Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità"

Transcript

1 Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia Ufficio fiscalità LE LOCAZIONI IMMOBILIARI (linee guida) Relazione a cura del dott. Stefano SIBELJA Funzionario Ufficio Fiscalità Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale del FVG Novembre 2007

2 INDICE PREMESSA...3 PARTE PRIMA LA REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE LA DISCIPLINA DELLE LOCAZIONI DI IMMOBILI ANTE LUGLIO (SEGUE) E DURANTE L ORIGINARIA STESURA DEL DECRETO BERSANI LE NOVITÀ IN TEMA DI LOCAZIONI IMMOBILIARI A SEGUITO DEL DECRETO BERSANI. PREMESSA LOCAZIONI (ED AFFITTI) DI AREE E TERRENI NOZIONE DI AREA FABBRICABILE LOCAZIONI DI IMMOBILI (FABBRICATI) ABITATIVI...9 A) REGIME IN VIGORE SINO AL 3 LUGLIO 2006 (ANTE D.L. N. 223/2006)...9 B) REGIME IN VIGORE DAL 4 LUGLIO 2006 (POST D.L. N. 223/2006)...10 C) REGIME IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2007 (POST L. N. 296/2006) LOCAZIONI DI IMMOBILI (FABBRICATI) STRUMENTALI...12 A) REGIME IN VIGORE SINO AL 3 LUGLIO 2006 (ANTE D.L. N. 223/2006)...12 B) REGIME IN VIGORE DAL 4 LUGLIO 2006 ALL 11 AGOSTO 2006 (POST D.L. N. 223/2006)...13 C) REGIME IN VIGORE DAL 12 AGOSTO 2006 (POST L. N. 248/2006) (SEGUE) AMBITO DI APPLICAZIONE DELLE NOVITÀ IN TEMA DI IMMOBILI STRUMENTALI LA NORMA TRANSITORIA CONTENUTA NELLA LEGGE FINANZIARIA PARTE SECONDA LOCAZIONI D AZIENDA LOCAZIONI FINANZIARIE OBBLIGHI DI RETTIFICA IN SEDE DI APPLICAZIONE DEL DECRETO LEGGE IMMOBILI ABITATIVI IMMOBILI STRUMENTALI

3 Premessa La disciplina delle locazioni di immobili è stata interessata, negli ultimi tempi, da un susseguirsi di interventi novellatori a partire dal luglio del 2006 e sino alla entrata in vigore della Legge Finanziaria 2007 (L. 27 dicembre 2006 n. 296). Prima di entrare nel merito della questione conviene evidenziare come la materia si presenti alquanto complessa, per il fatto che le norme di riferimento si rinvengono non soltanto nelle singole leggi di imposta ma anche in numerosi interventi extravaganti contenuti nelle leggi finanziarie di questi ultimi anni e nei relativi collegati. In particolare si possono ricordare le seguenti disposizioni: - art. 1, commi da 341 a 346, L. 30 dicembre 2004, n. 311 della L. 30 dicembre 2004, n. 311 (Legge Finanziaria 2005) riguardanti l imposta di registro e le imposte dirette e relative al canone minimo di locazione da dichiarare in atto al fine di evitare ulteriori liquidazioni o accertamenti da parte dell Ufficio, nonché l obbligo di registrazione, a pena di nullità, per i contratti di locazione di unità immobiliari, ovvero di loro porzioni, comunque stipulati. - art. 35, commi da 8 a 10-sexies, D.L. 4 luglio 2006, n. 223 (conv. L. 4 agosto 2006, n. 248: c.d. Decreto Bersani) per quanto concerne la tassazione ai fini della imposizione indiretta delle locazioni di immobili; - art. 1 L. 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge Finanziaria 2007) la quale ha nuovamente previsto l assoggettamento ad IVA di alcune locazioni di immobili ad uso abitativo che, fino al 31 dicembre 2006, erano soggette al regime di esenzione (comma 330), nonché ha introdotto una norma transitoria volta a salvare il trattamento fiscale applicato alle operazioni immobiliari effettuate fra il 4 luglio e l 11 agosto 2006 dalle conseguenze della mancata convalida, in sede di conversione, di alcune disposizioni del D.L. n. 233/2006 (comma 292). Ciò posto la finalità del presente elaborato è quella di fornire delle linee guida in materia di operazioni immobiliari che siano di ausilio sia al personale delle Agenzie fiscali sia gli operatori del settore nella individuazione della corretta applicazione della normativa fiscale. 3

4 PARTE PRIMA 1. La registrazione dei contratti di locazione A seguito delle novità apportate dalla Legge Finanziaria 2005, i contratti di locazione di unità immobiliari, ovvero di loro porzioni, comunque stipulati sono soggetti all obbligo di registrazione, a pena di nullità. Obbligati a richiedere la registrazione sono: - le parti contraenti per le scritture private non autenticate e per i contratti verbali (ovvero: il proprietario (locatore), l inquilino (locatario) e gli agenti immobiliari); - i notai e gli altri pubblici ufficiali, per i contratti redatti in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata. - gli impiegati dell Amministrazione finanziaria e gli appartenenti al Corpo della Guardia di Finanza, qualora rilevino la mancata registrazione di un atto (c.d. registrazione d ufficio). Gli atti pubblici e le scritture private autenticate devono essere registrati presso l Ufficio nella cui circoscrizione territoriale risiede il pubblico ufficiale obbligato a richiedere la registrazione, mentre la registrazione delle scritture private non autenticate può essere eseguita da qualsiasi Ufficio periferico dell Agenzia delle Entrate. Inoltre la registrazione degli atti che vi sono soggetti in termine fisso deve avvenire antro 20 giorni dalla data dell atto, mentre per i contratti locazione e affitto di beni immobili esistenti nel territorio dello Stato il termine (per il versamento dell imposta e per la registrazione) è di 30 giorni. In questo senso la circ. Min. Fin. 16 novembre 2000, n. 207/E, punto rileva che per i contratti di locazione e affitto di beni immobili seguendo l art. 17, comma 1, T.U.I.R. l imposta di registro deve essere versata, anziché entro venti, entro trenta giorni dalla data dell atto stesso. Siccome il suddetto termine è superiore a quello di venti giorni, indicato dall art. 13 del T.U.I.R. per la registrazione degli atti in termine fisso, si ritiene che per i contratti di locazione e affitto di beni immobili anche il termine per la registrazione è di trenta giorni considerato che il successivo art. 16, comma 1, dispone che la registrazione è eseguita previo pagamento dell imposta. Il soggetto che chiede la registrazione deve quindi presentare all Ufficio del registro due originali ovvero un originale e una fotocopia (con una marca da bollo ogni 4 facciate) e deve aver preventivamente pagato l imposta dovuta. 4

