ENPACL. Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza. WelFARE integrato. sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENPACL. Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza. WelFARE integrato. sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria"

Transcript

1 ENPACL Consulenti del Lavoro Ente Nazionale Previdenza Assistenza WelFARE integrato sostegno agli iscritti sviluppo della Categoria

2 Pensione di vecchiaia REQUISITI DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA La pensione di vecchiaia è corrisposta su domanda dell avente diritto. Si matura in presenza dei seguenti tre requisiti: anagrafico (elevato, gradualmente, a 70 anni per uomini e donne); contributivo; importo minimo (deve essere pari a 5 volte l entità del contributo soggettivo minimo nell anno di maturazione del diritto). La misura minima della pensione non è richiesta per coloro che abbiano compiuto il settantesimo anno di età. Di seguito lo schema che rappresenta l'introduzione graduale del requisito anagrafico: Anno Dal 2013 Dal 2016 Dal 2019 Dal 2022 Dal 2025 Età Anni di contribuzione Misura minima 5 volte il minimo 5 volte 5 volte 5 volte Non ( euro) il minimo il minimo il minimo Richiesta E' necessaria la regolarità contributiva. REQUISITI DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA La pensione di vecchiaia anticipata si matura in presenza dei seguenti requisiti: Vecchiaia anticipata anagrafico; contributivo (elevato, gradualmente, a 40 anni); Il riconoscimento della pensione di vecchiaia anticipata è subordinato alla cancellazione dall Albo dei Consulenti del Lavoro, unicamente per coloro che abbiano maturato un anzianità contributiva e di iscrizione inferiore a 40 anni. In caso di reiscrizione all Albo dei Consulenti del Lavoro, la corresponsione della pensione è interrotta con effetto da tale momento ed è ripristinata dal giorno successivo alla nuova cancellazione. Di seguito lo schema che rappresenta l'elevazione graduale del requisito contributivo: Anno Dal 2015 Dal 2017 Dal 2019 Dal 2021 Età Anni di contribuzione Cancellazione Si Si Si No E' necessaria la regolarità contributiva.

3 Norme comuni DECORRENZA La pensione di vecchiaia decorre dal mese successivo alla maturazione dei requisiti. La pensione di vecchiaia anticipata decorre dal mese successivo alla domanda o alla cancellazione. METODO DI CALCOLO DELLA PENSIONE La pensione di vecchiaia e di vecchiaia anticipata è determinata con il metodo contributivo, cioè in funzione del montante contributivo effettivamente maturato (costituito dai versamenti per contribuzione soggettiva e integrativa, nonché dai versamenti facoltativi per contribuzione aggiuntiva cd "modularità") moltiplicato per il coefficiente di trasformazione di cui alla tabella A della legge 8 agosto 1995 n. 335 e successive modificazioni e integrazioni, relativo all età dell iscritto al momento del pensionamento. Nel rispetto del pro rata, la contribuzione versata prima della entrata in vigore della riforma (ante 2013), è comunque calcolata ai fini pensionistici in base alla previgente normativa regolamentare. REVERSIBILITÀ Le pensioni di vecchiaia e di vecchiaia anticipata sono reversibili ai superstiti. SUPPLEMENTO DI PENSIONE I pensionati di vecchiaia e di vecchiaia anticipata che proseguono l'esercizio della professione possono ottenere un supplemento di pensione, conseguibile al compimento di ogni triennio di contribuzione successivo all'anno di pensionamento. Il calcolo del supplemento è determinato col sistema precedentemente in vigore per le annualità fino al 31 dicembre 2012 e col metodo contributivo per le annualità successive. PENSIONE DI VECCHIAIA VECCHIAIA ANTICIPATA 1 INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni nonché i moduli di presentazione delle domande. E possibile, altresì, ottenere risposte personalizzate attraverso l area Contatti - Help Desk.

4 Pensione di invalidità REQUISITI E corrisposta su domanda dell interessato. Spetta all iscritto la cui capacità all'esercizio della professione sia ridotta, in modo continuativo, a meno di un terzo a causa di malattia o di infortunio. E necessario aver maturato almeno 10 anni di effettiva iscrizione e contribuzione, ovvero 5 anni di iscrizione e contribuzione se l'invalidità è causata da infortunio. E necessaria la regolarità contributiva. DECORRENZA Dal primo giorno del mese successivo alla data di presentazione della domanda. CALCOLO DELLA PENSIONE E determinata con le stesse modalità previste per quella di vecchiaia. La misura della pensione di invalidità è pari al settanta per cento di almeno 5 volte l'importo del contributo soggettivo minimo in vigore nell'anno di presentazione della domanda. Nell'ipotesi di aggravamento, il pensionato può chiedere, purché iscritto, la trasformazione della pensione in trattamento di inabilità. REVISIONE DELLA PENSIONE Ogni tre anni l'ente verifica la persistenza della invalidità e, sulla base dell accertamento, conferma o revoca la pensione. Quest ultima diventa definitiva se l invalidità, dopo la liquidazione, è confermata tre volte.

5 REQUISITI E corrisposta su domanda dell interessato. Pensione di inabilità Spetta all iscritto che, a causa di malattia o infortunio, abbia subito, successivamente all iscrizione all Ente, la perdita totale e permanente della capacità all esercizio della professione. E necessario aver compiuto e versato almeno 5 anni di effettiva iscrizione e contribuzione. Si prescinde da tale requisito, ove l inabilità sia causata da infortunio. E necessaria la regolarità contributiva. DECORRENZA Dal primo giorno del mese successivo alla data di cancellazione dall Albo dei Consulenti del Lavoro. E revocata in caso di nuova iscrizione. CALCOLO DELLA PENSIONE E determinata con le stesse modalità previste per quella di vecchiaia. La misura della pensione di inabilità è pari ad almeno 5 volte l'importo del contributo soggettivo minimo in vigore nell'anno di presentazione della domanda. REVISIONE DELLA PENSIONE Entro i dieci anni successivi al pensionamento, e comunque entro il 75 anno di età, l'ente può verificare in qualsiasi momento la permanenza delle condizioni di inabilità. PENSIONE DI INVALIDITÀ INABILITÀ 1 INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni nonché i moduli di presentazione delle domande. E possibile, altresì, ottenere risposte personalizzate attraverso l area Contatti - Help Desk

6 Provvidenze straordinarie BENEFICIARI Il Consiglio di Amministrazione dell'ente può erogare provvidenze straordinarie agli iscritti, ai pensionati iscritti, ai titolari di pensione di reversibilità e indiretta, che vengono a trovarsi in particolari condizioni di bisogno, determinate da circostanze o da situazioni di notevole gravità. TIPOLOGIA DELLE SITUAZIONI DI GRAVITÀ calamità naturali; furto o incendio del materiale e dell attrezzatura dello studio professionale purché non dipendenti da dolo o da colpa grave, tali da impedire e/o compromettere il normale esercizio della professione e/o l'integrità fisica della persona stessa; malattie e infortuni dell'iscritto, del pensionato e dei suoi familiari che determinino condizioni di particolare disagio economico; decesso dell iscritto o del pensionato che abbia generato situazioni economiche disagiate nell ambito familiare. CONDIZIONI PER L EROGAZIONE a essere in regola col versamento delle quote di iscrizione all'albo provinciale di appartenenza; b non essere sospesi dall'esercizio dell'attività professionale; c essere in regola col versamento dei contributi dovuti per la gestione invalidità, vecchiaia e superstiti dell'ente; d in caso di decesso dell'iscritto o del pensionato, alla data di morte, sussistano tutti i requisiti suddetti. DOMANDA Il richiedente dovrà inviare al Consiglio di Amministrazione apposita domanda, utilizzando il modello pubblicato sul portale MISURA Importo non superiore a 10 volte il contributo soggettivo mimimo vigente al momento della delibera, aumentato di una somma pari allo stesso contributo soggettivo minimo per ciascun familiare a carico. INFO Sul sito sono pubblicate tutte le informazioni nonché il modello di domanda.

7 Agevolazioni praticanti FINALITÀ Attraverso una specifica convenzione, l Ente tutela la relazione che si instaura tra un Consulente del Lavoro, che nel rapporto assume la posizione di dominus (o dante pratica), e un soggetto praticante, ai fini dell acquisizione da parte di quest ultimo della formazione teorico-pratica necessaria all espletamento dell esame di Stato. OGGETTO DELLA CONVENZIONE Per incentivare sia i giovani che si avvicinano alla pratica professionale che il dominus, l Ente prevede di: garantire a tutti i praticanti, iscritti per la prima volta dall anno 2015, la copertura dell assistenza sanitaria integrativa (Garanzia A), attualmente vigente in favore di tutti gli iscritti all Enpacl garantire a tutti i Consulenti del Lavoro che acquisiscano presso il proprio studio un praticante l estensione ai propri familiari della copertura di assistenza sanitaria integrativa (Garanzia A) nonchè altre agevolazioni per l attività professionale. PROVVIDENZE STRAORDINARIE AGEVOLAZIONI PRATICANTI 1 INFO Per ulteriori informazioni, scrivi a

8 Indennità di maternità DESTINATARI L'iscrizione all'enpacl dà diritto, a domanda, alla corresponsione della indennità di maternità per i periodi di gravidanza e puerperio. La domanda deve essere presentata dopo il compimento del 6 mese di gravidanza e non oltre 180 giorni dal parto. CONDIZIONI L'indennità compete per i due mesi antecedenti la data presunta del parto e per i tre mesi successivi la data effettiva del parto. Spetta anche in caso di aborto, spontaneo o terapeutico, verificatosi non prima del terzo mese di gravidanza, nonché per l'ingresso in famiglia di un bambino adottato o affidato in preaodozione, a condizione che non abbia superato i 6 anni di età per le adozioni nazionali e fino alla maggiore età per le adozioni internazionali. INDENNITÀ DI MATERNITÀ E REDDITO PROFESSIONALE L'indennità di maternità è calcolata in base al reddito professionale ed è pari all 80 per cento di cinque dodicesimi del solo reddito professionale percepito e denunciato ai fini fiscali come reddito da lavoro autonomo nel secondo anno precedente a quello dell evento. In mancanza di reddito professionale si ha comunque diritto a percepire l' importo minimo stabilito per legge. Nel caso in cui la Consulente del Lavoro sia iscritta anche all'inps, non ha diritto all'indennità di maternità da parte dell'enpacl. INFO E possibile ottenere risposte personalizzate sul sito area Contatti - Help Desk

9 Genitorialità COS È Si tratta di interventi a sostegno della genitorialità, ulteriori alla indennità di maternità già riconosciuta dall Ente ex decreto legislativo 26 marzo 2001 n. 151, annualmente individuati dall Ente. DESTINATARI Tutti i Consulenti del Lavoro ai quali l Enpacl, nel corso dell anno 2015, avrà riconosciuto un indennità di maternità ex decreto legislativo 26 marzo 2001 n OGGETTO DELLA CONVENZIONE Per l anno 2015, l Ente ha sottoscritto un apposita convenzione che prevede specifiche facilitazioni per l aggiornamento, il miglioramento e il perfezionamento della preparazione professionale, in particolare nel periodo di minor presenza presso lo studio. A tale scopo la convenzione prevede corsi di aggiornamento professionale effettuati con modalità di e-learning, riconosciuti ai fini del vigente Regolamento recante le disposizioni sulla formazione continua e validi per il riconoscimento dei relativi crediti formativi, e-book gratuiti e abbonamenti a riviste specializzate. INDENNITÀ DI MATERNITÀ GENITORIALITÀ 1 INFO Tutte le informazioni necessarie per accedere al servizio sui portali:

10 DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl. La proprietà immobiliare oggetto di mutuo può essere cointestata anche al coniuge. Mutui FINALITÀ Il mutuo può essere concesso per l acquisto, la ristrutturazione o la costruzione di unità immobiliari, comprese pertinenze accessorie, destinate ad abitazione o studio professionale. IMPORTO E LIMITI Massimo finanziabile euro (e comunque entro il limite del 70% del costo di acquisto o del costo di costruzione). TASSO Variabile o fisso, a scelta del richiedente. DURATA 5 anni, 10 anni, 15 anni o 20 anni. MODALITÀ DI RIMBORSO Il rimborso avverrà in rate semestrali, posticipate, costanti, comprensive di capitale ed interessi scadenti il 30 giugno e il 31 dicembre di ogni anno. PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La domanda deve essere presentata in via telematica, tramite i Servizi Enpacl on line, sul sito alla voce di menu Mutui.

11 PRESTITI PER I NEO ISCRITTI DESTINATARI Gli iscritti all Enpacl da meno di 10 anni. PRESTITI PERSONALI DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl Prestiti REQUISITI Essere titolari di partita IVA Svolgere l attività professionale in modo individuale e non essere dipendenti o collaboratori o titolari di imprese individuali o amministratori di società di qualsiasi tipo Essere in regola con la contribuzione dovuta all Ente Aver accesso all area riservata dei servizi Enpacl on line. FINALITÀ Acquisto di attrezzature, strumenti e/o arredi necessari allo svolgimento dell attività professionale, esclusi veicoli e cellulari. Gli iscritti possono accedere al prestito una sola volta per progetto, inteso come investimento finalizzato, e questo dovrà riguardare spese ancora da sostenere alla data di presentazione della domanda. REQUISITI Essere in regola con la contribuzione dovuta all Ente Aver accesso all area riservata dei servizi Enpacl on line Aver acceso, anche congiuntamente alla richiesta di prestito, presso la Banca Popolare di Sondrio un conto corrente (anche on line). FINALITÀ Il prestito personale è concesso per qualsiasi finalità. IMPORTO Minimo euro e massimo euro. TASSO Variabile, pari alla media mensile dell Euribor tre mesi aumentata di tre punti. MUTUI PRESTITI 1 IMPORTO 100% delle spese documentate, al netto dell IVA, con un massimo di euro. DURATA Minimo 12 mesi e massimo 84 mesi. TASSO Variabile, pari alla media dell Euribor tre mesi aumentato di 2 punti. Detto tasso non potrà mai essere inferiore al 2%. Per l anno 2015, il dovuto per interessi è a totale carico dell Enpacl. DURATA 5 anni PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Entrambe le domande di prestito devono essere presentate in via telematica, tramite i Servizi Enpacl on line, sul sito INFO Le convenzioni sono pubblicate sul sito Per ulteriori informazioni, gli uffici della Banca Popolare di Sondrio rispondono a:

12 Enpacl Card ENPACL CARD E la carta di credito ideata per i Consulenti del Lavoro, nata dalla collaborazione tra Enpacl e Banca Popolare di Sondrio. LINEE DI CREDITO Enpacl Card dispone di 3 linee di credito distinte: PRIMA LINEA (ORDINARIA): consente il pagamento degli acquisti presso gli esercizi commerciali convenzionati con i circuiti Visa o MasterCard e il prelievo contanti (utilizzando il codice segreto) presso tutti gli sportelli automatici ATM convenzionati Visa o MasterCard in Italia e all'estero: plafond minimo euro e massimo euro; SECONDA LINEA (CONTRIBUTI): è finalizzata al versamento via internet, sicuro e senza spese, dei contributi previdenziali Enpacl: plafond minimo euro e massimo euro; TERZA LINEA (PRESTITI): permette di trasformare in contanti, in parte o per intero, l'importo del plafond, con accredito della somma richiesta direttamente sul proprio conto corrente:plafond minimo euro e massimo euro. DURATA E MODALITÀ DI RINNOVO Enpacl Card ha validità triennale. Alla scadenza, la carta è automaticamente rinnovata e la Banca invia un nuovo esemplare. ENPACL CARD PER I NEO ISCRITTI DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti, per la prima volta, da meno di 5 anni, con età anagrafica entro i 40 anni. L Ente, con l intento di favorire la diffusione della Enpacl Card presso i giovani iscritti, ha stipulato con la Banca Popolare di Sondrio una convenzione per l erogazione di una Carta di credito co-branded, dotata tra l altro di una linea di credito dedicata al versamento, via internet, dei contributi dovuti all Ente e che prevede modalità di rimborso a saldo oppure rateale. Allo scopo, ed esclusivamente per il pagamento dei contributi, l Ente ha manifestato la propria disponibilità a rilasciare idonee garanzie alla Banca. Enpacl Card Neo Iscritti Enpacl Card per i neo iscritti dispone di 2 linee di credito distinte (plafond): PRIMA LINEA (ORDINARIA): consente il pagamento degli acquisti presso gli esercizi commerciali convenzionati con i circuiti Visa o MasterCard e il prelievo contanti (utilizzando il codice segreto) presso tutti gli sportelli automatici ATM convenzionati Visa o MasteCard in Italia e all'estero: plafond massimo 800 euro; SECONDA LINEA (CONTRIBUTI): è finalizzata al versamento via internet, sicuro e senza spese, dei contributi previdenziali Enpacl tramite i servizi Enpacl on line. Plafond mensile massimo euro.

13 Enpacl Card Enpacl on line Neo Iscritti MODALITÀ DI RICHIESTA Per richiedere la Enpacl Card o la Enpacl Card per i neo iscritti, occorre accedere alla propria area riservata dei servizi Enpacl online, alla voce di menu "Enpacl Card - Richiesta Carta". COSTO Sia Enpacl Card sia Enpacl Card per i neo iscritti hanno canone annuale pari a zero. INFO Il Servizio Clienti della Banca Popolare di Sondrio - dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore e dalle alle risponde a: ENPACL ON LINE (EOL) E un servizio, completamente gratuito, messo a disposizione degli iscritti 24 ore su 24. Si accede dal sito SERVIZI ENPACL PRESENTI ON-LINE: ENPACL CARD PRESENTAZIONE DOMANDE ON-LINE HELP DESK: CONSULENZA ON LINE VERSAMENTO CONTRIBUTI FACOLTATIVI ESTRATTO CONTO INTEGRATO INPS VARIAZIONI DATI ANAGRAFICI CONSULTAZIONI DICHIARAZIONI ON LINE ATTESTAZIONE DI PAGAMENTO VERSAMENTO CONTRIBUTI SPONTANEI IN ACCONTO SIMULATORE DELLE PENSIONI DICHIARAZIONE DEI REDDITI E VOLUMI D AFFARI GESTIONE PENSIONE SIMULATORE RISCATTI E RICONGIUNZIONI ENPACL CARD ENPACL ON LINE 1

