ENPACL. Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza. WelFARE integrato. sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENPACL. Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza. WelFARE integrato. sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria"

Transcript

1 ENPACL Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza WelFARE integrato sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria

2 Pensione di vecchiaia REQUISITI DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA La pensione di vecchiaia è corrisposta su domanda dell avente diritto. Si matura in presenza dei seguenti tre requisiti: anagrafico (elevato, gradualmente, a 70 anni per uomini e donne); contributivo; importo minimo (deve essere pari a 5 volte l entità del contributo soggettivo minimo nell anno di maturazione del diritto). La misura minima della pensione non è richiesta per coloro che abbiano compiuto il settantesimo anno di età. Di seguito lo schema che rappresenta l'introduzione graduale del requisito anagrafico: Anno Dal 2013 Dal 2016 Dal 2019 Dal 2022 Dal 2025 Età Anni di contribuzione Misura minima 5 volte il minimo 5 volte 5 volte 5 volte Non ( euro) il minimo il minimo il minimo Richiesta E' necessaria la regolarità contributiva. REQUISITI DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA La pensione di vecchiaia anticipata si matura in presenza dei seguenti requisiti: Vecchiaia anticipata anagrafico; contributivo (elevato, gradualmente, a 40 anni); Il riconoscimento della pensione di vecchiaia anticipata è subordinato alla cancellazione dall Albo dei Consulenti del Lavoro, unicamente per coloro che abbiano maturato un anzianità contributiva e di iscrizione inferiore a 40 anni. In caso di reiscrizione all Albo dei Consulenti del Lavoro, la corresponsione della pensione è interrotta con effetto da tale momento ed è ripristinata dal giorno successivo alla nuova cancellazione. Di seguito lo schema che rappresenta l'elevazione graduale del requisito contributivo: Anno Dal 2015 Dal 2017 Dal 2019 Dal 2021 Età Anni di contribuzione Cancellazione Si Si Si No E' necessaria la regolarità contributiva.

3 Norme comuni DECORRENZA La pensione di vecchiaia decorre dal mese successivo alla maturazione dei requisiti. La pensione di vecchiaia anticipata decorre dal mese successivo alla domanda o alla cancellazione. METODO DI CALCOLO DELLA PENSIONE La pensione di vecchiaia e di vecchiaia anticipata è determinata con il metodo contributivo, cioè in funzione del montante contributivo effettivamente maturato (costituito dai versamenti per contribuzione soggettiva e integrativa, nonché dai versamenti facoltativi per contribuzione aggiuntiva cd "modularità") moltiplicato per il coefficiente di trasformazione di cui alla tabella A della legge 8 agosto 1995 n. 335 e successive modificazioni e integrazioni, relativo all età dell iscritto al momento del pensionamento. Nel rispetto del pro rata, la contribuzione versata prima della entrata in vigore della riforma (ante 2013), è comunque calcolata ai fini pensionistici in base alla previgente normativa regolamentare. REVERSIBILITÀ Le pensioni di vecchiaia e di vecchiaia anticipata sono reversibili ai superstiti. SUPPLEMENTO DI PENSIONE I pensionati di vecchiaia e di vecchiaia anticipata che proseguono l'esercizio della professione possono ottenere un supplemento di pensione, conseguibile al compimento di ogni triennio di contribuzione successivo all'anno di pensionamento. Il calcolo del supplemento è determinato col sistema precedentemente in vigore per le annualità fino al 31 dicembre 2012 e col metodo contributivo per le annualità successive. PENSIONE DI VECCHIAIA VECCHIAIA ANTICIPATA 1 INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni nonché i moduli di presentazione delle domande. E possibile, altresì, ottenere risposte personalizzate attraverso l area Contatti - Help Desk.