5 Il versamento del tributo può essere effettuato direttamente da parte del soggetto obbligato mediante mod. F23, ovvero telematicamente avvalendosi di soggetti delegati ovvero degli incaricati della trasmissione telematica di cui all art. 3, comma 3, D.P.R. n. 322/1998 (art. 5, comma 1, D.P.R. 05 ottobre 2001, n. 404; circ. Agenzia Entrate 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 8). La Legge Finanziaria 2007 ha introdotto ulteriori incombenze per quanto concerne gli agenti di mediazione immobiliare, per i quali è ora previsto l obbligo di procedere alla registrazione delle scritture private non autenticate di natura negoziale stipulate a seguito della loro attività (art. 10, comma 1, lett. d-bis, D.P.R. n. 131/86). Gli intermediari immobiliari, inoltre, sono obbligati in solido, con le parti contraenti, al pagamento dell imposta di Registro per le predette scritture private stipulate a seguito dell attività di mediazione (art. 57, comma 1-bis, D.P.R. n. 131/86). 2. La disciplina delle locazioni di immobili ante luglio 2006 L art. 10, comma 1, n. 8, D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, nella formulazione vigente anteriormente alla data di entrata in vigore del D.L. 4 luglio 2006, n. 233 (avvenuta il 4 luglio 2006) statuiva che sono esenti dall imposta (IVA) le locazioni non finanziarie e gli affitti, relative cessioni, risoluzioni e proroghe, di terreni e aziende agricole, di aree diverse da quelle destinate a parcheggio di veicoli, per le quali gli strumenti urbanistici non prevedono la destinazione edificatoria, ed i fabbricati, comprese le pertinenze, le scorte e in genere i beni mobili destinati durevolmente al servizio degli immobili locati e affittati, esclusi quelli strumentali che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni e quelli destinati ad uso di civile abitazione locati dalle imprese che li hanno costruiti per la vendita. In forza di tale normativa il regime di esenzione dall IVA dei contratti di locazione riguardava solo alcune ipotesi aventi ad oggetto: - terreni ed aziende agricole; - aree non edificabili diverse da quelle adibite a parcheggi; - fabbricati o porzioni di fabbricati a destinazione abitativa; Peraltro, per quanto concerneva la locazione di fabbricati a destinazione abitativa c era la previsione, anche per tale tipologia di immobili, di alcune eccezioni (Circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, Premessa) 5

6 Più nello specifico, ai sensi dell art. 10, comma 1, n. 8), D.P.R n. 633/972, nella formulazione in vigore fino al 3 luglio 2006, erano imponibili all IVA le seguenti prestazioni (Circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 1): - le locazioni finanziarie di qualsiasi tipologia di immobile, sia di tipo residenziale che di tipo diverso; locazioni o affitti di fabbricati (o di porzioni di fabbricati) residenziali posti in essere dalle imprese che li avevano costruiti per la vendita; locazioni e affitti di fabbricati strumentali ( per natura ) non suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni (identificati catastalmente nelle categorie B, C, D, E ed A10); locazione e affitti di aree destinate a parcheggio di veicoli e di aree con destinazione edificabile in base alle previsioni degli strumenti urbanistici; assegnazioni, anche in godimento, di case di abitazione fatte a soci da cooperative edilizie e loro consorzi (numero 26, Tabella A, parte II, allegata al D.P.R. n. 633 del 1972). Le locazioni esenti da IVA, in deroga al principio di alternatività IVA/Registro, erano assoggettate ad imposta di registro in misura proporzionale. 2.1 (segue) e durante l originaria stesura del DECRETO BERSANI Il decreto legge 04 luglio 2006, n. 223 (art. 35, comma 8) aveva riformulato i numeri 8) e 8-bis) dell art. 10, D.P.R n. 633/972, estendendo il regime di esenzione a tutte le operazioni di cessione e di locazione, comprese quelle finanziarie, a prescindere dalla tipologia degli fabbricati, prevedendo quale unica eccezione le cessioni di immobili nuovi ossia dei fabbricati ceduti entro cinque anni dalla ultimazione della costruzione o della ristrutturazione. Secondo la lettera della norma erano esenti da IVA le locazioni e gli affitti, relative cessioni, risoluzioni e proroghe, di terreni e aziende agricole, di aree diverse da quelle destinate a parcheggio di veicoli, per le quali gli strumenti urbanistici non prevedono la destinazione edificatoria, ed i fabbricati, comprese le pertinenze, le scorte e in genere i beni mobili destinati durevolmente al servizio degli immobili locati e affittati. Più nello specifico nella formulazione in vigore dal 4 luglio 2006 al 11 agosto 2006, erano imponibili all IVA le seguenti prestazioni: 6

7 locazione e affitti di aree destinate a parcheggio di veicoli e di aree con destinazione edificabile in base alle previsioni degli strumenti urbanistici. assegnazioni, anche in godimento, di case di abitazione di cui al numero 21), fatte a soci da cooperative edilizie e loro consorzi (numero 26 della Tabella A, parte II, allegata al D.P.R. n. 633 del 1972). Le locazioni esenti da IVA, in deroga al principio di alternatività IVA/Registro, erano assoggettate ad imposta di registro in misura proporzionale. 3. Le novità in tema di locazioni immobiliari a seguito del Decreto Bersani. Premessa L art. 35, commi da 8 a 10 sexies, del D.L. 04 luglio 2006, n. 223, come modificato dalla legge di conversione (L. 04 agosto 2006 n. 248), riscrive in parte la disciplina della imposizione indiretta gravante sul settore immobiliare nel senso che, pur ribadendo il generalizzato regime di esenzione dall imposta sul valore aggiunto per le locazioni di tutte le tipologie di fabbricati, introduce qualche eccezione rispetto alla originaria stesura del decreto. Anticipando brevemente il nuovo regime di tassazione delle locazioni di immobili, si può ricordare che: - per le locazioni (ed affitti) di aziende e terreni agricoli non è prevista alcuna novità; - la locazioni di fabbricati abitativi è attualmente esente, con le due sole eccezioni rappresentate dalla (1) assegnazioni di case di abitazione a soci da cooperative edilizie e dalla (2) locazione da parte di imprese che hanno costruito o ristrutturato immobili di edilizia abitativa convenzionata avvenuta entro quattro anni e con contratto di durata non inferiore a quattro anni; - le locazioni di immobili strumentali sono di norma esenti se il locatore è soggetto passivo IVA, a meno che l operazione non avvenga nei confronti di (1) consumatori finali, o (2) di soggetti passivi d imposta che hanno un pro-rata di detraibilità non superiore al 25%, ovvero (3) se il locatore ha espresso l opzione per l imponibilità; - nel caso di locazione d azienda si applicano, ricorrendo certe condizioni, le norme sulle locazioni anziché quelle sull affitto d azienda; - il leasing immobiliare che prima era sottoposto al regime IVA, ora segue il medesimo trattamento previsto per le locazioni immobiliari. 7

8 Conviene poi precisare che la nuova disciplina prevista per le locazioni di immobili si applica anche alle sub-locazioni, in quanto le prestazioni derivanti da rapporti di sublocazione risultano autonomamente assoggettate a tassazione, secondo le regole e i criteri previsti per i contratti di locazione da cui mutuano i caratteri contrattuali (Circ. Ag. Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 7). 3.1 Locazioni (ed affitti) di aree e terreni La disciplina di tale tipologia di locazioni è rimasta del tutto invariata nel passaggio dalla vecchia alla nuova disciplina (sia ante che post D.L. 223/2006 e post Legge Finanziaria 2007). Si riporta qui di seguito la disciplina fiscale: a) terreni ed aziende agricole : - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 2% (art. 5, comma 1, lett. b, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86), 0,5 % se fondi rustici (art. 5, comma 1, lett. a, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) b) aree non edificabili diverse da quelle destinate a parcheggio - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 2% (art. 5, comma 1, lett. b, Tariffa, Parte Prima, T.U.R.) c) aree non edificabili destinate a parcheggio IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, T.U.R.) d) aree edificabili - IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% - REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, T.U.R.) 3.2 Nozione di area fabbricabile Ulteriore novità prevista dal Decreto Bersani è quella descritta nell art. 36, comma 2, D.L. 4 luglio 2006, n. 223 (conv. L. 4 agosto 2006, n. 248) secondo cui ai fini dell applicazione del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 un area è da considerare fabbricabile se utilizzabile a scopo 8

9 edificatorio in base allo strumento urbanistico generale adottato dal comune, indipendentemente dall'approvazione della regione e dall'adozione di strumenti attuativi del medesimo. Secondo l Agenzia di tratta di una norma interpretativa posto che, in sostanza, la disposizione sopra richiamata estende alle imposte sui redditi, all'iva e al registro, il concetto di area fabbricabile contenuto nell art. 11-quaterdecies, comma 16, del D.L. 30 settembre 2005, n. 203 (conv. L 2 dicembre 2005, n. 248) il cui ambito applicativo era riservato unicamente all I.C.I. di cui al D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504 (Cfr. circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 28/E, punto 23). Ne consegue che il principio in questione risulta applicabile anche per il passato (retroattivamente). Del resto lo stesso Statuto del Contribuente dopo aver statuito che le disposizioni tributarie non hanno effetto retroattivo (art. 3, 1 comma, L. n. 212/200o) fa salve le norme interpretative (art. 1, 2 comma L. n. 212/2000: norme che possono essere disposte soltanto in casi eccezionali e con legge ordinaria, qualificando come tali le disposizioni di interpretazioni autentica ). Tale posizione espressa dall Amministrazione finanziaria sembra aver trovato conferma anche nella giurisprudenza dalla Corte di Cassazione (Cass. civ., SS.UU., sent., 28 settembre 2006 (dep. 30 novembre 2006), n ) la quale, seppur criticando le modalità con cui la norma è stata introdotta (decreto-legge su cui è stata posta la fiducia), ha confermato la natura interpretativa della disposizione in oggetto. 4. Locazioni di immobili (fabbricati) abitativi a) Regime in vigore sino al 3 luglio 2006 (ante D.L. n. 223/2006) In base al testo dall art. 10, n. 8), D.P.R. n. 633/72, nella formulazione vigente anteriormente alla data di entrata in vigore del D.L. 4 luglio 2006 n. 233, per i fabbricati o porzioni di fabbricati a destinazione abitativa era previsto un regime di esenzione dall IVA, con la previsione, peraltro, anche per tale tipologia di immobili, di alcune eccezioni: 1) regola - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 2% (art. 5, comma 1, lett. b, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) 2) locazioni finanziarie di immobili abitativi 9

10 - IVA: operazione imponibile (con l aliquota applicabile per le cessione dei beni ovvero 20%, 10%, 4%: art. 16 D.P.R. n. 633/1972) - REGISTRO in misura fissa 3) locazione o affitto di immobili posti in essere dalle imprese che li avevano costruiti per la vendita - IVA: operazione imponibile con aliquota al 10% (n. 127-ter, Tabella A, parte III, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, D.P.R. n. 131/86) 4) assegnazioni, anche in godimento, di case di abitazione fatte a soci da cooperative edilizie e loro consorzi - IVA: operazione imponibile con aliquota al 4% (n. 26, Tabella A, parte II, D.P.R. n. 633/72). - REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, D.P.R. n. 131/86) b) Regime in vigore dal 4 luglio 2006 (post D.L. n. 223/2006) Il D.L. 04 luglio 2006, n. 223 (art. 35, comma 8) aveva riformulato il numero 8) dell art. 10, estendendo il regime di esenzione IVA a tutte le operazioni di locazione (comprese quelle finanziarie) a prescindere dalla tipologia dei fabbricati. Il testo della norma, in vigore dal 4 luglio 2006 al 11 agosto 2006, prevedeva infatti che sono esenti le locazioni e gli affitti, relative cessioni, risoluzioni e proroghe, di terreni e aziende agricole, di aree diverse da quelle destinate a parcheggio di veicoli, per le quali gli strumenti urbanistici non prevedono la destinazione edificatoria, ed i fabbricati, comprese le pertinenze, le scorte e in genere i beni mobili destinati durevolmente al servizio degli immobili locati e affittati. Per quanto concerne le locazioni di fabbricati abitativi tale esenzione è stata confermata anche in sede di conversione del decreto-legge. Allo stato dunque tutte le locazioni di immobili a destinazione abitativa sono ora esenti ai fini IVA, comprese (le locazioni finanziarie e) le locazioni poste in essere dalle imprese che hanno costruito gli immobili per la vendita (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 1.1; circ. Agenzia Entrate 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. a), con la sola eccezione delle assegnazioni di abitazioni ai soci di cooperative edilizie e salvo quanto previsto dalla Legge Finanziaria

11 Al riguardo si ricorda che, con decorrenza 4 luglio 2006, è stato soppresso il n ter della tabella A, parte III, che, in riferimento alla precedente normativa, prevedeva l applicazione dell aliquota ridotta del 10% alle locazioni di fabbricati abitativi effettuate dalle imprese che li avevano costruiti per la successiva vendita (art. 35, comma 8, lett. c), D.L. 04 luglio 2006, n. 223; circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E. punto 1.1). In sintesi: 1) regola - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 2% (art. 5, comma 1, lett. b, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) 2) assegnazioni, anche in godimento, di case di abitazione fatte a soci da cooperative edilizie e loro consorzi - IVA: operazione imponibile con aliquota al 4% (n. 26, Tabella A, parte II, D.P.R. n. 633/72). - REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, D.P.R. n. 131/86) c) Regime in vigore dal 1 gennaio 2007 (post L. n. 296/2006) Il comma 330 dell art. 1, L. 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge Finanziaria 2007) ha nuovamente previsto l assoggettamento ad IVA di alcune locazioni di immobili ad uso abitativo che, fino al 31 dicembre 2006, erano soggette al regime di esenzione. L art. 10, comma 1, n. 8), D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, nel testo in vigore dal 01 gennaio 2007, prevede infatti che sono esenti: le locazioni e gli affitti, relative cessioni, risoluzioni e proroghe, di terreni e aziende agricole, di aree diverse da quelle destinate a parcheggio di veicoli, per le quali gli strumenti urbanistici non prevedono la destinazione edificatoria, e di fabbricati, comprese le pertinenze, le scorte e in genere i beni mobili destinati durevolmente al servizio degli immobili locati e affittati, escluse le locazioni di fabbricati abitativi effettuate in attuazione di piani di edilizia abitativa convenzionata dalle imprese che li hanno costruiti o che hanno realizzato sugli stessi interventi di cui all'articolo 31, primo comma, lettere c), d) ed e), della legge 5 agosto 1978, n. 457, entro quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o dell'intervento e a condizione che il contratto abbia durata non inferiore a quattro anni, e le locazioni di fabbricati strumentali che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni effettuate nei confronti dei soggetti indicati alle lettere b) e c) 11

12 del numero 8-ter) ovvero per le quali nel relativo atto il locatore abbia espressamente manifestato l'opzione per l'imposizione. L imponibilità è peraltro subordinata alla sussistenza di molteplici condizioni: - le locazioni e gli affitti dei fabbricati abitativi devono essere effettuate in attuazione di piani di edilizia abitativa convenzionata (pubblica o privata); - locatore devono essere le imprese che li hanno costruiti o che hanno realizzato sugli stessi interventi di recupero edilizio (di cui all art. 31, comma 1, lett. c), d) ed e), L. 5 agosto 1978, n. 457); - la locazione deve essere effettuata entro quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o dell intervento - il contratto di locazione deve avere una durata non inferiore a quattro anni Ne consegue che: - in caso di imponibilità - IVA: operazione imponibile con aliquota al 10% (n. 127-duodevicies, Tabella A, parte III, D.P.R. n. 633/72: norma inserita dall art. 1, comma 331, L. 27 dicembre 2006, n. 296). - REGISTRO: misura fissa (art. 40, comma 1, D.P.R. n. 131/86) 5. Locazioni di immobili (fabbricati) strumentali a) Regime in vigore sino al 3 luglio 2006 (ante D.L. n. 223/2006) In base alla formulazione dall art. 10, n. 8), D.P.R. n. 633/72 vigente sino alla data di entrata in vigore del decreto Bersani (sino, cioè, al 3 luglio 2006), per i fabbricati strumentali per natura, ossia quelli che per le loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione senza radicali trasformazioni (identificati catastalmente nelle categorie B, C, D, E ed A10 (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, Premessa), era prevista una generale imponibilità ai fini IVA. Pertanto: - IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% - REGISTRO: misura fissa (art. 40, c. 1, D.P.R. n. 131/86) 12

13 b) Regime in vigore dal 4 luglio 2006 all 11 agosto 2006 (post D.L. n. 223/2006) Come si è già anticipato il decreto legge 04 luglio 2006, n. 223 (art. 35, comma 8), nella sua originaria formulazione, aveva esteso il regime di esenzione IVA a tutte le operazioni di locazione (comprese quelle finanziarie) a prescindere dalla tipologia dei fabbricati. Ne conseguiva che, in caso di locazione di fabbricati strumentali, il locatore soggetto passivo IVA doveva emettere fattura esente IVA scontando l imposta proporzionale di registro. In sintesi: - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 2% (art. 5, comma 1, lett. b, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) Tale modifica non è stata peraltro confermata in sede di conversione del D.L., sicché ne sono sorti non pochi problemi applicativi, che hanno indotto il legislatore ad intervenire, con la recente Legge Finanziaria 2007, per fare salvi gli effetti prodotti dalle norme non convertite. c) Regime in vigore dal 12 agosto 2006 (post L. n. 248/2006) Per le locazioni di immobili strumentali, comprese quelle finanziarie, la regola della esenzione IVA è stata alquanto ridimensionata con l introduzione di cospicue eccezioni. Sono infatti imponibili al tributo (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. b)): - le locazioni effettuate nei confronti di consumatori finali, che non hanno diritto ad esercitare la detrazione dell imposta loro addebitata in via di rivalsa di soggetti d imposta che non hanno diritto a detrazione; in tal caso la previsione di assoggettamento ad IVA è obbligatoria (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. b), relativa alle cessioni. A tal fine, nell atto deve essere riportata menzione della dichiarazione resa dal conduttore attestante che lo stesso non agisce nell esercizio di impresa arte o professione. Per gli enti che svolgono sia attività rilevante ai fini IVA che attività esclusa dall ambito di applicazione dell imposta, nell atto deve essere dichiarato che la locazione è effettuata in relazione allo svolgimento della attività non commerciale). le locazioni nei confronti di soggetti passivi d imposta che hanno un pro-rata di detraibilità non superiore al 25% (art. 19, comma 5, D.P.R. n. 633/72: secondo cui ai 13

14 contribuenti che esercitano sia attività che danno luogo ad operazioni che conferiscono il diritto alla detrazione sia attività che danno luogo ad operazioni esenti ai sensi dell art.10, il diritto alla detrazione dell imposta spetta in misura proporzionale alla prima categoria di operazioni e il relativo ammontare è determinato applicando la percentuale di detrazione di cui all art. 19-bis D.P.R. n. 633/72 ); nonché: le locazioni in relazione alle quali il locatore ha espresso l opzione per l imponibilità ad IVA, che dovrà risultare dal corrispondente atto (di locazione) (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. d), relativa alle cessioni, secondo cui l opzione deve essere fatta constatare in atto ed ha effetto per le sole locazioni contemplate nell atto stesso). Per quanto concerne l imposta di Registro alle locazioni di immobili strumentali l imposta si applica in modo uniforme, ma in misura proporzionale, indipendentemente dal regime di esenzione o di imponibilità ad IVA al quale la locazione è soggetta (Circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 2.2). A seguito delle modifiche apportate dall art. 35, comma 10 (così come modificato dalla legge di conversione: L. 04 agosto 2006, n. 248, con decorrenza 12 agosto 2006) agli articoli 5 (di cui è stato modificato il comma) e 40 (in cui è stato introdotto il comma 1-bis) del D.P.R. n. 131/1986 (T.U.I.R.), infatti tutti i contratti di locazione (anche finanziaria) e di affitto aventi ad oggetto immobili strumentali per natura, siano essi esenti ai fini dell IVA ovvero assoggettati al tributo sono sottoposti all imposta proporzionale di registro (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. a)). Tale prescrizione è correlata all introduzione, da parte del decreto legge, di una nuova aliquota d imposta per la registrazione dei contratti in esame, stabilita nella misura dell 1% dalla lettera a-bis), inserita nell art. 5 della Tariffa, Parte Prima. In conclusione la regola dell esenzione Iva è del tutto residuale: come esempio può ricordarsi il caso del locatario soggetto passivo IVA con pro-rata di detraibilità superiore al 25%, sempreché non sia stata esercitata l opzione per l'imponibilità ad IVA (Circ. Ag. Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 1, Tabella) In sintesi: 1) se locatore (soggetto passivo IVA) se locatario consumatore finale - IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% - REGISTRO: 1% (art. 5, comma 1, lett. a-bis, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) 14

15 2) se locatore (soggetto passivo IVA) se locatario con pro-rata di detraibilità non superiore al 25% - IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% - REGISTRO: 1% (art. 5, comma 1, lett. a-bis, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) 3) se locatore (soggetto passivo IVA) ha espresso opzione per l imponibilità ad IVA (locatario:chiunque) - IVA: operazione imponibile con aliquota al 20% - REGISTRO: 1% (art. 5, comma 1, lett. a-bis, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. n. 131/86) 4) in tutti gli altri casi il locatore (soggetto passivo IVA) - IVA: operazione esente (art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72) - REGISTRO: 1% (art. 5, comma 1, lett. a-bis, Tariffa, Parte Prima, T.U.R.) ma 5) se locatore non soggetto Iva (cioè consumatore finale) - IVA: operazione fuori campo IVA - REGISTRO: 2 % (prevista in via ordinaria per le locazioni di immobili). 5.1 (segue) ambito di applicazione delle novità in tema di immobili strumentali Il nuovo regime introdotto dal decreto legge per le locazioni di immobili strumentali non interessa (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. b): - le locazioni rese nell ambito di attività di carattere ausiliario, qualificate operazioni esenti da IVA ai sensi della disposizione speciale di cui all art. 6 L. 13 maggio 1999, n. 133 e succ. modif. : ad esempio le prestazioni di servizi, rese nell ambito delle attività di carattere ausiliario, effettuate da società facenti parte di un gruppo bancario o di un gruppo assicurativo ovvero di un gruppo il cui volume di affari dell anno precedente sia costituito per oltre il 90 per cento da operazioni esenti ai sensi dell art. 10 D.P.R. n. 633/1972, nei confronti di altre società facenti parte del gruppo medesimo. ne consegue che le locazioni di immobili effettuate ai sensi del citato art. 6 L. n. 133/1999, ancorché eseguite nei confronti di soggetti con pro-rata di detraibilità inferiore al 25 per cento e aventi ad oggetto fabbricati strumentali continuano ad essere assoggettate al regime di esenzione per esse espressamente previsto. 15

16 Più in generale la nuova disciplina delle locazioni di immobili non riguarda: - le concessioni e le sub-concessioni di beni demaniali, le quali non possono configurarsi quali locazioni di beni immobili (Circolare 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 1, lett. b)); Ed inoltre non si applica in caso di: - prestazioni di servizio complesse in quanto le fattispecie per le quali è previsto il regime di esenzione da IVA devono essere interpretate restrittivamente (circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 8.1), sicché la normativa IVA relativa alle locazioni non è applicabile, per il fatto che non si è in presenza di una locazione, laddove il contratto sia caratterizzato da una pluralità di prestazioni finalizzate a supportare lo svolgimento di una attività lavorativa (quali servizi di segreteria, postali ecc.) in cui la concessione di occupare alcuni spazi di un edificio si ponga solo come un mezzo per attuare una prestazione complessa (ad esempio contratti che prevedono a carico del prestatore oltre all obbligo di mettere a disposizione dell altra parte uno spazio determinato, anche l obbligo di rendere servizi ulteriori che risultino qualificanti ai fini della causa del contratto e che non si sostanzino in semplici prestazioni accessorie alla locazione quali i servizi di portierato o altri servizi condominiali: circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 8.1, Ris. Min. Fin. 10 giugno 1980, n ). - parcheggi (c.d. a rotazione), in quanto non si è in presenza di locazione di immobile quando il contratto preveda solo il diritto di accesso nel parcheggio senza diritto ad occupare uno spazio specificamente attribuito(circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 8.2); 5.2 La norma transitoria contenuta nella Legge Finanziaria 2007 L art. 1, comma 292, L. 27 dicembre 2006, n. 296, nel testo in vigore dal 1 gennaio 2007, prevede una norma transitoria volta a salvare il trattamento fiscale applicato alle operazioni immobiliari effettuate fra il 4 luglio e l 11 agosto 2006 dalle conseguenze della mancata convalida, in sede di conversione, di alcune disposizioni del D.L. n. 233/2006. Secondo tale disposizione infatti sono fatti salvi gli effetti prodotti dall'applicazione delle norme, oggetto di mancata conversione, di cui all'articolo 35, commi 8, lettera a), e 10, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223 concernenti l'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto e dell'imposta di registro alle cessioni e alle locazioni, anche finanziarie, di immobili. Tuttavia, il cedente o locatore può optare per l'applicazione dell'imposta sul 16

17 valore aggiunto, ai sensi dell'articolo 10, numeri 8) ed 8 ter), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 in presenza dei presupposti ivi previsti. In caso di opzione l'imposta di registro e le imposte ipotecarie e catastali sono dovute sulla base delle regole di cui all'articolo 35, commi 10 e 10 bis, del decreto legge 4 luglio 2006 n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n Il cedente o locatore che intende esercitare l'opzione per ipotesi diverse da quelle disciplinate dall'articolo 35, comma 10-quinquies, del citato decreto legge, ne dà comunicazione nella dichiarazione annuale relativa all'imposta sul valore aggiunto dovuta per l 'anno Per le cessioni l'eventuale eccedenza dell'imposta di registro conseguente all'effettuazione dell opzione è compensata con i maggiori importi dovuti ai fini delle imposte ipotecarie e catastali, fermo restando la possibilità di chiedere il rimborso per gli importi che non trovano capienza in tale compensazione. Dalla mancata conversione in legge di alcune parti del decreto Bersani era sorto il dubbio se ai rapporti posti in essere durante la loro vigenza tornassero applicabili le norme in vigore prima del 4 luglio I problemi interpretativi nascevano dal fatto che, per effetto della mancata conversione, le norme originarie avevano perso efficacia sin dall origine. La norma transitoria cerca di ovviare a questa situazione prevedendo una doppia possibilità: - la conferma della disciplina prevista dal D.L. n. 223/2006 nel testo in vigore sino al 11 agosto 2006; - l opzione del locatore per l applicazione delle disposizioni IVA introdotte con la legge di conversione. Inoltre viene stabilito che se il locatore intende esercitare l opzione per ipotesi diverse da quelle disciplinate dall art. 35, comma 10-quinquies, del D.L. n. 223/2006, (ovvero le locazioni in corso di esecuzione alla data del 4 luglio 2006 e quelle poste in essere dopo tale data ma entro l 11 agosto 2006) deve darne comunicazione nella dichiarazione annuale relativa all IVA dovuta per l anno 2006 che sarà presentata nel 2007 (Circ. Ag. Entrate 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 8). 17

18 PARTE SECONDA 6. Locazioni d azienda Il comma 10-quater dell art. 35, D.L. n. 223/2006, in determinate ipotesi prevede che il nuovo regime di tassazione applicabile alle locazioni di fabbricati si estende anche alle locazioni di azienda, allo scopo di evitare manovre elusive. La norma non opera in via generale ma impone che sia derogato il regime di tassazione previsto per la locazione di azienda quando si verifichino contemporaneamente due condizioni (Circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 3): a) il valore normale dei fabbricati, come determinato ai sensi dell art. 14 del DPR n. 633 del 1972, sia superiore al 50% del valore complessivo dell azienda; b) l eventuale applicazione dell IVA e dell imposta di registro secondo le regole previste per le locazioni d azienda, unitariamente considerata, consente di conseguire un risparmio d imposta rispetto a quella prevista per le locazioni di fabbricati. La norma ha un chiaro intento antielusivo, in quanto mira ad evitare che attraverso l utilizzo dello schema contrattuale della locazione d azienda siano disapplicate le previsioni introdotte dal decreto legge, come convertito dalla legge n. 248 del 2006, in materia di tassazione delle locazioni di immobili (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 3; circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 5). Considerato che la norma antielusiva in commento è entrata in vigore il 12 agosto 2006, si deve ritenere che la stessa si applica con riferimento ai contratti stipulati a decorrere dalla predetta data (circ. Agenzia Entrate 16 novembre 2006 n. 33/E, punto 8). Per valutare il sistema di tassazione più favorevole ordinariamente si dovrà avere riguardo alla tassazione ai fine dell imposta di registro (circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 5) in quanto: - l affitto d azienda è ordinariamente assoggettato ad IVA nella misura del 20% e all imposta di registro in misura fissa; - la locazione di immobili strumentali è ordinariamente assoggettata ad IVA nella misura del 20% se effettuata nei confronti di soggetti privati o di soggetti che operano la detrazione in misura non superiore al 25 per cento o se è esercitata l'opzione per l'imponibilità, mentre è esente nelle altre ipotesi; - in ogni caso le locazioni di fabbricati strumentali, esenti o imponibili ad IVA, sono assoggettate all imposta di registro nella misura dell 1%; 18

19 Si ritiene pertanto che la norma richieda di individuare il regime di maggior sfavore nella applicazione della imposta proporzionale di registro, prevista per tutte le locazioni di fabbricati strumentali, sia imponibili che esenti: in sostanza, l applicazione del regime di tassazione previsto per i fabbricati strumentali risulterà sempre più sfavorevole rispetto a quello previsto per le locazioni di azienda (circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 5). 7. Locazioni finanziarie a) Regime sino al 3 luglio 2006 Per quanto concerne il leasing immobiliare il fatto che tale negozio non fosse compreso tra quelli previsti dall art. 10, comma 1, n. 8 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n nel testo vigente sino al 3 luglio comportava che al medesimo si applicassero le ordinarie disposizioni in materia di atti soggetti ad IVA, per cui, in forza del principio di alternatività, andava applicata l imposta di registro nella misura fissa (Ris. Min. Fin. 31 maggio 2000, n. 77/E). Nel caso in cui fosse concesso in locazione finanziaria un bene immobile, sia abitativo sia strumentale, il soggetto concedente era tenuto ad applicare l IVA, provvedendo all emissione della fattura, in corrispondenza di ognuno dei pagamenti periodici del canone. L aliquota da applicare era quella ordinaria, prevista in linea generale per le prestazioni di servizi non espressamente ricomprese tra le operazioni agevolate (Ris. Min. Fin. 07 aprile 1997, n. 57/E/III/7/1109). In sintesi: - IVA: operazione imponibile (con l aliquota applicabile per le cessione dei beni ovvero 20%, 10%, 4%: art. 16 D.P.R. n. 633/1972) - REGISTRO: in misura fissa b) Regime in vigore dal 4 luglio 2006 (post D.L. n. 223/2006) La nuova formulazione dell art. 10, n. 8), del DPR n. 633/72, introdotta dal decreto legge n. 233 e confermata, per tale aspetto, in sede di conversione, non contiene accanto al termine locazioni le parole non finanziarie, presenti nel previgente testo della norma. 19

20 Per effetto di tale modifica le operazioni di leasing immobiliare risultano assoggettate al medesimo regime previsto per le locazioni. Pertanto, i canoni, nonché le relative quote di riscatto, seguono il medesimo regime ai fini dell IVA e dell imposta di registro previsto per le locazioni. Resta fermo che anche per le operazioni di leasing immobiliare è concessa la facoltà di optare per la applicazione separata dell imposta in relazione alle locazioni finanziarie di immobili a destinazione abitativa, esenti ai fini IVA, che comportano la riduzione del diritto a detrazione. Per effetto delle modifiche apportate al decreto legge in sede di conversione, anche ai contratti di locazione finanziaria aventi ad oggetto immobili strumentali, peraltro, l imposta di registro, prevista inizialmente in misura fissa dal decreto legge, è applicabile nella misura proporzionale dell 1% (art. 5, comma 1, lett. a-bis), Tariffa, Parte Prima D.P.R. n. 131/1986). Per evitare una doppia imposizione relativamente ai trasferimenti di immobili derivanti da contratti di locazione finanziaria, il comma 10-sexies dell art. 35 ha previsto la possibilità per l acquirente di scomputare dall ammontare delle imposte ipotecarie e catastali dovute in sede di riscatto l imposta proporzionale di registro dell 1% pagata sui canoni di locazione. 7.1 Obblighi di rettifica in sede di applicazione del decreto legge Il nuovo regime di tassazione previsto per le cessioni e le locazioni di fabbricati, estendendo l area della esenzione IVA, produce effetti sulla rettifica della detrazione d imposta operata nei periodi pregressi, coerentemente con il precedente regime di imponibilità (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 6). La legge di conversione, in accordo con i principi espressi dalla giurisprudenza comunitaria per garantire la tutela del legittimo affidamento, ha tenuto conto della circostanza che la radicale trasformazione dell impianto normativo non ha lasciato ai soggetti passivi, vincolati da contratti già in corso di esecuzione al momento dell entrata in vigore del decreto legge, il tempo necessario per adattarsi alla nuova regolamentazione legislativa. 20

21 Ha, pertanto, limitato, in sede di prima applicazione delle nuova normativa, gli obblighi di rettifica, previsti dall'art. 19-bis 2 del DPR n. 633 del 1972 (art. 35, comma 9, D.L. 04 luglio 2006, n. 223, (conv. L. 04 agosto 2006 n. 248). In considerazione del diverso regime di tassazione previsto per gli immobili a destinazione abitativa e per quelli strumentali, gli adempimenti da porre in essere ai fini della rettifica conseguente all applicazione del regime di esenzione attualmente vigente sono stati disciplinati in modo diverso per le due categorie di fabbricati. 7.2 Immobili abitativi Per quanto concerne gli immobili abitativi, per i quali l applicazione della esenzione è più ampia, non è richiesto che si proceda alla rettifica della detrazione dell imposta a suo tempo operata con riferimento a (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 6.1): a) fabbricati posseduti al 4 luglio 2006, data di entrata in vigore del decreto legge; b) fabbricati posseduti dalle imprese che li hanno costruiti o ristrutturati, per i quali il termine di quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o di ultimazione dei lavori di ristrutturazione è scaduto entro il 4 luglio. Si sottolinea che l ipotesi di cui alla lett. a) riguarda esclusivamente i soggetti per i quali il regime fiscale è mutato in conseguenza del nuovo assetto normativo. 7.3 Immobili strumentali Per quanto concerne i fabbricati diversi da quelli abitativi, per i quali è previsto un maggior numero di ipotesi di assoggettamento ad IVA, è escluso in via generale l obbligo di procedere alla rettifica della detrazione per gli immobili già posseduti al 4 luglio. In sostanza per i fabbricati strumentali le ipotesi di esonero dalla rettifica riguardano tutti i soggetti passivi IVA, se le operazioni derivanti da contratti stipulati dopo l entrata in vigore del decreto legge sono soggette ad IVA (circ. Agenzia Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 1). E, infatti, previsto che tale adempimento debba essere posto in essere esclusivamente nel caso in cui nel primo atto, stipulato successivamente alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge, non sia stata esercitata l opzione per l assoggettamento ad imposta (circ. Agenzia Entrate 4 agosto 2006, n. 27/E, punto 6.2). 21

22 Ad esempio: - in presenza di un contratto di locazione di fabbricato strumentale stipulato il 1 gennaio 2006 e valido per 6 anni, non occorre operare alcuna rettifica, nonostante la locazione sia divenuta esente in mancanza di specifica opzione per l imponibilità ad IVA; ciò che rileva ai fini della rettifica, invece, è il primo contratto di locazione o di compravendita stipulato successivamente, sempreché naturalmente non sia scaduto il periodo di rettifica (Circ. Ag. Entrate 1 marzo 2007, n. 12/E, punto 1). 22

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Prot.n. 801. Vigente regime IVA per le locazioni e cessioni di fabbricati

Prot.n. 801. Vigente regime IVA per le locazioni e cessioni di fabbricati Prot.n. 801 CIRC.n 208 del 01.08.2013 A TUTTE LE IMPRESE ASSOCIATE IVA - cessioni e locazioni di fabbricati - Circolare dell'agenzia delle Entrate n.22 del 28.06.2013 - Provvedimento del 29.07.2013 per

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate DIREZIONE CENTRALE NORMATIVA E CONTENZIOSO Circolare del 04/08/2006 n. 27 Oggetto: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni

Dettagli

Antonella Guerri Gli immobili nell Iva e nelle Imposte Indirette

Antonella Guerri Gli immobili nell Iva e nelle Imposte Indirette Problematiche fiscali e di bilancio nel settore immobiliare Antonella Guerri Gli immobili nell Iva e nelle Imposte Indirette Genova - 18 gen '08 Antonella Guerri - gli immobiil nell'iva e nelle Imposte

Dettagli

CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE

CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STIPULATI DA SOGGETTI IVA, IN CORSO AL 4 LUGLIO 2006. OBBLIGO DI REGISTRAZIONE Documento n. 20 del 23 novembre 2006 NOTA OPERATIVA Via Paisiello 24, 00198 Roma telefono:

Dettagli

Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace

Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace e registro Affitto di azienda con fabbricati strumentali di Raffaele Trabace L affitto di azienda (o di ramo di azienda) si considera prestazione di servizi ai fini ai sensi dell art. 3, comma secondo,

Dettagli

L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare COLLEGIO dei COSTRUTTORI EDILI di Brescia e provincia Servizio Tributario rag. Enrico Massardi ProBrixia Borsa Immobiliare Camera di Commercio

Dettagli

Roma, 16 novembre 2006 CIRCOLARE N. 33/E

Roma, 16 novembre 2006 CIRCOLARE N. 33/E CIRCOLARE N. 33/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 novembre 2006 CIRCOLARE N. 33/E OGGETTO: Registrazione telematica dei contratti di locazione di beni immobili in corso di esecuzione

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

NUOVO REGIME PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE E LOCAZIONE DI IMMOBILI. CARLO CAPPELLUTI dottore commercialista carlo.cappelluti@odc.pescara.

NUOVO REGIME PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE E LOCAZIONE DI IMMOBILI. CARLO CAPPELLUTI dottore commercialista carlo.cappelluti@odc.pescara. NUOVO REGIME PER LE OPERAZIONI DI CESSIONE E LOCAZIONE DI IMMOBILI CARLO CAPPELLUTI dottore commercialista carlo.cappelluti@odc.pescara.it NOVITA' SUGLI IMMOBILI IN MATERIA DI IVA Riferimenti normativi

Dettagli

Circolare N. 7/2006 REGIME IVA DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI

Circolare N. 7/2006 REGIME IVA DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI Via G.Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.studiomorelli.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott. Vincenzo

Dettagli

Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili

Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili n 28 del 13 luglio 2012 circolare n 464 del 12 luglio 2012 referente BERENZI/af Decreto sviluppo - IVA Modifiche al regime delle cessioni e delle locazioni di immobili Il decreto legge c.d. Decreto Crescita

Dettagli

Vendita soggetta al regime IVA

Vendita soggetta al regime IVA Vendita soggetta al regime IVA Operazioni che verificano il presupposto di cui all art. 1 DPR 633/72. Soggetto esercente attività di impresa arte o professione e l immobile rientra nell attività. Le snc,

Dettagli

IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA IVA CESSIONI E LOCAZIONI DI FABBRICATI CHIARIMENTI DALL AGENZIA In questa Circolare 1. Premessa 2. Locazione di fabbricati regime fiscale 3. Modalità di esercizio dell opzione 4. Locazione regime transitorio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 163/E

RISOLUZIONE N. 163/E RISOLUZIONE N. 163/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 luglio 2007 OGGETTO:Istanza di interpello. Società Cooperativa edilizia Alfa Atto di assegnazione di alloggi da cooperativa a soci.

Dettagli

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE

CIRCOLARE A) IVA E IMPOSTE INDIRETTE SULLA LOCAZIONE CIRCOLARE Padova, 1^ ottobre 2007 SPETT.LI CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Locazione di immobili e altre problematiche fiscali. Con la presente Vi informiamo che è stata pubblicata la Legge 448/2006, che ha

Dettagli

CESSIONI DI FABBRICATI O PORZIONI DI FABBRICATO NELL ESERCIZIO DI IMPRESE [ALIQUOTE IVA]

CESSIONI DI FABBRICATI O PORZIONI DI FABBRICATO NELL ESERCIZIO DI IMPRESE [ALIQUOTE IVA] CESSIONI DI FABBRICATI O PORZIONI DI FABBRICATO NELL ESERCIZIO DI IMPRESE [ALIQUOTE IVA] 1 Disciplina e principi L imposta sul valore aggiunto, disciplinata dal d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633, si applica

Dettagli

JONES DAY COMMENTARY

JONES DAY COMMENTARY settembre 2006 JONES DAY COMMENTARY Aspetti Fiscali delle operazioni immobiliari Le novità del Decreto Bersani Negli ultimi mesi il governo italiano ha operato una importante riforma della fiscalità delle

Dettagli

DL 22 giugno 2012, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese

DL 22 giugno 2012, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese DL 22 giugno, n. 83 Principali contenuti fiscali delle Misure urgenti per la crescita del Paese REGIME DELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI L art.9 del D.L. 83/ interviene complessivamente sul regime

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Disposizione tecnico-organizzativa

Dettagli

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L.

SCROVEGNI PARTNERS S.R.L. CIRCOLARE Spettabili Padova, 21 dicembre 2012 CLIENTI LORO SEDI Oggetto: Vendita e locazione di immobili nuovi adempimenti fiscali. VENDITA Con la presente Vi informiamo che si applica il meccanismo dell

Dettagli

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014 TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI dal 1 gennaio 2014 1. NORME 1.1. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (GU n.67 del 23-3-2011 )

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO: Modifiche alla disciplina del leasing immobiliare Articolo 1, commi 15 e 16, della legge 13 dicembre 2010, n.220 (legge di stabilità

Dettagli

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1

LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici. 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 LOCAZIONI DI IMMOBILI REGIME IMPOSITIVO principio di equiparazione del leasing alle locazioni semplici 12/02/2007 a cura Dott.ssa Francesca Muraro 1 EFFETTI L. 248 / 2006 Decorrenza retroattiva dal 4/07/2006

Dettagli

DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134

DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134 Udine, 17 ottobre 2010 CIRCOLARE n. 20/2012 DISCIPLINA IVA IN MATERIA DI CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134 INDICE 1 PREMESSA 2 NOVITÀ IN

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Disciplina IVA in materia di cessioni e locazioni immobiliari

Disciplina IVA in materia di cessioni e locazioni immobiliari Disciplina IVA in materia di cessioni e locazioni immobiliari Novità del DL 22.6.2012 n. 83 convertito nella L. 7.8.2012 n. 134 INDICE 1 - Premessa 2 - Novità in materia di cessioni immobiliari 2.1 - Cessioni

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 15 gennaio 2005 NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI Art. 1, commi da 341 a 345, Legge n. 311/2004 Dal 2005 entra

Dettagli

Periodico informativo n. 62/2013

Periodico informativo n. 62/2013 Periodico informativo n. 62/2013 Regime IVA per le locazioni - I chiarimenti Gentile Cliente, dell'agenzia con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza dei recenti

Dettagli

IVA - Cessioni e locazioni di fabbricati Circolare dell'agenzia delle Entrate del 28 giugno 2013, n. 22

IVA - Cessioni e locazioni di fabbricati Circolare dell'agenzia delle Entrate del 28 giugno 2013, n. 22 Prot. 144/2013 Milano, 17-07-2013 Circolare n. 79/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA - Cessioni e locazioni di fabbricati Circolare dell'agenzia delle Entrate del 28 giugno 2013, n. 22 L Agenzia delle Entrate

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI A) VENDITE DI FABBRICATI DA PRIVATI: 1) Prima casa e/o relative pertinenze - vendita da privato - Imposta di registro:

Dettagli

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità Stampa Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità admin in Settore immobiliare nel mirino del fisco a causa della persistente evasione iva da parte dei

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83

OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 giugno 2013 OGGETTO: Regime IVA cessioni e locazioni di fabbricati Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 2 Premessa...3 1. REGIME FISCALE DELLE LOCAZIONI

Dettagli

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI

CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI Periodico plurisettimanale Area: TAX & LAW 12 settembre 2006 CONVERTITA IN LEGGE LA MANOVRA CORRETTIVA DEI CONTI PUBBLICI In sede di conversione in Legge del DL 223/2006 (c.d. Decreto Bersani) sono state

Dettagli

Cooperative edilizie: cambia l aliquota e il metodo di fatturazione degli acconti dei soci

Cooperative edilizie: cambia l aliquota e il metodo di fatturazione degli acconti dei soci Approfondimenti monografici di Roberto Chiusoli Cooperative edilizie: cambia l aliquota e il metodo di fatturazione degli acconti dei soci Premessa La Legge n.102/09 11, in sede di conversione del D.L.

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it. n. 248

Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it. n. 248 Studio Notarile Rizzi 36100 Vicenza Piazza Matteotti 31 e-mail: grizzi.2@notariato.it IL NUOVO REGIME FISCALE DEGLI ATTI IMMOBILIARI DOPO LA LEGGE 4 agosto 2006 n. 248 GUIDA OPERATIVA (versione 21.9.2006)

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2012 1 IVA NEL SETTORE IMMOBILIARE La separazione delle attività. L'articolo 57 del Dl 1/2012 ha introdotto, per le imprese di costruzione, la possibilità di separare

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIÙ FREQUENTI ATTI IMMOBILIARI Aggiornato al 29 dicembre 2013 Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O Corso Cobianchi, 62 - Verbania (VB) Tel. 0323/516881 - Fax 0323/581832 E-mail: gpetrelli@notariato.it Sito internet: http://www.gaetanopetrelli.it

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

Cessioni da soggetti Iva

Cessioni da soggetti Iva Raffaele Trabace Cessioni da soggetti Iva di unità immobiliari C/2 C/6 C/7 Aliquote - Tassazioni Anno 2012 1 CESSIONE AUTONOMA DELL UNITA IMMOBILIARE (1) L unità si considera fabbricato o porzione di fabbricato

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 8/E QUESITO RISOLUZIONE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 gennaio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Residenze turistico-alberghiere Prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto stipulati per

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA

SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012. NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA SERVIZIO FISCALE CIRCOLARE 31.2012 25/07/2012 NOVITA IVA IN EDILIZIA (Art. 9 D.L. n. 83/12 - Decreto Sviluppo ) PREMESSA L art. 9 del DL 22 giugno 2012, n. 83 (pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 129

Dettagli

La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007

La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007 Tassazione La circolare n. 12/E dell 1 marzo 2007 di BARBARA FRANCESCHINI (Notaio in Marcaria) La circolare in esame chiarisce in quali casi e con quali modalità deve essere effettuata, a seguito del mutamento

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014

LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014 INFORMATIVA N. 229 18 SETTEMBRE 2013 IMPOSTE INDIRETTE LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014 Art. 10, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 26, DL n. 104/2013 Nell ambito del Decreto c.d.

Dettagli

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 5.11.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

notaio Marina Pesarin

notaio Marina Pesarin 29/11/2013 notaio Marina Pesarin Il nuovo regime della fiscalità immobiliare, in vigore dal 1 gennaio 2014, in relazione all'imposta di registro, ipotecaria e catastale Il termine fiscalità immobiliare

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Imposta di Registro Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Avv. Marco Rippa Imposta di registro I PARTE 1 Inquadramento normativo II PARTE 2 Soggetti passivi

Dettagli

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni

Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni Finanziaria 2006 (l. 23 dicembre 2005, n. 266) (commi 495-498) Plusvalenze sugli immobili e cessioni a titolo oneroso di immobili e terreni In un contesto normativo volto al raggiungimento di una maggiore

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA

CIRCOLARE INFORMATIVA CIRCOLARE INFORMATIVA Oggetto: Legge 248/2006 PRINCIPALI NOVITA SUGLI IMMOBILI Con l approvazione del D.l. n. 223/2006 nella legge n. 248/2006, sono stati apportati notevoli cambiamenti al regime IVA degli

Dettagli

Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61

Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Marco Baccani 20121 Milano Dott. Salvatore Fiorenza Piazza Cavour, 3 Dott. Ferdinando Ramponi Tel. (+39) 02 764214.1 Dott. Massimo Rho Fax (+39) 02 764214.61 Dott. Federico Baccani Dott.ssa Elena

Dettagli

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ

CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 4/2011 del 03 marzo 2011 CESSIONI di IMMOBILI NOVITÀ In questa Circolare 1. Immobili abitativi 2. Immobili strumentali 1 A seguito delle disposizioni introdotte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 68/E. Con l interpello in esame, concernente l interpretazione dell articolo 32 del DPR n. 601 del 1973, è stato esposto il seguente:

RISOLUZIONE N. 68/E. Con l interpello in esame, concernente l interpretazione dell articolo 32 del DPR n. 601 del 1973, è stato esposto il seguente: RISOLUZIONE N. 68/E Roma, 3 luglio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di Interpello - Cessioni a titolo gratuito al Comune, di aree ed opere di urbanizzazione Applicabilità dell articolo

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli Dott. Stefano Zanfini Dott.ssa Rita Santolini

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott.

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Andrea Sfarra Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Firenze, 07 maggio 2015

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: imposta di bollo Art. 1, comma 1-bis, della tariffa allegata al DPR 26 ottobre 1972, n. 642. Allegati agli

Dettagli

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE SCHEDA MONOGRAFICA TMG ASSEGNAZIONE BENI AI SOCI * TRASFORMAZIONE IN SOCIETA SEMPLICE * ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE Data aggiornamento scheda 18 gennaio 2016 Redattore Davide David

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA

LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA Direzione Regionale del Lazio Ufficio Formazione LOCAZIONI E CESSIONI DEGLI IMMOBILI D IMPRESA a cura di Giovanni Caldarelli Aggiornato al 9 settembre 2008 L IMPOSIZIONE INDIRETTA NELLE LOCAZIONI E NELLE

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

Decreto Legge 4 luglio 2006, n. 223 convertito con modificazioni in Legge 4 agosto 2006, n. 248. delle costruzioni

Decreto Legge 4 luglio 2006, n. 223 convertito con modificazioni in Legge 4 agosto 2006, n. 248. delle costruzioni Decreto Legge 4 luglio 2006, n. 223 convertito con modificazioni in Legge 4 agosto 2006, n. 248 Misure d interesse d per il settore delle costruzioni ANCE BRESCIA Collegio Costruttori Edili della Provincia

Dettagli

STUDIO BOIDI & PARTNERS

STUDIO BOIDI & PARTNERS & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. PROF. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. ALESSANDRO MARTINI Dott. CAROLA ALBERTI Dott.

Dettagli

Roma, 30 ottobre 2008

Roma, 30 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 405/E Roma, 30 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Immobili di tipo residenziale - Cessione

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 16/E. Roma, 22 aprile 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 16/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 aprile 2005 OGGETTO: Rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni. Articolo 1, comma 376 e comma 428 della Legge

Dettagli

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA

2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA II. CESSIONI DI IMMOBILI 27 2. CESSIONI DI FABBRICATI STRUMENTALI PER NATURA Si considerano fabbricati strumentali per natura quelli che per loro caratteristiche non sono suscettibili di diversa utilizzazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N.333/E. OGGETTO: Istanza di interpello Cessione alloggi ATER - art. 32 DPR n. 601/73 imposte di registro, ipotecaria e catastale.

RISOLUZIONE N.333/E. OGGETTO: Istanza di interpello Cessione alloggi ATER - art. 32 DPR n. 601/73 imposte di registro, ipotecaria e catastale. RISOLUZIONE N.333/E Roma, 16 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Cessione alloggi ATER - art. 32 DPR n. 601/73 imposte di registro, ipotecaria e catastale.

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI 1 INDICE Premessa Pag. 3 Introduzione Pag. 4 CAPITOLO 1 Abitazioni Pag. 4 1.1 Cessioni Pag. 4 1.2 Locazioni Pag. 7 CAPITOLO 2 Fabbricati strumentali Pag. 8

Dettagli

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI

CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI CEDOLARE SECCA SUGLI AFFITTI 1 Decreto legislativo 14.3.2011, n. 23 Art. 3 Cedolare secca sugli affitti in vigore dal 7 aprile 2011 2 . Regime ordinario Base imponibile Irpef E rappresentata dal canone

Dettagli

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere di Antonella Benedetto LA NOVITA` L Agenzia delle Entrate ha precisato che gli immobili abitativi utilizzati nell ambito di un attivita`

Dettagli

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 4/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa Roma, 19 febbraio 2015 OGGETTO: Regime fiscale applicabile, ai fini delle imposte dirette e delle imposte indirette, ai contratti di godimento in

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 118/E

RISOLUZIONE N. 118/E RISOLUZIONE N. 118/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Spese sostenute per la redazione di un atto di vincolo unilaterale - Art. 16-bis del TUIR - Istanza

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X RISOLUZIONE N. 100/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2005 Imprese e finanziaria OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X Con l interpello

Dettagli

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge

Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 33 30.01.2014 Modello Iva 2014: cessione di immobili con reverse charge Categoria: Iva Sottocategoria: Dichiarazione L art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE

DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE capitolo DODICESIMO DETRAZIONI PER CANONI DI LOCAZIONE In questo capitolo si esamina e si approfondisce la detrazione spettante agli inquilini che hanno stipulato un contratto di locazione di un immobile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni

L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni L IVA NELLE OPERAZIONI IMMOBILIARI: a cura di Gian Paolo Tosoni SOMMARIO: 1. LE OPERAZIONI DI ACQUISTO E LE PROBLEMATICHE DI DETRAZIONE DELL IMPOSTA 2. LA VENDITA DEGLI IMMOBILI, L APPLICAZIONE DELL IVA

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. CIRCOLARE N. 22 DEL 15/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. 2 IN SINTESI: Come noto, a decorrere dall

Dettagli