Le carte di credito. 1. Disciplina. 2. Carte bilaterali e carte trilaterali. 3. L utilizzo delle carte di credito. 4. La smart card.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le carte di credito. 1. Disciplina. 2. Carte bilaterali e carte trilaterali. 3. L utilizzo delle carte di credito. 4. La smart card."

Transcript

1 17 Le carte di credito SOMMARIO 1. Disciplina. 2. Carte bilaterali e carte trilaterali. 3. L utilizzo delle carte di credito. 4. La smart card. 1. Disciplina Dalla carta bancomat e dal sistema POS si distingue la carta di credito. Se la prima svolge una mera funzione di trasmissione del denaro, in quanto il regolamento è contestuale alla transazione, la carta di credito dà diritto al suo titolare di ottenere beni o servizi dai fornitori convenzionati, attraverso la sottoscrizione di ordini di pagamento predisposti dall istituto, ovvero lo scontrino emesso da un apposita macchina validatrice in dotazione all esercizio convenzionato. Il pagamento in denaro è dunque posticipato rispetto alla transazione. Anche la carta di credito, come la carta di debito bancomat, consiste in una tessera di plastica riportante il nome del titolare, la sua firma autografa, il numero di codice di identificazione e la data di scadenza. Le fonti normative sulla carta di credito sono nel nostro ordinamento assai scarse. Un accenno alle carte di pagamento si trova nella legge 22 maggio 1999, n. 185, di attuazione della direttiva n. 97/7/CE relativa alla protezione del consumatore in materia di contratti a di-

2 358 Altri mezzi di pagamento stanza. Si stabilisce in tale legge che gli stati membri accertano che esistano misure appropriate affinché il consumatore Normativa «possa chiedere l annullamento di un pagamento in caso di utilizzazione fraudolenta della sua carta di pagamento nell ambito di contratti a distanza cui si applica la direttiva». La direttiva si preoccupa dunque di disporre che, nel caso di uso fraudolento della carta di credito, il consumatore possa annullare il pagamento. La normativa in questione prevede altresì che il consumatore possa effettuare il pagamento mediante carta di credito, ove ciò fosse previsto fra le modalità di pagamento da comunicarsi al consumatore. Ulteriori accenni ai pagamenti effettuati con carta di credito sono contenuti negli artt del Testo Unico Bancario, di cui al D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 e succ. mod. Si stabilisce in particolare all art. 121 che il credito al consumo è: Normativa «la concessione, nell esercizio dell attività commerciale o professionale, di credito sotto forma di dilazione di pagamento, di finanziamento o di altra analoga facilitazione finanziaria a favore di una persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta». In realtà il riferimento alle carte di credito è previsto solamente all art. 126, relativo all apertura di credito non direttamente collegata al loro impiego. A ben vedere, è rinvenibile il collegamento tra le carte di credito e le disposizioni sul credito al consumo, ove si consideri la carta di credito un documento che legittima il suo possessore ad acquistare a credito dagli esercenti convenzionati, beni o servizi, per il pagamento dei quali è obbligato innanzitutto l emittente della carta medesima. Il Testo Unico delle leggi in materia bancaria ha altresì stabilito l esercizio nei confronti del pubblico dell attività di emissione e gestione di carte di credito riservandolo alle banche, agli intermediari iscritti in apposito elenco tenuto dall ufficio italiano cambi, che abbiano forma di società di capitali, oggetto sociale che consenta di svolgere attività di emissione e gestione di carte di credito, capitale sociale versato di almeno ,90 e il possesso da parte dei partecipanti al capitale dei requisiti di onorabilità e da parte degli

3 Le carte di credito 359 esponenti aziendali di professionalità e onorabilità. Le carte di credito, oltre che dalle banche, possono essere emesse anche da società specializzate o da catene di distribuzione commerciale (fidelity card). In quest ultimo caso la carta di credito può essere utilizzata per il pagamento di acquisti effettuati nei punti vendita della catena di appartenenza. Come si configura esattamente la carta di credito? È stata definita la terza generazione dei mezzi di pagamento, dopo la banconota e l assegno bancario: in realtà non è un titolo di credito perché non possiede il requisito fondamentale della trasferibilità del diritto, né è un documento di legittimazione, atteso che il fornitore ha l obbligo contrattuale di effettuare controlli sull identità del portatore e sulla validità del contratto di emissione. Da un punto di vista sostanziale, si tratta di uno strumento di pagamento, che dà luogo a un regolamento in denaro posticipato rispetto alla transazione, da un punto di vista giuridico si tratta di un documento rappresentante un operazione complessa scomponibile a sua volta in una pluralità di rapporti, la cui funzione principale consiste nel procurare all utilizzatore l accesso a beni o servizi presso determinati esercizi convenzionati evitando il versamento immediato del corrispettivo. Le convenzioni regolatrici dei rapporti tra istituto emittente, titolare e fornitore stabiliscono l impegno del titolare della carta, ossia del cliente, di pagare all istituto emittente il prezzo dei beni o servizi ottenuti in un momento successivo a quello dell acquisto, nonché l obbligo del fornitore di fornire i beni o servizi richiesti dal titolare della carta e, ancora, l obbligo dell istituto emittente di pagare al fornitore il corrispettivo dei beni o servizi venduti al netto di una commissione di sconto. 2. Carte bilaterali e carte trilaterali Occorre peraltro distinguere il caso in cui l emittente è l esercente, da quello in cui si tratta invece di un soggetto intermediario che non è una banca. Nel primo caso si parla di carte cosiddette bilaterali, nel secondo di carte trilaterali, a seconda cioè se danno luogo ad un semplice rapporto diretto fra emittente e portatore (ed è il caso delle carte emesse da imprese o gruppi per favorire la vendita dei loro prodotti), ovvero

4 360 Altri mezzi di pagamento se sono emesse da un terzo soggetto con l adesione di un certo numero di esercizi impegnati a vendere a credito ai portatori delle carte. In sostanza, nelle carte trilaterali si è di fronte a due rapporti contrattuali che le parti stipulano preventivamente: da un lato, la convenzione di abbonamento o associazione tra l emittente e il fornitore, dall altro, il contratto di rilascio tra l emittente e l utilizzatore della carta. Infine, il contratto di scambio concluso tra il consumatore e l esercente convenzionato viene a chiudere la trilateralità del rapporto. In sostanza, in base al contratto di associazione, l esercente è impegnato a vendere beni o servizi ad ogni titolare della carta, senza pretendere il pagamento immediato del prezzo in contanti, previa esibizione della carta e sottoscrizione di un documento. L emittente è obbligato così a pagare entro un determinato tempo all esercente gli importi delle note di spesa o degli ordinativi, trattenendo una determinata quota a proprio favore sull importo fatturato. In base al contratto di rilascio stipulato tra cliente e titolare, il primo, a fronte del corrispettivo di una commissione annua, rilascia al secondo la carta di credito, tramite la quale è legittimato ad effettuare acquisti presso gli esercizi convenzionati senza pagamento del prezzo. Il titolare si impegna così alle scadenze pattuite a corrispondere all emittente il prezzo dei beni o servizi acquistati in un determinato periodo. Va considerato che l art. 125, 4 comma, del Testo Unico delle leggi bancarie, concede la possibilità al consumatore di agire contro il finanziatore, nei limiti del credito concesso, di fronte all adempimento del fornitore di beni o servizi. Tale diritto è subordinato al rispetto di due requisiti fondamentali, ossia l aver inutilmente costituito in mora il fornitore di beni o servizi e l esistenza di un accordo che attribuisce al finanziatore l esclusiva per la concessione di credito ai clienti del fornitore. Diversi sono stati i tentativi da parte della dottrina di ricostruire secondo prospettive contrattuali diverse la struttura e la funzione della carta di credito trilaterale. Il problema nasce dal fatto che il contratto tra gli operatori economici affiliati al circuito delle carte e gli emittenti delle stesse non è stato ancora normato dal legislatore italiano e pertanto la regolamentazione del rapporto si basa sulle condizioni generali predisposte nell ambito del sistema gestito dai singoli finanziatori. Vi è chi ha individuato nella funzione tipica della carta di credito

5 Le carte di credito 361 trilaterale una sostituzione nel pagamento, ovvero una modificazione soggettiva del rapporto obbligatorio. Tale prospettiva si incentra sulla spendita della carta di credito dal punto di vista dell esercente convenzionato, applicando in tal modo l istituto della cessione di credito, ex art c.c. I crediti del fornitore verso il titolare della carta si trasferiscono dal fornitore (cedente) all emittente (cessionario). Il contratto tra fornitore ed emittente si qualifica pertanto come vendita di crediti futuri, ossia dei crediti che nel periodo di validità della convenzione si formano per effetto dei contratti di scambio conclusi tra il titolare della carta ed il fornitore. Ciò accade se si utilizza la sostituzione nel pagamento nel lato attivo del rapporto obbligatorio. Se invece la sostituzione si ha nel lato passivo del rapporto obbligatorio, l orientamento prevalente identifica l operazione nella delegazione di pagamento ex art c.c., basata sull ordine di pagamento impartito dal cliente all emittente. Il rapporto di provvista è così disciplinato dal contratto di rilascio (delegante-delegato), mentre quello di valuta dal contratto di scambio (delegante-delegatario) e la convenzione di associazione regola il terzo rapporto (delegatodelegatario). 3. L utilizzo delle carte di credito La scelta della tesi della delegazione ovvero della cessione del credito sembra rilevare ai fini della posizione giuridica del titolare della carta negli effetti della sua sottrazione, o smarrimento, o comunque dell utilizzo indebito della stessa. Sia gli assertori della tesi della cessione sia quelli della tesi della delegazione sostengono, nell utilizzo indebito della carta, una responsabilità dell esercente in caso di accettazione della stessa con dolo o colpa grave. Si è in particolare ravvisato un obbligo dell impresa convenzionata circa la verifica di conformità tra la sottoscrizione della nota di spesa e lo specimen apposto sulla carta, sostenendosi in caso di inadempimento una responsabilità dell esercente sia contrattuale, sia extracontrattuale. Nel caso invece non sia riscontrabile dolo o colpa grave dell esercente, in chi sostiene la delegazione il rischio grava sul titolare della carta, in chi sostiene invece la cessione il rischio grava sull emittente. Nell ipotesi di smarrimento o furto della carta, il titolare deve

6 362 Altri mezzi di pagamento darne immediata comunicazione all emittente e presentare denuncia. Sino a quando la segnalazione di smarrimento o di furto non viene a conoscenza dell emittente, restano a carico del titolare della carta le conseguenze connesse con l eventuale uso abusivo del documento. Va peraltro considerato che la normativa sovranazionale ha recepito la raccomandazione della Commissione della Comunità Europea 17 novembre 1988, n. 590, secondo cui vi è limitazione di responsabilità, nel senso che il proprietario della carta è responsabile sino al momento della notifica del danno subìto in conseguenza della perdita del furto o della riproduzione della carta, nei limiti di una somma pari a 150 per ogni caso, a meno che abbia agito con negligenza o in modo fraudolento. Circa la responsabilità dell esercente convenzionato, è stato considerato il caso del superamento del limite di spesa sopra il quale occorre l autorizzazione dell emittente, superamento che si attua attraverso la sommatoria di varie operazioni singolarmente di importo inferiore a tale limite. La giurisprudenza di merito ha peraltro stabilito che: Giurisprudenza «nel caso di smarrimento o sottrazione di carte di credito utilizzate illecitamente da persone diverse dagli originari beneficiari, il mancato controllo, imputabile all assenza di un minimo di diligenza, da parte del negoziante, della corrispondenza della firma dell acquirente con carta di credito con quella apposta sullo stesso documento costituisce sia violazione degli obblighi contrattuali, assunti con la convenzione, sia violazione del principio del neminem laedere, che si considera esteso anche ai rapporti di credito». Trib. Milano 24 febbraio1994. Sovente, dunque, gli artifici e gli illeciti sulle carte di credito sono desumibili da alcuni elementi quali una molteplicità di acquisti, un importo per ogni operazione al di sotto dei limiti al cui superamento si deve chiedere l autorizzazione, una concentrazione in un breve periodo di tempo delle operazioni. Tali elementi portano a considerare le varie operazioni di acquisto come una unica, per cui l unificazione risulta effettuata allo scopo fraudolento che verrebbe perseguito con le distinte operazioni collocate in un ristretto arco di tempo. In tali casi la giurisprudenza ha individuato sia una responsabilità contrattuale da parte dell esercente, derivante da una negligenza per non aver rilevato un evidente caso di frazionamento di infrazioni e non aver quindi attivato le procedure di controllo, sia una responsa-

7 Le carte di credito 363 bilità extracontrattuale, desumibile dallo stesso tipo di addebito che la banca muove al negoziante. Giurisprudenza «Invero, il comportamento (già contrattualmente censurabile) del negoziante appare rilevante anche sotto il profilo della colpa per non aver rilevato l inganno posto in essere dai terzi, volto ad eludere l obbligo dell autorizzazione, circostanza che l insieme delle operazioni e la loro concentrazione nel tempo rendevano evidente. Si tratterebbe in questo caso di una responsabilità aquiliana per lesione del credito, dal momento che il comportamento colposo del negoziante pregiudica il rapporto che intercorre tra la banca e l effettivo titolare della carta, rendendo alla prima impossibile la ripetizione delle somme del cliente, avendo quest ultimo tempestivamente denunciato la sottrazione della carta a lui intestata». Trib. Milano 9 novembre Naturalmente vi è una precisa responsabilità del titolare della carta per omessa custodia della stessa. Si è visto che in caso di perdita della carta vi è l obbligo per l utilizzatore di comunicare il furto o lo smarrimento e tale obbligo si ritiene osservato solo in quanto l utilizzatore eserciti una costante vigilanza sulla permanenza della carta nella sua sfera di disponibilità. Giurisprudenza «La postulata configurazione di uno specifico obbligo di custodia della carta in capo al suo utilizzatore si prospetta, quindi, funzionale tanto al corretto esercizio dei diritti di utilizzazione della stessa, quanto all arresto di ogni suo illecito impiego, dipendente dalla necessità della denuncia della perdita della sua disponibilità, che per ovvie ragioni deve essere la più tempestiva possibile». App. Milano 16 novembre Proprio per tali ragioni l obbligo di custodia della carta rappresenta uno dei doveri fondamentali nascenti dal contratto che ne regola la concessione. In particolare, il titolare della carta non deve mai perderla di vista soprattutto durante i pagamenti, deve accertarsi, prima della firma della ricevuta d acquisto, che l importo indicato relativo all acquisto sia quello esatto, non deve gettare o lasciare incustodite le ricevute d acquisto su cui è stampato il numero della carta e la data di scadenza, deve controllare gli estratti conto e in caso di transazioni sospette comunicarlo all emittente della carta, e controllare che l estratto conto arrivi tutti i mesi perché potrebbe essere stato utilizzato illecitamente.

8 364 Altri mezzi di pagamento Ancora il titolare non deve rivelare il PIN della carta a chicchessia ed assicurarsi di non essere osservato mentre digita il codice segreto presso un esercizio dove effettua gli acquisti. Quanto all utilizzo della carta di credito su internet, il titolare della carta dovrebbe utilizzarla solo su siti web sicuri, utilizzando i motori di ricerca in modo da trovare indicazioni sull affidabilità di un negozio on line attraverso commenti e messaggi di utenti che hanno già acquistato in passato. Occorre anche assicurarsi che sul sito web sia indicato un indirizzo ed un numero telefonico ove poter contattare il venditore e ancora occorre assicurarsi che all atto dell acquisto sia presente l icona di transazione sicura indicata sul browser con un piccolo lucchetto posto in basso a sinistra e che sulla barra dell indirizzo compaia la dicitura https://, anziché Non appena il titolare della carta si accorge di essere stato vittima di una frode deve provvedere a bloccarla telefonando all apposito numero telefonico delle carte bloccate, controllando poi l estratto conto ed evidenziando le spese non autorizzate o non riconosciute. Occorre poi procedere immediatamente con denuncia alle forze dell ordine nei confronti di ignoti, allegando copia dell estratto conto con le voci non riconosciute, evidenziando di aver sempre custodito la carta e il PIN presso di sé, dopo di che la copia della denuncia e dell estratto conto va indirizzata alla società emittente via fax o via posta raccomandata. Generalmente la società emittente provvede nell arco di qualche mese a rimborsare l importo frodato. Per quanto riguarda l esercente, in caso di transazioni con carta di credito, occorre ricordare che l autorizzazione concessa dall emittente non garantisce l effettivo pagamento dell importo oggetto di transazione, ma unicamente che la carta è valida e non è stata denunciata, smarrita, o rubata ed inoltre che vi sono fondi sufficienti per effettuare l acquisto. Esistono peraltro dispositivi di sicurezza in grado di aiutare l esercente ad identificare eventuali ordini fraudolenti. In particolare, il codice CSC o CVV2 è un codice di sicurezza di 3 o 4 cifre presente sul retro o sul fronte della carta di credito che dovrebbe garantirne la genuinità. AVS (address verification system) è invece un dispositivo di sicurezza in grado di controllare che l indirizzo utilizzato dall utente in fase di ordine coincida con quello effettivamente associato alla carta di credito: questo sistema non è peraltro ancora in vigore nel nostro Paese.

9 Le carte di credito 365 Nel caso in cui l esercente sospetti di una frode, deve accertarsi che il numero telefonico di rete fissa che gli viene dato sia intestato all effettivo titolare della carta, così come indicato dall ordine e, in caso contrario, deve chiedere spiegazioni al cliente. Ma come si arriva alla falsificazione della carta? Una carta di credito falsificata o clonata può essere una carta stampata e codificata senza il permesso dell emittente, ovvero una carta regolarmente emessa ma successivamente alterata. In caso di falsificazione, viene per lo più utilizzata la tecnica cosiddetta dello skinning, un procedimento nel quale i dati contenuti nella banda magnetica di una carta di credito vera vengono copiati in una carta fasulla, senza peraltro che il titolare ne sia a conoscenza. Accade in particolare che il titolare della carta paga con il proprio documento preso in esercizio commerciale, la carta viene passata nel terminale POS e successivamente in un apparecchio detto skinner in grado di catturare i dati presenti sulla banda magnetica. Lo skinner riesce a memorizzare i dati di oltre 200 carte di credito: i dati così acquisiti vengono copiati sulla banda della carta falsificata o sono rivenduti a chi si occupa della successiva codifica. La carta a questo punto falsificata viene stampata in modo che i dati sulla banca magnetica coincidano con quelli sul fronte della carta di credito. Occorre dunque chiedersi quali sono gli elementi della carta di credito che concorrono a portare alla falsificazione. Innanzitutto, vi è un sistema di numerazione delle carte, per il quale i numeri in rilievo sul dorso della carta indicano il circuito di appartenenza (la prima cifra) e successivamente hanno altre dodici o sedici cifre che indicano il numero identificativo della banca emittente della carta e poi altri numeri di identificazione. Sul retro della carta vi è una banda magnetica, simile al nastro di un audiocassetta, composta da particelle magnetiche di resina ove sono memorizzati i dati. Infine, a seconda del circuito e della banca emittente, vi sono codici di sicurezza cosiddetti CVV (card verification value) o CVC (card verification code), che costituiscono un ulteriore misura di sicurezza nelle transazioni on line effettuate con carte di credito e consentono all istituto che l ha emessa di verificare l identità del titolare, prevenendo così possibili frodi. Quando si consegna la carta di credito ad un esercente perché sia effettuata una transazione, questi, per verificare che la carta possa pagare l acquisto, deve chiedere l autorizzazione alla banca emittente, che si ottiene tramite il terminale POS, ed in tal caso l esercente, dopo aver digitato l importo della transazione, striscia la carta nel

10 366 Altri mezzi di pagamento terminale: i dati presenti nella banda magnetica vengono trasmessi al possessore della carta che, dopo pochi secondi, dà l esito della transazione ed il terminale emette la ricevuta che dovrà essere firmata dal titolare della carta. Vi è anche un metodo manuale per ottenere tale autorizzazione, che consiste nel passaggio della carta in una stampigliatrice ove viene inserito un ordine di acquisto in triplice copia che sarà compilato con i dati della transazione. Infine, un autorizzazione manuale è prevista attraverso internet ed in tal caso il titolare della carta inserisce i suoi dati identificativi, il numero della carta, la data di scadenza e il codice CVV nel modello di acquisto: i dati vengono trasmessi all ente gestore, che fornisce l esito della relativa transazione. 4. La smart card Se la carta di credito è divenuta un mezzo di pagamento sempre più frequente, vi è da tener conto che sono in grande aumento frodi e falsificazioni. È evidente che la soluzione utilizzata per conservare i dati all interno di una carta di credito, ossia la banda magnetica, non pare oggi adeguata all avanzare del fenomeno dell alterazione e delle frodi. L introduzione delle carte a microprocessore o smart card può essere vista come un cambiamento radicale nel sistema dei pagamenti elettronici. Che cos è una smart card? Si presenta come una normale carta di credito, con all interno un microchip che memorizza in maniera criptografata i dati dell utente, consentendo in tal modo un alto livello di sicurezza, in quanto il microchip contiene una quantità di dati maggiore rispetto alla banda magnetica e la carta non può essere clonata. Grazie dunque ad una maggiore capacità di memoria ed al microprocessore interno, le smart card vengono utilizzate per accedere a più servizi, dal momento che sulla stessa carta possono essere memorizzati dati identificativi e vari dati di accesso. In Italia solo da pochi anni un gruppo di lavoro formato dall ABI e da taluni istituti bancari ha avviato il progetto microcircuito, che si occupa appunto del trasferimento dalle carte tradizionali a banda magnetica a quelle a microprocessore, con lo scopo di ridurre le frodi e le attività di falsificazione e di permettere la gestione di un nu-

11 Le carte di credito 367 mero crescente di transazioni. È noto infatti che i sistemi di pagamento tradizionali che utilizzano carte a banda magnetica richiedono un collegamento on line per ottenere l autorizzazione della banca. Tale procedimento implica peraltro un tempo ed un costo di collegamento piuttosto elevati. Ora le carte di credito sono utilizzate in innumerevoli punti di vendita in tutto il mondo e, a seconda delle differenze dei singoli circuiti, consentono di pagare, ottenere denaro contante presso sportelli di banca, o ATM (automated teller machine), ossia apparecchiature predisposte dalle banche con le quali la clientela, tramite l introduzione di una carta e l identificazione del PIN, può effettuare diverse operazioni quali prelievo di contanti o versamento di assegni o contanti. Esistono tuttavia differenze, dal momento che la spendibilità di una carta è determinata dal circuito cui è collegata; altre differenze hanno origine dal livello di carta di cui si è titolari: a parità di emittente e di circuito, determinate carte, a fronte di un canone annuo maggiore, prevedono maggiori plafond di spesa o più servizi per i titolari. Di norma, se per le carte base la soglia standard è oggi di circa , per le carte premium si va oltre anche Infine va ricordato che le carte di credito hanno costi fissi collegati al loro possesso ed utilizzo, comprendenti un canone annuo. Sulle transazioni presso i POS non è applicata alcuna commissione, mentre le operazioni di anticipo di denaro contante sono gravate di una commissione pari ad una percentuale dell importo con minimi fissi stabiliti dall emittente. Vi sono poi spese di invio dell estratto conto e per i servizi che il titolare richiede e che possono essere a pagamento.

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Come difendersi dalla clonazione?

Come difendersi dalla clonazione? Come difendersi dalla clonazione? Guida per l utente In collaborazione con Premessa L utilizzo di carte bancomat e di credito è ormai molto diffuso, ma con la diffusione aumentano i rischi a carico degli

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: Banca Centro Emilia-Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Via Statale.

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA. Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento

SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA. Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento No. 4/2014 Ministero dell Economia e delle Finanze, 2014 Dipartimento del tesoro Direzione V, Ufficio

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA. Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento

SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA. Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento SPAZIO PER EVENTUALE IMMAGINE FOTOGRAFICA Rapporto statistico sulle frodi con le carte di pagamento No. 2/2012 Ministero dell Economia e delle Finanze, 2012 Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte DIRETTIVE Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte Version: 3.0, 10. Dezember 2013 INDICE INDICE 1 Carte di debito: Maestro e VPAY 3-6 1.1 Segni distintivi di sicurezza 3-4 1.1.1 Maestro

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI La Polizia Postale e delle Comunicazioni si occupa della prevenzione e repressione di tutti i reati commessi per il

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Testo aggiornato a febbraio 2015 FOGLIO INFORMATIVO E DOCUMENTO DI SINTESI 10INFCHG0215 PER LE SEGUENTI CARTE DI PAGAMENTO EMESSE DA AMERICAN EXPRESS

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Servizio POS - contratto esercenti

Servizio POS - contratto esercenti 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio POS - contratto

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento

Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Dati dell'azienda intestataria della SIM Card PosteMobile Modulo di richiesta Migrazione da Ricaricabile ad Abbonamento Ragione Sociale P.IVA Codice Fiscale Sede Legale: Indirizzo N civico Provincia Cap

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA THE SPACE PASS

REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA THE SPACE PASS REGOLAMENTO DEL PROGRAMMA THE SPACE PASS Il presente Regolamento regola il programma di acquisto, emissione ed utilizzo di The Space Pass (di seguito la/e The Space Pass, come definite all art. 1) distribuite

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL SERVIZIO POS

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL SERVIZIO POS Data decorrenza 15/06/2009 FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO AL SERVIZIO POS Sezione 1 Informazioni sulla Banca Popolare Sant Angelo S.c.p.a. La Banca Popolare Sant Angelo è un istituto di credito con forma

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli