PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI GRUPPO DI LAVORO MEDICO COMPETENTE Dr.ssa Cristina Durante CPSE Dr.ssa Luciana Di Tomassi CPSI Dr.ssa Silvia Sferrazza CPSI Marco Ciolli DIFFUSIONE Tutto il personale dell Azienda. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 1

2 AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DATA ELABORAZIONE 30/01/2012 Rev. 01/2013 INDICE Introduzione pag. 3 Oggetto pag. 3 Scopo del protocollo pag. 3 Operatori coinvolti pag. 3 Campo di applicazione pag. 3 Sequenza operativa pag. 3 Matrice di responsabilità pag. 4 Bibliografia pag. 5 Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (codice CER ) pag. 6 Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti (codice CER ) pag. 10 Medicinali citotossici e citostatici (codice CER ) pag. 12 Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminate da tali sostanze (codice CER ) pag. 15 Sostanze chimiche di laboratorio contenenti o costituite da sostanze pericolose, comprese le sostanze chimiche di laboratorio (paraffina) (codice CER ) pag. 17 Pile esauste (codice CER *) pag. 19 Toner e cartucce per stampanti (codice CER 08.03*) pag. 20 Farmaci scaduti (codice CER ) pag. 21 Liquidi (codice CER ) pag. 22 Rifiuti assimilabili agli urbani pag. 24 ALLEGATO 1: Procedure per lo smaltimento di farmaci scaduti pag. 26 ALLEGATO 2: Modulo per agenti radioattivi pag. 28 Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 2

3 AZIENDA OSPEDALIERA SAN GIOVANNI-ADDOLORATA PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DATA ELABORAZIONE 30/01/2012 Rev. 01/2013 Introduzione: Per gestione dei rifiuti si intende la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento. La metodologia di gestione deve essere finalizzata alla tutela della sicurezza e della salute degli operatori e degli utenti nel rispetto dell ambiente e secondo criteri di economicità, in conformità alla normativa vigente. Le schede di sicurezza, contenute all interno del protocollo, intendono indirizzare gli operatori, in modo che la gestione dei rifiuti prodotti garantisca la maggiore economicità compatibile con la massima sicurezza. Lo smaltimento dei rifiuti deve avvenire in modo corretto per minimizzare l impatto ambientale. Oggetto: protocollo per lo smaltimento dei rifiuti sanitari. Scopo del protocollo: standardizzare i comportamenti nella gestione dei rifiuti sanitari e diffondere la normativa di riferimento. Operatori coinvolti: Tutto il personale dell azienda. Campo di applicazione: ogni procedura e azione che comporta produzione di rifiuti da smaltire. Sequenza operativa: I rifiuti vengono smaltiti in relazione alla loro classificazione indicata dalla legge 1 : 1. Rifiuti sanitari non pericolosi 2. Rifiuti sanitari assimilati ai rifiuti urbani 3. Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo 4. Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo 5. Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di smaltimento La classificazione non è in relazione all oggetto (esempio pannolone rifiuto assimilato agli urbani), ma in relazione al contatto del rifiuto con: 1. Materiale proveniente da ambiente isolato (allegato ambiente isolato) 2. Sostanze chimiche pericolose (antiblastici) 3. Contatto con escreto o secreto dei pazienti in ambiente di isolamento infettivo 4. Sangue visibile 5. Liquido seminale, secrezioni vaginali, liquido cerebrospinale, liquido sinoviale, liquido pleurico, liquido peritoneale, liquido pericardio, liquido amniotico 6. Feci o urine se diagnosticata o ravvisata clinicamente una patologia per tali escreti trasmissibile 1 Direttiva 9 aprile Indicazione per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n. 2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco dei rifiuti. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 3

4 MATRICE DI RESPONSABILITA PERSONALE COINVOLTO ATTIVITA' Direttore U.O. Dirigenti- Responsabili Coordinatori Inf./Tecnici/Ostet. Medico, Infer/Tecnici/Oste/ Amm.vi ecc Direzione Sanitaria O.T.A./ O.S.S Ditte trasp. Rifiuti speciali Chiusura ed etichettatura del contenitore R.V. R.V. R.A. Conferimento rifiuti speciali nel punto di raccolta all'interno delle unità operative R.V. R.V. R.A. Gestione del deposito interno delle unità operative R.V. R.V. R.V. R.A. Ritiro rifiuti dalle unità operative R.V. R.V. R.A. Sorveglianza nella fase di conferimento alla Ditta Smaltitrice R.A. - R.V. R.V. Gestione del deposito temporaneo e aree ecologiche R.V. R.A. Gestione Documentazione ( Formulari Identificazione Rifiuto, registri di carico e scarico,) Trasporto esterno Rifiuti speciali Smaltimento/recupe ro dei rifiuti R.A. - R.V. R.A. R.A. R.A. Impianto di Destinazione rifiuti R.A. LEGENDA: R.A.:Responsabile dell'attività R.V.: Responsabile della Vigilanza Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 4

5 Bibliografia: 1. Decreto del Presidente della Repubblica n. 254 del 15 luglio 2003 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002 n Gazzetta Ufficiale Italiana n. 211 dell 11 settembre Decreto legislativo 5 febbraio 1997 n Direttiva 9 aprile Indicazione per la corretta e piena applicazione del regolamento comunitario n. 2557/2001 sulle spedizioni di rifiuti ed in relazione al nuovo elenco dei rifiuti. Supplemento Ordinario n. 102 alla Gazzetta Ufficiale Italiana n. 108 del 10 maggio Linee guida Manipolazioni antiblastici del 5 agosto Gazzetta Ufficiale n. 236 del 7 luglio 1999 (Repertorio Atti n. 236). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 5

6 RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO RIFIUTI CHE DEVONO ESSERE RACCOLTI E SMALTITI APPLICANDO PRECAUZIONI PARTICOLARI PER EVITARE INFEZIONI (CODICE CER ) STATO FISICO: 2 SOLIDO NON PULVERULENTO CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÁ: H9 2 Rientrano in questa categoria i rifiuti che derivano dal settore sanitario. Sono da considerarsi a rischio infettivo quelli che presentano almeno una delle caratteristiche qui di seguito riportate: 1 Tutti i rifiuti provenienti da ambienti di isolamento infettivo nei quali sussiste il rischio di trasmissione biologica aerea, nonché da ambienti ove soggiornano pazienti in isolamento infettivo affetti da patologie causate da agenti biologici di gruppo 4 di cui all allegato XI del Decreto legislativo 19 settembre 1994, 626 e successive modifiche e integrazioni (gruppo 4: agenti che possono provocare malattie gravi nell uomo, costituire un serio rischio per i lavoratori, presentare un elevato rischio di propagazione nella comunità, non essendoci misure profilattiche o terapeutiche es. variola virus, virus ebola). 2 Tutti i rifiuti quando: a) provengono da ambiente di isolamento infettivo e siano venuti in contatto con qualsiasi liquido biologico secreto od escreto dai pazienti isolati; b) sono contaminati da sangue o altri liquidi biologici in quantità tale da essere visibile a occhio nudo; c) feci o urine, nel caso in cui sia ravvisata clinicamente dal medico che ha in cura il paziente una patologia trasmissibile attraverso tali escreti; d) sono contaminati da liquidi biologici ad alto rischio quali: liquido cerebro spinale, liquido seminale, secrezioni vaginali, liquido pleurico, liquido pericardico, liquido amniotico, liquido peritoneale, liquido sinoviale. QUANDO UN RIFIUTO NON PRESENTA NESSUNA DELLE CARATTERISTICHE DI PERICOLO ELENCATE VA CONSIDERATO COME UN RIFIUTO NON PERICOLOSO E QUINDI ASSIMILABILE AGLI URBANI. TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Materiali monouso quali guanti, mascherine, soprascarpe, camici visibilmente sporchi di sangue o altre sostanze organiche a rischio infettivo. Materiali per medicazioni quali garze, cotone, cerotti, bende visibilmente sporche di sangue o altre sostanze organiche a rischio infettivo. Sacche e circuiti per trasfusioni, sacche che hanno contenuto urina contaminata, nutrizione parenterale, liquido peritoneale, sacche per stomia, ultra filtrato contaminati da sangue e altre sostanze escrete o secrete a rischio infettivo. Apparati per fleboclisi contaminati da sangue in quantità visibile avendo cura di tagliare preventivamente il perforatore che va inserito nel contenitore per pungenti e taglienti. Sondini naso-gastrici per bronco aspirazione, per ossigenoterapia. 2 Classi di pericolosità Rifiuti pericolosi. Queste sono le caratteristiche dei rifiuti pericolosi da riportare sul formulario di identificazione rifiuto e sul registro di carico e scarico dei rifiuti. H 9 Infetto: sostanze contenenti microrganismi vitali o loro tossine, conosciute o ritenute per buoni motivi come cause di malattie nell uomo o in altri organismi viventi. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 6

7 Sonde rettali e gastriche. Cateteri vescicali, venosi, arteriosi, per drenaggi pleurici etc. Speculum auricolare monouso, speculum vaginale, bastoncini cotonati per colposcopia e pap test. Bastoncini oculari non sterili e oftalmici di TNT. Filtri dialisi, filtri esausti provenienti da cappe in assenza di rischio chimico. Cannule e drenaggi. Suturatrici automatiche monouso. Gessi e bendaggi visibilmente sporchi di sangue. Pannoloni e pannolini pediatrici visibilmente sporchi di sangue o contaminati da feci e urine per le quali sia stata diagnosticata e ravvisata clinicamente in cartella una patologia trasmissibile per tali escreti. Parti anatomiche non riconoscibili. Siringhe, bisturi, aghi ed ogni altro tipo di taglienti monouso. Tutti i taglienti devono essere preventivamente immessi negli appositi contenitori in plastica rigida di colore giallo. Provette, vetrini, pipette, etc. contaminati da liquidi biologici. Piastre, terreni di colture e altri presidi utilizzati in microbiologia e contaminati da agenti patogeni. Parti anatomiche non riconoscibili. NB: 1) GLI ASSORBENTI IGIENICI VANNO SMALTITI COME RIFIUTI ASSIMILABILI AGLI URBANI (CONTENITORE DI COLORE NERO, RIVESTITO ALL INTERNO CON SACCO IN POLIETILENE NERO) A MENO CHE NON SIA STATA DIAGNOSTICATA O RAVVISATA CLINICAMENTE IN CARTELLA UNA PATOLOGIA TRASMISSIBILE PER VIA EMATICA. 2) LE SACCHE CONTENENTI URINE VANNO SVUOTATE NELLA RETE FOGNARIA E SMALTITE COME RIFIUTI ASSIMILABILI AGLI URBANI. CONTENITORI UTILIZZATI Contenitore monouso in cartonplast da lt. 40 e lt. 60, recanti la scritta CONTENITORE MONOUSO PER RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO DPR N 254/03 E SUCC. MOD., simbolo R di rischio biologico al cui interno è inserito un sacco in polietilene e una fascetta per la chiusura. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 7

8 MODALITA DI SMALTIMENTO I contenitori, prima dell utilizzo, devono essere assemblati. All interno del cartone deve essere presente il sacco in polietilene e un apposita fascetta in plastica che ne consenta l accurata chiusura. Il contenitore deve essere utilizzato fino a un livello di riempimento max. di 2/3 del suo volume allo scopo di minimizzare il rischio di contatto col materiale in esso contenuto, permettendone una facile chiusura (se il contenitore risulta parzialmente utilizzato, è possibile chiudere lo stesso con chiusura provvisoria ). Il sacco in polietilene deve essere chiuso con la fascetta in plastica e il cartonplast deve essere sigillato con chiusura definitiva. Una volta chiusi, i contenitori devono essere facilmente identificabili, attraverso l applicazione di un etichetta che riporti la Unità Operativa produttrice e la data di chiusura. Per i contenitori da lt. 60 non superare il peso complessivo di 7 kg. I contenitori, una volta chiusi e resi identificabili, vanno allocati nell area dell unità operativa deputata al deposito temporaneo del materiale sporco. I contenitori dovranno essere riposti in posizione verticale, evitando: rovesciamenti, schiacciamenti, rotture degli stessi con conseguente rischio di fuoriuscita del contenuto. Nell eventualità che un contenitore risulti danneggiato e/o bagnato o con fuoriuscita di materiale, si dovrà provvedere all utilizzo di un secondo sacco di rivestimento e di un altro contenitore esterno. Si provvederà alla sanificazione dell eventuale zona bagnata e sporca smaltendo il materiale utilizzato per la sanificazione in un altro contenitore per rifiuti sanitari infetti. RACCOMANDAZIONI Non posizionare i contenitori all interno delle stanze di degenza e in aree non protette come corridoi, porte d emergenza, sale d attesa, aree di passaggio e servizi igienici dei pazienti. Non posizionare i contenitori sotto i lavabi delle medicherie. I contenitori non devono essere accessibili ai degenti e al pubblico. Nei contenitori non devono assolutamente essere inseriti rifiuti urbani, materiali vetrosi, carta, pile, liquidi di fissaggio e sviluppo, liquidi di laboratorio, liquidi di qualsiasi genere e rifiuti radioattivi. E VIETATO TRAVASARE I RIFIUTI DA UN CONTENITORE ALL ALTRO. Il personale di reparto, prima di procedere alla chiusura del contenitore in cartone, deve legare il sacco di polietilene posto al suo interno. Durante tale manovra, occorre fare uso di guanti. I contenitori, una volta chiusi, non devono per alcun motivo essere riaperti. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 8

9 RISCHIO Biologico da contatto e/o aerosol NORME COMPORTAMENTALI Le norme comportamentali da adottare prevedono: la corretta individuazione dei rifiuti la conoscenza delle caratteristiche dei contenitori per la raccolta. la conoscenza dei locali dove dislocare i contenitori all interno dell Unità Operativa produttrice del rifiuto. L utilizzo di idonei DPI per la chiusura del contenitore (visiera o occhiali e mascherina guanti monouso, indumenti protettivi, camici monouso). Gli indumenti devono essere indossati per tutto il tempo in cui permane il rischio di esposizione agli agenti biologici. La necessità di evitare schizzi e formazione di aerosol durante il confezionamento del rifiuto. I l divieto di assumere alimenti o bevande durante la manipolazione o il trasporto dei rifiuti. PANNOLONI CON URINA POSTSCINTIGRAFIA MODALITA DI SMALTIMENTO I pannoloni vanno gettati nel contenitore per rifiuti sanitari infetti ( ex ROT) e il contenitore va identificato con il modulo per agenti radiattivi (Allegato 2). IL CONTENITORE DEVE SOSTARE NEL DEPOSITO TEMPORANEO PER 48 ORE PRIMA DI ESSERE SMALTITO. Sul contenitore apporre la data di chiusura e l unità operativa produttrice del rifiuto. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 9

10 RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO TAGLIENTI E PUNGENTI RIFIUTI CHE DEVONO ESSERE RACCOLTI E SMALTITI APPLICANDO PRECAUZIONI PARTICOLARI PER EVITARE INFEZIONI (CODICE CER ) STATO FISICO: 2 SOLIDO NON PULVERULENTO CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÁ: H 9 CONTENITORI UTILIZZATI Contenitori rigidi in polipropilene monouso per taglienti e pungenti di colore giallo recanti la scritta RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI OGGETTI TAGLIENTI CONTAMINATI PUNGENTI A RISCHIO INFETTIVO. Contenitori rigidi in polipropilene monouso di colore nero di diverse forme e dimensioni, imperforabili, dotati di coperchio a chiusura ermetica, che vanno inseriti in un secondo contenitore per l eliminazione finale. MODALITA DI SMALTIMENTO I contenitori, prima dell utilizzo, devono essere assemblati utilizzando le parti a incastro, controllandone la perfetta tenuta. I contenitori vanno utilizzati esclusivamente per lo smaltimento di siringhe, bisturi, aghi ed altri materiali taglienti e pungenti monouso. Anche taglienti e pungenti non venuti a contatto con materiale biologico ma potenzialmente lesivi (es. aghi aperti per errore) devono essere smaltiti come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo utilizzando il contenitore di colore giallo. Il contenitore deve essere utilizzato fino a un livello di riempimento max. di 2/3 del suo volume. I contenitori, una volta utilizzati, dovranno essere chiusi ermeticamente e inseriti nel contenitore in cartonplast. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 10

11 RACCOMANDAZIONI Prevedere la presenza del contenitore giallo in ogni postazione di lavoro in cui è prevedibile la produzione di tali rifiuti. Durante l uso e le operazioni di chiusura mantenere sempre il contenitore appoggiato su un piano rigido e in posizione verticale. Il contenitore giallo deve essere posizionato nel raggio d azione delle braccia dell operatore in modo che questi veda l apertura presente sul coperchio e non debba appoggiare, neppure momentaneamente, il tagliente o pungente sul letto, sul comodino o nel vassoio di lavoro e poi riprendere in mano il presidio per eliminarlo. Introdurre taglienti e pungenti senza ricoprire o incappucciare aghi e punte. Non disconnettere gli aghi dalle siringhe. Non travasare i rifiuti da un contenitore giallo a un altro. Non effettuare manovre di scuotimento per assestare il livello dei rifiuti all interno del contenitore giallo. Non introdurre con forza aghi e taglienti nei contenitori. Controllare che non fuoriescano impropriamente materiali pungenti e taglienti dall apertura del contenitore. Non riaprire il contenitore una volta sigillato definitivamente. Biologico da contatto e/o aerosol RISCHIO NORME COMPORTAMENTALI Evitare schizzi e formazione di aerosol durante il confezionamento del rifiuto. Evitare di assumere alimenti o bevande durante la manipolazione o il trasporto dei rifiuti. Utilizzare i DPI appropriati ( guanti monouso, mascherina). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 11

12 MEDICINALI CITOTOSSICI E CITOSTATICI RIFIUTI SANITARI CHE RICHIEDONO PARTICOLARI SISTEMI DI GESTIONE MODALITA E SMALTIMENTO ( INCENERIMENTO) (CODICE CER ) STATO FISICO: 4 SOLIDO NON PULVERULENTO CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÁ: H 6 3 H 7 4 TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Rifiuti derivanti dalla preparazione o dalla somministrazione di farmaci antiblastici come fiale o flaconi venuti a contatto con la sostanza concentrata durante la fase di preparazione (aghi, siringhe) o che hanno contenuto il farmaco o aghi e siringhe che sono venuti a contatto con il preparato. Tutti i rifiuti contaminati derivanti da operazioni di pulizia dei piani di lavoro e di superfici contaminate da vapori e da aerosol (carta, teli monouso, guanti, camici, soprascarpe, mascherine) e da operazioni di manutenzione delle cappe di aspirazione. Tutti i rifiuti derivanti dalle operazioni di pulizia successive a versamenti accidentali. Urine dei pazienti che hanno ricevuto terapie chemioterapiche. Flaconi contenenti residui di sostanze cancerogene o mutagene utilizzate in Anatomia patologica (classificazione di rischio R 43, R 45, R 46) 5. Contenitori con classificazione di rischio R 40 (formaldeide). CONTENITORI UTILIZZATI Contenitori monouso rigidi in plastica non clorurata, di colore facilmente identificabile (rosso) di capacità indicativa (40/60 lt), recanti il codice CER , resistenti al taglio, impermeabili, impilabili sia da vuoti che da pieni, con chiusura ermetica in modo da impedire dispersioni accidentali del materiale all esterno. 3 H 6 Tossico (incluso molto tossico): sostanze e preparati (comprese le sostanze e i preparati molto tossici) che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute gravi, acuti o cronici e anche la morte. 4 H 7 Cancerogeno: sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono produrre il cancro o aumentarne la frequenza. 5 R 40: possibilità di effetti cancerogeni; R 43: può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle; R 45: può provocare il cancro; R 46: può provocare alterazioni genetiche ereditarie. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 12

13 MODALITA DI SMALTIMENTO I contenitori, prima dell utilizzo, devono essere assemblati utilizzando le parti a incastro, controllandone la perfetta tenuta. I contenitori vanno utilizzati esclusivamente per lo smaltimento di siringhe, bisturi, aghi ed altri materiali taglienti e pungenti monouso. Anche taglienti e pungenti non venuti a contatto con materiale biologico ma potenzialmente lesivi (es. aghi aperti per errore) devono essere smaltiti come rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo utilizzando il contenitore di colore giallo. Il contenitore deve essere utilizzato fino a un livello di riempimento max. di 2/3 del suo volume. I contenitori, una volta utilizzati, dovranno essere chiusi ermeticamente e inseriti nel contenitore in cartonplast. RACCOMANDAZIONI Questo tipo di contenitore, che ha al suo interno un sacco in polietilene, andrà utilizzato nelle immediate vicinanze della zona di lavoro. Tali contenitori devono essere sempre presenti nelle sale di preparazione dei farmaci antiblastici. Contenitori monouso per rifiuti taglienti e pungenti in plastica non clorurata, da utilizzare sotto cappa per la preparazione di farmaci antiblastici. Devono essere di colore facilmente identificabile (giallo), imperforabili, resistenti agli urti, provvisti di indicazione di livello di massimo riempimento. Per i rifiuti taglienti e pungenti devono essere utilizzati i contenitori rigidi in polietilene per rifiuti taglienti di colore giallo. Le fiale/flaconcini che hanno contenuto il farmaco antiblastico vanno smaltiti direttamente nel contenitore di colore rosso. I contenitori devono essere posizionati sul piano di lavoro all interno delle cappe aspiranti e devono essere riempiti fino a ¾ della loro capienza in modo tale da prevenire eventuali incidenti. Al termine del loro utilizzo, devono essere chiusi ermeticamente dal personale addetto alla preparazione e successivamente introdotti nel contenitore monouso rigido in polietilene di colore Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 13

14 rosso. Queste operazioni devono essere svolte indossando guanti monouso a perdere. Tutti gli altri rifiuti prodotti durante la preparazione delle terapie antiblastiche e citostatiche come garze, deflussori, DPI, ecc., dovranno essere introdotti obbligatoriamente nel contenitore rigido in polietilene di colore rosso. Accertarsi, prima della chiusura, che non fuoriescano liquidi o altro materiale dal contenitore. Al termine dell utilizzo, si provvederà alla chiusura del sacco di polietilene e del contenitore rigido esterno con il relativo coperchio a chiusura ermetica. Prima di chiudere effettuare l inattivazione chimica con prodotti a base di ipoclorito di sodio al 10%. Per le operazioni di chiusura dei suddetti contenitori indossare sempre DPI monouso. Su ogni contenitore va apposta la data di chiusura e l indicazione dell Unità operativa produttrice del rifiuto. Tali rifiuti vengono movimentati da personale addetto all area di deposito temporaneo e trasportati per lo smaltimento definitivo dalla ditta appaltatrice. Feci e urine dei pazienti che hanno ricevuto terapie con medicinali citotossici e citostatici, possono essere smaltiti direttamente nella rete fognaria, versando ipoclorito di sodio al 5% prima dell eliminazione. Le urine emesse dai pazienti trattati con instillazioni endovescicali di antiblastici devono essere raccolte in contenitori a cui va aggiunto 10 cc di ipoclorito di sodio al 10%. Trascorse le 24h le urine potranno essere smaltite attraverso il sistema fognario. RISCHIO Tossico per ingestione. Tossico al contatto con cute, occhi e mucose. Tossico per inalazione. NORME COMPORTAMENTALI Utilizzo dei DPI durante le varie fasi di raccolta chiusura e confezionamento, movimentazione e deposito preliminare: guanti monouso, mascherina con visiera e/o occhiali, camici monouso, soprascarpe, cuffia. Evitare il contatto con occhi cute e mucose. Evitare di assumere alimenti o bevande durante la manipolazione o il trasporto dei rifiuti. NB In caso di spandimento accidentale fare uso di appositi DPI presenti nel kit di emergenza in dotazione. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 14

15 IMBALLAGGI CONTENENTI RESIDUI DI SOSTANZE PERICOLOSE O CONTAMINATI DA TALI SOSTANZE CODICE CER STATO FISICO: 2 SOLIDO NON PULVERULENTO CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÁ: H 14 6 TIPOLOGIA DI RIFIUTI Imballaggi/contenitori in vetro e/o in plastica vuoti originariamente contenenti sostanze pericolose. Rottami di vetro (flaconi o scatole contaminati da sostanze pericolose). Imballaggi/contenitori in vetro o in plastica provenienti dalle unità operative di Laboratorio Analisi, Istopatologia, Gastroenterologia. MODALITA DI SMALTIMENTO Per le modalità di smaltimento vengono utilizzati contenitori rigidi in polietilene da 60 lt di colore nero. I contenitori, oltre ai simboli e alle scritte obbligatorie per legge, devono riportare il codice CER identificativo, la data di chiusura e l Unità operativa produttrice del rifiuto. 6 H 14 Ecotossico: sostanze e preparati che presentano o possono presentare rischi immediati o differiti per uno o più settori dell ambiente Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 15

16 RACCOMANDAZIONI Gli imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose devono essere raccolti all interno di appositi contenitori in plastica rigidi di colore nero. I contenitori devono essere posizionati in ciascuno dei laboratori diagnostici e in una posizione tale da non intralciare le normali attività di lavoro. Tali contenitori devono essere riempiti non oltre il dovuto per non renderne difficoltosa la chiusura. Apporre sul coperchio del contenitore un etichetta identificativa dell Unità operativa produttrice e relativa data di chiusura. Irritante se a contatto con pelle, occhi e mucose. Tossico per inalazione. RISCHI NORME COMPORTAMENTALI Utilizzare dispositivi di protezione individuale idonei (guanti, occhiali, mascherina con visiera). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 16

17 SOSTANZE CHIMICHE DI LABORATORIO CONTENENTI O COSTITUITE DA SOSTANZE PERICOLOSE, COMPRESE LE SOSTANZE CHIMICHE DI LABORATORIO (PARAFFINA) CODICE CER STATO FISICO: LIQUIDO OPPURE SOLIDO TIPOLOGIA DI RIFIUTI Con questo codice vengono classificati i prodotti chimici o farmaceutici in disuso, nonché i contenitori che ne contengono tracce (Residui di prodotti in polveri e reagenti scaduti). MODALITA DI SMALTIMENTO Per le modalità di smaltimento vengono utilizzati contenitori in materiale rigido da 20 lt di colore nero, non deformabili. Dotati di stabilità sul piano d appoggio, al fine di evitare il loro rovesciamento. I contenitori, oltre ai simboli e alle scritte obbligatorie per legge, devono riportare il codice CER identificativo, la data di chiusura e l Unità operativa produttrice del rifiuto. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 17

18 RACCOMANDAZIONI Gli imballaggi contenenti residui di paraffina devono essere raccolti all interno di appositi contenitori in plastica rigidi di colore nero. I contenitori devono essere posizionati in ciascuno dei laboratori diagnostici. Raggiunto il riempimento, il contenitore va chiuso ermeticamente con il coperchio in dotazione. Indicare in modo ben visibile, mediante un etichetta adesiva applicata sul contenitore, l Unità operativa produttrice e la relativa data di chiusura. Irritante se a contatto con pelle, occhi e mucose. Tossico per inalazione. RISCHI NORME COMPORTAMENTALI Utilizzare dispositivi di protezione individuale (guanti, occhiali, mascherina con visiera). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 18

19 PILE ESAUSTE RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI NON A RISCHIO INFETTIVO CODICE CER * 7 STATO FISICO: 2 SOLIDO NON PULVERULENTO TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Batterie e pile alcaline esauste utilizzate per l alimentazione delle diverse apparecchiature sanitarie e non sanitarie. Batterie a secco utilizzate per alimentare alcuni dispositivi medici (es. laringoscopi, otoscopi ecc ) Pacemarker cardiaci. MODALITA DI SMALTIMENTO Vengono utilizzati contenitori in plastica imperforabile da lt 20, di colore nero recanti la scritta Raccolta pile a secco. Il personale della ditta provvede, poi, alla raccolta e allo smaltimento dei suddetti contenitori. RACCOMANDAZIONI Non riempire i contenitori oltre i 2/3 della loro capienza. Pile utilizzate per i Pacemarker cardiaci vanno smaltite dopo decontaminazione con un idonea soluzione detergente/disinfettante. 7 * Batteria al piombo Batterie al nichel-cadmio Batterie alcaline (escluse quelle contenenti mercurio) Altre batterie ed accumulatori esausti Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 19

20 TONER E CARTUCCE PER STAMPANTI RIFIUTI PER I QUALI E PREVISTO IL RECUPERO ATTRAVERSO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA TONER E CARTUCCE PER STAMPANTI. CODICE CER * 8 STATO FISICO: 2 SOLIDO NON PULVERULENTO TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Rifiuti speciali di stampanti e fotocopiatrici non più utilizzabili. MODALITA DI SMALTIMENTO Tali rifiuti dovranno essere raccolti in appositi contenitori in cartonplast bianchi riportanti la dicitura Toner per stampa esaurito comprese le cartucce (toner, toner laser, link jet e nastri stampante) ubicati presso le Unità operative dell Ospedale S. Giovanni, S. Maria, Addolorata. Presidio Britannico (piano -1). RACCOMANDAZIONI Toner e cartucce, prima dello smaltimento nell apposito contenitore, devono essere riposti nella confezione originaria in plastica nera in modo tale da evitare la dispersione nell ambiente di particelle di carbone, ossidi di ferro e resina della dimensione di 8 micron Toner per stampa esauriti, contenenti sostanze pericolose Toner per stampa esauriti, diversi di quelli di cui alla voce Testo Unico Sicurezza sul lavoro (D.L 9 aprile 2008 n. 81). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 20

21 FARMACI SCADUTI RIFIUTI SANITARI SPECIALI CHE RICHIEDONO PARTICOLARI MODALITA DI SMALTIMENTO: MEDICINALI DIVERSI DA QUELLI DI CUI ALLA VOCE CODICE CER RIFIUTI SANITARI NON PERICOLOSI FARMACI SCADUTI O INUTILIZZABILI TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Farmaci scaduti o di scarto, esclusi i medicinali citotossici e citostatici. Rifiuti sanitari che richiedono particolari sistemi di gestione. Non sono rifiuti pericolosi, costituiscono un rischio per l ambiente e sono destinati all incenerimento. MODALITA DI SMALTIMENTO Vanno smaltiti in appositi contenitori in cartonplast recanti la sigla R Farmaci scaduti, da 60 lt. Il contenitore si trova ubicato presso la UOC Farmacia Ospedaliera. Il ritiro avviene il 1 lunedì e martedì del mese dalle con Modulo Restituzione farmaci scaduti (vedi allegato 1 Procedure per lo Smaltimento dei Farmaci scaduti ). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 21

22 LIQUIDI SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE O CONTENENTI SOSTANZE PERICOLOSE CODICE CER STATO FISICO: 4 LIQUIDO CARATTERISTICHE DI PERICOLOSITÁ: H 4 H 5 H 14 TIPOLOGIA DEI RIFIUTI Reagenti di Laboratorio (liquidi e in polvere), solventi e reflui provenienti dalle apparecchiature di analisi. Sostanze chimiche utilizzate per vari scopi come la colorazione e il fissaggio provenienti dai laboratori di istopatologia, citologia. Sostanze infiammabili (formalina, disinfettanti, reagenti scaduti derivanti da attività di laboratorio analisi, anatomia patologica, centro trasfusionale). MODALITA DI SMALTIMENTO Di norma vengono raccolti in taniche speciali di materiale rigido monouso, contrassegnate dalla lettera R, di varia volumetria (indicativamente 10/20 lt, stabili, dotati di indicatore visivo di livello con indicazione del massimo). I contenitori oltre ai simboli obbligatori per legge devono riportare un etichetta su cui sia possibile scrivere il codice CER, la data di chiusura, il nome dell Unità Operativa produttrice del rifiuto. I contenitori pieni per ¾, devono essere trasferiti in un area protetta dell Unità Operativa produttrice destinata a deposito temporaneo. Questa manovra va eseguita utilizzando DPI idonei, tali da ridurre l esposizione del personale addetto al rischio chimico. 10 H 4 Irritante: sostanze e preparati non corrosivi il cui contatto immediato, prolungato o ripetuto con la pelle e le mucose può provocare una reazione infiammatoria. 11 H 5 Nocivo: sostanze e preparati che, per inalazione, ingestione o penetrazione cutanea, possono comportare rischi per la salute di gravità limitata. 12 H 14 Ecotossico: sostanze e preparati che presentano o possono presentare rischi immediati o differiti per uno o più settori dell ambiente. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 22

23 RACCOMANDAZIONI Tali rifiuti prevedono specifiche modalità di smaltimento e non debbono mai essere eliminati con i rifiuti urbani o attraverso il sistema fognario. Va evitata assolutamente la miscelazione di prodotti chimici incompatibili che possono sviluppare per reazione chimica gas e vapori, potenzialmente tossici o esplosivi. I rifiuti chimici devono essere conservati lontano da fonti di calore, irraggiamento solare e quadri elettrici. Devono essere chiusi ermeticamente e non devono essere collocati in alto o comunque in posizioni di equilibrio precario. Prima della movimentazione, controllare che i contenitori siano integri e chiusi ermeticamente. Verificare che le etichette siano chiare e leggibili così da non ingenerare confusione al momento del prelievo da parte della Ditta incaricata dello smaltimento. RISCHIO Nocivo per ingestione Irritante se a contatto con pelle, occhi e mucose NORME COMPORTAMENTALI Utilizzare DPI durante le varie fasi di raccolta, chiusura e confezionamento, movimentazione e deposito preliminare, in modo da ridurre il rischio di inalazione di sostanze pericolose. Evitare il contatto con occhi cute e mucose. Evitare di assumere alimenti o bevande durante la manipolazione o il trasporto dei rifiuti. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 23

24 RIFIUTI ASSIMILABILI AGLI URBANI TIPOLOGIA DI RIFIUTI Sono tutti i rifiuti derivanti da attività sanitaria che NON PRESENTANO RISCHIO INFETTIVO, cioè tutti quei materiali che non provengono da ambienti di isolamento infettivo, né da pazienti affetti da patologia infettiva-diffusiva, clinicamente diagnosticata e ravvisata in cartella dal medico nelle UU.OO. di diagnosi e cura; Sono tutti i rifiuti derivanti da attività sanitaria che non contengono sostanze chimiche pericolose e che non sono venuti a contatto con liquidi biologici secreti o escreti di qualsiasi paziente; Non sono visibilmente sporchi di SANGUE o di altri liquidi biologici quali liquido seminale; secrezioni vaginali; liquido sinoviale; cerebrospinale; liquido pleurico; liquido peritoneale; liquido pericardico; liquido amniotico. Assorbenti igienici, pannoloni, pannolini pediatrici, sacche per raccolta urine precedentemente svuotate di pazienti non affetti da patologie trasmissibili attraverso tali escreti. Residui dei pasti provenienti da reparti, da cucine o mense; Rifiuti provenienti dalla pulizia dei locali. MODALITA DI SMALTIMENTO: Vengono utilizzati sacchi in plastica di colore nero, impermeabili. Nei sacchi neri non devono assolutamente essere inseriti rifiuti pericolosi, materiali vetrosi, pile esauste. Il sacco nero pieno, deve essere chiuso dal personale dell Unità operativa e collocato nella zona del deposito temporaneo. Il sacco non dovrà avere un peso superiore ai 10 Kg. Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 24

25 RACCOMANDAZIONI Introdurre nel sacco quantitativi di rifiuto che ne permettano un agevole chiusura. Non riempire il sacco nero per oltre i 2/3 del volume. Evitare di riaprire il sacco una volta provveduto alla sua chiusura definitiva. Nel caso in cui il sacco nero, contenente rifiuti, risulti danneggiato con eventuale fuoriuscita di percolato, utilizzare un secondo sacco nero. Procedere alla chiusura del sacco facendo attenzione a non comprimere e/o toccare il contenuto. NON INSERIRE LIQUIDI (ES. RESIDUI ALIMENTARI ALLO STATO LIQUIDO LATTE, MINESTRE) PER EVITARE PERCOLATO. RISCHI Nessun rischio infettivo e rischio chimico pericoloso. NORME COMPORTAMENTALI Utilizzare dispositivi di protezione individuale idonei (guanti monouso). Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 25

26 ALLEGATO 1 Procedure per lo Smaltimento dei Farmaci scaduti U.O.C. FARMACIA OSPEDALIERA Prot. n del 28 luglio 2009 Ai Coordinatori Infermieristici delle Unità Operative E p.c. Ai Direttori delle Unità Operative LORO SEDI Oggetto: Procedure per lo Smaltimento dei Farmaci scaduti Si trasmettono alle SS.LL. le procedure da seguire per la corretta detenzione in reparto e la successiva consegna in Farmacia dei prodotti di cui all oggetto. Tale procedura non si applica ai farmaci antitumorali che verranno smaltiti direttamente in reparto secondo apposite procedure. Detenzione dei farmaci scaduti in Reparto: Il Caposala o l Infermiere delegato preleva dall armadio farmaceutico di reparto i farmaci scaduti e li accantona in luogo diverso da quello di stoccaggio dei farmaci in corso di validità, apponendo sul contenitore l etichetta Farmaci scaduti non utilizzare. I responsabili indicati non devono aggiungere al contenitore altro materiale diverso dai farmaci scaduti. Consegna in Farmacia dei farmaci scaduti I Caposala dei reparti possono consegnare i farmaci scaduti in Farmacia, direttamente al Farmacista, il primo lunedì e martedì di ogni mese dalle ore alle ore 11.00, allegando l apposito modulo riepilogativo in duplice copia, debitamente compilato (All.1). Consegna in Farmacia dei farmaci in scadenza Il modulo è stato predisposto anche per la riconsegna in Farmacia di farmaci in scadenza (con almeno 3 mesi di validità residua) od in eccesso non più utilizzati : ovviamente non potranno essere elencati su un unico foglio farmaci scaduti e farmaci in corso di validità. Il Direttore della UOC Farmacia Ospedaliera Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 26

27 RESTITUZIONE FARMACI SCADUTI /AVARIATI - IN ECCESSO/ IN SCADENZA** Timbro U.O.C. Alla U.O.C Farmacia Ospedaliera CODICE PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO QUANTITA SCADENZA LOTTO VALORE (riservato alla U.O.C. Farmacia) ** Si ricorda che i prodotti di prossima scadenza, con validità residua di almeno tre mesi e non più utilizzati, vanno restituiti alla U.O.C. Farmacia per poter essere messi tempestivamente a disposizione di altre U.O.C/Ospedali. Motivo della restituzione : scaduti avariati in eccesso in scadenza (almeno 3 mesi di validità) Si dichiara che sono state assicurate per i prodotti farmaceutici riconsegnati, di prossima scadenza, le condizioni di conservazione previste dalle rispettive schede tecniche. Il Direttore della UOC. (timbro e firma) Il Caposala (timbro e firma) Il Farmacista Roma,.. (timbro e firma) Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 27

28 Modulo per agenti radiattivi Allegato 2 Rifiuti esposti ad agenti radioattivi (pannoloni con urine postscintigrafia) Data Unità Operativa Servizio Medicina del Lavoro Dr.ssa Cristina Durante 28

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051 RIFIUTI SANITARI Adeguamento delle Linee Guida sulla gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie secondo le prescrizioni del vigente D.M. 219/2000 e del nuovo catalogo di classificazione dei

Dettagli

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Revisione 0 Pagina 1 di 8 6. Si definiscono rifiuti, o che comunque possono comportare rischio per la salute pubblica, tutti i rifiuti: provenienti da ambienti di isolamento infettivo; derivanti da ravvisata

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Ottobre-Novembre 2014 Ronconi Paolo DMO 1 I RIFIUTI SANITARI-NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE 5. DEFINIZIONI RIFIUTI SANITARI : rifiuti prodotti da strutture sanitarie pubbliche e private durante lo svolgimento di attività medica e veterinaria

Dettagli

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di I RIFIUTI I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di rifiuti, per un totale di 143mila tonnellate all

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

Smaltimento Rifiuti Sanitari

Smaltimento Rifiuti Sanitari Smaltimento Rifiuti Sanitari I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv. I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15 luglio 2003, n 254 Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari, a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n 179 Premessa La gestione dei

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e

Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO Rifiuti Sanitari e Rischio biologico Relatore: Dott.ssa Anna Pennino Dirigente Biologo 1 CLASSIFICAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO ALLEGATO I CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENITORI E TIPOLOGIE TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO Tutti i contenitori esterni dovranno essere forniti completi di sistema di chiusura

Dettagli

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Premessa I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità', da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne

Dettagli

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI AUSL DI FERRARA P.G. 04 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev. 2 del 29/12/2005 Redazione Verifica Approvazione Funzione Cognome Nome Funzione Data Visto Funzione Data Visto PUO Dr. Di Giorgio A. PUO-Q Dr.ssa Baldi

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA E Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali La gestione di un rifiuto

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI U.O.C Prevenzione e Protezione Procedura gestionale Procedura n 1/2015 Rev. 0 Data 03/11/2015 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI La gestione di un rifiuto è l insieme delle operazioni, fra

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI Pag. 1 di 10 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA 01/02/16 01/02/16

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Servizio Provveditorato Macrostruttura Ospedaliera Dipartimento Territoriale LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI VERSIONE 2.0 DEL 15/12/2002 1 INDICE CRITERI GENERALI DI PERICOLOSITÀ INFETTIVA DEI RIFIUTI

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente 1 Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente: Igiene in ambito istituzionale Igiene delle

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Manuale di rischio chimico Sicurezza: caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Salvaguardia

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto RISCHIO CHIMICO DEFINIZIONE Per Rischio Chimico si intende la probabilità che una sostanza o un preparato sia esso solido,

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI 1 di 42 AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA ManOp_AzOsp_05 MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE Data Rev. Motivo del cambiamento Febbraio 2012 Aggiornamento al D.Lgs.

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Gestione dei Rifiuti. Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale Assegnare il codice CER e le caratteristiche di pericolosità ad un rifiuto speciale I RIFIUTI SPECIALI so descritti da un codice a sei cifre (codice CER 1 ) che permette la loro identificazione su tutto

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5 INDICE Introduzione pag. 4 Oggetto pag. 4 Scopo pag. 4 Campo d applicazione pag. 5 Tabella 1: matrice delle responsabilità nel processo di gestione dei rifiuti pag. 6 Definizioni pag. 8 Normative di riferimento

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali

Elenco delle merci pericolose per gli ospedali Rifiuti urbani Rifiuti sanitari non problematici cerotti, ingessature, pannolini per l'incontinenza, siringhe senza cannule, ecc., contenitori monouso contenuto massimo fino a 100 ml Per definizione non

Dettagli

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS)

Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Leggere attentamente l etichetta e la Scheda di 2Sicurezza (SDS) Come si legge un etichetta L etichetta di un agrofarmaco deriva dalla valutazione di numerosi studi effettuati sul prodotto inerenti aspetti

Dettagli

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015

APPLICABILE DAL 1 GIUGNO 2015 CLASSIFICAZIONE E CARATTERISTICHE DEI RIFIUTI A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 Guida alla classificazione dei rifiuti Se un rifiuto è classificato con codice CER pericoloso assoluto, esso è pericoloso senza

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese Brescia, 13 dicembre 2013 1 URBANI Domestici Da locali e luoghi adibiti

Dettagli

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008 TITOLO X D.Lgs 81/2008 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Tutte le attività lavorative nella quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Uso deliberato (laboratori microbiologici) Rischio potenziale

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DI MATERIALI INFETTIVI E DI I.O.1/Ds Pag. 1 di Pag. 6 TIPO DI DOCUMENTO ISTRUZIONE OPERATIVA ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003 INDICE 1.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Scheda di Sicurezza per: Temp Bond Clear Base Paste Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Temp Bond Clear Base Paste SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I -

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI 1 PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev data 00.00 01/12/2012. Stesura Causale della modifica Redatta da Condivisa / Valutata da Dr.ssa Francesca Parrinello Dr.ssa Anna Silvestro Dr. Gaetano Ferlazzo Direttore

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; 26-27 27 maggio 2010 QUALITA E SICUREZZA

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C.

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C. AZIENDAA OSPEDALIERA DI COSENZA DIREZIONE MEDICA PRESIDIO UNICO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE Procedura per iill corretto smalltiimento,, raccollta e allllontanamento deii riifiiutii saniitarii ospedalliie

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA Pagina 2 di 58 Revisione: Edizione e revisione Edizione 1 Revisione 0 Data Descrizione e/o modifica Firma Lista di distribuzione

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI NUOVE PROCEDURE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO CHIMICO E INFETTIVO E DEI RIFIUTI RADIOATTIVI Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente e Connessa

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

La manipolazione dei farmaci citostatici

La manipolazione dei farmaci citostatici 1 La manipolazione dei farmaci citostatici L'aumento dei tumori nella popolazione implica per il personale sanitario un aumento delle operazioni di preparazione e somministrazione dei farmaci antiblastici,

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Istruzioni operative Aziendali :

Istruzioni operative Aziendali : Istruzioni operative Aziendali : Data Revisione redazione approvazione autorizzazione N archiviazione 05/02/2014 Servizio Prevenzione e Protezione Direzione Sanitaria Servizio Professioni Sanitarie Direzione

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione delle sostanze pericolose a scuola MODULO B Unità didattica B2-2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03

Dettagli

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02

Eco-Recuperi srl. Giugno 2015 rev02 LINEE GUIDA GESTIONE e ANALISI DELLE CARTUCCE TONER ESAUSTE Le linee guida di seguito proposte rappresentano una breve analisi dell attuale normativa vigente nel campo della gestione dei rifiuti applicata

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 Materia 3 è una vernice decorativa ecologica in dispersione acquosa. Materia 3 è un prodotto caratterizzato dall utilizzo di speciali additivi che creano uno speciale

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA (DIRETTIVE CEE 88/379-93/112-D.M. SANITA' 28-1-92) 1. - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' RESPONSABILE DELL' IMMISSIONE IN COMMERCIO : Nome del

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

Procedura di campionamento per clienti esterni

Procedura di campionamento per clienti esterni Procedura di campionamento per clienti esterni Rev Data emissione Motivo/Modifica 00 30/04/2013 Prima emissione 01 28/02/2014 Aggiunti riferimenti normativi sul campionamento, come da oss. ACCREDIA del

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2012 03 28 Versione: 5.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ISH Accessories (Buffers, Wash Buffers, Mounting Solutions) Codice prodotto to: AB-0001,

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS IDENTIFICAZIONE DEL DISTRIBUTORE L Oréal Italia S.p.A. - Via Garibaldi 42 10122 Torino - Tel. 011/4603111 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Codice Documento Rev. N Data emissione 02 15/09/2010 03 Febbraio 2012 Motivo revisione Verificato Approvato Unificazione procedure a livello aziendale ed

Dettagli