4 Pensione di invalidità REQUISITI E corrisposta su domanda dell interessato. Spetta all iscritto la cui capacità all'esercizio della professione sia ridotta, in modo continuativo, a meno di un terzo a causa di malattia o di infortunio. E necessario aver maturato almeno 10 anni di effettiva iscrizione e contribuzione, ovvero 5 anni di iscrizione e contribuzione se l'invalidità è causata da infortunio. E necessaria la regolarità contributiva. DECORRENZA Dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda. CALCOLO DELLA PENSIONE E determinata con le stesse modalità previste per quella di vecchiaia. La misura della pensione di invalidità è pari al settanta per cento di almeno 5 volte l'importo del contributo soggettivo minimo in vigore nell'anno di presentazione della domanda. Nell'ipotesi di aggravamento, il pensionato può chiedere, purché iscritto, la trasformazione della pensione in trattamento di inabilità. REVISIONE DELLA PENSIONE Ogni tre anni l'ente verifica la persistenza della invalidità e, sulla base dell accertamento, conferma o revoca la pensione. Quest ultima diventa definitiva se l invalidità, dopo la liquidazione, è confermata tre volte.

5 REQUISITI E corrisposta su domanda dell interessato. Pensione di inabilità Spetta all iscritto che, a causa di malattia o infortunio, abbia subito, successivamente all iscrizione all Ente, la perdita totale e permanente della capacità all esercizio della professione. E necessario aver compiuto e versato almeno 5 anni di effettiva iscrizione e contribuzione. Si prescinde da tale requisito, ove l inabilità sia causata da infortunio. E necessaria la regolarità contributiva. DECORRENZA Dal primo giorno del mese successivo alla data di cancellazione dall Albo dei Consulenti del Lavoro. E revocata in caso di nuova iscrizione. CALCOLO DELLA PENSIONE E determinata con le stesse modalità previste per quella di vecchiaia. La misura della pensione di inabilità è pari ad almeno 5 volte l'importo del contributo soggettivo minimo in vigore nell'anno di presentazione della domanda. REVISIONE DELLA PENSIONE Entro i dieci anni successivi al pensionamento, e comunque entro il 75 anno di età, l'ente può verificare in qualsiasi momento la permanenza delle condizioni di inabilità. PENSIONE DI INVALIDITÀ INABILITÀ 1 INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni nonché i moduli di presentazione delle domande. E possibile, altresì, ottenere risposte personalizzate attraverso l area Contatti - Help Desk

6 Provvidenze straordinarie BENEFICIARI Il Consiglio di Amministrazione dell'ente può erogare provvidenze straordinarie agli iscritti, ai pensionati iscritti, ai titolari di pensione di reversibilità e indiretta, che vengono a trovarsi in particolari condizioni di bisogno, determinate da circostanze o da situazioni di notevole gravità. TIPOLOGIA DELLE SITUAZIONI DI GRAVITÀ calamità naturali; furto o incendio del materiale e dell attrezzatura dello studio professionale purché non dipendenti da dolo o da colpa grave, tali da impedire e/o compromettere il normale esercizio della professione e/o l'integrità fisica della persona stessa; malattie e infortuni dell'iscritto, del pensionato e dei suoi familiari che determinino condizioni di particolare disagio economico; decesso dell iscritto o del pensionato che abbia generato situazioni economiche disagiate nell ambito familiare. CONDIZIONI PER L EROGAZIONE a essere in regola col versamento delle quote di iscrizione all'albo provinciale di appartenenza; b non essere sospesi dall'esercizio dell'attività professionale; c essere in regola col versamento dei contributi dovuti per la gestione invalidità, vecchiaia e superstiti dell'ente; d in caso di decesso dell'iscritto o del pensionato, alla data di morte, sussistano tutti i requisiti suddetti. DOMANDA Il richiedente dovrà inviare al Consiglio di Amministrazione apposita domanda, utilizzando il modello pubblicato sul portale MISURA Importo non superiore a 10 volte il contributo soggettivo mimimo vigente al momento della delibera, aumentato di una somma pari allo stesso contributo soggettivo minimo per ciascun familiare a carico. INFO Sul sito sono pubblicate tutte le informazioni nonché il modello di domanda.

7 Agevolazioni praticanti FINALITÀ Attraverso una specifica convenzione, l Ente tutela la relazione che si instaura tra un Consulente del Lavoro, che nel rapporto assume la posizione di dominus (o dante pratica), e un soggetto praticante, ai fini dell acquisizione da parte di quest ultimo della formazione teorico-pratica necessaria all espletamento dell esame di Stato. OGGETTO DELLA CONVENZIONE Per incentivare sia i giovani che si avvicinano alla pratica professionale che il dominus, l Ente prevede di: garantire a tutti i praticanti, iscritti per la prima volta dall anno 2015, la copertura dell assistenza sanitaria integrativa (Garanzia A), attualmente vigente in favore di tutti gli iscritti all Enpacl garantire a tutti i Consulenti del Lavoro che acquisiscano presso il proprio studio un praticante l estensione ai propri familiari della copertura di assistenza sanitaria integrativa (Garanzia A) nonchè altre agevolazioni per l attività professionale. PROVVIDENZE STRAORDINARIE AGEVOLAZIONI PRATICANTI 1 INFO Per ulteriori informazioni, scrivi a

8 Indennità di maternità DESTINATARI L'iscrizione all'enpacl dà diritto, a domanda, alla corresponsione della indennità di maternità per i periodi di gravidanza e puerperio. La domanda deve essere presentata dopo il compimento del 6 mese di gravidanza e non oltre 180 giorni dal parto. CONDIZIONI L'indennità compete per i due mesi antecedenti la data presunta del parto e per i tre mesi successivi la data effettiva del parto. Spetta anche in caso di aborto, spontaneo o terapeutico, verificatosi non prima del terzo mese di gravidanza, nonché per l'ingresso in famiglia di un bambino adottato o affidato in preaodozione, a condizione che non abbia superato i 6 anni di età per le adozioni nazionali e fino alla maggiore età per le adozioni internazionali. INDENNITÀ DI MATERNITÀ E REDDITO PROFESSIONALE L'indennità di maternità è calcolata in base al reddito professionale ed è pari all 80 per cento di cinque dodicesimi del solo reddito professionale percepito e denunciato ai fini fiscali come reddito da lavoro autonomo nel secondo anno precedente a quello dell evento. In mancanza di reddito professionale si ha comunque diritto a percepire l' importo minimo stabilito per legge. Nel caso in cui la Consulente del Lavoro sia iscritta anche all'inps, non ha diritto all'indennità di maternità da parte dell'enpacl. INFO E possibile ottenere risposte personalizzate sul sito area Contatti - Help Desk

9 Genitorialità COS È Si tratta di interventi a sostegno della genitorialità, ulteriori alla indennità di maternità già riconosciuta dall Ente ex decreto legislativo 26 marzo 2001 n. 151, annualmente individuati dall Ente. DESTINATARI Tutti i Consulenti del Lavoro ai quali l Enpacl, nel corso dell anno 2015, avrà riconosciuto un indennità di maternità ex decreto legislativo 26 marzo 2001 n OGGETTO DELLA CONVENZIONE Per l anno 2015, l Ente ha sottoscritto un apposita convenzione che prevede specifiche facilitazioni per l aggiornamento, il miglioramento e il perfezionamento della preparazione professionale, in particolare nel periodo di minor presenza presso lo studio. A tale scopo la convenzione prevede corsi di aggiornamento professionale effettuati con modalità di e-learning, riconosciuti ai fini del vigente Regolamento recante le disposizioni sulla formazione continua e validi per il riconoscimento dei relativi crediti formativi, e-book gratuiti e abbonamenti a riviste specializzate. INDENNITÀ DI MATERNITÀ GENITORIALITÀ 1 INFO Tutte le informazioni necessarie per accedere al servizio sui portali:

10 DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl. La proprietà immobiliare oggetto di mutuo può essere cointestata anche al coniuge. Mutui FINALITÀ Il mutuo può essere concesso per l acquisto, la ristrutturazione o la costruzione di unità immobiliari, comprese pertinenze accessorie, destinate ad abitazione o studio professionale. IMPORTO E LIMITI Massimo finanziabile euro (e comunque entro il limite del 70% del costo di acquisto o del costo di costruzione). TASSO Variabile o fisso, a scelta del richiedente. DURATA 5 anni, 10 anni, 15 anni o 20 anni. MODALITÀ DI RIMBORSO Il rimborso avverrà in rate semestrali, posticipate, costanti, comprensive di capitale ed interessi scadenti il 30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda deve essere presentata in via telematica, tramite i Servizi Enpacl on line, sul sito alla voce di menu Mutui.

11 PRESTITI PER I NEO ISCRITTI DESTINATARI Gli iscritti all Enpacl da meno di 10 anni. PRESTITI PERSONALI DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl Prestiti REQUISITI Essere titolari di partita IVA Svolgere l attività professionale in modo individuale e non essere dipendenti o collaboratori o titolari di imprese individuali o amministratori di società di qualsiasi tipo Essere in regola con la contribuzione dovuta all Ente Aver accesso all area riservata dei servizi Enpacl on line. FINALITÀ Acquisto di attrezzature, strumenti e/o arredi necessari allo svolgimento dell attività professionale, esclusi veicoli e cellulari. Gli iscritti possono accedere al prestito una sola volta per progetto, inteso come investimento finalizzato, e questo dovrà riguardare spese ancora da sostenere alla data di presentazione della domanda. REQUISITI Essere in regola con la contribuzione dovuta all Ente Aver accesso all area riservata dei servizi Enpacl on line Aver acceso, anche congiuntamente alla richiesta di prestito, presso la Banca Popolare di Sondrio un conto corrente (anche on line). FINALITÀ Il prestito personale è concesso per qualsiasi finalità. IMPORTO Minimo euro e massimo euro. TASSO Variabile, pari alla media mensile dell Euribor tre mesi aumentata di tre punti. MUTUI PRESTITI 1 IMPORTO 100% delle spese documentate, al netto dell IVA, con un massimo di euro. DURATA Minimo 12 mesi e massimo 84 mesi. TASSO Variabile, pari alla media dell Euribor tre mesi aumentato di 2 punti. Detto tasso non potrà mai essere inferiore al 2%. Per l anno 2015, il dovuto per interessi è a totale carico dell Enpacl. DURATA 5 anni PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Entrambe le domande di prestito devono essere presentate in via telematica, tramite i Servizi Enpacl on line, sul sito INFO Le convenzioni sono pubblicate sul sito Per ulteriori informazioni, gli uffici della Banca Popolare di Sondrio rispondono a:

12 Enpacl Card ENPACL CARD E la carta di credito ideata per i Consulenti del Lavoro, nata dalla collaborazione tra Enpacl e Banca Popolare di Sondrio. LINEE DI CREDITO Enpacl Card dispone di 3 linee di credito distinte: PRIMA LINEA (ORDINARIA): consente il pagamento degli acquisti presso gli esercizi commerciali convenzionati con i circuiti Visa o MasterCard e il prelievo contanti (utilizzando il codice segreto) presso tutti gli sportelli automatici ATM convenzionati Visa o MasterCard in Italia e all'estero: plafond minimo euro e massimo euro; SECONDA LINEA (CONTRIBUTI): è finalizzata al versamento via internet, sicuro e senza spese, dei contributi previdenziali Enpacl: plafond minimo euro e massimo euro; TERZA LINEA (PRESTITI): permette di trasformare in contanti, in parte o per intero, l'importo del plafond, con accredito della somma richiesta direttamente sul proprio conto corrente:plafond minimo euro e massimo euro. DURATA E MODALITÀ DI RINNOVO Enpacl Card ha validità triennale. Alla scadenza, la carta è automaticamente rinnovata e la Banca invia un nuovo esemplare. ENPACL CARD PER I NEO ISCRITTI DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti, per la prima volta, da meno di 5 anni, con età anagrafica entro i 40 anni. L Ente, con l intento di favorire la diffusione della Enpacl Card presso i giovani iscritti, ha stipulato con la Banca Popolare di Sondrio una convenzione per l erogazione di una Carta di credito co-branded, dotata tra l altro di una linea di credito dedicata al versamento, via internet, dei contributi dovuti all Ente e che prevede modalità di rimborso a saldo oppure rateale. Allo scopo, ed esclusivamente per il pagamento dei contributi, l Ente ha manifestato la propria disponibilità a rilasciare idonee garanzie alla Banca. Enpacl Card Neo Iscritti Enpacl Card per i neo iscritti dispone di 2 linee di credito distinte (plafond): PRIMA LINEA (ORDINARIA): consente il pagamento degli acquisti presso gli esercizi commerciali convenzionati con i circuiti Visa o MasterCard e il prelievo contanti (utilizzando il codice segreto) presso tutti gli sportelli automatici ATM convenzionati Visa o MasteCard in Italia e all'estero: plafond massimo 800 euro; SECONDA LINEA (CONTRIBUTI): è finalizzata al versamento via internet, sicuro e senza spese, dei contributi previdenziali Enpacl tramite i servizi Enpacl on line. Plafond mensile massimo euro.

13 Enpacl Card Enpacl on line Neo Iscritti MODALITÀ DI RICHIESTA Per richiedere la Enpacl Card o la Enpacl Card per i neo iscritti, occorre accedere alla propria area riservata dei servizi Enpacl online, alla voce di menu "Enpacl Card - Richiesta Carta". COSTO Sia Enpacl Card sia Enpacl Card per i neo iscritti hanno canone annuale pari a zero. INFO Il Servizio Clienti della Banca Popolare di Sondrio - dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore e dalle alle risponde a: ENPACL ON LINE (EOL) E un servizio, completamente gratuito, messo a disposizione degli iscritti 24 ore su 24. Si accede dal sito SERVIZI ENPACL PRESENTI ON-LINE: ENPACL CARD PRESENTAZIONE DOMANDE ON-LINE HELP DESK: CONSULENZA ON LINE VERSAMENTO CONTRIBUTI FACOLTATIVI ESTRATTO CONTO INTEGRATO INPS VARIAZIONI DATI ANAGRAFICI CONSULTAZIONI DICHIARAZIONI ON LINE ATTESTAZIONE DI PAGAMENTO VERSAMENTO CONTRIBUTI SPONTANEI IN ACCONTO SIMULATORE DELLE PENSIONI DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VOLUMI D AFFARI GESTIONE PENSIONE SIMULATORE RISCATTI E RICONGIUNZIONI ENPACL CARD ENPACL ON LINE 1

14 Integrativa Assistenza Sanitaria DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl. CARATTERISTICHE L'assistenza sanitaria integrativa offerta dall'ente tramite EMAPI si articola su due livelli. A tutti gli iscritti è garantita, gratuitamente, la copertura di base per i cosiddetti "Grandi interventi Chirurgici e Gravi Eventi Morbosi", Garanzie A della convenzione. SPECIFICITÀ Gli iscritti hanno la possibilità, dal 16 aprile al 15 luglio di ogni anno, di aggiungere volontariamente, con onere a proprio carico, un programma assicurativo di complemento, di cui alle Garanzie B, che prevede rimborsi per visite specialistiche, accertamenti diagnostici ed altro. Inoltre, possono estendere al proprio nucleo familiare sia le garanzie "A" che le "B", nei limiti di polizza. POSIZIONI PARTICOLARI Il pensionato Enpacl cancellato ha la possibilità di rinnovare la copertura sanitaria, in modo volontario e senza interruzioni nonché con onere a proprio carico. Il pensionato che non rinnovi l'adesione ad ogni scadenza dell'annualità assicurativa non potrà più essere reinserito in copertura. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SANITARIE DIRETTA prevede il pagamento diretto della prestazione da parte dell assicurazione in caso di ricovero o prestazione presso strutture convenzionate. INDIRETTA -prevede che le spese relative alle prestazioni effettuate vengano rimborsate all'assicurato, nei limiti previsti dalle singole garanzie "A" e "B", dietro presentazione on line della documentazione medica e delle copie delle ricevute attestanti le spese sostenute, previa compilazione del modulo di rimborso reperibile all'interno della sezione "Modulistica rimborsi" del sito web MODALITÀ DI PRENOTAZIONE Occorre telefonare alla centrale operativa EMAPI/Generali, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 18, al numero verde

15 Long Term Care (LTC) DESTINATARI Gli iscritti all Enpacl che, al momento dell'attivazione della copertura (1 marzo 2015), non abbiano compiuto i 70 anni di età. CARATTERISTICHE Si tratta di una forma di tutela, aggiuntiva rispetto alla pensione, che interviene in caso di non autosufficienza, presumibilmente permanente e garantisce l'erogazione di una rendita mensile di 903 vita natural durante. La polizza LTC prevede una copertura base e supplementare collettiva, il cui onere è a totale carico dell'ente. STATO DI NON AUTOSUFFICIENZA È considerato in stato di non autosufficienza l'iscritto che, a causa di una malattia, di infortunio o per perdita delle forze, si trovi, per un periodo di tempo non inferiore a 90 giorni continuativi, in uno stato tale - presumibilmente in modo permanente - da aver bisogno dell'assistenza di un'altra persona per aiutarlo nello svolgimento di attività ordinarie della vita quotidiana ADL (Activities of Daily Living), nonostante l'utilizzo di apparecchiature mediche e/o chirurgiche. SPECIFICITÀ Alla fine del mese di febbraio di ciascun anno, ai Consulenti del Lavoro che già fruiscono della Copertura Base erogata con onere a carico dell'ente, è consentito di incrementare, a titolo individuale e volontario e con onere aggiuntivo a proprio carico, la somma assicurata, al fine di migliorare la rendita cui avranno diritto vita natural durante. Trascorso inutilmente detto termine, l'adesione potrà essere richiesta con la nuova annualità. POSIZIONI PARTICOLARI Coloro che abbiano superato il limite di età di 70 anni, successivamente all adesione, ed i pensionati che cessino l'attività professionale, hanno la possibilità di mantenere la Convenzione Long Term Care a titolo individuale, con onere a proprio carico, a condizione che non vi sia soluzione di continuità con l'adesione in forma collettiva sottoscritta dall Enpacl. ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA LONG TERM CARE (LTC) 1 INFO Sul sito sono pubblicate le informazioni relative sia alla polizza di assistenza sanitaria integrativa sia alla polizza di Long Term Care EMAPI/GENERALI.

16 Contributo soggettivo MINIMO, MASSIMO E ALIQUOTA I Consulenti del Lavoro iscritti all'ente, compresi i pensionati, sono tenuti a corrispondere annualmente il contributo soggettivo. Tale contributo è calcolato come pari al 12 per cento del reddito professionale prodotto in forma individuale, associata o societaria nell'anno precedente. È, comunque, dovuto un contributo soggettivo annuo minimo, corrisposto in quattro rate cadenti in aprile, giugno, settembre e novembre. E' previsto, altresì, un contributo soggettivo massimo. Il contributo soggettivo è rapportato a mese, in relazione al periodo di effettiva iscrizione nell'anno solare. NEO ISCRITTI INFRA TRENTACINQUENNI I giovani che si iscrivono all'ente per la prima volta con età inferiore ai 35 anni, per l'anno di iscrizione e per i 4 anni successivi, versano il contributo soggettivo con l'applicazione dell'aliquota pari al 6 per cento anziché al 12 per cento. Detta riduzione è prevista anche in caso di contribuzione soggettiva dovuta nella misura minima. La riduzione è applicata d ufficio. Il neo iscritto ha facoltà, a domanda, di applicare l'aliquota intera, con decorrenza dal mese successivo alla richiesta. PENSIONATI ISCRITTI I pensionati che restano iscritti all'ente possono ottenere, a domanda, il dimezzamento dell'aliquota contributiva (6 per cento anziché 12 per cento). La riduzione decorre dal mese successivo a quello della richiesta. Il supplemento di pensione sarà calcolato conteggiando sia il contributo soggettivo che l'integrativo effettivamente corrisposto.

17 Contributo integrativo MINIMO E ALIQUOTA Gli iscritti agli Albi provinciali dei Consulenti del Lavoro devono applicare una maggiorazione percentuale pari al 4 per cento su tutti i compensi relativi all'esercizio dell'attività professionale di Consulente del Lavoro. Anche in assenza di volume d'affari o partita IVA è dovuto un contributo integrativo minimo. La contribuzione integrativa deve essere riversata all'ente indipendentemente dall'avvenuto pagamento da parte del cliente, nei confronti del quale il Consulente del Lavoro ha diritto di rivalsa. AMBITO DI APPLICAZIONE La maggiorazione del 4 per cento deve essere applicata anche sui corrispettivi derivanti da attività svolte nel campo fiscale, tributario e contabile e su quelli derivanti dall'attività di amministratore, revisore o sindaco di società o enti. ASSOCIAZIONI E SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI I Consulenti del Lavoro facenti parte di associazioni o società tra professionisti devono versare la maggiorazione del 4 per cento per la quota di volume d'affari di competenza di ogni associato iscritto all'albo dei Consulenti del Lavoro. COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA ANNUALE Entro il 16 settembre, tutti i Consulenti del Lavoro che risultino iscritti all'albo professionale, anche per frazione d'anno, devono comunicare all'ente, esclusivamente in via telematica, l'ammontare del reddito professionale e del volume d'affari ai fini IVA, conseguito e prodotto nell'anno precedente, nonché versare il saldo del contributo soggettivo (12% del reddito professionale, detratto il minimo) e il contributo integrativo. Il versamento può essere effettuato in una o in quattro rate (da settembre a dicembre). La comunicazione deve essere comunque effettuata, anche nei casi di assenza di partita IVA o di volume d'affari pari a zero. VERSAMENTI SPONTANEI I versamenti spontanei costituiscono anticipazioni della contribuzione obbligatoria, eccedente il minimo, dovuta per l'anno in corso. In sede di dichiarazione l interessato decide a che titolo imputare tali anticipazioni CONTRIBUTO SOGGETTIVO INTEGRATIVO MODULARITÀ 1

18 e Modularità Busta Arancione COS E La Busta arancione Enpacl è una proiezione, basata sulla posizione individuale maturata alla data di estrazione e su ipotesi e dati stimati, che ha lo scopo di consentire una valutazione sintetica e prospettica della propria posizione previdenziale e della prima pensione annua. Rappresenta, quindi, uno strumento utile al fine di identificare, anno dopo anno, la soluzione contributiva più idonea a raggiungere il proprio obiettivo pensionistico. OBIETTIVO Il progetto, tra i primi in Italia, si pone l obiettivo di comunicare agli iscritti non solo il montante pensionistico maturato fino al momento della comunicazione, ma anche una stima, scientificamente e tecnicamente valida, relativa alla futura rendita pensionistica e alla possibile integrazione che la modularità contributiva può offrire. LA MODULARITÀ E' una forma di contribuzione ulteriore a quella soggettiva, da versare ad adesione volontaria, attraverso la quale si realizza un incremento della pensione futura. La misura del contributo aggiuntivo è pari a euro 500 o multipli. Deve essere versato entro l'anno solare di competenza a mezzo appositi avvisi di pagamento predisposti dall Ente e può essere versato anche a mezzo modello F24 ordinario. VANTAGGI Da subito, si ha un vantaggio fiscale, perché il contributo aggiuntivo versato è integralmente deducibile dal reddito, senza alcun tetto massimo. Al momento del pensionamento, si ha un vantaggio previdenziale, perché si ha diritto ad una maggior quota di pensione, oltre quella base. COSTI Agli iscritti non vengono addebitate, al contrario dei versamenti per la previdenza integrativa e complementare, né spese in percentuale sui contributi versati, né costi per la trasformazione della rendita in capitale, né spese di gestione. DECORRENZA DELLA PRESTAZIONE Al momento della liquidazione della pensione di vecchiaia, vecchiaia anticipata o inabilità, all'iscritto viene liquidata d'ufficio, con la stessa decorrenza, la maggior quota di pensione cui ha diritto per aver effettuato versamenti di contribuzione aggiuntiva. La quota di pensione contributiva è anch essa reversibile ai superstiti. INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni.

19 NOTE 1NOTE

20 Enpacl Viale del Caravaggio, ROMA

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli