I SISTEMI MONETARI ALTERNATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SISTEMI MONETARI ALTERNATIVI"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in Economia Aziendale TESI DI LAUREA IN: Economia e tecnica dei mercati finanziari + Economia delle aziende di credito I SISTEMI MONETARI ALTERNATIVI DALLA MONETA AL BARATTO 2.0 Relatore Prof.ssa Annarita Trotta Candidata Daniela Brunno Matr Anno Accademico 2011/2012

2 INDICE Introduzione pag. 5 Capitolo 1: Denaro e società pag La nascita del denaro pag L importanza del denaro pag Società e denaro nella teoria di Simmel pag I costi del sistema monetario pag I costi di produzione e gestione pag Il meccanismo di circolazione della moneta pag Cos è la disoccupazione pag Il denaro come ostacolo alla produzione pag Il denaro come ostacolo al consumo pag Il valore relativo del denaro pag. 27 Capitolo 2: La moneta numerica pag L e-money pag Gli M-payment pag Le carte di pagamento pag Gli istituti di moneta elettronica pag La dematerializzazione della moneta: d.l. n. 201/2011 pag I rischi dell e-money pag Problematiche macroeconomiche dell e-money pag. 53 Capitolo 3: La moneta unica pag Keynes: Proposte per un Unione monetaria internazionale pag La proposta dell International Monetary Fund pag. 63 2

3 3.3 L euro e l Unione Economica e Monetaria Europea pag Le fasi dell adozione dell euro pag Costi e benefici della moneta unica pag Costi e benefici per il sistema industriale pag La teoria delle aree valutarie ottimali pag Crisi dell area euro: cause e soluzioni pag. 77 Capitolo 4: Compensazione multilaterale pag La moneta complementare pag Tolosa: 1 incontro europeo sulle monete sociali pag I vantaggi della moneta complementare pag Problematiche e criteri di valutazione della moneta complementare pag Il baratto nell era digitale pag I benefici del baratto e il costo della fiducia pag Due società a confronto pag L esperienza Bartercard pag L esperienza italiana di Cambiomerci pag. 96 Capitolo 5: Analisi di un caso: l ArcipelagoŠcec pag Il progetto pag Come funziona pag Il significato degli Šcec pag I dati pag Intervista a Pierluigi Paoletti ed Ettore Affatati pag. 114 Conclusioni pag

4 Bibliografia pag. 121 Documenti pag. 122 Sitografia pag

5 INTRODUZIONE La decisione di approfondire il tema dei sistemi monetari è scaturita dalla consapevolezza che il denaro domina la nostra realtà sociale ed economica. Nel corso della storia la moneta ha assunto diverse forme e diversi nomi ma le sue funzioni sono rimaste invariate nella sostanza. Il profondo cambiamento dello scenario economico e sociale, che ha interessato l ultimo secolo della nostra storia, dovuto alla rivoluzione dell Information & Communications Technology (ICT) e all apertura delle economie in seguito alla globalizzazione, induce a profonde riflessioni sul denaro e sulla sua funzione all interno dei sistemi socioeconomici globalizzati. Il denaro, che è stato in una prima fase fonte di sviluppo e slancio economico, rischia di diventare obsoleto. Se all inizio il denaro era utile per dare velocità al sistema economico, oggi l economia reale risulta in parte frenata dal denaro. In un contesto in cui: il denaro da mezzo diventa fine; le banche, in parte, trascurano la principale ragione a fondamento della loro esistenza sul mercato; il costo del denaro e del sistema creato per la sua perpetuazione diventano insostenibili; è doveroso interrogarsi su quali siano le prospettive teoriche del sistema monetario e quali siano le realtà già esistenti che consentono ad imprese e privati di beneficiare di un alternativa al denaro. 5

6 La tesi si propone di esplorare questi innovativi e, ancora, non completamente noti, aspetti cercando di fornire una risposta alle seguenti domande: È giusto considerare il denaro come una fase del processo di sviluppo delle economie così come è stato il baratto? Il significato, la forma e la funzione del denaro sono destinate a cambiare alla luce dei profondi cambiamenti in atto nelle economie avanzate? Quali sono le alternative al denaro? Il lavoro si articola in tre sezioni. La prima parte indaga l evoluzione del rapporto denaro-società. Sebbene il denaro abbia favorito una migliore allocazione delle risorse e la specializzazione delle attività, la contropartita che ha richiesto è stata la dissoluzione dei rapporti umani e la ricerca del profitto a tutti i costi. I capitoli 2 e 3 corrispondono alla seconda parte della tesi, nella quale vengono esaminate due prospettive teoriche di evoluzione del sistema monetario: quella che giustifica la moneta numerica, analizzata sulla base degli studi di Pierangelo Dacrema, e la Global currency, proposta dall International Monetary Fund (IMF) sulla base del modello teorico del bancor elaborato da Keynes. Dall analisi di entrambi i progetti sono emersi vantaggi e svantaggi che saranno messi a confronto. La terza parte della tesi prende in esame i circuiti di scambio complementari al denaro, a cui imprese e privati possono già oggi accedere per diversificare il proprio business e tutelarsi in caso di mancanza di liquidità o shock macroeconomici che alterano il normale processo di pianificazione degli investimenti, di produzione e vendita. 6

7 La tesi si conclude con l analisi del progetto di moneta complementare portato avanti dall associazione ArcipelagoŠcec in Italia, corredata dall intervista a Pierluigi Paoletti 1 e ad Ettore Affatati 2. Non è obiettivo di questa tesi presentare una soluzione assoluta al problema del sistema monetario. Lo scopo di questa tesi è esaminare lo stato dell arte e offrire uno spunto di riflessione sul tema della struttura della moneta. 1 Presidente nazionale di ArcipelagoŠcec. 2 Responsabile regionale di ArcipelagoŠcec. 7

8 CAPITOLO 1: DENARO E SOCIETÀ 1.1 La nascita del denaro La moneta può essere definita come un bene economico intermediario negli scambi, quale misura di valore e mezzo di pagamento. La definizione di moneta è cambiata nel corso dei secoli, attualmente è sempre meno netta la separazione tra moneta e altre attività finanziarie; ciò anche in relazione al continuo accrescersi della rapidità e della facilità di conversione tra le diverse forme di detenzione della ricchezza. 3. L evoluzione storica degli strumenti di pagamento è generalmente influenzata da tre elementi: il costo da sostenere in relazione alla produzione e mantenimento dello strumento; il rischio legato alla probabilità che lo strumento generi perdite; la funzionalità, cioè la capacità dello strumento di essere pratico in termini di tempo di esecuzione dello scambio, affidabilità e informazione. 4 Secondo la spiegazione di Ludwing von Mises, la nascita del denaro si sviluppa in tre fasi 5 : 1. Da bene a mezzo di scambio. Lo scambio diretto richiedeva una doppia coincidenza di desideri, condizione rara da riscontrare perché più le attività si specializzano, meno è probabile che ogni individuo possa 3 Forestieri Mottura - Il sistema finanziario, Egea 2009, pag Forestieri Mottura -Il sistema finanziario, Egea 2009, pag Ludwing von Mises - The theory of Money & Credit, (http://mises.org/books/tmc.pdf ) 8

9 acquistare i beni che desidera in cambio del prodotto di nicchia che porta sul mercato. Per ovviare a tale inconveniente emerge la necessità di ricorrere a scambi indiretti offrendo in contropartita non un bene specifico ma un bene riconosciuto come mezzo di scambio. 2. Da mezzo di scambio a mezzo di scambio comunemente usato. Il passaggio da mezzo di scambio a mezzo di scambio comunemente usato si verifica nel moneto in cui un bene è riconosciuto come valido mezzo di scambio da un numero elevato di individui in funzione della sua commerciabilità. Secondo Ludwing von Mises la commerciabilità è funzione di quanto generale e costante è la domanda di un bene Da mezzo comune a scambio di denaro. La crescita del consenso intorno ad un bene comporta che si inizierà ad usare solo quel mezzo di scambio, a spese degli altri. In questo modo un singolo bene sarà generalmente utilizzato e diventerà moneta. 1.2 L importanza del denaro Data la pervasività del denaro sembra impossibile immaginare una vita senza. Lorenzo D. Mariani ed Eduardo Pegurier hanno cercato di offrire una risposta a questo interrogativo attraverso l articolo E se sparisse il denaro 7. Lo scenario presentato evidenzia la stretta relazione che esiste tra denaro e sviluppo della società. 6 I fondamenti della moneta secondo Mises, 7 Focus n. 210-Aprile

10 Secondo Mariani e Pegurier senza denaro cambierebbe l organizzazione sociale, poiché le famiglie dovrebbero organizzarsi per produrre i beni essenziali alla sopravvivenza ed aggregarsi in piccole comunità. L economia tornerebbe a basarsi sul baratto con la conseguente chiusura dei negozi specializzati; la loro presenza, infatti, mal si concilierebbe con la necessità di poter offrire una vasta gamma di prodotti in modo da aumentare le probabilità di realizzazione dello scambio. La maggior parte delle energie dovrebbero essere spese per prodotti di prima necessità, la forza fisica, e non la conoscenza, diventerebbe il fattore di successo, le persone dovrebbero lavorare molto di più e il lavoro minorile diventerebbe la norma. In un economia basata sul baratto gli elevati costi di ricerca della controparte e delle condizioni più favorevoli di scambio genererebbero una riduzione del commercio con effetti negativi sull economia e sulla produttività, provocando come inevitabile effetto la diminuzione della popolazione. Lo scenario esposto sembra fugare ogni dubbio circa la necessità del passaggio da un economia di autoconsumo verso un economia di scambio. Il denaro è stato l elemento fondamentale che ha consentito di innescare il processo di organizzazione delle attività economiche sfruttando il principio della specializzazione. In un economia che utilizza il denaro come mezzo di scambio il commercio e la produzione possono espandersi, aumenta il numero di fabbisogni soddisfatti, i tempi e i costi dello scambio vengono ridotti e si ottengono risultati complessivi più soddisfacenti grazie alla possibilità di sviluppare esperienze e competenze relative ad attività specifiche in 10

11 modo da raggiungere livelli più elevati di efficacia allocativa ed efficienza nella produzione. 1.3 Società e denaro nella teoria di Simmel Vi sono, tuttavia, diverse angolazioni da cui guardare al fenomeno Denaro. Secondo alcuni studiosi, infatti, se da un lato il denaro rappresenta fonte di sviluppo economico e di efficienza, dall altro comporta la dissoluzione del senso di comunità e cooperazione che aveva caratterizzato le prime fasi della storia dell uomo. Nell opera la Filosofia del denaro Simmel ha l obiettivo di chiarire la genesi e i caratteri della società moderna e il significato che assume per la vita degli uomini. Simmel considera la società un organismo costituito da un insieme di istituzioni che nascono dall interazione tra gli uomini e una volta consolidatesi ne condizionano il comportamento. Tra queste istituzioni, che sono definite forme pure, un ruolo cruciale è svolto dal denaro. Il denaro è un simbolo dell'epoca moderna caratterizzata dall'impersonalità dei rapporti umani, sempre più freddi e distaccati. Il denaro si basa su condizioni non economiche in particolar modo sulla fiducia nel denaro come aspettativa che al suo impiego possa sempre corrispondere una contropartita in beni concreti. L accumulazione di capitale richiede una preventiva accumulazione di fiducia, questa a sua volta, secondo Simmel, si fonda su fattori istituzionali quali l ordinamento giuridico e la legittimazione del potere politico 8. 8 Carlo Trigilia - Sociologia economica, Il Mulino, 2002, pag

12 I continui e reciproci rimandi tra fattori istituzionali e denaro fanno di quest ultimo una istituzione pubblica. Simmel evidenzia a tal proposito il rapporto di interdipendenza che si crea tra economia monetaria e stato centralizzato. Simmel sottolinea in proposito come l economia monetaria sia stata un potente fattore di dissoluzione dell economia naturale basata sull autoconsumo. In tal modo essa ha favorito la formazione dello stato centralizzato, che veniva a svolgere una funzione fondamentale come il controllo della moneta. 9 Da un lato lo stato centralizzato è chiamato ad assumere il ruolo di garante dell economia monetaria, dall altro è proprio grazie alla diffusione del denaro negli scambi che lo stato moderno può crescere attraverso lo sviluppo della tassazione che consentiva il mantenimento di una burocrazia e di un esercito sottoposti al potere centrale 10. Per quanto riguarda i soggetti responsabili della diffusione del denaro, Simmel fa riferimento agli individui e gruppi sociali esclusi dal pieno godimento dei diritti vigenti in una determinata società. Sono proprio questi soggetti ad essere maggiormente propensi all accumulazione di denaro come strumento per il conseguimento di posizioni sociali migliori. L analisi condotta da Simmel nella Filosofia del denaro evidenzia l ambivalenza delle conseguenze sociali prodotte dalla moneta. Il denaro favorisce la crescita della libertà perché rende sostituibili i rapporti sociali sia nell ambito dello scambio sia della produzione. Grazie al denaro si ha la possibilità di scegliere tra fornitori e oggetti diversi rompendo in questo modo la staticità delle forme di consumo tradizionale e spersonalizzando le relazioni tra acquirente e fornitore. 9 Carlo Trigilia - Sociologia economica, Il Mulino, 2002, pag Carlo Trigilia - Sociologia economica, Il Mulino, 2002, pag

13 Nella sfera della produzione si può notare che la presenza del denaro favorisce la diffusione di rapporti di lavoro basati su contratti che si sostituiscono ai rapporti di dipendenza assoluta come nel caso del servo della gleba nei riguardi del signore o dell apprendista nei riguardi del maestro delle corporazioni medievali. Il lavoratore paga con l insicurezza del salario il prezzo della libertà che essa produce o a cui apre la via 11. Grazie alla libertà individuale è possibile estendere le cerchie sociali in cui il singolo si inserisce per sua scelta; si afferma la dimensione della personalità individuale e lo spazio di indipendenza. Il denaro però è anche fonte di aspetti costrittivi, poiché una volta consolidatosi come istituzione pubblica arriva a condizionare le relazioni sociali. Da mezzo il denaro diventa fine, gli uomini perdono il controllo delle loro attività ormai piegate dall ubbidienza al denaro, l organizzazione sociale e la vita quotidiana si caratterizzano per la perdita di qualità nei rapporti sociali. Si diffonde la razionalizzazione e il calcolo in tutti gli ambiti di vita: la calcolabilità diventa l essenza dell epoca moderna. L uso del tempo e dello spazio vengono sempre più piegati alle esigenza dell economia monetaria che come un potente corrosivo, dissolve le vecchie solidarietà tradizionali: i valori qualitativi si trasformano in valori quantitativi 12. L'uomo diventa un piccolo ingranaggio rispetto all'enormità di tutto il sistema, ed è costretto ad aumentare la sua frenetica attività per adattarsi ai veloci cambiamenti. 11 Carlo Trigilia - Sociologia economica, Il Mulino, 2002,pag Carlo Trigilia - Sociologia economica, Il Mulino, 2002,pag

14 1.4 I costi del sistema monetario Per molto tempo il denaro [ ] ha promosso gli scambi e rappresentato il più rapido mezzo di misurazione e di trasmissione del valore. Fino a diventare esso stesso valore pericolosamente autonomo. Potrebbe anche essere giunto il momento di capire con precisione che cos è il denaro, di guardarlo con lucidità e fermezza, senza timore reverenziale. 13 Il sistema monetario definito come strumento che da velocità al sistema economico, evidenzia che la moneta è una convenzione, un simbolo che non ha un suo valore reale, ma solo formale. L efficienza del denaro deriva dall abitudine e dalla specializzazione nel suo utilizzo, ma questo non significa che il denaro sia uno strumento perfetto. Adam Smith nel suo libro La ricchezza delle Nazioni riconduce l utilità del denaro alla velocità degli scambi ma pone l accento sul fatto che il vero valore non è costituito dal denaro ma dal lavoro: Soltanto il lavoro, dunque, non variando mai nel proprio valore, è la sola, ultima e reale misura mediante la quale il valore di tutte le merci può in ogni tempo e luogo essere stimato e paragonato. È il loro prezzo reale; la moneta è soltanto il loro prezzo nominale. Viviamo in un'epoca che più di altre si scontra con il continuo cambiamento e con l evoluzione di ciò che ci circonda, come dice Dacrema riesce difficile credere che l efficienza dei sistemi economici debba per sempre rimanere affidata allo stesso metodo, quello della moneta, ormai già così perfezionato e ancora così poco suscettibile di miglioramenti. [ ] il progresso è in agguato [ ] Pronto a fornirci 13 Pierangelo Dacrema - Il miracolo dei soldi. Come nascono, dove vanno, come si moltiplicano, Etas, 2010,pag

15 nuove forme di efficienza, nuovi modelli di specializzazione e di velocità 14. Il denaro, come in precedenza è stato il baratto, è semplicemente una fase nello sviluppo delle economie. A tal proposito è opportuno evidenziare i costi del sistema monetario, al fine di farne emergere le criticità e le deviazioni sociali che comporta I costi di produzione e gestione Il denaro è un prodotto delle banche e in quanto prodotto ha un suo costo che dipende dalle materie prime, dai macchinari e dalle risorse umane impiegate nel processo di produzione e gestione. Nell aprile 2001 il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea 15 ha deciso che, una volta conclusa la sostituzione iniziale del contante, la fabbricazione delle banconote in euro sarebbe stata decentrata. Dal 2002 la Banca Centrale Nazionale di ciascun Paese dell area euro è responsabile di una quota della produzione totale annua di alcuni tagli specifici 16 ed ognuna si fa carico dei costi di fabbricazione relativi alla quota di banconote ad essa assegnata; anche il conio delle monete 17 in euro è di competenza dei Paesi partecipanti e la Commissione europea si occupa del coordinamento di tutte le attività. 14 Pierangelo Dacrema - Il miracolo dei soldi. Come nascono, dove vanno, come si moltiplicano, Etas, 2010, pag La struttura e la composizione della Banca Centrale Europea furono stabiliti con il trattato di Maastricht del 1992 per assicurare un organismo indipendente e sovranazionale in grado di garantire la stabilità dei prezzi nei Paesi dell area euro. 16 In Italia il Centro Guido Carli si occupa della produzione di banconote, per il 2012 è stato stabilita la produzione di 2, milioni di banconote da 5 euro, 1,703.95milioni di banconote da 20 euro e 1,530.43milioni di banconote da 50 euro. (http://www.ecb.int/stats/euro/production/html/index.en.html) 17 Il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, visto il trattato sul funzionamento dell UE, in particolare l art. 128 paragrafo 2, ha approvato il volume di conio delle monete metalliche da emettere nel 2012 che per l Italia corrisponde a 128,4 milioni di euro. (http://www.ecb.int/ecb/legal/pdf/l_ it pdf) 15

16 Sempre alla Banca Centrale Nazionale è affidata la responsabilità di assicurare il funzionamento dei sistemi di distribuzione del contante nei rispettivi Paesi. La produzione di banconote si svolge attraverso un processo che ha una durata di quarantacinque giorni, con un costo medio di 0,30 euro per singolo pezzo, al quale bisogna aggiungere i costi di manutenzione, ritiro e smaltimento delle banconote, che hanno una vita media di due anni. Le monete hanno il pregio di avere una vita più lunga, in media vengono sostituite ogni dieci anni ma i costi di produzione sono relativamente più elevati, basti pensare che il conio di un centesimo costa circa 3 centesimi. Oggi la gestione di monete e banconote in euro costa circa 50 miliardi l anno all Europa, 10 dei quali vengono spesi in Italia. Secondo i dati forniti da Birch 18, l 80% 19 delle transazioni europee al dettaglio sono ancora regolate in contante e il costo totale dell'accettazione, distribuzione, gestione, movimentazione, trattamento e riciclo dei contanti rappresenta lo 0,6% del PIL; un altra stima effettuata da McKinsegy evidenzia che il costo totale del contante è circa di euro a persona. Il denaro è anche un mezzo molto costoso, alla cui manutenzione è addetto un terzo della forza lavoro della zona più evoluta del pianeta. Un numero enorme di persone condannate a un attività totalmente slegata dalla creazione del nostro benessere quotidiano, delegata a contabilizzare ciò che altri sono incaricati di fare, impegnata in una 18 Inventore del Digital Forum di Londra e uno dei maggiori esperti in materia di moneta digitale. 19 Euro/italiani su internet, usa carta di credito poco più della metà, 20/06/2012, 20 Euro/italiani su internet, usa carta di credito poco più della metà, 20/06/2012, 16

17 matematica elementare inidonea a interpretare il valore di un gesto e deputata all esercizio di un potere quello di valutare - di cui nessun individuo dovrebbe mai spogliarsi. 21 Relativamente alla gestione del sistema monetario, Dacrema parla di occupazione apparente facendo riferimento alla distinzione tra i soggetti che sono attivamente impiegati nella produzione creando valore e i soggetti che si dedicano a contabilizzare ciò che gli altri hanno fatto limitandosi a definire, quantificare e suddividere il valore. Si fa riferimento a tutti coloro la cui occupazione stabile e retribuita ha per oggetto la salvaguardia, la gestione, la negoziazione e la manipolazione della moneta, la progettazione e l utilizzo professionale degli strumenti di finanziamento e di investimento del risparmio, la rappresentazione documentale in chiave monetaria dei fenomeni economici. 22 Dacrema teorizza che il venir meno di tali attività non intaccherebbe l economia reale la quale basandosi sulla soddisfazione di bisogni continuerebbe a funzionare, poiché il motore del sistema non è il denaro ma l uomo. Il sistema economico per mantenere la struttura monetaria deve far fronte a costi elevati senza riuscire a garantire stabilità e certezze. Per far funzionare il sistema del denaro occorre denaro. 23 Le persone impiegate in tale settore hanno come obiettivo quello di rinnovare la fiducia in questo strumento, in modo da rafforzarlo e renderlo desiderabile. 21 Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag

18 1.4.2 Il meccanismo di circolazione della moneta Il meccanismo di circolazione della moneta non è così fluido come può sembrare. Anche se la specializzazione legata al suo uso ha consentito il raggiungimento di un livello di efficienza accettabile, i cambiamenti nella società sono stati e continuano ad essere molto più veloci e fanno emergere la necessità di nuove forme di transazione. La circolazione della moneta genera problemi legati al calcolo, agli inconvenienti di trasferimento materiale e all intermediazione. I problemi di calcolo riguardano sia operazioni elementari di somma e sottrazione, ma anche una valutazione del sistema dei prezzi rapportata alla propria capacità di spesa e operazioni più complesse legate alle numerose possibilità di combinazione di monete e banconote per effettuare il trasferimento di denaro. Il calcolo mi opprime quando non mi distrae. Il senso d inutilità dell atto fa posto alla coscienza di un uso sbagliato del tempo. [ ] Un infinità di numeri distrae le menti dalla loro vocazione a pensare e a inventare nuove forme di utilità individuali e collettive. Una miriade di calcoli brucia il nostro tempo e ci allontana dalla matematica dell esistenza. 24 Dopo aver analizzato il rapporto qualità-prezzo in funzione del reddito disponibile, per entrare in possesso del bene-servizio oggetto della nostra azione ci si scontra con gli inconvenienti del trasferimento. Il nostro sistema monetario è composto da 8 monete e 7 banconote a questo si deve aggiungere la possibilità di pagare con moneta bancaria 25 e moneta elettronica Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag La moneta bancaria è costituita dai depositi bancari disponibili. La sua diffusione ha come presupposto la fiducia del pubblico nell affidabilità dei debiti bancari come mezzo di pagamento. Forestieri Mottura - Il sistema finanziario, Egea 2009, pag

19 È un sistema molto complesso e prima di ogni transazione commerciale ci troviamo a riflettere su quale sia il modo e la combinazione migliore per effettuare il pagamento. È meglio cambiare una banconota da 50 euro con il rischio di ricevere banconote false? È meglio pagare con la carta di credito in modo da farmi accreditare la spesa tra un mese quando avrò maggiore disponibilità economica? È meglio togliersi queste pesanti e rumorose monetine? La risposta a queste domande non è sempre immediata anche perché la nostra scelta è vincolata dalla capacità della controparte di fornirci il resto o di essere abilitata a ricevere determinate forme di pagamento. A ciò bisogna aggiungere i limiti imposti alla circolazione del contante con il d.l. n. 201/2011, il quale disponendo la riduzione del limite per la tracciabilità dei pagamenti a euro e il contrasto all uso del contante, implica la necessità di avvalersi di conti correnti bancari/postali o di carte prepagate 27. Dacrema afferma che Tutti gli elementi che presidiano la civiltà del denaro e ne assicurano la perpetuazione rallentano di fatto la nostra esistenza, piegandone o snaturandone i ritmi. 28 Le operazioni di pagamento/incasso effettuate attraverso una banca o altro intermediario finanziario, essendo sottoposte ad un momento di controllo e di contabilizzazione, risultano frenate. Questa situazione di stallo comporta un aumento di stress per la fila che non scorre, spreco di tempo che avremmo potuto dedicare ad attività più produttive e mettono bene in evidenza che il denaro sta diventando un 26 L art. 1 della direttiva 2000/46/CE dispone che con il termine moneta elettronica debba intendersi un valore monetario rappresentato da un credito nei confronti dell emittente che sia memorizzato su un dispositivo elettronico 27 Per approfondimenti si rinvia al paragrafo Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag

20 sistema farraginoso, che rallenta le consuete operazioni per la produzione e lo scambio di beni-servizi Cos è la disoccupazione Un altro aspetto sul quale riflettere è se sia dato eccessivo spazio al denaro facendolo diventare un freno più di quanto sia riuscito ad essere fattore di libertà e di razionalizzazione del sistema. Il disoccupato viene generalmente definito come un soggetto privo di occupazione, Dacrema invece mette in evidenza che il concetto di disoccupato e disoccupazione non esistono se non in relazione al concetto di stipendio. La disoccupazione è l elusione dal circuito della moneta, e non certo l essere privi di una mansione in un mondo dove quasi tutto è ancora da fare. 29 Questa situazione porta allo svilimento dell azione, non conta ciò che si fa ma quanta contropartita monetaria si riceve. L uomo smarrisce il suo istinto ingegnoso e laborioso e le sue azioni perdono valore. L uomo primordiale era efficace e determinato. A ogni suo gesto corrispondeva un bisogno, a ogni movimento una necessità oggettiva o soggettiva.[ ] Il filo diretto che univa l azione all utilità del suo risultato, rendendo breve e trasparente il tragitto dall una all altra, si è spezzato. Il percorso, diventato più tortuoso, si presenta talora come una trama oscura e complicata Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag

21 Non ci si pone più il problema dell utilità dell'azione e della sua condivisibilità. Il rapporto tra strumenti ed obiettivi si ribalta, il denaro diventa l oggetto a cui è diretta la nostra azione e ciò secondo Dacrema porta ad una deviazione della nostra originale motivazione. 31. Se da un lato il denaro assicura un più facile accesso ad una pluralità di beni-servizi eterogenei, dall altro attenua la passione nell agire limitandone la qualità e la quantità. Non si agisce per migliorarsi e apportare miglioramenti alla società ma solo per guadagnare. L azione resta priva della sua essenza e della funzione di soddisfazione di un bisogno, ma sono stati proprio i bisogni a consentire all uomo di scoprire nuove realtà. Oggi l azione non più guidata dai bisogni ma dal desiderio di accumulazione del denaro si incammina verso un processo di degradazione del gesto; la gente è sempre meno attenta ai valori prestando troppa attenzione al denaro. La passione, l impegno, lo studio, la tenacia sono questi gli elementi che devono guidare l azione e condurci a riscoprire la moralità del nostro agire. Diventa sempre più sentita la necessità di dare nuova dignità al lavoro, il quale dovrebbe tornare ad essere il centro del sistema economico; di fronte alla sua concretezza il sistema monetario si palesa infatti come semplice costruzione intellettuale. Secondo Dacrema Eliminando la disoccupazione apparente, un economia non monetaria conseguirebbe il duplice obiettivo di recuperare energie inutilizzate a livello di sistema e di creare più 31 Pierangelo Dacrema - La morte del denaro. Una rivoluzione possibile, Marinotti Edizioni, 2003, pag

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli