalla denominazione di una precisa branchia della medicina. 1

2 MECCANISMI D AZIONE DEL MASSAGGIO Tutti gli scopi che il massaggio si propone di ottenere sia a fine igienico, estetico, sportivo e terapeutico dipendono dall esatta applicazione tecnica della sua manualità. Ogni manualità esercita meccanismi tali da produrre modificazioni fisiologiche rilevanti nel corpo umano, sia a livello cellulare sia a livello degli organi. Questo tipo di modificazioni fisiologiche dipendono fondamentalmente da 2 meccanismi: uno di tipo meccanico (azione diretta) uno di tipo neuro-riflesso (azione indiretta) AZIONE DIRETTA O MECCANICA E quella prodotta direttamente sui tessuti e sugli organi sottoposti a massaggio e dovuta allo stimolo fisico imposto dalla manualità stessa. (pressione, vibrazione, stiramento). AZIONE INDIRETTA O RIFLESSA Le modificazioni fisiologiche che si possono ottenere dalla manualità non sono dovute direttamente allo stimolo esercitato sui tessuti, bensì alla stimolazione di particolari recettori nervosi presenti nella cute, nei muscoli e nei tendini che trasmettono lo stimolo ricevuto al sistema nervoso centrale, il quale a sua volta rimanda risposte *vaso-motorie e *neuro-vegetative che determinano modificazioni fisiologiche tramite quindi un meccanismo di tipo riflesso. L azione riflessa non provoca solamente modificazioni nel distretto corporeo sollecitato dalla manualità, ma determina una modificazione dello Status funzionale di organi anche lontani dal punto di stimolazione. Durante il massaggio il ritmo cardiaco, la respirazione ed il tono muscolare vengono globalmente modificati. Ogni manualità produce ovviamente effetti meccanici e riflessi, sarà la necessità terapeutica a determinare quale utilizzare preferibilmente per ottenere una specifica azione riflessa o meccanica. *Vaso-motorie: agiscono sugli sfinteri precapillari che regolano la circolazione settoriale *Neuro-vegetative: agiscono sulla frequenza cardiaca e respiratoria e sulla regolazione del tono muscolare 2

3 CONTROINDICAZIONI AL MASSAGGIO Si intende per controindicazione al massaggio ogni situazione patologica che possa peggiorare qualvolta venga effettuata la massoterapia. Le principali controindicazioni alla massoterapia sono: PROCESSI TRAUMATICI RECENTI ogni volta vi sia la rottura di un tessuto non è possibile massaggiare fino a quando non sia avvenuta la riparazione dello stesso, pena l aumento dei fenomeni moralici locali (edemi locali) nonché l aumento della lesione stessa. Particolare attenzione va messa quando vi sia il sospetto di fratture ossee per il pericolo di scomposizione della stessa. PROCESSI INFIAMMATORI ACUTI per infiammazione acuta si intende un quadro morboso caratterizzato da: CALOR = aumento della temperatura TUMOR = tumefazione locale RUBOR = arrossamento DOLOR = dolore FUNCTIOLESA = limitazione funzionale più o meno importante. Questa situazione è caratterizzata da una forte iperemia locale con l aumento dei processi essudativi. Il processo infiammatorio può essere d origine traumatica, infettiva o allergica, in questo caso il massaggio determinerebbe l aumento della circolazione sanguigna locale e l accentuarsi della sintomatologia infiammatoria. FLEBOPATIE processi infiammatori a carico del sistema venoso, tipo flebiti o trombo-flebiti rappresentano una delle principali controindicazioni al massaggio, sia perché sono processi infiammatori e quindi controindicati al massaggio, sia perché sussiste il pericolo di un distacco trombo-vascolare, nonostante ciò non bisogna pensare che il massaggio sia controindicato su ogni forma di flebopatia, in quanto esso risulta una delle migliori terapie per l insufficienza venoso-linfatica. Solo la presenza di situazioni varicose importanti e di processi infiammatori venosi costituisce controindicazioni al massaggio. INSUFFICIENZA CARDIACA CON EDEMI AGLI ARTI INFERIORI in questo caso l edema non è dovuto ad una insufficienza vascolare primaria ma è secondario all incapacità del cuore di svolgere una normale funzione di pompa con conseguente ristagno della circolazione venosa e quindi incapacità di riassorbimento idrico negli arti inferiori. In questo caso massaggiando si va a favorire il riassorbimento dei liquidi da parte del sistema venoso e linfatico ma di conseguenza si provoca un maggior carico venoso non sopportabile per il paziente cardiopatico. PATOLOGIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE AD EVOLUZIONE SPASTICA in questo caso il massaggio favorisce il processo di spasticità. GRAVI NECROPATIE in questo caso il massaggio favorendo la diuresi può favorire la perdita di sostanze proteiche già abbondante nei tessuti necrotici. PROCESSI FEBBRILI il massaggio produce un aumento della temperatura locale quindi è controindicato nei processi febbrili. NEOPLASIE il massaggio favorisce la circolazione linfatica e quindi potrebbe favorire la diffusione di metastasi. DERMATITI E DERMATOSI il contatto manuale del massaggio può rappresentare irritazione nelle dermatiti e dermatosi pruriginose e fonte di contagio nelle dermatiti infettive. 3

4 ZONE INTERDETTE AL MASSAGGIO Le manualità del massaggio non possono essere applicate in maniera sistematica su tutte le zone corporee. Si dicono zone interdette le zone del corpo umano che non possono essere sottoposte a massaggio. Si dicono invece zone semi-interdette quelle zone che possono essere sottoposte al massaggio con particolare cautela, in effetti non esistono zone del corpo assolutamente interdette, tuttavia nella pratica del massaggio per prudenza è meglio impostare le manualità in maniera tale da evitare sistematicamente tali zone. Le zone interdette per eccellenza sono rappresentate dalle salienze ossee, ossia quelle zone di tessuto osseo non sufficientemente ricoperte da tessuto muscolare e da tessuto connettivo adiposo. o Appartengono a questa categoria di zone interdette: I malleoli la cresta e il piano tibiale la rotula il grande trocantere la cresta iliaca le apofisi spinose delle vertebre l osso sacro lo sterno la clavicola, la scapola il gomito (olecrano) Queste zone vengono considerate interdette in quanto non sono rappresentate da tessuti molli. Il massaggio di queste zone generalmente risulta fastidioso in caso di normalità e dannoso in caso di alterazione del tessuto osseo sottostante. Un altra categoria di zone interdette è rappresentata dai punti di affioramento di organi vascolari, nervosi o linfatici che potrebbero essere irritati da un massaggio sistematico. o Queste zone sono principalmente situate nei cosiddetti cavi: Cavo popliteo Cavo inguinale Cavo ascellare Cavo o fossa retro-claveare o Altre zone semi-interdette di questo tipo sono: la faccia antero-laterale del collo la zona retro-auricolare zona detta solco-tibiale zona anteriore del gomito Un massaggio specie se energico di queste zone, oltre che risultare fastidioso può irritare le pareti delle vene e i linfonodi. Per inciso va ricordato comunque che esistono tecniche particolari di massaggio per queste zone ricche di linfonodi e che richiedono una particolare perizia manuale. o Sono inoltre ritenute zone interdette al massaggio le sedi di organi genitali per ovvi motivi. 4

5 GINNASTICA PASSIVA Si intende per GINNASTICA PASSIVA pre-massaggio e infra-massaggio una serie di esercizi di mobilizzazione eseguiti dall operatore senza la partecipazione attiva del paziente. Gli scopi della ginnastica passiva pre-massaggio sono: 1. Mobilizzare le zone interdette al massaggio (articolazioni, tendini) con evidenti benefici per l apparato muscolo-tendineo-articolare. 2. Favorire la circolazione di ritorno e in particolare la circolazione linfatica. 3. Favorire il rilassamento mio-psichico, ossia la diminuzione del tono muscolare e della tensione psichica. 4. Evidenziare eventuali dolori latenti o disfunzioni dell apparato locomotore. La ginnastica passiva viene svolta all inizio del massaggio per quanto riguarda gli arti inferiori e viene proseguita durante le fasi del massaggio per quanto riguarda altri segmenti corporei. I movimenti di ginnastica passiva all inizio del massaggio sono: 1. Flesso-estensione veloce del ginocchio; 2. Abduzione adduzione degli arti estesi con flesso-estensione veloce del ginocchio; 3. Intra-extra rotazione veloce dei piedi coinvolgendo le tre articolazioni, caviglia, ginocchio anca; 4. Flesso-estensione delle articolazioni del ginocchio e dell anca (tipo bicicletta); 5. Flesso estensione delle dita dei piedi; 6. Circonduzione delle dita dei piedi in senso orario e anti-orario; I movimenti di ginnastica passiva infra-massaggio in posizione supina: 1. Triplice flessione di caviglia-ginocchio-anca; 2. Elasticizzazione delle coste fluttuanti; 3. Flesso-estensione e circonduzione del cingolo scapolo omerale; 4. Circonduzione della scapola sulle coste sottostanti in senso orario e anti-orario; 5. Esercizi di flesso-estensione del capo sul piano frontale e sul piano sagittale; 6. Rotazione del capo a destra e sinistra sull asse cranio-caudale; 7. Circonduzioni del capo in senso orario e anti-orario. I movimenti di ginnastica passiva infra-massaggio in posizione prona sono: 1. Flessione dorsale e flessione plantare del piede; 2. Abduzione e adduzione del piede; 3. Supinazione e pronazione del piede; 4. Inversione-eversione; (inversione = Adduzione + supinazione; eversione = abduzione + pronazione) 5. Circonduzione oraria e anti-oraria del piede; 6. Flesso estensione elasticizzante della gamba; 7. Iper-estensione della coscia (senza esagerare). 5

6 LE MANUALITA DEL MASSAGGIO: Esecuzione - Azione SFIORAMENTO SUPERFICIALE nello sfioramento superficiale la mano scivola sulla cute con le dita lunghe unite ed il pollice abdotto (aperto) la pressione esercitata è quella tipica di una carezza. Azione: con lo sfioramento superficiale il massaggiatore prende il primo contatto con la zona da trattare producendo un contatto mio-rilassante e rassicurante con il paziente, inoltre permette di distribuire il lubrificante nonché di rilevare senza traumi sia le zone interdette sia le anomalie cutanee e vascolari e quindi di impostare le manualità successive. Inoltre la lieve vaso-dilatazione provocata permette di aumentare localmente la temperatura corporea. SFIORAMENTO APPOGGIATO del tutto identica alla precedente con una pressione 3 volte superiore ed un ritmo 3 volte più lento. Azione: lo sfioramento appoggiato può provocare l eliminazione delle cellule morte dello strato corneo (effetto peeling), continua in maniera più consistente l azione mio-rilassante dello sfioramento superficiale però con una maggiore azione venoso-linfatica e arteriosa in base alla pressione e al ritmo esercitato. Se il ritmo è molto lento e continuo favorisce soprattutto il drenaggio linfatico e la situazione di ritorno, se viceversa viene eseguito più velocemente favorisce l iperemia locale e l aumento della temperatura nel segmento trattato. FRIZIONE nella frizione la mano non scivola sulla cute ma rimane ferma su di essa con le dita lunghe unite ed il pollice addotto (chiuso), è l avambraccio che le fa compiere movimenti rotatori tali da far scivolare il piano sottocutaneo sul piano superficiale muscolare. Azione: la compressione e la rotazione effettuate durante la frizione determinano il riassorbimento dei liquidi interstiziali da parte dei capillari sanguinei e linfatici, favorendo l eliminazione dei cataboliti, ossia dei prodotti di rifiuto del metabolismo cellulare. Ne risulta che la frizione è la manualità determinante nel riassorbimento dei gonfiori locali di origine vascolare e linfatica, nonché degli ematomi di origine traumatica e in ogni caso estremamente benefica nel massaggio igienico ed estetico per la sua capacità di eliminazione di tossine dai tessuti. Inoltre va considerata insieme all impastamento cutaneo come manualità utile nella prevenzione e nel trattamento degli strati aderenziali sottocutanei dovuti a traumi esogeni (tagli ecc.) quindi anche post-operatori, o endogeni (strappi muscolari ecc.). La frizione può essere eseguita su particolari strutture non solo con l intera mano ma anche con le sole dita. Tecniche di questo genere vengono utilizzate per esempio nel massaggio trasversale profondo di Cyriax. 6

7 IMPASTAMENTO l impastamento o spremitura si ottiene tramite una compressione del muscolo eseguibile in diversi modi. Si può ottenere con la pressione delle mani e la contro-pressione del segmento osseo sottostante, oppure con la pressione di una mano e la contro-pressione dell altra mano, oppure con la pressione del pollice di una mano e la contro-pressione delle dita lunghe della stessa mano, oppure con la pressione del pollice di una mano e la contro-pressione delle dita lunghe dell altra mano. Azione: produce per meccanismi riflessi neuro-muscolari la diminuzione del tono muscolare con effetti antispasmodici e mio-rilassanti, nonché per meccanismo diretto migliora la circolazione venosa e linfatica ed anche quella arteriosa. Risulta quindi un manualità importante per il ripristino di una corretta circolazione sanguigna del muscolo con importanti effetti antalgici nelle contratture muscolari sia di origine reumatica sia in quella da affaticamento. Esiste inoltre un impastamento superficiale cutaneo che determina importanti risultati nella risoluzione di stati aderenziali cutanei e con forte potere iperemizzante e riflesso. PIZZICAMENTO si solleva una plica cutanea con le prime tre dita di una mano e ruotando supinamente il polso si porta verso l esterno alternando ritmicamente le mani. Azione: l eccitazione dei recettori cutanei determina un azione riflessa vaso-motoria con aumento di circolazione locale ed aumento di sensibilità locale. Può essere utilizzata oltre che per i suoi effetti iperemizzanti cutanei, nel trattamento delle *ipoestesie dovute a traumi del sistema nervoso periferico. *ipoestesie = diminuzione della sensibilità a carico di uno o più distretti corporei. SCUOTIMENTO si afferra con la mano il ventre muscolare tra il pollice e le dita lunghe unite e si imprime un movimento trasversale di và e vieni rispetto al segmento osseo sottostante. Azione: la trazione esercitata dalla manualità sui tendini del muscolo provoca la stimolazione dei *neo-recettori propriocettivi determinando la caduta del tono muscolare e quindi il conseguente rilassamento del muscolo, il suo allungamento, aumentando quindi anche le capacità contrattili dello stesso. Risulta quindi una manualità utile sia nel massaggio pregara (solo nelle competizioni di forza muscolare e non di velocità) sia nel massaggio postgara e nel massaggio rilassante. *proprio-cettori = fusi neuro-muscolari e fusi neuro-tendinei; elementi di fibre nervose posti nei muscoli e nei tendini preposti all informazione sulle posizioni degli arti, sui movimenti del corpo e sull equilibrio. 7

8 ROTOLAMENTO si afferra la massa muscolare tra le due mani e si imprime un movimento di va e vieni, torcendo la muscolatura intorno all asse scheletrico sottostante. Le mani vanno posizionate con le dita lunghe iper-estese ed il pollice addotto. Azione: è del tutto simile a quella dello scuotimento con effetti più marcati e con un azione *fibrolitica in presenza di micro-cicatrici muscolari ed aderenze varie. *lisi = dissoluzione BATTITURA A COPPETTA si percuote la zona da trattare alternativamente con le due mani posizionate con le dita semiflesse ed il pollice unito, nel modo simile all atto di bere da una fontana. Azione: classica manualità ad azione riflessa con aumento della circolazione arteriosa e diminuzione del tono muscolare. PERCUSSIONE ULNARE E A PUGNETTO si percuote la cute con la zona ulnare del quinto dito o con la zona ulnare del quinto metacarpale, tenendo le dita lievemente semiflesse nel primo caso, o quasi totalmente flesse nel secondo caso, alternando le due mani. Azione: simile alla battitura a coppetta con un particolare, maggior interessamento di tipo meccanico sui connettivi lassi sottostanti per effetti vibratòri con modificazione dello stato fisico degli stessi. VIBRAZIONE si appoggiano le punte delle dita profondamente sugli organi interessati (muscolatura volontaria e involontaria) imprimendo un onda vibratòria dall alto verso il basso che produce rilassamento della muscolatura e sull intestino un aumento della *peristalsi. Se diversamente la vibrazione viene effettuata tangenzialmente sul piano cutaneo, l effetto sarà diretto ai tessuti connettivi lassi superficiali sotto-cutanei, ottenendo un effetto meccanico sugli stessi, migliorando cosi la densità della sostanza fondamentale nei connettivi. *peristalsi = processo fisiologico che nell intestino consente la progressione del *chimo in senso oro-caudale. *chimo = prodotto della digestione dei cibi nello stomaco. *onda peristaltica = contrazione circolare dell intestino e distensione meccanica della parete. 8

9 ESECUZIONE DELLE MANUALITA SUI VARI DISTRETTI CORPOREI LE MANUALITA DEL PIEDE Zona plantare: SFIORAMENTO APPOGGIATO mono-manuale della pianta; SFIORAMENTO APPOGGIATO digitale in 3 sezioni verticali; FRIZIONI PALMARI in 3 sezioni orizzontali; IMPASTAMENTI O SPREMITURE (statici) mono-manuali in 3 sezioni orizzontali; IMPASTAMENTI DIGITALI: pollice a bruco fino al calcagno in 3 sezioni verticali; IMPASTAMENTI DIGITALI (pressioni) sul calcagno a piramide capovolta; IMPASTAMENTO A ZETA; PERCUSSIONI ULNARI; PERCUSSIONI A PUGNETTO; Zona dorsale del piede: SFIORAMENTI SUPERFICIALI antero-laterali e mediali con prono-supinazione della mano; SFIORAMENTI APPOGGIATI antero-laterali e mediali con prono-supinazione della mano; FRIZIONI PALMARI antero-laterali e mediali; FRIZIONI DIGITALI infra-metatarsali; IMPASTAMENTI DIGITALI infra-metatarsali; FRIZIONI SOTTO-MALLEOLARI con dito all ineati sull estremità. 9

10 LE MANUALITA DELLA GAMBA SFIORAMENTI SUPERFICIALI antero-laterali e postero-mediali bi-manuali alternati; SFIORAMENTI APPOGGIATI antero-laterali e postero-mediali,, monomanuali; FRIZIONI PALMARI su tre sezioni (distale media e prossimale), mono-manuali antero-laterali, mono-manuali postero-mediali e bi-manuali alternanti; IMPASTAMENTI DINAMICI mono-manuali; IMPASTAMENTI STATICI bi-manuali su tre sezioni (distale media e prossimale); SCUOTIMENTI; ROTOLAMENTI; BATTITURE A COPPETTA; PIZZICAMENTI; LE MANUALITA DELLA COSCIA SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali simultanei del contorno della rotula e della coscia; SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei e alternati della coscia in tre movimenti; FRIZIONI: mono-manuali e bi-manuali alternanti; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici; - bi-manuali statici; BATTITURE A COPPETTA (leggere sulla zona mediale della coscia); PIZZICAMENTI; PERCUSSIONI ULNARI (no interno coscia); PERCUSSIONI A PUGNETTO (no interno coscia); SCUOTIMENTI: - mono-manuali; - bi-manuali; ROTOLAMENTI; 10

11 LE MANUALITA DELLA FASCIA LATA SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati; SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati; FRIZIONI: mono-manuali e bi-manuali alternanti; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici; - bi-manuali statici; BATTITURE A COPPETTA; PIZZICAMENTI; PERCUSSIONI ULNARI; PERCUSSIONI A PUGNETTO; LE MANUALITA DELLA GAMBA (PAZIENTE PRONO) SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati; SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei; FRIZIONI: mono-manuali e bi-manuali alternanti; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici; - bi-manuali statici; BATTITURE A COPPETTA; PIZZICAMENTI; SCUOTIMENTI; 11

12 LE MANUALITA DELLA COSCIA (PAZIENTE PRONO) SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati; SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei; FRIZIONI: mono-manuali e bi-manuali alternanti; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici; - bi-manuali statici; BATTITURE A COPPETTA; PIZZICAMENTI; PERCUSSIONI ULNARI; PERCUSSIONI A PUGNETTO; SCUOTIMENTI; LE MANUALITA DEI GLUTEI SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati; SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali simultanei; FRIZIONI bi-manuali sovrapposte; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici su tre vie; - pincé-roulé su tre vie; IMPASTAMENTI PROFONDI: - digitali (con i pollici) su tre vie - bi-manuali dinamici su due vie; - bi-manuali statici (mani sovrapposte) su tre punti; PIZZICAMENTI; BATTITURE A COPPETTA; PERCUSSIONI ULNARI; PERCUSSIONI A PUGNETTO; VIBRAZIONI SUPERFICIALI: - sussultorie (mano a coppa) - trasversali (mano a coppa) VIBRAZIONI PROFONDE: - sussultorie (dita iper-estese e polso flesso) 12

13 LE MANUALITA DEL TRATTO LOMBO-DORSO-CERVICALE SFIORAMENTO SUPERFICIALE bi-manuale simultaneo del tratto lombare in toto; SFIORAMENTO SUPERFICIALE bi-manuale simultaneo del tratto lombo-dorsale in toto fino alle scapole (escluse); SFIORAMENTO SUPERFICIALE bi-manuale simultaneo dei paravertebrali sul tratto lombodorso-cervicale, ultimando le manualità verso le spalle; SFIORAMENTO APPOGGIATO bi-manuale simultaneo del tratto lombare in toto; SFIORAMENTO APPOGGIATO bi-manuale simultaneo del tratto lombo-dorsale in toto fino alle scapole (escluse); SFIORAMENTO APPOGGIATO bi-manuale simultaneo dei paravertebrali fino al collo ultimando le manualità verso le spalle; SFIORAMENTI SUPERFICIALI alternati dell emi-dorso; SFIORAMENTI APPOGGIATI simultanei dell emi-dorso; FRIZIONI: - palmari mono-manuali, bi-manuali alternanti del tratto lombare e toracico. dell emidorso fino alla scapola (esclusa); - digitali e/o palmari sulla zona medio-alta del trapezio; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici sui paravertebrali del tratto lombodorsale; - digitali e bi-manuali sulla zona medio-alta del trapezio; - digitali intercostali; - statici bi-manuali due posizioni, laterale e mediale; PERCUSSIONI ULNARI solo parte alta del trapezio; PIZZICAMENTI solo parte alta del trapezio A OUESTO PUNTO SI PASSA DALLA PARTE OPPOSTA DEL SOGGETTO E SI RIPETONO LE STESSE MANUALITA SULL ALTRO EMI-DORSO FRIZIONI DIGITALI INTERVERTEBRALI; IMPASTAMENTI DIGITALI INTERVERTEBRALI; VIBRAZIONI INTERVERTEBRALI. 13

14 LE MANUALITA DEL TRATTO CERVICALE SFIORAMENTO SUPERFICIALE bi-manuale simultaneo del tratto dorsale (scapole escluse) SFIORAMENTO SUPERFICIALE bi-manuale simultaneo dei paravertebrali sul tratto dorso-cervicale, ultimando le manualità verso le spalle; SFIORAMENTI SUPERFICIALI alternati, incrociati (dal collo alle spalle) SFIORAMENTO APPOGGIATO bi-manuale simultaneo del tratto dorsale (scapole escluse) SFIORAMENTO APPOGGIATO bi-manuale simultaneo dei paravertebrali sul tratto dorso-cervicale, ultimando le manualità verso le spalle; SFIORAMENTI SUPERFICIALI alternati dell emi-dorso; SFIORAMENTI APPOGGIATI simultanei dell emi-dorso; FRIZIONI: - palmari mono-manuali del tratto dorsale fino alla scapola (esclusa); - digitali e/o palmari sulla zona medio-alta del trapezio; IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici; - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI: - bi-manuali dinamici sui paravertebrali del tratto dorsale; - digitali e bi-manuali sulla zona medio-alta del trapezio; - statici mono-manuali e bi-manuali (solo sull alto trapezio) PIZZICAMENTI (solo sulla parte alta del trapezio). PERCUSSIONE ULNARE (leggera solo sulla parte alta del trapezio); 14

15 LE MANUALITA DELL ADDOME CI SI PONE A DESTRA DEL PAZIENTE INIZIANDO A TRATTARE LA SUA PARTE SINISTRA SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati (la mano sinistra scende di fianco all arcata costale e la destra sale di fianco alla S.I.A.S. e all inguine); SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati (la mano sinistra scende di fianco all arcata costale e la destra sale di fianco alla S.I.A.S. e all inguine); FRIZIONI MONO-MANUALI (su tre punti, iniziando con la sinistra di fianco all arcata costale e concludendo con la destra di fianco alla Spina Iliaca Antero Superiore); IMPASTAMENTI: - bi-manuali dinamici con azione peristaltica (tipo fascia-lata con direzione caudale); - digitali alternati con azione peristaltica (profondamente con i pollici, si inizia un centimetro sopra l ombelico in direzione laterale seguendo il decorso trasverso del colon e poi quello discendente verso l inguine); MOVIMENTO AMEBOIDE (in direzione inguinale si ripete tre volte); SI PASSA ALLA SINISTRA DEL PAZIENTE E SI TRATTA LA SUA PARTE DESTRA SFIORAMENTI SUPERFICIALI bi-manuali alternati (la mano sinistra scende di fianco all inguine e alla S.I.A.S. e la destra sale di fianco all arcata costale); SFIORAMENTI APPOGGIATI bi-manuali alternati (la mano sinistra scende di fianco all inguine e alla S.I.A.S. e la destra sale di fianco all arcata costale); FRIZIONI MONO-MANUALI (su due punti iniziando con la sinistra di fianco alla Spina Iliaca Antero Superiore); IMPASTAMENTI: - bi-manuali dinamici con azione peristaltica (tipo fascia-lata con direzione craniale); - digitali alternati con azione peristaltica (profondamente con i pollici, si inizia in zona inguinale e seguendo il tratto ascendente del colon si procede in direzione cranio-laterale, giunti due dita sopra l ombelico si procede in direzione mediale e ci si arresta sulla linea alba); MOVIMENTO AMEBOIDE (in direzione craniale si ripete due volte); VIBRAZIONI PROFONDE sussultorie (mano a coppa) IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici (dalle coste all inguine); - pincé-roulé (dalle coste all inguine); IMPASTAMENTI PROFONDI bi-manuali dinamici del retto addominale; PIZZICAMENTI; MOBILIZZAZIONE DELLE COSTE FLUTTUANTI. 15

16 LE MANUALITA DEL TORACE SFIORAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuale simultaneo del basso torace (pettorali esclusi); - bi-manuale simultaneo (si sale al centro ed evitando le clavicole e i capezzoli e si esce verso le spalle); SFIORAMENTI APPOGGIATI: - bi-manuale simultaneo (si sale al centro ed evitando le clavicole e i capezzoli e si esce verso le spalle); SFIORAMENTI SUPERFICIALI; - bi-manuali alternati dell emi-torace; SFIORAMENTI APPOGGIATI; - bi-manuali simultanei dell emi-torace (con perizia); FRIZIONI PALMARI E DIGITALI bi-manuali alternate; IMPASTAMENTI: - digitali intercostali; - digitali lungo tutta la zona inserzionale del gran pettorale - profondi bi-manuali dinamici del muscolo gran pettorale; PIZZICAMENTI; BATTITURE DIGITALI; SCUOTIMENTO del muscolo gran pettorale; GINNASTICA PASSIVA infra-massaggio. 16

17 LE MANUALITA DEGLI ARTI SUPERIORI SFIORAMENTI SUPERFICIALI: - mono-manuali dei flessori della mano e dell avambraccio - mono-manuali degli estensori della mano e dell avambraccio SFIORAMENTI APPOGGIATI: - mono-manuali dei flessori della mano - mono-manuali dei flessori dell avambraccio - mono-manuali degli estensori della mano - mono-manuali degli estensori dell avambraccio FRIZIONI: MONO-MANUALI E BI-MANUALI ALTERNANTI; - dei flessori e degli estensori della mano (su due zone) - dei flessori e degli estensori dell avambraccio (su due zone) IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici su tutto l avambraccio; - pincé-roulé su tutto l avambraccio; - bi-manuali dinamici su tutto il braccio; - pincé-roulé su tutto il braccio; IMPASTAMENTI PROFONDI: - mono-manuali dinamici dei flessori della mano - mono-manuali dinamici dei flessori dell avambraccio - mono-manuali dinamici degli estensori della mano - mono-manuali dinamici degli estensori dell avambraccio - bi-manuali dinamici degli estensori della mano - bi-manuali statici degli estensori della mano - bi-manuali dinamici dei flessori della mano - bi-manuali statici dei flessori della mano - bi-manuali dinamici dei flessori dell avambraccio - bi-manuali statici dei flessori dell avambraccio - bi-manuali dinamici degli estensori dell avambraccio - bi-manuali statici degli estensori dell avambraccio SCUOTIMENTI; 17

18 LE MANUALITA DEL DELTOIDE SFIORAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali alternati SFIORAMENTI APPOGGIATI: - bi-manuali simultanei FRIZIONi BIMANUALI ALTERNANTI (a saponetta) IMPASTAMENTI SUPERFICIALI: - bi-manuali dinamici - pincé-roulé; IMPASTAMENTI PROFONDI; bi-manuali dinamici su tre zone PIZZICAMENTI; 18

19 SCHEMA DELLE SEQUENZE DI GINNASTICA PASSIVA E MASSAGGIO NEL TRATTAMENTO COMPLETO DEL CORPO POSIZIONARSI AI PIEDI DEL PAZIENTE SUPINO 1. Flesso-estensione veloce del ginocchio 2. Abduzione adduzione degli arti estesi con flesso-estensione del ginocchio 3. Intra-extra rotazione dei piedi 4. Flesso-estensione delle articolazioni del ginocchio e dell anca (tipo bicicletta) 5. Flesso estensione delle dita del piede destro 6. Circonduzione delle dita del piede destro in senso orario e anti-orario 7. Massaggio del piede, della gamba e della coscia destri 8. Triplice flessione di caviglia, ginocchio e anca destri 9. PASSARE SUL LATO SINISTRO DEL PAZIENTE 10. Massaggio della fascia lata destra 11. Flesso estensione delle dita del piede sinistro 12. Circonduzione delle dita del piede sinistro in senso orario e anti-orario 13. Massaggio del piede, della gamba e della coscia sinistri 14. Triplice flessione di caviglia, ginocchio e anca sinistri 15. PASSARE SUL LATO DESTRO DEL PAZIENTE 16. Massaggio della fascia lata sinistra 17. Massaggio del lato sinistro dell addome 18. PASSARE SUL LATO SINISTRO DEL PAZIENTE 19. Massaggio del lato destro dell addome e conclusione del trattamento dell addome 20. Elasticizzazione delle coste fluttuanti 21. Introduzione del massaggio del torace e trattamento dell emitorace destro 22. PASSARE SUL LATO DESTRO DEL PAZIENTE 23. Massaggio dell emitorace sinistro 24. PASSARE SUL LATO SINISTRO DEL PAZIENTE 25. Terminare le manualità del torace 26. Massaggio dell arto superiore sinistro 27. Massaggio del deltoide sinistro 28. Flesso-estensione e circonduzione del cingolo scapolo omerale sinistro 29. Circonduzione della scapola sinistra sulle coste sottostanti in senso orario e anti-orario 30. PASSARE SUL LATO DESTRO DEL PAZIENTE 31. Massaggio dell arto superiore destro 32. Massaggio del deltoide destro 33. Flesso-estensione e circonduzione del cingolo scapolo omerale destro 34. Circonduzione della scapola destra sulle coste sottostanti in senso orario e anti-orario 35. POSIZIONARSI DIETRO AL PAZIENTE 36. Esercizi di flesso-estensione del capo sul piano frontale e sul piano sagittale 37. Rotazione del capo a destra e sinistra sull asse cranio-caudale 38. Circonduzioni del capo in senso orario e anti-orario 39. PAZIENTE PRONO 40. Flessione dorsale e flessione plantare del piede destro 41. inversione-eversione del piede destro 42. Circonduzione oraria e anti-oraria del piede destro 43. Massaggio della gamba destra 44. Massaggio della coscia destra 45. Flesso estensione elasticizzante della gamba destra 46. Iper-estensione della coscia destra (senza esagerare) 47. PASSARE SUL LATO SINISTRO DEL PAZIENTE 48. Flessione dorsale e flessione plantare del piede sinistro 49. inversione-eversione del piede sinistro 50. Circonduzione oraria e anti-oraria del piede sinistro 51. Massaggio della gamba sinistra 52. Massaggio della coscia sinistra 53. Flesso estensione elasticizzante della gamba sinistra 54. Iper-estensione della coscia sinistra (senza esagerare) 55. Massaggio del gluteo destro 56. PASSARE SUL LATO DESTRO DEL PAZIENTE 57. Massaggio del gluteo sinistro 58. Massaggio del rachide in toto 19

DISPENSA DI MASSAGGIO

DISPENSA DI MASSAGGIO DISPENSA DI MASSAGGIO ZONE INTERDETTE AL MASSAGGIO Le manualità del massaggio non possono essere applicate in maniera sistematica su tutte le zone corporee. Si dicono zone interdette le zone del corpo

Dettagli

ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE. La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche

ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE. La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche ISTITUTO SEGHETTI PRIMO CORSO DI TECNICHE MANUALI DI BASE La dispensa viene utilizzata per sole ed esclusive finalità scolastiche ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 DEFINIZIONE DI MASSAGGIO Il massaggio viene

Dettagli

Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso

Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso Dispense di Massaggio per MOS/MCB/MFT a cura della Dr. L.Dalmaso Queste sotto sono le dispense del corso di massaggio per MFT/MOS/MCB tenutosi alla Scuola delle Professioni Sanitarie di Bergamo. Disclaimer

Dettagli

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

DISPENSA DI MASSAGGIO

DISPENSA DI MASSAGGIO DISPENSA DI MASSAGGIO La salute è definita nella Costituzione dell OMS, come: "stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia L'Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici.

Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Il massaggio consiste in manipolazioni che si praticano sui tessuti molli a fini terapeutici. Ogni seduta deve essere iniziata con particolare cautela, onde saggiare la reattività del soggetto ed evitare

Dettagli

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI Primo incontro: Indagine conoscitiva su condizioni psicofisiche cliente. Compilazione scheda personale ed esecuzione Chakra Test. Massaggio

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano. f.chiagano@gmail.com. Francesca Chiagano

Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano. f.chiagano@gmail.com. Francesca Chiagano Relatrice: Dott.ssa FT Francesca Chiagano f.chiagano@gmail.com Francesca Chiagano 1 IL LINFODRENAGGIO MANUALE COS È? È una tecnica manuale che rientra nell ambito del massaggio terapeutico e che ha come

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

Chair Massage. Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni

Chair Massage. Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni Chair Massage Il massaggio veloce ed efficace contro stress e tensioni Il Chair Massage si basa su una tecnica che deriva da un particolare massaggio giapponese anma alla quale vengono mescolate tecniche

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO

Indice PARTE 2. L APPARATO LOCOMOTORE ATTIVO E PASSIVO Indice PARTE I. ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA 1.ELEMENTI DI CITOLOGIA ED ISTOLOGIA CENNI DI CITOLOGIA La struttura della cellula CENNI DI ISTOLOGIA Il tessuto epiteliale L epitelio di rivestimento

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

IMC advanced education ARTO SUPERIORE

IMC advanced education ARTO SUPERIORE IMC advanced education ARTO SUPERIORE Ciascun braccio si articola con il tronco attraverso il cingolo scapolare. Esso è costituito dalla clavicola e dalla scapola, cui si connette l omero. La clavicola

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA SPALLE ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Gli esercizi descritti in questo opuscolo sono consigliati ai pazienti affetti da patologie delle spalle (periartriti, esiti di intervento, esiti

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare A.A. 2014 2015

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

Estetica. Pressoterapia con U-Tech di Weelko ZOOM. Difinisci la tua figura con U-TECH, F-826 TECHNICAL ZOOM

Estetica. Pressoterapia con U-Tech di Weelko ZOOM. Difinisci la tua figura con U-TECH, F-826 TECHNICAL ZOOM Estetica ZOOM Pressoterapia con U-Tech di Weelko INDICE Pressoterapia e sessioni Unità di controllo e costume Programmi e sequenze di gonfiaggio Connessioni, caratteristiche tecniche e ricambi Informazione

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Programma d'esame CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 44/C - MASSOCHINESITERAPIA Programma d'esame Classe 44/C MASSOCHINESITERAPIA

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

PRINCIPI DI NEUROLOGIA

PRINCIPI DI NEUROLOGIA Indice 1 2 INTRODUZIONE........................... 1 1.1 Sviluppo della tecnica del massaggio connettivale................ 1 1.2 Diagnostica dell area del riflesso............ 4 Cambiamenti di tipo nervoso

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO

La Sindrome dell EGRESSO TORACICO. Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO La Sindrome dell EGRESSO TORACICO Guida per il paziente LA SINDROME DELL EGRESSO TORACICO Introduzione La Sindrome dell Egresso Toracico è una patologia che deriva dalla compressione di strutture nervose

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

Corsi di Massaggio Occidentale

Corsi di Massaggio Occidentale Corsi di Massaggio Occidentale Per massaggio occidentale intendiamo tutte quelle tecniche massoterapiche che per cultura sono legate al trattamento dei classici inestetismi, del benessere corporeo e del

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE. massaggio. C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale. Livello Avanzato. 1 week end (16 ore totali)

PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE. massaggio. C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale. Livello Avanzato. 1 week end (16 ore totali) PRE-GARA, POST-GARA BENDAGGIO FUNZIONALE C O R S O D I F O R M A Z I O N E Professionale Livello Avanzato 1 week end (16 ore totali) Ente No-Profit di Formazione Professionale Membro del Comitato Tecnico

Dettagli

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari ICOLLO COLLO Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari denominate triangolo anteriore e posteriore. Il triangolo anteriore è delimitato dalla mandibola, dallo sterno e dal

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O

GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O Testo e disegni di Stelvio Beraldo Malleoli. Le due prominenze ossee

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

LA SPALLA. Lezioni di M. Lemonnier. Boselli Marco e Bozzini Claudio (4to Anno)

LA SPALLA. Lezioni di M. Lemonnier. Boselli Marco e Bozzini Claudio (4to Anno) LA SPALLA Lezioni di M. Lemonnier Boselli Marco e Bozzini Claudio (4to Anno) I problemi di spalla possono essere condizionati da : Arto superiore Rachide cervicale Rachide dorsale superiore Plesso brachiale

Dettagli

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia

Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia Massaggiatori medicali: Campi di applicazione nell ambito della para - tetraplegia 30.01.2016 1 Tetra/paraplegia. Cosa vuol dire? Tetra significa quattro e si riferisce ai quattro arti. Plegia significa

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Coordinatrice Stefania Laici Infermiere Strumentista Francesco Paniccià Infermiere Strumentista Riccardo Finucci Asur Marche Z.T. n8 Civitanova

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE Vers. Tratt. Database: 230 Copyright Copyright 01/01/2012 Lorenz Lifetech s.r.l. ... 2 Guida introduttiva... 3 Protocolli applicativi... 4 Criteri di esclusione... 5

Dettagli

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite esempi di terapia Medicina Estetica 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Dovete naturalmente dare a questa possibilità un valore del tutto relativo,

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica Patologie dell apparato locomotore Traumatologia Traumatologia Ossa Fratture Definizioni Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa. Articolazioni

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO

COME GESTIRE IL FISSATORE ESTERNO DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale di Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato La metodica di Ilizarov viene utilizzata

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28

4 BIOFEEDBACK... 27 Obiettivo... 27 Tecnica... 28 1 APPROCCIO ALL INTEGRITÀ BIOPSICOSOCIALE.......... 1 2 VALUTAZIONE DELLA PATOLOGIA SPECIFICA............ 3 Scopi della valutazione............................ 3 Contenuti della valutazione.........................

Dettagli

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012

ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 ROME REHABILITATION 2012 LA PATOLOGIA DOLOROSA NON SPECIFICA DEL RACHIDE Roma -27 giugno 2012 Tecniche manipolative - Regole di applicazione- Le sette tecniche di base Vittorio Marcelli LESIONE DI BASE:

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO

AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO AZIONE E CONSEGUENZE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA AEROBICA, CORSA E CICLISMO, SUGLI APPARATI CARDIO-CIRCOLATORIO, MUSCOLO-SCHELETRICO E RESPIRATORIO In generale una costante attività fisica apporta notevoli

Dettagli