Era il 1977, più precisamente un caldissimo mese di luglio del 1977, quando traslocai con i miei genitori in via Rosellini.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Era il 1977, più precisamente un caldissimo mese di luglio del 1977, quando traslocai con i miei genitori in via Rosellini."

Transcript

1 A Milano il gallo canta ancora Era il 1977, più precisamente un caldissimo mese di luglio del 1977, quando traslocai con i miei genitori in via Rosellini. Via Rosellini, per chi non la conoscesse, è una strada che si trova in mezzo tra via Melchiorre Gioia e viale Zara ed è perpendicolare a via Pola, nella zona nord della città. Insieme alle vie Pola, Taramelli ed Abbadesse, via Rosellini forma un quadrilatero all interno del quale vi è un complesso immobiliare molto esteso tutto destinato ad uffici, una volta occupato da società del gruppo Montedison ed ora da alcuni dipartimenti della Regione Lombardia (che alcune volte mi sembra avere più uffici sparsi sul territorio che territorio stesso) e dalla società che gestisce la borsa telematica. Dal lato opposto di questo quadrilatero, verso via Melchiorre Gioia, via Rosellini guarda su quello che fu un borgo antico: case basse, due piani non di più, ringhiere ed una chiesetta piccola piccola denominata alla Abbadesse (per esteso Santissimi Carlo e Vitale alle Abbadesse), ubicata al margine dei giardini di via Restelli. La situazione che si viene a creare in questo contesto ambientale è che, da lunedì a venerdì, quando gli uffici che circondano la via Rosellini sono aperti, le strade sono molto frequentate dalla gente che lavora e non trovi spazio per posteggiare nemmeno un monopattino; di sabato ed ancor di più di domenica, quando la stagione lo consente, senti il chiacchiericcio dei passerotti e se disponessi di un autoarticolato avresti solo l imbarazzo di dove lasciarlo fermo. Ancora oggi, a distanza di molti anni, vivo questa strada in modo contraddittorio, come contraddittoria è la situazione stessa, un poco come svegliarsi campioni di pallacanestro (tutto nervi, tensione e velocità) ed andare a dormire giocatore di scacchi (tutto riflessione e posatezza). Ma, si sa, Milano è bella anche per questo. Sta di fatto che nel 1977 ero studente universitario il che significava pochi soldi in tasca e tanti sogni. Il mese di agosto, sia per prepararmi agli esami autunnali, sia perché il trasloco aveva stravolto i miei ritmi di studio, decisi che sarei rimasto a Milano. Della via Rosellini di domenica vi ho detto, a voi lascio pensare cosa potesse essere nel caldo estivo degli anni settanta, quando fu coniato il termine saracinesca selvaggia a descrivere la situazione di coloro che, rimasti in città, non trovavano neppure un negozio aperto perché tutti gli esercenti erano andati in vacanza. Con quei pochi umani che incontravi per strada ti scambiavi informazioni preziose del tipo: guardi, alla via tale, ho visto aperto un droghiere (oggi non ci si ricorda neppure più che è esistito), oppure, per il pane io vado a Porta Ticinese. A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 1

2 E tu, come un sopravvissuto alla guerra dei mondi di più fantasiosa memoria, ti avviavi là dove ti era stato detto, per procurati cibo e acqua. D altra parte pochi allora erano i supermercati che facevano il turno ad agosto e, comunque, ce n erano molti meno di adesso. Comunque sia, io nell agosto del 1977 in via Rosellini avrei potuto mettere il letto al centro della strada ed essere sicuro che sino alla fine del mese nessuno si sarebbe accorto di me. In queste condizioni ambientali, di giorno studiavo e studiavo molto vi assicuro ed alla sera, sfinito, dalla fatica e dal caldo, mi addormentavo. Fu così che una mattina in un orario che avevo stimato intorno alle 5,30, sentii cantare il gallo. Poiché, come ho detto, alla sera quando mi addormentavo ero veramente sfinito, non ci feci più di tanto caso, ritenendo trattarsi di frutto della mia fantasia. Al terzo canto del gallo ritenni che la mia fantasia non avrebbe potuto spingersi a tanto e, quindi, combattuto tra la voglia di continuare a dormire e quella di scoprire di cosa si trattasse, stavo con l orecchio teso, con l unico effetto di non riuscire più a dormire, pur avendone voglia. Alle 6,30 mi alzai e cominciai a studiare, anche perché il gallo aveva smesso di cantare. L episodio si ripropose la mattina successiva e quella dopo. A questo punto compresi di avere un problema: se dovevo studiare, dovevo poter dormire; se non riuscivo ad alzarmi alle 5,30 del mattino dovevo potermi svegliare almeno alle 7,30. Fu così che la quarta mattina, pronto come un pompiere di turno, al primo canto del gallo mi vestii ed in pochi minuti fui in strada alla caccia del gallo. Milano, ancora una volta, mi riservò una sorpresa. Senza alcun rumore di fondo (vi ricordo che erano le 5,45 di una mattina di mezzo agosto) l eco dei miei stessi passi rimbalzava tra le facciate delle case e giocava a rimpiattino con la voce stridula dell animale pennuto, come un sovrapporsi di ombre notturne. Io andavo a destra e mi sembrava di sentire il gallo a sinistra, tornavo indietro e nuovamente cambiavo direzione. Il sole si alzava inesorabilmente ed io temevo di perdere la traccia perché se il gallo smetteva di cantare io come lo trovavo? Fu così che per disperazione o forse per intuizione, mi diressi verso il borgo antico, camminando guardingo con l orecchio teso come la miglior filmografia ci ha trasmesso l immagine del ladro inseguito dalla polizia: fermo al primo rumore, sguardo a destra, poi a sinistra, e via felino per qualche altro passo, poi di nuovo fermo in ascolto. Così facendo mi ritrovai di fronte ad un vecchio portone di altezza inferiore a quella della mia (pur normale) statura. Cardini che apparivano divelti, assi di legno dipinte di scuro, quasi nero. Un interruttore bianco a bottone appeso ad un filo, tipo quelli presenti nelle abatjour sui comodini dei A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 2

3 nostri genitori, con sotto un etichetta bianca, come quella che abitualmente si vede sulle copertine dei libri della scuola media inferiore. Lì per lì pensai trattarsi di casa abbandonata e l aspetto era quello, faccio per allontanarmi, ma, d un tratto, ecco il suono, inconfondibile, che entra nel cervello e te lo scuote, come capitava a scuola quando la maestra tirava il gessetto bianco sulla lavagna: il canto del gallo. Il nemico era lì, non poteva che essere lì dietro quella porta sgangerata, ma come accedervi? Come verificare la situazione? La tensione ormai era elevata, la fatica scomparsa di fronte alla vicinanza dell obiettivo. La voglia di completare la scoperta pari all attesa di un bambino per il Natale. Che fare? Mi avvicinai al portone, lessi quel poco che rimaneva sull etichetta bianca della scritta in stampatello con un inchiostro all origine azzurro ed intravidi un cognome che, per la mancanza di alcune lettere (oltretutto consonanti che, si sa, sono di più delle vocali), si prestava a diverse interpretazioni. Non suonai, non osai, chi poteva esserci dietro quella porta insieme al gallo? Un nerboruto contadino lombardo intento alla coltivazione del suo campo, irritabile alla mia venuta? Un agreste coppia di anziani che, spalla a spalla, curvati a terra, accudivano al loro orto per avere sempre fresche le verdure? Che dire? Che pensare? Nel dubbio meglio lasciare e me ne andai. La mia missione, peraltro, non era ultimata; dovevo pur scoprire il padrone del gallo. Idea: la guida del telefono. Ma subito la scartai: com era possibile che una persona che viveva in una casa che appariva almeno all esterno diroccata insieme ad un gallo potesse avere un telefono? In ogni caso era ancora mattina presto, voglia di studiare meno di zero ed allora prendo la guida del telefono, ma non quella che oggi siamo abituati ad utilizzare, con il nome degli abbonati in ordine alfabetico ma l altra, quella con la copertina rosso mattone, che ora non c è più, che elenca gli abbonati suddivisi per strada e, all interno di ciascuna strada, per numero civico. Il portone del gallo, il numero civico, manco a dirlo, non l aveva; ma la strada c era. Ed allora, con pazienza, passai tutti i nomi in elenco verificando quelli che per composizione con le lettere del cognome delle quali disponevo potesse coincidere con il mio "ricercato", ed alla fine lo trovai. A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 3

4 Era come aver risolto una sciarada, riguardi il percorso che hai fatto, verifichi l esattezza delle coincidenze, le ricontrolli per essere certo di non aver sbagliato nulla e poi ti compiaci con te stesso e guardi il risultato. E lui, è questo il nome, non può esser diverso. Ed ora l ultimo atto: la telefonata. Sono le 6,30 della mattina, il gallo non canta più da un pezzo, è l ora del confronto: io da un parte (studente stanco e affaticato che deve conquistare le sue ore di sonno futuro) lui dall altra (il padrone del gallo, il disturbatore, l autore di una sottile guerra psicologica di infiacchimento del vicinato). Chiamai, mi rispose una voce femminile, non più giovane, non me l aspettavo; perché dall altra parte del filo non c era un uomo? Impreparato balbettai qualcosa e chiesi se, per caso, la gentil signora convivesse con un gallo. Lei mi risponse che sì, possedeva un gallo che le serviva per le sue galline. Io sono stordito: siamo al centro di quella che in allora era chiamata la City di Milano ed io scopro un pollaio, non è possibile. Chiedo conferma, la ottengo. Non ho più parole solo riesco a dire: Sa, signora, il suo gallo di mattina si sveglia presto e sveglia anche me. E lei, rimando: Si ha ragione, il gallo fa il suo mestiere. Ed io, proseguendo in un discorso che non mi pareva di stare a fare: Capisco ma dobbiamo conciliare le nostre opposte esigenze, il canto del suo gallo e la mia necessità di non esser svegliato tutte le mattine alle 5,30 E lei, a chiudere: Allora ammazzo il gallo. Ed io, quando ormai non mi sentiva più: Ma non c è una soluzione diversa? Non può portarlo in campagna? Sta di fatto che la mattina dopo il gallo non cantò più e a me mancò un poco: mi sentii come il mandante di un omicidio (non che abbia esperienza in materia, sia ben inteso). Non ci pensai più, conclusi i miei studi in giurisprudenza, superai l esame di procuratore legale (figura professionale ora soppressa da una riforma della professione forense), divenni avvocato e, passati oltre vent anni, mi trovai all inizio del Inverno, sono in studio, piazzetta Guastalla, a fianco del Tribunale di Milano, la segretaria viene nella mia stanza e mi dice che c è una persona per me, chiedo chi sia, nessuna indicazione più precisa di questa: una signora anziana mandata dall Ordine degli Avvocati. Perplesso essendomi noto che l Ordine degli Avvocati non indirizza nessuno ai propri iscritti, mettendo al più a disposizione di chi lo richiede l Albo con l indicazione alfabetica di tutti gli avvocati del distretto di Milano vado in sala riunioni e vedo su una sedia un fagotto umano, con il gomito che spunta da un cappotto di lana grezza appoggiato al tavolo ed una mano, secca secca, che regge una testa avvolta in un foulard. A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 4

5 Mi avvicino e l anziana signora si alza, la invito a stare seduta, ma lei insiste e mi si presenta davanti: curva sulla schiena non supera il metro e sessanta, non mi arriva neppure alla spalla. Mi porge la mano, ho paura a stringerla, le dita nodose e sottili, forse rompo qualcosa. Ci pensa lei, prende la mia mano e mi dà una stretta che mi procura dolore. Ma chi è questa donna? Lo sguardo vivo, penetrante, espressione determinata, sembra Madre Teresa di Calcutta. Mi spiega che ha un problema, che l Ordine degli Avvocati gli ha dato l elenco degli iscritti e che tra i circa in allora presenti a Milano ha scelto me, per il cognome e per la vicinanza a Palazzo di Giustizia. Mi vien da pensare quanti giorni abbia trascorso negli uffici dell Ordine di Milano per compiere la sua scelta ma mi riprendo subito, la signora ha cominciato a narrare la sua storia. Mi racconta che vive in una casa di ringhiera alla periferia di Milano, che era stata sposata ad un uomo vedovo che aveva tre figli, a loro voglia sposati con figli, che il marito mutilato era morto da un paio d anni e che i figli di lui volevano mandarla via da casa sua. La descrizione del fatto è stata troppo succinta per capire il profilo giuridico della situazione ed allora spiego alla signora che deve essere un po più ricca di particolari e, soprattutto, fornirmi la documentazione necessaria per operare ogni più opportuna valutazione. Mi lascia dicendomi che avrebbe provveduto e sarebbe tornata da lì a qualche giorno. L accompagno alla porta, la saluto dando maggiore energia alla mia stretta di mano per poter resistere alla sua, la seguo con lo sguardo, è curva ma l incedere è sicuro. Provo subito simpatia. Dopo una settimana mi telefona, ci diamo appuntamento, non vuole che vada io da lei, torna da me in studio, mi riempie la scrivania di carte e mi spiega. Anni addietro, mentre era convalescente da un ictus che aveva subito, erano scadute della cambiali che aveva avallato per dei debiti del marito, nessuno le aveva pagate ed il creditore aveva pignorato la casa dove abitava, non sapeva com era finita ma mi fa vedere un contratto di comodato ove i figli del marito, poco dopo la morte del padre, le concedono, a vita, l uso della casa, purché se ne serva per proprie esigenze abitative. La signora gode del minimo di pensione sociale, non possiede beni, neppure la casa che considera sua, vive con un cane, ha la stufa a legna e tutti i giorni va in cortile a spaccare dei ceppi che brucia nella stufa per riscaldare la casa; essendo, come detto, anziana, occasionalmente ha concesso alloggio, in una stanza che ha libera, a degli studenti che, per contraccambiare, gli hanno imbiancato i locali, piuttosto che fatto la spesa. A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 5

6 Un vicino di casa, irritato dall attività di boscaiola della signora e dall ingombro che assume procurare al cortile con i pezzi di legno, segnala la cosa ai figli del di lei marito i quali, con un tempismo degno di miglior causa, gli notificano la cessazione del comodato sulla casa, per violazione del patto di uso abitativo proprio. La situazione, così succintamente esposta, pur nella sua incompletezza giuridica, lascia scoperto un punto: come fosse stato possibile che la signora da proprietaria di casa fosse diventata mera ospite nella stessa. Mi disturba, poi, dal punto di vista emotivo, il fatto che la donna che aveva accudito un mutilato sino al momento del suo decesso venisse mandata via di casa dai figli che, evidentemente, vedevano in una casa libera, un valore di realizzo maggiore che non quello di un immobile occupato. Vado in Tribunale, cerco in archivio il fascicolo dell esecuzione immobiliare subita dalla signora e accerto che l appartamento in questione è stato venduto all asta ai figli del marito. La chiamo, le spiego la situazione e lei mi racconta che le cambiali le aveva pagate tutte e che aveva dato i soldi al marito che le aveva riferito di averli dati al creditore e che tutto era a posto. Purtroppo la cosa a posto non era affatto e la situazione era immutabile, la casa non era più sua ma dei figli. L unica cosa che posso fare è oppormi alla richiesta di risoluzione del comodato e conseguente domanda di rilascio dell immobile e cercare di dimostrare che l anziana signora non aveva violato l obbligo di uso abitativo proprio e che, quindi, poteva continuare ad occupare la casa a vita. D altra parte non ha eredi propri alla quale lasciarla anche se fosse rimasta in sua proprietà. La causa non si presenta facile per ragioni che non è il caso in questa sede di spiegare. Sta di fatto che io la pratica me la prendo a cuore e ogni volta che l anziana signora viene inaspettatamente da me in studio a portarmi documenti nuovi, quasi sempre inutili, io la ricevo con piacere ed ascoltavo pezzi di storia della sua vita, che mi portavano in un mondo che non c è più. Arriva il giorno dell udienza di discussione della causa. Vengono sentiti i testimoni, c è tensione, la signora, sottovoce, mi confida che se incontra il teste che assume fasullo indotto dalla parte avversaria, lo apre a colpi d accetta. La calmo spiegandole che la causa non è finita e non è il caso di disperarsi prima di conoscerne l esito. Si giunge alla discussione finale. Sentite le difese orali conclusive, il giudice invita le parti ad uscire dall aula onde poter redigere la sentenza e dar quindi corso alla lettura del dispositivo. Dopo qualche tempo veniamo richiamati nell aula una di quelle con i soffitti altissimi sotto i quali l uomo comune si sente piccolo piccolo ed il Giudice legge. In quei momenti il cuore cambia il suo ritmo, le palpitazioni lasciano il posto all apatia, tu pensi a quello che hai fatto e verifichi di non aver tralasciato nulla, rivivi in pochi secondi tutta la causa e aspetti: Repubblica Italiana, in nome del Popolo Italiano.. A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 6

7 Ho vinto. L anziana signora rimane nella casa che era stata sua. Usciamo, io sono contento, ed allora la signora che mi segue alla mia destra, mi racconta che anni prima aveva abitato in una vecchia casa tra le stazioni Garibaldi e Centrale, vicino alla chiesetta di un antico borgo milanese, che d estate prendeva un gallo che teneva insieme alle sue galline, che una mattina ricevette una telefonata che la informava che il suo gallo disturbava e dovette sopprimerlo. Mi si ferma il cuore. La guardo, non le dico nulla, le sorrido e la immagino, oltre vent anni prima, al telefono con me. La lascio sulla soglia del Tribunale augurandole ogni bene. Mi stringe, come d abitudine, forte la mano, mi abbraccia, la seguo con lo sguardo e, mentre s allontana, io, ancora una volta, sento cantare il gallo, il suo gallo. Milano aprile 2006 Maurizio Sala A Milano il gallo canta ancora di Maurizio Sala 7

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE

LA CASA DIALOGO PRINCIPALE LA CASA DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno! B- Buongiorno, signore cosa desidera? A- Cerco un appartamento. B- Da acquistare o in affitto? A- Ah, no, no in affitto. Comprare una casa è troppo impegnativo,

Dettagli

Io/tu/lei/lui noi voi loro

Io/tu/lei/lui noi voi loro CONGIUNTIVO PARTE 1 I verbi regolari. Completa la tabella: comprare finire mettere prendere mangiare aprire chiudere partire parlare cantare scrivere trovare vivere cercare dormire preferire abitare capire

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO)

Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO) Reusser Bau GmbH, Recherswil (SO) Andi Reusser, datore di lavoro Circa quattro anni fa la signora Mercatali, insegnante alla scuola di pedagogia curativa di Soletta (Heilpädagogische Schule Solothurn,

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli