Scala di valutazione della funzionalità geriatrica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scala di valutazione della funzionalità geriatrica"

Transcript

1 Scala di valutazione della funzionalità geriatrica (H. Grauer modificato da Palombi L. ) n. Nome Cognome Anno di nascita Indirizzo Sesso M F Stato civile: celibe/nubile coniugato/a vedovo/a divorziato/a separato/a Titolo di studio conseguito: Nessuno Licenza elementare Licenza media inferiore Media superiore Laurea Con chi vive? Solo Marito/moglie Figli Nipoti Genitori Fratelli/sorelle Amici Assistenti a pagamento Altri specificare Parente o persona amica di riferimento: cognome e nome Indirizzo Telefono

2 1. CONDIZIONI FISICHE TOT. A vista Buona, guarda la TV, cuce con l ago 0 Distingue le facce b- udito Buono 0 Sente una voce alta c- mobilità Completa Si veste, porta pacchi, va in autobus d funzione Nessuna respiratoria restrizione e cardiovascolare E dieta Nessuna restrizione 0 Usa bastone o dovrebbe usarlo Dipende da mancorrente 0 Cammina per una rampa di scale o per un isolato di città - 3 Vede solo la luce Sordo Ha bisogno di un bastone o altro supporto o sedia a rotelle - 3 In parte o totalmente costretto a letto Sì, restrizioni - 3

3 F malattie presenti Sì No 1.Artrosi o reumatismi 2. Glaucoma 3. Asma 4. Enfisema o bronchite cronica 5. Pressione arteriosa alta 6. Problemi cardiaci 7. Problemi di circolazione agli arti 8. diabete 9. Ulcere (peptiche-gastriche-duodenali) 10. altri problemi dello stomaco o dell intestino 11. malattie del fegato 12. malattie renali 13. altri disturbi del tratto urinario ( inclusi problemi alla prostata)/incontinenza 14. anemia 15. Morbo di Parkinson 16. Esiti di ictus 17. Altri disturbi neurologici 18. Demenza 19. Distiroidismi o altre malattie endocrine 20. Distrurbi della pelle quali piaghe da decubito, ulcerazioni delle gambe, ecc. 21. Tumori 22. Problemi odontoiatrici Usa una protesi dentaria Note:

4 2. CONDIZIONI MENTALI TOT. a Disorientamento b- psicosi delirante c- perdita di memoria no 0 nel tempo - 3 persona e/o luogo - 15 no 0 medio grave - 3 esplicita - 10 sospettosità no 0 benigna - 3 maligna - 20 d energia e normale 0 ipoattivoiperattivo - 5 motivazione e- capacità di intatta 0 menomata - 5 giudizio f allucinazioni no 0 uditive e/o visive - 10 Note sull eventuale ricovero: 3. CAPACITA FUNZIONALI Punteggio 1) può leggere e scrivere lettere 2) può usare il telefono 3) può gestire le proprie attività economiche (entrate, uscite) 4) può preparare pasti semplici e usare il forno 5) può lavarsi e vestirsi senza assistenza 6) può usare mezzi di trasporto pubblici 7) può prendere le medicine e seguire la dieta Note: TOTALE

5 4. SOSTEGNO DA PARTE DELLA COLLETTIVITA Punteggio a- Ha buoni rapporti con i vicini b- Se vive da solo ha la possibilità di ricevere aiuto da parte di una persona affidabile: un parente, un amico, un vicino, un portiere c- può fare la spesa presso un droghiere o un fornitore affidabile (disposto ad effettuare la consegna a domicilio se necessario) d- disponibilità di servizi di supporto e animazione: centri per anziani chiesa biblioteca parco, centro commerciale, cinema, ristorante e- disponibilità territoriale di: infermiere della ASL pasti a domicilio servizi di assistenza domiciliare ospedale, pronto soccorso trasporti pubblici volontari Note: TOTALE 5. VIVIBILITA DELL ABITAZIONE Punteggio Servizio di ascensore, o abitazione al piano terra o seminterrato senza barriere PARENTI E AMICI a. Non sposato ma vive con un parente o con un amico affidabile che lo aiuta b. Vive con il coniuge, parente o amico, ma in situazione di incompatibilità o vive da solo c. Vive con il coniuge abile con cui va d accordo 7. SITUAZIONE ECONOMICA a. Totalmente indipendente b. Dipendente da un parente o da altri amici che lo aiutano c. Dipende principalmente dalla pensione sociale e/o da sussidi

6 Note: TOTALE TOTALE PUNTI POSITIVI TOTALE PUNTI NEGATIVI PUNTEGGIO FINALE

7 ATTIVITA DELLA VITA QUOTIDIANA ATTIVITA FISICHE DELLA VITA QUOTIDIANA E in grado di mangiare 2 Senza aiuto (è in grado di nutrirsi in modo completo) 1 Con un po di aiuto (ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a tagliare, ecc) 0 E completamente impossibilitato a farlo da solo E in grado di vestirsi e svestirsi da solo 2 Senza aiuto (è capace di prendere i suoi abiti, di vestirsi e svestirsi da solo) 1 Con un po di aiuto 0 E completamente impossibilitato a vestirsi e svestirsi da solo E in grado di prendersi cura della sua persona, ad esempio di pettinarsi e (per gli uomini) farsi la barba 2 Senza aiuto 1 Con un po di aiuto 0 E completamente impossibilitato ad accudirsi E in grado di camminare 2 Senza aiuto (tranne che col bastone) 1 Con un po di aiuto da parte di una persona, con l aiuto di un deambulatore o di stampelle... 0 E completamente impossibilitato a camminare E in grado di andare a letto e di alzarsi 2 Senza aiuto o sostegni 1 Con un po di aiuto (sia da parte di una persona che di un mezzo di sostegno) 0 E completamente dipendente da qualcun altro che lo sollevi E in grado di fare il bagno o la doccia 2 Senza aiuto 1 Con un po di aiuto (ha bisogno di aiuto per entrare e uscire dalla vasca, o ha bisopgno di accessori speciali per la vasca) 0 E completamente dipendente da qualcun altro che lo aiuti

8 Le succede mai di non arrivare la bagno in tempo 2 No 1 Sì 0 Ha un catetere o un apparecchiatura per colostomia ATTIVITA STRUMENTALI DELLA VITA QUOTIDIANA (IADL) Può usare il telefono 2 Senza aiuto (sia cercare che comporre i numeri) 1 Con un po di aiuto (può rispondere al telefono o al centralinista in caso di emergenza, ma ha bisogno di un telefono speciale o di un aiuto per e cercare su un elenco e comporre i numeri) 0 E completamente impossibilitato ad usare il telefono Può recarsi in luoghi non raggiungibili a piedi 2 Senza aiuto (può viaggiare da solo sugli autobus, taxi o guidare la macchina) 1 Con un po di aiuto (ha bisogno che qualcuno la aiuti o venga con lei quando viaggia) 0 E impossibilitato a viaggiare senza quei dispositivi di emergenza tipici dei veicoli specializzati come ad esempio un ambulanza Una volta arrivati al negozio può fare acquisti alimentari o di abbigliamento 2 Senza aiuto (esegue gli acquisti necessari da solo, a condizione di avere un mezzo di trasporto) 1 Con un po di aiuto (ha bisogno della compagnia di qualcuno quando si reca a fare acquisti) 0 E completamente impossibilitato a fare qualsiasi acquisto E in grado di prepararsi i pasti. 2 Senza aiuto (organizza e cucina pasti completi da solo) 1 Con un po di aiuto (è in grado di cucinare alcune cose, ma non di cucinare pasti completi da solo) 0 E completamente impossibilitato a preparare qualunque pasto E in grado di eseguire lavori domestici 2 Senza aiuto (è in grado di spazzare i pavimenti, ecc.)

9 1 Con un po di aiuto ( può svolgere i lavori domestici più leggeri, ma ha bisogno di qualcuno che la aiuti nei lavori pesanti) 0 E completamente impossibilitato a svolgere qualsiasi lavoro domestico Può prendere da solo le medicine. 2 Senza aiuto (nelle dosi giuste e al momento giusto) 1 Con un po di aiuto (è in grado di prendere le medicine se qualcuno le prepara per lei e/o le ricorda che deve prenderle) 0 E completamente impossibilitato a prendere le medicine E in grado di far uso del suo denaro 2 Senza aiuto (scrive assegni, paga conti..) 1 Con un po di aiuto (è in grado dio gestire le spese quotidiane ma ha bisogno di aiuto nell uso del libretto di assegni o per pagare conti) 0 E completamente impossibilitato a far uso del denaro.

10 G.F.R.S. Scala di valutazione della funzionalità geriatrica Come leggere lo strumento: 1. CONDIZIONI FISICHE A. Vista: per dare 0 di punteggio la persona deve essere in grado di vedere la televisione, leggere, fare lavoro di cucito con l ago (ad esempio cucire un bottone o riparare un semplice capo vestiario). Nota: è la capacità della persona di eseguire questi compiti il fattore determinante per l attribuzione del punteggio, anche se può non avere l abitudine ad eseguire questi compiti. Se usa gli occhiali bisogna aggiungere vista corretta con occhiali. Se la persona necessita di occhiali ma non li ha o li rifiuta, annotare vista correggibile con occhiali. B. Udito: per dare 0 di punteggio la persona deve essere in grado di capire chi parla con un normale tono da conversazione. Se occorre alzare la propria voce per essere compresi dall anziano il punteggio è 3. Se l anziano ha ancora difficoltà a comprendere nonostante la voce alta ed il parlare lentamente, o se è sordo, segnare 5. Nota: se l anziano usa un ausilio acustico annotare udito corretto da ausilio acustico. Se necessita di un ausilio acustico, ma non lo ha o non vuole utilizzarlo, annotare udito correggibile con ausilio acustico. C. Mobilità: segnare 15 se l anziano usa abitualmente una sedia a rotelle, anche se talvolta può muoversi con un bastone. Segnare 3 se ha bisogno solo di un bastone, o corrimano, o altro ausilio, o dell aiuto di un altra persona. Segnare 0 se è capace di vestirsi, di portare piccoli pacchi e di spostarsi con i mezzi di trasporto pubblici. Nota: è la capacità della persona ad eseguire questi compiti il fattore determinante per l attribuzione del punteggio, anche se la persona può non averne l abitudine. D. Funzione cardio-vascolare e respiratoria: se l anziano è totalmente o in parte costretto a letto, a causa di problemi polmonari, cardiaci o circolatori segnare 20. Se problemi polmonari, cardiaci o circolatori impediscono all anziano di salire più di una rampa di scale o di camminare per più di un isolato segnare 3. Se non ha nessun problema polmonare, cardiaco o circolatorio segnare 0. Nota: è la capacità della persona ad eseguire questi compiti il fattore discriminante per l attribuzione del punteggio, anche se la persona può non avere l abitudine a compierli. Un anziano non può avere un punteggio di 15 nella sezione 1.C e 20 nella sezione 1.D (funzione polmonare e cardiovascolare), e segnare 3 nella sezione 1.C (mobilità). E. Dieta: si spiega da sé. F. Condizioni acute: non viene assegnato un punteggio numerico. Se l anziano presenta normalmente una condizione acuta, o un episodio acuto di una condizione cronica, annotare sì e registrare la diagnosi. Se non è presente una condizione acuta, ma l anziano è affetto da problemi cronici che possono diventare acuti, segnare no e registrare la diagnosi. Se l anziano non presenta manifestazioni acute o croniche che possono diventare acute, mettere no.

11 2. CONDIZIONI MENTALI A. Disorientamento: se l anziano mostra disorientamento nei confronti di persone e/o luoghi segnare 15. Se mostra disorientamento per il tempo soltanto (per esempio momento del giorno, giorno della settimana o del mese, anno), segnare 3. Nota: se il disorientamento è intermittente assegnare lo stesso punteggio, aggiungendo una nota di spiegazione. Se il disorientamento è di tipo reattivo, assegnare il punteggio come sopra, aggiungendo una nota esplicativa. B. Psicosi delirante: se l anziano in maniera irrealistica sente che alcune persone o istituzioni sono contro di lui, che i vicini sono particolarmente malvagi o immagina che gli prendano delle cose, o crede di avere un influenza incontrollata sugli altri, o se crede di essere influenzato in modo irrealistico dagli altri, segnare 10. (La parola chiave è in maniera irrealistica, e se la risposta a uno o più punti di cui sopra è sì, assegnare un punteggio di 10). C. Perdita di memoria: se l anziano risponde a tutte queste domande correttamente mettere 0: 1) anno e luogo di nascita 2) anno di matrimonio (se applicabile al caso) 3) anno di arrivo presso l attuale domicilio (se applicabile al caso) 4) scuola frequentata 5) indirizzo precedente Se l anziano non sa rispondere a nessuna di queste domande chiedere: 1) il nome del suo dottore, dell assistente sociale o di altro operatore sociale di riferimento 2) il nome e l età dei suoi figli (se applicabile al caso) 3) il suo indirizzo attuale Se l anziano è incapace di rispondere a queste domande, o risponde in modo insoddisfacente, mettere 20. D. Energia e motivazione: se l anziano è molto triste, apatico o rallentato nelle sue azioni (ipoattivo), o è irrequieto, agitato o logorroico (iperattivo) mettere 5; in tutti gli altri casi mettere 0. E. Capacità di giudizio: se la capacità dell anziano è gravemente compromessa segnare 5 (per esempio capacità di prendere decisioni appropriate, vestirsi in modo proprio, programmare adeguatamente le spese, cercare aiuto quando ce n è bisogno). Se la capacità di giudizio è intatta segnare 0. Nota: se questa capacità è notevolmente compromessa in una sola azione mettere punteggio 0 e inserire un commento per spiegare e descrivere tale compromissione. F. Allucinazioni: se l anziano sente delle voci quando nessuno gli parla (per esempio il coniuge morto), o ha allucinazioni visive, segnare 10. In fondo alla prima pagina della scala dei punteggi di valutazione, annotare le preferenze dell anziano riguardo al suo eventuale ricovero. Annotare se l anziano è cosciente di ciò e che cosa ne pensi.

12 3. CONDIZIONI FUNZIONALI Nota: dare il punteggio alla abilità e alla competenza dell anziano a compiere il suo compito senza assistenza, non tenendo conto del fatto che lo faccia veramente o no. Scrivere il punteggio per ciascuna voce (per esempio, oppure 0) a destra dell apposita casella. E importare assegnare o il punteggio numerico assegnato o uno zero per ogni voce, cosicché chi codifica sappia che ogni voce è stata attentamente considerata, senza escluderne alcuna. A. Può leggere e scrivere lettere: mettere se l anziano è capace di leggere e di scrivere lettere, anche se può non far questo veramente. Se l anziano è analfabeta mettere 0, e segnalarlo in una nota. B. Può usare il telefono: mettere +5 se è capace di usare il telefono senza assistenza o in condizioni ambientali adattate (per esempio modificazione del selettore con l installazione di numeri più grandi) che gli consentono di operare senza assistenza. C. Può gestire le proprie attività economiche (entrate, uscite): mettere +5 se la persona può far questo senza l assistenza di altri. D. Può preparare semplici pasti e usare il forno: mettere +7 se la persona sa prepararsi un pasto nutriente con una cucina a gas o usando il forno. E. Può lavarsi vestirsi e aver cura della propria persona senza assistenza: mettere +5 se la persona è in grado di compiere tutte e due le azioni (per esempio lavarsi e vestirsi) senza assistenza. Lavarsi non vuol dire fare il bagno, ma lavarsi al lavandino correttamente. F. Può usare i mezzi di trasporto pubblici: mettere +7 se la persona è capace di usare i mezzi di trasporto pubblici (autobus, taxi) anche se abitualmente può non farlo. G. Può prendere le medicine e seguire una dieta: mettere +10 se è in grado di svolgere queste attività anche se può non doverlo fare al momento. 4. SOSTEGNO DA PARTE DELLA COLLETTIVITA A. Ha buoni rapporti con i vicini: mettere 0 se per differenza culturale, incompatibilità linguistica o sua incapacità, c è conflittualità con i vicini. B. Se vive solo persona affidabile: il fattore cruciale di questa sezione è se l anziano ha un assistenza da persona affidabile ogni volta che lo chiede. Se l anziano vive da solo e ha una persona su cui fare affidamento mettere +10. C. E capace di far spese dal droghiere o altro: mettere +5 se non ha bisogno di aiuto. D. Disponibilità di servizi: il punteggio in questa sezione è basato sulla disponibilità di queste eventuali risorse, e non sull uso effettivo che ne faccia l anziano. Per esempio un anziano che viva ad un isolato di distanza dal centro anziani può non poterlo frequentare a causa dell artrite. Tuttavia il servizio è considerato disponibile per lui e il punteggio sarà ugualmente. Non va quindi rilevato, ai fini del punteggio, se l anziano usa o meno i servizi. Questa domanda indaga anche su quale sia la capacità di risorse del vicinato eventualmente disponibili. Se il servizio c è, ma non è aperto al momento, fare una nota: attualmente chiuso. E. Disponibilità territoriale di : questi item sono già espliciti ad eccezione di amici, volontari. Ci si riferisce, in questo caso, a chiunque visiti l anziano amichevolmente.

13 5. VIVIBILITA DELLA ABITAZIONE L appartamento deve essere al piano terra o in un seminterrato raggiungibile con una rampa di scale, o essere servito da un ascensore che arrivi alla abitazione, per poter assegnare +3. Se l anziano vive in una casa di due piani e può gestire questa situazione senza ostacoli il punteggio è +3. Se l anziano vive in un palazzo con ascensore ma le porte di questo sono troppo pesanti per lui, o se ci sono altri impedimenti, mettere una nota. 6. PARENTI E AMICI Nota: se l anziano vive da solo mettere 0 a tutti i punti della sezione 6. A. Non sposato persona affidabile: se l anziano vive con un parente o un amico, la persona deve andare d accordo con lui e dargli aiuto (per esempio capace fisicamente, disponibile ad assisterlo nelle attività della vita quotidiana). B. Vive con il coniuge incompatibilità: si spiega da sé. C. Vive con il coniuge abile con cui va d accordo: mettere +10 se il coniuge dell anziano è fisicamente capace di pensare a se stesso/a e di assistere il marito/la moglie nelle attività della vita quotidiana, e se va d accordo con lui/lei (cooperante e ben disposto all assistenza). 7. SITUAZIONE ECONOMICA A. Totalmente indipendente: mettere +5 se l anziano vive con le proprie risorse, includendo qualsiasi tipo di pensione pubblica o privata. B. Dipende da altri : si spiega da sé. C. Pensione sociale e/o altri sussidi: mettere 0 se il reddito dell anziano deriva dalla pensione sociale e/o da altri sussidi pubblici. VALUTAZIONE E PUNTEGGI Il punteggio si divide in due parti. La prima misura le capacità fisiche e mentali, la seconda riguarda le attività della vita quotidiana, ed eventuali sostegni sociali e comunitari. Ai punti della prima parte sono dati valori negativi. Vi sono tre gradi di gravità assegnati ad ogni domanda; in assenza di invalidità il punteggio resta 0; aumentando l invalidità il punteggio passa da 3 a 20. Alle domande della seconda parte sono dati valori positivi che variano da +1 a +10. Dopo che il punteggio finale (negativi + positivi) è stato determinato, gli anziani possono essere raggruppati in 3 categorie. Categoria 1: sotto il punteggio 20, impossibilitati a vivere a casa da soli, richiedono aiuto domiciliare intensivo o ricovero. Categoria 2: punteggi tra 20 e 40, possono vivere a casa loro usufruendo di day hospital e/o di aiuto. Categoria 3: punteggio oltre 40, possono vivere in maniera indipendente e non necessitano di particolare aiuto esterno. N.B. Per le categorie 1 e 2 vengono somministrate anche le scale ADL e IADL allegate allo strumento.

INCHIESTA SOCIO-AMBIENTALE ANZIANI

INCHIESTA SOCIO-AMBIENTALE ANZIANI INCHIESTA SOCIOAMBIENTALE ANZIANI CODICE UTENTE Data di rilevamento Cognome Nome Residente Via/p.zza Data di nascita Luogo Grado di Istruzione: Analfabeta Elementari Medie Superiori Laurea Cod. Fiscale

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA. Cognome. Nome. residente a CHIEDE

OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA. Cognome. Nome. residente a CHIEDE Spett.le Amministrazione del Centro Servizi Socio Sanitari e Residenziali Malé Via 4 Novembre, 4/A 38027 MALE (TN) OGGETTO: DOMANDA PER ASSEGNAZIONE ALLOGGIO PRESSO STRUTTURA ASSISTITA Il/la sottoscritto/a

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE ASSISTENZA A DOMICILIO DI SOGGETTI DESTINATARI DEL VOUCHER SOCIALE COMUNE DI SCHEDA PRESA IN CARICO PROGETTO DI ASSISTENZA INDIVIDUALIZZATO di Dati personali: Nome Cognome Nato a il Residente a via ISEE

Dettagli

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni

Regione Campania Scheda Rilevazione Dati Assistiti Ultrasessantacinquenni Componente Sanitaria ad opera del MMG Anagrafica assistito cognome e nome codice fiscale domicilio telefono persona di riferimento telefono medico curante codice regionale Secondo le informazioni in possesso

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

Istituto Nazionale di Statistica SEZIONE A NOTIZIE ANAGRAFICHE DELLA PERSONA DISABILE

Istituto Nazionale di Statistica SEZIONE A NOTIZIE ANAGRAFICHE DELLA PERSONA DISABILE Associazione Superamento Handicap Istituto Nazionale di Statistica Asl Fg/ San Severo AOC. TIMBRO MMG e PLS Codice _ _ _ _ _ _ DATA DELLA COMPILAZIONE I.D. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ Lista del Medico Sì _

Dettagli

(modulo da compilare in stampatello) Il/la sottoscritto/a. Nato/a..Prov. il... Residente a Sesto San Giovanni Indirizzo.n. Telefono Cellulare.

(modulo da compilare in stampatello) Il/la sottoscritto/a. Nato/a..Prov. il... Residente a Sesto San Giovanni Indirizzo.n. Telefono Cellulare. DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A MIGLIORARE LA QUALITA' DELLA VITA DELLE FAMIGLIE E DELLE PERSONE ANZIANE CON LIMITAZIONE DELL'AUTONOMIA (modulo da compilare in stampatello) DATI

Dettagli

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna

Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna Per il calcolo dell indice ADL (ACTIVITIES OF DAILY LIVING) si ricorre a una scala semplificata che prevede l assegnazione di un punto per ciascuna funzione indipendente così da ottenere un risultato totale

Dettagli

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE)

DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA PER I DIPENDENTI ISCRITTI AL FASIF (LONG TERM CARE) da inviare a mezzo lettera raccomandata con ricevuta di ritorno a FASIF Casella Postale 107

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL VOUCHER PER INTERVENTI VOLTI A SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALIZZATA ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI (modulo da compilare in stampatello) DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG)

SCHEDA SANITARIA (redatta da MMG) Cognome me Nata/o a prov. il Residente a prov. c.a.p. via n. Anamnesi patologica remota Anamnesi patologica prossima Barthel Index [A] [B] [C] [A] dipende [B] con aiuto o saltuariamente [C] indipendente

Dettagli

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod.

MODULO CENTRO DIURNO INTEGRATO ALZHEIMER OSPITALITÀ. Il/la sig. Nato/a prov. il. Residente a Prov. cap. Via. ASL di appartenenza cod. Pagina 1 / 8 ALZHEIMER DOMANDA DI OSPITALITA Il/la sig. Nato/a prov. il Residente a Prov. cap. Via ASL di appartenenza cod. fiscale Cod. tessera sanitaria Coniugato vedovo Con/di n. figli: maschi femmine

Dettagli

Progetto Mai più soli/e-care

Progetto Mai più soli/e-care COMUNE DI PIEVE DI CENTO Progetto più soli/e-care UN QUESTIONARIO PER CHI HA PIÙ DI 75 ANNI Caro cittadino, cara cittadina, il Comune di Pieve di Cento intende raccogliere alcune informazioni al fine di

Dettagli

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico)

QUESTIONARIO DA ALLEGARE ALLA DENUNCIA DEL SINISTRO (Questionario di Invalidità Totale e Permanente - Medico) Poste Vita S.p.A. 00144, Roma (RM), Piazzale Konrad Adenauer, 3 Tel.: (+39) 06 549241 Fax: (+39) 06 54924203 www.postevita.it Partita IVA 05927271006 Codice Fiscale 07066630638 Capitale Sociale Euro 1.216.607.898,00

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014 REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI 2 Dove cercare 3 4 5 Benefici assistenziali Parte I - Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari. Parte II - Erogazione

Dettagli

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche

LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE. Informazioni anagrafiche LE RESIDENZE STRUTTURE PER LA TERZA ETA' Scheda di inserimento CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE Informazioni anagrafiche me Cognome Nato a il / / Residente a via/piazza n Anamnesi patologica remota oltre

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE AL FAMILIARE: 1. INFORMATIVA FUGA E CADUTE 2. COPIA CONTRATTO 3. Carta dei servizi

DOCUMENTAZIONE DA CONSEGNARE AL FAMILIARE: 1. INFORMATIVA FUGA E CADUTE 2. COPIA CONTRATTO 3. Carta dei servizi CASA DI RIPOSO E CENTRO DIURNO GUIZZO MARSEILLE Via Santa Croce, 2 31040 Selva del Montello (TV) tel. 0423/620106 fax 0423/620825 DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L INGRESSO AL CENTRO DIURNO GUIZZO MARSEILLE

Dettagli

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA

SCHEDA MEDICA INFORMATIVA IdL 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pagina 1 di 7 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott.ssa Cavalieri Luisa Idl 8 Edizione n 07 del 01/01/2009 Pag.2 di 6 SCHEDA MEDICA INFORMATIVA (

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH)

ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) 1 ANALISI DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE FORNITI AI PAZIENTI CON MALATTIA DI HUNTINGTON (ASADMDH) Gentile Signora/e, Gioia Jacopini*, Paola Zinzi**, Antonio Frustaci*, Dario Salmaso* *Istituto di

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Servizio di bibliotecario a domicilio

Servizio di bibliotecario a domicilio Italian Servizio di bibliotecario a domicilio La Biblioteca provvede un servizio bibliotecario a domicilio per quelle persone che sono relegate in casa e non possono visitare la biblioteca a causa di malattia

Dettagli

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO

Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO Ufficio Servizi Sociali Comune di Oristano Piazza Eleonora 09170 ORISTANO OGGETTO: Fondo per la non autosufficienza: interventi immediati (art. 34, comma 4 lettera a) L.R. n 2 del 29.05.2007 - Deliberazione

Dettagli

SEGNALAZIONE/PROPOSTA RICOVERO HOSPICE

SEGNALAZIONE/PROPOSTA RICOVERO HOSPICE Modulo 01/HS Tel/fax 0825530341/342 Protocollo di presa d atto n. del a cura del Personale Hospice Proposta di ricovero in Hospice del Medico di Medicina Generale Medico Ospedaliero Dr/Dr.ssa Telefono

Dettagli

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO:

SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: All. B SCHEDA SANITARIA (compilazione a cura del medico di famiglia o di reparto ospedaliero) NOME E COGNOME DELL'INTERESSATO: ANAMNESI: TIPO DI INVALIDITA' PERCECENTUALE di INVALIDITA': % INDENNITA' DI

Dettagli

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO II CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO II I destinatari del diritto Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione

Dettagli

Scala Rankin modificata

Scala Rankin modificata Scala di disabilità Scala Rankin modificata -Sei livelli: da 0 a 5 -Nei casi di decesso viene a volte assegnato il il punteggio arbitrario 6 Affidabile, viene usata largamente in caso di Ictus -Nei trials

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA AMBITO TERRITORIALE BR DISTRETTO SOCIO-SANITARIO BR nome: Data di nascita: SEDE DI VALUTAZIONE: DATA: ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc.

ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto. Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. ABBIGLIAMENTO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA un opportunità di sviluppo per il distretto Loredana Ligabue Direttore ANZIANI E NON SOLO soc. coop Invecchiamento della popolazione L invecchiamento della popolazione

Dettagli

Criteri di selezione del collettivo e definizioni

Criteri di selezione del collettivo e definizioni Appendice A Criteri di selezione del collettivo e definizioni Introduzione L indagine sull integrazione sociale delle persone con disabilità è stata realizzata nell ambito del progetto Sistema di Informazione

Dettagli

codice codice numerico

codice codice numerico Ministero della Salute Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Progetto nazionale NOTA: le parti in grigio sono da compilare a cura dell intervistatore Data intervista codice

Dettagli

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra..

Il / La sottoscritto / a. Nato / a il..a.. Residente a.. Indirizzo tel.. /. CHIEDE. Per il / la Sig. / Sig.ra.. Amministrazione Del Comune di Robecco S/N Il / La sottoscritto / a Nato / a il a Indirizzo..tel. / CHIEDE Per sé ( ) oppure Per il / la Sig. / Sig.ra.. Nato / a il..a.. Indirizzo tel.. /. L INTERVENTO

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA PER L ACCESSO AI SERVIZI (A)

MODULO DI RICHIESTA PER L ACCESSO AI SERVIZI (A) Mod.RSA/Res. AMBITO TERRITORIALE VALLE SERIANA SERVIZIO ANZIANI MODULO DI RICHIESTA PER L ACCESSO AI SERVIZI (A) COMUNE DI Il/la sottoscritto/a.... nat_ a.... prov... il /../.. residente a. Prov.. c.a.p...in

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

SCHEDA DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

SCHEDA DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE URGENTE Consorzio Pubblico dei Servizi Sociali ex art. 31 del TUEL - D. Lgs. 267/00 Legge Regionale n. 11/2007 - Regione Campania PROTOCOLLO NOME E COGNOME NUMERO DATA ASSISTENTE SOCIALE SOCIOLOGO SCHEDA

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

Servizi Pubblici Gratuiti 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Interventi Pubblici a pagamento 2. Volontariato 2

Servizi Pubblici Gratuiti 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Interventi Pubblici a pagamento 2. Volontariato 2 Colonna A Colonna B Colonna C Colonna D E F G Colonna F ADL Descrizione Valutazione PrestazionePrevalente * V.P. P. Programma Socio Assistenziale Familiare Piena mobilità domestica Richiede aiuto per alzarsi/rimettersi

Dettagli

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla

n. 120 posti letto suddivisi in 6 nuclei da 20 ospiti. Ogni nucleo è composto da: 6 cam. Singole 5 cam. doppie ed 1 cam. quadrupla R. S. A. S A N G I U S E P P E (RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE) Via delle Ande n. 11 20151 Milano (MI) Tel. 02/33400809 02/38008727 Fax 02/33404144 E-mail : rsa.sangiuseppe@hsr.it S C H E D A I N F

Dettagli

GREATER HARTFORD TRANSIT DISTRICT [AZIENDA AUTOLINEE DI HARTFORD E DINTORNI] ADA (Normativa U.S.A. per i disabili) RICHIESTA DI PARATRASPORTO

GREATER HARTFORD TRANSIT DISTRICT [AZIENDA AUTOLINEE DI HARTFORD E DINTORNI] ADA (Normativa U.S.A. per i disabili) RICHIESTA DI PARATRASPORTO N. ID Ricevuto il Richiesta via Internet Completa / Iniziali GREATER HARTFORD TRANSIT DISTRICT [AZIENDA AUTOLINEE DI HARTFORD E DINTORNI] ADA (Normativa U.S.A. per i disabili) RICHIESTA DI PARATRASPORTO

Dettagli

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3

Servizi Pubblici 0. Cure Familiari 0. Familiare Non convivente 1. Volontariato 2. Assistente familiare domiciliare 3 Colonna A Colonna B Colonna C Colonna D E F G Colonna F ADL Descrizione Valutazione Prestazione Prevalente * V.P. P. Programma Socio Assistenziale Familiare Piena mobilità domestica 1 Mobilità domestica

Dettagli

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA VAL.GRAF.-FVG 2015 Sezione 3

MANUALE PER LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA VAL.GRAF.-FVG 2015 Sezione 3 MNULE PER L OMPILZIONE ELL SHE VL.GRF.-FVG 2015 Sezione 3 Versione febbraio 2016 INIE GUI LL ONSULTZIONE... 2 3. SEZIONE 3 MOILITÀ... 3 3.1. FRE LE SLE... 3 3.1.1. Scale... 4 3.2. MMINRE... 5 3.2.1. ammino...

Dettagli

Unità 4. Assistenza sanitaria. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI

Unità 4. Assistenza sanitaria. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI Unità 4 Assistenza sanitaria CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla sanità italiana parole utilizzate in testi informativi sulla sanità a usare i pronomi diretti

Dettagli

Cartella Infermieristica pre-dialisi

Cartella Infermieristica pre-dialisi Cartella Infermieristica pre-dialisi Signor / ra Primo incontro Secondo incontro Data Infermiere Dati anagrafici Cognome Luogo e data di nascita Nazionalità Stato civile Professione Domicilio Nome Sesso

Dettagli

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro

12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro 12. Modulo di luglio 2002: Salute e lavoro I quesiti da 69 a 85 vanno posti a tutte le persone tra i 16 e i 64 anni. Il modulo riguarda la salute dell intervistato in relazione al lavoro; più precisamente

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310

COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 0933/881310 COMUNE DI NISCEMI Provincia di Caltanissetta Ripartizione Servizi Sociali tel/fax 933/883 SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-ASSISTENZIALE (ADA) IN FAVORE DI ANZIANI ULTR65ENNI NON AUTOSUFFICIENTI

Dettagli

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta.

Scegliete la risposta che corrisponde maggiormente a ciò che voi fareste nella situazione descritta. Cognome : Nome: Data : Istruzioni Sono state elaborate sotto forma di questionario a scelta multipla alcune tipiche situazioni professionali dell assistenza domiciliare. Vengono proposte tre situazioni

Dettagli

Il paziente neurologico ICTUS

Il paziente neurologico ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS ICTUS Fattori di rischio modificabili Ipertensione arteriosa Diabete mellito Stenosi carotidea Fumo/alcool Sovrappeso Sedentarietà Fattori di rischio non modificabili Età Sesso Predisposizione

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE

MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE MODELLO DOMANDA DI AMMISSIONE IN R.S.A. ACCREDITATE La sottoscritta... o p p u r e La/Il sottoscritta/o.......... in qualità di... della sig./ra...... residente a. via... n. recapiti telefonici.... PRESENTA

Dettagli

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita

Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Il telemonitoraggio nel paziente con dispositivo impiantabile (ICD o PM): la tecnologia per la sicurezza e la qualità di vita Autrici: Carlesso Giulia, Corso Marilisa 33 Congresso Nazionale ANIARTI 5-7

Dettagli

Terza Età: Abitare in Sicurezza

Terza Età: Abitare in Sicurezza Terza Età: Abitare in Sicurezza A casa? Me la cavo, grazie! La Situazione Abitativa degli Anziani in Alto Adige apollis Centro di ricerche sociali e demoscopia Institut für Sozialforschung & Demoskopie

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva

Azienda Sanitaria Locale BA. S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale. 1.Situazione cognitiva Mod. 4 DSS Uno Azienda Sanitaria Locale BA Distretto Socio Sanitario Uno Ambito Territoriale Comune di Molfetta - Comune Giovinazzo S.VA.M.A. Valutazione cognitiva e funzionale 1.Situazione cognitiva Nome

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Sono i disturbi mentali parte della vostra vita?

Sono i disturbi mentali parte della vostra vita? Is mental illness a part of your life? Sono i disturbi mentali parte della vostra vita? Possiamo aiutarvi Questa è la versione in italiano. Quest opuscolo è disponibile anche in altre lingue. Interpreter

Dettagli

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado

Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Indagine sull integrazione degli alunni con disabilità nella scuola primaria e secondaria di primo grado Condizioni di salute Che tipo di problemi ha l'alunno? Cecità Ipovisione Sordità profonda o grave

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI VITA INDIPENDENTE. Cognome/Nome. e residente in Via/P.zza n Tel. Cell Codice Fiscale:

ALLEGATO B DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI VITA INDIPENDENTE. Cognome/Nome. e residente in Via/P.zza n Tel. Cell Codice Fiscale: Il sottoscritto CITTA DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali ALLEGATO B DESCRIZIONE DEL PROGETTO DI VITA INDIPENDENTE Cognome/Nome nato/a il a Prov. e residente in Via/P.zza n CAP Tel. Cell Codice

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR

FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO DI SOLIDARIETÀ PER CHI PERDE IL LAVORO INDICAZIONI PER IL TUTOR DA LEGGERE CON MOLTA ATTENZIONE!!!! Il ruolo del Tutor è cruciale per come abbiamo progettato il FONDO STRAORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI

REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI REGOLAMENTO INSERIMENTI RESIDENZIALI TEMPORANEI (IRT) PER ANZIANI NON AUTOSUFFICENTI Art. 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina le modalità di accesso al Progetto per gli anziani certificati non

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni)

MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) MODELLO A : per persone maggiorenni ( + di 18 anni) ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ACCERTAMENTO/AGGRAVAMENTO DI - INVALIDITÁ CIVILE (comprende anche l indennità di accompagnamento) -

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro

PROGETTO DI RICERCA. Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro PROGETTO DI RICERCA Generazioni a Confronto: un ponte verso il futuro Certosa, Dicembre 2011 Il Comune di Certosa di Pavia ha manifestato la necessità di attivare una serie di indagini conoscitive all

Dettagli

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus

PROGETTO SAPERE. L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Agenzia Regionale di Sanità della Toscana (ARS) Osservatorio Qualità PROGETTO SAPERE (Stroke Acuto PERcorsi ed Esperienze) L assistenza e la riabilitazione in seguito a ictus Novembre 2006 2 L ASSISTENZA

Dettagli

Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili

Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili Indagine sui bisogni e sulla qualità della vita delle persone diversamente abili 1. Questionario familiare 2. Questionario per la persona disabile Questionario n Zona Il questionario le è stato consegnato

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Mod. DISTRETTO SOCIOSANITARIO UNITÀ DI VALUTAZIONE TERRITORIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE PAZIENTE Cognome e Nome Sesso Luogo di nascita Data di nascita Residente a Via Telefono Codice Fiscale:

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

1. CONDIZIONE PERSONALE (Punteggio massimo 22)

1. CONDIZIONE PERSONALE (Punteggio massimo 22) ALLEGATO D3 - SCHEDA RILEVAZIONE BISOGNI - SAISH Municipio Roma Azienda ASL Rm/ Distretto Servizio Ai fini dell integrazione socio-sanitaria la presente scheda per la parte CONDIZIONE PERSONALE, FAMILIARE

Dettagli

Modulo di presentazione del Progetto Individuale per Vita Indipendente 2016

Modulo di presentazione del Progetto Individuale per Vita Indipendente 2016 Modulo di presentazione del Progetto Individuale per Vita Indipendente 2016 Il/la sottoscritto/a Nome Cognome Con domicilio (se diverso dalla residenza) in: via/p.zza recapito telefonico: fisso cellulare

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM

A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM A cura del MMG (da allegare alla scheda sanitaria) Physical Self-Maintenance Scale (PSMS) Adattato da Lawton MP and Brody EM Funzioni Corporali 1. Provvede autonomamente alle evacuazioni, senza incontinenza.

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI 116 questionari compilati in modo completo su 154 inviti con visita a domicilio CENTRO 64 S.PIETRO-S.GALLO LIMITROFI 7 MASCHI 45 9% ONETA E LIMITROFI 1 FEMMINE 1 88% CORNALITA 11 C. RIPOSO-OSP. DA PARENTI

Dettagli

INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE

INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE Ma sch i Femm in e. 2012 14 dicembre 2012 Anno 2011 INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE CON LIMITAZIONI DELL AUTONOMIA PERSONALE Circa 4 milioni di persone di 11-87 anni che nel 2005 avevano riferito difficoltà

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO

SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO SICUREZZA SOCIALE PREVIDENZA SOCIALE INPS ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI SOGGETTI AVENTI DIRITTO OBBLIGATORIAMENTE TUTTI I LAVORATORI DIPENDENTI, OPERAI ED IMPIEGATI, ANCHE

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE C O M U N E D I N E R V I A N O (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE P R E M E S S A Il presente Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare si ispira

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO

Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO MODULO DI DOMANDA PER LA PROGETTUALITA : Intervento per la Vita Indipendente annualità 2010 Indirizzato a: INDICATORI DELLE CONDIZIONI PERSONALI DEL RICHIEDENTE IL PROGETTO Il sottoscritto Nome Cognome

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità. Ausili per la disabilità cognitiva

AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità. Ausili per la disabilità cognitiva AllenAPP: nuove tecnologie e quotidianità Ausili per la disabilità cognitiva UN TEMA CHE RIGUARDA circa 750mila persone in Italia hanno disabilità cognitive. Le cause sono diverse: genetiche ( ad esempio

Dettagli

COMUITA MONTANA MONT EMILIUS DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

COMUITA MONTANA MONT EMILIUS DOMANDA DI PARTECIPAZIONE COMUITA MONTANA MONT EMILIUS SOGGIORNI MARINI INVERNALI ANNO 2015 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PER GLI ANZIANI RESIDENTI NEI COMUNI DI: BRISSOGNE CHARVENSOD FENIS GRESSAN JOVENCAN NUS POLLEIN QUART SAINT-MARCEL

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

FONDAZIONE CASA DI RIPOSO INFERMERIA FILISETTI O.N.L.U.S. ENTE DEPUBBLICIZZATO ISCR. TRIBUNALE DI BERGAMO NR. 583

FONDAZIONE CASA DI RIPOSO INFERMERIA FILISETTI O.N.L.U.S. ENTE DEPUBBLICIZZATO ISCR. TRIBUNALE DI BERGAMO NR. 583 Dati dell interessato: DOMANDA DI INGRESSO IN R.S.A. Cognome. Nome... Sesso F M Stato civile. Data di nascita Luogo di nascita... Residenza in via n. Comune. Prov... C.A.P....... Recapito telefonico....

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia. Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia VALUTAZIONE DELLA TIPOLOGIA E DELLA PRIORITÀ DEGLI ACCESSI AGLI AMBULATORI

Dettagli