14 Integrativa Assistenza Sanitaria DESTINATARI I Consulenti del Lavoro iscritti all Enpacl. CARATTERISTICHE L'assistenza sanitaria integrativa offerta dall'ente tramite EMAPI si articola su due livelli. A tutti gli iscritti è garantita, gratuitamente, la copertura di base per i cosiddetti "Grandi interventi Chirurgici e Gravi Eventi Morbosi", Garanzie A della convenzione. SPECIFICITÀ Gli iscritti hanno la possibilità, dal 16 aprile al 15 luglio di ogni anno, di aggiungere volontariamente, con onere a proprio carico, un programma assicurativo di complemento, di cui alle Garanzie B, che prevede rimborsi per visite specialistiche, accertamenti diagnostici ed altro. Inoltre, possono estendere al proprio nucleo familiare sia le garanzie "A" che le "B", nei limiti di polizza. POSIZIONI PARTICOLARI Il pensionato Enpacl cancellato ha la possibilità di rinnovare la copertura sanitaria, in modo volontario e senza interruzioni nonché con onere a proprio carico. Il pensionato che non rinnovi l'adesione ad ogni scadenza dell'annualità assicurativa non potrà più essere reinserito in copertura. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SANITARIE DIRETTA prevede il pagamento diretto della prestazione da parte dell assicurazione in caso di ricovero o prestazione presso strutture convenzionate. INDIRETTA -prevede che le spese relative alle prestazioni effettuate vengano rimborsate all'assicurato, nei limiti previsti dalle singole garanzie "A" e "B", dietro presentazione on line della documentazione medica e delle copie delle ricevute attestanti le spese sostenute, previa compilazione del modulo di rimborso reperibile all'interno della sezione "Modulistica rimborsi" del sito web MODALITÀ DI PRENOTAZIONE Occorre telefonare alla centrale operativa EMAPI/Generali, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 18, al numero verde

15 Long Term Care (LTC) DESTINATARI Gli iscritti all Enpacl che, al momento dell'attivazione della copertura (1 marzo 2015), non abbiano compiuto i 70 anni di età. CARATTERISTICHE Si tratta di una forma di tutela, aggiuntiva rispetto alla pensione, che interviene in caso di non autosufficienza, presumibilmente permanente e garantisce l'erogazione di una rendita mensile di 903 vita natural durante. La polizza LTC prevede una copertura base e supplementare collettiva, il cui onere è a totale carico dell'ente. STATO DI NON AUTOSUFFICIENZA È considerato in stato di non autosufficienza l'iscritto che, a causa di una malattia, di infortunio o per perdita delle forze, si trovi, per un periodo di tempo non inferiore a 90 giorni continuativi, in uno stato tale - presumibilmente in modo permanente - da aver bisogno dell'assistenza di un'altra persona per aiutarlo nello svolgimento di attività ordinarie della vita quotidiana ADL (Activities of Daily Living), nonostante l'utilizzo di apparecchiature mediche e/o chirurgiche. SPECIFICITÀ Alla fine del mese di febbraio di ciascun anno, ai Consulenti del Lavoro che già fruiscono della Copertura Base erogata con onere a carico dell'ente, è consentito di incrementare, a titolo individuale e volontario e con onere aggiuntivo a proprio carico, la somma assicurata, al fine di migliorare la rendita cui avranno diritto vita natural durante. Trascorso inutilmente detto termine, l'adesione potrà essere richiesta con la nuova annualità. POSIZIONI PARTICOLARI Coloro che abbiano superato il limite di età di 70 anni, successivamente all adesione, ed i pensionati che cessino l'attività professionale, hanno la possibilità di mantenere la Convenzione Long Term Care a titolo individuale, con onere a proprio carico, a condizione che non vi sia soluzione di continuità con l'adesione in forma collettiva sottoscritta dall Enpacl. ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA LONG TERM CARE (LTC) 1 INFO Sul sito sono pubblicate le informazioni relative sia alla polizza di assistenza sanitaria integrativa sia alla polizza di Long Term Care EMAPI/GENERALI.

16 Contributo soggettivo MINIMO, MASSIMO E ALIQUOTA I Consulenti del Lavoro iscritti all'ente, compresi i pensionati, sono tenuti a corrispondere annualmente il contributo soggettivo. Tale contributo è calcolato come pari al 12 per cento del reddito professionale prodotto in forma individuale, associata o societaria nell'anno precedente. È, comunque, dovuto un contributo soggettivo annuo minimo, corrisposto in quattro rate cadenti in aprile, giugno, settembre e novembre. E' previsto, altresì, un contributo soggettivo massimo. Il contributo soggettivo è rapportato a mese, in relazione al periodo di effettiva iscrizione nell'anno solare. NEO ISCRITTI INFRA TRENTACINQUENNI I giovani che si iscrivono all'ente per la prima volta con età inferiore ai 35 anni, per l'anno di iscrizione e per i 4 anni successivi, versano il contributo soggettivo con l'applicazione dell'aliquota pari al 6 per cento anziché al 12 per cento. Detta riduzione è prevista anche in caso di contribuzione soggettiva dovuta nella misura minima. La riduzione è applicata d ufficio. Il neo iscritto ha facoltà, a domanda, di applicare l'aliquota intera, con decorrenza dal mese successivo alla richiesta. PENSIONATI ISCRITTI I pensionati che restano iscritti all'ente possono ottenere, a domanda, il dimezzamento dell'aliquota contributiva (6 per cento anziché 12 per cento). La riduzione decorre dal mese successivo a quello della richiesta. Il supplemento di pensione sarà calcolato conteggiando sia il contributo soggettivo che l'integrativo effettivamente corrisposto.

17 Contributo integrativo MINIMO E ALIQUOTA Gli iscritti agli Albi provinciali dei Consulenti del Lavoro devono applicare una maggiorazione percentuale pari al 4 per cento su tutti i compensi relativi all'esercizio dell'attività professionale di Consulente del Lavoro. Anche in assenza di volume d'affari o partita IVA è dovuto un contributo integrativo minimo. La contribuzione integrativa deve essere riversata all'ente indipendentemente dall'avvenuto pagamento da parte del cliente, nei confronti del quale il Consulente del Lavoro ha diritto di rivalsa. AMBITO DI APPLICAZIONE La maggiorazione del 4 per cento deve essere applicata anche sui corrispettivi derivanti da attività svolte nel campo fiscale, tributario e contabile e su quelli derivanti dall'attività di amministratore, revisore o sindaco di società o enti. ASSOCIAZIONI E SOCIETÀ TRA PROFESSIONISTI I Consulenti del Lavoro facenti parte di associazioni o società tra professionisti devono versare la maggiorazione del 4 per cento per la quota di volume d'affari di competenza di ogni associato iscritto all'albo dei Consulenti del Lavoro. COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA ANNUALE Entro il 16 settembre, tutti i Consulenti del Lavoro che risultino iscritti all'albo professionale, anche per frazione d'anno, devono comunicare all'ente, esclusivamente in via telematica, l'ammontare del reddito professionale e del volume d'affari ai fini IVA, conseguito e prodotto nell'anno precedente, nonché versare il saldo del contributo soggettivo (12% del reddito professionale, detratto il minimo) e il contributo integrativo. Il versamento può essere effettuato in una o in quattro rate (da settembre a dicembre). La comunicazione deve essere comunque effettuata, anche nei casi di assenza di partita IVA o di volume d'affari pari a zero. VERSAMENTI SPONTANEI I versamenti spontanei costituiscono anticipazioni della contribuzione obbligatoria, eccedente il minimo, dovuta per l'anno in corso. In sede di dichiarazione l interessato decide a che titolo imputare tali anticipazioni CONTRIBUTO SOGGETTIVO INTEGRATIVO MODULARITÀ 1

18 e Modularità Busta Arancione COS E La Busta arancione Enpacl è una proiezione, basata sulla posizione individuale maturata alla data di estrazione e su ipotesi e dati stimati, che ha lo scopo di consentire una valutazione sintetica e prospettica della propria posizione previdenziale e della prima pensione annua. Rappresenta, quindi, uno strumento utile al fine di identificare, anno dopo anno, la soluzione contributiva più idonea a raggiungere il proprio obiettivo pensionistico. OBIETTIVO Il progetto, tra i primi in Italia, si pone l obiettivo di comunicare agli iscritti non solo il montante pensionistico maturato fino al momento della comunicazione, ma anche una stima, scientificamente e tecnicamente valida, relativa alla futura rendita pensionistica e alla possibile integrazione che la modularità contributiva può offrire. LA MODULARITÀ E' una forma di contribuzione ulteriore a quella soggettiva, da versare ad adesione volontaria, attraverso la quale si realizza un incremento della pensione futura. La misura del contributo aggiuntivo è pari a euro 500 o multipli. Deve essere versato entro l'anno solare di competenza a mezzo appositi avvisi di pagamento predisposti dall Ente e può essere versato anche a mezzo modello F24 ordinario. VANTAGGI Da subito, si ha un vantaggio fiscale, perché il contributo aggiuntivo versato è integralmente deducibile dal reddito, senza alcun tetto massimo. Al momento del pensionamento, si ha un vantaggio previdenziale, perché si ha diritto ad una maggior quota di pensione, oltre quella base. COSTI Agli iscritti non vengono addebitate, al contrario dei versamenti per la previdenza integrativa e complementare, né spese in percentuale sui contributi versati, né costi per la trasformazione della rendita in capitale, né spese di gestione. DECORRENZA DELLA PRESTAZIONE Al momento della liquidazione della pensione di vecchiaia, vecchiaia anticipata o inabilità, all'iscritto viene liquidata d'ufficio, con la stessa decorrenza, la maggior quota di pensione cui ha diritto per aver effettuato versamenti di contribuzione aggiuntiva. La quota di pensione contributiva è anch essa reversibile ai superstiti. INFO Sul sito sono pubblicate ulteriori informazioni.

19 NOTE 1NOTE

20 Enpacl Viale del Caravaggio, ROMA

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro Parma, 31/07/2015 Prot. n. 174 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro di Parma Oggetto: Circolare n. 19_2015. A) Forum Lavoro 12à edizione del 24/09/2015. B) Enpacl: interventi

Dettagli

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013 Dr. Dino Cesare Lafiandra ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV Contributo soggettivo Tutti gli iscritti all Ente sono

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI

ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI M O D A L I T À, C O S T I, A D E M P I M E N T I Relatore: geom. Oddone Zecchin Segretario del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Padova L ISCRIZIONE ALL ALBO DEI

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI ISCRIZIONE ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ENPAV L ORDINE PUO

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it OPPORTUNITA E SERVIZI Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it Padova 02 aprile 2014 ISCRIZIONE PRIMA DEL 30 ANNO DI ETA Per chi si iscrive all Ente prima

Dettagli

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Recante le modifiche adottate dall Assemblea dei Delegati in data

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO 1 PRESTITI D'ONORE 2 PRESTITI D'ONORE BENEFICIARI Possono accedere al Prestito d'onore: gli Iscritti ad Inarcassa con

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

realeleone@tiscali.it 0925/31697 3334104061

realeleone@tiscali.it 0925/31697 3334104061 News Inarcassa Delegato Architetti Agrigento Architetto Paolo MORREALE (delegato INARCASSA architetti della Provincia di Agrigento) realeleone@tiscali.it 0925/31697 3334104061 Anche quest anno Inarcassa,

Dettagli

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve CASSA FORENSE Conoscerla in breve 1 A cura della Commissione Formazione di Cassa Forense: Avv. Barilli Cecilia Avv. Cecchin Pietro Paolo - Coordinatore Avv. Facchetti Eleonora - Segretario Avv. Giacchetti

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

Catania, 12 giugno 2015

Catania, 12 giugno 2015 La Previdenza dei Dottori Commercialisti tra attualità e prospettive Catania, 12 giugno 2015 1 La CNPADC ha come finalità statutaria quella di svolgere funzioni di previdenza e di assistenza Le prestazioni

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

. LA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI.

. LA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI. . LA CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI.. VERSAMENTI OBBLIGATORI 2008 ALLA CASSA DI PREVIDENZA GEOMETRI. CONTRIBUTO SOGGETTIVO: CONTRIBUTO INTEGRATIVO: AGEVOLAZIONI PER I NEO - ISCRITTI:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA DEGLI AGROTECNICI E DEGLI AGROTECNICI LAUREATI CAPO PRIMO - DEI SOGGETTI Art. 1: Iscritti alla Gestione. 1. Gli iscritti all'albo degli Agrotecnici e degli Agrotecnici

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Approvato dall Assemblea dei Delegati nella riunione del 24 e 25 giugno 2008 e

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI

CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI CASSA ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA GEOMETRI La Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri Liberi Professionisti, è l Ente previdenziale della nostra Categoria, privatizzato e trasformato

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Agenzia di Vercelli. vercelli.agenzia@popso.it. Vercelli, 25 Novembre 2013

Banca Popolare di Sondrio Agenzia di Vercelli. vercelli.agenzia@popso.it. Vercelli, 25 Novembre 2013 Società cooperativa a responsabilità limitata - Fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 SONDRIO - Piazza Garibaldi, 16 Tel. ++39 0342/528.111 - Fax: ++39 0342/528.204 - Telex: 312652

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Il welfare dell EPAP. Comitato dei Delegati Attuari Tiziana Tafaro Daria Altobelli Franca Forster

Il welfare dell EPAP. Comitato dei Delegati Attuari Tiziana Tafaro Daria Altobelli Franca Forster Il welfare dell EPAP Comitato dei Delegati Attuari Tiziana Tafaro Daria Altobelli Franca Forster Il welfare dell EPAP L'EPAP oggi e domani L EPAP e l assistenza sanitaria EMAPI L EPAP come investitore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI ART. 1 Prestazioni 1.1 La Cassa corrisponde le seguenti pensioni: a) di vecchiaia; b)

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum Gennaio 2014 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto

Dettagli

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ENPAF L Enpaf è l ente di previdenza e assistenza dei farmacisti che eroga pensioni, prestazioni di assistenza e indennità di maternità agli iscritti che ne abbiano diritto, secondo le norme di legge o

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA... 2 L indennità di maternità... 2 L indennità per interruzione di gravidanza... 3 Il contributo a sostegno

Dettagli

CIRCOLARE RELATIVA ALLA RIFORMA PREVIDENZIALE DELLA CASSA RAGIONIERI

CIRCOLARE RELATIVA ALLA RIFORMA PREVIDENZIALE DELLA CASSA RAGIONIERI INTRODUZIONE Con Decreto Interministeriale del 22 aprile 2004, è stata resa esecutiva la deliberazione del Comitato dei delegati di cui alla riunione del 20 dicembre 2003 che ha approvato, fra l'altro,

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

Il percorso normativo - Cenni storici Cenni storici art. 38 della Costituzione D.Lgs. 509/1994 associazioni o fondazioni Legge 335/95 Riforma Dini,

Il percorso normativo - Cenni storici Cenni storici art. 38 della Costituzione D.Lgs. 509/1994 associazioni o fondazioni Legge 335/95 Riforma Dini, Finalità, organizzazione e funzionamento dell EPAP Dott. Claudio Torrisi Presidente dell Ordine dei Chimici di Catania Consigliere del Consiglio di Indirizzo Generale dell EPAP Il percorso normativo -

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

WORKSHOP PER I DELEGATI

WORKSHOP PER I DELEGATI WORKSHOP PER I DELEGATI IL WELFARE INTEGRATO: FONDO FUTURA, ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA E LONG TERM CARE Dott.ssa Gera Valenti ROMA, 20 FEBBRAIO 2014 WELFARE INTEGRATO PERCHE RISCHI DI UNA VITA LUNGA

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95)

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) Caratteristiche dei destinatari degli estratti L'emissione dell'estratto conto nei

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012

NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 23 LUGLIO 2012 Il Comitato Amministratore nella seduta del 18/01/2012 ha approvato il testo del nuovo Regolamento. il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, avente

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI ART. 1 Prestazioni 1.1 La Cassa corrisponde le seguenti pensioni: a) di vecchiaia; b)

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA CONSULENTI DEL LAVORO

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA CONSULENTI DEL LAVORO ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA CONSULENTI DEL LAVORO GUIDA ALL ENPACL Rev. 051 2003 ENPACL - Viale del Caravaggio, 78-00147 ROMA Indirizzo internet: www.consulentidellavoro.it e-mail: info@enpacl.it

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Regolamento di previdenza e assistenza TITOLO I DELLE PRESTAZIONI

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Regolamento di previdenza e assistenza TITOLO I DELLE PRESTAZIONI E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Regolamento di previdenza e assistenza Versione approvata dai Ministeri vigilanti con nota direttoriale del Ministero

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

COPIA BOZZA FINALE PER PRESENTAZIONE EMENDAMENTI STATUTO. Testo vigente Bozza finale Note

COPIA BOZZA FINALE PER PRESENTAZIONE EMENDAMENTI STATUTO. Testo vigente Bozza finale Note COPIA BOZZA FINALE PER PRESENTAZIONE EMENDAMENTI STATUTO Testo vigente Bozza finale Note Art. 22 - Contributo soggettivo Art. 22 - Contributo soggettivo Art. 22 - Contributo soggettivo 22.1 - Il contributo

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI Cosa significa qualificarsi all EPPI CONTRIBUTI EPPI Ogni perito industriale iscritto all Albo ha l obbligo di qualificarsi con l Ente. Qualificarsi significa comunicare all Eppi la propria posizione nei

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

I N A R C A S S A CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

I N A R C A S S A CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI Roma, 26 ottobre 2010 I N A R C A S S A CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI RELAZIONE SUL BILANCIO TECNICO AL 31.12.2009 REDATTO AI SENSI DEL

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI)

Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014. Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Attuazione dell articolo 1 comma 2 legge 183/2014 Titolo I Disciplina della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego (NASpI) Art. 1 Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l Impiego

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza Febbraio 2009 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Assegno ordinario di invalidità Art. 1 1. Si considera invalido, ai fini del conseguimento del diritto ad assegno nell'assicurazione

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

I lavoratori autonomi in agricoltura

I lavoratori autonomi in agricoltura L I Premessa Chi sono Da alcuni anni è stata riconosciuta una più ampia tutela previdenziale a coloro che svolgono l attività autonoma in agricoltura. In questa guida sono contenute tutte le informazioni

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli